CARBOIDRATI La base dello stile alimentare mediterraneo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARBOIDRATI La base dello stile alimentare mediterraneo"

Transcript

1 CARBOIDRATI La base dello stile alimentare mediterraneo

2

3 CARBOIDRATI La base dello stile alimentare mediterraneo

4 La Doppia Piramide Alimentare e Ambientale La Doppia Piramide Alimentare/Ambientale nasce dalla combinazione delle indicazioni nutrizionali della Piramide Alimentare con quelle ricavate dall analisi dell impatto ambientale dei singoli alimenti. È un modello grafico realizzato dal Barilla Center for Food & Nutrition (BCFN) per rendere evidente che gli alimenti per i quali è raccomandato un consumo frequente hanno anche un impatto minore sull ambiente e viceversa. Per saperne di più vai su:

5 ALIMENTAZIONE E NUTRIZIONE: UNA STORIA DI IMPEGNO E PASSIONE Da oltre 130 anni Barilla è l azienda familiare italiana che interpreta l alimentazione come un momento conviviale, ricco di gusto e di affetti, per aiutare le persone a vivere meglio. Barilla è l azienda che aiuta a preservare e migliorare il benessere delle persone, delle comunità e del pianeta in cui vivono: trasformando ingredienti di elevata qualità in prodotti alimentari buoni, sicuri e nutrizionalmente corretti che soddisfano le quotidiane esigenze nutrizionali di tutta la famiglia; sviluppando i propri prodotti nel rispetto del Modello Alimentare Mediterraneo e della salvaguardia dell ambiente; promuovendo corretti stili di vita attraverso progetti educativi, attività ed eventi d informazione ed educazione per i più giovani e per le famiglie. Barilla crede fermamente che il duplice risultato di proteggere il benessere delle persone e quello del pianeta sia raggiungibile. Il Modello Alimentare Mediterraneo, infatti, non è solo il riferimento fondamentale per diffondere abitudini alimentari corrette e salutari, ma indica anche che gli alimenti che fanno bene sono quelli che hanno il minor impatto ambientale, come dimostra la Doppia Piramide sviluppata nel 2009 dal Barilla Center for Food and Nutrition, centro di pensiero del Gruppo. L ambizione di Barilla è raddoppiare il suo business entro il 2020, promuovendo abitudini alimentari gioiose e sane, continuando a ridurre l impatto ambientale in modo da risultare buono per le persone e buono per il pianeta.

6 CARBOIDRATI: LA BASE DELLO STILE ALIMENTARE MEDITERRANEO La Piramide della Dieta Mediterranea, uno stile alimentare moderno, gustoso e sano. 4

7 Verdura, frutta, legumi, cereali, pasta: gli alimenti che contribuiscono ai benefici effetti dello stile alimentare mediterraneo sono anche le principali fonti di carboidrati Una solida letteratura scientifica negli ultimi 50 anni ha dimostrato come seguire la Dieta Mediterranea contribuisca a proteggere dal rischio di sviluppo di malattie cardiovascolari, 1 abbia effetti preventivi per certi tumori 2-4 e per l ictus, 5 sembri favorire la longevità, 6 migliori le prestazioni cognitive 7 ed aiuti a mantenersi in salute. 8 L UNESCO ha dichiarato la Dieta Mediterranea patrimonio immateriale dell umanità nel DOVE SI TROVANO I CARBOIDRATI? Fonte naturale di carboidrati sono alimenti come: cereali, pasta, pane frutta verdura latte e latticini Altri alimenti, come i dolci e le bevande zuccherate, contengono zuccheri aggiunti. Gli alimenti tipici della Dieta Mediterranea comprendono verdure, legumi, cereali, frutta fresca e secca, 9 tutte fonti di carboidrati. La base dello stile alimentare mediterraneo è, dunque, costituita proprio dai carboidrati, come indicano i due segmenti più ampi della ben nota Piramide Alimentare. 5

8 I PRINCIPALI TIPI DI CARBOIDRATI

9 Negli alimenti vi sono diversi tipi di carboidrati, semplici e complessi a seconda del tipo e del numero di molecole che li costituiscono I carboidrati sono la principale fonte di energia nella nostra alimentazione. Il nostro organismo utilizza infatti i carboidrati per ottenere il glucosio, carburante che fornisce l energia necessaria per il suo funzionamento, l organismo può consumarlo immediatamente o conservarlo nel fegato ed utilizzarlo quando è necessario. A seconda del tipo e del numero di molecole di cui sono composti, i carboidrati possono essere distinti in semplici o complessi. CARBOIDRATI SEMPLICI I carboidrati semplici, comunemente detti zuccheri, sono i monosaccaridi e i disaccaridi, cioè molecole costituite rispettivamente da una o due molecole di zuccheri semplici. Fruttosio, lo zucchero più dolce ed è presente nel miele e nella frutta; Galattosio, il più simile al glucosio, non è molto dolce ed è presente nel latte e nei latticini. DISACCARIDI I disaccaridi sono costituiti da due tipi di monosaccaridi: Saccarosio è costituito da glucosio e fruttosio ed è lo zucchero da tavola Lattosio (galattosio+glucosio) è presente nel latte e derivati del latte Maltosio è costituito da due molecole di glucosio e si trova nella farina. MONOSACCARIDI Glucosio, è un costituente sia dello zucchero da tavola, saccarosio, che dei carboidrati complessi; 7

10 CARBOIDRATI COMPLESSI O POLISACCARIDI I carboidrati complessi sono costituiti da catene più o meno lunghe di residui di monosaccaridi legati fra loro. I principali carboidrati complessi sono: Amido, costituisce la riserva di energia per le piante e può essere più o meno digeribile a seconda del rapporto tra i suoi due componenti, l amilosio e l amilopectina, oltre che della dimensione e della forma dei granuli in cui è presente Glicogeno è una riserva di energia per gli animali e gli esseri umani e si trova nel fegato e nei muscoli Fibre alimentari sono carboidrati complessi non digeribili. Vengono distinte in fibre solubili, come la pectina, e fibre insolubili, come la cellulosa e la lignina. Contenuto in carboidrati di alcuni alimenti 10 Alimento: gr su 100gr di prodotto Fette biscottate 82,3 Pasta di semola cruda 79,1 Riso integrale crudo 77,4 Farina di frumento integrale 67,8 Fette biscottate integrali 62 Fagioli dall occhio secchi 50,9 Fagioli bolliti 17 Pane di tipo integrale 48,5 Peperoni saltati in padella 24,3 Cipolle bollite 23,6 Patate bollite 16,9 Uva 15,6 Piselli saltati in padella 11,5 Mele Golden 10,7 Cavolo broccolo bollito 8,9 8

11 La magia dell amido Prendete una manciata di spaghetti e buttateli nell acqua bollente. I rigidi bastoncini velocemente diventeranno più morbidi, si curveranno ed aumenteranno di volume. Noi diamo per scontato questo comportamento della pasta nell acqua calda, ma che cosa succede esattamente alla struttura fine degli spaghetti, per dare luogo a questo cambiamento? Una prima risposta è che la pasta come il riso, le patate o il pane contiene una grande quantità di amido. Ma cos è l amido? L amido è una sostanza di riserva che le piante accumulano nei semi. L amido è composto da lunghe catene di glucosio e si struttura in granuli. I granuli crudi di amido sono così compatti da risultare difficilmente digeribili. Questa fonte di energia essenziale diviene accessibile solo dopo cottura, in quanto aumenta la digeribilità. 9

12 COME UTILIZZIAMO I CARBOIDRATI I carboidrati introdotti con gli alimenti sono la principale fonte di energia per l organismo Un corretto modello alimentare deve soddisfare due necessità: fornire l energia, in particolare mediante i carboidrati e i grassi, e fornire tutti i nutrienti (proteine, vitamine e minerali), necessari per le numerose funzioni dell organismo. 10

13 I CARBOIDRATI, FONTE DI ENERGIA Tutti i carboidrati sono utilizzati per produrre energia. Proprio il glucosio è una delle fonti principali di energia impiegata da tutte le cellule dell organismo, nonchè l unica fonte per globuli rossi, sistema nervoso e porzione midollare della ghiandola surrenale. La sua disponibilità è fondamentale per il corretto funzionamento di quei tessuti. La carenza di glucosio comporta gravi conseguenze per la salute. È stato calcolato che per soddisfare i bisogni energetici di un adulto in condizioni normali (per esempio del sistema nervoso), sono necessari circa 180 grammi di glucosio al giorno, di qualunque origine. (FAO, 1980) MA COME SI OTTIENE IL GLUCOSIO? Il glucosio viene ricavato dalla digestione e dall assorbimento dei carboidrati contenuti negli alimenti. I carboidrati introdotti con gli alimenti, per essere assorbiti, devono prima essere digeriti, cioè trasformati in singole unità o monosaccaridi. Una volta ingeriti, i carboidrati presenti negli alimenti subiscono quindi un processo di digestione a opera di diversi enzimi, proteine in grado di ridurre le sostanze più complesse (per esempio l amido) in unità semplici (per esempio il maltosio) con l obiettivo di rendere disponibile tali unità per il fabbisogno dell organismo. Il processo di digestione dei carboidrati inizia già nella cavità orale (a opera dell enzima ptialina) e si completa nel duodeno, a opera dell enzima alfa-amilasi pancreatica, che trasforma i carboidrati in zuccheri semplici o monosaccaridi. Aminoacidi Carboidrati contenuti nel cibo Digestione e assorbimento Muscoli Degradazione delle proteine Sintesi delle proteine Utilizzo del glucosio Sensibilità all insulina Glucosio Fegato Immagazzinaggio del glicogeno Gluconeogenesi da attività degli enzimi Quantità di enzimi Grasso Utilizzo del glucosio Sensibilità all insulina Lipolisi Metabolismo dei carboidrati assunti con il cibo e destino del glucosio. 11 Glicerolo 11

14 DAL CIBO ALLA RISPOSTA GLICEMICA: UN PERCORSO IN 6 TAPPE L organismo è in grado di utilizzare o accumulare il glucosio attraverso una serie di processi metabolici complessi nei quali l insulina gioca un ruolo molto importante. 1. I monosaccaridi come il glucosio sono assorbiti in piccola parte nello stomaco e per la maggior parte nell intestino tenue, da cui passano nel sangue attraverso i villi intestinali. 2. Mediante la circolazione sanguigna, il glucosio può raggiungere tutti i distretti dell organismo (cervello, globuli rossi, muscolo scheletrico, muscolo cardiaco, ecc.) ed essere utilizzato dalle cellule di questi organi e tessuti per produrre energia. La quantità di glucosio nel sangue e il suo utilizzo da parte delle cellule sono regolati dall insulina, un ormone prodotto dalla porzione endocrina del pancreas. 3. L insulina funziona come una chiave per l ingresso del glucosio nelle cellule, perché si lega a particolari strutture presenti sulla parete cellulare (i recettori per l insulina). In questo modo, il glucosio viene letteralmente tolto dalla circolazione, cioè si riducono i suoi livelli nel sangue (la glicemia). Senza l insulina, il glucosio resta in circolo aumentando sempre più la glicemia e privando le cellule della loro fonte primaria di energia. 4. Il glucosio in eccesso rispetto alle esigenze energetiche dell organismo è captato principalmente da fegato e muscoli per essere immagazzinato grazie all insulina. In pratica, le singole molecole di glucosio vengono aggiunte alle catene di un polisaccaride, il glicogeno, già presenti in particolare nel fegato e nei muscoli, e in questo modo formano un deposito a scopo energetico (la cosiddetta riserva energetica a medio termine). Gli ulteriori carboidrati in eccesso rispetto al fabbisogno calorico sono invece convertiti in grassi e depositati nel tessuto adiposo (riserva energetica a lungo termine). 5. Dopo l assunzione di un qualunque alimento contenente carboidrati, quindi, i livelli di glucosio rilevabili nel sangue (glicemia) si modificano, e il modo in cui lo fanno è detto risposta glicemica. 6. Con un alimentazione eccessiva, le cellule dell organismo perdono gradualmente la loro sensibilità all insulina (insulino-resistenza). La chiave non funziona più, il glucosio non può entrare nelle cellule, ma rimane in circolo, e ciò si traduce in un aumento permanente dei livelli di glucosio nel sangue. Questa condizione si verifica spesso nelle persone obese: è accertato che l eccesso ponderale riduce la sensibilità dei tessuti all insulina. 12 (Fonte: mod. da Nutrition Foundation of Italy 12 )

15 I CARBOIDRATI NON SONO TUTTI UGUALI

16 Nella scelta degli alimenti da cui ricavare la giusta quantità di carboidrati occorre considerare che ogni carboidrato ha una sua propria qualità Alla qualità dei carboidrati è oggi attribuita un importanza crescente, perché condiziona gli effetti che i carboidrati stessi hanno sull organismo. CHE COSA DEFINISCE LA QUALITÀ DEI CARBOIDRATI? La qualità dei carboidrati deriva da: 1. velocità di assorbimento, definita dall indice glicemico 2. contenuto in fibre alimentari e in cereali integrali. 1. Velocità di assorbimento L indice glicemico permette di distinguere tra: carboidrati a lento assorbimento cioè quelli che hanno una minore risposta glicemica, innalzano più lentamente la glicemia e contribuiscono a indurre una sensazione di sazietà = indice glicemico basso carboidrati a rapido assorbimento cioè quelli che alzano troppo velocemente i livelli di glucosio e di insulina nel sangue = indice glicemico alto. I cibi più favorevoli per il metabolismo del glucosio e per la salute come la pasta cotta al dente, gli ortaggi (ma non le patate) e la frutta sono assorbiti più lentamente e corrispondono ad un indice glicemico (IG) basso: inferiore a 55. Al contrario, alimenti ad alto indice glicemico (superiore a 70) causano l innalzamento dei livelli di insulina nel sangue e, dunque un aumento della sintesi e dell accumulo di grassi, dei livelli di trigliceridi nel sangue, dell appetito, e a lungo andare, della resistenza all insulina. 2. Contenuto in fibre alimentari Un alimentazione ad alto contenuto di carboidrati e fibre (più di 30 grammi di fibre al giorno 14

17 e almeno il 50% idrosolubili) esercita un effetto positivo sul controllo glicemico. 13 I cibi naturalmente più ricchi in fibre sono: frutta, legumi e avena (fonti di fibre solubili) alimenti a base di cereali integrali, crusca di frumento e verdure (fonti di fibre insolubili). L INDICE GLICEMICO (IG) Determinazione che valuta la quantità di carboidrati con una scala che va da 0 a 100 per distinguere quelli che vengono digeriti, assorbiti o metabolizzati velocemente (ad alto IG, o GI in inglese, Glycemic Index) da quelli che lo sono lentamente (a basso IG). L IG quantifica specifiche proprietà fisiologiche degli alimenti contenenti carboidrati, tra le quali il ritardare lo svuotamento gastrico e il ridurre la velocità di digestione e di assorbimento intestinale. IL CARICO GLICEMICO (CG) Determina la qualità del carboidrato (e quindi del suo IG), sia la quantità presente nella porzione media di un determinato alimento (una fetta di pane integrale), di una ricetta (per esempio, pasta alle verdure) o di un pasto completo. Si calcola moltiplicando i grammi di carboidrati disponibili presenti nella porzione media dell alimento considerato per l Indice Glicemico di quell alimento e dividendo per 1000kJ. È il miglior predittore della risposta glicemica agli alimenti. LA RISPOSTA GLICEMICA (RG) Descrive come si sono modificati i livelli di glucosio rilevabili nel sangue dopo l assunzione di un qualunque alimento contenente carboidrati. La RG varia da persona a persona in funzione della costituzione ed è influenzata sia dall alimentazione individuale, sia dallo stile di vita (attività fisica, ecc.). (Fonte: Nutrition Foundation of Italy 14 ) 15

18 Le principali organizzazioni internazionali, tra cui l Organizzazione Mondiale della Sanità, raccomandano che sia l indice glicemico, sia il carico glicemico siano inclusi nelle linee-guida dietetiche nazionali così come nelle tabelle di composizione degli alimenti, ed è stato suggerito di riportare l indicazione di basso indice glicemico sulle confezioni degli alimenti. 12 Indice glicemico (IG) di alcuni alimenti 14 Risposta glicemica 15 Alimento: IG(gr) Glucosio 100 Patate 87 Cornflakes Pane bianco 72 Pizza 62 Banane mature 62 Arance 45 Pasta Fagioli Lenticchie Pomodori 9 Livello di glucosio nel sangue Alto IG Tempo/Ore Basso IG 1 2 Livelli di glucosio nel sangue a seguito dell assunzione di alimenti ad alto o basso indice glicemico

19 Che cosa dicono gli esperti Un comitato internazionale di esperti, il Consorzio Qualità Carboidrati (CQC), si è riunito a Stresa il 6-7 giugno 2013 per discutere l importanza della qualità e quantità dei carboidrati sulla salute individuale. Ecco le sue principali conclusioni: 12 I carboidrati presenti negli alimenti hanno, tra l altro, importanti effetti sulla glicemia dopo un pasto, la cui riduzione è riconosciuta come benefica. Un modo per ridurre la glicemia post-prandiale consiste nel consumare carboidrati a lento assorbimento (con basso indice glicemico, IG) e ridurre il carico glicemico (GL). La qualità dei carboidrati, definita dall indice glicemico e dal carico glicemico è particolarmente importante per le persone sedentarie, in sovrappeso e a rischio di diabete di tipo 2. Vi sono prove scientifiche convincenti che le diete a basso IG: migliorano il controllo glicemico in pazienti con diabete di tipo 2; riducono il rischio di diabete di tipo 2; riducono il rischio di malattie coronariche. LA PASTA? MEGLIO AL DENTE Prolungare la cottura di un alimento ricco di amidi in acqua, rende più rapida la digestione dei carboidrati, e quindi più alto il picco glicemico postprandiale. In pratica, l alimento cotto più a lungo ha un indice glicemico più alto. Dunque, per pasta e riso, è molto meglio la cottura al dente, come da cultura italiana. 17

20 IL RUOLO DEI CARBOIDRATI PER MANTENERSI IN SALUTE

21 Tutti gli esperti sono concordi: i carboidrati fanno bene e sono necessari. È importante privilegiare quelli complessi, contenuti in cereali integrali, verdure e frutta Mantenere una concentrazione adeguata di glucosio nel sangue (la glicemia) dopo i pasti è uno dei requisiti per mantenersi in salute e prevenire numerose malattie. Per questo, sia la quantità sia la qualità dei carboidrati assunti attraverso il cibo sono così importanti. I CARBOIDRATI SONO NECESSARI Per un alimentazione sana e salutare, i carboidrati sono necessari. Tutti gli esperti sono concordi: è bene che una ragionevole percentuale del nostro fabbisogno energetico derivi dai carboidrati. In pratica, almeno la metà (55%) dell apporto totale di calorie dall alimentazione dovrebbe derivare dai carboidrati. In una dieta che preveda un apporto calorico quotidiano di 2000 kcal, è dunque consigliabile assumere tra i 225 e i 325 gr al giorno di carboidrati contenuti negli alimenti, meno di 50 gr dei quali dovrebbe invece derivare da zuccheri aggiunti, come il saccarosio. Inoltre, nella dieta quotidiana dovrebbero essere comprese fibre alimentari in quantità comprese tra 25 e 38 gr. 16 COME RAGGIUNGERE UN BILANCIO ENERGETICO EQUILIBRATO Il bilancio energetico o calorico è uno dei fattori primari per mantenersi in buona salute, assumendo alimenti in quantità e qualità adeguate al proprio dispendio energetico. Come ogni bilancio, anche quello energetico indica una differenza tra le entrate e le uscite, tra la quantità di energia assunta con l alimentazione e quella consumata per le normali funzioni dell organismo e per le attività quotidiane. In pratica, quando il dispendio energetico (misurato in kilocalorie) è pari all apporto energetico, il bilancio energetico è in equilibrio. Ecco perché i carboidrati giocano un ruolo così importante: essi sono il carburante dell organismo, poiché, come si è visto, una volta ingeriti con il cibo, sono trasformati in glucosio che fornisce energia. 17 Consumo Attività fisica Termogenesi Metabolismo a riposo Assorbimento Grassi Carboidrati Proteine 19

22 Attenzione alle diete low-carb Ridurre o peggio azzerare la quantità di alimenti contenenti carboidrati complessi non fa bene alla salute del cuore e al nostro metabolismo. Inoltre, la riduzione di peso ottenuta a prezzo della riduzione di componenti essenziali dell alimentazione, quali i carboidrati complessi, si vanifica nel lungo periodo, e invece aumentano i fattori di rischio cardiovascolari. Meglio, quindi, tagliare su misura il nostro modello alimentare in base alle preferenze personali e al metabolismo di ciascuno, proprio come raccomanda la Dieta Mediterranea. 18 Alcune diete low-carb iperproteiche 19 Scarsdale Atkins Dukan Paleodieta South Beach Regime dietetico ipocalorico (da 850 a 1200 kcal al giorno), a basso contenuto di carboidrati e grassi. Ripartizione macronutrienti: proteine 43%, carboidrati 34.5%, grassi 22.5%. Escludendo alcuni alimenti si rischia di incappare in carenze nutrizionali. Basata sul principio della chetogenesi, per ricavare energia da proteine e grassi, con una forte limitazione dei carboidrati. È uno stile alimentare difficile da trasformare in alimentazione sana ed equilibrata. Dieta chetogenica e ipocalorica, la cui prima fase è limitata ai soli alimenti proteici. Rischia di indurre abitudini nutrizionali scorrette, che possono comportare rischi per la salute. Basata sull alimentazione che l uomo primitivo delle caverne avrebbe seguito nel periodo precedente la scoperta dell agricoltura, è centrata sul consumo regolare di carni magre, pesce, frutta secca, frutta fresca e verdura. È costosa e, a lungo termine, può comportare rischi per la salute. Prevede il consumo di uova, pesce e carni magre, latticini a basso contenuto di grassi, qualche legume, verdure (ma non tutte), poca frutta secca e dolcificanti. Vietata la frutta. Promuove abitudini nutrizionali scorrette, a discapito della salute. 20

23 CHE COSA FARE: LE 12 REGOLE DELLO STILE ALIMENTARE MEDITERRANEO Uno stile di vita salutare comprende una sana alimentazione, basata sul Modello Alimentare Mediterraneo, con un adeguata presenza di carboidrati e fibre, ma anche su una regolare attività fisica: Variare con gusto: scegliere quantità e qualità degli alimenti da consumare nella settimana seguendo la Piramide Alimentare Assumere tra i 225 e i 325 gr al giorno di carboidrati, privilegiando cereali integrali, verdure e frutta. Per fare un esempio, un pasto con: 1 porzione di verdure cotte miste (peperoni, cipolle, piselli = circa 50 gr) + 1 porzione di pasta (circa 45 gr) + 2 porzioni di pane integrale (48 gr circa) + 1 porzione di frutta (mele = 16 gr), ne apporta circa 180 gr. 10,20 Non superare i 50 gr di carboidrati derivanti da zuccheri aggiunti, come il saccarosio. Per fare un esempio, 1 porz. di merendine + 1 di cereali zuccherati + 1 di biscotti + 1 gelato non superano i 42 gr di zucchero. 21 Includere, nella dieta quotidiana, da 25 a 38 gr di fibre alimentari. Per esempio, 3 fette di pane integrale al giorno contengono poco meno di 20 gr di fibre, 1 porz. di carciofi bolliti ne contiene circa 8 gr. Mangiare meno, ma più spesso, secondo la formula del 1+2+2: cinque pasti quotidiani, con prima colazione, 2 spuntini e 2 pasti principali Integrare pranzo e cena, distribuendo i diversi tipi di alimenti tra i due pasti principali Preferire l olio extravergine di oliva per il condimento dei cibi Moderare il consumo di carne (non più di 3-5 volte la settimana) e privilegiare il consumo di pesce (almeno 2-3 volte la settimana) Non eccedere con l aggiunta di sale nei cibi durante la cottura o il condimento Limitare l assunzione di bevande alcoliche Preferire l acqua alle bibite gassate e zuccherate Fare almeno 30 minuti di attività fisica ogni giorno (camminata a passo spedito, cyclette, ecc.) 10,13,22 21

24 È importante privilegiare i carboidrati complessi (da cereali integrali, verdure e frutta) e limitare l apporto di zuccheri semplici (in bibite e alimenti zuccherati) I BENEFICI DELL ATTIVITÀ FISICA L alimentazione e l esercizio fisico sono due aspetti fondamentali per la prevenzione delle malattie, quali l obesità, il diabete e le patologie cardiovascolari. Una caratteristica che accomuna la sana alimentazione e l esercizio fisico è la costanza: è fondamentale mantenere nel tempo un corretto stile di vita. Chi ha la buona abitudine di cammi- nare o di pedalare almeno 4-5 volte la settimana (e di non fumare) ha un rischio quasi dimezzato di infarto. 22 Fare moto è necessario alla salute in primo luogo perché contribuisce a mantenere controllato il bilancio energetico. L attività motoria concorre a bruciare calorie, scaricare tensione e stress, migliorare lo stato dell umore e del benes- sere psicologico volte alla settimana in attività più intensa e impegnativa PER UNO STILE DI VITA SPORTIVO Ginnastica aerobica, tennis, calcio, corsa 2-4 volte alla settimana PER UNO STILE DI VITA PIU ATTIVO Ginnastica, nuoto, ballo, pallavolo, calcetto, bicicletta, jogging, circa un ora per volta PER COMBATTERE LA SEDENTARIETÀ Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di passeggiata PER MIGLIORARE LO STILE DI VITA Parcheggiare più lontano, usare i mezzi pubblici, preferire le scale all ascensore, andare al lavoro a piedi, fare i lavori di casa, portare a spasso il cane 22

25

26 RIFERIMENTI E FONTI 1. Estruch R, Ros E, Salas-Salvadó J et al. N Engl J Med Feb Couto E, Boffetta P, Lagiou P et al. Br J Cancer Apr Agnoli C, Grioni S, Sieri S, et al. Int J Cancer Jul Kyriacou K. BMC Cancer Mar 23;12(1): Kastorini CM, Milionis HJ, Ioannidi A et al. Am Heart J 2011; Oct;162(4): Epub 2011 Sep Tognon G, Rothenberg E, Eiben G et al. Age (Dordr). 2011; 33(3): McMillan L, Owen L, Kras M, Scholey A. Appetite Nov 26. [Epub ahead of print]. 8. Panunzio MF, Caporizzi R, Antoniciello A et al. Ann Ig. 2011;23(1): Sofi F, Abbate R, Gensini GF, et al. Eur J Nutr May 4. [Epub ahead of print]. 10. INRAN. Tabella dei carboidrati disponibili. OIDRATI&categoria=tutte&quant=100&submitted1=TRUE&sendbutton=Cerca. Ult. acc Barret KE, Boitano S, Barman SM, Beooks HL. Fisiologia medica di Ganong; pagg. 349 e segg. Piccin NFI. Glycemic index, glycemic load and glycemic response: an international scientific consensus summit. Stresa, giugno BCFN. Crescita sana e nutrizione nei bambini. Parma NFI. Carboidrati e indice gliemico. (ult. acc ) 15. Glycemic index Foundation. Ult. acc SINU. Carboidrati e fibra alimentare Ult. acc Mannhart C, Mäder U, Sportwissenschaftliches Institut, Bundesamt für Sport, Magglingen. suissebalance_file_grundlagen_energiebilanz_it.pdf. 18. Wylie-Rosett J, Aebersold K, Conlon B et al. Curr Diab Rep Dec 25. [Epub ahead of print]. 19. Altroconsumo, aprile SINU. Calcolo delle porzioni. Ult. acc Altroconsumo. Ult. acc FIPC, Conosci i tuoi numeri, BCFN. Doppia piramide Favorire scelte alimentari consapevoli. Parma

27

28

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta con il leone Guida all uso del conteggio dei carboidrati, e non solo! Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria PIÙ ORTAGGI, LEGUMI E FRUTTA Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria Manuale per la formazione dell insegnante Progetto MiPAAF Qualità Alimentare (approvato con D.M. 591/7303/02 del 23/12/2002)

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

Linee guida per un corretto stile di vita

Linee guida per un corretto stile di vita Linee guida per un corretto stile di vita 1 Hanno collaborato alla redazione delle Linee guida : Rosanna Barbieri Angela Bardi Antonio Dispenza Maria Naldini Marina Pacetti Maria Rosa Silvestro Corrado

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Come ridurre il rischio di cancro Un informazione della Lega contro il cancro Un alimentazione equilibrata rafforza la salute 1 Indice Editoriale 5 Una sana

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

La salute vien mangiando!

La salute vien mangiando! La salute vien mangiando! Sede Legale: Monza 20052 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it - C.F. / P. IVA Sede Legale: Monza 20052 02734330968 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Introduzione. L alimentazione italiana diventa scienza: nasce l INRAN

Introduzione. L alimentazione italiana diventa scienza: nasce l INRAN Introduzione L alimentazione italiana diventa scienza: nasce l INRAN Proprio quest anno ricorrono i 75 anni di vita dell INRAN, fondato nel 1936 come Istituto Nazionale di Biologia. Ma è come Istituto

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Il cibo dell uomo. Franco Berrino. Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione

Il cibo dell uomo. Franco Berrino. Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione Il cibo dell uomo Franco Berrino Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori MILANO Il cibo dell uomo2013 Pagina 2 Quale

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott.

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott. L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA a cura del Dott. Samorindo Peci Appunti dell autore Ho fatto in modo di realizzare questo

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO

FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO GRASSO CHE COLA Di Luca Chianca Professore io mi son permesso di portarle il cibo sponsorizzato a Expo. FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre"

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Latte & Co. Cucinare senza lattosio. Abitudini alimentari e tendenze. Alimentazione equilibrata. Una guida per più gusto e benessere.

Latte & Co. Cucinare senza lattosio. Abitudini alimentari e tendenze. Alimentazione equilibrata. Una guida per più gusto e benessere. free.salute Alimentazione Benessere Una guida per più gusto e benessere. Latte & Co. Quando il malessere nasce a tavola. Cucinare senza lattosio. Menu leggero di 3 portate. Abitudini alimentari e tendenze.

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifi ca di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV www.scienzavegetariana.it

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli