Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione. Il MODI - Modulo informativo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione. Il MODI - Modulo informativo"

Transcript

1 Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione Maria Letizia Mancinelli, ICCD dicembre 205 MODELLO PER L ACQUISIZIONE SPEDITIVA DI DATI che può essere utilizzato in diverse attività preliminari e propedeutiche alla catalogazione vera e propria: - censimenti - segnalazioni - organizzazione e selezione di lotti di materiali - inventariazione patrimoniale - apposizione di dispositivi a radiofrequenza (RFID) - indagini di Archeologia preventiva ecc.

2 Con questo modulo possono essere acquisite informazioni per qualsiasi tipo di entità, mobile, immobile o immateriale: siti, architetture, oggetti, lotti di materiali (anche eterogenei e di varia consistenza numerica), eventi, ecc. Nel MODI è previsto un set minimo di dati obbligatori che costituisce l anagrafica di base indispensabile per identificare, definire e localizzare l entità presa in esame, qualunque essa sia. modello unico rispetto alle 30 diverse tipologie di schede di catalogo ICCD attualmente in uso o in corso di elaborazione

3 Il set minimo di dati obbligatori è sufficiente perché un MODI possa essere acquisito e gestito nel SIGECweb, il sistema nazionale per la conoscenza e la catalogazione del patrimonio culturale. SEQUENZA DEI PARAGRAFI Paragrafi obbligatori MODI dati obbligatori SIGECweb (MIBACT) Sistema Informativo GEnerale del Catalogo CD IDENTIFICAZIONE OG ENTITÀ LC LOCALIZZAZIONE I dati obbligatori sono corredati da numerose altre informazioni facoltative, che possono essere registrate in relazione alle diverse situazioni di utilizzo di questo modulo. DT CRONOLOGIA CM CERTIFICAZIONE E GESTIONE DEI DATI

4 SEQUENZA DEI PARAGRAFI DA DATI ANALITICI UT UTILIZZAZIONI UR UNITÀ DI RIFERIMENTO NU NUMISMATICA MT DATI TECNICI TM TECNICHE MURARIE SEQUENZA DEI PARAGRAFI SS SEQUENZA STRATIGRAFICA CO CONSERVAZIONE E INTERVENTI AU DEFINIZIONE CULTURALE GE GEOREFERENZIAZIONE CT CARTOGRAFIA TEMATICA CS LOCALIZZAZIONE CATASTALE

5 MODI SEQUENZA DEI PARAGRAFI LD SPECIFICHE DI LOCALIZZAZIONE UB DATI PATRIMONIALI/INVENTARI/STIME/COLLEZIONI RI RILEVAMENTO ENTITÀ IMMATERIALI TU CONDIZIONE GIURIDICA E PROVVEDIMENTI DI TUTELA CA CARATTERI AMBIENTALI RE INDAGINI MODI SEQUENZA DEI PARAGRAFI MA MATERIALE ARCHEOLOGICO AP AREA DI POTENZIALE ARCHEOLOGICO PA INTERPRETAZIONE/VALUTAZIONE DELLE EMERGENZE ARCHEOLOGICHE DO DOCUMENTAZIONE RF RFID RM RIFERIMENTI AD ALTRE ENTITÀ

6 Il MODI può essere utilizzato da soggetti che non lavorano abitualmente nel processo di catalogazione (Università, liberi professionisti, privati, ecc.) o che, pur occupandosi del patrimonio culturale, non utilizzano il complesso apparato schedografico dell ICCD (Protezione civile, APGI-Associazione Parchi e Giardini storici, PNS-Portale nazionale della numismatica, ecc.). Il MODI non è associato ad un codice univoco nazionale di catalogo (NCT): rispetto alle schede di catalogo, la cui produzione è inserita in una rigorosa procedura amministrativa, ha una gestione più semplice, anche se comunque inquadrata nel sistema normativo ICCD. Nella struttura del MODI, infatti, analoga a quella degli altri standard, ogni campo è identificato da un path univoco, che permette di gestire le corrispondenze e quindi il trasferimento dei dati da/verso altri modelli descrittivi (nel SIGECweb e in altri sistemi esterni). Per motivi gestionali ha un proprio codice identificativo, che nel SIGECweb è assegnato in modo automatico ed è univoco nel sistema.

7 Nel SIGECweb i dati registrati nel MODI possono essere riversati automaticamente - tramite un apposita mappatura - nel tracciato di una scheda di catalogo, costituendo una prima base di informazioni sul bene. I dati obbligatori del MODI, se correttamente inseriti, avranno una corrispondenza puntuale con quanto richiesto nelle normative catalografiche (in particolare con quelle di nuova generazione 4.00), mentre per le informazioni facoltative potranno essere necessarie verifiche e integrazioni al fine di ottenere prodotti coerenti con quanto previsto dagli standard ICCD. L utilizzo di un modello dati condiviso (il MODI) e il rispetto del protocollo ICCD per il trasferimento dei dati consentono: dati esterni al flusso SIGECweb ) di trasferire informazioni nel sistema del catalogo in modo che possano essere gestite dall amministrazione MiBACT per la conoscenza, la tutela e la valorizzazione del territorio e del patrimonio su di esso distribuito SIGECweb MODI - MODULO INFORMATIVO SCHEDA DI CATALOGO DI MODI SCHEDA DI CATALOGO 2 di utilizzare tali informazioni per la redazione di schede di catalogo

Dominio storico artistico

Dominio storico artistico WORKSHOP TECNICO Roma, 30 marzo 2017 Dominio storico artistico Maria Letizia Mancinelli Antonella Negri ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO E LA DOCUMENTAZIONE sede: Roma, via di S. Michele 18 www.iccd.beniculturali.it

Dettagli

CATEGORIA II LIVELLO ACCESSORI CALZATURE COPRICAPI GIOIELLI E MONILI VESTIMENTI ARREDI SACRI E VOTIVI ARREDI FUNERARI ARREDI STRADALI E URBANI

CATEGORIA II LIVELLO ACCESSORI CALZATURE COPRICAPI GIOIELLI E MONILI VESTIMENTI ARREDI SACRI E VOTIVI ARREDI FUNERARI ARREDI STRADALI E URBANI ICCD - SERVIZIO BENI ARCHEOLOGICI Beni archeologici mobili: indicazioni applicative Per il censimento e la catalogazione dei beni archeologici mobili esistono attualmente vari strumenti a disposizione,

Dettagli

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo 500 giovani per la cultura Piano per la formazione frontale Roma, 16 giugno 2015 La metadatazione dei dati catalografici gestiti dall ICCD: schemi

Dettagli

PER LA CONSERVAZIONE PROGRAMMATA DI POMPEI: IL PIANO DELLA CONOSCENZA NEL QUADRO DEL GRANDE PROGETTO

PER LA CONSERVAZIONE PROGRAMMATA DI POMPEI: IL PIANO DELLA CONOSCENZA NEL QUADRO DEL GRANDE PROGETTO PER LA CONSERVAZIONE PROGRAMMATA DI POMPEI: IL PIANO DELLA CONOSCENZA NEL QUADRO DEL GRANDE PROGETTO Teresa Elena Cinquantaquattro, Maria Grazia Fichera, Luigi Malnati, Maria Letizia Mancinelli DIA 1 Intestazione

Dettagli

L'Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione del Ministero per i beni e le attività culturali e la Conferenza Episcopale Italiana,

L'Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione del Ministero per i beni e le attività culturali e la Conferenza Episcopale Italiana, CONVENZIONE TRA L'ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO E LA DOCUMENTAZIONE DEL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI E LA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA CIRCA LE MODALITA' DI COLLABORAZIONE PER L'INVENTARIO

Dettagli

Scheda TMA Tabella Materiali versione 3.00

Scheda TMA Tabella Materiali versione 3.00 MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO E LA DOCUMENTAZIONE Strutturazione dei dati delle schede di catalogo Scheda TMA Tabella Materiali versione 3.00 LIVELLO INVENTARIALE

Dettagli

Scheda RA Reperti archeologici

Scheda RA Reperti archeologici MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO E LA DOCUMENTAZIONE Strumenti terminologici Scheda RA Reperti archeologici Thesaurus per la definizione del

Dettagli

Contenuti informativi e processo produttivo

Contenuti informativi e processo produttivo Verso il censimento continuo delle Istituzioni pubbliche Contenuti informativi e processo produttivo Manlio Calzaroni Istat - Direzione Centrale delle rilevazioni censuarie e dei registri statistici Roma,

Dettagli

Scheda RA Reperti Archeologici

Scheda RA Reperti Archeologici MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO E LA DOCUMENTAZIONE Strumenti terminologici Scheda RA Reperti Archeologici base di lavoro per il Thesaurus per la compilazione

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO CATASTALE: UNA RISORSA PER LE POLITICHE DI GOVERNO DEL TERRITORIO

IL SISTEMA INFORMATIVO CATASTALE: UNA RISORSA PER LE POLITICHE DI GOVERNO DEL TERRITORIO IL SISTEMA INFORMATIVO CATASTALE: UNA RISORSA PER LE POLITICHE DI GOVERNO DEL TERRITORIO Il catasto per la tutela dei beni storici, architettonici e Rocco Curto Roma, 10-11 dicembre 2008 Il Catasto e il

Dettagli

NORMATIVE per la catalogazione - versione 3.00 e 3.01 STRUTTURA DEI DATI: INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE

NORMATIVE per la catalogazione - versione 3.00 e 3.01 STRUTTURA DEI DATI: INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE NORMATIVE per la catalogazione - versione 3.00 e 3.01 STRUTTURA DEI DATI: INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE Il tracciato di una normativa, tecnicamente definito struttura dei dati, è organizzato in una

Dettagli

Prezzario di riferimento per attività catalografiche N scheda /livello descrizione prezzi netto IVA artic.

Prezzario di riferimento per attività catalografiche N scheda /livello descrizione prezzi netto IVA artic. Tipologia beni BAP 1 A/i BAP 2 A/i BAP 3 A/p BAP 4 A/p BAP 5 A/p BAP 6 A/p Prezzario di riferimento per attività catalografiche N scheda /livello descrizione prezzi netto IVA artic. BAP 7 SU/p BAP 8 SU/p

Dettagli

SAMA Scavi Archeologici Sede Legale: Largo Bacone 6, 00137 Roma 348/9273467 339/1625053 samarcheo@gmail.com P. IVA 11468301004

SAMA Scavi Archeologici Sede Legale: Largo Bacone 6, 00137 Roma 348/9273467 339/1625053 samarcheo@gmail.com P. IVA 11468301004 SAMA SCAVI ARCHEOLOGICI - SOCIETA' COOPERATIVA La, nasce a Roma il 24 Maggio del 2011, come società rivolta al settore archeologico ed alle attività didattico-culturali, con lo scopo di diventare presto

Dettagli

Un GIS dei casali storici dell Agro Romano

Un GIS dei casali storici dell Agro Romano Un GIS dei casali storici dell Agro Romano AUTORI 15a Conferenza Utenti Esri Marina Marcelli - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali - Laboratorio di Cartografia marina.marcelli@comune.roma.it Gianluca

Dettagli

FOTOGRAFIA* Scheda F/AIM di catalogo 15,00 corredata da immagine digitalizzata Scheda F/AIM di precatalogo 8,00 corredata da immagine digitalizzata

FOTOGRAFIA* Scheda F/AIM di catalogo 15,00 corredata da immagine digitalizzata Scheda F/AIM di precatalogo 8,00 corredata da immagine digitalizzata STANDARD DI RIFERIMENTO STANDARD E TARIFFE PER LE SCHEDE DI CATALOGAZIONE Per i tracciati catalografici si rimanda agli standard ICCD ed alle relative norme di compilazione pubblicate sul sito www.iccd.beniculturali.it.

Dettagli

Macugnaga (Verbano Cusio Ossola)

Macugnaga (Verbano Cusio Ossola) SCHEDA DI CATALOGO Macugnaga (Verbano Cusio Ossola) TSK - Tipo scheda LIR - Livello di catalogazione F I NCTN - Numero di catalogo generale 1201250502 OG - BENE CULTURALE CTG - Categoria documentazione

Dettagli

(Italia) Sesso Femminile Data di nascita 29/07/1977 Nazionalità Italiana. Coordinatore del progetto

(Italia) Sesso Femminile Data di nascita 29/07/1977 Nazionalità Italiana. Coordinatore del progetto Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI Ippolito Enrica (Italia) enrica.ippolito@gmail.com Sesso Femminile Data di nascita 29/07/1977 Nazionalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE 2015 alla data attuale

Dettagli

La catalogazione del patrimonio archeologico

La catalogazione del patrimonio archeologico Le prime applicazioni informatiche al patrimonio culturale sono da far risalire agli anni Sessanta del Novecento. Le esperienze iniziali sono state di carattere prettamente documentario e hanno avuto il

Dettagli

Chi: al momento i beni mobili sono visibili solo per amministratori e funzionari.

Chi: al momento i beni mobili sono visibili solo per amministratori e funzionari. RICERCA ALFANUMERICA SUI BENI MOBILI Area: Ricerche Data: 28/09/2016 Autore: Maria Elena Corrado Cosa: consultando VIR, è possibile effettuare ricerche su tutti i beni mobili compresi nei vari archivi

Dettagli

Opportunità offerte dall introduzione del Repertorio nel settore dei dispositivi medico-diagnostici in vitro

Opportunità offerte dall introduzione del Repertorio nel settore dei dispositivi medico-diagnostici in vitro Opportunità offerte dall introduzione del Repertorio nel settore dei dispositivi medico-diagnostici in vitro Pietro Calamea Direzione Generale dei Dispositivi Medici, del Servizio Farmaceutico e della

Dettagli

Scheda di Authority file DSC Scavo archeologico

Scheda di Authority file DSC Scavo archeologico MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO E LA DOCUMENTAZIONE Scheda di Authority file DSC Scavo archeologico versione 3.00 Norme di compilazione Scheda di Authority

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Beni culturali Soprintendenza per i beni librari ed archivistici

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Beni culturali Soprintendenza per i beni librari ed archivistici PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Beni culturali Soprintendenza per i beni librari ed archivistici PROPOSTA DI MASSIMARIO DI CONSERVAZIONE E DI SCARTO CATEGORIA DESCRIZIONE 1 BENI LIBRARI 2 ARCHIVI

Dettagli

Esperienze di digitalizzazione. SBN - Poli e Biblioteche SBN - BASI DATI. Il progetto CANDIDO della Biblioteca Universitaria di Pisa

Esperienze di digitalizzazione. SBN - Poli e Biblioteche SBN - BASI DATI. Il progetto CANDIDO della Biblioteca Universitaria di Pisa Esperienze di digitalizzazione Il progetto CANDIDO della Biblioteca Universitaria di Pisa Biblioteca Universitaria di Pisa Sala Storica, Via Curtatone e Montanara, 15 Pisa, 4 giugno 2004 Istituto Centrale

Dettagli

500 giovani per la cultura

500 giovani per la cultura 500 giovani per la cultura Piano per la formazione frontale Il programma di formazione frontale, comune a tutti gli ambiti disciplinari e ai diversi settori del patrimonio culturale, si articola i 00 ore

Dettagli

NOTIFICHE TELEMATICHE

NOTIFICHE TELEMATICHE NOTIFICHE TELEMATICHE Creazione documento informatico Attestazioni di Conformità Notificazione con modalità telematica Conservazione notifiche telematiche Redazione doc. 21/09/2015 1 Call center giustizia

Dettagli

Allegati digitali: istruzioni per l uso

Allegati digitali: istruzioni per l uso Piattaforma IBC-xDams Allegati digitali: istruzioni per l uso Alle descrizioni presenti nel back office di IBC-xDams possono essere allegati file di tipo immagine che riproducono i documenti descritti,

Dettagli

Allegato 2. Modalità di compilazione per la trasmissione delle Comunicazioni dei dati del Monitoraggio fiscale

Allegato 2. Modalità di compilazione per la trasmissione delle Comunicazioni dei dati del Monitoraggio fiscale Allegato 2 Modalità di compilazione per la trasmissione delle Comunicazioni dei dati del Monitoraggio fiscale 1 1. GENERALITA Il presente documento descrive le modalità di compilazione delle comunicazioni

Dettagli

C O M U N E D I C O D O G N O. ( Provincia di Lodi ) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI PERSONALI

C O M U N E D I C O D O G N O. ( Provincia di Lodi ) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI PERSONALI C O M U N E D I C O D O G N O ( Provincia di Lodi ) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLA RISERVATEZZA DEI DATI PERSONALI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 121 del 8.11.2000 Esaminato dall'o.re.co.

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DI GESTIONE DELLE ATTIVITÀ SPISAL: Giancarlo Magarotto Verona 28 Gennaio Giancarlo Magarotto

SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DI GESTIONE DELLE ATTIVITÀ SPISAL: Giancarlo Magarotto Verona 28 Gennaio Giancarlo Magarotto SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DI GESTIONE DELLE ATTIVITÀ SPISAL: Giancarlo Magarotto Verona 28 Gennaio 2011 Giancarlo Magarotto Criticità nei Servizi e nella Regione disomogeneità dei modelli organizzativi,

Dettagli

Il ruolo dell ICCD nella diffusione dei modelli descrittivi del patrimonio archeologico

Il ruolo dell ICCD nella diffusione dei modelli descrittivi del patrimonio archeologico Pensare in rete, pensare la rete per la ricerca, la tutela e la valorizzazione del patrimonio archeologico Roma, 14 ottobre 2015 Il ruolo dell ICCD nella diffusione dei modelli descrittivi del patrimonio

Dettagli

Assessorato al Patrimonio Dipartimento Patrimonio, Sviluppo e Valorizzazione

Assessorato al Patrimonio Dipartimento Patrimonio, Sviluppo e Valorizzazione confronto con analoghe amministrazioni Roma 1290 kmq (100%) Berlino 892 kmq (69%) Madrid 607 kmq (47%) Parigi 105 kmq (8%) Roma Berlino Madrid Parigi il territorio amministrativo di Roma Capitale Il patrimonio

Dettagli

localizzazione fisica

localizzazione fisica CD - CODICI TSK - Tipo scheda LIR - Livello ricerca NCT - CODICE UNIVOCO NCTR - Codice regione 01 NCTN - Numero catalogo generale ESC - Ente schedatore ECP - Ente competente OG - OGGETTO OGT - OGGETTO

Dettagli

GLOSSARIO/DEFINIZIONI

GLOSSARIO/DEFINIZIONI ALLEGATO 1 GLOSSARIO/DEFINIZIONI Indice 1 2 INTRODUZIONE DEFINIZIONI Allegato alle Regole tecniche in materia di documento informatico e gestione documentale, protocollo informatico e di documenti informatici

Dettagli

Il sistema di carta del rischio del Patrimonio Culturale nell interoperabilità con i sistemi dell amministrazione del Mibact.

Il sistema di carta del rischio del Patrimonio Culturale nell interoperabilità con i sistemi dell amministrazione del Mibact. ITALIA NOSTRA Progetto Educativo Nazionale Le Pietre e i Cittadini Il sistema di carta del rischio del Patrimonio Culturale nell interoperabilità con i sistemi dell amministrazione del Mibact. Carlo Cacace

Dettagli

MUSEI, AREE ARCHEOLOGICHE E MONUMENTI IN PIEMONTE NEL 2015

MUSEI, AREE ARCHEOLOGICHE E MONUMENTI IN PIEMONTE NEL 2015 MUSEI, AREE ARCHEOLOGICHE E MONUMENTI IN PIEMONTE NEL 2015 I MUSEI, LE AREE ARCHEOLOGICHE E I MONUMENTI IN PIEMONTE NEL 2015 In questo documento vengono presentati in forma sintetica dati e informazioni

Dettagli

Cinzia Talamo del Politecnico di Milano

Cinzia Talamo del Politecnico di Milano URBAN UTILITY _ milano 22 03 2013 LA COSTRUZIONE DEL DATO COME PRESUPPOSTO DELLA DECISIONE TERZA SESSIONE RICOGNIZIONI E PRATICHE DI MANUTENZIONE URBANA: IL FACILITY MANAGEMENT URBANO Cinzia Talamo del

Dettagli

VOLTURA AUTOMATICA AL CATASTO FABBRICATI. ( un passaggio epocale!)

VOLTURA AUTOMATICA AL CATASTO FABBRICATI. ( un passaggio epocale!) VOLTURA AUTOMATICA AL CATASTO FABBRICATI ( un passaggio epocale!) Normativa regionale L.R. 19/12/1980, n. 12 Norme in materia di coordinamento tra catasto edilizio urbano e libro fondiario art. 1 la voltura

Dettagli

FATTURA ELETTRONICA nel SINET. Fattura Elettronica Passiva

FATTURA ELETTRONICA nel SINET. Fattura Elettronica Passiva FATTURA ELETTRONICA FATTURA ELETTRONICA nel SINET LA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEL SINET IL PROGETTO Fattura Elettronica Passiva FATTURA ELETTRONICA PASSIVA nel SINET Il modello P.A.T. INTERMEDIARIO DELL

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Direttive per l attuazione degli interventi relativi all art. 4 lett. f) e all art. 21 lett. c) della L.R. 14/2006 per la assegnazione dei contributi per restauri. 1 - Fonte normativa dell intervento Nell

Dettagli

U.O.D Sistema Informativo Territoriale. Il Sistema Informativo Territoriale a supporto del governo del territorio in regione Campania -

U.O.D Sistema Informativo Territoriale. Il Sistema Informativo Territoriale a supporto del governo del territorio in regione Campania - Il Sistema Informativo Territoriale a supporto del governo del territorio in regione Campania - brevi cenni normativi Legge Regionale n.16 del dicembre 2004 - art. 17 Il Sistema Informativo Territoriale

Dettagli

Offerta Formativa Specifica dell indirizzo Turismo - Settore Economico

Offerta Formativa Specifica dell indirizzo Turismo - Settore Economico Offerta Formativa Specifica dell indirizzo Turismo - Settore Economico - Visite ed attività sul territorio di varia tipologia - Incontri con esperti del settore - Partecipazione a fiere ed eventi relativi

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO Processo Tutela, valorizzazione, conservazione e gestione dei beni

Dettagli

palazzo Palazzo della Biblioteca

palazzo Palazzo della Biblioteca CD - CODICI TSK - Tipo Scheda LIR - Livello ricerca NCT - CODICE UNIVOCO NCTR - Codice regione 11 NCTN - Numero catalogo generale ESC - Ente schedatore ECP - Ente competente RV - RELAZIONI RSE - RELAZIONI

Dettagli

GESTORE DEL SISTEMA QUALITA AZIENDALE

GESTORE DEL SISTEMA QUALITA AZIENDALE GESTORE DEL SISTEMA QUALITA AZIENDALE DESCRIZIONE SINTETICA GESTORE DEL SISTEMA QUALITA AZIENDALE Il gestore del è in grado di sviluppare ed implementare un funzionale all attuazione degli obiettivi strategici

Dettagli

Sistemi informativi e beni culturali

Sistemi informativi e beni culturali Sistemi informativi e beni culturali Prof. Pierluigi Feliciati a.a. 2014/15 Modulo 2\a- Sistemi informativi per la documentazione del patrimonio dott.ssa Caterina Paparello Il valore dell informazione

Dettagli

CD CD CODICI NCT CODICE UNIVOCO Codice regione NCTR 06 / FRIULI VENEZIA GIULIA. AC AC ALTRI CODICI Altro codice bene ACC A /IRVV

CD CD CODICI NCT CODICE UNIVOCO Codice regione NCTR 06 / FRIULI VENEZIA GIULIA. AC AC ALTRI CODICI Altro codice bene ACC A /IRVV # A00007357/IRVV CD CD CODICI NCT CODICE UNIVOCO Codice regione NCTR / FRIULI VENEZIA GIULIA AC AC ALTRI CODICI Altro codice bene ACC A00007357/IRVV OG OGGETTO OGT OGGETTO Denominazione OGTN Villa Boiani,

Dettagli

SEZIONE V REGISTRAZIONE DEI DOCUMENTI

SEZIONE V REGISTRAZIONE DEI DOCUMENTI SEZIONE V REGISTRAZIONE DEI DOCUMENTI Articolo 19 Documenti soggetti a registrazione di protocollo I documenti ricevuti e prodotti dagli uffici utente, indipendentemente dal supporto sul quale sono formati,

Dettagli

4.10 PROVE, CONTROLLI E COLLAUDI

4.10 PROVE, CONTROLLI E COLLAUDI Unione Industriale 55 di 94 4.10 PROVE, CONTROLLI E COLLAUDI 4.10.1 Generalità Il fornitore deve predisporre e mantenere attive procedure documentate per le attività di prova, controllo e collaudo allo

Dettagli

Georeferenziazione: criteri e metodi nella catalogazione dei beni culturali

Georeferenziazione: criteri e metodi nella catalogazione dei beni culturali Restauro 2001 Ferrara 29 marzo/1 aprile 2001 Il catalogo dei beni culturali. Nuovi strumenti informativi e modalità attuative per ICCD e Regioni (Ferrara 31 marzo 2001) Georeferenziazione: criteri e metodi

Dettagli

Percorso formativo SICOGE SISTEMA INTEGRATO DI CONTABILITA FINANZIARIA E ECONOMICO- PATRIMONIALE ANALITICA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE

Percorso formativo SICOGE SISTEMA INTEGRATO DI CONTABILITA FINANZIARIA E ECONOMICO- PATRIMONIALE ANALITICA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE ALL. A Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE Percorso formativo SICOGE SISTEMA INTEGRATO DI CONTABILITA FINANZIARIA E ECONOMICO- PATRIMONIALE ANALITICA 2016 INDICE

Dettagli

dichiarazione rilasciata da notaio o altro pubblico ufficiale a ciò autorizzato allegata o asseverata al documento informatico

dichiarazione rilasciata da notaio o altro pubblico ufficiale a ciò autorizzato allegata o asseverata al documento informatico accesso accreditamento affidabilità aggregazione documentale operazione che consente a chi ne ha diritto di prendere visione ed estrarre copia dei informatici riconoscimento, da parte dell Agenzia per

Dettagli

Modalità di compilazione per la trasmissione delle Comunicazioni dei dati relativi alla previdenza complementare

Modalità di compilazione per la trasmissione delle Comunicazioni dei dati relativi alla previdenza complementare Modalità di compilazione per la trasmissione delle Comunicazioni dei dati relativi alla previdenza complementare 1 1. GENERALITA Il presente documento descrive le modalità di compilazione delle comunicazioni

Dettagli

Il fascicolo. Apertura, gestione, archiviazione e conservazione. Milano, Archivio di Stato, 9 luglio a cura di Nadia Di Santo

Il fascicolo. Apertura, gestione, archiviazione e conservazione. Milano, Archivio di Stato, 9 luglio a cura di Nadia Di Santo Apertura, gestione, archiviazione e conservazione a cura di Nadia Di Santo Milano, Archivio di Stato, 9 luglio 2012 1 Definizione Insieme organico e ordinato di documenti che si forma nel corso dell attività

Dettagli

INDICE. Presentazione 1 Premessa 3 Abbreviazioni 7 PARTE PRIMA - STORIA ED ATTUALITA' 1. CENNI STORICI

INDICE. Presentazione 1 Premessa 3 Abbreviazioni 7 PARTE PRIMA - STORIA ED ATTUALITA' 1. CENNI STORICI INDICE Presentazione 1 Premessa 3 Abbreviazioni 7 PARTE PRIMA - STORIA ED ATTUALITA' 1. CENNI STORICI 1. Pubblicit immobiliare 11 1.1. Modi di acquisto della propriet e prime forme di pubblicit immobiliare

Dettagli

COMUNE DI PISONIANO. Museo Civico della Canapa REGOLAMENTO. Art. 1 Introduzione

COMUNE DI PISONIANO. Museo Civico della Canapa REGOLAMENTO. Art. 1 Introduzione COMUNE DI PISONIANO Museo Civico della Canapa REGOLAMENTO Art. 1 Introduzione Il Museo Civico della Canapa con sede a Pisoniano (RM), Via Roma n., avente le caratteristiche di Museo del Territorio, è un

Dettagli

A.S.L. 5 U.O. Sistemi Informativi

A.S.L. 5 U.O. Sistemi Informativi A.S.L. 5 U.O. Sistemi Informativi Progetto M.D.M.A. Monitoraggio Droghe e Manifestazioni di Abuso Il sistema di raccolta e condivisione delle informazioni Verona, 20 febbraio 2007 Organizzazione del flusso

Dettagli

Dcare. Tecnologia RFID per il Sistema Sanitario.

Dcare. Tecnologia RFID per il Sistema Sanitario. Tecnologia RFID per il Sistema Sanitario www.rfidcare.it 2 La società La piattaforma Srl, azienda ICT partecipata da DAXO Srl e Dedalus SpA, nasce per operare in ambito Mobile & RFID nel settore sanitario.

Dettagli

La catalogazione del patrimonio culturale a cura di Maristella Vecchiato

La catalogazione del patrimonio culturale a cura di Maristella Vecchiato La catalogazione del patrimonio culturale a cura di Maristella Vecchiato Con una serie successiva di decreti, dal 1923 al 1927, si delinea la struttura della scheda di catalogo che può essere accompagnata

Dettagli

Scheda. CD - CODICI TSK - Tipo scheda LIR - Livello ricerca NCT - CODICE UNIVOCO PST

Scheda. CD - CODICI TSK - Tipo scheda LIR - Livello ricerca NCT - CODICE UNIVOCO PST Scheda CD - CODICI TSK - Tipo scheda LIR - Livello ricerca NCT - CODICE UNIVOCO PST NCTR - Codice regione 09 NCTN - Numero catalogo generale ESC - Ente schedatore ECP - Ente competente OG - OGGETTO OGT

Dettagli

1. Acquisizione documentazione

1. Acquisizione documentazione L'attivita' di Mappatura viene effettuata da una Squadra di Tecnici qualificati che operano con le piu' moderne strumentazioni digitali e software dedicati. Nel dettaglio che segue sono esplicitate le

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. IL SEGRETARIATO REGIONALE DEL MiBACT LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGIA DELL EMILIA-ROMAGNA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. IL SEGRETARIATO REGIONALE DEL MiBACT LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGIA DELL EMILIA-ROMAGNA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL SEGRETARIATO REGIONALE DEL MiBACT E LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGIA DELL EMILIA-ROMAGNA per la condivisione, la fruizione e l aggiornamento dei dati presenti

Dettagli

Scheda. CD - CODICI TSK - Tipo scheda LIR - Livello ricerca NCT - CODICE UNIVOCO PST

Scheda. CD - CODICI TSK - Tipo scheda LIR - Livello ricerca NCT - CODICE UNIVOCO PST Scheda CD - CODICI TSK - Tipo scheda LIR - Livello ricerca NCT - CODICE UNIVOCO PST NCTR - Codice regione 08 NCTN - Numero catalogo generale ESC - Ente schedatore ECP - Ente competente OG - OGGETTO OGT

Dettagli

Stato di fatto e tendenze

Stato di fatto e tendenze Storia di Mola Stato di fatto e tendenze Idee, piani e progetti! " BASE ASCOLTO REGOLE Attività legate al progetto CONSULENZA SUPPORTO TECNICO E FORMAZIONE PROGETTAZIONE LOGICA PROGETTAZIONE ESECUTIVA

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Documento n. 8 Allegato al manuale di gestione

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Documento n. 8 Allegato al manuale di gestione PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Documento n. 8 Allegato al manuale di gestione I Formazione dei documenti informatici 1 Contenuti In ogni documento informatico deve essere obbligatoriamente

Dettagli

Rintracciabilità e Gestione delle Informazioni

Rintracciabilità e Gestione delle Informazioni Università di Bologna Facoltà di Agraria Rintracciabilità e Gestione delle Informazioni 18 Novembre 2004 profilo è nata nel 1994 per la progettazione e lo sviluppo di applicazioni software ha maturato

Dettagli

PROGRAMMA DEI CORSI E DELLE GIORNATE DI FORMAZIONE 2017

PROGRAMMA DEI CORSI E DELLE GIORNATE DI FORMAZIONE 2017 PROGRAMMA DEI CORSI E DELLE GIORNATE DI FORMAZIONE 2017 Corso MODIFICHE AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI (AFFIDAMENTI DIRETTI E SOTTO SOGLIA) OGAZIONI LIBALI, ART BONUS FUNDARAISING/OGAZIONI ALLA CULTURA

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 Area Comune Processo Affari generali, segreteria e facilities management Amministrazione, finanza

Dettagli

Verona 25 ottobre Sicurezza e Software Gestione Manutenzione (CMMS): Vantaggi di un Sistema Integrato

Verona 25 ottobre Sicurezza e Software Gestione Manutenzione (CMMS): Vantaggi di un Sistema Integrato Verona 25 ottobre 2010 Sicurezza e Software Gestione Manutenzione (CMMS): Vantaggi di un Sistema Integrato La manutenzione comprende tutte le azioni tecniche, amministrative e gestionali eseguite durante

Dettagli

ACCORDO TRA. MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA CULTURALI E DEL TURISMO Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione dei Beni Culturali

ACCORDO TRA. MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA CULTURALI E DEL TURISMO Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione dei Beni Culturali ACCORDO TRA MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA CULTURALI E DEL TURISMO Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione dei Beni Culturali Visto lo Statuto della Regione Siciliana; E REGIONE SICILIANA

Dettagli

Nuova procedura amministrativo-contabile per l acquisto e l inventariazione patrimoniale del materiale bibliografico in formato cartaceo

Nuova procedura amministrativo-contabile per l acquisto e l inventariazione patrimoniale del materiale bibliografico in formato cartaceo Nuova procedura amministrativo-contabile per l acquisto e l inventariazione patrimoniale del materiale bibliografico in formato cartaceo Sistema Bibliotecario di Ateneo Università degli Studi di Messina,

Dettagli

Standard internazionali di descrizione archivistica: ISAAR (CPF) Ingrid Germani Corso per l apprendimento di X-Dams Bologna, 18.06.

Standard internazionali di descrizione archivistica: ISAAR (CPF) Ingrid Germani Corso per l apprendimento di X-Dams Bologna, 18.06. Standard internazionali di descrizione archivistica: ISAAR (CPF) Ingrid Germani Corso per l apprendimento di X-Dams Bologna, 18.06.2009 1 ISAAR (CPF): International Standard Archival Authority Record for

Dettagli

Portale INPS. Servizi per il cittadino. Lavoratori Domestici. Consultazione Estratto Conto. Help online

Portale INPS. Servizi per il cittadino. Lavoratori Domestici. Consultazione Estratto Conto. Help online Portale INPS Servizi per il cittadino Lavoratori Domestici Consultazione Estratto Conto Help online Pagina 1 di 11 Indice 1 GENERALITÁ... 3 1.1 Scopo e campo di applicazione del documento... 3 1.2 Termini

Dettagli

COMUNE DI MILETO Prov. di Vibo Valentia AREA AMMINISTRATIVA. Determinazione N 25 del 09.02.2012

COMUNE DI MILETO Prov. di Vibo Valentia AREA AMMINISTRATIVA. Determinazione N 25 del 09.02.2012 COMUNE DI MILETO Prov. di Vibo Valentia Originale Oggetto AREA AMMINISTRATIVA Determinazione N 25 del 09.02.2012 Affidamento servizio manutenzione, aggiornamento ed assistenza ai programmi applicativi,

Dettagli

RICHIESTA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INCARICO DI DIRETTORE SCIENTIFICO

RICHIESTA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INCARICO DI DIRETTORE SCIENTIFICO RICHIESTA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L INCARICO DI DIRETTORE SCIENTIFICO Il Presidente - visto l Atto Costitutivo della Fondazione Pro Juventute del 3 marzo 1951 e il successivo DPR 11.02.1952

Dettagli

Comune di BELLINZAGO LOMBARDO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di BELLINZAGO LOMBARDO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di BELLINZAGO LOMBARDO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 I N D I C E CAPO I : PRINCIPI GENERALI ART. 1 : Oggetto del presente Regolamento ART. 2 : Finalità del sistema

Dettagli

DISCIPLINARE PROGRAMMA PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

DISCIPLINARE PROGRAMMA PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Allegato alla Delibera della Giunta comunale n. 84 di data 10.08.2016. IL SEGRETARIO COMUNALE f.to dott.ssa Lisa Luchini DISCIPLINARE PROGRAMMA PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA INDICE

Dettagli

Antiriciclaggio: gli obblighi dei professionisti

Antiriciclaggio: gli obblighi dei professionisti Antiriciclaggio: gli obblighi dei professionisti Dr. Nicola Forte Torino, 20 ottobre 2015 19/05/2015 1 Riferimenti normativi Con il D.Lgs. N. 56 del 20 febbraio 2004 è stata recepita in Italia la II Direttiva

Dettagli

Comunicazione Annuale Dati IVA 2015

Comunicazione Annuale Dati IVA 2015 HELP DESK Nota Salvatempo 0022 MODULO Comunicazione Annuale Dati IVA 2015 Quando serve La normativa: Casi di esonero Novità Termini/modalità di presentazione Da ricordare Per gestire in modo corretto il

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico. Architettura dei sistemi RIS-PACS RIS. Radiology Information System

Sistemi informatici in ambito radiologico. Architettura dei sistemi RIS-PACS RIS. Radiology Information System Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2016-2017 Architettura dei sistemi RIS-PACS Radiology Information System RIS Un sistema informatico dedicato all ambito radiologico

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico. Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A

Sistemi informatici in ambito radiologico. Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2016-2017 Architettura dei sistemi RIS-PACS RIS Radiology Information System Un sistema informatico dedicato all ambito radiologico

Dettagli

MANUALE GESTIONE DISTRETTI TRACCIATO FARMED. Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata

MANUALE GESTIONE DISTRETTI TRACCIATO FARMED. Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata MANUALE GESTIONE DISTRETTI TRACCIATO FARMED Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata TP001 - Template Areas Verticale Direzione Consulenza Soluzioni e applicazioni Area AMC v 1.0 INFORMAZIONI SULLA

Dettagli

sistemapiemonte Sistema Informativo Lavoro Gestione acquisizione DID Online Manuale d uso sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Sistema Informativo Lavoro Gestione acquisizione DID Online Manuale d uso sistemapiemonte.it sistemapiemonte Sistema Informativo Lavoro Gestione acquisizione DID Online Manuale d uso sistemapiemonte.it 1 SILP DID Online Maggio 2017 Sommario Sommario... 2 1. Introduzione... 3 2. Obiettivo... 3

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO II FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea Magistrale in Architettura (ambiente e paesaggio) Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO II FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea Magistrale in Architettura (ambiente e paesaggio) Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO II FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea Magistrale in Architettura (ambiente e paesaggio) Tesi meritevoli di pubblicazione Lettura e rappresentazione della città antica di Aquileia

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 48/30 DEL

DELIBERAZIONE N. 48/30 DEL DELIBERAZIONE N. 48/30 Oggetto: Gestione e alienazione del patrimonio immobiliare non funzionale dell Agenzia Laore e dell Agenzia Agris. Costituzione Gruppo di lavoro. L Assessore degli Enti Locali, Finanze

Dettagli

Il Catasto come fonte di risorse informative per la gestione del territorio e della fiscalità comunale

Il Catasto come fonte di risorse informative per la gestione del territorio e della fiscalità comunale Il Catasto come fonte di risorse informative per la gestione del territorio e della fiscalità comunale Le attività dell Agenzia del Territorio a supporto del decentramento delle funzioni catastali ai Comuni

Dettagli

DISCIPLINARE PROGRAMMA PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

DISCIPLINARE PROGRAMMA PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Avio DISCIPLINARE PROGRAMMA PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con deliberazione giuntale n. 11 dd. 04.02.2016, modificata con deliberazione giuntale n. 19 dd. 18.02.2016)

Dettagli

Edizione Novembre 2006

Edizione Novembre 2006 *1756201030* 17562.0103.0 REV1 Catalogo ricambi serie CONTRACT Edizione Novembre 2006 Biasi SpA Sede legale, amministrativa e commerciale: 37135 Verona (Italy) - Via Leopoldo Biasi, 1 BSG Caldaie a Gas

Dettagli

Ministero della Salute. Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute. Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DEL SISTEMA INFORMATIVO DIREZIONE GENERALE DEI FARMACI E DISPOSITIVI MEDICI e Agenzia Italiana del Farmaco Seconda integrazione del documento del 3 maggio 2005

Dettagli

Presentazione attività del Centro per la cultura d'impresa per convegno AFT

Presentazione attività del Centro per la cultura d'impresa per convegno AFT Presentazione attività del per convegno AFT Ente Centro per la cultura d'impresa Indirizzo via Camperio, 1 20123 Milano, tel. 02.72011757 Referente scientifico Maria Chiara Corazza corazza@culturadimpresa.org

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO Processo Tutela, valorizzazione, conservazione e gestione dei beni

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 21/12 DEL

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 21/12 DEL IBERAZIONE N. 21/12 17.5.2005 Oggetto: Catalogazione del patrimonio culturale della Sardegna. Funzionamento e prospettive di sviluppo del Centro Catalogo Beni Culturali. Approvazione attività triennio

Dettagli

Rilievo e cartografia dei sentieri, dei punti notevoli e degli interventi previsti Indirizzi tecnici

Rilievo e cartografia dei sentieri, dei punti notevoli e degli interventi previsti Indirizzi tecnici ALLEGATO B Rilievo e cartografia dei sentieri, dei punti notevoli e degli interventi previsti Indirizzi tecnici Il soggetto beneficiario, ai sensi della del PSR 2007-2013, è tenuto a rilevare e cartografare,

Dettagli

SENSIBILMENTE TITOLO DEL PROGETTO: Ambiente - Prevenzione e monitoraggio inquinamento delle acque - Prevenzione e monitoraggio inquinamento dell aria

SENSIBILMENTE TITOLO DEL PROGETTO: Ambiente - Prevenzione e monitoraggio inquinamento delle acque - Prevenzione e monitoraggio inquinamento dell aria TITOLO DEL PROGETTO: SENSIBILMENTE SETTORE E AREA D INTERVENTO Ambiente - Prevenzione e monitoraggio inquinamento delle acque - Prevenzione e monitoraggio inquinamento dell aria LUOGO DI REALIZZAZIONE

Dettagli

Progetto 1 - Risorse umane, economiche e strumentali Progetto 2 - Gestione beni patrimoniali Progetto 3 - Locazioni

Progetto 1 - Risorse umane, economiche e strumentali Progetto 2 - Gestione beni patrimoniali Progetto 3 - Locazioni ALLEGATO C2-1 - SETTORE AMMINISTRATIVO TRIBUTI PROGRAMMA 1 ORGANIZZAZIONE E RISORSE Progetto 1 - Risorse umane, economiche e strumentali Progetto 2 - Gestione beni patrimoniali Progetto 3 - Locazioni PROGRAMMA

Dettagli

FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI

FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI DECRETO LEGGE 30/09/2005, n 203 ART. 1 Introduce nell ordinamento tributario la partecipazione incentivata dei Comuni all accertamento dei tributi erariali con il riconoscimento

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 9 DEL 09.01.2013 OGGETTO: Affidamento del servizio di elaborazione e gestione stipendi e compensi a terzi. RICHIAMATO l art. 14 comma 5 della Legge Regionale n. 8 del 07.04.1998,

Dettagli

DECRETO N Del 31/12/2015

DECRETO N Del 31/12/2015 DECRETO N. 11968 Del 31/12/2015 Identificativo Atto n. 780 DIREZIONE GENERALE WELFARE Oggetto ATTUAZIONE L.R.23/2015: AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE (ASST) DEGLI SPEDALI CIVILI DI BRESCIA TRASFERIMENTO

Dettagli

Privacy Policy Web

Privacy Policy Web Privacy Policy Web www.aldulcamara.it In questo documento si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. L informativa è

Dettagli

ACCATASTAMENTO FABBRICATI EX RURALI DEL PODERE LA QUARTA DI VIA ASSEVERATI N 61. RATIFICA DI SPESA. DETERMINAZIONI E PROVVEDIMENTI CONSEGUENTI.

ACCATASTAMENTO FABBRICATI EX RURALI DEL PODERE LA QUARTA DI VIA ASSEVERATI N 61. RATIFICA DI SPESA. DETERMINAZIONI E PROVVEDIMENTI CONSEGUENTI. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2013 276 Oggetto: ACCATASTAMENTO FABBRICATI EX RURALI DEL PODERE LA QUARTA DI VIA ASSEVERATI N 61. RATIFICA DI SPESA. DETERMINAZIONI E PROVVEDIMENTI CONSEGUENTI. Reggio Emilia,

Dettagli

Manutenzione periodica al PIANO DEI CONTI

Manutenzione periodica al PIANO DEI CONTI Manutenzione periodica al PIANO DEI CONTI La nuova gestione Utilità Piano dei Conti Premessa... 2 La creazione di un nuovo sottoconto... 3 1. Nuovo sottoconto tramite duplica da piano dei conti standard...

Dettagli