Passato, presente e futuro del debito sovrano (Qualche nota per comprendere cosa ci aspetta) * Enrico Castrovilli e Roberto Fini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Passato, presente e futuro del debito sovrano (Qualche nota per comprendere cosa ci aspetta) * Enrico Castrovilli e Roberto Fini"

Transcript

1 Passato, presente e futuro del debito sovrano (Qualche nota per comprendere cosa ci aspetta) * Enrico Castrovilli e Roberto Fini Introduzione... 2 Una breve, ma ahimè necessaria, digressione tecnica... 3 Crisi, svalutazione e altre amenità... 4 A proposito di cattivoni: euro e BCE... 5 Ma uno stato può fallire?... 6 Come finirà la crisi dei debiti sovrani?... 7 Questa volta è, davvero, diverso? * Materiale preparato in occasione della conferenza del 18 aprile 2012 al Liceo Scientifico C. Cattaneo di Torino sul debito sovrano. Il presente lavoro è liberamente disponibile per i Docenti e gli Studenti del Liceo stesso. Presidente dell Associazione Europea per l Educazione Economica (AEEE-Italia) Docente di Economia presso l Università di Verona

2 Introduzione Si sa: la gente muore, specie gli anziani. È normale. Meno normale è che sessantamila anziani, deceduti, continuino a percepire la pensione di vecchiaia. Come non è normale che gli impiegati statali ricevano in busta paga un indennità per usare il pc ed un altra per il fatto che arrivino puntuali in ufficio. È normale per i forestali lavorare all aperto. Non è normale che essi ricevano un indennità per questo. È normale per un paese moderno decidere di prosciugare e bonificare un lago ed insediarvi attività economiche: si nomina una commissione, si procede ad uno studio di fattibilità, poi si inizia la fase di realizzazione. Non è normale nominare una commissione per prosciugare un lago a secco dal Se credete che si tratti dell Italia, almeno questa volta, vi sbagliate: si tratta della situazione greca fino al 2010, quando è scoppiato il caso del paese più spendaccione dell Eurozona. La Grecia è da tempo nota come la g dell acronimo PIGS (porci), coniato per indicare i paesi più deboli, indebitati e, per molti aspetti, inaffidabili d Europa. L acronimo, evidentemente umiliante comprende (nell ordine delle iniziali) Portogallo, Italia, GreciA, Spagna. In realtà, la storia di questi acronimi è più complessa: per esempio, da quando l Irlanda, da Tigre Celtica, si è trasformata in un gattino bagnato si è ritenuto di dover aggiornare l acronimo aggiungendo una nuova i. Ma non suonava bene: PIGS funziona. PIIGS di meno. Ma basta modificare l ordine delle iniziali ed ecco fatto: GIPSI (zingari) ha il vantaggio di comprendere anche l Irlanda e mantiene inalterata l allusione negativa. Qualunque sia l acronimo prescelto, l Italia c è sempre. E questo non è certo un fatto da sottovalutare 1. Perché non va sottovalutato? Perché negli uffici degli investitori di tutto il mondo si osservano gli andamenti delle diverse economie per decidere se puntare su di esse o, peggio, se speculare per farle affondare. E se un paese è debole, per ciò stesso è esposto a rischi considerevoli. Perché? Perché si può generare facilmente un circolo vizioso: un paese considerato inaffidabile (che sia vero o meno è nella sostanza irrilevante) viene messo sotto osservazione; gli esperti finanziari sconsigliano i propri clienti di comperare i titoli del paese; d altra parte il paese ha necessità di beneficiare di prestiti sotto forma di sottoscrizione dei propri titoli di debito pubblico; per cercare di invogliare i risparmiatori ad acquistarli il governo del paese è costretto ad alzare il tasso di rendimento; probabilmente riuscirà a piazzare i titoli, ma a tassi di interesse alti 2. 1 Per la verità, gli osservatori si sono da sempre dimostrati molto fantasiosi: il più vecchio di questi acronimi è probabilmente Club Med, usato per indicare i paesi latini e mediterranei, spendaccioni e gaudenti. Più di recente la stampa inglese ha coniato STUPID: Spagna, Turchia, United Kingdom (alle prese con un brutto dissesto finanziario), Portogallo, Italia e Dubai (in brutte acque). La situazione debitoria dei paesi GIPSI è esposta nel grafico 1 dell allegato al presente lavoro. Il grafico 2, invece, mostra l andamento di lungo periodo del debito pubblico italiano. 2 In genere il rendimento dei titoli di stato europei viene confrontato con il tasso di rendimento dei Bund tedeschi, considerati i più sicuri e quindi caratterizzati da rendimenti molto bassi. Quanto più il rendimento di un titolo si allontana (verso l alto) dal rendimento assegnato al titolo tedesco, tanto più questo segnala una sua latente inaffidabilità e al tempo stesso per lo stato che lo emette aumentano i costi di restituzione a scadenza. Il grafico 3 presenta l andamento dei titoli dei PIGS in relazione al Bund tedesco fra il 2010 e il

3 Che diventeranno una pietra al collo quando si tratterà di restituire capitale ed interesse. E probabilmente questo accadrà in fretta: nessuno sottoscrive titoli a lunga scadenza per finanziare un debitore poco affidabile. Così, la previsione delle difficoltà di un paese si traducono in situazioni reali: è la profezia che si autoavvera 3 (a questo proposito gustatevi la striscia di Charlie Brown, mostrata in figura 1). Se siete un privato che chiede un prestito ad una banca, questa vi chiede delle garanzie e si informa in modo adeguato sulla vostra situazione economica: se avete altri debiti e di quale ammontare; se il vostro reddito, presente e futuro, è elevato; se è stabile; se le prospettive di lavoro sono tali da garantire la restituzione del prestito; ecc. Potete dar torto alla banca? Certamente no! Per i paesi accadono cose simili: la loro solvibilità viene monitorata e viene fatta dipendere in genere da variabili simili (ma non uguali) a quelle dei privati. Per esempio, una situazione debitoria troppo elevata non è un indice positivo, come pure un eccessiva fragilità dei fondamentali : tassi di crescita stabilmente bassi, produttività del lavoro inferiore a quella di altri paesi, inflazione alta o fuori controllo, instabilità politica e sociale. Ogni singolo paese ha dunque interesse a mantenere condizioni economiche tali da garantire gli investitori: in questo modo otterrà più facilmente i prestiti che gli servono per finanziare le proprie attività. Già: facile a dirsi, meno facile a farsi. Se poi il paese in questione, invece di comportarsi in modo prudente ed attento alla spesa, da formica, si comporta da cicala e spende in modo dissennato quanto gli è stato prestato, prima o poi i nodi vengono al pettine. E sono guai Una breve, ma ahimè necessaria, digressione tecnica In linea di massima, ogni paese possiede degli strumenti che possono rivelarsi adeguati a risolvere situazioni di crisi, o quanto meno a tappare i buchi e rinviare in avanti la resa dei conti. Uno di questi strumenti è la svalutazione monetaria. Quando i beni prodotti in un paese 3 Lo schema analitico della profezia che si autoavvera è molto frequente nelle scienze umane, in particolare in psicologia ed economia. In sostanza, una previsione si realizza per il solo fatto di essere stata espressa. I mercati finanziari sono spesso vittime di profezie che si autoavverano: la previsione di una difficoltà in borsa per un titolo fa fuggire gli investitori da quel titolo, mettendolo in difficoltà. Il concetto venne espresso per la prima volta da Merton nel 1971 in R.K. Merton, La profezia che si autoavvera, in Teoria e Struttura Sociale, vol. II, Il Mulino,

4 si rivelano troppo costosi e, per questo, non sono più competitivi sui mercati globali, si ricorre ad un trucco: si svaluta la moneta rispetto alle altre. Il meccanismo della svalutazione è semplice ed ingegnoso: supponete che ieri il tasso di cambio lira/dollaro sia stato 1000/1 (mille lire contro un dollaro), e supponete che, sempre ieri, un cittadino italiano si sia recato in banca a cambiare la propria valuta contro dollari. Per esempio ha cambiato 1 milione di lire, ricevendo in cambio 1000 dollari; sempre nella giornata di ieri, un cittadino americano ha cambiato presso la sua banca 1000 dollari in lire, per un ammontare, ovviamente, di 1 milione. Nella notte, il governo italiano decide una svalutazione della moneta (la lira) del 10%: svalutare significa far perdere di valore alla propria moneta. Perché dovrebbe farlo? Tornate con la mente ai nostri due amici: se l italiano si reca oggi (dopo la decisione di svalutazione) in banca per cambiare lire contro dollari, poiché in nuovo cambio è 900 lire contro 1 dollaro, riceverà 900 dollari invece dei 1000 ricevuti ieri. L americano che cambia i suoi 1000 dollari contro lire si troverà nel portafoglio lire: più di quanto aveva ottenuto il giorno prima. Gli effetti della svalutazione? L italiano si troverà con meno dollari in tasca rispetto al giorno prima. Viceversa l americano si troverà con una quantità maggiore di lire. Ora: l americano più ricco (in lire) potrebbe essere incentivato a comperare una vacanza in Italia, mentre l italiano sarà disincentivato a recarsi in vacanza negli USA. Sul piano generale, una svalutazione rende i beni del paese che svaluta più competitivi in termini di prezzo rispetto ai paesi terzi e permette un incremento delle esportazioni. Al tempo stesso, rendendo i beni esteri più cari, deprime le importazioni, e questo può servire a ridurre l eventuale deficit della bilancia dei pagamenti Crisi, svalutazione e altre amenità Torniamo alle nostre vicende: la svalutazione è possibile, e persino conveniente, se un paese può farla, cioè se ha la sovranità monetaria. Ma l Italia e gli altri paesi che hanno aderito all euro hanno perso questa sovranità: semplicemente, non può più svalutare. Questo significa che per vendere i beni prodotti in Italia deve fare in modo che questi siano graditi ai mercati non in base ad un prezzo più basso, ma per qualche loro caratteristica intrinseca. Già. Ma come si fa con i cinesi che hanno costi di produzione pari ad un decimo di quelli italiani? Non si fa: produrre sedie o pentole in Italia è una specie di suicidio economico e il made in Italy, sul piano aggregato, non conta granché. Certo, nel corso degli anni si è tentato di sostenere le imprese e i settori in crisi con iniezioni di spesa pubblica. Le intenzioni erano (e sono) buone: in un paese civile non si possono lasciare sul lastrico lavoratori ed imprenditori che hanno la sola colpa di produrre beni che non hanno mercato. Occorre intervenire con strumenti che garantiscano un reddito a tutti coloro che non sono in grado di procurarselo con il loro lavoro. I sussidi di disoccupazione, la cassa integrazione, ecc. sono gli strumenti che nel corso del tempo sono stati creati per sostenere lavoratori ed imprese in difficoltà. E tali strumenti si sono rilevati preziosi in molte occasioni, a maggiore ragione nei momenti di crisi economica. Ma sono strumenti che costano: come si fa a reperire i fondi necessari? Qui torna utile quanto facevamo notare poco sopra: se un paese ha la sovranità monetaria può svalutare, se questo serve a rendere nuovamente competitiva la propria economia, oppure può reperire le risorse necessarie emettendo moneta. Ma, come detto, l Italia e gli altri paesi dell euro hanno volontariamente rinunciato a questa libertà. Ai tempi della lira gli strumenti delle emissioni monetarie e delle svalutazioni competitive sono stati abbondantemente, e dissennatamente, utilizzati. I risultati? Un inflazione elevata e un industria drogata da svalutazioni. Comunque non possiamo più farlo. 4

5 L altro strumento che si può utilizzare per finanziare la spesa pubblica è il ricorso all emissione e la vendita di titoli di debito pubblico. In pratica il governo chiede ai risparmiatori di prestargli del denaro, comportandosi in questo modo come un qualunque debitore: tu mi presti euro e io in cambio ti garantisco la restituzione del capitale più un interesse secondo quanto stabilito. Il meccanismo del debito pubblico può apparire come l uovo di Colombo. E in parte lo è: in un paese caratterizzato da risparmi abbondanti, con i risparmiatori alla ricerca di buone occasioni per investirli, ed uno stato bisognoso di sostenere la propria spesa pubblica, il meccanismo del debito pubblico funziona (più o meno) alla perfezione. Così, lo stato chiede ed ottiene prestiti, che restituisce puntualmente a scadenza. E vissero tutti felici e contenti? No, non è una favola che va a finire bene. Perché nel corso degli anni il debito pubblico italiano (come quello greco, portoghese, irlandese, spagnolo) è aumentato a dismisura. Per quale ragione? Semplicemente perché si sono chiesti nuovi prestiti per pagare quelli che andavano a scadenza! Apparentemente tutto va bene: il risparmiatore che ha prestato denaro allo stato se lo vede restituito con gli interessi, mentre i cittadini (gli stessi risparmiatori) usufruiscono di servizi pubblici adeguati (anche in questo caso: più o meno ). A proposito di cattivoni: euro e BCE La favola non va a finire bene perché ad un certo punto intervengono quei cattivoni dell Europa dell euro. Che dicono, all incirca: ok, fino a quando avevate una vostra moneta noi non mettevamo becco nei vostri affari ed eravate anche liberi di emettere tutti i titoli di debito pubblico che volevate. Fatti vostri: il massimo che può succedervi è che i risparmiatori non vi considerino più debitori affidabili e chiudano il rubinetto dei prestiti, ma sarà un problema vostro. Ma ora, sono sempre i cattivoni a parlare, siamo una famiglia: se in una famiglia il padre si comporta bene e la madre spende dissennatamente, o addirittura si indebita, il problema riguarda anche chi si comporta in modo virtuoso che potrebbe essere trascinato nelle difficoltà suo malgrado e senza averne alcuna colpa. Dunque da questo momento in poi basta spese folli! Basta assunzioni pubbliche di migliaia di forestali e di impiegati pubblici. Basta opere pubbliche faraoniche progettate e realizzate solo per elargire fondi a privati ed imprese. Insomma: basta vivere in un lusso che non potete permettervi e che non pagate voi! Dunque è tutta colpa dell euro? Di Bruxelles? Della Banca Centrale Europea? Beh, si può anche dare la colpa di tutto all euro, ma si prenderebbe un abbaglio: l appartenenza ad un sistema monetario unico ha creato una gigantesca fata morgana durata oltre un decennio. Il fatto di essere nello stesso 5

6 sistema valutario di Germania e Olanda ha protetto Italia, Grecia, Portogallo e Spagna dagli interessi sul debito alti che gli investitori avevano chiesto fino all introduzione dell euro: non siete particolarmente affidabili, osservavano gli investitori, ma siete all interno di un sistema che vi garantisce. È un po come se i debiti della moglie spendacciona siano garantiti dalle risorse del marito più prudente. Così, se per oltre un decennio i PIGS non si sono potuti servire della leva svalutativa per incoraggiare le loro esportazioni, sono stati peraltro beneficiati dal fatto che i tassi di interesse sul debito pubblico non sono mai stati particolarmente distanti da quelli della quercia Germania. E in effetti, fino al 2008 lo spread, cioè il differenziale in termini di tasso di interesse, fra i titoli di debito pubblico italiani o greci e quelli tedeschi non è stato particolarmente elevato. Occorre dire che i primi dodici-tredici anni di euro la debolezza di alcuni paesi, Italia compresa, ha costituito una pericolosa bomba ad orologeria all interno dell area valutaria comune. E la crisi iniziata nel ha avuto la funzione di detonatore. D altra parte, considerato che i mercati funzionano anche secondo logiche tutt altro che razionali, si è generato un effetto domino, partito da Atene nel 2009 e che ha costretto poi anche Portogallo e Irlanda a ricorrere a prestiti UE-FMI ha risposto, ancora, anche a logiche di profezia che si autoavvera 4. Ma uno stato può fallire? Eppure, sebbene molto lontano dall area euro ma non lontano nel tempo, esempi interessanti, ancorché drammatici, di default non sono mancati. Uno per tutti? Il crack argentino nella seconda metà degli anni novanta, quando il governo dichiarò di non essere più in grado di onorare i suoi debiti 5. Eppure l Argentina era una specie di paese di Bengodi: durante la prima metà del novecento gli immigrati italiani la consideravano un sogno a cui aspirare (e tuttora il paese è popolato per circa un terzo da nipoti o figli di italiani). Ma il sogno era destinato a finire Come dicevamo, era necessario un detonatore per far esplodere la bomba ad orologeria. La crisi mondiale legata allo scoppio della bolla speculativa dei mutui immobiliari americani 6, nel 4 Tutto questo è stato aggravato dal ruolo, ormai molto poco informativo delle agenzie di rating: anche secondo un accreditato studio del FMI, esse hanno spesso la pessima funzione di aggravare le crisi e non di orientare gli investitori. Il report si può leggere a partire dall URL: 5 Per la verità, i fallimenti di stati sono più frequenti di quanto si possa immaginare. O meglio: hanno caratteristiche diverse rispetto al fallimento di un impresa, ma nella sostanza si tratta di una crisi irreversibile di solvibilità. Per una ricostruzione puntuale dei default potete leggere il libro di C. Reinhart e K. Rogoff, Questa volta è diverso, Il Saggiatore, Il libro ha un titolo significativo: descrive la pericolosa illusione che dalle crisi si impari qualcosa. In realtà l esperienza insegna che l esperienza non insegna 6 Il grafico 4, che trovate nell allegato del presente lavoro, attraverso un indice molto utilizzato mostra l andamento del prezzo degli immobili come media dei prezzi di circa venti aeree metropolitane negli USA nel corso del tempo. 6

7 2008, ha svolto egregiamente questa funzione. Quando dagli USA si è trasferita in Europa si è trasformata in una gigantesca crisi dei debiti pubblici: molti governi europei hanno dovuto salvare le banche a riavviare i motori dell economia, ingrippati dalla mancanza di liquidità delle banche e dal fatto che la prima economia del mondo, gli USA appunto, si stava fermando e quindi non assorbiva più (o assorbiva molto meno rispetto al passato) la produzione mondiale. Ovviamente, i primi a rischiare la bancarotta non potevano che essere, e sono stati, i PIGS (o i GIPSI, o gli STUPID che dir si voglia). Peraltro, i PIGS (o i GIPSI, ecc.) non sono tutti uguali: purtroppo per la Grecia o il Portogallo, le conseguenze di un fallimento o di un salvataggio in extremis come è accaduto per la Grecia di recente, significa essere costretti a seguire un severo programma di correzione dei conti pubblici ed essere messi sotto stretta sorveglianza, quasi commissariati, dalle autorità dell eurozona. Questo non vale, ma non è una fortuna, per Italia e Spagna. Per le quali vigono due regole non scritte, ma nei fatti molto stringenti: a. too big to fail 7 ; b. too big to save. In altre parole, il fallimento di un paese come l Italia provocherebbe effetti a catena non controllabili e metterebbe in ginocchi l economia europea. D altra parte sono paesi troppo grandi perché si possa pensare ad un intervento dell Europa o del FMI: semplicemente, non vi sono risorse sufficienti. Ne deriva che devono salvarsi da sole. Come finirà la crisi dei debiti sovrani? Già: bella domanda anche questa! Non possiamo saperlo. Ma alcune ipotesi si possono fare, sebbene con molta prudenza. Prima questione: in molti casi la crisi del debito pubblico è stata causata dal verificarsi di due condizioni convergenti, una di lungo periodo, una più contingente. Quella di lungo periodo è stata l espansione della spesa pubblica iniziata dopo la crisi del 29 e il suo finanziamento attraverso i due canali ipotizzati dal grande economista inglese J. M. Keynes: l emissione di moneta e il debito pubblico. Keynes ipotizzava che, in particolare nei momenti di crisi, quando i consumi ristagnano e l economia non progredisce (e anzi arretra), la spesa pubblica poteva, e doveva, servire da metodo per far ripartire il sistema 7 Letteralmente: troppo grandi per essere lasciati fallire. Originariamente la locuzione si riferiva alle grandi banche d affari americane, il cui crollo avrebbe provocato effetti a catena disastrosi. A questo proposito potete vedere l ottimo docu-fiction dallo stesso titolo per la regia di C. Hanson (2011). Il film si focalizza sui drammatici giorni del settembre 2008, quando la Lehman Brothers venne lasciata fallire; ne seguì un crollo di borsa di notevole entità, anche se venne riassorbito piuttosto in fretta. Il film è ispirato ad un bel libro, di facile lettura: A.R. Sorkin, Il crollo: too big to fail, De Agostini, Un altro film che ricostruisce la crisi del 2008, sebbene da un altro punto di vista è Wall Street: il denaro non dorme mai, di O. Stone. Qui le vicende sono viste con l occhio di un operatore di borsa e di uno speculatore, M. Douglas. Il film è interessante anche perché rappresenta il sequel di un precedente film, con protagonista lo stesso M. Douglas. Per un approfondita analisi delle cause della crisi conviene vedere anche il documentario di C. Ferguson Inside Job, che racconta il periodo dal 2008 al

8 economico inceppato. Anche di fronte ad un deficit di bilancio il governo non doveva spaventarsi: sarebbe stato riassorbito nel momento in cui i consumi fossero ripartiti e i redditi delle persone avrebbero consentito entrate fiscali maggiori. Non male come idea! Elaborata da Keynes nel corso degli anni trenta, essa è servita a giustificare un espansione in molti casi abnorme della spesa pubblica finanziata in deficit. Ma soprattutto non si è avuta una decisa inversione di tendenza a crisi finite. In effetti, è facile espandere la spesa pubblica perché tutti sono contenti: basse imposte, redditi in aumento, disoccupazione in calo grazie alle sovvenzioni pubbliche. Ma come si fa poi a licenziare un dipendente pubblico? Come si possono aumentare le imposte senza che questo provochi malumore sociale (ed elettorale )? In effetti, anche quando la teoria keynesiana ha smesso di essere dominante, sia fra gli economisti che negli ambienti politici, ci si sarebbe dovuta aspettare un inversione di tendenza e una riduzione, sia pure progressiva ed intelligente, dell intervento pubblico nell economia. Questa soluzione, caldeggiata a parole dall opinione pubblica non è stata seguita e la spesa pubblica è aumentata quasi dappertutto anche quando non era necessario, con la conseguenza di aumentare l esposizione debitoria e alimentare uno dei grandi mali del novecento: l inflazione. Questo per quanto riguarda il lungo periodo. Nel breve periodo la crisi non ha fatto che aumentare le difficoltà di tutti i paesi che ne sono stati colpiti; ma, ovviamente, quelli già strutturalmente più deboli, con debito pubblico elevato (ben oltre il 60% fissato dagli accordi Maastricht), con una spesa pubblica fuori controllo, con classi politiche deboli e non in grado di prendere decisioni anche dolorose, con sistemi industriali poco competitivi, sono apparsi, per riprendere l espressione del Manzoni quando descrive il carattere di don Abbondio, i classici vasi di coccio fra quelli di ferro. Da qui il dissesto di molte economie, Grecia in primo luogo. Ma anche in forme diverse (per ora ) Portogallo, Irlanda. E Italia Se ne esce? Forse sì e forse no: dipende dalle scelte che i governi sapranno fare nei prossimi mesi. Un tempo maggiore, purtroppo, non è concesso a nessuno. Anche perché, mentre Europa ed USA dibattono amabilmente su quanto si deve ridurre la spesa pubblica e, meno amabilmente, litigano su chi deve assumersi la 8

9 responsabilità della crisi, paesi come Cina o Brasile 8 si mangiano fette sempre più grandi di mercati e comperano il debito pubblico americano ed europeo, rendendo USA ed Europa sempre più finanziariamente dipendenti. La domanda, ovviamente, resta: che si fa? Nella sua essenza la ricetta è semplice: è necessario che le cicale si abituino ad essere più formiche. Fuor di metafora: che, specie i paesi maggiormente indebitati, riducano la spesa pubblica e progressivamente rientrino da percentuali di debito pubblico sul PIL troppo elevate. Ma non è un problema semplice. Se anche l opinione pubblica di un paese accettasse di buon grado i necessari sacrifici e il taglio della spesa pubblica, la recessione che necessariamente ne seguirebbe potrebbe mettere in difficoltà il sistema, al punto di costringere il governo a rivedere le politiche virtuose messe in atto fino a quel momento, magari anche con un consenso generalizzato o quasi. La recessione è una brutta bestia: riduce i redditi, fa diminuire l occupazione, scoraggia l imprenditorialità. Nei paesi democratici non si può far finta di niente e lasciare che passi a nuttata : gli effetti, in termini di consenso, possono essere devastanti e comunque rientrare da una situazione recessiva può essere un processo lungo e doloroso. E che lascia segni per lungo tempo. E non è neppure escluso che i sacrifici richiesti, ed ottenuti, si rivelino inutili se non anche controproducenti: una delle caratteristiche dell economia contemporanea è la sua integrazione planetaria: le misure prese da un governo possono essere vanificate dalle dinamiche mondiali dell economia. In linea generale, non è prudente procedere con cure da cavallo, anche se a volte può risultare dolorosamente necessario. Se si può, è opportuno procedere con prudenza ed equilibrio: ridurre la spesa pubblica in modo progressivo e senza strappi eccessivi, sperando nel frattempo che la situazione mondiale tenda al bel tempo. Operazione non semplice e non priva di rischi. Necessaria ma non sempre sufficiente 8 Ma non solo: Brasile e Cina rappresentano le economie emergenti più forti del momento, ma altri paesi dispongono di potenzialità economiche di grandi prospettive. Sudafrica, Messico, Turchia, Corea del Sud, Indonesia, ecc. sono paesi dalle dinamiche di sviluppo estremamente accelerate. Per non parlare, ovviamente, di India e Russia che rappresentano, insieme ai già citati Cina e Brasile, il gruppo dei BRICs 9

10 Questa volta è, davvero, diverso? La crisi può insegnare qualcosa? Probabilmente no. L esperienza indica che tutte le riflessioni abbondantemente presenti durante una crisi, vengono dimenticate in fretta quando l apice della crisi stessa e passato e si comincia a scorgere la fine del ciclo negativo. La tendenza è quella di dimenticare, in fretta e il più possibile. Il risultato, ovviamente, è una ripetizione più o meno nella stessa forma degli errori già compiuti in precedenza. Ma con un aggravante rispetto al passato: nel mondo globalizzato e telematizzato gli squilibri che si creano in un punto hanno la tendenza a diffondersi a livello planetario (Butterfly Effect) 9 in tempi molto brevi, cogliendo tutti impreparati. 9 Il Butterfly effect, un costrutto importante della teoria del caos secondo cui una piccola variazione delle condizioni iniziali di un sistema è in grado di produrre grandi variazioni a lungo termine. L effetto farfalla ha origini romanzesche, ma il primo ad usare il termine in una forma problematica fu E. Lorenz in un saggio preparato nel 1963, Lorenz riferisce che un meteorologo fece notare che se le teorie sono corrette, un battito delle ali di un gabbiano sarebbe stato sufficiente ad alterare il corso del clima per sempre. Più tardi, nel 1972, lo stesso Lorenz modificò in senso più elegante la sua metafora: Può il batter d ali di una farfalla in Brasile provocare un tornado in Texas?. 10

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta

i dossier DI BOLLA IN BOLLA www.freefoundation.com 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta 17 i dossier www.freefoundation.com DI BOLLA IN BOLLA 22 dicembre 2011 A cura di Renato Brunetta PREMESSA 2 Sapete qual è stata la madre di tutte le bolle? È successo molto tempo fa, per caso. L hanno

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

L Europa e l euro. Francesco Daveri

L Europa e l euro. Francesco Daveri L Europa e l euro Francesco Daveri 1 Concetti di base: tasso di cambio nominale Il tasso di cambio nominale è il tasso al quale si può scambiare la valuta di un paese con quella di un altro paese che abbia

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Cambio fisso, svalutazione e austerità

Cambio fisso, svalutazione e austerità Cambio fisso, svalutazione e austerità Le ricadute negative per la nostra economia dell adozione del cambio fisso e della conseguente rinuncia ad uno strumento come la svalutazione monetaria sono ben chiarite

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 10 L Integrazione Monetaria: lo SME Lo SME Rapporto Werner (1970): successo del mercato

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). L ultima volta abbiamo visto insieme come l inflazione non rappresenti affatto

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

IL SUICIDIO ECONOMICO DELL ITALIA

IL SUICIDIO ECONOMICO DELL ITALIA IL SUICIDIO ECONOMICO DELL ITALIA La crisi economica mondiale che stiamo attraversando mi appare sempre più simile a quella del 1929 ed ugualmente sbagliate mi sembrano le politiche adottate per contrastarla.

Dettagli

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future

Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Bergamo, 24 Febbraio 2011 Un analisi eterodossa delle cause della crisi economica e delle prospettive future Marco Passarella Fine della corsa Fine di un epoca storica, iniziata in occidente dopo la Seconda

Dettagli

ALBERTO BAGNAI Ce lo chiede l europa

ALBERTO BAGNAI Ce lo chiede l europa ALBERTO BAGNAI Ce lo chiede l europa https://www.youtube.com/watch?v=gehzmldt-fe Trascrizione a cura di Francesca De Munari [ 00:00-00:44 ] Alberto Bagnai, professore di politica economica all università

Dettagli

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50.

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Analisi andamento del mercato dell'oro Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Non e un caso che l oro si sia rivalutato del 408% in $ del

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Euro sì, euro no, euro forse. 29/6/2012

Euro sì, euro no, euro forse. 29/6/2012 La crisi dell eurozona: un film già visto Debito sovrano? Debito sovrano!? Alberto Bagnai Dipartimento di Economia Università Gabriele d Annunzio CREAM Université de Rouen http://goofynomics.blogspot.it/

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI Luglio 2015 ECONOMIC RESEARCH AND MARKETS STRATEGY Salvo diversa specificazione, Thomson Reuters è la fonte per i dati ed i grafici riportati. CONGIUNTURA

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Pigs o Piigs: dove sta l Italia?

Pigs o Piigs: dove sta l Italia? Pigs o Piigs: dove sta l Italia? di Carmelo Parello Introduzione E un dato di fatto che la crisi innescata dal debito sovrano della Grecia ha suscitato preoccupazioni per l esistenza stessa dell Unione

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

E SI SCOPRÌ CHE LO SPREAD ERA L INDICATORE SBAGLIATO

E SI SCOPRÌ CHE LO SPREAD ERA L INDICATORE SBAGLIATO E SI SCOPRÌ CHE LO SPREAD ERA L INDICATORE SBAGLIATO Siamo corsi dietro un elemento che induce valutazioni sbagliate per gli investimenti di lungo termine. Parola di Fitch 25 marzo 2013 a cura del Gruppo

Dettagli

La lunga notte dell euro

La lunga notte dell euro Alessandro Barbera Stefano Feltri La lunga notte dell euro Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07482-7 Prima edizione: aprile 2014 Realizzazione editoriale:

Dettagli

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Lezioni Lincee di Economia Milano 2 marzo 2015 Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Una volta uno studente chiese a N. Kaldor (un grande economista di Cambridge, ma di origine ungherese) se

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

L azionario vince sempre nel lungo periodo?

L azionario vince sempre nel lungo periodo? 1 L azionario vince sempre nel lungo periodo? Redatto il 03/08/2007 Introduzione Spesso accade di ascoltare la celebre ed inflazionata massima secondo la quale l azionario vince sempre nel lungo periodo.

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

CHE DIFFERENZA C'E' TRA LA GRECIA E LA CALIFORNIA

CHE DIFFERENZA C'E' TRA LA GRECIA E LA CALIFORNIA Page 1 of 5 CHE DIFFERENZA C'E' TRA LA GRECIA E LA CALIFORNIA Europa di Andrea Fracasso, Roberto Tamborini 19 febbraio 2010 Recentemente la California è andata sull'orlo della bancarotta nella totale indifferenza

Dettagli

MoneyExpert.it Diario di Bordo del 18 ottobre 2012

MoneyExpert.it Diario di Bordo del 18 ottobre 2012 MoneyExpert.it Diario di Bordo del 18 ottobre 2012 L effetto farfalla e la crisi dell Eurozona La fiducia viene meno I conti degli stati vanno in rosso La cura alla crisi: l austerity Meno spese più tasse:

Dettagli

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE 0 COSA IMPAREREMO La teoria classica dell inflazione cause effetti Costi sociali In che senso classica? Assumiamo che i prezzi siano flessibili

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

L urgente riforma del sistema monetario

L urgente riforma del sistema monetario L urgente riforma del sistema monetario di Mark Joób Oggi un numero crescente di persone si rende conto che il denaro è più di uno strumento neutrale per gli scambi economici, il denaro in effetti governa

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

L'oro è l elemento più importante del sistema finanziario mondiale

L'oro è l elemento più importante del sistema finanziario mondiale Cos è l Oro? 1. L oro è il metallo più prezioso, è sinonimo di ricchezza ed eccellenza. 2. L oro non dipende dai governi. 3. L oro non è tassato. 4. L oro non ha scadenza e non si deteriora. 5. L oro non

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

Money Expert Diario di Bordo 27 settembre 2012

Money Expert Diario di Bordo 27 settembre 2012 Money Expert Diario di Bordo 27 settembre 2012 Le azioni non premiano più? A proposito dell equity premium Tutti a dieta (di asset) Con buona pace dell equity premium La parola ai guru L equity premium

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Corso di Poli*che Economiche Europee Prof. Gianfranco Vies*

Corso di Poli*che Economiche Europee Prof. Gianfranco Vies* Facoltà di Scienze Poli*che - Università di Bari Corso di Poli*che Economiche Europee Prof. Gianfranco Vies* Modulo 13 La crisi del debito sovrano 1. La crisi economica internazionale Liberalizzazione

Dettagli

IL POPOLO GRECO SI TROVA AD AFFRONTARE un ulteriore

IL POPOLO GRECO SI TROVA AD AFFRONTARE un ulteriore AGGIUNGI UN GRECIA, IN AZIENDA TORNA LA RACMA? D Sull orlo del collasso finanziario, il più debole dei paesi europei è di fronte a scelte difficili, anche di politica monetaria. Il modello argentino attuato

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Roma, 13 luglio 2011 La crisi e l euro Le prospettive di crescita e i mercati finanziari

Dettagli

Mercati e Valute, 25 settembre 2014 Un feudalesimo dei rendimenti Outlook Bond e Valute

Mercati e Valute, 25 settembre 2014 Un feudalesimo dei rendimenti Outlook Bond e Valute Mercati e Valute, 25 settembre 2014 Un feudalesimo dei rendimenti Outlook Bond e Valute L investitore privato italiano che, deluso dalla politica e in cerca di sicurezza, decidesse in un impeto rivoluzionario

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

Gli sviluppi della crisi e la posizione internazionale dell Italia

Gli sviluppi della crisi e la posizione internazionale dell Italia Gli sviluppi della crisi e la posizione internazionale dell Italia Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia Lezioni Lincee di Economia Milano -15 febbraio 2012 1/49 I prodromi della crisi attuale: il

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

17 maggio 2013 Roberto Russo

17 maggio 2013 Roberto Russo Comprare Italia! 17 maggio 2013 Roberto Russo www.assitecasim.it Una delle massime di Warren Buffett, riferita agli investitori, recita: Guarda avanti e non attraverso lo specchietto retrovisore. Tale

Dettagli

Economia dell integrazione monetaria

Economia dell integrazione monetaria Economia dell integrazione monetaria [basata, in parte, su M. Scoppola, Economia dell Integrazione Europea, Università di Macerata, Facoltà di Scienze Politiche, Materiale didattico, a.a. 2006/07] [Testo

Dettagli

Capitolo Quinto: L interesse

Capitolo Quinto: L interesse Capitolo Quinto: L interesse 95 Capitolo Quinto L interesse L interesse può essere definito come il prezzo che si paga per l uso del risparmio altrui: esso viene corrisposto a chi dispone di capitale finanziario

Dettagli

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI

LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI LA VARIABILE CHE NON TI ASPETTI: LA DINAMICA DEI FLUSSI In questa seconda parte affronteremo il vero problema che attanaglia tutti quei professionisti che fanno della raccolta e della relazione il loro

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

Teoria dell Unione Monetaria

Teoria dell Unione Monetaria Teoria dell Unione Monetaria Gli elementi costitutivi di un unione monetaria sono: LA PIENA ED IRREVOCABILE CONVERTIBILITÀ DI TUTTE LE VALUTE: Prima di entrare in un unione monetaria ogni paese aveva la

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI

EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI DEBITO EUROZONA LA FUGA DEGLI STRANIERI PIGS, EUROPA ABBIAMO UN PROBLEMA. SALVATAGGI IN CORSO Portogallo 78 miliardi Irlanda 85 miliardi Grecia

Dettagli

Un Europa a due velocità

Un Europa a due velocità OLTRE LA CRISI GRECA Un Europa a due velocità Si allarga il gap tra paesi core e paesi periferici dell Eurozona. Pil, inflazione, disoccupazione, consumi, deficit pubblico e tassi di interesse: una radiografia

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Dalla finanza all olio del Malawi

Dalla finanza all olio del Malawi Dalla finanza all olio del Malawi Massimo Bosi Nessun pasto è gratis (Milton Friedman ) 1 Gli attori Economia la scienza che studia le modalità di allocazione di risorse limitate tra usi alternativi, al

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi

Dettagli

Lo spettro del Credit Crunch

Lo spettro del Credit Crunch Lo spettro del Credit Crunch (se il credito va in apnea) A cura di Renato Brunetta Indice 2 Un conto salato per le imprese italiane Cosa si intende per Credit Crunch Le cause alla base di un pericolo reale

Dettagli

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York

La crisi del 29. Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York La crisi del 29 Cause e conseguenze del crollo della borsa di New York Giovedì 24 Ottobre 1929: crollo della Borsa di New York Provoca crisi economica mondiale Segna trauma epocale che destabilizzerà le

Dettagli

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino La crisi (origini) Le cause americane: Anni di politica monetaria espansiva

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI

FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI PROF. MARCELLO MINENNA 1 UNIVERSITÀ BOCCONI DI MILANO Andamento tassi di interesse a 10 anni nel periodo 1993-2007 35% 30% Determinazione

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

16 aprile 2014 Ecco come funziona il cervellone che protegge l'euro (e perché al Sud viene imposta austerity anche in fasi recessive) di Vito Lops

16 aprile 2014 Ecco come funziona il cervellone che protegge l'euro (e perché al Sud viene imposta austerity anche in fasi recessive) di Vito Lops 16 aprile 2014 Ecco come funziona il cervellone che protegge l'euro (e perché al Sud viene imposta austerity anche in fasi recessive) di Vito Lops A fine maggio si terranno le elezioni per il rinnovo del

Dettagli

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Premessa Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Bastarono pochi mesi perché l impero sovietico si sfasciasse, pochi giorni per modificare radicalmente la situazione del Nordafrica. Potrebbero bastare pochi

Dettagli