3 Le operazioni finanziarie Criteri di scelta in condizioni di certezza Il criterio del VAN Il criterio del TIR...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3 Le operazioni finanziarie 21 3.1 Criteri di scelta in condizioni di certezza... 22 3.1.1 Il criterio del VAN... 22 3.1.2 Il criterio del TIR..."

Transcript

1 Indice 1 I tassi di interesse Tasso di interesse Semplice Tasso di interesse Composto Esempi tasso semplice Esempi tasso composto Il problema del rimborso di un prestito Il piano di ammortamento Debito residuo Debito estinto Quota interesse Ammortamento con quote di capitale costante (metodo italiano) Ammortamento con rate costanti (metodo francese) Le operazioni finanziarie Criteri di scelta in condizioni di certezza Il criterio del VAN Il criterio del TIR Bibliografia 27 i

2 ii INDICE

3 Capitolo 1 I tassi di interesse Con il termine tasso di interesse si intende una somma di denaro pagata per l utilizzo di un altra somma di denaro, quest ultimo detto montante. Quando si depositano i propri risparmi in banca, la banca paga ai risparmiatori un interesse sul denaro che riceve per il periodo in cui è depositato, periodo in cui la banca può sfruttare ed investire le somme versate dai propri clienti. Il tasso di interesse viene normalmente fissato come tasso annuale o sotto forma di percentuale del montante ricevuto (i risparmi versati dal cliente). I tassi di interesse sono molto variabili: la domanda e l offerta di prestiti, la preferenza tra denaro e titoli, l offerta di moneta e le aspettative del mercato sono solitamente ritenuti i principali fattori che causano queste variazioni. I tassi d interesse possono essere semplici o composti. Semplici quando si applicano solo sul capitale, composti quando si applicano anche sugli interessi già maturati. Queste definizioni possono inizialmente sembrare un pò fumose, ma chiariremo poi con degli esempi. I tassi di interesse si suddividono poi in: 1. tassi passivi o debitori 2. tassi attivi o creditori Il tasso di interesse rappresenta la remunerazione (il guadagno o rendimento) di un investimento oppure il costo (onere) di un finanziamento. Oltre al tasso di interesse, al fine di determinare correttamente il rendimento di un investimento o il costo di un finanziamento, vanno considerate le spese accessorie, le imposte (ritenute fiscali sugli interessi passivi) e le commissioni bancarie. Negli esempi che tratteremo, ci dimenticheremo di questi altri fattori, focalizzandoci solo sul tasso di interesse, semplice o composto. 1

4 2 1.1 Tasso di interesse Semplice 1.1 Tasso di interesse Semplice L interesse viene detto semplice quando è proporzionale al capitale e al tempo. Ovvero gli interessi maturati in un periodo precedente, non vengono aggiunti al capitale che li ha prodotti (capitalizzazione), e quindi non maturano a loro volta interessi. Indicando con C il capitale iniziale i il tasso di interesse periodale (può essere mensile, trimestrale, annuo..) t durata temporale dell operazione M il capitale finale, detto anche montante, pari alla somma di capitale iniziale e interessi maturati I l interesse prodotto da un capitale C ad un tasso annuo i e per un periodo t si avrà che l evoluzione nel tempo del montante è la seguente: M 0 = C M 1 = M 0 + ic = C + ic = C(1 + i) M 2 = M 1 + ic = C + ic + ic = C + 2iC = C(1 + 2i)... M t = M t 1 + ic = C + (t 1)iC + ic = C + tic = C(1 + ti) Ricapitolando quindi si ha la seguente definizione: Definizione 1.1. Il montante M di un capitale C impiegato per t periodi a un tasso d interesse semplice i si calcola con la formula: M = C(1 + ti). Da cui si ricava facilmente Definizione 1.2. Il valore attuale C di un capitale M disponibile dopo t periodi a un tasso d interesse semplice i si calcola con la formula: C = M (1 + ti) Definizione 1.3. Il tasso d interesse i semplice necessario ad ottenere un montante M al tempo t dato un capitale iniziale C si calcola con la formula: i = M C Ct

5 1.2 Tasso di interesse Composto 3 e la seguente Definizione 1.4. L interesse prodotto da un capitale C impiegato in regime di interesse semplice a un tasso annuo i e per un periodo t è: I = Cit. 1.2 Tasso di interesse Composto L interesse viene detto composto quando invece l interesse maturato nel periodo t viene aggiunto al capitale nel periodo t+1 e genererà quindi anch esso interessi. E importante sottolineare che a parità di capitale C, interesse i e periodo t un operazione finanziaria con tasso d interesse composto raggiungerà un montante maggiore (od uguale, come poi vedremo) ad una con tasso d interesse semplice, poichè nel primo caso anche l interesse produce interesse. Con questo tipo d interesse la dinamica del montante nel tempo è la seguente: M 0 = C M 1 = M 0 + im 0 = C + ic = C(1 + i) M 2 = M 1 + im 1 = C(1 + i) + ic(1 + i) = C(1 + i)(1 + i) = C(1 + i) 2... M t = C(1 + i) t Quindi vediamo che per t > 1 i montanti in regime di interesse composto sono superiori a quelli in regime di interesse semplice, e questo indipendentemente dal capitale iniziale. Similmente si possono dare le seguenti definizioni: Definizione 1.5. Il montante M di un capitale C impiegato per t periodi a un tasso d interesse composto i si calcola con la formula: M = C(1 + i) t. Da cui si ricava facilmente Definizione 1.6. Il valore attuale C di un capitale M disponibile dopo t periodi a un tasso d interesse composto i si calcola con la formula: C = M (1 + i) t

6 4 1.3 Esempi tasso semplice Figura 1.1: Confronto tra le dinamiche dei Montanti ottenuti con C=100,t=20 e i=0.02 semplice e composto. Definizione 1.7. Il tasso d interesse composto i necessario a ricavare da un capitale C in un tempo t un montante M si calcola con la formula: i = ( ) 1 M t 1 C e la seguente Definizione 1.8. L interesse prodotto da un capitale C impiegato in regime di interesse composto a un tasso annuo i e per un periodo t è: I t = C(1 + i) t C(1 + i) t 1 = C(1 + i) t 1 (1 + i 1) = Ci(1 + i) t Esempi tasso semplice Esempio 1.1. Consideriamo un investimento di 500 con tasso di interesse semplice i=0.05, per un periodo di 10 anni. Ci interessa inizialmente calcolare il nostro guadagno finale e l interesse maturato nell ultimo anno del nostro investimento.

7 1.3 Esempi tasso semplice 5 La definizione 1.1 dice che M t = C(1 + ti), quindi il guadagno finale, cioè il montante al tempo t=10, che si ottiene semplicemente sostituendo i dati, è M 10 = 500 ( ) = 750. Allo stesso modo la definizione 1.4 dice che I t = Cit e quindi l interesse maturato nell ultimo anno è I 10 = = 250. Similmente, utilizzando le stesse formule, possiamo calcolare il montante e l interesse per qualsiasi anno da 0 a 10, ottenendo quindi una serie di dati che rappresentano l andamento nel tempo delle due grandezze. Figura 1.2: Tabella dinamiche montante e interesse ottenuti con C=500,t=10 e i=0.05 semplice Rappresentando poi queste due serie di dati su un grafico risulta ancora più semplice avere un idea di come entrambe si comportino con il passare del tempo. E importante sottolineare che anche se le rappresentiamo con 2 linee continue, in realtà i dati sono puntuali, cioè sia il montante che l interesse non sono definiti per t diversi da quelli rappresentati in tabella: non ha quindi senso chiedersi quanto valga il montante dopo 6 mesi dall inizio dell investimento (cioè in t=0.5). Esempio 1.2. Supponiamo ora di avere a disposizione un capitale iniziale C di 100, e di essere disposti a privarcene solo per ottenere tra 20 anni da esso almeno 500. A quanto dovrebbe ammontare il tasso d interesse semplice i per convincerci ad investire ora i nostri risparmi?

8 6 1.3 Esempi tasso semplice Figura 1.3: Grafico dinamiche montante e interesse ottenuti con C=500,t=10 e i=0.05 semplice La formula della definizione 1.3 serve a risolvere proprio questo tipo di problemi. Basta sostituire infatti in i = M C Ct C=100, t=20 ed M = M 2 0 = 500 per ottenere i = = 0, 2. Chiaramente al crescere di i M 2 0 cresce (come anche i montanti per t<20) quindi accetteremmo di investire in ogni proposta con i maggiore od uguale a 0,2. Per convincerci di questo, vediamo le dinamiche dei montanti ottenute con quattro diversi tassi d interesse semplice i. Figura 1.4: Grafico dinamiche montante ottenute con C=100,t=20 e i=0.05, 0.1, 0.15 e 0.2 semplice

9 1.3 Esempi tasso semplice 7 Esempio 1.3. Supponiamo invece di essere a conoscenza del tasso di interesse i semplice, della durata e del montante finale ottenuto dal nostro investimento. Come calcolare l unica incognita rimasta, e cioè il capitale iniziale? Utilizzando 1.2. Per M=1000, i=0.08 e t=50 si ottiene C = M 1+ti = = 200. Chiaramente a parità di i e t, al crescere di M il capitale C è costretto a crescere e viceversa, poichè tra loro c è una relazione lineare M = m C rappresentabile dalla retta di coefficente angolare m = 1 + it. Vediamo la rappresentazione di questa retta per questo esempio, cioè m=1+i*t=1+0.08*50=5. Figura 1.5: Grafico relazione lineare M=(1+i*t)*C con 1+i*t=5 Variando il coefficiente angolare otteniamo quindi diverse dinamiche. Il coefficiente angolare può essere modificato sia variando i e tenendo fisso t che viceversa: in entrambi i casi le dinamiche dei montanti disegnate nello stesso grafico formano dei fasci di rette propri con centro nell origine.

10 8 1.3 Esempi tasso semplice Figura 1.6: Grafico relazione lineare M=(1+i*t)*C con t=50 al variare di i Figura 1.7: Grafico relazione lineare M=(1+i*t)*C con i=0.01 al variare di t

11 1.4 Esempi tasso composto Esempi tasso composto Esempio 1.4. Affrontiamo il primo problema del capitolo precedente intendendo però questa volta con i il tasso di interesse composto. Ci interessa calcolare il guadagno finale di un investimento durato 10 anni di capitale iniziale C di 500 a tasso di interesse composto La formula da utilizzare è quella della definizione 1.5: M 10 = C(1 + i) 10 = 500 ( ) 10 = 814, 45. La formula 1.8 ci serve invece a calcolare l interesse maturato in ogni periodo. Ad esempio nell ultimo anno il capitale ha maturato un interesse dato da: I 10 = Ci(1 + i) t 1 = 38, 78. Come per il caso dell investimento con i semplice, anche qui similmente si possono calcolare M t ed I t t, ottenendo i seguenti dati in tabella e la conseguente rappresentazione grafica. Figura 1.8: Tabella dinamiche montante e interesse ottenuti con C=500,t=10 e i=0.05 composto

12 Esempi tasso composto Figura 1.9: Grafico dinamica montante ottenuta con C=500,t=10 e i=0.05 composto Figura 1.10: Grafico dinamica Interesse ottenuta con C=500,t=10 e i=0.05 composto

13 1.4 Esempi tasso composto 11 Esempio 1.5. Supponiamo ora nuovamente di avere a disposizione un capitale iniziale C di 100, e di essere disposti a privarcene solo per ottenere tra 20 anni da esso almeno 500. A quanto dovrebbe ammontare il tasso d interesse (questa volta composto) i per convincerci ad investire ora i nostri risparmi? Dobbiamo ora avvalerci della formula nella definizione 1.7, che in questo caso diventa: i = ( ) 1 M C t 1 = ( ) = 0, 084. Come potevamo aspettarci, il tasso d interesse composto richiesto è decisamente minore, a parità di ogni altro dato, di quello semplice richiesto per la stessa operazione (ricordiamo che nel capitolo precedente risultava essere necessario i semplice uguale a 0.2). Chiaramente come nel caso di i semplice, al crescere di i M 20 cresce (come anche i montanti per t<20) quindi accetteremmo di investire in ogni proposta con i maggiore od uguale a 0,084. Anche in questo caso possiamo averne una prova grafica, confrontando le dinamiche dei montanti ottenute con quattro diversi tassi d interesse i. Figura 1.11: Grafico dinamiche montante ottenute con C=100,t=20 e i=0.05, 0.1, 0.15 e 0.2 composto Esempio 1.6. Supponiamo infine di essere a conoscenza del tasso di interesse i composto, della durata e del montante finale ottenuto dal nostro investimento. Come calcolare l unica incognita rimasta, e cioè il capitale iniziale? Utilizzando 1.6. Per M=1000, i=0.08 e t=50 si ottiene C = M (1+i) = 1000 = 21, 32. t (1+0.08) 50 Da notare quanto C risulti decisamente più basso rispetto a quello calcolato nell investimento con i semplice, che risultava uguale a 200.

14 Esempi tasso composto Chiaramente anche ora a parità di i e t, al crescere di M il capitale C è costretto a crescere e viceversa, poichè tra loro c è una relazione lineare M = m C rappresentabile dalla retta di coefficente angolare m = (1 + i) t. Vediamo la rappresentazione di questa retta per questo esempio, cioè m = (1 + i) t = ( ) 50 = 46, 9. La retta sarà quindi molto più ripida di quella del caso precedente il cui coefficiente angolare era solo 5. Variando il coefficiente angolare otteniamo anche qui diverse dinamiche. Il coefficiente angolare può essere modificato sia variando i e tenendo fisso t che viceversa: in entrambi i casi le dinamiche dei montanti disegnate nello stesso grafico formano dei fasci di rette propri con centro nell origine. Figura 1.12: Grafico relazione lineare M = C (1 + i) t con t=50 al variare di i Figura 1.13: Grafico relazione lineare M = C + (1 + i) t con i=0.01 al variare di t

15 Capitolo 2 Il problema del rimborso di un prestito Gli ammortamenti sono particolari flussi finanziari in cui una quantità di capitale S, detta capitale iniziale o principal è scambiata con un flusso di rate ˆR = R 1, R 2,..., R m. I mutui sono l esempio più comune di ammortamento: il mutuario riceve oggi il capitale iniziale S e lo ripaga in m rate (non necessariamente costanti). Un altro esempio sono i BTP dal punto di vista dello Stato: le rate sono rappresentate dagli interessi semestrali ed il capitale è restituito in un unica soluzione alla scadenza. La rata R può essere pagata all inizio o alla fine dei periodi identificati dallo scadenziario ˆt = t 0,..., t m. I periodi possono essere costanti o meno. L operazione di ammortamento si configura nel modo seguente: Al momento t=0 un soggetto (detto mutuario o debitore) riceve a prestito da un altro soggetto ( detto mutuante o creditore) una somma S (detta mutuo o prestito) e deve restituirla entro un certo periodo di tempo riconsegnando non solo il capitale ricevuto ma anche gli interessi. Ricordiamo due particolari tipi di rimborso: Rimborso globale: In questo caso il rimborso del capitale avviene in un unica soluzione, alla scadenza del contratto del mutuo, insieme agli interessi maturati. Dal punto di vista del debitore, l ammortamento è visto come un operazione finanziaria in cui in t=0 si riceve la somma S e all epoca t=n si restituisce al creditore la somma finanziariamente equivalente ad S in n. Alla scadenza quindi il debitore verserà S(1+i) n, cioè il montante in n dell importo S, calcolato in regime di capitalizzazione composta. Dal punto di viste del creditore, l ammortamento è visto come un operazione finanziaria opposta, in cui all epoca 0 si eroga l importo S e all epoca n si riceve il rimborso del capitale unitamente agli interessi. 13

16 14 Figura 2.1: Rimborso globale per il debitore Figura 2.2: Rimborso globale per il creditore Rimborso rateale: In questo caso si verifica la restituzione graduale del capitale che avviene in più scadenze successive e il pagamento degli interessi su ciascuna scadenza. la durata del prestito viene quindi suddivisa in più scadenza t 1, t 2,..., t n. Ad ogni scadenza k-esima il debitore paga un importo C k a titolo di rimborso del capitale ed un importo I k a titolo di interesse. Indicata con R k la rata di ammortamento, la somma che complessivamente il debitore paga alla scadenza k, si ha che R k = C k + I k. Dal punto di vista del debitore l ammortamento si configura come un operazione finanziaria in cui si riceve S all espoca t=0 e si pagano le rate di ammortamento R 1, R 2,..., R n alle scadenze t 1,..., t n. All opposto

17 2.1 Il piano di ammortamento 15 il creditore riceve S in t=0 e paga le rate alle scadenze. 2.1 Il piano di ammortamento Nel caso del rimborso rateale del prestito si tratta di determinare gli importi da restituire al creditore a ciascuna scadenza. Si tratta quindi di determinare le quote parziali di rimborso del capitale e l ammonare degli interessi da pagare in ciascuna scadenza, che saranno commisurati di volta in volta al capitale che in ciascuna scadenza risulta non ancora restituito. Si consideri la situazione in cui i tempi t 1, t 2,..., t n siano equidistanti uno dall altra: è possibile organizzare il pagamento delle quote in un prospetto che prende il nome di piano di ammortamento. Ad ogni scadenza è importante conoscere anche l ammontare del debito residuo e l ammontare del debito estinto; ammortizzare un mutuo significa versare alle varie scadenze le rate previste in modo che il debito finale residuo si azzeri e che allo stesso modo il debito estinto raggiunga l importo del prestito concesso. Indichiamo con: S l ammontare del prestito C k la quota capitale che il debitore paga al tempo k a titolo di rimborso del capitale I k la quota interesse che il debitore paga al tempo k a titolo di interesse R k = C k + I k la rata di ammortamento Due sono le condizioni che devono essere rispettate: condizione di chiusura sulle quote capitale condizione di equità sulle rate C 1 + C C n = S (2.1) S = R 1 (1 + i) 1 + R 2 (1 + i) R n (1 + i) n (2.2), cioè il mututo S deve coincidere con il valore attuale, calcolato in t=0 della rendita descritta dalle rate R 1,..., R n Debito residuo Definiamo il debito residuo al tempo k, cioè il debito non ancora estinto al tempo k: D k = C k+1 + C k C n

18 Il piano di ammortamento Questa relazione implica che il debito residuo iniziale coincide con l importo del mutuo e il debito residuo finale si annulla. Una definizione iterativa del debito residuo è la seguente: Debito estinto D k = D k 1 C k. Parallelamente definiamo anche il debito estinto al tempo k, cioè l ammontare di debito già versato dal debitore al tempo k: E k = C 1 + C C k Da tale relazione si ricava che il debito estinto iniziale è nullo, mentre il debito estinto finale coincide con S. Una definizone iterativa del debito estinto è la seguente: Quota interesse E k = E k 1 + C k. Alla scadenza di ogni rata k-esima si possono calcolare gli interessi commisurati al capitale che a tale scadenza risulta non ancora restituito, cioè gli interessi generati dal debito residuo: I k = id k 1. Figura 2.3: Tabella piano di ammortamento.

19 2.2 Ammortamento con quote di capitale costante (metodo italiano) Ammortamento con quote di capitale costante (metodo italiano) Un conosciuto metodo di ammortamento prevede il pagamento di quote capitali tutte uguali ad una costante C, cioè C 1 = C 2 =... = C n = C. Questo metodo è chiamato anche metodo italiano o metodo uniforme. La condizione (2.1) in questo caso implica: C C n = S nc = S C = S n. (2.3) Similmente per le altre grandezze introdotte ricaviamo le seguenti formule: debito residuo: quota interesse: D k = D k 1 C (2.4) I k = I k 1 ic (2.5) rata di ammortamento: R k = R k 1 ic (2.6) Esempio 2.1. Supponiamo di voler ammortizzare, con il metodo italiano, 1000 al tasso di interesse i=10% annuo, in 5 anni. In primo luogo possiamo subito calcolare C con l equazione (2.3), ottenendo C = = 200. Ciò ci consente, volendo completare la tabella del piano di ammortamento, di compilare tutta la colonna relativa alla quota capitale. Successivamente, grazie all equazione (2.4) e ricordando che D 0 = S = 1000, si può riempire la colonna dedicata al debito residuo. Una volta noto il debito residuo in ciascuna scadenza, si possono calcolare le quote interesse e le rate di ammortamento come somma delle quote capitale e delle quote interesse. Riassumiamo poi in un grafico le dinamiche ottenute.

20 Ammortamento con rate costanti (metodo francese) Figura 2.4: Dinamiche debito residuo, quote capitale,quote interesse, debito residuo ed estinto. 2.3 Ammortamento con rate costanti (metodo francese) Un altro particolare metodo per ammortizzare un prestito prevede rate di ammortamento tutte uguali, cioè R 1 = R 2 =... = R n = R. Questo tipo di ammortamento è detto metodo francese o metodo progressivo in senso stretto. L equazione (2.2) diventa quindi { } 1 S = R 1 + i + 1 (1 + i) (1 + i) n indicando (1 + i) 1 = µ si ottiene: S = R(µ + µ µ n ) e poichè i termini dentro la parentesi formano una serie geometrica di ragione µ, S = Rµ 1 µn 1 µ = R1 (1 + i) 1 i (2.7) Quindi se si conosce S, n ed i si può calcolare immediatamente l ammontare della rata R: i R = S 1 (1 + i) n (2.8) Si ricava inoltre che le quote di capitale rispettano la seguente equazione: C k = (1 + i)c k 1 (2.9)

21 2.3 Ammortamento con rate costanti (metodo francese) 19 Esempio 2.2. Supponiamo di voler costruire col metodo francese un piano di ammortamento di un prestito di da restituire in 4 rate costanti annuali al tasso di interesse annuo i=6%. Come prima compiliamo la tabella del piano di ammortamento, stavolta iniziando completando prima la colonna delle rate in base all equazione (2.8): R = , 06 = 5.771, (1 + 0, 06) 4 Calcolata R possiamo calcolare per ogni scadenza k la quota interesse I k = id k 1, la quota capitale C k = R k I k e il debito residuo D k = D k 1 C k, ottenendo la seguente tabella e le seguenti dinamiche. Figura 2.5: Dinamiche debito residuo, quote capitale,quote interesse, debito residuo ed estinto.

22 Ammortamento con rate costanti (metodo francese)

23 Capitolo 3 Le operazioni finanziarie Tutti i problemi finora affrontanti riguardo il calcolo di montanti relativamente a capitali depositati e gli ammortamenti di un debito sono i più semplici esempi appartenenti ad una famiglia più grande di problemi denominabili operazioni finanziarie. In ogni caso precedentamente affrontato notiamo la presenza di diversi dati rilevanti per la loro discussione e risoluzione, in particolare gli importi e i tempi. Diamo quindi la definizione di situazione finanziaria. Definizione 3.1. Chiamiamo situazione finanziaria o prestazione finanziaria una coppia ordinata (x,t) consistente nella disponibilità del capitale x al tempo t 0. Notiamo che in questo modo è possibile rappresentare ogni situazione finanziaria come un punto in un piano cartesiano dove l asse delle ascisse indica il tempo e l asse delle ordinate indica il capitale x. La condizione t 0 restringe il grafico al primo e quarto quadrante, mentre ammettiamo che x possa assumere anche valori negativi (può accadere quando x è in uscita, cioè è un importo da pagare). Per poter poi disegnare sul piano cartesiano anche operazioni più complesse come gli ammortamenti, che prendono in considerazione diversi flussi di cassa (importi) in diversi tempi, diamo la definizione di operazione finanziaria, dove ˆx = x 1, x 2,..., x n e ˆt = t 1, t 2,..., t n. Definizione 3.2. La coppia di vettori ˆx/ˆt si chiama operazione finanziaria. Se m=2, l operazione finanziaria è detta semplice (un esempio sono i problemi affrontati nel capitolo 1). Come nelle situazioni finanziarie, se x j > 0 il j-esimo importo è un entrata, se x j < 0 il j-esimo importo è un uscita. ˆx/ˆt consisterà di n punti sul piano cartesiano, cioè di n situazioni finanziarie. 21

24 Criteri di scelta in condizioni di certezza 3.1 Criteri di scelta in condizioni di certezza Introduciamo ora due dei svariati criteri per discernere tra due investimenti finanziari, poichè è chiaramente necessario avere un metodo per scegliere tra due diverse operazioni finanziarie quale sia la migliore (quella che farà fruttare meglio il capitale che ho da investire, o quella che mi costerà meno se parliamo di mutui) Il criterio del VAN Definizione 3.3. Data una qualsiasi operazione finanziaria ˆx/ˆt, assumendo che l istante iniziale per semplicità sia t 1 = 0 e scelto un tasso di valutazione j (altro non è che l ipotetico tasso di interesse i), il risultato economico attualizzato (VAN) dell operazione corrisponde esattamente al suo valore attuale che viene così definito: m V AN(j, ˆt/x) = x k (1 + j) t k (3.1) k=1 Il VAN (chiamato anche REA) di un progetto quantifica quindi il valore attuale del guadagno (Valore Attuale Netto, da cui VAN) che un determinato progetto permette di realizzare. Un criterio di scelta tra due investimenti, sempre soggetti però all arbitrarietà del tasso di valutazione (i non è sempre disponibile con certezza), suggerisce di scegliere quello il cui VAN, a parità di tasso, sia maggiore. Date due operazioni finanziarie, se esiste un tasso di valutazione per cui i due VAN relativi sono uguali, questo tasso è detto tasso di svolta, nel senso che un tasso superiore o inferiore causa un inversione delle preferenze. Esempio 3.1. Applichiamo il criterio del VAN nel confronto tra due possibili ammortamenti: I 1 = ˆx/ˆt = {+1500, 400, 400, 500}/{0, 1, 2, 3} I 2 = ˆx/ˆt = {+2000, 500, 500, 800}/{0, 1, 2, 3} Supponendo di valutarle al tasso i=5%, applicando la formula (3.1) si ottiene: V AN(I 1, 5%) = (1, 05) 1 400(1, 05) 2 500(1, 05) 3 = , , , = 324, V AN(I 2, 5%) = (1, 05) 1 500(1, 05) 2 800(1, 05) 3 = , , , = 379, Quindi, essendo il VAN di I 2 maggiore di quello di I 1, il secondo investimento è da preferire al primo.

25 3.1 Criteri di scelta in condizioni di certezza 23 Esempio 3.2. Dati i due seguenti ammortamenti: I 1 = ˆx/ˆt = {+500, 600, 50}/{0, 1, 2} I 2 = ˆx/ˆt = {+450, 550}/{0, 1} determiniamo il tasso di svolta j in base a cui si inverte la preferenza. Usando come incognita il tasso j, calcoliamo i due VAN V AN(I 1, j) = (1 + j) 1 50(1 + j) 2 V AN(I 2, j) = (1 + j) 1 e poi uguagliamoli ottenendo un equazione (1 + j) 1 50(1 + j) 2 = (1 + j) 1 Con dei semplici conti si ottiene: (1 + j) 50 (1 + j) 2 = 0 che moltiplicata per (1 + j) 2, divisa per 50 e definendo ω = 1 + j diventa un equazione di secondo grado nell incognita ω: ω 2 ω 1 = 0 Risolvendola si trovano le due soluzioni: ω 1,2 = 1± 5 2, da cui scartiamo chiaramente quella negativa perchè ci darebbe un tasso j negativo (ricordando che è un tasso di interesse non avrebbe significato economico). Da ω = 1, 618, poichè ω = 1 + j si ottiene un tasso di svolta j = 0, 618 = 61, 8% (tasso decisamente da usurai). Calcolando poi i due VAN ad uno stesso tasso, ad esempio j = 40%, V AN(I 1, 40%) = 45, 92 V AN(I 2, 40%) = 57, 14 possiamo dedurre che per j < 61, 8% è preferibile il secondo ammortamento, mentre per j > 61, 8% risulta più conveniente il primo. Il criterio del VAN presenta una debolezza innegabile, che la stessa esistenza del tasso di svolta sottolinea: la forte dipendenza dal tasso di valutazione j scelto. Come evidenziato prima, il tasso j è l ipotetico tasso i di interesse, ma questo

26 Criteri di scelta in condizioni di certezza in un mercato soggetto a condizioni di incertezza non è facilmente prevedibile e soprattutto per periodi lunghi di investimento non risulta costante. Nel seguito introdurremo un altro criterio generalmente considerato più affidabile sotto questo punto di vista, ma non sempre applicabile Il criterio del TIR Cominciamo dalla definizione formale di TIR (in inglese, IRR, internal rate of return). Definizione 3.4. Data un operazione finanziaria ˆx/ˆt, il suo tasso interno di rendimento (TIR) è un qualsiasi tasso i tale che il suo VAN sia uguale a zero: m V AN(i, ˆx/ˆt) = x k (1 + j ) t 1 t k = 0. (3.2) k=1 Va notato che un operazione potenzialmente può non ammettere TIR o ammerne più di uno. Esempio 3.3. Consideriamo il seguente ammortamento: I = ˆx/ˆt = {100, 10, 10, 110}/{0, 1, 2, 3}. Cerchiamo di individuare, se esiste, il suo TIR. Cerchiamo quindi la soluzione di (3.2) per questo I. Si tratta di risolvere: V AN(i, I) = (1 + i ) 1 10(1 + i ) 2 110(1 + i ) 3 = 0. Sostituendo ω = 1 1+i l equazione si riduce a: 11ω 3 + ω 2 + ω 10 = 0 Usando un trucco algebrico e le regole di fattorizzazione questa può essere risolta senza ricorrere a Ruffini: 11ω 3 + ω 2 + ω 10 = 10ω 3 + 1ω 3 + ω 2 + ω 10 = 10(ω 3 1) + ω(ω 2 + ω + 1) = 10(ω 1)(ω 2 + ω + 1) + ω(ω 2 + ω + 1) = (ω 2 + ω + 1)(10(ω 1) + ω) = (ω 2 + ω + 1)(11ω 10) = 0 Questa equazione ammette quindi una sola soluzione reale ω = 10 11, che mi restituisce un solo i = 1 ω 1 = 1 10 = 10%. Generalmente considerato più preciso del criterio del VAN, il criterio del TIR può essere riassunto come segue:

27 3.1 Criteri di scelta in condizioni di certezza 25 dati due progetti di investimento I 1 ed I 2, dotati rispettivamente di se i 1 ed i 1, I 1 è preferibile ad I 2 se i 1 > i 2, dati due progetti di finanziamento (ammortamenti) I 1 ed I 2, dotati rispettivamente di se i 1 ed i 1, I 1 è preferibile ad I 2 se i 1 < i 2, Esempio 3.4. Consideriamo i due seguenti ammortamenti: I 1 : si riceve un prestito di 800 e lo si rimborsa in due rate distinte, 600 dopo un anno e 500 dopo 2 anni. I 2 : si riceve un prestito di 700 e lo si rimborsa in 3 rate, 300 dopo un anno, 300 dopo 2 anni e 1000 dopo 3 anni. Stabiliamo col criterio del TIR quale dei due finanziamenti è il più conveniente. Prima scriviamo i due finanziamenti in forma estesa: I 1 = ˆx/ˆt = {800, 600, 500}/{0, 1, 2} I 2 = ˆx/ˆt = {700, 300, 300, 1000}/{0, 1, 2, 3} Calcoliamo ora separatamente i due TIR se esistono e sono unici, intendendo con ω = 1 1+i ω 500ω 2 = 0 5ω 2 + 6ω 8 = 0 ω 1,2 = 3± 49 5 = 4 5, avendo scartato la soluzione negativa. Il TIR di I 1 è quindi i 1 = 1 0,8 1 = 0, 25 = 25%. Per quando riguarda I 2 invece l equazione diventa: 10ω 3 + 3ω 2 + 3ω 7 = 0, da cui decomponendo: 7ω 3 + 3ω 3 + 3ω 2 + 3ω 7 = 7(ω 3 1) + 3ω(ω 2 + ω + 1) = 7(ω 1)(ω 2 + ω + 1) + 3ω(ω 2 + ω + 1) = (ω 2 + ω + 1)(10ω 7) = 0 Che ha come unica soluzione reale ω = 7 10 e quindi i 2 = 3 7 = 42, 85%. Quindi per il criterio del TIR applicato ai finanziamenti, I 1 è preferibile a I 2 in quanto i 1 < i 2.

28 Criteri di scelta in condizioni di certezza

29 Bibliografia [1] Luciano Daboni, Claudio De Ferra, Elementi di matematica finanziaria. Trieste: Edizioni LINT. [2] Franco Moriconi, Matematica finanziaria. Bologna: Il Mulino. [3] Andrea Pascucci, Wolfgang Runggaldier, Finanza matematica. Milano: Springer Italia. [4] Ernesto Volpe di Prignano, Lezioni di Matematica Finanziaria Classica. Roma: CISU. 27

2. Leggi finanziarie di capitalizzazione

2. Leggi finanziarie di capitalizzazione 2. Leggi finanziarie di capitalizzazione Si chiama legge finanziaria di capitalizzazione una funzione atta a definire il montante M(t accumulato al tempo generico t da un capitale C: M(t = F(C, t C t M

Dettagli

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria

Capitolo 1. Leggi di capitalizzazione. 1.1 Introduzione. 1.2 Richiami di teoria Indice 1 Leggi di capitalizzazione 5 1.1 Introduzione............................ 5 1.2 Richiami di teoria......................... 5 1.2.1 Regimi notevoli...................... 6 1.2.2 Tassi equivalenti.....................

Dettagli

Epoca k Rata Rk Capitale Ck interessi Ik residuo Dk Ek 0 S 0 1 C1 Ik=i*S Dk=S-C1. n 0 S

Epoca k Rata Rk Capitale Ck interessi Ik residuo Dk Ek 0 S 0 1 C1 Ik=i*S Dk=S-C1. n 0 S L AMMORTAMENTO Gli ammortamenti sono un altra apllicazione delle rendite. Il prestito è un operazione finanziaria caratterizzata da un flusso di cassa positivo (mi prendo i soldi in prestito) seguito da

Dettagli

Una percentuale di una certa importanza nel mondo economico è il tasso di interesse. Il tasso di

Una percentuale di una certa importanza nel mondo economico è il tasso di interesse. Il tasso di Capitalizzazione e attualizzazione finanziaria Una percentuale di una certa importanza nel mondo economico è il tasso di interesse. Il tasso di interesse rappresenta quella quota di una certa somma presa

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Matematica Finanziaria Un utile premessa Negli esercizi di questo capitolo, tutti gli importi in euro sono opportunamente arrotondati al centesimo. Ad esempio,e2 589.23658 e2 589.24 (con un

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi 3

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi 3 ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016 1. Esercizi 3 Piani di ammortamento Esercizio 1. Un prestito di 12000e viene rimborsato in 10 anni con rate

Dettagli

Matematica Finanziaria Soluzione della prova scritta del 15/05/09

Matematica Finanziaria Soluzione della prova scritta del 15/05/09 Matematica Finanziaria Soluzione della prova scritta del 15/05/09 ESERCIZIO 1 Il valore in t = 60 semestri dei versamenti effettuati dall individuo è W (m) = R(1 + i 2 ) m + R(1 + i 2 ) m 1 +... R(1 +

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti 1 MODULO 1 1.1 Principali grandezze finanziarie 1. Si consideri una operazione finanziaria di provvista che prevede di ottenere

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria - Corso Part Time scheda 1 - Leggi finanziarie, rendite ed ammortamenti

Esercizi di Matematica Finanziaria - Corso Part Time scheda 1 - Leggi finanziarie, rendite ed ammortamenti Esercizi di Matematica Finanziaria - Corso Part Time scheda 1 - Leggi finanziarie, rendite ed ammortamenti 1. Un capitale d ammontare 100 viene investito, in regime di interesse semplice, al tasso annuo

Dettagli

Applicazioni con EXCEL alle decisioni finanziarie

Applicazioni con EXCEL alle decisioni finanziarie Applicazioni con EXCEL alle decisioni finanziarie Appunti per il corso di Metodi decisionali per l'azienda B Corso di laurea in statistica e informatica per la gestione delle imprese a.a. 2001-2002 Stefania

Dettagli

Determinare l ammontare x da versare per centrare l obiettivo di costituzione.

Determinare l ammontare x da versare per centrare l obiettivo di costituzione. Esercizi di matematica finanziaria 1 VAN - DCF - TIR Esercizio 1.1. Un investitore desidera disporre tra 3 anni d un capitale M = 10000 euro. Investe subito la somma c 0 pari a 1/4 di M. Farà poi un ulteriore

Dettagli

Formulario. Legge di capitalizzazione dell Interesse semplice (CS)

Formulario. Legge di capitalizzazione dell Interesse semplice (CS) Formulario Legge di capitalizzazione dell Interesse semplice (CS) Il montante M è una funzione lineare del capitale iniziale P. Di conseguenza M cresce proporzionalmente rispetto al tempo. M = P*(1+i*t)

Dettagli

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà:

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà: Gli esercizi sono suddivisi per argomenti. A) Piani d ammortamento. ) I esonero 003. Un individuo si accorda per restituire un importo di 300 mila euro mediante il versamento di rate costanti semestrali

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi 4

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi 4 ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016 1. Esercizi 4 Piani di ammortamento Esercizio 1. Un debito di 1000e viene rimborsato a tasso annuo i = 10%

Dettagli

Capitalizzazione composta, rendite, ammortamento

Capitalizzazione composta, rendite, ammortamento Capitalizzazione composta, rendite, ammortamento Paolo Malinconico 2 dicembre 2014 Montante Composto dove: C(t) = C(1+i) t C(t) = montante (o valore del capitale) al tempo t C = capitale impiegato (corrispondente

Dettagli

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Silvana Stefani Piazza dell Ateneo Nuovo 1-20126 MILANO U6-368 silvana.stefani@unimib.it 1 Unità 7 Costituzione di un capitale Classificazione Fondo di

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA MATEMATICA FINANZIARIA Introduzione Definizione. La matematica finanziaria studia le operazioni finanziarie. Definizione. Una operazione finanziaria è un contratto che prevede scambi di danaro (tra i contraenti)

Dettagli

Esercizi svolti di Matematica Finanziaria

Esercizi svolti di Matematica Finanziaria Esercizi svolti di Matematica Finanziaria Anno Accademico 2007/2008 Rossana Riccardi Dipartimento di Statistica e Matematica Applicata all Economia Facoltà di Economia, Università di Pisa, Via Cosimo Ridolfi

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi: lezione 24/11/2015

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi: lezione 24/11/2015 ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016 1. Esercizi: lezione 24/11/2015 Valutazioni di operazioni finanziarie Esercizio 1. Un operazione finanziaria

Dettagli

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Silvana Stefani Piazza dell Ateneo Nuovo 1-20126 MILANO U6-368 silvana.stefani@unimib.it 1 Unità 9 Contenuti della lezione Operazioni finanziarie, criterio

Dettagli

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Silvana Stefani Piazza dell Ateneo Nuovo 1-20126 MILANO U6-368 silvana.stefani@unimib.it 1 Unità 8 Ammortamenti a tasso costante Classificazione Ammortamento

Dettagli

Regime finanziario dell interesse semplice: formule inverse

Regime finanziario dell interesse semplice: formule inverse Regime finanziario dell interesse semplice: formule inverse Il valore attuale di K è il prodotto del capitale M disponibile al tempo t per il fattore di sconto 1/(1+it). 20 Regime finanziario dell interesse

Dettagli

(Come noto, il risultato finale dell importo dei capitali, espresso in euro, deve essere arrotondato al centesimo più prossimo)

(Come noto, il risultato finale dell importo dei capitali, espresso in euro, deve essere arrotondato al centesimo più prossimo) MATEMATICA FINANZIARIA ISTITUZIONI L - Z) Pavia 11/ 11/004 COGNOME e NOME:... n.dimatricola:... CODICE ESAME:... Come noto, il risultato finale dell importo dei capitali, espresso in euro, deve essere

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Università degli Studi di Siena Facoltà di Economia Esercizi di Matematica Finanziaria relativi ai capitoli I-IV del testo Claudio Pacati a.a. 1998 99 c Claudio Pacati tutti i diritti riservati. Il presente

Dettagli

Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici

Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici di Angelo Fiori Prima parte Premessa Di seguito si indicano gli strumenti matematici che ci vengono in aiuto per valutare sia progetti

Dettagli

RIMBORSO DI UN PRESTITO

RIMBORSO DI UN PRESTITO RIMBORSO DI UN PRESTITO Conoscenze Conoscere le principali forme di rimborso di un prestito Saper individuare gli elementi caratterizzanti un rimborso di un prestito Abilità Saper determinare le principali

Dettagli

Prestiti divisi. 1 I prestiti obbligazionari. 1.1 Introduzione. 1.2 Grandezze fondamentali

Prestiti divisi. 1 I prestiti obbligazionari. 1.1 Introduzione. 1.2 Grandezze fondamentali Prestiti divisi 1 I prestiti obbligazionari 1.1 Introduzione Nell ammortamento di prestiti indivisi (mutui), un unico soggetto (creditore o mutuante) presta denaro ad un unico soggetto debitore (mutuatario).

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI I TASSI DI INTERESSE TASSO DI RENDIMENTO EFFETTIVO ALLA SCADENZA (TRES) O YIELD-TO- MATURITY (YTM) Lezione 3 1 I PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE o o Misurazione dei tassi di interesse

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi: lezione 03/11/2015

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi: lezione 03/11/2015 ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016 1. Esercizi: lezione 03/11/2015 Piani di ammortamento Esercizio 1. Un finanziamento pari a 100000e viene rimborsato

Dettagli

ELABORAZIONE AUTOMATICA DEI DATI PER LE DECISIONI ECONOMICHE E FINANZIARIE

ELABORAZIONE AUTOMATICA DEI DATI PER LE DECISIONI ECONOMICHE E FINANZIARIE ELABORAZIONE AUTOMATICA DEI DATI PER LE DECISIONI ECONOMICHE E FINANZIARIE Calcolo Finanziario Esercizi proposti Gli esercizi contrassegnati con (*) è consigliato svolgerli con il foglio elettronico, quelli

Dettagli

Prestiti divisi. 1 I prestiti obbligazionari. 1.1 Introduzione

Prestiti divisi. 1 I prestiti obbligazionari. 1.1 Introduzione Prestiti divisi 1 I prestiti obbligazionari 1.1 Introduzione Finora ci siamo occupati di prestiti indivisi (mutui in cui un unico soggetto (creditore o mutuante presta denaro ad un unico soggetto debitore

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA MATEMATICA FINANZIARIA E. Michetti Esercitazioni in aula MOD. 2 E. Michetti (Esercitazioni in aula MOD. 2) MATEMATICA FINANZIARIA 1 / 18 Rendite Esercizi 2.1 1. Un flusso di cassa prevede la riscossione

Dettagli

Pertanto la formula per una prima approssimazione del tasso di rendimento a scadenza fornisce

Pertanto la formula per una prima approssimazione del tasso di rendimento a scadenza fornisce A. Peretti Svolgimento dei temi d esame di MDEF A.A. 015/16 1 PROVA CONCLUSIVA DI MATEMATICA per le DECISIONI ECONOMICO-FINANZIARIE Vicenza, 9/01/016 ESERCIZIO 1. Data l obbligazione con le seguenti caratteristiche:

Dettagli

1 2 3 4 Prefazione Il presente volume raccoglie testi proposti dagli autori nell ambito dei vari appelli d esame per il corso di Matematica Finanziaria tenuto presso la Facoltà di Economia dell Università

Dettagli

Montante (C n ) La somma di capitale ed interesse, disponibile alla fine dell'anno, viene chiamata montante:

Montante (C n ) La somma di capitale ed interesse, disponibile alla fine dell'anno, viene chiamata montante: NOZIONI DI CALCOLO FINANZIARIO: a cura del dr. Renato Fucito 1 Introduzione La matematica finanziaria studia i problemi relativi al trasferimento nel tempo di valori. In particolare essa si occupa dei

Dettagli

Università di Milano Bicocca Esercitazione 7 di Matematica per la Finanza 12 Marzo 2015

Università di Milano Bicocca Esercitazione 7 di Matematica per la Finanza 12 Marzo 2015 Università di Milano Bicocca Esercitazione 7 di Matematica per la Finanza 12 Marzo 2015 Esercizio 1 Si consideri la funzione f(t) := 2t/10 1 + 0, 04t, t 0. 1. Verificare che essa rappresenta il fattore

Dettagli

Soluzioni del Capitolo 5

Soluzioni del Capitolo 5 Soluzioni del Capitolo 5 5. Tizio contrae un prestito di 5.000 al cui rimborso provvede mediante il pagamento di cinque rate annue; le prime quattro rate sono ciascuna di importo.00. Determinare l importo

Dettagli

PIANI DI AMMORTAMENTO, TIC, NUDA PROPRIETA E USUFRUTTO, TIR E ARBITRAGGIO

PIANI DI AMMORTAMENTO, TIC, NUDA PROPRIETA E USUFRUTTO, TIR E ARBITRAGGIO ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 16/11/2013 1 PIANI DI AMMORTAMENTO, TIC, NUDA PROPRIETA E USUFRUTTO, TIR E ARBITRAGGIO Nuda proprietà e usufrutto Esercizio 1 2 ESERCIZIO 1 Una società prende in prestito

Dettagli

Equivalenza economica

Equivalenza economica Equivalenza economica Calcolo dell equivalenza economica [Thuesen, Economia per ingegneri, capitolo 4] Negli studi tecnico-economici molti calcoli richiedono che le entrate e le uscite previste per due

Dettagli

Esercizi svolti in aula

Esercizi svolti in aula Esercizi svolti in aula 23 maggio 2012 Esercizio 1 (Esercizio 1 del compito di matematica finanziaria 1 (CdL EA) del 16-02-10) Un individuo vuole accumulare su un conto corrente la somma di 10.000 Euro

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1 Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre. Calcolare il montante che si ottiene dopo anni con un investimento di e in regime nominale al tasso annuale del % pagabile due

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria su foglio elettronico Excel

Esercizi di Matematica Finanziaria su foglio elettronico Excel Esercizi di Matematica Finanziaria su foglio elettronico Excel Antonella Basso Riccardo Gusso Pierangelo Ciurlia Dipartimento di Matematica Applicata

Dettagli

CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 2014/15 MATEMATICA

CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 2014/15 MATEMATICA Risolvere le seguenti disequazioni: 0 ) x x ) x x x 0 CLASSE TERZA - COMPITI DELLE VACANZE A.S. 04/ MATEMATICA x 6 x x x x 4) x x x x x 4 ) 6) x x x ( x) 0 x x x x x x 6 0 7) x x x EQUAZIONI CON I MODULI

Dettagli

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO. Docente: Prof. Massimo Mariani IL VALORE FINANZIARIO DEL TEMPO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il concetto di tempo Il valore finanziario del tempo Le determinanti del tasso di interesse La formula di Fisher I flussi di cassa

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

IV Esercitazione di Matematica Finanziaria

IV Esercitazione di Matematica Finanziaria IV Esercitazione di Matematica Finanziaria 28 Ottobre 2010 Esercizio 1. Si consideri l acquisto di un titolo a cedola nulla con vita a scadenza di 85 giorni, prezzo di acquisto (lordo) P = 97.40 euro e

Dettagli

Notazione. S : som m a finanziata i : tasso d 'in teresse D : debito residuo E : d eb ito estin to I : q u o ta in teressi C : q u o t a capita l e R

Notazione. S : som m a finanziata i : tasso d 'in teresse D : debito residuo E : d eb ito estin to I : q u o ta in teressi C : q u o t a capita l e R Ammortamento t finanziarioi i Piani di rimborso prestiti MQ 186PP Notazione S : som m a finanziata i : tasso d 'in teresse D : debito residuo E : d eb ito estin to I : q u o ta in teressi C : q u o t a

Dettagli

Maria Elena De Giuli Cesare Zuccotti E S E R C I Z I R I S O L T I d i M A T E M A T I C A F I N A N Z I A R I A

Maria Elena De Giuli Cesare Zuccotti E S E R C I Z I R I S O L T I d i M A T E M A T I C A F I N A N Z I A R I A Maria Elena De Giuli Cesare Zuccotti ESERCIZI RISOLTI di MATEMATICA FINANZIARIA INDICE PARTE I TESTO DEGLI ESERCIZI pag. 1 LE LEGGI DI CAPITALIZZAZIONE 1 2 LA CAPITALIZZAZIONE SEMPLICE 4 3 LA CAPITALIZZAZIONE

Dettagli

Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ]

Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ] Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ] Esercizio 2 Del precedente esercizio calcolare il montante in regime di capitalizzazione composta.

Dettagli

La capitalizzazione composta. Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi.

La capitalizzazione composta. Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi. La capitalizzazione composta Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi. Mutuante o creditore = chi concede il prestito Mutuatario o debitore = chi riceve

Dettagli

Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE:

Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE: La Banca CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE: DURATA DELLA PROVA: Fase di gruppo:

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA - 6 cfu Prova del 15 luglio 2014 Cognome Nome e matr... Anno di Corso... Firma... Scelta dell appello per l esame orale

MATEMATICA FINANZIARIA - 6 cfu Prova del 15 luglio 2014 Cognome Nome e matr... Anno di Corso... Firma... Scelta dell appello per l esame orale MATEMATICA FINANZIARIA - 6 cfu Prova del 15 luglio 2014 Cognome Nome e matr.................................................................................. Anno di Corso..........................................

Dettagli

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti)

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi. Mutuante o creditore = chi concede il

Dettagli

I titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari I titoli obbligazionari 1 Tipologie di titoli La relazione di equivalenza consente di attribuire un valore oggi ad importi monetari disponibili ad una data futura. In particolare permettono di determinare

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 12 Cfu - A.A. 2010/2011 1

Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 12 Cfu - A.A. 2010/2011 1 Marco Tolotti - Corso di Esercitazioni di Matematica 1 Cfu - A.A. 010/011 1 Esercitazione 1: 4/09/010 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: log a) f() = 5 ( 1). b) g() = log 3 (3 6) log 13.

Dettagli

Regimi finanziari: interesse semplice. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08 1

Regimi finanziari: interesse semplice. S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08 1 Regimi finanziari: interesse semplice S. Corsaro Matematica Finanziaria a.a. 2007/08 1 Legge finanziaria TASSO PERIODALE tasso riferito all unità di tempo interesse i(1), oppure sconto d(1) REGIME FINANZIARIO

Dettagli

2014-2015 Corso TFA - A048 Matematica applicata. Didattica della matematica applicata all economia e alla finanza

2014-2015 Corso TFA - A048 Matematica applicata. Didattica della matematica applicata all economia e alla finanza Università degli Studi di Ferrara 2014-2015 Corso TFA - A048 Matematica applicata Didattica della matematica applicata all economia e alla finanza 18 febbraio 2015 Appunti di didattica della Matematica

Dettagli

1b. [2] Stessa richiesta del punto 1a., con gli stessi dati salvo che la valutazione deve essere fatta rispetto alla legge lineare.

1b. [2] Stessa richiesta del punto 1a., con gli stessi dati salvo che la valutazione deve essere fatta rispetto alla legge lineare. MATEMATICA FINANZIARIA - 6 cfu Prova del 14 aprile 2015 - Riservata a studenti fuori corso Cognome Nome e matr.................................................................................. Anno di

Dettagli

Appunti di Calcolo finanziario. Mauro Pagliacci

Appunti di Calcolo finanziario. Mauro Pagliacci Appunti di Calcolo finanziario Mauro Pagliacci c Draft date 4 maggio 2010 Premessa In questo fascicolo sono riportati gli appunti dalle lezioni del corso di Elaborazioni automatica dei dati per le applicazioni

Dettagli

Valutazione di investimenti e finanziamenti Strumenti matematici e utilizzo di Microsoft excel

Valutazione di investimenti e finanziamenti Strumenti matematici e utilizzo di Microsoft excel Valutazione di investimenti e finanziamenti Strumenti matematici e utilizzo di Microsoft excel Prima parte... 2 Premessa... 2 Valore attuale di una rendita... 3 Sintassi per l utilizzo delle formule in

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esame del 21 giugno 2005 (con esercizio 1 corretto)

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esame del 21 giugno 2005 (con esercizio 1 corretto) Matematica finanziaria: svolgimento prova di esame del giugno 5 (con esercizio corretto). [6 punti cleai, 6 punti altri] Si possiede un capitale di e e lo si vuole impiegare per anni. Supponendo che eventuali

Dettagli

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria. Unità 2. Regime finanziario della capitalizzazione semplice

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria. Unità 2. Regime finanziario della capitalizzazione semplice Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Silvana Stefani Piazza dell Ateneo Nuovo - 6 MILANO U6-368 silvana.stefani@unimib.it SILSIS Unità Capitalizzazione semplice Capitalizzazione composta in

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

OPERAZIONI DI PRESTITO

OPERAZIONI DI PRESTITO APPUNTI DI ESTIMO La matematica finanziaria si occupa delle operazioni finanziarie, delle loro valutazioni, nonché del loro confronto. Si definisce operazione finanziaria, qualsiasi operazione che prevede

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di prof.ssa Maria Sole Brioschi TAN, TAE e TAEG DLP-L Addendum Corso 20085 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Edile Anno Accademico 2012/2013 TAN, TAE e TAEG

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

3b. [2] Dopo aver determinato la rata esatta, scrivere il piano di ammortamento.

3b. [2] Dopo aver determinato la rata esatta, scrivere il piano di ammortamento. MATEMATICA FINANZIARIA - 6 cfu Prova del 23 aprile 2014 - Riservata a studenti fuori corso Cognome Nome e matr.................................................................................. Anno di

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

LABORATORIO DI MATEMATICA RENDITE, AMMORTAMENTI, LEASING CON EXCEL

LABORATORIO DI MATEMATICA RENDITE, AMMORTAMENTI, LEASING CON EXCEL LABORATORIO DI MATEMATICA RENDITE, AMMORTAMENTI, LEASING CON EXCEL ESERCITAZIONE GUIDATA: LE RENDITE 1. Il montante di una rendita immediata posticipata Utilizzando Excel, calcoliamo il montante di una

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS V ERSA RI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo LICEO TECNICO MATERIA M ATEMATICA APPLICATA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROF PIZZILEO

Dettagli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli

1. I Tassi di interesse. Stefano Di Colli 1. I Tassi di interesse Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Strumenti (in generale) Un titolo rappresenta un diritto sui redditi futuri dell emittente o sulle sue attività Un

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi: lezione 09/10/2015

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi: lezione 09/10/2015 ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016 1. Esercizi: lezione 09/10/2015 Regimi semplice e composto Esercizio 1. Dopo quanti mesi un capitale C, impiegato

Dettagli

Basi per il confronto delle alternative

Basi per il confronto delle alternative Basi per il confronto delle alternative [Thuesen, Economia per ingegneri, capitoli 6 e 7] ANALISI ECONOMICA DELLE ALTERNATIVE Una base per il confronto è un indice che contiene informazioni dettagliate

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

Cognome Nome Matricola

Cognome Nome Matricola Sede di SULMONA Prova scritta di esame del 01 02-2011 Cognome Nome Matricola Esercizio 1 (punti 5) Nel regime dell interesse iperbolico e dell interesse composto, calcolare il tasso semestrale di interesse

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Elementi di matematica finanziaria utili alla comprensione di alcune parti del Corso Definizione di operazione finanziaria Successione di importi di segno

Dettagli

Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE:

Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE: La Banca CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Prova esperta: asse matematico DISCIPLINE COINVOLTE: MATEMATICA, ECONOMIA AZIENDALE DATA EFFETTUAZIONE: CLASSE/I COINVOLTE: DURATA DELLA PROVA: Fase di gruppo:

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA MATEMATICA FINANZIARIA INTERESSE SEMPLICE Calcolo dell interesse 1. Un capitale di 3.400 fu impiegato per 3 mesi al tasso del 5%. Qual è l interesse prodotto? 2. Un capitale di 1.725 venne impiegato per

Dettagli

Elementi di Matematica Finanziaria. Mercati e operazioni finanziarie

Elementi di Matematica Finanziaria. Mercati e operazioni finanziarie Elementi di Matematica Finanziaria Mercati e operazioni finanziarie Mercati finanziari Punti di vista 1. Tipologie dei beni scambiati; 2. Partecipanti; 3. Ubicazione; 4. Regole e modalità contrattuali.

Dettagli

Calcolo economico e finanziario: Esercizi da svolgere. A) Capitalizzazione semplice

Calcolo economico e finanziario: Esercizi da svolgere. A) Capitalizzazione semplice Calcolo economico e finanziario: Esercizi da svolgere A) Capitalizzazione semplice A.1) Il capitale di 3.000 viene impiegato al tasso i=0,07 per 4 anni. Calcolare il montante. A.2) Il capitale di 3.500

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Esercitazione 24 marzo

Esercitazione 24 marzo Esercitazione 24 marzo Esercizio 1 Una persona contrae un prestito di 25000 e, che estinguerà pagando le seguenti quote capitale: 3000 e fra 6 mesi, 5000 e fra un anno, 8000 e fra 18 mesi, 4000 e fra 2

Dettagli

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 3 Finanziamenti

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 3 Finanziamenti Corso di Educazione Finanziaria Lezione 3 Finanziamenti Indice Argomenti trattati in questa lezione sui finanziamenti: Saggio di interesse* (capitalizzazione e attualizzazione, regime semplice, composto

Dettagli

3. Determinare il numero di mesi m > 0 tale che i montanti generati dai due impieghi coincidano. M = 1000 1 + 0.1 9 ) = 1075 12

3. Determinare il numero di mesi m > 0 tale che i montanti generati dai due impieghi coincidano. M = 1000 1 + 0.1 9 ) = 1075 12 Esercizi di matematica finanziaria 1 Leggi finanziarie in una variabile Esercizio 1.1. Un soggetto può impiegare C o a interessi semplici con tasso annuo i oppure a interessi semplici anticipati con tasso

Dettagli

Parte 1^ Di Angelo Fiori

Parte 1^ Di Angelo Fiori Relazioni fra tempo e denaro Alcuni concetti, regole ed esempi per cominciare ad orientarsi nelle relazioni fra tempo e denaro, utilizzando anche le funzionalità del foglio di calcolo di microsoft excel

Dettagli

Usura, anatocismo e dintorni: principi giuridici e finanziari e applicazioni pratiche

Usura, anatocismo e dintorni: principi giuridici e finanziari e applicazioni pratiche Usura, anatocismo e dintorni: principi giuridici e finanziari e applicazioni pratiche Corso Leasing ASSILEA - Milano, 10 aprile 2014 Principi di matematica finanziaria per la difesa dalle contestazioni

Dettagli

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria

Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Fondamenti e didattica di Matematica Finanziaria Silvana Stefani Piazza dell Ateneo Nuovo 1-20126 MILANO U6-368 silvana.stefani@unimib.it 1 Unità 10 Contenuti della lezione Valutazione di titoli obbligazionari

Dettagli

i = ˆ i = 0,02007 i = 0,0201 ˆ "3,02 non accett. Anno z Rata Quota interessi Quota capitale Debito estinto Debito residuo

i = ˆ i = 0,02007 i = 0,0201 ˆ 3,02 non accett. Anno z Rata Quota interessi Quota capitale Debito estinto Debito residuo 1 Appello sessione estiva 2009/ 2010 (tassi equivalenti - ammortamento) 1 Parte Rispondere ai seguenti distinti quesiti in A) e in B). A) Il capitale C=10000 è stato impiegato in capitalizzazione composta

Dettagli

Anatocismo e capitalizzazione: logica finanziaria e basi di calcolo

Anatocismo e capitalizzazione: logica finanziaria e basi di calcolo IL NUOVO ART. 120 DEL TUB ALL ESAME DELLA GIURISPRUDENZA DI MERITO: RICOSTRUZIONI E POSSIBILI SOLUZIONI OPERATIVE Milano, 27 maggio 2015 Anatocismo e capitalizzazione: logica finanziaria e basi di calcolo

Dettagli

Corso di Valutazione Economica del Prodotto

Corso di Valutazione Economica del Prodotto Seconda Università degli Studi di Napoli Luigi Vanvitelli Dipartimento di Architettura CdL Design e Comunicazione - Design per la Moda Corso di Valutazione Economica del Prodotto Docente_arch. Eleonora

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Ipotizzando una sottostante legge esponenziale e considerando l anno commerciale (360 gg), determinare:

Ipotizzando una sottostante legge esponenziale e considerando l anno commerciale (360 gg), determinare: MATEMATICA FINANZIARIA - 6 cfu Prova del 22 Gennaio 2015 Cognome Nome e matr.................................................................................. Anno di Corso..........................................

Dettagli

1a. [2] Determinare il tasso annuo d interesse della legge lineare cui avviene l operazione finanziaria.

1a. [2] Determinare il tasso annuo d interesse della legge lineare cui avviene l operazione finanziaria. MATEMATICA FINANZIARIA - 6 cfu Prova del 5 febbraio 2015 Cognome Nome e matr.................................................................................. Anno di Corso..........................................

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007 Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 5 maggio 2 a. Assumendo che il colore dei capelli negli esseri umani sia determinato da una coppia di alleli, diciamo (B, S), presi a caso con probabilità

Dettagli

2. Scomporre la seconda rata in quota di capitale e quota d interesse.

2. Scomporre la seconda rata in quota di capitale e quota d interesse. Esercizi di matematica finanziaria Rate e ammortamenti Esercizio.. Un finanziamento di 0000 euro deve essere rimborsato con tre rate annue costanti d ammontare R. Il tasso contrattuale è 2% annuo (composto)..

Dettagli