A.R.A.S. Associazione Regionale Allevatori della Sardegna. Piano Operativo di Assistenza Tecnica (P.O.A.T.)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.R.A.S. Associazione Regionale Allevatori della Sardegna. Piano Operativo di Assistenza Tecnica (P.O.A.T.)"

Transcript

1 A.R.A.S. Associazione Regionale Allevatori della Sardegna Piano Operativo di Assistenza Tecnica (P.O.A.T.)

2 MISURA F/b Benessere animale III Annualità Alimentazione e Dismetabolie degli ovini e dei caprini Foraggicoltura

3 ALIMENTAZIONE Nella realtà zootecnica, nessun allevatore può raggiungere un reale successo se non adotta criteri di alimentazione idonei a salvaguardare il benessere animale.

4 I RUMINANTI

5 FLUSSO ALIMENTO BOCCA Stomaco ghiandolare RUMINE RETICOLO OMASO ABOMASO INTESTINO

6 Digestione Complesso di fenomeni mediante i quali gli alimenti vengono demoliti a sostanze semplici tali da essere agevolmente assorbite Azioni meccaniche Azioni chimiche

7 Apparato digerente 1 porzione bocca faringe esofago Assunzione degli alimenti sezione di Preparazione alla digestione 2 porzione stomaco intestino tenue Sezione digestiva di assorbimento 3 porzione intestino crasso Sezione di espulsione dei residui indigeriti e non assorbiti

8 Masticazione Scopo della masticazione Inumidire il cibo Ridurre il cibo Facilitare la deglutizione Facilitare l'azione degli enzimi - Nella cavità boccale esistono parecchi tipi di ghiandole che costituiscono il complesso delle ghiandole salivari - La saliva è composta per il 99% di acqua - Gli ovini producono l di saliva

9 Stomaco dei ruminanti: 4 ampie cavità PRESTOMACI STOMACO Rumine Reticolo Omaso Omaso Nel lattante i primi 2 stomaci (rumine e reticolo) sono poco sviluppati. Il latte ingerito è incanalato lungo un prolungamento dell'esofago (doccia esofagea) e raggiunge l'omaso e l'abomaso Quando l'agnello comincia a mangiare alimenti solidi la cavità rumine-reticolo aumenta gradualmente di volume sino a raggiungere nell'adulto l'85% della capacità totale degli stomaci. Nell'adulto la doccia esofagea non funziona più.

10 Rumine Reticolo - Il rumine negli ovini ha una capacità di 35 litri. - Nel rumine come negli altri prestomaci mancano le ghiandole. - La superficie interna del rumine è rivestita da fitte papille di forma fogliacea. - Il reticolo ha negli ovini la capacità di 1 2 litri. - Ha forma globosa - L'omaso negli ovini è più piccolo del reticolo. Omaso - La muccosa dell'omaso forma un grande numero di lamine di lunghezza variabile L'abomaso ha negli ovini una capacità di 2 3 litri. Abomaso Ghiandole gastriche propriamente dette L'abomaso presenta 2 formazioni ghiandolari Ghiandole piloriche

11 RUMINAZIONE È il rigurgito del bolo alla bocca dal reticolo, seguito da una rimasticazione (masticazione mericica) e rideglutizione. Consente una migliore digestione meccanica della fibra aumentando la superficie esposta all'attacco batterico. Il rigurgito inizia con la contrazione del reticolo ed il concomitante rilascio dello sfintere esofageo che permette al bolo di raggiungere l'esofago. Il bolo è trasportato nella bocca attraverso movimenti peristaltici intensi. Il fluido del bolo viene spremuto con la lingua e reinghiottito, mentre il bolo viene rimasticato e poi degluttito.

12

13

14 Il rumine, funziona come una grossa camera di accumulo e di fermentazione dove grazie all azione di batteri, protozoi e lieviti l alimento viene degradato

15 Nel rumine Condizioni di anaerobiosi Es: BACTERIOIDES SUCCINOGENES RUMINOCOCCUS FLAVEFACINES Microflora ruminale Batteri: mld/ ml Numero assai inferiore rispetto ai batteri 106/ml, ma essendo più grossi formano un analoga massa Cellulosolitici emicellulosolitici amilolitici proteolitici Protozoi: /ml ruolo non ben conosciuto intensa attività proteolitica Funghi Temperatura nel rumine: C ph :

16 L'intestino: 2 tratti L'intestino tenue è lungo metri, con un diametro di 1 3 cm (ma è suscettibile di ampie dilatazioni 1 tratto Intestino tenue - duodeno - digiuno - ileo Nella parete intestinale si trovano formazioni ghiandolari (ghiandole duodenali e ghiandole intestinali) Fuori dalla parete intestinale si trovano 2 grosse ghiandole: fegato e pancreas che riversano i loro secreti nella cavità intestinale 2 tratto Intestino crasso - cieco - colon - retto L'intestino crasso è lungo circa 6,5 metri

17 ASSORBIMENTO DEI PRINCIPI NUTRITIVI - I principi nutritivi derivanti dalla digestione delle sostanze alimentari sono assorbiti e passano direttamente nel torrente linfatico e/o mediante il fegato nel sistema venoso. - l'assorbimento può avvenire AGV in parte assorbiti dove i principi nutritivi si formano a livello intestinale dalla parete ruminale Diffusione osmosi trasporto attivo Nell'intestino tenue l'assorbimento avviene tramite i villi, mentre nel crasso attraversole numerose micropieghe che svolgono la stessa funzione. - I carboidrati e le proteine vengono assorbite nel sangue nella forma semplice di zuccheri e aminoacidi. - I grassi e sostanze simili sono assorbiti come singoli componenti, (glicerina e acidi grassi), oppure come lipoproteine attraverso un processo fagocitario ad opera delle cellule della muccosa intestinale.

18 ALIMENTAZIONE Una corretta alimentazione è necessaria per assicurare un apporto alimentare adeguato e specifico per ogni categoria animale e per le diverse fasi fisiologiche e livelli produttivi

19 ALIMENTAZIONE CICLO ANNUALE FASE ACCOPPIAMENTO FASE GESTAZIONE FASE LATTAZIONE OGNI FASE FISIOLOGICA RICHIEDE UN ADEGUATO RAZIONAMENTO 19

20 STIMA DELLE RISERVE CORPOREE La pecora deve avere per ogni fase fisiologica il giusto stato nutrizionale. Il metodo più utilizzato si basa sulla stima dello stato di ingrassamento corporeo o Body condition score ( BSC ). Si tratta di tastare il dorso della pecora a livello della regione lombare, cercando di apprezzare la copertura muscolo adiposa delle vertebre e di sintetizzare il giudizio con un punteggio o nota variabile da 1 a 5, con un grado di approssimazione pari ad un quarto di punto ( 0,25 B.C.S.)

21

22 ALIMENTAZIONE I principi nutritivi da apportare con una corretta alimentazione sono: ACQUA CARBOIDRATI PROTEINE GRASSI VITAMINE MINERALI La pecora li richiede tutti e in giusta misura per:

23 ACQUA L'acqua è il costituente maggiormente presente nell'organismo animale, essa deve essere sempre disponibile. Gli animali devono potersi abbeverare almeno due volte nell'arco della giornata Consumi per pecora nel periodo estivo: 6 8 Kg Consumi per pecora nel periodo invernale: 3 4 Kg L'acqua per l'abbeverata deve essere: acqua potabile: acqua rispondente ai requisiti minimi fissati nella direttiva CE 98/83 sulla qualità destinata al consumo umano acqua pulita: acqua dolce che non contenga microrganismi o sostanze nocive in quantità tali da incidere direttamente o indirettamente sulla qualità sanitaria degli alimenti Reg. CE n.852/2004

24 ENERGIA Gli ovini traggono l energia principalmente fermentando gli zuccheri, gli amidi e la fibra contenuta negli alimenti, per Energia è indispensabile per Accrescimento Mantenimento Produzione Lavoro Termoregolazione L'unità di misura dell'energia più frequentemente più utilizzata per l'alimentazione degli ovini è l'unità Foraggera (U.F.) U.F.L.: produzione del latte U.F.C.: produzione carne

25 PROTEINE Le proteine sono i costituenti principali delle cellule e svolgono funzioni plastiche ed enzimatiche Proteine sono indispensabili per Accrescimento Mantenimento Produzione Dal punto di vista nutrizionale, le proteine sono tra i principi alimentari, quelle che concorrono a costruire l organismo e a fornire le basi per le produzioni (latte, carne, lana ecc.).

26 FIBRA La fibra costituisce la parte strutturale di tutti i tessuti vegetali, è digeribile (in minore o maggiore misura) solo con l intervento della microflora ruminale. Stimola la ruminazione Previene acidosi ruminale Incide sulla % grasso latte Previene dismetabolie Fibra è utille perchè La quantità e la qualità della fibra nella razione influenza sia la quantità di alimento ingerito che le fermentazioni ruminali. Per una ottimale funzionalità del rumine è necessario che la razione alimentare contenga circa il 20% di fibra grezza.

27 LIPIDI I lipidi definiti comunemente grassi, accumulati nei tessuti, rappresentano la maggiore riserva energetica per l organismo. Lipidi Accrescimento Mantenimento Produzione sono indispensabili per L organismo animale non ha bisogno di assumere i lipidi con gli alimenti poiché è in grado di sintetizzarli a partire dalla fermentazione degli zuccheri tranne che per l'acido linoleico, acido linolenico, acido arachidonico.

28 MINERALI Svolgono importanti funzioni biologiche sia a livello cellulare, sia nello sviluppo dello scheletro, dei denti, del feto e sono inoltre indispensabili per la produzione del latte Minerali sono indispensabili per Accrescimento Mantenimento Produzione Equilibrio acido-basico Sintesi di enzimi, vitamine, ormoni I minerali non possono essere sintetizzati dagli animali, perciò devono essere somministrati nella dieta in quantità utili a coprirne i fabbisogni

29 VITAMINE Le vitamine sono bioregolatori che insieme ad ormoni e enzimi controllano e regolano tutte le funzioni dell'organismo Vitamine sono indispensabili per Accrescimento Mantenimento Produzione Equilibrio acido-basico Sintesi di enzimi, vitamine, ormoni Le vitamine sono bioregolatori che insieme ad ormoni e enzimi controllano e regolano tutte le funzioni dell'organismo

30 DEVONO Avere: Aspetto e odore gradevole Essere: Appettibili GLI ALIMENTI NON DEVONO Essere: Ammuffitti Polverosi Sudici Contenere: Deiezioni Parassiti Pesticidi 30

31 SCORTE ALIMENTARI AZIENDALI CONCENTRATI kg/anno-capo ERBA Erbai aut.-ver. 5 6 capi/ha-anno Pascoli 2 3 capi/ha-anno FIENO 150 INSILATO Kg/anno-capo kg/anno-capo LATTE

32 CONCENTRATI ENERGETICI AMILACEI Cereali: granelle di orzo, avena, grano, triticale, mais ricchi in amido -altamente energetici basso contenuto in Proteina Grezza (PG) poveri in fibra -alta digeribilità buon contenuto in fosforo basso contenuto in calcio basso contenuto in Zn privi di vit.d e carotene (ad eccezione della granella di mais)

33 CONCENTRATI PROTEICI Semi di leguminose integrali: fave, piselli, lupino, soia, favino Residui dell estrazione dell olio da semi oleaginosi: farina di estrazione di soia, girasole, colza, lino, arachidi Alta concentrazione energetica e proteica A volte alta concentrazione in grassi (soia integrale) La qualità dei concentrati proteici dipende: dal loro contenuto in proteine dalla quota che arriva integra nell intestino (escape ), dove viene digerita dalla composizione in aminoacidi essenziali dalla percentuale di proteine fermentate nel rumine, usate per produrre proteine microbiche

34 Confronto fra la composizione delle granelle di leguminose e di cereali (cannas) Soia seme Pisel lo Favi no Lupino Avena Orzo Grano Mais Proteina gr. 35,1 21,9 27,7 35,1 12,0 12,0 12,5 10,0 Grasso 23,0 1,1 0,9 5,0 6,7 2,2 2,0 4,7 Ceneri 5,8 3,2 3,6 5,5 3,6 2,6 1,9 2,1 NSC 30,0 67,1 60,6 20,6 44,1 64,2 69,6 70,2 NDF (fibra) 19,8 16,5 18,4 33,8 33,6 19,0 14,0 13,0 Lignina 6,9 0,6 0,9 2,3 2,2 1,0 2,1 1,1 Amido 3,7 52,7 44, ,0 60,0 69,0 74,0 alta alta alta Velocità fermentazione amido Altiss. Altiss. Altiss. Bassa

35 Carta foraggera ARAS (2004) Fieno di Avena: NDF, % SS Fieno di avena NDF, % SS = 62.3 ± NDF n. campione Fieno di loietto: NDF, % SS = 60.4 ± Cannas n. campione NDF NDF, % SS Fieno di loietto 60

36 Fieno di Avena: PG e ADL, % SS Carta Foraggera ARAS ( 2004) 14 Prot. Grezza PG o ADL, % SS 12 ADL Fieno di avena PG = 7.0 ± 2.0 ADL = 5.2 ± n. campione Fieno di loietto: PG e ADL, % SS PG ADL Fieno di loietto PG = 8.7 ± 3.0 ADL = 4.6 ± 1.2 PG o ADL, % SS n. campione Cannas

37 Fieno di medica: NDF, % SS 80 Carta Foraggera ARAS (2004) 70 NDF, % SS Fieno di medica n. campione NDF = 45.1 ± 7.1 Fieno di medica: PG, % SS PG = 19.5 ± 3.6 ADL = 6.8 ± PG, % SS n. campione Cannas

38 FASE DI ACCOPPIAMENTO Nel periodo precedente gli accoppiamenti l'alimentazione gioca un ruolo importante: - le pecore che in questo stadio fisiologico si trovano in un buono stato di ingrassamento hanno un tasso di ovulazione superiore a quelle che vi arrivano in condizioni nutrizionali scadenti. Si hanno inoltre importanti ricadute, sulla fecondità, sulla prolificità e sulla concentrazione dei parti. - è opportuno verificare lo stato nutrizionale del gregge un mese prima della prevista data di immissione degli arieti. (B.C.S.> 3.00) - è opportuno somministrare un surplus di concentrati (flushing) nelle due, tre settimane che precedono gli accoppiamenti. Nella fase immediatamente successiva durante la quale si svolge l attecchimento embrionario è bene evitare qualsiasi tipo di stress.

39

40 FASE DI GESTAZIONE L alimentazione in gravidanza influenza in misura rilevante la produzione di latte nella lattazione successiva

41 FASE DI GESTAZIONE Variazione dimensione utero e rumine durante la gravidanza Lo sviluppo dell utero riduce lo spazio per il rumine nella cavità addominale: Ingestione 88 d 143 d 111 d 95 d, twins

42 Preparazione delle pecore al parto e alla lattazione LE INTEGRAZIONI INIZIARLE 45 GIORNI PRIMA DEI PARTI PREVISTI

43 Effetto di due livelli nutritivi durante la gravidanza (Charismiadou et al., 2000; Bizelis et al., 2000) Livello nutritivo ALTO: 110 % dei fabbisogni Livello nutritivo BASSO: 90 % dei fabbisogni Mammella a 140 d di gravidanza Peso (kg) Circonferenza (cm) Lunghezza capezzoli (cm) Peso ghiandola (kg) Cellule secretrici (g) Produzione latte (prime 12 settimane lattaz.) Produzione giornaliera latte (l/d) Variazione Peso (kg nelle prime 7 settimane) Livello nutritivo Alto Basso

44 Bilancio energetico (MJ NEL/d) Ingest. energia (MJ NE/kg PM) Livello nutritivo in gravidanza: Alto Basso LATTE (litri/d) Due livelli nutritivi durante la gravidanza : effetti durante la lattazione (Charismiadou et al., 2000; Bizelis et al., 2000) Giorni lattazione

45

46 Concentrazioni ottimali nella razione di NDF,NFC e PG per pecore in lattazione (Cannas,2002) STADIO LATTAZIONE Inizio Metà Fine NDF ( fibra ) pascolo Al 33% 40% 45% In stalla 28% 30% 35% 32% 25% 40 42% 35% 28% 17-18% 16% 14-15% NFC Al pascolo In stalla Proteina gr. 38% NFC = zuccheri + amidi + pectine

47 ALIMENTAZIONE 47

48 ALIMENTAZIONE DELLA PECORA AL PASCOLO Attività vitali Acqua Carboidrati Proteine Grassi Minerali Vitamine Fibra Erba/Fieno Concentrati Acqua Feci e urine

49 POSSIBILI INCONVENIENTI NEL PASCOLAMENTO Alimentazione delle pecore al pascolo fine inverno inizio primavera ENTEROTOSSIEMIE RIDUCE LA FERTILITA AFFATICA IL FEGATO INDEBOLISCE LA PECORA Caratteristiche dell erba RISCHI + PROTEINE DIARREA - + ZOPPIE FIBRA - LATTE + CELLULE SOMATICHE - GRASSO + UREA - PROTEINE(1) MAMMELLA + EDEMI MAMMARI + RISCHIO DI MASTITI

50 PASCOLO CON POCA ERBA PASCOLO CON MOLTA ERBA Alla mungitura usare mangimi con poca proteina e un buon contenuto in amido e fibra Completare l alimentazione con foraggi conservati e con concentrati. evitare il pascolamento su erbai/prati concimati da poco, specie se piove poco ridurre le ore di pascolamento, mandare le pecore al pascolo quando l erba è meno bagnata a fine mattinata utilizzare la tecnica del 3 pasto per non mandare le pecore al pascolo troppo affamate (usare polpe di bietola o insilato di mais) far controllare da tecnici abilitati il contenuto di urea nel latte RIMEDI Non esistono soluzioni perfette. È possibile limitare i danni utilizzare fieni o insilati di buona qualità se di qualità scadente si avranno molti sprechi durante la mungitura: - usare mangimi proteici se si usano fieni di graminacee o insilati di mais. -usare mangimi con poca proteina se si usano fieni di medica o insilati di erba (loietto). - Se si usano molte granelle o mangimi energetici sostituirli in parte con - polpe di bietola - mangimi fibrosi

51 RAZIONAMENTO DEGLI OVINI DA LATTE

52

53

54 (Combinazione tra alimenti)i

55

56

57

58

59 PROGRAMMA DI RAZIONAMENTO ASSIST.T

60 PROGRAMMA DI RAZIONAMENTO ASSIST.T

61 PROGRAMMA DI RAZIONAMENTO ASSIST.T DA BILANCIARE

62 TURBE DIGESTIVE DISMETABOLIE

63 TURBE DIGESTIVE E DISORDINI METABOLICI ERRORI ALIMENTARI MECCANISMI DIGESTIVI PROCESSI METABOLICI INDIGESTIONE TOSSIEMIA GRAVIDICA ACIDOSI RUMINALE TETANIA DA ERBA METEORISMO RUMINALE EDEMA MAMMARIO TURBE INTESTINALI IPOCALCEMIA ECCESSI PROTEICI

64 TURBE DIGESTIVE INDIGESTIONE DA CARBOIDRATI CONSEGUEN ZE CAUSE Inibizione della motilità ruminale Basso potere tampone per scarsa produzione di saliva Alta velocità di transito degli alimenti Diarrea con feci marrone- grigio Brusco cambiamento a razioni con elevate quantità di carboidrati e basse percentuali di fibra RIMEDI Adeguati apporti di fibra strutturata Evitare cambi repentini di alimentazione Utilizzo di sali tampone ruminali RIMEDI

65 TURBE DIGESTIVE TURBE INTESTINALI CONSEGUENZE CAUSE diarrea perdita di produzione lattea perdita di peso disidratazione insorgenza gastroenterotossiemie Alterazioni alimentari RIMEDI Prevenzione disturbi ruminali Utilizzo di sali tampone intestinali Impiego di lieviti

66 DISTURBI METABOLICI TETANIA DA ERBA CONSEGUENZE CAUSE Pascolamento prolungato su graminacee povere di magnesio Carenza di magnesio nel sangue Spasmi Convulsioni Morte improvvisa degli animali al pascolo RIMEDI Utilizzo di integratori minerali Integrazione della razione con fieno di leguminose

67 DISTURBI METABOLICI IPOCALCIEMIA CAUSE Carenze di calcio Sbilanciato rapporto Ca:P Trasporto Mancanza improvvisa di alimento Pascolamento su piante ricche di ossalato quantitàdi carboidrati e basse percentuali di fibra CONSEGUEN ZE Ipocalciemia ematica Tremori muscolari Tetania Gonfiore ruminale Morte in 6 12 ore se non trattate RIMEDI Adeguato apporto di calcio a fine lattazione Utilizzo di leguminose ricche di Ca

68 1. Le principali dismetabolie degli ovini -Tossiemia gravidica -Iperammoniemia -Enterotossiemia -Acidosi

69 DISTURBI METABOLICI TOSSIEMIA GRAVIDICA CONSEGUENZE CAUSE Insufficiente apporto energetico a fine gravidanza L'animale colpito nel giro di pochi giorni entra in coma e muore. RIMEDI corretta alimentazione degli animali durante l'ultimo periodo di gravidanza ai primi sintomi somministrare alimenti ricchi di ene prontamente assimilabile rgia

70

71

72

73 DISTURBI METABOLICI ECCESSI PROTEICI CAUSE CONSEGUENZE Erbe ricche di proteine degradabili associate a carenze di zuccheri o fibra Alcalosi o acidosi Aumento cellule somatiche Edemi mammari mastiti Zoppie Aumento delle gastroenterossiemie Riduzione della fertilità Affaticamento del fegato Diarrea RIMEDI Utilizzare mangimi pellettati con non più del % di proteine Associare un buon contenuto in fibra % Utilizzare una miscela di amidi che fermentano a diversa velocità Evitare di concimare i pascoli con troppo azoto Non far pascolare gli animali su pascoli concimati di recente Evitare l ingestione di erba bagnata Controllare il contenuto di urea nel latte Controllare le feci Somministrare fieno di buona qualità per la notte

74 DISTURBI METABOLICI EDEMA MAMMARIO CAUSE Eccesso di concentrati nella razione CONSEGUENZE Predisposizione a traumi Predisposizione alle mastiti eccesso di sodio e/o potassio RIMEDI Adeguato razionamento in asciutta

75 Iperammoniemia Le diete per ruminanti dovrebbero contenere un livello massimo di azoto pari al 2.3% in condizioni di produzione. Diete con concentrazioni di N al di sopra del 3% vengono considerate a rischio per l insorgenza di intossicazioni (sindrome ammoniemica). L iperammoniemia corrisponde di solito a situazioni di alterazione contemporanea del metabolismo proteico ed energetico. L iperammoniemia può essere causata anche da fatti non alimentari: parassitosi epatica.

76 TURBE DIGESTIVE ACIDOSI RUMINALE ACUTA CONSEGUENZE CAUSE Eccesso di zuccheri fermentescibili accompagnato da carenza di fibra Gli animali colpiti generalmente muoiono entro le 48 ore, quelli che sopravvivono possono morire successivamente per ruminite o infezioni; le pecore gravide possono abortire RIMEDI Nei casi più lievi è indispensabile rimuovere l'alimento responsabile Nei casi più gravi, qualora gli animali sopravvivano, devono essere trattati con cure specifiche.

77 TURBE DIGESTIVE ACIDOSI RUMINALE SUB-ACUTA CAUSE Prolungata assunzione di razioni con eccesso di energia e carenza di fibra CONSEGUEN ZE scarsa produzione di latte in rapporto all energia contenuta nella razione perdita di peso non giustificata, se rapportata al contenuto energetico della razione aumento delle cellule somatiche zoppie RIMEDI Adeguati apporti di fibra strutturata Utilizzo di sali tampone ruminali

78 Cause: Acidosi Consumo di eccessive quantità di concentrati (accidentale, da errori di razionamento, da errori di modulazione delle variazioni quantitative). ph: se il ph ruminale è al di sopra di 6.2 l acido lattico viene convertito dai batteri in propionico; se il ph è al di sotto di 6.0 i batteri soccombono e l acido lattico si accumula nel rumine. Sintomi depressione, dolori addominali, meteorismo, alterazione e sospensione ruminazione, coma, morte.

79 Acidosi Sintomi - L elevata acidità ruminale determina una acidosi metabolica sistemica; - l acidità causa ulcerazioni ruminali (ruminiti), blocco ruminale, meteorismo, laminite, disidratazione e diarrea; - batteri patogeni attraverso il circolo portale arrivano al fegato e determinano la formazione di ascessi e stati tossico-infiammatori; - emoconcentrazione; ph ruminale fino a valori di 4 o <; - aumento urea, proteine totali ed enzimi plasmatici.

80

81 Enterotossiemia L enterotossiemia (Cl. Perfringens D-C) è fortemente condizionata da errori alimentari, quali: Somministrazione di grandi quantità di concentrati Cambiamenti bruschi di alimentazione - In caso di grossolani errori alimentari l enterotossiemia può comparire anche in animali sottoposti a vaccinazione. - L enterotossiemia può essere anche associata ad altre dismetabolie degli ovini, quali ipocalcemia ed acidosi.

82

83 Effetti della sottoalimentazione sulla funzione riproduttiva della pecora da latte

84 Effetti della sottonutrizione sui processi riproduttivi Depressione frequenza rilascio pulsatile LH, a causa di una riduzione nel rilascio di GnRH; riduzione o arresto dell attività ovulatoria; ritardo nella comparsa dell attività ciclica dopo il parto; aumento della mortalità embrionaria; riduzione della placentazione; riduzione dello sviluppo fetale e della vitalità neonatale; riduzione della produzione e valore protettivo colostro;

85 Relazione tra fattori metabolici, bilancio energetico negativo, comportamento alimentare e riproduzione Bilancio energetico negativo Ipoglicemia Alimentazione + Iponsulinemia? + + Lipolisi + Corpi chetonici? Pulsatilità GnRH B-endorfine - + Steroidi ovarici - Pulsatilità LH

86 Effetti della sottonutrizione sui processi riproduttivi Ritardo nella comparsa della pubertà; riduzione o arresto dell attività ovulatoria; ritardo nella comparsa dell attività ciclica dopo il parto; aumento della mortalità embrionaria; riduzione della placentazione; riduzione dello sviluppo fetale e della vitalità neonatale; riduzione della produzione e valore protettivo colostro;

87 Relazioni tra tossiemia gravidica e risposta immunitaria nella pecora da latte Relazioni tra tossiemia gravidica subclinica, valore protettivo del colostro e immunizzazione passiva dei neonati

88 Significato del colostro Nutritivo (grasso, proteine, lattosio, minerali, vitamine) Protettivo (IgG, IgM, IgA, IgE, componente cellulare)

89 Fattori che influenzano il significato protettivo del colostro Razza Ordine di parto Stato di salute delle madri Chetosi

90 Iponutrizione, gravidanza gemellare,freddo Ipoglicemia Lipomobilizzazione Produzione di corpi chetonici (betaidrossibutirrato, acido acetoacetico, acetone)

91 Il ridotto contenuto di anticorpi antigene-specifici nel colostro delle pecore affette da chetosi subclinica dipende dalla ridotta capacità dell organismo di produrre anticorpi a seguito della stimolazione antigenica.

92 La chetosi subclinica risulterebbe in grado di ridurre l efficacia di interventi vaccinali praticati in gestazione avanzata per consentire il trasferimento colostrale di anticorpi.

93 Prevenzione della tossiemia gravidica Prevenzione delle carenze di selenio Effetti dello stress termico da caldo sull stato metabolico degli ovini

94 Esecuzione ed interpretazione dei profili metabolici nella pecora da latte

95 Valori ematici di riferimento nella pecora da latte Metabolismo energetico-lipidico Parametro range Glucosio (mmol/l) NEFA (mmol/l) β-ohbutirrato(mmol/l) Trigliceridi (mmol/l) Colesterolo (mmol/l)

96 Valori ematici di riferimento nella pecora da latte Metabolismo proteico Parametro range Urea (mmol/l) Creatinina (mcmol/l) Proteine totali (g/l) Globuline (g/l) 32-38

97 Valori ematici di riferimento nella pecora da latte Metabolismo minerale Parametro range Calcio (mmol/l) Fosforo (mmol/l) Magnesio (mmol/l) Sodio (mmol/l) Potassio (mmol/l) Cloro (mmol/l)

98 Valori ematici di riferimento nella pecora da latte Metabolismo minerale Parametro range Zinco (mcmol/l) Ceruloplasmina (mcmol/l) Ematocrito (mcmol/l)

99 Valori ematici di riferimento nella pecora da latte Funzionalità epatica Parametro range GOT/AST (U/l) GGT (U/l) LDH (U/l) Albumine (g/l) Bilirubina (mcmol/l) Fosfatasi alc. (U/l)

100 Valutazione dei parametri ematochimici nella pecora da latte Parametro Valori bassi Valori alti Glucosio Carenza di energia; chetosi. Eccesso di energia; Stress. NEFA / Carenza di energia; stress. BOHB / Carenza di energia Trigliceridi Eccesso di energia; disfunzione epatica. Carenza di energia Colesterolo Eccesso di energia; disfunzione epatica. Carenza cronica di energia.

101 Valutazione dei parametri ematochimici nella pecora da latte Parametro Valori bassi Valori alti Urea Carenza di proteine. Creatinina Mobilizzazione lenta delle proteine muscolari. Eccesso di proteine; eccesso di proteine degradabili (indisponibilità di energia); forte carenza di energia (ox. aminoacidi). Mobilizzazione rapida delle proteine muscolari. Chetosi (danno renale) Proteine totali Carenza cronica; parassitosi gastrointestinali. Globuline / Emoconcentrazione Parassitosi; stati infiamatori.

102 Relazioni tra l urea ematica e l urea nel latte. Urea nel latte, mmol/l Y = 4, ,420553*X, r = 0,93, P < 0,001 9,5 9,0 8,5 8,0 7,5 7,0 6,0 7,0 8,0 9,0 Urea ematica, mmol/l 10,0

103 Valutazione dei parametri ematochimici nella pecora da latte Parametro Valori bassi Calcio Fosforo Stati infiammatori Carenza Eccesso Magnesio Carenza Eccesso Sodio Potassio Cloro Valori alti / / / Stress (da caldo) Eccesso / Stress da caldo

104 Valutazione dei parametri ematochimici nella pecora da latte Parametro Valori bassi Valori alti Zinco Carenza, fatti infiammatori. Eccessi Ceruloplasmin a Carenza (Cu) Ematocrito Carenza (Fe) Stati infiammatori; parassitosi. Emoconcentrazio ne

105 Valutazione dei parametri ematochimici nella pecora da latte Parametro Valori bassi Valori alti GOT/AST / Danno epatico, muscolare. GGT / Danno epatico, colestasi; parassitosi. LDH / Distrofia muscolare (car. Se Vit. E); Disfunzioni epatiche Albumine Riduzione sintesi epatica. Bilirubina / Danno epatico; parassitosi. Fosfatasi alcalina / Colestasi; danno epatico. Emoconcentrazione.

106 COLTIVARE PER ALIMENTARE GLI OVINI

107 COLTURE FORAGGERE TEMPORANEE E/O AVVICENDATE PERMANENTI ERBAI PRATI PERMANENTI PRATI POLIEANNALI PASCOLI Tmax 1 ANNO 1 < T> 10 ANNI T> 10 ANNI NON IMPIANTATI

108 MODALITA' DI UTILIZZAZIONE CONSUMO DIRETTO PASCOLO CONSUMO INDIRETTO FIENAGIONE INSILAMENTO

109 COLTURE DA GRANELLA GRAMINACEE AVENA, ORZO, MAIS, TRITICALE LEGUMINOSE PISELLO, FAVINO, LUPINO

110

111 PASCOLO - LIBERO O BRADO - CONTROLLATO * P. RAZIONATO gli animali permangono 1 giorno solo nello stesso appezzamento a pascolo * P. A ROTAZIONE gli animali permangono da 7-15 gg nello stesso appezzamento a pascolo * P. SEMIBRADO- gli animali permangono da gg nello stesso appezzamento a pascolo

112 UTILIZZAZIONE RAZIONALE PASCOLO - utilizzare un congruo carico di animali per ettaro - non azzerrare l'altezza dell'erba - dare un sufficiente tempo di ricostituzione vegetativa dopo ogni pascolata - evitare lo sviluppo di infestanti più è lungo il tempo di permanenza in un pascolo - maggiore è la scelta delle essenze ed aumentano le infestanti - più aumenta il calpestamento

113 IL MIGLIORAMENTO DEL PASCOLO E' NECESSARIO SE: - IL PASCOLO NON E' PIU' FITTO - SONO PRESENTI MOLTE ESSENZE NON PASCOLATE - SONO PRESENTI MOLTE INFESTANTI RICORRENDO A: CONCIMAZIONE MIRATA TRANSEMINA O RISEMINA MISCUGLI

114

115 ERBAI AUTUNNO - VERNINI ORZO, AVENA, LOIETTO, TRITICALE, TRIFOGLI ERBAI ESTIVI SORGO

116 ERBAI MONOFITI una sola essenza ORZO, AVENA, TRITICALE, TRIFOGLI ANNUALI ERBAI POLIFITI più essenze ORZO + TRIFOGLI ANNUALI LOIETTO + TRIFOGLI ANNUALI

117 PRATI POLIEANNALI MONOFITI medica, ladino in irriguo POLIFITI trifoglio subterraneum+ loiessa PRATI PERMANENTI POLIFITI dactilis + loglio perenne in irriguo

118 COME IMPIANTARE UNA FORAGGERA - LAVORAZIONE DEL TERRENO - CONCIMAZIONE - PREPARAZIONE DEL LETTO DI SEMINA - SCELTA ESSENZA/VARIETA' - DOSE DI SEMINA - PROFONDITA' - ERPICATURA/ RULLATURA

119 LAVORAZIONI METODO TRADIZIONALE aratura, erpicatura, semina, erpicatura/rullatura LAVORAZIONE MINIMA scarificatura con ripper, (erpicatura), semina, erpicatura ERPICATURA erpicatura, semina SEMINA SU SODO seminatrice da sodo

120

121 SEMINA SU SODO

122 VANTAGGI MINIME LAVORAZIONI

123 QUALE ESSENZA SCEGLIERE? - temperatura, piovosità - tipo di suolo - giacitura - utilizzazione

124

125 QUALE VARIETA'SCEGLIERE? - precocità - longevità - adattabilità - resistenza

126 COLTURA PURA O CONSOCIATA? - tipo di suolo - avvicendamento - utilizzazione

127

128

129

130

131 COME CONCIMARE? - Erbai / Prati Graminacee - Urea, nitrati - Erbai/ Prati Gra- Leg fosfato biamm. - Erbai/ Prati Leguminose --- Fosfato biamm.

132

133

134

135

136

137

138

139

140 PRODUZIONE FIENO DI MEDICA I ANNO 1 Taglio 2 Taglio 3 Taglio q/ha q/ha q/ha II ANNO 1 Taglio 2 Taglio 3 Taglio q/ha q/ha q/ha III ANNO 1 Taglio 2 Taglio 3 Taglio q/ha q/ha q/ha Produzione media 3 anni q/ha

141 cv. da pascolo Alphagraze Da Tomasoni -CRPA

142 Da Tomasoni -CRPA

143 Da Tomasoni -CRPA

144 Da Tomasoni -CRPA

145 Da Tomasoni -CRPA

146 Da Tomasoni -CRPA

147

148

149 PRODUZIONE LADINAIO ANNO 1 taglio 2 taglio I ANNO 1 taglio 2 taglio 3 taglio 4 taglio 5 taglio PRODUZIONE MEDIA LADINO q/ha erba q/ha fieno q/ha erba q/ha erba q/ha fieno q/ha fieno q/ha fieno q/ha erba q/ha erba

150

151 PRODUZIONE SULLAIO I ANNO 1 taglio pascolo q/ha fieno q/ha erba II ANNO 1 taglio pascolo q/ha fieno q/ha erba PRODUZIONE MEDIA q/ha fieno q/ha erba

152 CI SONO PIANTE ANNUALI CHE SI COMPORTANO DA P. POLIENNALI - TRIFOGLIO SOTTERRANEO - LOIETTO ITALICO - SERRADELLA - BISERRULA

153 TRIFOGLIO SOTTERRANEO T. S. SUBTERRANEUM cv. DALKEITH, SEATON PARK predilige i terreni sciolti, acidi e sub-acidi. Teme il ristagno T. S. BRACHYCALYCINUM CV. ROSEDALE, CLARE adatto a terreni pesanti ed sub-alcalini T. S. YANNINICUM CV. TRIKKALA, LARISA non tollera terreni sub-alcalini, sopporta il ristagno

154 TRIFOGLIO SOTTERRANEO PIANTA è una leguminosa annuale autoriseminante, con geotropismo delle infiorescenze interramento dei semi. Alta percentuale di semi duri banca di seme. Adatta ad ambienti siccitosi e terreni acidi COLTIVAZIONE si adatta anche alla semina su sodo. Semina autunnale, dose Kg/ha Profondità seme 1-2 cm DURATA 3-4 anni. Non pascolare dopo la formazione dei semi per consentirne l'interramento. PRODUZIONE ERBA qtq/ha qss/ha cv. CLARE

155

156

157 SERRADELLA Serradella gialla - Ornithopus compressus a fiori gialli cv. CHARANO, SANTORINI, KING Serradella rosa - Ornithopus sativus a fiori rosa cv. CADIZ PIANTA poco esigente, adatta a terreni sabbiosi e acidi con range di ph 4-7 AREALE Centro-Sud Italia ambienti poco piovosi mm COLTURA Prato di 2-3 anni. Dose semina 8-10 Kg/ha in purezza 2-4 Kg/ha in miscuglio Profondità semina 1 cm PRODUZIONE ERBA qss/ha qtq/ha

158 BISERRULA BISERRULA Biserrula pelecinus CV. CASBAH, MAURO PIANTA poco esigente, adatta a terreni sabbiosi e acidi. Non tollera ristagno idrico. AREALE Centro-Sud Italia ambienti poco piovosi mm COLTURA Prato di 2-3 anni. Dose semina 7-10 Kg/ha in purezza 1-4 Kg/ha in miscuglio Profondità semina 1-2 cm PRODUZIONE ERBA qtq/ha qss/ha

159 BISERRULA Piovosità Giorni alla fioritura Livello semi duri % Utilizzazione SFALCIO SFALCIO PASCOLO 0 0 Produzione seme kg Tolleranza ristagno

160

161 RODUZIONE ERBA FORAGGERE GRAMINACEE qtq/ha ERB. AVENA ERB. ORZO ERB. LOIESSA ERB. TRITICALE ERB. MAIS CER. ERB.SORGO qss

162 PRODUZIONE ERBA FORAGGERE LEGUMINOSE qtq/ha ERB. FAVINO TRI. SQUARROSO TRI. RESUPINATO TRI.ALESSANDRINO TRI. INCARNATO TRIF.SOTTER.media anno BISERRULA media anno SERRADELLAmedia anno qss/ha

163 CICORIA CICORIA- Chicorium intybus cv. Grouse, Puna PIANTA perenne, a foglie larghe ed ampie. con sviluppo a rosetta con radice fittonante profonda. AREALE Centro-Sud Italia Si sviluppa in terreni umidi e caldi. Si adatta anche a terreni acidi. COLTURA Dose seme in purezza 2-3 Kg/ha Dose seme in miscuglio 1-2 Kg/ha

164 PRODURRE I CONCENTRATI IN AZIENDA - CEREALI ORZO, AVENA - LEGUMI FAVINO, FAVA, PISELLO apportano zuccheri apportano proteine CONVIENE ORA CEREALI E LEGUMI HANNO PREZZI ALTI DOBBIAMO RIDURRE IL COSTO DELLA RAZIONE

165

166 FAVINO ORD. LEGUMINOSE FAM. Papiolionacee specie Vicia faba PIANTA annuale di rapido sviluppo a portamento eretto, germina a 5 C ma teme il freddo nelle prime fasi vegetative poi resiste sino a -6 C. ADATTABILITA' adatta a terreni pesanti,argillo-calcarei, rifugge terreni sciolti e poveri di humus. COLTURA semina autunnale in file distanti tra cm. con dosi di semina di Kg/ha, apporta N Kg/ha necessita di P. PRODUZIONE Granella 2-5 t/ha Trinciato 6 t/ha

167

168 PISELLO ORD. LEGUMINOSE FAM. Papiolionacee specie Pisum sativum PIANTA annuale glabra con portamento eretto a sviluppo indeterminato e fioritura scalare. ADATTABILITA' pianta microterma resiste al freddo 8 C ma è sensibile in germinazione 4 C. Non tollera tereni asfittici e ristagno idrico. COLTURA semina autunnale in file distanti tra cm. con dosi di semina di Kg/ha, apporta N Kg/ha necessita di concimazioni fosfatiche PRODUZIONE Granella 3,5-4 t/ha Trinciato

169 LUPINO BIANCO LUPINO AZZURRO ORD. LEGUMINOSE FAM. Papiolionacee specie Lupinus albidus l. angustifolius PIANTA annuale glabra con portamento eretto con altezza di circa 1,5 mt ADATTABILITA' cresce bene nei terreni acidi non tollera i terreni calcarei. Non sopporta i terreni asfittici e il ristagno. COLTURA semina autunnale in file distanti tra 2535 cm. con dosi di semina di Kg/ha, apporta N Kg/ha necessita di concimazioni fosfatiche PRODUZIONE Granella 2,5-3,5 t/ha Trinciato

170

171

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole,

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, macchina monoseme ha 63,00 Con concimazione localizzata ha

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b Schema presentazione La produzione di latte ovino Il costo di produzione del latte ovino: Costi aziendali Costi di sistema Interazione fra prezzo, costi di

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. Dipartimento di Agraria. Corso: Tecniche di allevamento animale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI. Dipartimento di Agraria. Corso: Tecniche di allevamento animale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento di Agraria Corso: Tecniche di allevamento animale Bovini da carne (Aspetti della linea vacca-vitello) Docente: Prof. Gianfranco Greppi Studente: Gianluigi

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

LA SOSTANZA ORGANICA NEL TERRENO Nel terreno la S.O. si trova in differente stadi di evoluzione: \

LA SOSTANZA ORGANICA NEL TERRENO Nel terreno la S.O. si trova in differente stadi di evoluzione: \ LA SOSTANZA ORGANICA NEL TERRENO Nel terreno la S.O. si trova in differente stadi di evoluzione: \ Gli attori della umificazione Lombrichi Assicurano il mescolamento nel suolo dei residui organici Portano

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli