Istituzioni di Diritto Romano. Indice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituzioni di Diritto Romano. Indice"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO ROMANO LEZIONE XI NEGOZI E OBLIGATIONES (A) PROF. FRANCESCO M. LUCREZI

2 Indice 1 Atti traslativi di titolarità Concetto di negozio giuridico Mancipatio In iure cessio Atti costitutivi di obligationes Commodatum e mutuum Depositum Obligationes re contracate Concetto di obligatio Obligationes verbis contractae e litteris contracate Ius civile e formalismo negoziale La pubblicità degli atti nella società rurale Prevalenza della forma nel negozio giuridico Superamento del formalismo La svolta mercantile del III secolo a.c Le alterne sorti dello ius civile di 12

3 1 Atti traslativi di titolarità 1.1 Concetto di negozio giuridico Abbiamo visto come, secondo l antico ius civile, i rapporti di appartenenza, tanto familiari (patria potestas) quanto reali (mancipium, dominium, servitù) o servili (domenica potestas), potessero sorgere in forza di meri eventi naturali (nascita di nuovi sottoposti, così come di nuovi servi o animali subumani, incrementi di proprietà tramite accessio), senza che la volontà o i comportamenti del titolare venissero in alcun modo presi in considerazone. Molte volte, però, fin da epoca remota, i diritti venivano a costituirsi o a cambiare titolare a seguito di atti di libera disposizione privata effettuata dai soggetti, che andavano così a modificare volontariamente la propria sfera giuridica. Secondo la mentalità moderna, tali manifestazioni di volontà, in quanto atti leciti determinativi di conseguenze sul piano del diritto, possono essere fatti rientrare nell estesa categoria dei cd. negozi giuridici, ma è importante ricordare che i Romani non conobbero mai tale nozione, né accomunarono mai i diversi atti dispositivi in una categoria comune, generale e astratta. 1.2 Mancipatio Per quanto riguarda i poteri esercitati sulle cose, sugli animali e sulle servitù, già in età molto antica si era andata cristallizzando una forma di alienazione atta a trasferire dei beni dal mancipium di un soggetto (detto mancipio dans, colui che cede dal proprio mancipium ) a quello di un altro (mancipio accìpiens, colui che riceve nel proprio mancipium ), il quale, in cambio della res, cedeva all alienante del metallo, che veniva pesato al momento dello scambio. La secolare reiterazione di tali gesti portò alla definizione di un rituale di scambio codificato, secondo il quale la vendita doveva avvenire necessariamente alla presenza dell alienante e dell acquirente, oltre che di un soggetto (cd. lìbripens) deputato a pesare il metallo su una bilancia (libra) e di cinque cittadini, di età pubere, in funzione di testimoni. Il metallo, come detto, avrebbe dovuto essere pesato al momento, e quindi avrebbe dovuto essere grezzo (aes rude), non coniato (aes signatum). Tale forma negoziale, detta mancipatio (che, come vedremo, trovò larga applicazione a scopo successorio, nella forma del cd. testamentum per aes et libram) si andò 3 di 12

4 evidentemente consolidando in età arcaica, quando non esisteva il denaro, gli scambi avvenivano tra vicini ed era avvertita come necessaria una forte pubblicità dell atto, valevole a rendere l intera comunità edotta dell avvenuto trasferimento; ma, per il forte tradizionalismo dello ius civile vetus, essa continuò a essere considerata dovuta (solo per le res màncipi, ossia per quei beni che erano oggetto di mancipium nell epoca antica in cui tale forma di alienazione si era andata a ritualizzare) anche nelle età successive, pur essendo completamente mutato il contesto sociale ed economico di riferimento. 1.3 In iure cessio Altra antica forma di alienazione (ma di origine probabilmente meno remota della mancipatio) fu la in iure cessio, consistente in un processo fittizio, riconosciuto anche dalle XII Tavole (6.6 [Vat. 50]), nel quale l acquirente mostrava di rivendicare come propria la res e il magistrato, di fronte alla mancata resistenza dell alienante, dichiarava accertata in iure, ossia nel tribunale, la nuova titolarità, come se fosse stata già preesistente (a dimostrazione di come lo ius civile ammettesse con difficoltà il trasferimento di mancipium, e richiedesse comunque sempre notevole solennità e pubblicità per gli atti traslativi). 4 di 12

5 2 Atti costitutivi di obligationes 2.1 Commodatum e mutuum Gli antichi atti di autonomia privata a cui abbiamo finora fatto cenno (mancipatio e in iure cessio) sortivano quindi l effetto di trasferire una proprietà da un soggetto a un altro, determinando la fine di un rapporto di appartenenza e la nascita di un nuovo diritto, senza che tra le due parti restassero poi vincoli o legami di sorta. Già fin dalle epoche più remote, però, le esigenze dell economia agricola e pastorale richiedevano che la cessione di determinati beni (p. es., attrezzi, armenti ecc.) fosse effettuata a tempo determinato, a titolo di prestito, facendo perdere al proprietario solo la disponibilità momentanea delle res, oppure che una certa quantità di materiale fungibile (p. es., frumento, sementi, commestibili ecc.) fosse consumato da un soggetto diverso dal suo titolare, con l impegno secondo cui questi si sarebbe visto poi restituire, dal consumatore, una quantità equivalente di prodotto, della medesima qualità (il cd. tantùndem eiùsdem gèneris et qualitatis, altrettanto dello stesso genere e della stessa qualità ). In risposta a tali esigenze, apprendiamo dalle fonti che, negli ultimi secoli della repubblica, si erano consolidati, nella tutela giurisdizionale e nell elaborazione giurisprudenziale, due forme di vincolo interpersonale, dette commodatum e mutuum, in forza delle quali un soggetto permetteva a un altro, a titolo gratuito, rispettivamente, di usare un certo bene per un determinato periodo, acquisendo la legittima detenzione temporanea dello stesso, oppure di consumare una certa quantità di prodotto, da restituire poi nel tantundem. Difficile, però, risalire alle origini storiche dei due negozi. Certamente già nell era monarchica l economia rurale dell antico Lazio conobbe, nell ambito dei rapporti di solidarietà tra i patres familias, il prestito di beni fungibili e consumabili da restituire nell equivalente, ma la configurazione giuridica di queste prime forme di prestito resta avvolta nell incertezza. Un orientamento dottrinale piuttosto diffuso, ma contro il quale sono anche state sollevate non poche perplessità, individua l origine storica dell azione concessa al mutuante nell antica sanzione contro il furto, giacché la posizione di chi non avesse restituito sementi e derrate ricevute in prestito avrebbe coinciso con quella del ladro (fur), e soltanto in seguito l actio e la procedura esecutiva contro il mutuatario si sarebbero differenziate da quelle utilizzate contro il ladro, 5 di 12

6 portando così alla elaborazione giuridica di un rapporto relativo e di un obbligo di restituzione dall origine lecita, distinti dalla responsabilità derivante da una violazione di mancipium. Anche per quanto concerne il commodatum, soltanto nell ambito della giurisdizione pretoria vediamo che il diritto del comodante al riottenimento del bene viene ricondotto a una specifica causa negoziale, e viene concessa un apposita azione processuale a ciò finalizzata (detta actio commodati), mentre, per l età più risalente, si è supposto che al proprietario non spettasse altro che un azione generica (condictio), giustificata unicamente dal diritto a riottenere un bene di propria spettanza, ingiustamente trattenuto da un soggetto non più autorizzato. Verosimilmente, fino ai primi secoli di repubblica, tali forme di cessione avvenivano esclusivamente a titolo di cortesia e di buon vicinato (come sembra attestare la perdurante caratteristica della gratuità del prestito), e non esistevano apposite figure negoziali né specifiche forme di protezione giuridica del diritto del proprietario (al di là dell autotutela privata o di una generica azione volta alla rivendica dei beni [condictio] o, magari, a colpire come ladro il soggetto che non avesse ottemperato all obbligo di restituzione [condictio ex causa furtiva o actio furti]). Solo un successivo allargamento di tali forme di scambio al di là della cerchia ristretta della prima comunità rurale, secondo verosimiglianza, avrebbe collegato il dovere di restituzione a uno specifico impegno negoziale assunto, facendo così configurare degli specifici rapporti relativi (in quanto intercorrenti tra due soggetti determinati) e degli appositi strumenti di difesa giurisdizionale (l actio commodati, per il comodato e, per il mutuo, la condictio certae rei [per il prestito di cose fungibili] o l actio certae crèditae pecuniae [per quella che diventò rapidamente, e che sarebbe rimasta per sempre, la forma di mutuo di gran lunga più diffusa, ossia il prestito di denaro]). 2.2 Depositum Dal commodatum andò poi differenziandosi, e qualificandosi come negozio tipico, il cd. depositum, nel quale la detenzione dell oggetto andava analogamente trasferita, sempre a titolo gratuito, da un soggetto (depòsitor) a un altro (depositarius), ma nell interesse del primo dei due, ai fini della custodia dell oggetto e della salvaguardia della sua integrità. 6 di 12

7 2.3 Obligationes re contracate In tutti questi casi di trasferimento di beni la giurisprudenza classica qualificò il dovere della restituzione come una obligatio re contracta (cfr., p. es., Gai 3.90s.), ossia come obbligazione assunta attraverso il tasferimento della res (re = ablativo di res [cosa]): pur avvenendo lo scambio su base evidentemente del consenso (altrimenti si sarebbe trattato di furto o comunque di una forma di appropriazione indebita), alla base dell obbligo non veniva quindi posta e ciò per un perdurante rispetto della logica materialistica dell antico ius civile la volontà delle parti, ma unicamente il dato di fatto materiale del passaggio di mano dell oggetto, che determinava automaticamente il sorgere del vincolo alla restituzione (che, in teoria, avrebbe potuto anche essere chiesta subito, a meno di specifica pattuizione contraria [cd. pactum de non petendo, patto di non chiedere ]), mentre la volontà delle parti valeva soltanto, per così dire, in negativo, ossia per escludere una responsabilità del soggetto ricevente per possesso illecito. 2.4 Concetto di obligatio Se la giurisprudenza laica concepì la obligatio come un legame giuridico, ideale e astratto, dal contenuto essenzialmente patrimoniale (nel senso che l inottemperanza determinava in genere la soggiacenza a un obbligo di risarcimento monetario), molto si discute, in dottrina, sulla nascita di tale concetto nell età arcaica, e sull originario senso dei termini obligare e obligatio nell ambito dell antica economia rurale, quando i beni avevano primieramente un valore d uso e il denaro non fungeva da parametro comune di valutazione degli interessi concreti. Probabilmente, come è stato ipotizzato, lo stesso termine obligatio rivelerebbe un antica accezione fisica, materiale del vincolo, nel senso che il soggetto ricevente poteva trovarsi, in caso di inadempimento, fisicamente ridotto alla mercé dell avente diritto alla restituzione, in quanto legato, come nexus, a una condizione di asservimento e costrizione, e solo il graduale superamento dell antica economia materiale, e la progressiva patrimonializzazione del debito, avrebbero trasformato la realtà fisica dell obligatio nel concetto derivato di obbligo di adempimento (sintetizzato nella definizione offerta dalle Istituzioni di Giustiniano [probabilmente escerpita da pensiero del giurista Papiniano], 3.13pr.: Obligatio est iuris vinculum, quo necessitate adstrìngimur, alicùius solvendae rei : l obligazione è un vincolo giuridico, in forza del quale siamo costretti ad adempiere qualcosa ). 7 di 12

8 2.5 Obligationes verbis contractae e litteris contracate Accanto alle obligationes re contractae, così, si sarebbero tipizzate altre fome di obligationes, definite verbis contractae (assunte mediante le parole [verba]) o litteris contractae (scaturenti da determinate forme di scrittura [litterae]): alla prima categoria si ascrivevano quegli impegni presi in forza della pronuncia di precise formule rituali (per esempio, l antichissima stipulatio, forse in origine chiamata anche sponsio, attraverso cui un soggetto assumeva un certo obbligo, a dare o a fare qualcosa, rispondendo con delle parole vincolate [certa verba] a una domanda formulata dalla controparte [p. es., dare mihi hoc spondes?, prometti che mi darai questo? : spòndeo, prometto ); alla seconda, quegli obblighi, di origine meno remota, che si facevano sorgere dalla sottoscrizione autografa del debitore (p. es., la cd. acceptilatio, ossia l iscrizione del debito nel codex accepti et expensi [libro di quanto incassato ed elargito], sorta di solenne registro contabile custodito dal pater familias, la cui eventuale falsificazione sarebbe stata oggetto di aspra riprovazione sociale). Va sottolineato che tanto i certa verba quanto le litterae non assumevano un valore meramente probatorio, essendo considerate l imprescindibile fonte dell obligatio, che si considerava contracta, appunto, verbis o litteris, per mezzo delle parole o delle lettere. 8 di 12

9 3 Ius civile e formalismo negoziale 3.1 La pubblicità degli atti nella società rurale Lo ius civile vetus, nel suo complesso, appare quindi configurato come un sistema fondato su un esigenza di definizione certa delle forme di appartenenza, degli obblighi e dei diritti, nel quale il rispetto delle varie titolarità e dei doveri di adempimento negoziale si imponeva come presupposto fondamentale della comunità patriarcale, sigillo e garanzia della pace sociale e della parziale cessione di sovranità da parte dei patres familias. Di primaria importanza, soprattutto, appariva l esigenza che il complesso dei cittadini fosse posto a conoscenza delle varie situazioni giuridiche facenti capo ai singoli soggetti: era essenziale che il cippo di confine rendesse i consociati edotti del punto dove finiva il mancipium di Tizio e cominciava quello di Caio, così come era necessario sapere sotto quale potestas o manus ricadessero i vari sottoposti, a chi si trasmettessero i vari diritti alla morte del titolare, chi fosse il proprietario dei beni e chi avesse la mera possibilità di usarli in forza di prestito ecc. Quando avveniva un mutamento di titolarità, immediato o futuro, l intera comunità doveva essere messa in grado di esserne a conoscenza: i vari atti produttivi di effetti giuridici, così, erano spesso compiuti alla presenza delle istituzioni pubbliche (adrogatio, in iure cessio, adoptio, testamenta calàtis comitiis e in procinctu, confarreatio) o di alcuni cittadini in funzione di testimoni (mancipatio, coëmptio, testamentum per aes et libram), o richiedevano comunque dei comportamenti facilmente riconoscibili dai consociati, al riparo da dubbi interpretativi (usus della uxor, dazione delle res prestate, pronuncia dei certa verba, compilazione del codex accepti et expensi ecc.). Il formalismo negoziale (ossia il collegamento genetico tra il mutamento di titolarità o il sorgere dell obligatio e l espletamento di determinati gesti esterni, rituali e codificati) appare, in generale, direttamente funzionale alle esigenze di una comunità stanziale e contadina, caratterizzata da esigenze di certezza nella definizione delle situazioni giuridiche e di pubblicità dei loro mutamenti, e dai tempi lenti e scanditi dell economia agreste. La modifica della sfera giuridica dell individuo, in tale contesto, era collegata direttamente al compimento di atti riconoscibili all esterno, che impegnavano direttamente la responsabilità dell agente. Non c era spazio per un indagine introspettiva sulle intenzioni interiori del soggetto, né potevano sorgere dubbi riguardo agli effetti conseguiti dai gesti rituali, che venivano fatti scaturire 9 di 12

10 in modo meccanico e automatico. A incidere sulle situazioni giuridiche del pater familias, infine, era generalmente lo stesso pater, dacché la civiltà contadina, basata su una vicinanza fisica tra il titolare e i suoi beni ed interessi, non richiedeva né, di norma, permetteva - che a negoziare potesse essere una persona diversa da quella direttamente coinvolta dagli effetti del negozio. 3.2 Prevalenza della forma nel negozio giuridico Se, pertanto, la moderna dottrina ha distinto, nella struttura del cd. negozio giuridico, i tre elementi insostituibili della forma (ossia l esternazione dell atto), della causa (la specifica finalità socioeconomica) e della volontà (il movente, interno e psicologico, del soggetto agente), non c è dubbio che, nell età rurale, l elemento formale assumesse un importanza primaria e assorbente, in grado di comprendere in sé l intera funzione negoziale (a nulla sarebbe valsa, per esempio, in caso di pronuncia di certa verba, o di compimento di atto librale, una dichiarazione di mancata o incompleta consapevolezza riguardo agli effetti sortiti da tali gesti e parole). Non c era una diversificazione di cause rispetto alla realizzazione di una stessa forma, e la valutazione della volontà del soggetto si limitava sostanzialmente all esclusione dalla capacità negoziale di quegli individui la cui attitudine a disporre dei propri interessi fosse palesemente carente (in quanto minori [impuberes] o dementi [furiosi]). Ma, va ricordato, tale tripartizione (forma, causa, volontà) rappresenta una schematizzazione moderna, così come sconosciuta ai Romani come abbiamo già notato era la stessa categoria astratta del cd. negozio giuridico. 10 di 12

11 4 Superamento del formalismo 4.1 La svolta mercantile del III secolo a.c. La rapida trasformazione della società romana, a partire dal terzo secolo a.c., in senso commerciale e mercantile metterà profondamente in discussione, come vedremo, i princìpi dello ius civile, funzionali alle esigenze di un economia statica e rurale. Nuovi beni si imporranno come oggetto di interesse, e tutte le forme di ricchezza saranno apprezzate più per il loro valore di scambio che per l intrinseca funzione. Il denaro si affermerà prepotentemente come bene per eccellenza, atto ad assorbire tutti gli altri interessi nel proprio metro valutativo. La stessa sentenza processuale di condanna avrà, per lo più, un contenuto meramente monetario. Il commercio richiederà tempi rapidi e forme agili e spedite per gli atti negoziali. Sempre più spesso uno stesso soggetto sarà chiamato a trattare contemporaneamente più affari relativi alla propria sfera di interesse, e manderà, a concludere gli atti necessari, altre persone, a lui legate da vari tipi di rapporto. La volontà del soggetto agente si affermerà come principale motore dell agire giuridico. Il contatto con genti straniere porterà a recepirne usi e linguaggi, e ad elaborare nuovi strumenti di diritto, atti ad agevolare gli scambi, al di là dei confini nazionali, tra romani e peregrini. L ampliamento dello spazio mercantile in ambito transmarino renderà normale la conclusione di affari tra soggetti sconosciuti, e il nuovo concetto di fiducia (o, con termine greco, pistis) diventerà elemento accomunante tra i vari popoli del Mediterraneo. Il formalismo e la pubblicità dei negozi saranno spesso avvertiti come un anacronistico intralcio. Le esigenze del traffico faranno salire in primo piano l interesse al complessivo volume d affari, facendo apparire non grave anzi, fisiologico il singolo inadempimento di uno specifico debito. 4.2 Le alterne sorti dello ius civile Tutte queste nuove realtà troveranno, nel ius gentium e nel ius honorarium, nuove cornici di disciplina giuridica. Ma è importante ricordare che lo ius civile, anche se non più come unico e imperativo ius civitatis, continuerà sempre ad esistere, e a svolgere una funzione essenziale. A volte i suoi istituti cadranno in desuetudine (è il caso, p. es., delle legis actiones, della coëmptio 11 di 12

12 matrimonii causa, dei testamenta in procinctu e calàtis comitis); altre volte, pur apparendo forse obsoleti, resteranno teoricamente cogenti, e costringeranno il pretore e i giuristi a complicati e faticosi percorsi di elusione e aggiramento (l obbligo della mancipatio o della in iure cessio per il trasferimento delle res màncipi, il principo secondo cui deve essere lo stesso titolare del diritto a disporne attraverso l atto negoziale); altre ancora (laddove, in particolare, non si presenteranno esigenze di velocità mercantile, e la pubblicità e il formalismo degli atti conserveranno una loro utilità) si conserveranno pressoché intatti nella loro forma e funzione (i modi di acquisto della proprietà per incremento naturale, le servitù di passaggio, l adrogatio, l adoptio, l emancipatio, il testamento per aes et libram); a volte, infine, si preserveranno, lungo un apparente linea di continuità, ma modificando in profondità i propri effettivi contenuti (è il caso, per esempio, della patria potestas, pilastro, formalmente eterno e immobile, della civiltà romana, che avrebbe in realtà conosciuto molti e incisivi adattamenti funzionali). Soprattutto, lo ius civile avrebbe conservato per sempre il crisma della legittimità, di una autorevolezza e sacralità scaturente dalle remote e nobili origini quiritarie. Ad esso, quindi, si sarebbe fatto continuo riferimento, non solo per ribadire la vigenza e l obbligatorietà di quegli istituti giuridici che si volevano conservare intatti e vitali, ma anche per ammantare di solennità princìpi di diritto artatamente presentati come arcaici, anche se, in realtà, di più recente introduzione. 12 di 12

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Lezione III. Indice. 2 di 11

Lezione III. Indice. 2 di 11 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE II IMPUTAZIONE DELL ATTIVITÀ D IMPRESA PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 principio generale della spendita del nome ----------------------------------------------------------

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014)

Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014) Sulla sentenza Cost. 238/2014: cui prodest? Attila Tanzi * (26 novembre 2014) 1. Il sindacato di legittimità costituzionale di una legge dello Stato che dà esecuzione a norme internazionali pone sempre

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale

Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale Studio n. 283-2015/C Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale Approvato dal Consiglio Nazionale del Notariato il 28 maggio 2015 Lo studio

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge di Matteo Lariccia Sommario: 1. Premessa. La disciplina e i termini dell intervento legislativo, in funzione

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

4. LE OBBLIGAZIONI 1

4. LE OBBLIGAZIONI 1 4. LE OBBLIGAZIONI 1 OBBLIGAZIONI Ad esse è dedicato il Libro IV Codice Civile artt. 1171-1320 cod. civ. strumento tecnicamente adottato al fine di semplificare la disciplina e dettare una disciplina unitaria

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione.

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. DIRITTO CIVILE Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. Come si definiscono le norme che regolano

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO? Riccardo MAZZON FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON P&D.IT In relazione al compiuto significato della locuzione fondi finitimi, ci si è chiesti se quest

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) SOGGETTI E OGGETTO DEL DIRITTO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) IL RAPPORTO GIURIDICO Il rapporto giuridico è una relazione tra due soggetti regolata dal diritto. corrisponde

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Studio n. 216-2014/C La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Approvato dall Area Scientifica Studi Civilistici il 21 marzo 2014 Lo studio in sintesi (Abstract): Il presente studio si

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli