ALIMENTAZIONE. più ATTIVITA FISICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALIMENTAZIONE. più ATTIVITA FISICA"

Transcript

1 ALIMENTAZIONE più ATTIVITA FISICA =

2 Milano 5 marzo 2005 Alimentazione e sport

3 esperienze con gli sportivi

4 TLETA llenamento limentazione Acclimatazione Attrezzature

5 soggetti attivi vs sedentari caratteristiche fisiologiche maggiore capacità di consumare grassi, sia a riposo, sia durante l attività maggiore disponibilità di carboidrati a livello muscolare maggiore turnover proteico (soprattutto a livello muscolare) maggior tono muscolare maggiore consumo di ossigeno minore frequenza cardiaca

6 le esigenze dello sportivo è fondamentale un corretto ed equilibrato programma alimentare di base.... e per l attività prevenire la disidratazione + disporre di energia * non devono mancare proteine (aminoacidi) antiossidanti - omega 3 - minerali 4 favorire il recupero

7 Negli sport di potenza l alimentazione corretta può aver un ruolo importante? Valgono le regole per una sana alimentazione sono importanti i carboidrati nel corso degli allenamenti più lunghi, per non avere un eccessivo cannibalismo dei muscoli ma soprattutto è importante un corretto apporto proteico

8 Non esistono depositi di aminoacidi nell organismo Lo stimolo alla sintesi proteica dura parecchie ore In tutti i pasti è bene sia presente una quota proteica: nella prima colazione: latte, yogurt, prosciutto, bresaola o formaggio negli spuntini: latte o yogurt (meglio se magri) nei pasti principali: pesce, carne magra, uova...

9 Negli sport di fondo la corretta alimentazione è fondamentale si deve fornire energia (carboidrati e grassi) in ogni pasto sono necessarie proteine durante gli allenamenti molto prolungati si consuma tutto (o quasi) il glicogeno muscolare vanno reintegrati i liquidi persi con il sudore e i carboidrati attraverso bevande o cibi solidi sono indispensabili vitamine e minerali antiossidanti

10 ALIMENTAZIONE GIORNALIERA ERRORI PIU COMUNI ECCESSI CALORICI PERCENTUALI ELEVATE DI GRASSI (saturi e idrogenati) TROPPI ZUCCHERI SEMPLICI (saccarosio e ad alto indice glicemico) POCHE FIBRE (verdura e frutta) RIDOTTI APPORTI DI MINERALI E DI VITAMINE

11 COME SI DEVE ALIMENTARE UN SOGGETTO SPORTIVO? L alimentazione giornaliera deve contare su VARIETA DEI CIBI ed EQUILIBRIO A TAVOLA (carboidrati e grassi favorevoli, proteine magre) si deve fare attenzione a : GRASSI (saturi e idrogenati) preferire quelli vegetali (olio extrav.. d oliva) ZUCCHERI (saccarosio e ad alto indice glicemico) - cibi e bevande che ne contengono BEVANDE ALCOLICHE

12 La nuova alimentazione I cibi non sono visti soltanto come: fornitori di calorie, fornitori di nutrienti (carboidrati, proteine, grassi, vitamine, minerali ) Si dà importanza alla loro capacità di agire sui livelli ormonali dell organismo

13 Il cibo per controllare certi ormoni alimentazione carboidrati macronutrienti proteine grassi risposta ormonale insulina glucagone eicosanoidi

14 COSA SONO GLI ORMONI messaggeri biochimici (per 60 trilioni di cellule) chiamano all azione (malattia è interruzione di comunicazione ormonale) internet biologico

15 INSULINA Immagazzina GLUCAGONE Mobilizza EICOSANOIDI Dirigono

16 Zona e attività fisica Sono molti i benefici che possono derivare dalla Zona a chi fa sport per il benessere o ai massimi livelli agonistici: calo della massa grassa in eccesso; maggior efficienza generale e mentale; effetto antinfiammatorio; maggior apporto di ossigeno alla periferia; maggior resistenza alle infezioni; apporto delle proteine nella quantità e con la distribuzione temporale più corretta; miglior stimolo alla sintesi proteica (GH).

17 Zona e attività fisica La Zona e l ormone della crescita (GH): il GH è un potenziatore degli effetti dell allenamento ogni allenamento aumenta la secrezione del GH gli alti livelli di insulina abbassano quelli del GH in una dieta che determina la calma insulinemica aumenta il GH

18 I carboidrati sfavorevoli Sono ad alto indice glicemico i carboidrati che fanno alzare sensibilmente la glicemia (= tasso di glucosio nel sangue) Se si consumano certe quantità di saccarosio o di carboidrati ad alto indice glicemico, dapprima si alza la glicemia, poi anche l insulinemia Glicemia Insulinemia Fruttosio Glucosio 105Tempo (= tasso di insulina nel sangue > fattore pro-infiammatorio )

19 NELLA DIETA EQUILIBRATA NON SI HANNO LIVELLI ELEVATI DI INSULINEMIA Non si favorisce la liposintesi : accumulo di nuovi grassi negli adipociti Si favorisce la lipolisi : le molecole di grasso (trigliceridi) si riducono in parti elementari; la loro uscita dagli adipociti consente il loro utilizzo I livelli di insulina sono però tali da consentire il passaggio degli aminoacidi nelle fibre muscolari

20 LIVELLI ELEVATI DI INSULINEMIA l eccesso di insulina favorisce un calo di glicemia e si blocca il rilascio di glicogeno epatico (che ha la funzione di mantenere costante la glicemia) impedisce agli adipociti il rilascio dei grassi immagazzinati per produrre energia diminuisce il flusso sanguigno per formazione di Ac. Arachidonico (Ł PGE 2 ) di conseguenza meno ossigeno ai muscoli

21 RISPOSTA GLICEMICA DOPO UN PASTO DI PANE BIANCO O SPAGHETTI 50 Pane b. Spaghetti Glicemia Tempo, minuti -25 Ludwig, J Am Med Assoc, 2002

22 INDICE GLICEMICO: COS E? E un indice globale dell assorbimento dei carboidrati. Tecnicamente, è l area sotto la curva della glicemia che segue alla somministrazione di una dose di un alimento che contiene una quantità predefinita di carboidrati. Più un carboidrato è digeribile, più il suo indice glicemico è elevato.

23 ALTO O BASSO INDICE GLICEMICO (IG): COSA SUCCEDE? Alto IG: La glicemia sale di più e più in fretta La risposta insulinica è più marcata L organismo utilizza preferenzialmente gli zuccheri, al posto dei grassi, per produrre energia; anche la trasformazione dello zucchero in grassi tende ad aumentare. Lo stress ossidativo aumenta Dopo 2-4 ore la glicemia scende e torna la fame Nel tempo si crea un sovraccarico di lavoro per il pancreas.

24 ALTO O BASSO INDICE GLICEMICO (IG): COSA SUCCEDE? In sintesi: Il consumo di alimenti ad alto IG aumenta la probabilità di sviluppare, nel tempo, obesità & malattia diabetica e, di conseguenza Malattie cardiovascolari

25 ALTO O BASSO INDICE GLICEMICO (IG): COSA SUCCEDE? Basso IG: La glicemia sale meno e più lentamente La risposta insulinica è meno marcata L organismo utilizza in modo più equilibrato zuccheri e grassi, per produrre energia Lo stress ossidativo è minore La glicemia rimane stabile a lungo ed il senso di fame è ridotto

26 oltre 100 indice glicemico glucosio riso soffiato patatine cornflakes wafer crackers miele 100 pane bianco carote biscotti semolino saccarosio uva passa riso gelato cocomero 80 patate bollite banane spaghetti biscotti da tè riso parboiled uva cioccolato piselli pesche ravioli mele-pere fagioli albicocche latte intero legumi fruttosio orzo yogurt scremato soia noci- mandorle

27 le fonti alimentari di CARBOIDRATI Consigliati: J Quasi tutte le verdure (moderare( carote) J Quasi tutta la frutta (moderare( banane e uva passa) J Orzo e avena Da limitare: K Pasta, pane, riso, patate (in porzioni abbondanti) Da evitare il più possibile L Brioche, merendine, dolci

28 Le proteine per chi fa sport Secondo i criteri dietologi tradizionali, al sedentario necessitano 0,8-0,9 g per kg di peso corporeo e per giorno; Per un individuo di 70 kg, quindi occorrono da 56 a 63 g/die; Per un atleta questi valori vanno bene?

29 Le proteine per chi fa sport Sono vari i fattori che nell atleta aumentano le necessità di proteine: in certe fasi di allenamento c è un aumento della massa muscolare; durante l allenamento si consumano anche proteine; a parità di peso corporeo, il turn over è maggiore perché la massa proteica è maggiore (aumenta anche dal 14% al 21%); l allenamento aumenta di per sé il turn over.

30 Le proteine e la Zona Nella Zona le necessità proteiche sono calcolate sulla massa magra e sulla quantità di attività fisica praticata. La distribuzione delle proteine in almeno 5 pasti, inoltre, garantisce un apporto costante di proteine e questo è un grosso vantaggio: se si assumono troppe proteine in una volta sola (oltre g), l assorbimento è inferiore; lo stimolo alla sintesi permane per alcune decine di ore; con le diete tradizionali possono esserci momenti di carenza di aminoacidi, con la Zona no.

31 Il calcolo del fabbisogno proteico 2,4 2,2 2,0 g/kg massa magra 1,8 1,6 1,4 1,2 1,0 Sedentario ragazzi, donne Fitness donne in gravidanza in gravidanza Allenamento Agonista

32 fabbisogno proteico in chi pratica attività sportiva (g/kg di peso) Fabbisogno Sport di forza sviluppo massa Sport di fondo Necessità di base Sviluppo massa Accresciuto patrimonio proteico fino a Utilizzo a fini energetici fino a Aumentato turn-over fino a Necessità giorn.. totali

33 PROTEINE Derivano principalmente dal mondo animale Le proteine vegetali sono anch esse disponibili, ma non sono la principale fonte di reperibilità (se non si è vegetariani)

34 Risorse proteiche : carni pesci albumi formaggi soia- tofu

35 le fonti alimentari di PROTEINE Proteine magre consigliate (palmo mano = porzione) : J J J J J Tacchino, pollo, coniglio Pesce Altre carni magre Formaggi freschi magri Tofu, tempeh e seitan Proteine sconsigliate : L L L Carni grasse Frattaglie Formaggi grassi

36 LA SOIA COMPONENTE TRADIZIONALE DELL ALIMENTAZIONE ASIATICA E UNO DEI PRODOTTI CON TASSO DI CRESCITA PIU INTERESSANTE IN OCCIDENTE NEI SETTORI ALIMENTARE E BEVANDE

37 LA SOIA, IL SENSO DI SAZIETA E IL CALO DEL PESO CORPOREO Nel pasto successivo ad uno ricco di proteine, si assumono meno calorie che dopo un pasto ricco di carboidrati. Il consumo di proteine, infatti, stimola l immissione in circolo di un ormone intestinale, la colecistochinina (CCK), che agisce su specifici centri del cervello e riduce la fame. Le proteine della soia hanno caratteristiche molto favorevoli: 1) determinano un limitatissimo innalzamento dell insulina, sensibilmente inferiore a quello delle proteine del latte; 2) sono molto efficaci nello stimolare il rilascio della CCK grazie ad un peptone, la beta-conglicinina.

38 LA SOIA E LE FUNZIONI COGNITIVE Sotto la terminologia funzioni cognitive sono comprese molte funzioni mentali, quali l attenzione, l apprendimento, la memoria, la flessibilitàmentale e la pianificazione; Le ricerche tendono ad escludere che con la soia ci sia un miglioramento dell attenzione e della memoria a breve termine. Dopo 10 settimane di utilizzo di una quantitàdi soia che apportava circa 100 milligrammi al giorno di isoflavoni, vi è stato invece un miglioramento della memoria a lungo termine in un gruppo di studenti. Effetti particolarmente favorevoli sono stati registrati anche nelle donne dopo la menopausa, nelle quali si ha normalmente un declino delle prestazioni cognitive.

39 LA SOIA ALLUNGA LA VITA Gli abitanti dell isola di Okinawa, sono i più longevi del mondo. Essi mangiano molto pesce (con omega-3!!), molta verdura e sono anche abituali consumatori di molte proteine di soia. Le proteine della soia, essendo costituite in gran parte da betaconglicinina, una volta assorbite, determinano il rilascio della CCK, l ormone che facilita la sazietà. Grazie a ciò, gli abitanti di Okinawa assumono poche calorie al giorno, un fatto questo che tutti gli studiosi considerano favorevole per la longevitàe per la buona salute.

40 I GRASSI provengono sia dal mondo vegetale sia da quello animale

41 La maggior parte dei grassi animali sono saturi e solidi a temperatura ambiente La maggior parte dei grassi vegetali (oli) sono insaturi e liquidi a temperatura ambiente

42 Ricordiamo: i grassi non hanno influenza sulla secrezione dell insulina i grassi rallentano l ingresso dei carboidrati nella circolazione sanguigna i grassi favoriscono il il rilascio gastrico dell ormone colecistochinina (CCK) - a livello cerebrale si ha riduzione della sensazione di fame

43 Grassi monoinsaturi : olio d oliva frutta secca (mandorle, pistacchi, noci ecc.) avocado

44 le fonti alimentari di GRASSI J olio d oliva (meglio se extravergine) J apporta J pesce acidi grassi monoinsaturi J e omega 3 J mandorle, noci, nocciole, J avocado da eliminare L carne rossa grassa, tuorlo d uovo, frattaglie, cibi trattati industrialmente (oli vegetali idrogenati, si conservano più a lungo, sono dannosi per l organismo - presenti nelle brioches)

45 nuovi studi ottimi risultati acidi grassi W 3 (n-3) si trovano nell olio di pesce elementi base per la sintesi di EICOSANOIDI (superormoni cellulari) PGE 1 antinfiammatorio recenti ricerche hanno dimostrato una significativa riduzione di stati infiammatori

46 per un individuo sportivo eicosanoidi buoni Vasodilatatori Incrementano flusso sanguigno Anti infiammatori Migliorano funzione immunologica e rilascio ormone della crescita vantaggi Miglior resistenza Meno infiammazioni Maggiore potenza Riduzione dei tempi di recupero

47 Sport e acidi grassi omega 3 Gli omega 3 possono dare molti benefici a chi fa sport per il benessere o ai massimi livelli agonistici: migliorano l attentività (ricerca dell Università di Siena) consentono di avere globuli rossi più elastici riducono la probabilità di incorrere in infortuni

48 Sport e acidi grassi omega 3 Negli atleti d alto livello, la miglior prestazione è raggiunta con allenamenti molto intensi e con recuperi ridotti Questo li espone ad infortuni (specie quelli definiti da microtrauma ripetuto ) che, talvolta, li obbligano a soste di vari mesi L assunzione regolare di acidi grassi omega 3 è un potentissimo antinfiammatorio

49 Riduzione degli infortuni: l importanza degli acidi grassi Omega 3 In seguito all esercizio intenso il muscolo produce citochine infiammatorie (Ostrowski, 1998) IL6 aumenta 100 volte (Pedersen, 2000) IL6 è correlato con il danno muscolare (Richards, 1997) Gli acidi grassi Omega 3 Omega 3 sono in grado di ridurre la produzione delle citochine IL6 e di aumentare le prostaglandine della serie 1 con effetto antinfiammatorio (Grimble, 1998)

50 I segreti della nuova alimentazione a tavola : MODERAZIONE ed EQUILIBRIO per non avere mai fame

51 alcune regole fondamentali La regola del 5 non lasciar passare più di 5 ore tra un pasto e l altro distribuire gli alimenti in almeno 5 pasti

52 alcune regole fondamentali MODERAZIONE in ogni pasto, non eccedere con le porzioni EQUILIBRIO in ogni pasto, giuste proporzioni di carboidrati, proteine e grassi

53 alcune regole fondamentali limitare grassi animali e zucchero mangiare più frutta e verdura (fonte di fruttosio, zucchero buono, non stimola l insulina) assumere acidi grassi omega 3 si deve bere molta acqua

54

55

56 oppure una fetta di pane integrale

57 suddivisione dei pasti OBIETTIVO CALMA INSULINEMICA COLAZIONE SPUNTINO 5 PASTI PRANZO SPUNTINO CENA

58 La distribuzione dei cibi nell arco della giornata prima colazione equilibrata, digeribile con carboidrati e proteine spuntino - frutta e yogurt (o grana) o un toast o una barretta pranzo non abbondante (pasta, un secondo proteico, molta verdura, olio e.v. d oliva, frutta - pane) spuntino - yogurt e un frutto o una barretta cena tradizionale, che completa l apporto di nutrienti (minestrone, carne o pesce con contorno, frutta o dessert) bevande bevande acqua minerale (eventualmente mezzo bicchiere di vino rosso o un bicchiere di birra)

59 ATTIVITA nel primo pomeriggio (inizio ore 14, ) s Prima colazione Łricca di carboidrati + alimento proteico s Spuntino Łpanino (proteine e carboidrati) o barretta energetica s Pranzo Pranzo (almeno almeno 2 ore prima dell attività prima dell attività) Łpasta + proteine, pochi grassi

60 s Prima colazione Łnormale schema s Pranzo Łnormale schema s Spuntino ATTIVITA a metà pomeriggio (inizio ore ) Spuntino (anche 1 ora prima) Łpanino con marmellata o porzione di dolce o barretta energetica

61 ATTIVITA nel tardo pomeriggio / / sera (inizio ore 19-20) s Prima colazione Łarricchita con alimenti proteici s Pranzo : normale schema s Merenda Łcon carboidrati e proteine oppure Spuntino (eventualmente 1 ora prima dell allenamento) : barretta energetica

62 durante l attività aumentano: la temperatura corporea la frequenza cardiaca il consumo di ossigeno la sudorazione il consumo energetico (grassi e carboidrati) la produzione di radicali liberi (tossine) l attività muscolare (aumento del lattato) la fatica mentale

63 Temperatura corporea e prestazione Forza [N] Controllo Ipertemia Tempo [minuti] 2 gruppi di 16 atleti di endurance sottoposti ad un carico costante = 60% VO 2max e a due temperature di lavoro differenti: controllo = 20 C ipertermia = 40 C Dopo 60 minuti l espressione di forza degli arti inferiori nel gruppo in ipertermia era del 30% INFERIORE rispetto al gruppo di controllo Lars e Nielsen; Hyperthermia and central fatique during prolonged exercise in humans, J. Appl.Physiol 91: : 2001

64 Temperatura corporea e prestazione Frequenza Cardiaca [b.p.m.] Frequenza cardiaca Temperatura Corporea [ C] 7 ciclisti furono sottoposti a un carico costante = 65% VO 2max ; venne rilevato l andamento della frequenza cardiaca in funzione della temperatura corporea All aumentare della T corporea AUMENTAVANO sia la FREQUENZA CARDIACA sia la SUDORAZIONE L aumento della frequenza cardiaca indica MAGGIORE FATICA Gonzales-Alonso; Influence of body temperature on the development of fatigue during prolonged exercise in heat; J. Appl. Physiol 83:

65 Relazione intensità -consumo di grassi Fonti energetiche vs. Velocità 25 CHO/min 10,00 kcal/min FFA/min MaxPotLipidica Lattato 8,00 6,00 4,00 mmol/l 5 Soglia aerobica 2, ,00 km/h

66 e quindi non devono mancare bevande ed energia

67 prevenzione della disidratazione e degli squilibri elettrolitici durante l attività la bevanda ideale deve essere poco concentrata

68 durante l attività Una perdita di liquidi pari al 2% del peso corporeo (1,5 kg per un uomo di 70 kg di peso) riduce di circa il 20 % il rendimento organico la perdita di elettroliti (Na - Cl è direttamente correlata con la comparsa dei crampi Cl - K - Mg)

69 La bevanda ideale La bevanda, secondo Burke, attraversa rapidamente lo stomaco se contiene massimo il 5% di carboidrati: ideali sono il fruttosio e le maltodestrine La bevanda è bene che contenga potassio e di magnesio meglio se sotto forma di aspartati: sono sali intelligenti, in grado di ridurre la fatica e ritardare la comparsa dei crampi La bevanda deve avere una concentrazione uguale (isotonica) o meglio inferiore (ipotonica) a quella del plasma ( mosm/l), in modo da passare velocemente dall intestino al sangue Burke: Energy needs of athletes; Can. J. Appl. Physiol : 2001

70 Bevande a diverse concentrazioni di glucosio residuo gastrico (ml) dopo 15 min Acqua pura 2,50% 4% 5% 10%

71 FURTO DI ACQUA QUANDO UN FLUIDO NELL INTESTINO TENUE ACQUA MUCOSA INTESTINAL E fluido con un elevato contenuto di carboidrati (più di 100 grammi/litro) INTESTINO TENUE ACQUA

72 (in polvere, solidi, liquidi, gel.) con lo scopo di fornire energia per prolungare l autonomia Prima dello sforzo : aumento del glicogeno muscolare ed epatico Durante lo sforzo : prevenzione dell esaurimento del glicogeno muscolare Dopo lo sforzo : ricostruzione del glicogeno muscolare

73 LA SCELTA DEI CARBOIDRATI s FRUTTOSIO Łrapido svuotamento gastrico Łbassa stimolazione glicemia / insulinemia Łmiglior utilizzo FFA Łassorbimento modulato s MALTODESTRINE Łefficace apporto energetico Łminor osmolarità a parità di apporto calorico Łottimo assorbimento intestinale (Hasson e Barnes, 1989)

74 Proteine concentrate (o miscele di aminoacidi) Apporto di aminoacidi per la sintesi proteica Aminoacidi a catena ramificata Recupero; stimolo anabolico; ; rifornimento energetico Specifici aminoacidi Azione specifica Carnosina, carnitina e altri peptidi Azione specifica

75 Aminoacidi ramificati Sono contenuti nelle carni o nel pesce (4g%) Rendono il bilancio azotato positivo Vengono metabolizzati direttamente nei muscoli Favoriscono la formazione di alanina (neoglucogenesi) Facilitano la formazione di glutammina (leucina)

76 AMINOACIDI A CATENA RAMIFICATA AMINOACIDI A CATENA RAMIFICATA schema di assunzione Per il recupero : 5 g / die assunzioni giornaliere : subito dopo l attività - fase anabolica oppure dopo l attività e prima di andare a dormire Discipline di endurance assunzioni giornaliere : 2-33 grammi min.. prima dell attività 2-33 grammi dopo l attività nelle prove lunghe anche 1 grammo ogni ora

77 IL RECUPERO quali obiettivi º ripristino idrico-salino º ripristino energetico º ripristino bio-umorale º ripristino neuro-endocrino endocrino º ripristino psicologico

78 Se il recupero dipende da differenti fattori, è preferibile favorirlo con una miscela di sostanze carboidrati ad alto indice glicemico subito dopo lo sforzo; aminoacidi a catena ramificata; glutamina. Ma anche: adattogeni come policosanoli e fitosteroli; vitamine antiossidanti, quali la C e la E + acidi grassi omega 3

79 Alcuni autori hanno documentato che il recupero del glicogeno può essere reso più veloce: Costill e coll., 1981 Blom e coll., 1987 Ivy e coll., 1988 Subito dopo la gara (o l allenamento), si devono assumere carboidrati ad alto indice glicemico, come glucosio o saccarosio

80 La gara o l allenamento duro costituiscono uno stress per l organismo ci sono variazioni ormonali; vi è un aumento degli ormoni una diminuzione degli ormoni (Kuoppasalmi e Harkonen ) ormoni catabolici e ormoni anabolici gli effetti sono a livello generale e muscolare: il CATABOLISMO prevale sull ANABOLISMO gli aminoacidi a catena ramificata riducono l aumento degli ormoni catabolici e il calo degli ormoni anabolici (Carli e coll )

81 Le gare e gli allenamenti duri, secondo Rowbottom e coll. (1996), possono ridurre la produzione di glutammina si riduce il livello di glutammina nel sangue; la glutammina è particolarmente utile ai tessuti con un rapido accrescimento, come l epitelio intestinale e il tessuto emopoietico; il sistema immunitario perde efficienza; può diminuire la resistenza alle infezioni

82 Glutammina Viene utilizzata dal sistema immunitario, dal cervello, da tutto l apparato digerente (intestino), dal fegato, dal rene Fonte energetica delle cellule del sistema immunitario (globuli bianchi) Calo progressivo dei livelli plasmatici = segno biochimico per la sindrome da sovrallenamento Impiego nei periodi di intenso allenamento (associata a BCAA) meno rischi di overtraining

83 Carnosina Dipeptide (alanina - istidina) presente nel muscolo scheletrico, nel cervello, nel cuore, nel rene, nello stomaco Scavenger con attività antiossidante e antinvecchiamento (ossidazione proteine) Effetto tampone (acidosi - ac. lattico) Protezione delle membrane (reaz. MDA) Regolazione del calcio intracellulare e nella contrattilità delle cellule cardiache Aumento dei livelli di 2,3 DPG, del rapporto 2,3 DPG/Hb e miglioramento del recupero dopo sforzi massimali

84 Acido a-lipoico Coenzima sintesi endogena dall aminoacido cisteina Eccellente biodisponibilità Favorisce la sintesi del glutatione Previene l ossidazione della vitamina C Rigenera le vit. C, E e il glutatione Co-fattore nel metabolismo energetico (Packer e coll )

85 grazie per l attenzione

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Autore: Caner Açikada. Hacettepe University School of Sport Science and Technology, Ankara, Turkey Titolo Originale: Scientific Foundations of

Dettagli

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott.

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott. L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA a cura del Dott. Samorindo Peci Appunti dell autore Ho fatto in modo di realizzare questo

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

La salute vien mangiando!

La salute vien mangiando! La salute vien mangiando! Sede Legale: Monza 20052 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it - C.F. / P. IVA Sede Legale: Monza 20052 02734330968 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta con il leone Guida all uso del conteggio dei carboidrati, e non solo! Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare

Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare 21 MICHELANGELO GIAMPIETRO, DANILO GAMBARARA Abitudini alimentari corrette, ispirate ai semplici principi sin qui indicati, sono certamente sufficienti

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Come ridurre il rischio di cancro Un informazione della Lega contro il cancro Un alimentazione equilibrata rafforza la salute 1 Indice Editoriale 5 Una sana

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare.

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare. OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESP WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SIA SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA Alcol: sei sicura? Le ragazze

Dettagli

Il cibo dell uomo. Franco Berrino. Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione

Il cibo dell uomo. Franco Berrino. Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione Il cibo dell uomo Franco Berrino Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori MILANO Il cibo dell uomo2013 Pagina 2 Quale

Dettagli

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Beata vecchiaia. Nel nostro paese è in corso una grande sfida: trasformare la vecchiaia in un periodo della vita

Dettagli

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifi ca di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV www.scienzavegetariana.it

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

La Vitamina A La Vitamina D

La Vitamina A La Vitamina D LE VITAMINE La Vitamina A La vitamina A o retinolo è una vitamina liposolubile che serve per la differenziazione delle cellule epiteliali, la spermatogenesi, regolazione dello sviluppo osseo, il sistema

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA

LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA LA SALUTE VIEN MANGIANDO: LE SORPRESE DELLA BUONA TAVOLA Dipende soltanto da noi essere in un modo piuttosto che in un altro. Il nostro corpo è un giardino e il suo giardiniere è la nostra volontà. Spetta

Dettagli

linee guida per una sana longevità vivere almeno 100 anni!

linee guida per una sana longevità vivere almeno 100 anni! linee guida per una sana longevità VADEMECUM vivere almeno 100 anni! PRESENTAZIONE Considerare l intero processo della vita come un processo di nascita continua e non considerare ogni stadio come se fosse

Dettagli