Le categorie interpretative della crisi economica Sintesi del seminario-chiacchierata del 4 febbraio 2011 Michele Fortezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le categorie interpretative della crisi economica Sintesi del seminario-chiacchierata del 4 febbraio 2011 Michele Fortezza"

Transcript

1 Le categorie interpretative della crisi economica Sintesi del seminario-chiacchierata del 4 febbraio 2011 Michele Fortezza La crisi economica degli ultimi anni ha, come noto, le proprie origini negli Stati Uniti. Ne ripercorriamo la genesi e la successiva diffusione in tutto il mondo, analizzando le reazioni da parte delle istituzioni pubbliche. La parte finale, riguardante l'analisi della crisi in Europa, è rimandata alla prossima chiacchierata. [2] La crisi negli Stati Uniti La crisi americana parte dal mercato immobiliare [3]. Il grafico dell'andamento trimestrale del prezzo delle case (indice Case-Shiller) rende evidente come, a seguito di una crescita sproporzionata dei prezzi, ci sia stato un crollo altrettanto repentino al momento dello "scoppio" della bolla, il cui inizio si può far risalire già alla seconda metà del Uno dei principali fattori che ha reso possibile la formazione della bolla immobiliare è la trasformazione avvenuta nel sistema finanziario [4]. L'evoluzione del sistema finanziario ha consentito un'enorme espansione dell'accesso al credito, favorita anche dalla volontà politica di compensare la perdita di potere d'acquisto da parte del ceto medio (in un certo senso, al potere d'acquisto perduto si cercava di sostituire il potere di indebitarsi). Tale facilità di accesso al credito ha alimentato un'enorme domanda di case, sia per scopo abitativo sia per scopo puramente speculativo. Quando questo meccanismo si è inceppato, i prezzi sono precipitati. L'andamento del mercato immobiliare è quindi uno specchio di quello che accade nel sistema finanziario. In generale negli ultimi anni c'era stata un'esplosione dell'indebitamento privato, sia delle famiglie che delle imprese. La facilità di accesso al credito infatti ha condotto all'utilizzo diffuso ed eccessivo del meccanismo della leva finanziaria (in inglese leverage ) che sarà spiegato meglio in seguito. Accanto a questo, c'è stata la diffusione di titoli derivati complessi. Un titolo derivato è un titolo che basa il suo valore su un altro titolo (ad esempio, le opzioni sulle azioni). Nei titoli derivati complessi, piccole quote di titoli diversi venivano mescolati in una sorta di "polpettone finanziario" di tale complessità che solo pochissimi esperti erano in grado di decifrare il contenuto del titolo stesso. Questi derivati avevano due caratteristiche essenziali:da una parte l'allontanamento tra creditore e debitore che ha determinato un abbassamento dei requisiti richiesti; dall'altra, sebbene fossero stati pensati per ridurre e distribuire meglio il rischio, in realtà hanno favorito l'assunzione di maggiore rischio da parte delle banche. Infine, l'ultimo fattore da sottolineare è l'aumento dell'interdipendenza tra gli istituti finanziari, che ha determinato lo scatenarsi dell'effetto domino, per cui il crollo di un singolo istituto produceva a catena il crollo di tutti quelli a lui direttamente o indirettamente collegati. Tutte queste caratteristiche hanno determinato una marcata fragilità del sistema finanziario. Questa situazione si è venuta a creare per la concomitanza di diverse cause istituzionali [5]: innanzitutto l'ideologia dominante ispirata all'infallibilità e alla capacità auto-regolatrice del mercato ha portato ad avere un sistema di regole del tutto insufficiente e in alcuni casi addirittura sbagliato; dal canto loro, le istituzioni addette alla vigilanza, presenti negli Stati Uniti come in un ogni paese, non hanno compiuto adeguatamente il proprio compito. Inoltre, si è reso evidente come la retribuzione dei manager costituisse un fortissimo incentivo a massimizzare i profitti di breve periodo senza curarsi delle conseguenze di lungo periodo, talvolta a danno degli azionisti stessi. Infine, le società di rating (al pari delle banche) hanno commesso clamorosi errori di valutazione del rischio, rispetto ai singoli titoli e alle istituzioni nel loro complesso, sia a causa della complessità dei titoli coinvolti sia, in alcuni casi, per la loro posizione di conflitto di interesse. Approfondimento 1: Cenni sull'analisi di bilancio [6-9] Nella slide [6] viene presentato uno schema intuitivo del bilancio di un'azienda (valido anche per le banche). Dal lato dell'attivo troviamo tutto ciò che costituisce un valore per l'azienda, e quindi: i beni patrimoniali: si può trattare di immobili o, nel caso di aziende manifatturiere, di macchinari; in altri termini, sono i beni materiali durevoli di cui l'azienda dispone;

2 le attività finanziarie sono costituite dagli strumenti finanziari posseduti (come azioni e obbligazioni) i crediti sono i prestiti effettuati (ad esempio a clienti o fornitori) la liquidità rappresenta il denaro detenuto in cassa o in banca Dal lato del passivo, invece, ci sono le fonti di finanziamento: il capitale proprio, ovvero le risorse versate dal proprietario o dai soci le riserve, ovvero le risorse accumulate nel tempo (ad esempio, i profitti non distribuiti in passato) i debiti, ovvero le risorse prese in prestito La differenza tra attivo e passivo rappresenta il risultato di esercizio, e costituisce un utile (ovvero un profitto) se è positiva, o una perdita se è negativa. Per valutare la situazione finanziaria di un'azienda solitamente si usano degli indici di bilancio, costruiti rapportando le voci suddette: la leva finanziaria (leverage: è il rapporto tra la somma totale delle risorse (proprie e in prestito) e le risorse proprie; rappresenta quindi il grado di esposizione dell'azienda (ovvero quanta parte dei finanziamenti necessari sono coperti da risorse esterne) il ROI (return on investment) rappresenta il tasso di redditività di un investimento, ed è dato dal rapporto tra il guadagno ottenuto e il totale delle risorse investite il ROE (return on equity) rappresenta il tasso di redditività del capitale proprio (che in inglese è detto equity ) ed è dato dal rapporto tra i profitti ottenuti e il totale di mezzi propri. Tralasciando la gestione non caratteristica (ovvero le attività collaterali dell'azienda), si può dire che: ROE ROI Leverage Questo rappresenta l'effetto moltiplicativo della leva. Ad esempio, un'azienda con una leva pari a 10 ha debiti pari a 9 volte le risorse proprie; l'accumulo dei debiti le permette di effettuare investimenti molto elevati con poche risorse proprie, aumentando notevolmente i ricavi ottenibili. D'altro canto, però, l'accumulo dei debiti rende l'azienda più esposta e fragile. Altre valutazioni sulla situazione finanziaria dell'azienda riguardano la disponibilità di denaro (liquidità) e la capacità di ripagare i debiti (solvibilità). Si può essere illiquidi senza essere insolvibili se l'attività economica dell'azienda la pone in condizione di ripagare i propri debiti in futuro anche se al momento non dispone di risorse liquide. Si può anche essere insolvibili senza essere illiquidi, se si dispone di grandi somme di denaro ma si hanno debiti di entità ancora maggiore. Questa distinzione sarà importante nel seguito della discussione. In questo contesto si inserisce il problema di come si quantifichino i valori inseriti nel bilancio: molte voci, infatti, non hanno un valore certo, ma devono essere stimate. I principi contabili italiani (contenuti nel Codice Civile) impongono di usare il criterio generale della prudenza, evitando quindi di sopravvalutare o sottovalutare i valori inseriti. I principi internazionali (IAS e IFRS), cui devono rifarsi tutte le aziende che operano a livello internazionale, impongono invece di valutare tutte le voci contabili secondo il loro valore di mercato. È evidente, quindi, che quando i valori di mercato (ad esempio delle attività finanziarie o degli immobili) risultano gonfiati, il valore stesso dell'azienda ne risulterà sovrastimato, fintantoché lo scoppio della bolla non riporterà precipitosamente i valori in basso. Questi principi, quindi, tendono a dare un quadro poco stabile, specie in contesti di crisi. Un altro degli elementi alla base della crisi è l'aumento, nel corso degli ultimi 10 anni, degli squilibri tra i paesi: da una parte ci sono paesi caratterizzati da alti tassi di risparmio e bassi consumi, che esportano più di quanto importano e accumulano crediti verso l'estero (ad esempio Cina, Germania e Giappone); specularmente ci sono paesi che risparmiano poco e consumano molto, che importano più di quanto esportino e accumulano debiti con l'estero (ad esempio Stati Uniti, Inghilterra, Spagna, Irlanda e Grecia). Approfondimento 2: Cenni sulla contabilità nazionale [11-14] Se non consideriamo il ciclo delle scorte, la domanda aggregata è all'incirca uguale alla produzione (ovvero al PIL). La lezione di Keynes è stata quella di guardare il PIL dal lato della domanda. Da questo punto di vista, la domanda aggregata di beni e servizi si può scomporre come somma di consumi privati (delle famiglie), investimenti privati (delle imprese), consumi e investimenti dello Stato (spesa pubblica), e esportazioni nette

3 (differenza tra esportazioni e importazioni). Per analizzare la contabilità nazionale, è necessario puntualizzare fin da subito la differenza esistente tra due tipi di grandezza: i flussi (ovvero le quantità misurate in un certo intervallo di tempo, solitamente un anno) e gli stock (ovvero le quantità esistenti in un certo istante di tempo). Immaginiamo una vasca da bagno: la quantità d'acqua che esce dal rubinetto, poniamo in 10 minuti, è un flusso in entrata; la quantità depositata all'interno della vasca in un certo istante è lo stock di acqua; la quantità che fuoriesce dalla vasca aprendo lo scarico della vasca, ad esempio per un minuto, è il flusso in uscita. Questi due tipi di grandezza possono essere utilizzati per analizzare la situazione finanziaria a livello macroeconomico: dal punto di vista degli stock, si può dire che il totale dei crediti e il totale dei debiti esistenti in un certo momento devono necessariamente essere uguali tra loro, perché il debito di un soggetto è contemporaneamente il credito di un altro; dal punto di vista dei flussi, si ha un meccanismo analogo: considerando le tre principali categorie di soggetti (privato, pubblico e estero), il totale dei saldi (variazioni del debito) deve essere zero; questo significa che se, ad esempio, il settore pubblico aumenta il proprio deficit (vedi oltre), questa variazione dovrà essere coperta (finanziata) o da un aumento del risparmio privato o da un afflusso di capitali dall'estero. Lo stesso tipo di distinzione interviene quando si parla di deficit e debito pubblico: il deficit pubblico è la differenza tra spese e entrate dello Stato in un certo anno (quindi è un flusso); il debito pubblico è il totale dei debiti dello Stato verso altri soggetti in un certo momento (quindi è uno stock); esso è dato dall'accumularsi nel tempo dei deficit 1. Ripercorriamo a questo punto le dinamiche della crisi [15]: come abbiamo detto, già a partire dal 2006 inizia la crisi del mercato immobiliare americano. Alla fine dell'anno successivo, gli Stati Uniti iniziano ad essere interessati da una vera e propria recessione. Inizialmente, però, sembra trattarsi di una crisi totalmente interna che non riguarda altri paesi. Tra la fine del 2007 e la prima metà del 2008 esplode la crisi petrolifera, con il prezzo del petrolio che arriva a superare i 130 dollari al barile [16], mentre la crisi finanziaria resta latente. La dinamica dei prezzi del petrolio si inverte a settembre del 2008 quando, con il crollo di Lehman Brothers, la crisi assume proporzioni globali. Il governo americano scelse di non salvare Lehman Brothers per non dover poi salvare tutti gli altri istituti finanziari che venissero a trovarsi nella stessa situazione, sottovalutando il problema dell'interdipendenza cui abbiamo accennato: il crollo di LB innescò infatti una reazione a catena che portò al conseguente crollo di tutti gli istituti ad esso collegati. La crisi petrolifera [16] ha avuto un impatto significativo sull'economia mondiale, andando a pesare soprattutto sui consumatori. Inoltre, secondo molti economisti ha contribuito ad aggravare la crisi finanziaria, in quanto ha ulteriormente incrementato le difficoltà finanziarie delle famiglie americane. Si può sostanzialmente escludere che tale crisi abbia avuto un'origine speculativa, in quanto nel momento in cui si registravano i picchi nel prezzo del petrolio, i paesi produttori non sono riusciti ad approfittare di tale situazione aumentando la loro produzione. È più probabile, quindi, che l'aumento del prezzo sia da ricondursi ad una produzione ormai non più in grado di rispondere alla crescente domanda globale. Nello stesso periodo ( ), una situazione analoga si è creata rispetto alla produzione di cibo [17]: il prezzo delle derrate alimentari ha registrato un andamento analogo a quello del petrolio. Anche in questo caso, l'aumento della domanda mette in discussione la capacità produttiva e la sostenibilità a livello mondiale. L'effetto di tale situazione viene ovviamente percepito soprattutto nei paesi in via di sviluppo, laddove la spesa per consumi alimentari rappresenta una quota ben più elevata di quanto non avvenga nei paesi industrializzati. Il legame con il prezzo del petrolio si può in parte spiegare in virtù del fatto che, all'aumentare del costo del greggio, diventa più conveniente l'impiego di cereali per la produzione di biocombustibili 2. La crisi diventa globale Per capire in che modo la crisi si trasferisca dagli Stati Uniti al resto del mondo è necessario riflettere sul ruolo 1 Tra le spese sostenute ogni anno, e conteggiate ai fini del deficit, ci sono anche gli interessi sul debito pubblico. Tali interessi sono solitamente pagati con ulteriore emissione di titoli di debito. 2 Attualmente circa un terzo della produzione americana di mais è utilizzato per la produzione di biocarburanti.

4 del sistema finanziario [18]. Il sistema finanziario nasce fondamentalmente come strumento a supporto dell'attività produttiva (o reale): il suo ruolo è quello di raccogliere credito dai soggetti che hanno disponibilità liquide ed erogare finanziamenti sia alle imprese che alle famiglie; in definitiva, il suo compito è quello di garantire la giusta distribuzione di liquidità, ponendosi come intermediario tra soggetti che hanno liquidità in eccesso e soggetti che invece ne hanno bisogno. Il mercato monetario[19], molto sviluppato negli Stati Uniti e punto focale della crisi, è un buon esempio di questo meccanismo. Raccoglie risorse dagli investitori e le eroga alle imprese; le imprese usano le risorse ricevute per finanziare l'attività produttiva e, con il ricavato, restituiscono il prestito ricevuto con l'aggiunta di un interesse. Durante la crisi questo mercato si era totalmente paralizzato e la Federal Reserve è dovuta intervenire direttamente per garantire la possibilità delle imprese di ottenere finanziamenti. Per questo motivo, se si blocca il mercato monetario si determina anche un blocco dell'attività produttiva, comportando il passaggio della crisi dall'economia finanziaria all'economia reale. Proprio per questa sua essenziale funzione di supporto all'attività produttiva, il sistema finanziario non può essere lasciato a se stesso. Questo significa da una parte che non ci si può permettere di lasciarlo crollare (motivo per cui diversi paesi hanno fatto intervento a supporto degli istituti finanziari, di cui parleremo nel seguito), pena il blocco dell'economia reale; dall'altra che esso deve essere sottoposto a regole e controlli che ne riconducano l'attività alle sue primarie funzioni, e non ne permettano le derive speculative. La trasmissione della crisi a livello globale [20] avviene attraverso meccanismi diretti e indiretti: di sicuro, incide pesantemente il fatto che buona parte dei titoli tossici americani fossero detenuti all'estero, e in particolare dalle banche di alcuni paesi europei (come Irlanda e Germania); d'altro canto, l'esplosione della crisi ha fatto precipitare in poco tempo la situazione di paesi che avevano condizioni di partenza precarie e analoghe a quella americana (ad esempio l'islanda); il tentativo convulso di recuperare le risorse investite ha determinato una diffusa crisi di liquidità e un crollo generalizzato del valore dei titoli. La condizione di paura e insicurezza ha determinato il blocco quasi totale degli investimenti privati (con le prevedibili conseguenze sull'economia reale), mentre la crisi del commercio internazionale metteva in difficoltà i paesi esportatori. Il precipitare della situazione portava allo scoppio concomitante delle bolle speculative (reali e finanziarie) presenti in vari paesi (ad esempio il settore immobiliare in Spagna e Irlanda). Una piccola digressione sull'effetto prodotto dalla crisi sui tassi di cambio [21]: nel momento in cui la crisi si è estesa a livello globale, la crisi di liquidità e la percezione di maggiore sicurezza degli investimenti interni da parte degli investitori americani, che ha determinando il rapido rientro dei capitali detenuti all'estero, hanno comportato un'inversione di tendenza nell'andamento del tasso di cambio tra euro e dollaro (il grafico rappresenta il valore di un euro espresso in dollari). Il dollaro, che si era svalutato fintantoché la crisi aveva interessato soltanto gli Stati Uniti, ha iniziato a recuperare valore quanto la crisi si è estesa agli altri paesi. La risposta pubblica alla crisi Di fronte alla gravità della situazione, dopo trent'anni di predominio dell'ideologia sfrenatamente liberista di autoregolamentazione del mercato, torna ad imporsi la necessità di un intervento pubblico [22]. L'intervento pubblico è avvenuto principalmente in tre forme: manovre anti-cicliche: sono le manovre di politica fiscale attuate dai Governi, che hanno lo scopo di invertire la tendenza alla recessione, cercando di stimolare la ripresa dell'attività economica; ruolo delle banche centrali: detengono la politica monetaria; gli interventi proposti su questo fronte hanno avuto un'entità di gran lunga superiore a quelli fiscali; salvataggio delle banche: le conseguenze del crollo di grossi istituti finanziari (come Lehman Brothers) su tutto il sistema hanno reso necessario che si evitasse il ripetersi di queste situazioni; ovviamente, le modalità con cui avviene il salvataggio di una banca possono essere molto diverse, e la soluzione migliore varia a seconda delle diverse circostanze. Le manovre anti-cicliche [23] sono caratterizzate da un aumento del deficit pubblico (attraverso un aumento delle spese o una riduzione delle entrate) volto a compensare il calo della domanda privata:

5 gli stabilizzatori automatici sono quelle forme di sussidio che intervengono automaticamente a fronte degli effetti della crisi economica: ad esempio, i sussidi di disoccupazione scattano nel momento in cui la crisi provoca la perdita del posto di lavoro; lo Stato può inoltre intervenire con interventi diretti a sostegno delle imprese in difficoltà, come avvenuto nel caso di Chrysler e General Motors negli Stati Uniti; accanto ai sussidi automatici, si possono prevedere degli ammortizzatori sociali straordinari, come avvenuto anche in Italia con l'estensione della cassa integrazione; la domanda (e quindi la spesa) pubblica può essere aumentata anche con l'investimento diretto in opere pubbliche; perché questo possa avere un effetto positivo e tempestivo sulla crisi, però, è necessario che si tratti di interventi già programmati e che possano essere subito avviati, altrimenti i tempi di risposta sarebbero troppo lunghi; si può infine intervenire indirettamente, riducendo le tasse (e quindi le entrate) e aumentando di conseguenza il reddito disponibile per cittadini e imprese. Tutti i paesi coinvolti dalla crisi hanno attuato una o più di queste manovre, con combinazioni variabili. L intervento delle banche centrali è stato essenziale per impedire che la crisi si aggravasse [24]. Diminuzione del tasso di interesse : è la classica manovra effettuata in caso di crisi; poiché il tasso d'interesse rappresenta il costo sostenuto da chi prende in prestito denaro, la sua riduzione serve a favorire la possibilità di effettuare investimenti; il limite materiale di questo tipo di manovra è costituito dal fatto che il tasso d'interesse non può scendere sotto lo zero. Prestiti alle banche per garantirne la liquidità: le banche centrali hanno aumentato i prestiti erogati alle banche per compensare la crisi di fiducia che impediva alle banche di trovare credito sui mercati. Aumento della base monetaria : poiché il contesto di crisi esclude il problema di pressioni inflazionistiche, le banche centrali hanno potuto aumentare temporaneamente la quantità di moneta in circolazione; la quantità di moneta aggiuntiva serve a finanziare i prestiti e gli interventi diretti sui mercati. Intervento diretto sui mercati finanziari : le banche centrali possono anche acquistare direttamente i titoli sui mercati in modo da risollevare i prezzi e riattivare i mercati bloccati; questa manovra è stata realizzata principalmente dalla Federal Reserve e in misura molto minore dalla Banca Centrale Europea. Come abbiamo detto, il salvataggio delle banche da parte degli stati era inevitabile. Tuttavia, questo è avvenuto con modalità diverse e non sempre adeguate. Garanzie su depositi e obbligazioni : in questo caso gli Stati dichiarano di accollarsi tutto il rischio nel caso in cui le banche non siano in grado di restituire le somme depositate o investite; in casi come quello italiano, nel quale il problema era rappresentato soltanto da una carenza di liquidità e da una crisi di fiducia degli investitori, questa modalità è risolutiva e non comporta l'effettivo esborso di risorse pubbliche perché la mancata restituzione non si verifica (anzi, è scongiurata proprio dalle rassicurazioni dello Stato); nei casi in cui invece, come avvenuto in Irlanda, le banche sono caratterizzate da veri e propri problemi di solvibilità, questo tipo di manovra ha comportato un enorme spesa da parte dello Stato che ha dovuto effettivamente accollarsi tutto il debito delle banche salvate. Prestiti: lo Stato presta soldi alle banche, le quali dovranno poi restituire le risorse ricevute una volta superata la situazione di crisi, finanziandosi con l'emissione di nuovo debito pubblico; Ricapitalizzazione: lo Stato conferisce risorse alle banche, acquisendone in cambio la proprietà; il vantaggio di questo tipo di operazione è dato dal fatto che lo Stato può gestire direttamente la transizione in uscita dalla crisi; in questo caso è possibile anche una cosiddetta ristrutturazione del debito, con la quale si possono dilazionare le scadenze o ridurre la quota da restituire (facendo ricadere parte dei costi della crisi sui creditori) Intervento diretto sui mercati per risollevare il valore dei titoli: lo Stato acquista titoli sul mercato, analogamente a quanto detto per la banca centrale. A differenza della prima, in cui l'esborso di denaro è solo potenziale, le altre modalità prevedono sicuramente l'impiego di risorse pubbliche, che tuttavia non sono mai a fondo perduto e vengono almeno in parte recuperate, a volte addirittura con un guadagno per lo Stato. Oltre al costo dei salvataggio del sistema finanziario, la crisi economica ha di per se un enorme impatto sui conti pubblici [26].

6 Innanzitutto la crisi provoca una diminuzione del PIL e quindi della base imponibile, che in crisi gravi come quella attuale generalmente non viene mai recuperata interamente. Nella fase acuta della crisi questa riduzione è particolarmente marcata, specie sui redditi da capitale e autonomi. Sul fronte della spesa invece c'è un evidente inerzia nell'andamento degli impegni di spesa, che in assenza di interventi specifici tendono a crescere come avveniva prima della crisi stessa. A questo si aggiungono le spese straordinarie per far fronte alla crisi. La perdita di base imponibile e l'inerzia della spesa sono di gran lunga la componente più rilevante sul lungo periodo e pertanto richiedono interventi correttivi, che tuttavia è importante fare solo una volta che l'economia è uscita dalla crisi, per evitare di aggravare ulteriormente la crisi stessa. Gli interventi di salvataggio delle banche invece sul lungo periodo hanno generalmente costi contenuti o sono addirittura in attivo (salvo interventi scellerati come quello irlandese). La crisi del debito pubblico europeo Riportiamo solo la spiegazione del grafico della slide [27], che è l'ultima che siamo riusciti ad affrontare. Nella parte sinistra vengono riportati i valori del deficit pubblico (in rapporto al PIL) per diversi paesi europei e per gli Stati Uniti nel La linea più scura rappresenta il valore effettivo del deficit; la linea più chiara rappresenta il valore presunto al netto della crisi (si tratta di un calcolo effettuato in base alle stime sulla crescita potenziale). Da questo punto di vista, l'italia è uno dei paesi più virtuosi (anche se questo è la diretta conseguenza del suo immobilismo e della scarsa reazione di fronte alla crisi). La parte destra, invece, riporta i valori del debito (sempre in rapporto al PIL) per gli stessi paesi. La linea scura in questo caso rappresenta il debito lordo, ovvero il totale del debito; la linea chiara, invece, rappresenta il debito netto, che si ottiene sottraendo al debito lordo il valore degli assets (ovvero delle attività possedute). In questo caso la posizione dell'italia è la peggiore rispetto ai paesi riportati nel grafico (in generale, per quanto riguarda il rapporto debito/pil, l'italia è seconda solo al Giappone). Il resto, alla prossima chiacchierata...

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia La Produzione Aggregata: metodi di misurazione del livello di attività e della congiuntura In questa lezione: studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione Capitolo 12 Produzione, reddito e occupazione La produzione e il prodotto interno lordo (PIL) Definizione: PIL di una nazione è il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali prodotti per il mercato

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

10 FINANZA PUBBLICA, DISAVANZO E DEBITO. 10.1: Il quadro della finanza pubblica in Italia. 10.2: Saldi, disavanzo e debito: definizioni e relazioni

10 FINANZA PUBBLICA, DISAVANZO E DEBITO. 10.1: Il quadro della finanza pubblica in Italia. 10.2: Saldi, disavanzo e debito: definizioni e relazioni 10 FINANZA PUBBLICA, DISAVANZO E DEBITO 10.1: Il quadro della finanza pubblica in Italia 10.2: Saldi, disavanzo e debito: definizioni e relazioni 10.3: Debito pubblico, rimborso e stabilizzazione. 10.4:

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito:

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito: INDICI DI BILANCIO L analisi per indici del bilancio consiste nel calcolare, partendo dai dati dello Stato patrimoniale e del Conto economico, opportunamente revisionati e riclassificati, indici (quozienti,

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare;

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare; Appunti di Economia Documenti costituenti il bilancio d esercizio di una impresa Introduzione... 1 Stato patrimoniale... 2 Debiti e crediti... 3 Equazione contabile fondamentale dello stato patrimoniale...

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Facoltà di Economia Università di Roma Sapienza Offerta di moneta Offerta di moneta. È la quantità di mezzi di pagamento

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia.

Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE. Prof. Piergiorgio Masala, lezione di diritto ed economia. Lezioni di economia INFLAZIONE E DEFLAZIONE 1 Inflazione e deflazione INFLAZIONE CAUSE È l'aumento prolungato del livello medio generale dei prezzi in un dato periodo di tempo. L'aumento dei costi di produzione,

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 4. LA NECESSITÀ DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. Una visione d insieme. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 4. LA NECESSITÀ DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA. Una visione d insieme. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 4. LA NECESSITÀ DELL INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA 1. Una visione d insieme 2. I settori istituzionali 3. I saldi finanziari 4. Le Famiglie 5.

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio Riclassificazione del bilancio Vedere sussidio didattico sul bilancio RAGIONI DELLA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE raggruppare i valori delle attività e delle passività in poche

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e il debito estero

La bilancia dei pagamenti e il debito estero La bilancia dei pagamenti e il debito estero LA BILANCIA DEI PAGAMENTI La Bilancia dei Pagamenti è lo schema contabile che registra tutte le transazioni economiche effettuate dai residenti dell'economia

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

Famiglia, reddito familiare, risparmio

Famiglia, reddito familiare, risparmio Famiglia, reddito familiare, risparmio Luigi Campiglio Università Cattolica del S. Cuore Catania 14 dicembre 2012 Il reddito disponibile e il risparmio delle famiglie è diminuito nel corso degli ultimi

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

INFLAZIONE O DEFLAZIONE, DOVE STIAMO ANDANDO?

INFLAZIONE O DEFLAZIONE, DOVE STIAMO ANDANDO? INFLAZIONE O DEFLAZIONE, DOVE STIAMO ANDANDO? Vito Lops giornalista e social media editor Sole 24 Ore vito.lops@ilsole24ore.com www.twitter.com/vitolops L INFLAZIONE INFLAZIONE VUOL DIRE AUMENTO DEI PREZZI.

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

PARTE 5: Risparmio, investimento e

PARTE 5: Risparmio, investimento e : Risparmio, investimento e relazioni finanziarie L esistenza di soggetti con un eccesso di spesa sul reddito, ovvero con un eccesso di risparmio sull investimento determina trasferimenti di fondi da chi

Dettagli

Riclassificazione del bilancio

Riclassificazione del bilancio Riclassificazione del bilancio 02 2015-2016 Vedere sussidio didattico sul bilancio SIGNIFICATO DI RICLASSIFICAZIONE DEI DOCUMENTI DEL BILANCIO raggruppare i valori presenti nei documenti di bilancio in

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

La posizione finanziaria nei confronti dell estero

La posizione finanziaria nei confronti dell estero Corso di Economia finanziaria La posizione finanziaria nei confronti dell estero Dott.ssa Arianna Moschetti A.A. 2012-13 2012 Sommario La Bilancia dei Pagamenti Definizione Processo evolutivo Schema e

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

Introduzione. La contabilità nazionale in un economia aperta. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese

Introduzione. La contabilità nazionale in un economia aperta. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Lezione del 12/5/2005 Davide Castellani castellani@uniurb.it Introduzione La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti)

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti) Esame di Politica economica internazionale Parte 1 A scelta tra a) o b) (risposta esatta vale 10 punti): a) Sulla base della bilancia dei pagamenti incompleta della Ecolandia (in miliardi di dollari):

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative.

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative. Il Roe è il migliore indicatore di performance? Gli schemi di analisi si basano sull assunto che il Roe sia un valido indicatore sintetico della performance. In realtà, il Roe è solamente uno degli indicatori

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Allegato n. 6 alla Circolare n 67/2015 Quadro macroeconomico 2016-2018 variazioni percentuali 2016 2017 2018 PIL 1,3 1,3 1,1 Inflazione

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli