PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia. 10 dicembre 2004 PE v01-00

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia. 10 dicembre 2004 PE 350.145v01-00"

Transcript

1 PARLAMENTO EUROPEO Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia 10 dicembre 2004 PE v01-00 EMENDAMENTI Progetto di parere di Angelika Niebler Indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari (PE v01-00) Proposta di regolamento (COM(2003)0424 C6-0329/ /0165(COD)) Testo della Commissione Emendamenti del Parlamento Emendamento presentato da Paul Rübig Emendamento 35 Considerando 6 (6) Gli alimenti promossi mediante indicazioni possono essere percepiti dal consumatore come portatori di un vantaggio nutrizionale, fisiologico o per la salute in generale rispetto ad altri prodotti simili o diversi privi delle stesse sostanze nutritive. Ciò può incoraggiare i consumatori a compiere scelte che influenzano direttamente la loro assunzione complessiva delle singole sostanze nutrienti o di altro tipo in modo contrario ai pareri scientifici in materia. Per contrastare questo potenziale effetto indesiderato, è opportuno imporre talune restrizioni per quanto riguarda i prodotti recanti indicazioni. In questo contesto, fattori come la presenza di determinate sostanze, ad esempio il contenuto di alcol o il profilo (6) Gli alimenti promossi mediante indicazioni possono essere percepiti dal consumatore come portatori di un vantaggio nutrizionale, fisiologico o per la salute in generale rispetto ad altri prodotti simili o diversi privi delle stesse sostanze nutritive. AM\ doc PE v01-00

2 nutrizionale del prodotto, sono criteri appropriati per determinare se il prodotto stesso possa recare indicazioni. Or. de L'idea di distinguere gli alimenti in prodotti che denotano un profilo nutrizionale vantaggioso e in altri con un profilo nutrizionale meno vantaggioso contrasta con il concetto di un'alimentazione equilibrata. In linea di massima, non esistono alimenti buoni o cattivi, ciò che conta è in quale proporzione viene consumato il singolo alimento. Inoltre, è falso presumere che il consumatore si lasci comunque influenzare negativamente da siffatte indicazioni. Emendamento presentato da Dorette Corbey Emendamento 36 Considerando 7 bis (nuovo) Emendamento presentato da Umberto Pirilli Emendamento 37 Considerando 8 (7 bis) I consumatori necessitano sempre più di affidabili e obiettive informazioni sulla qualità degli alimenti consumati. Sulla scorta di profili nutrizionali si può predisporre una indicazione di qualità che informi il consumatore sul tenore di zuccheri, sodio/sale, grassi insaturi, acidi grassi trans e altre sostanze alimentari (vitamine, minerali e fibre). Oltre che un rilevante passo verso una politica europea nel settore della qualità alimentare detta indicazione di qualità costituisce altresì un importante strumento nella lotta contro le malattie degenerative come quelle cardiovascolari ed il cancro. Or. nl (8) Vi è una vasta gamma di indicazioni attualmente utilizzate nell etichettatura e pubblicità degli alimenti in alcuni Stati (8) Vi è una vasta gamma di indicazioni attualmente utilizzate nell etichettatura e pubblicità degli alimenti in alcuni Stati PE v /65 AM\ doc

3 membri che fanno riferimento a sostanze il cui effetto benefico non è ancora stato dimostrato, o in merito al quale non esiste allo stato un consenso scientifico sufficiente. È necessario garantire che le sostanze per le quali è fornita un indicazione si siano dimostrate come portatrici di un effetto nutrizionale o fisiologico benefico. membri che fanno riferimento a sostanze il cui effetto benefico non è ancora stato dimostrato, o in merito al quale non esiste allo stato un consenso scientifico sufficiente. In tali casi l'etichettatura dovrebbe portare la dicitura "non ancora scientificamente provata". Or. it Le indicazioni utilizzate possono orientare il consumatore, il quale potrà essere consapevole che le indicazioni ricevute non hanno ancora ottenuto alcuna dimostrazione scientifica. Emendamento presentato da Françoise Grossetête Emendamento 38 Considerando 11 (11) La fondatezza scientifica dovrebbe essere l aspetto principale di cui tenere conto nell utilizzo di indicazioni nutrizionali e sulla salute, e gli operatori del settore alimentare che fanno uso di indicazioni dovrebbero giustificarle. (11) La fondatezza scientifica dovrebbe essere l aspetto principale di cui tenere conto nell utilizzo di indicazioni nutrizionali e sulla salute, e gli operatori del settore alimentare che fanno uso di indicazioni dovrebbero giustificarle. La giustificazione scientifica dovrebbe essere proporzionata alla natura dei benefici proposti dal prodotto. Or. fr Conformemente ai principi generali adottati nel regolamento che istituisce l'autorità europea per la sicurezza alimentare, occorrerebbe stabilire nel presente regolamento livelli di proporzionalità in funzione della natura dell'indicazione rivendicata dal prodotto: il livello di giustificazione scientifica richiesto per un'indicazione di riduzione del rischio di malattia sarà pertanto superiore a quello considerato per una indicazione funzionale. Emendamento presentato da Paul Rübig Emendamento 39 Considerando 11 AM\ doc 3/65 PE v01-00

4 (11) La fondatezza scientifica dovrebbe essere l aspetto principale di cui tenere conto nell utilizzo di indicazioni nutrizionali e sulla salute, e gli operatori del settore alimentare che fanno uso di indicazioni dovrebbero giustificarle. (11) La fondatezza scientifica dovrebbe essere l aspetto principale di cui tenere conto nell utilizzo di indicazioni nutrizionali e sulla salute, e gli operatori del settore alimentare che fanno uso di indicazioni dovrebbero giustificarle alla luce del principio di proporzionalità. Or. de Il principio in base al quale le indicazioni dovrebbero essere scientificamente fondate va accolto con favore. La fondatezza scientifica di una indicazione dovrebbe essere ottenuta con uno sforzo proporzionato (letteratura, documentazione, conoscenze generali in materia nutrizionale). L'entità e la profondità delle conoscenze scientifiche che ne costituiscono la fondatezza vanno stabilite nel singolo caso in base alle condizioni oggettive e dovrebbero essere in rapporto concreto con l'indicazione utilizzata, per cui, ad esempio, le indicazioni nutrizionali dovrebbero essere di norma documentate dalla letteratura e dalla documentazione scientifiche, mentre le nuove indicazioni per la riduzione del rischio di malattia dovrebbero essere documentate da studi clinici. Emendamento presentato da Umberto Pirilli Emendamento 40 Considerando 14 (14) Le indicazioni sulla salute dovrebbero essere autorizzate sul mercato comunitario soltanto dopo una valutazione scientifica del più alto livello possibile. Per garantire una valutazione scientifica armonizzata delle indicazioni, l Autorità europea per la sicurezza alimentare dovrebbe effettuare tali valutazioni. (14) Le indicazioni sulla salute da autorizzare sul mercato comunitario dovrebbero essere verificabili sul piano scientifico. Tale verifica potrà essere eseguita da un organo scientifico qualificato, ed in seguito a tale controllo il prodotto potrà essere immesso sul mercato. L'organo scientifico che ha effettuato l'esame dovrebbe trasmettere all'autorità europea per la sicurezza alimentare tutti gli elementi per il controllo successivo, in esito al quale l'autorizzazione per l'immissione del prodotto sul mercato diventa definitiva. Or. it PE v /65 AM\ doc

5 Anziché intasare il lavoro dell'autorità per la sicurezza alimentare, che rischierebbe di non poter fornire risposte in tempi utili, il prodotto potrebbe essere immesso provvisoriamente sul mercato sulla base della certificazione di un organo scientifico. Emendamento presentato da Umberto Pirilli Emendamento 41 Considerando 17 (17) Le indicazioni sulla salute che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo per la crescita, lo sviluppo e le normali funzioni fisiologiche dell organismo in base a conoscenze scientifiche ormai consolidate e non contestate devono essere soggette a un tipo diverso di valutazione e di approvazione. È dunque necessario adottare un elenco delle indicazioni consentite che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo. (17) Le indicazioni sulla salute che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo per la crescita, lo sviluppo e le normali funzioni fisiologiche dell organismo in base a conoscenze scientifiche ormai consolidate e non contestate devono essere soggette a un tipo diverso di valutazione e di approvazione. È dunque necessario adottare un elenco delle indicazioni consentite che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo. In attesa della certificazione definitiva dell'autorità europea per la sicurezza alimentare, il prodotto potrà essere immesso sul mercato secondo le modalità di cui all'articolo 14 bis. Or. it Il ruolo di una sostanza nutritiva nell'età evolutiva e dello sviluppo può assumere un'importanza fondamentale per la crescita; è opportuno quindi accordare una particolare tutela ai soggetti che attraversano tale fase. Emendamento presentato da Eluned Morgan Emendamento 42 Considerando 17 (17) Le indicazioni sulla salute che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo per la crescita, lo sviluppo e le normali funzioni fisiologiche dell organismo (17) Le indicazioni sulla salute che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo per la crescita, lo sviluppo e le normali funzioni fisiologiche dell organismo AM\ doc 5/65 PE v01-00

6 in base a conoscenze scientifiche ormai consolidate e non contestate devono essere soggette a un tipo diverso di valutazione e di approvazione. È dunque necessario adottare un elenco delle indicazioni consentite che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo. in base a conoscenze scientifiche ormai consolidate e non contestate devono essere soggette a un tipo diverso di valutazione e di approvazione. È dunque necessario adottare, previa consultazione dell Autorità, un elenco delle indicazioni consentite che descrivono il ruolo di una sostanza nutritiva o di altro tipo. Le conoscenze scientifiche ormai consolidate e non contestate devono essere valutate da scienziati indipendenti, per cui è necessario coinvolgere l Autorità europea per la sicurezza alimentare. Emendamento presentato da Satu Hassi Emendamento 43 Considerando 20 (20) Al fine di garantire che le indicazioni sulla salute risultino veritiere, chiare, affidabili e utili ai consumatori nello scegliere una dieta sana, la formulazione e la presentazione di tali indicazioni dovrebbero essere prese in considerazione nel parere dell Autorità e nella successiva procedura di autorizzazione. (20) Al fine di garantire che le indicazioni sulla salute risultino veritiere, chiare, affidabili e utili ai consumatori nello scegliere una dieta sana, la formulazione e la presentazione di tali indicazioni devono essere prese in considerazione nel parere dell Autorità e nella successiva procedura di autorizzazione. La procedura di autorizzazione dovrebbe prevedere la consultazione di un gruppo rappresentativo di consumatori incaricato di valutare la percezione e la comprensione dell indicazione. È necessario precisare con maggiore chiarezza la necessità di tener conto del parere dell AESA. I consumatori potrebbero percepire il significato di un indicazione in modo diverso rispetto all intenzione degli scienziati e/o dell industria del settore, per cui è importante coinvolgere un gruppo rappresentativo di consumatori nella procedura di autorizzazione. PE v /65 AM\ doc

7 Emendamento presentato da Eluned Morgan Emendamento 44 Considerando 20 (20) Al fine di garantire che le indicazioni sulla salute risultino veritiere, chiare, affidabili e utili ai consumatori nello scegliere una dieta sana, la formulazione e la presentazione di tali indicazioni dovrebbero essere prese in considerazione nel parere dell Autorità e nella successiva procedura di autorizzazione. (20) Al fine di garantire che le indicazioni sulla salute risultino veritiere, chiare, affidabili e utili ai consumatori nello scegliere una dieta sana, la formulazione e la presentazione di tali indicazioni devono essere prese in considerazione nel parere dell Autorità e nella successiva procedura di autorizzazione. La procedura di autorizzazione dovrebbe prevedere la consultazione di un gruppo rappresentativo di consumatori incaricato di valutare la percezione e la comprensione dell indicazione. Il verbo devono rafforza il testo. I consumatori potrebbero percepire il significato di un indicazione in modo diverso rispetto all intenzione degli scienziati e/o dell industria del settore, per cui è importante coinvolgere un gruppo rappresentativo di consumatori nella procedura di autorizzazione. Emendamento presentato da Umberto Pirilli Emendamento 45 Considerando 20 (20) Al fine di garantire che le indicazioni sulla salute risultino veritiere, chiare, affidabili e utili ai consumatori nello scegliere una dieta sana, la formulazione e la presentazione di tali indicazioni dovrebbero essere prese in considerazione nel parere dell Autorità e nella successiva procedura di autorizzazione. (20) Al fine di garantire che le indicazioni sulla salute risultino veritiere, chiare, affidabili e utili ai consumatori nello scegliere una dieta sana, la formulazione e la presentazione di tali indicazioni dovrebbero essere prese in considerazione nel parere dell Autorità e nella successiva procedura di autorizzazione, fermo restando quanto stabilito all'articolo 14 bis. Or. it AM\ doc 7/65 PE v01-00

8 La procedura prevista al considerando 14 è necessaria per garantire i tempi della commercializzazione del prodotto, fermo restando il parere definitivo dell'autorità. Emendamento presentato da Françoise Grossetête Emendamento 46 Considerando 24 bis (nuovo) (24 bis) Occorrerebbe fornire alle piccole e medie imprese un aiuto particolare per la preparazione dei fascicoli e per il costo occasionato da tale valutazione centralizzata. Le PMI non devono essere penalizzate dall'introduzione di questo nuovo sistema. Emendamento presentato da Françoise Grossetête Emendamento 47 Considerando 28 bis (nuovo) Or. fr (28 bis) Sarebbe opportuno che la Commissione varasse una campagna generale d'informazione sulle questioni nutrizionali e sull'importanza di adottare sane abitudini alimentari. L'obesità diventa un problema importante nell'unione europea. Pertanto, parallelamente all'introduzione del presente regolamento, il varo di una campagna generale sulle abitudini alimentari sembra opportuno per sensibilizzare ogni cittadino. Or. fr PE v /65 AM\ doc

9 Emendamento presentato da Françoise Grossetête Emendamento 48 Articolo 1, paragrafo 2 2. Il presente regolamento si applica alle indicazioni nutrizionali e sulla salute nell etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari forniti al consumatore finale. Esso si applica anche ai prodotti alimentari destinati a ristoranti, ospedali, scuole, mense e servizi analoghi di ristorazione di collettività. 2. Il presente regolamento si applica alle indicazioni nutrizionali e sulla salute nell etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari forniti al consumatore finale, escluse le azioni di cui al regolamento (CE) n. 2826/2000 del Consiglio del 19 dicembre 2000 relativo ad azioni di informazione e di promozione a favore dei prodotti agricoli sul mercato interno 1. Esso si applica anche ai prodotti alimentari destinati a ristoranti, ospedali, scuole, mense e servizi analoghi di ristorazione di collettività. 1 GU L 328 del , pag. 2. Regolamento modificato dal regolamento (CE) n. 2060/2004 (GU L 357 del , pag. 3). Or. fr La redazione del testo attuale presenta ambiguità che possono indurre a pensare che la pubblicità comprenda la promozione dei prodotti agricoli, stante che esistono politiche europee e nazionali a favore dell'informazione e della promozione generica dei prodotti agricoli sotto il controllo delle autorità comunitarie che occorre preservare nell'interesse stesso del consumatore. AM\ doc 9/65 PE v01-00

10 Emendamento presentato da Satu Hassi Emendamento 49 Articolo 1, paragrafo 2 2. Il presente regolamento si applica alle indicazioni nutrizionali e sulla salute nell etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari forniti al consumatore finale. Esso si applica anche ai prodotti alimentari destinati a ristoranti, ospedali, scuole, mense e servizi analoghi di ristorazione di collettività. 2. Il presente regolamento si applica alle indicazioni nutrizionali e sulla salute, inclusi tutti gli aspetti relativi alla denominazione commerciale e alla presentazione che potrebbero implicare un indicazione nutrizionale o sulla salute, nell etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari forniti al consumatore finale. Esso si applica anche ai prodotti alimentari destinati a ristoranti, ospedali, scuole, mense e servizi analoghi di ristorazione di collettività. È importante includere i marchi commerciali nel campo di applicazione del presente regolamento, poiché marchi quali The Food Doctor sono chiaramente fuorvianti per i consumatori. Inoltre, dovrebbero essere inclusi altri aspetti relativi alla presentazione del prodotto, come per esempio l imballaggio, al fine di tutelare i consumatori e di chiarire il campo di applicazione del regolamento. Emendamento presentato da Avril Doyle Emendamento 50 Articolo 1, paragrafo 4 4. Il presente regolamento si applica fatte salve le disposizioni specifiche riguardanti gli alimenti per particolari usi nutrizionali definite dalla legislazione comunitaria. 4. Il presente regolamento si applica fatte salve le disposizioni specifiche riguardanti gli alimenti per particolari usi nutrizionali definite dalla direttiva del Consiglio 89/398/CEE 1 e della relative direttive di attuazione. 1 GU L 186 del , pag.27. Direttiva modificata da ultimo dal regolamento (CE) n. 1882/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio (GU L 284 del , pag. 1). PE v /65 AM\ doc

11 L emendamento è inteso a precisare il campo di applicazione del regolamento. Emendamento presentato da Avril Doyle Emendamento 51 Articolo 1, paragrafo 4 4. Il presente regolamento si applica fatte salve le disposizioni specifiche riguardanti gli alimenti per particolari usi nutrizionali definite dalla legislazione comunitaria. 4. Il presente regolamento si applica fatte salve le disposizioni specifiche riguardanti gli alimenti per particolari usi nutrizionali e gli integratori alimentari definite dalla legislazione comunitaria. Onde evitare qualsiasi confusione per quanto concerne l inclusione degli integratori alimentari nel campo di applicazione del presente regolamento, è opportuno menzionare specificamente gli integratori alimentari all articolo 1, paragrafo 4. Emendamento presentato da Avril Doyle Emendamento 52 Articolo 1, paragrafo 4 bis (nuovo) 4 bis. Qualora un prodotto rientri chiaramente nella definizione di alimento o di integratore alimentare e l indicazione figurante su tale prodotto sia conforme al presente regolamento, non si applicano le disposizioni della direttiva 2001/83/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 novembre 2001, recante un codice comunitario relativo ai medicinali per uso umano 1. 1 GU L 311 del , pag. 67. Direttiva modificata da ultimo dalla direttiva 2004/27/CE (GU L 136 del , pag. 34). AM\ doc 11/65 PE v01-00

12 Un alimento o un integratore alimentare che rechi un indicazione relativa a una funzione fisiologica di una persona, pur rispettando pienamente il presente regolamento, potrebbe tuttavia essere considerato come un medicinale dalle autorità nazionali, in seguito alla recente modifica degli articoli 1, paragrafo 2, e 2, paragrafo 2, della direttiva 2001/83/CE, in base alla quale la legislazione farmaceutica prevale sulla legislazione alimentare. Al momento dell immissione sul mercato di un nuovo prodotto pienamente conforme al presente regolamento, la società in questione deve avere la certezza che il prodotto non potrà essere oggetto di contestazione a livello nazionale ai sensi della direttiva 2001/83/CE. In caso contrario, non saranno realizzati gli obiettivi della parità delle condizioni e della certezza giuridica a cui mira il presente regolamento. Il regolamento dovrebbe pertanto rafforzare il contenuto del considerando 7 della direttiva che modifica la direttiva 2001/83/CE, adottata recentemente, stabilendo che qualora i prodotti siano chiaramente alimenti e integratori alimentari le disposizioni della direttiva 2001/83/CE non si applicano. Emendamento presentato da Eluned Morgan Emendamento 53 Articolo 1, paragrafo 4 bis (nuovo) 4 bis. Il presente regolamento non si applica ai sistemi di controllo del regime alimentare che sono marchi registrati. In un epoca in cui il problema dell obesità sta crescendo, sarebbe irresponsabile accettare che il presente regolamento escludesse i sistemi per il controllo del regime alimentare, quali ad esempio il programma Weight Watcher, che occupano ormai una posizione consolidata in varie parti dell Europa e offrono ai consumatori un sistema affidabile per la perdita di peso, senza limitarsi a promuovere una determinata linea di prodotti. Emendamento presentato da Alejo Vidal-Quadras Roca e María del Pilar Ayuso González Emendamento 54 Articolo 1, paragrafo 4 bis (nuovo) 4 bis. Il presente regolamento non si applica ai prodotti per i quali la legislazione comunitaria vieta ogni tipo di indicazioni nutrizionali e sulla salute nell'etichettatura e nella presentazione, e PE v /65 AM\ doc

13 dei quali disciplina la pubblicità. Or. es Nella relazione che precede la proposta della Commissione, l'assenza di disposizioni specifiche comunitarie è considerata uno dei motivi principali per l'adozione del nuovo regolamento, tenuto conto della proliferazione delle indicazioni sulle etichette dei prodotti alimentari. In effetti non appare giustificato disciplinare ciò che lo è già, obiettivo che anche questo emendamento persegue. Per il vino esiste già, appunto, una legislazione comunitaria specifica che vieta le indicazioni nutrizionali e sulla salute nella sua etichettatura e presentazione, e che ne disciplina la pubblicità. Si tratta, in particolare del regolamento 1493/1999 del Consiglio relativo all'ocm vitivinicola e del regolamento 753/2002 della Commissione che fissa le norme sull'etichettatura e la presentazione di questi prodotti. D'altro canto i regolamenti 2826/2000 del Consiglio e 94/2002 della Commissione introducono altresì strette limitazioni nell'informazione e nelle azioni di promozione per il vino nel mercato interno. Questa legislazione specifica comunitaria assicura la protezione, la trasparenza del mercato e la libera circolazione del vino, garantendo efficacemente gli obiettivi della nuova proposta di regolamento di raggiungere un livello elevato di tutela dei consumatori, migliorare la libera circolazione delle merci nell'ambito del mercato interno, aumentare la certezza giuridica per gli operatori economici, garantire una concorrenza leale e promuovere e tutelare l'innovazione nel settore dei prodotti alimentari. Emendamento presentato da Paul Rübig Emendamento 55 Articolo 2, punto (6) (6) indicazioni relative alla riduzione di un rischio di malattia significa qualunque indicazione sulla salute che affermi, suggerisca o richiami che il consumo di una categoria di alimenti, di un alimento o di uno dei suoi componenti riduca significativamente un fattore di rischio di sviluppo di una malattia umana; (6) indicazioni relative alla riduzione di un rischio di malattia significa qualunque indicazione sulla salute che affermi, suggerisca o richiami che il consumo di una categoria di alimenti, di un alimento o di uno dei suoi componenti riduca significativamente il rischio di sviluppo di una malattia umana; Or. de Poiché le indicazioni devono essere comprese dal consumatore, è necessario che la AM\ doc 13/65 PE v01-00

14 definizione si riferisca alla riduzione di un rischio e non di un fattore di rischio. L'indicazione sulla riduzione del rischio di malattia (ad esempio "Può ridurre il rischio di malattia cardiocircolatoria") può essere più facilmente comprensibile rispetto all'indicazione relativa alla riduzione di un fattore di rischio che entri in causa nella malattia (ad esempio "Può ridurre il livello di omocisteina"). Emendamento presentato da Avril Doyle Emendamento 56 Articolo 2, comma 2, punto 8 (8) consumatore medio significa il consumatore ragionevolmente ben informato e ragionevolmente attento e circospetto. (8) consumatore medio significa il consumatore ragionevolmente attento e circospetto, che appartiene al gruppo di popolazione al quale è destinata l indicazione. Le comunicazioni ai consumatori devono essere adeguate in base agli effetti benefici del prodotto, alla ricerca di mercato, nonché al consumatore obiettivo o a particolari gruppi obiettivo. Emendamento presentato da Dorette Corbey Emendamento 57 Articolo 2, punto 8 bis (nuovo) (8 bis) "categoria di alimenti" significa un gruppo di prodotti alimentari aventi proprietà e usi equivalenti. Or. nl Emendamento presentato da Avril Doyle Emendamento 58 Articolo 2, comma 2, punto 8 bis (nuovo) PE v /65 AM\ doc

15 (8) salute significa uno stato generale di benessere fisico, psicologico e sociale. Sebbene la proposta di regolamento verta essenzialmente su norme relative alle indicazioni sulla salute, essa non contiene una definizione di salute. La definizione proposta riprende quella fornita dall OMS. Emendamento presentato da Eluned Morgan Emendamento 59 Articolo 2, comma 2 bis (nuovo) Entro 3 mesi dall'adozione del presente regolamento la Commissione definisce, conformemente alla procedura di cui all articolo 23, paragrafo 2, i concetti seguenti: - dati scientifici generalmente accettati; - biodisponibilità; - zuccheri, ai fini dell'applicazione dell allegato; - fibre, ai fini dell'applicazione dell allegato. È importante che tutti coloro i quali sono tenuti ad applicare la presente legislazione, in particolare l industria del settore, operino sulla base di parametri chiaramente definiti. La proposta di regolamento fa più volte riferimento ai dati scientifici generalmente accettati e alla biodisponibilità, per cui è importante definire il loro significato. Nell allegato si fa riferimento agli zuccheri e alle fibre. È comunemente noto che i vari tipi di zuccheri influiscono in modo molto diverso sulla qualità nutrizionale degli alimenti, per cui, ai fini di un adeguata applicazione delle indicazioni nutrizionali, è necessario definire quali sono gli zuccheri interessati dalla legislazione in esame. Inoltre, nelle discussioni sul Codex Alimentarius è emerso che in Europa non esiste una definizione uniforme di fibre. Ai fini dell applicazione delle indicazioni nutrizionali è AM\ doc 15/65 PE v01-00

16 pertanto necessario definire anche questo concetto. La Commissione chiederà al Gruppo di esperti scientifici sui prodotti dietetici, l alimentazione e le allergie dell AESA di proporre quanto prima una definizione di dati scientifici generalmente accettati e di biodisponibilità. Tali definizioni dovrebbero essere adottate in conformità delle procedure previste dal regolamento in esame. Emendamento presentato da Dorette Corbey Emendamento 60 Articolo 2, alinea 2 ter (nuovo) (8 c) Entro 6 mesi dall'adozione del presente regolamento la Commissione definisce, conformemente alla procedura di cui all'articolo 23, paragrafo 2, i concetti seguenti: - "profilo nutrizionale", descrivendo chiaramente il motivo per cui sono utilizzati i profili nutrizionali, la procedura applicata per predisporli nonché le modalità per garantire il coinvolgimento di tutte le parti interessate, con specifico riferimento agli operatori industriali e ai consumatori; - "biodisponibilità"; - "zuccheri", per l'applicazione dell'allegato; - "fibre", per l'applicazione dell'allegato. Or. nl I profili nutrizionali costituiscono un elemento centrale della proposta. Purtroppo nulla è ben chiaro in proposito. Occorre una definizione precisa per gli operatori industriali, i consumatori ed i controllori ed occorre altresì definire i concetti di "biodisponibilità", "zuccheri" e "fibre alimentari". PE v /65 AM\ doc

17 Emendamento presentato da Satu Hassi Emendamento 61 Articolo 3, comma 2 bis (nuovo) Qualora un autorità nazionale di uno Stato membro abbia motivo di ritenere che un indicazione sulla salute possa essere in contraddizione con le linee guida nutrizionali nazionali e costituisca pertanto un pericolo per lo stato nutrizionale della popolazione, lo Stato membro interessato può limitare l utilizzo dell indicazione in questione sul proprio territorio. Le linee guida nutrizionali nazionali non devono essere ignorate. Pertanto, in caso di timori per la salute fondati, il governo di uno Stato membro deve avere la facoltà di limitare l utilizzo delle indicazioni in questione sul suo territorio. Emendamento presentato da Dorette Corbey Emendamento 62 Articolo 4, paragrafo 1, comma 1 1. Entro 18 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati dagli alimenti o da talune loro categorie per poter recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. 1. Entro 6 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità dell'articolo 251 del trattato, propone le procedure per addivenire ai profili nutrizionali che devono essere rispettati da talune categorie di alimenti. Entro 24 mesi dall'adozione del presente regolamento secondo il disposto del primo comma, la Commissione predispone, ai sensi della procedura di cui all'articolo 23 del presente regolamento, profili nutrizionali per almeno cinque categorie di prodotti alimentari, in base alla procedura di cui al primo comma relativa alla predisposizione dei profili nutrizionali. AM\ doc 17/65 PE v01-00

18 Or. nl 1. Entro 18 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati dagli alimenti o da talune loro categorie per poter recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. I profili nutrizionali sono definiti, in particolare, facendo riferimento al tenore delle seguenti sostanze nutritive presenti nell alimento: a) grassi, acidi grassi saturi, acidi grassi trans Emendamento presentato da Avril Doyle Emendamento 63 Articolo 4, paragrafo 1, commi 1 e 2 b) zuccheri b) zuccheri c) sale/sodio. c) sale/sodio. 1. Entro 18 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati da talune categorie di alimenti per poter recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. I profili nutrizionali sono definiti, in particolare, facendo riferimento al tenore delle seguenti sostanze nutritive presenti nelle categorie di alimenti individuate: a) grassi, acidi grassi saturi, acidi grassi trans I profili nutrizionali non sono applicabili agli integratori alimentari, sebbene siano accettate alcune eccezioni a questo principio. Emendamento presentato da Françoise Grossetête Emendamento 64 Articolo 4, paragrafo 1 1. Entro 18 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati dagli alimenti o da talune loro categorie per poter 1. Entro 18 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati dagli alimenti o da talune loro categorie per poter PE v /65 AM\ doc

19 recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. I profili nutrizionali sono definiti, in particolare, facendo riferimento al tenore delle seguenti sostanze nutritive presenti nell alimento: a) grassi, acidi grassi saturi, acidi grassi trans recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. I profili nutrizionali sono definiti per categorie di prodotti alimentari che condividono caratteristiche nutrizionali comuni prendendo soprattutto in considerazione: - le quantità di talune sostanze nutritive e altre sostanze presenti nell'alimento considerato; b) zuccheri - l'importanza dell'alimento (o delle categorie di alimenti) nel regime alimentare; c) sale/sodio. - la composizione dell'alimento e in particolare la presenza di sostanze nutritive riconosciute scientificamente come aventi un effetto benefico sulla salute. I profili nutrizionali sono basati sulle conoscenze scientifiche in materia di dieta, nutrizione e rapporto di queste ultime con la salute e, in particolare, sul ruolo delle sostanze nutritive e delle sostanze di altro tipo a effetto nutrizionale o fisiologico nell insorgere delle malattie croniche. Nel determinare i profili nutrizionali, la Commissione richiede il parere dell Autorità e procede a consultazioni con le parti interessate, in particolare gli operatori del settore alimentare e le associazioni dei consumatori. Le esenzioni e gli aggiornamenti necessari per tener conto degli sviluppi scientifici in materia sono adottati in conformità della procedura di cui all articolo 23, paragrafo 2. I profili nutrizionali sono basati sulle conoscenze scientifiche in materia di dieta, nutrizione e rapporto di queste ultime con la salute. Nel determinare i profili nutrizionali, la Commissione richiede il parere dell Autorità e procede a consultazioni con le parti interessate, in particolare gli operatori del settore alimentare e le associazioni dei consumatori. Le esenzioni all'obbligo del rispetto dei profili nutrizionali e gli aggiornamenti necessari per tener conto degli sviluppi scientifici in materia sono adottati in conformità della procedura di cui all articolo 23, paragrafo 2. L'introduzione di profili nutrizionali è particolarmente importante e a tal fine è essenziale determinare con maggiore precisione i vari profili. Sembra pertanto più pertinente un riconoscimento di criteri per categoria di elementi che condividono caratteristiche nutrizionali comuni rispetto a un approccio generale. Or. fr AM\ doc 19/65 PE v01-00

20 Emendamento presentato da Alejo Vidal-Quadras Roca e María del Pilar Ayuso González 1. Entro 18 mesi dall adozione del presente regolamento, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati dagli alimenti o da talune loro categorie per poter recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. I profili nutrizionali sono definiti, in particolare, facendo riferimento al tenore delle seguenti sostanze nutritive presenti nell alimento: a) grassi, acidi grassi saturi, acidi grassi trans Emendamento 65 Articolo 4, paragrafo 1 1. Entro 24 mesi dall adozione del presente regolamento, e dopo aver consultato l'autorità, la Commissione, in conformità della procedura istituita dall articolo 23, paragrafo 2, stabilisce i profili nutrizionali specifici che devono essere rispettati dagli alimenti o da talune loro categorie per poter recare indicazioni nutrizionali o sulla salute. I profili nutrizionali per gli alimenti o per talune loro categorie sono definiti tenendo conto, in particolare: - delle quantità di talune sostanze nutritive e d'altro tipo contenute negli alimenti, b) zuccheri - del ruolo e dell'importanza degli alimenti o categorie di alimenti nella dieta, c) sale/sodio. - della composizione nutrizionale globale degli alimenti e della presenza di sostanze nutritive di cui è stato riconosciuto scientificamente che hanno un effetto sulla salute. I profili nutrizionali sono basati sulle conoscenze scientifiche in materia di dieta, nutrizione e rapporto di queste ultime con la salute e, in particolare, sul ruolo delle sostanze nutritive e delle sostanze di altro tipo a effetto nutrizionale o fisiologico nell insorgere delle malattie croniche. Nel determinare i profili nutrizionali, la Commissione richiede il parere dell Autorità e procede a consultazioni con le parti interessate, in particolare gli operatori del settore alimentare e le associazioni dei consumatori. Le esenzioni e gli aggiornamenti necessari per tener conto degli sviluppi scientifici in materia sono adottati in conformità della procedura di cui all articolo 23, paragrafo 2. I profili nutrizionali sono basati sulle conoscenze scientifiche in materia di dieta, nutrizione e rapporto di queste ultime con la salute. Nel determinare i profili nutrizionali, la Commissione procede a consultazioni con le parti interessate, in particolare gli operatori del settore alimentare e le associazioni dei consumatori. Le esenzioni e gli aggiornamenti in relazione all'obbligo di rispettare i profili nutrizionali per le sostanze nutritive o per poter utilizzare indicazioni nutrizionali, necessari per tener conto degli sviluppi PE v /65 AM\ doc

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 1º dicembre 2010 (03.12) (OR. en) 16555/10 Fascicolo interistituzionale: 2008/0028 (COD)

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 1º dicembre 2010 (03.12) (OR. en) 16555/10 Fascicolo interistituzionale: 2008/0028 (COD) CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 1º dicembre 2010 (03.12) (OR. en) 16555/10 Fascicolo interistituzionale: 2008/0028 (COD) DENLEG 139 AGRI 485 CODEC 1306 NOTA del: Comitato dei Rappresentanti permanenti

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GIUGNO 2010 Il presente Manuale è stato realizzato con il contributo tecnico-scientifico di Dintec Scrl Consorzio per l Innovazione

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 17.4.2001 L 106/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) DIRETTIVA 2001/18/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 marzo 2001 sull'emissione deliberata nell'ambiente

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

D.Lgs. 16 febbraio 2011, n. 15 (1).

D.Lgs. 16 febbraio 2011, n. 15 (1). D.Lgs. 16-2-2011 n. 15 Attuazione della direttiva 2009/125/CE relativa all'istituzione di un quadro per l'elaborazione di specifiche per progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all'energia.

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 29.4.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 127/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/40/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 3 aprile 2014 sul ravvicinamento delle disposizioni

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 7 marzo 2002

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 7 marzo 2002 24.4.2002 L 108/21 DIRETTIVA 2002/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 7 marzo 2002 relativa alle autorizzazioni per le reti e i servizi di comunicazione elettronica (direttiva autorizzazioni)

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 322/2014 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2014 che impone condizioni speciali

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI. (omissis)

ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI. (omissis) Decreto lgs. 24 febbraio 1997, n. 46 emendato col D. lgs. 25.01.2010, n.37 - Recepimento Direttiva 2007/47/CE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1

3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 3a Territorio e urbanistica l.r. 10/2010 1 Legge regionale 12 febbraio 2010, n. 10 Norme in materia di valutazione ambientale strategica (VAS), di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di valutazione

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari 30.4.2004 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 139/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Normativa aggiornata al 12 novembre 2013 sul divieto di fumo nei locali pubblici.

Normativa aggiornata al 12 novembre 2013 sul divieto di fumo nei locali pubblici. 1 Normativa aggiornata al 12 novembre 2013 sul divieto di fumo nei locali pubblici. LEGGE 128 del 8/11/2013 (GU Serie Generale n.264 del 11-11-2013). Capo I - art 4 - Tutela della salute nelle scuole All'articolo

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo.

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Progetto di tutela e rafforzamento

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 RICONOSCIMENTO E COSTITUZIONE DEI DISTRETTI RURALI, DEI DISTRETTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ E DEI DISTRETTI DI FILIERA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO SCHEMA DI ACCORDO STATO- REGIONI CONCERNENTE LINEE GUIDA AI FINI DELLA RINTRACCIABILITA DEGLI ALIMENTI E MANGIMI PER FINI DI SANITA PUBBLICA AI SENSI DEL REGOLAMENTO 178/2002 LA CONFERENZA PERMANENTE PER

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 12.5.2004 COM(2004) 374 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine La contaminazione con glutine di cibi che ne sono apparentemente privi è tema molto sentito e resta tuttora vivo il dibattito su come «gestire» le informazioni

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 DIRETTIVA 2006/32/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi

Dettagli