Quaderno. Colture erbacee. Cereali, Foraggere industriali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quaderno. Colture erbacee. Cereali, Foraggere industriali"

Transcript

1 Quaderno Colture erbacee Cereali, Foraggere industriali

2 QUADERNO QUADERNO COLTURE ERBACEE ISBN Coordinatore Luigi Tedone Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali - Università di Bari Testi e ricerche Gianluca Brunetti 1, Fedele Casulli 2, Eugenio Cazzato 1, Giuseppe De Mastro 1, Grazia Disciglio 3, Mariano Fracchiolla 1, Nicola Grassano 1, Francesco Pinto 4, Emanuele Tarantino 3, Luigi Tedone 1, Leonardo Verdini 1. 1 Università degli Studi di Bari - Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali, Facoltà di Agraria 2 Università degli Studi di Bari - Dipartimento di Protezione delle Piante e Microbiologia Applicata, Facoltà di Agraria 3 Università degli Studi di Foggia - Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali, Chimica e Difesa Vegetale, Facoltà di Agraria 4 Università degli Studi di Bari - Dipartimento di Produzione Animale, Facoltà di Agraria Progetto editoriale Maria Grazia Piepoli 1, Antonio Cardone 1, Matteo Antonicelli 2, Pietro Suavo Bulzis 3, Fabrizio De Castro 4, Vito Nicola Savino 5 1 Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura Basile Caramia di Locorotondo 2 COGEA Srl di Roma 3 Federazione Regionale Coldiretti Puglia 4 Agriplan Srl di Bari 5 Università degli Studi di Bari Facoltà di Agraria Redazione Settore Biblioteca - Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura Basile Caramia di Locorotondo (Ba) Editore Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura Basile Caramia di Locorotondo (Ba) Finito di stampare nel mese di aprile 2009 / Stampa GRAFICA MERIDIONALE Tutti i diritti sono riservati È vietata la riproduzione con qualsiasi mezzo

3 INDICE Presentazione 7 1. I cereali: importanza economica e specie coltivate nell areale pugliese Introduzione Aree di coltivazione, superfici, produzioni e la PAC Frumento duro: qualità, certificazione e rintracciabilità Cereali minori Cenni sulle tecniche di coltivazione dei cereali autunno-vernini Cerealicoltura biologica Conclusioni Biologia dei cereali autunno-vernini I cereali Morfologia dei cereali autunno-vernini Ciclo biologico Esigenze ambientali Tecnica colturale Avvicendamento Lavorazione del terreno Semina Scelta varietale Concimazione Irrigazione Il controllo della flora infestante nei cereali La flora infestante dei cereali Caratteristiche della flora infestante e rapporti di competizione con le colture Danni causati dalla flora infestante Periodo critico della competizione Gestione agronomica della flora infestante Controllo meccanico delle malerbe in presenza della coltura Il diserbo chimico 61 3

4 4.8. Fenomeni di resistenza agli erbicidi Aspetti fitopatologici dei cereali Introduzione Oidio o mal bianco Ruggine Septoriosi Stagonosporiosi Alternariosi Mal del piede Fusariosi della spiga Carbone Carie totale Elmintosporiosi o striatura bruna dell orzo Raccolta, stoccaggio e destinazione del prodotto Raccolta Consegna e stoccaggio Parassiti animali Controllo delle infestazioni Utilizzazione e aspetti qualitativi Le colture foraggere in Puglia: diffusione e caratteristiche agronomiche delle specie coltivate Importanza e diffusione delle foraggere in Puglia Cenni sulle principali specie da foraggio Problematiche agronomiche delle colture foraggere e del miglioramento dei pascoli in Puglia La coltivazione degli erbai Miglioramento dei pascoli La raccolta e conservazione del foraggio L insilamento Aspetti nutrizionali degli alimenti di origine vegetale ed esempio pratico di razionamento Introduzione La valutazione qualitativa delle materie prime per l alimentazione animale I fabbisogni nutritivi degli animali 128 4

5 9.4 La fibra Il flusso energetico degli alimenti durante la digestione Il calcolo della razione alimentare Le colture industriali: importanza economica e specie coltivate nell areale pugliese Introduzione Colture da semi oleosi La barbabietola da zucchero Girasole (Helianthus annus L.) Colza (Brassica napus L. subsp. Oleifera DC) 179 Allegato Schede tecniche di coltivazione delle principali colture cerealicole, foraggere e industriali 193 5

6 6

7 Presentazione Nell ambito delle superfici emerse (circa 13,5 miliardi di ha) circa 1,4 miliardi di ettari sono destinati alle coltivazioni erbacee, colture strategiche per l alimentazione umana, sia in via diretta, attraverso l utilizzo delle materie prime, sia per via indiretta, esempio come nel caso delle materie prime destinate alla zootecnia ed all industria di trasformazione. Da considerare anche la rilevante presenza (circa 3 miliardi di ettari) di superfici destinate alla pastorizia (prati, pascoli e boschi) e le superfici, sempre più crescenti negli ultimi anni, per la produzione di energia. La Puglia possiede una superficie agraria e forestale di mila ettari nei quali la destinazione a coltivazioni erbacee è consistente: 650 mila ettari a seminativi, 90 mila ettari a prati e pascoli 100 mila ettari a boschi. Da questa premessa si evince l enorme importanza strategica che assumono queste colture nelle economie e nelle politiche internazionali. Il manuale è strutturato in tre parti, dimensionate in base all importanza economica che le colture rivestono a livello regionale: - le colture cerealicole da granella, con particolare attenzione al frumento, orzo, avena; - le colture foraggere, con particolare attenzione agli erbai autunno vernini e ai pascoli; - le colture industriali, con maggior attenzione a girasole, colza e cenni su colture quali barbabietola e pomodoro da industria. Di tutte le colture, si fa comunque una trattazione che tiene in conto che la gestione dell azienda agricola si intreccia con una serie di problematiche: - produrre con metodi di coltivazione che siano sostenibili sia economicamente ma anche dal punto di vista ambientale, considerando che le risorse naturali non sono rinnovabili. - assicurare la continuità di approvvigionamento, possibilmente senza fluttuazioni negli anni. - garantire un prezzo dei beni di prima necessità che sia conveniente sia per gli imprenditori agricoli che per la popolazione. - garantire la sicurezza dei prodotti in termini salubrità qualitativi e sanitari. Il quaderno nasce quindi con l intento di fornire agli imprenditori agricoli un supporto e un aggiornamento sulle tecniche di coltivazione, al fine di ottimizzare il reddito degli agricoltori nel rispetto del mandato più ampio oggi affidato agli agricoltori che è quello assicurare il benessere alimentare e sociale delle comunità. 7

8 8

9 1- I CEREALI: IMPORTANZA ECONOMICA E SPECIE COLTIVATE NELL AREALE PUGLIESE Emanuele Tarantino, Grazia Disciglio Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali, Chimica e Difesa vegetale della Facoltà di Agraria, Università degli Studi di Foggia 1.1 Introduzione I cereali comprendono diverse specie di piante erbacee annuali coltivate per i loro frutti o semi secchi (cariossidi) ricchi di amido, utilizzati nell alimentazione umana o animale come sfarinati o come prodotti ottenuti dagli stessi (pane, pasta, biscotti ecc.). Oggi più della metà delle terre arabili nel mondo è coltivato a cereali. La loro importanza deriva da alcune positive caratteristiche, prima tra tutte, quella di dare un prodotto secco (10-12% di acqua) concentrato, facilmente trasportabile e conservabile ad alto potere calorico, con apprezzabile contenuto proteico, lipidico e di sali minerali. L altra peculiare caratteristica è l ampia adattabilità ad ambienti molto diversi. Infatti, alcune specie si sono adattate a climi temperati (specie microterme a ciclo autunno-vernini: frumento, orzo, avena, segale, triticale), altre specie, originate nei climi caldo tropicali, sono caratterizzate da elevate esigenze termiche (specie macroterme: mais, sorgo, riso, miglio, panico ecc.). 1.2 Aree di coltivazione, superfici, produzioni I cinque Continenti sono interessati in misura diversa alla coltivazione dei cereali; in Asia i cereali più diffusi sono: il riso, il frumento, il mais, il miglio e il sorgo. Nel centro e nord America si coltivano maggiormente: frumento, mais, avena e sorgo. L Europa è interessata maggiormente alla coltivazione dei cereali vernini, anche se una rilevante superficie è destinata alla coltivazione del mais (Basso, 2007). Anche nell areale pugliese le specie più interessate sono quelle autunnovernine, e in particolare, il frumento duro, il frumento tenero, l orzo da granella e alcuni cereali minori come l avena. Nel 2008, l offerta cerealicola mondiale, in particolare in Europa si è abbondantemente ripresa rispetto agli anni precedenti, in particolare, con un balzo di circa il 20% rispetto al Ciò è avvenuto sia per un aumento della superficie coltivata (+ 6,6%), sia per la resa che è passata da 4,6 a 5,2 t ha -1 (Coceral, 2008). Molti Paesi hanno denunciato però una qualità inferiore alla norma per effetto delle cattive condizioni climatiche durante il ciclo vegetativo e delle piogge registrate al momento della raccolta. La nota dolente è data anche dai prezzi di 9

10 mercato. L abbondanza ha influito negativamente e ha determinato la discesa dei prezzi. Ciò ha destato qualche preoccupazione tra le organizzazioni agricole europee, tanto da richiedere alla Commissione Europea di introdurre nuovamente i dazi all importazione in modo da proteggere il mercato comunitario. Anche in Italia, la superficie destinata a cereali negli ultimi anni ha subito notevoli variazioni. Dalla tabella 1 si nota, infatti, una fase di declino a partire dal 2004 (ultimo anno di regime accoppiato pre-riforma), quando la superficie investita a cereali autunno-vernini ammontava a circa 2.8 milioni di ettari) fino al 2006, anno in cui si è toccato il minimo storico (circa 2.4 milioni di ettari). Tra i cereali il frumento duro, di cui l Italia è leader mondiale, ha subito la maggiore flessione a causa della perdita della quota di superficie, ove la coltivazione era giustificata soprattutto per la presenza dell incentivo comunitario. Successivamente nel 2007 e 2008 le superfici totali investite a cereali autunno-vernini sono aumentate fino a raggiungere circa 2.8 milioni di ettari nel 2008, grazie ad un aumento del loro valore di mercato. Tabella 1 Evoluzione delle superfici dei cereali autunno-vernini in ITALIA dal 2004 al 2008 (Fonte: ISTAT, 2008) SUPERFICIE (.000 ha) Colture Frumento duro 1.772, , , , ,0 Frumento tenero 581,8 602,8 582,8 661,2 717,8 Orzo da granella 304,9 319,9 332,6 344,7 353,5 Avena da granella 146,6 174,8 160,9 154,5 160,9 Segale 2,9 2,6 2,8 3,1 1,6 Altri cereali minori 7,2 6,8 8,2 10,6 23,2 Totale Cereali 2.815, , , , ,0 Lo stesso frumento duro nel 2008 ha fatto registrare una superficie di circa 1.5 milioni di ettari dai quali sono stati ottenuti circa 5.6 milioni di tonnellate di gra- 10

11 nella, circa il 47% della produzione totale europea e il 14% di quella mondiale (Tabella 1 e Inform. Agr. 2008). Subito dopo, a partire dalla primavera del 2008, le quotazioni dei cereali, come già accennato precedentemente, hanno subito una nuova flessione. La riduzione dei listini, in particolare del grano duro, l aumento continuo dei costi e gli effetti della crisi sul livello dei consumi hanno spostato l interesse degli agricoltori verso colture ritenute più remuneranti. Infatti, gli ultimi dati ISTAT 2009 registrano un calo degli investimenti a livello nazionale pari all 8,7%, per il frumento tenero e al 2,9% del frumento duro (Pizzo e Rossetto, 2009). Ciò viene giustificato oltre, che dai prezzi stagnanti anche dalle avverse condizioni climatiche che in alcune regioni italiane hanno ostacolato le semine. E noto, inoltre, che il mercato italiano dei cereali dipende fortemente dalle dinamiche che si realizzano a livello internazionale in conseguenza agli elevati quantitativi importati. Il ricorso alla sola produzione nazionale, infatti, non consentirebbe di soddisfare la domanda proveniente dall industria di trasformazione. Per coprire i consumi interni è comunque necessario ricorrere al prodotto di importazione nella misura del 60% per il frumento tenero, nel 30% del frumento duro e del 15% dell orzo (Montanaro, 2008). Anche le produzioni sementiere hanno subito oscillazioni negli anni, evidenziando un tracollo delle superfici portaseme nel 2005 e 2006 e una ripresa nel 2007 con ha (+30%) per il frumento duro; ha (+13%) per il frumento tenero e (+6%) per l orzo (ENSE, 2007). Nel 2008 in Puglia le superfici investite a cereali sono state in totale ha, ripartite in ha, ha e ha, rispettivamente per il frumento duro, frumento tenero e orzo da granella, le cui rese medie sono state di 3.4, 2.94 e 2.76 t ha -1 (Tabella 2, 3, 4). Le varietà più diffuse nelle aree meridionali sono riportate nella Tabella Frumento duro: qualità e certificazione Per il frumento duro, coltura più importante per la Puglia, è da considerare oltre che la quantità anche la qualità della granella. Le tipologie della qualità del frumento duro variano in relazione al segmento della filiera considerato e alla tipologia del prodotto trasformato. Come è noto esiste una qualità agronomica legata alla potenzialità, alla stabilità e alla qualità produttiva, una qualità molitoria legata alla resa della semola, al contenuto in ceneri, al grado di umidità della granella e alle impurezze, una qualità tecnologica che varia in relazione alla tipologia del prodotto trasformato e che dipende essenzialmente dal contenuto proteico, dalla quantità e qualità del glutine e dal colore giallo e, infine, una qualità igienico-sanitaria, sensoriale e di salute per il 11

12 consumatore (Troccoli, et al., 2000). Molti dei fattori che contribuiscono alla qualità ruotano intorno al contenuto proteico delle cariossidi (sia in termini quantitativi, sia qualitativi), che costituisce di fatto l aspetto più delicato per la promozione dell alta qualità nella filiera del frumento duro (Tabella 6). Da diverse indagini dell Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura risulta che il 50% della produzione media nazionale ha un contenuto proteico oltre il 12,5%, valore capace di soddisfare le esigenze qualitative dell industria di trasformazione (De Vita et al., 2007). Tuttavia, essendo ancora carente in Italia la diffusione dello stoccaggio differenziato, parte della qualità prodotta non viene di fatto utilizzata dall industria di trasformazione che, conseguentemente si rivolge all importazione di grano di alta qualità dei Paesi esteri più organizzati commercialmente (principalmente Canada, USA, Australia e Francia). Tabella 2 Superfici, produzioni e rese del frumento duro in PUGLIA nell anno 2008 (Fonte AGRIT, 2008) Frumento duro classe di resa (t ha -1 ) Frequenza Superf. (%) Superficie (ha) Produzione (t) Resa media (t ha -1 ) 0 0, ,5 1,0 0, ,1 0,78 1,0 1,5 0, ,0 1,13 1,5 2,0 5, ,1 1,69 2,0 3,0 35, ,1 2,52 3,0 4,0 46, ,3 3,33 4,0 5,0 11, ,6 4,10 5,0 6,0 1, ,0 5,08 >6,0 0, ,0 6,00 Totale 100, ,04 12

13 Tabella 3 Superfici, produzioni e rese del frumento tenero in PUGLIA nell anno 2008 (Fonte AGRIT, 2008) Frumento tenero classe di resa (t ha-1) Frequenza superf. (%) Superficie (ha) Produzione (t) Resa media (t ha -1 ) 0 0, ,5 1, ,0 1,5 5, ,0 1,0, 1,5 2, ,0 3,0 41, ,4 2,4, 3,0 4,0 41, ,1 3,11 4,0 5, ,0 6,0 11, ,0 5,0 > 6, Totale 100, ,5 2,94 13

14 Tabella 4 Superfici, produzioni e rese dell orzo in PUGLIA nell anno (Fonte AGRIT, 2008) Orzo da granella classe di resa (t ha -1 ) 0-5 Frequenza Superficie Produzione Resa media Superf. (ha) (t) (t ha -1 ) (%) ,5 0, , ,0 0, , ,9 1, , ,7 1, , ,2 2, , ,1 3, , ,1 4, , ,0 6,0 Totale 100, ,5 2,76 TOTALE CEREALI Tabella 5 Varietà più diffuse nelle aree meridionali Frumento duro Frumento tenero Arcangelo, Ciccio, Claudio, Colorado, Colosseo, Creso, Duilio, Norba, Ofanto, Pietrafitta, Platani, Quadrato, Radioso, Rusticano, Simeto, Svevo, Torrebianca. Bolero, Palladio, Centauro, Palesio. Orzo Otis, Scarlet, Arda, Pilastro. 14

15 Tabella 6 Qualità del frumento duro: annata agraria (www.cerealicoltura.it) Provincia N. rilievi Proteine (% s.s.) Glutine (% s.s.) Min Max Media Min Max Media Bari 112 9,24 14,45 11,60 6,15 11,00 8,53 Foggia ,78 18,74 13,27 5,43 15,54 10,34 La qualità della produzione del frumento duro è sempre più determinante per il valore commerciale del prodotto che, come è noto, può fluttuare da un anno all altro in relazione sia alle variazioni dei fattori pedoclimatici e agronomici che alla componente genetica. Si fa rilevare, inoltre, che insieme alle suddette caratteristiche intrinseche del prodotto, per fornire una visione olistica della qualità occorrono altri elementi che non si riferiscono al prodotto stesso, ma al contesto di produzione che influenzano la percezione della qualità da parte del consumatore (Ruggiero e Maggio, 2004; Peri, 1998). In particolare sono importanti tre requisiti: l origine territoriale e la cultura, l ambiente e la sua protezione e la deontologia dei sistemi produttivi. Questi potremmo definirli requisiti psicologici che insieme a quelli di qualità del prodotto (sicurezza, merceologici, nutrizionali e sensoriali) sono importanti ai fini alimentari. Ci sono, infine, dei requisiti di garanzia che considerano il prodotto come oggetto di mercato e sono la certificazione e la rintracciabilità di azienda e di filiera (Tabella 7). Un altro aspetto di qualità dei cereali riguarda gli effetti salutistici attribuiti a composti biologicamente attivi (nutraceutici) presenti nelle diverse componenti della cariosside (pericarpo, germe ed endosperma), che incidono sulla diminuzione di malattie cardiovascolari, diabete e cancro. Sembra che il principale effetto positivo della granella integrale di cereali sia la capacità antiossidante totale (Flagella, 2006). 15

16 Tabella 7 Caratteristiche qualitative di frumento duro e derivati in relazione al prodotto, al contesto produttivo e ai requisiti di garanzia (Flagella, 2006) Requisiti del prodotto Sicurezza (assenza di residui, basso contenuto in metalli pesanti etc.) Nutrizionali (contenuto in macronutrienti, micronutrienti e composti bioattivi) Tecnologici (contenuto proteico, indice di glutine etc.) Requisiti del contesto produttivo Origine territoriale, tradizione Rispetto per l ambiente (produzione integrata e biologica) Requisiti di garanzia Certificazione (prodotti DOP, IGP e marchi collettivi) Rintracciabilità (Reg. UE n ) 1.4 Cereali minori L introduzione del disaccoppiamento, se da un lato ha indubbiamente indebolito l azione di indirizzo della PAC, spingendo gli agricoltori verso la ricerca di nuovi percorsi aziendali in un ottica di orientamento al mercato, dall altro ha favorito una maggiore attenzione all impiego degli avvicendamenti colturali e di corrette tecniche agronomiche, nonché di una più efficace selezione dei terreni vocati per ciascuna coltura. Alla luce di questo nuovo contesto deve essere letto il trend positivo che negli ultimi anni ha interessato i cereali minori (avena, segale, farro e triticale), così definiti sia perché complessivamente occupano soltanto il 4% del totale delle superfici destinate a cereali, sia per il limitato interesse da parte del mercato. Tuttavia, essi possono apportare un contributo significativo ai conti economici delle aziende agricole, in quanto contraddistinti da bassi costi di produzione. Questi cereali trovano impiego nel settore zootecnico, in particolare l avena ha un uso mirato e specifico per alcune specie animali, come gli equini, che hanno questo cereale come base della propria nutrizione, sia come granella che come paglia. Per il farro e la segale, invece, cresce l interesse per l alimentazione umana. 16

17 All attualità i cereali minori riscuotono notevole interesse in agricoltura biologica e rappresentano un opportunità sia agronomica, per le loro caratteristiche di rusticità che ben si possono inserire negli avvicendamenti colturali, sia economica, soprattutto con la nuova apertura al mercato agro-alimentare. Le superfici investite a cereali minori in Italia si sono attestate nel 2007 a circa ha (ISTAT, 2008). La loro diffusione cambia da regione a regione. L avena è la specie coltivata maggiormente in Puglia (con ha e t di produzione) e in Sardegna (Figura 1); la segale in Calabria e Lombardia, mentre il triticale e il farro specialmente in Lombardia e Toscana (Belletti et al., 2008). Avena Superfici (.000 ha) Puglia Sardegna Basilicata Calabria Toscana Altre regioni Figura 1 - Superficie di avena riportata per regioni (Fonte ISTAT, 2006) E interessante la situazione del farro che, entrato nella dieta umana per una sorta di moda alimentare, si è progressivamente affermato sulla tavola degli italiani, sia come cereale integrale per consumo diretto, che macinato come materia per prodotti da forno come pane, pasta, biscotti e dolci. Il crescente interesse del consumatore a favore di prodotti cosiddetti naturali a base di farro ha dato impulso a un rilancio produttivo ed economico di questa coltura nei sistemi agricoli biologici. Il futuro della produzione del farro rimane comunque molto legato all andamento dei prezzi di altri cereali: pur trovando il forte interesse del mercato e degli agricoltori, soprattutto nelle aree marginali, oggi risente della competitività di altri cereali come il frumento duro e tenero che, con il recente rialzo, mantengono ancora prezzi molto alti (Della Botta, 2007). Nella Tabella 8 sono indicate le varietà più diffuse nelle aree meridionali. 17

18 Tabella 8 - Cereali minori: varietà consigliate nella aree meridionali Avena Segale Triticale Farro Rogar 8, Argentina, Ombrone, Donata Fasto Bienvenu, Catria, Oceania, Rigel, Wilfried, Trincat, Cuma Spelta: Ubel, Sertel, Oberkulmer, Pietro Dicocco: Farro del Molise 1.5 Cenni sulle tecniche di coltivazione dei cereali autunno-vernini Le tecniche di lavorazione del terreno variano in funzione della sua natura, della precessione colturale, del grado di infestazione delle malerbe. Tra i lavori principali, l aratura è ancora oggi la modalità più diffusa nei terreni argillosi ed in quelli molto inerbiti, nonché in quelli con presenza di residui colturali. Negli ultimi anni il tema delle lavorazioni è stato profondamente modificato in relazione al contenimento dei costi di produzione, infatti, si parla oggi di minimum tillage riferendosi a tecniche di lavorazione ridotte, realizzate con un unico passaggio di fresatrice al fine di predisporre il terreno per la semina; si parla anche di zero tillage quando non si effettua nessuna lavorazione e la semina viene eseguita con apposite macchine su terreno sodo in presenza di residui colturali. Altri problemi della tecnica colturale dei cereali interessano l epoca, la densità e la profondità di semina, nonché gli interventi agronomici riguardanti la concimazione, il diserbo e la raccolta (Basso, 2007). Particolarmente nei riguardi della qualità della produzione del frumento duro, come già accennato precedentemente, essa è direttamente collegata al contenuto proteico della granella, la cui espressione dipende dalla base genetica e può variare in relazione all ambiente di coltivazione, alla fertilità del suolo, alla concimazione, alla piovosità stagionale e alla temperatura; tutti fattori che possono modificare l azoto disponibile nel terreno. Pertanto la qualità del frumento duro non può prescindere da una buona tecnica di coltivazione (Tabella 9). 18

19 Tabella 9 Tecniche per esaltare le proteine nel grano duro (Troccoli et al.,2008) L azoto rappresenta il principale fattore limitante sia della produzione, sia del tenore proteico del grano duro. L azoto disponibile per le piante deriva solo in parte dalla concimazione minerale: una fonte importantissima è quello già presente all inizio della stagione colturale. La rotazione migliora la risposta quali-quantitativa del frumento duro: ottimi risultati si ottengono dalla precessione annuale con il maggese nudo o maggese nudo biennale. La semina su sodo non comporta alcun effetto negativo, a parità di concimazione, sulle caratteristiche quanti-qualitative del frumento duro. L azoto accumulato o dato dopo la fioritura ha poco effetto sulla resa, ma può aumentare il contenuto proteico della granella. Questo però non è consigliabile per gli ambienti meridionali, perché normalmente durante la fase terminale del ciclo vegetativo la scarsità di acqua disponibile nel terreno non consente alle piante di sfruttare la maggiore disponibilità azotata. Nel frumento il massimo assorbimento di azoto avviene dopo l accestimento e prima della fioritura. 1.6 Cerealicoltura biologica Nella U.E. il 44% della produzione di colture biologiche è rappresentato da cereali biologici che a loro volta sono lo 0,8% del totale della produzione cerealicola (Flagella, l.c. 2006). In Italia, primo paese produttore con metodo biologico a livello europeo, la superficie coltivata a cereali rappresenta il 20% della SAU biologica e in particolare quella coltivata a frumento duro rappresenta il 43% della SAU totale dei cereali. Nella tabella 8 è riportata la ripartizione tra le diverse specie (Andreotti, 2008). Le prime tre regioni a maggior sviluppo di cereali biologici sono la Puglia, la Sicilia e la Toscana (Figura 2) 19

20 Tabella 10 Superfici a cereali biologici (2007) Colture Ettari Grano tenero e Farro Grano duro Orzo Mais Segale 974 Avena Triticale 892 Riso Altri cereali Totale ha ha t t Puglia sicilia Toscana Figura 2 Le prime tre regioni cerealicole per SAU e produzione biologica, 2003 (Fonte ISMEA, 2005) In Puglia il cereale più coltivato con il metodo biologico è il frumento (68%) (Figura 3), mentre tra le diverse province quella di Bari è la più diffusa per la cerealicoltura biologica (Figura 4). Nella Tabella 11 sono elencati i punti di forza e di debolezza insieme alle opportunità, minacce e strategie di rilievo della cerealicoltura pugliese (De Blasi et al., 20

21 2006). Particolarmente, per il frumento duro, sia la resa produttiva che gli standard qualitativi rappresentano aspetti critici del sistema di produzione biologica. Ambedue gli aspetti, come già detto, sono fortemente influenzati dalla disponibilità di azoto nel terreno in alcune fasi fenologiche della coltura. Figura 3 Distribuzione in % delle colture cerealicole biologiche in Puglia (ha), 2003 (Fonte ISMEA, 2005) Figura 4 Cereali - Distribuzione in % delle superfici bio per provincia, 2004 (Fonte ISMEA, 2005) 21

22 Tabella 11 - Puglia Bio: filiera cerealicola analisi Swot (De Blasi et al., 2006) PUNTI DI FORZA PUNTI DI DEBOLEZZA - Consistenza della produzione - Disgregazione della filiera - Scarsa domanda locale - Problemi di qualità - Debole orientamento al mercato - Basso valore aggiunto (pastificazione ecc.) - Dipendenza dal premio comunitario OPPORTUNITA MINACCE - Politiche comunitarie e regionali - Sviluppo tecnologico - Innovazione - Concorrenza di altri prodotti Politiche della domanda: - informazione al consumo - promozione STRATEGIE DI SVILUPPO 1.7 Conclusioni La cerealicoltura, un settore strategico del nostro agro-alimentare, sta vivendo un momento determinante. Il MIPAAF sta per varare, dopo aver ascoltato le varie parti interessate delle filiere, il Piano Nazionale del settore, uno strumento in grado di finanziare azioni tese ad aumentare la competitività, che dopo la riforma Fischler vede le aziende agricole affrontare le conseguenze del disaccoppiamento, a causa del tramonto degli aiuti diretti alle colture. A riguardo le azioni da intraprendere devono essere concrete con l obiettivo di aumentare la competitività delle aziende (la maggior parte di ridotte dimensioni fisiche ed economiche), che si traduce nell elevare i ricavi e abbassare i costi del sistema. In particolare, per aumentare i prezzi, occorre differenziare il prodotto (cioè la qualità) e concentrare l offerta. Per questo è fondamentale: affinare le caratteristiche della granella attraverso 22

23 il miglioramento genetico e l azione di agrotecniche orientate alle esigenze del consumatore; adeguare le strutture di stoccaggio e logistica; sostenere gli accordi interprofessionali, anche con la diffusione di contratti di filiera in grado di incentivare la fiducia reciproca tra operatori e di garantire una larga condivisione di benefici (introduzione di prezzi minimi garantiti, fissazione del prezzo al momento del contratto, incentivazione alla qualità) (Zanni, 2009). Secondo le stesse indicazioni dell Unione Europea, oggi un fattore strategico per la valorizzazione e lo sviluppo dell agricoltura oltre a quello di assicurare produzioni di qualità, include anche altri obiettivi quali lo sviluppo di un agricoltura sostenibile, il raggiungimento di standard elevati di sicurezza alimentare, lo sviluppo di attività di valorizzazione del territorio (rispetto dell equilibrio territoriale, salvaguardia del paesaggio e dell ambiente) per contribuire al suo sviluppo socio-economico. A questo proposito al fine di consentire al settore di centrare l obiettivo di una maggiore competitività, è auspicabile che il Piano Nazionale consideri come aspetti strategici la ricerca, la sperimentazione e il trasferimento tecnologico. 23

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

GRAMINACEE FORAGGERE

GRAMINACEE FORAGGERE GRAMINACEE FORAGGERE CARATTERISTICHE BOTANICHE Radici: fascicolate, non molto profonde, che si rinnovano annualmente. Culmi: costituiti da nodi e internodi; intenso accestimento; in alcune specie fungono

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

Soia. (Glicine max (L.) Merr.)

Soia. (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) La soia è la più importante fonte vegetale di olio e di proteine per uso alimentare a livello mondiale In Italia la coltura della soia oggi è

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra

Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra 1 Introduzione 2 SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA La sostenibilità è la capacità di produrre beni ed alimenti in modo economicamente vantaggioso

Dettagli

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori Università degli Studi di Torino DISAFA L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori Amedeo Reyneri Celiachia: nuove prospettive Grugliasco 21 marzo 2015 Dipartimento di Economia,

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO

Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE. www.edagricolescolastico.it EDAGRICOLE SCOLASTICO Indice PARTE PRIMA - L AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E LE PIANTE Sezione 1 Strutture, attrezzature e strumenti a disposizione degli studenti MODULO 1 L azienda agraria dell Istituto 12 1.1 La visita aziendale

Dettagli

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum Introduzione I cereali utilizzati da secoli sia nell'alimentazione umana che in quella animale, grazie alle loro spiccate doti nutrizionali,

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Sempre primi! Anche nel 2015 le nostre varietà si confermano ai vertici delle prove nazionali del Frumento Tenero*: 1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

Dettagli

Disciplinari di Produzione per conseguire

Disciplinari di Produzione per conseguire Pag. 2 Centri di Ritiro Il recupero dei prezzi importante stimolo per le semine autunnali 2012! Come sempre, per fare le giuste scelte, conviene raccordarsi alla Struttura Organizzata che avrà il compito

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Indice Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Cap. 1 COMPOSIZIONE BIOCHIMICA DEGLI ALIMENTI VEGETALI 1.1 Definizione di alimento...18 1.2 Principi nutritivi...18 1.2.1 Inorganici...19 1.2.1.1 Ossigeno...19

Dettagli

Avvicendamento e consociazione

Avvicendamento e consociazione Avvicendamento e consociazione L avvicendamento (o rotazione) consiste nel coltivare un terreno (campo) con una successione di colture diverse in modo che una stessa specie torni su uno stesso terreno

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

Ideotipo ed epoca di raccolta per il sorgo da biomassa

Ideotipo ed epoca di raccolta per il sorgo da biomassa I risultati delle prove condotte in 1 raccolto nell ambito del progetto Quale_Sorgo di Paolo Mantovi, Roberto Davolio, Alessandra Immovilli Fondazione Crpa Studi Ricerche Ideotipo ed epoca di raccolta

Dettagli

MAIS CICLO BIOLOGICO

MAIS CICLO BIOLOGICO MAIS CICLO BIOLOGICO 1 C I C L O B I O L O G I C O 2 3 GERMINAZIONE - EMERGENZA In condizioni adatte di umidità, di temperatura e di arieggiamento, il seme assorbe acqua e inizia la mobilitazione delle

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori. Il problema

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori. Il problema Università degli Studi di Torino DISAFA L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori Amedeo Reyneri, Debora Giordano SANA Bologna 8 settembre 2014 Dipartimento di Economia,

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

FRUMENTO ECOLOGIA E FISIOLOGIA DELLA COLTURA

FRUMENTO ECOLOGIA E FISIOLOGIA DELLA COLTURA FRUMENTO ECOLOGIA E FISIOLOGIA DELLA COLTURA 1 PIANTA: LONGIDIURNA MICROTERMA C3 ESIGENZE AMBIENTALI COLTIVAZIONE: FASCIA TEMPERATA EMISFERO NORD : 30-60 latitudine FASCIA TEMPERATA EMISFERO SUD: 25-40

Dettagli

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 TECNOZOO, AL FIANCO DEGLI ALLEVATORI DAL SEME AL PRODOTTO FINITO! SOMMARIO SORGO IBRIDO DA SFALCIO KARIM Pag 4 SORGO GENTILE

Dettagli

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Capofila: Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI Premessa Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha invitato le Regioni alla stesura di un proprio programma che s inserisse all interno di un piano nazionale, denominato

Dettagli

Università degli studi di Bari Aldo Moro

Università degli studi di Bari Aldo Moro Università degli studi di Bari Aldo Moro Corso di Laurea: SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe L-69 Corso Integrato: Elementi di biologia e qualità delle materie prime vegetali Modulo: Produzioni erbacee

Dettagli

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 5 al 16 maggio 2014 20 maggio 2014. Numero venti 23 maggio 2014

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 5 al 16 maggio 2014 20 maggio 2014. Numero venti 23 maggio 2014 Numero venti 23 maggio 2014 In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli - pag. 1 Colza: indicazioni relative alla fase di raccolta - pagg. 2/3 Unionzucchero/CGBI:

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI.

ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI. ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI. Pagina1 LA PRIMA FASE: LA SEMINA E LA PRIMA CONCIMAZIONE La differenza tra le cariossidi

Dettagli

Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione

Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione G.B. Quaglia 1 1 Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, Via Ardeatina, 546-00178 Roma

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

catalogo 2014 PRONTI PER UN NUOVO RACCOLTO

catalogo 2014 PRONTI PER UN NUOVO RACCOLTO CATALOGO VARIETALE CEREALI 2014 catalogo 2014 PRONTI PER UN NUOVO RACCOLTO SE IL 2013 ha segnato il primo anno di produzione integrata dei cereali riprodotti e commercializzati dal nuovo Consorzio Agrario

Dettagli

Consociazioni. migliore effetto preventivo dell erosione aumento della fertilità agronomica del terreno

Consociazioni. migliore effetto preventivo dell erosione aumento della fertilità agronomica del terreno Consociazioni incrementi produttivi medi e stabilizzazione rese; miglior equilibrio composizione chimica migliore ripartizione rese economicità nella concimazione azotata azione protettiva dal freddo durata

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento discienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Via E. De Nicola 07100 Sassari Tel. +39 079 229222/3 Fax +39 079 229222 e-mail agcess@uniss.it Partita IVA

Dettagli

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II AZIENDA AGRARIA TORRE LAMA Via G. Fortunato, 3 84092 BELLIZZI ITALY Tel/Fax.: +39 089 51110 Convenzione tra Pastificio Lucio Garofalo e Azienda Torre Lama Aspetti

Dettagli

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA LE SCIENZE AGRARIE Tra OGM e agricolture alternative Firenze, 19 Aprile 2013 GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA Blanco Università degli Studi di Bari Aldo Moro A. La Dieta Mediterranea è caratterizzata dal

Dettagli

[TESTO COMUNICAZIONE TRITICUM TURGIDUM TURANICUM]

[TESTO COMUNICAZIONE TRITICUM TURGIDUM TURANICUM] 2013 BIOLOGISTIC S.R.L. Marco Rusconi [TESTO COMUNICAZIONE TRITICUM TURGIDUM TURANICUM] Sommario ORIGINI... 1 LA CLASSIFICAZIONE MODERNA DEI CEREALI... 3 IL GRANO KHORASAN... 4 PROPRIETA NUTRIZIONALI DEL

Dettagli

DISCIPLINARI COLTURE CEREALICOLE. FRUMENTO DURO (Triticum turgidum L.)

DISCIPLINARI COLTURE CEREALICOLE. FRUMENTO DURO (Triticum turgidum L.) DISCIPLINARI COLTURE CEREALICOLE FRUMENTO DURO (Triticum turgidum L.) 1. VOCAZIONALITÀ PEDOCLIMATICA Tenuto conto di quanto indicato nelle Norme Generali, si riportano di seguito le caratteristiche specifiche

Dettagli

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Come produrre più latte dai propri foraggi Piacenza 14 OTTOBRE 2011 Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Giorgio

Dettagli

FORRICALE Varietà di origine spagnola

FORRICALE Varietà di origine spagnola FORRICALE Varietà di origine spagnola LETIZIA ERBA MEDICA LA VARIETÁ Origine: sintetica a 3 costituenti (70% ecotipo romagnolo, 20% ecotipo polesano, 10% varietà francese) Costitutore/responsabile selezione

Dettagli

ITALMALT CATALOGO MALTI

ITALMALT CATALOGO MALTI ITALMALT CATALOGO MALTI INDICE DEI CONTENUTI La società...3 Produzione...4 Materie prime...5 Ricerca...6 Malti proposti...7 Estratti di Malto in forma liquida...8 Estratti di Malto in polvere...9 Schede

Dettagli

CATALOGO formato famiglia

CATALOGO formato famiglia ANTICO MOLINO DELLE FOLCI dal 1700 farine senza aggiunta di additivi la qualità della farina, la bontà del pane CATALOGO formato famiglia O LINO DEL MO LE LCI FO ANTI C dal 1700 La dedizione per la qualità

Dettagli

La Pac, criticità e punti da migliorare

La Pac, criticità e punti da migliorare La Pac, criticità e punti da migliorare Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Cremona, 22 aprile 2016 Situazione attuale della PAC

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Asparago - Costituzione e diffusione dell ibrido maschile Italo Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Italo è il primo ibrido interamente maschile (le piante maschili sono notoriamente

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

La Septoriosi del frumento

La Septoriosi del frumento La Septoriosi del frumento Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it La Septoriosi del frumento è una malattia comunemente presente nei nostri

Dettagli

Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry

Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry IL PANE Fare il pane in casa è molto più che una moda salutista o di una scelta economica, significa riappropriarsi di capacità manuali e modalità

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2011 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Lo sviluppo di una attività di ricerca in Italia sulla

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Progetto Parchi in qualità

Progetto Parchi in qualità APPLICAZIONE PILOTA DEI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE NELLE AREE PROTETTE Progetto Parchi in qualità ovvero applicazione pilota del Sistema di Gestione Ambientale nelle aree naturali protette La coltivazione

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

ASPETTI GENERALI DEI CEREALI

ASPETTI GENERALI DEI CEREALI Cap. 3 Cereali CAPITOLO 3 ASPETTI GENERALI DEI CEREALI a b c d Fig. 3.1 - (a) Frumento duro, (b) Frumento tenero, (c) orzo e (d) riso 3.1 Generalità Con il nome di cereali (dal fenicio Ker-frumento, o

Dettagli

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Potere metanigeno: fattori determinanti Genetica Digeribilità della fibra Contenuto di amido Stress

Dettagli

La produzione biologica di mais, riso e cereali minori Breve vademecum

La produzione biologica di mais, riso e cereali minori Breve vademecum La produzione biologica di mais, riso e cereali minori Breve vademecum Il mais: notizie generali La coltivazione del mais in agricoltura biologica, ha visto un rilancio negli ultimi anni in seguito all'adozione,

Dettagli

Disciplinare di produzione della FARRO DEL MOLISE UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DEL MOLISE

Disciplinare di produzione della FARRO DEL MOLISE UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DEL MOLISE UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DEL MOLISE FARRO del Molise FARRO del Molise Modalità di ottenimento della licenza d uso del marchio collettivo PIACERE

Dettagli

Progetto. PASTA ALIMENTARE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA: confronto varietale e prove di pastificazione per attivare una filiera specifica

Progetto. PASTA ALIMENTARE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA: confronto varietale e prove di pastificazione per attivare una filiera specifica Progetto PASTA ALIMENTARE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA: confronto varietale e prove di pastificazione per attivare una filiera specifica Finanziamento: Regione Marche Bando Ricerca e Sperimentazione L.R. 37/99

Dettagli

La determinazione del ph

La determinazione del ph La determinazione del ph Claudio Marzadori, Claudio Ciavatta Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) Università di Bologna Bologna 31/03/2011 La revisione dei metodi ufficiali di analisi

Dettagli

Diffusione della malattia.

Diffusione della malattia. IL VIRUS DEL MOSAICO COMUNE DEL FRUMENTO Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it Coception Rubies-Autonnell, Dista Area di Patologia Vegetale

Dettagli

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto.

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. di Gaia Brancati Le piante Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. Il fusto Il fusto tende a crescere verso l alto. Quando esso

Dettagli

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli Analisi tecnico economica 1 Metodo di calcolo utilizzato Inserimento di tutti i dati tecnico-economici al 2006 Azienda 30 ha 3 percorsi: PSR,

Dettagli

LE INTENZIONI DI SEMINA DELLE PRINCIPALI COLTURE ERBACEE

LE INTENZIONI DI SEMINA DELLE PRINCIPALI COLTURE ERBACEE 4 Marzo 2014 Annata agraria 2013-2014 LE INTENZIONI DI SEMINA DELLE PRINCIPALI COLTURE ERBACEE Le intenzioni di semina dichiarate dai coltivatori, relative all annata agraria 2013-2014, fanno registrare

Dettagli

IVS LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA

IVS LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA IVS Ricerca applicata LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo autunno 2011 EXOTIC Una garanzia nel raccolto Rese eccellenti e costanti in

Dettagli

Colture erbacee: leguminose da granella

Colture erbacee: leguminose da granella Corso di Sistemi colturali - Viterbo, AA 2002-2003 Colture erbacee: leguminose da granella Dott. Raffaele Casa, Dipartimento di Produzione Vegetale, Università della Tuscia, Viterbo Leguminose da granella

Dettagli

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

AUDIZIONE CNEL Commissione per le Politiche Sociali ed Ambientali 26 settembre 2007 Abstract intervento di Annalisa Saccardo

AUDIZIONE CNEL Commissione per le Politiche Sociali ed Ambientali 26 settembre 2007 Abstract intervento di Annalisa Saccardo AUDIZIONE CNEL Commissione per le Politiche Sociali ed Ambientali 26 settembre 2007 Abstract intervento di Annalisa Saccardo Siamo pronti a fare la nostra parte per promuovere in agricoltura l uso razionale

Dettagli

COMPONENTI ANALITICI *

COMPONENTI ANALITICI * Nucleo GP Nostrale Preparato secondo il regolamento (UE) N. 584/2011 - Grana Padano. Nucleo GP Nostrale della linea Nostrale Vacche da Latte è un mangime complementare per vacche in lattazione ideale per

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2010 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Il 2009 è un anno importante per la storia di due

Dettagli

Un metodo di stima delle potenzialità economiche ed ambientali delle colture energetiche: il caso dell Emilia Romagna

Un metodo di stima delle potenzialità economiche ed ambientali delle colture energetiche: il caso dell Emilia Romagna POLITECNICO DI MILANO FACOLTÀ DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E TERRITORIALE Un metodo di stima delle potenzialità economiche ed ambientali delle colture energetiche: il caso dell Emilia Romagna Parchi

Dettagli

I CEREALI. riso orzo farro

I CEREALI. riso orzo farro I CEREALI I cereali sono coltivati per i loro semi ricchi di amido che si prestano in moltissime preparazioni alimentari e costituiscono la base energetica della dieta di gran parte dell umanità. riso

Dettagli

Dal Grano al Pane. Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014

Dal Grano al Pane. Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014 Dal Grano al Pane Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014 Triticum durum o grano duro Triticum vulgare o grano tenero ATriticum durum -BTriticum aestivum var. Spada -CTriticum aestivum var. Brasilia La cariosside

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT)

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT) colture energetiche colza Confronto varietale 21 Negli ultimi anni in Italia e in Veneto si è osservata una progressiva diffusione della coltivazione di colza. A livello nazionale, infatti, le superfici

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS Il mais è tra i prodotti vegetali più soggetti alla contaminazione da parte delle micotossine. I principali funghi tossigeni

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO

AREA AMBIENTE E TERRITORIO AREA AMBIENTE E TERRITORIO "VERSO UNA NUOVA STRATEGIA NAZIONALE PER L'AGRICOLTURA BIOLOGICA: LA VALORIZZAZIONE DEL BIOLOGICO ITALIANO» di Annalisa Saccardo Bologna 12 settembre 2015 IL PARADOSSO DEL BIOLOGICO

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

SEGALE (Secale cereale L.) TRITICALE (x Triticosecale Wittmack)

SEGALE (Secale cereale L.) TRITICALE (x Triticosecale Wittmack) CONTROLLO E CERTIFICAZIONE DELLE SEMENTI DI SEGALE (Secale cereale L.) TRITICALE (x Triticosecale Wittmack) Corso teorico: Controlli sotto sorveglianza ufficiale Maurizio Giolo INRAN ENSE - Sez. VR Milano

Dettagli

ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO a. Generalità: La seguente parte della misura definisce il concetto

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

Produzione agricola della canapa da fibra

Produzione agricola della canapa da fibra Produzione agricola della canapa da fibra aspetti economici e scenari produttivi Studio Paroli e Associati Tecnica ed Economia Agraria Via Fiorentina, 84 PONTEDERA (PI) Tel 0587-59016 La coltivazione della

Dettagli

Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna*

Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna* Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna* ABSTRACT - - KEYWORDS Maize cultivars, biodiversity, cultivars comparison. Introduzione Dal 2002 il CRAB s.c.r.l. svolge un lavoro di recupero di vecchie varietà

Dettagli

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia Parco Spina verde Corso Gev 2014 La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia 1 L ambrosia è una pianta erbacea stagionale appartenente alla famiglia delle composite o Asteraceae. Originaria

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli