Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Circolare n. 6 L/II/1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Circolare n. 6 L/II/1"

Transcript

1 Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Circolare n. 6 L/II/1 OGGETTO Disposizioni relative agli interventi di assistenza a favore dei connazionali indigenti all'estero. "Norme di gestione" del Capitolo Nota Bene: La presente circolare sostituisce la circolare n.15 del 24 novembre 1998 (L/II/1) che va stralciata dal raccoglitore giallo. 1. ASPETTI GENERALI. 1.1 Predisposizione dei programmi di assistenza. Al fine di poter assicurare una risposta adeguata alle esigenze dei nostri connazionali all'estero nel campo dell'assistenza, si invitano le Rappresentanze all'estero che svolgono funzioni consolari a predisporre un articolato programma di interventi con cadenza annuale, che da un lato interagisca con i sistemi locali di sicurezza e previdenza sociale, dall'altro miri a costituire una "rete" di assistenza opportunamente strutturata ed affidabile, anche mediante la definizione di varie forme di collaborazione con enti specialistici esterni regolamentate da atti di cottimo o da convenzioni, che supplisca alle eventuali carenze locali nel campo della protezione sociale. Le Rappresentanze diplomatico-consolari dovranno addivenire alla stesura del predetto programma di assistenza attraverso un'attività continua di relazione e di dialogo con tutte le componenti delle collettività italiane esistenti nelle rispettive circoscrizioni consolari, a cominciare dai Comites e dai membri locali del CGIE, nonché mediante un attento monitoraggio dell'evolversi delle situazioni in cui versano le fasce socialmente e/o economicamente più deboli dei nostri connazionali. Le Sedi sono invitate a far pervenire all Ufficio I della DGIT il programma di assistenza a sostegno delle richieste annuali di finanziamento sul Capitolo 3121, a partire da quelle relative all esercizio finanziario Il programma di assistenza dovrà contenere una stima del numero dei connazionali in condizioni di indigenza e di coloro che si ritiene potranno essere assistiti dalle Sedi all'estero nell anno cui la richiesta di finanziamento si riferisce, nonché la valutazione degli oneri relativi ai vari strumenti di intervento che saranno considerati idonei a soddisfare la prevedibile richiesta di assistenza, tra quelli consentiti dalla normativa in vigore e successivamente illustrati nella presente circolare. 1.2 Criteri per l assistenza ai connazionali indigenti. Sul piano metodologico, ai fini della concessione dell'assistenza dovrà essere previamente predisposta - e esplicitata nel suddetto programma - una griglia

2 di criteri, ovverosia un insieme di parametri motivati e trasparenti con i quali ciascuna Sede valuterà per i singoli casi l'esistenza dei presupposti di indigenza. Tale griglia di criteri deve essere concordata da ciascun Ufficio consolare con l'ambasciata affinché vi sia una coerenza di trattazione dei singoli casi da parte degli Uffici consolari operanti nello stesso Paese. Le Ambasciate sono pertanto pregate di attivarsi in tal senso. Sul piano sociologico, un attenzione tutta particolare dovrà essere riservata alla condizione degli anziani e dei giovani. Gli esperti del settore hanno evidenziato i molteplici cambiamenti nelle sfere emotive per chi si confronta con il problema dell'invecchiamento fisico e mentale in un Paese lontano da quello di origine. Per andare incontro a tali esigenze occorrono spesso prestazioni di operatori socio-sanitari professionalmente competenti, sia pubblici che privati. In tale ottica si possono prendere in considerazione accordi di collaborazione con Associazioni senza fini di lucro operanti nel settore, organizzazioni di volontariato, enti e centri di assistenza sociale o singoli assistenti sociali al fine di assicurare ai nostri connazionali anziani l'erogazione di servizi specialistici in apposite strutture o a domicilio. Le Sedi valuteranno se sia opportuno ricorrere, mediante la stipula di atti di cottimo, alle prestazioni di assistenti sociali per avere informazioni aggiornate sulla situazione degli assistiti e del loro gruppo familiare. Per altro verso, occorre considerare che le nuove generazioni sono una risorsa per il futuro delle nostre collettività all'estero. Il fenomeno del disagio giovanile - riconducibile a conflitti generazionali, alle diverse tensioni cui è sottoposto il nucleo familiare, ai problemi di adattamento alla struttura economica e sociale dei Paesi di residenza e spesso alla tossicodipendenza - presenta caratteristiche più complesse fra le nuove generazioni dei nostri connazionali all'estero. L'insieme delle difficoltà che ne derivano ostacola talvolta il perseguimento dell'obiettivo di un sempre maggiore coinvolgimento dei giovani nei processi decisionali, indispensabile al fine di superare barriere preesistenti garantendo nel contempo l'unità delle comunità italiane all'estero. Di qui l'esigenza che i nostri Uffici all'estero siano in grado, direttamente o tramite enti o singoli specialisti convenzionati, di fornire, fra l'altro, alle nuove generazioni di Italiani, servizi di consulenza e di orientamento familiare, sociale, professionale, con l'obiettivo di indirizzare le potenzialità che i giovani rappresentano verso il raggiungimento di obiettivi di crescita e di piena integrazione delle nostre collettività all'estero. 2. NORME DI GESTIONE DEI FONDI PER L'ASSISTENZA (CAPITOLO 3121). Come noto, a norma dell art.80 del D.P.R. 5 gennaio 1967, n.200, l Autorità Consolare deve richiedere al Ministero degli Affari Esteri, sempre che non vi siano motivi di urgenza, la preventiva autorizzazione per la concessione di sussidi (art.23, 1 comma), per erogazioni a titolo di prestito (art.23, 2 comma), per spese di rimpatrio di cittadini (art.24) e per le spese di assistenza a non cittadini (art.28). Considerate le ricorrenti difficoltà incontrate dalle nostre Rappresentanze Diplomatiche ed Uffici Consolari nell amministrazione dei fondi per l'assistenza

3 diretta a valere sul Capitolo 3121, al quale le predette erogazioni devono essere imputate, si ritiene opportuno fornire con la presente circolare un aggiornamento delle istruzioni relative alla gestione di tale Capitolo. Le presenti indicazioni operative sono emanate a seguito dell'adozione del D.M. 301/ 307 del , qui ad ogni buon fine allegato (Allegato 1), che ha elevato da 1 milione a 2 milioni di lire, per quanto attiene ai sussidi ed ai rimpatri, i limiti di concessione di tali erogazioni senza la preventiva autorizzazione ministeriale, mentre per i prestiti con obbligo di restituzione all'erario l'importo è rimasto invariato. 2.1 Sussidi. La Sede diplomatica o consolare può concedere ai connazionali residenti all'estero che si trovino in stato di indigenza uno o più sussidi, senza richiedere la preventiva autorizzazione ministeriale, sino ad un importo complessivo di Lire (duemilioni). Per importi superiori occorrerà richiedere tempestivamente all'ufficio I della DGIT la preventiva autorizzazione ministeriale, fornendo dettagliate indicazioni sullo stato di necessità del connazionale interessato e sull'impossibilità di provvedere ai suoi impellenti bisogni con altre risorse. Le Sedi devono acquisire ogni utile elemento informativo che possa loro permettere un'obiettiva valutazione della richiesta di sussidio sulla base dei criteri individuati di cui al paragrafo 1. Qualora si tratti di connazionale anziano, o non autosufficiente, o comunque non in grado di recarsi in Consolato (detenuto o residente a grande distanza dall'ufficio Consolare), il sussidio potrà essere pagato tramite vaglia postale o trasferimento bancario. I sussidi non possono essere concessi allo stesso connazionale con frequenza periodica in quanto non devono costituire erogazioni stabili. Qualora le Rappresentanze ne ravvisino la necessità, il sussidio potrà comunque essere frazionato in più tranches. 2.2 Prestiti L'Autorità consolare può concedere, in favore di cittadini italiani residenti in Italia e temporaneamente all'estero che versino in stato di occasionale ed urgente necessità, somme in denaro a titolo di prestito senza richiedere la preventiva autorizzazione ministeriale, fino all'importo massimo di Lire (cinquecentomila). Qualora l'ammontare del prestito sia superiore a detto massimale, si rende necessaria la preventiva autorizzazione ministeriale che dovrà essere inoltrata all'ufficio IV della DGIT, salvo i casi di estrema urgenza (art. 80 del D.P.R. 5 gennaio 1967 n.200) per i quali potrà essere richiesta l'autorizzazione a posteriori, da inoltrare in data immediatamente successiva all'erogazione del prestito medesimo. La Sede trasmetterà, con il primo corriere utile, al Ministero (DGIT Ufficio IV) ed alla Questura competente per territorio e/o all'ufficio Consolare di

4 eventuale residenza del connazionale, copia della promessa di restituzione certificata conforme all'originale, con l'apposizione della formula esecutiva. Una copia di tale promessa va sempre rilasciata all'interessato. Si raccomanda la massima oculatezza nell'accordare i prestiti entro i limiti del massimale, accertando che, nei casi in cui il connazionale dichiari di avere smarrito o subito furto di documenti e/o di denaro, sia stata fatta regolare denuncia alla locale autorità di Polizia (copia della denuncia dovrà essere allegata alla promessa di restituzione da conservare agli atti della Sede). Si raccomanda inoltre quanto segue: 1) qualora dovesse richiedere un prestito un connazionale compreso nelle liste di coloro che hanno beneficiato di più prestiti senza provvedere al rimborso all'erario, oppure di coloro che risultano irreperibili o i cui prestiti sono inesigibili, le Sedi dovranno obbligatoriamente richiedere l'autorizzazione ministeriale anche per importi inferiori al massimale consentito; 2) prima di concedere il prestito, le Sedi sono pregate di accertare, tramite le competenti Questure, se i familiari residenti in Italia siano disposti ad intervenire in favore dei congiunti, inviando loro la somma necessaria. I parenti che in base al Codice Civile sono obbligati a corrispondere gli alimenti, hanno l'obbligo di provvedere alle necessità del congiunto anche all'estero; 3) è necessario far sottoscrivere la promessa di restituzione anche ai connazionali che hanno beneficiato del rimpatrio consolare con biglietto aereo pre-pagato del M.A.E. Il beneficiario del prestito è tenuto a restituire quanto dovuto all'erario, mediante versamento al Capo XII, Capitolo Tale indicazione deve essere espressamente riportata sulla distinta del versamento unitamente alla causale. Il versamento potrà essere effettuato: - presso la Tesoreria Provinciale dello Stato (Banca d'italia) del luogo di residenza; - presso gli Uffici Postali, tramite conto corrente postale intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato del luogo di residenza, il cui numero di conto corrente può essere richiesto agli Uffici Postali stessi; - presso gli Uffici Postali, tramite conto corrente n , intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato di Roma; - presso l'ufficio Consolare che ha concesso il prestito oppure, all'occasione, presso un qualsiasi altro Ufficio Consolare. La ricevuta del versamento eseguito, e/o fotocopia della stessa, dovrà essere fatta pervenire dal beneficiario del prestito al Ministero degli Affari Esteri - Direzione Generale per gli Italiani all'estero e le Politiche Migratorie, Ufficio IV Roma ed alle Questure competenti per territorio. 2.3 Assistenza sanitaria. Il connazionale indigente residente all'estero può beneficiare delle seguenti

5 erogazioni per assistenza medico-sanitaria: - sussidio per partecipazione alle spese sanitarie; - pagamento della fattura ospedaliera o di parcella medica; - pagamento della fattura per acquisto di farmaci e di materiale sanitario Assistenza legale. L'assistenza legale può essere prestata a connazionali indigenti residenti all'estero in casi di particolare gravità. L'aiuto finanziario per il pagamento delle spese legali può essere concesso sotto due forme: quale sussidio per partecipazione alle spese legali o quale pagamento della parcella del legale che ha seguito il caso. Ai connazionali di transito, che si trovino in stato di fermo o in attesa di primo giudizio, potrà essere fornita, su richiesta degli interessati, l'assistenza legale sotto forma di prestito con promessa di restituzione. La Rappresentanza, prima di richiedere l'imputazione di spesa di assistenza legale in favore di connazionali detenuti all'estero, dovrà, tramite le competenti Questure, accertare previamente l'eventuale disponibilità dei familiari in Italia a farsi carico delle relative spese. 2.5 Spese per certificati ed atti relativi a connazionali residenti all'estero. Sul Capitolo 3121 possono essere imputate anche le spese relative al rilascio, da parte di Autorità estere, di certificati ed atti relativi a connazionali residenti all estero richiesti, ai fini di interesse pubblico, dai Comuni italiani per l'aggiornamento dei registri di stato Civile, di quelli anagrafici e delle liste elettorali oppure da altre Autorità italiane per adempimenti amministrativi. 2.6 Assistenza non legale ai connazionali detenuti. A favore dei cittadini italiani in stato di detenzione presso le carceri locali può essere prestata l'assistenza sotto forma di sussidio, qualora essi abbiano bisogno di viveri o generi di prima necessità. La ricevuta del sussidio dovrà essere firmata dal connazionale detenuto e consegnata al rappresentante della Sede durante le visite consolari. 2.7 Rimpatri a spese dell'erario. La richiesta di autorizzazione al rimpatrio consolare deve essere inoltrata all'ufficio IV della DGIT: si richiamano in proposito le disposizioni riportate nella circolare n. 14 del 20 novembre Spese funebri in loco.

6 In caso di decesso di connazionali residenti all'estero le Sedi potranno prestare assistenza ai familiari indigenti, anch essi residenti all'estero, del connazionale deceduto, mediante il rimborso totale o parziale delle spese funebri sostenute in loco, regolarmente documentate. L'aiuto finanziario per il pagamento delle spese funebri può essere concesso sotto forma di sussidio per partecipazione alle spese funebri oppure quale pagamento della fattura della ditta di pompe funebri. In caso di morte di connazionale non residente, potrà essere eventualmente erogato un prestito con promessa di restituzione all'erario in favore dei familiari presentatisi alla Rappresentanza diplomatico-consolare. Non è possibile imputare sul Capitolo 3121 le spese relative alla traslazione della salma in Italia, che sono a carico esclusivo dei familiari del connazionale defunto. Essi potranno peraltro rivolgersi alle Amministrazioni regionali ed agli enti locali per eventuali rimborsi o contributi. 2.9 Festività' natalizie. Premesso che tale forma di assistenza può considerarsi come un sussidio, in occasione delle festività natalizie potranno essere concessi "pacchi dono" ai connazionali indigenti (detenuti, anziani, infermi) dietro specifica autorizzazione ministeriale. Per le suddette spese, nella richiesta di autorizzazione va indicato il numero globale dei connazionali beneficiari e l'importo complessivo o pro capite di tale spesa Convenzioni ed atti di cottimo. Al fine di fornire l'assistenza legale, sanitaria, geriatrica, ecc. nonché per l'acquisto di generi di prima necessità in occasione delle festività natalizie le Rappresentanze diplomatiche e consolari possono stipulare con enti e istituti pubblici o privati che diano precise garanzie di professionalità e accuratezza: 1) Atti di Cottimo, previsti dal DPR 116/90, art. 1 comma T (Regolamento concernente le spese in economia), per importi fino ad un massimo di Lire (settanta milioni) senza la preventiva autorizzazione ministeriale (nuovo limite di spesa introdotta dal D.P.R. n. 120 del 22 marzo 2000); 2) Convenzioni per importi superiori a lire , che devono essere approvate dall'ufficio I della DGIT e dall'ufficio Centrale del Bilancio del Ministero degli Affari Esteri. Le proposte devono essere necessariamente inoltrate almeno tre mesi prima dell'inizio della validità della Convenzione. Qualora uno stesso connazionale, dopo aver beneficiato dell'assistenza nell'ambito di Convenzioni o di atti di cottimo, necessiti anche di un aiuto finanziario, la Sede seguirà la procedura prevista per l erogazione dei sussidi.

7 2.11 Assistenza prestata in favore di cittadini degli stati membri dell'unione Europea. Ai sensi della circolare n. 9 del 1993, ogni cittadino dell'unione Europea, nei casi di emergenza, beneficia della tutela presso qualsiasi Rappresentanza diplomatica o consolare di uno Stato dell'unione se nel territorio in cui si trova non vi è una Rappresentanza del suo Paese. Pertanto, il cittadino di un altro Stato membro dell'unione Europea può beneficiare delle forme di assistenza prevista dalla presente circolare in caso di decesso, di gravi incidenti o infermità, di arresto o detenzione, di atti di violenza subiti, di necessità al rimpatrio, a condizione che l'eventuale spesa sia stata preventivamente autorizzata o dal Ministero degli Affari Esteri dello Stato cui il cittadino appartiene o dalla sua Rappresentanza diplomatica più vicina Assistenza ai non cittadini. L'autorità consolare può concedere assistenza anche a non cittadini ai sensi del secondo comma dell'art. 56 del D.P.R. 5 gennaio 1967, n. 18. La Missione Diplomatica e l'ufficio consolare prestano, su istruzioni del Ministero o di propria iniziativa nei casi di urgenza e necessità, assistenza, nei limiti delle norme internazionali e degli usi locali, a persone che non abbiano la cittadinanza italiana e non godano sul posto di altra protezione diplomatica o consolare. 3. INDICAZIONI UTILI AI FINI DELLA RENDICONTAZIONE DELLE SPESE DEL CAPITOLO 3121 Per la rendicontazione delle spese le Rappresentanze dovranno attenersi a quanto stabilito dall'art.10 del D. P. R. 22 marzo 2000, n. 120, e dalle circolari applicative. A ogni rendiconto, che dovrà comunque essere conservato agli atti dell'ufficio, dovrà essere allegata la seguente documentazione giustificativa delle spese. 3.1 Sussidi? domanda motivata dell'interessato;? ricevuta del sussidio debitamente vistata per la liquidazione dal titolare della gestione e quietanzata dal beneficiario, nonché firmata dall'assistente sociale, con l indicazione del previo accertamento da parte della Sede dello stato di indigenza, di cittadinanza e di residenza del connazionale; per il minorenne, la ricevuta dovrà essere firmata da chi esercita la patria potestà o, in sua assenza, dal Capo Missione;? copia dell'autorizzazione ministeriale per i sussidi di importo superiore al massimale previsto.

8 Il cambio utilizzato per l'erogazione del sussidio deve essere quello di finanziamento. Si allega il fac-simile del modulo da accludere al rendiconto. 3.2 Prestiti? copia della promessa di restituzione;? copia dell'autorizzazione ministeriale per i prestiti di importo superiore al massimale previsto. Il cambio da utilizzare è quello del giorno o il tasso di ragguaglio. Si allega il fac-simile del modulo da accludere al rendiconto. 3.3 Assistenza sanitaria? fattura ospedaliera o parcella medica o fattura per acquisto di farmaci e materiale sanitario (busti, stampelle, arti artificiali) debitamente vistata per la liquidazione dal titolare della gestione e quietanzata;? copia dell'autorizzazione ministeriale per le spese sanitarie di importo superiore al massimale previsto. 3.4 Assistenza legale.? parcella del legale che ha prestato l'assistenza, debitamente vistata per la liquidazione dal titolare della gestione e quietanzata dal beneficiario;? copia dell'autorizzazione ministeriale per le spese legali di importo superiore al massimale previsto. 3.5 Rimpatri.? copia della promessa di restituzione del prestito ottenuto per l'acquisto in loco del biglietto aereo o ferroviario di rientro in Italia o per la concessione del biglietto aereo pre-pagato del Ministero degli Affari Esteri tramite la CIT;? ricevuta del sussidio per rimpatrio consolare o, in alternativa, fattura relativa alle spese di viaggio, qualora le stesse vengano sostenute dalla Sede, debitamente vistata dal titolare della gestione per la liquidazione e quietanzata dal beneficiario;? copia della preventiva autorizzazione ministeriale per le spese di rimpatrio superiori al massimale previsto. 3.6 Spese funebri in loco.? la ricevuta del sussidio al familiare del deceduto o la fattura della ditta di

9 pompe funebri debitamente vistata dal titolare della gestione per la liquidazione e quietanzata;? copia della preventiva autorizzazione ministeriale per spese di importo superiore al massimale previsto. 3.7 Festività natalizie.? l'elenco nominativo dei beneficiari, controfirmato dal Capo Missione;? fattura vistata dal titolare della gestione per la liquidazione e quietanzata;? copia della preventiva autorizzazione ministeriale qualora la spesa superi il massimale previsto. 3.8 Convenzioni ed atti di cottimo. A) Per l'assistenza prestata nell'ambito di atti di cottimo dovrà essere allegata al relativo rendiconto la seguente documentazione giustificativa di spesa, prevista dal D.P.R. 116/90 (circolare n.20 del ) e dal D.P.R. 22 marzo 2000, n.120.? atto di cottimo;? decreto di autorizzazione alla spesa;? parere di congruità;? elenco nominativo dei beneficiari di tale forma di assistenza;? fatture, parcelle o qualsiasi altro titolo giustificativo della spesa. B) Per l'assistenza prestata nell'ambito di Convenzioni, dovrà essere allegata al relativo rendiconto la seguente documentazione giustificativa:? copia della Convenzione;? copia del decreto ministeriale di autorizzazione alla spesa;? elenco nominativo dei beneficiari di tale assistenza;? fatture, parcelle o qualsiasi altro titolo giustificativo della spesa. 3.9 Assistenza prestata in favore di cittadini degli stati membri dell'unione Europea. Nei casi di assistenza prestata a cittadini degli Stati Membri dell'unione Europea, dovrà essere allegata al rendiconto la seguente documentazione giustificativa di spesa:? domanda motivata dell'interessato;? ricevuta delle spese sostenute dalla Sede, vistata dal titolare della gestione per la liquidazione e quietanzata dal beneficiario;? copia dell'autorizzazione da parte del Ministero degli Affari Esteri dello Stato cui il cittadino appartiene o della sua Rappresentanza Diplomatica più vicina;? copia dell'autorizzazione ministeriale per gli importi superiori ai massimali previsti dalla presente circolare. Si rammenta infine la necessità di contenere le spese entro i limiti

10 dell'assegnazione dei fondi annuali disposti sul Capitolo Le richieste di fabbisogno devono pervenire all Ufficio I della DGIT entro il 31 ottobre dell'anno per l'esercizio finanziario successivo. Il Direttore Generale per gli Italiani all'estero e le Politiche Migratorie MARSILI Allegato n. 1 DECRETO MINISTERIALE N. 301/307 VISTE le norme di Contabilità Generale dello Stato; VISTO l Art. 80 del D.P.R 5 gennaio 1967 n. 200; VISTO il decreto ministeriale n. 096/407 del 15 settembre 1998; CONSIDERATI gli aumenti del costo della vita a livello mondiale ed in particolare in quei Paesi dove, per sfavorevoli congiunture economiche, si presentano più frequentemente casi di necessità fra le fasce meno abbienti delle comunità italiane all estero; RITENUTA la necessità di elevare i limiti entro i quali le Rappresentanze Diplomatiche o Consolari italiane all estero possono provvedere direttamente, senza la preventiva autorizzazione ministeriale, a sostenere le spese per la concessione di sussidi e per rimpatri di cui agli artt.23, 24 e 28 del D.P.R n DECRETA Art. 1 A decorrere dal 1 luglio 2001, l Autorità Diplomatica o Consolare può concedere, senza richiedere la preventiva autorizzazione ministeriale, sussidi ai cittadini che versino in stato di indigenza fino all importo massimo di Lire (due milioni). La concessione in parola non è soggetta all obbligo di restituzione all Erario da parte del beneficiario. Art. 2 Fino all importo di Lire (due milioni) la stessa Autorità Diplomatica o Consolare può sostenere spese per provvedere, senza la preventiva autorizzazione, al rimpatrio dei cittadini indigenti, ai sensi dell'art. 24 del D.P.R n. 18. In tal caso la relativa erogazione non dà luogo ad obbligo di restituzione all Erario della spesa sostenuta.

11 Art. 3 Confermando il disposto dell art. 3 del D.M. 096/407 del , l Autorità Diplomatica o Consolare può procedere senza la preventiva autorizzazione ministeriale ad erogazioni in denaro fino all importo massimo di Lire (cinquecentomila) a titolo di prestito, come anticipazione per spese di rimpatrio oppure per altre gravi esigenze, ai cittadini che versino in stato di occasionale necessità. L erogazione in parola è soggetta all obbligo del rimborso all Erario da parte del beneficiario, il quale è tenuto a sottoscrivere formale promessa di restituzione cui è attribuita efficacia di titolo esecutivo ai sensi dell art. 474 del Codice di procedura Civile. Art. 4 Quanto disposto dagli artt. 1 e 2 si applica anche ai non cittadini di cui all art. 28 del D.P.R. 5 gennaio l967, n. 200, nei limiti specificati nel secondo comma dell art. 56 del D.P.R. 5 gennaio 1967 n. 18. Art. 5 Le spese di cui ai precedenti articoli dovranno essere sostenute entro i limiti delle assegnazioni disposte per ciascuna Rappresentanza Diplomatica o Consolare sul Capitolo Il presente decreto sarà registrato alla Corte dei Conti. Roma, li 28 marzo IL MINISTRO Lamberto Dini Allegato n. 2. AMBASCIATA/ CONSOLATO GENERALE/ CONSOLATO D'ITALIA I1/La sottoscritto/a...,. trovandosi in stato di indigenza, chiede la concessione di un sussidio per (Località)... (data)...firma del richiedente.. * * * * * Esaminata la posizione del richiedente, si autorizza la concessione di un sussidio di (valuta in cifre)... (in lettere). controvalore di

12 Lit...al cambio di Lit.. oppure controvalore di Euro al cambio di Euro. al cittadino/a italiano/a..... nato/a a... il residente a... via/piazza..... titolare del passaporto italiano/documento d'identità n... rilasciato da....il a titolo di assistenza per... essendo risultato, a seguito di accertamenti, che il/la predetto/a trovasi attualmente in stato di indigenza. (località) (data).... L Assistente sociale. Il Titolare della gestione * * * * * Il/La sottoscritto/a......dichiara di avere ricevuto dall'ambasciata/consolato.... la somma di (in cifre) (in lettere)... a titolo di sussidio. (località).....(data)..... Firma..... Allegato n. 3 (FAC SIMILE DI PROMESSA DI RESTITUZIONE) AMBASCIATA/CONSOLATO GENERALE /CONSOLATO D'ITALIA L'anno....addì....del mese di... in...nella sede del.....dinanzi a me....si è presentato il/la Signor/a...nato/a a... il... residente a.. Via/Piazza.....Questura competente... oppure domiciliato a...

13 Via/Piazza Questura competente... codice fiscale. recapito di eventuale datore di lavoro. Titolare di (1).....rilasciato da in data.... Il predetto richiede un prestito di... pari a Lire/Euro al cambio di Lire/Euro... fornendo i seguenti motivi:..... Il/La medesimo/a dichiara di obbligarsi a restituire all'erario, secondo le modalità sul retro indicate, entro il..(2) la somma predetta che gli viene accordata ai sensi dell'art. 23, comma 11, del D.P.R. n. 200 del 5 gennaio Della presente obbligazione ho dato lettura e spiegazione al comparente che l'ha confermata, approvata e quindi sottoscritta, dando, nel contempo, regolare quietanza del prestito concesso. L'obbligato Il Titolare della gestione II sottoscritto (nome, cognome e qualifica)... attesta che la presente copia è conforme al suo originale depositato agli atti della Ambasciata/ Consolato Generale/Consolato d'italia in (3) Il Titolare della gestione In nome della Legge, noi (nome, cognome e qualifica). comandiamo a tutti gli Ufficiali giudiziari che ne siano richiesti e a chiunque spetti di mettere in esecuzione il presente titolo, al Pubblico Ministero di darvi assistenza, e a tutti gli ufficiali della Forza Pubblica di concorrervi, quando ne siano legalmente richiesti. (4) Il Titolare della gestione

14 Note: (1) Trascrivere gli estremi del passaporto, carta di identità o altro documento di riconoscimento (2) A seconda delle condizioni economiche del connazionale potrà accordarsi un periodo da un mese a sei mesi di tempo per la restituzione del prestito. (3) La firma deve essere apposta dal Capo Missione o da un suo delegato. (4) La formula esecutiva deve essere sottoscritta dal capo Missione o da un Funzionario direttivo delegato (artt. 474 e 475 c.p.c.). N.B. In caso di rimpatrio di equipaggi marittimi occorre citare nel Verbale di prestito l'art. 25 del D.P.R. 200 trasmettendo, per l'ingiunzione di pagamento all'armatore, copia certificata conforme del suddetto verbale, firmata dal marittimo e dal Comandante della nave, anche al Ministero dei Trasporti e della Navigazione (Direzione Generale del Lavoro Marittimo e Portuale) unitamente alla fotocopia certificata conforme del biglietto aereo o marittimo di rimpatrio. (da stampare sul retro della promessa di restituzione) MODALITÀ' DI RESTITUZIONE II beneficiario del prestito è tenuto a restituire quanto dovuto all'erario, entro il termine stabilito indicato nella "Promessa di restituzione", mediante versamento al Capo XII - Capitolo che deve essere espressamente indicato sulla distinta del versamento unitamente alla causale. Il versamento potrà essere effettuato: a) presso la Tesoreria Provinciale dello Stato (Banca d'italia) del luogo di residenza; b) presso gli Uffici Postali tramite conto corrente postale intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato del luogo di residenza, il cui numero di conto corrente può essere richiesto agli Uffici Postali stessi; c) presso gli Uffici Postali tramite conto corrente postale n intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato di Roma; d) presso l'ufficio Consolare che ha concesso il prestito oppure, all'occasione, presso un qualsiasi altro Ufficio Consolare; La fotocopia della ricevuta del versamento eseguito va fatta pervenire al Ministero degli Affari Esteri -D.G.IT. Uff. IV - Piazzale della Farnesina, Roma e alle Questure competenti per territorio.

Adeguamento massimali per la concessione di sussidi, prestiti, spese di rimpatrio, ecc...

Adeguamento massimali per la concessione di sussidi, prestiti, spese di rimpatrio, ecc... Circolare n. 15 Roma, 24 novembre 1998 OGGETTO: Cap. 3532 Norme di Gestione Adeguamento massimali per la concessione di sussidi, prestiti, spese di rimpatrio, ecc... Come noto, a norma dell art. 80 del

Dettagli

Le principali tipologie di rimpatrio ex artt.23 e 24 del D.P.R. 200/67 riguardano: 1) il rimpatrio di connazionali non residenti all estero;

Le principali tipologie di rimpatrio ex artt.23 e 24 del D.P.R. 200/67 riguardano: 1) il rimpatrio di connazionali non residenti all estero; Circolare n. 14 del 20 novembre 1998 OGGETTO Rimpatri Consolari Al fine di razionalizzare le procedure di rimpatrio consolare, si è ritenuto opportuno, alla luce delle esperienze maturate, aggiornare le

Dettagli

Alle Rappresentanze Diplomatiche, agli Uffici Consolari di 1 a categoria Alle Direzioni Generali, ai Servizi ed agli Uffici del Ministero

Alle Rappresentanze Diplomatiche, agli Uffici Consolari di 1 a categoria Alle Direzioni Generali, ai Servizi ed agli Uffici del Ministero DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Circolare n. 4 L/X/10 6 dicembre 2007 OGGETTO Erogazioni di finanziamenti in denaro ai COMITES per le spese relative al loro funzionamento.

Dettagli

Parametri per la valutazione delle richieste

Parametri per la valutazione delle richieste L/X/11 SEGRETERIA GENERALE Circolare n. 1 OGGETTO Contributi ad enti ed associazioni con sede all estero per attività assistenziali a favore delle collettività italiane Roma, 16 gennaio 2003 Parametri

Dettagli

Alla Direzione Centrale per la Difesa Civile e le Politiche di Protezione Civile. Alla Direzione Centrale per l Emergenza e il Soccorso Tecnico

Alla Direzione Centrale per la Difesa Civile e le Politiche di Protezione Civile. Alla Direzione Centrale per l Emergenza e il Soccorso Tecnico Alla Direzione Centrale per la Difesa Civile e le Politiche di Protezione Civile Alla Direzione Centrale per l Emergenza e il Soccorso Tecnico Alla Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza

Dettagli

Circolare n. 5. a. Personale di ruolo. Ministero degli Affari Esteri. Roma, 20 aprile 1999 OGGETTO. Congedo ordinarie e ferie del personale

Circolare n. 5. a. Personale di ruolo. Ministero degli Affari Esteri. Roma, 20 aprile 1999 OGGETTO. Congedo ordinarie e ferie del personale Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DELL AMMINISTRAZIONE Ufficio II Roma, 20 aprile 1999 Circolare n. 5 ====================================== OGGETTO Congedo ordinarie e ferie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI Art. 1 E istituito "l'albo Comunale degli Organismi a Base Associativa" in cui possono iscriversi

Dettagli

PROGRAMMA SI.CON.TE Sistema di Conciliazione integrato

PROGRAMMA SI.CON.TE Sistema di Conciliazione integrato PROVINCIA DI PORDENONE UFFICIO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Largo San Giorgio, 12 Pordenone Marca da bollo 14,62 PROGRAMMA SI.CON.TE Sistema di Conciliazione integrato Spazio riservato al protocollo Regolamento

Dettagli

Consiglio regionale della Campania DIREZIONE GENERALE Presidenza, Studi legislativi e Legale

Consiglio regionale della Campania DIREZIONE GENERALE Presidenza, Studi legislativi e Legale DETERMINA n. 11 del 23 febbraio 2015 Oggetto: avviso pubblico: patrocini, partecipazioni a comitati d onore, concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e per l attribuzione di

Dettagli

PRIORITA AI FINI DELL ASSEGNAZIONE

PRIORITA AI FINI DELL ASSEGNAZIONE AVVISO PUBBLICO Premesso che - La delibera della Giunta Comunale n. 32. del 09/10/2013 prevede l istituzione di un fondo per il prestito d onore sociale, anche al fine di contrastare fenomeni di usura,

Dettagli

1 - OGGETTO E FINALITA' DEL REGOLAMENTO

1 - OGGETTO E FINALITA' DEL REGOLAMENTO a cura del SERVIZI DEMOGRAFICI E DI STATO CIVILE del COMUNE DI ATRIPALDA Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili e delle promesse di matrimonio 2 Art. 1 - OGGETTO E FINALITA' DEL REGOLAMENTO

Dettagli

CONTRIBUTO PER IL CONCORSO ALLE SPESE DEL PERSONALE DEDICATO ALL ASSISTENZA FAMILIARE

CONTRIBUTO PER IL CONCORSO ALLE SPESE DEL PERSONALE DEDICATO ALL ASSISTENZA FAMILIARE Si informano i cittadini che sono stati approvati i criteri per l assegnazione del CONTRIBUTO PER IL CONCORSO ALLE SPESE DEL PERSONALE DEDICATO ALL ASSISTENZA FAMILIARE Requisiti per l accesso: 1. anziani

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA LIQUIDAZIONE DEI FINANZIAMENTI AD ARTISTI

DISPOSIZIONI PER LA LIQUIDAZIONE DEI FINANZIAMENTI AD ARTISTI DISPOSIZIONI PER LA LIQUIDAZIONE DEI FINANZIAMENTI AD ARTISTI (Decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 novembre 1988, n. 30 "Approvazione del testo coordinato delle leggi provinciali sulle consulte

Dettagli

Missione 4 - L'Italia in Europa e nel mondo. Programma 4.1 - Protocollo internazionale. Ministero degli affari esteri

Missione 4 - L'Italia in Europa e nel mondo. Programma 4.1 - Protocollo internazionale. Ministero degli affari esteri Programma 4.1 - Protocollo internazionale Attività 1 Rapporti di cerimoniale con i Paesi esteri e con il corpo diplomatico-consolare e le Rappresentanze in Italia Attività 2 Visite di Stato, visite ufficiali

Dettagli

1. RILASCIO DEL PASSAPORTO

1. RILASCIO DEL PASSAPORTO Dal sito del Ministero degli Esteri le modalita' di rilascio del passaporto presso le autorita' consolari. "AVVISO: dal 26 giugno 2012 tutti i minori italiani che viaggiano dovranno essere muniti di documento

Dettagli

Allegato Mod. T (compilare in stampatello) il / / scadenza il / /

Allegato Mod. T (compilare in stampatello) il / / scadenza il / / Richiesta nominativa di nulla osta per Allo Sportello Unico per familiare al seguito ai sensi l Immigrazione dell art. 29 del D.LG.VO n.286/98 di come modificato dalla legge n.189/02 sigla provincia (1)

Dettagli

Ministero degli Affari Esteri

Ministero degli Affari Esteri Seite 1 von 5 Ministero degli Affari Esteri L/X/10 DIREZIONE GENERALE DELL'EMIGRAZIONE E DEGLI AFFARI SOCIALI Roma, 22 giugno 1998 Circolare n. 8 ----------------------------------------------------------------------

Dettagli

Comune di Pagani Provincia di Salerno. Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili

Comune di Pagani Provincia di Salerno. Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili Comune di Pagani Provincia di Salerno Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 28/05/2015 Art. 1 OGGETTO E FINALITA' DEL

Dettagli

Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili

Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili a cura del SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI ED ELETTORALI del COMUNE DI SALERNO 2 Art. 1 OGGETTO E FINALITA' DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

Contributi per l'acquisto di autoambulanze e di beni strumentali

Contributi per l'acquisto di autoambulanze e di beni strumentali Via Battuti Rossi, 6/A 47121 Forlì Via dell Arrigoni, 308 47522 Cesena Contributi per l'acquisto di autoambulanze e di beni strumentali Sul sito internet del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

CARTA ILA 2011 CODICE BANDO PI1160

CARTA ILA 2011 CODICE BANDO PI1160 CARTA ILA 2011 CODICE BANDO PI1160 ALL. A PROVINCIA DI PISA Servizio Lavoro e Sociale - CENTRO PER L IMPIEGO di PISA NOTA INFORMATIVA GESTIONE E RENDICONTAZIONE ILA Individual Learning Account ADEMPIMENTI

Dettagli

Comune di Tortorici (Provincia di Messina)

Comune di Tortorici (Provincia di Messina) 1. PREMESSE Comune di Tortorici (Provincia di Messina) SETTORE 3 TECNICO AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI DI NUOVA COSTRUZIONE - PREVENDITA L'Amministrazione comunale intende completare

Dettagli

C O M U N E D I G A L G A G N A N O (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO PRESTITO SULL ONORE

C O M U N E D I G A L G A G N A N O (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO PRESTITO SULL ONORE C O M U N E D I G A L G A G N A N O (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO PRESTITO SULL ONORE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 35 del 29.07.2015 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il servizio

Dettagli

OGGETTO: Articolo 72 della legge 28 dicembre 2001, n. 448. Indennizzo per la cessazione definitiva dell attività commerciale.

OGGETTO: Articolo 72 della legge 28 dicembre 2001, n. 448. Indennizzo per la cessazione definitiva dell attività commerciale. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI Roma, 21 gennaio 2002 Circolare n. 20 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

a) dichiarazione sostitutiva di certificazione, conforme al fac-simile di cui all'allegato 1 di questa circolare.

a) dichiarazione sostitutiva di certificazione, conforme al fac-simile di cui all'allegato 1 di questa circolare. Ministero dei Trasporti e della Navigazione - circolare 6 marzo 2000, n.u di g. mot n. a9 - prot. 513/4915/10 Decreto legislativo 4 febbraio 2000, n. 40, attuazione della direttiva 96/35/CE, consulenti

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO NOTORIO

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO NOTORIO spazio riservato all'ufficio Spett.le COMUNE DI LONA - LASES VIA MASERI N. 2 38040 LONA - LASES (TN) DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA PROCEDURA PER L ASSUNZIONE A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO DI UN OPERAIO QUALIFICATO,

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

28 febbraio 2013 SUC -Sala delle Vetrate Firenze

28 febbraio 2013 SUC -Sala delle Vetrate Firenze Laura Longo laura.longo@comune.fi.it 28 febbraio 2013 SUC -Sala delle Vetrate Firenze Silvia Valori silvia.valori@comune.fi.it Come promuovere l interesse privato ad investire in cultura o a partecipare,

Dettagli

Nella prima applicazione dell'imposta i consumi relativi alle fatturazioni successive alla data di entrata in vigore del decreto-legge 7 febbraio

Nella prima applicazione dell'imposta i consumi relativi alle fatturazioni successive alla data di entrata in vigore del decreto-legge 7 febbraio D.M. 12 luglio 1977 Norme di attuazione dell'art. 10 del decreto-legge 7 febbraio 1977, n. 15, convertito, con modificazione, nella legge 7 aprile 1977, n. 102, concernente, fra l'altro, l'istituzione

Dettagli

TITOLO Finanziamento delle spese da effettuarsi all'estero Capo I - Procedure per il finanziamento

TITOLO Finanziamento delle spese da effettuarsi all'estero Capo I - Procedure per il finanziamento Leggi d'italia L. 6-2-1985 n. 15 Disciplina delle spese da effettuarsi all'estero dal Ministero degli affari esteri. Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 febbraio 1985, n. 39. Epigrafe TITOLO I Finanziamento

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1).

Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1). Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1). Nuove agevolazioni per la riscossione dei titoli di spesa dello Stato (2) (3). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 10 marzo 1962, n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno Allegato alla delibera camerale n. 145 del 1 ottobre 2013 Regolamento per l utilizzo delle carte di credito Articolo

Dettagli

MODELLO DI RICHIESTA DI INTERVENTO ASSISTENZIALE. PERSOMIL III REPARTO - 11^ - DIVISIONE - ROMA (sostituisce la lettera di trasmissione)

MODELLO DI RICHIESTA DI INTERVENTO ASSISTENZIALE. PERSOMIL III REPARTO - 11^ - DIVISIONE - ROMA (sostituisce la lettera di trasmissione) Circolare n 313 in data 27/03/2001 Allegato A MODELLO DI RICHIESTA DI INTERVENTO ASSISTENZIALE A. SPAZIO RISERVATO AL COMANDO O ENTE CHE INOLTRA LA RICHIESTA A PERSOMIL III REPARTO - 11^ - DIVISIONE -

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI SOLARUSSA COTANO_ Provincia di Oristano REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

il / / scadenza il / /

il / / scadenza il / / Richiesta nominativa di nulla osta per familiare al seguito ai sensi dell art. 29 del D.Lg.vo n.286/98 come modificato dalla legge n.189/02 e art. 6 D.P.R. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RIPARTIZIONE ATTIVITA' SOCIALI REGOLAMENTO ASSISTENZA ECONOMICA

COMUNE DI PALERMO RIPARTIZIONE ATTIVITA' SOCIALI REGOLAMENTO ASSISTENZA ECONOMICA COMUNE DI PALERMO RIPARTIZIONE ATTIVITA' SOCIALI REGOLAMENTO ASSISTENZA ECONOMICA TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità 1) Il Comune attraverso le Circoscrizioni, per favorire il superamento della

Dettagli

INPS - Messaggio 13 febbraio 2015, n. 1116

INPS - Messaggio 13 febbraio 2015, n. 1116 INPS - Messaggio 13 febbraio 2015, n. 1116 Pagamento delle prestazioni all estero: accertamento dell esistenza in vita per l anno 2015 Si rende noto che il fornitore del servizio di pagamento delle prestazioni

Dettagli

CHIEDE. adeguamento degli impianti idrico sanitari ed elettrici strettamente funzionali all intervento (sono esclusi gli interventi sulla rete

CHIEDE. adeguamento degli impianti idrico sanitari ed elettrici strettamente funzionali all intervento (sono esclusi gli interventi sulla rete Domanda di concessione di contributo per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici residenziali privati ai sensi della Legge 9 gennaio 1989, n. 13 e della L.R. 31 marzo

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per il Piemonte

Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per il Piemonte Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per il Piemonte Torino, 22 maggio 2001 Prot. n 9474/P C 17 Circ. Reg. nr. 23 Ai Provveditori agli Studi della Regione LORO SEDI OGGETTO:

Dettagli

Pagina 1. Circolare n. 2/2010

Pagina 1. Circolare n. 2/2010 Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST in base alla Convenzione stipulata il 16.10.1998 tra il Ministero del Commercio con l Estero (ora Ministero dello Sviluppo Economico) e la SIMEST CIRCOLARE

Dettagli

ANTICIPAZIONE PRIMA CASA

ANTICIPAZIONE PRIMA CASA ANTICIPAZIONE PRIMA CASA NON PUO ESSERE INVIATO VIA FAX 1. DATI DELL ADERENTE Cognome: Nome: Codice Fiscale: Sesso: M F Data di nascita: / / Comune di nascita: Prov: ( ) Tel.: Indirizzo di residenza: CAP:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE

AVVISO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE Allegato 1 AVVISO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE Ai sensi dell'accordo Quadro tra il Comune di Todi e l'ipab La Consolazione ETAB per la realizzazione di attività nell'ambito del

Dettagli

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE

P.O.R. Sardegna 2000 2006. Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio. Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE P.O.R. Sardegna 2000 2006 Misura 3.13 Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio Azione CREAZIONE IMPRESE INNOVATIVE CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Piano di sviluppo aziendale VRT 02/08-00

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO PRESTITO D ONORE

REGOLAMENTO SERVIZIO PRESTITO D ONORE REGOLAMENTO SERVIZIO PRESTITO D ONORE Premesso che : La delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 19/02/2014 prevede l istituzione di un fondo per il PRESTITO D ONORE a favore di cittadini o famiglie residenti

Dettagli

CITTÀ DI MARCIANISE Provincia di Caserta

CITTÀ DI MARCIANISE Provincia di Caserta CITTÀ DI MARCIANISE Provincia di Caserta AVVISO PUBBLICO per il conferimento incarico Responsabile del Servizio di Prevenzione ai sensi del D. Lgs. n. 81/2008. IL DATORE DI LAVORO Premesso che con Delibera

Dettagli

DOMANDA DI ACCESSO AL CREDITO SOCIALE

DOMANDA DI ACCESSO AL CREDITO SOCIALE ALLEGATO 1 DOMANDA DI ACCESSO AL CREDITO SOCIALE UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA FONDO SOCIALE EUROPEO Spazio riservato agli uffici Data ricezione della domanda Numero di protocollo

Dettagli

Regolamento dell Albo delle Associazioni

Regolamento dell Albo delle Associazioni COMUNE DI SANT ANGELO DI PIOVE Regolamento dell Albo delle Associazioni e della concessione di benefici finanziari e vantaggi economici Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 56 del 20.12.2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti

Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti Principi di funzionamento, di indirizzo e regolamentazione dell'albo pretorio e della notificazione e del deposito degli atti Titolo I - Albo Pretorio Informatico 1. Albo Pretorio L Albo Pretorio on line

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII N. 152284 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, riguardante disposizioni sull amministrazione del patrimonio e sulla

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 febbraio 2015 Modalita' di utilizzo delle risorse non utilizzate del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di ricerca e riparto

Dettagli

Approfondimento: l assistenza sanitaria

Approfondimento: l assistenza sanitaria Approfondimento: l assistenza sanitaria 1) L'assistenza sanitaria per i cittadini extracomunitari I cittadini stranieri extracomunitari che soggiornano in Italia possono usufruire dell assistenza sanitaria

Dettagli

IL VISTO D'INGRESSO. lavoro autonomo; lavoro subordinato; cure mediche; motivi religiosi; affari; diplomatico; adozione; familiare al seguito;

IL VISTO D'INGRESSO. lavoro autonomo; lavoro subordinato; cure mediche; motivi religiosi; affari; diplomatico; adozione; familiare al seguito; IL VISTO D'INGRESSO I cittadini che intendono soggiornare sul territorio italiano devono esibire alla frontiera la documentazione che giustifichi il loro ingresso e, nei casi previsti, la disponibilità

Dettagli

I - FINALITÀ E DIFFUSIONE

I - FINALITÀ E DIFFUSIONE Comune di Bresso Regolamento per l iscrizione all Albo delle Associazioni e per la concessione di benefici finanziari e vantaggi economici a: Associazioni, Istituzioni, Enti. Approvato con deliberazione

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per. ricongiungimento familiare ai sensi. dell art. 29 del D.LG.VO n.286/98

Richiesta nominativa di nulla osta per. ricongiungimento familiare ai sensi. dell art. 29 del D.LG.VO n.286/98 Richiesta nominativa di nulla osta per Allo Sportello Unico per ricongiungimento familiare ai sensi l Immigrazione dell art. 29 del D.LG.VO n.286/98 di come modificato dalla legge n.189/02 sigla provincia

Dettagli

2 CORSO MANUTENZIONE ARMI STORICHE ed EX ORDINANZA 2014

2 CORSO MANUTENZIONE ARMI STORICHE ed EX ORDINANZA 2014 2 CORSO MANUTENZIONE ARMI STORICHE ed EX ORDINANZA 2014 Io sottoscritto..... residente a.... in Via cap prov.... e-mail.. cell. C.F..... chiedo di partecipare al 2 CORSO MANUTENZIONE ARMI STORICHE ed EX

Dettagli

DECRETO 6 AGOSTO 2003 pubblicato sulla g.u. n. 197 del 26 agosto 2003

DECRETO 6 AGOSTO 2003 pubblicato sulla g.u. n. 197 del 26 agosto 2003 DECRETO 6 AGOSTO 2003 pubblicato sulla g.u. n. 197 del 26 agosto 2003 Nuove procedure per i pagamenti e gli incassi delle amministrazioni statali da effettuarsi in valuta in euro nei Paesi non aderenti

Dettagli

RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09)

RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09) RICHIESTA CONCESSIONE BUONO SOCIALE PER SOSTEGNO SPESE ASSISTENTI FAMILIARI (vers. 01 feb. 09) Il/la sottoscritto/a nato/a a prov. il tel. residente a Nova Milanese in via C.F. CHIEDE che gli/le venga

Dettagli

Il sottoscritto/a ( persona disabile ) residente a cap. via...n. civico... tel. e-mail (1) C.F.. in qualità di: proprietario affittuario altro (2).

Il sottoscritto/a ( persona disabile ) residente a cap. via...n. civico... tel. e-mail (1) C.F.. in qualità di: proprietario affittuario altro (2). Comune di Brescia Settore Mobilità, eliminazione barriere architettoniche e trasporto pubblico Via Marconi, 12-25128 BRESCIA Tel. 030/2978496-030/2977669 e-mail: ufficioeba@comune.brescia.it Marca da bollo

Dettagli

DOMANDA DI CONCESSIONE DI UN PRESTITO (IPOTECA)

DOMANDA DI CONCESSIONE DI UN PRESTITO (IPOTECA) DOMANDA DI CONCESSIONE DI UN PRESTITO (IPOTECA) MOD. 13_12 Rev. 3 Il/la sottoscritto/a (Cognome) (nome) Nato/a a il Residente in Prov. Via N CAP Tel. / Cellulare / Pec E-mail Codice Fiscale Compilare la

Dettagli

Circolare N.13 del 23 Gennaio 2013. Erogazioni liberali per progetti culturali. Comunicazione entro il 31.01.2013

Circolare N.13 del 23 Gennaio 2013. Erogazioni liberali per progetti culturali. Comunicazione entro il 31.01.2013 Circolare N.13 del 23 Gennaio 2013 Erogazioni liberali per progetti culturali. Comunicazione entro il 31.01.2013 Erogazioni liberali per progetti culturali: comunicazione entro il 31.01.2013 Gentile cliente,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI TORRI DEL BENACO PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Delibera di Consiglio Comunale n. 6

Dettagli

Il Presidente della Giunta regionale

Il Presidente della Giunta regionale D.P.G.R. 12 settembre 1988 n. 0366/Pres. Regolamento sulle modalità e sulle norme relative all'iscrizione nell'elenco regionale delle associazioni di volontariato e dei volontari singoli ad alta specializzazione,

Dettagli

C O M U N E D I C E N T U R I P E Provincia di Enna Partita IVA 00102530862- Tel.:0935/919411 fax:0935/919417 Piazza Lanuvio, 28

C O M U N E D I C E N T U R I P E Provincia di Enna Partita IVA 00102530862- Tel.:0935/919411 fax:0935/919417 Piazza Lanuvio, 28 C O M U N E D I C E N T U R I P E Provincia di Enna Partita IVA 00102530862- Tel.:0935/919411 fax:0935/919417 Piazza Lanuvio, 28 Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili

Dettagli

VADEMECUM TRAFERIMENTO ALL ESTERO

VADEMECUM TRAFERIMENTO ALL ESTERO VADEMECUM TRAFERIMENTO ALL ESTERO Guida pratica al trasferimento (Cosa fare ed a quale Ufficio rivolgersi per il corretto e celere adempimento dell iter procedurale relativo al servizio all estero). Il

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 12 marzo 2008 Sperimentazione per l'anno 2008 delle prestazioni occasionali di tipo accessorio nel settore delle vendemmie. (GU n. 102 del 2-5-2008

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 30 aprile 2015 Definizione di nuove modalita' di emissione, di natura informatica, degli ordinativi di pagamento da parte dei titolari di contabilita' speciale.

Dettagli

1) Qual è la normativa di riferimento? 2) Chi può richiedere il ricongiungimento familiare? 3) Per quali familiari si può richiedere?

1) Qual è la normativa di riferimento? 2) Chi può richiedere il ricongiungimento familiare? 3) Per quali familiari si può richiedere? LA PROCEDURA DI RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE PER I CITTADINI STRANIERI RESIDENTI IN PROVINCIA DI VARESE - Risposte a domande frequenti - A cura del Coordinamento della Rete territoriale di sportelli per

Dettagli

CHIEDE. Esempio: Adeguamento porte interne Adeguamento servizio igienico

CHIEDE. Esempio: Adeguamento porte interne Adeguamento servizio igienico Domanda di concessione di contributo per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati, ai sensi della legge 9 gennaio 1989, n. 13 per edifici, spazi e servizi esistenti

Dettagli

COMUNE DI PIADENA (Provincia di Cremona) (Piazza Garibaldi, 3 telefono 0375/98125-98328 fax n. 0375/98733)

COMUNE DI PIADENA (Provincia di Cremona) (Piazza Garibaldi, 3 telefono 0375/98125-98328 fax n. 0375/98733) COMUNE DI PIADENA (Provincia di Cremona) (Piazza Garibaldi, 3 telefono 0375/98125-98328 fax n. 0375/98733) REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI DI SOLIDARIETA (Art. 35 Legge Regionale Lombardia

Dettagli

Comune di Villa San Pietro

Comune di Villa San Pietro Comune di Villa San Pietro Provincia di Cagliari Piazza San Pietro,6-09010 Villa San Pietro (CA) - Tel.070/90.77.01 - Fax.070/90.74.19 c.f. 00492250923 www.comune.villasanpietro.ca.it AREA SOCIO-ASSISTENZIALE

Dettagli

RICONOSCIMENTO DI TITOLI DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE ACQUISITI FUORI DALL ITALIA AL FINE DELL ESERCIZIO IN ITALIA DI ALCUNE ATTIVITA REGOLAMENTATE

RICONOSCIMENTO DI TITOLI DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE ACQUISITI FUORI DALL ITALIA AL FINE DELL ESERCIZIO IN ITALIA DI ALCUNE ATTIVITA REGOLAMENTATE DIREZIONE GENERALE PER IL COMMERCIO, LE ASSICURAZIONI E I SERVIZI UFFICIO B4 REGISTRO DELLE IMPRESE RICONOSCIMENTO DI TITOLI DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE ACQUISITI FUORI DALL ITALIA AL FINE DELL ESERCIZIO

Dettagli

Articolo 3 Investimenti ammessi e non ammessi a contributo Sono ammessi al contributo camerale

Articolo 3 Investimenti ammessi e non ammessi a contributo Sono ammessi al contributo camerale CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE AGRICOLE FINALIZZATI ALL'INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LA PROMOZIONE DEI PROPRI PRODOTTI E ATTIVITÀ (approvato dalla Giunta camerale con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SEGRATE Provincia di Milano * * * * * REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE FISICHE, ENTI ED ASSOCIAZIONI

COMUNE DI SEGRATE Provincia di Milano * * * * * REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE FISICHE, ENTI ED ASSOCIAZIONI COMUNE DI SEGRATE Provincia di Milano * * * * * REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE FISICHE, ENTI ED ASSOCIAZIONI (Approvato con delibera C.C. n. 82/92 e C.S. 165/96) Art. 1

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 11-10-2013 Messaggio n. 16295 Allegati n.5 OGGETTO: accertamento

Dettagli

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti.

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti. ALLEGATO A Linee guida ai Comuni per l erogazione dei contributi per la fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri di testo, per l anno scolastico 2013-2014, a favore degli alunni residenti nel Lazio,

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.3 del 19.03.2012 COMUNE DI OLGIATE OLONA Provincia di Varese REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI

Dettagli

Il sottoscritto... nato a... il... abitante a (1).. C.F.. in qualità di: proprietario affittuario altro (2).

Il sottoscritto... nato a... il... abitante a (1).. C.F.. in qualità di: proprietario affittuario altro (2). Marca da bollo 16,00= AL SINDACO DEL COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI PROVINCIA DI MILANO DOMANDA di concessione di contributo per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici

Dettagli

PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI NATURA ECONOMICA

PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI NATURA ECONOMICA Comune di Sondrio REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI NATURA ECONOMICA IN FAVORE DI SOGGETTI IN STATO DI BISOGNO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 26.02.2010 1 INDICE

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE. Disciplinare per la gestione del Fondo Economale

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE. Disciplinare per la gestione del Fondo Economale ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Disciplinare per la gestione del Fondo Economale pagina 2 indice Articolo 1 Principi generali... pag. 3 Articolo 2 Costituzione del fondo economale... pag. 3 Articolo

Dettagli

FACSIMILE DI RICHIESTA LIQUIDAZIONE FINANZIAMENTO

FACSIMILE DI RICHIESTA LIQUIDAZIONE FINANZIAMENTO Allegato n. 1 FACSIMILE DI RICHIESTA LIQUIDAZIONE FINANZIAMENTO Il/La sottoscritto/a Presidente dell Associazione/Circolo Alla Provincia Autonoma di Bolzano Ripartizione Cultura Italiana UFFICIO CULTURA

Dettagli

DOMANDA DI PRESTITO SOCIALE D ONORE Legge regionale 24 luglio 2007, n. 25 e regolamento regionale del 25 gennaio 2011, n. 1

DOMANDA DI PRESTITO SOCIALE D ONORE Legge regionale 24 luglio 2007, n. 25 e regolamento regionale del 25 gennaio 2011, n. 1 Allegato 2) ZONA SOCIALE N. 6 DOMANDA DI PRESTITO SOCIALE D ONORE Legge regionale 24 luglio 2007, n. 25 e regolamento regionale del 25 gennaio 2011, n. 1 AL SINDACO DEL COMUNE DI Oggetto: DOMANDA DI PRESTITO

Dettagli

NAZIONALE Data pubblicazione: 20-11-2013 Data scadenza: 31-12-2013

NAZIONALE Data pubblicazione: 20-11-2013 Data scadenza: 31-12-2013 PAG. 1 Contributi a favore delle associazioni di volontariato ed onlus per l'acquisto di ambulanze, beni strumentali e beni da donare a strutture sanitarie pubbliche NAZIONALE Data pubblicazione: 20-11-2013

Dettagli

AVVISO DI VALUTAZIONE COMPARATIVA n.02/2015 METE

AVVISO DI VALUTAZIONE COMPARATIVA n.02/2015 METE Camerino, 14 dicembre 2015 Esposto in data 15 dicembre 2015 Ritirato in data 8 gennaio 2016 AVVISO DI VALUTAZIONE COMPARATIVA n.02/2015 METE AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO PER IL MASTER UNIVERSITARIO

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna)

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) 1 COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA A FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI INDIGENZA Approvato

Dettagli

Moduli di autocertificazione

Moduli di autocertificazione Moduli di autocertificazione In base al D.P.R. 28.12.2000 n. 445 il cittadino può ricorrere all'autocertificazione per la sostituzione e la riduzione dell'uso dei certificati. Tale D.P.R. permette la sostituzione

Dettagli

ART. 2 - CONTRIBUTI PER IL RIMBORSO TOTALE O PARZIALE DEI LIBRI DI TESTO

ART. 2 - CONTRIBUTI PER IL RIMBORSO TOTALE O PARZIALE DEI LIBRI DI TESTO BANDO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO Bandi unici per l assegnazione di benefici rivolti agli studenti iscritti alle scuole localizzate sul territorio comunale di Castiglione della Pescaia Anno scolastico

Dettagli

MACROAREA B Intervento g1 PROGETTI SPERIMENTALI

MACROAREA B Intervento g1 PROGETTI SPERIMENTALI FONDO PROVINCIALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI DOMANDA DI CONTRIBUTO MACROAREA B Intervento g1 PROGETTI SPERIMENTALI Marca da bollo da 14,62 (esclusi enti pubblici, ONLUS, Federazioni sportive, Enti

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI DEMOGRAFICI DEL COMUNE

GUIDA AI SERVIZI DEMOGRAFICI DEL COMUNE Comune di CORTEOLONA Provincia di PAVIA 27014 Corteolona (PV) Via Garibaldi, 8 www.comune.corteolona.pv.it Tel. 0382 70024 Fax. 0382 71519 E-mail demografici@comune.corteolona.pv.it GUIDA AI SERVIZI DEMOGRAFICI

Dettagli

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti.

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti. ALLEGATO A Linee guida ai Comuni per l erogazione dei contributi per la fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri di testo, per l anno scolastico 2014-2015, a favore degli alunni residenti nel Lazio,

Dettagli

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014

Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Bando per la creazione ed il sostegno alle nuove imprese Bando aperto dal 17 settembre 2014 al 28 novembre 2014 Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Rimini, nell ambito delle iniziative promozionali

Dettagli

Legge 3 ottobre 1987, n. 398 -

Legge 3 ottobre 1987, n. 398 - Legge 3 ottobre 1987, n. 398 - Conversione, con modificazioni, del Decreto Legge 31 luglio 1987, n. 317, recante: Norme in materia di tutela dei lavoratori italiani operanti nei paesi extracomunitari e

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Conservatorio Statale di Musica Francesco Venezze ROVIGO

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Conservatorio Statale di Musica Francesco Venezze ROVIGO Prot. N 4856/E3 Rovigo, 02/10/2015 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Regolamento per il prestito e utilizzo degli strumenti musicali di proprietà del Conservatorio IL PRESIDENTE Vista

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMIGLIARI CHE VERSANO IN STATO DI BISOGNO

REGOLAMENTO DELLE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMIGLIARI CHE VERSANO IN STATO DI BISOGNO REGOLAMENTO DELLE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMIGLIARI CHE VERSANO IN STATO DI BISOGNO ART.1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi di natura economica

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese Provincia di Milano

Comune di San Giuliano Milanese Provincia di Milano Comune di San Giuliano Milanese Provincia di Milano Domanda ANF N /2015 AL SERVIZIO ISEE DEL COMUNE DI SAN GIULIANO MILANESE VIA DE NICOLA, 2 20098 SAN GIULIANO M.SE (MI) Domanda per la richiesta di concessione

Dettagli