METABOLISMO E NUTRIZIONE. Dr Carmelo Rizzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METABOLISMO E NUTRIZIONE. Dr Carmelo Rizzo"

Transcript

1 METABOLISMO E NUTRIZIONE Dr Carmelo Rizzo

2 Mangia come sei nel tuo Dna

3 La prevenzione alimentare passa per la Genetica

4 Individuare una dieta ad personam è sempre stato uno degli obiettivi più ambiziosi e ancora oggi disattesi, degli specialisti alimentari delle varie branche della medicina afferenti alla ricerca della salute e più in generale, del benessere inteso nel senso più completo della parola

5 Medici, biologi nutrizionisti, personal trainer e numerose altre professionalità coinvolte in prescrizioni e suggerimenti sulla corretta alimentazione, in chiave sia qualitativa che quantitativa, sono a tutt oggi privi di una metodica scientifica e rigorosa per l impostazione di schemi dietologici

6 Secondo i ricercatori americani, si tratterebbe di ritagliare la dieta su misura per ogni paziente, senza in alcun modo esasperare i risultati di perdita di peso. Ma attualmente resta irrisolta la questione riguardante quali parametri adottare per individuare la corretta tipologia alimentare per ogni specifico individuo così da soddisfare la crescente richiesta di diete personalizzate.

7 George Watson, ricercatore alla UCLA, notò per primo una fondamentale differenza di reazione metabolica tra soggetti sottoposti agli stessi tipi di alimenti. Analizzando i motivi di queste differenti reazioni, individuò due distinti gruppi di individui in cui il tasso di CO2 e l acidità ematica erano differenti.

8 Un gruppo, costituito dal 20% degli individui, bruciava gli alimenti ad un tasso più elevato del normale. L altro, L costituito dall 80% degli individui, li bruciava ad un tasso più lento. Watson chiamò i primi ossidatori veloci, i secondi ossidatori lenti. L individuazione del tipo ossidativi di apparte-nenza, importante per la scelta dell alimentazione più idonea, veniva condotto rilevando il tasso di CO2 nel sangue venoso o capillare.

9 Recentemente, nella personalizzazione delle diete, parallelamente e in combinazione con gli appena ricordati schemi metabolici, si è imposto il concetto di esclusione dei cibi più frequentemente utilizzati o meglio, dei cibi a cui si fosse allergici o intolleranti.

10 Un concetto innovativo consiste nell utilizzare per la prima volta la tipizzazione genetica della varianti alleliche S, SL, L(G), L, L(A), del gene 5HTTLPR SLC6A4,, in tutte le sue possibili interazioni epistatiche,, come indicatore di adattamento lento, intermedio e rapido allo stress alimentare.. Stress causato da un'alimentazione qualitativamente inadeguata o da un'alimentazione mal distribuita e sbilanciata.

11 Secondo questa innovativa tecnica gli individui vengono raggruppati in tre ben distinte tipologie: gli adattatori lenti al cibo (Food Slow Stress Adapter = FSSA), gli adattatori intermedi (Food Intermediate Stress Adapter = FISA) ed adattatori rapidi (Food Fast Stress Adapter = FFSA).

12 Dette tre tipologie di individui, selezionano ed evidenziano la differente capacità dei singoli soggetti a resistere allo stress di un'alimentazione inadeguata, senza beneficiare di una integrazione nutraceutica geneticamente orientata.

13 L utilizzo dei risultati ottenuti, indifferentemente dal genere sessuale del paziente genotipizzato,, permette di determinare un corretto e personalizzato regime alimentare,, prevedendo la completa equivalenza e consentendo la totale interscambiabilità di cibi appartenenti alla stessa categoria (lenti, intermedi o rapidi) definita in base al contenuto glucidico, proteico o lipidico di detti alimenti, così da determinarne precise caratteristiche e tempistiche del metabolismo ossidativo.

14 Il presente metodo di analisi alimentare, permette di unificare infine i controversi ruoli attribuiti alle allergie, incompatibilità o citotossicità alimentari nella determinazione dietetica, considerandoli comunque tutti indistintamente come fattori scatenanti nutrizionali (FSN) in chiave di stress ossidativo.

15 IL METABOLISMO Per comprendere meglio i principi di riferimento utilizzati nella presente indagine, torna utile ricordare le caratteristiche dei due metabolismi che caratterizzano l essere l umano: il metabolismo basale ed il metabolismo intermedio.

16 METABOLISMO BASALE Si definisce metabolismo basale quello riferito alla quantità di energia necessaria al fisiologico funzionamento del corpo a riposo; esso serve a mantenere attive e costanti le funzioni vitali dell organismo come la respirazione, il battito cardiaco, la temperatura del corpo, la peristalsi intestinale e altre importanti funzioni autonome.

17 METABOLISMO INTERMEDIO Il metabolismo intermedio è invece quello correlato alla ossidazione dei costituenti fondamentali degli alimenti, ovvero, gli zuccheri, i grassi e le proteine. Tutti gli alimenti assunti dal nostro organismo, subiscono infatti una serie di trasformazioni chimiche per essere successivamente convertiti in energia, all'interno delle nostre cellule.

18 E' stato il biochimico George Watson a scoprire e studiare il metabolismo intermedio (dal 1952 al 1972); egli per primo classificò tre tipi diversi di ossidatori: Il primo tipo, ipo-ossidatore ossidatore,, con metabolismo intermedio lento caratterizzato da un ph venoso alto (>7.38).

19 A tale soggetto, in difficoltà nel ricavare energia da qualsiasi tipo di cibo, veniva consigliata un'alimentazione preferibilmente ricca di cibi di più facile ossidabilità come i carboidrati e le proteine glucogeniche e pressoché priva di grassi integrata da una formula di vitamine e minerali pro-ossidanti. ossidanti. Gli ipo-ossidatori ossidatori tendono ad ingrassare facilmente e se riescono a perdere i chili in eccesso, li riprendono con estrema facilità.

20 Il secondo tipo, iper-ossidatore ossidatore,, con metabolismo intermedio veloce caratterizzato da un ph venoso basso (<7.36). Per mantenere equilibrato tale soggetto, rapido ossidatore di carboidrati, veniva consigliata un'alimentazione prevalentemente a base di proteine chetogeniche e di grassi, integrata da una formula di vitamine e minerali anti- ossidanti.

21 Gli iper-ossidatori tendono ad ingrassare in modo accentuato arrivando all'obesità.. La perdita di peso può però essere ugualmente veloce e duratura.

22 Il terzo tipo, sotto-ossidatore ossidatore,, con metabolismo intermedio normalmente attivo, caratterizzato da un ph venoso A questo soggetto, dotato di processi metabolici efficienti, veniva consigliato un regime alimentare equilibrato con una leggera prevalenza proteica, supportato da una formula completa di vitamine e sali minerali per vivere in maniera ottimale. Il suo peso corporeo tende generalmente a rimanere costante.

23 Sfruttando la nuova identificazione genetica delle tipologie di adattatore lento, intermedio e rapido allo stress alimentare, possiamo derivare ora indicazioni innovative riguardo il regime dietetico più adatto a ciascun individuo per qualità dei cibi e loro distribuzione temporale nel corso della giornata.

24 NUTRIGENE GENE 5HTT (SLC6A4) ACE ADH1C APOC3 CYP1A2*1F GSTM1 IL6 LPL MTHFR PPARG SOD2 TNF VDR LCT DQ2/8 (6 geni) FUNZIONE Adattatore allo stress Sensibilità al sale Sensibilità ad alcool Olio di oliva (utilizzo) Sensibilità caffeina e carni grigliate Crocifere (utilizzo) Infiammazione generale Sensibilità grassi saturi Metabolismo Vitamine B Sensibilità agli zuccheri e carboidrati raffinati Stress ossidativo Sensibilità Nichel Metabolismo Vitamina D Sensibilità lattosio Sensibilità glutine (morbo celiaco)

25 In particolare, per il soggetto caratterizzato come Food Slow Stress Adapter (FSSA),S/S il soggetto cioè che presenta un adattamento lento allo stress con accumulo degli stimoli strettanti e dei loro effetti, sono più indicati i cibi di più facile e rapido metabolismo come i carboidrati (cereali, farine e zuccheri raffinati, frutta fresca ed essiccata) oltre alle proteine ricche di aminoacidi glucogenici tipici di latte e formaggi magri, della carne bianca, del pesce bianco, dell albume d uovo d e di alcuni legumi come piselli e ceci.

26 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO LENTO S/S CEREALI: pane, pasta, pizza, riso, polenta (farina non integrali), avena, mais, orzo, amaranto, camut,, farro, quinoa,, soia, tapioca. CARNI: : vitello,vitellone,agnello, capretto, coniglio, galletto, pollo, tacchino, faraona, prosciutto crudo-cotto cotto,, magro, uova

27 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO LENTO S/S PESCE: : cefalo, cernia, coda di rospo, dentice, merluzzo, nasello, orata, platessa, pesce spada, rombo, sarago, sogliola, spigola. FORMAGGI: (freschi magri) mozzarella, stacchino,crescenza, robiola, caciotta,ricotta di mucca, yogurt magro, latte scremato

28 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO LENTO S/S LEGUMI: (meglio non secchi) ceci, fagioli, fagiolini, fave piselli, soia VERDURE: bieta,, broccoletti, carciofi, carote, cetrioli, cicoria, cipolle, funghi, finocchi, insalate a foglie, melanzane, patate, peperoni, pomodori, porri, ravanelli, zucca gialla, zucchine.

29 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO LENTO S/S FRUTTA: : ogni tipo purchè fresca, (gelato di frutta, granita) CONDIMENTO: olio di oliva, girasole, sesamo, vinacciolo, sale, dadi e margarine vegetali, aromi, spezie, limone, aceto di mele, salsa di soia, dolcificante fruttosio.

30 CIBI DA EVITARE PER IL METABOLISMO LENTO S/S CARNI: cavallo, organi interni,selvaggina. VERDURE: asparagi, cavolfiori, cavoli di Bruxelles, cavolo, broccolo, rape rosse, ravanelli, sedano, spinaci, verza LEGUMI: lenticchie, FRUTTA: quella secca in genere PESCE: anguille, aringhe,crostacei, molluschi, pesce azzurro, (alici,sardine,) trota

31 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S per 30g MATTINO: : frutta fresca da variare liberamente (anche due tipi diversi insieme,) + tisane (malva, ortica, finocchio, verbena) dolcificante fruttosio

32 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S per 30 g META MATTINO : spremute di agrumi,o succhi di frutta, o bevanda del mattino PRANZO: : pollo, faraona, tacchino, (preferibilmente il petto) galletto, coniglio, vitello, agnello, alternare con pesce + verdure a scelta tra: insalata a foglie, bieta,, cicoria, broccoletti.

33 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S per 30 g META POMERIGGIO: : facoltativo come a metà mattino CENA: 1 sera: pasta o riso o patate +verdure 2 sera: verdure miste o minestra di verdure 3 sera: legumi o soia o funghi, + verdure

34 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S per 30 g CONDIMENTI: sale, limone,aromi,aceto di mele, oli di girasole, sesamo, soia, vinacciolo. AVVERTENZE :tenere separati tutti gli alimenti di almeno TRE giorni.

35 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S MATTINO: fette biscottate, pane tostato, cereali, frutta fresca, yogurt magro, alla frutta, (marmellata senza zucchero, miele, ) + tisane, caffè, thè, caffè d orzo, saltuariamente latte scremato

36 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S META MATTINO: : spremute di agrumi, succhi di frutta, tisane, frutta fresca, PRANZO: : minestre, passati di verdure + carne o pesce o uova o formaggio + verdure

37 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S POMERIGGIO : facoltativo, eventualmente ripetere come a metà mattino. CENA: pasta o pizza + verdure Legumi o funghi + verdure Riso o polenta o patate + verdure Pesce o prosciutto + verdure

38 DIETA PER IL METABOLISMO LENTO S/S AVVERTENZE Variare molto, non ripetere lo stesso alimento per più giorni consecutivi. Far coincidere i giorni delle fette biscottate o cereali al mattino con pasta o riso la sera, in questi giorni è possibile mangiare anche il pane. Se a pranzo si assume pasta o riso, evitare il secondo piatto abbinando solo verdure. Il vino si potrebbe bere a cena, con moderazione e non sempre. Ogni 10 giorni è consigliabile per un giorno assumere solo frutta, verdura e legumi. Alternare gli oli consigliati e sospenderli saltuariamente.

39 CONSIGLI UTILI per il paziente risultato L/L Per il soggetto Food Fast Stress Adapter (FFSA), capace di un rapido adattamento allo stress tanto da non subirne gli effetti cumulativi, saranno indicati invece cibi a lenta ossidazione, ricchi in grassi e proteine a contenuto prevalentemente purinico o di aminoacidi chetogenici (farine integrali, carni rosse, pesce azzurro, lenticchie ecc.), oltre alla frutta secca ed alcune verdure.

40 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO VELOCE L/L CEREALI: : pane, pasta, crackers,, riso, (farine non integrali), cereali non raffinati come avena, grano saraceno, mais, orzo, segale, sesamo.

41 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO VELOCE L/L PESCI: : sardine aringhe, acciughe, tonno salmone, trota, molluschi, polipi, crostacei, vongole cozze, ostriche, anguille, alici FORMAGGI: (stagionati) Emmental, parmigiano, grana, groviera, pecorino, asiago, taleggio, gorgonzola, mozzarella di bufala.

42 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO VELOCE L/L LEGUMI: : (meglio secchi) piselli, lenticchie, fagioli, fave. VERDURE: cavolfiori, spinaci, asparagi, zucchine, zucca gialla, barbabietole bianche e rosse, funghi, carote, sedani, carciofi, cavoli di Bruxelles

43 ALIMENTI SUGGERITI PER IL METABOLISMO VELOCE L/L FRUTTA: : ogni tipo di frutta secca: noci, nocciole, arachidi, mandorle, pistacchi, anacardi, BEVANDE: : acqua minerale, orzo, caffè decaffeinato, thè deteinato,, tisane, malto, camomilla. CONDIMENTI: burro, panna, margarine, oli d oliva, girasole, soia, mais, sale, salsa di soia, aromi, spezie, aceto di mele, dolcificante fruttosio.

44 CIBI DA EVITARE PER IL METABOLISMO VELOCE L/L VERDURE: : pomodori, peperoni, patate, rape, cipolle, broccoli, insalate verdi di qualsiasi tipo. FORMAGGI: : tutti quelli freschi e magri, latte scremato, yogurt, (uova)

45 CIBI DA EVITARE PER IL METABOLISMO VELOCE L/L BEVANDE: : tutte le bevande alcoliche, (vino, birra) quelle zuccherate (cole, aranciata ecc.) thè,, caffè,, succhi di frutta. PESCE: : tutti quelli considerati bianchi. CARBOIDRATI: : tutta la pasta non integrale, gnocchi, polenta, riso bianco, pane bianco, grissini, tutti i dolci: torte, biscotti ecc.

46 DIETA PER IL METABOLISMO VELOCE L/L 30 g MATTINO Tisane (malva, ortica, finocchio, verbena) + dolcificante fruttosio Caffè decaffeinato, thè deteinato,, caffè di cereali, caffè d orzo. META MATTINO: : frutta secca arachidi, pistacchi, anacardi, noci,

47 DIETA PER IL METABOLISMO VELOCE L/L 30 g PRANZO: : manzo, maiale, selvaggina, pollo, tacchino (solo cosce), cavallo agnello,prosciutto crudo, alternare con pesce + verdure a scelta tra: spinaci, asparagi, carote, zucchine. META POMERIGGIO: : facoltativo come metà mattino.

48 DIETA PER IL METABOLISMO VELOCE L/L 30 g CENA: 1 sera: pasta integrale, riso integrale + verdure 2 sera: verdure miste o minestra di verdure 3 sera : legumi o funghi + verdure. CONDIMENTI: : sale, limone, aromi, aceto di mele, olio di oliva, mais, soia, girasole, margarina vegetale.

49 DIETA PER IL METABOLISMO VELOCE L/L MATTINO: fette biscottate o pane o crackers (tutti integrali, ) o yogurt ai cereali, (burro, miele) + tisane (malva, ortica, finocchio, verbena) caffè decaffeinato, thè deteinato,, caffè di cereali, caffè d orzo, latte anche intero.

50 DIETA PER IL METABOLISMO VELOCE L/L META MATTINO: : frutta secca, (arachidi, pistacchi, anacardi, noci,) + yogurt ai cereali, gelati alla crema. PRANZO : pasta o riso integrale + carne o pesce o salumi + verdure META POMERIGGIO: : facoltativo come metà mattino.

51 DIETA PER IL METABOLISMO VELOCE L/L CENA:pasta o pizza + verdure legumi o funghi+verdure Riso o zuppa di farro o zuppa di orzo + verdure

52 Per i soggetti infine caratterizzati come Food Intermediate Stress Adapter (FISA),S/L valgono considerazioni meno drastiche e l uso l più equilibrato di quasi tutti i cibi

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab

Elvira Khakimova. Finder 184. Spirelab Elvira Khakimova Finder 184 Spirelab ELVIRA KHAKIMOVA 23-01-2012 F1954 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 9% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab

Alessia Consolaro TIAMI 180. Spirelab Alessia Consolaro TIAMI 180 Spirelab ALESSIA CONSOLARO 23-10-2012 T2085 25% LOW 50% MEDIUM 75% HIGH 100% Carni Agnello 5% Anatra 0% Cavallo 0% Cinghiale 0% Coniglio 0% Fagiano 0% Lepre 0% Maiale 0% Manzo

Dettagli

QUESTIONARIO ALIMENTARE

QUESTIONARIO ALIMENTARE 1 QUESTIONARIO ALIMENTARE Barbara Naldi 2015 2 DATI PERSONALI Nome e Cognome Data di nascita Via, Numero CAP / Paese Numero telefonico Indirizzo email Cassa Malati Nome del medico di famiglia Se donna:

Dettagli

La dieta della gravidanza

La dieta della gravidanza La dieta della gravidanza La gravidanza è un evento fondamentale nella vita degli individui e, grazie alle nuove acquisizioni nel campo della nutrizione, oggi possiamo con la corretta alimentazione evitare

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

grissini 100 8,5 12,3 13,9 68,4 3,5 431 1802 mais 100 12,5 9,2 3,8 75,1 2,0 353 1475 cetrioli 77 96,5 0,7 0,5 1,8 0,8 14 59

grissini 100 8,5 12,3 13,9 68,4 3,5 431 1802 mais 100 12,5 9,2 3,8 75,1 2,0 353 1475 cetrioli 77 96,5 0,7 0,5 1,8 0,8 14 59 media book T A 06 Composizione chimica e valore energetico degli alimenti (solo macronutrienti ed energia) I richiami di nota si riferiscono alla legenda di pag. 6. Le tabelle complete sono reperibili

Dettagli

http://www.paginainizio.com/service/calorie/tabella_calorie.htm

http://www.paginainizio.com/service/calorie/tabella_calorie.htm Pagina 1 di 5 Calorie Giornaliere Meglio mangiare o nutrirsi? Scoprilo con Nestlé! www.nestle.it Dieta Peso Calcola gratis il tuo peso forma e adatta il tuo peso al tuo corpo! www.perdipesosystem.it/peso

Dettagli

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio)

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) INTRODUZIONE Questo articolo, frutto del personale lavoro di studio e ricerca di Mauro Tronti, volontario AMMI affetto da Malattia

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Le 4 fasi della dieta Dukan

Le 4 fasi della dieta Dukan Assistente Virtuale Le 4 fasi della dieta Dukan 1 L'introduzione alla Dieta Dukan: la Bibbia di chi vuole dimagrire Menu tipo della Dukan per la prima e la seconda settimana Fase 1 : Attacco La dieta Dukan

Dettagli

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia NIDI D'INFANZIA DI VIA SATTA, SEZIONE SPERIMENTALE DI VIA BARBAGIA E SEZIONE PRIMAVERA DI VIA BERLINGUER

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

TABELLA DEI CARBOIDRATI

TABELLA DEI CARBOIDRATI TABELLA DEI CARBOIDRATI Per una ottimale riuscita del programma dietetico-nutrizionale LineaMed è di fondamentale importanza assortire in modo corretto gli alimenti che compongono il pasto principale (pranzo).

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la

La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la La Tavola dei valori alimentari prende in considerazione cinque composti chimici. L'acqua è il solvente per eccellenza. Le proteine costruiscono la carne, ma contengono una certa quantità di materia non

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Menù espresso per 14 giorni GF 1

Menù espresso per 14 giorni GF 1 Menù espresso per 14 giorni GF 1 Introduzione La tabella di pasti per 14 giorni è un ottimo punto di partenza che può aiutarti a capire rapidamente i cibi sani e gustosi che il programma dietetico ti propone

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE VIA VINICIO CORTESE, 25 8810 CATANZARO PRONTUARIO DIETETICO DIETISTA ADRIANA GRANDINETTI DIREZIONE SANITARIA PRESIDIO OSPEDALIERO LAMEZIA TERME 0 ELENCO CODIFICATO

Dettagli

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18)

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18) D I E T E DIETA COSIDETTA COMUNE DIETA A Latte parzialmente scremato gr. 250 n. 4 fette biscottate zucchero gr. 10 marmellata o miele gr. 25 in alternativa al latte: un vasetto di yogurt da gr. 125 alla

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Allegato n 2: Menù, tabelle dietetiche, composizione degli alimenti, grammature

Allegato n 2: Menù, tabelle dietetiche, composizione degli alimenti, grammature Allegato n 2: Menù, tabelle dietetiche, composizione degli alimenti, grammature L attuale stile di vita comporta sempre di più, anche in età pediatrica, la possibilità o la necessità di consumare pasti

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi Allegato 3 Cereali, derivati e tuberi TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Pasta o riso asciutti 50-60 Pasta, riso, orzo o simili in brodo 20-30 Gnocchi di patate

Dettagli

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA.

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA. La terapia della intolleranza al glutine consiste solo nella dieta che NON deve contenere alimenti preparati con le farine dei cereali tossici per il paziente celiaco: FRUMENTO, ORZO, SEGALE (e analoghi

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Menu autunno inverno

SCUOLA PRIMARIA. Menu autunno inverno Rev. 15 del 3 settembre 2015 Emesso da dietista P. Battisodo Approvato da Asur dr.ssa E. Ravaglia SCUOLA PRIMARIA Menu autunno inverno a. sc. 2015-2016 in vigore da ottobre 2015 a marzo 2016 pag. n.1 di

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE Allegato Tecnico n. 4 al Capitolato Speciale

Dettagli

Piano alimentare Lunedì 1 Settimana. Prima colazione

Piano alimentare Lunedì 1 Settimana. Prima colazione Piano alimentare Lunedì 1 Settimana Farro con il pomodoro Farro gr 120 Salsa di pomodoro gr 90 Patate gr 200 Banane gr 200 Vitello magro gr 100 Cipolle gr 200 Ananas gr 280 Pane integrale gr 100 9 cucchiaini

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

COLONSCOPIA VIRTUALE

COLONSCOPIA VIRTUALE COLONSCOPIA VIRTUALE La colonscopia virtuale è una simulazione al computer di una colonscopia vera. Consiste in una TAC dell addome eseguita sia in posizione supina che prona, dopo aver inserito aria dal

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A.

ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE. Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. ALIMENTAZIONE NELLE DISCIPLINE DI ENDURANCE Prof. Massimo Pasi Coordinatore Area Medica I.U.T.A. Nutraceutica Nome dato a quella branca della ricerca scientifica, svolta in numerosi laboratori, sugli alimenti

Dettagli

Menù equilibrato invernale 1

Menù equilibrato invernale 1 Menù equilibrato invernale 1 Frullato di banane e cachi (pg 209*) (leggermente scaldato) Orzo con latte di soia e miele Manciata di uvetta con semi di girasole tostati Spaghetti alla cinese (pg 268*) Insalata

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

DIETA GRUPPO SANGUIGNO Esempi di piatti e combinazioni alimentari

DIETA GRUPPO SANGUIGNO Esempi di piatti e combinazioni alimentari DIETA GRUPPO SANGUIGNO Esempi di piatti e combinazioni alimentari I piatti sono stati preparati in modo semplice combinando solo tre o quattro alimenti freschi, di buona qualità, in base alle indicazioni

Dettagli

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE 1.Premessa Nell ambito della ristorazione scolastica è prevista la possibilità di richiedere Diete speciali per motivi di salute per venire

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 14

Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 14 ALLEGATO A AL CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE AI DEGENTI E DI MENSA AL PERSONALE DIPENDENTE E/O ALTRI SOGGETTI AUTORIZZATI. Il DIETETICO OSPEDALIERO sarà costituito dalle

Dettagli

L alimentazione dell infante

L alimentazione dell infante L alimentazione dell infante allattamento svezzamento IL LATTE MATERNO L alimento principe dei primi sei mesi Colostro: il primo latte Molto ricco di proteine Contiene molti fattori ad azione immunologica

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI DIETA VEGETARIANA Nella realizzazione di una dieta vegetariana frequentemente viene seguito un percorso che passa attraverso un procedimento di eliminazione di gruppi di cibi dall architettura tipica della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DEI MENÙ SCOLASTICI

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DEI MENÙ SCOLASTICI AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI Dipartimento di prevenzione - S.O.C. Igiene degli alimenti e della nutrizione UDINE, VIA CHIUSAFORTE 2-0432 553975-553253 553217 nutrizione@ass4.sanita.fvg.it

Dettagli

Il nichel è un metallo argenteo che viene usato soprattutto per produrre: acciaio inossidabile e altre leghe resistenti alla corrosione; il monel,

Il nichel è un metallo argenteo che viene usato soprattutto per produrre: acciaio inossidabile e altre leghe resistenti alla corrosione; il monel, Le intossicazioni da Nichel: diagnosi e nuove cure Dott. ssa Paola Fiori* Cosè il nichel? Il nichel è un metallo argenteo che viene usato soprattutto per produrre: acciaio inossidabile e altre leghe resistenti

Dettagli

VENERDI Risotto alle verdure bio e parmigiano (latte) Fusotti di pollo arrosto Insalata bio Pane tipo 00 (glutine da grano da grano)

VENERDI Risotto alle verdure bio e parmigiano (latte) Fusotti di pollo arrosto Insalata bio Pane tipo 00 (glutine da grano da grano) I SETTIMANA INVERNALE LUNEDI Pasta al pomodoro bio (glutine da grano) e parmigiano (latte) Arista al forno Spinaci saltati bio MARTEDI Pasta all'olio bio (glutine da grano) e parmigiano (latte) Gateau

Dettagli

- Risotto giallo - Petto di tacchino al limone - Fagiolini lessati - Pane e frutta

- Risotto giallo - Petto di tacchino al limone - Fagiolini lessati - Pane e frutta I menù dei nidi Al nido vengono proposti due diversi menù stagionali, uno per l'autunno-inverno e uno per la primavera-estate. In base alla diversa gestione del servizio mensa (cucina interna o pasto in

Dettagli

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna REAZIONI AVVERSE

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DIALISI

ALIMENTAZIONE E DIALISI Dipartimento Medicine Specialistiche Direttore: dr. Giovanni Q.Villani Ospedale Guglielmo da Saliceto Piacenza Nefrologia e Dialisi Direttore: dr. Roberto Scarpioni ALIMENTAZIONE E DIALISI L alimentazione

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

L equilibrio acido-base nell organismo

L equilibrio acido-base nell organismo L equilibrio acido-base nell organismo L'acidosi è una stato pericoloso del nostro organismo: crea stanchezza, stati infiammatori nei tessuti, sofferenza della mielina del sistema nervoso, aumento dei

Dettagli

Linee guida per la formulazione di diete per patologie

Linee guida per la formulazione di diete per patologie Linee guida per la formulazione di diete per patologie ALLEGATO 3 DIETE SPECIALI AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA CELIACHIA I pazienti affetti da celiachia non possono assumere

Dettagli

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA Speciale FARINE di Maurizio De Pasquale www.orlandipasticceria.com LA RICERCA DELLE PROTEINE N utrirsi bene è fondamentale

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA Regione PIEMONTE- ASL2-Torino Ambulatorio di Cardiologia OSPEDALE S. Giovanni Bosco Tel.011-2402310 Progetto GIOTTO Responsabile Drssa Bianca BIANCHINI DIETA Ovvero MANGIARE PER LA VITA Questo piccolo

Dettagli

2. Caratteristiche di una alimentazione equilibrata

2. Caratteristiche di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 2. Caratteristiche di una

Dettagli

ISTITUTO UNIVERSITARIO EUROPEO MENU' CRECHE

ISTITUTO UNIVERSITARIO EUROPEO MENU' CRECHE ISTITUTO UNIVERSITARIO EUROPEO MENU' CRECHE MENU' CRECHE ANNO 2014-2015 PREMESSA Una corretta alimentazione durante la crescita è fondamentale per un ottimale sviluppo psicofisico del bambino. Dal momento

Dettagli

Istituto Comprensivo A. Baccarini - RUSSI

Istituto Comprensivo A. Baccarini - RUSSI OCCHIO ALLA SPESA!!! Attività laboratoriale di educazione alimentare ed informatica Scuola Secondaria di I grado: Classe IIC ISTITUTO COMPRENSIVO A. BACCARINI - RUSSI Docente Coordinatore: Mauro Morini

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

RELAZIONE FINALE Questionario di valutazione servizio di refezione scolastica. Città di Piossasco Assessorato all Istruzione

RELAZIONE FINALE Questionario di valutazione servizio di refezione scolastica. Città di Piossasco Assessorato all Istruzione RELAZIONE FINALE Questionario di valutazione servizio di refezione scolastica Anno scolastico 2012-2013 Città di Piossasco Assessorato all Istruzione LC/MT - MARZO 2013 L Amministrazione comunale ha pensato

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Scuola Germanica Menù estivo a.s. 2014-2015 Scuola dell'infanzia, primaria e secondaria Allergia al glutine

Scuola Germanica Menù estivo a.s. 2014-2015 Scuola dell'infanzia, primaria e secondaria Allergia al glutine Allergia al glutine p.cotto ) Minestrone con riso Pasta fredda (pom e mozz) Pizza al pomodoro Mozzarella Carne alla pizzaiola Prosciutto crudo Pomodori in insalata Zucchine all'olio Carote julienne Insalata

Dettagli

I 100 alimenti della Dukan

I 100 alimenti della Dukan Assistente Virtuale I 100 alimenti della Dukan 1 I 100 alimenti Se il metodo Dukan è così efficace, lo deve anche al fatto che consente di perdere peso mangiando a sazietà. Qui di seguito, troverai la

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA

LINEE GUIDA PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA LINEE GUIDA PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA DIETE SPECIALI MENU INVERNALE/aggiornamento 2011 A cura di: Dr. Clotilde Chiozza Dr. Maria Chiara Bassi Dr. Marco Chiesa Dott. Ornella Orsini Dott. Luigia Alberini

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

DIETETICO SCUOLE DELL INFANZIA

DIETETICO SCUOLE DELL INFANZIA COMUNE DI RAVENNA ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA Servizio Diritto allo Studio DIETETICO SCUOLE DELL INFANZIA (Indicazioni per le diete speciali) A cura delle dietiste Paola Govoni e Daniela Valeriani

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA

RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI SIENA CUCINA CENTRALIZZATA ASP- SERVIZI ALLA PERSONA CITTA DI SIENA A cura della Dietista Dott.ssa Giulia De Nicola e in collaborazione con i Coordinatori Emiliano Papini

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

L'alimentazione in escursione

L'alimentazione in escursione CopyrightDeposit.com No. 0030877 L'alimentazione in escursione L'alimentazione in escursione Il tipo di alimentazione in montagna è di grande importanza, anche quando stiamo affrontando una breve gita,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale INDICAZIONI DIETETICHE per i lattanti che frequentano l asilo nido 1 anno di vita Questo strumento si rivolge

Dettagli

AFFIDATI ALLA LINEA DI PRODOTTI PROTIPLUS IDEATA PER CONTROLLARE IL PESO E RIMANERE IN FORMA

AFFIDATI ALLA LINEA DI PRODOTTI PROTIPLUS IDEATA PER CONTROLLARE IL PESO E RIMANERE IN FORMA La dieta proteica che funziona 1 AFFIDATI ALLA LINEA DI PRODOTTI PROTIPLUS IDEATA PER CONTROLLARE IL PESO E RIMANERE IN FORMA I prodotti ProtiPlus si utilizzano all interno di un metodo di dieta ipocalorica

Dettagli

Colazione (abbondante)

Colazione (abbondante) Dr Fabrizio Moda Specialista in Scienza dell Alimentazione www.dietadellasalute.com fabrizio.moda@libero.it Dieta Gianni Consigli alimentari per Gotta Colazione (abbondante) 1) Un frutto fresco di stagione

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

ALLEGATO D/1. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa ELENCO DEGLI ALIMENTI

ALLEGATO D/1. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa ELENCO DEGLI ALIMENTI ALLEGATO D/1 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa ELENCO DEGLI ALIMENTI 1 ELENCO DEI GENERI ALIMENTARI PER LA PREPARAZIONE DEI PASTI In ordine alfabetico ACETO: - Aceto di vino

Dettagli

ROSSI MARIO. Colazione

ROSSI MARIO. Colazione Colazione Latte di soia 200 g (64 Kcal) Caffè 40 g (2 Kcal) Caffe' all'americana 100 g (2 Kcal) Caffe' decaffeinato 40 g (2 Kcal) Caffè d'orzo 125 g (6 Kcal) Camomilla 125 g (0 Kcal) Thè 125 g (0 Kcal)

Dettagli