LA FIBRA ALIMENTARE. Cerati Carlo GVS. Moretta 14 dicembre 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA FIBRA ALIMENTARE. Cerati Carlo GVS. Moretta 14 dicembre 2007"

Transcript

1 LA FIBRA ALIMENTARE Cerati Carlo GVS Moretta 14 dicembre 2007

2 OBIETTIVO DESCRIVERE E CAPIRE MEGLIO LA FIBRA STUDIARE IL SIGNIFICATO DELLA FIBRA NELL ALIMENTAZIONE DEL SUINO INFLUENZA SULLA DIGESTIONE E SULLA FERMENTAZIONE DELL ALIMENTO EFFETTO SUL TRANSITO INTESTINALE E SULLA QUALITA DELLE FECI WHC ED EFFETTI PROBIOTICI DELLA FIBRA INVESTIGARE SULLA FRAZIONE FIBROSA DELLE POLPE DI BIETOLA, CRUSCA DI FRUMENTO, F.E. DI SOIA E GIRASOLE.

3 DEFINIZIONE DI FIBRA PARTE MENO DIGERIBILE DELL ALIMENTO MATERIALE FIBROSO DAI VEGETALI PROVIENE DALLA PARETE CELLULARE

4 ORGANIZZAZIONE DELLA FIBRA NELLA PARETE CELLULARE VEGETALE CELLULOSA FORMAZIONE DI LIGNINA FIBRILLE DI CELLULOSA ED EMICELLULOSA PECTINE

5 Funzioni della parete cellulare dei vegetali Conferimento e mantenimento della forza meccanica Controllo espansione cellulare Controllo trasporto intercellulare Protezione da microrganismi nocivi Accumulo di sostanze di riserva Produzione di molecole segnale, specie in relazione ad attacchi di patogeni

6 I vegetali depongono la loro parete a strati Lamella mediana Parete primaria Parete secondaria Con un piano organizzativo comune Componente fibrillare polisaccaridica immersa in una matrice glicidica e proteica Acqua (fino al 60% del totale)

7 COMPONENTI DELLA FIBRA ALIMENTARE: CELLULOSA MAGGIOR POLISACCARIDE STRUTTURALE DELLA PARETE CELLULARE VEGETALE RIGIDITA ALLA PARETE OMOPOLIMERO DI UNITA DI BETA (1-4) D- GLUCOPIRANOSILE IN FORME DIVERSE A SECONDA DEL TIPO DI VEGETALE INSOLUBILE RESISTENTE ALLA DEGRADAZIONE ENZIMATICA FERMENTABILE

8 Il grado di polimerizzazione è variabile ( in parete primaria, in parete secondaria)

9 Le singole catene si aggregano allineandosi parallelamente e formando microfibrille

10 COMPONENTI DELLA FIBRA ALIMENTARE: EMICELLULOSA PRINCIPALE COMPONENTE DELLA PARETE CELLULARE VEGETALE (40 45% parete primaria; 30 33% parete secondaria) LEGAMI BETA- (1-4) DI XILOSIO MANNOSIO GALATTOSIO, E GLUCOSIO (ES XILOGLUCANI) LEGATA ALLA FRAZIONE PECTINICA DELLA PARETE CELLULARE E ALLE MICROFIBRILLE DI CELLULOSA SOLIDITA ALLA PARETE CELLULARE SVOLGONO UN RUOLO DI ACCUMULO DI SOSTANZE DI RISERVA O TRATTENIMENTO DI ACQUA

11 COMPONENTI DELLA FIBRA ALIMENTARE: PECTINE COMPLESSO GRUPPO DI ETEROPOLISACCARIDI SI RILEVANO NEGLI SPAZI TRA LE PARETI CELLULARI (LAMELLA INTERMEDIA) ELEVATE PROPRIETA DI IDRATAZIONE BEN FERMENTABILI IN COLON CON FORMAZIONE DI SCFA CATTURANO IONI CALCIO. QUANDO IL ph DIMINUISCE NEL COLON CON PRODUZIONE DI SCFA, IL CALCIO SI RENDE LIBERO.

12 Formano catene più o meno ramificate. Componente principale è l acido galatturonico che può formare omopolimeri o avere catene laterali costituite da altri saccaridi (ramnoso, arabinoso, galattoso)

13 La presenza di gruppi carbossilici conferisce alcune proprietà: - legando Ca ++ ed acqua possono formare graticciati stabili a nido d ape - possono funzionare come scambiatori ionici

14 LA PARETE SECONDARIA E tipica delle cellule che hanno terminato il processo di distensione e differenziamento. Si distingue dalla primaria: Per la natura dei componenti Per le caratteristiche chimico-fisiche Per il momento in cui viene deposta Le variazioni di composizione dipendono: Dalla comparsa di nuove sostanze (lignina, cere e cutine, suberina) Dalle variazioni di percentuale di quelle precedentemente presenti

15 LA PARETE SECONDARIA Il contenuto in acqua e pectine cala drasticamente Aumenta la cellulosa e le zone a struttura cristallina I polimeri di cellulosa sono più lunghi Le microfibrille tendono ad associarsi a formare macrofibrille

16 COMPONENTI DELLA FIBRA ALIMENTARE: GOMME VEGETALI FLUIDI VISCOSI, DIVENGONO DURI QUANDO DISIDRATATI SI FORMANO NEL LUOGO OVE I VEGETALI SUBISCONO INGIURIE

17 COMPONENTI DELLA FIBRA ALIMENTARE: BETA-GLUCANI ABBONDANTI NEI SEMI DI CEREALI AUMENTANO LA VISCOSITA DELL INTESTINO

18 COMPONENTI DELLA FIBRA ALIMENTARE: AMIDI - RESISTENTI L AMIDO CHE NON E ACCESSIBILE ALLA DEGRADAZIONE ENZIMATICA PER L ORGANIZZAZIONE STRUTTURALE DELL AMIDO PER IL SUO AMBIENTE (EFFICIENZA DI MASTICAZIONE, TEMPO DI TRANSITO, SECREZIONE ENZIMATICA) 4 TIPI: AMIDO FISICAMENTE INTRAPPOLATO (SEMI E GRANI MACINATI) GRANULI DI AMIDI RESISTENTI (PATATA, BANANA) AMIDO RETROGRADO (IN ALIMENTI AMIDACEI PRIMA COTTI E POI RAFFREDDATI) AMIDO MODIFICATO CHIMICAMENTE L AMIDO RESISTENTE E FERMENTATO NEL COLON

19 COMPONENTI DELLA FIBRA ALIMENTARE: FRUTTANI ED INULINA POLIMERI DEL FRUTTOSIO SINTETIZZATI DAL SACCAROSIO DA PIANTE O BATTERI GLUCOSIO LEGATO A UNITA MULTIPLE DI FRUTTOSIO VEGETALI CIRCA 200 UNITA DI FRUTTOSIO BATTERI CIRCA UNITA I FRUTTOSIO L INULINA E UN FRUTTANO LINEARE

20 COMPONENTI DELLA FIBRA ALIMENTARE: POLIDESTROSIO E GALATTO-OLIGOSACCARIDI POLIDESTROSIO: ADDITIVO APPROVATO IN OLTRE 40 PAESI GALATTO-OLIGOSACCARIDI: PROMUOVONO LA PROLIFERAZIONE DEI BIFIDOBATTERI DELLA MICROFLORA INTESTINALE DELL UOMO

21 COMPONENTI DELLA FIBRA ALIMENTARE: LIGNINE NON SONO CARBOIDRATI MA POLIMERI FENOLICI SI TROVANO NELLA PARTE LEGNOSA DELLE PIANTE. FORNISCONO SUPPORTO STRUTTURALE FORMANO UNA RETE TRIDIMENSIONALE MOLTO COMPLESSA E RAMIFICATA DI ELEVATO PM NON DEGRADABILI DA ENZIMI O MICRORGANISMI POSSONO LEGARSI A CELLULOSA O EMICELLULOSE E RIDURRE LA LORO DIGERIBILITA

22 lignine Polimeri di natura fenolica molto complessi. Non tutti i passaggi della loro sintesi sono chiari. 3 alcoli vengono secreti nella parete come monomeri che poi polimerizzano sostituendo l acqua

23 lignine Il processo avviene lungo le fibrille di cellulosa, coinvolge tutta la parete e conduce alla morte cellulare. La parete cellulare lignificata è idrofoba, resistente e non plastica Esempio di lignina

24 COMPONENTI DELLA FIBRA ALIMENTARE: CERE E CUTINE La superficie esterna degli organi epigei delle piante superiori è rivestita da uno strato lipofilo, la cuticola, con diverse funzioni: Controllo della temperatura Protezione da aggressioni chimiche, fisiche e da patogeni La cuticola è costituita da cere (catene di idrocarburi a lunga catena ed esteri di acidi grassi) e cutina (poliestere a maglia tridimensionale di ossiacidi, acidi grassi ed acidi epossidici) UNITI AD ALTRI COMPONENTI FIBROSI NE RIDUCONO LA DIGERIBILITA

25 COMPONENTI DELLA FIBRA ALIMENTARE: SUBERINA Impermeabilizza totalmente la cellulosa. Poliestere di acidi grassi, alcoli ed ossiacidi con componenti fenoliche lignino simili UNITA AD ALTRI COMPONENTI FIBROSI NE RIDUCE LA DIGERIBILITA

26 CLASSIFICAZIONE CARBOIDRATI: CHIMICA ZUCCHERI CARBOIDRATI OLIGOSACCARIDI POLISACCARIDI MONOSACCARI DI DISACCARIDI AMIDI NSP GLUCOSIO GALATTOSIO FRUTTOSIO SACCAROSIO LATTOSIO TREALOSIO POLIOSI MALTO OLIGOSACCARIDI FRUTTANI POLIDESTROSI GALATTO OLIGOSACCARIDI ALTRI AMIDO SOLUBILI AMIDO RESISTENTI CELLULOSA EMICELLULOSE GOMME PECTINE BETA GLUCANI MONO-DISACCARIDI 3 9 MONOMERI 10 MONOMERI O PIU

27 CLASSIFICAZIONE CARBOIDRATI: STRUTTURALE ZUCCHERI CARBOIDRATI OLIGOSACCARIDI POLISACCARIDI MONOSACCARI DI DISACCARIDI AMIDI NSP GLUCOSIO GALATTOSIO FRUTTOSIO SACCAROSIO LATTOSIO TREALOSIO POLIOSI MALTO OLIGOSACCARIDI FRUTTANI POLIDESTROSI GALATTO OLIGOSACCARIDI ALTRI AMIDO SOLUBILI AMIDO RESISTENTI CELLULOSA EMICELLULOSE GOMME PECTINE BETA GLUCANI CARBOIDRATI STRUTTURALI CARBOIDRATI NON STRUTTURALI PARETE CELLULARE VEGETALE ALL INTERNO DELLA CELLULA VEGETALE

28 CLASSIFICAZIONE CARBOIDRATI: FISIOLOGICA ZUCCHERI CARBOIDRATI OLIGOSACCARIDI POLISACCARIDI MONOSACCARI DI DISACCARIDI AMIDI NSP GLUCOSIO GALATTOSIO FRUTTOSIO SACCAROSIO LATTOSIO TREALOSIO POLIOSI MALTO OLIGOSACCARIDI FRUTTANI POLIDESTROSI GALATTO OLIGOSACCARIDI ALTRI AMIDO SOLUBILI AMIDO RESISTENTI CELLULOSA EMICELLULOSE GOMME PECTINE BETA GLUCANI CARBOIDRATI DIGERIBILI CARBOIDRATI INDIGERIBILI PER IDROLISI ACIDA PARZIALMENTE O COMPLETAMENTE FERMENTATI

29 CARBOIDRATI ENZIMATICAMENTE NON DIGERIBILI CATEGORIE POLISACCARIDI (DF) AMIDO RESISTENTE. AMIDO FISICAMENTE INACESSIBILE. GRANULI RESISTENTI DI AMIDO. AMIDO RETROGRADO NSP NSP DI PARETE. CELLULOSA. BETA GLUCANI. ARABINOXILANI. ARABINOGALATTANI. XILOGLUCANI. RAMNOGLUCANI. GALATTANI NSP NON DI PARETE. FRUTTANI. MANNANI. PECTINE. GALATTOMANNANI OLIGOSACCARIDI (PREBIOTICI) ALFA GALATTO OLIGOSACCARIDI FRUTTO OLIGOSACCARIDI TRANS GALATTO OLIGOSACCARIDI MONOMERI GLUCOSIO GLUCOSIO GLUCOSIO GLUCOSIO GLUCOSIO XILOSIO ARABINOSIO ARABINOSIO GALATTOSIO GLUCOSIO XILOSIO AC URONICO RAMNOSIO GALATTOSIO FRUTTOSIO MANNOSIO AC URONICO RAMNOSIO GALATTOSIO MANNOSIO GLUCOSIO GALATTOSIO FRUTTOSIO GLUCOSIO FRUTTOSIO GLUCOSIO GALATTOSIO FONTI SEMI CEREALI PATATA BANANA PRODOTTI TRATTATI A CALORE CEREALI LEGUMI ORZO RISO AVENA RISO FRUMENTO ORZO CEREALI CEREALI BUCCE DI PISELLO SEMI SOIA POLPE BIETOLA RISO PALMA COCCO MELE POLPE BIETOLA GOMMA DI GUAR COLZA PISELLO SEMI SOIA CEREALI ADDITIVI CARCIOFO ADDITIVI DERIVATI DEL LATTE

30 ANALISI DELLA FIBRA

31 DEFINIZIONE DI FIBRA 19 SECOLO: WENDE 1967: VAN SOEST FIBRA ALIMENTARE

32 FIBRA GREZZA DI WEENDE CARBOIDRATI FIBRA GREZZA ESTRATTIVI INAZOTATI CELLULOSA PARTE DI EMICELLULOSE PARTI DI LIGNINA UMIDITA - PROTEINA GREZZA - FIBRA GREZZA - GRASSO GREZZO - CENERI

33 FIBRA VAN SOEST CAMPIONE FIBRA NEUTRO DETERGENTE (NDF) SOLUBILI NEUTRO DETERGENTI (NDS) (PARETE CELLULARE) EMICELLULOSE, CELLULOSA. LIGNINA, SILICE, ALCUNE PROTEINE DI PARETE (CONTENUTO CELLULARE + PECTINE) CARBOIDRATI SOLUBILI, AMIDO, ACIDI ORGANICI, PROTEINE, LIPIDI, PECTINE FIBRA ACIDO DETERGENTE (ADF) SOLUBILI ACIDO DETERGENTI (ADS) CELLULOSA, LIGNINA,SILICE EMICELLULOSE CELLULOSA LIGNINA + SILICE LIGNINA ACIDO DETERGENTE (ADL) SILICE

34 FRAZIONI FIBRA VAN SOEST NDF: EMICELLULOSE, CELLULOSA, LIGNINA, SILICE, ALCUNE PROTEINE DI PARETE ADF: CELLULOSA, LIGNINA ADL: LIGNINA CELLULOSA = ADF ADL EMICELLULOSE = NDF - ADF LIGNINA = ADL

35 REMAINING ORGANIC MATTER (ROM) PORZIONE DI ALIMENTO CHE E POTENZIALMENTE FERMENTABILE NEL GROSSO INTESTINO FRAZIONE DI CARBOIDRATI CHE NON E NE AMIDO NE ZUCCHERO NSP + LIGNINA ROM = 1000 UMIDITA PROTEINA GREZZA GRASSO GREZZO CENERI AMIDO -

36 DEFINIZIONE DI FIBRA ALIMENTARE TUTTI I POLISACCARIDI E LA LIGNINA CHE NON SONO DIGERITI DALLE SECREZIONI ENDOGENE DEL TRATTO DIGESTIVO

37 FIBRA ALIMENTARE FIBRA ALIMENTARE (DF) FIBRA ALIMENTARE SOLUBILE (SDF) FIBRA ALIMENTARE INSOLUBILE (IDF) FIBRA ALIMENTARE TOTALE (TDF) DETERMINAZIONE DELLA FIBRA ALIMENTARE METODO GRAVIMETRICO-ENZIMATICO AOAC , AOAC , AOAC METODO CHIMICO-ENZIMATICO AOAC

38 CARBOI DRATI ALTRI COMPONENTI DELLA PARETE CELLULARE ZUCCHERI OLI GOSACCARI DI POLI SACCARI DI AMI DI NSP NON CARBOIDRATI COMPOSTI FENOLICI MONOSACCARIDI DISACCARIDI POLIOSI MALTOPOLISACCARIDI OLIGOFRUTTOSACCARIDI E INULINA POLIDESTROSIO GALATTO-OLIGOSACCARIDI ALTRI AMIDI SOLUBILE AMIDO RESISTENTE CELLULOSA EMICELLULOSA ASSOCIATA ALLA LIGNINA EMICELLULOSA GOMME PECTINE BETA GLUCANI CUTINA SUBERINA CERE LIGNINA MENO RESISTENTE LIGNINA PROTEINE STRUTTURALI SILICE CARBOI DRATI DI GERI BI LI CARBOI DRATI I NDI GERI BI LI FI BRA GREZZA NDF ADF ADL ROM FI BRA ALI MENTARE TOTALE FI BRA ALI MENTARE SOLUBI LE FI BRA ALI MENTARE I NSOLUBI LE

39 IL RUOLO DELLA FIBRA ALIMENTARE NELLA DIGESTIONE DEL SUINO

40 PROPRIETA FISICO- CHIMICHE: VISCOSITA LA VISCOSITA DIPENDE DAL PESO MOLECOLARE DEI POLIMERI E DALLA LORO CONCENTRAZIONE PECTINE, FRUTTANI E BETA GLUCANI

41 PROPRIETA FISICO- CHIMICHE: CAPACITA DI RIGONFIAMENTO CAPACITA DEI MATERIALI DI INCORPORARE ACQUA ALL INTERNO DELLA LORO STRUTTURA DIPENDE DA: GRANULOMETRIA POROSITA DEI GRANULI TIPO DI FIBRA ALIMENTARE

42 PROPRIETA FISICO-CHIMICHE: SOLUBILITA LE MACROMOLECOLE A CONTATTO CON L ACQUA SI ESPANDONO E POI SI SOLUBILIZZANO NON E POSSIBILE NEL CASO DEI POLISACCARIDI CHE PRESENTANO UNA STRUTTURA ORDINATA E REGOLARE (ES. CELLULOSA) IN QUESTO CASO AVVIENE SOLO IL RIGONFIAMENTO

43 PROPRIETA FISICO-CHIMICHE: WHC / WBC TALI TERMINI SONO INTERSCAMBIABILI (WATER HOLDING E WATER BINDING CAPACITY) DETERMINATI DA: STRUTTURA FISICO-CHIMICA DELLE MOLECOLE PH E CONCENTRAZIONE ELETTROLITICA DEL FLUIDO DILUENTE RELAZIONE TRA TDF E WHC

44 PROPRIETA FISICO- CHIMICHE: DEGRADABILITA MICROBICA LE PECTINE SONO FACILMENTE DISPONIBILI PER L UTILIZZO DA PARTE DEI BATTERI NEL GROSSO INTESTINO SOLUBILE LA LIGNINA NON E DEGRADABILE DAI BATTERI DEL COLON INSOLUBILE STRUTTURA LINEARE

45 CAPACITA DI SCAMBIO CATIONICO DF: SCAMBIO NEGATIVO CATTURA IONI (ES. CALCIO) FORTE ASSOCIAZIONE LIGNINA CALCIO DEBOLE ASSOCIAZIONE CELLULOSA O PECTINE CALCIO GROSSO INTESTINO: PRODUZIONE DI SCFA PH RILASCIO DEL CALCIO SDF: ELEVATA DISPONIBILITA DEL CALCIO SE COMPARATA A IDF

46 EFFETTI DELLA FIBRA ALIMENTARE SULLA DIGESTIONE NELLE DIVERSE PORZIONI DELL APPARATO GASTRO-ENTERICO

47 EFFETTO DELLA FIBRA ALIMENTARE IN BOCCA E STOMACO PROLUNGA IL TEMPO DI MASTICAZIONE MAGGIOR EFFETTO CON IDF COMPARATO A SDF AUMENTO SECREZIONE DI SALIVA E SUCCO GASTRICO > SFORZO METABOLICO PER IL SUINO > DIGESTIONE PER IL SUINO LA FIBRA VISCHIOSA PROLUNGA LA SENSAZIONE DI SAZIETA SDF > LA CAPACITA LEGANTE L ACQUA; > IL VOLUME DELLE INGESTA > SAZIETA E > DEL TEMPO DI TRANSITO DELLE INGESTA SVUOTAMENTO STOMACO DF > VISCHIOSITA ; < SVUOTAMENTO GASTRICO L EFFETTO E MAGGIORE CON IDF CHE CON SDF

48 ALIMENTARE IN BOCCA E STOMACO Effetti della fibra alimentare in bocca e stomaco effetto solubile insolubile totale Secrezione di fluidi *** *** *** Viscosità *** * ** WHC ** *** ** Svuotamento * ( * ) * * Sazietà ** * **

49 EFFETTO DELLA FIBRA ALIMENTARE NEL PICCOLO INTESTINO (I) > LA SECREZIONE DEI FLUIDI DIGESTIVI TEMPO DI TRANSITO SDF: > VISCOSITA ; < LE CONTRAZIONI INTESTINALI; > IL TEMPO DI TRANSITO IDF: > LE CONTRAZIONI INTESTINALI; < IL TEMPO DI TRANSITO Transito intestinale Crusca di (h) mais di alimenti Crusca contenenti di orzo DF diversa Polpa dei bietola Accrescimento Finissaggio scrofe

50 EFFETTO DELLA FIBRA ALIMENTARE NEL PICCOLO INTESTINO (II) MORFOLOGIA EPITELIALE E TURNOVER CELLULARE DF: > LE ABRASIONI ED IL TURNOVER CELLULARE < DEL RAPPORTO ALTEZZA VILLI / PROFONDITA CRIPTE < ASSORBIMENTO INTESTINALE SCFA (BUTIRRATO): > DEL RAPPORTO ALTEZZA VILLI / PROFONDITA CRIPTE > ASSORBIMENTO INTESTINALE

51 EFFETTO DELLA FIBRA ALIMENTARE NEL PICCOLO INTESTINO (III) RIDUCE LA DIGERIBILITA DEI NUTRIENTI E DELL ENERGIA SDF: > VISCOSITA < L ASSORBIMENTO DEI NUTRIENTI LA FIBRA DELLA PARETE CELLULARE RACCHIUDE PROTEINE E GRASSI INTRACELLULARI PREVIENE LA LORO DIGESTIONE NEL PICCOLO INTESTINO (> AZOTO ESOGENO) > DELL AZOTO ENDOGENO PERSO (CELLULE EPITELIALI) IDF: > DELL ESCREZIONE DI MUCINE DF STIMOLA LA CRESCITA MICROBICA; > DELLE SECREZIONI MICROBICHE DI AZOTO SPOSTAMENTO DELL ESCREZIONE URINARIA DELL AZOTO NELLE FECI

52 EFFETTO DELLA FIBRA ALIMENTARE NEL PICCOLO INTESTINO (IV) VISCOSITA WHC TEMPO TRANSITO DIGERIBILITA NUTRIENTI ASSORBIMENTO GLUCOSIO FIBRA ALIMENTARE SOLUBIL E (+) - INSOLUBIL E - TOTAL E

53 EFFETTO DELLA FIBRA ALIMENTARE NEL GROSSO INTESTINO (I) RIDUZIONE DEL TEMPO DI TRANSITO I CONTORNI DELLE PARTICELLE SOLIDE STIMOLANO I MECCANOCETTORI DELLA SOTTOMUCOSA CON AUMENTO DELLA PROPULSIONE DELLE INGESTA LA FIBRA RILASCIA SALI BILIARI E ACIDI GRASSI DURANTE LA FERMENTAZIONE CON STIMOLAZIONE ALLE SECREZIONI INTESTINALI GLI SCFA STIMOLANO LE CONTRAZIONI NELL ILEO TERMINALE DELL UOMO. SVILUPPO MICROBICO DF (PRINCIPALMENTE SDF) > IL NUMERO E L ATTIVITA DEI MICRORGANISMI

54 EFFETTO DELLA FIBRA ALIMENTARE NEL GROSSO INTESTINO (II) PRODUZIONE DI COMPOSTI VOLATILI SCFA, NH 3 E CH 4 CH 4 E ASSOCIATO A PERDITA DI ENERGIA SCFA SONO UNA FONTE DI ENERGIA (15 24% DELL EN DI MANTENIMENTO) SCFA RIDUCE L ASSUNZIONE DI ALIMENTO SCFA STIMOLA IL RIASSORBIMENTO IDRICO E DI SODIO LIMITANDO IL RISCHIO DI DIARREA SCFA STIMOLA LA CRESCITA DEI BATTERI UTILI ED ELIMINA, PER COMPETIZIONE, I BATTERI DANNOSI IL BUTIRRATO STIMOLA LA PROLIFERAZIONE DELLE CELLULE DELL EPITELIO SCFA RIDUCE LO SVILUPPO DEL CELLULE CANCEROGENE IN COLON E RETTO

55 EFFETTO DELLA FIBRA ALIMENTARE NEL GROSSO INTESTINO (III) AUMENTA IL CONTENUTO DEL COLON ED IL VOLUME FECALE FIBRA NON DEGRADATA ACQUA INTRAPPOLATA NELLA MATRICE FIBROSA SCFA > IL VOLUME INTRALUMINALE E DISTENDONO LA MUSCOLATURA DEL COLON MAGGIOR EFFETTO DI IDF CHE SDF > VOLUME E COMPOSIZIONE FECALE

56 EFFETTO DELLA FIBRA ALIMENTARE SUL PESO DEL COLON E DELLE FECI OLIGOSACCARIDI AMIDO NSP SOLUBILI NSP INSOLUBILI NSP LIGNIFICATI NSP NON LIGNIFICATI MICROFLORA INTESTINALE FERMENTATA SVILUPPO BATTERICO SCARSAMENTE FERMENTATA PROPRIETA FISICHE ASSORBITO DALL OSPITE SCFA PRODUZIONE GAS EFFETTI MECCANICI > DI VOLUME CONTENUTO INTESTINALE > VOLUME FECI ENERGIA PERSA CON LE FECI

57 EFFETTO DELLA FIBRA ALIMENTARE NEL GROSSO INTESTINO (IV) FIBRA ALIMENTARE SOLUBILE INSOLUBIL E TOTALE FERMENTAZIONE / SCFA VOLUME TEMPO DI TRANSITO

58 EFFETTI DELLA FIBRA ALIMENTARE SULLA DIGERIBILITA DELL ENERGIA FIBRA ALIMENTARE SOLUBIL E INSOLUBIL E TOTALE IN PICCOLO INTESTINO IN GROSSO INTESTINO

59 TDF E COEFFICIENTE DI DIGERIBILITA ENERGETICO CON UN > DI TDF SI HA UNA < DELLA DIGERIBILITA

60 DIGERIBILITA DELLA FIBRA ALIMENTARE NEL SUINO

61 SUINI SVEZZATI SCARSA DIGERIBILITA DELLA FIBRA NON BEN SVILUPPATA LA FLORA MICROBICA DEL GROSSO INTESTINO DIETE ALTE IN FIBRA > IL PESO INTESTINALE E LE FERMENTAZIONI > PROLIFERAZIONE DI E. COLI ENTEROTOSSICI > DIARREA < IP E TESSUTI MAGRI

62 SUINI IN ACCRESCIMENTO E SCROFE LA DIGERIBILITA DELLA FIBRA AUMENTA CON IL PESO LE SCROFE LATTANTI: ALTE RICHIESTE NUTRITIVE DIETE POVERE IN FIBRA SCROFE GESTANTI: RAZIONI MOLTO FIBROSE ALL INIZIO DELLA GRAVIDANZA AUMENTANO LE DIMENSIONI DELLA NIDIATA <ENERGIA ASSUNTA = PIU SVILUPPO SINCRONO DEGLI EMBRIONI E MINOR MORTALITA EMBRIONALE > SENSIBILITA DEI TESSUTI PERIFERICI ALL INSULINA = > QUOTA DI OVULAZIONE RAZIONI ALTAMENTE FIBROSE RIDUCONO GLI ATTEGGIAMENTI STEREOTIPATI

63 FATTORI CHE INFLUENZANO LA DIGERIBILITA DELLA FIBRA : ETA E PESO VIVO LA DIGERIBILITA DELLA FIBRA AUMENTA CON IL PESO VIVO > LE DIMENSIONI DEL GROSSO INTESTINO, < LA VELOCITA DI TRANSITO, > IL TEMPO DI FERMENTAZIONE CAMBIO NELLA COMPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE MICROBICA > L ATTIVITA DELLA FLORA FIBROLITICA

64 FATTORI CHE INFLUENZANO LA DIGERIBILITA DELLA FIBRA: TEMPO DI TRANSITO INTESTINALE > LE DIMENSIONI DEL GROSSO INTESTINO = < VELOCITA DI TRANSITO = > TEMPO DI FERMENTAZIONE LE SCROFE GESTANTI RICEVONO UNA PIU PICCOLA QUANTITA DI ALIMENTO IN RELAZIONE AL LORO PESO CORPOREO PIU LENTO TRANSITO DELLE INGESTA MAGGIOR CONTATTO DELL ALIMENTO CON GLI ENZIMI ENDOGENI E LA MICROFLORA > DIGERIBILITA

65 FATTORI CHE INFLUENZANO LA DIGERIBILITA DELLA FIBRA : GRADO DI LIGNIFICAZIONE LA LIGNINA NON E DIGERIBILE LA LIGNINA NON E FERMENTATA NELLA PIANTA MATURA CELLULOSA ED EMICELLULOSE SI INTERSECANO CON LA LIGNINA: < DIGERIBILITA LA DIGERIBILITA E INVERSAMENTE PROPORZIONALE ALLA CONCENTRAZIONE DI LIGNINA

66 FATTORI CHE INFLUENZANO LA DIGERIBILITA DELLA FIBRA : SDF VS IDF SDF E PIU FACILMENTE, RAPIDAMENTE E COMPLETAMENTE FERMENTATA PECTINE: ALTO WHC = > SUPERFICIE DI CONTATTO CON LA MICROFLORA BETA GLUCANI: PARZIALE DEPOLARIZZAZIONE = RAPIDAMENTE DISPONIBILE PER LA MICROFLORA IDF E IMPORTANTE LA PRESENZA ED IL LIVELLO DI LIGNINA L EMICELLULOSA TENDE AD ESSERE PIU DIGERIBILE DELLA CELLULOSA, COMUNQUE ENTRAMBE SONO PARZIALMENTE DIGERIBILI ALCUNI TIPI DI IDF SONO TRASFORMATI A SDF

67 FATTORI CHE INFLUENZANO LA DIGERIBILITA DELLA FIBRA: PROCESSO DI LAVORAZIONE SBUCCIATURA RIMUOVE LA FIBRA DEGLI STRATI ESTERNI: < TDF (SPECIALMENTE IDF) MACINATURA HA EFFETTO SULLE PROPRIETA DI IDRATAZIONE DELLA FIBRA POLPE DI BIETOLA MACINATE = < WHC E > L ASSUNZIONE IDRICA TRATTAMENTI A CALDO ROTTURA DEI LEGAMI DEBOLI TRA LE CATENE DI POLISACCARIDI CON DEPOLARIZZAZIONE E SOLUBILIZZAZIONE PERDITA DI COMPONENTI FIBROSI NEI TRATTAMENTI CON ACQUA FORMAZIONE DI PRODOTTI DI REAZIONE DI MAILLARD = > CONTENUTO IN LIGNINA FORMAZIONE DI FRAZIONI AMIDO RESISTENTI ALTERAZIONI STRUTTURALI NELL ARCHITETTURA DELLA PARETE CELLLARE

68 FATTORI CHE INFLUENZANO LA DIGERIBILITA DELLA FIBRA: SUPPLEMENTAZIONE CON ENZIMI ENZIMI DEGRADANTI GLI NSP BETA XILANASI, XILANASI, ARABINOXILANASI < VISCOSITA INTESTINALE > INTERAZIONE DEI NUTRIENTI NEL LUME INTESTINALE > DIGERIBILITA

69 endo-nsp-asi Le endo-glicanasi idrolizzano gli NSP in una zona a caso, riducendo rapidamente la viscosità della soluzione NSP ENZYTECHPIGLET-III.A.2. k\alg\eng\vark\big\prog\wet\

70 Idrolisi degli NSP con eso-nsp-asi Le eso-glicanasi idrolizzano gli NSP con formazione di mono o disaccaridi ENZYTECHPIGLET-III.A.3. k\alg\eng\vark\big\prog\wet\

71 Idrolisi di un polisaccaride ramificato: arabinogalattano endo-xylanasi Attività di s accarificazione arabinosidasi eso-xylanasi β-xylosidasi ENZYTECHPIGLET-III.A.4. k\alg\eng\vark\big\prog\wet\

72 FIBRA ALIMENTARI IN ALCUNI INGREDIENTI (I) ingrediente SS FG NDF ADF ADL CELLU- LOSA EMICEL- LULOSA TDF SDF IDF G/kg G/kg G/kg G/kg G/kg G/kg G/kg G/kg G/kg G/kg Orzo Frumento tenero Avena corticata Avena decorticata Mais F.soia bassa prot f. soia alta prot Buccette soia f. girasole non decor f. girasole parz. deco f. girasole decorticat

73 FIBRA ALIMENTARI IN ALCUNI INGREDIENTI (II) ingrediente SS FG NDF ADF ADL CELLU- LOSA EMICEL- LULOSA TDF SDF IDF G/kg G/kg G/kg G/kg G/kg G/kg G/kg G/kg G/kg G/kg Polpa di bietola Polpa di limone Polpa di pomodoro Crusca di frumento Crusca di riso Erba medica Lupino Farina di colza Farina di cocco Risulta di birra Stocchi di mais Paglia di frumento Paglia di avena

74 DIGERIBILITA DEGLI ALIMENTI (I) ingrediente WHC COEFFIC. DIG. ENERGIA G/kg suini scrofe COEFFIC. DIG. ROM Orzo % 83% 42% Frumento tenero % 89% 41% Avena corticata % 68% 29% Avena decorticata 84% 85% 47% Mais % 91% 54% F.soia bassa prot % 90% 85% f. soia alta prot % 92% 87% Buccette soia % 71% 51% f. girasole non decor % 60% 30% f. girasole parz. deco % 65% 35% f. girasole decorticat %

75 DIGERIBILITA DEGLI ALIMENTI (II) ingrediente WHC COEFFIC. DIG. ENERGIA COEFFIC. DIG. ROM G/kg suini scrofe Polpa di bietola % 81% 85% Polpa di limone % 82% 78% Polpa di pomodoro 71% 77% 78% Crusca di frumento % 63% 36% Crusca di riso 58% 65% 25% Erba medica % 51% 51% Lupino 77% 85% 87% Farina di colza 67% 73% 58% Farina di cocco 54% 60% 79% Risulta di birra 52% 58% 34% Stocchi di mais Paglia di frumento 12% 18% Paglia di avena

76 BUCCE E DIGERIBILITA DF DIGERIBILITA G/KG SS NSP Cellulosa Arabinoxilani frumento Farina 35 83% 60% 85% Farina + aleurone 55 67% 47% 68% Farina + pericarpo 62 50% 24% 50% riso Farina 94 87% 84% 83% Farina + aleurone % 35% 73% Farina + pericarpo % 10% 0% > LE BUCCE = < LA DIGERIBILITA LA CRUSCHE HANNO UNA ELEVATA PERCENTUALE DI FIBRA LIGNIFICATA INSOLUBILE

77 DIGERIBILITA DELLA FIBRA IN SUINI IN ACCRESCIMENTO (P) E NELLE SCROFE (S) Crusca di frumento Fibra di mais Polpa di bietola P S P S P S FG 35% 38% 45% 79% 78% 82% NDF 48% 51% 39% 81% 84% 89% ADF 26% 33% 38% 82% 89% 92% Cellulosa 25% 32% 38% 82% 87% 91% Emicellulosa 62% 80% 38% 82% 88% 93% NSP insolub 43% 50% 34% 81% 87% 91% DF 38% 46% 32% 74% 82% 86%

78 DIGERIBILITA DI FARINA DI GIRASOLE E BUCCETTE DI SOIA FARINA DI GIRASOLE: SCARSAMENTE DIGERIBILE ALTA IN LIGNINA, SPECIE QUANDO CONTIENE PARTI DI BUCCIA ALTA IN CELLULOSA BUCCETTE DI SOIA: BASSA DIGERIBILITA NEI SUINI IN ACCRESCIMENTO RELATIVAMENTE POVERA IN LIGNINA MOLTO ALTA IN DF, SPECIALMENTE CELLULOSA QUANDO LE CAPACITA FERMENTATIVE DELL ANIMALE AUMENTANO PUO ESSERE MEGLIO DIGERITA ED IL COEFFICIENTE DI DIGERIBILITA SALE NOTEVOLMENTE

79 DIGERIBILITA DI POLPE DI BIETOLA ED ORZO POLPE DI BIETOLA ELEVATA PERCENTUALE DI PECTINE. PRONTAMENTE DIGERIBILI L EMICELLULOSA E MEGLIO DIGERITA DELLA CELLULOSA WHC = STRUTTURA POROSA = > LA SUPERFICIE DI ATTACCO DEI BATTERI DELLA FERMENTAZIONE NESSUN ELEVATO AUMENTO DI DIGERIBILITA NELLE SCROFE ORZO POICHE HA PIU ELEVATA FRAZIONE FIBROSA IL VALORE ENERGETICO PUO ESSERE PIU BASSO DEL FRUMENTO

80 CONCLUSIONI LA PERCENTUALE DI DEGRADAZIONE DELLA FIBRA DIPENDE DA: COMPOSIZIONE CHIMICA DELLA FIBRA GRADO DI LIGNIFICAZIONE SOLUBILITA DELLA FIBRA EFFETTI DEI PROCESSI DI LAVORAZIONE O SUPPLEMENTAZIONE ENZIMATICA FATTORI RELATIVI ALL OSPIITE ETA E PESO CORPOREO GRADO DI SVILUPPO DELLA MICROFLORA DEL GROSSO INTESTINO TEMPO DI TRANSITO INTESTINALE

81 GRAZIE PER L ATTENZIONE

CARBOIDRATI: monosaccaridi

CARBOIDRATI: monosaccaridi CARBO- IDRATI CARBOIDRATI: monosaccaridi Struttura chimica dei due triosi: gliceraldeide (a) e idrossiacetone (b) Esempi di 2 enantiomeri fra gli aldo-esosi e i cheto-esosi Enantiomeri: due stereoisomeri

Dettagli

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina Definizione dal punto di vista alimentare: Materiale presente negli alimenti lentamente digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tratto gastrointestinale. (D.R. Mertens) 17/10/2012 1 Definizione

Dettagli

Lo svezzamento è l evento più significativo

Lo svezzamento è l evento più significativo STRATEGIE PER MIGLIORARE LA FUNZIONALITÀ INTESTINALE Da vari studi emergono indicazioni per ridurre il più possibile lo stress di tipo nutrizionale, immunologico e psicologico a cui sono soggetti i suinetti

Dettagli

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Cavallucci Clarita Medico Veterinario Ph.D. claritacavallucci@alice.it

Dettagli

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas dinametan : Foraggi e fatti Una crescente pressione sulla redditivitá e l efficienza

Dettagli

AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili. Amilosio: catene lineari di glucosio con legami 1-4

AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili. Amilosio: catene lineari di glucosio con legami 1-4 AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili Alimento Contenuto di amido, % Mais granella 71-74 Avena 41-44 Riso 75-88 Grano 67-68 Orzo 67-68 Pisello semi 43-48 Patate

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

Prodotti Dietetici LA FIBRA ALIMENTARE. Dott. Carlo I.G. Tuberoso Appunti didattici Prodotti Dietetici ver. 00-14

Prodotti Dietetici LA FIBRA ALIMENTARE. Dott. Carlo I.G. Tuberoso Appunti didattici Prodotti Dietetici ver. 00-14 Prodotti Dietetici LA FIBRA ALIMENTARE Non esiste una definizione universalmente accettata di fibra alimentare. Quella più diffusa si basa sul comportamento della fibra nel tratto gastrointestinale definendola

Dettagli

DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS

DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS CONVEGNO DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS Nuove diete per il biogas: più valore dagli usi innovativi della biomassa e del digestato 5 marzo 2014 Bioenergy Italy, Cremona Lorella ROSSI Centro Ricerche

Dettagli

Trasporto di glucosio, fruttosio e galattosio attraverso l epitelio intestinale

Trasporto di glucosio, fruttosio e galattosio attraverso l epitelio intestinale Trasporto di glucosio, fruttosio e galattosio attraverso l epitelio intestinale Membrana apicale SGLT1: permette il trasporto attivo di glucosio e galattosio contro gradiente di concentrazione (co-trasporto

Dettagli

LE BIOMOLECOLE. Lezione 11

LE BIOMOLECOLE. Lezione 11 LE BIOMOLECOLE Lezione 11 La nutrizione è l insieme dei processi biochimici attraverso i quali l organismo utilizza i principi nutritivi per soddisfare tre fondamentali funzioni : - costruttiva o plastica;

Dettagli

Erba medica: non solo proteine

Erba medica: non solo proteine DAI CAMPI ALLA MANGIATOIA Erba medica: non solo proteine Quando si parla di erba medica nell alimentazione animale, ci si sofferma soprattutto sul suo elevato contenuto di proteine (circa il 20% del peso

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

PROGETTO INTEGRATORI DI FIBRA

PROGETTO INTEGRATORI DI FIBRA PROGETTO INTEGRATORI DI FIBRA SOMMARIO La Fibra alimentare 2 Percentuali di fibra nei principali alimenti 3-4 Fibra Insolubile e solubile 5-6 Attività della fibra alimentare 7-8 Il consumo di fibra nella

Dettagli

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010 Lezione di alimentazione Claudio Caldini i Una corretta alimentazione non è sufficiente per vincere una gara ma un alimentazione insufficiente può sicuramente farla perdere Prof. Giuseppe Masera Responsabile

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO Dr.ssa SABRINA BUGOSSI DIETISTA L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di

Dettagli

IL MONDO DEI VIVENTI

IL MONDO DEI VIVENTI IL MONDO DEI VIVENTI La parete cellulare è una struttura che circonda la cellula vegetale all esterno della membrana plasmatica Composta principalmente da polisaccaridi, proteine e composti fenolici Spessore

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

mediante proteasi industriali

mediante proteasi industriali Valorizzazione delle farine disoleate mediante proteasi industriali Alessandra Stefan Unità operativa: CSGI (Consorzio per lo Sviluppo dei Sistemi a Grande Interfase, Firenze) Dipartimento di Farmacia

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

La cellula vegetale. Vacuolo Parete. Cloroplasti

La cellula vegetale. Vacuolo Parete. Cloroplasti La cellula vegetale Vacuolo Parete Cloroplasti La Parete Involucro semirigido che riveste la cellula e che si trova subito al di fuori del plasmalemma e può essere spessa anche alcuni μm Struttura dinamica

Dettagli

FOCUS ON: Alimenti Carboidrati & Indice glicemico

FOCUS ON: Alimenti Carboidrati & Indice glicemico FOCUS ON: Alimenti Carboidrati & Indice glicemico Dott.ssa Vincenza Galante SIAN (Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ) Dipartimento di Prevenzione ASL Latina Classificazione fisiologica Carboidrati

Dettagli

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE Nicola Damiano Responsabile Ricerca & Sviluppo Gruppo Novelli Convegno Associazione Giuseppe Dossetti La salute vien mangiando dalla nascita

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Pectinasi. PECTINA composto estratto dalla frutta- MELE E PERE- gelificante. Grado di esterificazione

Pectinasi. PECTINA composto estratto dalla frutta- MELE E PERE- gelificante. Grado di esterificazione Pectinasi Le pectine sono carboidrati complessi che fanno parte della lamella mediana delle cellule vegetali e contribuiscono al mantenimento della struttura dei tessuti vegetali. L unità di base è costituita

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DIABETE

ALIMENTAZIONE E DIABETE ALIMENTAZIONE E DIABETE Dott.ssa Elena Cimino Scuola di Specializzazione in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Università dell Insubria Sede Milano Bicocca UOS Diabetologia Clinica Medica Ospedale

Dettagli

PROTEINA GREGGIA (P.G.)

PROTEINA GREGGIA (P.G.) PROTEINA GREGGIA (P.G.) Il contenuto proteico di un alimento è valutato dal suo tenore in azoto, determinato con il metodo Kjeldahl modificato. Il metodo Kjeldahl valuta la maggior parte dell azoto presente

Dettagli

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione Gli alimenti sono indispensabili alla vita. Consentono all organismo di

Dettagli

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion SUPER PREMIUM PREMIUM Flavor & Passion Flavor & Passion Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet Food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Riprendendo

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11. I nutrienti. Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11. I nutrienti. Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11 11 I nutrienti Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi I nutrienti che hanno un ruolo importante nel nostro organismo

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE EZIOPATOGENESI DELLA CARIE saliva Flusso Potere tampone Lisozima, lattoferrina perossidasi Mucine, glicoproteine, lipidi Iga, IgG smalto Ipoplasia Permeabilità Composizione chimica Contenuto di fluoro

Dettagli

Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile!

Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile! ri-esco Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile! Esistono molti modi di alimentarsi, e un solo modo di nutrirsi STATO NUTRIZIONALE Adattato da: Bedogni

Dettagli

La produzione cerealicola mondiale nel 1995 è stata globalmente di 1.900 milioni di tonnellate, di cui il 25% è rappresentato dal frumento.

La produzione cerealicola mondiale nel 1995 è stata globalmente di 1.900 milioni di tonnellate, di cui il 25% è rappresentato dal frumento. I cereali sono senza dubbio i vegetali più largamente coltivati al mondo: si stima che circa i due terzi della superficie coltivabile sulla terra siano dedicati alla loro produzione. I prodotti della trasformazione

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Disciplina ALIMENTAZIONE Docente BIFFANTI SUSANNA Classi 1 sezione/i A, B Programmi a.s. 2014-15 MODULO 1 - IGIENE NELLA RISTORAZIONE u.d 1.1 I MICRORGANISMI Caratteristiche generali, classificazione.

Dettagli

CONTINUO RICAMBIO PROTEICO. Differenti pathways proteolitici per le proteine cellulari

CONTINUO RICAMBIO PROTEICO. Differenti pathways proteolitici per le proteine cellulari CONTINUO RICAMBIO PROTEICO Differenti pathways proteolitici per le proteine cellulari Proteine anormali, danneggiate Proteine normali a vita breve Proteine del reticolo endoplasmatico Via dell ubiquitina/proteasoma

Dettagli

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115 Sommario Introduzione Conosci l indice glicemico e perdi peso senza sacrifici 7 Capitolo 1 La glicemia dei cibi e i meccanismi che fanno ingrassare 13 Capitolo 2 L importanza dell indice glicemico 33 Capitolo

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

L IMPATTO DEL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE SUL MERCATO DEL BIOGAS

L IMPATTO DEL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE SUL MERCATO DEL BIOGAS L IMPATTO DEL SISTEMA DI INCENTIVAZIONE SUL MERCATO DEL BIOGAS Giovedì 10 maggio 2012 Scelte tecnologiche per massimizzare la produzione di biogas Pierluigi Navarotto pierluigi.navarotto@unimi.it L IMPIANTO

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool Nutrizione E il processo attraverso il quale l organismo utilizza i nutrienti ingeriti con il cibo. La nutrizione valuta: - le interazioni tra organismi viventi e cibo - le azioni ed interazioni dei nutrienti,

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA

LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA Racing Feed Pastone Mash Muesli Endurance Muesli Sportivi Muesli Fattrici Muesli Puledri TUTTI

Dettagli

nature s most complete plant protein

nature s most complete plant protein THE ORIGINAL nature s most complete plant protein senza soia idoneo per vegetariani e vegani senza colesterolo senza glutine senza derivati del latte senza edulcoranti di sintesi THE ORIGINAL nature s

Dettagli

Uso dell avena come mangime per animali domestici

Uso dell avena come mangime per animali domestici Uso dell avena come mangime per animali domestici IT 2013 La coltivazione dell avena e il suo utilizzo per il nutrimento degli animali hanno una tradizione antichissima in Finlandia. La produzione di avena

Dettagli

MONOPROTEICO. PRESENTAZIONE della NUOVA LINEA SAFARI

MONOPROTEICO. PRESENTAZIONE della NUOVA LINEA SAFARI MONOPROTEICO PRESENTAZIONE della NUOVA LINEA SAFARI Alimento completo per gatti in accrescimento, in gravidanza e allattamento Caratterizzato da un elevata energia metabolizzabile: attività e crescita

Dettagli

Materie prime. Principali ingredienti per la formulazione dei mangimi per suini. Giuseppe Baricco

Materie prime. Principali ingredienti per la formulazione dei mangimi per suini. Giuseppe Baricco Materie prime Principali ingredienti per la formulazione dei mangimi per suini Giuseppe Baricco La composizione fondamentale di un mangime per suini Gli apporti energetici provengono Dai cereali Dai grassi

Dettagli

Siamo quello che mangiamo

Siamo quello che mangiamo Siamo quello che mangiamo Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dell armonia psico-fisica organismo è una macchina biochimica che consuma carburante

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Car- Cartello ingredienti 2015

Car- Cartello ingredienti 2015 Cartello Car- ingredienti 2015 Cornetto Vuoto ottenuto da prodotto decongelato INGREDIENTI: farina di frumento, burro, acqua, zucchero, uova, farina di farro integrale, lievito, glutine di frumento, sale,

Dettagli

Calcio, fosforo e magnesio

Calcio, fosforo e magnesio Calcio, fosforo e magnesio Calcio (Ca 2+) elemento più abbondante del corpo umano (dopo O, C, H, N) 1200 g in totale nell uomo adulto di cui 99% nello scheletro Fosforo (P) 850 g totali nel corpo umano

Dettagli

Masoero: quale nutrizione azotata

Masoero: quale nutrizione azotata Le posizioni del docente piacentino sulla nutrizione azotata della bovina da latte e sull efficienza di utilizzazione amminoacidica. Da un recente convegno Crpa Alimentazione Masoero: quale nutrizione

Dettagli

GLICIDI, GRASSI, PROTEINE

GLICIDI, GRASSI, PROTEINE SPECIALE: "ALIMENTAZIONE E SPORT" GLICIDI, GRASSI, PROTEINE Testo e disegni di Stelvio Beraldo I GLICIDI (ZUCCHERI, CARBOIDRATI) Hanno come compito principale la produzione di energia, indispensabile per

Dettagli

ULTRA PREMIUM, ULTRA BENESSERE

ULTRA PREMIUM, ULTRA BENESSERE ULTRA PREMIUM, ULTRA BENESSERE La linea completa di alimenti ultra premium per cani e gatti La linea di alimenti Enova Ultra Premium di ultima generazione si caratterizza per la qualità degli ingredienti

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g bevanda cappuccino Aggiungere una busta Zero a 250 ml d acqua e mescolare fino al completo scioglimento. Si può consumare subito o riscaldare a fuoco lento o in forno ventilato fino alla consistenza desiderata.

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

Riccardo Troncone Dipartimento di Pediatria Università Federico II, Napoli. I carboidrati nell alimentazione del bambino

Riccardo Troncone Dipartimento di Pediatria Università Federico II, Napoli. I carboidrati nell alimentazione del bambino Riccardo Troncone Dipartimento di Pediatria Università Federico II, Napoli I carboidrati nell alimentazione del bambino I carboidrati nell alimentazione del bambino Chimica I carboidrati nella dieta Indice

Dettagli

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole Prof. C. Guarino INTRO Ogni cellula vivente racchiude una pluralità di molecole diverse L acqua è l elemento dominante, nelle cellule vegetali e nei

Dettagli

L APPARATO GASTROENTERICO. Prof. A. Pulcini

L APPARATO GASTROENTERICO. Prof. A. Pulcini Corso di Laurea Infermieristica AA 2011/2012 Lezioni di Fisiologia L APPARATO GASTROENTERICO Prof. A. Pulcini Dipartimento di Scienze Chirurgiche Policlinico Umberto I Sapienza Roma L apparato digerente

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista Fontane di Villorba 25.06.2005 I COMPONENTI DI UN LATTE

Dettagli

VALORI NUTRIZIONALI PROTIPLUS SNACK. Per 100 g. Per 1 barretta (27 g) %RDA* per 1 barretta. Per 1 barretta (27 g) %RDA* per 100 g.

VALORI NUTRIZIONALI PROTIPLUS SNACK. Per 100 g. Per 1 barretta (27 g) %RDA* per 1 barretta. Per 1 barretta (27 g) %RDA* per 100 g. Cioccolato fondente VALORI PROTIPLUS SNACK Cioccolato e cocco 1 barretta (27 g) per 1 barretta per 1 barretta (27 g) per 1 barretta Valore energetico 88 kcal - 325 kcal - 88 kcal - 324 kcal - 367 kj -

Dettagli

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione DIGESTIONE ENTERICA

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione DIGESTIONE ENTERICA DIGESTIONE ENTERICA Nell'INTESTINO TENUE prosegue la digestione chimico-enzimatica di PROTEINE, CARBOIDRATI, LIPIDI Nell'INTESTINO CIECO e nel COLON avviene una digestione fermentativa (microbica) della

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra DOSSIER / UNIFEED L università americana ha presentato un setaccio da 4 mm utile per la misura della fibra pendf. Da una sperimentazione svolta nel Trentino le sue caratteristiche, la sua applicazione

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

E tutta colpa della Biochimica ovvero

E tutta colpa della Biochimica ovvero E tutta colpa della Biochimica ovvero Yin Yang degli alimenti Paola Palestini Grassi animali o grassi vegetali???? Glucosio o fruttosio???? Antiossidanti contro i radicali liberi ma cosa sono???? Allergie

Dettagli

Pizzero. euro 7,50 prezzo al pubblico consigliato. 180 g

Pizzero. euro 7,50 prezzo al pubblico consigliato. 180 g Linea DietaZero Forever, alimenti bilanciati per l equilibrio del peso Pizzero Preparazione Aprire la busta e versare il contenuto in una ciotola aggiungendo 8 gr di olio extravergine di oliva e 30 gr

Dettagli

L'alimentazione del giovane praticante corsa

L'alimentazione del giovane praticante corsa L'alimentazione del giovane praticante corsa Prof. Danilo Gambarara L alimentazione è uno dei fattori che incidono più fortemente sull accrescimento, sullo sviluppo fisico e mentale, sull aspetto estetico,

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino

Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino Tecnologie di processo per la massimizzazione del recupero proteico nei derivati da latte ovino Antonio Pirisi Agris Sardegna- Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura I formaggi derivano tutti

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta. Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA

Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta. Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA L'alimentazione dello sportivo non è molto diversa dall'alimentazione indicata per la popolazione in generale. Non

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

LE LEGUMINOSE DA GRANELLA NELL ALIMENTAZIONE DELLE PECORE DA LATTE

LE LEGUMINOSE DA GRANELLA NELL ALIMENTAZIONE DELLE PECORE DA LATTE LE LEGUMINOSE DA GRANELLA NELL ALIMENTAZIONE DELLE PECORE DA LATTE Antonello Cannas Alessandro Mereu Dipartimento Scienze Zootecniche Università di Sassari Teresa Pacchioli CRPA Reggio Emilia Situazione

Dettagli

cellula Robert Hooke 1635-1703

cellula Robert Hooke 1635-1703 CELLULA VEGETALE cellula Robert Hooke 1635-1703 1838-1839 TEORIA CELLULARE (DOTTRINA CELLULARE) Matthias Schleiden, Theodor Schwan le piante e gli animali sono costituiti da cellule 1858 Virchow: divisione

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della glicemia conseguente

Dettagli

LA CONTA DEI CARBOIDRATI

LA CONTA DEI CARBOIDRATI LA CONTA DEI CARBOIDRATI ALIMENTAZIONE E DIABETE L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di dieta è opportuno parlare di terapia nutrizionale

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine

Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine Conferenze di zootecnia, assistenza tecnica 2010/2011 Provincia di Novara Armeno 18 febbraio 2011 Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine Prof. Giovanni Savoini

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea

Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea Maccarana L. 1, Cattani M. 1, Lerose D. 1, Bailoni L. 1 1 Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione (BCA)

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione RUMINAZIONE È DEFINITO COME QUEL COMPLESSO DI ATTIVITÀ AVENTI COME SCOPO LA RI-MASTICAZIONE DI PORZIONI DELLE INGESTA CHE GIÀ HANNO SOGGIORNATO NEL RUMINE SUBENDO PARZIALE DIGESTIONE FERMENTATIVA FASE

Dettagli

N Matrice Prova Metodo

N Matrice Prova Metodo E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 Campionamento Latte e lattiero Latte e lattiero Alimenti zootecnici Alimenti zootecnici Preparazione campione per l'analisi microbiologica Preparazione

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI ANNO ACCADEMICO 2009-2010 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE DOCENTE: Maria Grazia Volpe mail:mgvolpe@isa.cnr.it FINALITA Il corso si prefigge di avviare lo studente all

Dettagli