Passato, presente e futuro del debito sovrano (Qualche nota per comprendere cosa ci aspetta) * Enrico Castrovilli e Roberto Fini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Passato, presente e futuro del debito sovrano (Qualche nota per comprendere cosa ci aspetta) * Enrico Castrovilli e Roberto Fini"

Transcript

1 Passato, presente e futuro del debito sovrano (Qualche nota per comprendere cosa ci aspetta) * Enrico Castrovilli e Roberto Fini Introduzione... 2 Una breve, ma ahimè necessaria, digressione tecnica... 3 Crisi, svalutazione e altre amenità... 4 A proposito di cattivoni: euro e BCE... 5 Ma uno stato può fallire?... 6 Come finirà la crisi dei debiti sovrani?... 7 Questa volta è, davvero, diverso? * Materiale preparato in occasione della conferenza del 18 aprile 2012 al Liceo Scientifico C. Cattaneo di Torino sul debito sovrano. Il presente lavoro è liberamente disponibile per i Docenti e gli Studenti del Liceo stesso. Presidente dell Associazione Europea per l Educazione Economica (AEEE-Italia) Docente di Economia presso l Università di Verona

2 Introduzione Si sa: la gente muore, specie gli anziani. È normale. Meno normale è che sessantamila anziani, deceduti, continuino a percepire la pensione di vecchiaia. Come non è normale che gli impiegati statali ricevano in busta paga un indennità per usare il pc ed un altra per il fatto che arrivino puntuali in ufficio. È normale per i forestali lavorare all aperto. Non è normale che essi ricevano un indennità per questo. È normale per un paese moderno decidere di prosciugare e bonificare un lago ed insediarvi attività economiche: si nomina una commissione, si procede ad uno studio di fattibilità, poi si inizia la fase di realizzazione. Non è normale nominare una commissione per prosciugare un lago a secco dal Se credete che si tratti dell Italia, almeno questa volta, vi sbagliate: si tratta della situazione greca fino al 2010, quando è scoppiato il caso del paese più spendaccione dell Eurozona. La Grecia è da tempo nota come la g dell acronimo PIGS (porci), coniato per indicare i paesi più deboli, indebitati e, per molti aspetti, inaffidabili d Europa. L acronimo, evidentemente umiliante comprende (nell ordine delle iniziali) Portogallo, Italia, GreciA, Spagna. In realtà, la storia di questi acronimi è più complessa: per esempio, da quando l Irlanda, da Tigre Celtica, si è trasformata in un gattino bagnato si è ritenuto di dover aggiornare l acronimo aggiungendo una nuova i. Ma non suonava bene: PIGS funziona. PIIGS di meno. Ma basta modificare l ordine delle iniziali ed ecco fatto: GIPSI (zingari) ha il vantaggio di comprendere anche l Irlanda e mantiene inalterata l allusione negativa. Qualunque sia l acronimo prescelto, l Italia c è sempre. E questo non è certo un fatto da sottovalutare 1. Perché non va sottovalutato? Perché negli uffici degli investitori di tutto il mondo si osservano gli andamenti delle diverse economie per decidere se puntare su di esse o, peggio, se speculare per farle affondare. E se un paese è debole, per ciò stesso è esposto a rischi considerevoli. Perché? Perché si può generare facilmente un circolo vizioso: un paese considerato inaffidabile (che sia vero o meno è nella sostanza irrilevante) viene messo sotto osservazione; gli esperti finanziari sconsigliano i propri clienti di comperare i titoli del paese; d altra parte il paese ha necessità di beneficiare di prestiti sotto forma di sottoscrizione dei propri titoli di debito pubblico; per cercare di invogliare i risparmiatori ad acquistarli il governo del paese è costretto ad alzare il tasso di rendimento; probabilmente riuscirà a piazzare i titoli, ma a tassi di interesse alti 2. 1 Per la verità, gli osservatori si sono da sempre dimostrati molto fantasiosi: il più vecchio di questi acronimi è probabilmente Club Med, usato per indicare i paesi latini e mediterranei, spendaccioni e gaudenti. Più di recente la stampa inglese ha coniato STUPID: Spagna, Turchia, United Kingdom (alle prese con un brutto dissesto finanziario), Portogallo, Italia e Dubai (in brutte acque). La situazione debitoria dei paesi GIPSI è esposta nel grafico 1 dell allegato al presente lavoro. Il grafico 2, invece, mostra l andamento di lungo periodo del debito pubblico italiano. 2 In genere il rendimento dei titoli di stato europei viene confrontato con il tasso di rendimento dei Bund tedeschi, considerati i più sicuri e quindi caratterizzati da rendimenti molto bassi. Quanto più il rendimento di un titolo si allontana (verso l alto) dal rendimento assegnato al titolo tedesco, tanto più questo segnala una sua latente inaffidabilità e al tempo stesso per lo stato che lo emette aumentano i costi di restituzione a scadenza. Il grafico 3 presenta l andamento dei titoli dei PIGS in relazione al Bund tedesco fra il 2010 e il

3 Che diventeranno una pietra al collo quando si tratterà di restituire capitale ed interesse. E probabilmente questo accadrà in fretta: nessuno sottoscrive titoli a lunga scadenza per finanziare un debitore poco affidabile. Così, la previsione delle difficoltà di un paese si traducono in situazioni reali: è la profezia che si autoavvera 3 (a questo proposito gustatevi la striscia di Charlie Brown, mostrata in figura 1). Se siete un privato che chiede un prestito ad una banca, questa vi chiede delle garanzie e si informa in modo adeguato sulla vostra situazione economica: se avete altri debiti e di quale ammontare; se il vostro reddito, presente e futuro, è elevato; se è stabile; se le prospettive di lavoro sono tali da garantire la restituzione del prestito; ecc. Potete dar torto alla banca? Certamente no! Per i paesi accadono cose simili: la loro solvibilità viene monitorata e viene fatta dipendere in genere da variabili simili (ma non uguali) a quelle dei privati. Per esempio, una situazione debitoria troppo elevata non è un indice positivo, come pure un eccessiva fragilità dei fondamentali : tassi di crescita stabilmente bassi, produttività del lavoro inferiore a quella di altri paesi, inflazione alta o fuori controllo, instabilità politica e sociale. Ogni singolo paese ha dunque interesse a mantenere condizioni economiche tali da garantire gli investitori: in questo modo otterrà più facilmente i prestiti che gli servono per finanziare le proprie attività. Già: facile a dirsi, meno facile a farsi. Se poi il paese in questione, invece di comportarsi in modo prudente ed attento alla spesa, da formica, si comporta da cicala e spende in modo dissennato quanto gli è stato prestato, prima o poi i nodi vengono al pettine. E sono guai Una breve, ma ahimè necessaria, digressione tecnica In linea di massima, ogni paese possiede degli strumenti che possono rivelarsi adeguati a risolvere situazioni di crisi, o quanto meno a tappare i buchi e rinviare in avanti la resa dei conti. Uno di questi strumenti è la svalutazione monetaria. Quando i beni prodotti in un paese 3 Lo schema analitico della profezia che si autoavvera è molto frequente nelle scienze umane, in particolare in psicologia ed economia. In sostanza, una previsione si realizza per il solo fatto di essere stata espressa. I mercati finanziari sono spesso vittime di profezie che si autoavverano: la previsione di una difficoltà in borsa per un titolo fa fuggire gli investitori da quel titolo, mettendolo in difficoltà. Il concetto venne espresso per la prima volta da Merton nel 1971 in R.K. Merton, La profezia che si autoavvera, in Teoria e Struttura Sociale, vol. II, Il Mulino,

4 si rivelano troppo costosi e, per questo, non sono più competitivi sui mercati globali, si ricorre ad un trucco: si svaluta la moneta rispetto alle altre. Il meccanismo della svalutazione è semplice ed ingegnoso: supponete che ieri il tasso di cambio lira/dollaro sia stato 1000/1 (mille lire contro un dollaro), e supponete che, sempre ieri, un cittadino italiano si sia recato in banca a cambiare la propria valuta contro dollari. Per esempio ha cambiato 1 milione di lire, ricevendo in cambio 1000 dollari; sempre nella giornata di ieri, un cittadino americano ha cambiato presso la sua banca 1000 dollari in lire, per un ammontare, ovviamente, di 1 milione. Nella notte, il governo italiano decide una svalutazione della moneta (la lira) del 10%: svalutare significa far perdere di valore alla propria moneta. Perché dovrebbe farlo? Tornate con la mente ai nostri due amici: se l italiano si reca oggi (dopo la decisione di svalutazione) in banca per cambiare lire contro dollari, poiché in nuovo cambio è 900 lire contro 1 dollaro, riceverà 900 dollari invece dei 1000 ricevuti ieri. L americano che cambia i suoi 1000 dollari contro lire si troverà nel portafoglio lire: più di quanto aveva ottenuto il giorno prima. Gli effetti della svalutazione? L italiano si troverà con meno dollari in tasca rispetto al giorno prima. Viceversa l americano si troverà con una quantità maggiore di lire. Ora: l americano più ricco (in lire) potrebbe essere incentivato a comperare una vacanza in Italia, mentre l italiano sarà disincentivato a recarsi in vacanza negli USA. Sul piano generale, una svalutazione rende i beni del paese che svaluta più competitivi in termini di prezzo rispetto ai paesi terzi e permette un incremento delle esportazioni. Al tempo stesso, rendendo i beni esteri più cari, deprime le importazioni, e questo può servire a ridurre l eventuale deficit della bilancia dei pagamenti Crisi, svalutazione e altre amenità Torniamo alle nostre vicende: la svalutazione è possibile, e persino conveniente, se un paese può farla, cioè se ha la sovranità monetaria. Ma l Italia e gli altri paesi che hanno aderito all euro hanno perso questa sovranità: semplicemente, non può più svalutare. Questo significa che per vendere i beni prodotti in Italia deve fare in modo che questi siano graditi ai mercati non in base ad un prezzo più basso, ma per qualche loro caratteristica intrinseca. Già. Ma come si fa con i cinesi che hanno costi di produzione pari ad un decimo di quelli italiani? Non si fa: produrre sedie o pentole in Italia è una specie di suicidio economico e il made in Italy, sul piano aggregato, non conta granché. Certo, nel corso degli anni si è tentato di sostenere le imprese e i settori in crisi con iniezioni di spesa pubblica. Le intenzioni erano (e sono) buone: in un paese civile non si possono lasciare sul lastrico lavoratori ed imprenditori che hanno la sola colpa di produrre beni che non hanno mercato. Occorre intervenire con strumenti che garantiscano un reddito a tutti coloro che non sono in grado di procurarselo con il loro lavoro. I sussidi di disoccupazione, la cassa integrazione, ecc. sono gli strumenti che nel corso del tempo sono stati creati per sostenere lavoratori ed imprese in difficoltà. E tali strumenti si sono rilevati preziosi in molte occasioni, a maggiore ragione nei momenti di crisi economica. Ma sono strumenti che costano: come si fa a reperire i fondi necessari? Qui torna utile quanto facevamo notare poco sopra: se un paese ha la sovranità monetaria può svalutare, se questo serve a rendere nuovamente competitiva la propria economia, oppure può reperire le risorse necessarie emettendo moneta. Ma, come detto, l Italia e gli altri paesi dell euro hanno volontariamente rinunciato a questa libertà. Ai tempi della lira gli strumenti delle emissioni monetarie e delle svalutazioni competitive sono stati abbondantemente, e dissennatamente, utilizzati. I risultati? Un inflazione elevata e un industria drogata da svalutazioni. Comunque non possiamo più farlo. 4

5 L altro strumento che si può utilizzare per finanziare la spesa pubblica è il ricorso all emissione e la vendita di titoli di debito pubblico. In pratica il governo chiede ai risparmiatori di prestargli del denaro, comportandosi in questo modo come un qualunque debitore: tu mi presti euro e io in cambio ti garantisco la restituzione del capitale più un interesse secondo quanto stabilito. Il meccanismo del debito pubblico può apparire come l uovo di Colombo. E in parte lo è: in un paese caratterizzato da risparmi abbondanti, con i risparmiatori alla ricerca di buone occasioni per investirli, ed uno stato bisognoso di sostenere la propria spesa pubblica, il meccanismo del debito pubblico funziona (più o meno) alla perfezione. Così, lo stato chiede ed ottiene prestiti, che restituisce puntualmente a scadenza. E vissero tutti felici e contenti? No, non è una favola che va a finire bene. Perché nel corso degli anni il debito pubblico italiano (come quello greco, portoghese, irlandese, spagnolo) è aumentato a dismisura. Per quale ragione? Semplicemente perché si sono chiesti nuovi prestiti per pagare quelli che andavano a scadenza! Apparentemente tutto va bene: il risparmiatore che ha prestato denaro allo stato se lo vede restituito con gli interessi, mentre i cittadini (gli stessi risparmiatori) usufruiscono di servizi pubblici adeguati (anche in questo caso: più o meno ). A proposito di cattivoni: euro e BCE La favola non va a finire bene perché ad un certo punto intervengono quei cattivoni dell Europa dell euro. Che dicono, all incirca: ok, fino a quando avevate una vostra moneta noi non mettevamo becco nei vostri affari ed eravate anche liberi di emettere tutti i titoli di debito pubblico che volevate. Fatti vostri: il massimo che può succedervi è che i risparmiatori non vi considerino più debitori affidabili e chiudano il rubinetto dei prestiti, ma sarà un problema vostro. Ma ora, sono sempre i cattivoni a parlare, siamo una famiglia: se in una famiglia il padre si comporta bene e la madre spende dissennatamente, o addirittura si indebita, il problema riguarda anche chi si comporta in modo virtuoso che potrebbe essere trascinato nelle difficoltà suo malgrado e senza averne alcuna colpa. Dunque da questo momento in poi basta spese folli! Basta assunzioni pubbliche di migliaia di forestali e di impiegati pubblici. Basta opere pubbliche faraoniche progettate e realizzate solo per elargire fondi a privati ed imprese. Insomma: basta vivere in un lusso che non potete permettervi e che non pagate voi! Dunque è tutta colpa dell euro? Di Bruxelles? Della Banca Centrale Europea? Beh, si può anche dare la colpa di tutto all euro, ma si prenderebbe un abbaglio: l appartenenza ad un sistema monetario unico ha creato una gigantesca fata morgana durata oltre un decennio. Il fatto di essere nello stesso 5

6 sistema valutario di Germania e Olanda ha protetto Italia, Grecia, Portogallo e Spagna dagli interessi sul debito alti che gli investitori avevano chiesto fino all introduzione dell euro: non siete particolarmente affidabili, osservavano gli investitori, ma siete all interno di un sistema che vi garantisce. È un po come se i debiti della moglie spendacciona siano garantiti dalle risorse del marito più prudente. Così, se per oltre un decennio i PIGS non si sono potuti servire della leva svalutativa per incoraggiare le loro esportazioni, sono stati peraltro beneficiati dal fatto che i tassi di interesse sul debito pubblico non sono mai stati particolarmente distanti da quelli della quercia Germania. E in effetti, fino al 2008 lo spread, cioè il differenziale in termini di tasso di interesse, fra i titoli di debito pubblico italiani o greci e quelli tedeschi non è stato particolarmente elevato. Occorre dire che i primi dodici-tredici anni di euro la debolezza di alcuni paesi, Italia compresa, ha costituito una pericolosa bomba ad orologeria all interno dell area valutaria comune. E la crisi iniziata nel ha avuto la funzione di detonatore. D altra parte, considerato che i mercati funzionano anche secondo logiche tutt altro che razionali, si è generato un effetto domino, partito da Atene nel 2009 e che ha costretto poi anche Portogallo e Irlanda a ricorrere a prestiti UE-FMI ha risposto, ancora, anche a logiche di profezia che si autoavvera 4. Ma uno stato può fallire? Eppure, sebbene molto lontano dall area euro ma non lontano nel tempo, esempi interessanti, ancorché drammatici, di default non sono mancati. Uno per tutti? Il crack argentino nella seconda metà degli anni novanta, quando il governo dichiarò di non essere più in grado di onorare i suoi debiti 5. Eppure l Argentina era una specie di paese di Bengodi: durante la prima metà del novecento gli immigrati italiani la consideravano un sogno a cui aspirare (e tuttora il paese è popolato per circa un terzo da nipoti o figli di italiani). Ma il sogno era destinato a finire Come dicevamo, era necessario un detonatore per far esplodere la bomba ad orologeria. La crisi mondiale legata allo scoppio della bolla speculativa dei mutui immobiliari americani 6, nel 4 Tutto questo è stato aggravato dal ruolo, ormai molto poco informativo delle agenzie di rating: anche secondo un accreditato studio del FMI, esse hanno spesso la pessima funzione di aggravare le crisi e non di orientare gli investitori. Il report si può leggere a partire dall URL: 5 Per la verità, i fallimenti di stati sono più frequenti di quanto si possa immaginare. O meglio: hanno caratteristiche diverse rispetto al fallimento di un impresa, ma nella sostanza si tratta di una crisi irreversibile di solvibilità. Per una ricostruzione puntuale dei default potete leggere il libro di C. Reinhart e K. Rogoff, Questa volta è diverso, Il Saggiatore, Il libro ha un titolo significativo: descrive la pericolosa illusione che dalle crisi si impari qualcosa. In realtà l esperienza insegna che l esperienza non insegna 6 Il grafico 4, che trovate nell allegato del presente lavoro, attraverso un indice molto utilizzato mostra l andamento del prezzo degli immobili come media dei prezzi di circa venti aeree metropolitane negli USA nel corso del tempo. 6

7 2008, ha svolto egregiamente questa funzione. Quando dagli USA si è trasferita in Europa si è trasformata in una gigantesca crisi dei debiti pubblici: molti governi europei hanno dovuto salvare le banche a riavviare i motori dell economia, ingrippati dalla mancanza di liquidità delle banche e dal fatto che la prima economia del mondo, gli USA appunto, si stava fermando e quindi non assorbiva più (o assorbiva molto meno rispetto al passato) la produzione mondiale. Ovviamente, i primi a rischiare la bancarotta non potevano che essere, e sono stati, i PIGS (o i GIPSI, o gli STUPID che dir si voglia). Peraltro, i PIGS (o i GIPSI, ecc.) non sono tutti uguali: purtroppo per la Grecia o il Portogallo, le conseguenze di un fallimento o di un salvataggio in extremis come è accaduto per la Grecia di recente, significa essere costretti a seguire un severo programma di correzione dei conti pubblici ed essere messi sotto stretta sorveglianza, quasi commissariati, dalle autorità dell eurozona. Questo non vale, ma non è una fortuna, per Italia e Spagna. Per le quali vigono due regole non scritte, ma nei fatti molto stringenti: a. too big to fail 7 ; b. too big to save. In altre parole, il fallimento di un paese come l Italia provocherebbe effetti a catena non controllabili e metterebbe in ginocchi l economia europea. D altra parte sono paesi troppo grandi perché si possa pensare ad un intervento dell Europa o del FMI: semplicemente, non vi sono risorse sufficienti. Ne deriva che devono salvarsi da sole. Come finirà la crisi dei debiti sovrani? Già: bella domanda anche questa! Non possiamo saperlo. Ma alcune ipotesi si possono fare, sebbene con molta prudenza. Prima questione: in molti casi la crisi del debito pubblico è stata causata dal verificarsi di due condizioni convergenti, una di lungo periodo, una più contingente. Quella di lungo periodo è stata l espansione della spesa pubblica iniziata dopo la crisi del 29 e il suo finanziamento attraverso i due canali ipotizzati dal grande economista inglese J. M. Keynes: l emissione di moneta e il debito pubblico. Keynes ipotizzava che, in particolare nei momenti di crisi, quando i consumi ristagnano e l economia non progredisce (e anzi arretra), la spesa pubblica poteva, e doveva, servire da metodo per far ripartire il sistema 7 Letteralmente: troppo grandi per essere lasciati fallire. Originariamente la locuzione si riferiva alle grandi banche d affari americane, il cui crollo avrebbe provocato effetti a catena disastrosi. A questo proposito potete vedere l ottimo docu-fiction dallo stesso titolo per la regia di C. Hanson (2011). Il film si focalizza sui drammatici giorni del settembre 2008, quando la Lehman Brothers venne lasciata fallire; ne seguì un crollo di borsa di notevole entità, anche se venne riassorbito piuttosto in fretta. Il film è ispirato ad un bel libro, di facile lettura: A.R. Sorkin, Il crollo: too big to fail, De Agostini, Un altro film che ricostruisce la crisi del 2008, sebbene da un altro punto di vista è Wall Street: il denaro non dorme mai, di O. Stone. Qui le vicende sono viste con l occhio di un operatore di borsa e di uno speculatore, M. Douglas. Il film è interessante anche perché rappresenta il sequel di un precedente film, con protagonista lo stesso M. Douglas. Per un approfondita analisi delle cause della crisi conviene vedere anche il documentario di C. Ferguson Inside Job, che racconta il periodo dal 2008 al

8 economico inceppato. Anche di fronte ad un deficit di bilancio il governo non doveva spaventarsi: sarebbe stato riassorbito nel momento in cui i consumi fossero ripartiti e i redditi delle persone avrebbero consentito entrate fiscali maggiori. Non male come idea! Elaborata da Keynes nel corso degli anni trenta, essa è servita a giustificare un espansione in molti casi abnorme della spesa pubblica finanziata in deficit. Ma soprattutto non si è avuta una decisa inversione di tendenza a crisi finite. In effetti, è facile espandere la spesa pubblica perché tutti sono contenti: basse imposte, redditi in aumento, disoccupazione in calo grazie alle sovvenzioni pubbliche. Ma come si fa poi a licenziare un dipendente pubblico? Come si possono aumentare le imposte senza che questo provochi malumore sociale (ed elettorale )? In effetti, anche quando la teoria keynesiana ha smesso di essere dominante, sia fra gli economisti che negli ambienti politici, ci si sarebbe dovuta aspettare un inversione di tendenza e una riduzione, sia pure progressiva ed intelligente, dell intervento pubblico nell economia. Questa soluzione, caldeggiata a parole dall opinione pubblica non è stata seguita e la spesa pubblica è aumentata quasi dappertutto anche quando non era necessario, con la conseguenza di aumentare l esposizione debitoria e alimentare uno dei grandi mali del novecento: l inflazione. Questo per quanto riguarda il lungo periodo. Nel breve periodo la crisi non ha fatto che aumentare le difficoltà di tutti i paesi che ne sono stati colpiti; ma, ovviamente, quelli già strutturalmente più deboli, con debito pubblico elevato (ben oltre il 60% fissato dagli accordi Maastricht), con una spesa pubblica fuori controllo, con classi politiche deboli e non in grado di prendere decisioni anche dolorose, con sistemi industriali poco competitivi, sono apparsi, per riprendere l espressione del Manzoni quando descrive il carattere di don Abbondio, i classici vasi di coccio fra quelli di ferro. Da qui il dissesto di molte economie, Grecia in primo luogo. Ma anche in forme diverse (per ora ) Portogallo, Irlanda. E Italia Se ne esce? Forse sì e forse no: dipende dalle scelte che i governi sapranno fare nei prossimi mesi. Un tempo maggiore, purtroppo, non è concesso a nessuno. Anche perché, mentre Europa ed USA dibattono amabilmente su quanto si deve ridurre la spesa pubblica e, meno amabilmente, litigano su chi deve assumersi la 8

9 responsabilità della crisi, paesi come Cina o Brasile 8 si mangiano fette sempre più grandi di mercati e comperano il debito pubblico americano ed europeo, rendendo USA ed Europa sempre più finanziariamente dipendenti. La domanda, ovviamente, resta: che si fa? Nella sua essenza la ricetta è semplice: è necessario che le cicale si abituino ad essere più formiche. Fuor di metafora: che, specie i paesi maggiormente indebitati, riducano la spesa pubblica e progressivamente rientrino da percentuali di debito pubblico sul PIL troppo elevate. Ma non è un problema semplice. Se anche l opinione pubblica di un paese accettasse di buon grado i necessari sacrifici e il taglio della spesa pubblica, la recessione che necessariamente ne seguirebbe potrebbe mettere in difficoltà il sistema, al punto di costringere il governo a rivedere le politiche virtuose messe in atto fino a quel momento, magari anche con un consenso generalizzato o quasi. La recessione è una brutta bestia: riduce i redditi, fa diminuire l occupazione, scoraggia l imprenditorialità. Nei paesi democratici non si può far finta di niente e lasciare che passi a nuttata : gli effetti, in termini di consenso, possono essere devastanti e comunque rientrare da una situazione recessiva può essere un processo lungo e doloroso. E che lascia segni per lungo tempo. E non è neppure escluso che i sacrifici richiesti, ed ottenuti, si rivelino inutili se non anche controproducenti: una delle caratteristiche dell economia contemporanea è la sua integrazione planetaria: le misure prese da un governo possono essere vanificate dalle dinamiche mondiali dell economia. In linea generale, non è prudente procedere con cure da cavallo, anche se a volte può risultare dolorosamente necessario. Se si può, è opportuno procedere con prudenza ed equilibrio: ridurre la spesa pubblica in modo progressivo e senza strappi eccessivi, sperando nel frattempo che la situazione mondiale tenda al bel tempo. Operazione non semplice e non priva di rischi. Necessaria ma non sempre sufficiente 8 Ma non solo: Brasile e Cina rappresentano le economie emergenti più forti del momento, ma altri paesi dispongono di potenzialità economiche di grandi prospettive. Sudafrica, Messico, Turchia, Corea del Sud, Indonesia, ecc. sono paesi dalle dinamiche di sviluppo estremamente accelerate. Per non parlare, ovviamente, di India e Russia che rappresentano, insieme ai già citati Cina e Brasile, il gruppo dei BRICs 9

10 Questa volta è, davvero, diverso? La crisi può insegnare qualcosa? Probabilmente no. L esperienza indica che tutte le riflessioni abbondantemente presenti durante una crisi, vengono dimenticate in fretta quando l apice della crisi stessa e passato e si comincia a scorgere la fine del ciclo negativo. La tendenza è quella di dimenticare, in fretta e il più possibile. Il risultato, ovviamente, è una ripetizione più o meno nella stessa forma degli errori già compiuti in precedenza. Ma con un aggravante rispetto al passato: nel mondo globalizzato e telematizzato gli squilibri che si creano in un punto hanno la tendenza a diffondersi a livello planetario (Butterfly Effect) 9 in tempi molto brevi, cogliendo tutti impreparati. 9 Il Butterfly effect, un costrutto importante della teoria del caos secondo cui una piccola variazione delle condizioni iniziali di un sistema è in grado di produrre grandi variazioni a lungo termine. L effetto farfalla ha origini romanzesche, ma il primo ad usare il termine in una forma problematica fu E. Lorenz in un saggio preparato nel 1963, Lorenz riferisce che un meteorologo fece notare che se le teorie sono corrette, un battito delle ali di un gabbiano sarebbe stato sufficiente ad alterare il corso del clima per sempre. Più tardi, nel 1972, lo stesso Lorenz modificò in senso più elegante la sua metafora: Può il batter d ali di una farfalla in Brasile provocare un tornado in Texas?. 10

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica 32 l uscita dall euro non è la soluzione più pratica Lorenzo Bini Smaghi, precedentemente parte del del consiglio d amministrazione della BCE, e per molti anni uomo italiano a Francoforte (sede della BCE),

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta Spread C è anche quello dei prezzi LA NOSTRA INCHIESTA Le grandi catene internazionali, da Zara a McDonald s, praticano prezzi diversi in Europa. I consumatori italiani tra i più penalizzati. Le grandi

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

L Italia: una crisi nella crisi

L Italia: una crisi nella crisi Moneta e Credito, vol. 64 n. 255 (2011), 189-227 L Italia: una crisi nella crisi CARLO D IPPOLITI e ALESSANDRO RONCAGLIA * 1. Introduzione La nostra rivista ha offerto e continua ad offrire contributi

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Il modello tedesco ha una grande rilevanza pratica nell Europa di oggi e la capacità di Berlino di portare a termine riforme economiche può servire

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Claudio Borghi Aquilini. Economista, docente dell Università Cattolica di Milano, giornalista ed ex managing director di Deutsche Bank

Claudio Borghi Aquilini. Economista, docente dell Università Cattolica di Milano, giornalista ed ex managing director di Deutsche Bank 1 Coloro i quali ci hanno portato nell Euro hanno fatto l errore più grande della storia e ora sono disposti a tutto pur di non ammetterlo. Sono disposti a sacrificare il lavoro di milioni di Italiani,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

Domande e risposte sull Europa

Domande e risposte sull Europa Domande e risposte sull Europa A cura del PD Bruxelles Cosa fa l Europa per noi? Come sta lavorando per uscire dalla crisi e per rafforzare i nostri diritti? Brevi domande/risposte su alcuni dei temi più

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia DEL VIZIO E DELLA VIRTÙ 15 maggio 2014 Dollaro ed euro, cicale intelligenti e formiche così così Dissertazione per un esame di filosofia morale. È da considerare

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

CHI HA DECISO, COME E QUANDO, CHE L ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL EURO

CHI HA DECISO, COME E QUANDO, CHE L ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL EURO L Euro CHI HA DECISO, COME E QUANDO, CHE L ITALIA DOVEVA ENTRARE NELL EURO L adesione all Euro è la conseguenza della adesione allo SME (Sistema Monetario Europeo) del 1979 (Governi Andreotti- Cossiga)

Dettagli

Volare low cost LA NOSTRA INCHIESTA

Volare low cost LA NOSTRA INCHIESTA Volare low cost Q uanto tempo prima della partenza bisogna acquistare il biglietto aereo, per assicurarsi la tariffa più bassa? La domanda ce la siamo posta tutti, innumerevoli volte, senza capire nulla

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Politica economica e finanziaria applicata

Politica economica e finanziaria applicata Politica economica e finanziaria applicata Appunti delle lezioni A cura di Alessio Brunelli AFC 2011/12 1 Punto sulla situazione finanziaria corrente: home page di banca carige e in basso a sinistra c

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli