COLTURE ALIMENTARI utilizzazione organi utili composto utile 1) industriali farine e prodotti derivati frutti, semi, o. sotterranei amido, proteine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COLTURE ALIMENTARI utilizzazione organi utili composto utile 1) industriali farine e prodotti derivati frutti, semi, o. sotterranei amido, proteine"

Transcript

1 COLTURE ALIMENTARI utilizzazione organi utili composto utile 1) industriali farine e prodotti derivati frutti, semi, o. sotterranei amido, proteine industria estrattiva frutti, semi, o. sotterranei glucidi, lipidi, (zucchero, oli, altro) conserve alimentari,succhi vari (frutti, o. vegetativi, tutti i componenti (orticole, frutticole) o. sotterranei) industria fermentazioni (vino, bevande alcooliche) frutti, o. sotterranei carboidrati prodotti secondari (aromi, coloranti etc.) vari vari metaboliti secondari 2) consumo diretto (fresco o minima trasformazione) orticole vari tutti i componenti frutticole frutti tutti i componenti bevande aromatiche organi vegetativi, fiori metaboliti secon. spezie vari metaboliti secon.

2 Trattazione elementi di sistematica morfologia ed ecologia prodotto utile, utilizzazioni, qualità diffusione ed importanza elementi di tecniche di produzione genotipi coltivati, varietà CEREALI specie erbacee coltivate che danno come prodotto frutti secchi con riserve prevalentemente amilacee. rappresentano la base della dieta a livello mondiale. prodotto digeribile, con alto valore nutritivo, facilmente conservabile e trasportabile. utilizzazione: alimentazione umana, zootecnica, altri usi industriali (amido, alcool, metaboliti secondari etc.). alimentazione umana: trasformazione domestica o consumo diretto; trasformazione industriale.

3 Specie e famiglie Poaceae (Graminaceae) Frumento tenero (Triticum aestivum L. ssp. aestivum) Frumento duro (Triticum turgidum L. ssp. durum (Desf.) Husn) Frumenti minori: spelta o farro maggiore (T. aestivum L. ssp. spelta (L.) Thell; sin: T. spelta L.); farro (T. turgidum L. ssp. dicoccon Schrank; sin: T. dicoccum Schubl.); farro piccolo (T. monococcum L. spp. monococcum). Orzo (Hordeum vulgare L.) Avena (Avena sativa L.; A. byzantina L.) Segale (Secale cereale L.) Triticale (x Triticosecale) Riso (Oryza sativa L.) Mais o granoturco (Zea mais L.) Sorgo (Sorghum vulgare L.) Miglio (Panicum miliaceum L.) Panico (Setaria italica L.) Teff (Eragrostis abyssinica Link) Panico indiano (Eleusine coracana Gaertn.) Polygonaceae Grano saraceno (Polygonum fagopyrum L.) Chenopodiaceae Quinoa (Chenopodium quinoa ) Amaranthaceae Amaranto (Amaranthus ssp) Poaceae

4 fusto nodo internodo lamina foglia ligula auricola guaina

5 rachide glume rachilla fiore sterile palea fiori fertili lemma

6 crusca (13-16%) schema di cariosside di frumento aleurone (2-3% tegumenti seminali endosperma (75%) embrione o germe (5-6%) pericarpo

7 Composizione media di alcuni cereali (% s.s.) proteine grassi carboidrati fibra ceneri orzo mais avena riso sorgo frumento Composizione media delle diverse parti della cariosside di frumento (% s.s.) cariosside pericarpo aleurone endosperma embrione intera esterno interno proteine amido grassi zuccheri semplici pentosani cellulosa ceneri

8 Classificazione agronomica Cereali microtermi: originari di zone temperate o temperato-fredde; zero di vegetazione vicino a C; temperatura critica inferiore anche di parecchi gradi sotto C; optimum 15-2 C (frumento, orzo, avena, segale, triticale). Nelle zone temperate possono compiere una parte del ciclo nella stagione invernale. Cereali macrotermi: originari di zone tropicali o equatoriali; zero di vegetazione 6-15 C; temperatura critica inferiore ca. C; optimum 25-3 C; molte specie C4 (mais, sorgo); nel le zone temperate coltivati obbligatoriamente con ciclo primaverile-estivo. Frumento tenero endosperma a frattura farinosa farina pane di vario tipo, prodotti da forno non lievitati (biscotti) o lievitati (panettoni, pandori). duro endosperma a frattura vitrea semola pasta, altri prodotti (p. es. cuscus)

9 Areali di origine primaria dei frumenti coltivati La mezzaluna fertile è uno dei più antichi centri di origine dell agricoltura. Vi si trovano tuttora molti progenitori selvatici del frumento; centro importante di differenziazione è il Caucaso

10 Triticum urartu Aegilops sp. Aegilops tauschii

11 1) Diploidi (A). a) T. monococcum L., con 2 sottospecie: monococcum (monococco, farro piccolo; tuttora coltivato in Turchia, Romania) aegilopoides (Link) Thell. (selvatico) b) T. urartu Tumanian ex Gandilyan (selvatico), probabile donatore del genoma A delle specie polipliodi. 2) Tetraploidi. a) T. turgidum L. (B x A), con 8 sottospecie: turgidum L. carthlicum (Nevski) Á. Löve & D. Löve dicoccon (Schrank) Thell (farro, coltivato ancora in Italia, Balcani, Turchia) durum (Desf.) Husn. (grano duro) paleocolchicum (Manabde) Á. Löve & D. Löve polonicum (L.) Thell. ( Kamut, tuttora coltivato nel Caucaso, introdotto negli USA) turanicum (Jakubz.) Á. Löve & D. Löve dicoccoides (Körn. ex Asch. & Graebn.) Thell. (progenitore selvatico). b) T. timopheevi (Zhuk.) Zhuk. (G x A), con 2 sottospecie: timopheevi (tuttora coltivato nel Caucaso) armeniacum (Jakubz.) van Slageren (selvatico) 3) Esaploidi. a) T. aestivum L. (BA x D), con 5 sottospecie: aestivum (grano tenero) compactum (Host) MacKey macha (Dekapr. & Menabde) McKey spelta (L.) Thell. (tuttora coltivato in Spagna, Europa centrale) sphaerococcum (Percival) MacKey b) T. zhukovskyi Menabde & Ericz. (GA x A), col secondo genoma A derivato da T. monococcum

12 Frumento (tenero+duro): superfici coltivate (ha) 24 Mondo 1 Asia Russia Area ex URSS Nord America Europa orientale Europa occidentale Africa America Latina Australia Oceania Italia Italia (25) tenero duro totale nord centro sud

13 Frumento (tenero+duro): resa media (kg ha -1 ) 6 Mondo 6 Asia Area ex URSS Russia Nord America Europa orientale Europa occidentale Africa America Latina Australia Oc. 6 Italia Italia (25) tenero duro totale nord centro sud

14 germinazione-emergenza produzione di foglie accestimento sviluppo della spiga

15 levata - spighetta terminale allungamento culmo; differenziazione organi fiorali spigatura-fioritura botticella maturazione

16 maturazione lattea (massimo peso dell acqua) maturazione cerosa massimo peso fresco e secco maturazione fisiologica) peso (mg) peso fresco peso secco percentuale acqua percentuale acqua fase di crescita esponenziale (lag; divisione e distensione cellulare) giorni dalla fioritura fase di crescita lineare (accumulo riserve) peso acqua fase di essiccamento maturazione di raccolta (cariosside dormiente)

17 Schema di utilizzazione Trebbiatura, (ventilazione), conservazione in silo, molitura, trasformazione industriale. Qualità del prodotto 1) Valore commerciale umidità: umidità standard di riferimento= 13%; umidità superiori al 16% possono determinare il rifiuto del prodotto impurità: materiali estranei, semi di infestanti peso ettolitrico (vedi prossimo punto) slavatura: perdita di lucentezza dovuta alla formazione di microlesioni nel pericarpo; determinata soprattutto da alternanze di essiccamento ed inumidimento prima della raccolta; dannosa soprattutto per il grano duro (riduzione dei pigmenti). 'massa critica : partita minima di caratteristiche omogenee (stessa varietà e sistemi di produzione; limite per le produzioni italiane) 2) Qualità molitoria Caratteristiche favorevoli ad ottenere una buona resa di macinazione (rapporto tra quantità di farina con determinate caratteristiche e quantità di materia prima di partenza. La resa diminuisce in funzione della raffinazione della farina (grado di abburattamento): farina integrale, tipo 2, 1,,.

18 2) Qualità molitoria peso specifico o peso ettolitrico (kg hl -1 ); dipende dal grado di riempimento del seme: è basso nei semi striminziti, alto in quelli ben riempiti. Valori accettabili: tenero: 78-8 kg hl -1 ; duro: kg hl -1 peso medio dei semi: carattere che dipende dall'equilibrio tra il numero di semi e le condizioni verificatesi durante il loro riempimento. Spesso in relazione col peso ettolitrico e, quindi, con la resa in farina. Frumenti teneri: mg; duri mg. pregerminazione: inizio di germinazione avvenuta in campo prima della raccolta; determina riduzione della qualità tecnologica. bianconatura (grano duro): farinosità della cariosside; si determina sezionando le cariossidi con un 'tagliagrani'; tollerato il 2% di cariossidi bianconate. Determinata da cattiva nutrizione azotata ed altri stress e collegata in genere a basso contenuto proteico e di pigmenti. volpatura (grano duro): imbrunimento della cariosside localizzato nella zona embrionale o nel solco ventrale. Conseguenza di attacchi fungini e soggetta a differenze varietali. Tolleranza del 1-12 %. ceneri: residuo dopo incenerimento in muffola a 55 C. Nelle farine di grano duro limite del.9%. Concentrate nel pericarpo per cui con maggiore raffinazione se ne diminuisce il contenuto, ma a scapito della resa

19 Aminoacidi essenziali (mg kg -1 di proteine) in diverse frazioni della cariosside cariosside farina embrione aleurone cistina istidina isoleucina leucina lisina metionina fenilalanina teronina triptofano valina Aminoacidi (mg g -1 di proteine) in diverse categorie di farina integrale farina farina lisina treonina isoleucina leucina metionina cistina fenilalanina valina triptofano istidina

20 3) Qualità tecnologica Attitudine della farina o della semola ad essere trasformata in un prodotto alimentare secondo tecniche appropriate. In tutti i casi il processo di lavorazione prevede: inumidimento ed impasto della farina o semola lavorazione dell'impasto eventuale lievitazione cottura e eventuale essiccazione Durante l'assunzione di acqua le proteine della farina, e soprattutto il glutine, si idratano formando un reticolo che ingloba le particelle di amido Le caratteristiche delle proteine determinano quindi per gran parte l'idoneità di una farina ai diversi tipi di lavorazione. Le proteine della cariosside si classificano in base alla loro solubilità albumine: solubili in acqua globuline: in soluzioni saline neutre prolamine (gliadine): in soluzioni alcoliche glutenine: in acidi, basi o alcool. Albumine e globuline: proteine enzimatiche, a basso peso molecolare localizzate soprattutto nello strato aleuronico e nell'embrione e più ricche di aminoacidi essenziali e importanti per la qualità dietetica. Gliadine e glutenine: proteine di riserva localizzate principalmente nell'endosperma; globalmente rappresentano il 'glutine'; determinanti la qualità tecnologica.

21 4) Qualità tecnologica: metodi di controllo (sviluppati soprattutto per il frumento tenero) Velocità di fermentazione ad opera dei lieviti dipende essenzialmente dall'attività α-amilasica della farina, cioè dalla velocità con cui l'amido è degradato a zuccheri semplici, che sono il substrato dei lieviti. se in difetto: impasto poco rigonfiabile e prodotto 'secco'; eccesso: impasto colloso e poco stabile. Valutazione: indice di Hagberg (tempo di caduta o falling number; in secondi (s) ). Rappresenta il tempo che un peso tarato impiega a 'cadere' in una sospensione di farina in acqua bollente: l'amido gelatinizzato forma un gel viscoso viene degradato dall'α -amilasi; più è rapido il processo, più velocemente diminuisce la viscosità e minore è il tempo di caduta del peso FN<16 s indicano eccesso di attività enzimatica (p.es. pregerminazione); FN >3 s scarsa attività (p.es. cattiva conservazione).

22 Capacità di assorbimento acqua, rigonfiabilità, resistenza alle lavorazioni caratteristiche collegate alla quantità e qualità delle proteine. Contenuto proteico (Nx5.7) Quantità di glutine: farina lavata con soluzione di NaCl e poi in acqua resta il glutine che viene poi essiccato e pesato Qualità del glutine: vari indici area specifica del glutine: rapporto tra l area ed il peso del disco di glutine essiccato; verificata correlazione negativa tra qualità del glutine ed area resistenza del glutine: il glutine viene forzato (per pressione o centrifugazione) a passare in setacci tarati; elevata resistenza all attraversamento del setaccio indica buona qualità (stabilità del glutine) test di sedimentazione: sospensione di farina in acido lattico e sodio dodecil-solfato (SDS); si misura l'altezza del sedimento (glutine) in un cilindro di dimensione standard dopo un certo tempo. dischi di glutine

23 Misure reologiche Alveogramma di Chopin. Forme di impasto sottoposte alla pressione di un gas e rigonfiate. Le variazioni di pressione vengono riportate in un diagramma (alveogramma). Indice: W (J * 1-4 ), proporzionale all'area del diagramma: indica la 'forza' dell'impasto cioè la resistenza che l'impasto oppone alla rottura P (mm): altezza del diagramma e rappresenta la massima pressione raggiunta; è un indice della 'tenacità ' dell'impasto, caratteristica conferita dalle glutenine L (mm): lunghezza del diagramma; indica la 'estensibilità ' dell'impasto, capacità di gonfiarsi senza rompersi, conferita dalle gliadine. P/L: elasticità dell'impasto; deve avere valori equilibrati. W (area del diagramma) P (altezza) L (lunghezza)

24 grani di forza: alta tenacità ed estensibilità (W>3; P/L 1); danno impasti altamente rigonfiabili e resistenti alla rottura panificabili superiori (W>26; P/L.7); direttamente panificabili (W>16-2; P/L.6-.7): danno impasti mediamente tenaci ed elastici; grani da biscotti (W<12; P/L.3-.4): danno impasti poco elastici e friabili. concimazione N = 16 kg ha -1 proteine (%): 1= 11.6; 2=13.; 3=13.8 concimazione N = 24 kg ha -1 proteine (%): 1= 12.1; 2=13.2; 3=14.2

25 Farinografo di Brabender usato soprattutto negli Stati Uniti, dove si è sviluppata per prima la panificazione industriale, con forti sollecitazioni meccaniche per gli impasti nel caso di prodotti lievitati è necessaria anche una valutazione della stabilità dell'impasto durante la lavorazione. Farinogramma: misura i parametri di resistenza ed i tempi di sviluppo di un impasto, formato con un quantitativo predeterminato di acqua. A = tempo richiesto per raggiungere la consistenza standard di 5 unità Brabender B = massima consistenza raggiunta C = tempo in cui la consisteza scende sotto 5UB; D = stabilità; tempo in cui la consistenza si mantiene sopra 5 UB; stabilità: >14 : grani di forza; >1 : panificabili superiori; >7 : panificabili. E = sfibramento: differenza tra la massima consistenza e quella ottenuta dopo tempo standard (es 12 ) A B D C E

26 Hardness (durezza). Caratteristica influente tanto la resa molitoria che la qualità tecnologica, legata al tipo di reticolo proteico dell'endosperma grani "soft"; macinazione: minor tempo di condizionamento e consumo energetico, maggiore resa in farina; impasto: minore assorbimento di acqua ed attività enzimatica grani "hard": caratteristiche opposte. Hardness si misura con metodi correlati alla resistenza allo schiacciamento o NIR. E' la base della classificazione mercantile in USA e Canada Prove di panificazione Simulano il comportamento dell impasto in un sistema reale, inclusa la cottura usano come standard il pane in cassetta non rappresentato bene la qualità per la produzione di pani poco lievitati e a crosta dura sono lunghe e costose e richiedono molto materiale (farina)

27 Esempi di clasificazione qualitativa del grano tenero in base a caratteri multipli (ITALMOPA) alveografo farinografo W P/L proteine stabilità Indice di (%) (min) caduta (s) di forza 3 max panificabile superiore 22 max panificabile 16 max biscottiero max 115 max.5 max altri usi Frumento duro Caratteri determinanti la qualità uguali al frumento tenero. Pasta di buona qualità: resistente alla cottura e non produce collosità alla superficie; caratteri collegati alla quantità e alla forza del glutine. Alto contenuto proteico (>13%). Indice di sedimentazione correlato con la qualità pastificatoria. Differenze varietali sulla qualità del glutine: banda 45 del pattern elettroforetico delle gliadine in SDS-PAGE correlata con glutine di buona qualità; banda 42 con glutine scarsamente tenace. Necessaria la massima tenacità dell'impasto, mentre sono sfavorevoli eccessiva estensibilità e rigonfiabilità. W>35; P/L>1.5; Falling number >3. 'Indice di giallo': colorazione gialla dell'endosperma conferita da pigmenti carotenoidi, importante per la colorazione che conferisce alla pasta. Carattere attualmente molto richiesto. Limitato da elevato contenuto di enzimi ossidasi, che ossidano i pigmenti generando colore bruno: 'indice di bruno'.

28 Elementi di tecnica colturale Scelta della specie fino a trenta anni fa il frumento duro era confinato al centro sud, per la mancanza di varietà idonee al nord (scarsa resistenza al freddo, tardività, scarso adattamento ai terreni fertili, qualità carente). attualmente disponibili varietà di duro adatte al nord: tutte però alternative e perciò più sensibili al freddo duro però assente al nord per motivi di politica agricola comunitaria Scelta varietale Le caratteristiche di una varietà riguardano sia la produzione quantitativa (adattabilità all'ambiente e produttività) che la qualità del prodotto. Habitus di crescita: varietà non alternative, per semine autunnali in zone ad inverno rigido; alternative, per zone ad inverno mite o semine primaverili in zone ad inverno rigido. Precocità: importante in aree con siccità precoce. Qualità: contenuto proteico ampiamente determinato dalle condizioni ambientali e colturali. Qualità delle proteine e tecnologiche sotto prevalente controllo genetico, anche se, specie le seconde, soggette a variabilità ambientale: una varietà scadente non potrà mai avere buone caratteristiche, per cui opportuno indirizzarsi verso varietà di buona qualità. Frumento tenero: lista varietale nel 'contratto 11' classifica le varietà in base alle loro caratteristiche qualitative. Frumento duro: per alcune varietà vengono effettuati contratti di coltivazione da parte dell'industria (p. es. varietà ad elevato 'indice di giallo').

29 Semina. Epoca: autunnale, nel nostro paese; da inizio ottobre (nord) a fine dicembre (sud). Primaverile in paesi ad inverno rigido ed estate piovosa. In teoria rese migliori con semine precoci; in pratica situazione variabile a causa di possibili fattori positivi o negativi nelle diverse fasi di determinazione della produzione. Densità obiettivo: 3 a 5 semi m -2 in condizioni di scarsa o elevata fertilità. Concimazione. L'azoto viene normalmente somministrato in più riprese. All inizio del ciclo, favorisce l accestimento e la crescita vegetativa. Somministrazioni tardive innalzano il contenuto proteico, se possono essere utilizzate (umidità sufficiente). Nel grano duro carenze aumentano la percentuale di bianconatura. Eccessi causano allettamento. Fattori di stress allettamento: causato da eccessi di azoto e piogge nella fase finale; determina difficoltà di raccolta, possibile pregerminazione, scadimento qualitativo, maggiori possibilità di attacchi fungini stretta: brusca interruzione della crescita della cariosside <determinata da alte temperature e stress idrico; comune al sud; determina riduzione della produzione e cariossidi striminzite pregerminazione: causata da fase di essiccamento in condizioni di elevata umidità; determina aumento dell attività α-amilasica Raccolta. Si effettua a maturazione piena della granella, in modo completamente meccanizzato (mietitrebbiatura). Da metà giugno a fine luglio, a seconda delle zone. In genere non necessaria essiccazione artificiale

30 ORZO (Hordeum vulgare L.) origine: Medio oriente, più o meno stesso areale dei frumenti coltivati. spighette uniflore, disposte a gruppi di tre ad ogni nodo del rachide. orzi esastici: tutte e tre le spighette fertili; distici: le due spighette laterali sterili. spiga a sviluppo indeterminato (spighette apicali abortite). cariosside 'vestita': le glumette restano aderenti alla cariosside dopo la trebbiatura lemma sempre dotato di lunghe reste spiga normalmente reclinata verso il basso a maturità. spighette sterili distico spighette fertili esastico

31 Orzo: superfici coltivate (ha) 9 Mondo 4 Asia Russia Area ex URSS Nord America Europa orientale Europa occidentale Africa America Latina Australia Oceania 3 2 Italia 3 1

32 Orzo: resa media (kg ha -1 ) 6 Mondo 6 Asia Area ex URSS Russia Nord America Europa orientale Europa occidentale Africa America Latina Australia Oc. 6 Italia

33 Utilizzazioni alimentazione animale, come concentrato (ca. 85% in Italia) produzione di malto (ca. 1%) usi secondari: estrazione di amido, alcool, prodotti alimentari speciali. Malto Preparazione pulizia e cernita del seme imbibizione del seme (35-4% di acqua) germinazione per 3-6 giorni fino a quando la 'piumetta' fuoriesce dalle glume essiccazione fino al 6% di umidità ed asportazione delle radichette macinazione tino conico di im bibizione convogliatore in entrata stadio cui viene interrotta la germinazione entrata orzo vasca germ inazione entrata acqua convogliatore in uscita

34 piattaforma di germinazione entrata aria circolazione aria orzo braccio rotante per mescolamento uscita aria convogliatore in entrata carica malto aria calda essiccazione scambiatore calore ventilatore Processi Attivazione enzimatica ed idrolisi dell'amido con aumento di zuccheri solubili Differenze di composizione tra orzo e malto orzo malto peso medio semi (mg) amido (%) zuccheri solubili (%) azoto totale (%) azoto solubile (% totale) attività diastasica α-amilasi tracce 3-6 attività proteolitica tracce 15-3

35 Qualità Preferiti per prodotti tradizionali (puro malto) preferiti gli orzi distici, perchè hanno cariosside più grande, dimensioni più uniformi, glumette più sottili, minore contenuto di tannini e proteine, minore attività enzimatica rispetto agli esastici. Questi ultimi sono più produttivi e preferiti per prodotti di massa, in cui vengono miscelati a materiali aggiunti a basso costo (mais, riso etc.) Germinabilità: deve essere elevata (>98%) ed avvenire in modo uniforme e contemporaneo; cariossidi non germinate non danno estratto: fattori negativi sono elevate percentuali di cariossidi spezzate, pregerminazione, assenza di glume. Dimensione del seme: le cariossidi di dimensioni più elevate richiedono più tempo per la germinazione ma danno rese di malto più elevate. Cariossidi di dimensioni eterogenee assumono acqua in tempi diversi: necessaria una calibratura per classi di diametro. In genere>2.5 mm; tra 2 e 2.5 e <2 mm; quest'ultima è considerata di minore valore e deprezza il prodotto. Spessore delle glumette: le glumette sono importanti perchè proteggono il germoglio durante le manipolazioni che avvengono durante la preparazione del malto e fungono da materiale 'filtrante' durante la filtrazione della birra. Non devono però essere troppo spesse, per non causare riduzioni della resa di malto. Contengono abbondanti polifenoli e tannini, che possono causare intorbidamenti nella produzione di birra

36 Glumette danneggiate e cariossidi rotte: determinano germinabilità eterogenea e danneggiamento del germoglio in fase di germinazione con conseguente arresto della stessa. Colore della cariosside: deve essere chiaro; pigmenti antocianici e polifenoli presenti soprattutto negli strati esterni conferiscono instabilità al mosto e torbidità alla birra. Contenuto proteico: per l'orzo da malteria deve essere basso, tradizionalmente <11%. Un eccesso di proteine determina: minore resa di estratto di malto; problemi di stabilità del colore della birra (imbrunimento). Attualmente sono accettati orzi con contenuto proteico fino al 13%, in quanto si aggiungono materiali amilacei come correttivi (derivati dal mais o riso), tranne che per i prodotti 'di puro malto'. Un contenuto proteico troppo basso è comunque substrato sfavorevole per i lieviti. Contenuto di β-glucani: sono polisaccaridi della parete cellulare. Devono essere presenti nella minore quantità possibile in quanto negativi per la stabilità della birra. Dal punto di vista dell'alimentazione umana, un alto contenuto di β-glucani è positivo, per la loro azione ipocolesterolemizzante

37 Altri impieghi dell'orzo L'orzo è largamente usato tuttora in numerose parti del mondo (soprattutto nelle aree caldo-aride, dove produce più del frumento), per la preparazione del pane. Il glutine dell'orzo ha scarse caratteristiche panificatorie: è friabile, tenace e poco rigonfiabile e dà pane duro anche se molto conservabile. L'uso del pane d'orzo sta ritornando come specialità alimentare. Orzo torrefatto: la torrefazione della granella intera solubilizza una parte degli zuccheri complessi e genera composti aromatici; l'orzo torrefatto si usa come succedaneo del caffè. Orzo perlato: la 'perlatura' è l'asportazione delle glumette e di quasi tutto il pericarpo. L'orzo perlato si usa in zuppe. Gli orzi 'nudi' privi cioè di glumette, hanno qualche interesse nel mercato dei prodotti speciali e per la torrefazione.

38 Elementi di tecnica colturale Coltura simile al frumento Scelta varietale. Distico per malto. Esastico per zootecnia. Recentemente selezionate varietà polistiche con buone caratteristiche maltarie. Semina. Dato il maggiore accestimento, la dose di seme è inferiore rispetto al frumento (p. es. una densità di 6 spighe m 2 si raggiunge con 4 piante m 2 nel frumento, mentre ne bastano 25-3 nell'orzo). Le varietà distiche attualmente disponibili sono in prevalenza primaverili e seminate in primavera nei climi del centro-nord Europa e anche nel nord- Italia. Nell'Italia mediterranea si può anticiparne la semina al tardo autunno, con ottimi risultati produttivi e qualitativi. Le varietà non alternative si seminano in autunno, prima del frumento, per la minore resistenza al freddo. Concimazione azotata. Per l'orzo da malteria è importante avere basso contenuto di proteine. L'orzo utilizza l'azoto meglio del frumento. A parità di produzione obiettivo le dosi possono essere inferiori del 3-4%. Da evitare le somministrazioni tardive (non oltre l'inizio levata). Raccolta. Avviene normalmente ca. 15 giorni prima del frumento. Il seme di orzo è più soggetto a danneggiamenti durante la trebbiatura.

39 Avena La specie più usata è Avena sativa, di origine centro-europea. A. byzantina, di origine mediterranea-medio orientale è meno impiegata. Caratteri morfologici differenziali. Infiorescenza a pannocchia espansa, con spighette contenenti 2-8 fiori. Cariosside allungata, in genere 'vestita' dopo la trebbiatura, con percentuale di gluma molto elevata (25-3%). Forme nude conosciute. Ligula presente, auricole assenti. Prodotto La cariosside di avena ha contenuto proteico e lipidico maggiore rispetto agli altri cereali vernini. Tra le proteine predominano le globuline, ricche di aminoacidi essenziali (lisina). Nella fibra predomina la frazione 'dietetica' (solubile); recentemente è stato verificato un effetto sull'abbassamento del colesterolo.

40 Prodotto L'uso dell'avena (fiocchi, estrusi) è diffusissimo nei paesi anglosassoni, meno da noi. La farina di avena è poco adatta alla panificazione. L'avena si presenta quindi come un tipico prodotto dietetico e per mercati specializzati. Le avene nude hanno buone prospettive nell'industria dei prodotti specializzati. Ecologia ed esigenze, elementi di tecnica colturale. Vedi frumento e orzo. L'avena è la meno resistente al freddo tra i cereali microtermi. La maggior parte delle varietà è a maturazione tardiva e poco adatta a climi con aridità precoce. Elementi di tecnica colturale. La semina è in genere primaverile, tranne che nelle zone più miti. La concimazione azotata migliora la produzione anche dal punto di vista qualitativo: contrariamente ad altri cereali non vi è infatti correlazione negativa tra aumento del contenuto proteico e qualità delle proteine. Le varietà disponibili sono però suscettibili all'allettamento per cui le dosi di azoto sono normalmente inferiori del 4-5% rispetto al frumento.

41 Avena: superfici coltivate (ha) Mondo Europa orientale Europa occidentale Africa America Latina Australia Oceania 14 Asia Area ex URSS Russia Nord America Italia

42 Avena: resa media (kg ha -1 ) 6 Mondo 6 Asia Area ex URSS Russia Nord America Europa orientale Europa occidentale Africa America Latina Australia Oc. 6 Italia

43 Segale (Secale cereale L.) Infiorescenza a spiga, simile a quella del frumento, con spighette triflore (due fiori fertili) e lemma aristato. Foglie prive di ligule e orecchiette appena accennate. Cariossidi allungate, generalmente di colore grigio-verdastro. E' la più resistente al freddo tra i cereali vernini, adattata a terreni acidi e poveri. Spigatura precoce. Dal punto di vista colturale è simile agli altri cereali vernini. Essendo coltivata in aree marginali, le cure colturali sono in genere limitate. Dal punto di vista alimentare, la farina è largamente usata in centro Europa per la preparazione di pani scuri, poco lievitati, di consistenza compatta ed un po' elastica. Da noi l'uso è limitatissimo, per mercati specialistici. Un uso simile è stato recentemente proposto per il triticale, ibrido interspecifico tra frumento e segale, le cui caratteristiche qualitative sono però più simili alla segale.

44 Segale: superfici coltivate (ha) 3 Mondo Europa orientale Area ex URSS Russia Europa occidentale Asia Nord America Africa America Latina 8 6 Italia Australia Oceania 4 1 2

45 Segale: resa media (kg ha -1 ) 6 Mondo 6 Asia Area ex URSS Russia Nord America Europa orientale 6 4 Europa occidentale Italia 4 Africa America Latina Australia Oc. 2 2

46 Frumenti minori Frumenti vestiti (farri: T. dicoccum, monococcum e spelta) I primi due sono frumenti primitivi, quasi scomparsi dalla coltivazione in Europa e coltivati soltanto con ecotipi locali. Il terzo è coltivato con varietà selezionate soprattutto in Germania, Belgio, Svizzera Sono specie di taglia alta, soggette all'allettamento, poco produttive, ma molto adattabili e resistenti. Per questo la loro coltura ha subito un rilancio soprattutto nel campo dell'agricoltura biologica. In Italia sono coltivate T. dicoccum e spelta. Il loro uso si è diffuso negli anni 9 e riguarda sia la granella tal quale, da usare in zuppe e minestre, che prodotti derivati dalla farina: dolci, pasta etc. La farina di spelta presenta valori di W bassi o medi ed è adatta alla fabbricazione di pani speciali, molto popolari in Germania; La farina di T. dicoccum presenta W molto bassi con predominanza della tenacità sulla estensibilità: dà impasti friabili, adatti per biscotti e crostate. La pasta di farro ha caratteristica consistenza friabile e 'granulosa'. Il farro ha azione depurativa e blandamente lassativa. Grano "kamut " (Triticum polonicum). E' un frumento primitivo, recentemente rilanciato in coltura negli USA, per mercati di nicchia. Dà farine tenaci, con alcune caratteristiche simili ai frumenti duri. Se ne fa pane o pasta.

Laboratorio di Didattica dell Agronomia e delle Coltivazioni Erbacee II (Prof. Teofilo Vamerali) Qualità delle farine per la panificazione

Laboratorio di Didattica dell Agronomia e delle Coltivazioni Erbacee II (Prof. Teofilo Vamerali) Qualità delle farine per la panificazione Laboratorio di Didattica dell Agronomia e delle Coltivazioni Erbacee II (Prof. Teofilo Vamerali) Qualità delle farine per la panificazione Programma del laboratorio N Lez. Modalità Titolo della lezione

Dettagli

1. LA CARIOSSIDE DEL FRUMENTO

1. LA CARIOSSIDE DEL FRUMENTO INDICI TECNOLOGICI :: Il frumento :: 1. La cariosside del frumento 2. Composizione chimica 3. Le proteine del frumento 4. Aspetti qualitativi del frumento 5. Qualità molitoria 6. Qualità tecnologica 7.

Dettagli

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Indice Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Cap. 1 COMPOSIZIONE BIOCHIMICA DEGLI ALIMENTI VEGETALI 1.1 Definizione di alimento...18 1.2 Principi nutritivi...18 1.2.1 Inorganici...19 1.2.1.1 Ossigeno...19

Dettagli

farina serve ad indicare quella di grano semola

farina serve ad indicare quella di grano semola Cos è la farina? La farina è il prodotto ottenuto dalla macinazione di cereali o di altri prodotti (legumi, frutta a guscio, tuberi). Nell'uso comune quando non specificato il termine farina serve ad indicare

Dettagli

La produzione cerealicola mondiale nel 1995 è stata globalmente di 1.900 milioni di tonnellate, di cui il 25% è rappresentato dal frumento.

La produzione cerealicola mondiale nel 1995 è stata globalmente di 1.900 milioni di tonnellate, di cui il 25% è rappresentato dal frumento. I cereali sono senza dubbio i vegetali più largamente coltivati al mondo: si stima che circa i due terzi della superficie coltivabile sulla terra siano dedicati alla loro produzione. I prodotti della trasformazione

Dettagli

Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva

Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva FRUMENTO QUALITÀ 1 Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva Sanitaria : salubrità dei prodotti alimentari

Dettagli

1. DETERMINAZIONE DELLA QUALITÀ DELLE FARINE DI FRUMENTO

1. DETERMINAZIONE DELLA QUALITÀ DELLE FARINE DI FRUMENTO Laboratorio 1 1. DETERMINAZIONE DELLA QUALITÀ DELLE FARINE DI FRUMENTO INDICE 1. COMPOSIZIONE E QUALITÀ DELLE CARIOSSIDI DI FRUMENTO 2 1.1. Composizione della cariosside 2 1.2. Caratteri qualitativi del

Dettagli

Dal Grano al Pane. Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014

Dal Grano al Pane. Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014 Dal Grano al Pane Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014 Triticum durum o grano duro Triticum vulgare o grano tenero ATriticum durum -BTriticum aestivum var. Spada -CTriticum aestivum var. Brasilia La cariosside

Dettagli

I Cereali. - Frumento. - Mais. - Riso

I Cereali. - Frumento. - Mais. - Riso Introduzione ai CEREALI e alle FARINE I Cereali La parola cereali rappresenta una grandissima famiglia di specie botaniche appartenenti alle graminacee. I più diffusi sono - Frumento Produzione mondiale:

Dettagli

AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili. Amilosio: catene lineari di glucosio con legami 1-4

AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili. Amilosio: catene lineari di glucosio con legami 1-4 AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili Alimento Contenuto di amido, % Mais granella 71-74 Avena 41-44 Riso 75-88 Grano 67-68 Orzo 67-68 Pisello semi 43-48 Patate

Dettagli

Soia. (Glicine max (L.) Merr.)

Soia. (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) La soia è la più importante fonte vegetale di olio e di proteine per uso alimentare a livello mondiale In Italia la coltura della soia oggi è

Dettagli

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise Pasta frolla Pari q.tà materia grassa e zucchero Pasta sable % maggiore di m. g. rispetto allo zucchero Pasta brise % di sale maggiore (0,80%) % di zucchero minore 2-3% Giambattista Montanari Farine Amidi

Dettagli

[TESTO COMUNICAZIONE TRITICUM TURGIDUM TURANICUM]

[TESTO COMUNICAZIONE TRITICUM TURGIDUM TURANICUM] 2013 BIOLOGISTIC S.R.L. Marco Rusconi [TESTO COMUNICAZIONE TRITICUM TURGIDUM TURANICUM] Sommario ORIGINI... 1 LA CLASSIFICAZIONE MODERNA DEI CEREALI... 3 IL GRANO KHORASAN... 4 PROPRIETA NUTRIZIONALI DEL

Dettagli

L Esperto risponde. ARGOMENTO: LA FORMAZIONE DEL GLUTINE Qual'è il processo che vede la formazione del glutine?

L Esperto risponde. ARGOMENTO: LA FORMAZIONE DEL GLUTINE Qual'è il processo che vede la formazione del glutine? L Esperto risponde ARGOMENTO: LA FORMAZIONE DEL GLUTINE Qual'è il processo che vede la formazione del glutine? Le proteine della farina, insolubili in acqua e in soluzioni saline, hanno la capacità di

Dettagli

Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry

Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry IL PANE Fare il pane in casa è molto più che una moda salutista o di una scelta economica, significa riappropriarsi di capacità manuali e modalità

Dettagli

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori Università degli Studi di Torino DISAFA L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori Amedeo Reyneri Celiachia: nuove prospettive Grugliasco 21 marzo 2015 Dipartimento di Economia,

Dettagli

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

Pasta sfoglia rapida Pasta aromatizzata

Pasta sfoglia rapida Pasta aromatizzata Pasta sfoglia magra Pasta sfoglia classica Pasta sfoglia inversa Pasta sfoglia rapida Pasta aromatizzata Giambattista Montanari Ingredienti pasta sfoglia Farina Malto Materia grassa Burro, margarina, Liquidi

Dettagli

L arte bianca. Materie prime e tecnologie per la panificazione. Dott. Luca Battistini. Consulente in scienze e tecnologie alimentari

L arte bianca. Materie prime e tecnologie per la panificazione. Dott. Luca Battistini. Consulente in scienze e tecnologie alimentari L arte bianca Materie prime e tecnologie per la panificazione Dott. Luca Battistini Consulente in scienze e tecnologie alimentari N.B. IL PRESENTE DOCUMENTO CONTIENE SOLO DEGLI SCHEMI DI PRESENTAZIONE

Dettagli

CEREALE VESTITO UTILIZZATO DALL'UOMO SIN DAL NEOLITICO TRITICUM MONOCOCCUM L. TRITICUM DICOCCUM Schubler TRITICUM SPELTA L.

CEREALE VESTITO UTILIZZATO DALL'UOMO SIN DAL NEOLITICO TRITICUM MONOCOCCUM L. TRITICUM DICOCCUM Schubler TRITICUM SPELTA L. CEREALI MINORI 1 FARRO Triticum 2 FARRO Farro è la denominazione generica attribuita indifferentemente a ben tre specie diverse del genere Triticum, comunemente chiamate frumenti vestiti. Da alcuni anni

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

Il Frumento. Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007.

Il Frumento. Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007. 1 2 3 4 5 Il Frumento Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007. L'alimento che più consumiamo è sicuramente il frumento; pane, pasta, dolci,

Dettagli

CATALOGO formato famiglia

CATALOGO formato famiglia ANTICO MOLINO DELLE FOLCI dal 1700 farine senza aggiunta di additivi la qualità della farina, la bontà del pane CATALOGO formato famiglia O LINO DEL MO LE LCI FO ANTI C dal 1700 La dedizione per la qualità

Dettagli

CATALOGO FARINE. Dal 1958 produciamo farine adatte a ogni vostra esigenza

CATALOGO FARINE. Dal 1958 produciamo farine adatte a ogni vostra esigenza CATALOGO FARINE Dal 1958 produciamo farine adatte a ogni vostra esigenza La nostra tradizione aziendale, da più di 50 anni, è sempre stata quella di acquistare grani di elevata qualità, privilegiando la

Dettagli

La produzione biologica di mais, riso e cereali minori Breve vademecum

La produzione biologica di mais, riso e cereali minori Breve vademecum La produzione biologica di mais, riso e cereali minori Breve vademecum Il mais: notizie generali La coltivazione del mais in agricoltura biologica, ha visto un rilancio negli ultimi anni in seguito all'adozione,

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

I CEREALI. riso orzo farro

I CEREALI. riso orzo farro I CEREALI I cereali sono coltivati per i loro semi ricchi di amido che si prestano in moltissime preparazioni alimentari e costituiscono la base energetica della dieta di gran parte dell umanità. riso

Dettagli

PROGETTO Alimenti funzionali MARIA CORBELLINI. U.O. CRA Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura Sezione di S. Angelo Lodigiano Roma 06/06/06

PROGETTO Alimenti funzionali MARIA CORBELLINI. U.O. CRA Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura Sezione di S. Angelo Lodigiano Roma 06/06/06 PROGETTO Alimenti funzionali RICERCA Identificazione di frumenti idonei alla produzione di miscele panificabili con genotipi di cereali minori selezionati per caratteristiche biochimiche e qualitative

Dettagli

Farine / Semilavorati / Prodotti speciali

Farine / Semilavorati / Prodotti speciali Farine / Semilavorati / Prodotti speciali t r a d i z i o n e i t a l i a n a Farine 00 Farina 00 - Manitoba Farina 00 - Oro Farina 00 - Superiore Farina per pizza napoletana Farina di grano tenero proveniente

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

GRAMINACEE FORAGGERE

GRAMINACEE FORAGGERE GRAMINACEE FORAGGERE CARATTERISTICHE BOTANICHE Radici: fascicolate, non molto profonde, che si rinnovano annualmente. Culmi: costituiti da nodi e internodi; intenso accestimento; in alcune specie fungono

Dettagli

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA LE SCIENZE AGRARIE Tra OGM e agricolture alternative Firenze, 19 Aprile 2013 GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA Blanco Università degli Studi di Bari Aldo Moro A. La Dieta Mediterranea è caratterizzata dal

Dettagli

ASPETTI GENERALI DEI CEREALI

ASPETTI GENERALI DEI CEREALI Cap. 3 Cereali CAPITOLO 3 ASPETTI GENERALI DEI CEREALI a b c d Fig. 3.1 - (a) Frumento duro, (b) Frumento tenero, (c) orzo e (d) riso 3.1 Generalità Con il nome di cereali (dal fenicio Ker-frumento, o

Dettagli

4ª EDIZIONE BIRRISSIMA 2000 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI MALTO: CARATTERISTICHE E UTILIZZO NELLA PRODUZIONE DELLA BIRRA

4ª EDIZIONE BIRRISSIMA 2000 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI MALTO: CARATTERISTICHE E UTILIZZO NELLA PRODUZIONE DELLA BIRRA 4ª EDIZIONE BIRRISSIMA 2000 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI MALTO: CARATTERISTICHE E UTILIZZO NELLA PRODUZIONE DELLA BIRRA Dr Stefano Buiatti, Docente di Tecnologia della Birra, Dipartimento di Scienze degli Alimenti

Dettagli

Il concetto di qualità di un prodotto alimentare è un concetto

Il concetto di qualità di un prodotto alimentare è un concetto I METODI ANALITICI PER LA MISURA DELLA QUALITÀ DEI CEREALI Maria Grazia D Egidio 1 e Marina Carcea 2 1 Consiglio per la Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura (CRA-Unità di ricerca per la Valorizzazione

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Cavallucci Clarita Medico Veterinario Ph.D. claritacavallucci@alice.it

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEI CEREALI

LA CONSERVAZIONE DEI CEREALI LA CONSERVAZIONE DEI CEREALI La conservazione dei cereali assume importanza primaria nel determinare la qualità igienico sanitaria delle materie prime e del prodotto finito. Cause di alterazione: umidità

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

I DISCIPLINARI DEL MARCHIO QM

I DISCIPLINARI DEL MARCHIO QM 9 I DISCIPLINARI DEL MARCHIO QM PRINCIPALI REQUISITI DEL DISCIPLINARE FILIERA CEREALI Sezione prima FRUMENTO DURO, FRUMENTO TENERO E PRODOTTI DERIVATI Il disciplinare Filiera cereali, insieme a quello

Dettagli

Sommario. Dal grano al pane 7. Valori nutrizionali e ingredienti 33. Scegliere quello amico della linea 67. Preparare il pane in casa 99

Sommario. Dal grano al pane 7. Valori nutrizionali e ingredienti 33. Scegliere quello amico della linea 67. Preparare il pane in casa 99 Sommario Le origini Dal grano al pane 7 Le sue virtù Valori nutrizionali e ingredienti 33 LA STORIA LA STORIA LE PROPRIETÀ I benefici Scegliere quello amico della linea 67 LA SALUTE Lavorazione Preparare

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO Cod. 503 SOYA O, Granella di Soia integrale, Farina integrale di grano tenero, Farina integrale di soia, Destrosio, Farina di frumento maltato, Agenti di trattamento della farina: Enzimi, E 300 (acido

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum Introduzione I cereali utilizzati da secoli sia nell'alimentazione umana che in quella animale, grazie alle loro spiccate doti nutrizionali,

Dettagli

Quaderno. Colture erbacee. Cereali, Foraggere industriali

Quaderno. Colture erbacee. Cereali, Foraggere industriali Quaderno Colture erbacee Cereali, Foraggere industriali QUADERNO QUADERNO COLTURE ERBACEE ISBN 9788896578094 Coordinatore Luigi Tedone Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali - Università di

Dettagli

FORRICALE Varietà di origine spagnola

FORRICALE Varietà di origine spagnola FORRICALE Varietà di origine spagnola LETIZIA ERBA MEDICA LA VARIETÁ Origine: sintetica a 3 costituenti (70% ecotipo romagnolo, 20% ecotipo polesano, 10% varietà francese) Costitutore/responsabile selezione

Dettagli

PRODUZIONE DELLA BIRRA Materie prime E Processo produttivo. Malti e processo di maltazione

PRODUZIONE DELLA BIRRA Materie prime E Processo produttivo. Malti e processo di maltazione PRODUZIONE DELLA BIRRA Materie prime E Processo produttivo Malti e processo di maltazione Acqua Malti e processo di maltazione L'orzo è la sorgente più comune per gli zuccheri fermentabili utili alla birra.

Dettagli

ITALMALT CATALOGO MALTI

ITALMALT CATALOGO MALTI ITALMALT CATALOGO MALTI INDICE DEI CONTENUTI La società...3 Produzione...4 Materie prime...5 Ricerca...6 Malti proposti...7 Estratti di Malto in forma liquida...8 Estratti di Malto in polvere...9 Schede

Dettagli

GRANO: DAL CHICCO ALLA MIETITURA

GRANO: DAL CHICCO ALLA MIETITURA Nome... classe.... GRANO: DAL CHICCO ALLA MIETITURA Leggete i paragrafi, trovate la frase con lõidea principale e scrivetela nelle righe vuote STORIA DEL GRANO La storia del grano risale alla preistoria,

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente i cereali, le leguminose, le proteine vegetali e i loro derivati

Ordinanza del DFI concernente i cereali, le leguminose, le proteine vegetali e i loro derivati Ordinanza del DFI concernente i cereali, le leguminose, le proteine vegetali e i loro derivati 817.022.109 del 23 novembre 2005 (Stato 1 gennaio 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visti

Dettagli

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Sempre primi! Anche nel 2015 le nostre varietà si confermano ai vertici delle prove nazionali del Frumento Tenero*: 1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

Dettagli

Alimenti glucidici di uso non abituale nell alimentazione dello sportivo

Alimenti glucidici di uso non abituale nell alimentazione dello sportivo Riunione Nazionale SINU Milano, 29-30 novembre 2007 Tavola rotonda I carboidrati nell alimentazione dello sportivo Alimenti glucidici di uso non abituale nell alimentazione dello sportivo Bertini I, Giampietro

Dettagli

Pane preparato con farina di frumento e decorato con cereali vari.

Pane preparato con farina di frumento e decorato con cereali vari. Catalogo prodotti Pane Pane multicereali Panfiore Filone contadino Pane vitale Pane alla zucca Pane chiaro di farina di frumento mista con crosta gustosa e decorata con semi. Farina di frumento tipo 0,

Dettagli

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo LE BEVANDE NERVINE Savorè Giulia & Alberto Peraudo Indice Aspetti generali Caffè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà La pianta Ciclo produttivo Tè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà

Dettagli

Dal Seme alla Pasta: una tradizione in continua evoluzione.

Dal Seme alla Pasta: una tradizione in continua evoluzione. Accademia Nazionale di Agricoltura Dal Seme alla Pasta: una tradizione in continua evoluzione. Bologna 26 novembre, 2014 Archiginnasio, Bologna By Roberto Ranieri Open Fields srl Collecchio (PR) Filiera

Dettagli

Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione

Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione G.B. Quaglia 1 1 Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, Via Ardeatina, 546-00178 Roma

Dettagli

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio.

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio. Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. NUTRIZIONE Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Azienda USL di Modena DIETISTA DOTT.SSA MARIANGELA CIRILLO Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati.

Dettagli

MAIS CICLO BIOLOGICO

MAIS CICLO BIOLOGICO MAIS CICLO BIOLOGICO 1 C I C L O B I O L O G I C O 2 3 GERMINAZIONE - EMERGENZA In condizioni adatte di umidità, di temperatura e di arieggiamento, il seme assorbe acqua e inizia la mobilitazione delle

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

Non è tutto oro. quello che lievita

Non è tutto oro. quello che lievita Non è tutto oro quello che lievita Nasce nel 1936 nella valle del Ticino e fa parte del mondo Le Farine Magiche Lo Conte. Il gruppo Campano già leader nel settore retail per le farine speciali. Con 4 stabilimenti

Dettagli

802859 Set 15 capsule di pane in 5 gusti

802859 Set 15 capsule di pane in 5 gusti 802859 Set 15 capsule di pane in 5 gusti Pane bianco Puro Preparazione per pane di tipo 1. Farina di grano tenero (94%) tipo 1, sale iodato, lievito secco, destrosio, proteine di frumento, maltodestrina,

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2011 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Lo sviluppo di una attività di ricerca in Italia sulla

Dettagli

FRUMENTI: DURO, TENERO E FARRI (Triticum spp.)

FRUMENTI: DURO, TENERO E FARRI (Triticum spp.) Cap. 4 Frumenti CAPITOLO 4 FRUMENTI: DURO, TENERO E FARRI (Triticum spp.) 4.1 Origine e diffusione Con il nome frumento s intendono diverse specie di graminacee appartenenti al genere Triticum la cui origine

Dettagli

CEREALI FRUMENTO. a gruppi di 3 o multipli. Figura 1 - Satua di Cerere ai giardini storici di Boboli a Firenze.

CEREALI FRUMENTO. a gruppi di 3 o multipli. Figura 1 - Satua di Cerere ai giardini storici di Boboli a Firenze. CEREALI Cereali, da Ceres, Cèrere, dea romana delle mèssi e dei campi, è un termine usato per riferirsi ad alcuni prodotti agricoli di interesse alimentare. Non è un termine botanico, ma letterario e storico:

Dettagli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli SCEGLI IL GUSTO 7 febbraio 2013 Body Worlds Anna Caroli Terminato l iter diagnostico esami del sangue biopsia enterica Oggi so di essere celiaco Cosa faccio e cosa mangio Il Medico fornisce le prime e

Dettagli

FARINE, SEMI E LIEVITI BIOLOGICI della MOLINO ROSSO Gruppo d'acquisto Solidale del Circolo Legambiente Cantiere Verde

FARINE, SEMI E LIEVITI BIOLOGICI della MOLINO ROSSO Gruppo d'acquisto Solidale del Circolo Legambiente Cantiere Verde FARINE, SEMI E LIEVITI BIOLOGICI della MOLINO ROSSO Gruppo d'acquisto Solidale del Circolo Legambiente Cantiere Verde FARINE DI GRANO TENERO FARINA BIO DI GRANO TENERO INTEGRALE BIOLOGICA, MACINAZIONE

Dettagli

Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra

Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra 1 Introduzione 2 SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA La sostenibilità è la capacità di produrre beni ed alimenti in modo economicamente vantaggioso

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 30.1.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 29/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 68/2013 DELLA COMMISSIONE del 16 gennaio 2013 concernente il catalogo delle materie prime

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

Università degli studi di Bari Aldo Moro

Università degli studi di Bari Aldo Moro Università degli studi di Bari Aldo Moro Corso di Laurea: SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe L-69 Corso Integrato: Elementi di biologia e qualità delle materie prime vegetali Modulo: Produzioni erbacee

Dettagli

FARINE prive di GLUTINE MAIS, RISO, QUINOA, AMARANTO, TAPIOCA, SOIA, AMIDI

FARINE prive di GLUTINE MAIS, RISO, QUINOA, AMARANTO, TAPIOCA, SOIA, AMIDI FARINE prive di GLUTINE MAIS, RISO, QUINOA, AMARANTO, TAPIOCA, SOIA, AMIDI 500 500 12 FARINA DI MAIS BRAMATA Per polenta 540 500 12 FARINA DI MAIS PRECOTTA Per polenta istantanea 541 500 12 FARINA DI MAIS

Dettagli

GLUTINE COME USCIRE DAL LABIRINTO

GLUTINE COME USCIRE DAL LABIRINTO GLUTINE COME USCIRE DAL LABIRINTO EXPO 2015 MILANO L.M.Montalbano GLUTINE GRANO - ORZO SEGALE? CEREALI NELLA NOSTRA TAVOLA OGNI GIORNO MA DA DOVE PROVENGONO? COSTI IMPATTO AMBIENTALE Km ZERO Valorizzazione

Dettagli

Colture erbacee: leguminose da granella

Colture erbacee: leguminose da granella Corso di Sistemi colturali - Viterbo, AA 2002-2003 Colture erbacee: leguminose da granella Dott. Raffaele Casa, Dipartimento di Produzione Vegetale, Università della Tuscia, Viterbo Leguminose da granella

Dettagli

EFFETTI DELLA FIOCCATURA

EFFETTI DELLA FIOCCATURA Materiale del prof. Stefanon, modificato ed intregrato FIOCCATURA Trattamento a vapore dei cereali (ma anche di granelle di proteaginose) per la preparazione di fiocchi, industrialmente molto diffuso:

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente i cereali, le leguminose, le proteine vegetali e i loro derivati

Ordinanza del DFI concernente i cereali, le leguminose, le proteine vegetali e i loro derivati Ordinanza del DFI concernente i cereali, le leguminose, le proteine vegetali e i loro derivati del 23 novembre 2005 Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visti gli articoli 4 capoverso 2, 25 capoversi

Dettagli

Catalogo prodotti. Biodinamico per natura.

Catalogo prodotti. Biodinamico per natura. atalogo prodotti iodinamico per natura. simply organic since 1995 Stampato su carta riciclata al 100% 1011IT.0912 L azienda molitoria Steiner Mühle è l unico mulino in Svizzera a produzione interamente

Dettagli

Strutturazione di impasti per la produzione di pane e pasta contenenti sfarinati con alto valore funzionale

Strutturazione di impasti per la produzione di pane e pasta contenenti sfarinati con alto valore funzionale Progetto Responsabile: Dr.sa M.G.D Egidio (CRA-ISC Roma) Unità di ricerca Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari e Microbiologiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Strutturazione di impasti per

Dettagli

La coltivazione di cereali minori secondo il metodo biologico nella Provincia di Milano

La coltivazione di cereali minori secondo il metodo biologico nella Provincia di Milano La coltivazione di cereali minori secondo il metodo biologico nella Provincia di Milano Orzo Farro Segale Grano Saraceno Testi: Dott. Agr. Daniela Ponzini Grafica: Valentina Guerrini Stampa: "Il Melograno"

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE Istituto Comprensivo Europa di Faenza - Scuola Media Europa - Classe 1ª C Docente coordinatore: Pia Molinari ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE 205 ISOLAMENTO DEL GLUTINE RELAZIONE DELL ESPERIMENTO

Dettagli

La Farina. - tipo 0 0,65% - tipo 1 0,80% - tipo 2 0,95% - tipo Integrale 1,40% / 1,60%

La Farina. - tipo 0 0,65% - tipo 1 0,80% - tipo 2 0,95% - tipo Integrale 1,40% / 1,60% La Farina Per farina si intende il prodotto ottenuto dalla macinazione del grano. Presenta differenti caratteristiche secondo il tipo di grano da cui viene estratta ed il tipo di macinazione a cui viene

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

Disciplinare di produzione della FARRO DEL MOLISE UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DEL MOLISE

Disciplinare di produzione della FARRO DEL MOLISE UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DEL MOLISE UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DEL MOLISE FARRO del Molise FARRO del Molise Modalità di ottenimento della licenza d uso del marchio collettivo PIACERE

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2010 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Il 2009 è un anno importante per la storia di due

Dettagli

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

Utilizzazioni commerciali della granella di mais e parametri di qualità Giulio Testa

Utilizzazioni commerciali della granella di mais e parametri di qualità Giulio Testa Utilizzazioni commerciali della granella di mais e parametri di qualità Giulio Testa Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DiSAFA) Università degli Studi di Torino Sommario 1. Introduzione...

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

LE STAGIONI DEL FRUMENTO

LE STAGIONI DEL FRUMENTO SCUOLA PRIMARIA LE STAGIONI DEL FRUMENTO FARRO, FRUMENTO E MAIS - FRUMENTO PIAVE, CANOVE, TRITICUM MONOCOCCUM, MAIS MARANO, BIANCOPERLA, SPONCIO IL GRANO Il frumento (o grano) è una pianta che può crescere

Dettagli

www.bertok.info indagine sui "pan bauletto" additivi, etc. informazioni nutrizionali senza coloranti, grassi, idrogenati, additivi edulcoranti

www.bertok.info indagine sui pan bauletto additivi, etc. informazioni nutrizionali senza coloranti, grassi, idrogenati, additivi edulcoranti www.bertok.info indagine sui "pan bauletto" id. prodotto marca luogo di produzione ingredienti additivi, etc. informazioni nutrizionali peso per confezione costo note impressioni personali 1 integrale

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

BIOLOGICA. L armonia tra natura, uomo e salute

BIOLOGICA. L armonia tra natura, uomo e salute BIOLOGICA L armonia tra natura, uomo e salute L esigenza di stili di vita salutari ed equilibrati porta a ricercare sempre di più prodotti che soddisfi no non solo la voglia di bontà e fragranza, ma anche

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

I Mix Multicereali. Alta Qualità in Panificazione.

I Mix Multicereali. Alta Qualità in Panificazione. I Mix Multicereali Alta Qualità in Panificazione. I Mix Multicereali La Gamma Italmill è un azienda dinamica che opera nel mercato europeo dei prodotti da forno. Ed è Subito Pane, il brand Italmill dei

Dettagli

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 TECNOZOO, AL FIANCO DEGLI ALLEVATORI DAL SEME AL PRODOTTO FINITO! SOMMARIO SORGO IBRIDO DA SFALCIO KARIM Pag 4 SORGO GENTILE

Dettagli

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II AZIENDA AGRARIA TORRE LAMA Via G. Fortunato, 3 84092 BELLIZZI ITALY Tel/Fax.: +39 089 51110 Convenzione tra Pastificio Lucio Garofalo e Azienda Torre Lama Aspetti

Dettagli

Miglioramento genetico del mais: scopi e metodi

Miglioramento genetico del mais: scopi e metodi Miglioramento genetico del mais: scopi e metodi Prerequisiti e obiettivi Prerequisiti Conoscenza della biologia fiorale del mais Concetto di fenotipo e genotipo Genetica mendeliana Obiettivi L ottenimento

Dettagli