Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Circolare n. 6 L/II/1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Circolare n. 6 L/II/1"

Transcript

1 Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Circolare n. 6 L/II/1 OGGETTO Disposizioni relative agli interventi di assistenza a favore dei connazionali indigenti all'estero. "Norme di gestione" del Capitolo Nota Bene: La presente circolare sostituisce la circolare n.15 del 24 novembre 1998 (L/II/1) che va stralciata dal raccoglitore giallo. 1. ASPETTI GENERALI. 1.1 Predisposizione dei programmi di assistenza. Al fine di poter assicurare una risposta adeguata alle esigenze dei nostri connazionali all'estero nel campo dell'assistenza, si invitano le Rappresentanze all'estero che svolgono funzioni consolari a predisporre un articolato programma di interventi con cadenza annuale, che da un lato interagisca con i sistemi locali di sicurezza e previdenza sociale, dall'altro miri a costituire una "rete" di assistenza opportunamente strutturata ed affidabile, anche mediante la definizione di varie forme di collaborazione con enti specialistici esterni regolamentate da atti di cottimo o da convenzioni, che supplisca alle eventuali carenze locali nel campo della protezione sociale. Le Rappresentanze diplomatico-consolari dovranno addivenire alla stesura del predetto programma di assistenza attraverso un'attività continua di relazione e di dialogo con tutte le componenti delle collettività italiane esistenti nelle rispettive circoscrizioni consolari, a cominciare dai Comites e dai membri locali del CGIE, nonché mediante un attento monitoraggio dell'evolversi delle situazioni in cui versano le fasce socialmente e/o economicamente più deboli dei nostri connazionali. Le Sedi sono invitate a far pervenire all Ufficio I della DGIT il programma di assistenza a sostegno delle richieste annuali di finanziamento sul Capitolo 3121, a partire da quelle relative all esercizio finanziario Il programma di assistenza dovrà contenere una stima del numero dei connazionali in condizioni di indigenza e di coloro che si ritiene potranno essere assistiti dalle Sedi all'estero nell anno cui la richiesta di finanziamento si riferisce, nonché la valutazione degli oneri relativi ai vari strumenti di intervento che saranno considerati idonei a soddisfare la prevedibile richiesta di assistenza, tra quelli consentiti dalla normativa in vigore e successivamente illustrati nella presente circolare. 1.2 Criteri per l assistenza ai connazionali indigenti. Sul piano metodologico, ai fini della concessione dell'assistenza dovrà essere previamente predisposta - e esplicitata nel suddetto programma - una griglia

2 di criteri, ovverosia un insieme di parametri motivati e trasparenti con i quali ciascuna Sede valuterà per i singoli casi l'esistenza dei presupposti di indigenza. Tale griglia di criteri deve essere concordata da ciascun Ufficio consolare con l'ambasciata affinché vi sia una coerenza di trattazione dei singoli casi da parte degli Uffici consolari operanti nello stesso Paese. Le Ambasciate sono pertanto pregate di attivarsi in tal senso. Sul piano sociologico, un attenzione tutta particolare dovrà essere riservata alla condizione degli anziani e dei giovani. Gli esperti del settore hanno evidenziato i molteplici cambiamenti nelle sfere emotive per chi si confronta con il problema dell'invecchiamento fisico e mentale in un Paese lontano da quello di origine. Per andare incontro a tali esigenze occorrono spesso prestazioni di operatori socio-sanitari professionalmente competenti, sia pubblici che privati. In tale ottica si possono prendere in considerazione accordi di collaborazione con Associazioni senza fini di lucro operanti nel settore, organizzazioni di volontariato, enti e centri di assistenza sociale o singoli assistenti sociali al fine di assicurare ai nostri connazionali anziani l'erogazione di servizi specialistici in apposite strutture o a domicilio. Le Sedi valuteranno se sia opportuno ricorrere, mediante la stipula di atti di cottimo, alle prestazioni di assistenti sociali per avere informazioni aggiornate sulla situazione degli assistiti e del loro gruppo familiare. Per altro verso, occorre considerare che le nuove generazioni sono una risorsa per il futuro delle nostre collettività all'estero. Il fenomeno del disagio giovanile - riconducibile a conflitti generazionali, alle diverse tensioni cui è sottoposto il nucleo familiare, ai problemi di adattamento alla struttura economica e sociale dei Paesi di residenza e spesso alla tossicodipendenza - presenta caratteristiche più complesse fra le nuove generazioni dei nostri connazionali all'estero. L'insieme delle difficoltà che ne derivano ostacola talvolta il perseguimento dell'obiettivo di un sempre maggiore coinvolgimento dei giovani nei processi decisionali, indispensabile al fine di superare barriere preesistenti garantendo nel contempo l'unità delle comunità italiane all'estero. Di qui l'esigenza che i nostri Uffici all'estero siano in grado, direttamente o tramite enti o singoli specialisti convenzionati, di fornire, fra l'altro, alle nuove generazioni di Italiani, servizi di consulenza e di orientamento familiare, sociale, professionale, con l'obiettivo di indirizzare le potenzialità che i giovani rappresentano verso il raggiungimento di obiettivi di crescita e di piena integrazione delle nostre collettività all'estero. 2. NORME DI GESTIONE DEI FONDI PER L'ASSISTENZA (CAPITOLO 3121). Come noto, a norma dell art.80 del D.P.R. 5 gennaio 1967, n.200, l Autorità Consolare deve richiedere al Ministero degli Affari Esteri, sempre che non vi siano motivi di urgenza, la preventiva autorizzazione per la concessione di sussidi (art.23, 1 comma), per erogazioni a titolo di prestito (art.23, 2 comma), per spese di rimpatrio di cittadini (art.24) e per le spese di assistenza a non cittadini (art.28). Considerate le ricorrenti difficoltà incontrate dalle nostre Rappresentanze Diplomatiche ed Uffici Consolari nell amministrazione dei fondi per l'assistenza

3 diretta a valere sul Capitolo 3121, al quale le predette erogazioni devono essere imputate, si ritiene opportuno fornire con la presente circolare un aggiornamento delle istruzioni relative alla gestione di tale Capitolo. Le presenti indicazioni operative sono emanate a seguito dell'adozione del D.M. 301/ 307 del , qui ad ogni buon fine allegato (Allegato 1), che ha elevato da 1 milione a 2 milioni di lire, per quanto attiene ai sussidi ed ai rimpatri, i limiti di concessione di tali erogazioni senza la preventiva autorizzazione ministeriale, mentre per i prestiti con obbligo di restituzione all'erario l'importo è rimasto invariato. 2.1 Sussidi. La Sede diplomatica o consolare può concedere ai connazionali residenti all'estero che si trovino in stato di indigenza uno o più sussidi, senza richiedere la preventiva autorizzazione ministeriale, sino ad un importo complessivo di Lire (duemilioni). Per importi superiori occorrerà richiedere tempestivamente all'ufficio I della DGIT la preventiva autorizzazione ministeriale, fornendo dettagliate indicazioni sullo stato di necessità del connazionale interessato e sull'impossibilità di provvedere ai suoi impellenti bisogni con altre risorse. Le Sedi devono acquisire ogni utile elemento informativo che possa loro permettere un'obiettiva valutazione della richiesta di sussidio sulla base dei criteri individuati di cui al paragrafo 1. Qualora si tratti di connazionale anziano, o non autosufficiente, o comunque non in grado di recarsi in Consolato (detenuto o residente a grande distanza dall'ufficio Consolare), il sussidio potrà essere pagato tramite vaglia postale o trasferimento bancario. I sussidi non possono essere concessi allo stesso connazionale con frequenza periodica in quanto non devono costituire erogazioni stabili. Qualora le Rappresentanze ne ravvisino la necessità, il sussidio potrà comunque essere frazionato in più tranches. 2.2 Prestiti L'Autorità consolare può concedere, in favore di cittadini italiani residenti in Italia e temporaneamente all'estero che versino in stato di occasionale ed urgente necessità, somme in denaro a titolo di prestito senza richiedere la preventiva autorizzazione ministeriale, fino all'importo massimo di Lire (cinquecentomila). Qualora l'ammontare del prestito sia superiore a detto massimale, si rende necessaria la preventiva autorizzazione ministeriale che dovrà essere inoltrata all'ufficio IV della DGIT, salvo i casi di estrema urgenza (art. 80 del D.P.R. 5 gennaio 1967 n.200) per i quali potrà essere richiesta l'autorizzazione a posteriori, da inoltrare in data immediatamente successiva all'erogazione del prestito medesimo. La Sede trasmetterà, con il primo corriere utile, al Ministero (DGIT Ufficio IV) ed alla Questura competente per territorio e/o all'ufficio Consolare di

4 eventuale residenza del connazionale, copia della promessa di restituzione certificata conforme all'originale, con l'apposizione della formula esecutiva. Una copia di tale promessa va sempre rilasciata all'interessato. Si raccomanda la massima oculatezza nell'accordare i prestiti entro i limiti del massimale, accertando che, nei casi in cui il connazionale dichiari di avere smarrito o subito furto di documenti e/o di denaro, sia stata fatta regolare denuncia alla locale autorità di Polizia (copia della denuncia dovrà essere allegata alla promessa di restituzione da conservare agli atti della Sede). Si raccomanda inoltre quanto segue: 1) qualora dovesse richiedere un prestito un connazionale compreso nelle liste di coloro che hanno beneficiato di più prestiti senza provvedere al rimborso all'erario, oppure di coloro che risultano irreperibili o i cui prestiti sono inesigibili, le Sedi dovranno obbligatoriamente richiedere l'autorizzazione ministeriale anche per importi inferiori al massimale consentito; 2) prima di concedere il prestito, le Sedi sono pregate di accertare, tramite le competenti Questure, se i familiari residenti in Italia siano disposti ad intervenire in favore dei congiunti, inviando loro la somma necessaria. I parenti che in base al Codice Civile sono obbligati a corrispondere gli alimenti, hanno l'obbligo di provvedere alle necessità del congiunto anche all'estero; 3) è necessario far sottoscrivere la promessa di restituzione anche ai connazionali che hanno beneficiato del rimpatrio consolare con biglietto aereo pre-pagato del M.A.E. Il beneficiario del prestito è tenuto a restituire quanto dovuto all'erario, mediante versamento al Capo XII, Capitolo Tale indicazione deve essere espressamente riportata sulla distinta del versamento unitamente alla causale. Il versamento potrà essere effettuato: - presso la Tesoreria Provinciale dello Stato (Banca d'italia) del luogo di residenza; - presso gli Uffici Postali, tramite conto corrente postale intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato del luogo di residenza, il cui numero di conto corrente può essere richiesto agli Uffici Postali stessi; - presso gli Uffici Postali, tramite conto corrente n , intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato di Roma; - presso l'ufficio Consolare che ha concesso il prestito oppure, all'occasione, presso un qualsiasi altro Ufficio Consolare. La ricevuta del versamento eseguito, e/o fotocopia della stessa, dovrà essere fatta pervenire dal beneficiario del prestito al Ministero degli Affari Esteri - Direzione Generale per gli Italiani all'estero e le Politiche Migratorie, Ufficio IV Roma ed alle Questure competenti per territorio. 2.3 Assistenza sanitaria. Il connazionale indigente residente all'estero può beneficiare delle seguenti

5 erogazioni per assistenza medico-sanitaria: - sussidio per partecipazione alle spese sanitarie; - pagamento della fattura ospedaliera o di parcella medica; - pagamento della fattura per acquisto di farmaci e di materiale sanitario Assistenza legale. L'assistenza legale può essere prestata a connazionali indigenti residenti all'estero in casi di particolare gravità. L'aiuto finanziario per il pagamento delle spese legali può essere concesso sotto due forme: quale sussidio per partecipazione alle spese legali o quale pagamento della parcella del legale che ha seguito il caso. Ai connazionali di transito, che si trovino in stato di fermo o in attesa di primo giudizio, potrà essere fornita, su richiesta degli interessati, l'assistenza legale sotto forma di prestito con promessa di restituzione. La Rappresentanza, prima di richiedere l'imputazione di spesa di assistenza legale in favore di connazionali detenuti all'estero, dovrà, tramite le competenti Questure, accertare previamente l'eventuale disponibilità dei familiari in Italia a farsi carico delle relative spese. 2.5 Spese per certificati ed atti relativi a connazionali residenti all'estero. Sul Capitolo 3121 possono essere imputate anche le spese relative al rilascio, da parte di Autorità estere, di certificati ed atti relativi a connazionali residenti all estero richiesti, ai fini di interesse pubblico, dai Comuni italiani per l'aggiornamento dei registri di stato Civile, di quelli anagrafici e delle liste elettorali oppure da altre Autorità italiane per adempimenti amministrativi. 2.6 Assistenza non legale ai connazionali detenuti. A favore dei cittadini italiani in stato di detenzione presso le carceri locali può essere prestata l'assistenza sotto forma di sussidio, qualora essi abbiano bisogno di viveri o generi di prima necessità. La ricevuta del sussidio dovrà essere firmata dal connazionale detenuto e consegnata al rappresentante della Sede durante le visite consolari. 2.7 Rimpatri a spese dell'erario. La richiesta di autorizzazione al rimpatrio consolare deve essere inoltrata all'ufficio IV della DGIT: si richiamano in proposito le disposizioni riportate nella circolare n. 14 del 20 novembre Spese funebri in loco.

6 In caso di decesso di connazionali residenti all'estero le Sedi potranno prestare assistenza ai familiari indigenti, anch essi residenti all'estero, del connazionale deceduto, mediante il rimborso totale o parziale delle spese funebri sostenute in loco, regolarmente documentate. L'aiuto finanziario per il pagamento delle spese funebri può essere concesso sotto forma di sussidio per partecipazione alle spese funebri oppure quale pagamento della fattura della ditta di pompe funebri. In caso di morte di connazionale non residente, potrà essere eventualmente erogato un prestito con promessa di restituzione all'erario in favore dei familiari presentatisi alla Rappresentanza diplomatico-consolare. Non è possibile imputare sul Capitolo 3121 le spese relative alla traslazione della salma in Italia, che sono a carico esclusivo dei familiari del connazionale defunto. Essi potranno peraltro rivolgersi alle Amministrazioni regionali ed agli enti locali per eventuali rimborsi o contributi. 2.9 Festività' natalizie. Premesso che tale forma di assistenza può considerarsi come un sussidio, in occasione delle festività natalizie potranno essere concessi "pacchi dono" ai connazionali indigenti (detenuti, anziani, infermi) dietro specifica autorizzazione ministeriale. Per le suddette spese, nella richiesta di autorizzazione va indicato il numero globale dei connazionali beneficiari e l'importo complessivo o pro capite di tale spesa Convenzioni ed atti di cottimo. Al fine di fornire l'assistenza legale, sanitaria, geriatrica, ecc. nonché per l'acquisto di generi di prima necessità in occasione delle festività natalizie le Rappresentanze diplomatiche e consolari possono stipulare con enti e istituti pubblici o privati che diano precise garanzie di professionalità e accuratezza: 1) Atti di Cottimo, previsti dal DPR 116/90, art. 1 comma T (Regolamento concernente le spese in economia), per importi fino ad un massimo di Lire (settanta milioni) senza la preventiva autorizzazione ministeriale (nuovo limite di spesa introdotta dal D.P.R. n. 120 del 22 marzo 2000); 2) Convenzioni per importi superiori a lire , che devono essere approvate dall'ufficio I della DGIT e dall'ufficio Centrale del Bilancio del Ministero degli Affari Esteri. Le proposte devono essere necessariamente inoltrate almeno tre mesi prima dell'inizio della validità della Convenzione. Qualora uno stesso connazionale, dopo aver beneficiato dell'assistenza nell'ambito di Convenzioni o di atti di cottimo, necessiti anche di un aiuto finanziario, la Sede seguirà la procedura prevista per l erogazione dei sussidi.

7 2.11 Assistenza prestata in favore di cittadini degli stati membri dell'unione Europea. Ai sensi della circolare n. 9 del 1993, ogni cittadino dell'unione Europea, nei casi di emergenza, beneficia della tutela presso qualsiasi Rappresentanza diplomatica o consolare di uno Stato dell'unione se nel territorio in cui si trova non vi è una Rappresentanza del suo Paese. Pertanto, il cittadino di un altro Stato membro dell'unione Europea può beneficiare delle forme di assistenza prevista dalla presente circolare in caso di decesso, di gravi incidenti o infermità, di arresto o detenzione, di atti di violenza subiti, di necessità al rimpatrio, a condizione che l'eventuale spesa sia stata preventivamente autorizzata o dal Ministero degli Affari Esteri dello Stato cui il cittadino appartiene o dalla sua Rappresentanza diplomatica più vicina Assistenza ai non cittadini. L'autorità consolare può concedere assistenza anche a non cittadini ai sensi del secondo comma dell'art. 56 del D.P.R. 5 gennaio 1967, n. 18. La Missione Diplomatica e l'ufficio consolare prestano, su istruzioni del Ministero o di propria iniziativa nei casi di urgenza e necessità, assistenza, nei limiti delle norme internazionali e degli usi locali, a persone che non abbiano la cittadinanza italiana e non godano sul posto di altra protezione diplomatica o consolare. 3. INDICAZIONI UTILI AI FINI DELLA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE DEL CAPITOLO 3121 Per la rendicontazione delle spese le Rappresentanze dovranno attenersi a quanto stabilito dall'art.10 del D. P. R. 22 marzo 2000, n. 120, e dalle circolari applicative. A ogni rendiconto, che dovrà comunque essere conservato agli atti dell'ufficio, dovrà essere allegata la seguente documentazione giustificativa delle spese. 3.1 Sussidi? domanda motivata dell'interessato;? ricevuta del sussidio debitamente vistata per la liquidazione dal titolare della gestione e quietanzata dal beneficiario, nonché firmata dall'assistente sociale, con l indicazione del previo accertamento da parte della Sede dello stato di indigenza, di cittadinanza e di residenza del connazionale; per il minorenne, la ricevuta dovrà essere firmata da chi esercita la patria potestà o, in sua assenza, dal Capo Missione;? copia dell'autorizzazione ministeriale per i sussidi di importo superiore al massimale previsto.

8 Il cambio utilizzato per l'erogazione del sussidio deve essere quello di finanziamento. Si allega il fac-simile del modulo da accludere al rendiconto. 3.2 Prestiti? copia della promessa di restituzione;? copia dell'autorizzazione ministeriale per i prestiti di importo superiore al massimale previsto. Il cambio da utilizzare è quello del giorno o il tasso di ragguaglio. Si allega il fac-simile del modulo da accludere al rendiconto. 3.3 Assistenza sanitaria? fattura ospedaliera o parcella medica o fattura per acquisto di farmaci e materiale sanitario (busti, stampelle, arti artificiali) debitamente vistata per la liquidazione dal titolare della gestione e quietanzata;? copia dell'autorizzazione ministeriale per le spese sanitarie di importo superiore al massimale previsto. 3.4 Assistenza legale.? parcella del legale che ha prestato l'assistenza, debitamente vistata per la liquidazione dal titolare della gestione e quietanzata dal beneficiario;? copia dell'autorizzazione ministeriale per le spese legali di importo superiore al massimale previsto. 3.5 Rimpatri.? copia della promessa di restituzione del prestito ottenuto per l'acquisto in loco del biglietto aereo o ferroviario di rientro in Italia o per la concessione del biglietto aereo pre-pagato del Ministero degli Affari Esteri tramite la CIT;? ricevuta del sussidio per rimpatrio consolare o, in alternativa, fattura relativa alle spese di viaggio, qualora le stesse vengano sostenute dalla Sede, debitamente vistata dal titolare della gestione per la liquidazione e quietanzata dal beneficiario;? copia della preventiva autorizzazione ministeriale per le spese di rimpatrio superiori al massimale previsto. 3.6 Spese funebri in loco.? la ricevuta del sussidio al familiare del deceduto o la fattura della ditta di

9 pompe funebri debitamente vistata dal titolare della gestione per la liquidazione e quietanzata;? copia della preventiva autorizzazione ministeriale per spese di importo superiore al massimale previsto. 3.7 Festività natalizie.? l'elenco nominativo dei beneficiari, controfirmato dal Capo Missione;? fattura vistata dal titolare della gestione per la liquidazione e quietanzata;? copia della preventiva autorizzazione ministeriale qualora la spesa superi il massimale previsto. 3.8 Convenzioni ed atti di cottimo. A) Per l'assistenza prestata nell'ambito di atti di cottimo dovrà essere allegata al relativo rendiconto la seguente documentazione giustificativa di spesa, prevista dal D.P.R. 116/90 (circolare n.20 del ) e dal D.P.R. 22 marzo 2000, n.120.? atto di cottimo;? decreto di autorizzazione alla spesa;? parere di congruità;? elenco nominativo dei beneficiari di tale forma di assistenza;? fatture, parcelle o qualsiasi altro titolo giustificativo della spesa. B) Per l'assistenza prestata nell'ambito di Convenzioni, dovrà essere allegata al relativo rendiconto la seguente documentazione giustificativa:? copia della Convenzione;? copia del decreto ministeriale di autorizzazione alla spesa;? elenco nominativo dei beneficiari di tale assistenza;? fatture, parcelle o qualsiasi altro titolo giustificativo della spesa. 3.9 Assistenza prestata in favore di cittadini degli stati membri dell'unione Europea. Nei casi di assistenza prestata a cittadini degli Stati Membri dell'unione Europea, dovrà essere allegata al rendiconto la seguente documentazione giustificativa di spesa:? domanda motivata dell'interessato;? ricevuta delle spese sostenute dalla Sede, vistata dal titolare della gestione per la liquidazione e quietanzata dal beneficiario;? copia dell'autorizzazione da parte del Ministero degli Affari Esteri dello Stato cui il cittadino appartiene o della sua Rappresentanza Diplomatica più vicina;? copia dell'autorizzazione ministeriale per gli importi superiori ai massimali previsti dalla presente circolare. Si rammenta infine la necessità di contenere le spese entro i limiti

10 dell'assegnazione dei fondi annuali disposti sul Capitolo Le richieste di fabbisogno devono pervenire all Ufficio I della DGIT entro il 31 ottobre dell'anno per l'esercizio finanziario successivo. Il Direttore Generale per gli Italiani all'estero e le Politiche Migratorie MARSILI Allegato n. 1 DECRETO MINISTERIALE N. 301/307 VISTE le norme di Contabilità Generale dello Stato; VISTO l Art. 80 del D.P.R 5 gennaio 1967 n. 200; VISTO il decreto ministeriale n. 096/407 del 15 settembre 1998; CONSIDERATI gli aumenti del costo della vita a livello mondiale ed in particolare in quei Paesi dove, per sfavorevoli congiunture economiche, si presentano più frequentemente casi di necessità fra le fasce meno abbienti delle comunità italiane all estero; RITENUTA la necessità di elevare i limiti entro i quali le Rappresentanze Diplomatiche o Consolari italiane all estero possono provvedere direttamente, senza la preventiva autorizzazione ministeriale, a sostenere le spese per la concessione di sussidi e per rimpatri di cui agli artt.23, 24 e 28 del D.P.R n DECRETA Art. 1 A decorrere dal 1 luglio 2001, l Autorità Diplomatica o Consolare può concedere, senza richiedere la preventiva autorizzazione ministeriale, sussidi ai cittadini che versino in stato di indigenza fino all importo massimo di Lire (due milioni). La concessione in parola non è soggetta all obbligo di restituzione all Erario da parte del beneficiario. Art. 2 Fino all importo di Lire (due milioni) la stessa Autorità Diplomatica o Consolare può sostenere spese per provvedere, senza la preventiva autorizzazione, al rimpatrio dei cittadini indigenti, ai sensi dell'art. 24 del D.P.R n. 18. In tal caso la relativa erogazione non dà luogo ad obbligo di restituzione all Erario della spesa sostenuta.

11 Art. 3 Confermando il disposto dell art. 3 del D.M. 096/407 del , l Autorità Diplomatica o Consolare può procedere senza la preventiva autorizzazione ministeriale ad erogazioni in denaro fino all importo massimo di Lire (cinquecentomila) a titolo di prestito, come anticipazione per spese di rimpatrio oppure per altre gravi esigenze, ai cittadini che versino in stato di occasionale necessità. L erogazione in parola è soggetta all obbligo del rimborso all Erario da parte del beneficiario, il quale è tenuto a sottoscrivere formale promessa di restituzione cui è attribuita efficacia di titolo esecutivo ai sensi dell art. 474 del Codice di procedura Civile. Art. 4 Quanto disposto dagli artt. 1 e 2 si applica anche ai non cittadini di cui all art. 28 del D.P.R. 5 gennaio l967, n. 200, nei limiti specificati nel secondo comma dell art. 56 del D.P.R. 5 gennaio 1967 n. 18. Art. 5 Le spese di cui ai precedenti articoli dovranno essere sostenute entro i limiti delle assegnazioni disposte per ciascuna Rappresentanza Diplomatica o Consolare sul Capitolo Il presente decreto sarà registrato alla Corte dei Conti. Roma, li 28 marzo IL MINISTRO Lamberto Dini Allegato n. 2. AMBASCIATA/ CONSOLATO GENERALE/ CONSOLATO D'ITALIA I1/La sottoscritto/a...,. trovandosi in stato di indigenza, chiede la concessione di un sussidio per (Località)... (data)...firma del richiedente.. * * * * * Esaminata la posizione del richiedente, si autorizza la concessione di un sussidio di (valuta in cifre)... (in lettere). controvalore di

12 Lit...al cambio di Lit.. oppure controvalore di Euro al cambio di Euro. al cittadino/a italiano/a..... nato/a a... il residente a... via/piazza..... titolare del passaporto italiano/documento d'identità n... rilasciato da....il a titolo di assistenza per... essendo risultato, a seguito di accertamenti, che il/la predetto/a trovasi attualmente in stato di indigenza. (località) (data).... L Assistente sociale. Il Titolare della gestione * * * * * Il/La sottoscritto/a......dichiara di avere ricevuto dall'ambasciata/consolato.... la somma di (in cifre) (in lettere)... a titolo di sussidio. (località).....(data)..... Firma..... Allegato n. 3 (FAC SIMILE DI PROMESSA DI RESTITUZIONE) AMBASCIATA/CONSOLATO GENERALE /CONSOLATO D'ITALIA L'anno....addì....del mese di... in...nella sede del.....dinanzi a me....si è presentato il/la Signor/a...nato/a a... il... residente a.. Via/Piazza.....Questura competente... oppure domiciliato a...

13 Via/Piazza Questura competente... codice fiscale. recapito di eventuale datore di lavoro. Titolare di (1).....rilasciato da in data.... Il predetto richiede un prestito di... pari a Lire/Euro al cambio di Lire/Euro... fornendo i seguenti motivi:..... Il/La medesimo/a dichiara di obbligarsi a restituire all'erario, secondo le modalità sul retro indicate, entro il..(2) la somma predetta che gli viene accordata ai sensi dell'art. 23, comma 11, del D.P.R. n. 200 del 5 gennaio Della presente obbligazione ho dato lettura e spiegazione al comparente che l'ha confermata, approvata e quindi sottoscritta, dando, nel contempo, regolare quietanza del prestito concesso. L'obbligato Il Titolare della gestione II sottoscritto (nome, cognome e qualifica)... attesta che la presente copia è conforme al suo originale depositato agli atti della Ambasciata/ Consolato Generale/Consolato d'italia in (3) Il Titolare della gestione In nome della Legge, noi (nome, cognome e qualifica). comandiamo a tutti gli Ufficiali giudiziari che ne siano richiesti e a chiunque spetti di mettere in esecuzione il presente titolo, al Pubblico Ministero di darvi assistenza, e a tutti gli ufficiali della Forza Pubblica di concorrervi, quando ne siano legalmente richiesti. (4) Il Titolare della gestione

14 Note: (1) Trascrivere gli estremi del passaporto, carta di identità o altro documento di riconoscimento (2) A seconda delle condizioni economiche del connazionale potrà accordarsi un periodo da un mese a sei mesi di tempo per la restituzione del prestito. (3) La firma deve essere apposta dal Capo Missione o da un suo delegato. (4) La formula esecutiva deve essere sottoscritta dal capo Missione o da un Funzionario direttivo delegato (artt. 474 e 475 c.p.c.). N.B. In caso di rimpatrio di equipaggi marittimi occorre citare nel Verbale di prestito l'art. 25 del D.P.R. 200 trasmettendo, per l'ingiunzione di pagamento all'armatore, copia certificata conforme del suddetto verbale, firmata dal marittimo e dal Comandante della nave, anche al Ministero dei Trasporti e della Navigazione (Direzione Generale del Lavoro Marittimo e Portuale) unitamente alla fotocopia certificata conforme del biglietto aereo o marittimo di rimpatrio. (da stampare sul retro della promessa di restituzione) MODALITÀ' DI RESTITUZIONE II beneficiario del prestito è tenuto a restituire quanto dovuto all'erario, entro il termine stabilito indicato nella "Promessa di restituzione", mediante versamento al Capo XII - Capitolo che deve essere espressamente indicato sulla distinta del versamento unitamente alla causale. Il versamento potrà essere effettuato: a) presso la Tesoreria Provinciale dello Stato (Banca d'italia) del luogo di residenza; b) presso gli Uffici Postali tramite conto corrente postale intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato del luogo di residenza, il cui numero di conto corrente può essere richiesto agli Uffici Postali stessi; c) presso gli Uffici Postali tramite conto corrente postale n intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato di Roma; d) presso l'ufficio Consolare che ha concesso il prestito oppure, all'occasione, presso un qualsiasi altro Ufficio Consolare; La fotocopia della ricevuta del versamento eseguito va fatta pervenire al Ministero degli Affari Esteri -D.G.IT. Uff. IV - Piazzale della Farnesina, Roma e alle Questure competenti per territorio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali 1. Ogni cittadino è libero, salvi gli obblighi di legge, di uscire dal territorio della Repubblica, valendosi

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE La iscrizione all'aire e' obbligatoria se la durata prevista per il soggiorno all' estero e' superiore ai dodici mesi.

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Il Sottoscritto. chiede. dichiara:

Il Sottoscritto. chiede. dichiara: P.G. n. del Comune di Vicenza Settore Interventi Sociali Ufficio Prestazioni al Cittadino timbro e firma per ricevuta RICHIESTA DI CONTRIBUTO PER IL RIENTRO DEI VENETI NEL MONDO (ART. 8, L.R. 2/2003) Il

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento.

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento. REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA PER L AUTORIZZAZIONE ALL UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO, NELL AMBITO DELL ISTITUTO DELLA MISSIONE l'incarico e l'autorizzazione a compiere la missione, devono risultare da un

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Modulo "Dichiarazione di residenza" per soggetti senza fissa dimora abituale

Modulo Dichiarazione di residenza per soggetti senza fissa dimora abituale ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 12/02/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/34613-modulo-dichiarazione-di-residenza-persoggetti-senza-fissa-dimora-abituale Autori: Modulo "Dichiarazione di residenza"

Dettagli

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto):

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto): Prot. n. di data Riservato all Ufficio Al Direttore Generale dell'università degli Studi di Trieste Ripartizione Reclutamento e Formazione Piazzale Europa, 1-34127 Trieste Il/la sottoscritto/a chiede di

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Presentazione. DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici Area AIRE

Presentazione. DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici Area AIRE Presentazione Facilitare l accesso ai servizi ai cittadini, sia residenti in Italia che all estero, rappresenta uno degli obiettivi fondamentali dell Amministrazione Pubblica. Esso è ispirato al principio

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI

LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI LE CATEGORIE DI VISTI PER LE AZIENDE E GLI OPERATORI ITALIANI INTERESSATI AD AVVIARE ATTIVITA' IMPRENDITORIALI NEGLI STATI UNITI Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n.394 1, Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI

AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI All ente erogatore dell assistenza educativa del CRE di DOMANDA DI ASSISTENTE EDUCATORE PER LA FREQUENZA CENTRO RICREATIVO ESTIVO (in attuazione della Decreto Regionale n.1961 del 6 marzo 2013) (modulo

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N.

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. 1/2008) Nome Cognome in qualità di legale rappresentante pro tempore

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 20 novembre 1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari Preambolo (G.U.

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it GUIDA PRATICA La trasmissione degli esposti alla COVIP Cosa c'è in questa guida Le domande di base Cosa fare prima di inviare un esposto Come si prepara un esposto Come la COVIP esamina gli esposti Memo

Dettagli

Il I 0002590-25/01/2012-SCCLA-Y28PREV-A

Il I 0002590-25/01/2012-SCCLA-Y28PREV-A VIST A la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante «Nuove nonne in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti ~t201~ e successive modifiche e integrazioni ed, in particolare,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione

Capitolo I - Campo di applicazione della Convenzione CONVENZIONE TRA LA REPUBBLICA D'ITALIA ED IL REGNO DI THAILANDIA PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E PREVENIRE LE EVASIONI FISCALI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO 1. Il Governo della Repubblica d'italia

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito...

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito... 1. Cognome / (x) 2. Cognome alla nascita (cognome/i precedente/i) / (x) 3. Nome/i / (x) 4. Data di nascita (giorno-mese-anno)... 8. Sesso /...: Maschile/... Femminile/... Ambasciata d Italia... Domanda

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000.

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. Domanda per l esercizio del servizio passeggeri effettuato mediante NCC-bus nella provincia di Bologna. Alla

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero.

Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero. Regio Decreto 12 febbraio 1940, n. 740, Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero. E' approvato il testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all'estero annesso

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA

REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA CAPO I OGGETTO DEL DIRITTO D ACCESSO 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI 1. Al fine di favorire

Dettagli