Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità"

Transcript

1 Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Dr.ssa Simona De Stefano Direzione Generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio V Nutrizione - Ministero della Salute Roma, 05 giugno 2014

2 Nel mondo le patologie correlate al consumo di glutine costringono una parte della popolazione ad una dieta di esclusione dei cereali che contengono il glutine ed i loro derivati. Ma quali sono i cereali che contengono glutine? - Frumento (tutte le specie di Triticum - frumento duro, spelta e grano khorasan) - Segale - Orzo - Avena - varietà incrociate o ibridi I dati epidemiologici più aggiornati indicano che la popolazione italiana a cui è stata diagnosticata la celiachia è di circa soggetti anche se si stima che i soggetti affetti possano essere molti di più

3 stanziamento annuale di fondi alle Regioni/P.A. Nel 2013, sulla base dei dati comunicati dalle Regioni sono stati stanziati: ,65 per la garanzia dei pasti ,73 per la formazione.

4 Relazione al Parlamento 2013 aggiornamento sullo stato delle conoscenze e delle nuove acquisizioni scientifiche in tema di malattia celiaca, con particolare riferimento ai problemi concernenti la diagnosi precoce e il monitoraggio delle complicanze

5 Cosa desidera/necessita oggi il consumatore celiaco? Alimenti sicuri (prerequisito) Maggiore offerta Alimenti di qualità (nutrizionale e organolettica) Giusto rapporto tra qualità/prezzo Essere informato per essere consapevole

6 I cereali rappresentano la fonte principale di carboidrati che per tradizione mediterranea sono anche alla base della nostra alimentazione. Tra le STRATEGIE di miglioramento nelle politiche nutrizionali pasti sicuri e di qualità per i celiaci PRODOTTI SENZA GLUTINE (dietetici) e PROFILI NUTRIZIONALI obiettivo per tutti i prodotti, oltre all assenza di glutine, assicurare una qualità nutrizionale adeguata, a partire dalla scelta degli ingredienti fino al termine del processo di produzione (al pari della restante parte della popolazione)

7 FASI DEL PROGETTO 1. requisiti di composizione 2. qualità nutrizionale 3. revisione delle categorie ammesse come prodotti dietetici 4. condizioni per l utilizzo della dichiarazione senza glutine

8 alimento Grassi totali Grassi saturi Grassi trans Zuccheri aggiunti Fibra Sodio Porzione e apporto energetico totale frequenza di consumo altre opzioni Sodio/Sale: riduzione del contenuto medio di sodio e utilizzo del sale iodato Zuccheri: riduzione del contenuto medio di zuccheri Acidi grassi saturi: riduzione del contenuto medio di ac. grassi saturi Acidi grassi trans: riduzione fino alla completa eliminazione del contenuto di acidi grassi trans derivanti da processi di lavorazione industriale dei grassi (idrogenazione) Fibre: incremento del contenuto medio di fibre Porzioni: individuare la corretta porzione di riferimento al fine di proporre un corretto utilizzo del prodotto Etichettatura: etichetta nutrizionale per fornire le informazioni nutrizionali per 100 g e per porzione con l indicazione della % dei consumi di riferimento (GDA - Guideline Daily Amounts), almeno sul valore energetico.

9 per il miglioramento della qualità nutrizionale promozione dell allattamento al seno (Tavolo Allattamento Seno) Linee di indirizzo sulla ristorazione scolastica Linee di indirizzo sulla ristorazione ospedaliera e assistenziale

10 Linee di indirizzo nazionale sulla ristorazione

11 obiettivi di miglioramento della qualità degli alimenti senza glutine obiettivi di miglioramento dei processi di produzione e dei servizi distributivi sviluppo di nuovi prodotti/servizi alimentari per l inclusione sociale e la promozione della qualità di vita degli intolleranti al glutine. Industria alimentare distributori di alimenti e bevande Ristorazione collettiva LEGGE 123/2005: Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia

12 REG. (CE) N. 1924/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 dicembre 2006, riguardante le indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari REG. (UE) N. 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori, (compresi i prodotti alimentari non confezionati e quelli che contengono il glutine tra gli ingredienti) che modifica i regolamenti (CE) n. 1924/2006 e (CE) n. 1925/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio e abroga la direttiva 87/250/CEE della Commissione, la direttiva 90/496/CEE del Consiglio, la direttiva 1999/10/CE della Commissione, la direttiva 2000/13/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, le direttive 2002/67/CE e 2008/5/CE della Commissione e il regolamento (CE) n. 608/2004 della Commissione (13 dicembre dicembre 2016) REG. (UE) N. 609/2013 relativo agli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini nella prima infanzia, agli alimenti a fini medici speciali e ai sostituti dell intera razione alimentare giornaliera per il controllo del peso e che abroga la direttiva 92/52/CEE del Consiglio, le direttive 96/8/CE, 1999/21/CE, 2006/125/CE e 2006/141/CE della Commissione, la direttiva 2009/39/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e i regolamenti (CE) n. 41/2009 e (CE) n. 953/2009 della Commissione

13 Atto Delegato al REG 1169/2011 relativo alle prescrizioni riguardanti l'informazione dei consumatori sull'assenza di glutine o sulla sua presenza in misura ridotta negli alimenti Come nasce Le informazioni in etichetta consentono scelte sicure sia in casa che fuori casa. Dal 20 luglio 2016 il regolamento CE 41/2009 viene abrogato dal regolamento UE 609/2013 Le regole dettate dal regolamento CE 41/2009 confluiscono nel regolamento UE 1169/2011

14 ALLEGATO Menzioni consentite sull'assenza di glutine o sulla sua presenza in misura ridotta negli alimenti e relative condizioni A. Prescrizioni di carattere generale SENZA GLUTINE La menzione "senza glutine" è consentita solo laddove il contenuto di glutine dell'alimento venduto al consumatore finale non sia superiore a 20 mg/kg. CON CONTENUTO DI GLUTINE MOLTO BASSO La menzione "con contenuto di glutine molto basso" è consentita solo laddove il contenuto di glutine dell'alimento venduto al consumatore finale, consistente di ingredienti ricavati da frumento, segale, orzo, avena o da loro varietà incrociate, specialmente lavorati per ridurne il contenuto di glutine, o contenente uno o più di tali ingredienti, non sia superiore a 100 mg/kg. B. Prescrizioni aggiuntive per gli alimenti contenenti avena* L'avena contenuta in un alimento presentato come "senza glutine" o "con contenuto di glutine molto basso" deve essere stata specialmente prodotta, preparata e/o lavorata in modo da evitare una contaminazione da parte del frumento, delle segale, dell'orzo o delle loro varietà incrociate; il suo contenuto di glutine non deve inoltre superare 20 mg/kg.

15 2 CATEGORIE di ALIMENTI: 1. alimento espressamente prodotto, preparato e/o lavorato per ridurre il tenore di glutine di uno o più ingredienti contenenti glutine o per sostituire gli ingredienti contenenti glutine con altri che ne siano naturalmente privi; può essere "senza glutine o "con contenuto di glutine molto basso" "specificamente formulato per persone intolleranti al glutine" 2. alimento contenente ingredienti naturalmente privi di glutine "adatto alle persone intolleranti al glutine".

16 Avena (considerando 7) La maggior parte delle persone intolleranti al glutine può inserire l'avena nella propria dieta senza effetti negativi per la salute. La questione è ancora oggetto di studi e ricerche da parte della comunità scientifica. Uno dei principali fattori che creano preoccupazione è l'eventualità che l'avena possa essere contaminata dagli altri cereali durante la raccolta, il trasporto, la conservazione e la lavorazione. Nel quadro generale è opportuno tenere conto del rischio di una contaminazione da glutine nei prodotti contenenti avena.

17 Su cosa stiamo lavorando 1. Ristorazione collettiva senza glutine 2. Erogazione gratuita alimenti senza glutine nella GDO 3. Nuovo Protocollo Diagnostico 4. Programma Statistico Nazionale (PSN)

18 1. Ristorazione collettiva senza glutine Linee di indirizzo nazionali ristorazione collettiva senza glutine La definizione di un documento nazionale sulla ristorazione collettiva senza glutine unico e armonizzato che elimini eventuali elementi di discrezionalità

19 2. Erogazione gratuita alimenti senza glutine Acquisto dei prodotti erogabili in Farmacia e nella G.D.O. con la creazione di un circuito di mutuo riconoscimento del contributo economico che consenta l acquisto di tali prodotti anche al di fuori della Regione o della Asl di residenza

20 Possibile Revisione del DM del 2006 Nuovi LARN 2012 Revisione delle fasce di età GDO

21 3. Nuovo Protocollo Diagnostico Istituzione di un TAVOLO TECNICO con l obiettivo di riesaminare e aggiornare il Documento di inquadramento per la diagnosi e il monitoraggio della celiachia e relative patologie associate siglato nel 2007 in accordo Stato Regioni. 1) approfondire le problematiche legate alla diagnosi di celiachia; 2) elaborare un documento di aggiornamento; 3) monitorare l andamento epidemiologico della celiachia e delle nuove diagnosi.

22 4. Programma Statistico Nazionale (PSN) Nel triennio i dati anagrafici e dati clinici dei pazienti celiaci (Centri interregionali di riferimento e Presidi accreditati) confluiranno dalle Regioni/P.A. all ISS che provvederà ad elaborarli valutando i seguenti indicatori: 1. età della diagnosi 2. segni e sintomi 3. verifica della compliance alla dieta 4. controllo dei valori degli auto-anticorpi MC-specifici 5. risultato della duodenoscopia al fine di identificare e studiare i meccanismi responsabili dello sviluppo della celiachia e delle sue complicanze

23 Per concludere.. un lungo cammino inizia sempre con un piccolo passo (Mao Tse Tung) e se camminiamo insieme andiamo tutti più lontano GRAZIE

24 dr.ssa Simona De Stefano

Celiachia e sicurezza alimentare in EXPO: l eccellenza italiana

Celiachia e sicurezza alimentare in EXPO: l eccellenza italiana Celiachia e sicurezza alimentare in EXPO: l eccellenza italiana Dr.ssa Simona De Stefano Ministero della Salute Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Ufficio V Nutrizione

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE n. 171/9^ di iniziativa del consigliere regionale giordano, recante:

PROPOSTA DI LEGGE n. 171/9^ di iniziativa del consigliere regionale giordano, recante: PROPOSTA DI LEGGE n. 171/9^ di iniziativa del consigliere regionale giordano, recante: interventi a favore dei soggetti celiaci Il Dirigente F.to antonio cortellaro Il Presidente f.to Nazzareno salerno

Dettagli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli SCEGLI IL GUSTO 7 febbraio 2013 Body Worlds Anna Caroli Terminato l iter diagnostico esami del sangue biopsia enterica Oggi so di essere celiaco Cosa faccio e cosa mangio Il Medico fornisce le prime e

Dettagli

Le novità del Regolamento (UE) n. 1169/2011: come etichettare correttamente gli alimenti

Le novità del Regolamento (UE) n. 1169/2011: come etichettare correttamente gli alimenti Seminario Assolatte Etichettatura dei prodotti lattiero-caseari: IL REGOLAMENTO CONSUMER INFORMATION: NOVITÀ E APPLICAZIONE Le novità del Regolamento (UE) n. 1169/2011: come etichettare correttamente gli

Dettagli

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Ministero della Salute Direzione generale igiene e sicurezza alimenti e nutrizione Ufficio IV ex DGSAN 1 ALIMENTO Come sono definiti sul piano

Dettagli

Progetto di miglioramento dell alimentazione senza glutine

Progetto di miglioramento dell alimentazione senza glutine Seminario : percorso di educazione alimentare, rivolto a soggetti affetti da celiachia Bologna - 5 dicembre 2011 Progetto di miglioramento dell alimentazione senza glutine Emilia Guberti direttore Servizio

Dettagli

Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati

Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati Per poter esaminare in modo specifico questi alimenti, occorre effettuare alcune premesse di ordine legislativo. La Direttiva 398/1989/CE ha inizialmente

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

I claim nutrizionali e salutistici

I claim nutrizionali e salutistici I claim nutrizionali e salutistici Dr.ssa Flavia Milan Dirigente medico Referente area Nutrizionale Servizio Igiene degli alimenti e Nutrizione ASL NO NOVARA 27 Febbraio 2014 1 C ERA UNA VOLTA l Art. 2/1

Dettagli

Circolare 5 novembre 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Premessa. Criteri di demarcazione.

Circolare 5 novembre 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Premessa. Criteri di demarcazione. Circolare 5 novembre 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Linee di demarcazione tra integratori alimentari, prodotti destinati ad una alimentazione particolare e alimenti addizionati

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 29.6.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 181/35 REGOLAMENTO (UE) N. 609/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 giugno 2013 relativo agli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA COME

COMMISSIONE EUROPEA COME COMMISSIONE EUROPEA Come leggere Fiocchi di riso e di grano integrale, arricchiti di vitamine (B1, B2, B3, B6, acido folico, B12, C) e ferro Peso netto: DA CONSUMARSI PREFERIBILMENTE ENTRO Cereal Lite

Dettagli

5 2009 - G.U. 277 27/11/2009 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

5 2009 - G.U. 277 27/11/2009 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Circolare 5 novembre 2009 - G.U. n. 277 del 27/11/2009 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Circolare 5 novembre 2009. Linee di demarcazione tra integratori alimentari, prodotti

Dettagli

802859 Set 15 capsule di pane in 5 gusti

802859 Set 15 capsule di pane in 5 gusti 802859 Set 15 capsule di pane in 5 gusti Pane bianco Puro Preparazione per pane di tipo 1. Farina di grano tenero (94%) tipo 1, sale iodato, lievito secco, destrosio, proteine di frumento, maltodestrina,

Dettagli

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014 Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura Roma 18 dicembre 2014 Il Nuovo Regolamento Regolamento (UE) n. 1169/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla fornitura di informazioni

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

I claims nutrizionali e salutistici

I claims nutrizionali e salutistici Verbania 19 febbraio 2014 I claims nutrizionali e salutistici Laura Bersani laura.bersani@lab-to.camcom.it ETICHETTATURA VOLONTARIA Riportare informazioni non obbligatorie - Tutela consumatore (art.2 del

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92 TITOLO DOCUMENTO Etichettatura degli alimenti: le nuove disposizioni del Reg. UE 1169/11 AREA TEMATICA Ambiente ed Energia SETTORE Qualità e Sicurezza alimentare ARGOMENTO SPECIFICO Sicurezza degli alimenti

Dettagli

CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti

CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti Mira (VE) CIOCCO ELITE Preparato per bevanda calda al gusto Cioccolata amaretto senza zuccheri aggiunti con edulcoranti Revisione n : 00 Art. CI43 Data: 01/08/2011 DESCRIZIONE GENERALE DEL PRODOTTO Preparato

Dettagli

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * *

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * * * Comoda Service Srl 25/01/12 * * SCHEDA TECNICA - 22998 SUCCO "ACE""STERILGARDA"BRIK 1 LT(SQUARE 11:24:28 * * * Codice : 22998 Descriz. : SUCCO "ACE""STERILGARDA"BRIK 1 LT(SQUARE 026 Ulteriore descrizione

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Il Frumento. Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007.

Il Frumento. Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007. 1 2 3 4 5 Il Frumento Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007. L'alimento che più consumiamo è sicuramente il frumento; pane, pasta, dolci,

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE 1.Premessa Nell ambito della ristorazione scolastica è prevista la possibilità di richiedere Diete speciali per motivi di salute per venire

Dettagli

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Indice Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Cap. 1 COMPOSIZIONE BIOCHIMICA DEGLI ALIMENTI VEGETALI 1.1 Definizione di alimento...18 1.2 Principi nutritivi...18 1.2.1 Inorganici...19 1.2.1.1 Ossigeno...19

Dettagli

NoProtein Frolla. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti.

NoProtein Frolla. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo prodotto finito sono le sue caratteristiche salienti. Pagina 1 di 5 NoProtein Frolla CODICE PRODOTTO: 2050 CARATTERISTICHE: NoProtein Frolla è un preparato per la produzione di Pasta Frolla senza glutine. Semplicità, personalizzazione e garanzia di un ottimo

Dettagli

Menù scolastico e diverse fasi dell alimentazione

Menù scolastico e diverse fasi dell alimentazione Premessa S.P.E.S. (Servizi alla Persona Educativi e Sociali) persegue il ben-essere di bambini e adolescenti che ogni giorno frequentano le sue strutture e aiutano le famiglie nel loro compito educativo.

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì

1 settimana Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì I menù proposti da EURORISTORAZIONE per la ristorazione scolastica sono strutturati in 4 settimane, che si ripetono ciclicamente e stagionalmente (menù estivo/menù autunnale/menù invernale) per le scuole

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE Allegato Tecnico n. 4 al Capitolato Speciale

Dettagli

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food E. Monica Russo Integratori alimentari e novel food enza.russo@lab-to.camcom.it Isernia, 2 aprile 2014 1 MINISTERO DELLA SALUTE www.salute.gov.it TEMI E PROFESSIONI ALIMENTI ALIMENTI PARTICOLARI integratori

Dettagli

Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589 Tel. +39 (06) 5903534 5903380 Fax +39 (06) 5903342 E-mail: segreteria@federalimentare.

Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589 Tel. +39 (06) 5903534 5903380 Fax +39 (06) 5903342 E-mail: segreteria@federalimentare. Indicazioni nutrizionali e sulla salute relative agli alimenti (reg. CE n. 1924/06), LINEE GUIDA DI FEDERALIMENTARE Revisione 4 giugno 2009 Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589 Tel.

Dettagli

L integrazione tra sicurezza alimentare e nutrizionale nel controllo ufficiale dei pasti per celiaci

L integrazione tra sicurezza alimentare e nutrizionale nel controllo ufficiale dei pasti per celiaci L integrazione tra sicurezza alimentare e nutrizionale nel controllo ufficiale dei pasti per celiaci Maria Teresa Bilancia M. Giovanna Rosa Assessorato Politiche della Salute Regione Puglia, Bari Un concetto

Dettagli

COMUNE DI VOLVERA CARTA DEI SERVIZI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA

COMUNE DI VOLVERA CARTA DEI SERVIZI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA CARTA DEI SERVIZI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA 1 Sommario 1 CARTA DEL SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL'INFANZIA STATALI E COMUNALI 3 1.1 LA PRODUZIONE DEI PASTI 3 1.2 LA TABELLA ETETICA

Dettagli

L etichettatura nutrizionale

L etichettatura nutrizionale Laura Bersani L etichettatura nutrizionale Novara 30 gennaio 2013 ALIMENTAZIONE NUTRIZIONE Consumatore richiede indicazioni sulla salute INFORMAZIONI NUTRIZIONALI Etichettatura nutrizionale volontaria

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * *

* Comoda Service Srl 25/01/12 * * * * Comoda Service Srl 25/01/12 * * SCHEDA TECNICA - 22558 SUCCO 200 ML "ARCO" BRIK -PERA- PZ.24... 11:24:28 * * * Codice : 22558 Descriz. : SUCCO 200 ML "ARCO" BRIK -PERA- PZ.24... 014 Ingredienti Purea

Dettagli

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna REAZIONI AVVERSE

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

Dalla ricerca Galbusera nascono ColCuore i primi frollini e cracker con betaglucani che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo

Dalla ricerca Galbusera nascono ColCuore i primi frollini e cracker con betaglucani che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo COMUNICATO STAMPA Dalla ricerca Galbusera nascono ColCuore i primi frollini e cracker con betaglucani che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo I due nuovi prodotti ricchi di fibre ampliano la gamma

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

www.nuovacigat.com Distributori di Benessere

www.nuovacigat.com Distributori di Benessere www.nuovacigat.com Distributori di Benessere www.nuovacigat.it Una pausa di piacere. Nella vita di ogni organizzazione non possono mancare momenti di pausa e luoghi di relax per recuperare le energie spese.

Dettagli

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 La celiachia è un intolleranza permanente al glutine presente negli alimenti. Il glutine è un complesso proteico presente in alcuni

Dettagli

Export e certificazione nella piccola e media impresa agroalimentare Atti del Convegno

Export e certificazione nella piccola e media impresa agroalimentare Atti del Convegno Export e certificazione nella piccola e media impresa agroalimentare Atti del Convegno 7 aprile 2006 Pantalla di Todi (PG) EXPORT E CERTIFICAZIONE NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA AGROALIMENTARE GUIDA ALL

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, SICUREZZA ALIMENTARE E ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE

Dettagli

NUTRIMEDIFOR TORINO 21-22 Novembre 2015 CORSO DI PERFEZIONAMENTO Celiachia: principi teorici e pratici della terapia dietetica Con il Patrocinio di: 21-22 Novembre 2015 Pacific Hotel Airport TORINO PRESENTAZIONE

Dettagli

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Dr. Carlo Pedrolli U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale S. Chiara TRENTO Ristorazione Ospedaliera e Servizi di

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù.

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù Manuale d uso MENU INVERNALE La tabella dietetica proposta dall ASL prevede

Dettagli

MINERALI (ACQUA,SALE)

MINERALI (ACQUA,SALE) Siamo i ragazzi del 2U dell IIS Matteo Ricci di Macerata e guidati dalla nostra insegnante di scienze e tecnologie applicate(alimentazione) abbiamo deciso di stravolgere il classico metodo di fare scuola

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

Activia Avena noci Activia Bianco cereali

Activia Avena noci Activia Bianco cereali Activia Avena noci (fruttosio, oligofruttosio, fiocchi di avena 9%, noci 6%, addensante: E407; aromi, colorante: caramello), zucchero 3,9% Può contenere tracce di altri frutti a guscio e cereali (glutine).

Dettagli

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE Nicola Damiano Responsabile Ricerca & Sviluppo Gruppo Novelli Convegno Associazione Giuseppe Dossetti La salute vien mangiando dalla nascita

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA QUADRO NORMATIVO

ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA QUADRO NORMATIVO ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA QUADRO NORMATIVO Bruno Scarpa Ministero della Salute ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA con i PRODOTTI DIETETICI PRODOTTI DESTINATI AD UNA ALIMENTAZIONE PARTICOLARE Direttiva

Dettagli

Debic zuccherata 6x700ML

Debic zuccherata 6x700ML 7170600 Descrizione del prodotto Panna Spray n Informazioni Generali Identificazione del Prodotto Descrizione Articolo Marchio Descrizione Articolo (come fornito) Descrizione Articolo (breve) Descrizione

Dettagli

Lista di controllo per la formazione aziendale (corso modello) di cuoco/a in dietetica

Lista di controllo per la formazione aziendale (corso modello) di cuoco/a in dietetica Lista di controllo per la formazione aziendale (corso modello) di cuoco/a in dietetica La lista di controllo completa la formazione aziendale e costituisce un utile strumento al riguardo. Insieme con il

Dettagli

Casi pratici. E. Monica Russo

Casi pratici. E. Monica Russo I claims nutrizionali ii e salutistici Casi pratici E. Monica Russo Reg.1924/2006 relativo alle indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

La predisposizione e organizzazione di un Servizio i di Ristorazione, i soprattutto quando rivolto ad una utenza sensibile come

La predisposizione e organizzazione di un Servizio i di Ristorazione, i soprattutto quando rivolto ad una utenza sensibile come Convegno P.A.N. II La Ristorazione Collettiva in Italia - Roma 4 febbraio 09 La Ristorazione per Anziani un importante occasione di prevenzione Emilia Guberti Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento

Dettagli

Agli R.N.P. ed Economi Nidi e Scuole d Infanzia. Agli Uffici economali territoriali SEDI

Agli R.N.P. ed Economi Nidi e Scuole d Infanzia. Agli Uffici economali territoriali SEDI PROT. N. 6408/044 Torino, 12 MAGGIO 2015 7.10.22/2013A Ai Dirigenti scolastici delle scuole statali Agli R.N.P. ed Economi Nidi e Scuole d Infanzia Agli Uffici economali territoriali SEDI Oggetto: Modalità

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 Art. 1 Tipologia: Master universitario di II livello in Nutrizione Umana L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il master

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. A al bando di ammissione pubblicato in data 31/07/2012 Art. 1 Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Scienze MMFFN, Dipartimento di Biologia

Dettagli

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA Qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale, immagine o simbolo che si riferisce all alimento e che figura direttamente sull imballaggio o su un

Dettagli

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

MètaDieta. la dieta che ti segue 2.0.1

MètaDieta. la dieta che ti segue 2.0.1 MètaDieta la dieta che ti segue 2.0.1 MètaDieta Sistema avanzato per l'anamnesi alimentare e l'elaborazione di prescrizioni dietetiche personalizzate Lo specialista, dal suo pc, imposta una prescrizione

Dettagli

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE Analisi critica dei menù somministrati nel servizio di ristorazione scolastica dei comuni dell Agenda 21 Est Ticino e loro confronto con le linee guida nazionali e regionali. INTRODUZIONE a cura di Maria

Dettagli

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA

ZONA PLUS TEST ESITO TEST: Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA. Glicemia Insulinemia Indice HOMA ESITO TEST: Cod. ID: 123456 Data: 10/01/2011 Paziente: ROSSI MARIO ZONA PLUS TEST Valutazione del rapporto acidi grassi Omega 6/Omega 3 Rapporto AA/EPA Glicemia Insulinemia Indice HOMA ANALITA DESCRIZIONE

Dettagli

LA DIETA NEL CELIACO il parere del nutrizionista

LA DIETA NEL CELIACO il parere del nutrizionista LA DIETA NEL CELIACO il parere del nutrizionista Dietista LORENZA BENNATI ASL 22 PP.OO Novi Ligure - Ovada STARE A DIETA ma non essere a dieta Dalla dieta come peso e limite A uno stile di vita (alimentare)

Dettagli

DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO

DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO CALENZANO COMUNE S.R.L. Società unipersonale del Comune di Calenzano CARTA DEI SERVIZI EDIZIONE MARZO 2015... Indice Cos è la Carta dei Servizi Gestore Presentazione del servizio Principi fondamentali

Dettagli

Etichettatura dei prodotti alimentari. Il valore delle informazioni: opportunità?

Etichettatura dei prodotti alimentari. Il valore delle informazioni: opportunità? Etichettatura dei prodotti alimentari. Il valore delle informazioni: opportunità? 18 Novembre Franca Ballaben SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL Con l obiettivo di salvaguardare la vita, la proprietà e l ambiente,

Dettagli

Debic TIRAMISÙ 6x1L. Descrizione

Debic TIRAMISÙ 6x1L. Descrizione Informazioni Generali Identificazione del Prodotto Descrizione Articolo Marchio Descrizione Articolo (come fornito) Descrizione Articolo (breve) Descrizione Debic Debic TIRAMISÙ 6x1L DEBIC TIRAMISÙ 6X1L

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 13 febbraio 2015

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 13 febbraio 2015 7 D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute D.d.u.o. 4 febbraio 2015 - n. 774 Indirizzi per la realizzazione dei controlli ufficiali sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti

Dettagli

Pancetta arrotolata senza cotenna

Pancetta arrotolata senza cotenna Scheda tecnica Pancetta arrotolata senza cotenna Prodotto a marchio: Descrizione prodotto: Salumificio Bonalumi snc Prodotto ottenuto dal pannicolo adiposo della parte ventrale della mezzena suina (pancetta),

Dettagli

MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze e celiachia

MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze e celiachia Dipartimento di Sanità Pubblica Servizo Igiene degli Alimenti e della Nutrizione DIETE SPECIALI E CELIACHIA nei nidi d'infanzia di Modena 24 Marzo 2010 MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze

Dettagli

La sorveglianza e l igiene della nutrizione nei menù

La sorveglianza e l igiene della nutrizione nei menù La sorveglianza e l igiene della nutrizione nei menù Prof. Agostino Messineo Direttore Dip. Prevenzione ASL RMH Dr.ssa Paola Abetti Dirigente SIAN distretto H4 Pomezia Ardea Alla parola dieta è spesso

Dettagli

APERTAMENTE 2008: L INDUSTRIA ALIMENTARE APRE LE PORTE AL PUBBLICO ALL INSEGNA DEL GUSTO RESPONSABILE

APERTAMENTE 2008: L INDUSTRIA ALIMENTARE APRE LE PORTE AL PUBBLICO ALL INSEGNA DEL GUSTO RESPONSABILE APERTAMENTE 2008: L INDUSTRIA ALIMENTARE APRE LE PORTE AL PUBBLICO ALL INSEGNA DEL GUSTO RESPONSABILE In occasione dei 25 anni dalla sua nascita Federalimentare interviene nel dibattito sulla qualità del

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO

PISELLI A.1 - INGREDIENTI A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO pag 1 di 7 A.1 - INGREDIENTI - A.2 CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO FINITO aspetto: grani di piselli surgelati singolarmente, di calibro e colore uniforme (I.Q.F.) pezzatura : calibro < a 8,75 mm; calibro

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Linea Guida LO STUDIO PROFESSIONALE DEL BIOLOGO NUTRIZIONISTA

Linea Guida LO STUDIO PROFESSIONALE DEL BIOLOGO NUTRIZIONISTA Linea Guida LO STUDIO PROFESSIONALE DEL BIOLOGO NUTRIZIONISTA CARATTERISTICHE GENERALI, REQUISITI E CASI SPECIFICI A cura di: Pierluigi Pecoraro e Gianni Zocchi Consiglio dell Ordine Nazionale dei Biologi

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Associazione Italiana Celiachia VENETO

Associazione Italiana Celiachia VENETO Associazione Italiana Celiachia VENETO Verona 13 aprile 2011 M. Friso, F. Lagonia, B. Brun L Associazione Italiana Celiachia AIC è nata nel 1979 Finalità: promuovere l assistenza ai celiaci e alle loro

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL

Dettagli

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della glicemia conseguente

Dettagli