Quaderno. Colture erbacee. Cereali, Foraggere industriali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quaderno. Colture erbacee. Cereali, Foraggere industriali"

Transcript

1 Quaderno Colture erbacee Cereali, Foraggere industriali

2 QUADERNO QUADERNO COLTURE ERBACEE ISBN Coordinatore Luigi Tedone Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali - Università di Bari Testi e ricerche Gianluca Brunetti 1, Fedele Casulli 2, Eugenio Cazzato 1, Giuseppe De Mastro 1, Grazia Disciglio 3, Mariano Fracchiolla 1, Nicola Grassano 1, Francesco Pinto 4, Emanuele Tarantino 3, Luigi Tedone 1, Leonardo Verdini 1. 1 Università degli Studi di Bari - Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali, Facoltà di Agraria 2 Università degli Studi di Bari - Dipartimento di Protezione delle Piante e Microbiologia Applicata, Facoltà di Agraria 3 Università degli Studi di Foggia - Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali, Chimica e Difesa Vegetale, Facoltà di Agraria 4 Università degli Studi di Bari - Dipartimento di Produzione Animale, Facoltà di Agraria Progetto editoriale Maria Grazia Piepoli 1, Antonio Cardone 1, Matteo Antonicelli 2, Pietro Suavo Bulzis 3, Fabrizio De Castro 4, Vito Nicola Savino 5 1 Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura Basile Caramia di Locorotondo 2 COGEA Srl di Roma 3 Federazione Regionale Coldiretti Puglia 4 Agriplan Srl di Bari 5 Università degli Studi di Bari Facoltà di Agraria Redazione Settore Biblioteca - Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura Basile Caramia di Locorotondo (Ba) Editore Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura Basile Caramia di Locorotondo (Ba) Finito di stampare nel mese di aprile 2009 / Stampa GRAFICA MERIDIONALE Tutti i diritti sono riservati È vietata la riproduzione con qualsiasi mezzo

3 INDICE Presentazione 7 1. I cereali: importanza economica e specie coltivate nell areale pugliese Introduzione Aree di coltivazione, superfici, produzioni e la PAC Frumento duro: qualità, certificazione e rintracciabilità Cereali minori Cenni sulle tecniche di coltivazione dei cereali autunno-vernini Cerealicoltura biologica Conclusioni Biologia dei cereali autunno-vernini I cereali Morfologia dei cereali autunno-vernini Ciclo biologico Esigenze ambientali Tecnica colturale Avvicendamento Lavorazione del terreno Semina Scelta varietale Concimazione Irrigazione Il controllo della flora infestante nei cereali La flora infestante dei cereali Caratteristiche della flora infestante e rapporti di competizione con le colture Danni causati dalla flora infestante Periodo critico della competizione Gestione agronomica della flora infestante Controllo meccanico delle malerbe in presenza della coltura Il diserbo chimico 61 3

4 4.8. Fenomeni di resistenza agli erbicidi Aspetti fitopatologici dei cereali Introduzione Oidio o mal bianco Ruggine Septoriosi Stagonosporiosi Alternariosi Mal del piede Fusariosi della spiga Carbone Carie totale Elmintosporiosi o striatura bruna dell orzo Raccolta, stoccaggio e destinazione del prodotto Raccolta Consegna e stoccaggio Parassiti animali Controllo delle infestazioni Utilizzazione e aspetti qualitativi Le colture foraggere in Puglia: diffusione e caratteristiche agronomiche delle specie coltivate Importanza e diffusione delle foraggere in Puglia Cenni sulle principali specie da foraggio Problematiche agronomiche delle colture foraggere e del miglioramento dei pascoli in Puglia La coltivazione degli erbai Miglioramento dei pascoli La raccolta e conservazione del foraggio L insilamento Aspetti nutrizionali degli alimenti di origine vegetale ed esempio pratico di razionamento Introduzione La valutazione qualitativa delle materie prime per l alimentazione animale I fabbisogni nutritivi degli animali 128 4

5 9.4 La fibra Il flusso energetico degli alimenti durante la digestione Il calcolo della razione alimentare Le colture industriali: importanza economica e specie coltivate nell areale pugliese Introduzione Colture da semi oleosi La barbabietola da zucchero Girasole (Helianthus annus L.) Colza (Brassica napus L. subsp. Oleifera DC) 179 Allegato Schede tecniche di coltivazione delle principali colture cerealicole, foraggere e industriali 193 5

6 6

7 Presentazione Nell ambito delle superfici emerse (circa 13,5 miliardi di ha) circa 1,4 miliardi di ettari sono destinati alle coltivazioni erbacee, colture strategiche per l alimentazione umana, sia in via diretta, attraverso l utilizzo delle materie prime, sia per via indiretta, esempio come nel caso delle materie prime destinate alla zootecnia ed all industria di trasformazione. Da considerare anche la rilevante presenza (circa 3 miliardi di ettari) di superfici destinate alla pastorizia (prati, pascoli e boschi) e le superfici, sempre più crescenti negli ultimi anni, per la produzione di energia. La Puglia possiede una superficie agraria e forestale di mila ettari nei quali la destinazione a coltivazioni erbacee è consistente: 650 mila ettari a seminativi, 90 mila ettari a prati e pascoli 100 mila ettari a boschi. Da questa premessa si evince l enorme importanza strategica che assumono queste colture nelle economie e nelle politiche internazionali. Il manuale è strutturato in tre parti, dimensionate in base all importanza economica che le colture rivestono a livello regionale: - le colture cerealicole da granella, con particolare attenzione al frumento, orzo, avena; - le colture foraggere, con particolare attenzione agli erbai autunno vernini e ai pascoli; - le colture industriali, con maggior attenzione a girasole, colza e cenni su colture quali barbabietola e pomodoro da industria. Di tutte le colture, si fa comunque una trattazione che tiene in conto che la gestione dell azienda agricola si intreccia con una serie di problematiche: - produrre con metodi di coltivazione che siano sostenibili sia economicamente ma anche dal punto di vista ambientale, considerando che le risorse naturali non sono rinnovabili. - assicurare la continuità di approvvigionamento, possibilmente senza fluttuazioni negli anni. - garantire un prezzo dei beni di prima necessità che sia conveniente sia per gli imprenditori agricoli che per la popolazione. - garantire la sicurezza dei prodotti in termini salubrità qualitativi e sanitari. Il quaderno nasce quindi con l intento di fornire agli imprenditori agricoli un supporto e un aggiornamento sulle tecniche di coltivazione, al fine di ottimizzare il reddito degli agricoltori nel rispetto del mandato più ampio oggi affidato agli agricoltori che è quello assicurare il benessere alimentare e sociale delle comunità. 7

8 8

9 1- I CEREALI: IMPORTANZA ECONOMICA E SPECIE COLTIVATE NELL AREALE PUGLIESE Emanuele Tarantino, Grazia Disciglio Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali, Chimica e Difesa vegetale della Facoltà di Agraria, Università degli Studi di Foggia 1.1 Introduzione I cereali comprendono diverse specie di piante erbacee annuali coltivate per i loro frutti o semi secchi (cariossidi) ricchi di amido, utilizzati nell alimentazione umana o animale come sfarinati o come prodotti ottenuti dagli stessi (pane, pasta, biscotti ecc.). Oggi più della metà delle terre arabili nel mondo è coltivato a cereali. La loro importanza deriva da alcune positive caratteristiche, prima tra tutte, quella di dare un prodotto secco (10-12% di acqua) concentrato, facilmente trasportabile e conservabile ad alto potere calorico, con apprezzabile contenuto proteico, lipidico e di sali minerali. L altra peculiare caratteristica è l ampia adattabilità ad ambienti molto diversi. Infatti, alcune specie si sono adattate a climi temperati (specie microterme a ciclo autunno-vernini: frumento, orzo, avena, segale, triticale), altre specie, originate nei climi caldo tropicali, sono caratterizzate da elevate esigenze termiche (specie macroterme: mais, sorgo, riso, miglio, panico ecc.). 1.2 Aree di coltivazione, superfici, produzioni I cinque Continenti sono interessati in misura diversa alla coltivazione dei cereali; in Asia i cereali più diffusi sono: il riso, il frumento, il mais, il miglio e il sorgo. Nel centro e nord America si coltivano maggiormente: frumento, mais, avena e sorgo. L Europa è interessata maggiormente alla coltivazione dei cereali vernini, anche se una rilevante superficie è destinata alla coltivazione del mais (Basso, 2007). Anche nell areale pugliese le specie più interessate sono quelle autunnovernine, e in particolare, il frumento duro, il frumento tenero, l orzo da granella e alcuni cereali minori come l avena. Nel 2008, l offerta cerealicola mondiale, in particolare in Europa si è abbondantemente ripresa rispetto agli anni precedenti, in particolare, con un balzo di circa il 20% rispetto al Ciò è avvenuto sia per un aumento della superficie coltivata (+ 6,6%), sia per la resa che è passata da 4,6 a 5,2 t ha -1 (Coceral, 2008). Molti Paesi hanno denunciato però una qualità inferiore alla norma per effetto delle cattive condizioni climatiche durante il ciclo vegetativo e delle piogge registrate al momento della raccolta. La nota dolente è data anche dai prezzi di 9

10 mercato. L abbondanza ha influito negativamente e ha determinato la discesa dei prezzi. Ciò ha destato qualche preoccupazione tra le organizzazioni agricole europee, tanto da richiedere alla Commissione Europea di introdurre nuovamente i dazi all importazione in modo da proteggere il mercato comunitario. Anche in Italia, la superficie destinata a cereali negli ultimi anni ha subito notevoli variazioni. Dalla tabella 1 si nota, infatti, una fase di declino a partire dal 2004 (ultimo anno di regime accoppiato pre-riforma), quando la superficie investita a cereali autunno-vernini ammontava a circa 2.8 milioni di ettari) fino al 2006, anno in cui si è toccato il minimo storico (circa 2.4 milioni di ettari). Tra i cereali il frumento duro, di cui l Italia è leader mondiale, ha subito la maggiore flessione a causa della perdita della quota di superficie, ove la coltivazione era giustificata soprattutto per la presenza dell incentivo comunitario. Successivamente nel 2007 e 2008 le superfici totali investite a cereali autunno-vernini sono aumentate fino a raggiungere circa 2.8 milioni di ettari nel 2008, grazie ad un aumento del loro valore di mercato. Tabella 1 Evoluzione delle superfici dei cereali autunno-vernini in ITALIA dal 2004 al 2008 (Fonte: ISTAT, 2008) SUPERFICIE (.000 ha) Colture Frumento duro 1.772, , , , ,0 Frumento tenero 581,8 602,8 582,8 661,2 717,8 Orzo da granella 304,9 319,9 332,6 344,7 353,5 Avena da granella 146,6 174,8 160,9 154,5 160,9 Segale 2,9 2,6 2,8 3,1 1,6 Altri cereali minori 7,2 6,8 8,2 10,6 23,2 Totale Cereali 2.815, , , , ,0 Lo stesso frumento duro nel 2008 ha fatto registrare una superficie di circa 1.5 milioni di ettari dai quali sono stati ottenuti circa 5.6 milioni di tonnellate di gra- 10

11 nella, circa il 47% della produzione totale europea e il 14% di quella mondiale (Tabella 1 e Inform. Agr. 2008). Subito dopo, a partire dalla primavera del 2008, le quotazioni dei cereali, come già accennato precedentemente, hanno subito una nuova flessione. La riduzione dei listini, in particolare del grano duro, l aumento continuo dei costi e gli effetti della crisi sul livello dei consumi hanno spostato l interesse degli agricoltori verso colture ritenute più remuneranti. Infatti, gli ultimi dati ISTAT 2009 registrano un calo degli investimenti a livello nazionale pari all 8,7%, per il frumento tenero e al 2,9% del frumento duro (Pizzo e Rossetto, 2009). Ciò viene giustificato oltre, che dai prezzi stagnanti anche dalle avverse condizioni climatiche che in alcune regioni italiane hanno ostacolato le semine. E noto, inoltre, che il mercato italiano dei cereali dipende fortemente dalle dinamiche che si realizzano a livello internazionale in conseguenza agli elevati quantitativi importati. Il ricorso alla sola produzione nazionale, infatti, non consentirebbe di soddisfare la domanda proveniente dall industria di trasformazione. Per coprire i consumi interni è comunque necessario ricorrere al prodotto di importazione nella misura del 60% per il frumento tenero, nel 30% del frumento duro e del 15% dell orzo (Montanaro, 2008). Anche le produzioni sementiere hanno subito oscillazioni negli anni, evidenziando un tracollo delle superfici portaseme nel 2005 e 2006 e una ripresa nel 2007 con ha (+30%) per il frumento duro; ha (+13%) per il frumento tenero e (+6%) per l orzo (ENSE, 2007). Nel 2008 in Puglia le superfici investite a cereali sono state in totale ha, ripartite in ha, ha e ha, rispettivamente per il frumento duro, frumento tenero e orzo da granella, le cui rese medie sono state di 3.4, 2.94 e 2.76 t ha -1 (Tabella 2, 3, 4). Le varietà più diffuse nelle aree meridionali sono riportate nella Tabella Frumento duro: qualità e certificazione Per il frumento duro, coltura più importante per la Puglia, è da considerare oltre che la quantità anche la qualità della granella. Le tipologie della qualità del frumento duro variano in relazione al segmento della filiera considerato e alla tipologia del prodotto trasformato. Come è noto esiste una qualità agronomica legata alla potenzialità, alla stabilità e alla qualità produttiva, una qualità molitoria legata alla resa della semola, al contenuto in ceneri, al grado di umidità della granella e alle impurezze, una qualità tecnologica che varia in relazione alla tipologia del prodotto trasformato e che dipende essenzialmente dal contenuto proteico, dalla quantità e qualità del glutine e dal colore giallo e, infine, una qualità igienico-sanitaria, sensoriale e di salute per il 11

12 consumatore (Troccoli, et al., 2000). Molti dei fattori che contribuiscono alla qualità ruotano intorno al contenuto proteico delle cariossidi (sia in termini quantitativi, sia qualitativi), che costituisce di fatto l aspetto più delicato per la promozione dell alta qualità nella filiera del frumento duro (Tabella 6). Da diverse indagini dell Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura risulta che il 50% della produzione media nazionale ha un contenuto proteico oltre il 12,5%, valore capace di soddisfare le esigenze qualitative dell industria di trasformazione (De Vita et al., 2007). Tuttavia, essendo ancora carente in Italia la diffusione dello stoccaggio differenziato, parte della qualità prodotta non viene di fatto utilizzata dall industria di trasformazione che, conseguentemente si rivolge all importazione di grano di alta qualità dei Paesi esteri più organizzati commercialmente (principalmente Canada, USA, Australia e Francia). Tabella 2 Superfici, produzioni e rese del frumento duro in PUGLIA nell anno 2008 (Fonte AGRIT, 2008) Frumento duro classe di resa (t ha -1 ) Frequenza Superf. (%) Superficie (ha) Produzione (t) Resa media (t ha -1 ) 0 0, ,5 1,0 0, ,1 0,78 1,0 1,5 0, ,0 1,13 1,5 2,0 5, ,1 1,69 2,0 3,0 35, ,1 2,52 3,0 4,0 46, ,3 3,33 4,0 5,0 11, ,6 4,10 5,0 6,0 1, ,0 5,08 >6,0 0, ,0 6,00 Totale 100, ,04 12

13 Tabella 3 Superfici, produzioni e rese del frumento tenero in PUGLIA nell anno 2008 (Fonte AGRIT, 2008) Frumento tenero classe di resa (t ha-1) Frequenza superf. (%) Superficie (ha) Produzione (t) Resa media (t ha -1 ) 0 0, ,5 1, ,0 1,5 5, ,0 1,0, 1,5 2, ,0 3,0 41, ,4 2,4, 3,0 4,0 41, ,1 3,11 4,0 5, ,0 6,0 11, ,0 5,0 > 6, Totale 100, ,5 2,94 13

14 Tabella 4 Superfici, produzioni e rese dell orzo in PUGLIA nell anno (Fonte AGRIT, 2008) Orzo da granella classe di resa (t ha -1 ) 0-5 Frequenza Superficie Produzione Resa media Superf. (ha) (t) (t ha -1 ) (%) ,5 0, , ,0 0, , ,9 1, , ,7 1, , ,2 2, , ,1 3, , ,1 4, , ,0 6,0 Totale 100, ,5 2,76 TOTALE CEREALI Tabella 5 Varietà più diffuse nelle aree meridionali Frumento duro Frumento tenero Arcangelo, Ciccio, Claudio, Colorado, Colosseo, Creso, Duilio, Norba, Ofanto, Pietrafitta, Platani, Quadrato, Radioso, Rusticano, Simeto, Svevo, Torrebianca. Bolero, Palladio, Centauro, Palesio. Orzo Otis, Scarlet, Arda, Pilastro. 14

15 Tabella 6 Qualità del frumento duro: annata agraria (www.cerealicoltura.it) Provincia N. rilievi Proteine (% s.s.) Glutine (% s.s.) Min Max Media Min Max Media Bari 112 9,24 14,45 11,60 6,15 11,00 8,53 Foggia ,78 18,74 13,27 5,43 15,54 10,34 La qualità della produzione del frumento duro è sempre più determinante per il valore commerciale del prodotto che, come è noto, può fluttuare da un anno all altro in relazione sia alle variazioni dei fattori pedoclimatici e agronomici che alla componente genetica. Si fa rilevare, inoltre, che insieme alle suddette caratteristiche intrinseche del prodotto, per fornire una visione olistica della qualità occorrono altri elementi che non si riferiscono al prodotto stesso, ma al contesto di produzione che influenzano la percezione della qualità da parte del consumatore (Ruggiero e Maggio, 2004; Peri, 1998). In particolare sono importanti tre requisiti: l origine territoriale e la cultura, l ambiente e la sua protezione e la deontologia dei sistemi produttivi. Questi potremmo definirli requisiti psicologici che insieme a quelli di qualità del prodotto (sicurezza, merceologici, nutrizionali e sensoriali) sono importanti ai fini alimentari. Ci sono, infine, dei requisiti di garanzia che considerano il prodotto come oggetto di mercato e sono la certificazione e la rintracciabilità di azienda e di filiera (Tabella 7). Un altro aspetto di qualità dei cereali riguarda gli effetti salutistici attribuiti a composti biologicamente attivi (nutraceutici) presenti nelle diverse componenti della cariosside (pericarpo, germe ed endosperma), che incidono sulla diminuzione di malattie cardiovascolari, diabete e cancro. Sembra che il principale effetto positivo della granella integrale di cereali sia la capacità antiossidante totale (Flagella, 2006). 15

16 Tabella 7 Caratteristiche qualitative di frumento duro e derivati in relazione al prodotto, al contesto produttivo e ai requisiti di garanzia (Flagella, 2006) Requisiti del prodotto Sicurezza (assenza di residui, basso contenuto in metalli pesanti etc.) Nutrizionali (contenuto in macronutrienti, micronutrienti e composti bioattivi) Tecnologici (contenuto proteico, indice di glutine etc.) Requisiti del contesto produttivo Origine territoriale, tradizione Rispetto per l ambiente (produzione integrata e biologica) Requisiti di garanzia Certificazione (prodotti DOP, IGP e marchi collettivi) Rintracciabilità (Reg. UE n ) 1.4 Cereali minori L introduzione del disaccoppiamento, se da un lato ha indubbiamente indebolito l azione di indirizzo della PAC, spingendo gli agricoltori verso la ricerca di nuovi percorsi aziendali in un ottica di orientamento al mercato, dall altro ha favorito una maggiore attenzione all impiego degli avvicendamenti colturali e di corrette tecniche agronomiche, nonché di una più efficace selezione dei terreni vocati per ciascuna coltura. Alla luce di questo nuovo contesto deve essere letto il trend positivo che negli ultimi anni ha interessato i cereali minori (avena, segale, farro e triticale), così definiti sia perché complessivamente occupano soltanto il 4% del totale delle superfici destinate a cereali, sia per il limitato interesse da parte del mercato. Tuttavia, essi possono apportare un contributo significativo ai conti economici delle aziende agricole, in quanto contraddistinti da bassi costi di produzione. Questi cereali trovano impiego nel settore zootecnico, in particolare l avena ha un uso mirato e specifico per alcune specie animali, come gli equini, che hanno questo cereale come base della propria nutrizione, sia come granella che come paglia. Per il farro e la segale, invece, cresce l interesse per l alimentazione umana. 16

17 All attualità i cereali minori riscuotono notevole interesse in agricoltura biologica e rappresentano un opportunità sia agronomica, per le loro caratteristiche di rusticità che ben si possono inserire negli avvicendamenti colturali, sia economica, soprattutto con la nuova apertura al mercato agro-alimentare. Le superfici investite a cereali minori in Italia si sono attestate nel 2007 a circa ha (ISTAT, 2008). La loro diffusione cambia da regione a regione. L avena è la specie coltivata maggiormente in Puglia (con ha e t di produzione) e in Sardegna (Figura 1); la segale in Calabria e Lombardia, mentre il triticale e il farro specialmente in Lombardia e Toscana (Belletti et al., 2008). Avena Superfici (.000 ha) Puglia Sardegna Basilicata Calabria Toscana Altre regioni Figura 1 - Superficie di avena riportata per regioni (Fonte ISTAT, 2006) E interessante la situazione del farro che, entrato nella dieta umana per una sorta di moda alimentare, si è progressivamente affermato sulla tavola degli italiani, sia come cereale integrale per consumo diretto, che macinato come materia per prodotti da forno come pane, pasta, biscotti e dolci. Il crescente interesse del consumatore a favore di prodotti cosiddetti naturali a base di farro ha dato impulso a un rilancio produttivo ed economico di questa coltura nei sistemi agricoli biologici. Il futuro della produzione del farro rimane comunque molto legato all andamento dei prezzi di altri cereali: pur trovando il forte interesse del mercato e degli agricoltori, soprattutto nelle aree marginali, oggi risente della competitività di altri cereali come il frumento duro e tenero che, con il recente rialzo, mantengono ancora prezzi molto alti (Della Botta, 2007). Nella Tabella 8 sono indicate le varietà più diffuse nelle aree meridionali. 17

18 Tabella 8 - Cereali minori: varietà consigliate nella aree meridionali Avena Segale Triticale Farro Rogar 8, Argentina, Ombrone, Donata Fasto Bienvenu, Catria, Oceania, Rigel, Wilfried, Trincat, Cuma Spelta: Ubel, Sertel, Oberkulmer, Pietro Dicocco: Farro del Molise 1.5 Cenni sulle tecniche di coltivazione dei cereali autunno-vernini Le tecniche di lavorazione del terreno variano in funzione della sua natura, della precessione colturale, del grado di infestazione delle malerbe. Tra i lavori principali, l aratura è ancora oggi la modalità più diffusa nei terreni argillosi ed in quelli molto inerbiti, nonché in quelli con presenza di residui colturali. Negli ultimi anni il tema delle lavorazioni è stato profondamente modificato in relazione al contenimento dei costi di produzione, infatti, si parla oggi di minimum tillage riferendosi a tecniche di lavorazione ridotte, realizzate con un unico passaggio di fresatrice al fine di predisporre il terreno per la semina; si parla anche di zero tillage quando non si effettua nessuna lavorazione e la semina viene eseguita con apposite macchine su terreno sodo in presenza di residui colturali. Altri problemi della tecnica colturale dei cereali interessano l epoca, la densità e la profondità di semina, nonché gli interventi agronomici riguardanti la concimazione, il diserbo e la raccolta (Basso, 2007). Particolarmente nei riguardi della qualità della produzione del frumento duro, come già accennato precedentemente, essa è direttamente collegata al contenuto proteico della granella, la cui espressione dipende dalla base genetica e può variare in relazione all ambiente di coltivazione, alla fertilità del suolo, alla concimazione, alla piovosità stagionale e alla temperatura; tutti fattori che possono modificare l azoto disponibile nel terreno. Pertanto la qualità del frumento duro non può prescindere da una buona tecnica di coltivazione (Tabella 9). 18

19 Tabella 9 Tecniche per esaltare le proteine nel grano duro (Troccoli et al.,2008) L azoto rappresenta il principale fattore limitante sia della produzione, sia del tenore proteico del grano duro. L azoto disponibile per le piante deriva solo in parte dalla concimazione minerale: una fonte importantissima è quello già presente all inizio della stagione colturale. La rotazione migliora la risposta quali-quantitativa del frumento duro: ottimi risultati si ottengono dalla precessione annuale con il maggese nudo o maggese nudo biennale. La semina su sodo non comporta alcun effetto negativo, a parità di concimazione, sulle caratteristiche quanti-qualitative del frumento duro. L azoto accumulato o dato dopo la fioritura ha poco effetto sulla resa, ma può aumentare il contenuto proteico della granella. Questo però non è consigliabile per gli ambienti meridionali, perché normalmente durante la fase terminale del ciclo vegetativo la scarsità di acqua disponibile nel terreno non consente alle piante di sfruttare la maggiore disponibilità azotata. Nel frumento il massimo assorbimento di azoto avviene dopo l accestimento e prima della fioritura. 1.6 Cerealicoltura biologica Nella U.E. il 44% della produzione di colture biologiche è rappresentato da cereali biologici che a loro volta sono lo 0,8% del totale della produzione cerealicola (Flagella, l.c. 2006). In Italia, primo paese produttore con metodo biologico a livello europeo, la superficie coltivata a cereali rappresenta il 20% della SAU biologica e in particolare quella coltivata a frumento duro rappresenta il 43% della SAU totale dei cereali. Nella tabella 8 è riportata la ripartizione tra le diverse specie (Andreotti, 2008). Le prime tre regioni a maggior sviluppo di cereali biologici sono la Puglia, la Sicilia e la Toscana (Figura 2) 19

20 Tabella 10 Superfici a cereali biologici (2007) Colture Ettari Grano tenero e Farro Grano duro Orzo Mais Segale 974 Avena Triticale 892 Riso Altri cereali Totale ha ha t t Puglia sicilia Toscana Figura 2 Le prime tre regioni cerealicole per SAU e produzione biologica, 2003 (Fonte ISMEA, 2005) In Puglia il cereale più coltivato con il metodo biologico è il frumento (68%) (Figura 3), mentre tra le diverse province quella di Bari è la più diffusa per la cerealicoltura biologica (Figura 4). Nella Tabella 11 sono elencati i punti di forza e di debolezza insieme alle opportunità, minacce e strategie di rilievo della cerealicoltura pugliese (De Blasi et al., 20

21 2006). Particolarmente, per il frumento duro, sia la resa produttiva che gli standard qualitativi rappresentano aspetti critici del sistema di produzione biologica. Ambedue gli aspetti, come già detto, sono fortemente influenzati dalla disponibilità di azoto nel terreno in alcune fasi fenologiche della coltura. Figura 3 Distribuzione in % delle colture cerealicole biologiche in Puglia (ha), 2003 (Fonte ISMEA, 2005) Figura 4 Cereali - Distribuzione in % delle superfici bio per provincia, 2004 (Fonte ISMEA, 2005) 21

22 Tabella 11 - Puglia Bio: filiera cerealicola analisi Swot (De Blasi et al., 2006) PUNTI DI FORZA PUNTI DI DEBOLEZZA - Consistenza della produzione - Disgregazione della filiera - Scarsa domanda locale - Problemi di qualità - Debole orientamento al mercato - Basso valore aggiunto (pastificazione ecc.) - Dipendenza dal premio comunitario OPPORTUNITA MINACCE - Politiche comunitarie e regionali - Sviluppo tecnologico - Innovazione - Concorrenza di altri prodotti Politiche della domanda: - informazione al consumo - promozione STRATEGIE DI SVILUPPO 1.7 Conclusioni La cerealicoltura, un settore strategico del nostro agro-alimentare, sta vivendo un momento determinante. Il MIPAAF sta per varare, dopo aver ascoltato le varie parti interessate delle filiere, il Piano Nazionale del settore, uno strumento in grado di finanziare azioni tese ad aumentare la competitività, che dopo la riforma Fischler vede le aziende agricole affrontare le conseguenze del disaccoppiamento, a causa del tramonto degli aiuti diretti alle colture. A riguardo le azioni da intraprendere devono essere concrete con l obiettivo di aumentare la competitività delle aziende (la maggior parte di ridotte dimensioni fisiche ed economiche), che si traduce nell elevare i ricavi e abbassare i costi del sistema. In particolare, per aumentare i prezzi, occorre differenziare il prodotto (cioè la qualità) e concentrare l offerta. Per questo è fondamentale: affinare le caratteristiche della granella attraverso 22

23 il miglioramento genetico e l azione di agrotecniche orientate alle esigenze del consumatore; adeguare le strutture di stoccaggio e logistica; sostenere gli accordi interprofessionali, anche con la diffusione di contratti di filiera in grado di incentivare la fiducia reciproca tra operatori e di garantire una larga condivisione di benefici (introduzione di prezzi minimi garantiti, fissazione del prezzo al momento del contratto, incentivazione alla qualità) (Zanni, 2009). Secondo le stesse indicazioni dell Unione Europea, oggi un fattore strategico per la valorizzazione e lo sviluppo dell agricoltura oltre a quello di assicurare produzioni di qualità, include anche altri obiettivi quali lo sviluppo di un agricoltura sostenibile, il raggiungimento di standard elevati di sicurezza alimentare, lo sviluppo di attività di valorizzazione del territorio (rispetto dell equilibrio territoriale, salvaguardia del paesaggio e dell ambiente) per contribuire al suo sviluppo socio-economico. A questo proposito al fine di consentire al settore di centrare l obiettivo di una maggiore competitività, è auspicabile che il Piano Nazionale consideri come aspetti strategici la ricerca, la sperimentazione e il trasferimento tecnologico. 23

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole,

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, macchina monoseme ha 63,00 Con concimazione localizzata ha

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Funghi e micotossine

Funghi e micotossine Funghi e micotossine Roberto Causin, Dipartimento TeSAF, Sezione Patologia Vegetale, Università degli Studi di Padova 1.1 Aspetti generali Si conoscono decine di generi e specie fungine (muffe) in grado

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

La nuova PAC: le scelte nazionali

La nuova PAC: le scelte nazionali Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Direzione generale delle politiche internazionali e dell'unione Europea La nuova PAC: le scelte nazionali Regolamento (UE)

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO prot. 6513 del 18 novembre 2014 Disposizioni nazionali di applicazione del regolamento (UE) n. 1307/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013 VISTO il regolamento (CE) n.

Dettagli

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale IT 2014 n. 08 Relazione speciale La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? CORTE DEI CONTI EUROPEA CORTE DEI CONTI EUROPEA 12,

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO

CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO CON LO SGUARDO RIVOLTO AL FUTURO LA PRODUTTIVITÀ HA UN NUOVO LOGO ED UNA NUOVA IMMAGINE resentiamo il nuovo logo e il nuovo pay off aziendali in un momento P storico della realtà Laverda, contraddistinto

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo

Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo 30 AGRICOLTURA LA RIFORMA DELLA PAC Che cosa ne pensano le rappresentanze del mondo agricolo Un rilevante progresso comunitario Giorgio Ferrero Presidente Coldiretti Piemonte Il provvedimento, frutto della

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Introduzione L elaborato ripercorre l evoluzione del CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE SALVA CREMASCO Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta ( DOP ) SALVA CREMASCO è riservata esclusivamente al formaggio che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio Regione Toscana PSR 2007/13 e L.R. 25/99 Agricoltura Integrata: Schede Tecniche Difesa e Diserbo Annata agraria 2015 Rev. 6 Pag.171 di 256 COLTURE FORAGGERE Scheda 1 - Erbai autunno vernini 2 - Erba medica

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli