Repubblica Italiana ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Repubblica Italiana ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA Repubblica Italiana ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE Direzione Generale degli affari generali e della società dell'informazione Servizio dei sistemi informativi regionali e degli enti PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE SARDEGNA FESR ASSE I SOCIETA DELL INFORMAZIONE LINEA DI ATTIVITÀ a Realizzazione di nuovi servizi online per cittadini e imprese, completamento della rete della pubblica amministrazione locale e informatizzazione degli Enti e Agenzie regionali. AVVISO PUBBLICO PER LA RICEZIONE DI MANIFESTAZIONI D INTERESSE PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI RETI PER LA SICUREZZA DEL CITTADINO E DEL TERRITORIO ALLEGATO B RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PAGINA 1 DI 56

2 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO AI SENSI DELL'ART 6, COMMA 2, LETT. C DELL'AVVISO PUBBLICO SOGGETTO PROPONENTE Comune di Santadi, Piazza Marconi, Santadi (CI) TITOLO DEL PROGETTO Realizzazione della rete di sicurezza del cittadino e dei beni culturali del territorio del Comune di Santadi PAGINA 2 DI 56

3 SEZIONE A. CONTESTO E FINALITÀ a) Motivazioni del progetto (problematiche che s intendono affrontare, sintetica analisi del fenomeno attraverso dati quantitativi e/o qualitativi, esplicitandone le fonti informative utilizzate) Nel corso degli ultimi anni il concetto di sicurezza urbana si è sempre più spostata verso un approccio interdisciplinare e le azioni di sicurezza urbana hanno preso una forma sempre più intimamente correlata al tema della qualità della vita dei cittadini e alla vivibilità delle città. Ciò richiede amministrazioni sempre più abili, soprattutto in un momento storico di scarsità di risorse, di tradurre idee e proposte in politiche efficaci e durevoli, al di là della opportunità di finanziamento del momento. Di fatto, rispondere alla domanda di sicurezza dei cittadini, implica avere chiaro lo scenario in cui essa si qualifica e si manifesta. Sebbene possa apparire scontato affermare che la richiesta di maggiore sicurezza sia fortemente legata alla percezione di un rischio rispetto ad elementi esterni, va evidenziato come tale percezione sia condizionata dalla sensibilità o dal livello di tolleranza che i soggetti riescono a sostenere verso un particolare fenomeno. La sensazione di sicurezza non è pertanto connessa unicamente a parametri probabilistici (cioè alla probabilità statistica che un dato evento si verifichi), ma è influenzata dall'importanza che viene attribuita all'evento in sé1. Tuttavia, come testimonia l'ampia letteratura in materia, l'adozione di strumenti preventivi e pro-attivi di contrasto alla criminalità producono un sentimento di maggiore sicurezza indipendentemente dalla loro reale efficacia. Si può pertanto affermare che ciò che determina maggiore rassicurazione non è tanto (o soltanto) l'annullamento dei fattori di rischio, quanto l'attuazione di politiche che assumano una funzione pro-attiva a tutela della sicurezza. Inoltre, è opinione consolidata che uno dei fattori di maggiore insicurezza nei cittadini non sia tanto, o soltanto, il rischio di essere vittima di un reato, quanto piuttosto il sentirsi "ostaggi" di disordine urbano e in presenza di elementi di disturbo. Se si osservano i principali fenomeni che concorrono a produrre allarme nella popolazione, primo fra tutti il degrado e la scarsa cura dello spazio e delle risorse pubbliche (compreso il patrimonio storico, culturale e paesaggistico) accompagnati dallo scadere delle relazioni sociali) è proprio nella responsabilità del governo locale che i cittadini individuano il soggetto cui porre le loro domande di sicurezza. 1 A questo proposito si può fare un esempio. Le probabilità statistiche di subire o meno un furto nella propria abitazione non sono direttamente correlate alle misure adottate per evitarlo (antifurto, porta blindata, ecc.), quanto piuttosto al contesto generale (territoriale e sociale) in cui l'abitazione si trova. PAGINA 3 DI 56

4 Indipendentemente dalle reali competenze e possibilità, al sindaco (e in forma traslata ad ogni ambito dell'amministrazione locale) viene chiesto di affrontare e risolvere i disagi dei cittadini individuando risposte e soluzioni immediate. Questo aspetto, naturalmente, riguarda molti ambiti delle politiche pubbliche (dall'urbanistica e territorio all'economia e i servizi, dalla cultura all'educazione) ma in particolare il fronte della sicurezza e della vivibilità urbana. Dal punto di vista delle risposte concrete, come accennato in precedenza, nel corso degli anni il concetto di sicurezza urbana si è evoluto andando a definire un frame concettuale entro il quale si inseriscono due principali macro-ambiti d'azione: gli interventi di controllo della microcriminalità e le politiche di rigenerazione urbana. I primi fanno si basano sull idea di sicurezza in termini di controllo e riduzione della criminalità attraverso politiche di prevenzione situazionale o di prevenzione sociale. I secondi fanno riferimento, invece, a tutto ciò che ha a che fare con gli interventi diretti ad aumentare la vivibilità dei centri urbani e del territorio in generale, attraverso politiche di prevenzione sociale e oggi anche alle politiche di valorizzazione e tutela del patrimonio culturale e naturalistico. Sulla base di queste considerazioni, l'amministrazione di Santadi ha concepito un programma (finora rimasto sulla carta per carenza di risorse) indirizzato alla realizzazione di una serie di interventi finalizzati proprio alla sicurezza del cittadino e alla tutela del territorio nel senso più ampio del termine. Nello specifico si tratta di implementare, in maniera graduale, una serie di soluzioni di sicurezza a copertura di tutto il territorio comunale con l'obiettivo strategico non solo di soddisfare una delle esigenze primarie del cittadino, ma congiuntamente fare della sicurezza uno strumento di sviluppo economico, preservando il prezioso patrimonio culturale e naturalistico del comune di Santadi. In questa congiuntura economica così sfavorevole, l'amministrazione Comunale di Santadi nutre il timore che le situazioni di malessere derivati dalla recessione economica possano acuire le situazioni di degrado e generare recrudescenze degli episodi di microcriminalità quali ad esempio: piccoli furti, aggressioni, spaccio di stupefacenti, vandalismo e danneggiamento della cosa pubblica con particolare riferimento alle risorse boschive/naturalistiche (es. foresta di Pantaleo, Grotte di Is Zuddas) e archeologiche (es. il sito di Pani Loriga). Tali ipotesi si rifletterebbero molto negativamente sulla generale qualità della vita dei cittadini e danneggerebbero l'immagine del territorio inibendone il potenziale economico dal punto di vista turistico e della valorizzazione del patrimonio culturale e naturalistico. Dai dati elaborati dal ministero degli Interni si evince che l'intera isola è al di sotto della media nazionale in relazione ai reati denunciati (fonte Istat del 2010). La Sardegna si colloca un po' al di sopra di regioni del nord virtuose sotto il profilo civico e di regioni del sud tradizionalmente marginali rispetto all'andamento della criminalità, a partire da quella organizzata. Si può affermare lo stesso per ciò che riguarda i furti e le rapine, nonostante siano i reati più frequenti. Si può pertanto sostenere che Il Comune di Santadi presenta mediamente le stesse emergenze di ordine pubblico di qualunque altro in PAGINA 4 DI 56

5 Sardegna. E' importante inoltre evidenziare che si sono verificati gravi episodi di furti (o danneggiamenti) di reperti archeologici in siti non custoditi e localizzati nelle zone del Sulcis Iglesiente2. Analoghe considerazioni si possono fare per quanto attiene alle minacce al patrimonio naturalistico con particolare riferimento agli incendi dolosi che da sempre attanagliano l'intero Sulcis3 Si è provveduto pertanto a svolgere una dettagliata fase di studio con l'obiettivo di: eseguire gli opportuni approfondimenti ai fini della conoscenza e definizione dei problemi che si intendono affrontare individuare obiettivi sostenibili elaborare interventi complementari e funzionali agli obiettivi valutare impatto e sostenibilità degli interventi 1. Il primo aspetto preso in considerazione è relativo alla conoscenza del contesto territoriale e dei problemi di sicurezza che lo caratterizzano. Al fine di elaborare interventi mirati e tagliati su esigenze reali, si è provveduto a svolgere approfondimenti circa i fenomeni che all'interno del territorio creano, o sono destinati a creare, maggiori preoccupazioni, i fattori che li determinano o le aree del territorio interessate. Ciò con il coinvolgimento di molteplici soggetti che possono offrire un punto di vista sui problemi del territorio e lavorare per la sicurezza della comunità, quali autorità locali; forze dell ordine; operatori sociali, sanitari, educativi; comunità accademica; operatori commerciali; giustizia minorile; esponenti della società civile (membri di minoranze, gruppi giovanili, gruppi religiosi ). L'Amministrazione ha ritenuto questa fase un elemento imprescindibile per l attuazione di politiche effettivamente capaci di incidere sulla promozione della sicurezza, e a tal fine ha messo a confronto diversi settori dell ente mettendo insieme differenti ambiti e livelli di competenza. Tale approccio ha consentito lo scambio di conoscenze ed esperienze sulle criticità locali focalizzandosi sui problemi reali, concreti ed effettivamente presenti nel contesto territoriale (o in una specifica area di esso), e ad avere una migliore comprensione non solo delle problematiche e delle aspettative rispetto alla loro presa in carico, ma anche delle risorse e delle potenzialità per affrontarle con maggior successo. Ciò ha determinato l'attribuzione di livelli di priorità ai problemi sui quali si ritiene di dover intervenire primariamente, evitando sprechi di tempo e di risorse. I risultati di questa fase di analisi hanno condotto all'identificazione di alcune fragilità importanti, tra le quali si riportano: 2 ; il-ritorno-dellarciere-nuragico.html ; km-di-macchia ndi.kl PAGINA 5 DI 56

6 l'individuazione delle zone più esposte a rischio, di elevato pregio o ad elevata densità di soggetti potenzialmente a rischio (bimbi, anziani, donne, ecc.): scuole (elementari e medie inferiori), uffici, piazze, museo, sito archeologico di Pani Loriga, foresta di Pantaleo, grotte IS Zuddas; la verifica dello stato di strumenti di monitoraggio e controllo a tutela del centro abitato. E' presente un sistema di videosorveglianza oramai datato e obsoleto(del 2000 circa), non in grado di fornire servizi e copertura adeguati ai punti importanti della città; la verifica della totale assenza di strumenti di tutela, monitoraggio e controllo in punti strategici del territorio comunale dove sono localizzate risorse naturalistiche e archeologiche di inestimabile valore che andrebbero preservate in ogni modo. 2.Il secondo punto ha a che fare con la definizione di obiettivi sostenibili per l'amministrazione, e cioè adeguati, realistici ed effettivamente praticabili oltre che inerenti alle proprie competenze istituzionali. Nel concreto, si sono ritenuti sostenibili gli obiettivi che, in riferimento alle criticità che si è inteso affrontare, fossero in grado non solo di dare risposte ai problemi individuati ma anche calibrarle alla reale rilevanza e gravità in rapporto al contesto e al livello territoriale nel quale si inseriscono. Si è inoltre inteso definire obiettivi finalizzati a determinare la percezione di sicurezza, rassicurazione, elevata qualità della vita, attraverso azioni, non fini a se stesse, quanto piuttosto inserite in un quadro strategico più ampio. In tale ottica si è data un'elevata priorità a tutti quegli interventi che potenzialmente possono soddisfare più di un esigenza. Ad esempio, se si ipotizzano interventi per la sicurezza del sito archeologico di Pani Loriga e/o della foresta di Pantaleo, è evidente come la protezione di tali risorse si traduca anche in preservazione e valorizzazione, fattori che hanno l'effetto di aumentare le opportunità/potenzialità di un maggiore impatto economico sul territorio. In altre parole si crea un connubio sicurezza-sviluppo economico che in tempi di recessione non può in alcun modo essere trascurato. A tali obiettivi si aggiungono inoltre gli interventi di elevata priorità che riguardano la tutela delle fasce di popolazione particolarmente vulnerabili: bimbi, anziani e donne. 3.Poiché affrontare il problema della sicurezza è di particolare complessità e interessa trasversalmente l azione di più settori dell amministrazione, l'amministrazione di Santadi ha ritenuto di definire un programma di interventi differenti, sebbene tra loro complementari e integrati. Le azioni complementari si configurano come interventi che: agiscono su più ambiti tematici affrontando il problema da diversi punti di vista e coniugando approcci differenti. Si pensi ad esempio, agli interventi che affrontano le problematiche legate alla prevenzione e gestione di situazioni di conflitto e aggressività all interno delle scuole e per le quali, per non pregiudicarne l'efficacia, si provvederà a coinvolgere tutti i portatori di interesse (es. corpo docente, famiglie, enti/servizi diversi). Di fatto l'amministrazione è perfettamente PAGINA 6 DI 56

7 consapevole del fatto che un intervento per essere realmente efficace necessita di essere progettato e condiviso insieme alle altre istituzioni locali e alle realtà sociali, associative e formative che agiscono sul territorio in modo da ottimizzare gli sforzi ed evitare sovrapposizioni. In questo caso specifico i portatori di interesse sono diversi: dalle forze dell ordine alle istituzioni scolastiche, dalla soprintendenza archeologica ad altri enti che svolgono servizi di pubblica utilità (es. Corpo Forestale). Il Comune intende di fatto riferirsi ad un modello di sicurezza partecipata. 4. Una fase particolarmente importante per l'amministrazione è stata la definizione degli strumenti di governance degli interventi e delle metriche per la valutazione dei relativi risultati e sostenibilità nel tempo. A tal fine si adotteranno adeguati strumenti di monitoraggio e valutazione degli esiti delle singole fasi di attuazione in modo da definire, qualora necessari, eventuali azioni correttive in corso d opera e misurare, al suo completamento, impatti e fattori di successo dell intervento. Al pari della valutazione, altro tema centrale è quello della sostenibilità delle azioni perpetrate nel tempo. Per sostenibilità l'amministrazione intende riferirsi alla proprie capacità di dare continuità agli interventi e mantenerne i benefici dopo la sua conclusione. Gli aspetti dei quali si terrà conto sono di varia natura: di tipo politico-istituzionale, legati alla misura in cui gli obiettivi degli interventi verranno sostenuti dalle istituzioni e dagli enti competenti dopo la sua conclusione di tipo organizzativo, intesi come le capacità gestionali che i soggetti responsabili della fase successiva a quella esecutiva acquisiranno per garantirne l attuazione e il proseguimento di tipo economico e finanziario, riferiti alla capacità di garantire il reperimento delle risorse economiche necessarie per sostenere i servizi degli interventi. di tipo ambientale relativi all'impatto degli interventi sul contesto locale. b) Strategia e obiettivi del progetto, risultati attesi, soprattutto in relazione alle problematiche di sicurezza presenti nel territorio e in particolare enumerazione dei fenomeni criminali che ne frenano il potenziale sviluppo Richiamando quanto già accennato nella sezione precedente, la strategia che l'amministrazione intende seguire per la realizzazione degli interventi si basa sul concetto di integrazione delle politiche di sicurezza. Un tale approccio pone al centro il ruolo delle articolazioni decentrate dello Stato (la Regione, con ruolo di programmazione e indirizzo e i comuni in veste di attori principali e snodi di attuazione) e determina una rete di collaborazione tra le stesse e gli stakeholder del programma di interventi; ciò al fine di raggiungere l obiettivo di una maggiore sicurezza delle comunità e una migliore qualità della vita. PAGINA 7 DI 56

8 Quando si parla di politiche integrate di sicurezza Il Comune di Santadi presta particolare attenzione ad alcuni aspetti tra i quali si citano: 1. l'aspetto politico-strategico per il quale il tema sicurezza urbana viene trattato tenendo conto dei suoi molteplici legami con ambiti di intervento differenti, come quello sociale, urbanistico, di prevenzione e repressione della criminalità (pubblica sicurezza) e stabilendo le opportune forme di collaborazione con vari soggetti: dalle forze dell'ordine (Polizia, Carabinieri, Corpo Forestale) alle scuole, dai diversi servizi dell'amministrazione Comunale alle strutture museali, dalle scuole a; 2. l' aspetto organizzativo, per cui adottare una politica integrata della sicurezza implica l'integrazione organizzativa tra i diversi settori dell amministrazione e i diversi stakeholder; 3. l' aspetto operativo che integra nell azione concreta le diverse strategie, le competenze e le modalità d'azione. A quanto già indicato occorre aggiungere un ulteriore elemento costituito dalla comunicazione pubblica. La strategia di comunicazione è infatti l'ultimo anello di una politica integrata. La capacità di avere una strategia di comunicazione e mettere in relazione la comunicazione agli interventi costituiscono un fattore chiave per la corretta percezione degli stessi interventi da parte degli stakeholder, cittadini in primis. E oggi, in un momento di grave recessione economica, riuscire a condividere correttamente obiettivi e relative modalità di attuazione è probabilmente la sfida più grande. Come già accennato nelle precedenti sezioni, l'amministrazione di Santadi ha concepito un programma con l'obiettivo di realizzare un'articolata (e integrata) e di una serie di interventi finalizzati alla sicurezza del cittadino e alla tutela del territorio nel senso più ampio del termine. Si tratta pertanto di mettere in piedi, in maniera graduale, modulare e integrata, una serie di soluzioni di sicurezza a copertura di tutto il territorio comunale con l'obiettivo strategico non solo di soddisfare una delle esigenze primarie del cittadino, ma congiuntamente fare della sicurezza uno strumento di sviluppo economico, preservando il prezioso patrimonio culturale e naturalistico del comune di Santadi. La preoccupazione per la criminalità costituisce ormai da anni uno dei temi principali motivi di apprensione dei cittadini con particolare riferimento alla criminalità comune, l insieme degli omicidi, delle violenze, dei furti, delle rapine e degli atti vandalici a danno della cosa pubblica ai quali i media danno ampia eco. Rispetto ad altri fenomeni di carattere sociale i dati che riguardano la criminalità richiedono maggiori cautele nell interpretazione e nella lettura, e questo per diversi motivi. Innanzitutto, perché un reato venga inserito nelle statistiche giudiziarie non è sufficiente che sia stato commesso; occorre anche che esso venga rivelato da qualcuno, reso noto alle Forze di polizia o ad un organo del sistema penale, e infine correttamente registrato. Il numero dei reati registrati nelle statistiche ufficiali rappresenta, quindi, PAGINA 8 DI 56

9 solo una parte di quelli effettivamente compiuti. Molti reati, infatti, pur essendo stati commessi, restano nascosti e non vengono registrati. Gli omicidi, per fare solo l esempio più evidente, difficilmente sfuggono alla rilevazione da parte delle Forze dell'ordine, mentre non è lo stesso per un reato come il furto, dove è forte la tendenza da parte della vittima a valutare costi e benefici per decidere se comunicare l evento, cioè denunciare l accaduto alle Forze di polizia. In altri casi (ad esempio nei reati a sfondo sessuale) sono invece fattori di tipo culturale. Nel caso delle violenze sessuali, ad esempio, sappiamo che queste sono denunciate in meno del 10% dei casi.4 Questi considerazioni fanno emergere la ragione per la quale i cittadini, soprattutto quelli appartenenti alle fasce più deboli (es. anziani, bimbi, donne, soggetti diversamente abili) nutrono il timore di poter assurgere al ruolo di vittime. I dati mostrano però che tale apprensione varia a seconda della zona del Paese, ed è più elevata al Sud che al Nord e al Nord che al Centro.5. All'interno di questo quadro generale si inserisce la realizzazione dei singoli interventi e nello specifico sono previsti i seguenti moduli: Modulo 1. Realizzazione/adeguamento di un sistema di videosorveglianza per la sicurezza del cittadino e del territorio di Santadi: modulo inerente il centro abitato e il sito archeologico di Pani Loriga (presente proposta); Modulo 2. Realizzazione/adeguamento di un sistema di videosorveglianza per la sicurezza del cittadino e del territorio di Santadi: foresta di Pantaleo (da realizzarsi successivamente); Modulo 3. Realizzazione/adeguamento di un sistema di videosorveglianza per la sicurezza del cittadino e del territorio di Santadi: grotte di Is Zuddas (da realizzarsi successivamente); Tali moduli, come più volte rimarcato, scaturiscono dall esigenza di monitorare il territorio del Comune e fornire un supporto tecnologico alle operazioni delle forze dell ordine. Attraverso lo strumento del sistema di videosorveglianza si vuole ottenere l obiettivo di migliorare le condizioni di vivibilità della cittadina di Santadi e fornire un supporto ad alto contenuto tecnologico per le operazioni di controllo del territorio. In particolare il sistema da realizzare avrà il duplice scopo di costituire un deterrente verso atti criminosi (in zone coperte dal sistema), e di rappresentare un aiuto per le autorità competenti per risalire ad eventuali atti criminosi avvalendosi delle immagini registrate. Il progetto si pone come obiettivo fondamentale il monitoraggio del territorio e quello di fornire un supporto tecnologico alle operazioni delle forze dell ordine. La strategia da adottare si basa sull intenzione di voler controllare, oltre al sito di Pani Loriga, l area urbana più trafficata, gli scenari in prossimità di edifici comunali di rilievo, le scuole, nonché le zone PAGINA 9 DI 56

10 storicamente o potenzialmente soggette ad atti vandalici. A tale scopo il progetto deve essere realizzato nell ottica di costruire un sistema in grado di rilevare le persone che si trovano all interno delle aree monitorate e visualizzare gli scenari in prossimità degli edifici comunali di rilievo. L Amministrazione ha fissato pertanto i seguenti obiettivi principali: Creare un sistema di videosorveglianza che permetta di monitorare in tempo reale i siti di interesse relativamente alla sicurezza urbana e combattere eventuali fenomeni di microcriminalità (es. vandalismo); Archiviare, per una successiva consultazione, le sequenze di fotogrammi acquisite da tutte le telecamere per un tempo limitato alle finalità dell amministrazione e nel rispetto degli attuali vincoli posti dalla legge. c) Destinatari dell intervento (indicando numerosità, tipologia e principali caratteristiche del gruppo target), efficacia delle soluzioni; Santadi è un comune di circa 3600 abitanti (dati censimento 2011), distribuiti in un ampio territorio pianeggiante, attorniato da zone gradatamente più mosse ed aspre. Ai fini dell'analisi della struttura sua popolazione sono state considerate tre fasce d'età: giovani 0-14 anni, adulti anni e anziani 65 anni ed oltre. In base alle diverse proporzioni fra tali fasce di età, la struttura di una popolazione assume diverse forme e viene definita di tipo progressiva, stazionaria o regressiva a seconda che la popolazione giovane sia maggiore, equivalente o minore di quella anziana. Lo studio di tali rapporti è importante per valutare alcuni impatti sul sistema sociale, ad esempio sul sistema lavorativo, su quello sanitario o ancora, come in questo caso, della sicurezza. PAGINA 10 DI 56

11 Anno 1 gennaio 0-14 anni anni 65+ anni Totale residenti Età media , , , , , , , , , , ,7 Il grafico seguente riporta invece la distribuzione della popolazione di Santadi per classi di età da 0 a 18 anni al 1 gennaio 2012 (elaborazioni su dati ISTAT). E quindi la potenziale utenza per le scuole, evidenziando con colori diversi i differenti cicli scolastici (asilo nido, scuola dell'infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di I e II grado) e gli individui con cittadinanza straniera. Dai dati sopra riportati, appare evidente che esiste un'ampia fascia della cittadinanza (circa il 50%) che appartiene a categorie per loro natura vulnerabili (bimbi, ragazzi, donne e anziani) che più di altri necessitano di essere protetti dalle minacce che possono annidarsi nelle pieghe della microcriminalità: piccoli furti, aggressioni, episodi di bullismo, spaccio di stupefacenti, PAGINA 11 DI 56

12 vandalismo e danneggiamento della cosa pubblica. Lo spirito con quale nasce il progetto, è in definitiva quello di definire un contesto controllato e sicuro che ha origine nel luogo dove il cittadino incontra il sapere per la prima volta: la scuola (dal nido alla scuole secondarie) e prosegue, sempre protetto, in tutti i luoghi della storia (il museo archeologico e il sito di Pani Loriga), della natura (la foresta di Pantaleo e le grotte di Is Zuddas) e della tradizione (museo del Vino) della propria terra. All'interno di quel percorso ideale (e protetto) trovano posto, l'accoglienza e la valorizzazione, sia dal punto di vista culturale/intellettuale che economico, di ogni singola risorsa. L'intervento è pertanto in grado di apportare alla città sia benefici diretti, in termini di incremento della percezione di sicurezza della popolazione (di cui circa il 50% appartiene a fasce deboli ), sia benefici indiretti dato che influisce sulla cura e conservazione delle risorse del territorio contribuendo al suo sviluppo. PAGINA 12 DI 56

13 SEZIONE B. DESCRIZIONE DEL PROGETTO (Descrivere sinteticamente la proposta progettuale trattando in maniera particolare gli argomenti indicati nell Art. 6, comma 2, lett. c, punto C.2. dell Avviso Pubblico effettuando l illustrazione dei medesimi in punti separati) a) Topologia dell infrastruttura di rete di videosorveglianza e/o di telecontrollo, con allegate planimetrie descrittive dei punti di installazione degli apparati con annesse tabelle riepilogative Attraverso la Videosorveglianza l Amministrazione intende salvaguardare l incolumità dei propri cittadini, favorire il controllo di aree sensibili, migliorare il controllo del territorio a tutela del bene comune. In altri termini si intende realizzare le condizioni per intraprendere una rapporto più stretto tra Amministrazione e la cittadinanza, ed altre amministrazioni, creando contenuti per una efficace protezione e sicurezza, un adeguata informazione e un monitoraggio costante. La realizzazione e la gestione del sistema di videosorveglianza è finalizzata a: prevenire fatti criminosi attraverso un azione di deterrenza che la presenza di telecamere è in grado di esercitare; favorire la repressione degli stessi fatti criminosi qualora avvengano nelle zone controllate dalle telecamere ricorrendo alle informazioni che il sistema sarà in grado di fornire; rassicurare i cittadini attraverso una chiara comunicazione sulle zone sorvegliate. creare, attraverso la rete di comunicazione necessaria per il collegamento dei punti di ripresa, una struttura abilitante in grado di offrire molteplici attraverso sistemi informativi, di telemisurazione e telecontrollo, servizi di inclusione sociale digitale. Il modulo di videosorveglianza permette di tenere sotto controllo i punti più critici dell area Comunale e della rete stradale. Sul territorio il sistema previsto è composto da telecamere controllate da remoto (brandeggio e zoom) e collegate, attraverso opportune interfacce, direttamente alla rete telematica. La rete è costituita da un insieme di collegamenti accomunati dal protocollo IP che né determinano l interoperabilità tra sezioni eterogenee, preesistenti e di futura realizzazione. Le sezioni possono essere di diversa natura quali ponti radio, fibra ottica e cablaggio in rame, secondo un architettura ben determinata. Le immagini ad alta definizione provenienti dai punti di ripresa, possono essere trasmesse in tempo reale alla Sala Operativa della Polizia Municipale, per la quale costituisce un rilevante strumento di supporto alla gestione delle situazioni di emergenza, come incidenti e situazioni di pericolo. Una lunga lista di efficaci funzionalità di analisi video permette di generare azioni automatizzate di ausilio PAGINA 13 DI 56

14 al corpo di polizia quali registrazione, allarme, evidenziazione o attuazioni in genera in base a molteplici fattori. I sistemi di analisi sono in grado di riconoscere attività specifiche per i settori più utili all amministrazione quali: comportamentale, beni artistici, stradale, ambientale, sicurezza perimetrale. l modello architetturale di riferimento è a livelli gerarchici ovvero stabilisce dei moduli base che possono essere integrati da un livello superiore per costituire una struttura più ampia favorendo la scalabilità della soluzione e l aggregazione di più sistemi e amministrazioni nella realizzazione e utilizzo di un sistema vasto. Le relazioni tra blocchi logici dell impianto sono gerarchiche, una parte localizzate nel sito locale ed una parte centrale, in conformità con l organizzazione e le procedure previste dalle amministrazioni comunali. Tutti i blocchi funzionali sono da considerare facenti parte di un unica piattaforma distribuita e multiservizio caratterizzata dalla gestione condivisa delle risorse fisiche dell impianto e dalla separazione logico-applicativa dei servizi erogati attraverso uno strato di virtualizzazione. Ogni componente della piattaforma è validata per la sua interoperabilità garantita grazie all utilizzo di standard applicativi e di comunicazione. Applicativi di analisi video e registrazione Dispositivi di elaborazione dati e storage Elementi della sala operativa Dispositivi di ripresa Infrastruttura di trasporto Il sistema funzionale che permette di realizzare tutte le funzioni logiche previste dal sistema di videosorveglianza prevede architetture di nuova generazione che presentano caratteristiche innovative quali: Supporto delle funzioni di virtualizzazione avanzate, comprendenti sia la virtualizzazione software che il supporto dell infrastruttura di rete sottostante, al fine di garantire un elevato grado di adattabilità ed efficienza nell utilizzo delle risorse di calcolo, di rete e di storage messe a disposizione. Elevato grado di consolidamento con integrazione in un unico dispositivo delle funzionalità di Computing, Storage, routing avanzato, security, switching con modularità e scalabilità tali da consentire di la crescita e la flessibilità della realizzazione in un sistema di più semplice gestione, con basso TCO ed alta efficienza energetica. PAGINA 14 DI 56

15 a.1) Topologia dell infrastruttura di rete di videosorveglianza Alla base del progetto risiede la realizzazione di una Rete Cittadina capace di collegare ad alta velocità i siti oggetto di intervento. Attraverso questa rete di collegamenti sicuri e performante è possibile, con opportune abilitazioni di sicurezza, veicolare a tutte le informazioni previste dal progetto di Videosorveglianza, con riferimento alle informazioni multimediali provenienti dai dispositivi di ripresa. La rete è altresì in grado di collegare innumerevoli dispositivi a comunicazione bidirezionale, per migliorare i servizi al cittadino, quali pannelli informativi, hot spot, sistemi di misurazione e controllo di ogni genere. La tecnologia di trasporto Ethernet/IP che rappresenta lo standard di fatto per tutte le comunicazioni dalle reti locali a quelle geografiche con estensione mondiale, garantisce la facilità di integrazione con strutture ed apparati esistenti nonché future realizzazioni di rete e dispositivi di ogni classe e genere. Il progetto è modulare, ossia composta da moduli elementari che consentono una realizzazione per step, possibilità di espansione futura, capacità di integrazione per ogni modulo e con ogni modulo, garanzia di evoluzione e transizione da contesti eterogenei con gradualità, senza impatti rilevanti. Nella progettazione dell infrastruttura di rete della soluzione, si è tenuto conto di una lista di requisiti di carattere generale: PERFORMANCE - Capacità di banda disponibile - Capacità di offrire ampiezza di banda adeguata per le esigenze presenti e future, allineando l infrastruttura allo stato dell arte del mercato PROFILAZIONE - gestione dei profili di traffico - Capacità di ridefinire politiche di limitazione del traffico in accordo con i livelli di servizio richiesti, accordandosi su opportune priorità e standard di classificazione del traffico SCALABILITA - Capacità di crescita dei punti di attestazione e della banda, sfruttando le potenzialità dell infrastruttura, con conseguente maggiore scalabilità e robustezza MODULARITA - Capacità di adattabilità alle dimensioni dell area da monitorare partendo da soluzioni minimali ed estendendo l architettura in modo progressivo e modulare sulla base del numero dei dispositivi di campo da gestire che delle caratteristiche aggiuntive di elaborazione. FLESSIBILITA capacità delle architetture software e hardware a adattarsi alle varie caratteristiche delle aree in monitoraggio prevedendo connettività sia wiress che wired pur mantenendo gli alti livelli di qualità del trasporto del segnale video. QUALITA DEL SERVIZIO (QoS) - capacità di definire classi di servizio, differenziando il traffico in rete secondo le intrinseche caratteristiche di banda, latenza, criticità. Privilegiare il traffico real-time e critico rispetto a quello a bassa priorità, per una migliore efficienza e sicurezza. PAGINA 15 DI 56

16 GESTIONE - Capacità di monitorare e modificare lo stato della rete in modo più semplice, aggiungendo allo stesso tempo stabilità e funzionalità alla topologia logica. INTEROPERABILITA capacità di integrarsi con interventi esistenti e futuri tramite l adozione di standard aperti di comunicazione. Data la natura e criticità dei dati in transito sull infrastruttura, il progetto della rete privilegia la qualità e capacità degli apparati di realizzare funzionalità specifiche consentendo la coesistenza di traffico video a bassa latenza, e traffico dati di controllo, per il mantenimento del più elevato livello di servizio. Gli apparati previsti nel progetto forniscono prestazioni in linea con i livelli di servizio richiesti una rete cittadina di sicurezza quali: Disponibilità di servizio di connettività wireless e wired IP: i dispositivi previsti permettono di realizzare una infrastruttura altamente affidabile, resiliente e performante con diversi supporti di collegamento; Sicurezza integrata dalle prestazioni elevate: le funzionalità dei servizi di sicurezza sono integrate ed eseguite senza influenzare le prestazioni di inoltro del traffico. Tale struttura sarà realizzata principalmente con apparati radio WiFi/Hiperlan ad alte prestazioni capaci di una velocità massima di 300Mbps ed una capacità di banda (Throughput) fino a 150Mbps. Essendo modulare, la rete permetterà in futuro di essere espansa per la connessione di ulteriori punti. La topologia di rete risulta di tipo stellare gerarchico adattata alla disponibilità e fattibilità dei link di collegamento ed all utilizzo ed integrazione dei collegamenti esistenti. Sono state individuate differenti tipologie di collegamento, in funzione della posizione geografica delle sede, rispetto al centro di controllo che costituisce il punto di arrivo dei flussi informativi. Il seguente schema rappresenta l intera rete di collegamento dove sono realizzati collegamenti Punto Punto o Punto-Multipunto secondo la disposizione e capacità richiesta per i diversi siti. L utilizzo di antenne dedicate con direttività prestabilita permette di realizzare collegamenti robusti tramite le funzioni WDS. La medesima rete di trasporto può inoltre essere estesa in modalità mesh in aree contigue ai punti di accesso alla rete, costituendo zone di copertura radio per l erogazione di servizi al personale e/o ai cittadini. Di seguito sono illustrate le disposizioni degli apparati sul territorio e la topologia dell infrastruttura di rete. PAGINA 16 DI 56

17 Fig. Topologia dell infrastruttura di rete PAGINA 17 DI 56

18 Fig. Disposizione complessiva sul territorio Fig. Particolare Collegamenti da Municipio a punti C-D-F PAGINA 18 DI 56

19 Fig. Particolare Punto collegamento G (Paniloriga) La complessità architetturale della rete di trasporto dipende dalla dislocazione dei siti, morfologia del territorio e disponibilità di punti di appoggio, di conseguenza, tale elemento infrastrutturale, può caratterizzarsi dai singoli apparati fino a infrastrutture con molteplici dispositivi che realizzano strutture di base station, punti di rilancio o distribuzione etc. come evidenziate negli schemi. La struttura completa della rete di trasporto è riconducibile alla disponibilità di connettività e relativi servizi di rete di diverso tecnologia con particolare riferimento alla rete in fibra ottica e quella radiolan. Tale livello di trasporto dati rappresenta uno dei punti più critici dell intera infrastruttura per la varietà delle tipologie di servizio e natura del traffico da aggregare quali dati sensibili video per servizi di sorveglianza e servizi dati in generale. PAGINA 19 DI 56

20 Oltre alla molteplice tipologia di connettività, il livello di trasporto dati deve garantire quindi la raccolta dei dati dai dispositivi di campo e la flessibile e scalabile disponibilità ad accogliere nuovi servizi in visione dei requisiti di servizi addizionali. Il blocco funzionale di Infrastruttura di trasporto deve quindi garantire le seguenti caratteristiche: affidabilità, scalabilità, resilienza connettività attraverso reti ethernet/ip performance e aspetti Carrier class confidenzialità del dato gestito connettività attraverso servizi wi-fi resistenza ad agenti da ambiente esterno e standard industriali discriminazione del traffico sicurezza dei dispositivi Le tecnologie innovative presenti al livello di trasporto costituiscono un insieme di funzionalità e protocolli in grado di sostenere le performance e la scalabilità richieste dai requisiti di progetto. a.1.1) Caratteristiche di riferimento componenti di comunicazione Per la parte accesso ai servizi di connettività di rete switching ethernet/ip sono state definite le seguenti caratteristiche: resistenza ad ambiente esterno secondo standard industriali alimentazione ridondata supporto di porte switching ad alta velocita 10/100/1000 autosensing supporto di protocolli industriali e ethernet resiliente a di convergenza veloce struttura di switching Line rate/non-blocking elevati standard di sicurezza aderenza agli standard internazionali Per la parte di aggregazione dei servizi di connettività di rete wifi sono state definite le seguenti caratteristiche: PAGINA 20 DI 56

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come SI) è titolare del sito PRIVACY POLICY Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito www.stonexsmart.com ( Sito ) e tratta i tuoi dati personali nel rispetto della normativa

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli