Fallimenti del mercato tradizionale del credito e Micro nanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fallimenti del mercato tradizionale del credito e Micro nanza"

Transcript

1 Università del Salento FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Scienze Economiche e Matematico-Statistiche Master di II livello (PIT 9.4) ANALISI DEI MERCATI E SVILUPPO LOCALE Fallimenti del mercato tradizionale del credito e Micro nanza LECTURE NOTES Modulo di Politiche economiche per lo sviluppo locale: presupposti teorici, obiettivi e strumenti operativi (M2, Area Tematica AT3) Dott.ssa Lucia Dalla Pellegrina Università Milano-Bicocca maggio

2 Tre sono i principali canali di erogazione del credito nei paesi in via di sviluppo. Credito bancario Credito informale Microcredito (Credito di gruppo) Analizzeremo le peculiarità di ciascuno dei tre canali, prestando particolare attenzione alle caratteristiche delle singole modalità di nanziamento (chi sono i datori e i prenditori di fondi, quali sono le forme di mercato che governano l erogazione dei prestiti, qual è il livello dei tassi d interesse e l esistenza o meno di garanzie sul prestito), alla teoria economica, e all evidenza legata al successo o all insuccesso delle varie forme di nanziamento. IL CANALE BANCARIO In primo luogo, è necessario richiamare l attenzione sul cattivo funzionamento del canale bancario nei paesi in via di sviluppo, e in particolare in quelli più poveri. Infatti, i contratti bancari sono prestiti normalmente soggetti a garanzia/collateral (di solito reale, come il pegno o l ipoteca). Tuttavia, va sottolineato che nel contesto di povertà che contraddistingue i paesi in via di sviluppo, tali garanzie non sono di facile identi cazione. Infatti, in linea generale, le banche non sono disposte ad accettare in garanzia beni che, sebbene possano avere un valore molto elevato per il prenditore di fondi, sono nel contempo di di cile transazione sul mercato. La teoria economica suggerisce che prestiti senza garanzia, o con garanzia non su cientemente capiente, rendono il meccanismo di allocazione del credito sensibile a problemi di asimmetrie informative (adverse selection e moral hazard). Analizziamo innanzitutto il caso di adverse selection (informazione nascosta), messo in luce da Stiglitz e Weiss nel Immaginiamo che venga contratto un prestito di entità L per nanziare un progetto avente un ricavo pari a Q, dove Q F (Q; ); e 2 ; è la varianza/rischiosità del progetto (non nota alla banca); il valore del collateral (non immediatamente liquidabile ai ni del rimborso del prestito) è pari a C; l importo da restituire a scadenza, se il progetto ha successo, è L(1 + i), dove i è il tasso d interesse richiesto dalla banca, mentre in caso di insuccesso (e quindi di insolvenza) la banca si appropria della garanzia, C, più la quota di ricavo residuo (Q). A questo punto, si può de nire il pro tto atteso del prenditore come il massimo valore tra il ricavo prodotto dal progetto, al netto dell importo da restituire alla banca, e il valore (negativo, poichè viene ceduto alla banca) del collateral. E ( B ) = max [Q (1 + i) L; C] Il pro tto atteso della banca sarà invece costituito dal minimo valore tra l ammontare del prestito, maggiorato degli interessi, e la garanzia, a cui si deve sommare il ricavo residuo. 2

3 Profitto datore i* i Figure 1: Stiglitz-Weiss, E ( L ) = min [(1 + i) L; C + Q] Dal momento che il pro tto atteso del prenditore è limitato inferiormente dal valore ( sso) del collateral, è facile dimostrare che, dato il tasso d interesse i, al crescere della varianza (o rischiosità) del progetto aumenta il pro tto atteso del prenditore, perciò solo prenditori che hanno progetti rischiosi, ossia con una varianza superiore ad un certo valore che de niamo b, prendono a prestito. Inoltre, si dimostra che all aumentare del tasso d interesse aumenta anche il valore-soglia b che de nisce la rischiosità minima del progetto richiesta a nchè il prenditore sia disposto ad accettare il contratto bancario. Analogamente, siccome il pro tto atteso della banca è limitato superiormente da (1 + i) L, si dimostra che, dato il tasso d interesse, al crescere della varianza tale pro tto diminuisce, perciò i datori preferiscono nanziare progetti con basso (sicuri). Di conseguenza, si può osservare come un aumento del tasso d interesse provoca sì un incremento dei pro tti del datore di fondi, ma via via che il tasso assume valori sempre più elevati si veri ca un fenomeno di selezione avversa tale per cui sono proprio i prenditori più sicuri e con maggiore probabilità di restituzione del prestito a lasciare il mercato. Questo, come emerge in Fig. 1, tende a far decrescere i pro tti del datore oltre un certo valore del tasso (i ). Da ciò possiamo concludere che nei paesi dove vi sono forti asimmetrie in- 3

4 formative, si veri cano fenomeni di razionamento del credito, per cui si è in presenza di una potenziale domanda di nanziamento che rimane insoddisfatta. Dall altro lato, si assiste ad un eccesso di o erta di fondi che non vengono sfruttati, data la reticenza dei potenziali datori a prestare a soggetti di cui non hanno su cienti informazioni circa i progetti nanziati. In ne, i tassi d interesse in vigore si rivelano talvolta inferiori a quelli che i prenditori sarebbero e ettivamente disposti a pagare data la rischiosità dei loro progetti. Per quanto riguarda i problemi di moral hazard, ossia di azione nascosta, la teoria economica (Ghosh, Mookherjee e Ray, 2000) mette in luce come la componente di "e ort", o impegno, che governa la probabilità di successo del progetto tende a diminuire al crescere del tasso d interesse e perciò a deprimere i pro tti dei datori di fondi che si dimostrano, anche in questo caso, restii a nanziare i progetti. Per dimostrare la precedente a ermazione si ipotizzi che la variabile e rappresenti l impegno dedicato dal prenditore al progetto nanziato. Tale variabile non è nota alla banca. La probabilità di successo del progetto è de nita come p (e). Si assuma inoltre che la probabilità di successo aumenti al crescere dell impegno dedicato allo stesso: p 0 (e) > 0, ma con rendimenti decrescenti (p 00 (e) < 0). A questo punto, il prenditore sceglie il livello di impegno che massimizza i suoi pro tti : max e [Q (1 + i) L] p (e) C [1 p (e)] e e = e( i ; C + ) In questo caso si dimostra che un aumento del tasso d interesse, che da un lato aumenta il pro tto del datore, tende anche a ridurre il livello di impegno dedicato al progetto da parte del prenditore e quindi la probabilità di rimborso del prestito. Perciò si veri ca lo stesso fenomeno illustrato da Stiglitz e Weiss, ma questa volta è causato da un asimmetria informativa circa l azione (e ort) del debitore e non circa l informazione (rischiosità o varianza del progetto). L opposto accade con riferimento al collateral (più risorse proprie sono in gioco e più ci si impegna per evitare di perderle). Concorde con la teoria, l evidenza empirica tende a sottolineare come nei PVS il canale tradizionale funziona poco perchè, oltre alla scarsità di beni che possono essere accettati dalle banche come garanzia, altre ragioni concorrono a rendere il credito bancario applicabile. Tra queste si possono annoverare la scarsa e cacia del law enforcement (e in generale della giustizia nella tutela della proprietà); la notevole distanza geogra ca che separa datore e prenditore di fondi; l ammontare dei prestiti richiesti, di importo troppo basso se paragonato ai costi ssi (di transazione) sostenuti dalla banca. Inoltre, l imposizione di tetti ai tassi d interesse in virtù di norme anti-usura tende ad accentuare il fenomeno di razionamento del credito (si vedano vari contributi in Masciandaro e Porta, 4

5 1997). Lo scarso successo del canale bancario è in ne comprovato da tassi di default estremamente elevati (50-60%). IL CANALE INFORMALE In un contesto caratterizzato da assenza o fallimento, totale o anche solo parziale, del canale bancario tradizionale, nei PVS si è fatta strada la possibilità di forme di nanziamento di carattere informale. In questo caso i creditori sono per lo più proprietari terrieri, commercianti, negozianti e parenti 1. I debitori sono spesso soggetti conosciuti dal creditore, perciò vengono, in linea di principio, superati gli ostacoli dati dalle asimmetrie informative analizzate sopra. Inoltre, i datori di fondi tendono ad accettare in garanzia beni e servizi che la banca generalmente non è disposta ad accettare (spesso sono frequenti anche prestiti senza garanzia o aventi come garanzia capitale umano). Il credito informale si rivela quindi uno strumento più essibile e vantaggioso nelle modalità e nei tempi di erogazione rispetto al credito bancario (tempi brevi, scarsa burocrazia) anche perchè si riducono i costi ssi, di transazione e informativi, che incidono maggiormente su prestiti di ammontare modesto. In ne è anche più probabile che si accettino forme di rinegoziazione del debito (sebbene a condizioni più onerose). Nonostante questi vantaggi, la teoria economica pone l accento sul fatto che i tassi d interesse vigenti sul mercato informale sembrano essere comunque troppo elevati, e le ragioni più frequentemente apportate si legano all elevato potere di mercato dei prestatori. Tuttavia, anche l insu cienza di garanzie, unita alla scarsa probabilità di successo dei progetti (tipica di economie povere e su base agricola dove le probabilità di successo sono fortemente in uenzate da fattori ambientali) possono dare origine a tassi d interesse elevati, anche in assenza di monopolio. Un semplice esempio può essere utile a tale proposito. De nendo nuovamente L l ammontare del prestito concesso e p la probabilità di successo, ipotizziamo che il prenditore non abbia alcuna garanzia da o rire (C = 0). Si assuma inoltre che r sia il costo opportunità dei fondi dati a prestito. A questo punto è possibile de nire il pro tto atteso del datore e imporre la condizione di concorrenza perfetta (pro tti nulli), al ne di ricavare l tasso di interesse ottimale: E ( L ) = p (1 + i) L (1 + r) L = 0 i = 1 + r 1 p E semplice notare come, sebbene in presenza di un costo opportunità del denaro non particolarmente elevato (ad esempio r = 10%) e con una probabilità 1 In letteratura si tende ad accorpare tali soggetti all interno della macro-area del credito informale in quanto, nell ambito di queste transazioni creditizie, non si prevede l intervento di un istituzione di intermediazione regolamentata. Tuttavia, il credito di parenti e conoscenti si discosta per alcuni aspetti, tra cui solidarietà e reciprocità, da quello di proprietari terrieri e commercianti (si veda, ad esempio, La Ferrara, 2003). 5

6 di successo del 50%, il tasso di interesse applicato del creditore informale risulti pari a i = 120%! In ne, alcuni economisti hanno dimostrato empiricamente come sia possibile la presenza di forme di concorrenza monopolistica tra creditori informali, specialmente in contesti urbani (Aleem, 1990), dove si osservano contemporaneamente tassi d interesse elevati compatibili con pro tti nulli per i creditori. In conclusione, possiamo a ermare che nei PVS il canale informale costituisce spesso l unica forma di nanziamento per i motivi precedentemente elencati. L evidenza empirica, nonostante la scarsità di dati relativi alle transazioni di tipo informale, suggerisce che i tassi di default sono più ridotti rispetto al credito bancario. Il razionamento è anch esso un fenomeno più limitato rispetto a quanto accade per il canale tradizionale. Dall altro lato, tra gli insuccessi che determinano il limitato uso di queste forme di nanziamento, laddove ve ne siano di alternative (in proposito si veda oltre), incidono notevolmente l elevato il costo del credito, spesso legato alle basse probabilità di successo/rischiosità dei progetti (fattori ambientali, assenza di skills) e il comportamento opportunistico di molti prestatori (usurai). In ne, rimane anche il problema di enforcement, ancora, e per ovvie ragioni, più accentuato rispetto a quanto accade nel mercato formale: infatti gli strumenti di recupero a disposizione ai prestatori informali sono notevolmente inferiori a quelli a disposizione delle banche. IL MICROCREDITO (CREDITO DI GRUPPO) La grande innovazione in materia dei credito ai poveri si ebbe all inizio degli anni ottanta, con l esperienza della Grameen Bank che allora stava nascendo. La grande scoperta fu di un professore di economia dell università di Chittagong, Muhammad Junus [...]. Egli osservò che il problema maggiore per un povero era di non possedere alcun mezzo per poter avere anche una sola possibilità di lavorare senza dover ricorrere ai prestiti degli usurai. Le banche infatti non presterebbero mai denaro a chi è sprovvisto di garanzie in caso di insolvenza. Sandra Endrizzi, Pesci Piccoli Alla luce di questa premessa, possiamo dire che il microcredito, di cui il credito di gruppo rappresenta la forma più di usa, si è sviluppato, e continua a riscuotere successi, in contesti caratterizzati da povertà e assenza di beni utilizzabili come collateral dalla clientela più povera. Le forme di mercato alternative che si osservano nell ambito creditizio laddove il credito di gruppo gode di applicazione su vasta scala sono frequentemente di tipo monopolistico 2. Infatti, i casi di usura che si riscontrano in tali contesti sono prevalentemente destinati all acquisizione del, seppur scarso, collateral (spesso infatti i proprietari terrieri o latifondisti mirano ad appropriarsi 2 Nonostante questa ipotesi sia largamente accreditata in letteratura, alcuni recenti contributi (si vedano in proposito Dalla Pellegrina e Masciandaro, 2004) individuano la possibilità di interazioni di tipo concorrenziale tra erogatori di credito di gruppo e prestatori di diversa natura, in particolare informali. 6

7 dei piccoli appezzamenti di terra dati in garanzia dai debitori). Tale potere monopolistico deriva in gran parte dalle condizioni di isolamento in cui si vengono a trovare le famiglie che vivono in ambienti rurali caratterizzati da assenza di infrastrutture e mezzi di comunicazione. Ad agevolare l appropriazione indebita dei pochi beni di proprietà delle famiglie povere, contribuisce inoltre la notevole ine cacia del law enforcement e il basso grado di tutela dei diritti di proprietà di cui so rono soprattutto le fasce più povere della popolazione rispetto a quelle più ricche e (talvolta) corrotte. Un altra peculiarità di questi mercati è la forte presenza di asimmetrie informative tra datore e prenditore di fondi: anche in presenza di credito informale legale, il datore di fondi spesso non è a conoscenza della tipologia di progetto messo in atto dal prenditore o, ancora più frequentemente, accade che non vi siano validi strumenti per incentivare il giusto livello di impegno dedicato al progetto. In ne, le cattive condizioni igienico-sanitarie in cui vivono le frange povere della popolazione, accentua il rischio di insolvenza dovuto a malattie e decessi. Ancora più spesso, il rischio globale (carestie o catastro naturali) a cui sono soggetti i prestatori, a causa della scarsa di erenziazione applicabile a un portafoglio di dimensioni relativamente ridotte, li rende restii ad impiegare le risorse nanziarie in esubero. In tale ambito trova spazio il microcredito, di cui, come si è in precedenza sottolineato, il credito di gruppo rappresenta la componente più di usa. In questo caso i creditori sono frequentemente organizzazioni non governative (ma non mancano i casi di datori di fondi costituiti da organizzazioni governative e cooperative). I debitori sono invece soggetti che vogliono iniziare o migliorare un attività economica. I progetti nanziati vanno dalle attività agricole all allevamento di bestiame o animali da cortile, ma si tende ragionevolmente a di erenziare lo spazio di applicazione ad attività di tipo artigianale, che garantiscono una maggiore copertura contro il rischio globale e possono più facilmente essere condotte dalle donne, alle quali sono destinati la gran parte dei prestiti. I gruppi variano nel numero di componenti (denominati "pari"), sono costituiti su base volontaria, e spesso, come nel caso di Grameen Bank in Bangladesh, è prevista l assenza di legami di parentela al ne di limitare l eccessiva coesione tra i membri della stessa famiglia, fatto che potrebbe indurre ad una scarsa percezione delle sanzioni sociali (si veda oltre) che sono spesso imposte in caso di comportamenti opportunistici da parte dei pari. Inoltre, nanziando progetti che vengono poi condotti individualmente dai membri del gruppo si tende a ridurre il rischio di fallimento del gruppo. I prestiti sono personali, ma i membri del gruppo sono responsabili in solido. Questo signi ca che la somma erogata viene nella maggior parte dei casi suddivisa in parti uguali tra i pari e ognuno di essi è obbligato al rimborso della sua quota di prestito maggiorata degli interessi. Tuttavia, qualora uno dei membri del gruppo non sia in grado di ripagare per intero la propria quota, gli altri pari intervengono per il rimborso della rimanente parte. Le sanzioni a cui sono sottoposti i soggetti inadempienti sono sia di tipo economico (mancato ri nanziamento futuro da parte dell istituzione erogatrice 7

8 e/o sottrazione di una parte del ricavo) che di tipo sociale. Tra le sanzioni sociali più comunemente note a livello di comunità rurali vi è certamente la privazione di alcune forme di reciprocità di use a livello di villaggio, che si rivelano di indubbia importanza per la sopravvivenza delle famiglie più povere. Il timore di perdere tali bene ci induce i soggetti facenti parte del gruppo a investire al meglio le risorse ricevute in prestito e a dedicare il massimo impegno al progetto nanziato. Inoltre, dal momento che il peso dell insolvenza di un pari ricade su tutti i membri del gruppo, si innesca un fenomeno di monitoraggio reciproco chiamato "peer monitoring", che si rivela indubbiamente una delle principali determinanti degli alti tassi di rientro dei prestiti (che si aggirano intorno al 90 per cento). Il livello di impegno dedicato al progetto, nei contesti rurali descritti in precedenza, è infatti facilmente controllabile (e a basso costo) da parte di soggetti che vivono nello stesso villaggio e che svolgono le medesime attività economiche (molto più di quanto non possa avvenire per una banca che dista molte miglia o per un proprietario terriero o un commerciante che sono relativamente isolati rispetto alla vita del villaggio, non fosse altro per le migliori condizioni di vita che essi conducono). In tema di sanzioni, la teoria economica suggerisce che la responsabilità solidale e il meccanismo di "peer monitoring" che da questa scaturisce innescano un meccanismo che consente di ridurre le asimmetrie informative. Tuttavia, anche senza la completa rimozione delle asimmetrie informative, la performance dei debitori migliora, in termini di impegno dedicato al progetto nanziato, rispetto al credito individuale. L intuizione è abbastanza semplice: nel credito di gruppo, i prenditori di fondi sono, da un lato, responsabili sia della propria solvibilità che per quella degli altri individui appartenenti al gruppo (e ciò può causare una riduzione del loro pro tto atteso in caso di salvataggio di un pari insolvente), ma dall altro lato ottengono un risparmio dovuto alla riduzione del tasso d interesse richiesto dai prestatori come conseguenza della maggiore probabilità di ripagamento rispetto al prestito individuale (che comporta un incremento del pro tto atteso). La semplice analisi teorica illustrata in seguito aiuta a comprendere come il secondo fenomeno prevalga sul primo in presenza di mercati del credito perfettamente concorrenziali (Ghatak e Guinanne, 1999). Si ipotizzi che nell ambito di un prestito individuale la somma erogata sia L = 1 e che l ammontare da rimborsare (pari al tasso lordo d interesse) sia di conseguenza R = 1 + i. Non esistono garanzie sul prestito. Si de nisca nuovamente p la probabilità di successo del progetto (Q > R con probabilità p e Q = 0 con probabilità (1 p)). Per semplicità si assuma inoltre che p = e, il livello di impegno dedicato al progetto. Il costo per il debitore, in termini di impegno dedicato al progetto, è pari a 1 2 p2, dove rappresenta un parametro della funzione di costo. Il prenditore di fondi massimizza i suoi pro tti rispetto all impegno e (in questo caso alla probabilità di successo): 8

9 max p p(q R IL ) p = Q R IL 1 2 p2 A questo punto dobbiamo endogeneizzare il tasso di interesse richiesto dal prestatore individuale (R IL ) in un mercato concorrenziale. Poniamo che il costo opportunità dei fondi da esso prestati sia pari a. La conzione di pro tto pari a zero per il prestatore ci fornisce la misura del tasso applicato: (1) pr IL = =) R IL = p Sostituendo R IL nella (1) e risolvendo per p, otteniamo: p 2 Qp + = 0 Si dimostra 3 che la soluzione di equilibrio scelta è quella con il più elevato livello di p: p = Q + p Q Nel caso di responsabilità solidale, in un gruppo composto da due sole persone, de niamo m il costo addizionale a cui va incontro il membro del gruppo che non rimborsa la sua quota. In questo caso, a di erenza del precedente, il prenditore massimizza: max p p(q R) p = Q R m 2m 1 2 p2 mp (1 p) La condizione di pro tto nullo per il prestatore è, in questo caso: (2) pr GL + mp (1 p) = =) R GL = p m(1 p) < R IL Sostituendo R GL nella (2) e risolvendo per p, otteniamo: ( m)p 2 Qp + = 0 Si dimostra che la soluzione di equilibrio scelta è ancora quella con il più elevato livello di p: 3 In questo caso la banca è indi erente rispetto ai due valori di p, mentre un p più elevato migliora il pro tto del prenditore. Si vedano in proposito Ghatack e Guinanne (1999). 9

10 bp = Q + p Q 2 4( m) > p 2( m) Da cui emerge che la probabilità di successo (e quindi l impegno dedicato al progetto) risulta maggiore rispetto a quanto avvenga in un prestito individuale 4, in quanto il numeratore della frazione è maggiore rispetto al credito individuale, mentre il denominatore risulta inferiore. Concludendo la panoramica sulla struttura dei prestiti di gruppo, è necessario osservare che i prestiti erogati sono di ammontare ridotto e l importo è spesso crescente nel tempo, per ovvie ragioni di a dabilità dei gruppi. La scadenza dei prestiti è generalmente breve, e i gruppi vengono nanziati ripetutamente per un arco di tempo piuttosto lungo prima che le condizioni economiche dei singoli membri permettano loro di rendersi economicamente indipendenti, in particolare per l approvvigionamento degli input produttivi. In base a questa regola si vuole dare origine a un rapporto continuativo con il datore di fondi, in maniera tale che, data la sanzione economica rappresentata dal mancato rinnovo del prestito, venga incentivato il ripagamento delle somme erogate. I tassi di interesse richiesti sono particolarmente ridotti, in particolare se si considera l elevato rischio associato al fatto di prestare somme a soggetti relativamente privi di capacità imprenditoriale e di garanzie reali (Grameen, BRAC e BRDB- 12 in Bangladesh, per esempio applicano tassi che si aggirano intorno al 20 per cento). Tuttavia, al ne di migliorare le capacità imprenditoriali dei soggetti - nanziati, vengono istituite riunioni settimanali durante le quali si cerca di infondere cultura nanziaria e imprenditoriale, nonchè si impartisce l osservanza di regole di buona condotta destinate a migliorare le condizioni igienico-sanitarie dei pari a nchè questi siano maggiormente in grado di operare in buona salute e rimborsare le somme ricevute in prestito. Tali servizi aggiuntivi (non-credit services) sembrano essere un altra determinante del successo del microcredito e dei tassi di rientro particolarmente elevati. In ne, l evidenza empirica sul microcredito mette in luce gli e etti positivi dei programmi lanciati nei paesi più poveri in termini di aumento del benessere, della scolarizzazione, e dell investimento di risorse nei progetti nanziati (Pitt e Khandker, 1998; Madajewicz, 1999; Dalla Pellegrina, 2005). Grameen Bank, per esempio, conta ormai più di 2.4 milioni di clienti, 95 per cento dei quali sono donne. Con 1,170 u ci, opera in 40,000 villaggi, coprendo più della metà dei villaggi del Bangladesh. Un elemento non trascurabile nell ottica di estensione di questa tipologia di credito, è quello della sostenibilità nanziaria delle organizzazioni che operano in tale campo: si sostiene infatti che tassi di interesse così bassi in assenza di garanzia non siano autosostenibili e sono perciò necessarie frequenti donazioni da parte dei governi o di altre organizzazioni internazionali (ad esempio World Bank) a nchè le istituzioni microcreditizie siano in grado di sopravvivere. Ciò 4 Per ipotesi si assume che m < Q <. Si vedano ancora Ghatack e Guinanne (1999) per ulteriori dettagli su queste ipotesi. 10

11 nonostante, alcune NGO sono divenute vere e proprie banche (ad esempio BancoSol in Bolivia) ma al prezzo di una minore solidarietà verso i più poveri dei poveri. Si cerca perciò un compromesso tra sostenibilità nanziaria e corretto targeting presso le fasce più povere della popolazione mondiale: un idea può essere quella di fare uso delle donazioni esclusivamente come bu er in situazioni legate a calamità naturali o circostanze avverse di varia natura (anche se attraverso forme di micro-assicurazione e micro-riassicurazione un esempio è costituito da SEWA Bank in India si cerca di rendere indipendenti le istituzioni di microcredito da qualsiasi tipo di intervento esterno). 11

12 BIBLIOGRAFIA Aleem I., Imperfect Information, Screening, and the Costs of Informal Lending: A Study of a Rural Credit Market in Pakistan, World Bank Economic Review, v4, Dalla Pellegrina L., Micro nance and Investment: a Comparison with Bank and Informal Lending, RePEc Working Paper (http://ideas.repec.org/p/mis/wpaper/ html). Dalla Pellegrina L., Masciandaro D., "Nuova" Micro nanza? Credito Informale e Credito di Gruppo in Mercati Competitivi, Rivista Italiana degli Economisti, 1, Endrizzi S., Pesci Piccoli. Donne e cooperazione in Bangladesh, Bollati e Boringhieri, Ghatak M., T.W.Guinanne, "The economics of lending with joint liabilty: theory and practice", Journal of Development Economics, 60, Ghosh P., D. Mookherjee, D. Ray, Credit Rationing in Developing Countries: An Overview of the Theory, in D. Mookherjee and D. Ray, Readings in the Theory of Economic Development, Blackwell Publishing Company, (http://www.econ.nyu.edu/user/debraj/papers/gmr.pdf) Junus M., Il Banchiere dei Poveri, Ed. Feltrinelli, Kreps, D., A Course in Microeconomic Theory, Princeton University Press, La Ferrara E., Kin groups and Reciprocity: A Model of Credit Transactions in Ghana, American Economic Review, 93(5), Madajewicz M., Does Credit Contract Matter? The Impact of Lending Programs on Poverty in Bangladesh, Columbia University, mimeo, Masciandaro D., Porta A. (a cura di), L usura in Italia, EGEA, Pitt M.M., S. Khandker, The Impact of Group-Based Credit Programs on Poor Households in Bangladesh: Does the Gender of Participants Matter?, Journal of Political Economy, Stiglitz J.E., A. Weiss, Credit Rationing in Markets with Imperfect Information, American Economic Review,

INTRODUZIONE ALLA MICROFINANZA. Lucia Dalla Pellegrina. Università Milano-Bicocca. Corso di Economia Finanziaria M

INTRODUZIONE ALLA MICROFINANZA. Lucia Dalla Pellegrina. Università Milano-Bicocca. Corso di Economia Finanziaria M INTRODUZIONE ALLA MICROFINANZA Lucia Dalla Pellegrina Università Milano-Bicocca Corso di Economia Finanziaria M Ottobre 2014 IL CREDITO NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO (PVS) TRE CANALI: CREDITO BANCARIO CREDITO

Dettagli

Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss

Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss Accesso Limitato al Credito e la Politica Monetaria: il Modello di Stiglitz e Weiss Dr. Giuseppe Rose (Ph.D., M.Phil, M.Sc., London) Università degli Studi della Calabria Macroeconomia Applicata Prof.ssa

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Giulio Tagliavini - Massimo Regalli Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Il microcredito Ma i poveri risparmiano? Si osservi la seguente tabella (ripresa dal sito www.manitese.it) Popolazione

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Il Microcredito Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Elisa Di Gloria Corso di Laurea Magistrale in Matematica Facoltà di SMFN Introduzione

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione Valore dell impresa e decisioni di investimento. Irrilevanza della struttura patrimoniale in condizioni di certezza (prima versione, aprile 2013; versione aggiornata, aprile 2014) Massimo A. De Francesco

Dettagli

BANCA ETICA E MICROCREDITO: microcredito e asimmetrie informative

BANCA ETICA E MICROCREDITO: microcredito e asimmetrie informative micro Bologna - Sede di Forlì BANCA ETICA E MICROCREDITO: microcredito e asimmetrie informative Brescia 8 Marzo 2010 micro Nozioni bibliogra che ed introduttive Principali riferimenti biliogra ci per la

Dettagli

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO il LAVORO: la più grande emergenza del nostro tempo!!! Parte 2, Allegati PROGETTO DISTRETTUALE 2060 A.R. 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017 Allegati 1. Il microcredito nel

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Modello di Stigliz e Weiss (1981)

Modello di Stigliz e Weiss (1981) Modello di Stigliz e Weiss (1981) Esposizione a cura di: Roberto Stefano Nicola Esistenza di un ampia varietà di modelli che portano alla definizione del razionamento del credito: TUTTI HANNO LO SCOPO

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Il ruolo delle banche nel sistema finanziario Nella realtà i mercati non sono perfettamente concorrenziali e non vale il teorema di Modigliani-Miller.

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

MODELLO DI RISCHIO: STIGLITZ E WEISS (1981)

MODELLO DI RISCHIO: STIGLITZ E WEISS (1981) MODELLO DI RISCHIO: STIGLITZ E WEISS (1981) Presentazione a cura di Isabella Natoli Modello di Stiglitz e Weiss (1981) Tasso d interesse svolge una duplice funzione in condizioni che implicano il razionamento

Dettagli

a) In concorrenza perfetta il ricavo totale è dato dal prodotto tra il prezzo e la quantità venduta:

a) In concorrenza perfetta il ricavo totale è dato dal prodotto tra il prezzo e la quantità venduta: Esercizio 1 a) In concorrenza perfetta il ricavo totale è dato dal prodotto tra il prezzo e la quantità venduta: RT = P Q Da cui si ottiene che il ricavo medio e il ricavo marginale sono costanti e pari

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO per micro PERCORSI DI MICROCREDITO Siamo nati per accompagnare, fianco a fianco, con competenza ed entusiasmo, chi ha deciso di investire su se stesso, di intraprendere un attività di impresa un percorso

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

Appunti sul teorema di Modigliani-Miller

Appunti sul teorema di Modigliani-Miller Appunti sul teorema di odiliani-iller (di assimo A. De Francesco) In questi appunti provvisori deriviamo le due proposizioni (la Proposizione I e la Proposizione II) che sono state stabilite da odiliani

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione

Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione Introduzione Corso di Economia del lavoro Specialistica Scienze Economiche Giovanni Sulis (gsulis@unica.it) Istruzione Evidenza empirica su partecipaz. scolastica. Teoria dell investimento in capitale

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D

Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D Università Carlo Cattaneo - LIUC Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D 26 Novembre 2009 Informazioni generali Testo: Garavaglia C. (2006), Economia Industriale: Esercizi e Applicazioni, Carocci

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo Microcredito: una strategia per ridurre la povertà? Veronica Polin Università degli Studi di Verona 1 Esclusione finanziaria: dimensione 3

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo sostenibile

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3]

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.4: I fallimenti del mercato [1:cap.3] Docente: Antonio Lopolito tel. 0881-589.417

Dettagli

Lezioni di Economia Monetaria 1 - III settimana

Lezioni di Economia Monetaria 1 - III settimana Lezioni di Economia Monetaria 1 - III settimana Prof. Marco A. Marini Facoltà di Economia - Università di Urbino Carlo Bo A.A. 2006-2007 1 Banche e intermediari nanziari 1.1 Gli intermediari nanziari Alcune

Dettagli

Banche e crisi Microcredito

Banche e crisi Microcredito Banche e crisi Microcredito Oggetto conversazione Attuale situazione di grave recessione Domande che tutti si fanno Le banche hanno doveri e quindi responsabilità sociale? Come devono comportarsi in caso

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del profitto Diversi tipi di impresa Obiettivo dell impresa: massimo profitto Profitto Economico e Profitto Contabile Costo Economico (Costo Opportunità) Profitto Normale e Extra-Profitto

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 2 LEZIONE LE RAGIONI DELL INTERVENTO PUBBLICO (PARTE SECONDA) BIBLIOGRAFIA: P.

Dettagli

PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI

PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI Il microcredito: tendenze e prospettive applicative Prof. Leonardo Becchetti Grameen bank: : il caso più noto 1974 Yunus insegna a Chittagong;

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Lo studio di fattibilità di un programma di MF

Lo studio di fattibilità di un programma di MF Lo studio di fattibilità di un programma di MF Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 L identificazione Fase di IDENTIFICAZIONE le idee per la creazione o variazione del progetto e le azioni necessarie

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale 1 Mercati perfettamente concorrenziali 1. Price taking Poiché ogni impresa vende una porzione relativamente piccola della produzione complessiva del

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE

FINANZIAMENTI A BREVE FINANZIAMENTI A BREVE Il presupposto per accedere a finanziamenti da parte delle banche è la concessione del fido. Un soggetto affidato può accedere ad operazioni di finanziamento di diverso genere, tra

Dettagli

I : tasso di inflazione indicatore della variazione. X : incremento della produttività. Y : particolari variazioni dei costi

I : tasso di inflazione indicatore della variazione. X : incremento della produttività. Y : particolari variazioni dei costi MECCANISMI DI REGOLAMENTAZIONE TARIFFARIA Due meccanismi principali Tasso di rendimento del capitale investito (RB-ROR) Tetto ai prezzi (Price Cap) Il meccanismo del tasso di rendimento (RB-ROR) Meccanismo

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez2 Nuove teorie dell impresa La teoria manageriale Quali problemi fondamentali delle moderne organizzazioni delle imprese non sono stati

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

Analisi finanziaria: indici di bilancio

Analisi finanziaria: indici di bilancio Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi finanziaria: indici di bilancio Capitolo 4 degli argomenti 1. I quozienti nelle analisi finanziarie A. Equilibrio finanziario

Dettagli

Economia Politica. Indicate Nome e Cognome, Numero di matricola e Corso di Laurea su ogni foglio.

Economia Politica. Indicate Nome e Cognome, Numero di matricola e Corso di Laurea su ogni foglio. 7 novembre 2013 1) Supponete che la domanda di appartamenti a Cagliari sia p = 1000 5q, mentre l o erta sia q = 100. Trovate l equilibrio nel mercato degli appartamenti e disegnate il gra co. Supponete

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 Fausto Panunzi 2 Settembre 2009 Perché il mercato del credito è diverso da altri mercati? La crisi finanziaria emersa nell autunno 2008

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Struttura di mercato e incentivi a investire

Dettagli

Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria

Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria Esercizio 1 Ci sono 2000 individui ciascuno con funzione di utilità Von Neumann-Morgestern

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Imprese e mercato del credito in un modello agent-based.*

Imprese e mercato del credito in un modello agent-based.* Pasquale Cirillo DEP/IMQ - Università Bocconi, Milano Pietro A. Vagliasindi Dipartimento di Diritto, Economia e Finanza Internazionale, Università Parma Giovanni Verga Dipartimento di Economia, Università

Dettagli

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase COSA ABBIAMO IMPARATO FINORA (PARTE TERZA) Un economia perfettamente concorrenziale è in grado di raggiungere l ottimalità-paretiana (=una

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione CONDIVISIONE DEI RISCHI 1. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione di utilità Von Neumann-Morgenstern (VNM) 500Wi 5W U(W i ) = i 2 per W i 50 12500 per W i 50 : (1) La

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE DISPENSA 5 Economia ed Organizzazione Aziendale INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE 1 LA CRESCITA DELLE ORGANIZZAZIONI La teoria economica tradizionale: la teoria dei mercati la mano invisibile

Dettagli

L entità della risorse

L entità della risorse Per l Europa: Becker et al. (2010) mostrano che i sussidi europei hanno accelerato la crescita del PIL pro capite di circa 1-1,5 punti percentuali nel corso di un periodo di programmazione di 7 anni. Busillo

Dettagli

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche (Maggio 1983) I. Introduzione Il presente documento 1 delinea alcuni principi ai quali il Comitato ritiene dovrebbe essere informata la

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 6

Economia Monetaria - Slide 6 Economia Monetaria - Slide 6 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 Ottobre 2015 1 di 11 SOMMARIO 1 MOTIVAZIONE... 3 1.1 Consultazione... 4 1.2 Definizioni... 4 2 SCALA DI VALUTAZIONE... 7 2.1 Scala di Rating... 7 3 METODOLOGIA E RATING CRITERIA...

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (seconda parte)

Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Bank of England

Dettagli