La malattia celiaca. Fabio Meneghin. Clinica Pediatrica, Università degli Studi di Milano, AO Luigi Sacco. Milano, rel.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La malattia celiaca. Fabio Meneghin. Clinica Pediatrica, Università degli Studi di Milano, AO Luigi Sacco. Milano, 21.05.2011. rel."

Transcript

1 La malattia celiaca Fabio Meneghin Clinica Pediatrica, Università degli Studi di Milano, AO Luigi Sacco Milano, rel /07/30

2 CELIAC DISEASE IN LONDON, YEAR 1938

3 Definizione La celiachia è un intolleranza permanente ad alcune proteine contenute in grano, segale ed orzo, responsabile di enteropatia in individui geneticamente predisposti

4 Vasta review degli studi in letteratura (133) sulla prevalenza della CD nelle popolazioni occidentali popolazione generale: range 1:200 1:79 popolazione con sospetta CD: range 1% - 4% popolazione con diabete tipo 1: range 3% - 6% popolazione di parenti di celiaci: popolazione con anemia deficit Fe: range 2.3% - 6% popolazione con osteopenia: range 0.9% - 3% range 2.8% % parenti di 1 grado range 2.6% % parenti di 2 grado In conclusione prevalenza nella popolazione generale 1:100 che risulta essere più elevata nelle categorie a rischio

5 Manifestazioni cliniche della celiachia in età pediatrica

6 Patogenesi

7 MANIFESTAZIONI CLINICHE DI CELIACHIA Gastrointestinali Diarrea cronica Nella forma classica, il cui esordio si verifica dopo introduzione del glutine nella dieta, i sintomi possono essere: Perdita di peso Debolezza muscolare Anoressia Arresto di crescita Vomito Addome globoso

8 Lo spettro clinico cambia nel tempo Andamento delle forme cliniche negli anni % TIPICA anni ATIPICA SILENTE Kienberger B et al, unpublished

9 Altro Anemia Osteopatia Screening Dg accidentale con EGDS Diarrea

10 MANIFESTAZIONI CLINICHE DI CELIACHIA Gastrointestinali Sempre più frequentemente la malattia si manifesta più tardivamente con sintomi gastrointestinali atipici quali: dolori addominali ricorrenti stipsi meteorismo Oppure con sintomi extra-intestinali

11 MANIFESTAZIONI CLINICHE DI CELIACHIA Extraintestinali Dermatite erpetiforme Anemia da deficit di ferro Bassa statura Ritardo puberale Infertilità e aborti ricorrenti Alopecia areata Stomatiti aftose Ipoplasia smalto dentale Alterazioni del comportamento Ipertransaminasemia Steatosi epatica Disturbi neurologici (atassia cerebellare ed epilessia) Osteopenia e osteoporosi Miocardiopatie dilatative Artriti Fatica cronica Reflusso gastroesofageo Obesità

12 Diversi studi in letteratura hanno osservato una correlazione tra disturbi della fertilità, patologie della gravidanza e malattia celiaca

13 Valutare la prevalenza della malattia celiaca non diagnosticata in genitori di neonati prematuri e/o dismaturi utilizzando uno screening sierologico basato su anticorpi anti-ttg ed EMA 448 dismaturi (49.5%) 846 padri 905 neonati 554 prematuri (61.2%) 868 madri 97 dismaturi e prematuri (10.7%) 3 nuove diagnosi di MC tra i papà e 8 tra le mamme prevalenza generale (0.64%), mamme (0.92%), papà (0.35%) la prevalenza della malattia celiaca è risultata essere 6.96 volte maggiore tra le donne che hanno partorito un bambino dismaturo vs. non dismaturo (P=0.08) il rischio per le madri celiache vs. non celiache di partorire un neonato dismaturo anziché uno di adeguato peso alla nascita è risultato 6.96 volte maggiore (P=0.07) il rischio di essere celiaca per una donna che ha partorito un bambino dismaturo vs. non dismaturo è 6.65 volte maggiore

14 CELIACHIA E MALATTIE AUTOIMMUNI Gli adolescenti celiaci hanno un rischio di malattia autoimmune pari al 13,6% vs 5,2% popolazione generale Maggiore è il tempo dell esposizione al glutine, maggiore è il rischio di malattia autoimmune < 2 aa di esposizione = rischio non > 10 aa di esposizione = rischio fino al 25% IL RISCHIO DELL 1,1 % /ANNO DI ESPOSIZIONE AL GLUTINE

15

16 Diagnosi rel /07/30

17 Approccio Razionale alla Diagnosi Percorso Diagnostico Anamnesi Esame obiettivo Esami bioumorali Screening anticorpale Genetica Biopsia duodenale

18 Esami di Laboratorio emoglobina sideremia ferritina acido folico albuminemia Ca ++, K +, Mg ++ colesterolemia att. protrombinica fosfatasi alcalina transaminasi

19 Approccio Razionale alla Diagnosi Percorso Diagnostico Anamnesi Esame obiettivo Esami bioumorali Screening anticorpale Genetica Biopsia duodenale

20 Malattia celiaca e deficit di IgA Dato che nella popolazione generale 1 individuo su 500 presenta un deficit totale di IgA, attenzione ai falsi negativi Un deficit totale di IgA si associa ad un rischio 10 volte superiore di sviluppare la celiachia La titolazione delle IgA totali deve sempre accompagnare la richiesta di test specifici nella fase diagnostica Anticorpi di classe IgA Elevata predittività nell identificare i soggetti con malattia celiaca da confermare con biopsia duodenale Anticorpi di classe IgG Elevata predittività nell identificare la malattia celiaca nei soggetti con deficit di IgA

21

22 Anticorpi contro il peptide deamidato della gliadina (anti-dgp) Questo test diagnostico è da poco disponibile Si basa sulla deamidazione che subiscono alcuni peptidi di glutine attraverso l azione di ttg intestinali Questi peptidi si legano con alta affinità agli antigeni DQ2 e DQ8 dei leucociti sulle cellule presentanti l antigene stimolando una potente risposta infiammatoria T-cell Il risultato è una risposta anticorpale a questi peptidi di gliadina Si è osservato che IgA anti-dgp hanno sensibilità e specificità molto simili a IgA anti-ttg, ma attualmente costano molto di più Mentre IgG anti-ttg hanno bassa sensibilità, gli IgG anti-dgp, soprattutto in combinazione con IgA, hanno sensibilità di oltre 80% e specificità del 95% e quindi potrebbero rivestire ruolo importante nella diagnosi in pazienti con deficit di IgA

23 Quale sierologia eseguire in età pediatrica IgA anti-ttg rimane il test di scelta per la diagnosi in ogni età pediatrica Diversi studi hanno dimostrato che nei bambini di età inferiore ai 2 anni tutti i test sierologici hanno bassa sensibilità Recenti studi hanno dimostrato che IgA anti-ttg ed EMA presentano la medesima accuratezza diagnostica, anche nella popolazione pediatrica di età inferiore ai 3 anni La sensibilità e la specificità degli anti-dgp si è dimostrata paragonabile ad IgA anti-ttg Quale sierologia eseguire in follow-up Diversi studi hanno dimostrato che una negatività delle sierologie non corrisponde ad una normalizzazione dell istologia intestinale e non sono molto accurate nel monitorare l aderenza alla dieta In attesa di marker non invasivi più accurati per valutare l attività della celiachia, è comunque raccomandato il monitoraggio di IgA anti-ttg

24 Approccio Razionale alla Diagnosi Percorso Diagnostico Anamnesi Esame obiettivo Esami bioumorali Screening anticorpale Genetica Biopsia duodenale

25 TEST DI II LIVELLO: analisi genetica Il 20-30% della popolazione generale presenta l aplotipo DQ2/DQ8 Quando eseguire analisi genetica: in caso di sierologia dubbia in caso di sierologia positiva e biopsie intestinali negative in caso di screening per familiarità Cosa richiedere: HLA DQ A1 in alta risoluzione HLA DQ B1 in alta risoluzione DR B1 in bassa risoluzione

26 TEST DI II LIVELLO: analisi genetica Interpretazione dei risultati Negatività DQ2/ DQ8 esclusa la diagnosi di malattia celiaca Positività DQ2/DQ8 90% dei soggetti celiaci presenta eterodimero DQ2 (alleli DQA1*0501 e DQB1*0201) i restanti soggetti presentano eterodimero DQ8 (alleli DQA1*0301 e DQB1*0302)

27 Approccio Razionale alla Diagnosi Percorso Diagnostico Anamnesi Esame obiettivo Esami bioumorali Screening anticorpale Genetica Biopsia duodenale

28 Endoscopia digestiva La diagnosi di certezza attualmente può essere condotta esclusivamente sull evidenziazione delle lesioni anatomopatologiche caratteristiche derivanti dall analisi di campioni bioptici L endoscopia digestiva (EGDS) fornisce la possibilità di ottenere agevolmente prelievi bioptici multipli necessari e sufficienti alla diagnosi L EGDS fornisce la possibilità di visualizzare direttamente il danno della mucosa dei villi, anche se tale reperto è gravato da una bassa sensibilità (50 94 %) nei casi di lieve atrofia dei villi; presenta invece buona specificità (83 100%)

29 Mucosa intestinale normale Villi: il rapporto tra altezza villi e cripte deve essere 3:1 A livello degli enterociti è presente orletto a spazzola Sono normali non più di 25 linfociti per 100 cellule epiteliali (non più 40) A livello delle cripte ci sono cellule in fase mitotica (normalmente 1 mitosi per cripta) A livello della lamina propria ci sono plasmacellule, eosinofili, mastcellule, istiociti e linfociti (soprattutto neutrofili)

30 Mucosa intestinale patologica Lesione 1 (infiltrativa): villi morfologicamente nei limiti (rapporto 3:1), numero di linfociti aumentato (>25 per 100 cell epiteliali) Lesione 2 (iperplastica): villi normali, IEL aumentato, iperplasia elementi ghiandolari Lesione 3 (distruttiva): atrofia dei villi a vari gradi associata ad iperplasia delle cripte ghiandolari, enterociti con ridotta altezza, irregolarità orletto a spazzola, IEL aumentato

31 Classificazioni istologiche in uso

32 Possibile iter diagnostico nel sospetto di malattia celiaca Elevato sospetto clinico di celiachia IgA seriche + anti ttg* (EMA) EGDS con biopsie duodenali IgG anti ttg (se deficit di IgA) IgA anti ttg (se IgA normali) Sierologia positiva + biopsia normale Sierologia positiva + biopsia positiva Sierologia negativa + biopsia positiva Determinazione HLA DQ2 DQ8 CELIACHIA Esclusione di altre cause di mucosa piatta Se positivi, monitoraggio anti ttg e ripetere EGDS con biopsie endoscopiche o trial con GFD per verificare risposta clinico-anticorpale Se negativi, anti ttg falsi positivi Determinazione HLA DQ2 DQ8 Se positivi, CELIACHIA, da confermare con GFD e challenge (istologia tipo 1-2 monitoraggio e ripetizione biopsie endoscopiche multiple) Se negativi, bassa probabilità di celiachia ^ ulteriore ricerca di altre cause di danno mucosale *Nei soggetti di età< 2 anni ricerca anche di AGA oltre ad anti-ttg ^rari casi di celiachia DQ2-DQ8 negativi

33 La dieta nel bambino con malattia celiaca: aspetti nutrizionali rel /07/30

34 La dieta nel bambino con malattia celiaca L unica terapia del morbo celiaco è la DIETA PRIVA DI GLUTINE Ripristino dell integrità della mucosa intestinale Prevenzione delle complicazioni Correzione deficit nutrizionali Ripristino della composizione corporea Recupero ponderale, aumento massa grassa, massa magra, massa ossea deve essere seguita in modo scrupoloso per tutta la vita forte impegno di educazione alimentare

35 La dieta nel bambino con malattia celiaca La celiachia interessa circa l 1% della popolazione Decreto ministeriale 4 maggio 2006 FASCIA D ETA TETTO MENSILE M TETTO MENSILE F 6 mesi- 1 anno Euro 45 Euro 45 1 anno - 3,5 anni Euro 62 Euro 62 3,5 anni 10 anni Euro 94 Euro 94 > di 10 anni Euro 144 Euro 99

36 Alimenti non permessi Alimenti permessi Kamut (grano egiziano) Greunkern (grano greco) Spelta (varietà di farro) Seitan (derivato del glutine) Cous-cous (piatto a base di semola) Bulgur (grano cotto) ALIMENTI DEL COMMERCIO PRIVI DI GLUTINE Tapioca Miglio Grano saraceno Amaranto Roveja Lupino

37 Come alimentarsi riso mais miglio tapioca soia patate ceci polenta legumi frutta ortaggi pesce olio di oliva castagne -ALIMENTI NATURALMENTE PRIVI DI GLUTINE La loro densità energetica, il contenuto in fibre vegetali e vitamine, il contenuto e la composizione dei grassi prevalentemente di origine vegetale hanno un ruolo protettivo verso molte patologie e favoriscono un buon stato di salute generale - ALIMENTI DEL COMMERCIO PRIVI DI GLUTINE Grossa offerta di prodotti senza glutine Si può mangiare tutto (pasta, pizza, dolci, biscotti, pane ) purchè sia garantito il senza glutine Non bisogna esagerare coi prodotti dolci senza glutine che sono molto più calorici e più ricchi di zuccheri e/o grassi degli equivalenti contenenti glutine

38 PRODOTTI GLUTEN FREE E un marchio di proprietà dell AIC che viene concessa, in licenza d uso alle aziende che ne fanno richiesta, dopo verifiche (documentazione aziendale unità produttiva analisi su materie prime e prodotto finito). < 20 ppm Il Prontuario, di facile consultazione, vuole essere uno strumento utile ai consumatori, alle aziende, alla ristorazione collettiva Luglio 2005 Il D.L n 111 prevede che la produzione e il confezionamento (art. 10) dei prodotti vengano effettuati in stabilimenti autorizzati dal MS. I prodotti sono soggetti a notifica di etichetta (art. 7). Solo gli alimenti prodotti in stabilimenti autorizzati e sottoposti a notifica di etichetta possono riportare la dicitura dietetico (art. 4).

39 Avena e grano saraceno Avena? Peraaho M et al. Scand J Gastroenterol 2004 Effect of an oats-containing gluten-free diet on symptoms and quality of life in coeliac disease. A randomized study oats provide an alternative in the gluten-free diet, but coeliac patients should be aware of the possible increase in intestinal symptoms Storsrud S et al. Br J Nutr 2003 Beneficial effects of oats in the gluten-free diet of adults with special reference to nutrient status, symptoms and subjective experiences. including oats can help coeliac patients following a strict glutenfree diet

40 Avena e grano saraceno Avena? Kemppainen TA et al. Eur Journal Clin Nutr 2010 Nutrient intakes during diets including unkilned and large amounts of oats n celiac disease large amount of oats, both kilned and unkilned in GFD, can increase intakes of nutrients in celiac patients in remission. Oats improve the nutritional value of GFD Koskinen Outi et al. J Gastroenterol 2009 Oats do not induce Systemic or Mucosal Autoantibody Response in Children With Coeliac Disease. Consumption of oats does not induce TG2 autoantiboy production at mucosal level in children with coeliac disease. L avena però non può ancora essere parte integrante di una GFD poiché la gran parte dei prodotti a base di avena, attualmente in commercio, sono contaminati da glutine durante la lavorazione, rischio che sembra essere alquanto consistente anche per il grano saraceno

41 Bilancio nutrizionale

42 La dieta nel bambino con malattia celiaca..bisogna guardare oltre RISCHIO NUTRIZIONALE di questa terapia? variazione dei parametri antropometrici intake calorico, macro e micronutrienti indice glicemico dei cibi gluten free 42

43 PARAMETRI ANTROPOMETRICI: Letteratura Mariani P. et al J Pediatr Gastroenterol Nutr Adolescenti anni Le abitudini dietetiche nei pazienti con MC in GFD possono determinare lo sviluppo di sovrappeso e obesità Cheng J et al, J Clin Gastroenterol 2010 Adulti (> 18 anni) Sia per i soggetti sottopeso o sovrappeso/obesi la terapia con una dieta priva di glutine ha determinato una normalizzazione del BMI (follow up 2.8 anni) Dickey W et al. Am J Gastroenterol 2006 Dopo 2 anni di terapia dietetica l 81% dei soggetti con MC era aumentato di peso, tra questi l 82% dei pazienti già sovrappeso alla diagnosi Barera G et al. Am J Clin Nutr 2000 (9.5 ± 3.4 aa ; ± 4.62 aa) Inizio di GFD da bambini porta al recupero della massa grassa e magra e della massa ossea

44 PARAMETRI ANTROPOMETRICI: Letteratura Valletta E. et al Eur J Clin Nutr 2010 Bambini valutati alla diagnosi e dopo 12 mesi di GFD 11% dei bambini sovrappeso (BMI z- score > +1) alla diagnosi Dopo 12 mesi di GFD, significativo incremento di sovrappeso (11% vs 21%, p=0.03) Venkatasubramani N et al, JPGN 2010 Studio retrospettivo su 143 bambini 5% dei soggetti era risultato obeso (BMI > 95 th p.le) alla diagnosi. Riduzione del BMI nel 57% dopo 12 mesi di GFD. Obesità presente in bambini celiaci alla diagnosi Aurangzeb B et al. Acta Pediatrica bambini con MC alla diagnosi rispetto a 50 controlli 8.7% gravemente malnutrito, 4.2% sottopeso, 20.8% sovrappeso Ampio spettro di modalità di presentazione alla diagnosi

45 INTAKE CALORICO, MACRO E MICRONUTRIENTI MC vs controlli: letteratura Mariani (=47) Hopman (n=37) Ohlund (n=30) Età anni Energia = = Carboidrati %-g = Lipidi %-g = = Proteine %-g Grassi saturi = Polinsaturi = Ferro mg = = = Calcio mg = = = Glucidi solubili Fibre g = Indice glicemico

46 INTAKE CALORICO, MACRO E MICRONUTRIENTI MC vs LARN/RDA: letteratura Mariani (=47) Ohlund (=30) Hopman (=37) Età Energia Carboidrati %-g = = Lipidi %-g = = Proteine %-g = = Glucidi solubili Grassi saturi Polinsaturi Ferro mg = Calcio mg = = Fibre g

47 Anthropometrical profile and dietary intake in celiac children Part 1: anthropometrical profile Studio condotto in collaborazione con la FIMP lombarda Scopo dello studio: valutare le differenze tra i parametri antropometrici e le abitudini alimentari di pazienti con MC alla diagnosi e dopo dieta priva di glutine vs. gruppo controllo Metodo: b.ni con MC: anni, GFD> 6 mesi controlli corrispondenti per sesso ed età Rilevati peso ed altezza dei pazienti celiaci e dei controlli al momento dello studio e recuperati peso ed altezza dei pazienti celiaci alla diagnosi. Calcolato BMI e tramite il programma Epi Info gli z-score di peso, lunghezza/peso e BMI, con riferimento a standard italiani (Cacciari)

48 Anthropometrical profile and dietary intake in celiac children Part 1: anthropometrical profile Longitudinal variation in BMI status in CD subjects from diagnosis to study time (95 CD subjects aged > 2 ys) BMI status At diagnosis At study time Underweight Normal range Overweight/Obesity 6 9 Statistical significance of longitudinal variation: P< (Friedman test) Bambini sottopeso da 28.4% a 13.7% Bambini sovrappeso o obesi da 6.3% a 9.5% Nessuno dei 3 bambini obesi alla diagnosi ha confermato obesità al momento dello studio

49 Anthropometrical profile and dietary intake in celiac children Part 2: dietary intake Soggetti: tra i 150 b.ni con MC sono state valutate le abitudini nutrizionali di 18 soggetti di età compresa tra 4 e 10 anni e confrontate con quelle di 18 controlli corrispondenti per sesso, età (+/- 6 mesi) e BMI (+/-1). Caratteristiche della popolazione: età (anni): mediana 7.6; RIQ 2.8 Sesso : 5 maschi, 13 femmine Durata della dieta senza glutine (anni): mediana 4.2; RIQ 2.5 Metodi: la storia dietetica è stata raccolta attraverso la somministrazione di: 1) Questionario Alimentare Abbreviato (Food Frequency Questionaire) basato sulla registrazione della frequenza di consumo settimanale dei principali alimenti, la porzione abituale e la distribuzione dei pasti nell arco della giornata 2) Recall delle 24 ore; il calcolo della densità nutritiva della dieta è stato effettuato con il software MètaDieta (Me.Te.Da. S.r.l)

50 Intake giornaliero di macronutrienti MC vs. Controlli MC (n=18) Mediana (RIQ) Controlli (=18) Mediana (RIQ) p LARN Energia Kcal (680.0) (1009.0) <.001* Proteine % Kcal g 13.8 (4.4) 68.3 (22.7) 14.5 (4.0) 55.7 (30.0) * 9-12% Carboidrati % Kcal g 53.2 (11.9) (88.6) 46.3 (11.1) (62.1) <.001* <.001* 50-60% Lipidi % Kcal g 34.7 (12.3) 73.0 (53.5) 38.7 (8.0) 63.2 (34.3).003* % *statisticamente significativo test di Wilcoxon-Mann_Whitney

51 Intake giornaliero di macronutrienti MC vs. Controlli MC(=18) Mediana (RIQ) Controlli (=18) mediana (RIQ) p LARN Saturi g 19.5 (13.8) 18.1 (14.2).478 Monoinsaturi g 26.5 (22.5) 32.7 (14.3).165 Polinsaturi g 4.7 (5.2) 8.2 (4.3).060 Glucidi solubili % g 32.4 (20.6) 70.4 (81.0) 35.3 (21.1) 67.1 (35.1) <10% CHO tot Indice glicemico (226.2) 47.2 (6.9) <.001* Fibre g 10.5 (6.0) 14.2 (5.7) età- 10+età (g) *statisticamente significativo test di Wilcoxon-Mann_Whitney

52 Intake giornaliero di micronutrienti MC vs. Controlli MC (=18) Mediana (RIQ) Controlli (=18) Mediana (RIQ) p LARN Calcio mg (398.9) (285.0) Vitamina D µg 0.8 (0.6) 3.1 (2.8) <.001* 0-10 Ferro mg 6.4 (2.4) 7.2 (3.2) Acido folico µg (138.2) (104.1) Vitamina B6 mg 1.6 (0.6) 1.2 (0.9) Vitamina B12 µg 3.8 (3.0) 2.3 (3.9) Zinco mg 8.4 (1.6) 6.4 (3.6).007* 6-7 Magnesio mg (73.3) (74.5) (Commission of the European Communities) *statisticamente significativo test di Wilcoxon-Mann_Whitney

53 Intake mediano alimenti privi di glutine/intake mediano totale (%) Energy Protein CHO Lipids 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

54 La dieta nel bambino con malattia celiaca PROBLEMI Nel 97% dei prodotti: Etichettatura nutrizionale dei prodotti gluten free Nel 3% dei prodotti: Energia Kcal (per 100g di prodotto) Proteine g Lipidi g Carboidrati g Energia Kcal (per 100g di prodotto) Proteine g Lipidi g di cui saturi Carboidrati g di cui solubili Fibra g Mancanza di banche dati dettagliate sulla composizione degli alimenti del commercio privi di glutine L aggiornamento dei database risale a 3-4 anni fa

55 La dieta nel bambino con malattia celiaca PROPOSTE: 1 STEP Informazioni nutrizionali complete in etichetta Per 100g di prodotto e per porzione: Energia Kcal /Kj Proteine g % Lipidi g % di cui saturi monoinsaturi polinsaturi Carboidrati g % di cui solubili Amido g % Indice glicemico Fibra g di cui solubile insolubile Calcio mg Sodio mg Potassio mg Fosforo mg Zinco mg Magnesio mg Ferro mg

56 La dieta nel bambino con malattia celiaca PROPOSTE: 2 STEP Indice glicemico non si deve discostare significativamente dal prodotto naturale (indicare il limite tollerato) indice glicemico = glicemia ed insulinemia postprandiale aumento di sintesi e immagazzinamento dei grassi aumento di trigliceridi nel sangue aumento dell appetito aumento della resistenza all insulina La risposta glicemica a molti prodotti senza glutine tende ad essere più alta e più rapida degli equivalenti con glutine

57 Compliance e qualità di vita Vari studi hanno riportato una compliance variabile dal 32% al 55%. Mayer et al, 1991 Ljungman and Myrdal, 1993 Bardella et al, 1994 Fabiani et al, 1996 Greco et al, 1997 Rashid et al, 2005 Jadresin et al, 2008

58 PENSIAMO A LUNGO TERMINE.. Indice glicemico ottimale previene DMT2 Apporto adeguato di calcio: prevenzione dell osteoporosi Fibre Riduzione del rischio di DMT2, malattie cardiovascolari, ipercolesterolemia Apporto adeguato di vitamina D previene l osteomalacia Apporto adeguato ω6 e ω3 prevenzione dell obesità, ipercolesterolemia e ipertensione EXPERT DIETARY COUNSELLING 58

59

60 GLUTINE - ALLATTAMENTO - DIVEZZAMENTO L esposizione a grano orzo e segale nei primi tre mesi di vita aumenta significativamente il rischio di sviluppare la malattia celiaca rispetto ad una esposizione tra i 4 e i 6 mesi L allattamento materno è un fattore di protezione nello sviluppo della malattia.. the gradual introduction of gluten-containing foods into the diet of infants while they are still being brest-fed reduces the risk of celiac disease in early childhood and probably also during the subsequent childhood period

61 SCOPI DEL FOLLOW-UP Verifica dell aderenza alla GFD, che tenga conto anche dell introduzione involontaria di glutine per scarsa od errata informazione del paziente sulle misure dietetiche Identificazione di patologie autoimmuni associate, in particolare la tiroidite di Hashimoto sia in forma clinica che subclinica: positività isolata degli Ab-antitiroide presenti fino al 25% dei celiaci Diagnosi precoce delle alterazioni metaboliche (dislipidemia, iperglicemia, steatopatia non alcolica), in particolare nei soggetti che aumentano significativamente di peso con la GFD Identificazione precoce delle complicanze neoplastiche (linfoma, carcinoma GE) e non neoplastiche (celiachia refrattaria, digiunoileite ulcerativa, sprue collagenosica) in particolare negli adulti

62 Follow-up della malattia celiaca 1 Primo controllo a 6 mesi dalla diagnosi, quindi ogni 1-2 anni Presso Centro Specialistico In ogni controllo devono essere effettuati: -visita medica completa -valutazione dietologica -esami bioumorali: assorbimento, emocromo, profilo marziale -markers sierologici: anti-ttg IgA (IgG se deficit di IgA) -TSH, anti TPO, anti TG Se marcato aumento ponderale: approfondimento metabolico e nutrizionale Se sospetta o già accertata malattia autoimmune associata: autoanticorpi organo e non organo specifici Accertamenti strumentali (diagnostica apparato digerente) e visite specialistiche in base all indicazione clinica Densitometria ossea ogni 12 mesi se patologica alla diagnosi

63 Willem-Karel Dicke treats a patient but if the patient can be cured at all, it must be by means of diet Samuel Gee, British Paediatrician,1888

IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET. Una vita senza glutine

IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET. Una vita senza glutine IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET Una vita senza glutine Programma Scienziati in Azienda - XI Edizione Stresa, 27 settembre 2010 12 luglio 2011 A cura di: Andrea Finco, Antonella Galeotafiore,

Dettagli

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE COELIAC FORUM EDIZIONE NR 02_2010 IN PRIMO PIANO AGGIORNAMENTO RICERCA ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE La terapia nutrizionale è l unico trattamento universalmente accettato per la celiachia,

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

LA MALATTIA CELIACA IN MEDICINA GENERALE

LA MALATTIA CELIACA IN MEDICINA GENERALE LA MALATTIA CELIACA IN MEDICINA GENERALE Coordinamento Scientifi co Umberto Volta Enzo Ubaldi PACINI EDITORE MEDICINA Copyright 2009 by Pacini Editore S.p.A. Pisa ISBN 978-88-6315-168-8 Realizzazione editoriale

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA?

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA? UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari Corso di Laurea Triennale in Scienze e Tecnologie Alimentari GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA? Relatore: Prof. Salvatore

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia

Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Anno 2013 MINISTERO DELLA SALUTE* REGISTRO NAZIONALE* ALIMENTO SENZA GLUTINE

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine La contaminazione con glutine di cibi che ne sono apparentemente privi è tema molto sentito e resta tuttora vivo il dibattito su come «gestire» le informazioni

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria PIÙ ORTAGGI, LEGUMI E FRUTTA Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria Manuale per la formazione dell insegnante Progetto MiPAAF Qualità Alimentare (approvato con D.M. 591/7303/02 del 23/12/2002)

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO?

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? Allestimento e produzione dell opuscolo da parte di Mediscope AG. www.mediscope.ch Indice 1. Prefazione Prof. Dr. Dr. med. Walter A. Wuillemin, ematologo,

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Perchè una dieta nell insufficienza renale cronica?

Perchè una dieta nell insufficienza renale cronica? Giuliano Barsotti, Università di Pisa Perchè una dieta nell insufficienza renale cronica? Una corretta terapia nutrizionale costituisce, nelle patologie metaboliche come diabete e obesità, il trattamento

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico sanguinamento (acuto/cronico) iporigenerativa progenitori eritroidi (anemia aplastica, CDA, PRCA) sintesi Hb (carenza Fe, talassemia) sintesi di

Dettagli