CATALOGO PROGETTO P. O. N. G R E E N S C H O O L ANNO SCOLASTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CATALOGO PROGETTO P. O. N. G R E E N S C H O O L ANNO SCOLASTICO 2009-2010"

Transcript

1 CATALOGO PROGETTO P. O. N. G R E E N S C H O O L ANNO SCOLASTICO

2 La valenza del progetto GREEN SCHOOL facente parte del PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE - Fondo Sociale Europeo 2007/2013 si è manifestato sia nel campo della conoscenza scientifica sia nel campo dei comportamenti attraverso il raggiungimento di obiettivi per formare una società consapevole nell avere uno sviluppo cosciente e compatibile con l ambiente. Abilità e conoscenze di Scienze naturali integrate, abilità operative degli studenti, opportunamente guidati dall Insegnante, hanno permesso di realizzare, nell anno scolastico , questo progetto che ha visto i medesimi studenti attori di un lavoro che ha materializzato un prodotto, un ERBARIO, che rimarrà negli anni una mostra permanente presente n e l l a n d r o n e d e l l I. T. I. S. Euclide di Caltagirone. IL DIRIGENTE dott. Michele Novello 2

3 Presentazione Legambiente nasce a Caltagirone nel 1980 e quest anno festeggia il suo trentesimo compleanno. In tutti questi anni generazioni di calatini hanno avuto sempre al loro fianco la presenza della nostra associazione come punto di riferimento sulle tematiche ambientali. Nel tempo ci siamo formati crescendo assieme ai nostri soci ma soprattutto assieme ai nostri giovani di ogni generazione. Un tempo sinonimo di ambientalismo era la follia. Quante volte siamo stati presi per pazzi idealisti! Ma il tempo ci ha dato ragione ed oggi non c è nessuno che si sognerebbe di prescindere dall ambientalismo anzi, direi che assistiamo financo ad un abuso nell uso del termine di ambientalismo. La battaglia che originò la nascita della Legambiente a Caltagirone fu l istituzione della Riserva Naturale Orientata di Santo Pietro quando parlare di riserva significava impattare contro interessi della forestazione produttiva ed il bosco così com era non era vissuto come una risorsa ma come un ostacolo allo sviluppo di un agricoltura molto remunerativa ma anche molto invasiva. Sin da allora fu chiaro che il fronte dell ambientalismo non poteva non passare dalla formazione dei giovani. Così l associazione ha sempre riservato la maggior parte delle proprie energie nella formazione dei giovani promuovendo costanti campagne di educazione ambientale coerentemente con la filosofia che per poter salvaguardare un bene bisogna prima conoscerlo. L ITIS Euclide da oltre un decennio collabora con la Legambiente nella formazione degli allievi. In questi anni si è passati dalle campagne per la difesa dell acqua come bene comune, ai corsi di orientiring, dalla campagna Puliamo il mondo a nontiscordardime, da Salvalarte alla campagna per il recupero dei computer dismessi, dalla campagna di informazione sui rifiuti elettrici ed elettronici ai corsi di formazione IFTS per tecnico ambientale sull inquinamento elettromagnetico in collaborazione con l Università degli studi di Catania. Quest anno abbiamo voluto concentrare la nostra attenzione sul verde che circonda il quartiere su cui insiste la nostra scuola. Siamo partiti dalla constatazione che molti dei nostri alunni, pur provenendo da famiglie contadine, sconoscono le piante spontanee. Così partendo dall osservazione dello spazio calpestato quotidianamente con indifferenza, siamo passati all osservazione ed all analisi scientifica delle piante spontanee raggruppandole per Famiglie e Specie. L erbario che i ragazzi guidati sapientemente dal prof. Giovanni Belvedere hanno realizzato non vuole essere un punto di arrivo del corso, ma una nuova partenza per gli studenti degli anni successivi. Le immagini e le specie raccolte sono diventate mostra permanente così le mura della scuola parleranno a coloro che verranno dopo, e faranno da stimolo alla conoscenza del territorio circostante. Sebastiano Russo (Presidente di Legambiente Caltagirone) 3

4 PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE F. S. E. Competenze per lo Sviluppo" 2007 IT 05 1 PO 007 C. P. N.: C-1- FSE Progetto di Scienze Integrate: BIOLOGIA PROGETTO: G R E E N S C H O O L Le lezioni del modulo di Biologia relative al Progetto P.O. N GREEN SCHOOL sono state svolte nei modi e nei tempi preventivati. Il Progetto è stato attuato per gli alunni del biennio dell I.T.I.S. di Caltagirone, provenienti da classi diverse ed ha previsto la realizzazione di un ERBARIO. L ERBARIO è stato concepito come una collezione di piante spontanee, o di parti di esse, pressate, essiccate e preparate su fogli di carta. Lo strumento essenziale per la conservazione dei campioni di piante è stata la pressa. I vegetali raccolti sono stati compressi ed essiccati tra fogli di giornale. Pressati in questo modo i campioni raccolti hanno perso umidità, che la carta ha assorbito rapidamente. In linea di massima queste sono state le "tappe" seguite: - acquisizione di conoscenze di base per la realizzazione di un erbario; - studio e classificazione delle piante da raccogliere; - visita all'area verde dell Istituto e/o aree verdi adiacenti all Istituto dove prendere "confidenza" con le piante da campionare; - raccolta di campioni di piante erbacee spontanee caratteristiche; - essiccamento e pressatura dei campioni di piante in laboratorio; - allestimento dell' ERBARIO con campioni essiccati,fotografie e schede collocati in appositi espositori cornici per realizzare dei quadri a finalità didattica (mostra permanente) che hanno guarnito le pareti dell androne e dei corridoi dell Istituto. La catalogazione delle sedici SPECIE appartenenti a dodici FAMIGLIE di vegetali che fanno parte dell ERBARIO è stata coadiuvata dall'uso opportuno del computer per la realizzazione di schede in word arricchite di dati storici e geografici. Durante lo svolgimento del progetto, LEGAMBIENTE - Circolo il Cigno Onlus di Caltagirone ha prestato collaborazione e assistenza a titolo gratuito. Le lezioni svolte hanno avuto prevalentemente una impostazione laboratoriale. La partecipazione attiva degli alunni nei riguardi del lavoro didattico durante la realizzazione del progetto ha permesso il pieno raggiungimento degli obiettivi formativi specifici e trasversali preventivati. Le lezioni svolte hanno avuto come obiettivi primari il far conoscere l utilizzo di attrezzature quali, il microscopio binoculare stereoscopico, la telecamera adatta alle visioni in macro, il proiettore, il computer; la struttura generica dei vegetali; il criterio morfologico (a partire dal fiore) per catalogare in un ERBARIO alcune piante che caratterizzano il nostro territorio; i materiali e le metodologie per allestire un ERBARIO, sviluppare lo spirito d osservazione, la curiosità e la manualità, imparare a lavorare in gruppo, avere competenze di base in scienza e tecnologia, promuovere l osservazione e la sperimentazione sul campo. 4

5 E stata privilegiata in questa occasione la manualità, quindi le esperienze, impiegando gli strumenti di laboratorio. I ragazzi hanno partecipato con interesse al dialogo educativo mettendo in pratica quello che è stato appreso in teoria nelle lezioni frontali. Per spingere l interesse degli alunni verso lo studio della Biologia vegetale è stato necessario procedere metodologicamente dal macro al micro e non viceversa; hanno conosciuto a fondo prima il concetto dei livelli d organizzazione dei viventi per poi passare, in seguito, all aspetto microscopico. Gli allievi hanno sperimentato direttamente le modalità operative di un laboratorio contemporaneo, utilizzando lo strumento per conoscere direttamente la morfologia dei vegetali, del fiore, dei frutti nella loro struttura e ciò li ha reso soddisfatti, attori nel poter fare, capire lavorando, lavorare al banco, vedere gli strumenti, come in effetti funzionano. L aspetto educativo dell esperienza si è realizzata proprio nel sostituire le aspettative illusorie del fare teorico, derivanti da una didattica esclusivamente astratta, con la conoscenza del fare scientifico, aspettative reali proprie del piacere di compiere la ricerca. Durante i lavori è stato preso in considerazione, in particolare, l aspetto di grande rilevanza, legato alla crescita culturale e civile degli studenti: l educazione ambientale. Questo aspetto ha rappresentato una sorta di filo conduttore nello svolgimento del Progetto in quanto, oltre a suscitare l interesse degli allievi, di certo ha contribuito al loro arricchimento culturale. È stato di fondamentale importanza il forte supporto di esperienze di laboratorio: l applicazione di un corretto metodo scientifico e l osservazione diretta della natura; tale approccio è, infatti, indispensabile per un valido insegnamento/apprendimento delle Scienze. E stata prevista la pubblicazione del CATALOGO, contenente schede, immagini e foto del le dodici FAMIGLIE e dei diciassette esemplari (GENERI, SPECIE E VARIE TA ) dell ERBARIO. Si evidenzia che le informazioni terapeutiche riguardanti le piante officinali riportate nel CATALOGO hanno solo un fine espositivo e non sono in alcun modo riferibili né a prescrizioni né a consigli medici. Hanno collaborato con estrema assiduità con l ESPERTO, dimostrando zelo, gli alunni DI MARTINO, GENTILE, GERBINO, SAMMARTINO, VESPO, VICARI. Il collega Prof. Sebastiano Russo, Presidente della sezione di Caltagirone di LEGAMBIENTE, ha collaborato alla attuazione del Progetto, soprattutto per la realizzazione del CATALOGO. Caltagirone, L INSEGNANTE ESPERTO (prof. Giovanni Belvedere) 5

6 Famiglia delle Apiaceae (Ombrellifere) Daucus carota L. Carota selvatica Pianta erbacea biennale con radice carnosa con odore di carota. Fusto eretto ispido, ramoso in alto, alto fino a due metri; tutta la pianta è scabra per la presenza di peli rigidi. Le foglie, con picciolo amplessicaule, sono due o tre-pennatosette con segmenti dentati. I fiori sono raccolti in ombrelle con raggi; i peduncoli di queste sono eretti durante la fioritura e si arcuano alla maturazione facendo convergere al centro le ombrellette fruttifere. I fiori sono bianchi o rosei; quello centrale è sterile, di colore porpora scuro. Formula fiorale: K5, C5, A5, G 2. Frutto: diachenio. Vive nei prati, lungo i sentieri e negli incolti da m s.l.m. Fiorisce da maggio ad ottobre. Proprietà farmaceutiche: Vitaminizzanti, diuretiche, aperitive antiinfiammatorie. (Droga usata: radici e semi). I frutti vengono usati per l'infuso allo scopo di stimolare l'appetito e facilitare la digestione. Uso in cucina: La carota selvatica non ha particolare interesse culinario. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 6

7 7

8 Famiglia delle Borraginaceae Borrago officinalis L. Borragine comune - Borage Pianta erbacea annua alta da 15 a 70 cm con fiori blu a forma di stella con in mezzo un cono prominente di stami che circondano lo stimma e con foglie senza stipole, è cosparsa di grosse setole pungenti. I fiori, ermafroditi e attinomorfi, sono riuniti in infiorescenze a cima scorpioide. La formula fiorale, è la seguente: K (5), [C (5), A 5], G (2). Infestante in orti e campi, fiorisce dalla primavera all'autunno. Cresce nei luoghi coltivati, nelle siepi, nei ruderati, da m s.l.m. Proprietà e possibili usi in terapie: azione ipocolesterolemizzante, quella antidermopatica e depurative, emollienti, può essere usata nella preparazione di infusi diuretici e per la cura di leggere forme catarrali delle vie respiratorie. Vengono usate le sommità fiorite. Uso in cucina: le foglie giovani e tenere si possono utilizzare, lessate, come verdura di contorno oppure nella preparazione di ripieni, di frittate, di torte salate e sono ottime se cotte in pastella. I fiori freschi, dal delicato sapore di cetriolo, decorativi, sono ideali da aggiungere alle insalate miste, ai formaggi morbidi, o da mettere a macerare nell'aceto bianco che tingono piacevolmente di azzurro. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 8

9 9

10 Famiglia delle Compositae Chrysanthemum coronarium L. Fior d'oro - Crown daisy Pianta erbacea annuale (o biennale) alta fino a 1,2 m, con foglie divise profondamente, capolini con fiori centrali tubulosi, gialli, e fiori periferici sterili) ligulati, gialli con tre scanalature longitudinali. Originaria delle regioni mediterranee, questa specie, infestante, ruderale, presenta portamento eretto e ramificato. Le foglie, di colore verde chiaro, sono profondamente divise. Dal periodo che va da maggio - luglio produce capolini, larghi 3-5 cm, gialli. Frutto: achenio. Formula fiorale: K 0, C (5), A (5), G 2 infero. Secondo quanto emerge dagli studi recenti, il foraggio ricavato dal Chrysanthemum coronarium L. risulta gradito agli ovini, nei quali stimolerebbe la produzione di latte. Inoltre, il crisantemo continua a fornire copiose quantità di foraggio anche durante la stagione primaverile, a differenza di altre specie da pascolo, il cui valore nutritivo si riduce assai a fine inverno. Nell antica Grecia il Chrysanthemum, o fiore d oro, ornava i luoghi di culto e le statue degli eroi. Fiore immortale, dunque, che in Estremo Oriente incarna il simbolo della vita e della nobiltà. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 10

11 11

12 Famiglia delle Cruciferae Capsella bursa pastoris L. Borsa del pastore Caratteristiche: Pianta erbacea annuale (a volte biennale); fusto eretto fino a 80 cm. Foglie basali riunite in rosetta; quelle del fusto sono sessili. Fiori inseriti sui racemi, senza foglie, che si allungano durante la fioritura. Formula fiorale: K2+2 C4 A 2+4 G(2). I frutti sono siliquette a base triangolare. Habitat: Nei luoghi coltivati, lungo le strade, ma anche sui muri, negli incolti e nelle radure dei boschi, da m s.l.m. La radice è fittonante, legnosa. le foglie basali, picciolate, sono lanceolate spatolate, le foglie cauline sono lanceolate indivise, sessili, alterne. L'infiorescenza, molto sviluppata, viene definita come racemo lasso. Proprietà farmaceutiche: antiemorragiche, regolatrici del flusso mestruale, cura le diarree e le varici; Le giovani foglie possono essere mangiate come insalata dei campi e dicono abbia proprietà contro l'ipertensione (Droga usata: la parte aerea della pianta). Uso in cucina: Usata nelle insalate e nelle minestre primaverili (rosetta basale). CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 12

13 13

14 Famiglia delle Cruciferae Eruca sativa Mill Rucola selvatica E una pianta erbacea annuale della famiglia delle Brassicaceae (Cruciferae), conosciuta fin dai tempi antichi, originaria dell'area mediterranea e dell'asia centro-occidentale. Cresce fino agli 800m s.l.m. nei campi e luoghi incolti. Le foglie sono usate fresche a scopo culinario e apprezzate per il loro sapore deciso. Caratteristiche: fiori bianco giallastri o violacei con vene porporine o violette; foglie succose a lobi dentati. Il frutto è una siliqua allungata quasi cilindrica; fusto eretto. Le piante mantengono la vegetazione anche in inverno. Formula fiorale: K2+2 C4 A2+4 G(2), ovario supero. Proprietà farmaceutiche: stimolanti, antiscorbutiche. Uso in cucina: Apprezzata come condimento. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 14

15 15

16 Famiglia delle Graminacee Avena fatua L. Avena selvatica - Wild oats Pianta infestante annuale a radici fascicolate avventizie, culmo con foglie alterne dalla nervatura parallela, lungamente guainanti l internodo. Formula fiorale: P 2-3, A 3, G (1). L infiorescenza è una pannocchia con rachide lasso i cui ultimi rami terminano in una spighetta portante a maturità 2 o 3 frutti, quasi cilindrici, avvolti da glumelle. La fioritura va da marzo a luglio. Fa' parte di un genere originato in Eurasia e nord Africa con circa 15 specie, di cui una e' coltivata. Fu descritta già da Plinio il Vecchio. Proprietà ed utilizzi : I chicchi d'avena, cariossidi (frutti), se raccolti ed essiccati, si conservano nel tempo; possono essere cotti interi, o comunemente macinati in una farina e utilizzati allo stesso modo di quelli dell' avena coltivata, come porridge, per fare biscotti, pane, ecc. Si può far germogliare i chicchi per mangiarli crudi o cotti in insalate, stufati, ecc Il chicco tostato è un surrogato del caffè. Rispetto ad altri cereali, l'avena è un alimento ricco di proteine, grassi, fibre (dal 12 al 14%) e carboidrati. Se si consumano come chicchi tostati, l'avena è un'ottima fonte di proteine e di tiamina o vitamina B1. Ha una buona percentuale di lisina. Può usarsi nelle convalescenze e nell'allattamento, contro le emorroidi, contro insonnia e disordini dell'appetito; regola la tiroide, regola il colesterolo, rinforza tendini e ossa. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 16

17 17

18 Famiglia delle Iridaceae Gladiolus communis L. Spadacciola Gladiolus Il gladiolo comune è una pianta erbacea bulbosa perenne infestante dei seminati, a fiori rossi in spighe che sbocciano in modo acrotono alla sommità di robusti steli avvolti per buona parte della sua lunghezza dalle 3-5 foglie., raggiunge le dimensioni di 0,5-1 m, fiorisce da Aprile a Giugno. Formula fiorale: P 3+3, A 3, G (3) (Ovario Infero). Le foglie sono lunghe e acuminate, a lama di spada, con nervature rilevate e parallele. Il corpo da cui il Gladiolo prende origine non è, come erroneamente viene definito, un vero e proprio bulbo ma è piuttosto un bulbo-tubero. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 18

19 19

20 Famiglia delle Labiatae Lavandula angustifolia Miller Lavanda o spigo - Lavender Pianta con una base legnosa bruna e senza foglie da cui si sviluppano numerosi fusti erbacei, alti fino a 70 centimetri, a sezione quadrangolare grigio. Le foglie sono opposte, lanceolato-lineari gradatamente ristrette in un apice acuto, con il margine ripiegato verso la superficie inferiore; le cui superfici sono bianco-tomentose. L'infiorescenza è terminale che nella sua parte superiore manca di foglie; talvolta si hanno infiorescenze laterali inserite all'ascella delle ultime foglie. I fiori sono riuniti in verticilli a formare una specie di spiga; essi hanno un calice tubulare, tomentoso e di colore bluastro, terminato da cinque denti piccoli; la corolla è tubulare e termina alla fauce in due labbra. Gli stami sono quattro di cui due trasformati. Formula fiorale: K5 C5 A2-4 G2. Il frutto è un tetrachenio allungato, posto alla base del calice persistente. Cresce nei luoghi aridi e sassosi da 0 a 1800 m, da maggio a settembre. Proprietà farmaceutiche: Ha proprietà antisettiche e sedative; per uso esterno in frizioni stimolanti, deodoranti, antireumatiche. (Droga usata: sommità fiorite). Uso in cucina: Molto usata nella produzione dei profumi. Anche se il suo sapore è amarognolo ma molto gradevole, è difficile che la lavanda venga utilizzata per aromatizzare le pietanze. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 20

21 21

22 Famiglia delle Malvaceae Malva silvestris L. Malva selvatica E' una pianta erbacea biennale o perenne, radice carnosa, con diramazioni secondarie, l'altezza del fusto può arrivare a un metro. Le foglie sono tondeggianti, peduncolate, divise in lobi, tomentose. I fiori peduncolati con petali bilobati di colore rosa-violaceo, compaiono dalla primavera all'autunno con stami raccolti a colonna attorno al pistillo. Formula fiorale: K5, C5, A, G (10-12). Frutto: achenio. Cresce da Maggio ad agosto in terreni ricchi, porosi, sui cigli delle strade submontane, da m s.l.m. Proprietà farmaceutiche: La Malva ha proprietà antinfiammatorie, leggermente lassative, emollienti e lenitive; è' utilizzata nei casi di bronchiti, per regolare le funzioni intestinali, e come emolliente della bocca e della gola. Per uso esterno, trova applicazione come collutorio, nei casi di ascessi dentari, afte, stomatiti. (Droga usata: foglie e fiori). Uso in cucina: grazie alla tollerabilità, può e deve essere assunta con costanza, giornalmente. E un'eccellente pianta alimentare, si utilizzano sia le foglie sia i teneri germogli. Dal sapore leggermente dolciastro è utile per realizzare risotti rinfrescanti. Nelle insalate miste di stagione mescolando alle verdure qualche foglia e fiori di malva tagliuzzata, si arricchisce l'insieme di proprietà salutari. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 22

23 23

24 Famiglia delle Papaveraceae Papaver rhoeas L. Rosolaccio - Common poppy Caratteristiche: Pianta erbacea annuale alta cm con steli pelosi eretti, setolosi, contenenti un lattice biancastro. Le foglie pelose sono pennato-sette. I fiori larghi 5-7 cm hanno 4 petali di color rosso scarlatto con due sepali precocemente caduchi. Formula fiorale: K2, C2+2, A, G. Il frutto è una capsula poricida. Cresce tra i ruderi, nei campi coltivati e ai margini delle strade da m s.l.m. Antesi da Aprile a Giugno. Proprietà farmaceutiche: Sedative, emollienti, antitosse. (Droga usata: petali). Uso in cucina: Le tenere rosette delle foglie primaverili sono commestibili. Vengono usate per minestre e ripieni. I semi vengono usati per aromatizzare i dolci e anche il pane. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 24

25 25

26 Famiglia delle Papilionaceae Spartium junceum L. Ginestra - Spanish broom Pianta arbustiva, alta sino a 2 m, con fusto eretto o ascendente, cilindrico, fibroso, cavo, fotosintetizzante. Le foglie sono semplici, sessili o brevemente picciolate, rade e distanziate sul caule, con margine intero, glabre, di colore verde scuro, presto caduche alla fioritura. Antesi: da aprile ad agosto. Formula fiorale: K (5), C 5, A (9)+1, G 1. I fiori, ermafroditi, in racemi apicali, sono gialli; corolla glabra, costituita da un vessillo eretto, arrotondato, più lungo delle ali, libere poste ai lati e in basso da due petali liberi ma aderenti con apice ricurvo (carena). Il frutto, è un baccello appiattito, di colore marrone a maturità, e contiene dai 10 ai 18 semi. Pianta pioniera che si adatta in ogni tipo di terreno fino a 600 m s.l.m. Proprietà farmaceutiche: Lassative, diuretiche, narcotiche. Tali proprietà derivano dall elevato contenuto in sparteina, un alcaloide responsabile dei sintomi dell intossicazione quali nausea, vomito, diarrea, dilatazione delle pupille, salivazione, sudorazione e vertigini. L uso di questa pianta è riservato ai medici. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 26

27 27

28 Famiglia delle Papilionaceae Lathyrus clymenum L. Cicerchia porporina ( Pisello selvatico ) Sweet pea Presenta un fusto volubile e appiattito, alato, e anche strisciante, lungo fino a un metro e mezzo. Le foglie, che sono composte di due ali, opposte e lanceolate, strette e terminanti in un cirro che permette alla pianta di arrampicarsi. I tipici fiori bicolori a bandiera si presentano in infiorescenze con numero di elementi variabile, anche fino a 4-5, con vessillo rosso-porporino venato, ali e carena di colore indaco chiaro.la fioritura si protrae da marzo fino ad estate inoltrata. Formula fiorale: K(5), C5, A(9)+1, G1. I fiori sono ermafroditi. Il frutto è un baccello assomigliante a quello del pisello coltivato. Come altre leguminose selvatiche, dove utilizzata a scopo alimentare la pianta ha svolto un ruolo importante nella alimentazione della popolazione più povera. I semi del pisello selvatico contengono una neurotossina che è considerata la causa della malattia che causa la paralisi degli arti inferiori del corpo. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 28

29 29

30 Famiglia delle Papilionaceae Sulla coronaria L. Sin.: Hedysarum coronarium L. - Sulla comune Pianta erbacea perenne che raggiunge cm, con radice fittonante. Fusto cavo, ramificato. Foglie opposte imparipennate, di forma elittica, lanuginose nella pagina inferiore. Fiori in racemi ascellari, peduncolati, con corolla rosso-rubino. Legume con 3-5 semi, a forma di un discoide irto di aculei, che poi si disarticola in segmenti con un seme lentiforme, lucente, giallognolo. Antesi: Aprile - maggio. Formula fiorale: K (5), C 5, A (9) + 1, G 1 (supero). Distribuzione in Italia: Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna. Habitat: cresce nei terreni argillosi, anche negli incolti, sino a m. Proprietà ed utilizzi: Pianta commestibile officinale. In erboristeria, i suoi fiori essiccati possono essere usati per preparati astringenti e ipocolesterolemizzanti per via interna. In cucina i germogli si usano per insalate miste ad altre erbe di campo, ed hanno proprietà nutrienti e vitaminizzanti. E' una ottima foraggera, una delle più importanti nel bacino del Mediterraneo, che viene ritenuto quale centro di origine della specie ed è nota per le sue elevate qualità alimentari. Nota è la sua efficacia di ridurre le infezioni gastrointestinali negli ovini, grazie al contenuto ricco di tannini ed all'elevato contenuto proteico, dimostrato da alcune ricerche. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 30

31 31

32 Famiglia delle Papilionacee Vicia sp. Veccia - Vetch Pianta erbacea annua con fusti volubili, raggiunge 130 cm di dimensione; foglie composte paripennate con paia di foglioline ellittiche e con cirri ramificati; fiori ermafroditi in racemi densi con corolla papilionacea, frequentemente bicolore, azzurro -violacea, con ali a volte più chiare; il frutto è un legume a 2-8 semi. Formula fiorale: K (5), C 5, A (9)+1, G 1. Distribuzione: Europa mediterranea; vive in zone incolte aride, ruderi. Periodo vegetativo da fine Febbraio a fine Giugno. Risulta gradita agli ovini quale foraggio durante il pascolo. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 32

33 33

34 Famiglia delle Rosaceae Rosa canina L. Rosa canina - Dog rose Pianta perenne legnosa; altezza 0,3-2 m, fioritura da maggio a luglio inoltrato. Vive nelle Radure dei boschi, ma anche lungo sentieri o scarpate stradali. Cespuglio sarmentoso con spine arcuate, robuste, rosseggianti; foglie tutte con stipole, sepali foglioso - laciniati, riflessi dopo la fioritura o precocemente caduchi; petali con due lobi appena accennati, rosati - rossi sui lobi; frutti rossi-arancioni, piriformi (pomi). I fiori sono attinomorfi a struttura pentamera, stami in più verticilli in numero multiplo dei petali, ovario infero. Viene largamente usata per i suoi contenuti di vitamina C e per il suo contenuto di bioflavonoidi (fitoestrogeni), tannini, acidi organici, pectine, ecc vengono usati dalle industrie farmaceutiche, alimentari e cosmetiche: fiori e foglie vengono usati in farmacopea, ad esempio, per la preparazione di infusi e tisane. È indicata come astringente intestinale, antidiarroico, vasoprotettore e antinfiammatorio, inoltre viene consigliata nei casi di debilitazione. CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 34

35 35

36 Famiglia delle Scrophulariaceae Antirrhinum majus L. Bocca di leone - Snapdragon Pianta erbacea perenne con fusti alti fino a 80 cm. Le foglie, brevemente picciolate o sessili, sono variamente disposte sul fusto. I fiori riuniti in racemi terminale ai fusti sono bianchi, rosa o rossi. Cresce spontaneamente in rupi aride e sui muri da m s.l.m. Fioritura da maggio ad inizio agosto. Infiorescenza a spiga. Il calice è accrescente gamosepalo Corolla zigomorfa personata. L androceo è formato da cinque stami. Il gineceo è formato da due carpelli formanti un ovario biloculare che contiene molti ovuli. Il frutto è una capsula poricida deiscente. Proprietà farmaceutiche: Antiinfiammatorie, emollienti, lenitive. ( Uso esterno. (Droga usata: foglie e fiori). CIRCOLO IL CIGNO ONLUS VIA SANTA MARIA DI GESÙ, CALTAGIRONE 36

37 37

38 PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo Anno scolastico G R E E N S C H O O L MODULO DI BIOLOGIA Alunni che hanno preso parte alla realizzazione del Progetto: Alunni Classi 1. AMARU' ANDREA 1D 2. BARRESI PAOLO 1D 3. CANGEMI RAFFAELE 1D 4. DI MARTINO MARCO 2B 5. GAMBINO ANTONIO 1D 6. GENTILE SALVATORE 2E 7. GERBINO GIUSEPPE 2B 8. GETTAPIETRA DAMIANO 2D 9. INTONATO ANGELO 1D 10. MILAZZO SIMONE FRANCESCO 1E 11. MINOTTI GIULIO PLINIO 1D 12. PIRRACCHIO DAVIDE 2D 13. RIZZO FRANCESCO 1D 14. RIZZO PHELIPE XAVIER 1C 15. ROMANO FEDERICO 1C 16. SAMMARTINO LUCA 2B 17. SARANITI PIRELLO ANTONIO 1D 18. VESPO SIMONE 2E 19. VICARI LORIS NIKI 2B Docente Esperto Docente Tutor Prof. Giovanni Belvedere Prof. Antonino Belluomo 38

39 Appendice fotografica 39

40 40

41 41

42 42

43 43

44 44

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

Ballota nigra L. Ballota nigra L. Nome volgare: cimiciotta Nome scientifico: Ballota nigra L. Famiglia: Lamiaceae Forma biologica: Emicriptofite scapose Ballota nigra L. DESCRIZIONE Fusto: eretto erbaceo,

Dettagli

Le professoresse: Sabbatini Nacchia

Le professoresse: Sabbatini Nacchia Le professoresse: Sabbatini Nacchia La malva silvestre, pianta molto diffusa nel nostro paese, predilige i terreni erbosi; la si può trovare soprattutto nei campi abbandonati, lungo le strade di campagna

Dettagli

COMPOSITE. ARPA Servizio IdroMeteoClima Area Agrometeorologia e Territorio

COMPOSITE. ARPA Servizio IdroMeteoClima Area Agrometeorologia e Territorio COMPOSITE Quella delle Composite è una delle famiglie più ricche di generi e specie. Sono diffuse in tutto il mondo e si adattano a tutti gli ambienti, sono prevalentemente piante erbacee, ma non mancano

Dettagli

L ANTICO ERBORARIO. F i o r d a l i s o

L ANTICO ERBORARIO. F i o r d a l i s o L ANTICO ERBORARIO F i o r d a l i s o Centaurea Cyanus a cura di Luciano Ravaglioli Nomi comuni: bluet, fior campese, occhi di cielo, ambretta, biavettina, muneghetta. CONSIDERAZIONI Tempo fa era usuale

Dettagli

Le piante infestanti

Le piante infestanti Le piante infestanti Introduzione Le piante infestanti si possono definire come tutte le piante che con la loro presenza tra le colture ne diminuiscono la produzione o il loro valore commerciale. Questa

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

Istituto Comprensivo di Gaiarine (TV) Scuola Primaria di Gaiarine Progetto Regione Veneto A Scuola nei Parchi -Classe 4^A- Anno Scolastico 2013-2014

Istituto Comprensivo di Gaiarine (TV) Scuola Primaria di Gaiarine Progetto Regione Veneto A Scuola nei Parchi -Classe 4^A- Anno Scolastico 2013-2014 Istituto Comprensivo di Gaiarine (TV) Scuola Primaria di Gaiarine Progetto Regione Veneto A Scuola nei Parchi -Classe 4^A- Anno Scolastico 2013-2014 OSSERVIAMO E IMPARIAMO A RICONOSCERE I FIORI DEL CANSIGLIO

Dettagli

Le piante si presentano

Le piante si presentano Estinzione e conservazione Unità didattica 1 Le piante si presentano Durata 2 ore Materiali per ciascun gruppo - schede di lavoro reperibili nelle risorse multimediali, estinzione e conservazione, unità

Dettagli

Asteraceae (o composite)

Asteraceae (o composite) Asteraceae (o composite) E la famiglia più ricca in specie delle Dicotiledoni, contando circa 19.000 specie. Ha una distribuzione cosmopolita (diffusa in tutto il mondo). Comprende in prevalenza piante

Dettagli

Le piante sulla nostra tavola

Le piante sulla nostra tavola Unità didattica Piante e Alimentazione Le piante sulla nostra tavola Durata 0 minuti Materiali necessari - almeno un ortaggio da ciascun organo di una pianta, si consigliano: - carote - piselli o fagioli

Dettagli

10 infusi da preparare a costo zero

10 infusi da preparare a costo zero 10 infusi da preparare a costo zero Creato Lunedì, 14 Maggio 2012 17:14 Scritto da Marta Albè Siamo talmente abituati ad acquistare infusi e tisane confezionate da non prendere in considerazione la possibilità

Dettagli

Le piante officinali. Lavoro svolto nell ambito del progetto Di.Sco La scuola che voglio. .. fare laboratorio

Le piante officinali. Lavoro svolto nell ambito del progetto Di.Sco La scuola che voglio. .. fare laboratorio Le piante officinali Lavoro svolto nell ambito del progetto Di.Sco La scuola che voglio.. fare laboratorio Modulo 1 - Le erbe aromatiche: coltivazione e produzione BASILICO Ocimum basilicum L. Classificazione

Dettagli

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto.

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. di Gaia Brancati Le piante Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. Il fusto Il fusto tende a crescere verso l alto. Quando esso

Dettagli

Scuola Media Cap. D. Marocco Supino Gruppo di progetto: gli alunni:, Angelica Torriero, Lavinia Ferragni e Federica Borgetti.

Scuola Media Cap. D. Marocco Supino Gruppo di progetto: gli alunni:, Angelica Torriero, Lavinia Ferragni e Federica Borgetti. Associazione Regione Lazio Istituto di Ricerca sulla Formazione-Intervento Progetto Uno PROGETTO per la creazione di un scheda di rappresentazione delle o Erbe Officinali presenti sui Monti Lepini con

Dettagli

PROGETTO SCIENZE CLASSI PRIME SECONDARIA I GRADO A.S. 2013/2014

PROGETTO SCIENZE CLASSI PRIME SECONDARIA I GRADO A.S. 2013/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO Via San Francesco 5 20061 CARUGATE (MI) tel. 02.92151388 02.9253970 02.9252433 FAX 02.9253741 e-mail segreteria: miic8bj003@istruzione.it

Dettagli

Alla ricerca delle piante minacciate

Alla ricerca delle piante minacciate Estinzione e conservazione Unità didattica 4 Alla ricerca delle piante minacciate Durata 4 ore (1 ora al giorno) Materiali - Liste rosse (vedi nelle note per gli insegnanti) - computer - quaderno di scienze

Dettagli

LEGUMINOSE POLIENNALI

LEGUMINOSE POLIENNALI LEGUMINOSE POLIENNALI Contenuto proteico Simbiosi Ottime qualità per la fienagione Buona produttività Scarsa attitudine ad insilamento e pascolamento Longevità non molto pronunciata (in media) Sei specie

Dettagli

Hieracium pilosella L.

Hieracium pilosella L. Hieracium pilosella L. Famiglia: Compositae Nomi comuni: pilosella Forma biologica: emicriptofita rosulata Categoria corologica: europeo-caucasica Denominazioni liguri: oëggia de ratto, stagnasangue, pèi

Dettagli

LABORATORIO C.R.E.A. "S.O.S. NATURA - SPECIALE FORESTE" CLASSE 1 a sez. C a.s. 2010-2011

LABORATORIO C.R.E.A. S.O.S. NATURA - SPECIALE FORESTE CLASSE 1 a sez. C a.s. 2010-2011 LABORATORIO C.R.E.A. "S.O.S. NATURA - SPECIALE FORESTE" CLASSE 1 a sez. C a.s. 2010-2011 NELL ANNO INTERNAZIONALE DEDICATO ALLE FORESTE LA CLASSE 1 a C HA PARTECIPATO AL LABORATORIO C.R.E.A. CON LA SUPERVISIONE

Dettagli

Le graminacee. Il volo pollinico da maggio in poi. Le graminacee. Newsletter N. 9-2008

Le graminacee. Il volo pollinico da maggio in poi. Le graminacee. Newsletter N. 9-2008 Newsletter N. 9-2008 Le graminacee Non appena passata la stagione pollinica della betulla si annuncia una nuova minaccia per i pazienti allergici ai pollini: le graminacee. A partire da metà aprile nelle

Dettagli

Identikit di un ortaggio

Identikit di un ortaggio Unità didattica 3 Piante e Alimentazione Identikit di un ortaggio Durata 80 minuti Materiali - schede di lavoro F5, F6, F7, F8-1 melanzana - 1 peperone rosso - 1 pomodoro - 1 patata - 1 cipolla - 1 carota

Dettagli

L'Orto al Giorgi ROSMARINO

L'Orto al Giorgi ROSMARINO L'Orto al Giorgi IL progetto L Orto al Giorgi, con il coordinamento dei docenti dell Istituto, promuove la valorizzazione delle risorse naturali presenti sul territorio, con particolare riferimento alle

Dettagli

ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE

ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE ILEX AQUIFOLIUM L. Agrifoglio; Pungitopo maggiore; Alloro spinoso FAMIGLIA AQUIFOLIACEAE Si presenta come arbusto sempreverde con portamento cespuglioso o come albero, a tronco diritto e corteccia di colore

Dettagli

LA BIO DIVERSITA' COME ESPRESSIONE DI BELLEZZA: I FIORI DELLE DOLOMITI

LA BIO DIVERSITA' COME ESPRESSIONE DI BELLEZZA: I FIORI DELLE DOLOMITI LA BIO DIVERSITA' COME ESPRESSIONE DI BELLEZZA: I FIORI DELLE DOLOMITI Attraverso la lettura del libro I fiori delle Dolomiti abbiamo deciso di inventare e realizzare Il gioco dell'erbarioca, un gioco

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Ambrosia artemisiifolia: inquadramento botanico, diffusione e ecologia

Ambrosia artemisiifolia: inquadramento botanico, diffusione e ecologia Ambrosia artemisiifolia: inquadramento botanico, diffusione e ecologia Parco del Roccolo 27 ottobre 2007 Massimo Celé Servizio Fitosanitario Regionale 1 Ambrosia: Inquadramento botanico Genere Ambrosia:

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

S.S. 401 Rapone (PZ) Tel. 3396211372 PROPOSTE FATTORIE DIDATTICHE

S.S. 401 Rapone (PZ) Tel. 3396211372 PROPOSTE FATTORIE DIDATTICHE Agriturismo ValleOfanto Referente Luciana Strollo S.S. 401 Rapone (PZ) Tel. 3396211372 www.valleofanto.com www.campaniadascoprire.it info@valleofanto.com info@campaniadascoprire.it PROPOSTE FATTORIE DIDATTICHE

Dettagli

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici L AGRICOLTURA L'agricoltura è l'attività economica che consiste

Dettagli

A COSA SERVE IL FIORE?

A COSA SERVE IL FIORE? A COSA SERVE IL FIORE? Il fusto ha il compito di produrre i semi destinati a dar vita a nuove piante. PETALO COROLLA CALICE SEPALO PEDUNCOLO Il fiore è sostenuto da un peduncolo verde, che termina nel

Dettagli

FIORI esameri, tepali a stella, bianchi, con nervatura centrale bruno-rossiccia.

FIORI esameri, tepali a stella, bianchi, con nervatura centrale bruno-rossiccia. ASFODELO FISTOLOSO (Asphodelus fistulosus L.) Pianta erbacea da bienne a perenne di breve durata, alta 15-70 cm. FOGLIE cilindriche, tutte basali fornite di margine largo e membranoso nella pagina inferiore,

Dettagli

Abies, Abete (Pinaceae)

Abies, Abete (Pinaceae) , Abete (Pinaceae) Conifera dalla forma elegante e imponente, quasi sempre conica, molto diffusa come pianta ornamentale nei giardini e nei parchi pubblici e privati, in particolare per il colore degli

Dettagli

LE PIANTE. acqua anidride carbonica

LE PIANTE. acqua anidride carbonica Unità La foglia e la fotosintesi La foglia è la parte principale della pianta, perché nelle foglie la pianta produce il proprio cibo. luce solare acqua anidride carbonica clorofilla glucosio ossigeno Nella

Dettagli

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco)

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco) SALICACEE Nella famiglia delle Salicacee fanno parte piante per lo più legnose distribuite nelle zone temperate dell'emisfero boreale. Nella flora italiana la famiglia è rappresentata da due generi, Populus

Dettagli

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA L UOMO È CIÒ CHE MANGIA Motivazione Oggi l alimentazione ha assunto un ruolo importante nella determinazione della qualità della vita: essa, pertanto, si configura quale strumento indispensabile per l

Dettagli

Proprietà curative degli alimenti

Proprietà curative degli alimenti Proprietà curative degli alimenti Gli alimenti sono importanti non solo per il contenuto nutrizionale ma perchè possono essere utilizzati anche per proprietà preventive e/o curative specifiche verso i

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

UDA: ALIMENTAZIONE. Cosa metti nel carrello della spesa? Infanzia + classi I- II Primaria

UDA: ALIMENTAZIONE. Cosa metti nel carrello della spesa? Infanzia + classi I- II Primaria UDA: ALIMENTAZIONE Cosa metti nel carrello della spesa? Infanzia + classi I- II Primaria ALIMENTAZIONE = assunzione di sostanze nutritive variabile nel tempo e nello spazio tra cui il POMODORO con EFFETTI

Dettagli

LE PIANTE. Dott.ssa geol. Annalisa Antonelli

LE PIANTE. Dott.ssa geol. Annalisa Antonelli LE PIANTE IL REGNO DELLE PIANTE Comprende tutti gli organismi pluricellulari che sono in grado di compiere la fotosintesi; Si dividono in due grandi categorie 1) PIANTE COMPLESSE si riproducono per mezzo

Dettagli

Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA

Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA Attività di Educazione Ambientale per le SCUOLE DELL INFANZIA PRECISAZIONI: I percorsi sono consigliati per tutte le classi: varierà la specificità ed il grado di approfondimento del programma. La maggior

Dettagli

EXPECT MORE FROM OUR TRADITION

EXPECT MORE FROM OUR TRADITION TRADITION La Punico Liquori nasce a Marsala, città situata nell estrema punta occidentale della Sicilia, famosa in tutto il mondo grazie al suo omonimo vino liquoroso. Da questa tradizione nasce l esperienza

Dettagli

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Oggi 10 Novembre abbiamo osservato alcuni semi: semi di lenticchie, di fagiolo, di mais. Tutti i semi al tatto

Dettagli

BioAlimenta il Domani Anno scolastico 2015/2016

BioAlimenta il Domani Anno scolastico 2015/2016 BioAlimenta il Domani Anno scolastico 2015/2016 Percorso didattico-formativo nelle scuole Medie di I grado per la promozione di una buona e sana alimentazione Biologica CSE ITALIA srl - 2014 All rights

Dettagli

Educazione Rurale per un futuro sostenibile Proposte per le scuole

Educazione Rurale per un futuro sostenibile Proposte per le scuole WWF Italia Riserva Naturale Ripa Bianca di Jesi Via Zanibelli, 2 60035 Jesi e-mail: info@riservaripabianca.it sito: www.riservaripabianca.it Tel. / Fax. 0731 619213 Cell. 334 6047703 Educazione Rurale

Dettagli

UN PO DI STORIA. L aroma e il sapore caratteristico dell erba cipollina sono dovuti ad una serie di molecole contenenti lo zolfo.

UN PO DI STORIA. L aroma e il sapore caratteristico dell erba cipollina sono dovuti ad una serie di molecole contenenti lo zolfo. ERBA CIPOLLINA ERBA CIPOLLINA L erba cipollina (Allium schoenoprasum) è una pianta aromatica della famiglia delle Liliaceae, o meglio, secondo schemi tassonomici più attuali, Alliaceae, di cui si utilizzano

Dettagli

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere PROGETTO DONNE & SCIENZA progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere Contesto Normativo Nascita 1989 Comitato pari opportunità presso il Ministero della Pubblica Istruzione

Dettagli

Attività didattiche. Piante e foglie

Attività didattiche. Piante e foglie Attività didattiche Piante e foglie w w w. f o n d a z i o n e s l o w f o o d. i t Premessa Qui di seguito trovi tre proposte di attività relative al tema dell identificazione delle piante e delle loro

Dettagli

PROGETTO BIOORTI DIDATTICI

PROGETTO BIOORTI DIDATTICI PROGETTO BIOORTI DIDATTICI PROGETTO BIOORTI DIDATTICI 1. OBIETTIVI Allestire un orto didattico per far leva su un processo educativo che faccia crescere nei bambini la consapevolezza di essere parte dell

Dettagli

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA ALBERI I GRANDEZZA (anomala poiché gymnospermae) GINKO BILOBA Ginko biloba FLORA ESOTICA 25-30 m 10 m Eretto nelle piante maschili, espanso nelle femminili Primaverile, poco significativa Carnosi, ovoidali

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina

PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina PROGETTO CONTINUITÀ a.s. 2013/2014 Sezione Primavera Delfini Verdi-Arancioni Scuola dell Infanzia Maria Bambina Dalla terra alla tavola Offrire ai bambini la possibilità di creare e curare un piccolo orto

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

presenta il progetto FATTORIA DIDATTICA

presenta il progetto FATTORIA DIDATTICA presenta il progetto FATTORIA DIDATTICA Una fattoria didattica è l ambiente ideale per consentire al bambino di stabilire un contatto vero con la natura e il mondo agricolo. Trascorrere una giornata in

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

Prova strutturata di breve durata

Prova strutturata di breve durata Presentazione Il gruppo di lavoro costituito dagli insegnanti di matematica della Scuola Secondaria di primo grado di Palmanova, ha scelto di costruire una prova disciplinare sul tema dell'educazione alimentare,

Dettagli

VIVAI NATURA. Azienda Florovivaistica - Fattoria Didattica PROGETTI PER LE SCUOLE

VIVAI NATURA. Azienda Florovivaistica - Fattoria Didattica PROGETTI PER LE SCUOLE VIVAI NATURA Azienda Florovivaistica - Fattoria Didattica PROGETTI PER LE SCUOLE anno scolastico 2009-2010 VIVAI NATURA Vivai Natura è un azienda agricola a indirizzo florovivaistico situata a Basiglio,

Dettagli

Orto Circuito. Proposta programma di attività

Orto Circuito. Proposta programma di attività Orto Circuito Proposta programma di attività Le attività di realizzazione dell orto e delle aree annesse sono destinate agli alunni della scuola e rappresentano delle attività ludico-didattiche legate

Dettagli

C O S A B O L L E I N P E N T O L A?

C O S A B O L L E I N P E N T O L A? C O S A B O L L E I N P E N T O L A? I m p a r a r e m a n g i a n d o Progetto di educazione alimentare ISTITUTO COMPRENSIVO DI FAEDIS Scuola dell Infanzia di Attimis Anno scolastico 2007/08 NARRAZIONE

Dettagli

COMPOSITAE. Polline di Artemisia sp. Polline di Taraxacum sp. Polline di Ambrosia sp.

COMPOSITAE. Polline di Artemisia sp. Polline di Taraxacum sp. Polline di Ambrosia sp. COMPOSITAE Divisione: Spermatophyta Sodivisione:Angiospermae Classe: Dicotyledones Famiglia: Compositae o Asteraceae Generi: Artemisia, Ambrosia, Taraxacum (tarassaco) Tra le Spermatofite è la famiglia

Dettagli

Le piante erbacee anemofile - parte 1

Le piante erbacee anemofile - parte 1 Newsletter N. 11-2008 Le piante erbacee anemofile - parte 1 Durante l estate lo spettro pollinico in aria è caratterizzato prevalentemente dalle piante erbacee anemofile. L ultima edizione della newsletter

Dettagli

Prendiamoci gusto... Tanti mieli d, Italia. Unità 5:

Prendiamoci gusto... Tanti mieli d, Italia. Unità 5: Unità 5: Prendiamoci gusto... Tanti mieli d, Italia Nella prima unità abbiamo visto come da tanti tipi di fiori possono nascere vari tipi di miele. Ogni fiore, infatti, ha un nettare differente e di conseguenza

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE Istituto Comprensivo Europa di Faenza - Scuola Media Europa - Classe 1ª C Docente coordinatore: Pia Molinari ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE 205 ISOLAMENTO DEL GLUTINE RELAZIONE DELL ESPERIMENTO

Dettagli

GLI ESTRATTI FLOREALI COME INDICATORI DEL ph"

GLI ESTRATTI FLOREALI COME INDICATORI DEL ph ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE A. Panella Reggio Calabria DIPARTIMENTO DI CHIMICA GLI ESTRATTI FLOREALI COME INDICATORI DEL ph" PROGETTO DIDATTICO Realizzato nel periodo febbraio-marzo 2011, nei laboratori

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio SCUOLA PRIMARIA GALILEO GALILEI CLASSE 3A e 3B ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Le attività si sono svolte

Dettagli

DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie

DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie DOL Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Report di inizio anno A cura dello staff di HOC-LAB, DEI Novembre 2010 Iscrizioni a.a. 2010/2011 Nell anno accademico 2010/2011

Dettagli

Un orto di classe. Curare la terra, nutrire la vita. Classi 3 A e 3 C Scuola Primaria A. Bergonzi a.s. 2014/2015

Un orto di classe. Curare la terra, nutrire la vita. Classi 3 A e 3 C Scuola Primaria A. Bergonzi a.s. 2014/2015 Un orto di classe Curare la terra, nutrire la vita Classi 3 A e 3 C Scuola Primaria A. Bergonzi a.s. 2014/2015 C'era una volta... Già dalla classe prima i nostri alunni hanno familiarizzato con l orto

Dettagli

notizie Le alternative alla carne per vegetariani e non solo Tofu

notizie Le alternative alla carne per vegetariani e non solo Tofu notizie Le alternative alla carne per vegetariani e non solo Quali possono essere le alternative alla carne per vegetariani e non solo? Volendo seguire una dieta bilanciata ed equilibrata, le proteine

Dettagli

PROGETTO ANNUALITA PONTE ELEMENTARE -MEDIA

PROGETTO ANNUALITA PONTE ELEMENTARE -MEDIA PROGETTO ANNUALITA PONTE ELEMENTARE -MEDIA Continuità S.E. I.Calvino - S.M. Follereau Tematica portante: ricerca di alcune sostanze negli alimenti Nuclei fondanti:unitarietà-diversità-trasformazioni Obiettivi

Dettagli

I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET

I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET di Luisa Donato EDUCAZIONE E INTERNET: IL PUNTO DI VISTA DEI 15-enni DELL INDAGINE PISA 2009 Quando si pensa a chi nei prossimi anni

Dettagli

Origanum majorana L. Famiglia: Labiatae Nomi comuni: maggiorana. Forma biologica: emicriptofita scaposa Categoria corologica: saharo-sindarica

Origanum majorana L. Famiglia: Labiatae Nomi comuni: maggiorana. Forma biologica: emicriptofita scaposa Categoria corologica: saharo-sindarica Origanum majorana L. Famiglia: Labiatae Nomi comuni: maggiorana Forma biologica: emicriptofita scaposa Categoria corologica: saharo-sindarica Denominazioni liguri: erba persa, erba pèrsa, persa, persica,

Dettagli

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola ria di Primo Grado TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE TERZA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto,

Dettagli

Api che vanno, bombi che vengono

Api che vanno, bombi che vengono Unità didattica 7 Piante e Alimentazione Api che vanno, bombi che vengono Durata 1 ora più osservazioni all aperto Materiali - schede di lavoro F24 (se possibile stampata a colori), F25 e F26 - schede

Dettagli

Bosco di Smerillo Via A. C. Nobili, 11-63856 Smerillo (FM) Tel. 0734.79423 - email. info@smerillo.com - web. www.smerillo.com

Bosco di Smerillo Via A. C. Nobili, 11-63856 Smerillo (FM) Tel. 0734.79423 - email. info@smerillo.com - web. www.smerillo.com Centro di Educazione Ambientale Bosco di Smerillo Via A. C. Nobili, 11-63856 Smerillo (FM) Tel. 0734.79423 - email. info@smerillo.com - web. www.smerillo.com P resentazione Il CEA di Smerillo nasce nel

Dettagli

Yogurt Millecolori SCHEDA RICETTA

Yogurt Millecolori SCHEDA RICETTA Yogurt Millecolori SCHEDA RICETTA GRUPPO DI LAVORO Alberto Luca Somaschini Luca Mussi Ulmini Nicola DOSI E INGREDIENTI PER 4 PERSONE 250 gr di yogurt naturale biologico (n 2 vasetti piccoli) 100 gr di

Dettagli

L OLIO LA STORIA DELL OLIO L albero dell olivo veniva coltivato più di 6000 anni fa dai Fenici. Veniva utilizzato per i sacrifici, come oggetto di baratto, come balsamo e cosmetico, olio combustibile per

Dettagli

DESCRIZIONE: COLTIVAZIONE:

DESCRIZIONE: COLTIVAZIONE: MENTHA (MENTA) La menta (genere Mentha) è una pianta erbacea perenne, stolonifera, fortemente aromatica, dal tipico sapore pungente e piccante, che appartiene alla famiglia delle Labiate (Lamiaceae). Cresce

Dettagli

Università degli studi di Bari Aldo Moro

Università degli studi di Bari Aldo Moro Università degli studi di Bari Aldo Moro Corso di Laurea: SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe L-69 Corso Integrato: Elementi di biologia e qualità delle materie prime vegetali Modulo: Produzioni erbacee

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B ANNO SCOLASTICO:2006/2007 SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B INSEGNANTI: Bergamini Patrizia, Manfredini Maria Grazia Acquisire una maggiore sensibilità verso l

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SUL FIORE

PERCORSO DIDATTICO SUL FIORE PERCORSO DIDATTICO SUL FIORE Daniela Basosi, Lucia Lachina 1 2011 Il fiore è l organo della riproduzione nelle Piante fanerogame. Il percorso didattico ha lo scopo di far osservare il fiore nella sua struttura,

Dettagli

Al centro della penisola italiana, universalmente nota per la varietà dei territori e colma di bellezze naturali, si trovano le pendici degli

Al centro della penisola italiana, universalmente nota per la varietà dei territori e colma di bellezze naturali, si trovano le pendici degli Al centro della penisola italiana, universalmente nota per la varietà dei territori e colma di bellezze naturali, si trovano le pendici degli Appennini Umbri. L Umbria, cuore verde d Italia, è rinomata

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C IN COLLABORAZIONE CON Le esperte dell Azienda Provinciale Servizi Sanitari Dott.ssa Ramona Camellini e Marilena

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH ...Sentiamo parlare sempre piú spesso di FIBRE: - Quale é il loro ruolo nell organismo? - Quale é la quantitá consigliata? - Quante bisogna mangiarne giornalmente? Vuoi aumentare energia e benessere? Prova

Dettagli

Erbe e Piante Medicinali

Erbe e Piante Medicinali Erbe e Piante Medicinali Curarsi con le piante medicinali Da millenni l'uomo ha trovato nelle piante preziosi alleati per l'igiene e la salute del suo corpo, ed anche dello spirito; già nei secoli passati

Dettagli

Alternanza scuola lavoro: che cosa significa

Alternanza scuola lavoro: che cosa significa Alternanza scuola lavoro: che cosa significa È una modalità didattica realizzata in collaborazione fra scuole e imprese per offrire ai giovani competenze spendibili nel mercato del lavoro e favorire l

Dettagli

Il Grano. a.s. 2012/2013 scuola dell'infanzia J. Piaget I Circolo Didattico Sesto Fiorentino

Il Grano. a.s. 2012/2013 scuola dell'infanzia J. Piaget I Circolo Didattico Sesto Fiorentino Il Grano a.s. 2012/2013 scuola dell'infanzia J. Piaget I Circolo Didattico Sesto Fiorentino OBIETTIVI: PROGETTO DI EDUCAZIONE SCIENTIFICA LSS IL GRANO Conoscere e sperimentare il ciclo di un evento naturale

Dettagli

Il caffè, non solo un piacere Approfondimenti n. 3, dicembre 2013

Il caffè, non solo un piacere Approfondimenti n. 3, dicembre 2013 Il caffè, non solo un piacere Approfondimenti n. 3, dicembre 2013 BIOSOST BIOSOST di Roberta Di Monte 13/12/2013 Non si piange sulla propria storia, si cambia rotta. Spinoza Il caffè, non solo un piacere

Dettagli

Hydrangea (Ortensia)

Hydrangea (Ortensia) Hydrangea (Ortensia) Origine: Cina, Giappone, Stati Uniti. Habitus di crescita: Arbusto con portamento cespuglioso. Raggiunge altezze di 1-2 m (raramente fino a 3-4 m). Persistenza fogliame: deciduo. Foglie:

Dettagli

Il fiore è l'organo riproduttivo delle piante superiori e compare sulla Terra circa 200 milioni di fa, alla fine dell'era secondaria.

Il fiore è l'organo riproduttivo delle piante superiori e compare sulla Terra circa 200 milioni di fa, alla fine dell'era secondaria. Il fiore Il fiore è l'organo riproduttivo delle piante superiori e compare sulla Terra circa 200 milioni di fa, alla fine dell'era secondaria. Il fiore rappresentato sopra contiene entrambi gli organi

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche IMPIANTO SPERIMENTALE DI PIANTE OFFICINALI PRESSO L AZIENDA DI VEZZOLANO

Consiglio Nazionale delle Ricerche IMPIANTO SPERIMENTALE DI PIANTE OFFICINALI PRESSO L AZIENDA DI VEZZOLANO I.M.A. Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO PER LE MACCHINE AGRICOLE E MOVIMENTO TERRA Rapporto Interno 04-12 Renato DELMASTRO, Marta MARCHESE IMPIANTO SPERIMENTALE DI PIANTE OFFICINALI PRESSO L

Dettagli

Colori, fiori e impollinatori

Colori, fiori e impollinatori Unità didattica 9 Piante nell arte Colori, fiori e impollinatori 162 Durata 3 ore Stagione Primavera / estate Materiali - matite colorate - lenti di ingrandimento - cronometro - nastro bi-adesivo - foglio

Dettagli

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI

- 6 - PROGETTI EDUCATIVI Progetto di educazione alimentare Il progetto A SCUOLA CON GUSTO consiste in una serie di interventi (tre oppure quattro, a seconda del percorso formativo) da effettuarsi in classe. L intento generale

Dettagli

Prodotti integrali, leguminose, altri cereali & patate

Prodotti integrali, leguminose, altri cereali & patate Prodotti integrali, leguminose, altri cereali & patate Al giorno: ad ogni pasto principale mangiare un contorno amidaceo (cioè 2-3 porzioni al giorno, di cui possibilmente due porzioni in forma integrale)

Dettagli

FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO. Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it

FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO. Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it FRUTTA NELLE SCUOLE REGIONE DEL VENETO Veronica Bertoldo tel. 041/2795628 mail: veronica.bertoldo@regione.veneto.it PROGRAMMA COMUNITARIO CON COFINANZIAMENTO NAZIONALE Progetto di educazione alimentare

Dettagli

Paletta, vasi, semi e piantine: la primavera è la stagione ideale per creare un piccolo orto. Anche sul balcone. Basta poco: semplici vasi possono

Paletta, vasi, semi e piantine: la primavera è la stagione ideale per creare un piccolo orto. Anche sul balcone. Basta poco: semplici vasi possono Paletta, vasi, semi e piantine: la primavera è la stagione ideale per creare un piccolo orto. Anche sul balcone. Basta poco: semplici vasi possono ospitare i pomodorini a grappolo, i pisellini, le fragoline,

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI L ORTO IN TAVOLA

IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI L ORTO IN TAVOLA SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI LA GABBIANELLA L ORTO IN TAVOLA Quattro anni fa la nostra scuola iniziò un progetto di educazione scientifica denominato ORTI E FIORI A SCUOLA che aveva

Dettagli