Cosa sono i FODMAPs ?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa sono i FODMAPs ?"

Transcript

1 La FODMAPs Diet

2 Cosa sono i FODMAPs?

3 FODMAPs e meteorismo Cos è il meteorismo? Condizione in cui si presenta accumulo eccessivo di gas nel tratto gastrointestinale, con conseguente sensazione di pienezza, spasmi, distensione e dolori addominali Probabili cause: 1) Aria deglutita 2) Fermentazione batterica di varie sostanze (tra cui i FODMAPs)

4 Meteorismo e patologie Il meteorismo si manifesta in diverse condizioni: - IBS (Irritable Bowel Syndrome) - Stipsi da rallentato transito intestinale - Intolleranze alimentari (glutine, lattosio) - Disbiosi intestinale - Alterato assorbimento dei gas intestinali - Pancreatite cronica Trattamento - Cura dell affezione primaria - Attività fisica - Alimentazione adeguata

5 Ipotesi di malassorbimento dei FODMAPs: come vengono assorbiti gli zuccheri nell intestino? Digestione dei carboidrati Captazione degli esosi Nel lume intestinale Amido -> destrine + maltosio Sulla superficie dell enterocita: Lattosio -> gluc + galattosio Trealosio -> glucosio Maltosio -> glucosio Destrine -> glucosio Saccarosio -> gluc + frutt Lattasi Trealasi Maltasi-glucoamilasi Sucrasi-isomaltasi Galattosio Glucosio Fruttosio SGLT1 GLUT5 GLUT2 Galattosio Glucosio Fruttosio GLUT2 Galatt Gluc Frutt Wright, EM, Loo, DD, Hirayama, BA, Turk, E Surprising versatility of Na+-glucose cotransporters: SLC5, 2004, Physiology

6 Proprio grazie al GLUT2 apicale, il fruttosio viene assorbito meglio in presenza di glucosio. Prima del pasto Dopo il pasto Lume: zuccheri scarsi Enterocita Sangue Lume: zuccheri ad alta concentr. Enterocita Sangue Glucosio in basse concentr GLUT5 Glucosio in eccesso Maltosio GLUT5 Upregulation GLUT2 apicale Downregulation GLUT2 apicale Glucosio in eccesso Membrana apicale Membrana baso-lat Membrana apicale Glucosio Membrana baso-lat Kellett. Apical GLUT2. A Major Pathway of Intestinal Sugar Absorption, American Diabetes Association, 2005

7 Ciò spiega perchè il saccarosio sia generalmente ben tollerato (pur contenendo fruttosio), a differenza del fruttosio libero Saccarosio = Unità di glucosio + Unità di fruttosio

8 FODMAP: FERMENTABLE MONOSACCHARIDES Malassorbimento di fruttosio Esempi di cibi in cui fruttosio > glucosio

9 Percentuali di glucosio e fruttosio in alcuni alimenti Mele Pere Uva Anguria Miele Glucosio Fruttosio /2008/11/06/il-fruttosio-lo-zucchero-della-frutta/

10 Fructose Malabsorption (FM) Il trasportatore GLUT5 ha capacità limitate Il fruttosio, quando eccessivo, non viene assorbito totalmente nel piccolo intestino. Arriva nel crasso, dove viene fermentato, con produzione di acidi grassi a catena corta, H2, CO2 ed altri gas. Esso esercita anche un effetto osmotico, causando un aumentato passaggio di acqua dalla mucosa intestinale al lume. Questo aumento di acqua accelera la motilità intestinale e può causare il sintomo della diarrea

11 Possibili cause del FM Le cause del malassorbimento possono essere: 1) Una bassa capacità di assorbimento da parte dell'epitelio del piccolo intestino 2) Un transito rapido dello zucchero attraverso il piccolo intestino 3) Proliferazione batterica a livello del piccolo intestino distale Il malassorbimento di fruttosio è rilevabile attraverso Breath Test all Idrogeno dopo carico orale di fruttosio, poiché i batteri presenti nell area intestinale lo fermentano rapidamente, con successiva generazione di idrogeno che, di conseguenza, si presenterà nel respiro.

12 Intolleranza al fruttosio: prevalenza Il 53% degli individui non è in grado di assorbire un carico di 25 g dello zucchero, per arrivare fino all'80% nel caso di un carico da 50 g. Dal momento che il malassorbimento di fruttosio è così diffuso, la presenza di questo problema non è una prova attendibile di IBS, infatti la sua prevalenza sembra essere simile a quella dei controlli normali. In altre parole: il malassorbimento del fruttosio è un normale stato fisiologico ma, in presenza di ipersensibilità viscerale, la distensione intestinale induce i tipici sintomi.

13 Intolleranza al fruttosio: trattamento Le linee-guida dell American Dietetic Association includono cibi con: - meno di 3 g di fruttosio per porzione; - meno di 0.5 g di fruttosio libero (= in eccesso rispetto al glucosio) per 100 g di cibo; - meno di 0.5 g di fruttani per porzione. Va specificato che questi valori sono arbitrari.

14 Intolleranza al fruttosio: trattamento Protocolli empirici Normalmente i pazienti vengono sottoposti ad una FASE DI ELIMINAZIONE, in cui sono ammessi solo 5 g di fruttosio al giorno per circa 2 settimane. Quando i pazienti presentano sollievo dai sintomi dell intolleranza (generalmente in 2-6 settimane), viene affrontata una FASE DI RE-INTRODUZIONE, durante la quale vengono introdotti cibi contenenti quantità di fruttosio leggermente superiori, uno per volta, per capire esattamente quanto fruttosio il singolo individuo possa tollerare e realizzare così una dieta che sia la meno restrittiva possibile, tenendo i sintomi sotto controllo. Generalmente, i pazienti tollerano fino a g di fruttosio al giorno.

15 Intolleranza al fruttosio: trattamenti alternativi In uno studio è emersa la possibilità di usare l enzima XILOSIO ISOMERASI, in grado di convertire il fruttosio in glucosio, in un eventuale terapia alternativa per l intolleranza al fruttosio. Questa strategia porterebbe a un significativo decremento nella escrezione di H2 e quindi alla riduzione di sintomi quali nausea e dolori addominali, ma non avrebbe vantaggi sul meteorismo. Inoltre, il 30% dei pazienti ai quali è stato somministrato l enzima o un semplice placebo non ha mostrato un incremento nella produzione di H2, il che fa pensare che alcuni dei soggetti non soffrissero realmente di intolleranza al fruttosio. Occorrono ulteriori studi per determinare se questo o altri composti possano costituire la base per un trattamento davvero efficace. Komericki, Akkilic-Materna, Strimitzer. Oral xylose isomerase decreases breath hydrogen excretion and improves gastrointestinal symptoms in fructose malabsorption-a double-blind, placebo-controlled study. Aliment Pharmacol Ther. 2012

16 Il fruttosio nella frutta... E interessante notare come il contenuto di FODMAPs sia influenzato dal grado di maturazione dei prodotti. Esempio delle PERE PACKHAM Pere acerbe Pere mature Fruttosio Glucosio Sorbitolo Muir J, Rose R et al. J Agric Food Chem. 2009

17 ...Ma il fruttosio non è solo nella frutta...

18 ...E usato al posto del saccarosio......in dolci e bevande......nelle merendine...

19 FODMAP: FERMENTABLE DISACCHARIDES Intolleranza al lattosio Interessa una buona parte della popolazione. Prevalenza: 16% bianchi sani; 23% soggetti con FGID; 38% soggetti con IBD. Deficit di LATTASI

20 Quanto lattosio si può assumere? Normalmente fino a 7 g di lattosio in un pasto non danno problemi. Spesso si commette l errore di eliminare completamente i latticini per scongiurare l intolleranza, assumendo così poco calcio e proteine, e aumentando il rischio di incorrere nell osteoporosi. Va ricordata, infine, la possibilità di consumare latte e yogurt senza lattosio, formaggi duri e burro, nonchè piccole quantità di panna, formaggi a pasta molle e

21 FODMAP: FERMENTABLE OLIGOSACCHARIDES Malassorbimento degli oligosaccaridi Si distinguono FRUTTANI e GALATTANI FOS < 10 unità OLIGOSACCARIDI Fruttani: Catene di fruttosio Inulina 10 unità GOS < 10 unità Galattani: Catene di galattosio Raffinosio Stachiosio

22 Malassorbimento di fruttani L organismo umano ha capacità limitate nello scomporre questi oligo- / polisaccaridi nel piccolo intestino e assorbe solo il 5-15% dei fruttani. I fruttani malassorbiti, quando arrivano al colon, vengono fermentati e causano i tipici sintomi. Inoltre, le molecole più piccole di fruttani richiamano acqua nel lume intestinale, causando meteorismo e diarrea. L USDA (United States Department of Agriculture) indica un consumo medio di fruttani nella popolazione americana pari a 3.91 g/day, ma nelle altre popolazioni il consumo varia tra 1 e 20 g/day.

23 Malassorbimento degli oligosaccaridi Mancanza di idrolasi in grado di scindere le catene Fonti alimentari Il malassorbimento viene rilevato attraverso Breath Test

24 Perchè l intolleranza è in aumento? Il consumo odierno di fruttani è aumentato negli anni, perchè queste sostanze sono abbondanti nelle diete Occidentali, ove non mancano i prodotti a base di grano (cereali per la colazione, pasta, pane). Tuttavia non si hanno dati epidemiologici sufficienti a riguardo. Il contenuto di fruttosio e fruttani è stato valutato in diversi cibi, ma occorre approfondire la questione, soprattutto relativamente all inulina. Inoltre è sconosciuto l effetto della preparazione e cottura dei cibi sul contenuto dei fruttani, e anche questo andrebbe esaminato.

25 FODMAP: FERMENTABLE POLYOLS Malassorbimento dei polioli I polioli sono assorbiti dall intestino per diffusione passiva. Sono scarsamente assorbiti, in base a: - Dimensioni molecolari; - Larghezza dei pori intestinali; - Eventuali malattie della mucosa. Il sorbitolo è spesso usato come dolcificante artificiale Il mannitolo abbonda nei funghi

26 I polioli negli alimenti Sulle confezioni alimentari i codici identificativi sono: - Sorbitolo: 420; - Xilitolo: 967; - Mannitolo: 421; - Maltitolo: 965; - Isomalto: 953. Il sorbitolo è utilizzato anche come lassativo. A differenza del fruttosio, l assorbimento dei polioli non è accelerato da co-ingestione di glucosio. Prevalenza di malassorbimento: Mannitolo: 20% dei soggetti sani; Sorbitolo: 60% dei soggetti sani.

27 Meccanismo eziopatogenetico dei FODMAPs Dieta Fru$osio Fru$ani La$osio Gala$ani Polioli Fa$ori Fisiologici Carico Osmo+co H2O intraluminale Substrato fermentabile Produzione di gas Distensione Luminale Comparsa Sintomatologia Alterazioni mo5lità Gonfiore Dolore addominale Flatulenza

28 È importante valutare singolarmente i FODMAPs ed il meccanismo patogene+co che essi esercitano. Oltre che per frucosio ed inulina, saranno u+li ulteriori studi ae ad approfondire il discorso sui frucani a catena corta. Questo permetterà di selezionare gli elementi che possono essere fastidiosi, nello specifico, per ogni paziente, così da eliminare esclusivamente quelli ed elaborare un piano nutrizionale quanto più possibile completo e vantaggioso.

29 Le origini della FODMAPs Diet Come si arriva al concetto di? Negli anni si comincia a sospettare che zuccheri come il fruttosio possano arrecare dolori addominali, flatulenza, meteorismo e diarrea....ma la strada da percorrere è ancora lunga...

30 Le prime evidenze...nel 2005 vengono raccolti i diversi lavori di ricerca effettuati nel tempo su fruttosio, FOS e lattosio, e viene pubblicato il primo documento che descrive i FODMAPs, firmato da Gibson e Pastore. Ciò che è emerso con chiarezza è stato il netto miglioramento dei sintomi funzionali per il 70% dei pazienti con malattia di Crohn quiescente e fino all 86% dei soggetti con IBS negli USA, quando dalla dieta venivano eliminati i FODMAPs.

31 Nel Nasce ufficialmente, grazie a Peter Gibson......In Australia...

32 ...I FODMAPs, in seguito al malassorbimento, generano sintomi nei soggetti con disturbi intestinali funzionali (FGIDs). Perchè? - Alterata motilità - Ipersensibilità

33 L alimentazione degli Occidentali negli anni 1. Per quanto riguarda gli zuccheri consumati, è calato l'uso del saccarosio, il lattosio si è mantenuto stabile, mentre il fruttosio viene utilizzato sempre di più (il suo consumo è cresciuto di quattro volte per i bambini fino a 10 anni, circa il 20% della popolazione); 2. E in crescita la tendenza a consumare cibo fuori casa (fastfood o ristoranti), rientra in questa categoria più del 35% del cibo ingerito ogni giorno; 3. Si è registrato un aumento di quasi il 50% nel consumo di snack in rapporto al complesso dei pasti, per tutti i gruppi di età; 4. E aumentato il consumo di snack salati e pizza, mentre quello delle bevande zuccherate è raddoppiato in 20 anni; è cresciuto anche il consumo di pasta, dolci, pane, cereali, prodotti ricchi di fruttani; 5. E cresciuto, infine, l'uso di dolcificanti artificiali, in particolare nelle bevande.

34 L ipotesi FODMAP I FODMAPs alimentari che arrivano nel piccolo intestino distale e nel colon prossimale sono fermentati rapidamente. Nel piccolo intestino distale, questo porta ad una espansione delle popolazioni batteriche, con aumento della permeabilità intestinale. Nel colon prossimale, i cambiamenti nel contenuto luminale e la distensione hanno effetti neurali e ormonali a livello epiteliale, una conseguenza dei quali è quella di irritare o danneggiare l'epitelio e compromettere la sua funzione di barriera. Nella malattia di Crohn vi è un maggiore accumulo di FODMAPs nel colon, a causa di una eccessiva assunzione che potrebbe essere aggravata da malassorbimento del fruttosio. La risposta alla fermentazione rapida di un maggiore carico di FODMAPs nel piccolo intestino distale e nel colon prossimale può essere esagerata in pazienti sensibili alla malattia di Crohn, a causa di fattori ambientali o genetici.

35 I FODMAPs e l IBS I potenziali vantaggi derivanti dal limitare i FODMAPs nella dieta sono stati evidenziati in uno studio retrospettivo che ha dimostrato che il 74% dei pazienti selezionati, sia con IBS che con malassorbimento di fruttosio, ha risposto bene alla restrizione di fruttosio e fruttani (e polioli, se i pazienti hanno notato induzione di sintomi da parte di questi) della durata di 2-40 mesi. Shepherd SJ, Gibson PR. Fructose malabsorption and symptoms of irritable bowel syndrome: guidelines for effective dietary management. J Am Diet Assoc. 2006

36 Da studi successivi emerge... Media dei sintomi gastrointestinali generali in pazienti con IBS (A) e sani (B) sottoposti a dieta a basso contenuto di FODMAPs e a diete tipiche australiane. I sintomi sono migliorati significativamente con la Low- FODMAP Diet rispetto alla dieta tradizionale per il gruppo con IBS. Non sono state osservate differenze significative per i sani tra i risultati delle due diete. Emma P. Halmos, Victoria A. Power, Shepherd, Gibson. A Diet Low in FODMAPs Reduces Symptoms of Irritable Bowel Syndrome. Gastroenterology, 2013

37 Sintomi di gonfiore (A), dolore addominale (B) e flatulenza (C) in soggetti con IBS, seguendo una dieta tipica australiana e una Low- FODMAP Diet. Insoddisfazione per la consistenza delle feci in IBS- D (D) e IBS-C (E) dopo 8-21 giorni di dieta classica e Low- FODMAP sono indicati con una linea in grassetto. I sintomi erano significativamente più bassi nella Low-FODMAP Diet rispetto ad una tipica dieta australiana, in tutti i casi valutati. Emma P. Halmos, Victoria A. Power, Shepherd, Gibson. A Diet Low in FODMAPs Reduces Symptoms of Irritable Bowel Syndrome. Gastroenterology, 2013

38 Come realizzare una dieta individuale? Si procede per singoli passi: 1. Si valuta innanzitutto l'assunzione di FODMAPs, fibre, altro (per ex caffeina, alcool, grassi) e fluidi attraverso la dieta che il soggetto segue normalmente; 2. Si procede allontanando i FODMAPs dalla dieta ed, eventualmente, effettuando il breath test per valutare se sia ancora presente malassorbimento; 3. Seguono 4 settimane di prova con la Low-FODMAP Diet; 4. Si dovranno poi reinserire i FODMAPs, uno alla volta, effettuando il breath test per capire se sia presente malassorbimento per quello specifico FODMAP; 5. Dopo aver capito quali sostanze sono responsabili della genesi dei sintomi nel paziente, si può elaborare un piano alimentare personalizzato, che garantisca il massimo apporto di sostanze, in assenza di sintomi particolarmente fastidiosi.

39 La Low-FODMAP Diet è al passo con i tempi Nel mese di dicembre 2012, la Monash University ha rilasciato la prima applicazione per iphone per professionisti e pazienti che seguano la Low-FODMAP Diet. Questo permetterà di migliorare l'accesso alle informazioni più accurate e aggiornate, senz'altro per le persone che già seguono la dieta, ma si spera anche che ciò possa suscitare l'interesse di altri operatori in giro per il mondo e che sempre più pazienti possano alleviare i propri sintomi grazie a questo tipo di approccio dietetico.

40 Low-FODMAP Diet e fibre - Rischio di apporto di fibre inadeguato Privilegiare l assunzione di cereali come... Crusca di riso Avena...E frutta e verdure ammesse: Fragole, kiwi Fagiolini verdi Bietola

41 0,8 Cereali per una colazione Low- FODMAP 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 FOS Eccesso di fruttosio Sorbitolo 0,1 0 Crusca di frumento Muesli Fiocchi di mais Riso soffiato Avena J. R. Biesiekierski. Journal of Human Nutrition and Dietetics, 2011

42 I Fodmaps in varie tipologie di pane P. Gluten-free Pane bianco Pane integrale P. Multicereali FOS Eccesso di fruttosio Raffinosio Stachiosio Pane di segale 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 J. R. Biesiekierski. Journal of Human Nutrition and Dietetics, 2011

43 ...Anche la pasta contiene FODMAPs? Osserviamo i livelli di FODMAPs individuati in vari tipi di pasta: Pasta di quinoa Pasta Gluten-Free Pasta di grano Fruttosio FOS Couscous Gnocchi 0 0,5 1 1,5 J. R. Biesiekierski. Journal of Human Nutrition and Dietetics, 2011

44 E importante ricordare che il RISO, a differenza della pasta, non contiene livelli quantificabili di carboidrati a catena corta, quindi il suo grado di tollerabilità è molto elevato

45 Contenuto di FODMAPs nei legumi Lenticchie Ceci I GOS sono stati riscontrati in tutti i legumi Fagioli di Lima fruttosio libero FOS Fagioli rossi Piselli 0 0,5 1 J. R. Biesiekierski. Journal of Human Nutrition and Dietetics, 2011

46 FODMAPs negli snack Cibi contenenti FOS (g / 100 g) Gocce di cioccolato: 0,21 g Pane croccante di segale: 0,92 g Biscotti farciti con frutta: 0,63 g Muesli: 0,86 g Salatini: 0,29 g J. R. Biesiekierski. Journal of Human Nutrition and Dietetics, 2011

47 LOW-FODMAP Alimenti naturalmente... HIGH-FODMAP

48 Conclusioni Il malassorbimento dei carboidrati a catena corta è un disturbo piuttosto diffuso nella società odierna. Proprio da questo nasce l ispirazione che porta alla Low-FODMAP Diet. Si aggiunge, in tal modo, un importante capitolo al controverso tema delle intolleranze alimentari.

Carboidrati e intestino irritabile: i FODMAP

Carboidrati e intestino irritabile: i FODMAP Carboidrati e intestino irritabile: i FODMAP Riccardo Troncone Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali e Laboratorio Europeo per lo Studio delle Malattie Indotte da Alimenti Università Federico II,

Dettagli

CENTRO BREATH TEST 13C-LATTOSIO BREATH TEST

CENTRO BREATH TEST 13C-LATTOSIO BREATH TEST ARS MEDICA Centro Medico Polispecialistico VIA M. ANGELONI, 80/A - PERUGIA 06124 TEL/FAX: 075 5000388 CELL: 334 2424824 E-Mail: info@arsmedicapg.it Sito Web: www.arsmedicapg.it CENTRO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH ...Sentiamo parlare sempre piú spesso di FIBRE: - Quale é il loro ruolo nell organismo? - Quale é la quantitá consigliata? - Quante bisogna mangiarne giornalmente? Vuoi aumentare energia e benessere? Prova

Dettagli

7. DISTURBI ALIMENTARI

7. DISTURBI ALIMENTARI 7. DISTURBI ALIMENTARI Introduzione La maggior parte degli individui può generalmente assumere una grande varietà di cibo senza alcun problema. Per un gruppo sempre maggiore di persone, tuttavia, determinati

Dettagli

ALIMENTAZIONE E DIABETE

ALIMENTAZIONE E DIABETE ALIMENTAZIONE E DIABETE Dott.ssa Elena Cimino Scuola di Specializzazione in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Università dell Insubria Sede Milano Bicocca UOS Diabetologia Clinica Medica Ospedale

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO

DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO DIABETE E ALIMENTI: I PRINCIPI NUTRITIVI FACCIAMO IL PUNTO Dr.ssa SABRINA BUGOSSI DIETISTA L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di

Dettagli

Allergie: I disturbi si manifestano rapidamente, subito dopo l'ingestione di un

Allergie: I disturbi si manifestano rapidamente, subito dopo l'ingestione di un INTOLLERANZE ALIMENTARI & PRESTAZIONE SPORTIVA In questo articolo vorrei ripresentare in maniera più approfondita un argomento alquanto dibattuto sia in campo medico (convenzionale e non) e sia in campo

Dettagli

DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI

DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI Roma, 18-19-20 Settembre 2014 Proceedings Approccio al paziente con DISTURBI CRONICI GASTROINTESTINALI La dieta a basso contenuto di FODMAP Terapia mirata nella Sindrome dell Intestino Irritabile Piacentino

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE EZIOPATOGENESI DELLA CARIE saliva Flusso Potere tampone Lisozima, lattoferrina perossidasi Mucine, glicoproteine, lipidi Iga, IgG smalto Ipoplasia Permeabilità Composizione chimica Contenuto di fluoro

Dettagli

FOCUS ON: Alimenti Carboidrati & Indice glicemico

FOCUS ON: Alimenti Carboidrati & Indice glicemico FOCUS ON: Alimenti Carboidrati & Indice glicemico Dott.ssa Vincenza Galante SIAN (Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ) Dipartimento di Prevenzione ASL Latina Classificazione fisiologica Carboidrati

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

La gestione degli effetti collaterali delle terapie e delle complicanze post-chirurgiche

La gestione degli effetti collaterali delle terapie e delle complicanze post-chirurgiche / Incontro nazionale A.I.G. Associazione Italiana GI ST Onlus Giornata di approfondimento medico sui GIST dedicata ai pazienti Bologna - 29 Marzo 2014 La gestione degli effetti collaterali delle terapie

Dettagli

LE ALLERGIE E LE INTOLLERANZE ALIMENTARI

LE ALLERGIE E LE INTOLLERANZE ALIMENTARI LE ALLERGIE E LE INTOLLERANZE ALIMENTARI La differenza tra allergie e intolleranze alimentari L allergia è una reazione esagerata del sistema immunitario a sostanze ritenute pericolose per l organismo.

Dettagli

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo?

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? 3 Giornate Gastro-epatologiche Cuneesi Vicoforte, 19-20 febbraio 2010 TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? Carlo Sguazzini, Marco Astegiano, Renato Bonardi, Daniele Simondi S.C. Gastro-epatologia 1 U.

Dettagli

INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI

INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI Quando mangiamo un alimento ricco di carboidrati, la glicemia (quantità di zucchero nel sangue) si alza. La velocità con cui questo accade dipende da molti fattori, tra

Dettagli

LE BIOMOLECOLE. Lezione 11

LE BIOMOLECOLE. Lezione 11 LE BIOMOLECOLE Lezione 11 La nutrizione è l insieme dei processi biochimici attraverso i quali l organismo utilizza i principi nutritivi per soddisfare tre fondamentali funzioni : - costruttiva o plastica;

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è il colon irritabile INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 22-0 05/09/2012 INDICE Sindrome dell'intestino irritabile 4 Che cosa è la

Dettagli

Riccardo Troncone Dipartimento di Pediatria Università Federico II, Napoli. I carboidrati nell alimentazione del bambino

Riccardo Troncone Dipartimento di Pediatria Università Federico II, Napoli. I carboidrati nell alimentazione del bambino Riccardo Troncone Dipartimento di Pediatria Università Federico II, Napoli I carboidrati nell alimentazione del bambino I carboidrati nell alimentazione del bambino Chimica I carboidrati nella dieta Indice

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

L INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI

L INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI L INDICE GLICEMICO DEGLI ALIMENTI La glicemia indica la concentrazione di glucosio nel sangue. Di norma in una persona sana e adulta, donna e uomo, si attesta attorno a valori compresi tra 0,8 1 grammo

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE Allegato Tecnico n. 4 al Capitolato Speciale

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI ENERGETICI RICCHI IN CARBOIDRATI

PRODOTTI ALIMENTARI ENERGETICI RICCHI IN CARBOIDRATI PRODOTTI ALIMENTARI ENERGETICI RICCHI IN CARBOIDRATI Precedenti Lo studio sistematico della relazione tra assunzione di carboidrati e capacita' nell'esercizio e' cominciato oltre 60 anni fa. In una serie

Dettagli

Sensibilita al glutine: glutine o fodmap, quali le cause?

Sensibilita al glutine: glutine o fodmap, quali le cause? Forum GLUTEN-FREE JOURNAL FOR HEALTH CARE PROFESSIONALS EDIZIONE 02/2014 Sensibilita al glutine: glutine o fodmap, quali le cause? Obiettivo puntato sui FODMAPs, componenti alimentari molto diffusi negli

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

LA CONTA DEI CARBOIDRATI

LA CONTA DEI CARBOIDRATI LA CONTA DEI CARBOIDRATI ALIMENTAZIONE E DIABETE L alimentazione rappresenta uno dei cardini fondamentali nella terapia del diabete mellito Più che parlare di dieta è opportuno parlare di terapia nutrizionale

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici Gruppo di studio regionale intersocietario ADI- AMD- SID Terapia medico nutrizionale per team diabetologici 25 marzo 2014 Villa Eur Parco dei Pini Roma Daniela Bracaglia UOC di Diabetologia PTV-ASL RMB

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

COLONSCOPIA VIRTUALE

COLONSCOPIA VIRTUALE COLONSCOPIA VIRTUALE La colonscopia virtuale è una simulazione al computer di una colonscopia vera. Consiste in una TAC dell addome eseguita sia in posizione supina che prona, dopo aver inserito aria dal

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli SCEGLI IL GUSTO 7 febbraio 2013 Body Worlds Anna Caroli Terminato l iter diagnostico esami del sangue biopsia enterica Oggi so di essere celiaco Cosa faccio e cosa mangio Il Medico fornisce le prime e

Dettagli

Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile!

Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile! ri-esco Salute, Benessere, Carattere. Guida la tua vita! Il mio benessere? Una questione di stile! Esistono molti modi di alimentarsi, e un solo modo di nutrirsi STATO NUTRIZIONALE Adattato da: Bedogni

Dettagli

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio)

Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) Malattia di Meniere e Alimentazione (contenuto nei cibi di sodio e potassio) INTRODUZIONE Questo articolo, frutto del personale lavoro di studio e ricerca di Mauro Tronti, volontario AMMI affetto da Malattia

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Pizzero. euro 7,50 prezzo al pubblico consigliato. 180 g

Pizzero. euro 7,50 prezzo al pubblico consigliato. 180 g Linea DietaZero Forever, alimenti bilanciati per l equilibrio del peso Pizzero Preparazione Aprire la busta e versare il contenuto in una ciotola aggiungendo 8 gr di olio extravergine di oliva e 30 gr

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

QUALI MATERIE PRIME CONTENGONO GLUTINE E QUALI SONO PRIVE DI GLUTINE?

QUALI MATERIE PRIME CONTENGONO GLUTINE E QUALI SONO PRIVE DI GLUTINE? IREKS ITALIA S.r.l. Società soggetta a direzione e coordinamento da parte di IREKS GmbH Via Cadorna, 65 20037 Paderno Dugnano (MI) ITALIA Tel.: +39 02 9106631 Fax: +39 02 99041841 info@ireksitalia.it www.ireks.it

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

Una buona alimentazione mantiene sano il nostro organismo e può farlo funzionare al meglio.

Una buona alimentazione mantiene sano il nostro organismo e può farlo funzionare al meglio. Mangiando pallavolo 2 Una buona alimentazione mantiene sano il nostro organismo e può farlo funzionare al meglio. Questo è valido per qualsiasi persona "normale, ma ancor di più lo è per coloro che praticano

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Celiachia e NCGS: che c è di nuovo. Carolina Ciacci

Celiachia e NCGS: che c è di nuovo. Carolina Ciacci Celiachia e NCGS: che c è di nuovo Carolina Ciacci 1 Sensibilità al grano Celiachia Allergia NCGS ( gluten?) 2 Celiachia, novità 3 4 70% pz riferiscono sintomi per assunzione glutine 342 pz a GFD da 1

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno. ma solo 50% consulterà un medico. Prevalenza. Nella popolazione generale: M: 19% F: 24%

Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno. ma solo 50% consulterà un medico. Prevalenza. Nella popolazione generale: M: 19% F: 24% Sindrome dell intestino irritabile IBS (Irritable bowel syndrome) Incidenza Sintomi da IBS nel 10% della popolazione in 1 anno ma solo 50% consulterà un medico Prevalenza Nella popolazione generale: M:

Dettagli

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE 1.Premessa Nell ambito della ristorazione scolastica è prevista la possibilità di richiedere Diete speciali per motivi di salute per venire

Dettagli

Allergie e intolleranze. Come puoi proteggerti.

Allergie e intolleranze. Come puoi proteggerti. 07 Periodico d informazione gratuito - N. 3 / 2013 di Inter-Med srl - C.so Vittorio Emanuele II, 45 33170 Pordenone - www.intermeditalia.com NEWS DAL MONDO DELL ALIMENTAZIONE Allergie e intolleranze. Come

Dettagli

Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE

Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE Guida di informazione e approfondimento scientifico Sostenitori del Naturale Curativo Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE Recentissimi studi

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

L alimentazione e l allenamento del calciatore

L alimentazione e l allenamento del calciatore L alimentazione e l allenamento del calciatore 1. Come alimentarsi nel precampionato 2. Come alimentarsi durante il campionato 3. L alimentazione del giovane calciatore 4. Differenze tra calciatore professionista

Dettagli

CONTINUO RICAMBIO PROTEICO. Differenti pathways proteolitici per le proteine cellulari

CONTINUO RICAMBIO PROTEICO. Differenti pathways proteolitici per le proteine cellulari CONTINUO RICAMBIO PROTEICO Differenti pathways proteolitici per le proteine cellulari Proteine anormali, danneggiate Proteine normali a vita breve Proteine del reticolo endoplasmatico Via dell ubiquitina/proteasoma

Dettagli

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010 Lezione di alimentazione Claudio Caldini i Una corretta alimentazione non è sufficiente per vincere una gara ma un alimentazione insufficiente può sicuramente farla perdere Prof. Giuseppe Masera Responsabile

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali ALIMENTAZIONE, RISCHIO CARDIOVASCOLARE E METABOLICO Relatore: Dott.ssa Chiara Becchetti Assegnista di ricerca Brescia 19/03/2015

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

Come Eseguire la dieta Zona

Come Eseguire la dieta Zona Come Eseguire la dieta Zona 1 blocco è dato da 7g di proteine + circa 3 g di grassi + circa 9 g di carboidrati. La pasta, come tutti i derivati delle farine, viene generalmente evitata è consigliato dunque

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

ALIMENTAZIONE DELLO STOMIZZATO

ALIMENTAZIONE DELLO STOMIZZATO ALIMENTAZIONE DELLO STOMIZZATO Relatore: Dott. ssa Daniela Metro Dipartimento di Scienze Biochimiche, Fisiologiche e della Nutrizione Università di Messina COLOSTOMIA ILEOSTOMIA COLOSTOMIE ED ILEOSTOMIE

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze e celiachia

MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze e celiachia Dipartimento di Sanità Pubblica Servizo Igiene degli Alimenti e della Nutrizione DIETE SPECIALI E CELIACHIA nei nidi d'infanzia di Modena 24 Marzo 2010 MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze

Dettagli

LA DIETA VEGETARIANA

LA DIETA VEGETARIANA LA DIETA VEGETARIANA Le persone che seguono un alimentazione vegetariana sono, a dispetto dell opinione generale, tante. Può essere utile perciò cercare di capire qualcosa di più riguardo questo tipo di

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI.

INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. INDICE E CARICO GLICEMICO DEGLI ALIMENTI. Prof. Roberto Calcagno Ho già trattato in un precedente articolo dell indice glicemico degli alimenti ( G.I. Glicemic Index), ora vorrei integrare questo concetto

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Le combinazioni alimentari

Le combinazioni alimentari Nutrirsi di salute Aprile 2013 Le combinazioni alimentari Quali sono i motivi che potrebbero indurre ad applicare le combinazioni alimentari dei cibi? Per combinazione alimentare, o dieta dissociata, si

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI DIETA VEGETARIANA Nella realizzazione di una dieta vegetariana frequentemente viene seguito un percorso che passa attraverso un procedimento di eliminazione di gruppi di cibi dall architettura tipica della

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione

PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO. Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione PROTEINE, CARBOIDRATI E GRASSI: DOVE SONO E A COSA SERVONO Dott. Simona Valeria Ferrero Specialista in Scienza dell Alimentazione Gli alimenti sono indispensabili alla vita. Consentono all organismo di

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Trasporto di glucosio, fruttosio e galattosio attraverso l epitelio intestinale

Trasporto di glucosio, fruttosio e galattosio attraverso l epitelio intestinale Trasporto di glucosio, fruttosio e galattosio attraverso l epitelio intestinale Membrana apicale SGLT1: permette il trasporto attivo di glucosio e galattosio contro gradiente di concentrazione (co-trasporto

Dettagli

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115 Sommario Introduzione Conosci l indice glicemico e perdi peso senza sacrifici 7 Capitolo 1 La glicemia dei cibi e i meccanismi che fanno ingrassare 13 Capitolo 2 L importanza dell indice glicemico 33 Capitolo

Dettagli

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della glicemia conseguente

Dettagli

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE

SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2009/2011. SINDROME DELL INTESTINO IRRITABILE PRESENTAZIONE CLINICA, APPROCCIO DIAGNOSTICO E DIAGNOSI DIFFERENZIALE Elisabetta Ascari

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

Avvertenza per allergici

Avvertenza per allergici RITTER-SPORT.IT Buono a sapersi Avvertenza per allergici Le reazioni positive prevalgono. chocolate makes you happy. For 5% of Germans, this is not necessarily true, however, as they have an allergy

Dettagli

SPERIMENTAZIONE PER LA DITTA FIBERPASTA

SPERIMENTAZIONE PER LA DITTA FIBERPASTA SPERIMENTAZIONE PER LA DITTA FIBERPASTA Da parte della Dott.ssa Emma Vitiani - dietista olistica PERUGIA Via E. Fermi, 5 - Tel. 075 / 5004810 FOLIGNO Via D. Chiesa, 31 - Tel. 0742 / 350399 - Fax 0742/352900

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli