PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia. 10 dicembre 2004 PE v01-00

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia. 10 dicembre 2004 PE 350.145v01-00"

Transcript

1 PARLAMENTO EUROPEO Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia 10 dicembre 2004 PE v01-00 EMENDAMENTI Progetto di parere di Angelika Niebler Indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari (PE v01-00) Proposta di regolamento (COM(2003)0424 C6-0329/ /0165(COD)) Testo della Commissione Emendamenti del Parlamento Emendamento presentato da Paul Rübig Emendamento 35 Considerando 6 (6) Gli alimenti promossi mediante indicazioni possono essere percepiti dal consumatore come portatori di un vantaggio nutrizionale, fisiologico o per la salute in generale rispetto ad altri prodotti simili o diversi privi delle stesse sostanze nutritive. Ciò può incoraggiare i consumatori a compiere scelte che influenzano direttamente la loro assunzione complessiva delle singole sostanze nutrienti o di altro tipo in modo contrario ai pareri scientifici in materia. Per contrastare questo potenziale effetto indesiderato, è opportuno imporre talune restrizioni per quanto riguarda i prodotti recanti indicazioni. In questo contesto, fattori come la presenza di determinate sostanze, ad esempio il contenuto di alcol o il profilo (6) Gli alimenti promossi mediante indicazioni possono essere percepiti dal consumatore come portatori di un vantaggio nutrizionale, fisiologico o per la salute in generale rispetto ad altri prodotti simili o diversi privi delle stesse sostanze nutritive. AM\ doc PE v01-00

2 nutrizionale del prodotto, sono criteri appropriati per determinare se il prodotto stesso possa recare indicazioni. Or. de L'idea di distinguere gli alimenti in prodotti che denotano un profilo nutrizionale vantaggioso e in altri con un profilo nutrizionale meno vantaggioso contrasta con il concetto di un'alimentazione equilibrata. In linea di massima, non esistono alimenti buoni o cattivi, ciò che conta è in quale proporzione viene consumato il singolo alimento. Inoltre, è falso presumere che il consumatore si lasci comunque influenzare negativamente da siffatte indicazioni. Emendamento presentato da Dorette Corbey Emendamento 36 Considerando 7 bis (nuovo) Emendamento presentato da Umberto Pirilli Emendamento 37 Considerando 8 (7 bis) I consumatori necessitano sempre più di affidabili e obiettive informazioni sulla qualità degli alimenti consumati. Sulla scorta di profili nutrizionali si può predisporre una indicazione di qualità che informi il consumatore sul tenore di zuccheri, sodio/sale, grassi insaturi, acidi grassi trans e altre sostanze alimentari (vitamine, minerali e fibre). Oltre che un rilevante passo verso una politica europea nel settore della qualità alimentare detta indicazione di qualità costituisce altresì un importante strumento nella lotta contro le malattie degenerative come quelle cardiovascolari ed il cancro. Or. nl (8) Vi è una vasta gamma di indicazioni attualmente utilizzate nell etichettatura e pubblicità degli alimenti in alcuni Stati (8) Vi è una vasta gamma di indicazioni attualmente utilizzate nell etichettatura e pubblicità degli alimenti in alcuni Stati PE v /65 AM\ doc

3 membri che fanno riferimento a sostanze il cui effetto benefico non è ancora stato dimostrato, o in merito al quale non esiste allo stato un consenso scientifico sufficiente. È necessario garantire che le sostanze per le quali è fornita un indicazione si siano dimostrate come portatrici di un effetto nutrizionale o fisiologico benefico. membri che fanno riferimento a sostanze il cui effetto benefico non è ancora stato dimostrato, o in merito al quale non esiste allo stato un consenso scientifico sufficiente. In tali casi l'etichettatura dovrebbe portare la dicitura "non ancora scientificamente provata". Or. it Le indicazioni utilizzate possono orientare il consumatore, il quale potrà essere consapevole che le indicazioni ricevute non hanno ancora ottenuto alcuna dimostrazione scientifica. Emendamento presentato da Françoise Grossetête Emendamento 38 Considerando 11 (11) La fondatezza scientifica dovrebbe essere l aspetto principale di cui tenere conto nell utilizzo di indicazioni nutrizionali e sulla salute, e gli operatori del settore alimentare che fanno uso di indicazioni dovrebbero giustificarle. (11) La fondatezza scientifica dovrebbe essere l aspetto principale di cui tenere conto nell utilizzo di indicazioni nutrizionali e sulla salute, e gli operatori del settore alimentare che fanno uso di indicazioni dovrebbero giustificarle. La giustificazione scientifica dovrebbe essere proporzionata alla natura dei benefici proposti dal prodotto. Or. fr Conformemente ai principi generali adottati nel regolamento che istituisce l'autorità europea per la sicurezza alimentare, occorrerebbe stabilire nel presente regolamento livelli di proporzionalità in funzione della natura dell'indicazione rivendicata dal prodotto: il livello di giustificazione scientifica richiesto per un'indicazione di riduzione del rischio di malattia sarà pertanto superiore a quello considerato per una indicazione funzionale. Emendamento presentato da Paul Rübig Emendamento 39 Considerando 11 AM\ doc 3/65 PE v01-00

4 (11) La fondatezza scientifica dovrebbe essere l aspetto principale di cui tenere conto nell utilizzo di indicazioni nutrizionali e sulla salute, e gli operatori del settore alimentare che fanno uso di indicazioni dovrebbero giustificarle. (11) La fondatezza scientifica dovrebbe essere l aspetto principale di cui tenere conto nell utilizzo di indicazioni nutrizionali e sulla salute, e gli operatori del settore alimentare che fanno uso di indicazioni dovrebbero giustificarle alla luce del principio di proporzionalità. Or. de Il principio in base al quale le indicazioni dovrebbero essere scientificamente fondate va accolto con favore. La fondatezza scientifica di una indicazione dovrebbe essere ottenuta con uno sforzo proporzionato (letteratura, documentazione, conoscenze generali in materia nutrizionale). L'entità e la profondità delle conoscenze scientifiche che ne costituiscono la fondatezza vanno stabilite nel singolo caso in base alle condizioni oggettive e dovrebbero essere in rapporto concreto con l'indicazione utilizzata, per cui, ad esempio, le indicazioni nutrizionali dovrebbero essere di norma documentate dalla letteratura e dalla documentazione scientifiche, mentre le nuove indicazioni per la riduzione del rischio di malattia dovrebbero essere documentate da studi clinici. Emendamento presentato da Umberto Pirilli Emendamento 40 Considerando 14 (14) Le indicazioni sulla salute dovrebbero essere autorizzate sul mercato comunitario soltanto dopo una valutazione scientifica del più alto livello possibile. Per garantire una valutazione scientifica armonizzata delle indicazioni, l Autorità europea per la sicurezza alimentare dovrebbe effettuare tali valutazioni. (14) Le indicazioni sulla salute da autorizzare sul mercato comunitario dovrebbero essere verificabili sul piano scientifico. Tale verifica potrà essere eseguita da un organo scientifico qualificato, ed in seguito a tale controllo il prodotto potrà essere immesso sul mercato. L'organo scientifico che ha effettuato l'esame dovrebbe trasmettere all'autorità europea per la sicurezza alimentare tutti gli elementi per il controllo successivo, in esito al quale l'autorizzazione per l'immissione del prodotto sul mercato diventa definitiva. Or. it PE v /65 AM\ doc

5 Anziché intasare il lavoro dell'autorità per la sicurezza alimentare, che rischierebbe di non poter fornire risposte in tempi utili, il prodotto potrebbe essere immesso provvisoriamente sul mercato sulla base della certificazione di un organo scientifico. Emendamento presentato da Umberto Pirilli Emendamento 41 Considerando 17 (17) Le indicazioni sulla salute che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo per la crescita, lo sviluppo e le normali funzioni fisiologiche dell organismo in base a conoscenze scientifiche ormai consolidate e non contestate devono essere soggette a un tipo diverso di valutazione e di approvazione. È dunque necessario adottare un elenco delle indicazioni consentite che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo. (17) Le indicazioni sulla salute che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo per la crescita, lo sviluppo e le normali funzioni fisiologiche dell organismo in base a conoscenze scientifiche ormai consolidate e non contestate devono essere soggette a un tipo diverso di valutazione e di approvazione. È dunque necessario adottare un elenco delle indicazioni consentite che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo. In attesa della certificazione definitiva dell'autorità europea per la sicurezza alimentare, il prodotto potrà essere immesso sul mercato secondo le modalità di cui all'articolo 14 bis. Or. it Il ruolo di una sostanza nutritiva nell'età evolutiva e dello sviluppo può assumere un'importanza fondamentale per la crescita; è opportuno quindi accordare una particolare tutela ai soggetti che attraversano tale fase. Emendamento presentato da Eluned Morgan Emendamento 42 Considerando 17 (17) Le indicazioni sulla salute che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo per la crescita, lo sviluppo e le normali funzioni fisiologiche dell organismo (17) Le indicazioni sulla salute che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo per la crescita, lo sviluppo e le normali funzioni fisiologiche dell organismo AM\ doc 5/65 PE v01-00

6 in base a conoscenze scientifiche ormai consolidate e non contestate devono essere soggette a un tipo diverso di valutazione e di approvazione. È dunque necessario adottare un elenco delle indicazioni consentite che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo. in base a conoscenze scientifiche ormai consolidate e non contestate devono essere soggette a un tipo diverso di valutazione e di approvazione. È dunque necessario adottare, previa consultazione dell Autorità, un elenco delle indicazioni consentite che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo. Le conoscenze scientifiche ormai consolidate e non contestate devono essere valutate da scienziati indipendenti, per cui è necessario coinvolgere l Autorità europea per la sicurezza alimentare. Emendamento presentato da Satu Hassi Emendamento 43 Considerando 20 (20) Al fine di garantire che le indicazioni sulla salute risultino veritiere, chiare, affidabili e utili ai consumatori nello scegliere una dieta sana, la formulazione e la presentazione di tali indicazioni dovrebbero essere prese in considerazione nel parere dell Autorità e nella successiva procedura di autorizzazione. (20) Al fine di garantire che le indicazioni sulla salute risultino veritiere, chiare, affidabili e utili ai consumatori nello scegliere una dieta sana, la formulazione e la presentazione di tali indicazioni devono essere prese in considerazione nel parere dell Autorità e nella successiva procedura di autorizzazione. La procedura di autorizzazione dovrebbe prevedere la consultazione di un gruppo rappresentativo di consumatori incaricato di valutare la percezione e la comprensione dell indicazione. È necessario precisare con maggiore chiarezza la necessità di tener conto del parere dell AESA. I consumatori potrebbero percepire il significato di un indicazione in modo diverso rispetto all intenzione degli scienziati e/o dell industria del settore, per cui è importante coinvolgere un gruppo rappresentativo di consumatori nella procedura di autorizzazione. PE v /65 AM\ doc

7 Emendamento presentato da Eluned Morgan Emendamento 44 Considerando 20 (20) Al fine di garantire che le indicazioni sulla salute risultino veritiere, chiare, affidabili e utili ai consumatori nello scegliere una dieta sana, la formulazione e la presentazione di tali indicazioni dovrebbero essere prese in considerazione nel parere dell Autorità e nella successiva procedura di autorizzazione. (20) Al fine di garantire che le indicazioni sulla salute risultino veritiere, chiare, affidabili e utili ai consumatori nello scegliere una dieta sana, la formulazione e la presentazione di tali indicazioni devono essere prese in considerazione nel parere dell Autorità e nella successiva procedura di autorizzazione. La procedura di autorizzazione dovrebbe prevedere la consultazione di un gruppo rappresentativo di consumatori incaricato di valutare la percezione e la comprensione dell indicazione. Il verbo devono rafforza il testo. I consumatori potrebbero percepire il significato di un indicazione in modo diverso rispetto all intenzione degli scienziati e/o dell industria del settore, per cui è importante coinvolgere un gruppo rappresentativo di consumatori nella procedura di autorizzazione. Emendamento presentato da Umberto Pirilli Emendamento 45 Considerando 20 (20) Al fine di garantire che le indicazioni sulla salute risultino veritiere, chiare, affidabili e utili ai consumatori nello scegliere una dieta sana, la formulazione e la presentazione di tali indicazioni dovrebbero essere prese in considerazione nel parere dell Autorità e nella successiva procedura di autorizzazione. (20) Al fine di garantire che le indicazioni sulla salute risultino veritiere, chiare, affidabili e utili ai consumatori nello scegliere una dieta sana, la formulazione e la presentazione di tali indicazioni dovrebbero essere prese in considerazione nel parere dell Autorità e nella successiva procedura di autorizzazione, fermo restando quanto stabilito all'articolo 14 bis. Or. it AM\ doc 7/65 PE v01-00

8 La procedura prevista al considerando 14 è necessaria per garantire i tempi della commercializzazione del prodotto, fermo restando il parere definitivo dell'autorità. Emendamento presentato da Françoise Grossetête Emendamento 46 Considerando 24 bis (nuovo) (24 bis) Occorrerebbe fornire alle piccole e medie imprese un aiuto particolare per la preparazione dei fascicoli e per il costo occasionato da tale valutazione centralizzata. Le PMI non devono essere penalizzate dall'introduzione di questo nuovo sistema. Emendamento presentato da Françoise Grossetête Emendamento 47 Considerando 28 bis (nuovo) Or. fr (28 bis) Sarebbe opportuno che la Commissione varasse una campagna generale d'informazione sulle questioni nutrizionali e sull'importanza di adottare sane abitudini alimentari. L'obesità diventa un problema importante nell'unione europea. Pertanto, parallelamente all'introduzione del presente regolamento, il varo di una campagna generale sulle abitudini alimentari sembra opportuno per sensibilizzare ogni cittadino. Or. fr PE v /65 AM\ doc

9 Emendamento presentato da Françoise Grossetête Emendamento 48 Articolo 1, paragrafo 2 2. Il presente regolamento si applica alle indicazioni nutrizionali e sulla salute nell etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari forniti al consumatore finale. Esso si applica anche ai prodotti alimentari destinati a ristoranti, ospedali, scuole, mense e servizi analoghi di ristorazione di collettività. 2. Il presente regolamento si applica alle indicazioni nutrizionali e sulla salute nell etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari forniti al consumatore finale, escluse le azioni di cui al regolamento (CE) n. 2826/2000 del Consiglio del 19 dicembre 2000 relativo ad azioni di informazione e di promozione a favore dei prodotti agricoli sul mercato interno 1. Esso si applica anche ai prodotti alimentari destinati a ristoranti, ospedali, scuole, mense e servizi analoghi di ristorazione di collettività. 1 GU L 328 del , pag. 2. Regolamento modificato dal regolamento (CE) n. 2060/2004 (GU L 357 del , pag. 3). Or. fr La redazione del testo attuale presenta ambiguità che possono indurre a pensare che la pubblicità comprenda la promozione dei prodotti agricoli, stante che esistono politiche europee e nazionali a favore dell'informazione e della promozione generica dei prodotti agricoli sotto il controllo delle autorità comunitarie che occorre preservare nell'interesse stesso del consumatore. AM\ doc 9/65 PE v01-00

10 Emendamento presentato da Satu Hassi Emendamento 49 Articolo 1, paragrafo 2 2. Il presente regolamento si applica alle indicazioni nutrizionali e sulla salute nell etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari forniti al consumatore finale. Esso si applica anche ai prodotti alimentari destinati a ristoranti, ospedali, scuole, mense e servizi analoghi di ristorazione di collettività. 2. Il presente regolamento si applica alle indicazioni nutrizionali e sulla salute, inclusi tutti gli aspetti relativi alla denominazione commerciale e alla presentazione che potrebbero implicare un indicazione nutrizionale o sulla salute, nell etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari forniti al consumatore finale. Esso si applica anche ai prodotti alimentari destinati a ristoranti, ospedali, scuole, mense e servizi analoghi di ristorazione di collettività. È importante includere i marchi commerciali nel campo di applicazione del presente regolamento, poiché marchi quali The Food Doctor sono chiaramente fuorvianti per i consumatori. Inoltre, dovrebbero essere inclusi altri aspetti relativi alla presentazione del prodotto, come per esempio l imballaggio, al fine di tutelare i consumatori e di chiarire il campo di applicazione del regolamento. Emendamento presentato da Avril Doyle Emendamento 50 Articolo 1, paragrafo 4 4. Il presente regolamento si applica fatte salve le disposizioni specifiche riguardanti gli alimenti per particolari usi nutrizionali definite dalla legislazione comunitaria. 4. Il presente regolamento si applica fatte salve le disposizioni specifiche riguardanti gli alimenti per particolari usi nutrizionali definite dalla direttiva del Consiglio 89/398/CEE 1 e della relative direttive di attuazione. 1 GU L 186 del , pag.27. Direttiva modificata da ultimo dal regolamento (CE) n. 1882/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 284 del , pag. 1). PE v /65 AM\ doc

11 L emendamento è inteso a precisare il campo di applicazione del regolamento. Emendamento presentato da Avril Doyle Emendamento 51 Articolo 1, paragrafo 4 4. Il presente regolamento si applica fatte salve le disposizioni specifiche riguardanti gli alimenti per particolari usi nutrizionali definite dalla legislazione comunitaria. 4. Il presente regolamento si applica fatte salve le disposizioni specifiche riguardanti gli alimenti per particolari usi nutrizionali e gli integratori alimentari definite dalla legislazione comunitaria. Onde evitare qualsiasi confusione per quanto concerne l inclusione degli integratori alimentari nel campo di applicazione del presente regolamento, è opportuno menzionare specificamente gli integratori alimentari all articolo 1, paragrafo 4. Emendamento presentato da Avril Doyle Emendamento 52 Articolo 1, paragrafo 4 bis (nuovo) 4 bis. Qualora un prodotto rientri chiaramente nella definizione di alimento o di integratore alimentare e l indicazione figurante su tale prodotto sia conforme al presente regolamento, non si applicano le disposizioni della direttiva 2001/83/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 novembre 2001, recante un codice comunitario relativo ai medicinali per uso umano 1. 1 GU L 311 del , pag. 67. Direttiva modificata da ultimo dalla direttiva 2004/27/CE (GU L 136 del , pag. 34). AM\ doc 11/65 PE v01-00

12 Un alimento o un integratore alimentare che rechi un indicazione relativa a una funzione fisiologica di una persona, pur rispettando pienamente il presente regolamento, potrebbe tuttavia essere considerato come un medicinale dalle autorità nazionali, in seguito alla recente modifica degli articoli 1, paragrafo 2, e 2, paragrafo 2, della direttiva 2001/83/CE, in base alla quale la legislazione farmaceutica prevale sulla legislazione alimentare. Al momento dell immissione sul mercato di un nuovo prodotto pienamente conforme al presente regolamento, la società in questione deve avere la certezza che il prodotto non potrà essere oggetto di contestazione a livello nazionale ai sensi della direttiva 2001/83/CE. In caso contrario, non saranno realizzati gli obiettivi della parità delle condizioni e della certezza giuridica a cui mira il presente regolamento. Il regolamento dovrebbe pertanto rafforzare il contenuto del considerando 7 della direttiva che modifica la direttiva 2001/83/CE, adottata recentemente, stabilendo che qualora i prodotti siano chiaramente alimenti e integratori alimentari le disposizioni della direttiva 2001/83/CE non si applicano. Emendamento presentato da Eluned Morgan Emendamento 53 Articolo 1, paragrafo 4 bis (nuovo) 4 bis. Il presente regolamento non si applica ai sistemi di controllo del regime alimentare che sono marchi registrati. In un epoca in cui il problema dell obesità sta crescendo, sarebbe irresponsabile accettare che il presente regolamento escludesse i sistemi per il controllo del regime alimentare, quali ad esempio il programma Weight Watcher, che occupano ormai una posizione consolidata in varie parti dell Europa e offrono ai consumatori un sistema affidabile per la perdita di peso, senza limitarsi a promuovere una determinata linea di prodotti. Emendamento presentato da Alejo Vidal-Quadras Roca e María del Pilar Ayuso González Emendamento 54 Articolo 1, paragrafo 4 bis (nuovo) 4 bis. Il presente regolamento non si applica ai prodotti per i quali la legislazione comunitaria vieta ogni tipo di indicazioni nutrizionali e sulla salute nell'etichettatura e nella presentazione, e PE v /65 AM\ doc

13 dei quali disciplina la pubblicità. Or. es Nella relazione che precede la proposta della Commissione, l'assenza di disposizioni specifiche comunitarie è considerata uno dei motivi principali per l'adozione del nuovo regolamento, tenuto conto della proliferazione delle indicazioni sulle etichette dei prodotti alimentari. In effetti non appare giustificato disciplinare ciò che lo è già, obiettivo che anche questo emendamento persegue. Per il vino esiste già, appunto, una legislazione comunitaria specifica che vieta le indicazioni nutrizionali e sulla salute nella sua etichettatura e presentazione, e che ne disciplina la pubblicità. Si tratta, in particolare del regolamento 1493/1999 del Consiglio relativo all'ocm vitivinicola e del regolamento 753/2002 della Commissione che fissa le norme sull'etichettatura e la presentazione di questi prodotti. D'altro canto i regolamenti 2826/2000 del Consiglio e 94/2002 della Commissione introducono altresì strette limitazioni nell'informazione e nelle azioni di promozione per il vino nel mercato interno. Questa legislazione specifica comunitaria assicura la protezione, la trasparenza del mercato e la libera circolazione del vino, garantendo efficacemente gli obiettivi della nuova proposta di regolamento di raggiungere un livello elevato di tutela dei consumatori, migliorare la libera circolazione delle merci nell'ambito del mercato interno, aumentare la certezza giuridica per gli operatori economici, garantire una concorrenza leale e promuovere e tutelare l'innovazione nel settore dei prodotti alimentari. Emendamento presentato da Paul Rübig Emendamento 55 Articolo 2, punto (6) (6) indicazioni relative alla riduzione di un rischio di malattia significa qualunque indicazione sulla salute che affermi, suggerisca o richiami che il consumo di una categoria di alimenti, di un alimento o di uno dei suoi componenti riduca significativamente un fattore di rischio di sviluppo di una malattia umana; (6) indicazioni relative alla riduzione di un rischio di malattia significa qualunque indicazione sulla salute che affermi, suggerisca o richiami che il consumo di una categoria di alimenti, di un alimento o di uno dei suoi componenti riduca significativamente il rischio di sviluppo di una malattia umana; Or. de Poiché le indicazioni devono essere comprese dal consumatore, è necessario che la AM\ doc 13/65 PE v01-00

14 definizione si riferisca alla riduzione di un rischio e non di un fattore di rischio. L'indicazione sulla riduzione del rischio di malattia (ad esempio "Può ridurre il rischio di malattia cardiocircolatoria") può essere più facilmente comprensibile rispetto all'indicazione relativa alla riduzione di un fattore di rischio che entri in causa nella malattia (ad esempio "Può ridurre il livello di omocisteina"). Emendamento presentato da Avril Doyle Emendamento 56 Articolo 2, comma 2, punto 8 (8) consumatore medio significa il consumatore ragionevolmente ben informato e ragionevolmente attento e circospetto. (8) consumatore medio significa il consumatore ragionevolmente attento e circospetto, che appartiene al gruppo di popolazione al quale è destinata l indicazione. Le comunicazioni ai consumatori devono essere adeguate in base agli effetti benefici del prodotto, alla ricerca di mercato, nonché al consumatore obiettivo o a particolari gruppi obiettivo. Emendamento presentato da Dorette Corbey Emendamento 57 Articolo 2, punto 8 bis (nuovo) (8 bis) "categoria di alimenti" significa un gruppo di prodotti alimentari aventi proprietà e usi equivalenti. Or. nl Emendamento presentato da Avril Doyle Emendamento 58 Articolo 2, comma 2, punto 8 bis (nuovo) PE v /65 AM\ doc

15 (8) salute significa uno stato generale di benessere fisico, psicologico e sociale. Sebbene la proposta di regolamento verta essenzialmente su norme relative alle indicazioni sulla salute, essa non contiene una definizione di salute. La definizione proposta riprende quella fornita dall OMS. Emendamento presentato da Eluned Morgan Emendamento 59 Articolo 2, comma 2 bis (nuovo) Entro 3 mesi dall'adozione del presente regolamento la Commissione definisce, conformemente alla procedura di cui all articolo 23, paragrafo 2, i concetti seguenti: - dati scientifici generalmente accettati; - biodisponibilità; - zuccheri, ai fini dell'applicazione dell allegato; - fibre, ai fini dell'applicazione dell allegato. È importante che tutti coloro i quali sono tenuti ad applicare la presente legislazione, in particolare l industria del settore, operino sulla base di parametri chiaramente definiti. La proposta di regolamento fa più volte riferimento ai dati scientifici generalmente accettati e alla biodisponibilità, per cui è importante definire il loro significato. Nell allegato si fa riferimento agli zuccheri e alle fibre. È comunemente noto che i vari tipi di zuccheri influiscono in modo molto diverso sulla qualità nutrizionale degli alimenti, per cui, ai fini di un adeguata applicazione delle indicazioni nutrizionali, è necessario definire quali sono gli zuccheri interessati dalla legislazione in esame. Inoltre, nelle discussioni sul Codex Alimentarius è emerso che in Europa non esiste una definizione uniforme di fibre. Ai fini dell applicazione delle indicazioni nutrizionali è AM\ doc 15/65 PE v01-00

16 pertanto necessario definire anche questo concetto. La Commissione chiederà al Gruppo di esperti scientifici sui prodotti dietetici, l alimentazione e le allergie dell AESA di proporre quanto prima una definizione di dati scientifici generalmente accettati e di biodisponibilità. Tali definizioni dovrebbero essere adottate in conformità delle procedure previste dal regolamento in esame. Emendamento presentato da Dorette Corbey Emendamento 60 Articolo 2, alinea 2 ter (nuovo) (8 c) Entro 6 mesi dall'adozione del presente regolamento la Commissione definisce, conformemente alla procedura di cui all'articolo 23, paragrafo 2, i concetti seguenti: - "profilo nutrizionale", descrivendo chiaramente il motivo per cui sono utilizzati i profili nutrizionali, la procedura applicata per predisporli nonché le modalità per garantire il coinvolgimento di tutte le parti interessate, con specifico riferimento agli operatori industriali e ai consumatori; - "biodisponibilità"; - "zuccheri", per l'applicazione dell'allegato; - "fibre", per l'applicazione dell'allegato. Or. nl I profili nutrizionali costituiscono un elemento centrale della proposta. Purtroppo nulla è ben chiaro in proposito. Occorre una definizione precisa per gli operatori industriali, i consumatori ed i controllori ed occorre altresì definire i concetti di "biodisponibilità", "zuccheri" e "fibre alimentari". PE v /65 AM\ doc

17 Emendamento presentato da Satu Hassi Emendamento 61 Articolo 3, comma 2 bis (nuovo) Qualora un autorità nazionale di uno Stato membro abbia motivo di ritenere che un indicazione sulla salute possa essere in contraddizione con le linee guida nutrizionali nazionali e costituisca pertanto un pericolo per lo stato nutrizionale della popolazione, lo Stato membro interessato può limitare l utilizzo dell indicazione in questione sul proprio territorio. Le linee guida nutrizionali nazionali non devono essere ignorate. Pertanto, in caso di timori per la salute fondati, il governo di uno Stato membro deve avere la facoltà di limitare l utilizzo delle indicazioni in questione sul suo territorio. Emendamento presentato da Dorette Corbey Emendamento 62 Articolo 4, paragrafo 1, comma 1 1. Entro 18 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati dagli alimenti o da talune loro categorie per poter recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. 1. Entro 6 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità dell'articolo 251 del trattato, propone le procedure per addivenire ai profili nutrizionali che devono essere rispettati da talune categorie di alimenti. Entro 24 mesi dall'adozione del presente regolamento secondo il disposto del primo comma, la Commissione predispone, ai sensi della procedura di cui all'articolo 23 del presente regolamento, profili nutrizionali per almeno cinque categorie di prodotti alimentari, in base alla procedura di cui al primo comma relativa alla predisposizione dei profili nutrizionali. AM\ doc 17/65 PE v01-00

18 Or. nl 1. Entro 18 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati dagli alimenti o da talune loro categorie per poter recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. I profili nutrizionali sono definiti, in particolare, facendo riferimento al tenore delle seguenti sostanze nutritive presenti nell alimento: a) grassi, acidi grassi saturi, acidi grassi trans Emendamento presentato da Avril Doyle Emendamento 63 Articolo 4, paragrafo 1, commi 1 e 2 b) zuccheri b) zuccheri c) sale/sodio. c) sale/sodio. 1. Entro 18 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati da talune categorie di alimenti per poter recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. I profili nutrizionali sono definiti, in particolare, facendo riferimento al tenore delle seguenti sostanze nutritive presenti nelle categorie di alimenti individuate: a) grassi, acidi grassi saturi, acidi grassi trans I profili nutrizionali non sono applicabili agli integratori alimentari, sebbene siano accettate alcune eccezioni a questo principio. Emendamento presentato da Françoise Grossetête Emendamento 64 Articolo 4, paragrafo 1 1. Entro 18 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati dagli alimenti o da talune loro categorie per poter 1. Entro 18 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati dagli alimenti o da talune loro categorie per poter PE v /65 AM\ doc

19 recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. I profili nutrizionali sono definiti, in particolare, facendo riferimento al tenore delle seguenti sostanze nutritive presenti nell alimento: a) grassi, acidi grassi saturi, acidi grassi trans recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. I profili nutrizionali sono definiti per categorie di prodotti alimentari che condividono caratteristiche nutrizionali comuni prendendo soprattutto in considerazione: - le quantità di talune sostanze nutritive e altre sostanze presenti nell'alimento considerato; b) zuccheri - l'importanza dell'alimento (o delle categorie di alimenti) nel regime alimentare; c) sale/sodio. - la composizione dell'alimento e in particolare la presenza di sostanze nutritive riconosciute scientificamente come aventi un effetto benefico sulla salute. I profili nutrizionali sono basati sulle conoscenze scientifiche in materia di dieta, nutrizione e rapporto di queste ultime con la salute e, in particolare, sul ruolo delle sostanze nutritive e delle sostanze di altro tipo a effetto nutrizionale o fisiologico nell insorgere delle malattie croniche. Nel determinare i profili nutrizionali, la Commissione richiede il parere dell Autorità e procede a consultazioni con le parti interessate, in particolare gli operatori del settore alimentare e le associazioni dei consumatori. Le esenzioni e gli aggiornamenti necessari per tener conto degli sviluppi scientifici in materia sono adottati in conformità della procedura di cui all articolo 23, paragrafo 2. I profili nutrizionali sono basati sulle conoscenze scientifiche in materia di dieta, nutrizione e rapporto di queste ultime con la salute. Nel determinare i profili nutrizionali, la Commissione richiede il parere dell Autorità e procede a consultazioni con le parti interessate, in particolare gli operatori del settore alimentare e le associazioni dei consumatori. Le esenzioni all'obbligo del rispetto dei profili nutrizionali e gli aggiornamenti necessari per tener conto degli sviluppi scientifici in materia sono adottati in conformità della procedura di cui all articolo 23, paragrafo 2. L'introduzione di profili nutrizionali è particolarmente importante e a tal fine è essenziale determinare con maggiore precisione i vari profili. Sembra pertanto più pertinente un riconoscimento di criteri per categoria di elementi che condividono caratteristiche nutrizionali comuni rispetto a un approccio generale. Or. fr AM\ doc 19/65 PE v01-00

20 Emendamento presentato da Alejo Vidal-Quadras Roca e María del Pilar Ayuso González 1. Entro 18 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati dagli alimenti o da talune loro categorie per poter recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. I profili nutrizionali sono definiti, in particolare, facendo riferimento al tenore delle seguenti sostanze nutritive presenti nell alimento: a) grassi, acidi grassi saturi, acidi grassi trans Emendamento 65 Articolo 4, paragrafo 1 1. Entro 24 mesi dall adozione del presente regolamento, e dopo aver consultato l'autorità, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati dagli alimenti o da talune loro categorie per poter recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. I profili nutrizionali per gli alimenti o per talune loro categorie sono definiti tenendo conto, in particolare: - delle quantità di talune sostanze nutritive e d'altro tipo contenute negli alimenti, b) zuccheri - del ruolo e dell'importanza degli alimenti o categorie di alimenti nella dieta, c) sale/sodio. - della composizione nutrizionale globale degli alimenti e della presenza di sostanze nutritive di cui è stato riconosciuto scientificamente che hanno un effetto sulla salute. I profili nutrizionali sono basati sulle conoscenze scientifiche in materia di dieta, nutrizione e rapporto di queste ultime con la salute e, in particolare, sul ruolo delle sostanze nutritive e delle sostanze di altro tipo a effetto nutrizionale o fisiologico nell insorgere delle malattie croniche. Nel determinare i profili nutrizionali, la Commissione richiede il parere dell Autorità e procede a consultazioni con le parti interessate, in particolare gli operatori del settore alimentare e le associazioni dei consumatori. Le esenzioni e gli aggiornamenti necessari per tener conto degli sviluppi scientifici in materia sono adottati in conformità della procedura di cui all articolo 23, paragrafo 2. I profili nutrizionali sono basati sulle conoscenze scientifiche in materia di dieta, nutrizione e rapporto di queste ultime con la salute. Nel determinare i profili nutrizionali, la Commissione procede a consultazioni con le parti interessate, in particolare gli operatori del settore alimentare e le associazioni dei consumatori. Le esenzioni e gli aggiornamenti in relazione all'obbligo di rispettare i profili nutrizionali per le sostanze nutritive o per poter utilizzare indicazioni nutrizionali, necessari per tener conto degli sviluppi PE v /65 AM\ doc

INDICAZIONI NUTRIZIONALI E SULLA SALUTE. REG.CE n. 1924/2006

INDICAZIONI NUTRIZIONALI E SULLA SALUTE. REG.CE n. 1924/2006 INDICAZIONI NUTRIZIONALI E SULLA SALUTE REG.CE n. 1924/2006 1 OBIETTIVI SPECIFICI Integrazione dei principi generali in tema di etichettatura dei prodotti alimentari che impongono un divieto generale di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1301 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FALLICA, BERNARDO, CARLUCCI, CATONE, CICU, COLUCCI, D IPPOLITO VITALE, GERMANÀ, GIAMMANCO,

Dettagli

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Ministero della Salute Direzione generale igiene e sicurezza alimenti e nutrizione Ufficio IV ex DGSAN 1 ALIMENTO Come sono definiti sul piano

Dettagli

Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità

Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità Orientamenti ministeriali sull applicazione della nuova normativa sull etichettatura

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE STUCCHI, REGUZZONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE STUCCHI, REGUZZONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2548 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI STUCCHI, REGUZZONI Disposizioni per assicurare l informazione dei consumatori sul livello

Dettagli

Le etichette alimentari

Le etichette alimentari Le etichette alimentari Le etichette riportate sulle confezioni dei prodotti alimentari aiutano a compiere una scelta informata su ciò che consumeremo L etichettatura dei prodotti alimentari destinati

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 30.12.2006 L 404/9 REGOLAMENTO (CE) N. 1924/2006 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2006 relativo alle indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari IL PARLAMENTO

Dettagli

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS Avv. Neva Monari Studio Avv.Corte e Andreis Cremona, 1 dicembre 2006 1 DEFINIZIONE (Linee guida Min. Salute

Dettagli

REG. (CE) n. 1924/2006 Ruolo del Ministero

REG. (CE) n. 1924/2006 Ruolo del Ministero Modena 27 maggio 2009 REG. (CE) n. 1924/2006 Ruolo del Ministero Lucia Guidarelli Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali Regolamento claims campo di applicazione ETICHETTATURA PRESENTAZIONE

Dettagli

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Dr.ssa Simona De Stefano Direzione Generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio V Nutrizione - Ministero della Salute Roma,

Dettagli

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Corso di formazione sugli additivi alimentari 23 gennaio 2013 I edizione 24 gennaio 2013 II edizione Benevento Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Antonella Semeraro

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

***II POSIZIONE COMUNE

***II POSIZIONE COMUNE PARLAMENTO EUROPEO 1999 Documento di seduta 2004 C5-0331/2000 03/07/2000 ***II POSIZIONE COMUNE Oggetto: Posizione comune definita dal Consiglio del 29 giugno 2000in vista dell'adozione della direttiva

Dettagli

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food E. Monica Russo Integratori alimentari e novel food enza.russo@lab-to.camcom.it Isernia, 2 aprile 2014 1 MINISTERO DELLA SALUTE www.salute.gov.it TEMI E PROFESSIONI ALIMENTI ALIMENTI PARTICOLARI integratori

Dettagli

del 29 settembre 2003 relativa all'etichettatura nutrizionale dei prodotti alimentari (90/496/CEE) (GU L 276 del 6.10.1990, pag.

del 29 settembre 2003 relativa all'etichettatura nutrizionale dei prodotti alimentari (90/496/CEE) (GU L 276 del 6.10.1990, pag. 1990L0496 IT 09.01.2004 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 24 settembre 1990 relativa all'etichettatura

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 7.7.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 186/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1028/2006 DEL CONSIGLIO del 19 giugno 2006 recante norme

Dettagli

YOGURT DEFILE DELLA CENTRALE

YOGURT DEFILE DELLA CENTRALE YOGURT DEFILE DELLA CENTRALE YOGURT A TASSO RIDOTTO DI ZUCCHERI la riduzione è pari al 30% rispetto alla media degli yogurt alla frutta intero più venduti, che riportano in tabella nutrizionale la percentuale

Dettagli

EMENDAMENTI 34-72. IT Unita nella diversità IT 2011/0354(COD) 7.6.2012. Progetto di relazione Zuzana Roithová (PE488.065v01-00)

EMENDAMENTI 34-72. IT Unita nella diversità IT 2011/0354(COD) 7.6.2012. Progetto di relazione Zuzana Roithová (PE488.065v01-00) PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 2011/0354(COD) 7.6.2012 EMENDAMENTI 34-72 Progetto di relazione (PE488.065v01-00) sulla proposta di direttiva

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2003R1830 IT 11.12.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1830/2003 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

I claim nutrizionali e salutistici

I claim nutrizionali e salutistici I claim nutrizionali e salutistici Dr.ssa Flavia Milan Dirigente medico Referente area Nutrizionale Servizio Igiene degli alimenti e Nutrizione ASL NO NOVARA 27 Febbraio 2014 1 C ERA UNA VOLTA l Art. 2/1

Dettagli

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92 TITOLO DOCUMENTO Etichettatura degli alimenti: le nuove disposizioni del Reg. UE 1169/11 AREA TEMATICA Ambiente ed Energia SETTORE Qualità e Sicurezza alimentare ARGOMENTO SPECIFICO Sicurezza degli alimenti

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE 30.5.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 135/3 REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE del 29 maggio 2009 concernente i materiali attivi e intelligenti destinati a venire a contatto con

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 16.7.2003 COM(2003) 424 definitivo 2003/0165 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo alle indicazioni nutrizionali e

Dettagli

Gazzetta ufficiale n. L 247 del 21/09/2007 pag. 0017-0020

Gazzetta ufficiale n. L 247 del 21/09/2007 pag. 0017-0020 Avviso legale importante Direttiva 2007/45/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 settembre 2007, che reca disposizioni sulle quantità nominali dei prodotti preconfezionati, abroga le direttive

Dettagli

ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016

ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016 ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016 Marcella Cabiddu, Ignazio Ibba, Danilo Muggianu Contribuire ad assicurare un livello elevato di

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

***II PROGETTO DI RACCOMANDAZIONE PER LA SECONDA LETTURA

***II PROGETTO DI RACCOMANDAZIONE PER LA SECONDA LETTURA PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare 2011/0156(COD) 8.5.2013 ***II PROGETTO DI RACCOMANDAZIONE PER LA SECONDA LETTURA sulla posizione del

Dettagli

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014 Bologna, 03 ottobre 2014 Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari Graziella Lasi Resp. Consumer Care, Leg.Alimentare, Nutr, Com. medico-scient. Gruppo GRANAROLO

Dettagli

Diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare ***I

Diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare ***I P7_TA-PROV(2011)0208 Diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare ***I Risoluzione legislativa del Parlamento europeo dell'11 maggio 2011 sulla

Dettagli

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Etichettature alimentari- le sanzioni sugli errori dopo le modifiche del regolamento UE n. 1169/2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 25.11.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 310/29 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 che modifica la direttiva 2006/42/CE relativa alle

Dettagli

ALIMENTI FUNZIONALI II Parte

ALIMENTI FUNZIONALI II Parte ALIMENTI FUNZIONALI II Parte Amedeo Schipani Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita Alimenti funzionali In Europa nel 1996, sotto il coordinamento dell ILSI (International Life

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE L 145/14 16.5.2014 REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE dell'11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio mediante la modifica del

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2008R1332 IT 03.12.2012 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1332/2008 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

Alimentare Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa

Alimentare Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Alimentare Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa Roma, 2 marzo 2010 Presidenza Cna Alimentare Circolare n. 5 Consiglio Cna Alimentare Referenti Provinciali e Regionali

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione giuridica e per il mercato interno 28 agosto 2001 PE 294.974/9-23 EMENDAMENTI 9-23 Progetto di parere (PE 294.974) di Enrico Ferri sulla proposta di direttiva del

Dettagli

La correlazione tra la direttiva 98/34/CE e il regolamento sul reciproco riconoscimento

La correlazione tra la direttiva 98/34/CE e il regolamento sul reciproco riconoscimento COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE IMPRESE E INDUSTRIA Documento orientativo 1 Bruxelles 1.2.2010 - La correlazione tra la direttiva 98/34/CE e il regolamento sul reciproco riconoscimento 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE Normativa nazionale MINISTERO DELLA SALUTE Decreto 9 agosto 2005, n.199 Regolamento recante recepimento della direttiva 2003/115/CE 1 che modifica la direttiva 94/35/CE sugli edulcoranti destinati ad essere

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N.262 DEL 28 DICEMBRE 2005 CONCERNENTE I PROCEDIMENTI PER L ADOZIONE DI ATTI DI REGOLAZIONE Il presente documento, recante lo schema di

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali P.I. Alessandro Melzi Funzione Valutazione Conformità Prodotto Laboratorio Dispositivi Medici IMQ S.p.A. - Milano POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova.

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del 19 giugno 2006. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. (pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione

Dettagli

Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI. Maria Severina Liberati

Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI. Maria Severina Liberati Cesena, 13 maggio 2014 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E INFORMAZIONE DEI CONSUMATORI Maria Severina Liberati 1 La nuova ratio Etichettatura e informazione dei consumatori Direttiva 2000/13/CE relativa

Dettagli

I claims nutrizionali e salutistici

I claims nutrizionali e salutistici Verbania 19 febbraio 2014 I claims nutrizionali e salutistici Laura Bersani laura.bersani@lab-to.camcom.it ETICHETTATURA VOLONTARIA Riportare informazioni non obbligatorie - Tutela consumatore (art.2 del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva L 12/14 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 14.1.2012 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva (codificazione)

Dettagli

La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli

La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli Definizione di farmaco ogni sostanza o associazione di sostanze presentata come avente proprietà curative

Dettagli

NOVEL FOOD: QUADRO TECNICO NORMATIVO

NOVEL FOOD: QUADRO TECNICO NORMATIVO Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA SICUREZZA ALIMENTARE E GLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE Direzione Generale dell Igiene e Sicurezza, degli Alimenti

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE 12.12.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 334/25 REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE dell 8 dicembre 2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio

Dettagli

NUOVE INFORMAZIONI ALIMENTARI. Francesco Aversano. www.avvocatoaversano.it

NUOVE INFORMAZIONI ALIMENTARI. Francesco Aversano. www.avvocatoaversano.it NUOVE INFORMAZIONI ALIMENTARI Campobasso 27 aprile OTAM Francesco Aversano www.avvocatoaversano.it ETICHETTATURA PRESENTAZIONE PUBBLICITA INFORMAZIONI REGOLAMENTO (UE) N. 1169/2011 DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento?

Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento? PROGETTO AGRICOLTURA E ALIMENTAZIONE: BIODIVERSITÀ, CULTURA, AMBIENTE, INNOVAZIONE, SICUREZZA Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento? Milena Casali Istituto

Dettagli

DIRETTIVA 2013/56/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2013/56/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 10.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 329/5 DIRETTIVA 2013/56/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 20 novembre 2013 che modifica la direttiva 2006/66/CE del Parlamento europeo e

Dettagli

Circolazione stradale: direttiva europea per incentivare la sicurezza dei pedoni ( Direttiva Europea 17.11.2003 n 2003/102/CE )

Circolazione stradale: direttiva europea per incentivare la sicurezza dei pedoni ( Direttiva Europea 17.11.2003 n 2003/102/CE ) Circolazione stradale: direttiva europea per incentivare la sicurezza dei pedoni ( Direttiva Europea 17.11.2003 n 2003/102/CE ) Con la Direttiva 2003/102/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio sono

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Le linee guida ministeriali sui probiotici BRUNO SCARPA Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio IV ex DGSAN Roma, 25 novembre 2013 Probiotici

Dettagli

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI CAPITOLO I Campo di applicazione - Commercializzazione e libera circolazione Art. 1-1. La

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 29.6.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 181/35 REGOLAMENTO (UE) N. 609/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 giugno 2013 relativo agli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini

Dettagli

I Prodotti Fitosanitari alla luce dei Regolamenti REACH e CLP

I Prodotti Fitosanitari alla luce dei Regolamenti REACH e CLP DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Corso di aggiornamento PESTICIDI RISCHI OCCUPAZIONALI E AMBIENTALI Reggio Emilia 25 gennaio 2014 I Prodotti Fitosanitari alla luce dei Regolamenti REACH e CLP Patrizia Ferdenzi

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità susanna neuhold responsabile nazionale area food il glutine negli alimenti CONOSCERE:

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014. Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia PROGETTO DI PARERE

PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014. Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia PROGETTO DI PARERE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia 2013/0371(COD) 6.2.2014 PROGETTO DI PARERE della commissione per l'industria, la ricerca e l'energia destinato alla commissione

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE/ LE QUASI MACCHINE

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE/ LE QUASI MACCHINE Per_Ind_Valeri_Vanni - QM.doc PAG. 1 DI 7 REV. 00 SAVE DATA: 09/10/12 PRINT DATA: 10/10/12 NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE/ LE QUASI MACCHINE Le QUASI MACCHINE sono: insiemi che costituiscono quasi

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2002R1606 IT 10.04.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1606/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Lo schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva in oggetto scaturisce dalla necessità di adeguamento dell ordinamento nazionale al contesto europeo in materia di

Dettagli

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006

Sede Operativa: Via G. Papini n. 18 40128 Bologna (Bo) Tel. + 39 051 4172311 fax + 39 051 326006 Alle Imprese Associate del Settore Alimentazione e Pubblici Esercizi Oggetto: etichettatura alimenti ed indicazione alergeni La piena applicazione del Regolamento (CE) 25 ottobre 2011, n. 1169 ha comportato

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino L etichettatura dei prodotti alimentari Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Milano, 6 marzo 2015 ETICHETTATURA qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale,

Dettagli

I prodotti alimentari preconfezionati destinati al consumatore devono riportare le seguenti indicazioni:

I prodotti alimentari preconfezionati destinati al consumatore devono riportare le seguenti indicazioni: ETICHETTATURA Decr. L.vo 27.1.92 n. 109 Attuazione delle Dir. 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari Finalità a) non indurre in errore

Dettagli

Regolamento (cee) n. 880/92

Regolamento (cee) n. 880/92 Regolamento (cee) n. 880/92 TITOLO: Regolamento (cee) n. 880/92 DATA: 23 marzo 1992 Regolamento (cee) n. 880/92 del consiglio del 23 marzo 1992 concernente un sistema comunitario di assegnazione di un

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA 22.7.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 200/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE EUROPEA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 13 luglio 2010 recante orientamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 489/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 489/2012 DELLA COMMISSIONE 9.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 150/71 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 489/2012 DELLA COMMISSIONE dell 8 giugno 2012 recante norme d esecuzione ai fini dell applicazione dell articolo

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE

LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE Con il Decreto Legislativo n. 206 del 6 settembre 2005, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 235 dell 8 ottobre 2005 Supplemento ordinario n. 162, è

Dettagli

DIRETTIVA 2008/39/CE DELLA COMMISSIONE

DIRETTIVA 2008/39/CE DELLA COMMISSIONE L 63/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 7.3.2008 DIRETTIVE DIRETTIVA 2008/39/CE DELLA COMMISSIONE del 6 marzo 2008 che modifica la direttiva 2002/72/CE relativa ai materiali e agli oggetti di materia

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 30.10.2014 L 309/23 REGOLAMENTO (UE) N. 1154/2014 DELLA COMMISSIONE del 29 ottobre 2014 relativo al rifiuto dell'autorizzazione di alcune indicazioni sulla salute fornite sui prodotti alimentari, diverse

Dettagli

REGOLAMENTI. (Testo rilevante ai fini del SEE)

REGOLAMENTI. (Testo rilevante ai fini del SEE) L 162/12 27.6.2015 REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) 2015/1011 DELLA COMMISSIONE del 24 aprile 2015 che integra il regolamento (CE) n. 273/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai precursori

Dettagli

Argomento: Sacchetti per la spesa biodegradabili: il quadro normativo europeo

Argomento: Sacchetti per la spesa biodegradabili: il quadro normativo europeo Argomento: Sacchetti per la spesa biodegradabili: il quadro normativo europeo I sacchetti della spesa sono diventati oggetto di molte discussioni dopo che è entrato in vigore il divieto alla loro commercializzazione

Dettagli

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali CSI 9 febbraio 2012 La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali M R Milana Istituto Superiore di Sanità- Roma MOCA : Quali materiali e oggetti? Tutti i materiali

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Ordinanza del DFI sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari

Ordinanza del DFI sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari Ordinanza del DFI sulla caratterizzazione e la pubblicità delle derrate alimentari (OCDerr) Modifica del 13 ottobre 2010 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina: I L ordinanza del DFI del 23

Dettagli

DIRETTIVA 94/35/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 giugno 1994 sugli edulcoranti destinati ad essere utilizzati nei prodotti alimentari

DIRETTIVA 94/35/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 giugno 1994 sugli edulcoranti destinati ad essere utilizzati nei prodotti alimentari Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 30 giugno 1994 sugli edulcoranti destinati

Dettagli

Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana

Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana FORUM FOOD & MADE IN ITALY NUOVI SCENARI PER L'AGROALIMENTARE Milano, 30 GIUGNO 2015 Nuovi obiettivi per l export dell industria agroalimentare italiana AGENDA Introduzione Etichettatura: l evoluzione

Dettagli

Codice CIFRA: ATP/DEL/2012/

Codice CIFRA: ATP/DEL/2012/ R E G I O N E P U G L I A DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE Servizio Programmazione assistenza territoriale e prevenzione Ufficio Sanità pubblica e sicurezza del lavoro Codice CIFRA: ATP/DEL/2012/ OGGETTO:

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE 6.8.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 205/3 REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE del 5 agosto 2005 recante modifica dell allegato IV del regolamento (CE) n. 999/2001 del Parlamento

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL UNIONE EUROPEA Che cosa si intende per sicurezza alimentare? Con questo termine si intendono tutte quelle politiche e quelle strategie messe in atto dall'unione al fine di

Dettagli

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Riepilogo/sommario

Dettagli

ETICHETTATURA E CLAIMS NUTRIZIONALI DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA E CLAIMS NUTRIZIONALI DEGLI ALIMENTI ETICHETTATURA E CLAIMS NUTRIZIONALI DEGLI ALIMENTI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC NOVEMBRE 2009 PREMESSA La ricerca scientifica sugli alimenti ha evidenziato che esiste un ampia gamma

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione giuridica e per il mercato interno

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione giuridica e per il mercato interno PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione giuridica e per il mercato interno 8 giugno 2001 DOCUMENTO DI LAVORO sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle macchine e

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 51 RISOLUZIONE DELLA 9ª COMMISSIONE PERMANENTE (Agricoltura e produzione agroalimentare) (Estensore SCOMA) approvata nella seduta del 12 febbraio

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 427

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 427 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 427 Disposizioni per assicurare l'informazione dei consumatori sul livello dell'indice glicemico dei prodotti alimentari 08/02/2016-01:29 Indice 1. DDL S.

Dettagli

PROGETTO DI PARERE. IT Unita nella diversità IT. Parlamento europeo 2015/0278(COD) 10.5.2016. della commissione per la cultura e l'istruzione

PROGETTO DI PARERE. IT Unita nella diversità IT. Parlamento europeo 2015/0278(COD) 10.5.2016. della commissione per la cultura e l'istruzione Parlamento europeo 2014-2019 Commissione per la cultura e l'istruzione 2015/0278(COD) 10.5.2016 PROGETTO DI PARERE della commissione per la cultura e l'istruzione destinato alla commissione per il mercato

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Ufficio per la Cittadinanza europea, il Mercato interno e gli Affari generali Servizio II Mercato interno I REGIME GENERALE DI

Dettagli