Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile Ufficio Organizzazione e Risorse Servizio per l Informatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile Ufficio Organizzazione e Risorse Servizio per l Informatica"

Transcript

1 Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile Ufficio Organizzazione e Risorse Servizio per l Informatica Procedura, ad evidenza pubblica, mediante offerta economicamente più vantaggiosa, riguardante l affidamento dei servizi di gestione e di manutenzione del sistema informativo Helios (procedura aperta)- Codice Cig attribuito alla gara: CAPITOLATO TECNICO Pagina 1/28 + Allegati

2 INDICE 1 Premessa 3 2 Definizioni e convenzioni generali 3 3 Descrizione del sistema Helios Descrizione generale del processo Descrizione generale funzionale Altri sistemi connessi a Helios Infrastruttura fisica e logica Dimensioni del software applicativo Disponibilità di ulteriore documentazione tecnica 10 4 Help desk 11 5 Assistenza funzionale 13 6 Manutenzione correttiva e adeguativa 15 7 Formazione / affiancamento all utenza 16 8 Manutenzione evolutiva 17 9 Organizzazione del presidio tecnico e figure professionali Organizzazione del presidio tecnico Figure professionali Modalità di subentro e di uscita Livelli di servizio Reportistica Modalità ed organizzazione del rapporto contrattuale Inizio delle attività Referenti contrattuali e modalità di esecuzione Disponibilità e utilizzo delle risorse tecniche Requisiti di qualità Collaudi e verifiche dei servizi - Garanzia Durata del contratto Rilievi e penali Obblighi di riservatezza e diritti di proprietà Elenco degli allegati 28 Pagina 2/28 + Allegati

3 1 Premessa L Ufficio Nazionale per il Servizio Civile (UNSC) della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha la necessità di gestire e garantire il corretto funzionamento del sistema informativo Helios, utilizzato per gestire in modalità automatizzata i vari processi interattivi fra l UNSC e le Regioni e Province autonome, gli Enti e i Volontari di Servizio Civile Nazionale. A tale scopo, si rende necessaria l acquisizione dei seguenti servizi: A. help desk di supporto funzionale agli utenti, interni ed esterni, di Helios; B. assistenza funzionale specifica su Helios per attività di amministrazione del sistema e di aggiornamento, query e analisi dei dati; C. manutenzione correttiva e adeguativa (MAC) del software applicativo Helios e di alcune procedure e moduli applicativi ad esso correlati; D. formazione / affiancamento all utenza; E. manutenzione evolutiva (MEV) del software applicativo. I servizi sopra descritti andranno erogati essenzialmente attraverso la costituzione presso la sede dell UNSC di un presidio tecnico di risorse professionali messe a disposizione dalla società appaltatrice. I servizi saranno resi in modalità a canone o extra-canone, secondo quanto specificato nel presente capitolato. I servizi del primo tipo saranno erogati continuativamente per tutta la durata del contratto e saranno liquidati secondo un canone fisso periodico; i servizi del secondo tipo saranno erogati su richiesta dell UNSC e saranno liquidati extra-canone sulla base di quanto richiesto ed effettivamente fornito. La durata del contratto, come specificato nel paragrafo 16, è di dodici mesi. 2 Definizioni e convenzioni generali Sono utilizzate le seguenti abbreviazioni e sigle: UNSC, Amministrazione: Ufficio Nazionale per il Servizio Civile; SCN: Servizio Civile Nazionale RPA: regioni e province autonome di Trento e Bolzano Enti, Progetti, Volontari: enti, progetti e volontari di Servizio Civile Nazionale Concorrente: società, impresa, operatore, ATI o RTI partecipante alla gara Fornitore, Appaltatore: società, impresa, operatore, ATI o RTI aggiudicatario della gara Presidio: presidio tecnico, costituito presso la sede dell UNSC, di risorse professionali messe a disposizione dal Fornitore Referente UNSC: referente dell UNSC per l esecuzione del contratto Referente Fornitore: referente del Fornitore per l esecuzione del contratto Capitolato: il presente capitolato tecnico Le dizioni giorno lavorativo e orario lavorativo utilizzate nel capitolato hanno il significato di seguito specificato: - per giorno lavorativo si intendono i giorni della settimana dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni considerati festività nazionale in Italia. - per orario lavorativo si intende il periodo dalle ore 9.00 alle di qualunque giorno lavorativo. La dizione sede dell UNSC si riferisce alle attuali ubicazioni dell UNSC (Roma, Via San Martino della Battaglia 6 e Via Palestro 32) o a qualunque altra sede l UNSC possa utilizzare nel territorio urbano di Roma nel periodo di vigenza contrattuale. Pagina 3/28 + Allegati

4 La lingua utilizzata per tutte le comunicazioni e i servizi di cui al presente capitolato è la lingua italiana, salvo casi particolari espressamente accettati dall UNSC. 3 Descrizione del sistema Helios 3.1 Descrizione generale del processo Il Servizio Civile Nazionale, istituito dalla legge 6 marzo 2001 n. 64 Istituzione del servizio civile nazionale, si svolge su base volontaria ed è rivolto ai giovani di età compresa tra i 18 e 28 anni e di cittadinanza italiana. Gli enti di servizio civile sono le amministrazioni pubbliche, le associazioni non governative e no profit che operano negli ambiti specificati dalla legge n. 64/2001. Per poter partecipare al SCN gli enti devono possedere i requisiti strutturali ed organizzativi necessari, avere adeguate competenze e risorse specificatamente destinate al SCN. L'ente di SCN deve sottoscrivere la carta di impegno etico che intende assicurare una comune visione delle finalità del SCN e delle sue modalità di svolgimento. Solo tali enti, iscritti in appositi albi - Albo nazionale e Albi regionali e delle province autonome - possono presentare progetti di Servizio Civile Nazionale. Tali progetti prevedono l impiego di volontari presso sedi specifiche degli enti. I progetti predisposti dagli enti iscritti all'albo nazionale vengono presentati all'ufficio Nazionale per il Servizio Civile, quelli predisposti dagli enti territoriali iscritti agli Albi regionali vengono presentati alle strutture di servizio civile delle regioni o province autonome. I bandi di selezione dei volontari per la partecipazione ai progetti sono pubblicati nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. Le domande di partecipazione dei giovani sono indirizzate all'ente che ha proposto il progetto, sono redatte utilizzando il modello allegato al bando e devono essere corredate, ove possibile, dei titoli di studio e professionali e dei documenti attestanti le esperienze lavorative svolte. La durata dei progetti è di 12 mesi. I volontari possono partecipare a un solo progetto e percepiscono mensilmente un compenso/indennità, di importo variabile in base all ubicazione, in Italia o all estero, della sede di svolgimento del progetto. La corretta esecuzione dei progetti è monitorata da un apposito Servizio dell UNSC. Le varie fasi del processo accreditamento degli enti, presentazione dei progetti, graduatorie dei volontari, svolgimento dei progetti, verifiche dell UNSC ed eventuali contenziosi si svolgono in modo ciclico nell arco di un anno secondo scadenze temporali che vengono determinate anno per anno. Sul sito Internet istituzionale dell UNSC (www.serviziocivile.it) sono pubblicati in una apposita sezione i provvedimenti riguardanti l'ordinamento e le attività dell'unsc e del Servizio Civile Nazionale. La normativa principale di riferimento è elencata in Allegato Descrizione generale funzionale Il Sistema Informativo Helios, entrato in esercizio nel 2005, automatizza una serie di funzionalità svolte dall UNSC, dalle RPA e dagli Enti nella gestione del processo generale sopra descritto. L inserimento e l aggiornamento delle informazioni viene effettuato, ciascuno per la parte di propria competenza, dall UNSC, dalle RPA e dagli Enti. Il sistema guida i vari utenti nelle diverse azioni, sia di presentazione sia di valutazione delle varie fasi lavorative previste, ponendosi di fatto come un sistema di workflow procedurale. Il sistema mette a disposizione degli Enti una modulistica in formato elettronico (csv), da utilizzare in parallelo alla modulistica cartacea, per le comunicazioni concernenti gli adempimenti richiesti dalla normativa. Tali moduli elettronici costituiscono interfacce di caricamento automatico della base di dati tramite Helios oppure tramite comunicazioni trasmesse per posta elettronica o su supporto magnetico. Pagina 4/28 + Allegati

5 Le informazioni sono gestite in un database SQL Server 2005 e riorganizzate ulteriormente in un datawarehouse Business Objects per consentire analisi dati e reportistica. Nel corso degli anni il sistema Helios è stato soggetto a svariati interventi di manutenzione evolutiva che ne hanno modificato ed integrato le funzionalità sulla base dell evoluzione normativa e delle necessità degli utenti. Il sistema è oggi composto da sei macro-moduli funzionali: Accreditamento degli Enti - Presentazione domande di accreditamento/adeguamento - Valutazione domande di accreditamento/adeguamento Progetti - Presentazione progetti - Valutazione progetti Graduatorie Volontari - Presentazione graduatorie volontari - Approvazione graduatorie ed avvio al servizio Operatività Progetti - Volontari. Chiusure iniziali / Interruzioni. Subentri. Ricollocamento volontari. Comunicazione coordinate bancarie dei volontari. Assenze. Attestati di fine servizio - Formazione Generale. Pianificazione corsi. Comunicazione ore di formazione erogate / richieste di contributi. Valutazione richieste di contributi. Questionario sulla formazione generale erogata Verifiche - Programmate - Su segnalazione Contenziosi - Attivi - Passivi Il sistema è totalmente web-based ed è accessibile dagli utenti UNSC (via Intranet) ed esterni (via Internet) previa autenticazione (UserId e Password). Gli utenti del sistema Helios sono attualmente: circa 100 utenti UNSC, appartenenti ai vari Servizi dell Ufficio, che si connettono a Helios per lo svolgimento dei compiti istituzionali dell UNSC; 21 utenze Regione, una utenza per ogni regione o provincia autonoma, che si connettono a Helios nella gestione degli enti regionali e dei relativi progetti; complessivamente circa utenze Ente, una utenza per ogni ente accreditato, che si connettono a Helios nella gestione dei progetti da essi presentati (annualmente, stante il ciclo di vita dei progetti di servizio civile, sono effettivamente operative circa utenze di tipo Ente ). Vanno aggiunti i volontari che possono utilizzare alcune funzioni Helios su dati di loro spettanza accreditandosi ai servizi personalizzati dell Area riservata del sito Internet dell UNSC. Pagina 5/28 + Allegati

6 3.3 Altri sistemi connessi a Helios I seguenti sistemi, utilizzati presso l UNSC, sono connessi con Helios secondo le specifiche modalità di seguito descritte. Sito Internet dell UNSC Il sito Internet dell UNSC utilizza e pubblica dinamicamente alcuni dati del database di Helios. Il sito, inoltre, contiene aree riservate a Enti, Regioni e Volontari alle quali i rispettivi utenti possono accedere tramite credenziali (UserId, Password) gestite da Helios. I volontari, in particolare, possono aggiornare alcuni dati di Helios di propria spettanza. La soluzione è basata sull utilizzo di Web Services che consentono, in particolare, l identificazione degli utenti, le funzionalità di modifica delle password e di alcuni dati dei volontari, il recupero dei dati inerenti l accreditamento di enti, i volontari, i progetti, i pagamenti. La manutenzione dei Web Services riferiti rientra, per quanto riguarda il lato Helios, nelle attività contrattuali previste dal capitolato. NewMoney New Money è un programma proprietario dell UNSC, basato su un database SQL Server 2005, utilizzato per il calcolo dei compensi spettanti ai volontari. Una funzionalità di NewMoney importa da Helios sul proprio database alcuni dati relativi a enti, sedi, progetti, volontari, assenze e sanzioni. Allo scopo il database Helios mette a disposizione alcune viste ed una apposita tabella con cui sono tracciati gli aggiornamenti dei dati di interesse di NewMoney. La manutenzione nel database Helios della tabella e delle viste riferite rientra nelle attività contrattuali previste dal capitolato. Gestione Banca Gestione Banca è un programma applicativo Windows (.NET 2.0) proprietario dell UNSC attraverso il quale gli utenti dell Ufficio predispongono ed archiviano i dati necessari ad effettuare le disposizioni di pagamento (bonifici bancari) ai volontari e ad altri soggetti tramite trasmissione di file in formato CBI all Istituto di credito convenzionato. Il programma utilizza un proprio database SQL Server 2005 e connessioni sull Intranet con il database Helios e il database NewMoney. Le funzionalità di query e reportistica sono realizzate tramite un universo Business Objects. I volontari possono visualizzare dall area riservata del sito Internet le informazioni sullo stato dei pagamenti presenti sul database Gestione Banca o sul database NewMoney. Il reperimento dei dati è consentito da un Web Service. La manutenzione del programma applicativo Windows (codice, database e universo BO) e del Web Service riferiti rientra nelle attività contrattuali previste dal capitolato. EVSC I volontari di Servizio Civile eleggono i rappresentanti previsti dalla normativa utilizzando una procedura disponibile sulle pagine del sito Internet dell UNSC. I dati delle elezioni sono gestiti dal database EVSC (Elezioni Volontari Servizio Civile) in ambiente SQL Server L accesso ai dati dei volontari con le informazioni necessarie al sistema delle elezioni è garantito attraverso un processo ETL (Extract, Transform, Load) dal database di Helios basato su stored procedures costituite sul database EVSC. La manutenzione di tali procedure rientra nelle attività contrattuali previste dal capitolato. SIGeD SIGeD (Sistema di Gestione Documentale) è un programma applicativo proprietario utilizzato dall UNSC in licenza d uso quale sistema di protocollo informatico. Pagina 6/28 + Allegati

7 Gli utenti di Helios possono, dalla propria sessione di lavoro, protocollare nuovi documenti su SIGeD, archiviare documenti su fascicoli esistenti o creare nuovi fascicoli, recuperare documenti archiviati e visualizzarli all interno di Helios. La soluzione è basata sull utilizzo di Web Services, gestiti dalla società produttrice di SIGeD, la cui manutenzione non rientra nelle attività contrattuali previste dal Capitolato. 3.4 Infrastruttura fisica e logica Di seguito è schematizzata l architettura del sistema e delle sue connessioni con gli altri server utilizzati nella gestione dei processi del SCN. Hardware: informazioni essenziali N. 4 Server Applicativi Helios (di cui 2 nella DMZ): IBM xseries 346, CPU 3.0 Ghz, HD 34 Gb, RAM 2 Gb N. 2 Server Dati Helios: IBM xseries 346, CPU 3.6 Ghz, HD 70 Gb, RAM 8 Gb N. 1 Server Business Objects (nella DMZ): IBM xseries 346, CPU 3.6 Ghz, HD 70 Gb, RAM 4 Gb N. 1 Server Datawarehouse Helios: IBM xseries 346, CPU 3.6 Ghz, HD 40 Gb Gb, RAM 8 Gb Software: informazioni essenziali Sistema operativo: Windows 2003 Enterprise IIS: 6.0 DBMS: SQL Server 2005 Tecnologia di sviluppo ASP.NET (Framework 1.1 e 3.5) Business Objects: BO Enterprise Professional for Web Intelligence; BO Web Intelligence Pagina 7/28 + Allegati

8 Di seguito è schematizzata l architettura logica di Helios e dei sistemi ad esso correlati, con evidenziazione dei potenziali attori coinvolti. Nei quattro schemi successivi sono esplicitati i flussi logici in relazione ai singoli attori. VOLONTARIO UNSC ENTE RPA Livello Applicativo WebHelios Siged Web Services HeliosBO Client Gestione Banca Client NewMoney Documento XML Web Services Helios Web Services Siged Database Server DB Gestione Banca DB HELIOS DB SIGED DB NEW MONEY STORED PROCEDURE ETL DW HELIOS VISTE Attore UNSC UNSC Livello Applicativo HeliosBO WebHelios Web Services Client NewMoney Client Gestione Banca Web Services Siged Database Server DW HELIOS DB HELIOS DB SIGED DB NEW MONEY DB Gestione Banca ETL VISTE STORED PROCEDURE Pagina 8/28 + Allegati

9 Attore Regione/Provincia Autonoma RPA Livello Applicativo HeliosBO WebHelios Database Server DW HELIOS DB HELIOS ETL Attore Ente ENTE Livello Applicativo WebHelios Web Services Documento XML Web Services Helios Database Server DB HELIOS Attore Volontario VOLONTARIO Livello Applicativo Web Services Documento XML Web Services Helios Database Server DB Gestione Banca DB HELIOS DB NEW MONEY STORED PROCEDURE VISTE Pagina 9/28 + Allegati

10 3.5 Dimensioni del software applicativo Le linee di codice contenute complessivamente nelle diverse tipologie di file (Vb, Aspx, SP, FN, TR, VW) che compongono Helios sono circa , corrispondenti a circa Punti Funzione (si è considerata una incidenza del 20 per cento di LOC non significative ed una corrispondenza di 25 LOC per 1 FP). Di seguito è riportato il numero di User Interface, Oggetti e Routine/Funzioni/Eventi che compongono il software applicativo. La macro-funzione Progetti è realizzata su architettura logica a tre livelli in ambiente Framework 3.5 per quanto riguarda i livelli Business e Dati e 1.1 per il livello User Interface; le cinque macro-funzioni rimanenti e le interfacce comuni/sicurezza sono realizzate su architettura a due livelli in ambiente Framework 1.1. Accreditamento degli Enti - User Interface: 73 - Oggetti: Routine/Funzioni/Eventi: 890 Progetti - User Interface: 49 - Oggetti: Routine/Funzioni/Eventi: 739 Graduatorie Volontari - User Interface: 26 - Oggetti: Routine/Funzioni/Eventi: 315 Operatività Progetti - User Interface: 72 - Oggetti: Routine/Funzioni/Eventi: 907 Verifiche - User Interface: 52 - Oggetti: Routine/Funzioni/Eventi: 637 Contenziosi - User Interface: 15 - Oggetti: Routine/Funzioni/Eventi: 189 Sicurezza e Interfacce comuni - User Interface: 35 - Oggetti: Routine/Funzioni/Eventi: Disponibilità di ulteriore documentazione tecnica I Manuali utente ed altra documentazione ad uso utente (FAQ) sono pubblicati sul sito Internet dell UNSC Gli operatori interessati a partecipare alla gara potranno consultare presso la sede dell UNSC la documentazione tecnica sul sistema Helios di seguito specificata: - Analisi Dati (diagramma ER e diagrammi dello scenario) - Funzionalità Helios - Standard realizzativi - Procedure e moduli applicativi correlati. Pagina 10/28 + Allegati

11 Tali documenti costituiscono un supporto necessario per la comprensione del sistema, ma non possono essere considerati in alcun modo esaustivi dello stesso. Saranno inoltre visualizzabili la procedura applicativa on-line su dati esemplificativi e, a titolo di esempio, alcune pagine/moduli di codice sorgente sviluppato. La documentazione sarà offerta solo in consultazione e non sarà consentito farne o ottenerne copie di qualsiasi natura. La consultazione potrà essere fatta da un massimo di due incaricati per ogni operatore interessato e dovrà concludersi nel tempo massimo di due ore. Per prendere visione e consultare la documentazione gli operatori che intendono concorrere alla gara dovranno far pervenire al responsabile UNSC della procedura di gara una domanda del rappresentante legale della società compilata secondo il modello riportato in Allegato 2, indicando, in particolare, la ragione sociale della società e gli estremi identificativi delle persone (non più di due) incaricate. La domanda, con allegata la fotocopia del documento di identità del richiedente, dovrà pervenire all UNSC entro il decimo giorno lavorativo antecedente il termine di scadenza per la presentazione delle offerte. Non verranno prese in considerazione richieste pervenute oltre il termine sopra indicato o incomplete. Gli appuntamenti per la consultazione della documentazione verranno fissati dall UNSC in orario lavorativo. 4 Help desk Il servizio consiste in un attività di help desk che fornisca telefonicamente e via o fax agli utenti di Helios: 1. help desk funzionale per il corretto e buon utilizzo del sistema 2. un punto cui segnalare errori o malfunzionamenti del software applicativo 3. un punto cui indirizzare richieste informative o di assistenza che gli utenti non possono soddisfare tramite le funzionalità disponibili di Helios 4. un punto cui indirizzare (attualmente via fax) richieste di accreditamento. Il servizio è accessibile a tutti gli utenti di Helios, sia UNSC che esterni, tramite uno o più numeri telefonici ed una casella di posta elettronica e un fax messi a disposizione dall UNSC. Richieste fatte da utenti diversi o relative a questioni diverse da quelle sopra specificate non saranno trattate. Le richieste di cui al punto 1, derivanti da conoscenza scarsa o comunque non sufficiente del programma applicativo, saranno trattate come richieste di 1 livello e saranno chiuse con la fornitura di risposte esaurienti all utente. Le risposte, se non contestuali, saranno fornite per lo più entro i sessanta minuti successivi alla richiesta secondo i livelli di servizio specificati nel paragrafo 11, salvo casi di accumulo anomalo di richieste o altri casi di impedimento che dovranno essere esplicitamente resi noti all UNSC e da esso autorizzati. Le risposte saranno fornite utilizzando di norma il mezzo (telefono o mail) utilizzato dal richiedente. Gli estremi delle chiamate e delle risposte, l argomento della richiesta e le eventuali problematicità riscontrate dovranno essere registrati nel sistema di gestione degli interventi di cui al paragrafo 12. Le richieste di cui ai punti 2 e 3, derivanti da errori o malfunzionamenti dell applicativo o da richieste informative o di assistenza che gli utenti non possono soddisfare tramite le funzionalità disponibili di Helios genereranno l apertura di una richiesta di 2 livello, che sarà trattata secondo quanto specificato nel paragrafo successivo. Gli estremi della richiesta dovranno essere registrati nel sistema di gestione degli interventi di cui al paragrafo 12. Le richieste di cui al punto 4 saranno parimenti registrate nel sistema di gestione degli interventi di cui al paragrafo 12. Pagina 11/28 + Allegati

12 gen 2009 feb 2009 mar 2009 apr 2009 mag 2009 giu 2009 lug 2009 ago 2009 set 2009 ott 2009 nov 2009 dic 2009 gen 2010 feb 2010 mar 2010 apr 2010 mag 2010 Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile Il servizio di help desk è svolto di norma tramite il presidio tecnico presso la sede dell UNSC e rientra nei servizi a canone. Il servizio dovrà essere garantito tutti i giorni lavorativi in orario lavorativo, salvo, per prestazioni fuori-orario o in giornate semi-lavorative, quanto specificato nel paragrafo 9. Con riferimento alle fasi lavorative cicliche del processo di SCN, in periodi di particolare attività l UNSC potrà richiedere al Fornitore l impiego di ulteriori risorse da utilizzare presso la sede UNSC o quella del Fornitore medesimo secondo le modalità e le quantità specificate al paragrafo 9. In caso di inadempienze la Presidenza si riserva il diritto di applicare le penali di cui al paragrafo 17. Sono di seguito esposti dati sulla numerosità delle richieste di 1 livello e delle attività di 2 livello (generate da chiamate all help desk o da richieste dirette dell UNSC, come meglio specificato nel paragrafo successivo) relative al periodo gennaio 2009 maggio 2010 (385 giorni feriali). I dati riportati non sono vincolanti quali valori medi o massimi per quanto riguarda lo svolgimento dei prossimi cicli lavorativi del SCN: consistenti variazioni rispetto a tali valori dovranno essere esplicitamente rese note all UNSC secondo quanto precedentemente previsto nel presente paragrafo. Richieste di 1 livello Telefonate Totali Attività di 2 livello Numerosità Media mensile Media giornaliera 12,8 16,8 29,6 8,7 Va considerato che, stanti alcune scadenze fondamentali presenti nel ciclo lavorativo periodico del processo di SCN (accreditamento degli enti, presentazione dei progetti, graduatorie), le richieste non pervengono in modo uniforme durante l anno, ma si addensano in determinati periodi di criticità, come evidenziato nel grafico seguente Richieste di 1 livello Telefonate Pagina 12/28 + Allegati

13 5 Assistenza funzionale Il servizio consiste nella fornitura di assistenza funzionale specifica per soddisfare esigenze svariate che l utente non può risolvere tramite le funzionalità ad esso disponibili. Le esigenze possono essere, ad esempio, riferibili all amministrazione del sistema (creazione o rigenerazione di utenze, risoluzione di situazioni che non consentono all utente l ottimale utilizzo del sistema, ) o a necessità informative estemporanee, possono comportare la creazione di semplici report/query o operazioni sui dati (verifiche su file trasmessi, normalizzazioni di dati, ). Il servizio è svolto interagendo con il sistema sia tramite il software applicativo sia direttamente tramite il software gestionale. Le richieste di intervento possono provenire dall help desk, come specificato nel paragrafo precedente, o da personale autorizzato dell UNSC e saranno trattate secondo regole generali di autorizzazione e priorità comunicate dall UNSC. I dati sulle richieste e sulle attività conseguenti saranno mantenuti aggiornati nel sistema di gestione degli interventi di cui al paragrafo 12. I dati includeranno la data-ora di apertura e di chiusura dell intervento, il richiedente, la descrizione sintetica della richiesta e della soluzione adottata, il responsabile dell intervento, una classificazione tematica e quant altro ritenuto utile allo scopo dall UNSC. In particolare, dovranno essere curate le informazioni necessarie a consentire l analisi delle richieste allo scopo di individuare, ove sensato, l opportunità di integrare le funzionalità di Helios per affrontare a livello generale le problematiche poste. Il servizio è svolto di norma tramite il presidio tecnico presso la sede dell UNSC e rientra nei servizi a canone. Il servizio dovrà essere garantito tutti i giorni lavorativi in orario lavorativo, salvo, per prestazioni fuori-orario o in giornate semi-lavorative, quanto specificato nel paragrafo 9. Il presidio garantirà i livelli di servizio specificati nel paragrafo 11, salvo casi di accumulo anomalo di richieste o altri casi di impedimento che dovranno essere esplicitamente resi noti all UNSC e da esso autorizzati. Con riferimento alle fasi lavorative cicliche del processo di SCN, in periodi di particolare attività l UNSC potrà richiedere al Fornitore l impiego di ulteriori risorse da utilizzare presso la sede UNSC o quella del Fornitore medesimo secondo le modalità e le quantità specificate al paragrafo 9. In caso di inadempienze la Presidenza si riserva il diritto di applicare le penali di cui al paragrafo 17. Sono di seguito esposti dati sulla numerosità e la tipologia degli interventi effettuati nel periodo gennaio 2009 maggio 2010 (385 giorni feriali). I dati riportati non sono vincolanti quali valori medi o massimi per quanto riguarda lo svolgimento dei prossimi cicli lavorativi del SCN: consistenti variazioni rispetto a tali valori dovranno essere esplicitamente rese note all UNSC secondo quanto precedentemente previsto nel presente paragrafo. Numerosità degli interventi di 2 livello per tipologia Tipologia di intervento Numero % Media giornaliera Assistenza % 5,1 Interventi sui dati % 2,8 Interventi software su funzioni % 0,4 Inoltro di risultati agli utenti % 0,4 TOTALE % 8,7 Pagina 13/28 + Allegati

14 01/01/ /02/ /03/ /04/ /05/ /06/ /07/ /08/ /09/ /10/ /11/ /12/ /01/ /02/ /03/ /04/ /05/2010 Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile Tempi di chiusura degli interventi di 2 livello per tipologia (nel 2009 il presidio è stato composto da tre tecnici - analista funzionale, analista programmatore e programmatore - oltre a un operatore di call center; nel 2010 da mediamente cinque tecnici, oltre a un operatore di call center) Tipologia Nello stesso giorno dell apertura Chiusura dell intervento Nel giorno successivo (%) Oltre il giorno successivo (%) Assistenza 88 % 9 % 3 % Interventi sui dati 88 % 7 % 5 % Interventi software su funzioni 75 % 13 % 12 % Inoltro di risultati agli utenti 93 % 6 % 1 % TOTALE 88 % 8 % 4 % La provenienza delle richieste di intervento è stata di circa il 20% di parte UNSC e per il restante 80% di utenti esterni. Le richieste di intervento, come già esposto in merito alle richieste di 1 livello, non pervengono in modo uniforme durante l anno, ma si addensano in determinati periodi di criticità, come evidenziato nella tabella e nel grafico seguenti. Numerosità delle richieste di intervento di 2 livello per giorno % di giorni N di richieste pervenute 71 % fino a % da 11 a 15 7 % da 16 a 20 6 % oltre 20 N richieste di intervento di 2 livello Pagina 14/28 + Allegati

15 01/01/ /02/ /03/ /04/ /05/ /06/ /07/ /08/ /09/ /10/ /11/ /12/ /01/ /02/ /03/ /04/ /05/2010 Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile Il grafico seguente, infine, mostra la distribuzione nel tempo delle giornate in cui si sono verificate più di 15 richieste di intervento. Giorni con oltre 15 richieste di intervento di 2 livello Manutenzione correttiva e adeguativa Lo scopo del servizio è garantire la manutenzione correttiva e adeguativa (MAC) del sistema Helios e delle procedure e moduli applicativi correlati (cfr. paragrafo 3.3), ovvero: - sistema Helios, incluse la tabella e le viste utilizzate dall applicativo NewMoney; - Web Services utilizzati dal Sito Internet; - programma applicativo Gestione Banca (codice, database, universo BO e Web Services); - procedure ETL utilizzate da EVSC. Lo scopo della manutenzione correttiva è la rimozione delle cause e degli effetti degli errori degli applicativi a fronte di malfunzionamenti comunque verificatisi, garantendo il corretto comportamento delle funzionalità degli applicativi coinvolte e, nel caso, il ripristino dei database allo stato precedente il malfunzionamento. La manutenzione correttiva è normalmente innescata da una segnalazione di impedimento all esecuzione dell applicazione/funzione o dal riscontro di differenze fra l effettivo funzionamento del software applicativo e quello atteso, come previsto dalla relativa documentazione o comunque determinato dai controlli svolti durante l attività dell utente. I malfunzionamenti imputabili a difetti presenti nel codice sorgente, o nelle specifiche di formato o di base dati, non rilevati a suo tempo durante il ciclo di sviluppo o in collaudo, sono risolti dal servizio di manutenzione correttiva con la riparazione del codice sorgente. I malfunzionamenti le cui cause non sono imputabili a difetti presenti nel software applicativo ma ad errori tecnici, operativi o di integrazione con altri sistemi, possono comportare, da parte del servizio di manutenzione correttiva, il solo supporto all attività diagnostica sulla causa del malfunzionamento a fronte della segnalazione pervenuta, ma sono poi risolti da altre strutture di competenza. Il servizio di manutenzione correttiva è attivato su segnalazione da parte dell UNSC di un malfunzionamento, derivante o non dalle segnalazioni ricevute dall help desk di cui al paragrafo 4. La segnalazione avviene tramite una richiesta del referente UNSC inviata formalmente via e- mail o fax. Il calcolo del tempo di ripristino delle funzionalità inizia dall orario di invio della e- Pagina 15/28 + Allegati

16 mail o del fax, se effettuato in orario lavorativo. La segnalazione specificherà, in particolare, il carattere bloccante o non bloccante del malfunzionamento. Le attività a cura del Fornitore includeranno la stesura di una relazione tecnica sulle cause e sulla risoluzione del problema, la rimozione del malfunzionamento tramite gli opportuni interventi nell ambiente di sviluppo e l intervento definitivo sul sistema in esercizio e, nel caso, il ripristino dei dati, la formazione degli utenti e l aggiornamento della documentazione tecnica relativa. Gli aggiornamenti effettuati sulla banca dati Helios dovranno, nel caso, essere riportati negli altri ambienti applicativi correlati di cui al paragrafo 3.3 eventualmente coinvolti nel malfunzionamento. La conclusione dell attività verrà comunicata formalmente all UNSC, che si riserva di procedere alla verifica delle modifiche apportate (software, base di dati, documentazione). Diverse modalità di erogazione del servizio potranno essere congiuntamente concordate fra il Fornitore e l UNSC. Le attività sopra specificate, salvo l aggiornamento della documentazione tecnica, saranno concluse in modo da garantire i livelli di servizio specificati al paragrafo 11, salvo casi eccezionali espressamente autorizzati dall UNSC. Il tempo di ripristino sarà calcolato in ore solari per quanto riguarda i guasti bloccanti e in ore lavorative per quanto riguarda i guasti non bloccanti. La documentazione tecnica aggiornata verrà consegnata entro i cinque giorni lavorativi immediatamente successivi alla segnalazione. La discriminazione tra malfunzionamento e nuova esigenza è determinata dall Amministrazione, sulla base della documentazione esistente o, per quanto non rilevabile dalla documentazione (ad esempio contenuti della base dati), dai controlli effettuati durante l attività amministrativa. Nei casi di carenza di documentazione l attribuzione verrà fatta secondo regole di correttezza, buona fede e ragionevolezza tecnica; in nessun caso l onerosità della soluzione potrà essere valutata quale discriminante. Lo scopo della manutenzione adeguativa è il mantenimento delle funzionalità degli applicativi a fronte di modifiche o innovazioni dell ambiente tecnico, quali cambiamenti di versioni o release del software di base o installazioni di patch previsti nei contratti di manutenzione in vigore. Il servizio di manutenzione adeguativa è fornito su richiesta, sulla base di calendarizzazioni concordate comunicate dall UNSC con un preavviso di almeno cinque giorni lavorativi. Tutti gli interventi software effettuati sono garantiti dal Fornitore per un anno, anche dopo la scadenza del contratto. Il servizio di manutenzione correttiva e adeguativa è svolto di norma tramite il presidio tecnico presso la sede dell UNSC e rientra nei servizi a canone. Il presidio garantirà i livelli di servizio specificati nel paragrafo 11. Per quanto riguarda la manutenzione correttiva, nel caso di indisponibilità allo scopo di tutte le risorse del presidio per motivi legati alle particolari fasi lavorative in corso del processo di SCN, il Fornitore si impegna in ogni caso a garantire i livelli di servizio di cui al paragrafo 11 anche tramite l utilizzo di ulteriore personale da esso messo a disposizione senza oneri a carico dell UNSC. In caso di inadempienze la Presidenza si riserva il diritto di applicare le penali di cui al paragrafo Formazione / affiancamento all utenza Il servizio consiste nell erogazione di specifici incontri di formazione con gli utenti, UNSC o esterni, per favorire l apprendimento o migliorare la conoscenza del sistema al fine del suo ottimale utilizzo funzionale. Pagina 16/28 + Allegati

17 Il materiale didattico utilizzato sarà costituito dai manuali utente disponibili e da documentazione ulteriore eventualmente prodotta dal Fornitore. La formazione sarà erogata in spazi messi a disposizione dall UNSC e il contenuto dei moduli formativi sarà concordato con il referente UNSC. Il servizio sarà fornito su richiesta dell UNSC, sulla base di calendarizzazioni concordate e comunicate con un preavviso di almeno cinque giorni lavorativi. Al termine degli incontri di formazione l UNSC proporrà in aula ai discenti un questionario di gradimento del corso, che i discenti compileranno in maniera anonima. Il servizio è svolto di norma tramite il presidio tecnico presso la sede dell UNSC e rientra nei servizi a canone. 8 Manutenzione evolutiva Lo scopo del servizio è garantire la manutenzione evolutiva (MEV) del sistema Helios e delle procedure e moduli applicativi correlati di cui al paragrafo 3.3 al fine di adeguarli a nuove esigenze degli utenti, a modifiche del contesto organizzativo, normativo e/o tecnologico o a specifici requisiti tecnico-normativi. Un attività particolare potrà essere richiesta, ad esempio, per adeguare il sistema a tutti i requisiti di accessibilità prescritti dalla normativa in vigore, legge n. 4/2004, DPR n. 75/2005 e DM 08/07/2005 e successive modifiche e integrazioni. Il servizio è attivabile solo su richiesta dell UNSC. La richiesta esporrà l esigenza generale da affrontare e individuerà i vincoli tecnologici e gli standard in uso presso l UNSC cui attenersi. Salvo quanto di seguito specificato, il servizio sarà svolto da personale del Fornitore non incluso nel presidio tecnico presente presso la sede UNSC e sarà liquidato in modalità extracanone. A fronte della richiesta di MEV il Fornitore presenterà una offerta tecnico-economica in cui saranno indicate la soluzione tecnica del problema, la quantificazione delle attività espressa in giorni/persona di utilizzo di figure professionali (analista esperto, analista programmatore, programmatore) e/o in numero di punti funzione da realizzare, modificare, eliminare e la calendarizzazione delle attività. L attività di sviluppo dovrà rispettare i requisiti di qualità e di accessibilità previsti dal capitolato e dalla normativa. I costi risultanti saranno calcolati sulla base dei costi unitari presentati nell offerta economica, tenendo presente che, per quanto riguarda la modifica e l eliminazione dei punti funzione, i rispettivi costi unitari non potranno superare rispettivamente il 50% e il 10% del costo unitario per nuovo punto funzione da realizzare. L UNSC, garantendo il mantenimento dei livelli di servizio di cui al paragrafo 11, potrà richiedere l eventuale utilizzo nelle attività di risorse appartenenti al presidio tecnico; nel caso, tale utilizzo dovrà essere esplicitamente specificato nel preventivo e non dovrà generare oneri di spesa. La calendarizzazione dovrà prevedere l inizio delle attività entro un tempo massimo di 10 giorni lavorativi successivi all accettazione del preventivo e l impegno continuativo delle risorse impiegate. L UNSC, valutata la congruità tecnico-economica del preventivo presentato, si riserva in ogni caso il diritto di richiederne o meno l esecuzione. Per preventivi che richiedono un tempo di conclusione delle attività superiore a 40 giorni solari, i referenti UNSC e del Fornitore concorderanno modalità particolari specifiche di svolgimento e inizio delle attività e di monitoraggio. Pagina 17/28 + Allegati

18 L attività di MEV include le fasi di analisi, sviluppo, test, collaudo, formazione e avvio in produzione. Le attività di analisi e sviluppo, fatti salvi gli incontri con tecnici e utenti UNSC e l eventuale utilizzo di risorse del presidio, dovranno essere svolte dal Fornitore in proprie sedi e utilizzando il proprio ambiente di sviluppo. La formazione sarà fatta di norma dal personale del presidio tecnico senza generare voci di spesa nel preventivo sopra riferito. Al termine di ciascuna fase dovranno essere prodotti i relativi deliverable. Le fasi sono descritte nella tabella seguente: Analisi Fase Descrizione Deliverable Individuazione, attraverso interviste con i referenti dell Amministrazione, delle attività di dettaglio da svolgere nell ambito della fase implementativa Specifiche d analisi di progetto Sviluppo Test Realizzazione e implementazione delle funzionalità concordate nella fase di analisi Test di funzionamento delle funzionalità implementate Codice sorgente Specifiche di test Documentazione utente Documentazione tecnica, in particolare Manuale dell Amm. di sistema Piano di test Collaudo Verifica della completezza e del corretto funzionamento delle funzionalità implementate con il personale dell Amministrazione Verbale di collaudo Formazione Formazione degli utenti Incontri / corsi di formazione Avvio in produzione Rilascio Pubblicazione server di produzione Il codice sviluppato dovrà rispettare gli indici standard di manutenibilità e modificabilità, mantenendo i seguenti indicatori, calcolati con approssimazione all intero più vicino, nei limiti specificati: - Complessità ciclomatica (COC), che misura il numero di nodi e archi del grafo del flusso di controllo e corrisponde al numero di casi di prova necessari per verificare ogni possibile esito di ogni ramo di decisione all interno del sottoprogramma, al di sotto del 21%; - Livello di documentazione (LDO), dato come rapporto tra il numero delle linee di commento (LC) ed il numero delle linee di codice (LOC), al di sopra del 25%. La metodologia per il conteggio dei punti funzione, ove coinvolti, dovrà essere conforme alle regole del manuale di conteggio IFPUG 4.2 o equivalente. La documentazione tecnica sarà consegnata al referente UNSC e la documentazione utente sarà distribuita attraverso canali predisposti. Tutta la documentazione dovrà essere realizzata secondo prefissati standard di usabilità e secondo quanto previsto nell offerta tecnica. Al termine dell attività il Fornitore installerà il prodotto on site sui server dell UNSC, utilizzando eventualmente anche ambienti UNSC di test, e l UNSC, a collaudo positivamente effettuato, ne autorizzerà la messa in esercizio in ambiente di produzione. Tutti gli interventi software effettuati sono garantiti dal Fornitore per un anno, anche dopo la scadenza del contratto. Ad ogni rilascio e, in ogni caso, al termine del contratto, il Fornitore consegnerà all UNSC, su supporto elettronico, il software prodotto, compresi i sorgenti, e la documentazione redatta. La proprietà di quanto realizzato, inclusa la documentazione, è, in ogni caso, sia nel periodo di vigenza del contratto sia dopo il suo termine, unicamente dell UNSC. In caso di inadempienza l UNSC si riserva il diritto di applicare le penali di cui al paragrafo 17. Pagina 18/28 + Allegati

19 Nel periodo di validità del contratto l UNSC potrà richiedere attività di MEV, in giorni/persona o punti funzione, per un onere massimo corrispondente all utilizzo complessivo di 50 giorni/persona di un analista esperto, 150 giorni persona di un analista programmatore e 50 giorni persona di un programmatore. Le attività, previa positiva verifica, saranno remunerate in modalità extra-canone sulla base dei giorni persona effettivamente erogati e/o dei punti funzione effettivamente sviluppati (nuovi, modificati o cancellati). 9 Organizzazione del presidio tecnico e figure professionali 9.1 Organizzazione del presidio tecnico Il presidio tecnico sarà composto di quattro tecnici: un analista esperto, un analista programmatore, un programmatore ed un operatore tecnico. L analista esperto sarà, in ogni caso, responsabile del presidio e, se non diversamente specificato nell offerta, sarà il capo progetto. Le esperienze professionali e le conoscenze tecniche minimali richieste sono riferite nel sottoparagrafo 9.2 successivo. Esperienze e conoscenze inferiori a quelle esposte non potranno essere accettate né in sede di offerta tecnica né in sede di esecuzione del contratto. Nell offerta economica saranno specificati i costi unitari (per giorno/persona) delle figure professionali componenti il presidio. Il costo annuo del presidio sarà calcolato moltiplicando per 250 la somma di tali importi unitari. Il personale del presidio dovrà garantire la propria presenza nella sede UNSC in orario lavorativo, vale a dire dalle 9:00 alle ore 18:00 di ogni giorno lavorativo. La pausa pranzo, della durata di un ora, non potrà essere fruita contemporaneamente da tutte le unità del presidio, in modo da garantire la presenza continuativa di almeno una unità del presidio nell arco delle nove ore. L UNSC metterà a disposizione del presidio un ambiente di lavoro idoneo e le postazioni di lavoro collegate al sistema Helios. Per esigenze di servizio particolari l UNSC potrà chiedere per alcune o tutte le unità del presidio un prolungamento di orario oltre le ore 18:00, sino al massimo alle ore 20:00; in tale caso le ore eccedenti richieste potranno essere compensate posticipando l orario di ingresso o recuperate in giorni concordati con l Amministrazione e da essa autorizzati. Come specificato nei paragrafi precedenti del capitolato, il presidio garantirà lo svolgimento delle attività di cui ai punti A, B, C e D del paragrafo 1 (help desk, assistenza funzionale, MAC, formazione/affiancamento all utenza) e nel caso, come specificato al paragrafo 8, su richiesta esplicita dell UNSC, di cui al punto E (MEV). Con riferimento alle fasi lavorative cicliche del processo di SCN, in periodi di particolare attività e con un preavviso di almeno sette giorni lavorativi, l UNSC potrà richiedere al Fornitore l impiego di un massimo di tre ulteriori risorse da utilizzare presso la sede UNSC o quella del Fornitore medesimo per un periodo continuativo non superiore ai dieci giorni lavorativi per ogni richiesta. Le unità aggiuntive dovranno fare riferimento alle figure professionali riferite nel sottoparagrafo 9.2 successivo. Similmente, con le stesse modalità di anticipo, potrà essere richiesto in casi eccezionali al Fornitore l utilizzo di risorse in giornate semifestive (sabati). L attività erogata da tale personale sarà liquidata extra-canone, sulla base delle giornate effettivamente rese e dei costi unitari specificati in sede di offerta. I costi unitari relativi a giornate semifestive saranno calcolati moltiplicando i costi unitari (giorno/persona) di cui all offerta economica per il coefficiente 1,3. Il servizio potrà essere richiesto per un onere massimo corrispondente all utilizzo di trenta giorni/persona per ognuna delle quattro figure professionali componenti il presidio. Eventuali esigenze eccezionali di disponibilità eccedenti i livelli contrattuali così fissati saranno all occorrenza regolate tra le parti con separato accordo. Pagina 19/28 + Allegati

20 Il personale del presidio agirà in base alle disposizioni generali ed alle priorità di svolgimento delle richieste dell utenza fornite dal referente UNSC e dovrà garantire i livelli di servizio di cui al paragrafo 11. Eventuali discrepanze o possibilità di conflitto rilevate dal Fornitore fra le indicazioni del referente UNSC ed i livelli di servizio da garantire dovranno essere da esso formalmente comunicati all UNSC. Il presidio utilizzerà e manterrà aggiornato il sistema di gestione degli interventi di cui al paragrafo Figure professionali Le figure professionali da utilizzare per la prestazione dei servizi oggetto della fornitura dovranno fare riferimento ai profili di seguito descritti. I requisiti di Capo progetto, riportati separatamente, dovranno essere posseduti in aggiunta ai propri requisiti specifici dal tecnico del presidio che ne svolgerà le funzioni (di norma, come precedentemente specificato, l analista esperto). Tutte le figure professionali dovranno garantire, al momento dell inizio delle attività contrattuali, una conoscenza approfondita del processo di servizio civile così come descritto dalla normativa SCN, in particolare dalla normativa riferita nell Allegato 1. Capo progetto Esperienze lavorative - Minimo 10 anni, di cui almeno 6 anni nella funzione di capo progetto su progetti complessi - Redazione di documentazione di progetto - Controllo realizzazione procedure - Stima di risorse per realizzazione di progetto - Stima di tempi e pianificazione attività - Analisi e progettazione di sistemi informativi - Analisi e progettazione di sistemi di business intelligence - Uso di tecniche e prodotti software per project management e risk management Conoscenze - Metodologie di sviluppo - Metodologie di misura progetti - Conoscenze ed uso di tecniche e prodotti software per project management e risk management - Conoscenza della Pubblica Amministrazione - Conoscenza delle tecnologie utilizzate nel progetto Analista esperto Esperienze lavorative - Minimo 6 anni come analista o analista programmatore, di cui almeno 4 nella funzione di analista esperto. - Redazione di documentazione di progetto - Controllo realizzazione procedure - Coordinamento di gruppi di lavoro - Analisi requisiti utente - Disegno interfacce utente - Disegno e progettazione di test Conoscenze - Metodologie di analisi e disegno di prodotti software - Tecniche di programmazione strutturata - Tecniche di modellazione e integrazione dati - MS SQL Server e MS.NET Framework 3.5 o superiori - Costruzione universi BO - Conoscenza della Pubblica Amministrazione - Conoscenze della metodologia per l analisi e il disegno dei processi amministrativi - Conoscenza delle tecnologie utilizzate nel progetto Pagina 20/28 + Allegati

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Ufficio per il servizio civile nazionale Bando per la selezione di n.18.793 volontari da impiegare in progetti

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Vista la legge 8 luglio 1998, n. 230, recante Nuove norme in materia di obiezione di coscienza, e successive modificazioni ed integrazioni; Vista la legge 6 marzo

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Bando per la selezione di 1.526 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale nella Regione

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV)

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) Allegato A TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) (Versione integrata con le modifiche apportate con le deliberazioni ARG/com

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

OsSC Corso Formazione Normativa e processo

OsSC Corso Formazione Normativa e processo OsSC Corso Formazione Normativa e processo Paola Aita, Antonio Galluccio, Raffaella Maione Febbraio Aprile 2014 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Termini del servizio La funzione dell Help Desk è quella di assicurare il mantenimento delle caratteristiche ottimali di funzionamento della

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Guida al primo accesso sul SIAN

Guida al primo accesso sul SIAN Guida al primo accesso sul SIAN Il presente documento illustra le modalità operative per il primo accesso al sian e l attivazione dell utenza per poter fruire dei servizi presenti nella parte privata del

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli