Appunti su rendite e ammortamenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti su rendite e ammortamenti"

Transcript

1 Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme di capitali {R 0, R 1,,R } da riscuotere (o da pagare) a scadeze determiate {t 0, t 1,,t }, come visualizzato el seguete diagramma importiepoche: R 0 R 1 R 2 R t 0 t 1 t 2 t I capitali R 0, R 1, R 2,., R soo chiamati rate della redita. L itervallo di tempo fra due rate cosecutive è detto periodo e geeralmete esso è costate (si veda il paragrafo Tipi di redite). Ua redita ha ua durata che è uguale all itervallo di tempo fra l iizio del primo periodo e la fie dell ultimo periodo Tipi di redite Si possoo distiguere le redite i varie categorie, a secoda delle caratteristiche dei tempi di scadeza e delle rate della redita. i) Redite periodiche e redite o periodiche La distizioe fra redite periodiche e o periodiche fa riferimeto al tempo che itercorre fra due rate cosecutive. Nelle redite periodiche l itervallo di tempo che itercorre fra due rate cosecutive è uguale durate tutto l orizzote temporale della redita ed è chiamato periodo della redita; si parla i questo caso di redite auali se il periodo è l ao, di redite mesili se il periodo è il mese, di redite semestrali se il periodo è il semestre e così via. ii) Redite immediate e redite differite La prima rata della redita può essere riscossa (o pagata), el primo periodo della redita, i questo caso la redita si dice immediata, oppure i u periodo successivo k e i questo caso la redita si dice differita di k periodi.

2 Apputi su redite e ammortameti, pag. 2 iii) Redite posticipate e redite aticipate Assume rilievo il tempo di scadeza delle rate; si parla di redite posticipate qualora la scadeza di ciascua rata sia riferita all istate fiale di ogi periodo: R k t k-1 t k k-mo periodo Si parla di redite aticipate qualora la scadeza di ciascua rata sia riferita all istate iiziale di ogi periodo: R k t k-1 t k k-mo periodo iv) Redite costati e redite variabili Per quato riguarda gli importi delle rate si distigue fra le redite costati, i cui gli importi delle rate soo tutti uguali fra di loro e le redite co importi variabili; i quest ultimo caso è ache possibile che le rate si modifichio i base ad ua certa legge, ad esempio i progressioe aritmetica o i progressioe geometrica. v) Redite temporaee e redite perpetue Co riferimeto al umero delle rate, si distigue fra le redite temporaee, i cui il umero delle rate è fiito e le redite perpetue i cui il umero delle rate è ifiito. 1.2 Il problema della valutazioe di ua redita Quado si parla di redite si poe il problema di determiare l importo moetario che, co riferimeto ad u istate fissato, può essere cosiderato fiaziariamete equivalete alla redita. Questo importo, chiamato valore della redita, varia i relazioe alla scelta del regime fiaziario utilizzato (solitamete el calcolare il valore di redite si usa il regime della capitalizzazioe composta), alla scelta del tasso di iteresse impiegato el calcolo e alla scelta dell istate di valutazioe. I particolare, il valore della redita è chiamato valore attuale della redita qualora l istate di valutazioe coicida co l istate i cui avviee la prima riscossioe (pagameto) o co u istate precedete; è chiamato motate della redita qualora l istate di valutazioe coicida co l istate i cui avviee l ultima riscossioe (pagameto) o co u istate successivo.

3 Apputi su redite e ammortameti, pag Calcolo del valore attuale di ua redita Si cosideri il caso di ua redita che coseta di riscuotere alla fie di ogi ao u importo R, per ai. Usado la termiologia del paragrafo precedete, si tratta di ua redita temporaea, aua, costate di rata R, posticipata. R R R Si vuole calcolare il valore attuale della redita all istate t = 0. Per fare questo, basta riportare ciascua rata al tempo 0 mediate operazioi di attualizzazioe; si calcola quidi la somma dei valori attuali delle sigole rate, utilizzado il regime di capitalizzazioe composta ad u tasso auo di iteresse i, supposto per semplicità costate per tutta la durata dell operazioe. V R R R V = R( R( R( 1+ (1) Cosiderato il fattore di attualizzazioe v = ( 1+ si può scrivere V = Rv + Rv Rv (2) da cui V = R( v + v v (3) ) Poichè i termii etro paretesi costituiscoo ua progressioe geometrica di ragioe v, si può scrivere il valore attuale come 1 : v v V = Rv = R (4) v i Ad esempio il valore attuale al tempo 0 di ua redita di rata 30 esigibile alla fie di ogi ao per 5 ai, calcolato ad u tasso auo di iteresse del 10%, è uguale a: 5 (1 + 0,1) V = 30 = 113,72 (5) 0,1 1 v La quatità si idica ormalmete co il simbolo a i ( a figurato al tasso i ) ed idica il i valore attuale di ua redita aua, posticipata, di rate uitarie.

4 Apputi su redite e ammortameti, pag. 4 Nel caso ivece i cui la riscossioe della rata avvega i via aticipata all iizio di ogi ao, come rappresetato dal diagramma seguete R R R R il valore attuale al tempo 0 si calcola come segue: ( ) V at = R + R(1 + i) R(1 + i) Cosiderato il fattore di attualizzazioe v = (1 + i), si può scrivere (6) 2 V at = R + Rv + Rv Rv da cui 2 v Vat = R(1 + v + v v ) = R (8) v Nell esempio precedete di ua redita co R = 30, = 5, ed i = 10%, qualora le rate siao riscosse i via aticipata, si ottiee u valore attuale uguale a 5 (1 + 0,1) V at = 30 = 125,10 (9) (1 + 0,1) Alterativamete, se si coosce già il valore attuale della redita posticipata, si può semplicemete utilizzare la seguete relazioe che lega i due valori attuali: V at = ( 1+ i) V (10) Nell esempio, V at = ( , ) 113, 72 = 125, Calcolo del motate di ua redita Si cosideri ua redita posticipata, di rata costate R e durata ai. Questa volta iteressa cooscere l importo M che, co riferimeto all istate i cui avviee l ultima riscossioe, può essere cosiderato fiaziariamete equivalete a riscuotere R alla fie di ogi ao, per ai. (7) R R R M Tale importo è chiamato valore fiale, o motate della redita, e viee calcolato capitalizzado ogi sigola rata all epoca e poi sommado M = R( + + R( + (11) R( 1+ + R Cosiderato il fattore di capitalizzazioe u = ( 1 + si può scrivere

5 Apputi su redite e ammortameti, pag. 5 M = Ru + Ru (12) Ru + R da cui M R( u u (13) = u + 1) Cosiderato che i termii etro paretesi costituiscoo ua progressioe geometrica di ragioe u, si può scrivere il motate come 2 : u u u M = R = R = R (14) u ( 1+ i Nell esempio di ua redita di rata 30 esigibile alla fie di ogi ao per 5 ai, il motate all epoca, calcolato ad u tasso auo di iteresse del 10%, è uguale a ( 1+ 01, ) 5 M = 30 = 18315, (15) 01, E iteressate osservare che i virtù della proprietà di scidibilità della capitalizzazioe composta è equivalete capitalizzare ogi rata all epoca e poi sommare oppure calcolare la somma dei valori attuali delle rate all epoca 0 (valore attuale della redita) e poi capitalizzare il risultato così otteuto per ai; vale quidi la relazioe M = V( 1 + (16) Qualora l operazioe fiaziaria abbia breve durata, per calcolare il motate di ua redita si potrebbe adottare il regime della capitalizzazioe semplice. Ad esempio, si cosideri la situazioe di ua redita che cosete di riscuotere u importo uguale a 120 all iizio di ogi trimestre. Si vuole calcolare il motate di tale redita alla fie dell ao i corso, i regime di capitalizzazioe semplice, utilizzado u tasso di iteresse auo i = 0, M = 120 ( ( 1+ i ) + 120( 1+ i ) + 120( 1+ i ) = Osservazioe: uso di tassi di iteresse equivaleti Potrebbe capitare che il tasso di iteresse i sia riferito ad u periodo diverso da quello della redita. Ad esempio si potrebbe cosiderare la situazioe di ua redita che cosete di riscuotere u certo importo R alla fie di ogi mese, per mesi e si coosca il tasso auo di iteresse i. I questo caso prima di impiegare le formule per il calcolo del valore attuale e del motate, occorre calcolare il tasso di iteresse i m, riferito ad 1/m-simo di ao, equivalete al tasso auo i: 1 / m i m = ( 1+ (17) Ad esempio il valore attuale di ua redita che preveda la riscossioe mesile, i via posticipata di 258 per 48 mesi, al tasso di iteresse auo i del 10%, si calcola come 48 ( 1+ V = = 10255, 97 i12 2 u La quatità si idica ormalmete co il simbolo s i ed idica il motate di ua redita aua, i posticipata, di rate uitarie.

6 Apputi su redite e ammortameti, pag. 6 1 / 12 dove i12 = ( 1+ 01, ) = 0, rappreseta il tasso di iteresse mesile, equivalete al tasso di iteresse auo i. 1.3 Problemi relativi alle redite Si ripreda la formula (4) che permette di calcolare il valore attuale di ua redita co rata costate, posticipata, uguale ad R: V ( 1+ = R i (18) Compaioo quattro gradezze: il valore attuale V, la rata R, la durata ed il tasso di iteresse i. Se si cooscoo i valori di tre di queste gradezze, si può determiare il valore della quarta. La relazioe precedete, apputo, determia V oti R,, i Calcolo della rata Per calcolare l importo della rata che cosete di otteere u certo valore attuale, basta ricavare R dalla relazioe precedete: Vi R = ( 1+ (19) Calcolo del umero delle rate Noto il valore attuale della redita, la rata ed il tasso di iteresse, è possibile determiare, cioè determiare il umero delle rate che occorre versare per otteere u certo valore attuale V. La relazioe (18) può essere scritta come V ( 1+ = (20) R i da cui Vi ( (21) 1 = 1+ R risolvedo mediate i logaritmi, si ha Vi log( ) R (22) = log( 1+ R co la codizioe V <. i Calcolo del tasso di iteresse A volte si preseta il problema di determiare il tasso di iteresse associato ad ua redita, qualora si coosca il valore attuale, il umero e l importo delle rate. Si ripreda la formula (1) per il calcolo del valore attuale che può essere scritta come R ( R( R( 1+ V = 0 g( = 0 L obiettivo è quello di cercare il valore della variabile i che risolve l equazioe g ( = 0. La soluzioe può essere ricercata utilizzado alcui metodi approssimati, fra i quali ricordiamo u metodo iterativo per la ricerca degli zeri di ua fuzioe. Il metodo (23)

7 Apputi su redite e ammortameti, pag. 7 si basa sul fatto che se ua fuzioe cotiua i u itervallo assume i due puti a e b dell itervallo valori di sego diversi, allora essa si aulla almeo ua volta i (a,b). Solo per dare u idea, l applicazioe del metodo iterativo per la ricerca del tasso di iteresse parte da u valore iiziale del tasso di iteresse i 0 e procede co il calcolo di g(i 0 ) i base alla (23); se si trova che g(i 0 )=0 allora i 0 è il tasso di iteresse cercato; altrimeti, se ad esempio g(i 0 )>0 si cercherà di dimiuire il primo membro dell equazioe aumetado il tasso di iteresse e quidi cosiderado i 1 >i 0 ; si calcola uovamete g(i 1 ) e se si trova che g(i 1 )<0, allora si può restrigere la ricerca ell itervallo (i 0, i 1 ), ripetedo il procedimeto. Si osservi che la regola per la variazioe del tasso sfrutta la proprietà che il valore attuale di ua redita è ua fuzioe decrescete del tasso di iteresse. 2. Il problema del rimborso di u prestito U problema molto comue i sede ecoomica è quello dell ammortameto di u debito. L operazioe di ammortameto si cofigura el modo seguete. Al mometo t = 0 u soggetto (detto mutuatario o debitore) riceve a prestito da u altro soggetto (detto mutuate o creditore) ua somma S (detta mutuo o prestito) e deve restituirla etro u certo periodo di tempo ricosegado o solo il capitale ricevuto ma ache gli iteressi. Il rimborso del prestito può avveire i vari modi, che soo discipliati ache dalle orme di legge sui cotratti di mutuo. Se e ricordao due i particolare. i) Rimborso globale I questo caso il rimborso del capitale avuto i prestito avviee i u uica soluzioe, alla scadeza del cotratto di mutuo, isieme agli iteressi maturati. Dal puto di vista del debitore, l ammortameto è visto come ua operazioe fiaziaria i cui all epoca t = 0 si riceve la somma S e all epoca t = si restituisce al creditore la somma i fiaziariamete equivalete all importo S. Alla scadeza, quidi, il debitore verserà S ( 1+ i), cioè il motate i dell importo S, calcolato impiegado il regime della capitalizzazioe composta co u tasso di iteresse i: S -S(1+i) 0 Dal puto di vista del creditore l ammortameto è visto come u operazioe fiaziaria opposta, i cui all epoca 0 si eroga l importo S e all epoca si riceve il rimborso del capitale uitamete agli iteressi maturati: -S S(1+i) 0

8 Apputi su redite e ammortameti, pag. 8 ii) Rimborso rateale (ammortameto progressivo) I questo caso si verifica la restituzioe graduale del capitale che avviee i più scadeze successive ed il pagameto degli iteressi i ciascua scadeza. La durata del prestito viee quidi suddivisa i varie scadeze t 0, t 1,..., t k,..., t. R k C k I k t 0 t 1 t k t Ad ogi scadeza k-esima il debitore paga u importo (C k ) a titolo di rimborso del capitale (quota capitale) ed u importo (I k ) a titolo di iteresse (quota iteresse). Quidi ad ogi scadeza il debitore paga sia la quota capitale che la quota iteresse. Idicata co R k la rata di ammortameto, la somma che complessivamete il debitore paga alla scadeza k, si ha che R k = C k + I k. Dal puto di vista del debitore l ammortameto si cofigura come u operazioe fiaziaria i cui si riceve S all epoca t 0 e si pagao le rate di ammortameto R 1, R 2,.., R, alle varie epoche t 1,...,tk,..., t. All opposto il creditore eroga S all epoca 0 e riceve gli importi R 1, R 2,.., R, alle varie scadeze. 2.1 Il piao di ammortameto Nel caso del rimborso rateale del prestito si tratta di determiare gli importi che i ciascua scadeza il debitore dovrà restituire al creditore. Si tratta quidi di determiare le quote parziali di rimborso del capitale e l ammotare degli iteressi da pagare i ciascua scadeza, che sarao commisurati di volta i volta al capitale che a tale scadeza risulta o acora restituito. Si cosideri iizialmete la situazioe i cui le epoche di rimborso parziale soo equidistati ua dall altra (scadeze 0, 1,, k,, ) e i pagameti avvegoo i via posticipata alla fie di ogi scadeza pattuita. E possibile orgaizzare le specifiche relative ai tempi di rimborso e al pagameto delle quote i u prospetto che prede il ome di piao di ammortameto. Ad ogi scadeza è importate cooscere ache l ammotare del debito residuo e l ammotare del debito estito; ammortizzare u mutuo sigifica versare alle varie scadeze le rate previste i modo che il debito residuo fiale si azzeri e, allo stesso modo, che il debito estito raggiuga l importo del prestito che è stato cocesso. Si idichi co: S l ammotare del prestito; C k la quota che il debitore paga alla scadeza k, a titolo di rimborso del capitale (quota capitale); I k la quota che il debitore paga alla scadeza k, a titolo di iteresse (quota iteresse); R k l importo totale versato dal debitore alla scadeza k (rata di ammortameto), dove

9 Apputi su redite e ammortameti, pag. 9 R k = Ck + Ik Codizioe di chiusura sulle quote capitale Poiché il prestito S viee suddiviso i parti da rimborsare alle diverse scadeze, deve essere rispettato il vicolo: C1 + C Ck C = S (24) il che sigifica che la somma di tutte le quote di capitale versate coicide co l ammotare del prestito Codizioe di equità sulle rate L ammortameto si cofigura come u operazioe fiaziaria i cui si riceve S (o si paga S se si cosidera il puto di vista del creditore) all epoca 0 e si pagao (rispettivamete si ricevoo se si cosidera il puto di vista del creditore) le rate di ammortameto R 1, R 2,.., R, alla fie di ciascu periodo 1, 2,..,, ell ipotesi di pagameti posticipati. R 1 R 2 R Deve essere quidi verificata ua codizioe di equivaleza fiaziaria fra la prestazioe S all epoca 0 e la successioe degli importi (rate) R 1, R 2,.., R, alle diverse epoche. Ciò sigifica che il mutuo S deve coicidere co il valore attuale, calcolato al tempo iiziale 0, della redita descritta dalle rate R 1, R 2,.., R S = R1 (1 + i) + R2 (1 + i) R (1 + i) (25) dove i rappreseta il tasso uiperiodale di iteresse, cosiderato il regime di capitalizzazioe composta Debito residuo Risulta iteressate determiare ad ogi scadeza k-esima l ammotare di dearo che il debitore deve acora restituire, a titolo di capitale, per estiguere il debito. Tale gradezza viee deomiata debito residuo all epoca k e viee idicata co D k. Si può esprimere il debito residuo cosiderado le quote capitale che hao scadeza successiva a k D k = Ck Ck C (26) Da tale relazioe si ricava che il debito residuo iiziale coicide co l importo del mutuo, metre il debito residuo fiale si aulla D0 = C1 + C C = S D = 0 (27) (28)

10 Apputi su redite e ammortameti, pag. 10 L ultima relazioe, quella di azzerameto del debito residuo, può essere vista come ua codizioe di equità o codizioe di chiusura dell operazioe di ammortameto. E ache possibile esprimere il debito residuo ad ua certa scadeza aggiorado il debito residuo otteuto alla scadeza precedete, el modo seguete Dk = Dk Ck (29) Debito estito Si defiisce debito estito all epoca k, e si idica co E k, l ammotare di dearo che il debitore ha già versato a titolo di rimborso del capitale. Si può esprimere il debito estito cosiderado le quote capitale già versate fio alla scadeza k-esima E k = C1 + C C k (30) Da tale relazioe si ricava che il debito estito iiziale è ullo, metre il debito estito alla scadeza coicide co l ammotare del prestito S E 0 = 0 (31) E = C1 + C C = S (32) Cooscedo il debito estito ad ua certa scadeza si può otteere il debito estito alla scadeza successiva mediate la regola di aggiorameto E k = Ek + Ck (33) Quota iteresse Sia i il tasso di iteresse riferito all uità temporale presa i cosiderazioe; se ad esempio le epoche di rimborso parziale soo misurate i ai, il tasso i corrispode al tasso auo di iteresse. Alla scadeza di ogi rata k-esima si possoo calcolare gli iteressi commisurati al capitale che a tale scadeza risulta o acora restituito, cioè gli iteressi geerati dal debito residuo, el modo seguete: I k = i Dk (34) Si osservi che qualora le epoche di rimborso siao scadeze geeriche t 1,...,tk,..., t, o ecessariamete equidistati ua dall altra, si dovrao calcolare gli iteressi maturati dal debito residuo i ciascu geerico itervallo ( tk 1, tk ) : t = [(1 ) 1 + k t I k k Dk i ] (35) La relazioe (34) è u caso particolare della (35) posto t k t k = 1 (epoche equidistati) Redazioe del piao di ammortameto Le gradezze fodametali che compaioo ell operazioe di ammortameto, l importo del mutuo (S), le scadeze del rimborso k ( k = 0, 1,..., ), la successioe delle rate di ammortameto (R k ), delle quote capitale (C k ), delle quote iteresse (I k ), del debito residuo (D k ), e del debito estito (E k ), soo orgaizzate solitamete i u prospetto deomiato piao di ammortameto i cui ogi coloa del piao viee itestata ad ua di tali successioi. Ua volta redatto il piao di ammortameto si possoo verificare le relazioi esisteti fra i vari elemeti del piao, le codizioi di chiusura e di equivaleza fiaziaria dell operazioe di ammortameto di u debito.

11 Apputi su redite e ammortameti, pag. 11 epoca rata quota capitale quota iteresse debito residuo debito estito D 0 = S E 0 = 0 1 R 1 C 1 I 1 D 1 E 1 2 R 2 C 2 I 2 D 2 E 2 k R k = Ck + I k C k I k Dk = Dk Ck E k = Ek + Ck R C I D = 0 E = S Esempio Si cotrae u prestito di co durata 5 ai e si cocordado le segueti quote di capitale: alla fie del primo e del terzo ao, alla fie del secodo e del quito ao. Si sa che il tasso di iteresse auo è del 12% i regime di capitalizzazioe composta. Si vuole redigere il piao di ammortameto del mutuo. Si cosiderio i dati del problema: S = ; = 5; i = 0,12; C 1 = C 3 = ; C 2 = C 5 = Il piao di ammortameto del prestito si preseta come segue: k R k C k I k D k E k Per compilarlo si può partire scrivedo elle celle corrispodeti alcui dati del problema (C 1 = 4.500, C 2 = 2.000, C 3 =4.500, C 5 =2.000 ). Ioltre si cooscoo il debito residuo e il debito estito iiziali (D 0 = S = , E 0 = 0). Dalla codizioe di chiusura sulle quote capitale si può ricavare l ammotare della quarta quota capitale, ote le altre e oto l importo del mutuo: C 4 = S ( C1 + C2 + C3 + C5 ) = Ua volta che si cooscoo le cique quote capitale si può trovare la successioe dei debiti residui, impiegado la regola di aggiorameto (29) e la successioe dei debiti estiti, impiegado la regola di aggiorameto (33). Noti i debiti residui i ciascua scadeza k, si possoo poi trovare le quote iteresse I k (k = 0,1,..,5), tramite la relazioe (34). Ifie, ota la coloa delle quote capitale e delle quote iteresse, si può trovare la successioe delle rate. 2.2 Nuda proprietà e usufrutto Durate u operazioe di ammortameto vi può essere la ecessità di valutare gli impegi futuri, cosiderato u certo istate di valutazioe ed u particolare tasso di

12 Apputi su redite e ammortameti, pag. 12 valutazioe. A volte ifatti si stipula u cotratto di ammortameto, ma poi decorso u certo periodo di tempo si può avere la ecessità di rivedere le codizioi del cotratto, oppure di saldare aticipatamete il mutuo, oppure di allugare la durata. I tutti questi casi è utile valutare l impego fiaziario futuro; solitamete la valutazioe viee fatta impiegado u tasso di valutazioe diverso dal tasso di remuerazioe del prestito. Idicata co k ua certa epoca, si defiisce valore del prestito all epoca k (chiamato ache corso dell operazioe fiaziaria) il valore attuale i k delle rate acora da corrispodere, calcolato i base ad u geerico tasso di valutazioe x: ( k) Wk ( x) = Rk + 1 (1 + x) + Rk + 2(1 + x) R (1 + x) (36) Si defiisce uda proprietà del prestito all epoca k il valore attuale i k delle quote capitale acora da corrispodere, calcolato i base al tasso di valutazioe x ( k) Pk ( x) = Ck + 1 (1 + x) + Ck + 2(1 + x) C (1 + x) (37) Ifie, si defiisce usufrutto del prestito all epoca k il valore attuale i k delle quote iteresse acora da corrispodere, calcolato i base al tasso di valutazioe x ( k) U k ( x) = Ik + 1 (1 + x) + I k + 2 (1 + x) I (1 + x) (38) Dalle defiizioi date e utilizzado la proprietà di decomposizioe della rata di ammortameto elle sue compoeti (quota capitale e quota iteresse), segue che il valore del prestito ad ua certa epoca k, valutato i base ad u dato tasso di valutazioe, o è altro che la somma della uda proprietà e dell usufrutto del prestito Wk ( x) = Pk ( x) + U k ( x) (39) Si osservi che il calcolo del valore del prestito, della uda proprietà e dell usufrutto può ache essere effettuato adottado u regime diverso da quello solitamete impiegato della capitalizzazioe composta; ioltre, tali gradezze possoo essere riferite ad u geerico istate s che o coicide co alcua delle scadeze di rimborso del piao. I questi casi si dovrao riformulare le relazioi (36)-(37)-(38) i modo che siao i grado di rappresetare il caso cosiderato Esempio Si cosideri l esempio del paragrafo precedete dell ammortameto di u mutuo di da ammortizzarsi i cique ai. Si vuole calcolare la valutazioe del prestito, la uda proprietà e l usufrutto, dopo aver corrisposto le prime due rate, impiegado u tasso di valutazioe del 15%. Posto k = 2, x = 0,15, si può calcolare dapprima la uda proprietà P 2 (0,15) e l usufrutto U 2 (0,15) impiegado la (37) e la (38): 3 P 2 (0,15) = 4.500(1 + 0,15) (1 + 0,15) (1 + 0,15) = 9.008,79 3 U 2 (0,15) = 1.380(1 + 0,15) + 840(1 + 0,15) + 240(1 + 0,15) = 1.992,97 Poi, tramite la (39), si calcola la valutazioe del prestito W 2 ( 0,15) = P2 (0,15) + U2(0,15) = , Ammortameto co quote di capitale costate U particolare metodo di ammortameto prevede il pagameto, da parte del debitore, di quote capitale tutte uguali ad u comue importo C.

13 Apputi su redite e ammortameti, pag. 13 C1 = C2 =... = C = C (40) Tale tipo di ammortameto è ache chiamato metodo italiao o metodo uiforme. Se si coosce l ammotare del prestito S si può ricavare immediatamete l ammotare della quota capitale costate da versare alla fie di ciascua scadeza pattuita; ciò si ottiee utilizzado la codizioe di chiusura sulle quote capitale: S (41) C1 + C C = S C = S C = Si può mostrare come i tale tipo di ammortameto le quote di debito residuo, le quote iteresse e le rate di ammortameto siao decresceti i progressioe aritmetica Debito residuo Dalla codizioe (29) di aggiorameto del debito residuo, essedo la quota capitale costate i ciascua scadeza k-esima ( C k = C k), si ottiee la relazioe Dk Dk 1 = C k =1,2,..., (42) ciò sigifica che la differeza fra il debito residuo ad ua certa scadeza e il debito residuo alla scadeza precedete è costate ed è uguale a C, che rappreseta la ragioe della progressioe aritmetica Quota iteresse Si cosideri la quota iteresse all epoca k+1, calcolata sulla base del debito residuo alla scadeza precedete Ik +1 = i D k (43) dalla relazioe (42) si può scrivere il debito residuo alla scadeza k come: Dk = Dk C (44) per cui sostituedo i (43) si ottiee Ik + 1 = i( Dk C) = idk ic (45) ed essedo id k = Ik, si ottiee Ik + 1 = Ik ic Ik + 1 Ik = ic (46) il che sigifica che le quote iteresse si presetao i progressioe aritmetica decrescete, co ragioe ic Rata di ammortameto I modo aalogo si può dimostrare che ache le rate di ammortameto si presetao i progressioe aritmetica decrescete, co ragioe ic, cioè Rk +1 Rk = ic (47) Ifatti si può far vedere che la differeza fra le rate di ammortameto i due scadeze successive coicide co la differeza fra le quote iteresse i due scadeze successive, la quale a sua volta è uguale a ic, per la (46). Ifatti si possoo esprimere le rate di ammortameto alle scadeze k e k+1, come somma delle quote capitale (costati) e delle quote iteresse: R k = C + I k e R k + 1 = C + Ik + 1 da cui Rk + 1 Rk = C + Ik + 1 C Ik = Ik + 1 Ik

14 Apputi su redite e ammortameti, pag Esempio Si vuole ammortizzare, co il metodo italiao, al tasso di iteresse del 10% auo, i 5 ai. Il piao di ammortameto si preseta come segue k R k C k I k D k E k I primo luogo si può calcolare l ammotare della quota capitale da pagare alla fie di ciascu ao C = C = = ciò cosete di riempire immediatamete la coloa itestata alla quota capitale. Successivamete, sfruttado la relazioe di aggiorameto del debito residuo ( Dk = Dk C, co D 0 = S = ) si può riempire la coloa itestata al debito residuo; si ota apputo come le quote D k siao i progressioe aritmetica decrescete di ragioe 200. Ua volta oto il debito residuo i ciascua scadeza, si possoo calcolare le quote iteresse, che sarao decresceti i progressioe aritmetica di ragioe ic = -20 e le rate di ammortameto come somma delle quote capitale e delle quote iteresse. 2.4 Ammortameto a rate costati U altro particolare metodo per ammortizzare u prestito prevede rate di ammortameto tutte uguali ad u comue importo R, i ciascua scadeza cosiderata R1 = R2 =... = R = R (48) Tale tipo di ammortameto è ache chiamato metodo fracese o metodo progressivo i seso stretto. I questo caso la codizioe di equivaleza fiaziaria impoe che l importo del prestito S deve coicidere co il valore attuale calcolato al tempo iiziale 0 della redita a rata costate R, cioè, ricordado la formula (4) del capitolo dedicato alle redite v S = R 1 (49) i Se si coosce l ammotare del prestito S, il umero delle rate ed il tasso di iteresse i, si può ricavare immediatamete l ammotare della rata di ammortameto da versare alla fie di ciascua scadeza pattuita i R = S (50) 1 v Ua caratteristica di tale metodo di ammortameto è che le quote capitale C k soo cresceti i progressioe geometrica (da cui il termie metodo d ammortameto progressivo). Ifatti a partire dalle relazioi: R = Rk = Ik + Ck = i Dk + Ck

15 Apputi su redite e ammortameti, pag. 15 R = Rk + 1 = Ik Ck + 1 = i Dk + Ck + 1 = i( Dk Ck ) + Ck + 1 essedo il primo membro uguale ad R per etrambe le equazioi, si possoo uguagliare i secodi membri e si ottiee: i Dk 1 + Ck = i Dk i Ck + Ck + 1 Ck + 1 = (1 + i) Ck il che sigifica che il rapporto fra la quota capitale ad ua certa scadeza e quella alla scadeza precedete è costate ed è uguale ad (1+i), che rappreseta la ragioe della progressioe Esempio Si vuole costruire il piao di ammortameto di u prestito di da restituire i quattro rate costati auali al tasso di iteresse auo i = 0,06. Il piao di ammortameto completo del debito si preseta come segue: k R k C k I k D k E k , , , , , ,15 925, , , , ,90 634, , , , ,12 326, I primo luogo si può calcolare l ammotare della rata di ammortameto, i base alla relazioe (50): (0,06) R = 5.771,83 4 (1 + 0,06) = Calcolata R e riempita l itera coloa itestata alla rata, si possoo calcolare le altre gradezze del piao, calcolado per ciascua scadeza k-esima (k = 1,,4) la quota iteresse I k = i Dk, la quota capitale Ck = Rk Ik e il debito residuo Dk = Dk Ck. Si osservi che le quote capitale crescoo i progressioe geometrica di ragioe 1,06.

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti)

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi. Mutuante o creditore = chi concede il

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di modellazione e progettazione materiali Trovare il valore x R tale che f (x) = 0,

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Excel basi e funzioni

Excel basi e funzioni Esercitazione di Laboratorio Excel basi e funzioni Contenuto delle celle 1. Testo 2. Numeri 3. Formule Formattazione delle celle (1) Formattazione del testo e dei singoli caratteri: Orientamento a 45 Allineamento

Dettagli