Sviluppo di alimenti a base di cereali a basso indice glicemico arricchiti in fibra alimentare -glucani FORMULAZIONE per pasta e prodotti da forno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppo di alimenti a base di cereali a basso indice glicemico arricchiti in fibra alimentare -glucani FORMULAZIONE per pasta e prodotti da forno"

Transcript

1 Sviluppo di alimenti a base di cereali a basso indice glicemico arricchiti in fibra alimentare e β-glucani Negli ultimi tempi sta assumendo sempre più importanza il concetto di indice glicemico nella nostra alimentazione, soprattutto in relazione ad una dieta più equilibrata e salutare, sia per un maggior benessere in individui normali sia per la prevenzione di alcune malattie (diabete non insulino dipendente). È stato dimostrato che una dieta qualitativa dal punto di vista dell indice glicemico, ha effetti metabolici positivi sia sul controllo del tasso glicemico sia sui livelli di lipidi plasmatici, con particolare riferimento al tasso dei trigliceridi. L impiego di alimenti con basso indice glicemico (alimenti poco raffinati o contenenti fibra alimentare), favorisce una migliore risposta glicemica (e di conseguenza insulinica), sia in soggetti normali sia soprattutto in quelli diabetici. Numerose ricerche hanno dimostrato che i β-glucani, componenti della frazione solubile della fibra svolgono un ruolo importante nel controllo della glicemia postprandiale. Chimicamente i β-glucani sono polisaccaridi, che si originano dalla polimerizzazione di molecole di D-glucosio, mediante legami β-(1-3) e β-(1-4) glicosidici, e sono maggiormente presenti nell orzo e nell avena. Numerose evidenze sperimentali negli ultimi anni, hanno messo in risalto il ruolo dei β-glucani nel controllo del livello di colesterolo e di glucosio ematico insieme alla capacità di ridurre il rischio di malattie cardiovascolari nell uomo e in animali da laboratorio (Behall e Hallfrisch 2006; Mäkeläinen et al., 2007; Wood 2007). I β-glucani dell orzo e dell avena, hanno un effetto ipoglicemico (Wood et al., 1990; Wood, 1993) anche se non è stato ancora chiarito il meccanismo di azione. Molto probabilmente questi composti agiscono sul livello di glucosio ematico ritardando lo svuotamento gastrico (Leclere et al., 1994) riducendo in tal modo l assorbimento di glucosio a livello intestinale (Briani et al., 1987). Il caratteristico aumento della viscosità del cibo, dovuto alla presenza dei β-glucani, riduce l assorbimento del glucosio e, di conseguenza, il bisogno di insulina nei diabetici (Anderson et al. 1990). FORMULAZIONE per pasta e prodotti da forno Ingredienti: sfarinato d orzo contenente almeno il 4,5% di β-glucani. Sostituire il 20% di semola di frumento duro o farina 0 di frumento tenero con il 20% di sfarinato d orzo. Note: Per la realizzazione di pane e pasta si consiglia di aggiungere alla miscela una quantità di glutine vitale equivalente alla quantità di glutine presente nella % di semola/farina sostituita.

2 Dose consigliata in fibra alimentare e in β-glucani g/al giorno di fibra 3 g/al giorno di β-glucani Se il prodotto apporta almeno 6 g di fibra per 100 g di prodotto Se il prodotto apporta almeno 3 g di fibra per 100 g di prodotto Se il prodotto apporta almeno 0,75 g di β-glucani per porzione Effetti fisiologici/informazioni nutrizionali e salutistiche - Aumento della motilità peristaltica dell intestino - Riduzione del glucosio ematico post-pandiale - Riduzione del rischio di malattie cardiovascolari - Alimento ad alto contenuto di fibra - Alimento fonte di fibra - Alimento che aiuta a ridurre il colesterolo Riferimenti bibliografici - Anderson JW, Deakins DA, Floore TL, Smith BM, Whitis SE Dietary fiber and coronary heart disease. Crit. Rev. Food Sci. Nutr. 29: Behall KM, Hallfrisch JG Effect of barley consumption on CVD risk factors, C.F.W. 51 (1): Briani G, Bruttomesso D, Biliardo G, Giorato C, Duner E, Iori E, Sgnaolin E, Pedrini P, Tiengo A Guar-enriched pasta and guar gum in the dietary treatment of type II diabetes. Phytother. Res. 1: Food and Drug Administration (2005). Food labeling: healt claims; soluble dietary fiber from certain foods and coronary heart disease. 21 CFR Part 101. Federal Register 70 (246): , December 23, Leclere CJ, Champ M, Bailout J, Guille G, Lecannu G, Molis C, Bornet F, Krempf M, Delort-Laval J, Galmiche JP Role of viscous guar gums in lowering the glycemic response after a solid meal. Am. J. Clin. Nutr: 59, Mäkeläinen H, Anttila H, Sihvonen J, Hietanen RM, Tahvinen R, Salminem E, Mikola M, Sontag- Stohm T The effect of β-glucan on the glycemic and insulin index, Eur J Clin Nutr, 61: Wood PJ Physicochemical characteristics and physiological properties of oat (1-3), (1-4)-b -Dglucan. In: Oat bran. Wood P.J., eds Am. Assoc. Cereal Chem., St Paul, MN, Wood PJ Cereal β-glucans in diet and health. J Cereal Sci, 46:

3 Sviluppo di alimenti a base di cereali arricchiti in fibra di avena Si definisce fibra alimentare l insieme dei polimeri vegetali non degradabili dalle secrezioni enzimatiche endogene dell apparato digerente dell uomo. La fibra di per se non ha valore nutritivo o energetico, ma gioca un ruolo vitale nella nutrizione e nella dieta poiché insieme alle vitamine e agli oligoelementi è una delle componenti che spesso viene fornita in quantità insufficiente. Poiché le fibre non vengono degradate dagli enzimi digestivi, e quindi non assorbite dall organismo spesso sono considerate inutili. Chimicamente la fibra comprende un gruppo di composti eterogenei, accomunati dalla caratteristica di non essere preposti all attacco degli enzimi gastroenterici e, per questo, capaci di raggiungere indigeriti il tratto distale dell intestino, espletando benefici effetti funzionali e metabolici sull organismo. Sono differenti sia per caratteristiche di solubilità sia perchè dotati di funzioni diverse. Ne deriva una loro distinzione in: 1. componenti della fibra alimentare insolubile (cellulosa, emicellulosa e lignina); 2. componenti della fibra alimentare solubile (pectine, gomme e mucillagini). 1. I componenti della fibra alimentare insolubile hanno la funzione di aumentare la motilità peristaltica dell intestino, diminuendo il tempo di transito degli alimenti nel canale alimentare e favorendone il veloce svuotamento; riducono inoltre il tempo di contatto di tutte le sostanze (soprattutto di quelle nocive, tossiche cancerogene, ecc.) con la mucosa. Il loro utilizzo nella dieta è indicato nella regolazione delle funzioni intestinali, prevenzione e trattamento della stipsi e della diverticolosi. 2. I componenti della fibra alimentare solubile sono capaci di rallentare lo svuotamento gastrico, provocando l insorgenza di una sensazione di sazietà. Rallentano il transito intestinale poiché, assorbendo acqua, aumentano il volume del materiale alimentare ingerito e, così facendo, provocano una particolare diluizione dei nutrienti, che possono comunque essere assorbiti dall organismo ma in tempi più lunghi. Questa caratteristica funzionale della fibra solubile si ripercuote favorevolmente sull assorbimento degli zuccheri per i diabetici, riducendo di molto l indice glicemico della dieta. A carico del metabolismo lipidico, la frazione solubile della fibra determina una diminuzione dei livelli di colesterolo e di LDL grazie ad un azione sequestrante nei confronti degli acidi biliari comportando la conseguente riduzione dell assorbimento e della produzione endogena del colesterolo (Glore et al., 1994, Oakefull, 1993). FORMULAZIONE per pasta e prodotti da forno Ingredienti: fibra di avena, semola di frumento duro, farina di frumento tenero. Per la realizzazione di pasta arricchita in fibra, sostituire il 2,7% di semola con il 2,7% di

4 fibra di avena. Per la produzione di pane, sostituire il 4% di farina con il 4% di fibra di avena. Note: Per la realizzazione di pane e pasta funzionali con buone caratteristiche sensoriali si consiglia di adottare opportune tecnologie di trasformazione (alte temperature di essiccamento della pasta) e aggiungere glutine vitale equivalente alla quantità di glutine presente nella % di semola/farina sostituita. Dose consigliata in fibra alimentare g/al giorno Se il prodotto apporta almeno 6 g di fibra per 100 g di prodotto Se il prodotto apporta almeno 3 g di fibra per 100 g di prodotto Effetti fisiologici/informazioni nutrizionali e salutistiche - Aumento della motilità peristaltica dell intestino - Aumento del senso di sazietà - Riduzione dell assorbimento del colesterolo e del glucosio ematici - Alimento ad alto contenuto di fibra - Alimento fonte di fibra Riferimenti bibliografici - Glore SR, Van Treeck D, Knehans AW, Guild M Soluble fibre and serum lipids a literature review. J. Am. Diet. Assoc. 94: Oakefull D Dietary fiber and beyond Australian prospectives. Samman S. e Annison G. eds. Nutrition Society of Australia,

5 Sviluppo di alimenti privi di glutine La celiachia o morbo celiaco è una malattia cronica determinata dall assunzione del glutine attraverso gli alimenti. Il glutine è una miscela di proteine (prolammine e glutenine) contenute in alcuni dei principali cereali: grano, segale, orzo, kamut e farro ed è definito come una sostanza viscoelastica con proprietà intermedie tra quelle dei solidi e dei liquidi, che si forma mediante idratazione delle prolammine e glutenine. Sembra sia la prolammina (una gliadina) a determinare un azione tossica nei soggetti privi di un enzima digestivo, che scatena una risposta immunitaria nei confronti dei villi delle cellule intestinali, determinandone l atrofia con conseguente mal assorbimento degli altri nutrienti assunti con la dieta. L intolleranza al glutine dipende da fattori sia genetici che ambientali e può comparire a qualsiasi età, ma la frequenza della sua comparsa è massima allo svezzamento. La sola terapia oggi possibile per un soggetto celiaco è la stretta osservanza di una dieta assolutamente priva di glutine, alimenti gluten free. Sulla base delle conoscenze disponibili, infatti, l assunzione di soli 1-2 mg di gliadina al giorno può risultare dannosa ad un soggetto intollerante. Risulta piuttosto difficoltoso però, eliminare dalla dieta qualsiasi fonte di prolammine tossiche (il cui grado di tossicità è differente tra le diverse specie di cereali ed è collegato alle relazioni filogenetiche) per non superare i 20 ppm di glutine per ciascun alimento assunto (valore soglia fissato dall Associazione Italiana Celiachia). In Italia secondo il D.L. n. 111 (27/01/92) concernente i prodotti alimentari destinati ad un alimentazione particolare, in attuazione della Direttiva 89/398/CEE, i prodotti gluten free, non devono contenere né ingredienti né additivi provenienti da cereali naturalmente contenenti le proteine del glutine. Sempre in Italia, l erogazione dei prodotti destinati ad una alimentazione particolare rientra nei livelli essenziali di assistenza sanitaria per le persone affette da morbo celiaco (D.M. Salute 8 giugno 2001). Gli ingredienti alternativi più utilizzati per la preparazione di alimenti privi di glutine attualmente disponibili in commercio, sono soprattutto mais e riso, la cui atossicità è largamente accertata. Anche il grano saraceno grazie alle sue caratteristiche compositive, può rappresentare un ingrediente di notevole valore nella preparazione di alimenti destinati a pazienti affetti da celiachia, in quanto nella sua composizione proteica predominano albumine e globuline, mentre sono presenti in percentuali molto basse glutenine e prolammine. Poichè per un soggetto celiaco è fondamentale non consumare glutine, a livello internazionale è stato istituito come simbolo la spiga barrata che identifica immediatamente i prodotti gluten-free (Campbell 1992; Lopez et al., 2004; Marco e Rasell 2008; Thompson 2000; Schober et al 2007). Il marchio spiga sbarrata apposto sui prodotti autorizzati aiuta quindi ad evidenziare al

6 consumatore celiaco l idoneità del prodotto. FORMULAZIONE per pasta e prodotti da forno privi di glutine Ingredienti: farina di riso, farina di mais, farina di soia. Formulare una miscela composta dal 40% di farina di riso e 40% di farina di mais + 20% di altri ingredienti privi di glutine (tapioca, manioca, farina di castagne, grano saraceno, amaranto, quinoa, farina di semi di carruba). Note: Per la realizzazione di prodotti per celiaci è consigliabile utilizzare tecnologie di trasformazioni appropriate quale l estrusione cottura, inoltre nel caso della pasta è preferibile impiegare farine pre-gelatinizzate. Per la lavorazione di alimenti privi di glutine è necessario utilizzare linee di lavorazione specifiche da impiegare solo per questa tipologia di prodotti al fine di evitare contaminazioni con ingredienti e alimenti che contengono glutine. Riferimenti bibliografici - Campbell JA Dietary management of celiac disease: variations in the gluten-free diet. J. Can. Diet Assoc., 53: Lopez ACB, Pereira AJG, Junqueira RG Flour mixture of rice flour, corn and cassava starch in the production of gluten-free white bread. Braz. Arch. Biol. and Technol. 47, Marco C, Rosell C.M Functional and rheological properties of protein enriched gluten free composite flours. J. food Eng. 88: Thompson T Questionable foods and gluten-free diet: survey of current recommendations. J. Am. Diet Assoc. 100: Schober TJ, Bean SR, Boyle DL Gluten-free sorghum bread improved by sourdough fermentation: biochemical, rheological, and microstructural background. J. Agric. Food Chem., 55 (13):

7 Sviluppo di alimenti a base di cereali arricchiti in acidi grassi polinsaturi ω-3 Negli ultimi anni sono stati introdotti sul mercato europeo numerosi alimenti tradizionali, ma con una formulazione modificata allo scopo di indurre effetti positivi sulla salute dei consumatori. Tra questi si annoverano alimenti arricchiti in acidi grassi essenziali polinsaturi a lunga catena (PUFA). Il gruppo degli acidi grassi essenziali comprende acidi grassi che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare, e quindi l introduzione attraverso la dieta è fondamentale. Gli acidi grassi essenziali vengono distinti in due gruppi: ω-6 con precursore l acido linoleico (LA) e ω-3 con precursore l acido alfalinolenico (ALA). Dai precursori dei due acidi grassi essenziali si originano numerosi metaboliti con specifiche proprietà. In particolare dall ALA derivano l acido eicosapentaenoico (EPA) e l acido docosaesaenoico (DHA), due acidi grassi della serie ω-3 di cui sono particolarmente ricchi alcuni pesci. Questi ultimi due acidi grassi sono ritenuti importanti nella prevenzione di patologie cardiovascolari (dislipidemie, ipercolesterolemia) e nella prevenzione e cura delle infiammazioni. Evidenze scientifiche hanno dimostrato che EPA e DHA hanno la capacità di modificare la tendenza delle piastrine ad aggregarsi con conseguente riduzione del rischio di trombosi; inoltre tali composti intervengono in molteplici meccanismi responsabili dell aterosclerosi, e della regolazione della pressione arteriosa. Nel periodo fetale gli acidi grassi ω-3 sono essenziali per la formazione dei tessuti in quanto costituiscono un importante componente per la formazione delle membrane, fondamentali per lo sviluppo della retina e del sistema nervoso centrale (Bjerregaard et al., 2000; Manzioris et al., 2000; Harris 2001, Nordoy et al., 2003). L assunzione di una quantità adeguata di acidi grassi ω-3 pari a 650 mg/die come indicato dall ISSFAL (2004), rappresenta una strategia utile nell ambito di un corretto regime alimentare dietetico volto a previene alcune patologie cardiocircolatorie e l ipertenzione. FORMULAZIONE per pasta e prodotti da forno Ingredienti: integratore Ropufa n-3, semola di frumento duro, farina di frumento tenero. Sostituire l 1,3% di semola/farina con l 1,3% di integratore al fine di ottenere nel prodotto finito un contenuto in acidi grassi essenziali ω-3 pari a 155 mg/100g di prodotto. Note: Si consiglia di non superare la dose d integratore indicata in quanto le proprietà sensoriali dell integratore possono incidere negativamente sulle caratteristiche sensoriali del prodotto. E importante utilizzare un integratore di acidi grassi ω-3 in forma di microincapsulato in quanto gli acidi grassi ω-3 in questa forma sono meno suscettibili a fenomeni ossidativi.

8 Dose consigliata di acidi grassi ω mg/al giorno di ω-3 Effetti fisiologici - Riduzione dell incidenza di malattie cardiovascolari - Intervengono nello sviluppo del sistema nervoso centrale - Effetti antinfiammatori - Aiutano a mantenere i livelli di trigliceridi ematici nella norma Riferimenti bibliografici - Bjerregaard P, Pedersen HS, Mulvad G The associations of a marine diet whit plasma lipids, blood glucose, blood pressure and obesity among the Unit in Greenland. Eu. J. Clin Nutr 54: Harris WS Omega-3 long-chain PUFA and triglyceride lowering: minimum effective intakes. Eu. Heart J. 3 (suppl): D59-D61. - ISSFAL International Society for the Study of Fatty Acid and Lipid s Recommendations for intake of polyunsaturated fatty acids in health adults. Published online at - Manzioris E, Cleland LG, Gibson RA, Neumann MA, Demasi M, Puryear LJ Biochemical effects of a diet containing foods enriched with n-3 fatty acids. Am. J. Clin. Nutr. 72:

9 Sviluppo di alimenti a base di cereali arricchiti in fruttoligosaccaridi (FOS) I fruttoligosaccaridi (FOS) sono componenti della frazione solubile della fibra strutturalmente costituiti da polimeri di fruttosio e si trovano in quantità variabili in differenti piante. Assieme ad altri oligosaccaridi come l inulina, i FOS sono ingredienti alimentari non digeribili. Sono molto apprezzati, tra i supplementi nutrizionali, per i loro effetti prebiotici, in quanto stimolano selettivamente la crescita e l attività di specie batteriche ad azione probiotica, soprattutto dei bifidobatteri. A questa azione prebiotica-bifidogena è correlata la capacità dei FOS e dell inulina di potenziare la biodisponibilità e quindi l assorbimento di sali minerali come calcio e magnesio; ciò è dovuto al fatto che la variazione di ph nel lume intestinale in seguito alla formazione di acidi grassi a catena corta derivanti dalla fermentazione della fibra alimentare, aumenta la frazione solubile e quindi la biodisponibilità del calcio (Gibson e Roberfroid, 1995). Studi scientifici indicano che i FOS sono efficaci nella prevenzione cardiovascolare poiché contribuiscono a ridurre i livelli ematici di lipidi e colesterolo e a regolarizzare la pressione sanguigna. I fruttoligosaccaridi aggiunti come ingredienti negli alimenti favoriscono la biosintesi di molecole utili, quali vitamine del gruppo B e acido folico e riducono la presenza di metabolici tossici (Corradini, 2002). Inoltre i fruttani presentano un blando carattere edulcorante associato ad un ridotto apporto calorico (2 Kcal/g), hanno spiccata azione ipoglicemizzante, per cui questo tipo di ingrediente è particolarmente indicato nella formulazione di integratori o alimenti per soggetti diabetici (Prosky, 1999; Roberfoid 2002). FORMULAZIONE per pasta e prodotti da forno Ingredienti: inulina, semola di frumento duro, farina di frumento tenero. Sostituire il 10% della semola/farina con il 10% di inulina. Dose consigliata di inulina/fos 9 g/al giorno Effetti fisiologici - Controllo del livello di colesterolo e lipidi ematici - Attività prebiotica in quanto favorisce lo sviluppo dei bifidobatteri - Aumento del senso di sazietà Riferimenti bibliografici - Corradini C Dosaggio di FOS prebiotici. Laboratorio 2000, 6-7:

10 - Gibson GR, Roberfroid MD Dietary modulation of the human colonic microbiotica: introducing the concept of prebiotics. J. Nutr. 125: Prosky L. (1999). Inulin and oligofructose are part of the dietary fiber complex. J. AOAC Intert. Mar.-Apr., 82 (2): Roberfroid MB Functional food concept and its application to prebiotics. Digest Liver Dis., 34(suppl. 2): 105S-110S.

11 Sviluppo di alimenti a base di cereali arricchiti in fitosteroli Numerosi studi hanno evidenziato la possibilità di utilizzare alimenti addizionati in composti bioattivi per la prevenzione e cura di malattie cardiovascolari. Questi cibi definiti alimenti funzionali, sono normali alimenti che contengono un ingrediente che svolge una funzione specifica nella prevenzione di una malattia e/o di promozione della salute in aggiunta al normale valore nutritivo. Particolare importanza è stata data a fitosteroli nella prevenzione delle cardiopatie. I fitosteroli sono componenti della frazione lipidica degli alimenti, ampiamente distribuiti nel regno vegetale le cui proprietà benefiche, già note negli anni 50, hanno suscitato negli ultimi anni un notevole interesse sia da parte della comunità scientifica che dei consumatori, portando al proliferare di alimenti funzionali arricchiti in fitosteroli. L interesse per i fitosteroli è evidenziato da numerosi studi pubblicati nell ultimo decennio, che attribuiscono a questa serie di composti importanti proprietà terapeutiche, con un attenzione particolare al loro effetto ipocolesterolemizzante. La regolazione del colesterolo plasmatico costituisce infatti un obiettivo primario nel controllo delle malattie cardiovascolari che, come noto, rappresentano la maggiore causa di morbilità e mortalità nei paesi occidentali. Accanto alle terapie farmacologiche, la cui efficacia è negli ultimi anni sensibilmente migliorata, l approccio dietetico mantiene un importanza elevata per il controllo del colesterolo ematico. Integrando la dieta con steroli vegetali si ottiene la diminuzione del colesterolo totale presente nel plasma; in particolare si può ottenere una riduzione del 10-15% della concentrazione delle LDL (Low Density Lipoproteins), senza che vi sia modificazione delle HDL (High Density Lipoproteins), che hanno una funzione fondamentale nel catabolismo del colesterolo. Tale riduzione si evidenzia con un consumo giornaliero pari a 1,6 g/die di fitosteroli. Si presuppone che vi sia un meccanismo di competizione tra il colesterolo e i fitosteroli per la solubilizzazione micellare e/o la coprecipitazione di fitosteroli con il colesterolo intestinale. Ai fitosteroli è stato riconosciuto anche il ruolo protettivo nell incidenza di alcune forme di tumore; inoltre da studi recenti è emersa l influenza positiva dei fitosteroli sul sistema immunitario (Cater 2000; Hallikainen 2000; Law et al., 2000; Tapiero et al., 2003). Viste le proprietà fisiologiche svolte dai fitosteroli, le recenti indicazioni nutrizionali tendono ad incoraggiare il consumo di prodotti addizionati di fitosteroli. La stessa FDA ha approvato nel 2000 per gli alimenti addizionati di fitosteroli (0,65 g di esteri di steroli per porzione) la possibilità di riportare sull etichetta la dicitura cibi che possono ridurre il rischio di cardiopatie ; anche in Italia con il regolamento del 2004 (Reg. CE 608/2004) la Commissione Europea ha autorizzato la produzione di alimenti a base di fitosteroli, di fitostanoli e di esteri

12 di steroli. FORMULAZIONE per pasta e prodotti da forno Ingredienti: integratore di steroli vegetali, semola di frumento duro, farina di frumento tenero. Sostituire l 1,8% di semola/farina con l 1,8% di integratore arricchito in fitosteroli. Tale quantità consente di ottenere nel prodotto finito una quantità di composti bioattivi pari a 1,68 g/100 g di prodotto. Dose consigliata di fitosteroli 1,5-2 g/al giorno Effetti fisiologici - Riduzione dei livelli ematici di colesterolo - Riduzione dell incidenza delle malattie cardiovascolari - Riduzione dell incidenza di alcune tipologie di cancro Riferimenti bibliografici - Cater NB Plant stanol ester. Review of cholesterol-lowering efficacy and implementations for choronary hearth disease risk reduction. Prevent. Cardiol., 3: Food and Drug Administration. Food labeling: Health claims; plant sterol/stanol esters and coronary heart disease; interim final rule. Federal Register 65:54686, Hallikainen MA, Sarkkinen ES, Uusitupa MI Plant stanol esters affect serum cholesterol concentration of hypercholesterolemic men and women in a dose-dependent manner. J. Nutr., 130: Law MR, Wald NJ, Thompson SG By low munch and how quickly doses reduction in serum cholesterol concentration lower risk of ischemic hearth disease?. Br. Med. J. 308: Tapiero H, Townsend DM, Tew KD Phytosterols in the prevention of human pathologies. Biomed Phar., 57: REGOLAMENTO (CE) N. 608/2004 DELLA COMMISSIONE del 31 marzo 2004, relativo all etichettatura di prodotti e ingredienti alimentari addizionati di fitosteroli, esteri di fitosterolo fitostanoli e/o esteri di fitostanolo.

13 Sviluppo di alimenti a base di cereali arricchiti in vitamine e minerali L integrazione della semola con vitamine ha previsto l impiego di un integratore ricco in vitamine del gruppo B (B1, B2), vitamina PP, acido folico e del ferro. Le quantità aggiunte hanno tenuto conto dei livelli di assunzione giornalieri raccomandati, dichiarati nei LARN. Il fabbisogno vitaminico varia a seconda dello stato fisiologico e/o patologico dell individuo: età, sesso, ma anche in gravidanza e durante l allattamento, per esempio, è necessario aumentarne l assunzione. Durante il processo di macinazione vengono allontanati gli strati più esterni della cariosside con conseguente impoverimento del contenuto in vitamine e sali minerali. L aggiunta di vitamine alla semola ha lo scopo di ripristinare il contenuto vitaminico ridotto a seguito del processo di macinazione, conferendo al prodotto finito maggiore valore nutrizionale rispetto alla pasta convenzionale. In particolare le vitamine appartenenti al gruppo B sono importanti coenzimi, che consentono agli enzimi di svolgere le loro funzioni, come l utilizzazione dei carboidrati, dei grassi e delle proteine per produrre energia. L utilizzo di alimenti fortificati con vitamine in particolare l impiego di prodotti finiti caratterizzati da un apporto vitaminico più alto rispetto ai prodotti convenzionali è consigliabile alle donne in gravidanza poiché contribuiscono ad incrementare le esigenze vitaminiche di questo stato fisiologico e soprattutto le richieste di acido folico, indispensabile nei primi mesi di gravidanza. FORMULAZIONE per pasta e prodotti da forno Ingredienti: integratore di vitamine e minerali, semola di frumento duro, farina di frumento tenero. Sostituire lo 0,12%di semola/farina con lo 0,12% di integratore vitaminico. Dose consigliata di vitamine Effetti fisiologici B1 1,2 mg/die B2 1,3-1,8 mg/die Ac. Folico min µg/die i LARN consigliano 400 µg/die PP 6,6 mg/ogni 1000Kcal introdotte - Importante nel metabolismo degli amidi e zuccheri e per l integrità delle fibre nervose - Importante nel metabolismo glicidico e degli aminoacidi - Prevenzione delle malformazioni neonatali, soprattutto della spina bifida - Effetti protettivi sull Alzheimer - Riduzione dell incidenza delle malattie cardiovascolari - Interviene come coenzima, nella sintesi e demolizione degli amminoacidi, acidi grassi e colesterolo - Importante per molte funzioni vitali.

14 Fe 30 mg/die - Trasporto dell ossigeno, attività respiratoria cellulare, replicazione cellulare, costruzione della struttura di tessuti ed organi

15 Sviluppo di alimenti a base di cereali arricchiti con olio di germe di grano Nell ambito dei prodotti da forno si suggerisce la produzione di un pane dietetico ad alto valore aggiunto la cui formulazione contempla l impiego di farina integrale di frumento, lievito naturale, germe di grano, malto di frumento, olio di germe di grano ed eventuale aggiunta di sale marino e di fibra alimentare solubile (FOS o inulina in misura non eccedente il 2,7%). Interessante può essere introdurre nel processo produttivo una fase di lavorazione sul prodotto finito che provochi la retrogradazione dell amido. In questo caso la trasformazione mediante opportuno processo di disidratazione al fine di conferire al pane integrale prodotto le peculiarità tipiche del pane raffermo, può suggerire la produzione di crostini da impiegare come ingrediente funzionale nella preparazione di zuppe e brodi vegetali. E opportuno ricordare che in tal modo, oltre alla funzionalità propria del prodotto conferita dall ingredientistica impiegata, la perdita di umidità conseguente al processo di disidratazione tende a far riassumere all amido la struttura originaria, conferendo al prodotto una maggiore digeribilità ed una minore incidenza riguardo l indice glicemico. Questa gamma di prodotti può includere anche grissini integrali a base di farina di grano tenero, farina integrale, acqua, sale, malto, lievito naturale secondo le formulazioni industriali note, con aggiunta di fibra alimentare solubile (FOS o inulina in misura non eccedente il 2,7% del prodotto finito) ed olio di germe di grano. FORMULAZIONI per prodotti da forno Formulazione Cereali FOS o inulina Olio germe di grano A Farina di grano tenero tipo 0 (61-67%), farina integrale di avena (6-9%) 2,0-2,7% 3,0-4,2% B Farina di grano tenero tipo 0 (55-65%), farina integrale di segale (5-2,0-2,7% 3,0-4,2% 11%) C Rimacinata di semola di grano duro (55-65%), farina integrale di avena (5-11%) 2,0-2,7% 3,0-4,2% percentuali riferite al prodotto finito Nell ingredientistica possono essere aggiunti il germe di grano (1-2%) e del malto di frumento (0,5-2,0%) in relazione al tipo di impasto e formato adottato, mentre altri ingredienti quali acqua, sale e lievito naturale verranno aggiunti secondo le formulazioni industriali note. L innovazione di prodotto di tale linea è sicuramente focalizzata all impiego dell olio di germe di grano e quindi riguardo la scelta e la caratterizzazione di tale ingrediente funzionale.

16 L olio di germe di grano andrebbe aggiunto in relazione all apporto che si vuole fornire quale integrazione di acidi grassi essenziali, tenendo comunque conto delle caratteristiche organolettiche che si vogliono attribuire al prodotto. Un qualtitativo ottimale di tale ingrediente potrebbe variare dal 2 al 8%, tenendo conto del loro contenuto in acidi grassi polinsaturi (PUFA). L olio di germe di grano, oltre per il suo alto contenuto in vitamina E (alfa e gamma tocoferolo), è utile in quanto presenta un alto contenuto in PUFA, di cui il 50% è costituito dall acido linoleico (omega-6), acido grasso essenziale. Nel germe di grano sono inoltre presenti proteine particolarmente ricche in amminoacidi essenziali ed altri composti d interesse in campo nutraceutico, quali policosanoli. Riferimenti bibliografici - P. Shau, P. Sun, Y. Yng. Food and Bioproducts Processing, 86 (2008)

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

I prodotti caseari funzionali

I prodotti caseari funzionali I prodotti caseari funzionali Antonio Pirisi Dipartimento per la ricerca nelle produzioni animali Metti il "Formaggio Sardo" nella tua dieta Cagliari, 30 novembre 2011 "Un alimento può essere considerato

Dettagli

ALIMENTI FUNZIONALI STORIA

ALIMENTI FUNZIONALI STORIA ALIMENTI FUNZIONALI STORIA Il concetto di Alimenti Funzionali nasce negli anni 80 in Giappone, dove viene messa a punto una legislazione apposita. Nel 1991 viene coniato il termine FOSHU (Foods for Specified

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli SCEGLI IL GUSTO 7 febbraio 2013 Body Worlds Anna Caroli Terminato l iter diagnostico esami del sangue biopsia enterica Oggi so di essere celiaco Cosa faccio e cosa mangio Il Medico fornisce le prime e

Dettagli

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE Nicola Damiano Responsabile Ricerca & Sviluppo Gruppo Novelli Convegno Associazione Giuseppe Dossetti La salute vien mangiando dalla nascita

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi);

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi); FIBRA ALIMENTARE Pur non potendosi considerare un nutriente, la fibra alimentare esercita effetti di tipo funzionale e metabolico che la fanno ritenere una importante componente della dieta umana. 1) aumento

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion SUPER PREMIUM PREMIUM Flavor & Passion Flavor & Passion Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet Food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Riprendendo

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

nature s most complete plant protein

nature s most complete plant protein THE ORIGINAL nature s most complete plant protein senza soia idoneo per vegetariani e vegani senza colesterolo senza glutine senza derivati del latte senza edulcoranti di sintesi THE ORIGINAL nature s

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici Gruppo di studio regionale intersocietario ADI- AMD- SID Terapia medico nutrizionale per team diabetologici 25 marzo 2014 Villa Eur Parco dei Pini Roma Daniela Bracaglia UOC di Diabetologia PTV-ASL RMB

Dettagli

Valutazione indice glicemico: pasta FIBERPASTA

Valutazione indice glicemico: pasta FIBERPASTA Valutazione indice glicemico: pasta FIBERPASTA PREMESSA Numerosi studi hanno riportato che un alimentazione ricca di zuccheri semplici è associata all insorgenza di diabete, patologie cardiovascolari e

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

I claim nutrizionali e salutistici

I claim nutrizionali e salutistici I claim nutrizionali e salutistici Dr.ssa Flavia Milan Dirigente medico Referente area Nutrizionale Servizio Igiene degli alimenti e Nutrizione ASL NO NOVARA 27 Febbraio 2014 1 C ERA UNA VOLTA l Art. 2/1

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA BIOAGROMED CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA BIOAGROMED CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA BIOAGROMED CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO IN MATERIA DI RICERCA SCIENTIFICA NELLA REGIONE PUGLIA PROGETTO STRATEGICO INNOVAZIONE DI PROCESSO

Dettagli

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI

I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I G L U C I D I ASPETTI GENERALI I glucidi sono i costituenti più importanti dei vegetali e le sostanze organiche più diffuse nella biosfera. Rappresentano solo l 1% del corpo umano ma hanno una notevole

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

PASTA TOSCANA INTEGRALE con Omega 3

PASTA TOSCANA INTEGRALE con Omega 3 PASTA TOSCANA INTEGRALE con Omega 3 Trafilata al bronzo Negli ultimi anni il mercato della pasta e cambiato, il consumatore sempre piu attento, vuole un prodotto migliore e piu salubre. Pasta Toscana Integrale

Dettagli

L'indice glicemico Sommario

L'indice glicemico Sommario L'indice glicemico Sommario Il tipo di carboidrato contenuto in un alimento, responsabile dell indice glicemico (IG), non predice con accuratezza il profilo della risposta glicemica all assunzione di quell

Dettagli

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della glicemia conseguente

Dettagli

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS Avv. Neva Monari Studio Avv.Corte e Andreis Cremona, 1 dicembre 2006 1 DEFINIZIONE (Linee guida Min. Salute

Dettagli

Omega 3. Il Benessere e la Salute prima di tutto Relatore dr Donata Soppelsa

Omega 3. Il Benessere e la Salute prima di tutto Relatore dr Donata Soppelsa Omega 3 Il Benessere e la Salute prima di tutto Relatore dr Donata Soppelsa Gli Omega 3 Antinfiammatori Naturali Presenza di Omega 3 o 6 Siamo circondati da cibi arricchiti o Functional Foods.. I super

Dettagli

Cosa sono i grassi o lipidi?

Cosa sono i grassi o lipidi? Cosa sono i grassi o lipidi? Lipidi da LIPOS = grasso Sostanze organiche di diversa natura con una caratteristica comune: sono insolubili in acqua Importanti costituenti dei tessuti vegetali e animali

Dettagli

Più. Più cereali, legumi, ortaggi e frutta

Più. Più cereali, legumi, ortaggi e frutta 2. Più Più cereali, legumi, ortaggi e frutta 2. Più cereali, legumi, ortaggi e frutta Questi alimenti sono importanti perché apportano carboidrati (soprattutto amido e fibra), ma anche vitamine, minerali

Dettagli

Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti.

Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Catalogo 2012 Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Partendo dall impiego di materie prime di prima scelta

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

Etichettatura dei prodotti per celiaci

Etichettatura dei prodotti per celiaci Etichettatura dei prodotti per celiaci Elisabetta Toti toti@inran.it Introduzione Nella dieta della popolazione generale, i cereali contribuiscono alla gran parte del consumo energetico giornaliero in

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

CATALOGO formato famiglia

CATALOGO formato famiglia ANTICO MOLINO DELLE FOLCI dal 1700 farine senza aggiunta di additivi la qualità della farina, la bontà del pane CATALOGO formato famiglia O LINO DEL MO LE LCI FO ANTI C dal 1700 La dedizione per la qualità

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI DEI FUNCTIONAL FOODS

ASPETTI NORMATIVI DEI FUNCTIONAL FOODS ASPETTI NORMATIVI DEI FUNCTIONAL FOODS Sin dall antichità l uomo ha rivolto particolare attenzione all alimentazione attribuendone proprietà salutistiche e medicamentose. Un documento dell antico Egitto,

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

GLUTINE COME USCIRE DAL LABIRINTO

GLUTINE COME USCIRE DAL LABIRINTO GLUTINE COME USCIRE DAL LABIRINTO EXPO 2015 MILANO L.M.Montalbano GLUTINE GRANO - ORZO SEGALE? CEREALI NELLA NOSTRA TAVOLA OGNI GIORNO MA DA DOVE PROVENGONO? COSTI IMPATTO AMBIENTALE Km ZERO Valorizzazione

Dettagli

presenta Salute & Benessere nell alimentazione senza glutine

presenta Salute & Benessere nell alimentazione senza glutine GlutaNews presenta Salute & Benessere nell alimentazione senza glutine Scoprite gli effetti benefici sulla Salute degli ingredienti più usati nella preparazione di prodotti senza glutine GlutaBye Italia

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD ,168)),&,(1=$5(1$/(&521,&$,5& 1. Obesità L I.R.C. può essere definita come la diminuzione della funzionalità renale che si instaura a seguito di una malattia renale cronica od alla cronicizzazione di una

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile!

Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile! ri-esco Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile! Esistono molti modi di alimentarsi, e un solo modo di nutrirsi STATO NUTRIZIONALE Adattato da: Bedogni

Dettagli

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Ministero della Salute Direzione generale igiene e sicurezza alimenti e nutrizione Ufficio IV ex DGSAN 1 ALIMENTO Come sono definiti sul piano

Dettagli

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Cavallucci Clarita Medico Veterinario Ph.D. claritacavallucci@alice.it

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

Programma dietetico specifico

Programma dietetico specifico Dieta nutrizionale specifica con INTEGRA PROTECT Programma dietetico specifico Un importante elemento nella cura dei problemi di salute dei nostri amici a quattro zampe. per cani in sovrappeso per cani

Dettagli

I colori della salute

I colori della salute I colori della salute Trainer Natural e l alimentazione funzionale Il concetto di alimento funzionale è nato in Giappone negli anni 80 dalla necessità delle autorità sanitarie di incrementare l aspettativa

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTI FUNZIONALI NUTRACEUTICA

INTEGRATORI ALIMENTI FUNZIONALI NUTRACEUTICA INTEGRATORI ALIMENTI FUNZIONALI NUTRACEUTICA Dott. Antonio Verginelli Concetto di salute Anni 50: Anni 80: Assenza di malattia Prevenzione 2000: Benessere psico-fisico Assenza di malattia OMS 1948 «La

Dettagli

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari

Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Applicazioni dell acido pinoleico quale inibitore dell appetito in prodotti alimentari Presentazione Obesità Meccanismo d azione Riduzione dell appetito PinnoThin Risultati Applicazioni Claims Obesità

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

OMEGA-life : 1 al giorno per la vita.

OMEGA-life : 1 al giorno per la vita. OMEGA-life : 1 al giorno per la vita. Acidi grassi omega-3 altamente concentrati dal mare. In vendita nelle farmacie e nelle drogherie. 2 Acidi grassi omega-3 grassi di importanza vitale Numerosi studi

Dettagli

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE U.O.S.D. TERAPIA NUTRIZIONALE Centro di Riferimento Regionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare INRCA IRCCS Ancona Responsabile Dott. Paolo Orlandoni MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Metti in tavola cibo e salute: i principi per una sana alimentazione

Metti in tavola cibo e salute: i principi per una sana alimentazione Metti in tavola cibo e salute: i principi per una sana alimentazione Giornata Nazionale della Previdenza Milano 18 maggio 2013 Lucilla Titta Ricercatrice e nutrizionista IEO per Fondazione Umberto Veronesi

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione

Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione G.B. Quaglia 1 1 Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, Via Ardeatina, 546-00178 Roma

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Catalogo 2015 Pet-Food Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo le

Dettagli

Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa

Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa L uomo ha sempre cercato di addomesticare i cavalli a seconda delle esigenze che più gli convenivano, sia per il lavoro che per il divertimento,

Dettagli

EDUCAZIONE AL GUSTO E AL CONSUMO DEI CEREALI MINORI. Convegno CAMMINANDO SENZA GLUTINE VERSO EXPO 2015

EDUCAZIONE AL GUSTO E AL CONSUMO DEI CEREALI MINORI. Convegno CAMMINANDO SENZA GLUTINE VERSO EXPO 2015 EDUCAZIONE AL GUSTO E AL CONSUMO DEI CEREALI MINORI Lavinia Cappella Convegno CAMMINANDO SENZA GLUTINE VERSO EXPO 2015 12 Aprile 2014 INDAGINE SUL CONSUMO DI CEREALI MINORI SENZA GLUTINE ATTIVITA DI EDUCAZIONE

Dettagli

LA DIETA VEGETARIANA

LA DIETA VEGETARIANA LA DIETA VEGETARIANA Le persone che seguono un alimentazione vegetariana sono, a dispetto dell opinione generale, tante. Può essere utile perciò cercare di capire qualcosa di più riguardo questo tipo di

Dettagli

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes La rimonta è il futuro di un azienda, rappresenta un investimento per la redditività a lungo termine. Particolare attenzione

Dettagli

CARBOIDRATI: monosaccaridi

CARBOIDRATI: monosaccaridi CARBO- IDRATI CARBOIDRATI: monosaccaridi Struttura chimica dei due triosi: gliceraldeide (a) e idrossiacetone (b) Esempi di 2 enantiomeri fra gli aldo-esosi e i cheto-esosi Enantiomeri: due stereoisomeri

Dettagli

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio.

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio. Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. NUTRIZIONE Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Azienda USL di Modena DIETISTA DOTT.SSA MARIANGELA CIRILLO Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati.

Dettagli

Alimentazione e sicurezza

Alimentazione e sicurezza Alimentazione e sicurezza I prodotti destinati ad una alimentazione particolare R&D Plada H.J.Heinz I prodotti destinati ad una alimentazione particolare Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione

Dettagli

www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo...

www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo... www.oasy.com Servizio Consumatori Numero Verde 800 555040 Grandi novita per noi amici dell uomo... NO CRUELTY NATURAL QUALITY LOVE OGM & SOIA Pochi legami sono così forti: mentre il tuo cane non ti abbandona

Dettagli

L'INDICE GLICEMICO NELLA PASTA AD ALTO CONTENUTO DI FIBRE

L'INDICE GLICEMICO NELLA PASTA AD ALTO CONTENUTO DI FIBRE L'INDICE GLICEMICO NELLA PASTA AD ALTO CONTENUTO DI FIBRE Enrico Bertoli - Gianna Ferretti - Tiziana Bacchetti (Università Politecnica delle Marche) PREMESSA Numerosi studi hanno riportato che un'alimentazione

Dettagli

L etichettatura nutrizionale

L etichettatura nutrizionale Laura Bersani L etichettatura nutrizionale Novara 30 gennaio 2013 ALIMENTAZIONE NUTRIZIONE Consumatore richiede indicazioni sulla salute INFORMAZIONI NUTRIZIONALI Etichettatura nutrizionale volontaria

Dettagli

I prodotti ittici e la salute umana: Acquacoltura vs selvatico

I prodotti ittici e la salute umana: Acquacoltura vs selvatico UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI Dipartimento di Scienze della Vita e dell Ambiente Laboratorio di Analisi Chimica degli Alimenti - Food Toxicology Unit I prodotti ittici e la salute umana: Acquacoltura

Dettagli

30.5/11.3 FIRST DAY S Alimento completo per cuccioli in fase di svezzamento. First Day s è un alimento completo e bilanciato di qualità superiore, integrato con principi fitoterapici ad attività immunostimolante

Dettagli

Sommario. Dal grano al pane 7. Valori nutrizionali e ingredienti 33. Scegliere quello amico della linea 67. Preparare il pane in casa 99

Sommario. Dal grano al pane 7. Valori nutrizionali e ingredienti 33. Scegliere quello amico della linea 67. Preparare il pane in casa 99 Sommario Le origini Dal grano al pane 7 Le sue virtù Valori nutrizionali e ingredienti 33 LA STORIA LA STORIA LE PROPRIETÀ I benefici Scegliere quello amico della linea 67 LA SALUTE Lavorazione Preparare

Dettagli

GRANCAT ALIMENTI PET FOOD. Linea Vigordog. GRANDOG Alimenti Professionali per Cani Professionisti

GRANCAT ALIMENTI PET FOOD. Linea Vigordog. GRANDOG Alimenti Professionali per Cani Professionisti ALIMENTI PET FOOD La linea PET FOOD VITAVERDE è composta da varie linee di crocchette, da paste, riso, alimenti umidi e sabbie per offrire al cliente una gamma completa. Tale linea è mirata, come nostra

Dettagli

Tema di Scienza e cultura dell alimentazione A cura di Luca La Fauci SECONDA PARTE

Tema di Scienza e cultura dell alimentazione A cura di Luca La Fauci SECONDA PARTE Tema di Scienza e cultura dell alimentazione A cura di Luca La Fauci SECONDA PARTE Quesito 1) Le malattie cardiovascolari sono patologie a carico del cuore e/o dei vasi sanguigni. Rappresentano la principale

Dettagli

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI DIETA VEGETARIANA Nella realizzazione di una dieta vegetariana frequentemente viene seguito un percorso che passa attraverso un procedimento di eliminazione di gruppi di cibi dall architettura tipica della

Dettagli

notizie Le alternative alla carne per vegetariani e non solo Tofu

notizie Le alternative alla carne per vegetariani e non solo Tofu notizie Le alternative alla carne per vegetariani e non solo Quali possono essere le alternative alla carne per vegetariani e non solo? Volendo seguire una dieta bilanciata ed equilibrata, le proteine

Dettagli

Domande e risposte sui Super Omega 3

Domande e risposte sui Super Omega 3 Domande e risposte sui Super Omega 3 Cos è il colesterolo? Il colesterolo è una sostanza prodotta dal nostro organismo e fondamentale per lo stesso. Il fegato umano produce giornalmente da 1 a 2 g di colesterolo

Dettagli

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA, NORMOCALORICA, PRIVA DI FIBRE, GUSTI VARI 250 ML CA 1 381 200 100 681 DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA,

Dettagli

Farine / Semilavorati / Prodotti speciali

Farine / Semilavorati / Prodotti speciali Farine / Semilavorati / Prodotti speciali t r a d i z i o n e i t a l i a n a Farine 00 Farina 00 - Manitoba Farina 00 - Oro Farina 00 - Superiore Farina per pizza napoletana Farina di grano tenero proveniente

Dettagli

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 1. Effetti benefici di una

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli