Verbale n. 19 Pag. n. 1. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Adunanza Ordinaria dell 8 giugno 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verbale n. 19 Pag. n. 1. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Adunanza Ordinaria dell 8 giugno 2015"

Transcript

1 Verbale n. 19 Pag. n. 1 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Adunanza Ordinaria dell 8 giugno 2015 L anno 2015, il giorno 8 del mese di giugno, alle ore 15:45, nella Sala Riunioni del Rettorato, cubo 25B, terzo piano, si riunisce il Consiglio di Amministrazione in seduta ordinaria. Sono presenti: Prof. Guerino D IGNAZIO, Pro Rettore, Presidente, in sostituzione del Prof. Gino Mirocle CRISCI, Rettore; per i membri interni all Ateneo: Prof.ssa Annamaria CANINO, Professore di prima fascia; Prof. Alfio CARIOLA, Professore di prima fascia; Prof. Marcello MAGGIOLINI, Professore di prima fascia; Prof. Luigi PALOPOLI, Professore di prima fascia; Prof. Pierluigi VELTRI, Professore di prima fascia; per i membri esterni all Ateneo: Cav. Filippo CALLIPO; Prof. Giovanni POLARA; per la componente degli studenti: Sig. Antonio DE TURSI; Sig. Raffaele LEUZZI; Prof. Luigino FILICE, Pro Rettore delegato al Centro Residenziale; Dott. Fulvio SCARPELLI, Direttore Generale, Segretario. Il Presidente, constatata la presenza in numero legale dei Consiglieri, dichiara aperta la seduta, a norma di quanto stabilito dall art. 6 del Regolamento dei lavori del Consiglio aggiornato nella seduta del 20 maggio 2013 ed emanato con D.R. n del 28 maggio Gli argomenti all ordine del giorno sono i seguenti: 1. ADEMPIMENTI DI CUI ALL ART. 7 DEL REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO 1.1. Approvazione verbale del 30 aprile 2015 e distribuzione verbale del 06 maggio 2015 Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

2 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n Comunicazioni 1.3. Interrogazioni 2. RELAZIONE GRUPPO DI LAVORO SU PROBLEMATICHE IMMOBILE EX CUD 3. COMMISSIONE PROGRAMMAZIONE, BILANCIO E CENTRO RESIDENZIALE 3.1. Proposta modifica di statuto del Consorzio Interuniversitario Nazionale per Energia e Sistemi Elettrici 3.2. Project financing per la costruzione e gestione di un edificio da adibire a bar, pizzeria e ristorante nella piazza Molicelle dell Università della Calabria 3.3. Programma di attività del Centro Residenziale per l A.A Piano strategico sportivo d Ateneo 3.5. Studenti internazionali particolarmente bisognosi 3.6. Richiesta compenso per noleggio attrezzature da parte di ImpresAmbiente S.c.ar.l. 4. COMMISSIONE PATRIMONIO EDILIZIO, ENERGIA E SISTEMI INFORMATIVI 4.1. Lavori di realizzazione sede sorgente Star 4.2. Lavori di realizzazione campi da gioco street games 4.3. Capitolato speciale di appalto servizio di manutenzione e assistenza tecnica del sistema telefonico generale di Ateneo 4.4. Bando concessione spazi esterni in località S. Antonello 5. COMMISSIONE PROMOZIONE DELLA QUALITÀ DELLA DIDATTICA E DELLA RICERCA 5.1. Pratiche spin-off 5.2. Domande di brevetto 5.3. Determinazione canone base Incubatore TechNest 5.4. Bando conferimento contributi di Ateneo per la mobilità internazionale dei ricercatori 5.5. Regolamento per il conferimento di contributi di Ateneo per supporto a progetti di ricerca presentati dai ricercatori 5.6. Regolamento per il conferimento di borse di studio post lauream per attività di ricerca 6. PARERE MODIFICA REGOLAMENTO IN MATERIA DI MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER/WINTER SCHOOL 7. PROROGA CONTRATTO PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO SU FONDI ESTERNI 8. RATIFICA DECRETI 9. VARIE ED EVENTUALI 1. ADEMPIMENTI DI CUI ALL ART. 7 DEL REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO 1.1. Approvazione verbale del 30 aprile 2015 e distribuzione verbale del 06 maggio 2015 Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

3 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 3 Al fine di ricevere eventuali osservazioni, il Pro Rettore sottopone all attenzione del Consiglio il verbale n. 17 relativo alla seduta del 30 aprile Tenuto conto che non sono pervenute segnalazioni, il Pro Rettore propone l approvazione del suddetto verbale. Il Consiglio di Amministrazione, con la sola astensione di quanti erano assenti nella seduta alla quale il verbale si riferisce, adotta la seguente deliberazione: Deliberazione n. 81/2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESO ATTO PRESA VISIONE di quanto esposto dal Presidente; della stesura definitiva del verbale di seduta; DELIBERA l approvazione del verbale n. 17 relativo alla seduta del 30 aprile Il Pro Rettore informa che è disponibile, nell apposita area riservata del Consiglio di Amministrazione, il verbale n. 18 relativo alla seduta del 06 maggio 2015, che potrà essere portato in approvazione dal Consiglio di Amministrazione nella prossima riunione. Il Consiglio ne prende atto Comunicazioni Il Presidente dà la parola al prof. Cariola, il quale ricorda che nella seduta del 03/04/2014, il Consiglio di Amministrazione, nell approvare il documento di programmazione triennale per il triennio , da adottare ai sensi dell articolo 1-ter, comma 1 del decreto legge 31 gennaio 2005 n. 7 (convertito, con modificazioni, dalla Legge 31 marzo 2005, n. 43), aveva definito gli obiettivi da raggiungere per concorrere all attribuzione di fondi ministeriali. A tale proposito, informa che nelle ultime settimane si sono tenute diverse riunioni del gruppo di lavoro, composto, oltre che dallo stesso prof. Cariola, dalla prof.ssa Assunta Bonanno, dalla prof.ssa Annamaria Canino e dal prof. Francesco Scarcello, incaricato dal Rettore di individuare le eventuali azioni da avviare per il raggiungimento di alcuni dei suddetti obiettivi. Il prof. Cariola informa che nei prossimi giorni si terrà un incontro con i direttori di dipartimento, finalizzato a definire in modo condiviso le procedure da adottare per il raggiungimento degli obiettivi fissati. L argomento sarà trattato, inoltre, nella prima seduta utile di Senato Accademico. Nell immediato, aggiunge, occorre definire con urgenza le possibili azioni da adottare per il miglioramento degli indicatori relativi ai seguenti obiettivi: Numero di studenti che si iscrivono al II anno dello stesso corso di laurea o laurea magistrale a ciclo unico (L, LMCU) avendo acquisito almeno 40 CFU in rapporto alla coorte di immatricolati nell a.a. t-1 e Numero di studenti che si iscrivono al II anno dello stesso corso di laurea o laurea magistrale a ciclo unico (L, LMCU) avendo acquisito almeno 12 CFU in rapporto alla coorte di immatricolati nell a.a. t-1. Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

4 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 4 Il prof. Cariola illustra, quindi, i dati raccolti attraverso il monitoraggio svolto dal gruppo e le azioni finora studiate per il loro miglioramento. Tali azioni prevedono, in particolare, attività di mentoring a favore degli studenti che potranno essere accompagnati, attraverso diverse forme di sostegno, al raggiungimento dell esito positivo degli esami. Ancorché nel punto comunicazioni, sull argomento si apre un ampia discussione, durante la quale i Consiglieri esprimono le proprie considerazioni sulle proposte avanzate e suggeriscono ulteriori azioni finalizzate al raggiungimento degli obiettivi, ma anche da programmare tra le attività del prossimo anno accademico Interrogazioni Il sig. De Tursi riferisce di alcune segnalazioni fatte da diverse studentesse, riguardanti l introduzione di ignoti negli alloggi universitari. Informa che gli studenti sollecitano il ripristino del servizio di vigilanza all ingresso dell area del Centro Residenziale, che svolgerebbe, tra l altro, anche una funzione di riferimento per quelle studentesse che non sanno a chi rivolgersi in caso di necessità. Il Direttore Generale informa che la segnalazione di uno dei casi sopra menzionati fa già parte di un dossier predisposto in vista di un incontro con il Prefetto di Cosenza e con le forze dell ordine che si terrà a breve presso l Ateneo, finalizzato a discutere le problematiche relative ad atti di vandalismo e di illegalità, segnalati da diverse strutture, e a coordinare le relative attività di contrasto Il prof. Maggiolini chiede per quando è prevista l apertura degli uffici del nuovo servizio di tesoreria all interno dell Università. Il Direttore Generale comunica di avere sentito nei giorni scorsi il dott. Mario Longo, Direttore della Banca Unicredit, aggiudicataria del servizio. Il dott. Longo ha confermato il vivo interesse ad attivare al più presto i servizi presso la sede di Arcavacata, che saranno tecnologicamente molto avanzati; tuttavia, a causa di alcune problematiche di tipo organizzativo, è stato necessario posticipare di trenta giorni la data prevista per l apertura della filiale, che adesso è fissata al 31 luglio Si passa, quindi, al successivo punto posto all ordine del giorno. 2. RELAZIONE GRUPPO DI LAVORO SU PROBLEMATICHE IMMOBILE EX CUD Il prof. D Ignazio informa che il punto in epigrafe è rinviato. 3. COMMISSIONE PROGRAMMAZIONE, BILANCIO E CENTRO RESIDENZIALE Il Pro Rettore invita il prof. Cariola a illustrare le pratiche istruite dalla Commissione Programmazione, Bilancio e Centro Residenziale. Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

5 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n Proposta modifica di statuto del Consorzio Interuniversitario Nazionale per Energia e Sistemi Elettrici Il prof. Cariola informa che la pratica in oggetto è stata esaminata dalla Commissione nella riunione del 13 maggio u.s., alla presenza dello stesso prof. Cariola e del sig. De Tursi. La Commissione, in particolare, ha preso in esame la seguente comunicazione, trasmessa dal Dirigente del Settore Speciale Gestione Partecipazioni Societarie e Consortili e Fiscalità d Ateneo, dott. Alfredo Mesiano: «Oggetto: Proposta Modifica di Statuto del Consorzio Interuniversitario Nazionale per Energia e Sistemi Elettrici in breve Consorzio ENSIEL Ill.ma Commissione in epigrafe, a seguito dell analisi della documentazione concernente la richiesta di parere di cui all oggetto, in merito alla proposta di modifica degli artt. 7, 12, 15, 8 commi 1, 3 e 4, e degli artt. 9 comma 2, 17 comma 1, dello Statuto del Consorzio denominato Consorzio Interuniversitario Nazionale per Energia e Sistemi Elettrici in breve Consorzio ENSIEL, giusta nota inoltrata a questo Ateneo dal Consorzio medesimo in data prot. n. 9746, PREMESSO - che il sottoscritto ha proceduto ad analizzare le suddette modifiche di Statuto esclusivamente nell ambito di sua competenza; CONSIDERATO - che, lo Statuto dell Università della Calabria, all art. 1.6, fissa i principi ai quali l Ateneo deve attenersi ai fini della partecipazione ad organismi privati, in qualità di socio/associato; - che, altresì, l Università della Calabria deve attenersi a quanto disposto dal Decreto Interministeriale 1 settembre 2009 n. 90, Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 14 settembre 2009 n. 213 (Ridefinizione dell indicatore di indebitamento delle università statali), ed in particolare, con espresso riferimento all argomento in oggetto, deve tener conto di quanto stabilito all art. 2, comma 5, concernente la rilevazione di notizie e dati necessari ai fini della Relazione del Collegio dei Revisori dei Conti, sulle caratteristiche dell indebitamento degli enti e delle società partecipate, nonché sulla relativa sostenibilità e sull eventualità della ricaduta di responsabilità finanziaria sull ateneo; tutto ciò premesso e considerato, il sottoscritto, ai fini della prosecuzione della pratica, DICHIARA - che le modifiche degli artt. 7, 12, 15, 8 commi 1, 3 e 4, e degli artt. 9 comma 2, 17 comma 1, dello Statuto del Consorzio Interuniversitario Nazionale per Energia e Sistemi Elettrici, così come riportate nell allegato al presente parere, non sono in contrasto con i principi ai quali l Ateneo deve attenersi ai fini della partecipazione ad organismi privati - in qualità di consorziato - così come richiesti dallo Statuto dell Università della Calabria, all art Si resta a disposizione per ulteriori chiarimenti e delucidazioni e si porgono distinti saluti.» Il prof. Cariola informa che la Commissione, al termine di una breve discussione, ha proposto al Consiglio di dare mandato al rappresentante d Ateneo in seno al Consiglio Direttivo del Consorzio ENSIEL, affinché - in esecuzione al disposto di cui all art. 8, comma 5, lettera g) Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

6 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 6 del vigente Statuto consortile - esprima voto favorevole alle modifiche di Statuto relativamente agli artt. 7, 12, 15, 8 commi 1, 3 e 4, e agli artt. 9 comma 2, 17 comma 1, per come riportato nella nota allegata alla presente delibera. La proposta di modifica dello Statuto del Consorzio Interuniversitario Nazionale per Energia e Sistemi Elettrici è allegata al presente verbale, costituendone parte integrante. Il Presidente invita i Consiglieri a pronunciarsi sulla proposta. Il Consiglio di Amministrazione, all unanimità, adotta la seguente deliberazione: Deliberazione n. 82/2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE VISTO VISTA VISTO lo Statuto di Ateneo, e in particolare l art Partecipazione a Organismi Privati, il quale dispone che: L Università della Calabria può partecipare a società o altre forme associative di diritto privato per lo svolgimento di attività strumentali alle attività didattiche e di ricerca o comunque utili per il conseguimento dei propri fini istituzionali ; la proposta di modifica di Statuto del Consorzio Interuniversitario Nazionale per Energia e Sistemi Elettrici relativamente agli artt. 7, 12, 15, 8 commi 1, 3 e 4, e agli artt. 9, comma 2 e 17, comma 1; il parere favorevole del Dirigente del Settore Speciale Gestione Partecipazioni Societarie e Consortili Fiscalità di Ateneo, Dott. Alfredo Mesiano; DELIBERA di dare mandato al rappresentante d Ateneo in seno al Consiglio Direttivo del Consorzio ENSIEL, affinché - in esecuzione al disposto di cui all art. 8, comma 5, lettera g) del vigente Statuto consortile - esprima voto favorevole alle modifiche di Statuto relativamente agli artt. 7, 12, 15, 8 commi 1, 3 e 4, e agli artt. 9 comma 2, 17 comma 1, per come riportato nella nota allegata alla presente delibera. La presente delibera, approvata seduta stante, diviene immediatamente esecutiva Project financing per la costruzione e gestione di un edificio da adibire a bar, pizzeria e ristorante nella piazza Molicelle dell Università della Calabria Il prof. Cariola informa che la pratica in oggetto è stata esaminata dalla Commissione nella già menzionata riunione del 13 maggio 2015, e riguarda il project financing per la realizzazione di un edificio da adibire a bar, pizzeria e ristorante nella Piazza Molicelle in Arcavacata di Rende (CS), da finanziarsi interamente mediante l apporto di capitale privato, tramite finanza di progetto, ai sensi degli artt del Decreto Legislativo n. 163/2006. Il progetto era stato approvato, nell ambito del programma triennale delle opere pubbliche 2007/2009, con delibera del Consiglio di Amministrazione dell 11 aprile Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

7 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 7 Si riporta di seguito l estratto del verbale della Commissione: «Il Prof. Cariola comunica che è pervenuta, dai Proff. Maurizio La Rocca e Daniele Monteforte, la valutazione di congruità - piano economico finanziario CU30 riguardante l iniziativa di Project Financing per la costruzione di un edificio da adibire a bar, pizzeria e ristorante nella Piazza Molicelle di Arcavacata di Rende (CS), allegata al presente verbale. Nella relazione emerge che da un esame del piano economico finanziario revisionato oggetto di valutazione e dei prospetti a nostra disposizione emerge in maniera evidente come il cash flow netto cumulato del progetto cambi segno solo nel 2040, dopo ben 25 anni dal lancio dell iniziativa. Alla fine del periodo proposto di concessione, inoltre, il cash flow cumulato generato dal progetto risulta pari a ,00 euro, una cifra non particolarmente elevata. Tenendo conto che tali flussi di cassa cumulati non sono espressi al loro valore attuale, emerge chiaramente che, se questi numeri fossero confermati in sede di gestione, sarebbero di fatto alquanto magri in ottica di rendimento finanziario per il proponente. Pertanto, non potendo entrare nel merito delle stime di ricavo e di costo, da noi assunti come verosimili, si esprime parere favorevole in merito all estensione della durata della concessione per il pieno tempo richiesto dal soggetto proponente, la CU30 srl. Un tempo minore, valutato sulla base del Piano Economico Finanziario fornitoci, andrebbe, infatti, certamente a compromettere l equilibrio economico finanziario del progetto.» Il prof. Cariola aggiunge che, come ampiamente illustrato nella relazione predisposta dal Responsabile Unico del Procedimento, ing. Emiliano Pandolfi, la società concessionaria, CU3O ha richiesto: 1) una proroga sulla scadenza della Concessione, attualmente fissata al 24/10/2039, fino al 31/12/2055, suffragata dalla produzione di un nuovo piano economico-finanziario; 2) la possibilità di cedere a terzi in tutto o in parte l attività commerciale oggetto della Concessione; 3) che l Università della Calabria non autorizzi, nel raggio di 1 kmq, altre attività commerciali similari a quella oggetto della Concessione, né la presenza di distributori automatici di snack e bevande; 4) che l Amministrazione conceda la possibilità di iscrizione ipotecaria con conseguente cessione del diritto di superficie, limitatamente agli anni di durata della concessione stessa, in favore dell istituto bancario finanziatore che dovesse intervenire sotto forma di mutuo ipotecario e/o leasing finanziario immobiliare, ovviamente con esclusive fidejussioni personali rilasciate dai soci della soc. Cu3o s.r.l., al fine di tenere estranea l Università da qualsivoglia impegno di ordine finanziario. Il prof. Cariola informa, ancora, che in relazione alla definizione di un eventuale proroga sulla durata della Convenzione, per come richiesto al punto 1), il prof. Maurizio La Rocca e il dott. Daniele Monteforte, docenti dell Ateneo in possesso di acclarate competenze tecniche, hanno fornito un parere di merito circa la congruità del piano economico-finanziario presentato. Il suddetto parere è allegato al presente verbale, costituendone parte integrante. Il prof. Cariola informa che per le motivazioni espresse nella relazione del RUP, e in considerazione del parere tecnico fornito, la Commissione ha rilevato la sussistenza dei presupposti per una revisione della durata della Convenzione in essere. Pertanto, ha proposto di accogliere i punti 1) e 4) delle sopra menzionate richieste della società CU3O e quindi di: Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

8 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 8 - estendere la durata della Concessione in essere con la società CU3O, fino al 31/12/2055; - concedere il diritto di superficie, relativamente all area oggetto di intervento, fino alla nuova scadenza contrattuale, stabilita al 31/12/2055. Il sig. De Tursi precisa che sull argomento, in Commissione, si è astenuto dall esprimere un parere, contestando la politica di cementificazione adottata, a suo parere, negli anni passati dall Ateneo. Il prof. Maggiolini chiede chiarimenti sulla possibilità, dal punto di vista normativo e legale, di concedere una proroga sulla scadenza della Concessione. Il Direttore Generale spiega che le richieste della società CU3O sono state analizzate e valutate dagli uffici competenti dell Amministrazione, che hanno confermato la legittimità di quanto esposto nella relazione del RUP, ossia di poter estendere la durata della Convenzione. Ritiene tuttavia opportuno approfondire l argomento relativo al diritto di superficie. Al termine di un approfondita discussione, il Consiglio di Amministrazione, nel ritenere necessaria una istruttoria più approfondita per poter deliberare in merito, in particolare per quanto concerne la concessione del diritto di superficie, rinvia la discussione della pratica alla prossima adunanza Programma di attività del Centro Residenziale per l A.A Il prof. Cariola informa che la pratica in oggetto è stata discussa, il 16 marzo u.s., alla presenza dello stesso prof. Cariola e del sig. De Tursi, componenti della Commissione, nonché del prof. Luigino Filice, Pro-Rettore con delega al Centro Residenziale e del dott. Franco Santolla, Direttore - Responsabile Amministrativo del Centro Residenziale. Durante la riunione, il prof. Filice e il dott. Santolla hanno illustrato il Programma di attività del Centro Residenziale per l A.A. 2015/2016, predisposto ai sensi dell art. 6.2, comma 2 dello Statuto e contenente le prime valutazioni dell azione condotta e le linee di governo che il Centro Residenziale intende consolidare nel prossimo anno accademico. Si riporta di seguito l estratto del verbale della Commissione: «Il Prof. Cariola invita il Prof. Filice ed il Dottor Santolla a illustrare la relazione Programma di Attività del Centro Residenziale per l A.A , così come previsto dall art. 6.2 comma 2 dello Statuto dell Autonomia, allegata al presente verbale. Il Prof. Filice sottolinea che il Centro Residenziale si è evoluto nel tempo da articolazione interna all Ateneo per il Diritto allo Studio a un vero Centro dei Servizi agli Studenti. Infatti, al di là degli aspetti connessi all erogazione delle borse di studio e dei servizi mensa e alloggio, tutte le attività formali connesse alla carriera amministrativa degli studenti di corsi di laurea, laurea magistrale e a ciclo unico, master e dottorato di ricerca saranno compiutamente in capo al Centro Residenziale. Il vantaggio sostanziale risiede nella gestione di una banca dati unica che consente l implementazione di procedure standard con un controllo efficace sulla globalità degli studenti, con la conseguente certificabilità dei dati, efficienza gestionale e coerenza di azione. Tutto ciò si integra perfettamente con il modello di devolution che centra sui Dipartimenti l intera l attività connessa alla formazione degli studenti. Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

9 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 9 Per l inizio delle procedure di ammissione al prossimo anno accademico (2015/16) sarà pienamente operativa la nuova struttura degli uffici del Centro Residenziale che accoglierà, in un unico luogo, la totalità degli studenti dell università, italiani, internazionali, diversamente abili.» Il prof. Filice illustra i punti principali della suddetta relazione, ribadendo i principi già espressi durante la sopra menzionata riunione di Commissione. Il Programma di attività del Centro Residenziale per l A.A è allegato al presente verbale, costituendone parte integrante. Il Consiglio di Amministrazione prende atto della Relazione relativa alla politica di gestione del Centro Residenziale per l A.A. 2015/ Piano strategico sportivo d Ateneo Il prof. Cariola informa che la pratica in oggetto è stata discussa nella riunione di Commissione del 18 maggio u.s., alla quale hanno partecipato lo stesso prof. Cariola e il sig. De Tursi, componenti, nonché il prof. Luigino Filice, Pro-Rettore al Centro Residenziale. Il prof. Filice, nella suddetta seduta ha illustrato le politiche generali di gestione dello sport, gli indirizzi strategici e le azioni programmatorie, contenute nel Piano strategico delle politiche dello sport d ateneo, allegato al presente verbale costituendone parte integrante. Il prof. Cariola informa che, dopo un ampia discussione, la Commissione ha proposto l approvazione del suddetto Piano, che delinea le azioni che riguardano la promozione delle pratiche sportive nel Campus, utilizzando le strutture già esistenti. Il prof. Filice precisa che nel Piano è illustrato un modello organizzativo, con impianti centrali e impianti di quartiere. Mentre al momento il CUS ha una unica collocazione e configurazione, il Piano prevede la realizzazione di altre collocazioni e di altre tipologie di configurazione degli impianti sportivi, tra cui i cosiddetti street courts, ovvero spazi aperti dove consentire agli studenti di praticare gratuitamente delle attività sportive, e sarà messa a disposizione di attrezzature di quartiere. Il sig. De Tursi fa presente di avere illustrato il Piano in sede di Consiglio degli Studenti, che lo ha valutato molto valido, anche nella parte che riguarda il cofinanziamento di una voce di spesa per la realizzazione delle attività attraverso un contributo da parte degli studenti all atto dell iscrizione. Terminata la discussione, il Pro Rettore invita il Consiglio a esprimersi. Il Consiglio di Amministrazione, all unanimità, adotta la seguente deliberazione: Deliberazione n. 83/2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESO ATTO dell istruttoria svolta dalla Commissione Programmazione Bilancio e Centro Residenziale; Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

10 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 10 VISTO VISTA RITENUTO OPPORTUNO lo Statuto di Ateneo; la legge 394/1977, relativa al potenziamento dell attività sportiva universitaria e il Regolamento per lo sport universitario approvato con D.M. 18/09/1977, che demandano ai CUS d Ateneo la gestione degli impianti sportivi degli atenei italiani e la realizzazione delle loro politiche sportive; dare corso ad azioni mirate allo sviluppo delle infrastrutture e delle attività sportive all interno dell Ateneo, finalizzate ad una maggiore diffusione della pratica sportiva tra gli studenti e il personale universitario; DELIBERA l adozione del Piano strategico sportivo d Ateneo, allegato al presente verbale costituendone parte integrante Studenti internazionali particolarmente bisognosi Il prof. Cariola informa che la pratica in oggetto è stata discussa in Commissione nella riunione dell 8 maggio u.s., tenutasi alla presenza dello stesso prof. Cariola e del sig. De Tursi, componenti, nonché del prof. Luigino Filice, Pro-Rettore al Centro Residenziale e del dott. Francesco Santolla, Direttore del Centro Residenziale. Nella suddetta riunione, informa, è stata esaminata la situazione dell erogazione delle risorse per l A.A. 2012/2013, nonché la situazione delle graduatorie e l erogazione delle risorse per l A.A. 2013/2014. Durante la discussione, informa, è emersa la necessità della costituzione di un fondo da destinare alle esigenze degli studenti internazionali particolarmente bisognosi. Dopo un breve confronto sull argomento, la Commissione ha deciso di proporre al Consiglio di Amministrazione la costituzione di tale fondo, prevedendo di destinarvi un importo annuo di ,00. Il Pro Rettore aggiunge che la proposta è stata avanzata per far fronte alle numerose esigenze che sono continuamente rappresentate al Centro Residenziale e all Ufficio Relazioni Internazionali da parte di studenti stranieri che svolgono dei periodi di studio presso l Università della Calabria, alcuni dei quali si trovano in situazione di disagio economico. Successivamente dovranno anche essere definite le modalità di attribuzione del contributo agli studenti interessati. Il Consiglio di Amministrazione, all unanimità, adotta la seguente deliberazione: Deliberazione n. 84/2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESO ATTO VISTO dell istruttoria svolta dalla Commissione Programmazione Bilancio e Centro Residenziale; lo Statuto di Ateneo; Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

11 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 11 VISTO il Regolamento di Ateneo; RITENUTO OPPORTUNO promuovere iniziative a favore del diritto allo studio anche per gli studenti stranieri che svolgono attività didattiche presso l Università della Calabria e che si trovano in condizioni di disagio economico; VISTO il bilancio unico di previsione annuale autorizzatorio 2015; ACCERTATA la disponibilità finanziaria sulla voce CA Accantonamento a fondo spese impreviste del budget economico; VISTO l art. 16 del Regolamento per l'amministrazione e la Contabilità; DELIBERA di costituire un fondo da destinare alle esigenze degli studenti internazionali particolarmente bisognosi, attribuendo un importo annuo pari a ,00. Il Consiglio autorizza, pertanto, l Area Finanziaria, Programmazione e Controllo ad effettuare il seguente storno di budget: Budget economico Voce Coan in diminuzione CA Accantonamento a fondo spese impreviste ,00 Voce Coan in aumento CA Altri interventi a favore degli studenti ,00 La presente delibera, approvata seduta stante, diviene immediatamente esecutiva. Alle ore 17:25 escono i Consiglieri Antonio De Tursi e Raffaele Leuzzi. Entra il dott. Alfredo Mesiano, Dirigente del Settore Speciale Gestione Partecipazioni Societarie e Consortili e Fiscalità di Ateneo Richiesta compenso per noleggio attrezzature da parte di ImpresAmbiente S.c.ar.l. Il prof. Cariola informa il Consiglio che la pratica in oggetto è stata discussa nella Commissione dell 1 giugno 2015, alla presenza dello stesso prof. Cariola, del sig. De Tursi, componenti, nonché del Rettore e del dott. Alfredo Mesiano, Dirigente del Settore Speciale Gestione Partecipazioni Societarie e Consortili e Fiscalità d Ateneo. Il prof. Cariola illustra, al riguardo, la richiesta di pagamento avanzata dalla Società ImpresAmbiente S.c.ar.l. con fattura n. 01 del 10 gennaio 2015, avente ad oggetto il noleggio di attrezzature e macchinari da parte di alcuni (ex) dipartimenti dell Ateneo, il cui importo imponibile ammonta ad ,54 oltre IVA da versarsi nei termini e con le modalità di cui alla normativa vigente. Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

12 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 12 Informa, ancora, che con nota acquisita al protocollo dell Amministrazione in data 06/05/2015 con numero 546, il Prof. William Spataro ha attestato che il credito vantato dalla suddetta Società partecipata dall Università della Calabria è certo, liquido ed esigibile, fornendo lo schema di ripartizione, fra alcuni (ex) dipartimenti, dell utilizzo delle attrezzature e dei macchinari oggetto del noleggio, con la specificazione del valore di ogni singolo bene e del correlato canone annuale. Il Direttore Generale precisa che l Università, a suo tempo, ha già investito nella partecipazione alle società consortili per la gestione dei centri di competenza, atteso il ritorno favorevole previsto. In occasione dell acquisto delle attrezzature, il Ministero ha stabilito che esse dovevano essere di proprietà delle società consortili, salvo patti diversi stipulati, e non delle Università, e ciò giustifica in linea di massima la legittimità della richiesta. Si tratta, comunque, di valutare l interesse per la prosecuzione del rapporto con la società. Il prof. D Ignazio dà quindi la parola al dott. Mesiano, il quale illustra la relazione presentata in Commissione: «Oggetto: Richiesta Compenso per Noleggio Attrezzature da parte di ImpresAmbiente S.c. a r.l., giusto fattura n. 01 del 10 gennaio 2015 di ,54 oltre IVA. Ill.ma Commissione Bilancio, l Università della Calabria è socia della Società ImpresAmbiente S.C. a r.l. con una percentuale di partecipazione al capitale sociale del 7,37%; la suddetta Società Consortile è una dei Centri di Competenza costituiti a fine dicembre del 2006 e svolge attività di Sviluppo ed erogazione di servizi ad elevato contenuto scientifico- tecnologico operando nel settore dei rischi naturali ed antropici attraverso la sua sede operativa principale in provincia di Matera oltre che mediante diversi nodi regionali, tra i quali il Nodo Calabria dove nello specifico sono installati macchinari ed attrezzature, di proprietà della medesima, presso alcuni laboratori dell Università Mediterranea di Reggio Calabria e dell Università della Calabria. I suddetti macchinari ed attrezzature - acquistati dalla Società ImpresAmbiente avvalendosi di provvidenze finanziarie erogate dal MIUR a titolo di contributi in conto impianti - risultano essere stati forniti ai soci consorziati, tra i quali l UNICAL, mediante appositi contratti di noleggio con conseguenti canoni di locazione annuali da corrispondersi per 4 annualità. In data 10/04/2015, mediante posta elettronica certificata (da a è stata ritualmente consegnata (identificativo del messaggio: opec all Amministrazione dell Unical la fattura di cui all oggetto, il cui importo ammontante ad ,54 oltre IVA rappresenta tutti i canoni complessivamente maturati per le anzidette 4 annualità. In vero, l importo in questione era stato quantificato in ragione delle perdite subite dalla Consortile nei vari anni, a partire dalla costituzione sino a tutto l esercizio 2010, perdite che ogni socio avrebbe dovuto ripianare in proporzione alla partecipazione al capitale sociale della medesima, così come deliberato a maggioranza (ma con l astensione dell Università della Calabria e del Università Mediterranea) nell assemblea dei soci di ImpresAmbiente del 23/05/2011; a tal proposito, si ritiene utile rilevare che, il valore economico effettivo dei canoni che si sarebbero dovuti corrispondere in ragione delle attrezzature noleggiate pari ad al netto dei contributi in conto impianti ricevuti (di norma, il contributo varia dal 50% al 70% del costo) - è comunque superiore all importo richiesto. Tutto ciò era stato, già a suo tempo, portato all attenzione di questo Ateneo, giusta nota Prot. n. 036/2011 del 6 ottobre 2011 a firma del Presidente di ImpresAmbiente Prof. Goffredo La Loggia, Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

13 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 13 indirizzata al Magnifico Rettore dell Unical; si ricorda, altresì, che il sottoscritto, a seguire, ne ha informato doverosamente sia il Collegio dei Revisori in occasione delle relazioni annuali a Loro indirizzate per renderli edotti sullo stato di indebitamento delle partecipate e delle connesse ricadute sull Ateneo oltre che sulla situazione debitoria dell Unical verso le stesse partecipate, sia il Consiglio di Amministrazione dell Università. Entrando nel merito della richiesta di pagamento pervenuta dalla partecipata, si evidenzia che è stata effettuata una ricognizione documentale e sostanziale di tutti i macchinari ed attrezzature (ricognizione che, ovviamente, ha dovuto anche tener conto della diversa rimodulazione dei dipartimenti) da parte del Prof. William Spataro (Dipartimento di Matematica e Informatica) per verificare se il credito possa considerarsi - allo stato attuale - certo, liquido ed esigibile; in merito a ciò, si informa codesta Commissione che il prof. Spataro ha confermato, con nota indirizzata allo scrivente del 06/05/2015 prot. n. 546, l esigibilità del credito per l importo richiesto. Dalla documentazione anzidetta, oltre al valore complessivo dei beni dislocati presso i laboratori UNICAL che ammonta si ribadisce - ad ,00 (al netto dei contributi ricevuti), con un canone annuo di ,00 pari a circa il 4,30% del valore delle attrezzature, si evince che lo stesso è così ripartito (facendo riferimento ai vecchi dipartimenti): - Dipartimento di Chimica Dipartimento di Difesa del Suolo Dipartimento di Ecologia Dipartimento di Scienze della Terra Dipartimento di Fisica Si ritiene doveroso sottolineare che, sebbene le attrezzature ed i macchinari sono stati impiegati presso le suddette strutture decentrate, il credito vantato dalla società è senz altro giuridicamente da imputare all Ateneo; pertanto, attesa la vetustà del debito da onorare (anche se, è giusto sottolineare che, la fattura è stata inoltrata formalmente solo in aprile 2015, quindi, in mancanza di regolare documento fiscale non si poteva procedere ad onorare un importo non certo e non liquido ) nonché la attuale situazione finanziaria critica della Società consortile partecipata (delle cui problematiche il sottoscritto ne aveva reso edotto il CdA del 19/05/2014) che potrebbe indurre gli amministratori della medesima a dover intraprendere anche azioni giuridiche forti nei confronti del debitore UNICAL (è utile evidenziare che nei confronti dell Università Civiltà del Mediterraneo, in vero, sono state già azionate procedure per il recupero forzoso del credito), lo scrivente invita codesta Onorevole Commissione a dare parere favorevole al CdA affinché autorizzi gli uffici competenti: - a procedere, nell immediato, con il versamento di quanto richiesto da ImpresAmbiente con la fattura in oggetto (atteso che il credito è certo, liquido ed esigibile); - a recuperare, successivamente, l importo suddetto rivalendosi sulle quelle strutture decentrate presso le quali sono dislocate le attrezzate più volte richiamate.» Segue un ampia discussione, durante la quale i Consiglieri chiedono alcuni chiarimenti al dott. Mesiano. Il Consiglio, ritenendo di dover svolgere un ulteriore approfondimento dell istruttoria per poter definire il capitolo di bilancio sul quale far gravare la spesa prevista, rinvia la decisione alla prossima adunanza. Si passa, quindi, al successivo punto posto all ordine del giorno. Alle ore 17:55 esce il dott. Alfredo Mesiano. Esce, altresì, il prof. Luigino Filice. 4. COMMISSIONE PATRIMONIO EDILIZIO, ENERGIA E SISTEMI INFORMATIVI Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

14 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 14 Il Pro Rettore invita il prof. Palopoli a illustrare le pratiche istruite dalla Commissione Patrimonio Edilizio, Energia e Sistemi Informativi Lavori di realizzazione sede sorgente Star Il prof. Palopoli informa che la pratica in oggetto è stata discussa in Commissione nella riunione del 22 maggio u.s., tenutasi alla presenza dello stesso prof. Palopoli, del prof. Veltri e del sig. Leuzzi, componenti della Commissione. Per la discussione del punto era presente, altresì, l ing. Francesca Ferraro, Responsabile dell Area Risorse Mobiliari e Immobiliari (ARMI). Il prof. Palopoli informa che la Commissione ha esaminato la relazione, a firma dell ing. Vincenzo Brancaccio, Responsabile Settore Energia dell ARMI, riguardante la relazione sui Lavori di realizzazione della sede della sorgente Star (Southern Europe TBS for Applied Research), allegata al presente verbale costituendone parte integrante. Il prof. Palopoli comunica che la Commissione ha proposto l approvazione definitiva del certificato di collaudo. Terminata l illustrazione, il Pro Rettore invita il Consiglio a pronunciarsi sulla proposta. Il Consiglio di Amministrazione, all unanimità, adotta la seguente deliberazione: Deliberazione n. 85/2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESO ATTO dell istruttoria svolta dalla Commissione Patrimonio Edilizio, Energia e Sistemi Informativi; VISTA la relazione dell ing. Vincenzo Brancaccio, Responsabile del Procedimento per i lavori di realizzazione della sede della sorgente Star (Southern Europe TBS for Applied Research); VISTO il verbale di visita, relazione e certificato di collaudo dei suddetti lavori di realizzazione; DELIBERA di approvare il certificato di collaudo relativo ai lavori di realizzazione della sede della sorgente Star (Southern Europe TBS for Applied Research). La presente delibera, approvata seduta stante, diviene immediatamente esecutiva. Alle ore 18:20 rientrano i Consiglieri Antonio De Tursi e Raffaele Leuzzi Lavori di realizzazione campi da gioco street games Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

15 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 15 Il prof. Palopoli informa che la pratica in oggetto è stata discussa in Commissione nella già menzionata riunione del 22 maggio Per la discussione del punto erano presenti, altresì, il prof. Luciano Ombres, delegato del Rettore al Patrimonio e alla Programmazione Edilizia Universitaria e il geom. Salvatore Infusino, Ufficio Manutenzione Ordinaria Strutture Edilizie di Ateneo. Il prof. Palopoli informa che la Commissione ha esaminato la relazione tecnica allegata al progetto relativo ai lavori di realizzazione di due aree da gioco street game destinate a tennis, pallavolo, badmington e pallacanestro presso il Polifunzionale dell Ateneo. Il progetto mira alla riqualificazione dell area ex capannoni Morteo, e non prevede servizi di supporto annessi. Il prof. Palopoli comunica che la Commissione ha proposto di destinare la somma necessaria, pari a 6.998,11, oltre IVA, per la realizzazione dell opera. La relazione tecnica e il relativo computo metrico sono allegati al presente verbale costituendone parte integrante. Il prof. Maggiolini chiede se è possibile prevedere l illuminazione dell area interessata, per consentire anche un uso nelle ore serali. Il prof. Palopoli e il prof. Veltri ritengono che la proposta potrà essere discussa in una prossima riunione della Commissione. Terminata la discussione, il Pro Rettore invita il Consiglio a esprimersi. Il Consiglio di Amministrazione, all unanimità, adotta la seguente deliberazione: Deliberazione n. 86/2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESO ATTO dell istruttoria svolta dalla Commissione Patrimonio Edilizio, Energia e Sistemi Informativi; VISTA la relazione del geom. Salvatore Infusino relativa al progetto per i lavori di realizzazione di due aree da gioco street game destinate a tennis, pallavolo, badmington e pallacanestro presso il Polifunzionale dell Ateneo; RITENUTO OPPORTUNO provvedere alla riqualificazione dell area ex capannoni Morteo del Polifunzionale; VISTO il bilancio unico di previsione annuale autorizzatorio 2015; ACCERTATA la disponibilità finanziaria sulla voce CA Accantonamento a fondo spese impreviste del budget economico; VISTO l art. 16 del Regolamento per l'amministrazione e la Contabilità; DELIBERA Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

16 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 16 di assegnare un finanziamento pari a 8.537,69 ( 6.998,11 + IVA) per i lavori di realizzazione di due aree da gioco street game destinate a tennis, pallavolo, badmington e pallacanestro presso il Polifunzionale dell Ateneo. Il Consiglio autorizza, pertanto, l Area Finanziaria, Programmazione e Controllo ad effettuare il seguente storno di budget: Budget economico Voce Coan in diminuzione CA Accantonamento a fondo spese impreviste 8.537,69 Voce Coan in aumento CA Manutenzione ordinaria e riparazioni 8.537,69 di immobili e impianti La presente delibera, approvata seduta stante, diviene immediatamente esecutiva Capitolato speciale di appalto servizio di manutenzione e assistenza tecnica del sistema telefonico generale di Ateneo Il prof. Veltri informa che la pratica in oggetto è stata discussa in Commissione nella riunione del 3 giugno u.s., tenutasi alla presenza del prof. Palopoli, dello stesso prof. Veltri e del sig. Leuzzi, componenti della Commissione. Per la discussione del punto erano presenti, altresì, il dott. Domenico Romeo, Responsabile del Servizio Speciale Sistemi di Telefonia di Ateneo e il dott. Agostino Baldino. Durante la riunione è stata esaminata la relazione predisposta dal dott. Romeo, che si riporta di seguito: «Considerato che a Giugno 2015 scade il contratto di manutenzione ed assistenza tecnica del sistema telefonico generale di Ateneo, l Università della Calabria ritiene opportuno dotarsi di un nuovo contratto di servizio per la manutenzione ed assistenza tecnica per il suo sistema telefonico generale di Ateneo. Il servizio da erogare è relativo alla manutenzione di tutte le centrali telefoniche, costituenti il sistema, della rete di interconnessione delle centrali, nonché degli apparecchi telefonici sia analogici che digitali che IP, degli switch e cassetti ottici presenti in dette centrali. Al fine di predisporre la procedura necessaria per dotare l Università della Calabria di un nuovo contratto di servizio per la manutenzione ed assistenza tecnica per il sistema telefonico generale di ateneo, con nota Prot. n del 24/04/2015, il dott. Domenico Romeo (Responsabile del Servizio Speciale Sistemi di Telefonia di Ateneo) è stato incaricato dal Direttore Generale dell Università della Calabria quale Responsabile Unico del procedimento. Il Responsabile Unico del Procedimento ha redatto il Capitolato Speciale d Appalto e l Allegato Tecnico per procedere all assegnazione del servizio suddetto tramite la predisposizione di un RdO sul MEPA (non è stato possibile aderire a Consip, poiché la convenzione relativa a detto servizio è stata annullata con sentenza n. 6173/2014 del 19 dicembre 2014, la Convenzione non è più attiva. Ad ogni buon conto, ai fini della valutazione dell importo totale del servizio da mettere a base d asta sono state prese a riferimento le tariffe che erano previste in detta convenzione. Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

17 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 17 Da detto capitolato si evince che L importo complessivo a base d asta per il contratto del Servizio di manutenzione ed assistenza tecnica del sistema telefonico generale di Ateneo ammonta a ,00 annui - oltre IVA, per legge, soggetto a ribasso. Pertanto si propone di: 1- approvare il capitolato speciale d appalto e allegato tecnico Redatto dal RUP Dott. Domenico Romeo (Responsabile del Servizio Speciale Sistemi di telefonia di Ateneo); 2- autorizzare l Area Attività Negoziali ad avviare le procedure per la predisposizione di un RdO su MEPA per l assegnazione del servizio di manutenzione ed assistenza Tecnica; 3- autorizzare l Area finanziaria di questo Ateneo al vincolo della somma di ,00 oltre IVA per ogni anno di contratto, sulla voce COAN del budget economico 2015, CA utenze e canoni per Telefonia Fissa, necessaria per il pagamento dell importo del Contratto del Servizio di Manutenzione ed Assistenza Tecnica del Sistema Generale Telefonico di Ateneo.» Il prof. Veltri informa che la Commissione ha esaminato il suddetto Capitolato Speciale d Appalto e il relativo Allegato Tecnico (allegati al presente verbale costituendone parte integrante), proponendone l approvazione. Il Pro Rettore invita il Consiglio a esprimersi in merito. Il Consiglio di Amministrazione, all unanimità, adotta la seguente deliberazione: Deliberazione n. 87/2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESO ATTO VISTO VISTO VISTO dell istruttoria svolta dalla Commissione Patrimonio Edilizio, Energia e Sistemi Informativi; lo Statuto di Ateneo; il Regolamento per l Amministrazione e la Contabilità e, in particolare, l art. 67, Convenzioni Quadro Consip S.p.a., Mercato Elettronico ; il D.P.R. n. 507 del 05/10/2001 (Regolamento di attuazione ed esecuzione del Codice dei contratti) e, in particolare, l art. 328 (Mercato Elettronico); DELIBERA - di approvare il capitolato speciale d appalto e allegato tecnico Redatto dal RUP Dott. Domenico Romeo, Responsabile del Servizio Speciale Sistemi di telefonia di Ateneo; - di autorizzare l Area Attività Negoziali ad avviare le procedure per la predisposizione di un RdO su MEPA per l assegnazione del servizio di manutenzione ed assistenza Tecnica; - di autorizzare l Area Finanziaria al vincolo della somma di ,00 oltre IVA per ogni anno di contratto, sulla voce COAN del budget economico 2015, CA Utenze e canoni per telefonia fissa, necessaria per il pagamento Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

18 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 18 dell importo del Contratto del Servizio di Manutenzione ed Assistenza Tecnica del Sistema Generale Telefonico di Ateneo. La presente delibera, approvata seduta stante, diviene immediatamente esecutiva Bando concessione spazi esterni in località S. Antonello Il prof. Palopoli informa che la pratica in oggetto è stata discussa in Commissione nella già menzionata riunione del 3 giugno Per la discussione del punto era presente, altresì, il Pro Rettore al Centro Residenziale, prof. Luigino Filice. La Commissione ha esaminato, nella suddetta seduta, la proposta del Pro Rettore al Centro Residenziale di emanare un Bando di concessione per l utilizzo di spazi finalizzati alla pratica sportiva dilettantistica presso la località S. Antonello di Montalto Uffugo, allegato al presente verbale costituendone parte integrante, finalizzato a concedere in comodato d uso l area comprendente il campo sportivo sito in località S. Antonello e predisposto con l intento di promuovere una funzione sociale degli spazi, auspicando una ricaduta positiva sul territorio. Il prof. Palopoli informa che la Commissione ha proposto di approvare il Bando, previa verifica formale da parte dei preposti uffici dell Ateneo. Il Pro Rettore invita il Consiglio a esprimersi sulla pratica. Il Consiglio di Amministrazione, all unanimità, adotta la seguente deliberazione: Deliberazione n. 88/2015 PRESO ATTO VISTO VISTO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE dell istruttoria svolta dalla Commissione Patrimonio Edilizio, Energia e Sistemi Informativi; lo Statuto di Ateneo; il Regolamento per l Amministrazione e la Contabilità e, in particolare, l art. 59, Locazione attiva di beni e concessione in uso di spazi ; RITENUTO OPPORTUNO promuovere una funzione sociale degli spazi esterni all immobile di proprietà dell Università della Calabria presso la località S. Antonello di Montalto Uffugo; DELIBERA di approvare il bando di concessione per l utilizzo di spazi finalizzati alla pratica sportiva dilettantistica presso la località S. Antonello di Montalto Uffugo, autorizzando i competenti uffici dell amministrazione all emanazione dopo una verifica dello stesso bando nei suoi aspetti formali. La presente delibera, approvata seduta stante, diviene immediatamente esecutiva. Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

19 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 19 Sono allegati al presente verbale, costituendone parte integrante, i verbali delle riunioni della Commissione Patrimonio Edilizio, Energia e Sistemi Informativi tenutesi dal 06 maggio 2015 alla data odierna. 5. COMMISSIONE PROMOZIONE DELLA QUALITÀ DELLA DIDATTICA E DELLA RICERCA Il Rettore invita i componenti della Commissione Promozione della Qualità della Didattica e della Ricerca, prof.ssa Annamaria Canino e prof. Marcello Maggiolini, a illustrare le pratiche istruite Pratiche spin-off Il prof. Maggiolini informa che la pratica in oggetto è stata discussa dalla Commissione nella riunione del 26 maggio 2015, aggiornata al 3 giugno scorso, alla presenza della prof.ssa Canino e del prof. Maggiolini, componenti, nonché dell ing. Gianpaolo Iazzolino, componente della Commissione tecnica spin-off che ha valutato la proposta. Si riporta di seguito l estratto del verbale della Commissione: «La Commissione invita l Ing. Iazzolino ad illustrare le pratiche spin-off pervenute. KimiCal S.r.l. Il Prof. Giuseppe Antonio Ranieri, Professore Ordinario Dipartimento Chimica e Tecnologie Chimiche, e il Dott. Cesare Oliviero Rossi, Ricercatore Dipartimento Chimica e Tecnologie Chimiche, in qualità di referenti della proposta di idea imprenditoriale avente oggetto MOLECOLE E FORMULATI INNOVATIVI PER L INDUSTRIA CHIMICA chiedono la valutazione della proposta stessa. L Ing. Iazzolino illustra la scheda di sintesi predisposta, allegata al presente verbale, con la quale comunica che l idea imprenditoriale riguarda la produzione e commercializzazione di prodotti chimici (additivi) per bitumi stradali. La proposta è formulata in maniera chiara. Essa è stata revisionata in alcuni punti dai proponenti a seguito di sollecitazione della Commissione tecnica spinoff che, dopo una prima analisi, ha richiesto approfondimenti e suggerito elementi per il miglioramento complessivo della proposta stessa. I principali prodotti dell azienda sono: Attivanti di adesione, che migliorano la resistenza del bitume all acqua; Additivi bicomponenti, che migliorano la resistenza del bitume alle alte o basse temperature; Additivi antifumo, che permettono di lavorare il bitume ad alte temperature riducendo l emissione di fumi dannosi per l uomo e l ambiente; Molecole che possono sostituire le sostanze tossiche (Substance Very High Concern). La proposta si ritiene interessante anche alla luce delle seguenti considerazioni: 1. vengono richieste ai bitumi stradali prestazioni sempre superiori in termini di resistenza; 2. esistono margini di miglioramento e ottimizzazione nei processi di produzione (risparmio energetico, utilizzo di materiali da riciclo); 3. le normative sull emissione di fumi dannosi sono sempre più rigorose. Il mercato dell azienda è rappresentato da: (i) raffinerie petrolifere; (ii) aziende nazionali/estere produttrici di conglomerati bituminosi; (iii) aziende nazionali/estere produttrici di additivi. La concorrenza in Italia è rappresentata dall azienda Iterchimica, leader nazionale nel mercato degli additivi stradali. Probabilmente sarebbe opportuno approfondire meglio la strategia che l impresa intende perseguire per fronteggiare la concorrenza.» Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

20 Segue verbale n. 19 dell 8 giugno 2015 Pag. n. 20 Il prof. Maggiolini informa che la Commissione ha proposto di approvare la suddetta richiesta. La scheda di sintesi dell idea imprenditoriale è allegata al presente verbale costituendone parte integrante. Al termine di una breve discussione, il Pro Rettore invita il Consiglio a esprimersi. Il Consiglio di Amministrazione, all unanimità, adotta la seguente deliberazione: Deliberazione n. 89/2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESO ATTO PRESO ATTO VISTO VISTO dell istruttoria svolta dalla Commissione Promozione della Qualità della Didattica e della Ricerca; dell istruttoria svolta dalla Commissione brevetti; lo Statuto dell Università della Calabria, e in particolare l art. 1.1, secondo il quale l Università della Calabria favorisce l innovazione anche con il trasferimento tecnologico dei risultati della ricerca; il Regolamento di Ateneo per il riconoscimento dello status di società Spin Off dell Università della Calabria ; DELIBERA di approvare la proposta di riconoscimento dello spin off dal titolo Molecole e formulati innovativi per l industria chimica (referente: prof. Giuseppe Antonio Ranieri). La presente delibera, approvata seduta stante, diviene immediatamente esecutiva Domande di brevetto Il prof. Maggiolini informa che le domande di brevetto sono state esaminate dalla Commissione nella riunione del 26 maggio 2015, aggiornata al 3 giugno scorso, alla presenza della prof.ssa Canino e del prof. Maggiolini, componenti, nonché del dott. Massimo Paturzo, Liaison Office di Ateneo. Informa, in proposito, che la Commissione ha preso atto della richiesta del prof. Giovanni Sindona di sottoporre al processo di valutazione la proposta di marchio figurativo/descrittivo per il laboratorio QUASIORA. Tuttavia, poiché la materia non è ancora regolamentata, la Commissione ha ritenuto di rinviare l esame della richiesta, atteso che la bozza del Regolamento per la gestione dell innovazione e della proprietà intellettuale, in distribuzione nella seduta odierna di Consiglio, potrà essere approvato in una prossima adunanza. Il Direttore Generale informa che di recente è stato costituito l ufficio di staff del Rettore denominato Identità Visiva di Ateneo, competente per la materia in discussione. Il Segretario Dott. Fulvio SCARPELLI Il Presidente Prof. Guerino D IGNAZIO

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

IL RETTORE. il decreto del 01 aprile 2014 n.608 con il quale è stato aggiornato lo statuto di ateneo; VISTO

IL RETTORE. il decreto del 01 aprile 2014 n.608 con il quale è stato aggiornato lo statuto di ateneo; VISTO Università della Calabria - Amministrazione Centrale D.R. n.1072 del 10/07/2015 IL RETTORE il decreto del 01 aprile 2014 n.608 con il quale è stato aggiornato lo statuto di ateneo; il decreto del 6 febbraio

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli