I Consiglieri Comunali Domenico Giambattista MELE e Giovanni DI FUCCIO del Gruppo Consiliare Laboratorio per Viggiano, tenendo conto che:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Consiglieri Comunali Domenico Giambattista MELE e Giovanni DI FUCCIO del Gruppo Consiliare Laboratorio per Viggiano, tenendo conto che:"

Transcript

1 GRUPPO CONSILIARE Alla C.A. del SINDACO del comune di Viggiano Alla C.A. dei Sigg. Consiglieri Comunali Comune Viggiano OGGETTO: PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE AI SENSI DEL CAPO III, ART. 21 COMMI 1,2,3 DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE. I Consiglieri Comunali Domenico Giambattista MELE e Giovanni DI FUCCIO del Gruppo Consiliare Laboratorio per Viggiano, tenendo conto che: - la situazione economica mondiale, europea ed italiana si fa sempre più pesante; - la Regione Basilicata, nonostante abbia fondi straordinari rivenienti dalle royalties petrolifere, comunque non sta riuscendo a ridurre gli effetti di questa grave crisi sulle famiglie, ed in particolare su quelle meno abbienti; - la situazione occupazionale nel cratere estrattivo, comunque non è difforme dal resto della regione; hanno perso il lavoro molti nostri concittadini, mentre altri non hanno neppure cominciato a lavorare; - le famiglie si ritrovano a dover far fronte ad una situazione già di per sé difficile oltre ad affrontare spese dovute ad eventi o situazioni particolari, incluse le spese per poter offrire ai propri figli il diritto di intraprendere percorsi di studi universitari; - le micro e le piccole imprese del nostro tessuto produttivo sono allo stremo delle loro forze e possibilità; - Tutto ciò porta a considerare che l economia è ferma; Considerato che: 1

2 - il comune di Viggiano possiede fonti economiche extra-tributarie dovute alle royalties comunali; - una parte consistente di esse non viene utilizzata; - una quota importante delle stesse dovrebbe essere impiegata per strumenti di investimento; - il prestito fiduciario, che si intende sottoporre all approvazione di questo consesso si propone come valido strumento per incoraggiare gli investimenti e nel tempo stesso quale misura per il sostegno economico delle famiglie; - l istituto potrà essere introdotto in via sperimentale per il primo anno a partire dall anno in corso destinando una posta finanziaria pari ad E ,00 per i nuclei familiari residenti e una posta finanziaria pari ad E ,00 per i titolari di partita IVA; PROPONGONO - A) l approvazione dell istituzione del prestito fiduciario così come regimentato dal seguente Regolamento che lo disciplina e che farà parte integrante di tale deliberazione consiliare; - B) di rendere immediatamente eseguibile tale deliberazione ai sensi dell art. 143 della L. n. 267/2000 con votazione unanime e separata. 2

3 COMUNE DI VIGGIANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL PRESTITO FIDUCIARIO 3

4 PREMESSA Il presente regolamento disciplina gli interventi di sostegno economico e sostegno degli investimenti, posti in essere dall Area Economico-Finanziaria e dall Area Amministrativa del Comune di Viggiano, tramite l erogazione di prestiti fiduciari a tasso zero a favore di: Sez. A) nuclei familiari, residenti nel comune di Viggiano da almeno 24 mesi per un importo massimo erogabile di E ,00 per ogni richiesta; Sez. B) società di capitali che abbiano la sede legale da almeno 24 mesi nel territorio comunale di Viggiano; cooperative, società di persone e associazioni professionali di cui la maggioranza dei soci abbia la residenza da almeno 24 mesi nel territorio comunale di Viggiano; persone fisiche titolari di partita IVA (artigiani, commercianti, imprenditori, professionisti ) che abbiano la residenza da almeno 24 mesi nel territorio comunale di Viggiano; per un importo massimo erogabile di E ,00. per ogni richiesta; La gestione dell istituto potrà avvenire eventualmente attraverso apposita convenzione da stipularsi con un istituto bancario. 4

5 SEZIONE A) NUCLEI FAMILIARI RESIDENTI Art. 1 Obiettivi L attivazione del prestito fiduciario a favore dei nuclei familiari residenti è tesa a: Offrire uno strumento innovativo di politica sociale, finalizzato a fornire un supporto finanziario ai singoli, alle coppie e alle famiglie, con una modalità che stimola nei destinatari le capacità di saper utilizzare le proprie risorse di autostima, nonché di assumersi le proprie responsabilità; Innescare un processo virtuoso che agevoli, direttamente ed indirettamente, lo sviluppo delle piccole e piccolissime imprese ed i commercianti presenti sul territorio comunale (in primis), e su quello comprensoriale valdagrino, e che contribuisca ad incrementare il livello di produttività dei medesimi, con evidenti ritorni sulle capacità economiche e finanziarie sia degli artigiani e commercianti coinvolti, sia sulle famiglie beneficiarie del prestito. Art. 2 Oggetto Il prestito fiduciario consiste in un prestito in denaro concesso dal Comune di Viggiano da restituire a tasso zero entro un periodo di tempo prestabilito. Il prestito è concesso indipendentemente dal reddito del nucleo familiare, per qualunque tipo di acquisto o di spesa consentita dalla legge, escluse quelle spese che- a giudizio insindacabile dei responsabili del procedimento deputati a valutare le domande di ammissione- sono da ritenersi prettamente voluttuarie (es. vacanze, acquisto di autovettura, beni di lusso in genere). Finalità dell istituto è infatti da un lato quella di concedere ai nuclei familiari residenti nel territorio comunale la possibilità di far fronte ad acquisti e spese altrimenti impossibili da sostenere, dall altro quella di incrementare la crescita delle attività imprenditoriali, artigiane, commerciali e professionali che hanno sede nel Comune di Viggiano creando per le stesse, nuove opportunità di lavoro attraverso la utilizzazione da parte dei nuclei familiari del danaro reso disponibile mediante l accesso al prestito fiduciario. Per sostenere l acquisto o spesa oggetto del prestito, dovrà essere preliminarmente richiesto, a pena di inammissibilità al beneficio, almeno un preventivo ai titolari di partita IVA aventi sede legale o residenza nel territorio comunale, ove presenti. Il prestito non potrà essere utilizzato per pagare utenze, tributi, interessi bancari, rate per mutui bancari o ipotecari, rate di prestiti bancari, spese per sanzioni pecuniarie, situazioni debitorie con gli Istituti di credito. 5

6 Art. 3 Requisiti In considerazione delle finalità di politica sociale e di incremento dell economia del paese, l'unico pre-requisito richiesto per l accesso da parte di nuclei familiari al prestito disciplinato dal presente Regolamento è la residenza nel Comune di Viggiano da almeno 24 mesi alla data della domanda. Coloro che intendano ottenerne la concessione, dovranno presentare apposita domanda secondo le modalità stabilite al successivo Art. 4. Non potrà essere presentata più di una domanda per nucleo familiare. Art. 4 Procedure di accesso al prestito Per accedere al beneficio del prestito fiduciario di cui al presente Regolamento è necessario inoltrare all Ufficio Area Amministrativa del Comune di Viggiano, apposita domanda sul facsimile allegato al presente Regolamento, con allegati i seguenti documenti: - certificato di residenza nel Comune di Viggiano o dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR 403/98; - certificato di stato di famiglia o dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del DPR 403/98; - relazione illustrativa della/e finalità per cui il prestito viene richiesto; - assunzione di responsabilità per la restituzione del prestito; - a pena di inammissibilità preventivo/i di spesa definitivi relativi ad ogni attività/spesa da realizzare reso/i da titolari di partita iva avente sede legale o residenza nel Comune di Viggiano, fatte salve le attività che non presuppongono dette titolarità (es. acquisto immobile da privato); - è in facoltà del richiedente presentare in aggiunta al precedente, altro preventivo definitivo di spesa reso da soggetti titolari di partita iva non residenti o non aventi sede legale nel territorio del Comune di Viggiano, qualora questo sia palesemente più conveniente del preventivo/i di cui al punto precedente. Nella domanda inoltre il richiedente dovrà: dichiarare di avere conoscenza che, nel caso di concessione del prestito, potranno essere eseguiti controlli diretti ad accertare la veridicità delle informazioni fornite; esprimere consenso al trattamento dei dati personali ivi compresi quelli sensibili. Art. 5 Istruttoria La fase istruttoria è affidata al Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ed al Responsabile dell Area Amministrativa che si riuniranno in sessione mensile per l esame e l approvazione delle domande. Il team dovrà: verificare la presenza dei requisiti richiesti per accedere al prestito; verificare la capacità di restituzione riferita alla assunzione di responsabilità. 6

7 L erogazione avverrà con atto del Responsabile dell Area Amministrativa e il provvedimento di erogazione del prestito fiduciario o di diniego del beneficio, saranno comunicati all interessato con la relativa motivazione. Eventuali integrazioni della documentazione potranno essere presentate non oltre 15 gg. dalla richiesta e nel caso di mancata integrazione la domanda di erogazione sarà respinta. Le domande di ammissione saranno valutate e finanziate in ordine di presentazione fino ad esaurimento dei fondi disponibili e l elenco degli ammessi e dei non ammessi sarà pubblicato sul sito web ed all Albo Pretorio del Comune di Viggiano con l indicazione anche dell ammontare del prestito concesso. Art. 6 Erogazione del beneficio Il beneficio è concesso fino ad un importo massimo di ,00 per nucleo familiare. Non sarà possibile richiedere un nuovo prestito fiduciario prima che si sia ultimato il pagamento anche di una sola rata di quello precedente. Tra il richiedente e l amministrazione comunale verrà stipulato un contratto con il quale il beneficiario del prestito s impegnerà alla restituzione della somma; in tale contratto è inserito il piano di rimborso ed è indicata la frequenza con la quale dovranno essere versate le rate di rimborso. L acquisto o spesa oggetto del prestito fiduciario dovranno essere realizzati entro 3 mesi dall erogazione del prestito; se si tratta di lavori da eseguire, essi andranno realizzati entro un periodo massimo di 6 mesi dall erogazione, eccettuati i casi di richieste di proroghe dovute a cause non dipendenti dalla volontà del beneficiario compiutamente documentate. Il Responsabile dell Area Amministrativa potrà esperire controlli periodici diretti a verificare l effettivo impiego dell importo erogato. Art. 7 Restituzione La modalità di restituzione della somma erogata dovrà essere sottoscritta al momento della stipula del contratto con il Comune, scegliendo il pagamento rateale e il tempo di restituzione che il richiedente ritiene più comodo. I tempi di restituzione non potranno tuttavia superare i 5 anni con un massimo di 60 rate. Le rate potranno essere mensili o trimestrali. Art. 8 Inadempimenti Il mancato pagamento di tre rate consecutive per coloro che hanno scelto il pagamento mensile e di due rate per coloro che abbiano scelto il pagamento trimestrale, determina la decadenza dal beneficio della rateizzazione ed il beneficiario del prestito è tenuto alla restituzione immediata dell intera somma non ancora restituita. Nel caso di mancato pagamento dell intero, il Responsabile dell Area Economico-Finanziaria, porrà in essere gli accertamenti sulle cause dell insolvenza. Se dalla verifica effettuata l inadempienza è riconducibile a subentrati, giustificati e dimostrabili motivi che comportano al beneficiario l impossibilità di restituire il prestito, l Amministrazione comunale, con apposito atto reso da una Commissione Paritetica, potrà valutare se astenersi dal procedere al recupero coattivo della somma erogata. 7

8 Detta Commissione Paritetica, che si riunirà appositamente, dovrà essere costituita da un rappresentante di ognuno dei gruppi consiliari componenti il Consiglio Comunale. Se, invece, viene accertata la manifesta mancanza di volontà alla restituzione da parte del beneficiario, ovvero l assenza di condizioni oggettive di impedimento, il Comune, tramite la Commissione Paritetica, procederà ai sensi dell art del Codice Civile al recupero dell intero in maniera coattiva anche mediante espropriazione forzata delle somme da restituire ed il beneficiario non potrà accedere ad ulteriori prestiti od altri benefici di natura economica erogati dal Comune. Art 9 Controlli Il Responsabile dell Area Amministrativa provvederà a verificare l effettivo utilizzo del prestito erogato per le finalità per le quali è concesso e che l attività finanziata sia stata realizzata nel termine di tre o sei mesi dalla concessione. Il beneficiario dovrà provare di aver ottemperato alle predette prescrizioni mediante la produzione nel predetto termine di tre mesi se oggetto del prestito è un acquisto o spesa, sei mesi se si tratta di lavori da eseguire, di: - documenti di spesa (fatture, rogito notarile, ricevute ecc); - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi del DPR 28 dicembre 2000 n. 445, la quale attesti che l investimento è stato completato nei termini e realizzato in maniera conforme alla relazione illustrativa presentata per ottenerne la concessione. In caso di utilizzo difforme, si prevede la decadenza dal beneficio della non corresponsione degli interessi che pertanto saranno riscossi in forma coattiva. Art. 10 Vincoli L erogazione effettiva del prestito è subordinata alla disponibilità di somme a ciò destinate annualmente dal Comune. Art. 11 Cumulabilità Il beneficio è cumulabile con quello previsto alla Sez. B) Titolari di partita IVA perseguendo i due tipi di prestiti finalità diverse. Art. 12 Disposizioni finali Per tutto quanto non previsto nel presente Regolamento si fa ricorso a quanto stabilito dalle vigenti normative di legge statali, nonché dai vigenti Regolamenti Comunali. Il rilascio di copia del presente Regolamento può essere richiesto da ogni cittadino del Comune e dai rappresentanti degli Enti ed Istituzioni che nello stesso hanno sede. 8

9 SEZIONE B) TITOLARI DI PARTITA IVA Art. 1 Obiettivi L attivazione del prestito fiduciario a favore dei soggetti titolari di partita IVA è tesa a: Offrire uno strumento innovativo, finalizzato a fornire un supporto finanziario alle imprese, attività economiche di ogni tipo e attività professionali presenti nel territorio del Comune di Viggiano per consentirne la ripresa economica e la crescita; Favorire la nascita di nuove attività commerciali, artigianali, industriali, turistiche e di attività professionali. Art. 2 Oggetto Il prestito fiduciario consiste in un prestito in denaro concesso dal Comune di Viggiano da restituire a tasso zero entro un periodo di tempo prestabilito. Il prestito è concesso per porre in essere investimenti e/o sostenere spese relative all attività esercitata nel rispetto della normativa nazionale e comunitaria, escluse le spese che a giudizio insindacabile dei responsabili del procedimento deputati a valutare le domande di ammissione- sono da ritenersi prettamente voluttuarie ( es. acquisto di autovettura, acquisto di SUV, ad eccezione del rappresentante di commercio, ect.). Per l espletamento dell investimento o spesa oggetto del prestito, dovrà essere preliminarmente richiesto, a pena di inammissibilità al beneficio, almeno un preventivo ai titolari di partita IVA aventi sede legale o residenza nel territorio comunale, ove presenti. Il prestito non potrà essere utilizzato per pagare utenze, tributi, interessi bancari, rate per mutui bancari o ipotecari, rate di prestiti bancari, spese per sanzioni pecuniarie, soggetti con situazioni debitorie con gli Istituti di credito. Art. 3 Requisiti In considerazione delle finalità di politica sociale e di incremento delle attività titolari di partita IVA, presenti sul territorio che, tramite lo strumento del prestito fiduciario il Comune di Viggiano intende perseguire, l'unico pre-requisito richiesto per l accesso al prestito disciplinato dal presente Regolamento è: per le società di capitali che la sede legale dell attività sia allocata nel territorio del Comune di Viggiano da almeno 24 mesi; 9

10 per le società cooperative, le società di persone e le associazioni professionali che la maggioranza dei soci siano residenti nel territorio del Comune di Viggiano da almeno 24 mesi; per le persone fisiche titolari di partita IVA, che abbiano la residenza nel territorio nel Comune di Viggiano da almeno 24 mesi; Soggetti ammessi al prestito sono: Artigiani; Commercianti; Professionisti; Imprese. Coloro che intendano ottenerne la concessione, dovranno presentare apposita domanda secondo le modalità stabilite al successivo Art. 4. Art. 4 Procedure di accesso al prestito Per accedere al beneficio del prestito fiduciario di cui al presente Regolamento è necessario inoltrare all Ufficio Area Amministrativa del Comune di Viggiano apposita domanda sul facsimile allegato al presente Regolamento, con allegati: Per le società di capitali: - Certificato della CCIAA; - relazione illustrativa della/e finalità per cui il prestito viene richiesto; - assunzione di responsabilità per la restituzione del prestito; - a pena di inammissibilità preventivo/i di spesa definitivi relativi ad ogni attività/spesa da realizzare reso/i da titolari di partita iva aventi sede legale o residenza nel Comune di Viggiano, fatte salve le attività che non presuppongono dette titolarità (es. acquisto immobile da privato); - è in facoltà del richiedente presentare in aggiunta al precedente, altro preventivo definitivo di spesa reso da soggetti titolari di partita iva non residenti o non aventi sede legale nel territorio del Comune di Viggiano, qualora questo sia palesemente più conveniente del preventivo/i di cui al punto precedente Per le cooperative, le società di persone, le associazioni professionali e le persone fisiche titolari di partita IVA (artigiani, commercianti, imprenditori e professionisti): - Certificato di residenza o dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR 403/98, resa dal/dai titolare/i o dalla maggioranza dei soci; - Certificato della CCIAA o certificato di iscrizione ad un albo professionale o altro titolo attestante l esercizio di quelle attività non iscrivibili né alla CCIAA né agli albi professionali; - relazione illustrativa della/e finalità per cui il prestito viene richiesto; - assunzione di responsabilità per la restituzione del prestito; - a pena di inammissibilità, preventivo/i di spesa definitivi relativi ad ogni attività/spesa da realizzare reso/i dal titolare di partita iva avente sede legale o residenza nel Comune di 10

11 Viggiano, fatte salve le attività che non presuppongono dette titolarità (es. acquisto immobile da privato); - è in facoltà del richiedente presentare in aggiunta al precedente, altro preventivo definitivo di spesa reso da soggetti titolari di partita iva non residenti o non aventi sede legale nel territorio del Comune di Viggiano, qualora questo sia palesemente più conveniente del preventivo/i di cui al punto precedente Nella domanda inoltre il richiedente dovrà: dichiarare di avere conoscenza che, nel caso di concessione del prestito, potranno essere eseguiti controlli diretti ad accertare la veridicità delle informazioni fornite; esprimere consenso al trattamento dei dati personali ivi compresi quelli sensibili. Art. 5 Istruttoria La fase istruttoria è affidata al Responsabile d Area Economico-Finanziaria e Responsabile d Area Amministrativa che si riuniranno in sessione mensile per l esame e l approvazione delle domande. Il team dovrà: verificare la presenza dei requisiti richiesti per accedere al prestito; verificare la capacità di restituzione riferita alla assunzione di responsabilità. L erogazione avverrà con atto del Responsabile d area amministrativa e il provvedimento di erogazione del prestito fiduciario o di diniego del beneficio, saranno comunicati all interessato con la relativa motivazione. Eventuali integrazioni della documentazione potranno essere presentate non oltre 15 gg. dalla richiesta e nel caso di mancata integrazione la domanda sarà respinta. Le domande di ammissione saranno valutate e finanziate in ordine di presentazione fino ad esaurimento dei fondi disponibili e l elenco degli ammessi e dei non ammessi saranno pubblicate sul sito del Comune di Viggiano con l indicazione anche dell ammontare del prestito concesso. Art. 6 Erogazione del beneficio Il beneficio è concesso fino ad un importo massimo di ,00 per soggetto titolare di partita IVA. Non sarà possibile richiedere un nuovo prestito fiduciario prima che si sia ultimato il pagamento anche di una sola rata di quello precedente. Tra il richiedente e l amministrazione comunale verrà stipulato un contratto con il quale il beneficiario del prestito s impegnerà alla restituzione della somma; in tale contratto è inserito il piano di rimborso ed è indicata la frequenza con la quale dovranno essere versate le rate di rimborso. L acquisto o spesa oggetto del prestito fiduciario dovranno essere realizzati entro 3 mesi dall erogazione del prestito; se si tratta di lavori da eseguire, essi andranno realizzati entro un periodo massimo di 6 mesi dall erogazione, eccettuati i casi di richieste di proroghe dovute a cause non dipendenti dalla volontà del beneficiario compiutamente documentate. 11

12 Art. 7 Restituzione La modalità di restituzione della somma erogata dovrà essere sottoscritta al momento della stipula del contratto con il Comune, scegliendo il pagamento rateale e il tempo di restituzione che il richiedente ritiene più comodo. I tempi di restituzione non potranno tuttavia superare i 5 anni con un massimo di 60 rate. Le rate potranno essere mensili, trimestrali o semestrali. Art. 8 Inadempimenti Il mancato pagamento di tre rate consecutive per coloro che abbiano scelto il pagamento mensile, di due rate per coloro che abbiano scelto il pagamento trimestrale e di una sola rata per coloro che abbiano scelto il pagamento semestrale, determina la decadenza dal beneficio della rateizzazione ed il beneficiario del prestito è tenuto alla restituzione immediata dell intera somma non ancora restituita. Nel caso di mancato pagamento dell intero, il responsabile dell Area economico-finanziaria, porrà in essere gli accertamenti sulle cause dell insolvenza. Se dalla verifica effettuata l inadempienza è riconducibile a subentrati, giustificati e dimostrabili motivi che comportano al beneficiario l impossibilità di restituire il prestito, l Amministrazione comunale, con apposito atto della Giunta comunale (Consiglio o Commissione paritetica ), potrà valutare se astenersi dal procedere al recupero coattivo della somma erogata. Se, invece, viene accertata la manifesta mancanza di volontà alla restituzione da parte del beneficiario, ovvero l assenza di condizioni oggettive di impedimento, il Comune procederà ai sensi dell art del Codice Civile al recupero dell intero in maniera coattiva anche mediante espropriazione forzata delle somme da restituire ed il beneficiario non potrà accedere ad ulteriori prestiti od altri benefici di natura economica erogati dal Comune. Art 9 Controlli Il Responsabile dell Area amministrativa provvederà a verificare l effettivo utilizzo del prestito erogato per le finalità per le quali è concesso e che l attività finanziata sia stata realizzata nel termine di tre o sei mesi dalla concessione. Il beneficiario dovrà provare di aver ottemperato alle predette prescrizioni mediante la produzione nel predetto termine di tre mesi se oggetto del prestito è un acquisto o spesa, sei mesi se si tratta di lavori da eseguire di: - documenti di spesa (fatture, rogito notarile, ricevute ecc); - dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi del DPR 28 dicembre 2000 n. 445, la quale attesti che l investimento è stato completato nei termini e realizzato in maniera conforme alla relazione illustrativa presentata per ottenerne la concessione. In caso di utilizzo difforme, si prevede la decadenza dal beneficio della non corresponsione degli interessi che pertanto saranno riscossi in forma coattiva. 12

13 Art. 10 Vincoli L erogazione effettiva del prestito è subordinata alla disponibilità di somme a ciò destinate annualmente dal Comune. Art Cumulabilità Il beneficio è cumulabile con quello previsto alla Sez. A) nuclei familiari residenti perseguendo i due tipi di prestiti finalità diverse. Art Disposizioni finali Per tutto quanto non previsto nel presente Regolamento si rinvia a quanto stabilito dalle vigenti normative di legge statali, nonché dai vigenti Regolamenti Comunali. Il rilascio di copia del presente Regolamento può essere richiesto da ogni cittadino del Comune e dai rappresentanti degli Enti ed Istituzioni che nello steso hanno sede. 13

14 GRUPPO CONSILIARE Alla C.A. del SINDACO del comune di Viggiano Alla C.A. dei Sigg. Consiglieri Comunali Comune Viggiano OGGETTO: PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE AI SENSI DEL CAPO III, ART. 21 COMMI 1,2,3 DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE. I Consiglieri Comunali Domenico Giambattista MELE e Giovanni DI FUCCIO del Gruppo Consiliare Laboratorio per Viggiano, tenendo conto che: - la situazione economica mondiale, europea ed italiana si fa sempre più pesante; - la Regione Basilicata, nonostante abbia fondi straordinari rivenienti dalle royalties petrolifere, comunque non sta riuscendo a ridurre gli effetti di questa grave crisi sulle famiglie, ed in particolare su quelle meno abbienti; - la situazione occupazionale nel cratere estrattivo, comunque non è difforme dal resto della regione; hanno perso il lavoro molti nostri concittadini, mentre altri non hanno neppure cominciato a lavorare; - le famiglie si ritrovano a dover far fronte ad una situazione già di per sé difficile oltre ad affrontare spese dovute ad eventi o situazioni particolari, incluse le spese per poter offrire ai propri figli il diritto di intraprendere percorsi di studi universitari; - le micro e le piccole imprese del nostro tessuto produttivo sono allo stremo delle loro forze e possibilità; - Tutto ciò porta a considerare che l economia è ferma; 1

15 Considerato che: - il comune di Viggiano possiede fonti economiche extra-tributarie dovute alle royalties comunali; - una parte consistente di esse non viene utilizzata; - una quota importante delle stesse dovrebbe essere impiegata per strumenti di investimento; - il prestito fiduciario, che si intende sottoporre all approvazione di questo consesso si propone come valido strumento per incoraggiare gli investimenti e nel tempo stesso quale misura per il sostegno economico delle famiglie; - l istituto potrà essere introdotto in via sperimentale per il primo anno a partire dall anno in corso destinando una posta finanziaria pari ad E ,00 per i nuclei familiari residenti e una posta finanziaria pari ad E ,00 per i titolari di partita IVA; PROPONGONO - A) l approvazione dell istituzione del prestito fiduciario così come regimentato dal seguente Regolamento che lo disciplina e che farà parte integrante di tale deliberazione consiliare; - B) di rendere immediatamente eseguibile tale deliberazione ai sensi dell art. 143 della L. n. 267/2000 con votazione unanime e separata. 2

16 COMUNE DI VIGGIANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL PRESTITO FIDUCIARIO 3

17 PREMESSA Il presente regolamento disciplina gli interventi di sostegno economico e sostegno degli investimenti, posti in essere dall Area Economico-Finanziaria e dall Area Amministrativa del Comune di Viggiano, tramite l erogazione di prestiti fiduciari a tasso zero a favore di: Sez. A) nuclei familiari, residenti nel comune di Viggiano da almeno 24 mesi per un importo massimo erogabile di E ,00 per ogni richiesta; Sez. B) società di capitali che abbiano la sede legale da almeno 24 mesi nel territorio comunale di Viggiano; cooperative, società di persone e associazioni professionali di cui la maggioranza dei soci abbia la residenza da almeno 24 mesi nel territorio comunale di Viggiano; persone fisiche titolari di partita IVA (artigiani, commercianti, imprenditori, professionisti ) che abbiano la residenza da almeno 24 mesi nel territorio comunale di Viggiano; per un importo massimo erogabile di E ,00. per ogni richiesta; La gestione dell istituto potrà avvenire eventualmente attraverso apposita convenzione da stipularsi con un istituto bancario. 4

18 SEZIONE A) NUCLEI FAMILIARI RESIDENTI Art. 1 Obiettivi L attivazione del prestito fiduciario a favore dei nuclei familiari residenti è tesa a: Offrire uno strumento innovativo di politica sociale, finalizzato a fornire un supporto finanziario ai singoli, alle coppie e alle famiglie, con una modalità che stimola nei destinatari le capacità di saper utilizzare le proprie risorse di autostima, nonché di assumersi le proprie responsabilità; Innescare un processo virtuoso che agevoli, direttamente ed indirettamente, lo sviluppo delle piccole e piccolissime imprese ed i commercianti presenti sul territorio comunale (in primis), e su quello comprensoriale valdagrino, e che contribuisca ad incrementare il livello di produttività dei medesimi, con evidenti ritorni sulle capacità economiche e finanziarie sia degli artigiani e commercianti coinvolti, sia sulle famiglie beneficiarie del prestito. Art. 2 Oggetto Il prestito fiduciario consiste in un prestito in denaro concesso dal Comune di Viggiano da restituire a tasso zero entro un periodo di tempo prestabilito. Il prestito è concesso indipendentemente dal reddito del nucleo familiare, per qualunque tipo di acquisto o di spesa consentita dalla legge, escluse quelle spese che- a giudizio insindacabile dei responsabili del procedimento deputati a valutare le domande di ammissione- sono da ritenersi prettamente voluttuarie (es. vacanze, acquisto di autovettura, beni di lusso in genere). Finalità dell istituto è infatti da un lato quella di concedere ai nuclei familiari residenti nel territorio comunale la possibilità di far fronte ad acquisti e spese altrimenti impossibili da sostenere, dall altro quella di incrementare la crescita delle attività imprenditoriali, artigiane, commerciali e professionali che hanno sede nel Comune di Viggiano creando per le stesse, nuove opportunità di lavoro attraverso la utilizzazione da parte dei nuclei familiari del danaro reso disponibile mediante l accesso al prestito fiduciario. Per sostenere l acquisto o spesa oggetto del prestito, dovrà essere preliminarmente richiesto, a pena di inammissibilità al beneficio, almeno un preventivo ai titolari di partita IVA aventi sede legale o residenza nel territorio comunale, ove presenti. Il prestito non potrà essere utilizzato per pagare utenze, tributi, interessi bancari, rate per mutui bancari o ipotecari, rate di prestiti bancari, spese per sanzioni pecuniarie, situazioni debitorie con gli Istituti di credito. Art. 3 Requisiti In considerazione delle finalità di politica sociale e di incremento dell economia del paese, l'unico pre-requisito richiesto per l accesso da parte di nuclei familiari al prestito disciplinato dal 5

19 presente Regolamento è la residenza nel Comune di Viggiano da almeno 24 mesi alla data della domanda. Coloro che intendano ottenerne la concessione, dovranno presentare apposita domanda secondo le modalità stabilite al successivo Art. 4. Non potrà essere presentata più di una domanda per nucleo familiare. Art. 4 Procedure di accesso al prestito Per accedere al beneficio del prestito fiduciario di cui al presente Regolamento è necessario inoltrare all Ufficio Area Amministrativa del Comune di Viggiano, apposita domanda sul facsimile allegato al presente Regolamento, con allegati i seguenti documenti: - certificato di residenza nel Comune di Viggiano o dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR 403/98; - certificato di stato di famiglia o dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del DPR 403/98; - relazione illustrativa della/e finalità per cui il prestito viene richiesto; - assunzione di responsabilità per la restituzione del prestito; - a pena di inammissibilità preventivo/i di spesa definitivi relativi ad ogni attività/spesa da realizzare reso/i da titolari di partita iva avente sede legale o residenza nel Comune di Viggiano, fatte salve le attività che non presuppongono dette titolarità (es. acquisto immobile da privato); - è in facoltà del richiedente presentare in aggiunta al precedente, altro preventivo definitivo di spesa reso da soggetti titolari di partita iva non residenti o non aventi sede legale nel territorio del Comune di Viggiano, qualora questo sia palesemente più conveniente del preventivo/i di cui al punto precedente. Nella domanda inoltre il richiedente dovrà: dichiarare di avere conoscenza che, nel caso di concessione del prestito, potranno essere eseguiti controlli diretti ad accertare la veridicità delle informazioni fornite; esprimere consenso al trattamento dei dati personali ivi compresi quelli sensibili. Art. 5 Istruttoria La fase istruttoria è affidata al Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ed al Responsabile dell Area Amministrativa che si riuniranno in sessione mensile per l esame e l approvazione delle domande. Il team dovrà: verificare la presenza dei requisiti richiesti per accedere al prestito; verificare la capacità di restituzione riferita alla assunzione di responsabilità. L erogazione avverrà con atto del Responsabile dell Area Amministrativa e il provvedimento di erogazione del prestito fiduciario o di diniego del beneficio, saranno comunicati all interessato con la relativa motivazione. Eventuali integrazioni della documentazione potranno essere presentate non oltre 15 gg. dalla richiesta e nel caso di mancata integrazione la domanda di erogazione sarà respinta. Le domande di ammissione saranno valutate e finanziate in ordine di presentazione fino ad esaurimento dei fondi disponibili e l elenco degli ammessi e dei non ammessi sarà pubblicato sul 6

20 sito web ed all Albo Pretorio del Comune di Viggiano con l indicazione anche dell ammontare del prestito concesso. Art. 6 Erogazione del beneficio Il beneficio è concesso fino ad un importo massimo di ,00 per nucleo familiare. Non sarà possibile richiedere un nuovo prestito fiduciario prima che si sia ultimato il pagamento anche di una sola rata di quello precedente. Tra il richiedente e l amministrazione comunale verrà stipulato un contratto con il quale il beneficiario del prestito s impegnerà alla restituzione della somma; in tale contratto è inserito il piano di rimborso ed è indicata la frequenza con la quale dovranno essere versate le rate di rimborso. L acquisto o spesa oggetto del prestito fiduciario dovranno essere realizzati entro 3 mesi dall erogazione del prestito; se si tratta di lavori da eseguire, essi andranno realizzati entro un periodo massimo di 6 mesi dall erogazione, eccettuati i casi di richieste di proroghe dovute a cause non dipendenti dalla volontà del beneficiario compiutamente documentate. Il Responsabile dell Area Amministrativa potrà esperire controlli periodici diretti a verificare l effettivo impiego dell importo erogato. Art. 7 Restituzione La modalità di restituzione della somma erogata dovrà essere sottoscritta al momento della stipula del contratto con il Comune, scegliendo il pagamento rateale e il tempo di restituzione che il richiedente ritiene più comodo. I tempi di restituzione non potranno tuttavia superare i 5 anni con un massimo di 60 rate. Le rate potranno essere mensili o trimestrali. Art. 8 Inadempimenti Il mancato pagamento di tre rate consecutive per coloro che hanno scelto il pagamento mensile e di due rate per coloro che abbiano scelto il pagamento trimestrale, determina la decadenza dal beneficio della rateizzazione ed il beneficiario del prestito è tenuto alla restituzione immediata dell intera somma non ancora restituita. Nel caso di mancato pagamento dell intero, il Responsabile dell Area Economico-Finanziaria, porrà in essere gli accertamenti sulle cause dell insolvenza. Se dalla verifica effettuata l inadempienza è riconducibile a subentrati, giustificati e dimostrabili motivi che comportano al beneficiario l impossibilità di restituire il prestito, l Amministrazione comunale, con apposito atto reso da una Commissione Paritetica, potrà valutare se astenersi dal procedere al recupero coattivo della somma erogata. Detta Commissione Paritetica, che si riunirà appositamente, dovrà essere costituita da un rappresentante di ognuno dei gruppi consiliari componenti il Consiglio Comunale. Se, invece, viene accertata la manifesta mancanza di volontà alla restituzione da parte del beneficiario, ovvero l assenza di condizioni oggettive di impedimento, il Comune, tramite la Commissione Paritetica, procederà ai sensi dell art del Codice Civile al recupero dell intero in maniera coattiva anche mediante espropriazione forzata delle somme da restituire ed il beneficiario non potrà accedere ad ulteriori prestiti od altri benefici di natura economica erogati dal Comune. 7

COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO TRAMITE L EROGAZIONE DI PRESTITI SULL ONORE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA

Dettagli

COMUNE DI BORGARELLO

COMUNE DI BORGARELLO COMUNE DI BORGARELLO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PRESTITI SULL ONORE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PRESTITI SULL ONORE Art. 1 Oggetto In ossequio a quanto previsto dall art.12

Dettagli

FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE

FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI UN FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE 1 ART. 1 - OGGETTO L

Dettagli

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE 42 CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 220/I0093427 P.G. NELLA SEDUTA DEL 20/12/2004 A RIFERIMENTI NORMATIVI L. 285/1997, art. 4 La L. 285/1997

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI 1. Definizioni Prima casa ammessa a contributo. Si intende l abitazione che usufruisce delle agevolazioni

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO Prot. n. 2471 del 22/02/2010 BANDO ANNO 2010 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI, TURISTICHE, ARTIGIANALI E DEI SERVIZI. IL DIRETTORE

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione.

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. CITTA DI OMEGNA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. (approvato con

Dettagli

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni:

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni: CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PONZANO VENETO E GLI ISTITUTI DI CREDITO RIGUARDANTE LE MODALITA RELATIVE ALLA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER L ACQUISTO, LA COSTRUZIONE

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 1. OBIETTIVI E BENEFICIARI 1. I criteri e le modalità che seguono si riferiscono

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

AVVISO 2013 PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI. Premessa

AVVISO 2013 PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI. Premessa ALLEGATO A ALLA D.G.R DEL 2013 AVVISO 2013 PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI Premessa L iniziativa s inserisce nell ambito della collaborazione attivata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D'ONORE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D'ONORE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D'ONORE Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 6 del 29/01/2015 Sevizi Sociali INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO..... PAG. 2 ART. 2 - FINALITÀ....

Dettagli

FONDO PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA (art. 15 - Legge 108/96) CRITERI E PROCEDURE LINEE GUIDA

FONDO PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA (art. 15 - Legge 108/96) CRITERI E PROCEDURE LINEE GUIDA FONDO PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA (art. 15 - Legge 108/96) CRITERI E PROCEDURE LINEE GUIDA OTTOBRE 1998 CRITERI E PROCEDURE 1. PREMESSA 2. CARATTERISTICHE DELLA CONVENZIONE ANTIUSURA 3.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI (Delibera Giunta Regione Lombardia 18 aprile 2012 n. IX/3301) 1. Definizioni Prima casa ammessa a contributo.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO PRESTITO D ONORE

REGOLAMENTO SERVIZIO PRESTITO D ONORE REGOLAMENTO SERVIZIO PRESTITO D ONORE Premesso che : La delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 19/02/2014 prevede l istituzione di un fondo per il PRESTITO D ONORE a favore di cittadini o famiglie residenti

Dettagli

PRESTITO SULL ONORE. Per presentare la richiesta di prestito sull onore i soggetti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

PRESTITO SULL ONORE. Per presentare la richiesta di prestito sull onore i soggetti devono essere in possesso dei seguenti requisiti: PRESTITO SULL ONORE OGGETTO L iniziativa è finalizzata alla concessione di un prestito agevolato senza applicazione di interessi, che permetta alla famiglia od al singolo in temporanea difficoltà, di superare

Dettagli

Comune di Pozzuolo del Friuli

Comune di Pozzuolo del Friuli Comune di Pozzuolo del Friuli INTERNET sito web: www.comune.pozzuolo.udine.it e-mail: protocollo@com-pozzuolo-del-friuli.regione.fvg.it Via XX Settembre, 31 33050 POZZUOLO DEL FRIULI (UD) C.F.: 80010530303

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTO FONDO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE PER CONTRASTARE LA CRISI ECONOMICA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale in data 19/12/2001

Dettagli

C O M U N E D I G A L G A G N A N O (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO PRESTITO SULL ONORE

C O M U N E D I G A L G A G N A N O (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO PRESTITO SULL ONORE C O M U N E D I G A L G A G N A N O (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO PRESTITO SULL ONORE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 35 del 29.07.2015 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il servizio

Dettagli

Provincia di Bologna Area Tecnica

Provincia di Bologna Area Tecnica Provincia di Bologna Area Tecnica Prot. 5147 OGGETTO: BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITÀ COMMERCIALI TURISTICHE ARTIGIANALI E DEI SERVIZI CON

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 Allegato A Prot. n. 1645 Pratica n. 16761/2010 Tit. 08 Cat. 07 Cl. 01 BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 IL DIRIGENTE

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO SUI MUTUI CONTRATTI PER L ACQUISTO O IL RECUPERO EDILIZIO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI SULL ONORE

PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI SULL ONORE C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI SULL ONORE Approvato dall Assemblea Consortile con deliberazione n.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI NUOVI NUCLEI FAMILIARI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI NUOVI NUCLEI FAMILIARI. Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 4 40026 Imola Tel. 0542-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

REGOLAMENTO CREDITO SULLA FIDUCIA

REGOLAMENTO CREDITO SULLA FIDUCIA REGOLAMENTO CREDITO SULLA FIDUCIA 1- Finalità dell' intervento L'intervento "credito sulla fiducia" di cui alla L.R. n.27/89 e circolare regionale n. 19/90, prevede da parte dell'ente pubblico la possibilità

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del /29.11.2013 INDICE GENERALE

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI CITTADINI DI CONRIBUTI PER L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA PRESSO ABITAZIONI PRIVATE Approvato con deliberazione

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Città di Roncade Provincia di Treviso

Città di Roncade Provincia di Treviso Città di Roncade Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione Allegato alla delibera n. del Comune di Solarolo Provincia di Ravenna Regolamento per l assegnazione di finanziamenti agevolati per l abitazione Art. 1 OGGETTO Al fine di agevolare i nuclei familiari ed

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

CONVENZIONE PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ED ARTIGIANALI

CONVENZIONE PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ED ARTIGIANALI Via A. Costa n. 12 40062 Molinella (Bo) Tel. 051/690.68.70 051/690.68.68 Fax 051/690.03.46 Rep. n. 1055 CONVENZIONE PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ED ARTIGIANALI L anno duemilatredici

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA.

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. COMUNE DI SANT URBANO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. Allegato alla Delibera di Consiglio

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 Codice DB1512 D.D. 5 agosto 2014, n. 531 Legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34, articolo 42, comma 6. Affidamento a Finpiemonte S.p.A. delle funzioni e delle attivita'

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI Comune di MONSERRATO Comunu de PAULI Regolamento allegato alla deliberazione C.C. n. 3 del 13.3.2014 REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI In favore delle

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO...

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E GLI ISTITUTI DI CREDITO CHE VI ADERIRANNO PER L ATTIVAZIONE DEL FONDO A FAVORE DEI LAVORATORI COINVOLTI IN PROCESSI DI CRISI AZIENDALE CONVENZIONE TRA

Dettagli

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO per la gestione del PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Visto il regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo; all applicazione

Dettagli

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI DESTINATI ALLE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI E ALLE IMPRESE APPROVATO con deliberazione del C.C. n 69 del 30.11.2011

Dettagli

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) Regolamento per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

Dettagli

PROVINCIA di CATANZARO

PROVINCIA di CATANZARO PROVINCIA di CATANZARO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI, SOVVENZIONI, SUSSIDI E SERVIZIO CIVICO. Il presente regolamento disciplina i criteri per l erogazione di sussidi economici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO CANONI ex lege 240/81, art. 23)

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO CANONI ex lege 240/81, art. 23) Allegato n. 5 DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO CANONI ex lege 240/81, art. 23) DOMANDA PRESENTATA TRAMITE.. (Società di locazione finanziaria, Banca; Associazione di categoria;

Dettagli

PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI 10239 ALLEGATO A PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DEL PREMIO DI PRIMO INSEDIAMENTO NELLA FORMA COMBINATA (PREMIO UNICO + ABBUONO DI INTERESSI).

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

Regolamento per l'erogazione Errore. Il segnalibro non è definito. di contributi a titolo di prestito d'onore Errore. Il segnalibro non è definito.

Regolamento per l'erogazione Errore. Il segnalibro non è definito. di contributi a titolo di prestito d'onore Errore. Il segnalibro non è definito. Regolamento per l'erogazione Errore. Il segnalibro non è definito. di contributi a titolo di prestito d'onore Errore. Il segnalibro non è definito. APPROVATO CON DELIBERAZIONE COMUNALE N 46 DEL 11-05-2009

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 27/02/1997. SOMMARIO: TITOLO I: Fondo Sociale Art. 1 - Istituzione fondo sociale...pag.3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

Documento n. 278/001. Fondo di solidarietà per i mutui per l acquisto della prima casa - sospensione delle rate dei mutui.

Documento n. 278/001. Fondo di solidarietà per i mutui per l acquisto della prima casa - sospensione delle rate dei mutui. Documento n. 278/001. Fondo di solidarietà per i mutui per l acquisto della prima casa - sospensione delle rate dei mutui. Fondo di solidarietà per i mutui per l acquisto della prima casa ai sensi dell

Dettagli

BANDO PUBBLICO. COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile Settore Ambiente

BANDO PUBBLICO. COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile Settore Ambiente BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LA PROMOZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA MANUFATTI, FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI/TERZIARI

Dettagli

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA Provincia di Ravenna

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA Provincia di Ravenna COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCENSIONE DI MUTUI PER L ACQUISTO, LA COSTRUZIONE O IL RECUPERO DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE IN TERRITORIO

Dettagli

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI SAN SALVO Provincia di Chieti UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Data 13/01/2014 N. 2 OGGETTO: INCENTIVI PER LA RISTRUTTURAZIONE DELLE

Dettagli

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA

Dettagli

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Nell ambito del Fondo per il sostegno all accesso al credito delle imprese del Lazio (art. 20 LR 9/2005)

Dettagli

COMUNE DI. VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE

COMUNE DI. VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE COMUNE DI VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE Approvato con Deliberazione del C.C. n. 25 del 12.06.2008 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il servizio verte su un prestito

Dettagli

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Comune di UTA Provincia di Cagliari Allegato A alla delibera C.C. n.31 del 04/10/2012 Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

P.G. n. 11333 Medicina, 24/07/2013 Rif. Prot. n. 16575/2012 Tit.08 Cat. 07 Cl.01 Albo pretorio on-line

P.G. n. 11333 Medicina, 24/07/2013 Rif. Prot. n. 16575/2012 Tit.08 Cat. 07 Cl.01 Albo pretorio on-line Comune di Medicina AREA GESTIONE DEL TERRITORIO Ufficio Attività Produttive tel. 051 6979241-242-243; fax. 051 6979222 attivitaproduttive@comune.medicina.bo.it P.G. n. 11333 Medicina, 24/07/2013 Rif. Prot.

Dettagli

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari Comune di Sinnai Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DI NUOVA FORMAZIONE L.R. 24 dicembre 1998, n. 37, Art. 19 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento Principi 1) Il

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 5 maggio 2010 n.87 (Ratifica Decreto Delegato 26 marzo 2010 n.58) Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 26 marzo

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO Per la concessione in locazione delle Botteghe Artigiane

REGOLAMENTO Per la concessione in locazione delle Botteghe Artigiane C O M U N E D I S I N N A I Provincia di Cagliari Parco delle Rimembranze C.A.P. 09048 Tel. 070/76901 Fax 070 781412 www.comune.sinnai.ca.it Allegato alla deliberazione C.C. n 24 del 14 Giugno 2007 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI NEGLI INTERESSI

REGOLAMENTO DEL FONDO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI NEGLI INTERESSI REGOLAMENTO DEL FONDO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI NEGLI INTERESSI Rev.01 Annulla e sostituisce Regolamento del 13/4/2006 Rev. n. 0 approvato dal Comitato Gestione Fondi Apportati e dei Fondi

Dettagli

COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena Il Sindaco

COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena Il Sindaco MISURE STRAORDINARIE DI CONTRASTO ALLA CRISI ECONOMICA E DI SOSTEGNO AL REDDITO DEI LAVORATORI TIPOLOGIA DEGLI INTERVENTI Le misure di sostegno al reddito prendono spunto da quelle previste al vigente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE COMUNE DI MERCATO SARACENO Provincia di Forlì Cesena Settore Segreteria Affari Generali REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO

DOMANDA DI CONTRIBUTO PROVINCIA DI SONDRIO Oggetto: bando per la concessione di finanziamenti per interventi preventivi di manutenzione del versante Retico terrazzato - Legge n. 102 del 2 maggio 1990, articolo 3 - Interventi

Dettagli

COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo

COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo ***** CAP 90024 Via Salita Municipio, 2 tel. 0921644076 fax 0921644447 P. Iva 00475910824 - www.comune.gangi.pa.it REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti In esecuzione della deliberazione della G.P. n. 131 del 9.6.2011, dichiarata immediatamente eseguibile,

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. DEL 113 OGGETTO: SERVIZIO MENSA A.S. 2013/2014. INDIRIZZI PER ESENZIONI E RECUPERO DEBITI PREGRESSI 29.10.2013

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione n. 117 del 10.12.2002 Modificato con delibera di Consiglio Provinciale n. 19 del 1.4.2004 1 REGOLAMENTO

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA A FUSIGNANO Art. 1 - Premessa Il Comune di Fusignano, pone in essere azioni finalizzate a favorire l incremento

Dettagli

art. 1 finalità art. 2 modifiche all articolo 1 del DPReg 191/2009 art. 3 modifiche all articolo 2 del DPReg 191/2009

art. 1 finalità art. 2 modifiche all articolo 1 del DPReg 191/2009 art. 3 modifiche all articolo 2 del DPReg 191/2009 Regolamento recante modifiche al Regolamento concernente le modalità per lo smobilizzo dei crediti da parte delle banche, nonché le modalità e le condizioni per la concessione da parte del Fondo regionale

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E LE ASSOCIAZIONI ASCOM E CONFESERCENTI PER L

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI PER INIZIATIVE INERENTI LA CULTURA, LO SPETTACOLO, LO SPORT E LE PROMOZIONI TURISTICHE CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 2 del 13 gennaio 2012 1 INDICE Art.

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLA CAMERA DI COMMERCIO DI CROTONE VIA A. DE CURTIS, 2 88900 CROTONE Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) codice Fiscale in qualità di titolare/legale rappresentante della ditta/società con sede in via/piazza

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 82496 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito PREMESSA La Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni, esaltando, quale ragion d essere della

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VII

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VII REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte VII Erogazione di contributi in conto interessi a fronte di prestiti stipulati a seguito di crisi finanziaria Testo finale approvato dal C.I.G. Delibera n. 103

Dettagli

SETTORE AFFARI GENERALI E SERVIZI DEMOGRAFICI Servizio Affari Generali

SETTORE AFFARI GENERALI E SERVIZI DEMOGRAFICI Servizio Affari Generali COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA Piazza Vittorio Emanuele II n.31-48010 Cotignola (RA) Telefono: 0545/908811 - Telefax: 0545/41282 P.IVA 00148580392 e-mail: comunecotignola@racine.ra.it SETTORE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289)

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) COMUNE DI CELANO Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) CAPO I TRIBUTI CONDONABILI, CONDIZIONI E BENEFICI Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

CENTROMARCA BANCA - CREDITO COOPERATIVO

CENTROMARCA BANCA - CREDITO COOPERATIVO CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI IN FAVORE DELLE FAMIGLIE CON NUOVI NATI O FIGLI ADOTTATI NEGLI ANNI 2009, 2010, 2011 TRA Il Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY AGEVOLAZIONI PER LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. 1 Sono

Dettagli

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F.

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F. REGOLAMENTO INTERNO della FUTURHAUS Società Cooperativa Edilizia a r.l. Sede in Roma Lungotevere di Pietra Papa, 95 00146 Capitale Sociale versato e sottoscritto Euro 1.750,00 Iscritta al n. 07456230585

Dettagli