Repubblica Italiana ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Repubblica Italiana ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA Repubblica Italiana ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE Direzione Generale degli affari generali e della società dell'informazione Servizio dei sistemi informativi regionali e degli enti PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE SARDEGNA FESR ASSE I SOCIETA DELL INFORMAZIONE LINEA DI ATTIVITÀ a Realizzazione di nuovi servizi online per cittadini e imprese, completamento della rete della pubblica amministrazione locale e informatizzazione degli Enti e Agenzie regionali. AVVISO PUBBLICO PER LA RICEZIONE DI MANIFESTAZIONI D INTERESSE PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI RETI PER LA SICUREZZA DEL CITTADINO E DEL TERRITORIO ALLEGATO B RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO PAGINA 1 DI 56

2 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO AI SENSI DELL'ART 6, COMMA 2, LETT. C DELL'AVVISO PUBBLICO SOGGETTO PROPONENTE Comune di Santadi, Piazza Marconi, Santadi (CI) TITOLO DEL PROGETTO Realizzazione della rete di sicurezza del cittadino e dei beni culturali del territorio del Comune di Santadi PAGINA 2 DI 56

3 SEZIONE A. CONTESTO E FINALITÀ a) Motivazioni del progetto (problematiche che s intendono affrontare, sintetica analisi del fenomeno attraverso dati quantitativi e/o qualitativi, esplicitandone le fonti informative utilizzate) Nel corso degli ultimi anni il concetto di sicurezza urbana si è sempre più spostata verso un approccio interdisciplinare e le azioni di sicurezza urbana hanno preso una forma sempre più intimamente correlata al tema della qualità della vita dei cittadini e alla vivibilità delle città. Ciò richiede amministrazioni sempre più abili, soprattutto in un momento storico di scarsità di risorse, di tradurre idee e proposte in politiche efficaci e durevoli, al di là della opportunità di finanziamento del momento. Di fatto, rispondere alla domanda di sicurezza dei cittadini, implica avere chiaro lo scenario in cui essa si qualifica e si manifesta. Sebbene possa apparire scontato affermare che la richiesta di maggiore sicurezza sia fortemente legata alla percezione di un rischio rispetto ad elementi esterni, va evidenziato come tale percezione sia condizionata dalla sensibilità o dal livello di tolleranza che i soggetti riescono a sostenere verso un particolare fenomeno. La sensazione di sicurezza non è pertanto connessa unicamente a parametri probabilistici (cioè alla probabilità statistica che un dato evento si verifichi), ma è influenzata dall'importanza che viene attribuita all'evento in sé1. Tuttavia, come testimonia l'ampia letteratura in materia, l'adozione di strumenti preventivi e pro-attivi di contrasto alla criminalità producono un sentimento di maggiore sicurezza indipendentemente dalla loro reale efficacia. Si può pertanto affermare che ciò che determina maggiore rassicurazione non è tanto (o soltanto) l'annullamento dei fattori di rischio, quanto l'attuazione di politiche che assumano una funzione pro-attiva a tutela della sicurezza. Inoltre, è opinione consolidata che uno dei fattori di maggiore insicurezza nei cittadini non sia tanto, o soltanto, il rischio di essere vittima di un reato, quanto piuttosto il sentirsi "ostaggi" di disordine urbano e in presenza di elementi di disturbo. Se si osservano i principali fenomeni che concorrono a produrre allarme nella popolazione, primo fra tutti il degrado e la scarsa cura dello spazio e delle risorse pubbliche (compreso il patrimonio storico, culturale e paesaggistico) accompagnati dallo scadere delle relazioni sociali) è proprio nella responsabilità del governo locale che i cittadini individuano il soggetto cui porre le loro domande di sicurezza. 1 A questo proposito si può fare un esempio. Le probabilità statistiche di subire o meno un furto nella propria abitazione non sono direttamente correlate alle misure adottate per evitarlo (antifurto, porta blindata, ecc.), quanto piuttosto al contesto generale (territoriale e sociale) in cui l'abitazione si trova. PAGINA 3 DI 56

4 Indipendentemente dalle reali competenze e possibilità, al sindaco (e in forma traslata ad ogni ambito dell'amministrazione locale) viene chiesto di affrontare e risolvere i disagi dei cittadini individuando risposte e soluzioni immediate. Questo aspetto, naturalmente, riguarda molti ambiti delle politiche pubbliche (dall'urbanistica e territorio all'economia e i servizi, dalla cultura all'educazione) ma in particolare il fronte della sicurezza e della vivibilità urbana. Dal punto di vista delle risposte concrete, come accennato in precedenza, nel corso degli anni il concetto di sicurezza urbana si è evoluto andando a definire un frame concettuale entro il quale si inseriscono due principali macro-ambiti d'azione: gli interventi di controllo della microcriminalità e le politiche di rigenerazione urbana. I primi fanno si basano sull idea di sicurezza in termini di controllo e riduzione della criminalità attraverso politiche di prevenzione situazionale o di prevenzione sociale. I secondi fanno riferimento, invece, a tutto ciò che ha a che fare con gli interventi diretti ad aumentare la vivibilità dei centri urbani e del territorio in generale, attraverso politiche di prevenzione sociale e oggi anche alle politiche di valorizzazione e tutela del patrimonio culturale e naturalistico. Sulla base di queste considerazioni, l'amministrazione di Santadi ha concepito un programma (finora rimasto sulla carta per carenza di risorse) indirizzato alla realizzazione di una serie di interventi finalizzati proprio alla sicurezza del cittadino e alla tutela del territorio nel senso più ampio del termine. Nello specifico si tratta di implementare, in maniera graduale, una serie di soluzioni di sicurezza a copertura di tutto il territorio comunale con l'obiettivo strategico non solo di soddisfare una delle esigenze primarie del cittadino, ma congiuntamente fare della sicurezza uno strumento di sviluppo economico, preservando il prezioso patrimonio culturale e naturalistico del comune di Santadi. In questa congiuntura economica così sfavorevole, l'amministrazione Comunale di Santadi nutre il timore che le situazioni di malessere derivati dalla recessione economica possano acuire le situazioni di degrado e generare recrudescenze degli episodi di microcriminalità quali ad esempio: piccoli furti, aggressioni, spaccio di stupefacenti, vandalismo e danneggiamento della cosa pubblica con particolare riferimento alle risorse boschive/naturalistiche (es. foresta di Pantaleo, Grotte di Is Zuddas) e archeologiche (es. il sito di Pani Loriga). Tali ipotesi si rifletterebbero molto negativamente sulla generale qualità della vita dei cittadini e danneggerebbero l'immagine del territorio inibendone il potenziale economico dal punto di vista turistico e della valorizzazione del patrimonio culturale e naturalistico. Dai dati elaborati dal ministero degli Interni si evince che l'intera isola è al di sotto della media nazionale in relazione ai reati denunciati (fonte Istat del 2010). La Sardegna si colloca un po' al di sopra di regioni del nord virtuose sotto il profilo civico e di regioni del sud tradizionalmente marginali rispetto all'andamento della criminalità, a partire da quella organizzata. Si può affermare lo stesso per ciò che riguarda i furti e le rapine, nonostante siano i reati più frequenti. Si può pertanto sostenere che Il Comune di Santadi presenta mediamente le stesse emergenze di ordine pubblico di qualunque altro in PAGINA 4 DI 56

5 Sardegna. E' importante inoltre evidenziare che si sono verificati gravi episodi di furti (o danneggiamenti) di reperti archeologici in siti non custoditi e localizzati nelle zone del Sulcis Iglesiente2. Analoghe considerazioni si possono fare per quanto attiene alle minacce al patrimonio naturalistico con particolare riferimento agli incendi dolosi che da sempre attanagliano l'intero Sulcis3 Si è provveduto pertanto a svolgere una dettagliata fase di studio con l'obiettivo di: eseguire gli opportuni approfondimenti ai fini della conoscenza e definizione dei problemi che si intendono affrontare individuare obiettivi sostenibili elaborare interventi complementari e funzionali agli obiettivi valutare impatto e sostenibilità degli interventi 1. Il primo aspetto preso in considerazione è relativo alla conoscenza del contesto territoriale e dei problemi di sicurezza che lo caratterizzano. Al fine di elaborare interventi mirati e tagliati su esigenze reali, si è provveduto a svolgere approfondimenti circa i fenomeni che all'interno del territorio creano, o sono destinati a creare, maggiori preoccupazioni, i fattori che li determinano o le aree del territorio interessate. Ciò con il coinvolgimento di molteplici soggetti che possono offrire un punto di vista sui problemi del territorio e lavorare per la sicurezza della comunità, quali autorità locali; forze dell ordine; operatori sociali, sanitari, educativi; comunità accademica; operatori commerciali; giustizia minorile; esponenti della società civile (membri di minoranze, gruppi giovanili, gruppi religiosi ). L'Amministrazione ha ritenuto questa fase un elemento imprescindibile per l attuazione di politiche effettivamente capaci di incidere sulla promozione della sicurezza, e a tal fine ha messo a confronto diversi settori dell ente mettendo insieme differenti ambiti e livelli di competenza. Tale approccio ha consentito lo scambio di conoscenze ed esperienze sulle criticità locali focalizzandosi sui problemi reali, concreti ed effettivamente presenti nel contesto territoriale (o in una specifica area di esso), e ad avere una migliore comprensione non solo delle problematiche e delle aspettative rispetto alla loro presa in carico, ma anche delle risorse e delle potenzialità per affrontarle con maggior successo. Ciò ha determinato l'attribuzione di livelli di priorità ai problemi sui quali si ritiene di dover intervenire primariamente, evitando sprechi di tempo e di risorse. I risultati di questa fase di analisi hanno condotto all'identificazione di alcune fragilità importanti, tra le quali si riportano: 2 ; il-ritorno-dellarciere-nuragico.html ; km-di-macchia ndi.kl PAGINA 5 DI 56

6 l'individuazione delle zone più esposte a rischio, di elevato pregio o ad elevata densità di soggetti potenzialmente a rischio (bimbi, anziani, donne, ecc.): scuole (elementari e medie inferiori), uffici, piazze, museo, sito archeologico di Pani Loriga, foresta di Pantaleo, grotte IS Zuddas; la verifica dello stato di strumenti di monitoraggio e controllo a tutela del centro abitato. E' presente un sistema di videosorveglianza oramai datato e obsoleto(del 2000 circa), non in grado di fornire servizi e copertura adeguati ai punti importanti della città; la verifica della totale assenza di strumenti di tutela, monitoraggio e controllo in punti strategici del territorio comunale dove sono localizzate risorse naturalistiche e archeologiche di inestimabile valore che andrebbero preservate in ogni modo. 2.Il secondo punto ha a che fare con la definizione di obiettivi sostenibili per l'amministrazione, e cioè adeguati, realistici ed effettivamente praticabili oltre che inerenti alle proprie competenze istituzionali. Nel concreto, si sono ritenuti sostenibili gli obiettivi che, in riferimento alle criticità che si è inteso affrontare, fossero in grado non solo di dare risposte ai problemi individuati ma anche calibrarle alla reale rilevanza e gravità in rapporto al contesto e al livello territoriale nel quale si inseriscono. Si è inoltre inteso definire obiettivi finalizzati a determinare la percezione di sicurezza, rassicurazione, elevata qualità della vita, attraverso azioni, non fini a se stesse, quanto piuttosto inserite in un quadro strategico più ampio. In tale ottica si è data un'elevata priorità a tutti quegli interventi che potenzialmente possono soddisfare più di un esigenza. Ad esempio, se si ipotizzano interventi per la sicurezza del sito archeologico di Pani Loriga e/o della foresta di Pantaleo, è evidente come la protezione di tali risorse si traduca anche in preservazione e valorizzazione, fattori che hanno l'effetto di aumentare le opportunità/potenzialità di un maggiore impatto economico sul territorio. In altre parole si crea un connubio sicurezza-sviluppo economico che in tempi di recessione non può in alcun modo essere trascurato. A tali obiettivi si aggiungono inoltre gli interventi di elevata priorità che riguardano la tutela delle fasce di popolazione particolarmente vulnerabili: bimbi, anziani e donne. 3.Poiché affrontare il problema della sicurezza è di particolare complessità e interessa trasversalmente l azione di più settori dell amministrazione, l'amministrazione di Santadi ha ritenuto di definire un programma di interventi differenti, sebbene tra loro complementari e integrati. Le azioni complementari si configurano come interventi che: agiscono su più ambiti tematici affrontando il problema da diversi punti di vista e coniugando approcci differenti. Si pensi ad esempio, agli interventi che affrontano le problematiche legate alla prevenzione e gestione di situazioni di conflitto e aggressività all interno delle scuole e per le quali, per non pregiudicarne l'efficacia, si provvederà a coinvolgere tutti i portatori di interesse (es. corpo docente, famiglie, enti/servizi diversi). Di fatto l'amministrazione è perfettamente PAGINA 6 DI 56

7 consapevole del fatto che un intervento per essere realmente efficace necessita di essere progettato e condiviso insieme alle altre istituzioni locali e alle realtà sociali, associative e formative che agiscono sul territorio in modo da ottimizzare gli sforzi ed evitare sovrapposizioni. In questo caso specifico i portatori di interesse sono diversi: dalle forze dell ordine alle istituzioni scolastiche, dalla soprintendenza archeologica ad altri enti che svolgono servizi di pubblica utilità (es. Corpo Forestale). Il Comune intende di fatto riferirsi ad un modello di sicurezza partecipata. 4. Una fase particolarmente importante per l'amministrazione è stata la definizione degli strumenti di governance degli interventi e delle metriche per la valutazione dei relativi risultati e sostenibilità nel tempo. A tal fine si adotteranno adeguati strumenti di monitoraggio e valutazione degli esiti delle singole fasi di attuazione in modo da definire, qualora necessari, eventuali azioni correttive in corso d opera e misurare, al suo completamento, impatti e fattori di successo dell intervento. Al pari della valutazione, altro tema centrale è quello della sostenibilità delle azioni perpetrate nel tempo. Per sostenibilità l'amministrazione intende riferirsi alla proprie capacità di dare continuità agli interventi e mantenerne i benefici dopo la sua conclusione. Gli aspetti dei quali si terrà conto sono di varia natura: di tipo politico-istituzionale, legati alla misura in cui gli obiettivi degli interventi verranno sostenuti dalle istituzioni e dagli enti competenti dopo la sua conclusione di tipo organizzativo, intesi come le capacità gestionali che i soggetti responsabili della fase successiva a quella esecutiva acquisiranno per garantirne l attuazione e il proseguimento di tipo economico e finanziario, riferiti alla capacità di garantire il reperimento delle risorse economiche necessarie per sostenere i servizi degli interventi. di tipo ambientale relativi all'impatto degli interventi sul contesto locale. b) Strategia e obiettivi del progetto, risultati attesi, soprattutto in relazione alle problematiche di sicurezza presenti nel territorio e in particolare enumerazione dei fenomeni criminali che ne frenano il potenziale sviluppo Richiamando quanto già accennato nella sezione precedente, la strategia che l'amministrazione intende seguire per la realizzazione degli interventi si basa sul concetto di integrazione delle politiche di sicurezza. Un tale approccio pone al centro il ruolo delle articolazioni decentrate dello Stato (la Regione, con ruolo di programmazione e indirizzo e i comuni in veste di attori principali e snodi di attuazione) e determina una rete di collaborazione tra le stesse e gli stakeholder del programma di interventi; ciò al fine di raggiungere l obiettivo di una maggiore sicurezza delle comunità e una migliore qualità della vita. PAGINA 7 DI 56

8 Quando si parla di politiche integrate di sicurezza Il Comune di Santadi presta particolare attenzione ad alcuni aspetti tra i quali si citano: 1. l'aspetto politico-strategico per il quale il tema sicurezza urbana viene trattato tenendo conto dei suoi molteplici legami con ambiti di intervento differenti, come quello sociale, urbanistico, di prevenzione e repressione della criminalità (pubblica sicurezza) e stabilendo le opportune forme di collaborazione con vari soggetti: dalle forze dell'ordine (Polizia, Carabinieri, Corpo Forestale) alle scuole, dai diversi servizi dell'amministrazione Comunale alle strutture museali, dalle scuole a; 2. l' aspetto organizzativo, per cui adottare una politica integrata della sicurezza implica l'integrazione organizzativa tra i diversi settori dell amministrazione e i diversi stakeholder; 3. l' aspetto operativo che integra nell azione concreta le diverse strategie, le competenze e le modalità d'azione. A quanto già indicato occorre aggiungere un ulteriore elemento costituito dalla comunicazione pubblica. La strategia di comunicazione è infatti l'ultimo anello di una politica integrata. La capacità di avere una strategia di comunicazione e mettere in relazione la comunicazione agli interventi costituiscono un fattore chiave per la corretta percezione degli stessi interventi da parte degli stakeholder, cittadini in primis. E oggi, in un momento di grave recessione economica, riuscire a condividere correttamente obiettivi e relative modalità di attuazione è probabilmente la sfida più grande. Come già accennato nelle precedenti sezioni, l'amministrazione di Santadi ha concepito un programma con l'obiettivo di realizzare un'articolata (e integrata) e di una serie di interventi finalizzati alla sicurezza del cittadino e alla tutela del territorio nel senso più ampio del termine. Si tratta pertanto di mettere in piedi, in maniera graduale, modulare e integrata, una serie di soluzioni di sicurezza a copertura di tutto il territorio comunale con l'obiettivo strategico non solo di soddisfare una delle esigenze primarie del cittadino, ma congiuntamente fare della sicurezza uno strumento di sviluppo economico, preservando il prezioso patrimonio culturale e naturalistico del comune di Santadi. La preoccupazione per la criminalità costituisce ormai da anni uno dei temi principali motivi di apprensione dei cittadini con particolare riferimento alla criminalità comune, l insieme degli omicidi, delle violenze, dei furti, delle rapine e degli atti vandalici a danno della cosa pubblica ai quali i media danno ampia eco. Rispetto ad altri fenomeni di carattere sociale i dati che riguardano la criminalità richiedono maggiori cautele nell interpretazione e nella lettura, e questo per diversi motivi. Innanzitutto, perché un reato venga inserito nelle statistiche giudiziarie non è sufficiente che sia stato commesso; occorre anche che esso venga rivelato da qualcuno, reso noto alle Forze di polizia o ad un organo del sistema penale, e infine correttamente registrato. Il numero dei reati registrati nelle statistiche ufficiali rappresenta, quindi, PAGINA 8 DI 56

9 solo una parte di quelli effettivamente compiuti. Molti reati, infatti, pur essendo stati commessi, restano nascosti e non vengono registrati. Gli omicidi, per fare solo l esempio più evidente, difficilmente sfuggono alla rilevazione da parte delle Forze dell'ordine, mentre non è lo stesso per un reato come il furto, dove è forte la tendenza da parte della vittima a valutare costi e benefici per decidere se comunicare l evento, cioè denunciare l accaduto alle Forze di polizia. In altri casi (ad esempio nei reati a sfondo sessuale) sono invece fattori di tipo culturale. Nel caso delle violenze sessuali, ad esempio, sappiamo che queste sono denunciate in meno del 10% dei casi.4 Questi considerazioni fanno emergere la ragione per la quale i cittadini, soprattutto quelli appartenenti alle fasce più deboli (es. anziani, bimbi, donne, soggetti diversamente abili) nutrono il timore di poter assurgere al ruolo di vittime. I dati mostrano però che tale apprensione varia a seconda della zona del Paese, ed è più elevata al Sud che al Nord e al Nord che al Centro.5. All'interno di questo quadro generale si inserisce la realizzazione dei singoli interventi e nello specifico sono previsti i seguenti moduli: Modulo 1. Realizzazione/adeguamento di un sistema di videosorveglianza per la sicurezza del cittadino e del territorio di Santadi: modulo inerente il centro abitato e il sito archeologico di Pani Loriga (presente proposta); Modulo 2. Realizzazione/adeguamento di un sistema di videosorveglianza per la sicurezza del cittadino e del territorio di Santadi: foresta di Pantaleo (da realizzarsi successivamente); Modulo 3. Realizzazione/adeguamento di un sistema di videosorveglianza per la sicurezza del cittadino e del territorio di Santadi: grotte di Is Zuddas (da realizzarsi successivamente); Tali moduli, come più volte rimarcato, scaturiscono dall esigenza di monitorare il territorio del Comune e fornire un supporto tecnologico alle operazioni delle forze dell ordine. Attraverso lo strumento del sistema di videosorveglianza si vuole ottenere l obiettivo di migliorare le condizioni di vivibilità della cittadina di Santadi e fornire un supporto ad alto contenuto tecnologico per le operazioni di controllo del territorio. In particolare il sistema da realizzare avrà il duplice scopo di costituire un deterrente verso atti criminosi (in zone coperte dal sistema), e di rappresentare un aiuto per le autorità competenti per risalire ad eventuali atti criminosi avvalendosi delle immagini registrate. Il progetto si pone come obiettivo fondamentale il monitoraggio del territorio e quello di fornire un supporto tecnologico alle operazioni delle forze dell ordine. La strategia da adottare si basa sull intenzione di voler controllare, oltre al sito di Pani Loriga, l area urbana più trafficata, gli scenari in prossimità di edifici comunali di rilievo, le scuole, nonché le zone PAGINA 9 DI 56

10 storicamente o potenzialmente soggette ad atti vandalici. A tale scopo il progetto deve essere realizzato nell ottica di costruire un sistema in grado di rilevare le persone che si trovano all interno delle aree monitorate e visualizzare gli scenari in prossimità degli edifici comunali di rilievo. L Amministrazione ha fissato pertanto i seguenti obiettivi principali: Creare un sistema di videosorveglianza che permetta di monitorare in tempo reale i siti di interesse relativamente alla sicurezza urbana e combattere eventuali fenomeni di microcriminalità (es. vandalismo); Archiviare, per una successiva consultazione, le sequenze di fotogrammi acquisite da tutte le telecamere per un tempo limitato alle finalità dell amministrazione e nel rispetto degli attuali vincoli posti dalla legge. c) Destinatari dell intervento (indicando numerosità, tipologia e principali caratteristiche del gruppo target), efficacia delle soluzioni; Santadi è un comune di circa 3600 abitanti (dati censimento 2011), distribuiti in un ampio territorio pianeggiante, attorniato da zone gradatamente più mosse ed aspre. Ai fini dell'analisi della struttura sua popolazione sono state considerate tre fasce d'età: giovani 0-14 anni, adulti anni e anziani 65 anni ed oltre. In base alle diverse proporzioni fra tali fasce di età, la struttura di una popolazione assume diverse forme e viene definita di tipo progressiva, stazionaria o regressiva a seconda che la popolazione giovane sia maggiore, equivalente o minore di quella anziana. Lo studio di tali rapporti è importante per valutare alcuni impatti sul sistema sociale, ad esempio sul sistema lavorativo, su quello sanitario o ancora, come in questo caso, della sicurezza. PAGINA 10 DI 56

11 Anno 1 gennaio 0-14 anni anni 65+ anni Totale residenti Età media , , , , , , , , , , ,7 Il grafico seguente riporta invece la distribuzione della popolazione di Santadi per classi di età da 0 a 18 anni al 1 gennaio 2012 (elaborazioni su dati ISTAT). E quindi la potenziale utenza per le scuole, evidenziando con colori diversi i differenti cicli scolastici (asilo nido, scuola dell'infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di I e II grado) e gli individui con cittadinanza straniera. Dai dati sopra riportati, appare evidente che esiste un'ampia fascia della cittadinanza (circa il 50%) che appartiene a categorie per loro natura vulnerabili (bimbi, ragazzi, donne e anziani) che più di altri necessitano di essere protetti dalle minacce che possono annidarsi nelle pieghe della microcriminalità: piccoli furti, aggressioni, episodi di bullismo, spaccio di stupefacenti, PAGINA 11 DI 56

12 vandalismo e danneggiamento della cosa pubblica. Lo spirito con quale nasce il progetto, è in definitiva quello di definire un contesto controllato e sicuro che ha origine nel luogo dove il cittadino incontra il sapere per la prima volta: la scuola (dal nido alla scuole secondarie) e prosegue, sempre protetto, in tutti i luoghi della storia (il museo archeologico e il sito di Pani Loriga), della natura (la foresta di Pantaleo e le grotte di Is Zuddas) e della tradizione (museo del Vino) della propria terra. All'interno di quel percorso ideale (e protetto) trovano posto, l'accoglienza e la valorizzazione, sia dal punto di vista culturale/intellettuale che economico, di ogni singola risorsa. L'intervento è pertanto in grado di apportare alla città sia benefici diretti, in termini di incremento della percezione di sicurezza della popolazione (di cui circa il 50% appartiene a fasce deboli ), sia benefici indiretti dato che influisce sulla cura e conservazione delle risorse del territorio contribuendo al suo sviluppo. PAGINA 12 DI 56

13 SEZIONE B. DESCRIZIONE DEL PROGETTO (Descrivere sinteticamente la proposta progettuale trattando in maniera particolare gli argomenti indicati nell Art. 6, comma 2, lett. c, punto C.2. dell Avviso Pubblico effettuando l illustrazione dei medesimi in punti separati) a) Topologia dell infrastruttura di rete di videosorveglianza e/o di telecontrollo, con allegate planimetrie descrittive dei punti di installazione degli apparati con annesse tabelle riepilogative Attraverso la Videosorveglianza l Amministrazione intende salvaguardare l incolumità dei propri cittadini, favorire il controllo di aree sensibili, migliorare il controllo del territorio a tutela del bene comune. In altri termini si intende realizzare le condizioni per intraprendere una rapporto più stretto tra Amministrazione e la cittadinanza, ed altre amministrazioni, creando contenuti per una efficace protezione e sicurezza, un adeguata informazione e un monitoraggio costante. La realizzazione e la gestione del sistema di videosorveglianza è finalizzata a: prevenire fatti criminosi attraverso un azione di deterrenza che la presenza di telecamere è in grado di esercitare; favorire la repressione degli stessi fatti criminosi qualora avvengano nelle zone controllate dalle telecamere ricorrendo alle informazioni che il sistema sarà in grado di fornire; rassicurare i cittadini attraverso una chiara comunicazione sulle zone sorvegliate. creare, attraverso la rete di comunicazione necessaria per il collegamento dei punti di ripresa, una struttura abilitante in grado di offrire molteplici attraverso sistemi informativi, di telemisurazione e telecontrollo, servizi di inclusione sociale digitale. Il modulo di videosorveglianza permette di tenere sotto controllo i punti più critici dell area Comunale e della rete stradale. Sul territorio il sistema previsto è composto da telecamere controllate da remoto (brandeggio e zoom) e collegate, attraverso opportune interfacce, direttamente alla rete telematica. La rete è costituita da un insieme di collegamenti accomunati dal protocollo IP che né determinano l interoperabilità tra sezioni eterogenee, preesistenti e di futura realizzazione. Le sezioni possono essere di diversa natura quali ponti radio, fibra ottica e cablaggio in rame, secondo un architettura ben determinata. Le immagini ad alta definizione provenienti dai punti di ripresa, possono essere trasmesse in tempo reale alla Sala Operativa della Polizia Municipale, per la quale costituisce un rilevante strumento di supporto alla gestione delle situazioni di emergenza, come incidenti e situazioni di pericolo. Una lunga lista di efficaci funzionalità di analisi video permette di generare azioni automatizzate di ausilio PAGINA 13 DI 56

14 al corpo di polizia quali registrazione, allarme, evidenziazione o attuazioni in genera in base a molteplici fattori. I sistemi di analisi sono in grado di riconoscere attività specifiche per i settori più utili all amministrazione quali: comportamentale, beni artistici, stradale, ambientale, sicurezza perimetrale. l modello architetturale di riferimento è a livelli gerarchici ovvero stabilisce dei moduli base che possono essere integrati da un livello superiore per costituire una struttura più ampia favorendo la scalabilità della soluzione e l aggregazione di più sistemi e amministrazioni nella realizzazione e utilizzo di un sistema vasto. Le relazioni tra blocchi logici dell impianto sono gerarchiche, una parte localizzate nel sito locale ed una parte centrale, in conformità con l organizzazione e le procedure previste dalle amministrazioni comunali. Tutti i blocchi funzionali sono da considerare facenti parte di un unica piattaforma distribuita e multiservizio caratterizzata dalla gestione condivisa delle risorse fisiche dell impianto e dalla separazione logico-applicativa dei servizi erogati attraverso uno strato di virtualizzazione. Ogni componente della piattaforma è validata per la sua interoperabilità garantita grazie all utilizzo di standard applicativi e di comunicazione. Applicativi di analisi video e registrazione Dispositivi di elaborazione dati e storage Elementi della sala operativa Dispositivi di ripresa Infrastruttura di trasporto Il sistema funzionale che permette di realizzare tutte le funzioni logiche previste dal sistema di videosorveglianza prevede architetture di nuova generazione che presentano caratteristiche innovative quali: Supporto delle funzioni di virtualizzazione avanzate, comprendenti sia la virtualizzazione software che il supporto dell infrastruttura di rete sottostante, al fine di garantire un elevato grado di adattabilità ed efficienza nell utilizzo delle risorse di calcolo, di rete e di storage messe a disposizione. Elevato grado di consolidamento con integrazione in un unico dispositivo delle funzionalità di Computing, Storage, routing avanzato, security, switching con modularità e scalabilità tali da consentire di la crescita e la flessibilità della realizzazione in un sistema di più semplice gestione, con basso TCO ed alta efficienza energetica. PAGINA 14 DI 56

15 a.1) Topologia dell infrastruttura di rete di videosorveglianza Alla base del progetto risiede la realizzazione di una Rete Cittadina capace di collegare ad alta velocità i siti oggetto di intervento. Attraverso questa rete di collegamenti sicuri e performante è possibile, con opportune abilitazioni di sicurezza, veicolare a tutte le informazioni previste dal progetto di Videosorveglianza, con riferimento alle informazioni multimediali provenienti dai dispositivi di ripresa. La rete è altresì in grado di collegare innumerevoli dispositivi a comunicazione bidirezionale, per migliorare i servizi al cittadino, quali pannelli informativi, hot spot, sistemi di misurazione e controllo di ogni genere. La tecnologia di trasporto Ethernet/IP che rappresenta lo standard di fatto per tutte le comunicazioni dalle reti locali a quelle geografiche con estensione mondiale, garantisce la facilità di integrazione con strutture ed apparati esistenti nonché future realizzazioni di rete e dispositivi di ogni classe e genere. Il progetto è modulare, ossia composta da moduli elementari che consentono una realizzazione per step, possibilità di espansione futura, capacità di integrazione per ogni modulo e con ogni modulo, garanzia di evoluzione e transizione da contesti eterogenei con gradualità, senza impatti rilevanti. Nella progettazione dell infrastruttura di rete della soluzione, si è tenuto conto di una lista di requisiti di carattere generale: PERFORMANCE - Capacità di banda disponibile - Capacità di offrire ampiezza di banda adeguata per le esigenze presenti e future, allineando l infrastruttura allo stato dell arte del mercato PROFILAZIONE - gestione dei profili di traffico - Capacità di ridefinire politiche di limitazione del traffico in accordo con i livelli di servizio richiesti, accordandosi su opportune priorità e standard di classificazione del traffico SCALABILITA - Capacità di crescita dei punti di attestazione e della banda, sfruttando le potenzialità dell infrastruttura, con conseguente maggiore scalabilità e robustezza MODULARITA - Capacità di adattabilità alle dimensioni dell area da monitorare partendo da soluzioni minimali ed estendendo l architettura in modo progressivo e modulare sulla base del numero dei dispositivi di campo da gestire che delle caratteristiche aggiuntive di elaborazione. FLESSIBILITA capacità delle architetture software e hardware a adattarsi alle varie caratteristiche delle aree in monitoraggio prevedendo connettività sia wiress che wired pur mantenendo gli alti livelli di qualità del trasporto del segnale video. QUALITA DEL SERVIZIO (QoS) - capacità di definire classi di servizio, differenziando il traffico in rete secondo le intrinseche caratteristiche di banda, latenza, criticità. Privilegiare il traffico real-time e critico rispetto a quello a bassa priorità, per una migliore efficienza e sicurezza. PAGINA 15 DI 56

16 GESTIONE - Capacità di monitorare e modificare lo stato della rete in modo più semplice, aggiungendo allo stesso tempo stabilità e funzionalità alla topologia logica. INTEROPERABILITA capacità di integrarsi con interventi esistenti e futuri tramite l adozione di standard aperti di comunicazione. Data la natura e criticità dei dati in transito sull infrastruttura, il progetto della rete privilegia la qualità e capacità degli apparati di realizzare funzionalità specifiche consentendo la coesistenza di traffico video a bassa latenza, e traffico dati di controllo, per il mantenimento del più elevato livello di servizio. Gli apparati previsti nel progetto forniscono prestazioni in linea con i livelli di servizio richiesti una rete cittadina di sicurezza quali: Disponibilità di servizio di connettività wireless e wired IP: i dispositivi previsti permettono di realizzare una infrastruttura altamente affidabile, resiliente e performante con diversi supporti di collegamento; Sicurezza integrata dalle prestazioni elevate: le funzionalità dei servizi di sicurezza sono integrate ed eseguite senza influenzare le prestazioni di inoltro del traffico. Tale struttura sarà realizzata principalmente con apparati radio WiFi/Hiperlan ad alte prestazioni capaci di una velocità massima di 300Mbps ed una capacità di banda (Throughput) fino a 150Mbps. Essendo modulare, la rete permetterà in futuro di essere espansa per la connessione di ulteriori punti. La topologia di rete risulta di tipo stellare gerarchico adattata alla disponibilità e fattibilità dei link di collegamento ed all utilizzo ed integrazione dei collegamenti esistenti. Sono state individuate differenti tipologie di collegamento, in funzione della posizione geografica delle sede, rispetto al centro di controllo che costituisce il punto di arrivo dei flussi informativi. Il seguente schema rappresenta l intera rete di collegamento dove sono realizzati collegamenti Punto Punto o Punto-Multipunto secondo la disposizione e capacità richiesta per i diversi siti. L utilizzo di antenne dedicate con direttività prestabilita permette di realizzare collegamenti robusti tramite le funzioni WDS. La medesima rete di trasporto può inoltre essere estesa in modalità mesh in aree contigue ai punti di accesso alla rete, costituendo zone di copertura radio per l erogazione di servizi al personale e/o ai cittadini. Di seguito sono illustrate le disposizioni degli apparati sul territorio e la topologia dell infrastruttura di rete. PAGINA 16 DI 56

17 Fig. Topologia dell infrastruttura di rete PAGINA 17 DI 56

18 Fig. Disposizione complessiva sul territorio Fig. Particolare Collegamenti da Municipio a punti C-D-F PAGINA 18 DI 56

19 Fig. Particolare Punto collegamento G (Paniloriga) La complessità architetturale della rete di trasporto dipende dalla dislocazione dei siti, morfologia del territorio e disponibilità di punti di appoggio, di conseguenza, tale elemento infrastrutturale, può caratterizzarsi dai singoli apparati fino a infrastrutture con molteplici dispositivi che realizzano strutture di base station, punti di rilancio o distribuzione etc. come evidenziate negli schemi. La struttura completa della rete di trasporto è riconducibile alla disponibilità di connettività e relativi servizi di rete di diverso tecnologia con particolare riferimento alla rete in fibra ottica e quella radiolan. Tale livello di trasporto dati rappresenta uno dei punti più critici dell intera infrastruttura per la varietà delle tipologie di servizio e natura del traffico da aggregare quali dati sensibili video per servizi di sorveglianza e servizi dati in generale. PAGINA 19 DI 56

20 Oltre alla molteplice tipologia di connettività, il livello di trasporto dati deve garantire quindi la raccolta dei dati dai dispositivi di campo e la flessibile e scalabile disponibilità ad accogliere nuovi servizi in visione dei requisiti di servizi addizionali. Il blocco funzionale di Infrastruttura di trasporto deve quindi garantire le seguenti caratteristiche: affidabilità, scalabilità, resilienza connettività attraverso reti ethernet/ip performance e aspetti Carrier class confidenzialità del dato gestito connettività attraverso servizi wi-fi resistenza ad agenti da ambiente esterno e standard industriali discriminazione del traffico sicurezza dei dispositivi Le tecnologie innovative presenti al livello di trasporto costituiscono un insieme di funzionalità e protocolli in grado di sostenere le performance e la scalabilità richieste dai requisiti di progetto. a.1.1) Caratteristiche di riferimento componenti di comunicazione Per la parte accesso ai servizi di connettività di rete switching ethernet/ip sono state definite le seguenti caratteristiche: resistenza ad ambiente esterno secondo standard industriali alimentazione ridondata supporto di porte switching ad alta velocita 10/100/1000 autosensing supporto di protocolli industriali e ethernet resiliente a di convergenza veloce struttura di switching Line rate/non-blocking elevati standard di sicurezza aderenza agli standard internazionali Per la parte di aggregazione dei servizi di connettività di rete wifi sono state definite le seguenti caratteristiche: PAGINA 20 DI 56

Analisi e necessita della sicurezza e del controllo del territorio

Analisi e necessita della sicurezza e del controllo del territorio CBCom Sistemi Integrati di Videosorveglianza HD over WLAN Analisi e necessita della sicurezza e del controllo del territorio Le esigenze dei cittadini e delle aziende soprattutto nei Comuni al di sotto

Dettagli

CONTROLLO DEL TERRITORIO

CONTROLLO DEL TERRITORIO PROGETTO Nuvolento VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO Sicurezza Urbana Relazione Tecnica di gara Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:... 4 Architettura generale:... 4 Localizzazione:...

Dettagli

INNOVATION CASE. Sistema di controllo del traffico in una galleria autostradale

INNOVATION CASE. Sistema di controllo del traffico in una galleria autostradale Sistema di controllo del traffico in una galleria autostradale INNOVARE: COSA? L IDEA Ovunque nel mondo si assiste ad un aumento della densità del traffico veicolare. Il fenomeno porta con sé un enorme

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE INDICE...1 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...2 2. CARATTERISTICHE TECNICHE...6 2.1 Apparati video...6 2.2 Apparati di videoregistrazione...6 2.3 Apparati di rete wireless...7 2.4 Sistema di centralizzazione

Dettagli

Promelit DiMavision. Video OverIP. DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza.

Promelit DiMavision. Video OverIP. DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza. Promelit DiMavision Video OverIP DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza. DiMavision. Il sofware per gestire il sistema di videosorveglianza in modo facile, efficace, distribuito

Dettagli

Promelit DiMavision. Video OverIP. DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza.

Promelit DiMavision. Video OverIP. DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza. Promelit DiMavision Video OverIP DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza. DiMavision. Il sofware per gestire il sistema di videosorveglianza in modo facile, efficace, distribuito

Dettagli

Sistemi di sorveglianza IP Axis. Possibilità infinite per la videosorveglianza.

Sistemi di sorveglianza IP Axis. Possibilità infinite per la videosorveglianza. Sistemi di sorveglianza IP Axis. Possibilità infinite per la videosorveglianza. Il settore della videosorveglianza è costantemente in crescita, grazie a una maggiore attenzione alla sicurezza da parte

Dettagli

Videosorveglianza digitale di alta qualità in ogni angolo

Videosorveglianza digitale di alta qualità in ogni angolo Videosorveglianza digitale di alta qualità in ogni angolo Dopo l 11 settembre l esigenza relativa a progetti di videosorveglianza digitale in qualunque tipo di organizzazione e installazione è aumentata

Dettagli

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager MobiMESH Wireless Mesh a banda larga Ing. Stefano Napoli Product Manager Un paradigma di networking Architettura di rete MobiMESH Rete Cablata: integrata nel routing Backbone: infrastruttura wireless multihop

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

PROGETTO TORTOLÌ SICURA

PROGETTO TORTOLÌ SICURA PROGETTO TORTOLÌ SICURA VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA DI GARA Progetto Sicurezza Urbana del territorio Comunale di Tortolì Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:...

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Il sistema di videosorveglianza urbana è un impianto asservito a sorveglianza del territorio costituito da telecamere installate opportunamente

Dettagli

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO...

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... 2 ELENCO SITI ED ATTIVITÀ... 3 POLIZIA LOCALE... 3 VARCO NORD VIALE PORTA ADIGE... 3 VARCO SUD VIALE PORTA PO... 4 VARCO EST VIALE TRE MARTIRI... 4 CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

www.wireless-led.com Wireless LED Control for Indoor & Outdoor Lighting

www.wireless-led.com Wireless LED Control for Indoor & Outdoor Lighting www.wireless-led.com Wireless LED Control for Indoor & Outdoor Lighting Indoor Smart Building INDOOR LIGHTING Gli edifici del futuro saranno in grado di acquisire dai propri sistemi informazioni utili

Dettagli

VECTIS HX NVS quando la precisione conta davvero

VECTIS HX NVS quando la precisione conta davvero VECTIS HX NVS quando la precisione conta davvero Software di videosorveglianza di rete ad alte prestazioni con funzionalità Full HD. www.ssp-cctv.com Answers for infrastructure. Un nuovo software video

Dettagli

Cloud Road Map Easycloud.it

Cloud Road Map Easycloud.it Cloud Road Map Pag. 1 è un Cloud Service Broker(CSB) fondata nel 2012 da Alessandro Greco. Ha sede presso il Parco Scientifico Tecnologico ComoNExT, situato in Via Cavour 2, a Lomazzo (Como). La missione

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INDICE 1. PREMESSA 4 2. ARCHITETTURA RETI MESH 5 3. DISPOSITIVI

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CITTÀ INTELLIGENTE

LA GESTIONE DELLA CITTÀ INTELLIGENTE SIM INGEGNERIA SRL info@simingegneria.it, LA GESTIONE DELLA CITTÀ INTELLIGENTE Referente Arch. S. Martorelli tel. +39.335.607.3120 La Città Intelligente Servizi integrati in un unico sistema per il contesto

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

TSecNet. Soluzioni per la security Bologna 29 marzo 2012. Pietro Cecilia. Tecnology Security Networking

TSecNet. Soluzioni per la security Bologna 29 marzo 2012. Pietro Cecilia. Tecnology Security Networking TSecNet Tecnology Security Networking Soluzioni per la security Bologna 29 marzo 2012 Pietro Cecilia Chi Siamo - Dove Siamo TSecNet nasce per soddisfare le sempre più crescenti esigenze di sicurezza con

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DI COMUNI MONTANA LUNIGIANA Approvato con deliberazione di Consiglio N 7 del 2013 INDICE 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1. STUDIO CASTAGNO Progettazione e consulenza

12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1. STUDIO CASTAGNO Progettazione e consulenza CRONOPROGRAMMA 12_001_PE_Tav10_Cronoprogramma_Rev01.doc Tavola 10.Rev01 Pagina 1/1 COMUNE DI VALENZA (AL) FORNITURA E POSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NELLE FRAZIONI MONTE VALENZA E VILLABELLA

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLE FUNZIONI DI ORGANIZZAZIONE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE, GESTIONE FINANZIARIA E CONTABILE E CONTROLLO TRA I COMUNI DI ARQUA POL., FRASSINELLE POL., COSTA DI

Dettagli

MobiMESH. Presentazione tecnico-commerciale. Ing. Stefano Napoli Product Manager

MobiMESH. Presentazione tecnico-commerciale. Ing. Stefano Napoli Product Manager MobiMESH Presentazione tecnico-commerciale Ing. Stefano Napoli Product Manager Un paradigma di networking Architettura di rete MobiMESH Rete Cablata: integrata nel routing Backbone: infrastruttura wireless

Dettagli

I SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE AUTOMATICA PER LA SICUREZZA WHITE PAPER SIRMI SPA

I SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE AUTOMATICA PER LA SICUREZZA WHITE PAPER SIRMI SPA I SISTEMI DI IDENTIFICAZIONE AUTOMATICA PER LA SICUREZZA WHITE PAPER SIRMI SPA e Wise Media S.p.A. per Maggio 2009 SIRMI assicura che la presente indagine è stata effettuata con la massima cura e con tutta

Dettagli

La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati

La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati Affidabilità nel servizio precisione negli strumenti Chanda LPR Chanda LPR è una piattaforma

Dettagli

onlinesecurity sicurezza la piattaforma della sicurezza www.onlinesecurity.it Per i privati, le aziende ed i Provider Sicurezza

onlinesecurity sicurezza la piattaforma della sicurezza www.onlinesecurity.it Per i privati, le aziende ed i Provider Sicurezza onlinesecurity la piattaforma della sicurezza 2010 Release 2.0 Designed for Security Per i privati, le aziende ed i Provider Sicurezza le migliori tecnologie per la massima sicurezza www.onlinesecurity.it

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far

Dettagli

Soluzioni innovative per la protezione delle Agenzie Bancarie

Soluzioni innovative per la protezione delle Agenzie Bancarie Soluzioni innovative per la protezione delle Agenzie Bancarie Pierfrancesco Poce IT Executive Consultant Safety & Security Leader p_poce@it.ibm.com Soluzioni, strumenti e metodologie per una nuova strategia

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE 1/11 1. Oggetto del presente capitolato Il, intende dotare l Area cimiteriale comunale, compresa tra via Rimembranza ad Ovest, via della Centuriazione

Dettagli

Sistema multimediale per conferenze DCN Informare. Sorprendere. Ispirare.

Sistema multimediale per conferenze DCN Informare. Sorprendere. Ispirare. Sistema multimediale per conferenze DCN Informare. Sorprendere. Ispirare. 2 Sistema multimediale per conferenze DCN di Bosch Informare. Sorprendere. Ispirare. E spingere le persone all'azione Motivare

Dettagli

Descrizione servizio Websense Hosted Mail Security

Descrizione servizio Websense Hosted Mail Security Descrizione servizio Websense Hosted Mail Security Alla luce della crescente convergenza delle minacce nei confronti del Web e della posta elettronica, oggi è più importante che mai poter contare su una

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC Soluzioni per le PMI Windows Server 2012 e System Center 2012 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VILLASOR REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI VILLASOR

REGOLAMENTO VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VILLASOR REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI VILLASOR REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI VILLASOR PROVINCIA DI CAGLIARI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 13/11/2014 1 INDICE CAPO I

Dettagli

ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A

ELABORATO TECNICO - ALLEGATO A COMUNE DI SACILE AREA LAVORI PUB REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI SACILE * * * * * * Oggetto: Affidamento della fornitura, installazione, manutenzione preventiva

Dettagli

Comune di NOVAFELTRIA Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Comune di NOVAFELTRIA Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Comune di NOVAFELTRIA Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del C.C. n. 37 del 19/06/2013 INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

Progetto per la realizzazione di infrastrutture di rete in Banda Larga con tecnologia Hiperlink/Wireless

Progetto per la realizzazione di infrastrutture di rete in Banda Larga con tecnologia Hiperlink/Wireless Progetto per la realizzazione di infrastrutture di rete in Banda Larga con tecnologia Hiperlink/Wireless La soluzione wdsl wireless alla portata di tutti 1 Premessa A seguito del recentissimo Decreto Legge

Dettagli

Guida al business della videosorveglianza Riservata ai rivenditori

Guida al business della videosorveglianza Riservata ai rivenditori videosorveglianza Guida al business della videosorveglianza Riservata ai rivenditori CDC, il partner vicino a te Sicurezza e protezione sono ormai esigenze primarie per privati e imprese. La crescente

Dettagli

Realizzazione, ampliamento o adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN

Realizzazione, ampliamento o adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN Progetto Scuola Digitale PON Per la scuola - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) Realizzazione, ampliamento o adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN Introduzione Dal giorno 7 Settembre

Dettagli

IBM Client Center Milano: La Stanza del Sindaco

IBM Client Center Milano: La Stanza del Sindaco IBM Client Center Milano: La Stanza del Sindaco Maurizio Venturi Executive IT Architect IBM Smarter Cities team mmventuri@it.ibm.com Marzo 2013 Perché l ufficio del Sindaco E una Solution Area, all interno

Dettagli

La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio del territorio

La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio del territorio La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio dei Comuni e del territorio 28 aprile 2015 1 Legge 56/2014 Del Rio 85. Le province di cui ai commi da 51 a 53, quali enti con funzioni di area

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA. Via Ghisleri, 24/A 26100 CREMONA Tel. +39 0372 22511 Fax +39 0372 537864 italsinergie@fastpiu.it

VIDEOSORVEGLIANZA. Via Ghisleri, 24/A 26100 CREMONA Tel. +39 0372 22511 Fax +39 0372 537864 italsinergie@fastpiu.it VIDEOSORVEGLIANZA VIDEOSORVEGLIANZA: SPECIFICHE TECNICHE Telecamera bullet per esterno / interno a colori night & day, obbiettivo varifocal 2.8:12 mm, 42 led ad infrarossi, 1/3 Sony CCD S-HAD, 600 linee

Dettagli

ALCATEL-LUCENT. Strategie e architetture. Networking 2013

ALCATEL-LUCENT. Strategie e architetture. Networking 2013 ALCATEL-LUCENT Strategie e architetture Il portfolio per le infrastrutture di rete di Alcatel-Lucent copre esigenze di rete dalla PMI sino alla grande azienda e ambienti fissi e mobili e comprende piattaforme

Dettagli

VIDEO SERVER GV-VS02

VIDEO SERVER GV-VS02 VIDEO SERVER GV-VS02 Il Video Server GV-VS02 è un convertitore a 2 canali audio/video che consente di trasformare qualsiasi telecamera analogica tradizionale in una telecamera di rete compatibile con sistemi

Dettagli

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Forum Banche e PA 2012 Roma, 23 24 Febbraio 2012 Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Monica Pellegrino Research Analyst, ABI Lab Roma, 23 Febbraio 2012-1- Agenda L evoluzione

Dettagli

AP 7181 per rete geografica Mesh (MWAN) Elevare la larghezza di banda alla ennesima potenza

AP 7181 per rete geografica Mesh (MWAN) Elevare la larghezza di banda alla ennesima potenza AP 7181 per rete geografica Mesh (MWAN) Elevare la larghezza di banda alla ennesima potenza GENERAZIONE N L avvento della tecnologia 802.11n ha cambiato per sempre il volto delle reti wireless indoor e

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

EVOLUZIONE DI UN SISTEMA DI TELECONTROLLO A SERVIZIO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: L ACQUEDOTTO CAMPANO. Giuseppe Mario Patti Proxima S.r.l.

EVOLUZIONE DI UN SISTEMA DI TELECONTROLLO A SERVIZIO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: L ACQUEDOTTO CAMPANO. Giuseppe Mario Patti Proxima S.r.l. EVOLUZIONE DI UN SISTEMA DI TELECONTROLLO A SERVIZIO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: L ACQUEDOTTO CAMPANO Giuseppe Mario Patti Proxima S.r.l. «Competitività e Sostenibilità. Progetti e tecnologie al servizio

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TRISSINO (Approvato con deliberazione di C.C. N 42 del 20.12.2011) CAPO I PRINCIPI

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA IP

VIDEOSORVEGLIANZA IP OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE DI RETE VIDEOSORVEGLIANZA IP Ing. Stefano Enea R&D manager Advanced Innovations stefano@ad-in.net L incontro fra due mondi La videosorveglianza IP sottende un incontro di competenze:

Dettagli

Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili.

Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili. Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili. Tutto ciò che vi aspettate da una telecamera termica oltre alle normali funzionalità offerte da Axis. Proteggete

Dettagli

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento)

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Telve di Sopra Approvato con deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA

TREZZANO ROSA REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 24.03.2011 Pagina 1 di 12 Indice generale SOMMARIO SOMMARIO...2

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

Sistemi di Video Sorveglianza

Sistemi di Video Sorveglianza Sistemi di Video Sorveglianza WEB Based Technology Il sistema di video-sorveglianza è basato su un sistema di visualizzazione-registrazione costituito da un Camera Server e da una o più telecamere Digitali

Dettagli

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO CARATTERISTICHE TECNICHE 2015 PAGINA 2 DI 10 DATA PRIVATE NETWORK INTRODUZIONE GENERALE Brennercom Data Private Network costituisce

Dettagli

Per una buona pratica nella gestione di progetti di connettività wireless in aree svantaggiate

Per una buona pratica nella gestione di progetti di connettività wireless in aree svantaggiate CARTA DI FIRENZE Per una buona pratica nella gestione di progetti di connettività wireless in aree svantaggiate Firenze, Palazzo Medici Sala Luca Giordano Giovedì 9 novembre 2006 CARTA DI FIRENZE per una

Dettagli

Documento tecnico. Studio di confronto del costo totale tra sistemi di videosorveglianza analogici e basati su IP

Documento tecnico. Studio di confronto del costo totale tra sistemi di videosorveglianza analogici e basati su IP Documento tecnico Studio di confronto del costo totale tra sistemi di videosorveglianza analogici e basati su IP Sommario 1. Introduzione 3 2. Metodo di ricerca 3 3. Costo totale di proprietà (TCO): definizione

Dettagli

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. del pubblicata all Albo Pretorio in data

Dettagli

White paper. Costo totale di proprietà (TCO) Confronto tra i sistemi di videosorveglianza IP e analogici

White paper. Costo totale di proprietà (TCO) Confronto tra i sistemi di videosorveglianza IP e analogici White paper Costo totale di proprietà (TCO) Confronto tra i sistemi di videosorveglianza IP e analogici Indice 1. Introduzione 3 2. Approccio alla ricerca 4 3. Costo totale: definizione e convalida 5 4.

Dettagli

La Nostra esperienza in progetti e realizzazioni innovative nel territorio.

La Nostra esperienza in progetti e realizzazioni innovative nel territorio. La Nostra esperienza in progetti e realizzazioni innovative nel territorio. Dalle infrastrutture digitali alla banda ultra larga alle basi delle Smart Cities. Picnit 2013 Prato, 7 novembre 2013 Estracom

Dettagli

SMART SERVICES di TELECOM ITALIA

SMART SERVICES di TELECOM ITALIA SMART SERVICES di TELECOM ITALIA Risorse Comuni Palazzo delle Stelline Milano, 18 Novembre 2009 Cosa sono gli SMART SERVICES? Un servizio funziona quando è semplice, è lineare, è ben disegnato e risponde

Dettagli

PER UNA GESTIONE INFORMATICA SICURA Rev. 1.0 del 19.8.2013

PER UNA GESTIONE INFORMATICA SICURA Rev. 1.0 del 19.8.2013 PER UNA GESTIONE INFORMATICA SICURA Rev. 1.0 del 19.8.2013 di Fabio BRONZINI - Consulente Informatico Cell. 333.6789260 Sito WEB: http://www.informaticodifiducia.it Fax: 050-3869200 Questi sono gli elementi-apparati

Dettagli

www.sicurcasaonline.it piattaforma sicurezza e domotica sorveglianza video anti intrusione

www.sicurcasaonline.it piattaforma sicurezza e domotica sorveglianza video anti intrusione anti intrusione sicurezza persone sorveglianza video sicurezza ambiente sicurcasaonline piattaforma sicurezza e domotica www.sicuraziendaonline.it Come funziona sicurcasaonline Gestione da remoto della

Dettagli

Linee di Prodotto. info@sysdev.eu info@pec.sysdev.eu - www.sysdev.eu

Linee di Prodotto. info@sysdev.eu info@pec.sysdev.eu - www.sysdev.eu Linee di Prodotto SYSDEV Srl Unipersonale Sede legale: v. Lamarmora 16-10128 - Torino Italia Sede operativa: c. Castelfidardo 30/A 10129 Torino Italia tel. 011 19838520 info@sysdev.eu info@pec.sysdev.eu

Dettagli

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.

Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_. (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10. Regolamento per la disciplina della videosorveglianza nel territorio comunale di Longhena_ (Approvato con deliberazione di C.C. n 24 del 04.10.2013) Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza. Presentazione al G-Award 2012 MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI LIMES Linea informatica di Migrazione, Emergenza e Sicurezza Presentazione al G-Award 2012 Responsabile del progetto: Francesco Lazzaro Capo dell Ufficio DGAI IV Sviluppo

Dettagli

DOCUMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MODENA

DOCUMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MODENA DOCUMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI MODENA (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale N 242 del 26/04/2011) INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE 1 INDICE CAPO I... 3 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

ALLEGATO TECNICO. Procedura aperta per l appalto del servizio di manutenzione di infrastrutture tecnologiche in dotazione all Ente Comune di Forio.

ALLEGATO TECNICO. Procedura aperta per l appalto del servizio di manutenzione di infrastrutture tecnologiche in dotazione all Ente Comune di Forio. ALLEGATO TECNICO Procedura aperta per l appalto del servizio di manutenzione di infrastrutture tecnologiche in dotazione all Ente Comune di Forio. RELAZIONE TECNICA INFRASTRUTTURALE Dotazioni attuali e

Dettagli

GOVERNANCE, RISK & COMPLIANCE: Rev. Nov. 2014. Un software a supporto

GOVERNANCE, RISK & COMPLIANCE: Rev. Nov. 2014. Un software a supporto GOVERNANCE, RISK & COMPLIANCE: Rev. Nov. 2014 Un software a supporto Novembre 2014 Governance, risk & compliance Una gestione integrata ed efficiente della GRC Deleghe & poteri Impostazione e monitoraggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI FARIGLIANO (CN)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI FARIGLIANO (CN) COMUNE DI FARIGLIANO PROVINCIA DI CUNEO Piazza Vittorio Emanuele II, 27 c.a.p. : 12060 Tel. 0173-76109 p.i.v.a. : 00523900041 Fax. 0173-76733 REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TREPPO GRANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TREPPO GRANDE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TREPPO GRANDE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 51 del 28.12.2011 INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI SARMATO

COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI SARMATO COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI SARMATO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 27.08.2014 1 CAPO

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI SOLARUSSA, URAS E VILLAURBANA

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI SOLARUSSA, URAS E VILLAURBANA CONSULMEDIA SRL STUDIO TECNICO PER. IND. DE GREGORIO ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI SOLARUSSA, URAS E VILLAURBANA PAESEDIGIT@LE Panchine intelligenti, wifi e videosorveglianza Specifiche Tecniche progetto

Dettagli

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del.

LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI LAVENA PONTE TRESA Provincia Di VARESE Approvato con deliberazione di C.C. N. del. INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VEDANO OLONA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

UNA SOLUZIONE COMPLETA

UNA SOLUZIONE COMPLETA P! investimento UNA SOLUZIONE COMPLETA La tua azienda spende soldi per l ICT o li investe sull ICT? Lo scopo dell informatica è farci lavorare meglio, in modo più produttivo e veloce, e questo è l obiettivo

Dettagli

SERVIZI A VALORE AGGIUNTO PER RETI CITTADINE

SERVIZI A VALORE AGGIUNTO PER RETI CITTADINE DOCUMENTO DIVULGATIVO SERVIZI A VALORE AGGIUNTO PER RETI CITTADINE Servizi di pubblico utilizzo gestiti da un unica piattaforma software Reverberi Enetec. DDVA27I2-0112 Sommario 1. Servizi a valore aggiunto

Dettagli

Consulenza, progettazione, realizzazione e gestione reti.

Consulenza, progettazione, realizzazione e gestione reti. Consulenza, progettazione, realizzazione e gestione reti. La 3S Telematica offre servizi di consulenza, progettazione, realizzazione e gestione di reti informatiche con particolare risvolto legato alla

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 23 marzo 2009. INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Fibra Ottica. Interplanet. Servizi Azienda. Interplanet S.r.l. via Madonnetta, 215 36075 Montecchio Maggiore (VI)

Fibra Ottica. Interplanet. Servizi Azienda. Interplanet S.r.l. via Madonnetta, 215 36075 Montecchio Maggiore (VI) Servizi Azienda Fibra Ottica Interplanet S.r.l. via Madonnetta, 215 36075 Montecchio Maggiore (VI) Interplanet Numero Verde 800 037 400 tel. 0444-699399 info@interplanet.it www.interplanet.it Che cos è

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n.35 del 10/04/2013 1/12 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1

Dettagli

La rete è una componente fondamentale della

La rete è una componente fondamentale della automazioneoggi Attenti alle reti La telematica si basa prevalentemente sulle reti come mezzo di comunicazione per cui è indispensabile adottare strategie di sicurezza per difendere i sistemi di supervisione

Dettagli

Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand

Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand Telematic Service Communication s.r.l. (TSC), viene fondata a Torino nel 1984 ed è un System Integrator, già

Dettagli

Soluzioni video IP MAXPRO CONOSCI UN PRODOTTO, LI CONOSCI TUTTI. Piattaforma di videosorveglianza aperta, flessibile e scalabile

Soluzioni video IP MAXPRO CONOSCI UN PRODOTTO, LI CONOSCI TUTTI. Piattaforma di videosorveglianza aperta, flessibile e scalabile Soluzioni video IP MAXPRO CONOSCI UN PRODOTTO, LI CONOSCI TUTTI Piattaforma di videosorveglianza aperta, flessibile e scalabile 1 CONOSCI UN PRODOTTO, LI CONOSCI TUTTI Siete alla ricerca di... Sistemi

Dettagli

Regolamento comunale per la videosorveglianza

Regolamento comunale per la videosorveglianza COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Regolamento comunale per la videosorveglianza (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 50 del 20 maggio 2010) - 1 - SOMMARIO CAPO PRIMO: PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Polizia Locale di Torino Settore Sicurezza Urbana

Polizia Locale di Torino Settore Sicurezza Urbana Polizia Locale di Torino Settore Sicurezza Urbana Gianfranco Todesco Responsabile Nucleo Investigazioni Scientifiche e Tecnologiche NUOVI APPROCCI IN TEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA «Il Modello Torino» Torino,

Dettagli

REGOLAMENTO per la GESTIONE del SISTEMA di VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO per la GESTIONE del SISTEMA di VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO per la GESTIONE del SISTEMA di VIDEOSORVEGLIANZA Art. 1) - Oggetto e ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina l esercizio del sistema di videosorveglianza installato nel

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO 1 CAPO I INDICE PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

Santhià. VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO Sicurezza Urbana. Relazione tecnica di GARA -

Santhià. VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO Sicurezza Urbana. Relazione tecnica di GARA - Santhià VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO Sicurezza Urbana Relazione tecnica di GARA - Indice Santhià Sicura...3 Introduzione:...3 Analisi delle esigenze:...4 Architettura generale:...4 Localizzazione:...5

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

La Videosorveglianza Criteri per il dimensionamento dello storage

La Videosorveglianza Criteri per il dimensionamento dello storage La Videosorveglianza Criteri per il dimensionamento dello storage Serie vol 1005/2010 L importanza di registrare le immagini video Il valore di un sistema di videosorveglianza non dipende solo dall abilità

Dettagli