COLTURE ALIMENTARI utilizzazione organi utili composto utile 1) industriali farine e prodotti derivati frutti, semi, o. sotterranei amido, proteine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COLTURE ALIMENTARI utilizzazione organi utili composto utile 1) industriali farine e prodotti derivati frutti, semi, o. sotterranei amido, proteine"

Transcript

1 COLTURE ALIMENTARI utilizzazione organi utili composto utile 1) industriali farine e prodotti derivati frutti, semi, o. sotterranei amido, proteine industria estrattiva frutti, semi, o. sotterranei glucidi, lipidi, (zucchero, oli, altro) conserve alimentari,succhi vari (frutti, o. vegetativi, tutti i componenti (orticole, frutticole) o. sotterranei) industria fermentazioni (vino, bevande alcooliche) frutti, o. sotterranei carboidrati prodotti secondari (aromi, coloranti etc.) vari vari metaboliti secondari 2) consumo diretto (fresco o minima trasformazione) orticole vari tutti i componenti frutticole frutti tutti i componenti bevande aromatiche organi vegetativi, fiori metaboliti secon. spezie vari metaboliti secon.

2 Trattazione elementi di sistematica morfologia ed ecologia prodotto utile, utilizzazioni, qualità diffusione ed importanza elementi di tecniche di produzione genotipi coltivati, varietà CEREALI specie erbacee coltivate che danno come prodotto frutti secchi con riserve prevalentemente amilacee. rappresentano la base della dieta a livello mondiale. prodotto digeribile, con alto valore nutritivo, facilmente conservabile e trasportabile. utilizzazione: alimentazione umana, zootecnica, altri usi industriali (amido, alcool, metaboliti secondari etc.). alimentazione umana: trasformazione domestica o consumo diretto; trasformazione industriale.

3 Specie e famiglie Poaceae (Graminaceae) Frumento tenero (Triticum aestivum L. ssp. aestivum) Frumento duro (Triticum turgidum L. ssp. durum (Desf.) Husn) Frumenti minori: spelta o farro maggiore (T. aestivum L. ssp. spelta (L.) Thell; sin: T. spelta L.); farro (T. turgidum L. ssp. dicoccon Schrank; sin: T. dicoccum Schubl.); farro piccolo (T. monococcum L. spp. monococcum). Orzo (Hordeum vulgare L.) Avena (Avena sativa L.; A. byzantina L.) Segale (Secale cereale L.) Triticale (x Triticosecale) Riso (Oryza sativa L.) Mais o granoturco (Zea mais L.) Sorgo (Sorghum vulgare L.) Miglio (Panicum miliaceum L.) Panico (Setaria italica L.) Teff (Eragrostis abyssinica Link) Panico indiano (Eleusine coracana Gaertn.) Polygonaceae Grano saraceno (Polygonum fagopyrum L.) Chenopodiaceae Quinoa (Chenopodium quinoa ) Amaranthaceae Amaranto (Amaranthus ssp) Poaceae

4 fusto nodo internodo lamina foglia ligula auricola guaina

5 rachide glume rachilla fiore sterile palea fiori fertili lemma

6 crusca (13-16%) schema di cariosside di frumento aleurone (2-3% tegumenti seminali endosperma (75%) embrione o germe (5-6%) pericarpo

7 Composizione media di alcuni cereali (% s.s.) proteine grassi carboidrati fibra ceneri orzo mais avena riso sorgo frumento Composizione media delle diverse parti della cariosside di frumento (% s.s.) cariosside pericarpo aleurone endosperma embrione intera esterno interno proteine amido grassi zuccheri semplici pentosani cellulosa ceneri

8 Classificazione agronomica Cereali microtermi: originari di zone temperate o temperato-fredde; zero di vegetazione vicino a C; temperatura critica inferiore anche di parecchi gradi sotto C; optimum 15-2 C (frumento, orzo, avena, segale, triticale). Nelle zone temperate possono compiere una parte del ciclo nella stagione invernale. Cereali macrotermi: originari di zone tropicali o equatoriali; zero di vegetazione 6-15 C; temperatura critica inferiore ca. C; optimum 25-3 C; molte specie C4 (mais, sorgo); nel le zone temperate coltivati obbligatoriamente con ciclo primaverile-estivo. Frumento tenero endosperma a frattura farinosa farina pane di vario tipo, prodotti da forno non lievitati (biscotti) o lievitati (panettoni, pandori). duro endosperma a frattura vitrea semola pasta, altri prodotti (p. es. cuscus)

9 Areali di origine primaria dei frumenti coltivati La mezzaluna fertile è uno dei più antichi centri di origine dell agricoltura. Vi si trovano tuttora molti progenitori selvatici del frumento; centro importante di differenziazione è il Caucaso

10 Triticum urartu Aegilops sp. Aegilops tauschii

11 1) Diploidi (A). a) T. monococcum L., con 2 sottospecie: monococcum (monococco, farro piccolo; tuttora coltivato in Turchia, Romania) aegilopoides (Link) Thell. (selvatico) b) T. urartu Tumanian ex Gandilyan (selvatico), probabile donatore del genoma A delle specie polipliodi. 2) Tetraploidi. a) T. turgidum L. (B x A), con 8 sottospecie: turgidum L. carthlicum (Nevski) Á. Löve & D. Löve dicoccon (Schrank) Thell (farro, coltivato ancora in Italia, Balcani, Turchia) durum (Desf.) Husn. (grano duro) paleocolchicum (Manabde) Á. Löve & D. Löve polonicum (L.) Thell. ( Kamut, tuttora coltivato nel Caucaso, introdotto negli USA) turanicum (Jakubz.) Á. Löve & D. Löve dicoccoides (Körn. ex Asch. & Graebn.) Thell. (progenitore selvatico). b) T. timopheevi (Zhuk.) Zhuk. (G x A), con 2 sottospecie: timopheevi (tuttora coltivato nel Caucaso) armeniacum (Jakubz.) van Slageren (selvatico) 3) Esaploidi. a) T. aestivum L. (BA x D), con 5 sottospecie: aestivum (grano tenero) compactum (Host) MacKey macha (Dekapr. & Menabde) McKey spelta (L.) Thell. (tuttora coltivato in Spagna, Europa centrale) sphaerococcum (Percival) MacKey b) T. zhukovskyi Menabde & Ericz. (GA x A), col secondo genoma A derivato da T. monococcum

12 Frumento (tenero+duro): superfici coltivate (ha) 24 Mondo 1 Asia Russia Area ex URSS Nord America Europa orientale Europa occidentale Africa America Latina Australia Oceania Italia Italia (25) tenero duro totale nord centro sud

13 Frumento (tenero+duro): resa media (kg ha -1 ) 6 Mondo 6 Asia Area ex URSS Russia Nord America Europa orientale Europa occidentale Africa America Latina Australia Oc. 6 Italia Italia (25) tenero duro totale nord centro sud

14 germinazione-emergenza produzione di foglie accestimento sviluppo della spiga

15 levata - spighetta terminale allungamento culmo; differenziazione organi fiorali spigatura-fioritura botticella maturazione

16 maturazione lattea (massimo peso dell acqua) maturazione cerosa massimo peso fresco e secco maturazione fisiologica) peso (mg) peso fresco peso secco percentuale acqua percentuale acqua fase di crescita esponenziale (lag; divisione e distensione cellulare) giorni dalla fioritura fase di crescita lineare (accumulo riserve) peso acqua fase di essiccamento maturazione di raccolta (cariosside dormiente)

17 Schema di utilizzazione Trebbiatura, (ventilazione), conservazione in silo, molitura, trasformazione industriale. Qualità del prodotto 1) Valore commerciale umidità: umidità standard di riferimento= 13%; umidità superiori al 16% possono determinare il rifiuto del prodotto impurità: materiali estranei, semi di infestanti peso ettolitrico (vedi prossimo punto) slavatura: perdita di lucentezza dovuta alla formazione di microlesioni nel pericarpo; determinata soprattutto da alternanze di essiccamento ed inumidimento prima della raccolta; dannosa soprattutto per il grano duro (riduzione dei pigmenti). 'massa critica : partita minima di caratteristiche omogenee (stessa varietà e sistemi di produzione; limite per le produzioni italiane) 2) Qualità molitoria Caratteristiche favorevoli ad ottenere una buona resa di macinazione (rapporto tra quantità di farina con determinate caratteristiche e quantità di materia prima di partenza. La resa diminuisce in funzione della raffinazione della farina (grado di abburattamento): farina integrale, tipo 2, 1,,.

18 2) Qualità molitoria peso specifico o peso ettolitrico (kg hl -1 ); dipende dal grado di riempimento del seme: è basso nei semi striminziti, alto in quelli ben riempiti. Valori accettabili: tenero: 78-8 kg hl -1 ; duro: kg hl -1 peso medio dei semi: carattere che dipende dall'equilibrio tra il numero di semi e le condizioni verificatesi durante il loro riempimento. Spesso in relazione col peso ettolitrico e, quindi, con la resa in farina. Frumenti teneri: mg; duri mg. pregerminazione: inizio di germinazione avvenuta in campo prima della raccolta; determina riduzione della qualità tecnologica. bianconatura (grano duro): farinosità della cariosside; si determina sezionando le cariossidi con un 'tagliagrani'; tollerato il 2% di cariossidi bianconate. Determinata da cattiva nutrizione azotata ed altri stress e collegata in genere a basso contenuto proteico e di pigmenti. volpatura (grano duro): imbrunimento della cariosside localizzato nella zona embrionale o nel solco ventrale. Conseguenza di attacchi fungini e soggetta a differenze varietali. Tolleranza del 1-12 %. ceneri: residuo dopo incenerimento in muffola a 55 C. Nelle farine di grano duro limite del.9%. Concentrate nel pericarpo per cui con maggiore raffinazione se ne diminuisce il contenuto, ma a scapito della resa

19 Aminoacidi essenziali (mg kg -1 di proteine) in diverse frazioni della cariosside cariosside farina embrione aleurone cistina istidina isoleucina leucina lisina metionina fenilalanina teronina triptofano valina Aminoacidi (mg g -1 di proteine) in diverse categorie di farina integrale farina farina lisina treonina isoleucina leucina metionina cistina fenilalanina valina triptofano istidina

20 3) Qualità tecnologica Attitudine della farina o della semola ad essere trasformata in un prodotto alimentare secondo tecniche appropriate. In tutti i casi il processo di lavorazione prevede: inumidimento ed impasto della farina o semola lavorazione dell'impasto eventuale lievitazione cottura e eventuale essiccazione Durante l'assunzione di acqua le proteine della farina, e soprattutto il glutine, si idratano formando un reticolo che ingloba le particelle di amido Le caratteristiche delle proteine determinano quindi per gran parte l'idoneità di una farina ai diversi tipi di lavorazione. Le proteine della cariosside si classificano in base alla loro solubilità albumine: solubili in acqua globuline: in soluzioni saline neutre prolamine (gliadine): in soluzioni alcoliche glutenine: in acidi, basi o alcool. Albumine e globuline: proteine enzimatiche, a basso peso molecolare localizzate soprattutto nello strato aleuronico e nell'embrione e più ricche di aminoacidi essenziali e importanti per la qualità dietetica. Gliadine e glutenine: proteine di riserva localizzate principalmente nell'endosperma; globalmente rappresentano il 'glutine'; determinanti la qualità tecnologica.

21 4) Qualità tecnologica: metodi di controllo (sviluppati soprattutto per il frumento tenero) Velocità di fermentazione ad opera dei lieviti dipende essenzialmente dall'attività α-amilasica della farina, cioè dalla velocità con cui l'amido è degradato a zuccheri semplici, che sono il substrato dei lieviti. se in difetto: impasto poco rigonfiabile e prodotto 'secco'; eccesso: impasto colloso e poco stabile. Valutazione: indice di Hagberg (tempo di caduta o falling number; in secondi (s) ). Rappresenta il tempo che un peso tarato impiega a 'cadere' in una sospensione di farina in acqua bollente: l'amido gelatinizzato forma un gel viscoso viene degradato dall'α -amilasi; più è rapido il processo, più velocemente diminuisce la viscosità e minore è il tempo di caduta del peso FN<16 s indicano eccesso di attività enzimatica (p.es. pregerminazione); FN >3 s scarsa attività (p.es. cattiva conservazione).

22 Capacità di assorbimento acqua, rigonfiabilità, resistenza alle lavorazioni caratteristiche collegate alla quantità e qualità delle proteine. Contenuto proteico (Nx5.7) Quantità di glutine: farina lavata con soluzione di NaCl e poi in acqua resta il glutine che viene poi essiccato e pesato Qualità del glutine: vari indici area specifica del glutine: rapporto tra l area ed il peso del disco di glutine essiccato; verificata correlazione negativa tra qualità del glutine ed area resistenza del glutine: il glutine viene forzato (per pressione o centrifugazione) a passare in setacci tarati; elevata resistenza all attraversamento del setaccio indica buona qualità (stabilità del glutine) test di sedimentazione: sospensione di farina in acido lattico e sodio dodecil-solfato (SDS); si misura l'altezza del sedimento (glutine) in un cilindro di dimensione standard dopo un certo tempo. dischi di glutine

23 Misure reologiche Alveogramma di Chopin. Forme di impasto sottoposte alla pressione di un gas e rigonfiate. Le variazioni di pressione vengono riportate in un diagramma (alveogramma). Indice: W (J * 1-4 ), proporzionale all'area del diagramma: indica la 'forza' dell'impasto cioè la resistenza che l'impasto oppone alla rottura P (mm): altezza del diagramma e rappresenta la massima pressione raggiunta; è un indice della 'tenacità ' dell'impasto, caratteristica conferita dalle glutenine L (mm): lunghezza del diagramma; indica la 'estensibilità ' dell'impasto, capacità di gonfiarsi senza rompersi, conferita dalle gliadine. P/L: elasticità dell'impasto; deve avere valori equilibrati. W (area del diagramma) P (altezza) L (lunghezza)

24 grani di forza: alta tenacità ed estensibilità (W>3; P/L 1); danno impasti altamente rigonfiabili e resistenti alla rottura panificabili superiori (W>26; P/L.7); direttamente panificabili (W>16-2; P/L.6-.7): danno impasti mediamente tenaci ed elastici; grani da biscotti (W<12; P/L.3-.4): danno impasti poco elastici e friabili. concimazione N = 16 kg ha -1 proteine (%): 1= 11.6; 2=13.; 3=13.8 concimazione N = 24 kg ha -1 proteine (%): 1= 12.1; 2=13.2; 3=14.2

25 Farinografo di Brabender usato soprattutto negli Stati Uniti, dove si è sviluppata per prima la panificazione industriale, con forti sollecitazioni meccaniche per gli impasti nel caso di prodotti lievitati è necessaria anche una valutazione della stabilità dell'impasto durante la lavorazione. Farinogramma: misura i parametri di resistenza ed i tempi di sviluppo di un impasto, formato con un quantitativo predeterminato di acqua. A = tempo richiesto per raggiungere la consistenza standard di 5 unità Brabender B = massima consistenza raggiunta C = tempo in cui la consisteza scende sotto 5UB; D = stabilità; tempo in cui la consistenza si mantiene sopra 5 UB; stabilità: >14 : grani di forza; >1 : panificabili superiori; >7 : panificabili. E = sfibramento: differenza tra la massima consistenza e quella ottenuta dopo tempo standard (es 12 ) A B D C E

26 Hardness (durezza). Caratteristica influente tanto la resa molitoria che la qualità tecnologica, legata al tipo di reticolo proteico dell'endosperma grani "soft"; macinazione: minor tempo di condizionamento e consumo energetico, maggiore resa in farina; impasto: minore assorbimento di acqua ed attività enzimatica grani "hard": caratteristiche opposte. Hardness si misura con metodi correlati alla resistenza allo schiacciamento o NIR. E' la base della classificazione mercantile in USA e Canada Prove di panificazione Simulano il comportamento dell impasto in un sistema reale, inclusa la cottura usano come standard il pane in cassetta non rappresentato bene la qualità per la produzione di pani poco lievitati e a crosta dura sono lunghe e costose e richiedono molto materiale (farina)

27 Esempi di clasificazione qualitativa del grano tenero in base a caratteri multipli (ITALMOPA) alveografo farinografo W P/L proteine stabilità Indice di (%) (min) caduta (s) di forza 3 max panificabile superiore 22 max panificabile 16 max biscottiero max 115 max.5 max altri usi Frumento duro Caratteri determinanti la qualità uguali al frumento tenero. Pasta di buona qualità: resistente alla cottura e non produce collosità alla superficie; caratteri collegati alla quantità e alla forza del glutine. Alto contenuto proteico (>13%). Indice di sedimentazione correlato con la qualità pastificatoria. Differenze varietali sulla qualità del glutine: banda 45 del pattern elettroforetico delle gliadine in SDS-PAGE correlata con glutine di buona qualità; banda 42 con glutine scarsamente tenace. Necessaria la massima tenacità dell'impasto, mentre sono sfavorevoli eccessiva estensibilità e rigonfiabilità. W>35; P/L>1.5; Falling number >3. 'Indice di giallo': colorazione gialla dell'endosperma conferita da pigmenti carotenoidi, importante per la colorazione che conferisce alla pasta. Carattere attualmente molto richiesto. Limitato da elevato contenuto di enzimi ossidasi, che ossidano i pigmenti generando colore bruno: 'indice di bruno'.

28 Elementi di tecnica colturale Scelta della specie fino a trenta anni fa il frumento duro era confinato al centro sud, per la mancanza di varietà idonee al nord (scarsa resistenza al freddo, tardività, scarso adattamento ai terreni fertili, qualità carente). attualmente disponibili varietà di duro adatte al nord: tutte però alternative e perciò più sensibili al freddo duro però assente al nord per motivi di politica agricola comunitaria Scelta varietale Le caratteristiche di una varietà riguardano sia la produzione quantitativa (adattabilità all'ambiente e produttività) che la qualità del prodotto. Habitus di crescita: varietà non alternative, per semine autunnali in zone ad inverno rigido; alternative, per zone ad inverno mite o semine primaverili in zone ad inverno rigido. Precocità: importante in aree con siccità precoce. Qualità: contenuto proteico ampiamente determinato dalle condizioni ambientali e colturali. Qualità delle proteine e tecnologiche sotto prevalente controllo genetico, anche se, specie le seconde, soggette a variabilità ambientale: una varietà scadente non potrà mai avere buone caratteristiche, per cui opportuno indirizzarsi verso varietà di buona qualità. Frumento tenero: lista varietale nel 'contratto 11' classifica le varietà in base alle loro caratteristiche qualitative. Frumento duro: per alcune varietà vengono effettuati contratti di coltivazione da parte dell'industria (p. es. varietà ad elevato 'indice di giallo').

29 Semina. Epoca: autunnale, nel nostro paese; da inizio ottobre (nord) a fine dicembre (sud). Primaverile in paesi ad inverno rigido ed estate piovosa. In teoria rese migliori con semine precoci; in pratica situazione variabile a causa di possibili fattori positivi o negativi nelle diverse fasi di determinazione della produzione. Densità obiettivo: 3 a 5 semi m -2 in condizioni di scarsa o elevata fertilità. Concimazione. L'azoto viene normalmente somministrato in più riprese. All inizio del ciclo, favorisce l accestimento e la crescita vegetativa. Somministrazioni tardive innalzano il contenuto proteico, se possono essere utilizzate (umidità sufficiente). Nel grano duro carenze aumentano la percentuale di bianconatura. Eccessi causano allettamento. Fattori di stress allettamento: causato da eccessi di azoto e piogge nella fase finale; determina difficoltà di raccolta, possibile pregerminazione, scadimento qualitativo, maggiori possibilità di attacchi fungini stretta: brusca interruzione della crescita della cariosside <determinata da alte temperature e stress idrico; comune al sud; determina riduzione della produzione e cariossidi striminzite pregerminazione: causata da fase di essiccamento in condizioni di elevata umidità; determina aumento dell attività α-amilasica Raccolta. Si effettua a maturazione piena della granella, in modo completamente meccanizzato (mietitrebbiatura). Da metà giugno a fine luglio, a seconda delle zone. In genere non necessaria essiccazione artificiale

30 ORZO (Hordeum vulgare L.) origine: Medio oriente, più o meno stesso areale dei frumenti coltivati. spighette uniflore, disposte a gruppi di tre ad ogni nodo del rachide. orzi esastici: tutte e tre le spighette fertili; distici: le due spighette laterali sterili. spiga a sviluppo indeterminato (spighette apicali abortite). cariosside 'vestita': le glumette restano aderenti alla cariosside dopo la trebbiatura lemma sempre dotato di lunghe reste spiga normalmente reclinata verso il basso a maturità. spighette sterili distico spighette fertili esastico

31 Orzo: superfici coltivate (ha) 9 Mondo 4 Asia Russia Area ex URSS Nord America Europa orientale Europa occidentale Africa America Latina Australia Oceania 3 2 Italia 3 1

32 Orzo: resa media (kg ha -1 ) 6 Mondo 6 Asia Area ex URSS Russia Nord America Europa orientale Europa occidentale Africa America Latina Australia Oc. 6 Italia

33 Utilizzazioni alimentazione animale, come concentrato (ca. 85% in Italia) produzione di malto (ca. 1%) usi secondari: estrazione di amido, alcool, prodotti alimentari speciali. Malto Preparazione pulizia e cernita del seme imbibizione del seme (35-4% di acqua) germinazione per 3-6 giorni fino a quando la 'piumetta' fuoriesce dalle glume essiccazione fino al 6% di umidità ed asportazione delle radichette macinazione tino conico di im bibizione convogliatore in entrata stadio cui viene interrotta la germinazione entrata orzo vasca germ inazione entrata acqua convogliatore in uscita

34 piattaforma di germinazione entrata aria circolazione aria orzo braccio rotante per mescolamento uscita aria convogliatore in entrata carica malto aria calda essiccazione scambiatore calore ventilatore Processi Attivazione enzimatica ed idrolisi dell'amido con aumento di zuccheri solubili Differenze di composizione tra orzo e malto orzo malto peso medio semi (mg) amido (%) zuccheri solubili (%) azoto totale (%) azoto solubile (% totale) attività diastasica α-amilasi tracce 3-6 attività proteolitica tracce 15-3

35 Qualità Preferiti per prodotti tradizionali (puro malto) preferiti gli orzi distici, perchè hanno cariosside più grande, dimensioni più uniformi, glumette più sottili, minore contenuto di tannini e proteine, minore attività enzimatica rispetto agli esastici. Questi ultimi sono più produttivi e preferiti per prodotti di massa, in cui vengono miscelati a materiali aggiunti a basso costo (mais, riso etc.) Germinabilità: deve essere elevata (>98%) ed avvenire in modo uniforme e contemporaneo; cariossidi non germinate non danno estratto: fattori negativi sono elevate percentuali di cariossidi spezzate, pregerminazione, assenza di glume. Dimensione del seme: le cariossidi di dimensioni più elevate richiedono più tempo per la germinazione ma danno rese di malto più elevate. Cariossidi di dimensioni eterogenee assumono acqua in tempi diversi: necessaria una calibratura per classi di diametro. In genere>2.5 mm; tra 2 e 2.5 e <2 mm; quest'ultima è considerata di minore valore e deprezza il prodotto. Spessore delle glumette: le glumette sono importanti perchè proteggono il germoglio durante le manipolazioni che avvengono durante la preparazione del malto e fungono da materiale 'filtrante' durante la filtrazione della birra. Non devono però essere troppo spesse, per non causare riduzioni della resa di malto. Contengono abbondanti polifenoli e tannini, che possono causare intorbidamenti nella produzione di birra

36 Glumette danneggiate e cariossidi rotte: determinano germinabilità eterogenea e danneggiamento del germoglio in fase di germinazione con conseguente arresto della stessa. Colore della cariosside: deve essere chiaro; pigmenti antocianici e polifenoli presenti soprattutto negli strati esterni conferiscono instabilità al mosto e torbidità alla birra. Contenuto proteico: per l'orzo da malteria deve essere basso, tradizionalmente <11%. Un eccesso di proteine determina: minore resa di estratto di malto; problemi di stabilità del colore della birra (imbrunimento). Attualmente sono accettati orzi con contenuto proteico fino al 13%, in quanto si aggiungono materiali amilacei come correttivi (derivati dal mais o riso), tranne che per i prodotti 'di puro malto'. Un contenuto proteico troppo basso è comunque substrato sfavorevole per i lieviti. Contenuto di β-glucani: sono polisaccaridi della parete cellulare. Devono essere presenti nella minore quantità possibile in quanto negativi per la stabilità della birra. Dal punto di vista dell'alimentazione umana, un alto contenuto di β-glucani è positivo, per la loro azione ipocolesterolemizzante

37 Altri impieghi dell'orzo L'orzo è largamente usato tuttora in numerose parti del mondo (soprattutto nelle aree caldo-aride, dove produce più del frumento), per la preparazione del pane. Il glutine dell'orzo ha scarse caratteristiche panificatorie: è friabile, tenace e poco rigonfiabile e dà pane duro anche se molto conservabile. L'uso del pane d'orzo sta ritornando come specialità alimentare. Orzo torrefatto: la torrefazione della granella intera solubilizza una parte degli zuccheri complessi e genera composti aromatici; l'orzo torrefatto si usa come succedaneo del caffè. Orzo perlato: la 'perlatura' è l'asportazione delle glumette e di quasi tutto il pericarpo. L'orzo perlato si usa in zuppe. Gli orzi 'nudi' privi cioè di glumette, hanno qualche interesse nel mercato dei prodotti speciali e per la torrefazione.

38 Elementi di tecnica colturale Coltura simile al frumento Scelta varietale. Distico per malto. Esastico per zootecnia. Recentemente selezionate varietà polistiche con buone caratteristiche maltarie. Semina. Dato il maggiore accestimento, la dose di seme è inferiore rispetto al frumento (p. es. una densità di 6 spighe m 2 si raggiunge con 4 piante m 2 nel frumento, mentre ne bastano 25-3 nell'orzo). Le varietà distiche attualmente disponibili sono in prevalenza primaverili e seminate in primavera nei climi del centro-nord Europa e anche nel nord- Italia. Nell'Italia mediterranea si può anticiparne la semina al tardo autunno, con ottimi risultati produttivi e qualitativi. Le varietà non alternative si seminano in autunno, prima del frumento, per la minore resistenza al freddo. Concimazione azotata. Per l'orzo da malteria è importante avere basso contenuto di proteine. L'orzo utilizza l'azoto meglio del frumento. A parità di produzione obiettivo le dosi possono essere inferiori del 3-4%. Da evitare le somministrazioni tardive (non oltre l'inizio levata). Raccolta. Avviene normalmente ca. 15 giorni prima del frumento. Il seme di orzo è più soggetto a danneggiamenti durante la trebbiatura.

39 Avena La specie più usata è Avena sativa, di origine centro-europea. A. byzantina, di origine mediterranea-medio orientale è meno impiegata. Caratteri morfologici differenziali. Infiorescenza a pannocchia espansa, con spighette contenenti 2-8 fiori. Cariosside allungata, in genere 'vestita' dopo la trebbiatura, con percentuale di gluma molto elevata (25-3%). Forme nude conosciute. Ligula presente, auricole assenti. Prodotto La cariosside di avena ha contenuto proteico e lipidico maggiore rispetto agli altri cereali vernini. Tra le proteine predominano le globuline, ricche di aminoacidi essenziali (lisina). Nella fibra predomina la frazione 'dietetica' (solubile); recentemente è stato verificato un effetto sull'abbassamento del colesterolo.

40 Prodotto L'uso dell'avena (fiocchi, estrusi) è diffusissimo nei paesi anglosassoni, meno da noi. La farina di avena è poco adatta alla panificazione. L'avena si presenta quindi come un tipico prodotto dietetico e per mercati specializzati. Le avene nude hanno buone prospettive nell'industria dei prodotti specializzati. Ecologia ed esigenze, elementi di tecnica colturale. Vedi frumento e orzo. L'avena è la meno resistente al freddo tra i cereali microtermi. La maggior parte delle varietà è a maturazione tardiva e poco adatta a climi con aridità precoce. Elementi di tecnica colturale. La semina è in genere primaverile, tranne che nelle zone più miti. La concimazione azotata migliora la produzione anche dal punto di vista qualitativo: contrariamente ad altri cereali non vi è infatti correlazione negativa tra aumento del contenuto proteico e qualità delle proteine. Le varietà disponibili sono però suscettibili all'allettamento per cui le dosi di azoto sono normalmente inferiori del 4-5% rispetto al frumento.

41 Avena: superfici coltivate (ha) Mondo Europa orientale Europa occidentale Africa America Latina Australia Oceania 14 Asia Area ex URSS Russia Nord America Italia

42 Avena: resa media (kg ha -1 ) 6 Mondo 6 Asia Area ex URSS Russia Nord America Europa orientale Europa occidentale Africa America Latina Australia Oc. 6 Italia

43 Segale (Secale cereale L.) Infiorescenza a spiga, simile a quella del frumento, con spighette triflore (due fiori fertili) e lemma aristato. Foglie prive di ligule e orecchiette appena accennate. Cariossidi allungate, generalmente di colore grigio-verdastro. E' la più resistente al freddo tra i cereali vernini, adattata a terreni acidi e poveri. Spigatura precoce. Dal punto di vista colturale è simile agli altri cereali vernini. Essendo coltivata in aree marginali, le cure colturali sono in genere limitate. Dal punto di vista alimentare, la farina è largamente usata in centro Europa per la preparazione di pani scuri, poco lievitati, di consistenza compatta ed un po' elastica. Da noi l'uso è limitatissimo, per mercati specialistici. Un uso simile è stato recentemente proposto per il triticale, ibrido interspecifico tra frumento e segale, le cui caratteristiche qualitative sono però più simili alla segale.

44 Segale: superfici coltivate (ha) 3 Mondo Europa orientale Area ex URSS Russia Europa occidentale Asia Nord America Africa America Latina 8 6 Italia Australia Oceania 4 1 2

45 Segale: resa media (kg ha -1 ) 6 Mondo 6 Asia Area ex URSS Russia Nord America Europa orientale 6 4 Europa occidentale Italia 4 Africa America Latina Australia Oc. 2 2

46 Frumenti minori Frumenti vestiti (farri: T. dicoccum, monococcum e spelta) I primi due sono frumenti primitivi, quasi scomparsi dalla coltivazione in Europa e coltivati soltanto con ecotipi locali. Il terzo è coltivato con varietà selezionate soprattutto in Germania, Belgio, Svizzera Sono specie di taglia alta, soggette all'allettamento, poco produttive, ma molto adattabili e resistenti. Per questo la loro coltura ha subito un rilancio soprattutto nel campo dell'agricoltura biologica. In Italia sono coltivate T. dicoccum e spelta. Il loro uso si è diffuso negli anni 9 e riguarda sia la granella tal quale, da usare in zuppe e minestre, che prodotti derivati dalla farina: dolci, pasta etc. La farina di spelta presenta valori di W bassi o medi ed è adatta alla fabbricazione di pani speciali, molto popolari in Germania; La farina di T. dicoccum presenta W molto bassi con predominanza della tenacità sulla estensibilità: dà impasti friabili, adatti per biscotti e crostate. La pasta di farro ha caratteristica consistenza friabile e 'granulosa'. Il farro ha azione depurativa e blandamente lassativa. Grano "kamut " (Triticum polonicum). E' un frumento primitivo, recentemente rilanciato in coltura negli USA, per mercati di nicchia. Dà farine tenaci, con alcune caratteristiche simili ai frumenti duri. Se ne fa pane o pasta.

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria

Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria 1 Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria Le proprietà tecnologiche della farina La farina, come abbiamo già detto, è un prodotto ricavato dalla macinazione e successivo abburattamento del grano.

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Legge 15 febbraio 1963 n 281 Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi.

Legge 15 febbraio 1963 n 281 Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi. Legge 15 febbraio 1963 n 281 Disciplina della preparazione e del commercio dei mangimi. Doc. 263A0281.900.htm di Origine Nazionale emanato da: Presidente della Repubblica e pubblicato su: Gazzetta Uff.

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Funghi e micotossine

Funghi e micotossine Funghi e micotossine Roberto Causin, Dipartimento TeSAF, Sezione Patologia Vegetale, Università degli Studi di Padova 1.1 Aspetti generali Si conoscono decine di generi e specie fungine (muffe) in grado

Dettagli

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità

Ogni giorno gettiamo il seme della qualità Ogni giorno gettiamo il seme della qualità La qualità scivola tra gesti semplici Una vocazione dalle radici profonde Ieri è già domani La molitura del grano è una preziosa tradizione che si tramanda di

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE OGGETTO 1. Contaminazione da Fumonisine nel mais italiano allo scopo di individuare la quota di mais che rimane al di sotto dei limiti massimi proposti;

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole,

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, macchina monoseme ha 63,00 Con concimazione localizzata ha

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

IL DISCIPLINARE. Art. 1 Descrizione del prodotto.

IL DISCIPLINARE. Art. 1 Descrizione del prodotto. DISCIPLINARE INTERNAZIONALE PER L OTTENIMENTO DEL MARCHIO COLLETTIVO VERACE PIZZA NAPOLETANA (VERA PIZZA NAPOLETANA) IL DISCIPLINARE Aspetti merceologici e legislativi del prodotto Scopo del presente disciplinare

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli