I Consiglieri Comunali Domenico Giambattista MELE e Giovanni DI FUCCIO del Gruppo Consiliare Laboratorio per Viggiano, tenendo conto che:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Consiglieri Comunali Domenico Giambattista MELE e Giovanni DI FUCCIO del Gruppo Consiliare Laboratorio per Viggiano, tenendo conto che:"

Transcript

1 GRUPPO CONSILIARE Alla C.A. del SINDACO del comune di Viggiano Alla C.A. dei Sigg. Consiglieri Comunali Comune Viggiano OGGETTO: PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE AI SENSI DEL CAPO III, ART. 21 COMMI 1,2,3 DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE. I Consiglieri Comunali Domenico Giambattista MELE e Giovanni DI FUCCIO del Gruppo Consiliare Laboratorio per Viggiano, tenendo conto che: - la situazione economica mondiale, europea ed italiana si fa sempre più pesante; - la Regione Basilicata, nonostante abbia fondi straordinari rivenienti dalle royalties petrolifere, comunque non sta riuscendo a ridurre gli effetti di questa grave crisi sulle famiglie, ed in particolare su quelle meno abbienti; - la situazione occupazionale nel cratere estrattivo, comunque non è difforme dal resto della regione; hanno perso il lavoro molti nostri concittadini, mentre altri non hanno neppure cominciato a lavorare; - le famiglie si ritrovano a dover far fronte ad una situazione già di per sé difficile oltre ad affrontare spese dovute ad eventi o situazioni particolari, incluse le spese per poter offrire ai propri figli il diritto di intraprendere percorsi di studi universitari; - le micro e le piccole imprese del nostro tessuto produttivo sono allo stremo delle loro forze e possibilità; - Tutto ciò porta a considerare che l economia è ferma; Considerato che: 1

2 - il comune di Viggiano possiede fonti economiche extra-tributarie dovute alle royalties comunali; - una parte consistente di esse non viene utilizzata; - una quota importante delle stesse dovrebbe essere impiegata per strumenti di investimento; - il prestito fiduciario, che si intende sottoporre all approvazione di questo consesso si propone come valido strumento per incoraggiare gli investimenti e nel tempo stesso quale misura per il sostegno economico delle famiglie; - l istituto potrà essere introdotto in via sperimentale per il primo anno a partire dall anno in corso destinando una posta finanziaria pari ad E ,00 per i nuclei familiari residenti e una posta finanziaria pari ad E ,00 per i titolari di partita IVA; PROPONGONO - A) l approvazione dell istituzione del prestito fiduciario così come regimentato dal seguente Regolamento che lo disciplina e che farà parte integrante di tale deliberazione consiliare; - B) di rendere immediatamente eseguibile tale deliberazione ai sensi dell art. 143 della L. n. 267/2000 con votazione unanime e separata. 2

3 COMUNE DI VIGGIANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL PRESTITO FIDUCIARIO 3

4 PREMESSA Il presente regolamento disciplina gli interventi di sostegno economico e sostegno degli investimenti, posti in essere dall Area Economico-Finanziaria e dall Area Amministrativa del Comune di Viggiano, tramite l erogazione di prestiti fiduciari a tasso zero a favore di: Sez. A) nuclei familiari, residenti nel comune di Viggiano da almeno 24 mesi per un importo massimo erogabile di E ,00 per ogni richiesta; Sez. B) società di capitali che abbiano la sede legale da almeno 24 mesi nel territorio comunale di Viggiano; cooperative, società di persone e associazioni professionali di cui la maggioranza dei soci abbia la residenza da almeno 24 mesi nel territorio comunale di Viggiano; persone fisiche titolari di partita IVA (artigiani, commercianti, imprenditori, professionisti ) che abbiano la residenza da almeno 24 mesi nel territorio comunale di Viggiano; per un importo massimo erogabile di E ,00. per ogni richiesta; La gestione dell istituto potrà avvenire eventualmente attraverso apposita convenzione da stipularsi con un istituto bancario. 4

5 SEZIONE A) NUCLEI FAMILIARI RESIDENTI Art. 1 Obiettivi L attivazione del prestito fiduciario a favore dei nuclei familiari residenti è tesa a: Offrire uno strumento innovativo di politica sociale, finalizzato a fornire un supporto finanziario ai singoli, alle coppie e alle famiglie, con una modalità che stimola nei destinatari le capacità di saper utilizzare le proprie risorse di autostima, nonché di assumersi le proprie responsabilità; Innescare un processo virtuoso che agevoli, direttamente ed indirettamente, lo sviluppo delle piccole e piccolissime imprese ed i commercianti presenti sul territorio comunale (in primis), e su quello comprensoriale valdagrino, e che contribuisca ad incrementare il livello di produttività dei medesimi, con evidenti ritorni sulle capacità economiche e finanziarie sia degli artigiani e commercianti coinvolti, sia sulle famiglie beneficiarie del prestito. Art. 2 Oggetto Il prestito fiduciario consiste in un prestito in denaro concesso dal Comune di Viggiano da restituire a tasso zero entro un periodo di tempo prestabilito. Il prestito è concesso indipendentemente dal reddito del nucleo familiare, per qualunque tipo di acquisto o di spesa consentita dalla legge, escluse quelle spese che- a giudizio insindacabile dei responsabili del procedimento deputati a valutare le domande di ammissione- sono da ritenersi prettamente voluttuarie (es. vacanze, acquisto di autovettura, beni di lusso in genere). Finalità dell istituto è infatti da un lato quella di concedere ai nuclei familiari residenti nel territorio comunale la possibilità di far fronte ad acquisti e spese altrimenti impossibili da sostenere, dall altro quella di incrementare la crescita delle attività imprenditoriali, artigiane, commerciali e professionali che hanno sede nel Comune di Viggiano creando per le stesse, nuove opportunità di lavoro attraverso la utilizzazione da parte dei nuclei familiari del danaro reso disponibile mediante l accesso al prestito fiduciario. Per sostenere l acquisto o spesa oggetto del prestito, dovrà essere preliminarmente richiesto, a pena di inammissibilità al beneficio, almeno un preventivo ai titolari di partita IVA aventi sede legale o residenza nel territorio comunale, ove presenti. Il prestito non potrà essere utilizzato per pagare utenze, tributi, interessi bancari, rate per mutui bancari o ipotecari, rate di prestiti bancari, spese per sanzioni pecuniarie, situazioni debitorie con gli Istituti di credito. 5

6 Art. 3 Requisiti In considerazione delle finalità di politica sociale e di incremento dell economia del paese, l'unico pre-requisito richiesto per l accesso da parte di nuclei familiari al prestito disciplinato dal presente Regolamento è la residenza nel Comune di Viggiano da almeno 24 mesi alla data della domanda. Coloro che intendano ottenerne la concessione, dovranno presentare apposita domanda secondo le modalità stabilite al successivo Art. 4. Non potrà essere presentata più di una domanda per nucleo familiare. Art. 4 Procedure di accesso al prestito Per accedere al beneficio del prestito fiduciario di cui al presente Regolamento è necessario inoltrare all Ufficio Area Amministrativa del Comune di Viggiano, apposita domanda sul facsimile allegato al presente Regolamento, con allegati i seguenti documenti: - certificato di residenza nel Comune di Viggiano o dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR 403/98; - certificato di stato di famiglia o dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del DPR 403/98; - relazione illustrativa della/e finalità per cui il prestito viene richiesto; - assunzione di responsabilità per la restituzione del prestito; - a pena di inammissibilità preventivo/i di spesa definitivi relativi ad ogni attività/spesa da realizzare reso/i da titolari di partita iva avente sede legale o residenza nel Comune di Viggiano, fatte salve le attività che non presuppongono dette titolarità (es. acquisto immobile da privato); - è in facoltà del richiedente presentare in aggiunta al precedente, altro preventivo definitivo di spesa reso da soggetti titolari di partita iva non residenti o non aventi sede legale nel territorio del Comune di Viggiano, qualora questo sia palesemente più conveniente del preventivo/i di cui al punto precedente. Nella domanda inoltre il richiedente dovrà: dichiarare di avere conoscenza che, nel caso di concessione del prestito, potranno essere eseguiti controlli diretti ad accertare la veridicità delle informazioni fornite; esprimere consenso al trattamento dei dati personali ivi compresi quelli sensibili. Art. 5 Istruttoria La fase istruttoria è affidata al Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ed al Responsabile dell Area Amministrativa che si riuniranno in sessione mensile per l esame e l approvazione delle domande. Il team dovrà: verificare la presenza dei requisiti richiesti per accedere al prestito; verificare la capacità di restituzione riferita alla assunzione di responsabilità. 6

7 L erogazione avverrà con atto del Responsabile dell Area Amministrativa e il provvedimento di erogazione del prestito fiduciario o di diniego del beneficio, saranno comunicati all interessato con la relativa motivazione. Eventuali integrazioni della documentazione potranno essere presentate non oltre 15 gg. dalla richiesta e nel caso di mancata integrazione la domanda di erogazione sarà respinta. Le domande di ammissione saranno valutate e finanziate in ordine di presentazione fino ad esaurimento dei fondi disponibili e l elenco degli ammessi e dei non ammessi sarà pubblicato sul sito web ed all Albo Pretorio del Comune di Viggiano con l indicazione anche dell ammontare del prestito concesso. Art. 6 Erogazione del beneficio Il beneficio è concesso fino ad un importo massimo di ,00 per nucleo familiare. Non sarà possibile richiedere un nuovo prestito fiduciario prima che si sia ultimato il pagamento anche di una sola rata di quello precedente. Tra il richiedente e l amministrazione comunale verrà stipulato un contratto con il quale il beneficiario del prestito s impegnerà alla restituzione della somma; in tale contratto è inserito il piano di rimborso ed è indicata la frequenza con la quale dovranno essere versate le rate di rimborso. L acquisto o spesa oggetto del prestito fiduciario dovranno essere realizzati entro 3 mesi dall erogazione del prestito; se si tratta di lavori da eseguire, essi andranno realizzati entro un periodo massimo di 6 mesi dall erogazione, eccettuati i casi di richieste di proroghe dovute a cause non dipendenti dalla volontà del beneficiario compiutamente documentate. Il Responsabile dell Area Amministrativa potrà esperire controlli periodici diretti a verificare l effettivo impiego dell importo erogato. Art. 7 Restituzione La modalità di restituzione della somma erogata dovrà essere sottoscritta al momento della stipula del contratto con il Comune, scegliendo il pagamento rateale e il tempo di restituzione che il richiedente ritiene più comodo. I tempi di restituzione non potranno tuttavia superare i 5 anni con un massimo di 60 rate. Le rate potranno essere mensili o trimestrali. Art. 8 Inadempimenti Il mancato pagamento di tre rate consecutive per coloro che hanno scelto il pagamento mensile e di due rate per coloro che abbiano scelto il pagamento trimestrale, determina la decadenza dal beneficio della rateizzazione ed il beneficiario del prestito è tenuto alla restituzione immediata dell intera somma non ancora restituita. Nel caso di mancato pagamento dell intero, il Responsabile dell Area Economico-Finanziaria, porrà in essere gli accertamenti sulle cause dell insolvenza. Se dalla verifica effettuata l inadempienza è riconducibile a subentrati, giustificati e dimostrabili motivi che comportano al beneficiario l impossibilità di restituire il prestito, l Amministrazione comunale, con apposito atto reso da una Commissione Paritetica, potrà valutare se astenersi dal procedere al recupero coattivo della somma erogata. 7

8 Detta Commissione Paritetica, che si riunirà appositamente, dovrà essere costituita da un rappresentante di ognuno dei gruppi consiliari componenti il Consiglio Comunale. Se, invece, viene accertata la manifesta mancanza di volontà alla restituzione da parte del beneficiario, ovvero l assenza di condizioni oggettive di impedimento, il Comune, tramite la Commissione Paritetica, procederà ai sensi dell art del Codice Civile al recupero dell intero in maniera coattiva anche mediante espropriazione forzata delle somme da restituire ed il beneficiario non potrà accedere ad ulteriori prestiti od altri benefici di natura economica erogati dal Comune. Art 9 Controlli Il Responsabile dell Area Amministrativa provvederà a verificare l effettivo utilizzo del prestito erogato per le finalità per le quali è concesso e che l attività finanziata sia stata realizzata nel termine di tre o sei mesi dalla concessione. Il beneficiario dovrà provare di aver ottemperato alle predette prescrizioni mediante la produzione nel predetto termine di tre mesi se oggetto del prestito è un acquisto o spesa, sei mesi se si tratta di lavori da eseguire, di: - documenti di spesa (fatture, rogito notarile, ricevute ecc); - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi del DPR 28 dicembre 2000 n. 445, la quale attesti che l investimento è stato completato nei termini e realizzato in maniera conforme alla relazione illustrativa presentata per ottenerne la concessione. In caso di utilizzo difforme, si prevede la decadenza dal beneficio della non corresponsione degli interessi che pertanto saranno riscossi in forma coattiva. Art. 10 Vincoli L erogazione effettiva del prestito è subordinata alla disponibilità di somme a ciò destinate annualmente dal Comune. Art. 11 Cumulabilità Il beneficio è cumulabile con quello previsto alla Sez. B) Titolari di partita IVA perseguendo i due tipi di prestiti finalità diverse. Art. 12 Disposizioni finali Per tutto quanto non previsto nel presente Regolamento si fa ricorso a quanto stabilito dalle vigenti normative di legge statali, nonché dai vigenti Regolamenti Comunali. Il rilascio di copia del presente Regolamento può essere richiesto da ogni cittadino del Comune e dai rappresentanti degli Enti ed Istituzioni che nello stesso hanno sede. 8

9 SEZIONE B) TITOLARI DI PARTITA IVA Art. 1 Obiettivi L attivazione del prestito fiduciario a favore dei soggetti titolari di partita IVA è tesa a: Offrire uno strumento innovativo, finalizzato a fornire un supporto finanziario alle imprese, attività economiche di ogni tipo e attività professionali presenti nel territorio del Comune di Viggiano per consentirne la ripresa economica e la crescita; Favorire la nascita di nuove attività commerciali, artigianali, industriali, turistiche e di attività professionali. Art. 2 Oggetto Il prestito fiduciario consiste in un prestito in denaro concesso dal Comune di Viggiano da restituire a tasso zero entro un periodo di tempo prestabilito. Il prestito è concesso per porre in essere investimenti e/o sostenere spese relative all attività esercitata nel rispetto della normativa nazionale e comunitaria, escluse le spese che a giudizio insindacabile dei responsabili del procedimento deputati a valutare le domande di ammissione- sono da ritenersi prettamente voluttuarie ( es. acquisto di autovettura, acquisto di SUV, ad eccezione del rappresentante di commercio, ect.). Per l espletamento dell investimento o spesa oggetto del prestito, dovrà essere preliminarmente richiesto, a pena di inammissibilità al beneficio, almeno un preventivo ai titolari di partita IVA aventi sede legale o residenza nel territorio comunale, ove presenti. Il prestito non potrà essere utilizzato per pagare utenze, tributi, interessi bancari, rate per mutui bancari o ipotecari, rate di prestiti bancari, spese per sanzioni pecuniarie, soggetti con situazioni debitorie con gli Istituti di credito. Art. 3 Requisiti In considerazione delle finalità di politica sociale e di incremento delle attività titolari di partita IVA, presenti sul territorio che, tramite lo strumento del prestito fiduciario il Comune di Viggiano intende perseguire, l'unico pre-requisito richiesto per l accesso al prestito disciplinato dal presente Regolamento è: per le società di capitali che la sede legale dell attività sia allocata nel territorio del Comune di Viggiano da almeno 24 mesi; 9

10 per le società cooperative, le società di persone e le associazioni professionali che la maggioranza dei soci siano residenti nel territorio del Comune di Viggiano da almeno 24 mesi; per le persone fisiche titolari di partita IVA, che abbiano la residenza nel territorio nel Comune di Viggiano da almeno 24 mesi; Soggetti ammessi al prestito sono: Artigiani; Commercianti; Professionisti; Imprese. Coloro che intendano ottenerne la concessione, dovranno presentare apposita domanda secondo le modalità stabilite al successivo Art. 4. Art. 4 Procedure di accesso al prestito Per accedere al beneficio del prestito fiduciario di cui al presente Regolamento è necessario inoltrare all Ufficio Area Amministrativa del Comune di Viggiano apposita domanda sul facsimile allegato al presente Regolamento, con allegati: Per le società di capitali: - Certificato della CCIAA; - relazione illustrativa della/e finalità per cui il prestito viene richiesto; - assunzione di responsabilità per la restituzione del prestito; - a pena di inammissibilità preventivo/i di spesa definitivi relativi ad ogni attività/spesa da realizzare reso/i da titolari di partita iva aventi sede legale o residenza nel Comune di Viggiano, fatte salve le attività che non presuppongono dette titolarità (es. acquisto immobile da privato); - è in facoltà del richiedente presentare in aggiunta al precedente, altro preventivo definitivo di spesa reso da soggetti titolari di partita iva non residenti o non aventi sede legale nel territorio del Comune di Viggiano, qualora questo sia palesemente più conveniente del preventivo/i di cui al punto precedente Per le cooperative, le società di persone, le associazioni professionali e le persone fisiche titolari di partita IVA (artigiani, commercianti, imprenditori e professionisti): - Certificato di residenza o dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR 403/98, resa dal/dai titolare/i o dalla maggioranza dei soci; - Certificato della CCIAA o certificato di iscrizione ad un albo professionale o altro titolo attestante l esercizio di quelle attività non iscrivibili né alla CCIAA né agli albi professionali; - relazione illustrativa della/e finalità per cui il prestito viene richiesto; - assunzione di responsabilità per la restituzione del prestito; - a pena di inammissibilità, preventivo/i di spesa definitivi relativi ad ogni attività/spesa da realizzare reso/i dal titolare di partita iva avente sede legale o residenza nel Comune di 10

11 Viggiano, fatte salve le attività che non presuppongono dette titolarità (es. acquisto immobile da privato); - è in facoltà del richiedente presentare in aggiunta al precedente, altro preventivo definitivo di spesa reso da soggetti titolari di partita iva non residenti o non aventi sede legale nel territorio del Comune di Viggiano, qualora questo sia palesemente più conveniente del preventivo/i di cui al punto precedente Nella domanda inoltre il richiedente dovrà: dichiarare di avere conoscenza che, nel caso di concessione del prestito, potranno essere eseguiti controlli diretti ad accertare la veridicità delle informazioni fornite; esprimere consenso al trattamento dei dati personali ivi compresi quelli sensibili. Art. 5 Istruttoria La fase istruttoria è affidata al Responsabile d Area Economico-Finanziaria e Responsabile d Area Amministrativa che si riuniranno in sessione mensile per l esame e l approvazione delle domande. Il team dovrà: verificare la presenza dei requisiti richiesti per accedere al prestito; verificare la capacità di restituzione riferita alla assunzione di responsabilità. L erogazione avverrà con atto del Responsabile d area amministrativa e il provvedimento di erogazione del prestito fiduciario o di diniego del beneficio, saranno comunicati all interessato con la relativa motivazione. Eventuali integrazioni della documentazione potranno essere presentate non oltre 15 gg. dalla richiesta e nel caso di mancata integrazione la domanda sarà respinta. Le domande di ammissione saranno valutate e finanziate in ordine di presentazione fino ad esaurimento dei fondi disponibili e l elenco degli ammessi e dei non ammessi saranno pubblicate sul sito del Comune di Viggiano con l indicazione anche dell ammontare del prestito concesso. Art. 6 Erogazione del beneficio Il beneficio è concesso fino ad un importo massimo di ,00 per soggetto titolare di partita IVA. Non sarà possibile richiedere un nuovo prestito fiduciario prima che si sia ultimato il pagamento anche di una sola rata di quello precedente. Tra il richiedente e l amministrazione comunale verrà stipulato un contratto con il quale il beneficiario del prestito s impegnerà alla restituzione della somma; in tale contratto è inserito il piano di rimborso ed è indicata la frequenza con la quale dovranno essere versate le rate di rimborso. L acquisto o spesa oggetto del prestito fiduciario dovranno essere realizzati entro 3 mesi dall erogazione del prestito; se si tratta di lavori da eseguire, essi andranno realizzati entro un periodo massimo di 6 mesi dall erogazione, eccettuati i casi di richieste di proroghe dovute a cause non dipendenti dalla volontà del beneficiario compiutamente documentate. 11

12 Art. 7 Restituzione La modalità di restituzione della somma erogata dovrà essere sottoscritta al momento della stipula del contratto con il Comune, scegliendo il pagamento rateale e il tempo di restituzione che il richiedente ritiene più comodo. I tempi di restituzione non potranno tuttavia superare i 5 anni con un massimo di 60 rate. Le rate potranno essere mensili, trimestrali o semestrali. Art. 8 Inadempimenti Il mancato pagamento di tre rate consecutive per coloro che abbiano scelto il pagamento mensile, di due rate per coloro che abbiano scelto il pagamento trimestrale e di una sola rata per coloro che abbiano scelto il pagamento semestrale, determina la decadenza dal beneficio della rateizzazione ed il beneficiario del prestito è tenuto alla restituzione immediata dell intera somma non ancora restituita. Nel caso di mancato pagamento dell intero, il responsabile dell Area economico-finanziaria, porrà in essere gli accertamenti sulle cause dell insolvenza. Se dalla verifica effettuata l inadempienza è riconducibile a subentrati, giustificati e dimostrabili motivi che comportano al beneficiario l impossibilità di restituire il prestito, l Amministrazione comunale, con apposito atto della Giunta comunale (Consiglio o Commissione paritetica ), potrà valutare se astenersi dal procedere al recupero coattivo della somma erogata. Se, invece, viene accertata la manifesta mancanza di volontà alla restituzione da parte del beneficiario, ovvero l assenza di condizioni oggettive di impedimento, il Comune procederà ai sensi dell art del Codice Civile al recupero dell intero in maniera coattiva anche mediante espropriazione forzata delle somme da restituire ed il beneficiario non potrà accedere ad ulteriori prestiti od altri benefici di natura economica erogati dal Comune. Art 9 Controlli Il Responsabile dell Area amministrativa provvederà a verificare l effettivo utilizzo del prestito erogato per le finalità per le quali è concesso e che l attività finanziata sia stata realizzata nel termine di tre o sei mesi dalla concessione. Il beneficiario dovrà provare di aver ottemperato alle predette prescrizioni mediante la produzione nel predetto termine di tre mesi se oggetto del prestito è un acquisto o spesa, sei mesi se si tratta di lavori da eseguire di: - documenti di spesa (fatture, rogito notarile, ricevute ecc); - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi del DPR 28 dicembre 2000 n. 445, la quale attesti che l investimento è stato completato nei termini e realizzato in maniera conforme alla relazione illustrativa presentata per ottenerne la concessione. In caso di utilizzo difforme, si prevede la decadenza dal beneficio della non corresponsione degli interessi che pertanto saranno riscossi in forma coattiva. 12

13 Art. 10 Vincoli L erogazione effettiva del prestito è subordinata alla disponibilità di somme a ciò destinate annualmente dal Comune. Art Cumulabilità Il beneficio è cumulabile con quello previsto alla Sez. A) nuclei familiari residenti perseguendo i due tipi di prestiti finalità diverse. Art Disposizioni finali Per tutto quanto non previsto nel presente Regolamento si rinvia a quanto stabilito dalle vigenti normative di legge statali, nonché dai vigenti Regolamenti Comunali. Il rilascio di copia del presente Regolamento può essere richiesto da ogni cittadino del Comune e dai rappresentanti degli Enti ed Istituzioni che nello steso hanno sede. 13

14 GRUPPO CONSILIARE Alla C.A. del SINDACO del comune di Viggiano Alla C.A. dei Sigg. Consiglieri Comunali Comune Viggiano OGGETTO: PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE AI SENSI DEL CAPO III, ART. 21 COMMI 1,2,3 DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE. I Consiglieri Comunali Domenico Giambattista MELE e Giovanni DI FUCCIO del Gruppo Consiliare Laboratorio per Viggiano, tenendo conto che: - la situazione economica mondiale, europea ed italiana si fa sempre più pesante; - la Regione Basilicata, nonostante abbia fondi straordinari rivenienti dalle royalties petrolifere, comunque non sta riuscendo a ridurre gli effetti di questa grave crisi sulle famiglie, ed in particolare su quelle meno abbienti; - la situazione occupazionale nel cratere estrattivo, comunque non è difforme dal resto della regione; hanno perso il lavoro molti nostri concittadini, mentre altri non hanno neppure cominciato a lavorare; - le famiglie si ritrovano a dover far fronte ad una situazione già di per sé difficile oltre ad affrontare spese dovute ad eventi o situazioni particolari, incluse le spese per poter offrire ai propri figli il diritto di intraprendere percorsi di studi universitari; - le micro e le piccole imprese del nostro tessuto produttivo sono allo stremo delle loro forze e possibilità; - Tutto ciò porta a considerare che l economia è ferma; 1

15 Considerato che: - il comune di Viggiano possiede fonti economiche extra-tributarie dovute alle royalties comunali; - una parte consistente di esse non viene utilizzata; - una quota importante delle stesse dovrebbe essere impiegata per strumenti di investimento; - il prestito fiduciario, che si intende sottoporre all approvazione di questo consesso si propone come valido strumento per incoraggiare gli investimenti e nel tempo stesso quale misura per il sostegno economico delle famiglie; - l istituto potrà essere introdotto in via sperimentale per il primo anno a partire dall anno in corso destinando una posta finanziaria pari ad E ,00 per i nuclei familiari residenti e una posta finanziaria pari ad E ,00 per i titolari di partita IVA; PROPONGONO - A) l approvazione dell istituzione del prestito fiduciario così come regimentato dal seguente Regolamento che lo disciplina e che farà parte integrante di tale deliberazione consiliare; - B) di rendere immediatamente eseguibile tale deliberazione ai sensi dell art. 143 della L. n. 267/2000 con votazione unanime e separata. 2

16 COMUNE DI VIGGIANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL PRESTITO FIDUCIARIO 3

17 PREMESSA Il presente regolamento disciplina gli interventi di sostegno economico e sostegno degli investimenti, posti in essere dall Area Economico-Finanziaria e dall Area Amministrativa del Comune di Viggiano, tramite l erogazione di prestiti fiduciari a tasso zero a favore di: Sez. A) nuclei familiari, residenti nel comune di Viggiano da almeno 24 mesi per un importo massimo erogabile di E ,00 per ogni richiesta; Sez. B) società di capitali che abbiano la sede legale da almeno 24 mesi nel territorio comunale di Viggiano; cooperative, società di persone e associazioni professionali di cui la maggioranza dei soci abbia la residenza da almeno 24 mesi nel territorio comunale di Viggiano; persone fisiche titolari di partita IVA (artigiani, commercianti, imprenditori, professionisti ) che abbiano la residenza da almeno 24 mesi nel territorio comunale di Viggiano; per un importo massimo erogabile di E ,00. per ogni richiesta; La gestione dell istituto potrà avvenire eventualmente attraverso apposita convenzione da stipularsi con un istituto bancario. 4

18 SEZIONE A) NUCLEI FAMILIARI RESIDENTI Art. 1 Obiettivi L attivazione del prestito fiduciario a favore dei nuclei familiari residenti è tesa a: Offrire uno strumento innovativo di politica sociale, finalizzato a fornire un supporto finanziario ai singoli, alle coppie e alle famiglie, con una modalità che stimola nei destinatari le capacità di saper utilizzare le proprie risorse di autostima, nonché di assumersi le proprie responsabilità; Innescare un processo virtuoso che agevoli, direttamente ed indirettamente, lo sviluppo delle piccole e piccolissime imprese ed i commercianti presenti sul territorio comunale (in primis), e su quello comprensoriale valdagrino, e che contribuisca ad incrementare il livello di produttività dei medesimi, con evidenti ritorni sulle capacità economiche e finanziarie sia degli artigiani e commercianti coinvolti, sia sulle famiglie beneficiarie del prestito. Art. 2 Oggetto Il prestito fiduciario consiste in un prestito in denaro concesso dal Comune di Viggiano da restituire a tasso zero entro un periodo di tempo prestabilito. Il prestito è concesso indipendentemente dal reddito del nucleo familiare, per qualunque tipo di acquisto o di spesa consentita dalla legge, escluse quelle spese che- a giudizio insindacabile dei responsabili del procedimento deputati a valutare le domande di ammissione- sono da ritenersi prettamente voluttuarie (es. vacanze, acquisto di autovettura, beni di lusso in genere). Finalità dell istituto è infatti da un lato quella di concedere ai nuclei familiari residenti nel territorio comunale la possibilità di far fronte ad acquisti e spese altrimenti impossibili da sostenere, dall altro quella di incrementare la crescita delle attività imprenditoriali, artigiane, commerciali e professionali che hanno sede nel Comune di Viggiano creando per le stesse, nuove opportunità di lavoro attraverso la utilizzazione da parte dei nuclei familiari del danaro reso disponibile mediante l accesso al prestito fiduciario. Per sostenere l acquisto o spesa oggetto del prestito, dovrà essere preliminarmente richiesto, a pena di inammissibilità al beneficio, almeno un preventivo ai titolari di partita IVA aventi sede legale o residenza nel territorio comunale, ove presenti. Il prestito non potrà essere utilizzato per pagare utenze, tributi, interessi bancari, rate per mutui bancari o ipotecari, rate di prestiti bancari, spese per sanzioni pecuniarie, situazioni debitorie con gli Istituti di credito. Art. 3 Requisiti In considerazione delle finalità di politica sociale e di incremento dell economia del paese, l'unico pre-requisito richiesto per l accesso da parte di nuclei familiari al prestito disciplinato dal 5

19 presente Regolamento è la residenza nel Comune di Viggiano da almeno 24 mesi alla data della domanda. Coloro che intendano ottenerne la concessione, dovranno presentare apposita domanda secondo le modalità stabilite al successivo Art. 4. Non potrà essere presentata più di una domanda per nucleo familiare. Art. 4 Procedure di accesso al prestito Per accedere al beneficio del prestito fiduciario di cui al presente Regolamento è necessario inoltrare all Ufficio Area Amministrativa del Comune di Viggiano, apposita domanda sul facsimile allegato al presente Regolamento, con allegati i seguenti documenti: - certificato di residenza nel Comune di Viggiano o dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR 403/98; - certificato di stato di famiglia o dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del DPR 403/98; - relazione illustrativa della/e finalità per cui il prestito viene richiesto; - assunzione di responsabilità per la restituzione del prestito; - a pena di inammissibilità preventivo/i di spesa definitivi relativi ad ogni attività/spesa da realizzare reso/i da titolari di partita iva avente sede legale o residenza nel Comune di Viggiano, fatte salve le attività che non presuppongono dette titolarità (es. acquisto immobile da privato); - è in facoltà del richiedente presentare in aggiunta al precedente, altro preventivo definitivo di spesa reso da soggetti titolari di partita iva non residenti o non aventi sede legale nel territorio del Comune di Viggiano, qualora questo sia palesemente più conveniente del preventivo/i di cui al punto precedente. Nella domanda inoltre il richiedente dovrà: dichiarare di avere conoscenza che, nel caso di concessione del prestito, potranno essere eseguiti controlli diretti ad accertare la veridicità delle informazioni fornite; esprimere consenso al trattamento dei dati personali ivi compresi quelli sensibili. Art. 5 Istruttoria La fase istruttoria è affidata al Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ed al Responsabile dell Area Amministrativa che si riuniranno in sessione mensile per l esame e l approvazione delle domande. Il team dovrà: verificare la presenza dei requisiti richiesti per accedere al prestito; verificare la capacità di restituzione riferita alla assunzione di responsabilità. L erogazione avverrà con atto del Responsabile dell Area Amministrativa e il provvedimento di erogazione del prestito fiduciario o di diniego del beneficio, saranno comunicati all interessato con la relativa motivazione. Eventuali integrazioni della documentazione potranno essere presentate non oltre 15 gg. dalla richiesta e nel caso di mancata integrazione la domanda di erogazione sarà respinta. Le domande di ammissione saranno valutate e finanziate in ordine di presentazione fino ad esaurimento dei fondi disponibili e l elenco degli ammessi e dei non ammessi sarà pubblicato sul 6

20 sito web ed all Albo Pretorio del Comune di Viggiano con l indicazione anche dell ammontare del prestito concesso. Art. 6 Erogazione del beneficio Il beneficio è concesso fino ad un importo massimo di ,00 per nucleo familiare. Non sarà possibile richiedere un nuovo prestito fiduciario prima che si sia ultimato il pagamento anche di una sola rata di quello precedente. Tra il richiedente e l amministrazione comunale verrà stipulato un contratto con il quale il beneficiario del prestito s impegnerà alla restituzione della somma; in tale contratto è inserito il piano di rimborso ed è indicata la frequenza con la quale dovranno essere versate le rate di rimborso. L acquisto o spesa oggetto del prestito fiduciario dovranno essere realizzati entro 3 mesi dall erogazione del prestito; se si tratta di lavori da eseguire, essi andranno realizzati entro un periodo massimo di 6 mesi dall erogazione, eccettuati i casi di richieste di proroghe dovute a cause non dipendenti dalla volontà del beneficiario compiutamente documentate. Il Responsabile dell Area Amministrativa potrà esperire controlli periodici diretti a verificare l effettivo impiego dell importo erogato. Art. 7 Restituzione La modalità di restituzione della somma erogata dovrà essere sottoscritta al momento della stipula del contratto con il Comune, scegliendo il pagamento rateale e il tempo di restituzione che il richiedente ritiene più comodo. I tempi di restituzione non potranno tuttavia superare i 5 anni con un massimo di 60 rate. Le rate potranno essere mensili o trimestrali. Art. 8 Inadempimenti Il mancato pagamento di tre rate consecutive per coloro che hanno scelto il pagamento mensile e di due rate per coloro che abbiano scelto il pagamento trimestrale, determina la decadenza dal beneficio della rateizzazione ed il beneficiario del prestito è tenuto alla restituzione immediata dell intera somma non ancora restituita. Nel caso di mancato pagamento dell intero, il Responsabile dell Area Economico-Finanziaria, porrà in essere gli accertamenti sulle cause dell insolvenza. Se dalla verifica effettuata l inadempienza è riconducibile a subentrati, giustificati e dimostrabili motivi che comportano al beneficiario l impossibilità di restituire il prestito, l Amministrazione comunale, con apposito atto reso da una Commissione Paritetica, potrà valutare se astenersi dal procedere al recupero coattivo della somma erogata. Detta Commissione Paritetica, che si riunirà appositamente, dovrà essere costituita da un rappresentante di ognuno dei gruppi consiliari componenti il Consiglio Comunale. Se, invece, viene accertata la manifesta mancanza di volontà alla restituzione da parte del beneficiario, ovvero l assenza di condizioni oggettive di impedimento, il Comune, tramite la Commissione Paritetica, procederà ai sensi dell art del Codice Civile al recupero dell intero in maniera coattiva anche mediante espropriazione forzata delle somme da restituire ed il beneficiario non potrà accedere ad ulteriori prestiti od altri benefici di natura economica erogati dal Comune. 7

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 Prot. N 41920 N. Repertorio 3115/2015 Titolo V Classe 5 Fascicolo Milano, 30 giugno 2015 VISTI gli

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli