EDUCAZIONE NON FORMALE: LA PROSPETTIVA EUROPEA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDUCAZIONE NON FORMALE: LA PROSPETTIVA EUROPEA"

Transcript

1 LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELL EDUCAZIONE EDUCAZIONE NON FORMALE: LA PROSPETTIVA EUROPEA Gli sviluppi, le politiche e le strategie dal 2000 verso il

2 A LIVELLO EUROPEO Lo sviluppo dei sistemi di istruzione (educazione) e delle competenze: apprendimento permanente Nel 2000, i capi di stato e di governo dell UE sottolineano che a tutti i cittadini devono essere fornite le competenze necessarie a vivere e lavorare in questa nuova società dell informazione informazione e che un contesto europeo dovrebbe definire le nuove competenze di base da fornire attraverso l apprendimento per tutto l arco della vita: abilità informatiche, lingue straniere, cultura tecnologica, imprenditorialità e abilità sociali. dal 2000 al

3 A LIVELLO EUROPEO L identificazione delle competenze chiave per l apprendimento l permanente Il riconoscimento delle abilità e delle competenze chiave dovrebbe essere promosso al fine di supportare ulteriori apprendimenti e l occupabilitl occupabilità. Il lavoro sulle competenze chiave è strettamente connesso con il miglioramento dei sistemi di istruzione e formazione, con lo sviluppo di un Quadro Europeo delle Qualifiche e con iniziative che rafforzano e migliorano il riconoscimento di qualifiche e competenze acquisite nel settore giovanile. dal 2000 al

4 A LIVELLO EUROPEO Il Quadro Europeo delle Qualifiche EQF Il termine competenza è definito come una combinazione di conoscenze, abilità e attitudini adatte ad una particolare situazione. Le competenze chiave sono quelle che supportano la nostra realizzazione personale, l inclusione l sociale, la cittadinanza attiva e l occupazione. l dal 2000 al

5 A LIVELLO EUROPEO Il Quadro Europeo delle Qualifiche - EQF Le 8 competenze chiave per l apprendimento l permanente: 1. Comunicazione nella madrelingua 2. Comunicazione nelle lingue straniere 3. Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia 4. Competenza digitale 5. Imparare ad imparare 6. Competenze sociali e civiche 7. Spirito di iniziativa e imprenditorialità 8. Consapevolezza ed espressione culturale dal 2000 al

6 EDUCAZIONE NON FORMALE E APPRENDIMENTO L EDUCAZIONE NON FORMALE E E un sistema al di fuori dell istruzione formale che riunisce risorse, persone, obiettivi, strumenti e metodi al fine di produrre un processo di apprendimento. 6

7 LA POLITICA EUROPEA PER I GIOVANI Comunicazione della Commissione al Consiglio sulle politiche europee concernenti la gioventù. Rispondere alle preoccupazioni dei giovani in Europa attuare il Patto Europeo per la Gioventù e promuovere la cittadinanza attiva Definire un quadro di riferimento comune per i sistemi di riconoscimento delle qualifiche in tutta Europa. La Commissione proporrà un programma di riconoscimento europeo delle qualifiche Verrà sperimentato uno strumento specifico di riconoscimento del lavoro giovanile, nell intento di includere in Europass uno Youth-Pass. La fase sperimentale dovrebbe iniziare nel dal 2005 ad oggi 7

8 LA POLITICA EUROPEA PER I GIOVANI Tra le azioni chiave concernenti la crescita economica e l occupazione, YOUTH-PASS è una delle azioni politiche di sviluppo per il periodo ed un primo passo per uno strumento di successo di riconoscimento e valorizzazione. In molti paesi europei il riconoscimento dell apprendimento in contesti non-formali e informali è uno dei temi della politica nazionale per i giovani (esistono strumenti di riconoscimento utilizzati da organizzazioni giovanili) dal 2005 ad oggi 8

9 YOUTHPASS I PRINCIPALI OBIETTIVI la realizzazione della certificazione qualificata delle competenze per tutte le azioni del programma Gioventù/Gioventù in Azione entro il 2006 sviluppare strumenti per il riconoscimento e la valorizzazione al fine di incrementare la qualità e la consapevolezza del riconoscimento nel programma Gioventù/Gioventù In Azione dal 2005 ad oggi 9

10 YOUTHPASS LA STRATEGIA EUROPEA SUL RICONOSCIMENTO DELL APPRENDIMENTO NON FORMALE NEL PROGRAMMA GIOVENTU Scambi di giovani 30 giovani di 5 diversi paesi, uno scambio di 10 giorni, temi: lo sviluppo dell ambiente e il suo significato per una cittadinanza attiva. Cosa imparano i giovani durante la preparazione, la realizzazione e dopo? giovani - la loro identità culturale - la conoscenza sulle altre culture e temi specifici - ad organizzare cose insieme - la percezione degli altri - ad affrontare conflitti cercando la reciproca comprensione - molte altre cose quali l indipendenza, l la democrazia, vivere insieme in un gruppo, esprimere se stessi, avere a che fare con situazioni impreviste e molto altro! dal 2005 ad oggi 10

11 YOUTHPASS LA STRATEGIA EUROPEA SUL RICONOSCIMENTO DELL APPRENDIMENTO NON FORMALE NEL PROGRAMMA GIOVENTU giovani In Europa ogni anno circa giovani partecipano ad attività del programma Gioventù? Quante tonnellate di apprendimento?? Chi riconosce questo apprendimento?? Come possono presentare il loro apprendimento?? Come possono utilizzarlo nella loro vita?? Come possono comprendere cosa hanno imparato? dal 2005 ad oggi 11

12 YOUTHPASS LA STRATEGIA EUROPEA SUL RICONOSCIMENTO DELL APPRENDIMENTO NON FORMALE NEL PROGRAMMA GIOVENTU giovani gioventù in azione youth-pass E la chiave per rendere l apprendimento trasparente e visibile e per ottenere il riconoscimento dell apprendimento non formale in Europa, nei paesi e a livello locale SARA UNA VARIETA DI STRUMENTI PER RENDERE VISIBILE L APPRENDIMENTO NELLE ATTIVITA DEL PROGRAMMA GIOVENTU dal 2005 ad oggi 12

13 YOUTHPASS LA STRATEGIA EUROPEA SUL RICONOSCIMENTO DELL APPRENDIMENTO NON FORMALE NEL PROGRAMMA GIOVENTU Circa il 70% dell apprendimento nella vita di un individuo ha luogo in contesti informali e non formali famiglia gruppi informali tempo libero organizza zioni giovanili PER FARE UN PASSO IN AVANTI NELLA PROPRIA VITA, PER CERCARE UN LAVORO, E E NECESSARIO POTER DIMOSTRARE QUESTA ESPERIENZA dal 2005 ad oggi 13

14 YOUTHPASS LA STRATEGIA EUROPEA SUL RICONOSCIMENTO DELL APPRENDIMENTO NON FORMALE NEL PROGRAMMA GIOVENTU IN AZIONE Sviluppa: Certificati qualificati per certificare l apprendimento negli scambi di giovani, servizio volontario europeo, attività di formazione Strumenti di valutazione per riflettere e seguire il processo di apprendimento non formale in modo più approfondito dal 2005 ad oggi 14

15 LA PROSPETTIVA EUROPEA Comunicazione dalla Commissione EUROPA 2020 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile, inclusiva 3 priorità rafforzate CRESCITA INTELLIGENTE: sviluppo di una economia basata sulla conoscenza e sull innovazione CRESCITA SOSTENIBILE: promuovere una economia più competitiva, con risorse più efficaci e più verdi CRESCITA INCLUSIVA: incoraggiare un economia ad alta occupazione che assicuri coesione sociale e territoriale dal 2010 al

16 LA PROSPETTIVA EUROPEA Comunicazione dalla Commissione EUROPA 2020 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile, inclusiva 3 priorità rafforzate CRESCITA INTELLIGENTE Iniziativa di punta: Youth on the move Innalzare la qualità generale di tutti i livelli di istruzione e formazione nell UE, combinando sia eccellenza sia equità, promuovendo la mobilità degli studenti e dei tirocinanti e migliorando l occupazione dei giovani dal 2010 al

17 LA PROSPETTIVA EUROPEA Comunicazione dalla Commissione EUROPA 2020 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile, inclusiva 3 priorità rafforzate CRESCITA INCLUSIVA Iniziativa di punta: Un Agenda per nuove competenze e lavoro Creare le condizioni per modernizzare il mercato del lavoro aumentando i livelli di occupazione ciò significa consentire alle persone di acquisire nuove abilità, per poter adattare l attuale e futura forza lavoro alle nuove condizioni e ai potenziali cambi di professione, riducendo la disoccupazione e innalzando la produttività. dal 2010 al

18 YOUTHPASS: link e riferimenti Art. 3, 4.e - 8, 3. 9, 1.e del programma Gioventù In Azione Valutazione intermedia del programma Gioventù (Raccomandazioni 11, pag. 43) europa.eu.int/comm/youth/program/evaluation_en.html Libro Bianco Un nuovo impulso per la gioventù europea, cap. 4.2, pag. 19 europa.eu.int/comm/youth/whitepaper/index_en.html Strategia per l educazione l e la formazione europa.eu.int/comm/education/policies/2010/doc/10_year_en.pdf Patto Europeo per la Gioventù europa.eu.int/comm/youth/whitepaper/post-launch/com_206_en.pdf Strategia di Lisbona europa.eu.int/growthandjobs/index_en.htm Common paper di EC e CoE Pathway towards validation and recognition of education,, training & learning in the youth field knowledge.net/system/galleries/download/ research_report/2004_validation_and_recognition.pdf 18

19 CONTATTI E INFORMAZIONI IN ITALIA Agenzia Nazionale per i Giovani Eurodesk Italy Portale italiano dei giovani IN EUROPA Agenzia esecutiva istruzione, mezzi audiovisivi e cultura SALTO YOUTH Portale europeo dei giovani 19

La mobilità per l'apprendimento dei giovani

La mobilità per l'apprendimento dei giovani La mobilità per l'apprendimento dei giovani Eurodesk è la struttura del programma comunitario Erasmus+ dedicata all'informazione, alla promozione e all'orientamento sui programmi in favore dei giovani

Dettagli

Gioventù in Azione

Gioventù in Azione Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione è: Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile Opera

Dettagli

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 4 ottobre 2005 (06.10) (OR. en) 12927/05 LIMITE JEUN 48 EDUC 138 SOC 364

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 4 ottobre 2005 (06.10) (OR. en) 12927/05 LIMITE JEUN 48 EDUC 138 SOC 364 CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 4 ottobre 2005 (06.10) (OR. en) 12927/05 LIME JEUN 48 EDUC 138 SOC 364 NOTA della: Presidenza al: Gruppo "Gioventù" n. doc. prec.: 12470/05 JEUN 47 EDUC 134 SOC

Dettagli

La via italiana all Europa

La via italiana all Europa 1 La via italiana all Europa Carola Gavazzi Como, 10 aprile 2013 2 La diversità culturale rappresenta una condizione essenziale dell'odierna società umana. La promozione del dialogo interculturale mira

Dettagli

NUOVI ORIENTAMENTI DEI TOOL EUROPEI RISPETTO ALLE PRIORITÀ DEL MERCATO DEL LAVORO

NUOVI ORIENTAMENTI DEI TOOL EUROPEI RISPETTO ALLE PRIORITÀ DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVI ORIENTAMENTI DEI TOOL EUROPEI RISPETTO ALLE PRIORITÀ DEL MERCATO DEL LAVORO Manuela Bonacci Struttura Metodologie e Strumenti per le Competenze e le Transizioni Processi in Europa ed in Italia Indagini

Dettagli

Volontariato: un opportunità che ti porta lontano

Volontariato: un opportunità che ti porta lontano Volontariato: un opportunità che ti porta lontano Milano, 24 novembre 2016 Il Volontariato ha valore e importanza in quanto una delle manifestazioni di solidarietà più evidenti, che promuove e agevola

Dettagli

Strategia Europa 2020

Strategia Europa 2020 PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Linea 3 - Ambito 1 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in rete.

Dettagli

I lezione Master Operatore Musicale. Romina Nesti

I lezione Master Operatore Musicale. Romina Nesti I lezione Master Operatore Musicale Romina Nesti Cos è la didattica? Una definizione e una storia complessa che inizia agli albori dell umanità. Da arte a scienza La parola didattica significa arte di

Dettagli

Il Contesto Europeo di Garanzia Giovani

Il Contesto Europeo di Garanzia Giovani Il Contesto Europeo di Garanzia Giovani 2000 Lisbona: consiglio europeo su temi economici e sociali Strategia di Lisbona L Europa fissa l ambizioso obiettivo di diventare, in dieci anni, lo spazio economico

Dettagli

ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO PER I GIOVANI

ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO PER I GIOVANI ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO PER I GIOVANI STRATEGIE E PROGRAMMI EUROPEI PARLAMENTO EUROPEO BRUXELLES 17.10.2012 DOTT. SALVATORE TRIPODI REGIONE LAZIO (BRUXELLES) - AREA RAPPORTI CON UE La strategia

Dettagli

SEMINARIO PROVINCIALE DI FORMAZIONE DI BASE OBIETTIVI DEL PROGRAMMA ERASMUS+ NELLA STRATEGIA EUROPA 2020 MESSINA 20 FEBBRAIO 2015

SEMINARIO PROVINCIALE DI FORMAZIONE DI BASE OBIETTIVI DEL PROGRAMMA ERASMUS+ NELLA STRATEGIA EUROPA 2020 MESSINA 20 FEBBRAIO 2015 SEMINARIO PROVINCIALE DI FORMAZIONE DI BASE OBIETTIVI DEL PROGRAMMA ERASMUS+ NELLA STRATEGIA EUROPA 2020 MESSINA 20 FEBBRAIO 2015 VERSO EUROPA 2020-SFIDE: Fornire qualifiche richieste dal mercato del lavoro

Dettagli

ErasmusPlus ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus. A cura dell Associazione Tecla Ascoli Piceno, 20/01/2014

ErasmusPlus ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus. A cura dell Associazione Tecla  Ascoli Piceno, 20/01/2014 II ATELIER ErasmusPlus 2014 2020 ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus A cura dell Ascoli Piceno, 20/01/2014 OVERVIEW ERASMUS+2014-2020 ISTRUZIONE, FORMAZIONE, GIOVENTÙ E SPORT LIFELONG LEARNING PROGRAMME

Dettagli

L APPRENDIMENTO COOPERATIVO

L APPRENDIMENTO COOPERATIVO Corso di formazione L APPRENDIMENTO COOPERATIVO CORSO ACCREDITATO DAL MIUR IN UN EDIZIONE PRECEDENTE Arricchire (con semplicità) le proprie lezioni con attività: Docente: Dr. Stefano Rossi - cooperative

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE MERCOLEDI 16 MARZO 2016

LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE MERCOLEDI 16 MARZO 2016 LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE MERCOLEDI 16 MARZO 2016 1) IL MODELLO «AGATONE» DIDATTICA NEI LICEI Socrate, vieni a sederti qui vicino a me, perché io possa, toccandoti,

Dettagli

PILASTRI DELLA POLITICA

PILASTRI DELLA POLITICA PILASTRI DELLA POLITICA DI SOSTEGNO EUROPEA STRATEGIA DI LISBONA 13.12.2007 firma del Trattato di Lisbona 1.12.2009 entrata in vigore del Trattato che modifica il Trattato sull UE e del Trattato che istituisce

Dettagli

Politiche giovanili e Piani Locali Giovani

Politiche giovanili e Piani Locali Giovani Politiche giovanili e Piani Locali Giovani FORMAZIONE AI COORDINATORI DEI SUB PIANI LOCALI GIOVANI DELLA PROVINCIA DI TORINO MAGGIO 2010 Paolo Paroni Sussidio n. 2 Le nuove politiche per la gioventù La

Dettagli

Politiche & Strutture

Politiche & Strutture Politiche & Strutture per i Giovani in Europa: www.eurodesk.it per i alcune brevi note introduttive sul Libro Bianco della C. E. Un nuovo impulso per la gioventù Europea e sulla partecipazione giovanile

Dettagli

Uno sguardo all Europa: competenze chiave per l apprendimento permanente

Uno sguardo all Europa: competenze chiave per l apprendimento permanente I.T.I.S. OTHOCA 06.10.2011 La didattica dell inclusione ttica Uno sguardo all Europa: competenze chiave per l apprendimento permanente Il triangolo dela conoscenza istruzione ricerca innovazion e Le politiche

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE G. B. BROCCHI Bassano del Grappa -VI. Progettazione didattico educativa di dipartimento CLASSE INDIRIZZO

LICEO GINNASIO STATALE G. B. BROCCHI Bassano del Grappa -VI. Progettazione didattico educativa di dipartimento CLASSE INDIRIZZO Pagina 1 di 5 DIPARTIMENTO CLASSE INDIRIZZO FRANCESE PRIMO BIENNIO LINGUISTICO SCIENZE UMANE (OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE) OBIETTIVI IN TERMINI DI: COMPETENZE, ABILITÀ, CONOSCENZE E ATTIVITÀ COMPETENZA ABILITÀ

Dettagli

competenze per orientare percorso formativo sperimentale su competenze e mercato del lavoro Torino, marzo-maggio 2012 QUADRO EUROPEO DI RIFERIMENTO

competenze per orientare percorso formativo sperimentale su competenze e mercato del lavoro Torino, marzo-maggio 2012 QUADRO EUROPEO DI RIFERIMENTO competenze per orientare percorso formativo sperimentale su competenze e mercato del lavoro Torino, marzo-maggio 2012 seminario QUADRO EUROPEO DI RIFERIMENTO 10 maggio, Istituto Berti 1 COMPETENZE PER

Dettagli

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency Gioventù in Azione 2007-2013 2013 Gioventù in Azione è: Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile

Dettagli

«Calabria 2020» Consorzio Regionale di Alta Formazione Un partenariato pubblico-privato efficace per una Calabria migliore

«Calabria 2020» Consorzio Regionale di Alta Formazione Un partenariato pubblico-privato efficace per una Calabria migliore «Calabria 2020» Consorzio Regionale di Alta Formazione Un partenariato pubblico-privato efficace per una Calabria migliore In Progress Calabria (Capofila del Consorzio) è un'associazione che opera nel

Dettagli

Obiettivo della strategia EUROPA 2020:

Obiettivo della strategia EUROPA 2020: Obiettivo della strategia EUROPA 2020: L Europa fissa tre priorità: una crescita intelligente: sviluppare un economia basata sulla conoscenza e sull innovazione, una crescita sostenibile: promuovere un'economia

Dettagli

Laboratorio. Alessandra Ceccherelli Unità Nazionale etwinning Italia

Laboratorio. Alessandra Ceccherelli Unità Nazionale etwinning Italia Laboratorio Alessandra Ceccherelli Unità Nazionale etwinning Italia Cos è etwinning? Due o più insegnanti di diverse scuole europee attivano una collaborazione costante in una o più materie scolastiche

Dettagli

Interreg Adrion al via il primo bando!

Interreg Adrion al via il primo bando! La Newsletter di UPEL Bandi e finanziamenti europei A cura di Unione Provinciale Enti Locali Newsletter n. 2 18 febbraio 2016 http://www.upel.va.it Interreg Adrion al via il primo bando! Il programma ADRION

Dettagli

LE POLITICHE EUROPEE PER L ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE. Valentina Curzi Roma 5 novembre 2015 Seminario per gli operatori dei CPI

LE POLITICHE EUROPEE PER L ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE. Valentina Curzi Roma 5 novembre 2015 Seminario per gli operatori dei CPI LE POLITICHE EUROPEE PER L ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE Valentina Curzi Roma 5 novembre 2015 Seminario per gli operatori dei CPI CONTESTO GIURIDICO Trattato FUE (artt. 165 e 166) principio di

Dettagli

Antonella Colombo. Progetti ed esperienze a confronto: Leonardo Euroform e Interreg Valid.O

Antonella Colombo. Progetti ed esperienze a confronto: Leonardo Euroform e Interreg Valid.O Antonella Colombo Responsabile Area Progettazione ed Eventi Agenzia per la Formazione, l Orientamento e il Lavoro della Provincia di Como Como Progetti ed esperienze a confronto: Leonardo Euroform e Interreg

Dettagli

Seminario regionale Senigallia 15 aprile 2015

Seminario regionale Senigallia 15 aprile 2015 Progettare per sviluppare competenze trasversali. Quale processo valutativo attivare? RENDERE OPERATIVO IL PROTOCOLLO D INTESA: verso le scuole che promuovono salute. Seminario regionale Senigallia 15

Dettagli

IL PROCESSO DI BOLOGNA Quadro generale di riferimento

IL PROCESSO DI BOLOGNA Quadro generale di riferimento PROCESSO DINAMICO IL PROCESSO DI BOLOGNA Quadro generale di riferimento VARIE FASI VARI ATTORI VARI OBIETTIVI COOPERAZIONE Iniziativa: la Commissione Europea Accordi fra le istituzioni europee di istruzione

Dettagli

Il Patrimonio Informativo pubblico

Il Patrimonio Informativo pubblico Il Patrimonio Informativo pubblico Incarico d. in materia di innovazione Gruppo di progetto Open Data in Trentino 19 febbraio 2013 Aula magna TSM 8.30-13.30 Presentazione 1/2 Il corso vuole introdurre

Dettagli

Rapporto tra Assi culturali e Competenze di cittadinanza. Lucio Guasti. Piacenza, 30 novembre 2009 EU: KEY COMPETENCES FOR LIFELONG LEARNING, 2006

Rapporto tra Assi culturali e Competenze di cittadinanza. Lucio Guasti. Piacenza, 30 novembre 2009 EU: KEY COMPETENCES FOR LIFELONG LEARNING, 2006 Allegato 2 Presentazione del Professor Lucio Guasti (sequenza di lettura per righe) Rapporto tra Assi culturali e Competenze di cittadinanza Lucio Guasti Piacenza, 30 novembre 2009 EU: KEY COMPETENCES

Dettagli

Il programma settoriale LEONARDO DA VINCI e SECTOR SKILLS ALLIANCES (Erasmus for All)

Il programma settoriale LEONARDO DA VINCI e SECTOR SKILLS ALLIANCES (Erasmus for All) FORUM DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2012 Il programma settoriale LEONARDO DA VINCI e SECTOR SKILLS ALLIANCES (Erasmus for All) Relatore: Rossano Arenare Obiettivi del programma Oltre agli obiettivi del

Dettagli

Europa 2020: priorità e obiettivi della programmazione

Europa 2020: priorità e obiettivi della programmazione EUROPA 2020 ED ENTI LOCALI Seminario tematico Valorizzare la cultura e i beni culturali di un territorio Europa 2020: priorità e obiettivi della programmazione 2014-2020 Paolo Rosso Venerdì 17.10.2014

Dettagli

Open data in Trentino Impatto organizzativo Cultura del dato Open Data e siti web

Open data in Trentino Impatto organizzativo Cultura del dato Open Data e siti web Open data in Trentino Impatto organizzativo Cultura del dato Open Data e siti web Gli Open data sono una grande occasione nella pubblica amministrazione per affrontare questa fase di cambiamento endemico

Dettagli

Professione acconciatore

Professione acconciatore Professione acconciatore Hairdressing & Barbering NVQ (QCF) Se siete alla ricerca di una carriera entusiasmante che ti dia la possibilità di esprimere il vostro lato creativo, oltre a fornire l opportunità

Dettagli

Educazione permanente e didattiche per l adulto

Educazione permanente e didattiche per l adulto Roberta Caracciolo Educazione permanente e didattiche per l adulto Politiche di prospettiva per la formazione e l orientamento nella società della conoscenza Morlacchi editore U.P. Prima edizione: novembre

Dettagli

Europass. Europass però non consente la comparabilità che viene invece garantita dall'eqf. Chioetto

Europass. Europass però non consente la comparabilità che viene invece garantita dall'eqf. Chioetto Europass 1) Europass Un Passaporto per l'europa: un primo megacontenitore; costituito da 5 dispositivi che servono a dare trasparenza alle proprie competenze e qualificazioni, in particolare a: competenze

Dettagli

Scheda - progetto POF. Mobilità Studentesca A) RISORSE PROFESSIONALI A.2 Docente/i collaboratori:

Scheda - progetto POF. Mobilità Studentesca A) RISORSE PROFESSIONALI A.2 Docente/i collaboratori: 1 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Codice meccanografico - RMPS 010004 Codice Fiscale 80222130587 TITOLO DEL

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE MODELLO NAZIONALE DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE C.M. 3/2015 RIFERIMENTI NORMATIVI Ø Legge 59/97 istitutiva dell autonomia scolastica. Art. 21 fissa per le scuole l obbligo

Dettagli

Gioventù in Azione 2007-2013

Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile Opera nel

Dettagli

LE SKILLS. Fortunato Mior gruppo di lavoro regionale NOVEMBRE-DICEMBRE 2011

LE SKILLS. Fortunato Mior gruppo di lavoro regionale NOVEMBRE-DICEMBRE 2011 LE SKILLS Fortunato Mior gruppo di lavoro regionale NOVEMBRE-DICEMBRE 2011 INDICE 1 LA DEFINIZIONE DI SKILL 2 LA RELAZIONE TRA SKILL E COMPETENZA 3 LA VALUTAZIONE DELLE ABILITA SKILL : DALL INGLESE ALL

Dettagli

Il centro Europe Direct Modena è un servizio di informazione sulle attività e le opportunità dell Unione europea, aperto a tutti i cittadini.

Il centro Europe Direct Modena è un servizio di informazione sulle attività e le opportunità dell Unione europea, aperto a tutti i cittadini. Il centro Europe Direct Modena è un servizio di informazione sulle attività e le opportunità dell Unione europea, aperto a tutti i cittadini. Fa parte della Rete dei centri informativi promossi e sostenuti

Dettagli

SERALI e EDA Analisi della situazione

SERALI e EDA Analisi della situazione SERALI e EDA Analisi della situazione Seminario per Dirigenti e Docenti degli Istituti Associati Cipat, 20 novembre 2013 Rita Gaeta - USR Toscana 1 Lo scenario europeo 17/11/13 Rita Gaeta - USR Toscana

Dettagli

Programma d azione per l apprendimento permanente Lifelong Learning Programme - LLP

Programma d azione per l apprendimento permanente Lifelong Learning Programme - LLP Programma d azione per l apprendimento permanente 2007-2013 Lifelong Learning Programme - LLP Trattato UE Articolo 149 Contribuire allo sviluppo della qualità dell istruzione incentivando la cooperazione

Dettagli

Sistema informativo sulle professioni dell Isfol: prime evidenze sulla figura del Tecnologo Alimentare

Sistema informativo sulle professioni dell Isfol: prime evidenze sulla figura del Tecnologo Alimentare Sistema informativo sulle professioni dell Isfol: prime evidenze sulla figura del Tecnologo Alimentare convegno Tecnologi Alimentari a 20 anni dalla legge istitutiva. Garantire competenze e formazione

Dettagli

Validazione degli apprendimenti non formali ed informali e certificazione delle competenze Dott.ssa Lilli Casano Aprile 2015

Validazione degli apprendimenti non formali ed informali e certificazione delle competenze Dott.ssa Lilli Casano Aprile 2015 Validazione degli apprendimenti non formali ed informali e certificazione delle competenze Dott.ssa Lilli Casano Aprile 2015 IL CONTESTO - L Europa Priorità: mobilità nello spazio europeo, valorizzazione

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte. Premessa

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte. Premessa Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Premessa La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno

Dettagli

Programmazione educativo-didattica -anno scolastico 2011/2012

Programmazione educativo-didattica -anno scolastico 2011/2012 Programmazione educativo-didattica -anno scolastico 2011/2012 Nota esplicativa A decorrere dal corrente anno scolastico entrerà in vigore il modello proposto dal D.M. 9/2010 che prevede, al termine del

Dettagli

Convegno I LINCEI PER UNA NUOVA SCUOLA. La formazione dei docenti: novità e prospettive

Convegno I LINCEI PER UNA NUOVA SCUOLA. La formazione dei docenti: novità e prospettive Convegno I LINCEI PER UNA NUOVA SCUOLA La formazione dei docenti: novità e prospettive Capo del Dipartimento per la Programmazione e la Gestione delle Risorse Umane, Finanziarie e Strumentali del MIUR

Dettagli

La formazione universitaria in un percorso educativo lifelong

La formazione universitaria in un percorso educativo lifelong La formazione universitaria in un percorso educativo lifelong Maria Sticchi Damiani www.bolognaprocess.it 1 L apprendimento permanente in Europa L apprendimento permanente costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA FONDAZIONE PER LA SALVAGUARDIA DELLA CULTURA INDUSTRIALE A. BADONI

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA FONDAZIONE PER LA SALVAGUARDIA DELLA CULTURA INDUSTRIALE A. BADONI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA e FONDAZIONE PER LA SALVAGUARDIA DELLA CULTURA INDUSTRIALE A. BADONI Maggi Catene Spa Cicsa Srl Cogliati Aurelio Srl A.A.G. Stucchi Srl socio unico Fomas Spa

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E/O DISABILITÀ ALL ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE SINTESI DELLA POLITICA

LA PARTECIPAZIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E/O DISABILITÀ ALL ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE SINTESI DELLA POLITICA LA PARTECIPAZIONE DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E/O DISABILITÀ ALL ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE SINTESI DELLA POLITICA Contesto della politica Dati internazionali mostrano che le

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE RIFERIMENTI NORMATIVI COMO 16 MARZO 2016 PROF. FONTANA GIULIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE RIFERIMENTI NORMATIVI COMO 16 MARZO 2016 PROF. FONTANA GIULIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE RIFERIMENTI NORMATIVI COMO 16 MARZO 2016 PROF. FONTANA GIULIANO Indicazioni Nazionali per il curricolo (DM 254/2012), DPR 122/09 VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE CM 3 /2015

Dettagli

CURRICOLO DI SCUOLA: COME SCRIVERLO, COME CONDIVIDERLO

CURRICOLO DI SCUOLA: COME SCRIVERLO, COME CONDIVIDERLO 1 Workshop 1 Scuola primaria Sabrina Bettini CURRICOLO DI SCUOLA: COME SCRIVERLO, COME CONDIVIDERLO Mappa delle slide Le nuove indicazioni Decreto ministeriale n. 258 del 16 Novembre 2012 (G.U. n. 30 del

Dettagli

Formazione Universitaria e inserimento dei giovani nel mercato del lavoro

Formazione Universitaria e inserimento dei giovani nel mercato del lavoro Formazione Universitaria e inserimento dei giovani nel mercato del lavoro Sonia Rizzoli Parma, 14 aprile 2012 Sintesi dell intervento Alcuni dati sul contesto economico e sulla situazione occupazione dei

Dettagli

Guida alle parole chiave della didattica

Guida alle parole chiave della didattica Guida alle parole chiave della didattica Nelle indicazioni nazionali del 2012, nelle circolari ministeriali in genere e soprattutto nella scuola e tra le insegnanti, si stanno diffondendo alcune parole

Dettagli

Europa 2020 Impegni e Sfide dei Governi

Europa 2020 Impegni e Sfide dei Governi Europa 2020 Impegni e Sfide dei Governi Santiago LORANCA GARCIA Capo Unità Strategia Europa per l Occupazione DG Occupazione, Affari Sociali e Inclusione Commissione Europea A che punto è l Europa? (I)

Dettagli

LE OPPORTUNITA UE nell ambito della FORMAZIONE

LE OPPORTUNITA UE nell ambito della FORMAZIONE Workshop I DIRITTI DI CITTADINANZA EUROPEA LE OPPORTUNITA UE nell ambito della FORMAZIONE Roma, 12 marzo 2014 Programmi e fondi europei 2014-2020 sulla formazione FONDI DIRETTI (CE): ERASMUS + FONDI INDIRETTI

Dettagli

Dinamiche, occupabilità, servizi

Dinamiche, occupabilità, servizi Roma, 16 ottobre 2012 Il Mercato del lavoro negli anni della crisi Dinamiche, occupabilità, servizi Mario Mezzanzanica 1 Alcuni dati in sintesi Occupabilità : un problema di concezione Sistema di servizi

Dettagli

La risposta del sistema educativo e formativo al lifelong learning. Camerino, 18 dicembre Clara Grano

La risposta del sistema educativo e formativo al lifelong learning. Camerino, 18 dicembre Clara Grano La risposta del sistema educativo e formativo al lifelong learning Camerino, 18 dicembre 2008 Clara Grano 1 Quadro europeo L apprendimento permanente costituisce uno degli obiettivi perseguiti nei due

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Istituto Comprensivo Statale Carlo Alberto Dalla Chiesa Scuola Secondaria di I grado SEDI Via Mario Rigamonti 10 Tel. / Fax 06-5036231 Via Tazio Nuvolari 250 Tel. / Fax

Dettagli

INNOVĀRĒ. Centro di Competenza per un territorio migliore

INNOVĀRĒ. Centro di Competenza per un territorio migliore INNOVĀRĒ Centro di Competenza per un territorio migliore Formazione CRESCITA Impresa Mercato Il territorio è importante per un impresa come la terra è importante per una pianta. L humus che fa crescere

Dettagli

CURRICOLO TRASVERSALE SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015-16

CURRICOLO TRASVERSALE SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015-16 CURRICOLO TRASVERSALE SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015-16 Competenza n 1: Comunicazione nella madrelingua o lingua di istruzione. Utilizza la lingua italiana per comprendere semplici enunciati e raccontare esperienze

Dettagli

Formazione flessibile. Riconoscimenti internazionali. Obiettivi formativi. La sede ufficiale del Parlamento Europeo a Roma. Quale migliore location?

Formazione flessibile. Riconoscimenti internazionali. Obiettivi formativi. La sede ufficiale del Parlamento Europeo a Roma. Quale migliore location? La simulazione La simulazione è curata sotto ogni aspetto: applica le regole di procedura seguite dagli Europarlamentari. Una location unica al mondo La sede ufficiale del Parlamento Europeo a Roma. Quale

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE MODELLO SPERIMENTALE

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE MODELLO SPERIMENTALE CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE MODELLO SPERIMENTALE Dall analisi sul modello di certificazione per la scuola primaria, sono emerse le seguenti osservazioni: Struttura tabella - Spostare la colonna delle

Dettagli

e la formazione delle nuove figure professionali

e la formazione delle nuove figure professionali SEMINARIO NAZIONALE EPALE Migranti e rifugiati: nuovi bisogni formativi degli educatori Catania, 20 novembre 2015 I cambiamenti nei CPIA e la formazione delle nuove figure professionali Giovanna Del Gobbo,

Dettagli

Evento annuale di comunicazione FSE Ma chi sei? Cosa vuoi? Formazione sul tema: Il Servizio EURES

Evento annuale di comunicazione FSE Ma chi sei? Cosa vuoi? Formazione sul tema: Il Servizio EURES Evento annuale di comunicazione FSE 2007-2013 Ma chi sei? Cosa vuoi? Formazione sul tema: Il Servizio EURES Eures: il portale europeo della mobilità professionale Il modo semplice per trovare informazioni

Dettagli

La rete Eurodesk: le opportunità di mobilità giovanile

La rete Eurodesk: le opportunità di mobilità giovanile JOB&ORIENTA Verona 26 novembre 2015 La rete Eurodesk: le opportunità di mobilità giovanile Marzia Giovannetti ISFOL Comunità Montana Sarcidano Barbargia di Seulo Eurodesk Italy è la rete ufficiale del

Dettagli

VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 3261/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.lgs 165 del 30/03/2001;

VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 3261/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.lgs 165 del 30/03/2001; VISTA la deliberazione della Giunta Regionale n. 3261/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.lgs 165 del 30/03/2001; VISTE il Decreto del Presidente della Giunta Regionale del 22/02/2008 n. 161; VISTO l art.

Dettagli

PROGETTO LIFE SKILLS E COMPETENZE CHIAVE

PROGETTO LIFE SKILLS E COMPETENZE CHIAVE PROGETTO LIFE SKILLS E COMPETENZE CHIAVE ULSS 9 Dipartimento di Prevenzione USP TREVISO Interventi Educativi DD Roncade IC Silea DD Villorba SM Villorba FINALITA DEL PROGETTO Incrementare la salute dei

Dettagli

Sistema informativo sulle professioni dell Isfol: prime evidenze sulla figura del Tecnologo Alimentare

Sistema informativo sulle professioni dell Isfol: prime evidenze sulla figura del Tecnologo Alimentare Sistema informativo sulle professioni dell Isfol: prime evidenze sulla figura del Tecnologo Alimentare convegno Tecnologi Alimentari a 20 anni dalla legge istitutiva. Garantire competenze e formazione

Dettagli

CYCLOVET Improving skills for European Territorial Administrations CONTESTO IL PROGETTO

CYCLOVET Improving skills for European Territorial Administrations CONTESTO IL PROGETTO CYCLOVET Improving skills for European Territorial Administrations CONTESTO In numerosi paesi europei, il ruolo dell istruttore ciclista è svolto da non professionisti, giovani lavoratori e volontari.

Dettagli

Lo scenario europeo secondo l indagine IEA-ICCS 2016 e lo spazio nell ordinamento italiano

Lo scenario europeo secondo l indagine IEA-ICCS 2016 e lo spazio nell ordinamento italiano Bruno Losito, Università Roma Tre Lo scenario europeo secondo l indagine IEA-ICCS 2016 e lo spazio nell ordinamento italiano Un idea di scuola per una società in trasformazione. Il contributo di Cittadinanza

Dettagli

Programmazione 2014-2020

Programmazione 2014-2020 Centro di Iniziativa per l Europa del Piemonte, Via G. B. La Salle 17, Torino. Programmazione 2014-2020 1 Possibilità di finanziamento Autofinanziamento Fund raising Crowd funding Fondazioni bancarie,

Dettagli

Proposta Piano triennale di formazione. IPSSS E. De Amicis Collegio Docenti 24 maggio 2016

Proposta Piano triennale di formazione. IPSSS E. De Amicis Collegio Docenti 24 maggio 2016 Proposta Piano triennale di formazione IPSSS E. De Amicis Collegio Docenti 24 maggio 2016 Premessa Nella formulazione di una proposta per il piano di formazione da realizzare nel corso del prossimo triennio

Dettagli

I programmi europei per i giovani

I programmi europei per i giovani I programmi europei per i giovani Gli obiettivi 1. Promuovere la cittadinanza europea attiva nei giovani, favorendo la mobilità dei giovani e incoraggiandone lo spirito di iniziativa, d impresa e di creatività.

Dettagli

2.13. La collaborazione con le altre organizzazioni internazionali

2.13. La collaborazione con le altre organizzazioni internazionali 2.13. La collaborazione con le altre organizzazioni internazionali Il legame esistente tra il Consiglio d Europa e le altre organizzazioni internazionali è un legame molto stretto di collaborazione e cooperazione

Dettagli

La Cittadinanza europea e i gemellaggi di Città

La Cittadinanza europea e i gemellaggi di Città La Cittadinanza europea e i gemellaggi di Città Bruxelles, 28 novembre 2012 Emilio Verrengia Segretario Generale Aggiunto A.I.C.C.R.E. Vice Presidente del Congresso dei Poteri locali e regionali del Consiglio

Dettagli

PIANO DIDATTICO SUSTAIN

PIANO DIDATTICO SUSTAIN PIANO DIDATTICO SUSTAIN Titolo dell Unità Nome, Scuola e Paese dell insegnante Gruppo target Obiettivi RISPETTO Beyza AYDIN Doğa Koleji, Turchia beyzaydin@hotmail.com 5 anni, asilo Rispetto reciproco e

Dettagli

Linee guida nazionali per l orientamento permanente

Linee guida nazionali per l orientamento permanente Linee guida nazionali per l orientamento permanente L orientamento è un insieme di attività che mette in grado i cittadini di ogni età,, in qualsiasi momento della loro vita di identificare le proprie

Dettagli

Un Educazione europea di qualità elevata per tutti

Un Educazione europea di qualità elevata per tutti Un Educazione europea di qualità elevata per tutti Marco Laganá MEET - Movement towards a European Education Trust Coordinatore Nazionale per l'italia europa@marcolagana.eu - 1- Un Educazione europea di

Dettagli

Gioventù in Azione 2007-2013 2013 Gioventù in Azione è: Un programma a comunitario o per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale e le iniziative locali Opera nel campo dell

Dettagli

Premio Ambiente e Futuro: dove la formazione incontra l impresa

Premio Ambiente e Futuro: dove la formazione incontra l impresa Premio Ambiente e Futuro: dove la formazione incontra l impresa Marco Abbiati Professore di Ecologia Università di Bologna Coordinatore della laurea magistrale in Biologia Marina Il Premio Ambiente e Futuro

Dettagli

ERASMUS + Un unico programma integrato per istruzione, formazione, gioventù e sport

ERASMUS + Un unico programma integrato per istruzione, formazione, gioventù e sport LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 2020 SPORT E GIOVANI LE OPPORTUNITA PREVISTE Campobasso 13 marzo 2014 Programmi comunitari mirati/settoriali Settore ISTRUZIONE, FORMAZIONE, GIOVANI, SPORT

Dettagli

Educazione non formale. #EJD Monza 17 novembre

Educazione non formale. #EJD Monza 17 novembre Educazione non formale #EJD Monza 17 novembre Educazione non formale: faccio cose vedo gente? Educazione non formale: faccio cose vedo gente? esperienze anche brevi (7-10gg) da cui imparare Educazione

Dettagli

2013 Anno Europeo dei cittadini

2013 Anno Europeo dei cittadini 2013 Anno Europeo dei cittadini EY 2013 - Base Giuridica Decisione n. 1093/2012/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012 Trattato di Maastricht 1993 Trattati di Amsterdam 1999 e di

Dettagli

Azione Chiave 1 SCAMBI GIOVANILI

Azione Chiave 1 SCAMBI GIOVANILI Azione Chiave 1 SCAMBI GIOVANILI Rapporto di valutazione intermedia a cura di Ecorys (dati diffusi a fine maggio 2011) un progetto che riunisce gruppi di giovani di due o più Paesi, per discutere e confrontarsi

Dettagli

Gli strumenti per la trasparenza del Portafoglio EUROPASS

Gli strumenti per la trasparenza del Portafoglio EUROPASS SEMINARIO GLI STRUMENTI EUROPEI PER LA MOBILITA E LA TRASPARENZA Gli strumenti per la trasparenza del Portafoglio EUROPASS Luogo Presentazione: Cagliari Autore: Concetta Fonzo Data: 23.06.2016 Muoversi

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE FINE Classe quinta

PROTOCOLLO PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE FINE Classe quinta Ministero dell Istruzione, dell università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO Don Raffelli Via Roma - 5050 Provaglio d Iseo (BS) Tel: 00-98847 - Fax: 00-9898 C.F. 98700078 codice univoco: UFJTMT www.icprovagliodiseo.gov.it

Dettagli

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI

PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI PIANO PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI 2016-2019 IN SINTESI Formazione obbligatoria, permanente e strutturale Coinvolti tutti i 750mila docenti 1.4 miliardi di euro per 3 anni: 325 mln per il Piano + 1.1

Dettagli

Scheda - progetto POF Triennale A) RISORSE PROFESSIONALI

Scheda - progetto POF Triennale A) RISORSE PROFESSIONALI 1 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Codice meccanografico - RMPS 010004 Codice Fiscale 80222130587 Scheda -

Dettagli

LA NORMATIVA EUROPEA ED ITALIANA SULL INCLUSIONE

LA NORMATIVA EUROPEA ED ITALIANA SULL INCLUSIONE LA NORMATIVA EUROPEA ED ITALIANA SULL INCLUSIONE Prof.ssa Maura Striano Professore Straordinario di Pedagogia Responsabile della Sezione Pedagogia del Centro di Ateneo SInAPSi Università degli Studi di

Dettagli

PIANO-PER-LA-FORMAZIONE-DEI-DOCENTI

PIANO-PER-LA-FORMAZIONE-DEI-DOCENTI Le principali novità del Piano nazionale per la formazione degli insegnanti presentato da Stefania Giannini alla presenza di tre ospiti internazionali: Andreas Schleicher, Direttore del Directorate of

Dettagli

Il Programma Erasmus+

Il Programma Erasmus+ 3 Cambiare vita, aprire la mente. Il Programma Erasmus+ FORUM DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2015 Rossano Arenare Agenzia Erasmus+ per l Istruzione e la formazione professionale - ISFOL Dal 2007-2013 al

Dettagli

Centro per L Impiego, l Orientamento e la Formazione. Incontro 18 Giugno 2015

Centro per L Impiego, l Orientamento e la Formazione. Incontro 18 Giugno 2015 Centro per L Impiego, l Orientamento e la Formazione di Ancona Incontro 18 Giugno 2015 Università Politecnica delle Marche Un impresa per il tuo futuro Incontro 18 Giugno 2015 Università Politecnica delle

Dettagli

Roma 24 novembre 2015

Roma 24 novembre 2015 Roma 24 novembre 2015 LE LINEE GUIDA DEL GOVERNO GUIDA OPERATIVA PER LA SCUOLA Fabrizio Proietti MIUR Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO OBIETTIVO 2 COMPETITIVITÁ REGIONALE E OCCUPAZIONE FONDO SOCIALE EUROPEO REGIONE LIGURIA

PROGRAMMA OPERATIVO OBIETTIVO 2 COMPETITIVITÁ REGIONALE E OCCUPAZIONE FONDO SOCIALE EUROPEO REGIONE LIGURIA PROGRAMMA OPERATIVO OBIETTIVO 2 COMPETITIVITÁ REGIONALE E OCCUPAZIONE FONDO SOCIALE EUROPEO REGIONE LIGURIA 2007-2013 Approvato dalla Commissione Europea con decisione n. C(2007)5474 del 7/11/2007 REGIONE

Dettagli

Costruire il curricolo. Istituto di Istruzione Superiore Peano Rosa Nereto Prof.ssa Nadia Di Gaspare a.s. 2012/13

Costruire il curricolo. Istituto di Istruzione Superiore Peano Rosa Nereto Prof.ssa Nadia Di Gaspare a.s. 2012/13 Costruire il curricolo Istituto di Istruzione Superiore Peano Rosa Nereto Prof.ssa Nadia Di Gaspare a.s. 2012/13 La scuola oggi I DIVARI: socio-culturali, di genere, etnici, tecnologici, di indirizzo La

Dettagli

Quadro europeo dei titoli e delle qualifiche (European Qualifications Framework)

Quadro europeo dei titoli e delle qualifiche (European Qualifications Framework) Quadro europeo dei titoli e delle qualifiche (European Qualifications Framework) 1. Le tappe salienti di un processo 2. Che cos è l EQF 3. Perché un Quadro unico e a favore di chi 4. Gli elementi chiave

Dettagli

L uso strategico degli appalti pubblici

L uso strategico degli appalti pubblici L uso strategico degli appalti pubblici Gli appalti pubblici: uno strumento importante per la PA - le condizioni necessarie per la sua efficacia. Cons. Anna Maria Villa responsabile Ufficio Cittadinanza

Dettagli