Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115"

Transcript

1 Sommario Introduzione Conosci l indice glicemico e perdi peso senza sacrifici 7 Capitolo 1 La glicemia dei cibi e i meccanismi che fanno ingrassare 13 Capitolo 2 L importanza dell indice glicemico 33 Capitolo 3 Il programma dimagrante seguendo l indice glicemico 67 Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95 Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115 Capitolo 6 Le tabelle per scegliere i cibi con l IG più basso 147

2 Introduzione Conosci l indice glicemico e perdi peso senza sacrifici indice glicemico è uno strumento efficace per perdere peso L senza essere costretti a patire la fame. Sfruttando questo fattore possiamo mangiare pane, pasta e dolci senza rischiare il sovrappeso e anzi consumando i grassi depositati nei tessuti. Saper scegliere i cibi a basso indice glicemico infatti aiuta ad annullare l effetto ingrassante di questi alimenti. Tutto parte dai carboidrati (cioè gli amidi e gli zuccheri) che sono contenuti nei cibi più comuni e che insieme alle proteine e ai grassi costituiscono la base della nostra alimentazione. Questi tre macronutrienti sono i principi alimentari fondamentali per fornire all organismo l energia necessaria alla vita e il materiale che serve per la crescita, la riparazione e il rinnovamento di tutti i tessuti corporei. Secondo le linee guida alimentari per l Italia, circa la metà delle calorie (50-55%) dovrebbe essere fornita all organismo da carboidrati (chiamati anche glucidi) e la parte rimanente distribuita fra grassi (il 7

3 Dimagrisci con l indice glicemico 30-35% del totale) e proteine (il rimanente 15-20%). Questa divisione asseconda anche le nostre tradizioni alimentari, perché i cibi più frequenti nella dieta mediterranea sono il pane, la pasta, la pizza, i prodotti da forno, i dolci, la frutta e alcune verdure, tutti ricchi di carboidrati. I glucidi infatti si trovano, in percentuali variabili, in tutti i prodotti alimentari derivati dai cereali e dalle loro farine, oltre che nei vegetali che contengono amidi, zuccheri e cellulosa. Assimiliamo dunque quotidianamente considerevoli dosi di carboidrati, attraverso cibi abituali (e molto apprezzati dal nostro gusto). Dalla digestione dei carboidrati si ottiene il glucosio, fonte di energia essenziale all organismo perché consente la contrazione dei muscoli ed è l unico carburante che il cervello può utilizzare e che consuma in quantità. I carboidrati fanno ingrassare? Ma nonostante questa ruolo fondamentale nell organismo, i carboidrati sono stati presi di mira da molti dietologi negli ultimi anni perché indicati come i principali responsabili dei dilaganti problemi di sovrappeso e di obesità. Questo perché il consumo di amidi e zuccheri è strettamente collegato alla produzione di insulina, che è definita ormone ingrassante. Infatti quando il glucosio ricavato dall assimilazione dei carboidrati entra in circolo nel sangue, provoca l aumento della glicemia e questo stimola l entrata in azione dell insulina. Questo ormone, prodotto dal pancreas, ha la funzione di tenere regolata la glicemia; quindi per ridurre il glucosio in eccesso stimola la sua trasformazione in grasso e facilita il suo immagazzinamento nelle cellule. Di conseguenza, 8

4 Introduzione quanta più insulina circola nel corpo, tanto più grasso viene depositato nei tessuti. Da qui il rischio che mangiare carboidrati possa provocare l aumento del peso corporeo. Ma le diete dimagranti che obbligano a un drastico taglio nel consumo di tutti i carboidrati non sono una soluzione adeguata. In primo luogo perché un eccessiva riduzione di carboidrati nella nostra alimentazione comporta anche conseguenze negative per l organismo, perché lo obbliga a recuperare altre fonti di glucosio per fornire il combustibile indispensabile al cervello. Inoltre questi processi metabolici di riserva producono sostanze di scarto, che rischiano di essere dannose all organismo. Le diete low carb (a basso apporto di carboidrati) provocano una rapida perdita di peso nei primi giorni (perché portano a consumare i liquidi corporei) ma a lungo andare non sono tollerabili, per lo squilibrio tra i macronutrienti. La svolta: l indice glicemico Come tenere sotto controllo allora il livello di glicemia nel sangue e la risposta insulinica che porta a un aumento del peso corporeo, senza ridurre significativamente la quantità di carboidrati assunti con l alimentazione? La risposta al quesito arrivò studiando le conseguenze dell assunzione dei vari cibi sul livello di glicemia del sangue. Non tutti infatti provocano brusche impennate di glucosio nel sangue, con tutte le relative conseguenze. Si pensava che questo effetto fosse provocato dagli zuccheri semplici e non dai carboidrati più complessi. I test pratici, misurando gli effetti sulla glicemia dopo aver mangiato vari tipi di alimenti, dimostrarono che non era così. Anche i cibi contenenti amido possono far 9

5 Dimagrisci con l indice glicemico riversare immediatamente nel sangue una forte quantità di glucosio e viceversa alcuni cibi contenenti zuccheri semplici hanno un lieve impatto glicemico e insulinico. Si arrivò così a definire il concetto di indice glicemico, cioè la misura della velocità con cui un alimento fa impennare la glicemia e quindi avvia i meccanismi fisiologici che possono produrre il sovrappeso. Ogni cibo ha un suo indice glicemico, e conoscerlo è molto importante per scegliere una dieta adatta a perdere peso senza provocare squilibri tra i macronutrienti. Si può continuare a mangiare un adeguata percentuale di carboidrati, inserendo nei pasti anche cibi a basso indice glicemico, che servono a contenere la risposta glicemica e insulinica dell alimentazione. Così il corpo non immagazzina grassi in eccesso e i carboidrati digeriti lentamente danno un maggiore senso di sazietà evitando gli attacchi di fame ingiustificata. Il contenuto del libro Le spiegazione sull importanza e sull utilità del concetto di indice glicemico, che abbiamo qui sintetizzato, sarà illustrata più dettagliatamente nel libro. In primo luogo si parlerà delle caratteristiche generali dei carboidrati, quali cibi ne contengono in maggiore quantità, come vengono scomposti in glucosio e quali conseguenze provoca questo processo sulla glicemia, sull insulina e su altri meccanismi fisiologici. Queste reazioni sono di intensità diversa e dipendono appunto dall indice glicemico di ogni cibo. Seguirà quindi la trattazione del significato di indice glicemico, dei fattori da cui dipende e di come si misura. Quindi una prima suddivisione sintetica fra alimenti a basso, medio ed 10

6 Introduzione elevato indice glicemico. Tale divisione è utile per scegliere a ragion veduta gli alimenti che hanno un minore indice glicemico e servono per tenere sotto controllo la glicemia, il sovrappeso e anche il rischio di diabete. La seconda parte del libro è dedicata alle indicazioni concrete su come usare l indice glicemico per costruire un programma alimentare che sia efficace nel perdere peso senza dannosi squilibri alimentari e senza sacrifici eccessivi. Illustreremo una serie di consigli su come seguire un alimentazione sana e dimagrante seguendo le indicazioni dell indice glicemico. Proporremo i menu per un programma alimentare della durata di due settimane con lo scopo di bruciare i chili superflui e riacquistare la forma fisica. Presenteremo anche una serie di gustose ricette basate sull utilizzo di ingredienti a ridotto impatto sulla glicemia. Infine un appendice molto utile: le tabelle con l indice glicemico di numerosi alimenti, suddivisi per categorie. Servono per scegliere i cibi a minore indice glicemico, quelli più adatti non solo per perdere peso, ma anche per contrastare il diabete e per mantenersi in salute. 11

7 CAPITOLO 2 L importanza dell indice glicemico La soluzione per contrastare gli effetti ingrassanti provocati dalla digestione degli amidi e degli zuccheri non sta nel ridurre drasticamente l apporto di carboidrati nell alimentazione, come fanno alcune diete, ma nel tenere conto dell indice glicemico degli alimenti. È un fattore che misura la reazione prodotta dai vari alimenti sulla glicemia: scegliere i cibi con IG più basso aiuta a dimagrire e a evitare i rischi per la salute provocati dall iperglicemia.

8 Dimagrisci con l indice glicemico LA SCOPERTA DEL FATTORE IG N el primo capitolo abbiamo visto che i carboidrati assimilati dall organismo vengono scissi in glucosio, che entra nel sangue e fa alzare la glicemia. Un effetto che stimola la produzione di insulina, un ormone che può provocare accumulo di grassi. Come fare allora per tenere sotto controllo l effetto ingrassante prodotto dai carboidrati, senza ridurre il loro apporto all interno della dieta? A questo punto entra in gioco l indice glicemico, uno dei fattori che negli ultimi anni hanno attirato maggiormente l attenzione dei dietologi e dei nutrizionisti. Non tutti i carboidrati infatti producono un uguale aumento della glicemia nel sangue. Alcuni fanno impennare rapidamente il livello del glucosio, altri invece lo fanno aumentare in maniera più graduale e prolungata. Questa differenza è un dato fondamentale per capire quanto un cibo possa incidere nel causare sovrappeso o obesità ed è collegata appunto all indice glicemico. Esso infatti rappresenta la velocità con la quale un alimento che contiene carboidrati provoca un aumento della glicemia. L indice glicemico (IG) si esprime attraverso un numero che stabilisce il confronto con la velocità nell aumento della glicemia che si avrebbe ingerendo del glucosio, cioè uno zucchero semplice, già monosaccaride. Il glucosio fa da parametro di riferimento e la velocità con cui esso influisce sulla glicemia viene considerata pari a 100. Quindi se un alimento ha un IG di 50 significa che 34

9 CAPITOLO 2 - L importanza dell indice glicemico il glucosio rispetto a esso ha una velocità doppia nell influire sulla glicemia e quindi che questo cibo ha un assimilazione più lenta e produce un più graduale innalzamento della glicemia. Meno rapido è questo processo e più basso è l indice glicemico. Al contrario invece i carboidrati con elevato indice glicemico vengono metabolizzati rapidamente e determinano un improvviso innalzamento del livello ematico di glucosio. Detto in un altro modo, si può affermare che l indice glicemico misura il potere glicemizzante di un caraboidrato, ossia la sua capacità di liberare una certa quantità di glucosio dopo la digestione. Questo aspetto è fondamentale per valutare quanto un alimento possa favorire l ingrassamento, perché se la glicemia sale rapidamente provoca un immediato rilascio di insulina, che favorisce il deposito nei tessuti adiposi; se invece la glicemia aumenta gradatamente e si mantiene abbastanza stabile per un periodo più lungo, l intervento dell insulina sarà più blando e meno ingrassante. Zuccheri semplici e complessi Tradizionalmente si riteneva che gli effetti dei carboidrati sulla glicemia e quindi sulla risposta insulinica e sulla formazione e il deposito di grassi negli adipociti fossero legati direttamente alla loro struttura chimica. Si faceva una netta divisione fra carboidrati semplici, cioè gli zuccheri, e carboidrati complessi, cioè gli amidi. Si riteneva che i primi fossero metabolizzati molto rapidamente e che provocassero subito l aumento della glicemia nel 35

10 Dimagrisci con l indice glicemico sangue. Invece per gli amidi e in generale gli zuccheri complessi si pensava che fosse necessario un tempo maggiore per l assimilazione e che l aumento della glicemia di conseguenza fosse più limitato e graduale. Ma gli studi intrapresi nel corso degli anni hanno chiarito che questa suddivisione non è sufficiente per stabilire quali sono i cibi con un effetto più rapido sulla glicemia e quindi che provocano un maggiore rischio di accumulare grassi ricavati dalla sintesi del glucosio. Gli studi di Jenkins - Tra la fine degli anni 70 e l inizio degli anni 80 si cominciarono ad analizzare scientificamente le reazioni dell organismo dopo l ingestione dei vari tipi di carboidrati. Il professor Crapo, diabetologo di San Diego, analizzò il legame fra i picchi insulinici e il sovrappeso; a portare avanti sistematicamente questi studi fu poi il professor David Jenkins all Università di Toronto in Canada, che dal 1981 esaminò gli effetti di centinaia di alimenti diversi sull aumento della glicemia. Il metodo era semplice ed è in uso ancora oggi: il ricercatore misurava il livello di glicemia nel sangue dei volontari a digiuno, e lo misurava poi nuovamente, a intervalli di tempo regolari, dopo che avevano mangiato l alimento preso in esame. Così Jenkins accertò che i vari cibi hanno una loro specifica e particolare caratteristica di innalzare la glicemia e chiamò questa capacità col termine appunto di indice glicemico. La misura dell IG è dunque praticamente un metodo scientifico per stabilire come i carboidrati contenuti nei vari alimenti possono influire sul livello di glucosio nel sangue. Dunque i cibi che hanno un elevato IG conten- 36

11 CAPITOLO 2 - L importanza dell indice glicemico gono carboidrati che hanno un forte e rapido impatto sulla glicemia nel sangue, mentre quelli con basso indice glicemico contengono carboidrati che producono un impatto molto inferiore. Da questi studi emersero dei dati che erano in contraddizione con quanto si riteneva fino ad allora. Ad esempio si scoprì che dei cibi che si riteneva avessero un effetto lento sulla glicemia, come pane, patate e riso, invece influiscono con molta rapidità provocando picchi glicemici. Al contrario alcuni zuccheri presenti in alimenti come frutta e marmellate non provocano un picco netto e immediato della glicemia, come invece si pensava. Molti zuccheri danno una risposta glicemica inferiore e più lenta rispetto a quella prodotta dagli amidi. Fin dai primi studi sull indice glicemico è stato provato con esperimenti scientifici che, contrariamente a quello che si riteneva in precedenza, alcuni carboidrati complessi e con un contenuto di amidi superiore al 60-70% vengono assorbiti e digeriti velocemente. Perciò hanno una capacità di aumentare la glicemia anche superiore a quella degli zuccheri semplici contenuti in molti cibi dolci. Gli amidi raffinati (come la farina bianca di frumento e tutti i cibi prodotti con essa) sembrano essere tra le cause maggiori di picchi glicemici, quelli che fanno alzare rapidamente la glicemia dai livelli normali di ml/dl fino a Innalzamenti che poi producono l emissione di insulina e una rapida riduzione della glicemia fino a 45-50, con successivo senso di fame incontrollata. Queste nuove nozioni hanno influenzato varie teorie sulla nutrizione e molti dietologi hanno cominciato a tener- 37

12 Dimagrisci con l indice glicemico ne conto nella stesura dei programmi di alimentazione, in particolare quelli studiati per perdere peso. Uno dei più noti è Michel Montignac, che alla fine degli anni 80 ideò e divulgò un metodo per dimagrire basato sull osservazione stretta dell indice glicemico degli alimenti. Il suo metodo ebbe grande successo ed è stato seguito da molti. I fattori che lo determinano L indice glicemico di un alimento è influenzato da numerosi fattori, non solo dalla presenza di amidi e zuccheri, ma anche dalla loro composizione chimica, dalla struttura delle molecole, dalla loro reazione al calore, dalle caratteristiche chimico-fisiche; l IG di un cibo viene inoltre influenzato anche dai cibi che lo accompagnano nel pasto. Analizziamo i vari fattori che contribuiscono a determinare l indice glicemico di un alimento. Gelatinizzazione: quando gli amidi di un cibo vengono gelatinizzati facilmente, cioè i granuli che li compongono si gonfiano e scoppiano liberando molecole, allora questo cibo diventa più facilmente digeribile e quindi ha un indice glicemico più alto, perché viene assimilato in fretta. Accade ad esempio per gli amidi delle patate cotte a lungo o della farina aggiunta nelle salse, che sono gelatinizzati e quindi hanno un elevato IG. Macinatura: i cereali macinati molto finemente si presentano sotto forma di granuli sottilissimi, che vengono digeriti più in fretta e quindi hanno un indice glicemico più alto. Se i cereali invece hanno ancora il loro guscio protettivo costituito dal chicco o dalla crusca, hanno un 38

13 CAPITOLO 2 - L importanza dell indice glicemico indice glicemico basso, anche se sono stati cotti a lungo (la lunga cottura - come abbiamo detto - di solito aumenta l indice glicemico di un alimento). Composizione dell amido: perché il riso di solito ha un indice glicemico molto elevato, superiore a quello degli altri cereali? Perché il tipo di amido che contiene in maggioranza è quello che viene assimilato più in fretta e quindi manda in circolo più rapidamente il glucosio. Gli amidi sono infatti di due tipi: l amilosio e l amilopectina. L amilosio ha una struttura compatta, che viene intaccata lentamente dagli enzimi digestivi; l amilopectina è più aperta e più facilmente digeribile perché subisce più facilmente il processo di gelatinizzazione. Infatti l acqua calda, penetrando attraverso le microscopiche fessure che si trovano sulla superficie del grano di riso, provoca l idratazione dell amilosio, il rigonfiamento e i processi che lo rendono digeribile più in fretta. Quasi tutti i tipi di riso contengono più amilopectina che amilosio, quindi hanno un alto indice glicemico. È diversa invece la situazione per il riso basmati, che contiene più amilosio e ha un indice glicemico più basso. Fibre: le fibre contenute negli alimenti a base di carboidrati, oppure nei cibi che li accompagnano durante i pasti, possono abbassare l indice glicemico dell alimento o del pasto. Però devono essere fibre che hanno mantenuto la loro viscosità e quindi la capacità di aumentare la densità del bolo che transita nell intestino. In questo modo rallentano la digestione e il rilascio di glucosio. Le fibre macinate troppo finemente non riescono a farlo; invece le fibre contenute nei bastoncini di cru- 39

14 CAPITOLO 3 Il programma dimagrante seguendo l indice glicemico Un programma alimentare basato sui principi dell indice glicemico è efficace per ottenere la perdita di peso. Seguito con costanza, non solo aiuterà a dimagrire ma anche a ridurre il rischio di contrarre il diabete. In primo luogo elenchiamo i principi base per sfruttare a proprio vantaggio gli effetti dell IG. Quali cibi scegliere e quali evitare, come comporre i pasti per restare in salute e in linea.

15 Dimagrisci con l indice glicemico I PRINCIPI BASE DELLA DIETA La dieta basata sull indice glicemico è soprattutto uno stile alimentare, sano e ipocalorico, da adottare in maniera continuativa, che insegna a mangiare in modo vario, abbinando correttamente i cibi. Questo allo scopo di ridurre, il più possibile, la risposta insulinica e favorire così la perdita di peso. I principi base su cui si fonda la dieta dell IG sono essenzialmente questi. Inserire in ogni pasto un alimento a basso IG - In ogni pasto della giornata bisogna prevedere almeno un alimento a basso indice glicemico. Oppure, in alternativa, è necessario sostituire gli ingredienti ad alto IG con cibi a medio o basso IG (per esempio, sostituisci i cornflakes con i fiocchi di avena, a colazione). Non si escludono alimenti a elevato IG dalla dieta - Non bisogna escludere totalmente dalla propria alimentazione i cibi a elevato indice glicemico. Basta consumarne non più di uno al giorno. Inoltre, ogni volta che si assume un cibo ad alto indice glicemico, è sufficiente accompagnarlo nello stesso pasto con uno o due alimenti a basso IG, nella stessa o maggiore quantità. Per esempio, se a pranzo si mangia il riso bisogna accompagnarlo con le lenticchie oppure, se si consumano delle patate, che hanno un elevato IG, come dessert, bisogna scegliere uno yogurt magro, che ha un basso IG. Questo stratagemma serve ad abbassare l IG medio del pasto e riduce la quantità di glucosio 68

16 CAPITOLO 3 - Il programma dimagrante seguendo l indice glicemico prodotto. Ancora meglio sarebbe associare i carboidrati previsti nel pasto con un cibo proteico, come carne, pesce, uova, legumi o latticini e con un vegetale (frutta e verdura). Esempio: se a colazione consumi 25 g di cornflakes ad alto IG, accompagnali con 100 ml di latte scremato e con una pesca noce tagliata a fettine. Non considerare solo l IG di un cibo - L indice glicemico è un parametro importante ma è sbagliato basare le proprie scelte alimentari solo ed esclusivamente su questo fattore. È, infatti, fondamentale considerare anche il contenuto nutrizionale dei diversi alimenti che compongono il pasto e soprattutto la percentuale dei grassi saturi, del sale e delle fibre presenti. Per esempio le patate o il riso, benché siano cibi a elevato indice glicemico, sono decisamente più salutari della salsiccia che, nonostante l IG basso, è ricca di grassi saturi. Anche le porzioni contano - Per calcolare il carico glicemico di un certo cibo è necessario considerare la quantità di carboidrati assorbibili e il relativo indice glicemico dell alimento metabolizzato. Bisogna quindi stare attenti anche alle porzioni dei cibi. Mangiare troppo di un cibo con IG basso o medio fa comunque aumentare il carico degli zuccheri totali e favorisce l ingrassamento molto più di un cibo a IG elevato, consumato in quantità ridotte. Al contrario, assumere alimenti a IG medio come la marmellata di fragole (IG=51) o il miele (IG=55) provoca un basso impatto glicemico, se essi vengono assunti in porzioni minime. 69

17 Dimagrisci con l indice glicemico L IG è calcolato solo per gli alimenti contenenti carboidrati Un alimentazione equilibrata è quella che prevede un apporto giornaliero bilanciato dei nutrienti principali: proteine, carboidrati e lipidi, che vanno consumati in proporzione variabile. Bisogna in ogni caso sottolineare che l IG è calcolato solo per gli alimenti che contengono carboidrati perché questo valore non può essere determinato nei cibi che ne contengono basse percentuali come la carne, il pesce, le uova, il burro, i formaggi, il pollo, le verdure, la panna, le verdure. Inoltre bisogna considerare sempre il valore nutrizionale di un certo alimento, soprattutto la presenza (e di che tipo di grassi) che possono essere molto diversi a seconda del cibo. I punti fondamentali Non escludere dalla dieta gli alimenti a elevato IG. Prevedi in ogni pasto giornaliero alimenti a basso IG. Associa sempre nello stesso pasto alimenti a elevato IG con alimenti a basso IG. Se assumi carboidrati a elevato contenuto glicemico cerca di assumerne in quantità minime, così da ridurre l impatto sull innalzamento della glicemia. 70

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Sedalfam. Descrizione

Sedalfam. Descrizione L attenzione al peso corporeo e all indice glicemico e ad un corretto metabolismo non è solo oggetto di interesse estetico, ma di importanza fondamentale per la prevenzione di molte malattie quali diabete,

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

Da quanto appena detto è evidente come la TERAPIA NUTRIZIONALE rappresenti uno dei cardini principali della terapia del diabete mellito.

Da quanto appena detto è evidente come la TERAPIA NUTRIZIONALE rappresenti uno dei cardini principali della terapia del diabete mellito. LA CONTA DEI CARBOIDRATI (CHO) La conta dei CHO è un metodo consigliabile a tutti i pz diabetici di tipo 1 e 2. E particolarmente utile per i pz in terapia insulinica (multiiniettiva o con il microinfusore)

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO Dr.ssa SABRINA BUGOSSI DIETISTA L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di

Dettagli

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I glucidi sono i costituenti più importanti dei vegetali e le sostanze organiche più diffuse nella biosfera. Rappresentano solo l 1% del corpo umano ma hanno una notevole

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

Viaggio delle sostanze nutritive

Viaggio delle sostanze nutritive Viaggio delle sostanze nutritive Il cibo che assumiamo contiene sostanze nutritive per la produzione di nuove cellule Gli alimenti però devono essere ridotti in molecole Esistono 4 fasi fondamentali 1)

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE Dott.ssa Luce Ghigo Medico Chirurgo Convenzionato S.S.N. Medicina di Gruppo - Medico di R.S.A. Piani Alimentari e Terapia del Sovrappeso 1 Se è vero che le esigenze nutrizionali

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI Le esigenze della incessante attività del corpo umano fanno si che le numerose sostanze che lo formano (le quali sono soggette ad usura e a perdite e vanno quindi via via ricostituite e/o sostituite) e

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

OVAIO POLICISTICO, INSULINO-RESISTENZA E ALIMENTAZIONE

OVAIO POLICISTICO, INSULINO-RESISTENZA E ALIMENTAZIONE OVAIO POLICISTICO, INSULINO-RESISTENZA E ALIMENTAZIONE L ovaio policistico (PCO) è una condizione molto eterogenea caratterizzata da disfunzione ovarica e disordini mestruali associati spesso a segni clinici

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Sommario. In linea con il carburante giusto. Le ricette proteiche. Le ricette con le alghe. Le ricette con le spezie. Le ricette vegetariane

Sommario. In linea con il carburante giusto. Le ricette proteiche. Le ricette con le alghe. Le ricette con le spezie. Le ricette vegetariane Sommario INTRODUZIONE In linea con il carburante giusto 7 CAPITOLO 1 Le ricette proteiche 25 CAPITOLO 2 Le ricette con le alghe 51 CAPITOLO 3 Le ricette con le spezie 73 CAPITOLO 4 Le ricette vegetariane

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole:

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole: I carboidrati costituiscono la fonte di energia principale per lo svolgimento di tutte le funzioni organiche (mantenimento della temperatura corporea, battito cardiaco, funzioni cerebrali, digestione,

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

7 Minutes Project Manager

7 Minutes Project Manager 7 Minutes Project Manager Alimentazione 7 regole d oro per un alimentazione corretta Un alimentazione corretta è la base per far si che tutta l attività motoria svolta da un soggetto si traduca in reali

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

Dimagrire velocemente e bene

Dimagrire velocemente e bene Jacques Fricker Dimagrire velocemente e bene con la collaborazione, per le ricette, di Anne Deville-Cavellin Indice Introduzione.......................................... 1 Parte prima Dimagrire in fretta........................

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

Sommario. Dal grano al pane 7. Valori nutrizionali e ingredienti 33. Scegliere quello amico della linea 67. Preparare il pane in casa 99

Sommario. Dal grano al pane 7. Valori nutrizionali e ingredienti 33. Scegliere quello amico della linea 67. Preparare il pane in casa 99 Sommario Le origini Dal grano al pane 7 Le sue virtù Valori nutrizionali e ingredienti 33 LA STORIA LA STORIA LE PROPRIETÀ I benefici Scegliere quello amico della linea 67 LA SALUTE Lavorazione Preparare

Dettagli

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI.

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI. CARBOIDRATI. I carboidrati rappresentano la principale fonte di energia delle cellule. Essi fungono da combustibile di pronto e facile impiego e di maggior rendimento. I CARBOIDRATI possono essere divisi

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

DIMAGRIRE. giorno per giorno RIZA

DIMAGRIRE. giorno per giorno RIZA RIZA DIMAGRIRE giorno per giorno Come rendere più leggeri i cibi che ci piacciono Cosa mangiare ai pasti, negli spuntini e fuori casa I condimenti, le cotture e gli abbinamenti light DIMAGRIRE giorno

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DIABETE

ALIMENTAZIONE E DIABETE ALIMENTAZIONE E DIABETE Dott.ssa Elena Cimino Scuola di Specializzazione in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Università dell Insubria Sede Milano Bicocca UOS Diabetologia Clinica Medica Ospedale

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

LA CONTA DEI CARBOIDRATI

LA CONTA DEI CARBOIDRATI LA CONTA DEI CARBOIDRATI ALIMENTAZIONE E DIABETE L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di dieta è opportuno parlare di terapia nutrizionale

Dettagli

IL CALCOLO DEI CARBOIDRATI: DA DOVE INIZIAMO? Paola Accorsi

IL CALCOLO DEI CARBOIDRATI: DA DOVE INIZIAMO? Paola Accorsi IL CALCOLO DEI CARBOIDRATI: DA DOVE INIZIAMO? Paola Accorsi Obiettivi: Cosa sono i carboidrati dove si trovano? a cosa servono? Quantificarli in modo preciso Allenare l occhio alla porzionatura indispensabile

Dettagli

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche,

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, delle conoscenze, delle abilità, dei saperi e delle tradizioni

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

ANALISI NUTRIZIONALE DI UN FRULLATO DI FRAGOLA, BANANA E GELATO ALLA VANIGLIA

ANALISI NUTRIZIONALE DI UN FRULLATO DI FRAGOLA, BANANA E GELATO ALLA VANIGLIA ANALISI NUTRIZIONALE DI UN FRULLATO DI FRAGOLA, BANANA E GELATO ALLA VANIGLIA Lavoro svolto nella classe 3AB, IIS "S.G.Bosco", sede staccata di Gazoldo degli Ippoliti (MN) - in collaborazione fra i docenti

Dettagli

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI.

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. Prof. Roberto Calcagno Ho già trattato in un precedente articolo dell indice glicemico degli alimenti ( G.I. Glicemic Index), ora vorrei integrare questo concetto

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

L'alimentazione nel giovane sportivo

L'alimentazione nel giovane sportivo L'alimentazione nel giovane sportivo Dr.ssa Sara Perrotta Biologa Nutrizionista Le abitudini alimentari sono in grado di influenzare in maniera significativa la capacità individuale di realizzare una determinata

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

BUON GIORNO: SONO LE 7 DEL MATTINO E TI PREPARI AD AFFRONTARE UNA NUOVA GIORNATA.

BUON GIORNO: SONO LE 7 DEL MATTINO E TI PREPARI AD AFFRONTARE UNA NUOVA GIORNATA. INTRODUZIONE Da un indagine condotta dal CONI Provinciale di Milano, risulta che 3 bambini su 10 sono in sovrappeso e obesi. Ciò è dovuto soprattutto ad abitudini alimentari errate e a un eccessiva sedentarietà.

Dettagli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli SCEGLI IL GUSTO 7 febbraio 2013 Body Worlds Anna Caroli Terminato l iter diagnostico esami del sangue biopsia enterica Oggi so di essere celiaco Cosa faccio e cosa mangio Il Medico fornisce le prime e

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

ALIMENTAZIONE ESTIVA : ALCUNE REGOLE SANE

ALIMENTAZIONE ESTIVA : ALCUNE REGOLE SANE ALIMENTAZIONE ESTIVA : ALCUNE REGOLE SANE Come abbiamo sempre menzionato parlando di alimentazione per noi sportivi essa diventa non solo un mezzo per sfamarci, ma è un mezzo per fornirci energia di qualità

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

Grassi: Grassi. 3. scegli la qualità e limita la quantità

Grassi: Grassi. 3. scegli la qualità e limita la quantità 3. Grassi: Grassi 3. scegli la qualità e limita la quantità 3. Grassi: scegli la qualità e limita la quantità 30 Per stare bene è necessario introdurre con l'alimentazione una certa quantità di grassi,

Dettagli

PROGRAMMA NUTRIZIONALE

PROGRAMMA NUTRIZIONALE PROGRAMMA ProgrammaNutrizionale NUTRIZIONALE per una duratura riduzione del grasso in eccesso ed il riequilibrio dell alimentazione Benvenuti in LineaMed Risultati positivi che durano nel tempo senza fame

Dettagli

un'occhiata ai carboidrati...

un'occhiata ai carboidrati... un'occhiata ai carboidrati... quando si parla di carboidrati, molto spesso si fa di tutta l'erba un fascio, cioè non si parla della fonte di provenienza ne della loro diversa azione all'interno del nostro

Dettagli

L'indice glicemico Sommario

L'indice glicemico Sommario L'indice glicemico Sommario Il tipo di carboidrato contenuto in un alimento, responsabile dell indice glicemico (IG), non predice con accuratezza il profilo della risposta glicemica all assunzione di quell

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Avvertenze Le informazioni racchiuse in questo documento non sono da intendere come indicazioni mediche, ma sono a fini educativi e di intrattenimento.

Dettagli

Prof. David Heber Presidente del Comitato Consultivo Herbalife per la Nutrizione e dell Herbalife Nutrition Institute

Prof. David Heber Presidente del Comitato Consultivo Herbalife per la Nutrizione e dell Herbalife Nutrition Institute Prof. David Heber Presidente del Comitato Consultivo Herbalife per la Nutrizione e dell Herbalife Nutrition Institute B.S. Magna Cum Laude, in Chimica, UCLA 1969 M.D., Harvard Medical School 1973 Ph.D.

Dettagli