SCELTE INTERTEMPORALI (cap. 20 Hey) Qui siamo nella situazione decisionale numero 1. Detto ciò:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCELTE INTERTEMPORALI (cap. 20 Hey) Qui siamo nella situazione decisionale numero 1. Detto ciò:"

Transcript

1 SCELTE INTERTEMPORALI (cap. 20 Hey) Anzitutto un preambolo: In Economia le scelte/decisioni vengono distinte in: 1. decisioni in situazioni di certezza 2. decisioni in situazioni di rischio 3. decisioni in situazioni di incertezza Qui siamo nella situazione decisionale numero 1. Detto ciò: COSA SI STUDIA? scelte ottime non miopi ovvero, alternative la cui utilità si realizzerà in momenti diversi del tempo. PERCHE' SI STUDIA? Perché molti problemi decisionali sono riconducibili alla tipologia di scelta intertemporale. Ognuno di noi è continuamente chiamato a fare scelte di questo tipo: acquistare una nuova casa, acquistare titoli a breve o a lunga scadenza, risparmiare in vista della pensione. In proposito, pensiamo al problema di scelta di un lavoratore: quando riceve lo stipendio egli dovrà decidere se il beneficio derivante dallo spendere 100 euro per una cena fuori casa è maggiore o minore di quello derivante dal depositarli in banca o investirli in titoli fruttiferi Insomma, consumo o risparmio? 1

2 IL PUNTO DOLENTE: La decisione di posticipare un beneficio nel futuro comporta necessariamente la rinuncia ad una serie di altri benefici che, con uguale costo monetario, potrebbero essere conseguiti prima di quello posticipato. LA VARIABILE CHIAVE: Il tasso di interesse. In effetti, famiglie e imprese (cioè noi) ci indebitiamo o meno secondo il costo del denaro. A livello di politica economica, il tasso è un importante strumento per gestire risparmi e investimenti (ricordate la IS-LM?). LE NOVITA': nella lezione precedente l'agente sceglieva COSA consumare nello stesso istante nella lezione odierna l'agente sceglie QUANTO consumare nel corso del tempo 2

3 IPOTESI SEMPLIFICATRICI 1. Due soli periodi, il periodo 1 e il periodo 2. Stessa estensione temporale? Non necessariamente: possiamo semplicemente interpretare il primo periodo come presente - o giovinezza - e il secondo come futuro, o vecchiaia. 2. C'è un solo bene 3. Non c'è inflazione 4. Nessuna incertezza, perfetta informazione in entrambi i periodi 5. Mercati dei capitali perfettamente concorrenziali: ogni individuo può liberamente partecipare al mercato ad un tasso di interesse costante (al solito, la domanda di un singolo non incide sul prezzo). 3

4 SCELTA INTERTEMPORALE: UOVO OGGI O GALLINA DOMANI? Se risparmio, rinuncio a consumare oggi per un maggior consumo=beneficio domani. Abbiamo detto che esistono due soli periodi (diciamo presente e futuro). In ogni periodo esiste un paniere composito di consumo (c): c1 indica il consumo nel presente; c2 indica il consumo nel futuro. 4

5 In ciascun periodo il consumatore ottiene un reddito (m): m1 nel presente; m2 nel futuro. Se NON esiste possibilità di trasferire reddito da un periodo a quello successivo NON si pone il problema del risparmio: il consumatore è costretto a consumare in ciascun periodo tutto e solo il reddito che ha a disposizione in quel periodo. I vincoli di bilancio diventano, banalmente c1=m1; c2=m2 5

6 SI PUO' RISPARMIARE Supponiamo che esista una merce chiamata moneta che ha la proprietà di conservare il proprio valore col trascorrere del tempo (si può tesoreggiare). Se indichiamo con s l ammontare di risparmio nel presente, possiamo introdurlo in entrambi i vincoli di bilancio: oggi consumo meno c1 + s = m1 per consumare di più domani c2 = m2 + s 6

7 POSSO PRENDERE A PRESTITO Non devo per forza risparmiare, posso anche farmi prestare dei soldi. Se indico con d il debito che contraggo con qualcuno: oggi consumo di più c1 = m1 + d ma devo consumare di meno domani c2 = m2 d 7

8 ULTERIORE IPOTESI SEMPLIFICATRICE Risparmiando otteniamo una remunerazione del nostro capitale (pari a r) Indebitandoci paghiamo un costo (pari a R). Se tutti restituissero i debiti e le banche fossero enti non-profit, allora r = R In realtà si ha sempre tassi passivi>tassi attivi, cioè si ha sempre R > r. Comunque per noi varrà R=r. 8

9 Un debito è un risparmio negativo: d = s => i due vincoli di bilancio nei due periodi diventano presente c1 = m1 s = m1 + d futuro c2 = m2 + s (1+ r) = m2 d (1+ r) 9

10 COMPATTIAMO I VINCOLI DI BILANCIO Esplicitiamo il vincolo del presente e sostituiamolo nel vincolo del futuro L ultima espressione prende il nome di vincolo di bilancio intertemporale = relazione tra il consumo di entrambi i periodi e il reddito di entrambi i periodi. Preferisco la gallina (c1=0): Se il consumatore decide di non consumare nulla nel periodo 1, può risparmiare l intero reddito m1, concedendolo a prestito al tasso di interesse r e ricevendo in cambio r m1. In questo modo, nel periodo 2 il consumatore disporrà di un reddito pari a (m1 +r m1)+m2=m1(1+r)+m2 ottenendo il massimo livello di consumo nel periodo 2 (è la nota formula del montante). Preferisco l'uovo (c2=0): Il caso opposto è quello di un consumatore con consumo nullo nel periodo 2: nel primo periodo il consumatore spende m1 per intero più l ammontare di moneta che può prendere a prestito dato il reddito m2 percepito nel secondo periodo, ovvero m1 + m2/(1+r). Una via di mezzo (più probabile) tra uovo e gallina è: se nel periodo 1 si prende a prestito la quantità (c1 m1), nel periodo 2 si dovrà restituire tale ammontare più l interesse maturato, vale a dire (c1 m1)(1+r). 10

11 Ne consegue che la differenza (m2 c2), ovvero il reddito non consumato ovvero il risparmio, deve uguagliare questa somma (è un gioco a somma zero). Il vincolo di bilancio viene pertanto definito dall espressione: (c1 m1)(1+r) = m2 c2 che è un altro modo di scrivere il vincolo di bilancio intertemporale prima visto: c1(1+ r)+ c2 = m2 + m1(1+ r) 11

12 VINCOLO DI BILANCIO IN VERSIONE ATTUALIZZATA Questo è un ulteriore modo alternativo di visualizzare il vincolo di bilancio. Per esprimerlo in present value (PV) si divide per (1+ r) la precedente espressione c1(1+ r)+ c2 = m2 + m1(1+ r) ottenendo: c1 + c2/(1+ r) = m2/(1+ r) + m1 In questa forma, il vincolo di bilancio esprime l uguaglianza tra il valore attuale del flusso di consumo e il valore attuale del flusso di reddito. 12

13 RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE DEL VINCOLO DI BILANCIO Si può rappresentare graficamente il vincolo di bilancio intertemporale come segue: L'espressione analitica ci dice che 1 euro nel presente vale (1+ r) euro nel futuro. Quindi spendere 1 euro oggi ha un costo opportunità di (1+ r), dove r è il mancato guadagno (in termini di interessi) cui rinunciamo. Rinfrescando i nostri studi di Economia Politica si può approfondire ancor di più anche per vedere come la scelta tra due beni diversi ma contemporanei (x1 e x2) equivale alla nostra scelta tra consumo presente e futuro (c1 e c2): 13

14 Dato che l inclinazione del vincolo di bilancio intertemporale è (1+r), allora il tasso d interesse può essere definito come: il prezzo relativo del consumo presente rispetto al consumo futuro. Di seguito vi offro un altro grafico utile per un ulteriore definizione: il Punto delle Dotazioni 14

15 La definizione di punto delle dotazioni si capisce meglio dicendo che esso è anche detto anche punto di autarchia. In quest ultima accezione è più chiaro che questo punto è quello che si determina quando il consumatore sceglie di far da sé, spendendo interamente il suo reddito in ciascun periodo (oppure è obbligato a far da sé a causa dal credit crunch, ma questa è un'altra storia...). In formule: c1=m1; c2=m2. 15

16 ANALISI GRAFICA DELLA VARIAZIONE DI r Dato che il vincolo di bilancio intertemporale è rappresentato da una retta con inclinazione (1+r) nello spazio dei punti (c1, c2), allora, per r = 0, la retta di bilancio intertemporale ha un inclinazione pari a -1. Più importante: un tasso di interesse più elevato è associato ad un inclinazione maggiore (in valore assoluto) del vincolo e, all aumentare del tasso di interesse, la retta di bilancio intertemporale ruota in senso orario intorno al punto di autarchia. Facciamo il grafico (preso, come i seguenti, dal libro di Hey) con r=0,2 (tasso del 20%), m1=30, m2= 50. Notiamo che: la retta di bilancio passa per il punto (30, 50) che è il punto di autarchia (X) poiché egli si autofinanzia e non ricorre al mercato dei capitali. m1+m2=80; c1<80; c2>80. Perche? 16

17 Se il consumatore decide di consumare tutto nel periodo 1, può disporre al massimo di un reddito pari a: 30 (il reddito del periodo 1) PIU' 50/1.2 = (m2/(1+r)=l ammontare che può prendere a prestito nel periodo 1, sapendo di doverlo restituire nel periodo 2 ad un tasso di interesse del 20%, dato m2 = 50) UGUALE (il valore dell intercetta orizzontale). Viceversa, se il consumatore decide di concentrare tutto il proprio consumo nel secondo periodo, nel periodo 2 consumerà 30*1.2 = 36 => = 86 (= il valore dell intercetta verticale) Nell esempio rappresentato in figura l inclinazione del vincolo di bilancio 17

18 intertemporale è pari a -86/71,66 = Ovvero, -1 più il tasso di interesse. Insomma, l'uguaglianza c1 + c2/(1+ r) = m2/(1+ r) + m1 ci esplicita che: 1 euro domani equivale a 1/(1 + r) euro oggi. Ha una sua logica: dato che r>0 => 1> [1/(1 + r)] e, in effetti, logica vuole che gallina>uovo 18

19 OTTIMA ALLOCAZIONE DEL CONSUMO Una volta disegnato il vincolo di bilancio intertemporale, per definire l ottima allocazione del consumo nei due periodi, è necessario definire le preferenze (fz. di utilità) del consumatore su tutte le possibili combinazioni di consumo (c1, c2). Siamo alle solite: c'è da fare una massimizzazione vincolata tra reddito e utilità. Che proprietà dovrebbe possedere una mappa di curve di indifferenza disegnata nello spazio dei punti (c1, c2)? Ricordiamocelo: Primo, la mappa dovrebbe essere convessa rispetto all origine (inclinata negativ. e curva): una diminuzione del consumo nel periodo 2 deve essere compensata da un incremento corrispondente del consumo nel periodo 1; tanto maggiore è il livello di consumo di uno dei due beni (rispetto all altro), tanto più il bene più consumato deve aumentare per compensare (ci muoviamo lungo la stessa CI) la riduzione del bene meno consumato. Ricordo il calcolo del SMS: Supponiamo che il consumatore cambi il consumo di quantità pari a c1 e c2. La sua utilità cambia così: U=U 1 c1 + U 2 c2 Se vuole rimanere sulla stessa CI allora: U = 0 = U 1 c1 + U 2 c2 => -U 1 U 2 = c2/ c1 => SMS = U 1 U 2 = -( c2/ c1) Secondo, la mappa delle curve di indifferenza deve essere simmetrica. Questa proprietà è necessaria solo se il consumatore NON attribuisce un peso diverso al consumo in uno due periodi. In realtà ciò è raro: chi tra voi rinuncerebbe a un uovo oggi per avere un uovo domani? Il tempo è denaro! 19

20 Comunque, l'ipotesi di simmetria agevola nel disegnare la figura 20.3 che, a sua volta, dà un'intuizione degli effetti di una variazione del tasso di interesse sulla scelta intertemporale ottima. Nella figura 20.3, si assume m1=30, m2=50, r=0 => coefficiente angolare = -1 (infatti notate che le intercette sono entrambe 30+50). Ciò implica che il consumatore può ottenere 1 unità di consumo aggiuntiva nel periodo 1 per ogni unità di consumo in meno nel periodo 2 e vice versa. La dotazione iniziale di reddito è, al solito, indicata con X. La scelta ottima (indicata con un asterisco) si colloca sulla curva di indifferenza più alta nel punto di tangenza con la retta di bilancio intertemporale. Due NB 1. Con preferenze simmetriche e un tasso di interesse nullo, anche il punto di ottimo è simmetrico rispetto all origine. Il consumatore, infatti, domanda 40 unità di consumo sia nel periodo 1 che nel periodo 2, ricorrendo al mercato dei capitali per ottenere un identico livello di consumo nei due periodi. 2. Dato che m1=30 e dato che m1_ottimo = 40 => il consumatore si comporta da debitore. 20

21 VARIAZIONE NEL TASSO D'INTERESSE (un po' più formale) Varia il tasso di interesse => varia il prezzo relativo del presente rispetto al futuro. Graficamente, abbiamo già detto che un aumento del tasso di interesse fa ruotare il vincolo di bilancio intertemporale facendo perno sulla dotazione iniziale. Ricordo che l inclinazione è (1+r) => se aumenta r => aumenta l inclinazione (diventa più verticale). Logica: se i tassi sono alti voi che scegliereste tra risparmio e consumo? Detto del vincolo di bilancio necessita parlare delle utilità e, cioè, delle preferenze. 21

22 Se il consumatore esprime le sue preferenze tra consumo presente e consumo futuro attraverso una funzione di utilità del tipo U=(c1,c2), allora: 1) possiamo tracciare delle curve di indifferenza intertemporali, 2) definire un tasso di sostituzione intertemporale ( c2/ c1). Il tasso di sostituzione intertemporale descrive quanto il consumatore valuta (l'utilità de) il consumo futuro in termini di consumo presente. Analizziamo l'uguaglianza: Se è MAGGIORE DI UNO: allora il consumatore ha preferenze intertemporali positive: lui, come moltissimi di noi, per rinunciare a una unità di consumo presente e rimanere indifferente chiede più di una unità di consumo futura ( c2> c1). Gallina>Uovo. Se è MINORE DI UNO: allora il consumatore ha preferenze intertemporali negative: il consumo presente soddisfa un bisogno di consumo forte e immediato (non posso aspettare). Se è PARI A UNO: allora il consumatore ha preferenze intertemporali neutrali: simmetria: presente e futuro sono uguali. 22

23 Disegniamo due agenti (A e B) con preferenze intertemporali diverse ma redditi uguali. In equilibrio i consumatori eguagliano il saggio marginale di sostituzione intertemporale ai prezzi relativi (nb sia le CI che il vincolo hanno inclinazione negativa): Il signor A ed il signor B sono entrambi in equilibrio (curve tangenti). Ma, nel primo periodo (il presente ): il signor B sovraconsuma (si indebita poiché nel suo caso m1<m1_ottimo) il signor A risparmia (è un creditore), Per vederlo nel grafico scendete verticalmente da A e da B e confrontate il punto ottenuto con m1. Cosa succede a questi agenti quando aumenta il tasso di interesse? Ok, il vincolo ruota, ma poi? 23

24 Il signor B ridurrà sicuramente il suo debito: se cresce r allora c1 diventa più costoso poiché gli conviene risparmiare (effetto di sostituzione). Se cresce r, inoltre, egli avrà di fronte un maggior onere di restituzione del debito (effetto di reddito). Anche il minor reddito spinge a ridurre c1. Poiché entrambi gli effetti vanno nella stessa direzione, per i debitori è certo che un aumento del tasso di interesse fa aumentare il risparmio (=ridurre il debito). Il signor A invece sperimenta: un effetto di sostituzione che, come per B, induce un aumento del consumo futuro. un effetto di reddito che, invece, induce un aumento del consumo corrente poiché, essendo creditore, dallo stesso ammontare di risparmio lucra ora un flusso di interessi maggiori. Pertanto: Ex ante non si può essere certi dell'effetto di r sulla scelta consumo/risparmio di un creditore. 24

25 Studiamo ora le tre seguenti asserzioni: 1. Il consumatore prende a prestito per valori bassi del tasso di interesse, 2. l ammontare del prestito si riduce all aumentare del tasso di interesse, 3. il consumatore diventa creditore per valori sufficientemente alti di r. Esse sono logiche (vero?) e hanno validità generale, ma la forma delle preferenze influisce. Nel caso di simmetria (preferenze neutrali), la relazione tra risparmio e tasso di interesse diventa: La curva blu è la domanda netta di consumo del periodo 1. Nel tratto positivo essa rappresenta la somma di denaro presa a prestito nel periodo 1 (per poter sovraconsumare i.e. m1<c1), mentre quando diventa negativa rappresenta il livello di risparmio del periodo stesso. Come si vede nella figura, questa domanda si annulla per un tasso pari a 1.68 (vale a dire un tasso di interesse del 68%), per poi assumere valori negativi (cf. punto 3). La curva rossa è la domanda netta di consumo del periodo 2 Per valori negativi, essa rappresenta l ammontare del prestito da restituire nel periodo 2 (incluso l interesse maturato), mentre per valori positivi rappresenta il rendimento totale del risparmio del periodo 1. Le due curve intersecano l asse delle ascisse esattamente nello stesso punto: l individuo che prende a prestito nel periodo 1, infatti, deve restituire quanto preso a prestito nel periodo 2 e viceversa. E ovvio che qui il gioco è a somma zero. Un fattore che influenza in maniera cruciale la scelta intertemporale è la dotazione iniziale di reddito. 25

26 All'aumentare di m1 (cfr. ascisse), la relazione tra le due domande nette e m1 può essere esemplificata come nella seguente figura (20.6). Per valori sufficientemente elevati di m1 (nella figura oltre m1=40), il consumatore abbandona la posizione di debitore e inizia a comportarsi da risparmiatore. Ricordo, infatti, che la retta blu è la domanda netta di consumo del periodo 1: nel tratto positivo essa rappresenta la somma di denaro presa a prestito nel periodo 1 (per poter sovraconsumare i.e. m1<c1). Simmetricamente per la linea rossa. Ma il vincolo di bilancio è solo metà di quanto ci serve per l ottima allocazione in casi più generali. Qui abbiamo assunto la poco realistica simmetria (preferenze neutrali tra presente e futuro). Ma che succede se l'agente assegna un peso maggiore al consumo corrente (o futuro)? Lo approfondiremo nella lezione sull'utilità scontata. Però ve ne dò un assaggio grafico confrontando la simmetria con il caso in cui l agente dà più peso a c1 26

27 Simmetria in 20.3, più peso a c1 in 20.9 Cosa si nota: 1) Figure 20.3 ha curve simmetriche, nella 20.9 le curve non sono più tali 2) Nella 20.9 l ottimo (asterisco), non è più in

28 Simmetria in 20.4, più peso a c1 in Cosa si nota? Rispetto alla situazione descritta in 20.4 nella si prende a prestito molto di più. Infatti il tratto positivo della linea blu rappresenta la somma di denaro presa a prestito nel periodo 1 (per poter sovraconsumare i.e. m1<c1). Logica: ora c1 mi piace di più e quindi mi indebito di più per averne di più. 28

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti)

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi. Mutuante o creditore = chi concede il

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1 Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13 ESERCIZIO n. 1 [Krugman, Obstfeld e Melitz, Capitolo 3: Problemi n. 1, 2, 3, 4, 5 e 9 (pp. 66 67)] SOLUZIONE 1. Il paese H ha a disposizione

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

giuseppestablum.it LE PERCENTUALI

giuseppestablum.it LE PERCENTUALI LE PERCENTUALI 1 Nella scuola Villa 54 alunni su 180 hanno avuto "ottimo" come valutazione finale, mentre nella scuola Oggioni hanno avuto "ottimo" 65 alunni su 240. Quale scuola è stata "migliore"? 2

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E 1865 SARDINIA Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E Attenzione: il regolamento originale va comunque letto. Il presente sunto ha il solo scopo di fare da introduzione e veloce

Dettagli

Dietro la curva di domanda: Q d =Q d (P) Ovvero: Come ci comportiamo? E perché? (Capitolo 3 del libro di testo di micro)

Dietro la curva di domanda: Q d =Q d (P) Ovvero: Come ci comportiamo? E perché? (Capitolo 3 del libro di testo di micro) Dietro la curva di domanda: Q d =Q d (P) Ovvero: Come ci comportiamo? E perché? (Capitolo 3 del libro di testo di micro) Mio Prologo Ripeto i concetti della prima lezione: Nessun uomo dovrebbe essere un'isola:

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB)

ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) Materiali delle lezioni di Giancarlo Vecchi (a cura di) / Politecnico di Milano ANALYTIC HIERACHY PROCESS (AHP) E ANALISI COSTI BENEFICI (ACB) 1. Le due gerarchie di dominananza Il metodo AHP può essere

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli