Perchè? Cosa? Come? Quanto? Quando?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Perchè? Cosa? Come? Quanto? Quando?"

Transcript

1 La nutrizione per diventare grandi Manuale per condividere la buona alimentazione con i propri figli Perchè? Cosa? Come? Quanto? Quando? In collaborazione con

2 PERCHÉ PARLARE DI ALIMENTAZIONE? Perché l adolescenza è l età in cui i ragazzi iniziano a staccarsi ed a voler diventare indipendenti dai genitori e per questo credono che le regole, anche quelle alimentari, debbano, per forza, essere cambiate o perlomeno messe in discussione! Gli amici e lo stile di vita suggerito da giornali e TV diventano un modello ed un obiettivo da raggiungere. L adolescenza diventa così anche il periodo della ribellione alimentare. Per questo i genitori devono essere sostenuti ed incoraggiati a proporre, soprattutto con l esempio, dei modelli alimentari corretti. Un alimentazione corretta infatti significa: futuro, salute e scelta consapevole. Futuro: perché una equilibrata alimentazione di oggi influisce sulla salute e le abitudini alimentari di domani. Salute: perché mentre la predisposizione genetica (come avere gli occhi verdi o essere basso) è indipendente dalla nostra volontà, mantenere un peso adeguato e fare attività fisica quotidiana, dipende da noi, e condiziona il nostro stato di salute. 2 Scelta consapevole: perché potremmo trasmettere ai nostri figli la sensazione sbagliata che sia fatta di una serie. Ed invece deve essere il frutto di in modo da renderla anche dai ragazzi.

3 Consiglio utile: Leggere questo semplice manuale ti aiuterà: dell adolescenza si abbatterà sui tuoi fi gli. e pregiudizi alimentari, che ogni giorno, tentano di condizionare anche te! 3

4 COSA MANGIARE? Una alimentazione equilibrata è alla base di un buono sviluppo del corpo. Due ragazzi di uguale età possono essere molto diversi per peso, altezza, sviluppo puberale e quindi avere bisogno di assumere di alimenti, ma la degli stessi rimane sia per i ragazzi magri, sia per quelli sovrappeso o obesi. deve essere di tutti i nutrienti necessari. Varia: perché non esiste un alimento che da solo possa soddisfare le esigenze di tutti i nutrienti dell organismo. La varietà deve essere giornaliera e proporzionata durante la settimana. Moderata: tando il resto. Il gusto risente di abitudini e mode, ma può variare se la famiglia adotta nuovi comportamenti alimentari. Completa: perché la presenza di alimenti diversi, in proporzioni adeguate, rende ogni pasto più gustoso ed i nutrienti più facilmente assimilabili. Tutti gli alimenti sono indispensabili per un lescente. In pochi anni il bambino/a si trasforma in un uomo o in una donna e se la sua alimentazione è stata corretta, avrà minori probabilità di contrarre malattie cronico-degenerative nell età adulta. Gli alimenti possono essere divisi in, a seconda della loro composizione prevalente in alcuni nutrienti. 4

5 ricchi in fibre, vitamine, minerali e antiossidanti. ricchi in carboidrati, proteine di media qualità e vitamine. ricchi di proteine di alta qualità, minerali (soprattutto Calcio) e vitamine. ricchi in proteine di alta e media qualità, grassi antiossidanti e vitamine. ricchi di grassi. Olio d oliva, di semi d arachide, mais e girasole ricchi di antiossidanti. Fra tutti gli alimenti consigliati agli adolescenti, il rappresentano un gruppo particolarmente importante. Infatti, il latte contiene grandi quantità di proteine nobili, minerali, in particolare il calcio, di cui rappresenta la fonte principale ed altamente biodisponibile (cioè facilmente assimilabile dall organismo). 5

6 Sono i prodotti derivati dalla digestione degli alimenti che vengono direttamente utilizzati dall organismo. I nutrienti si dividono in macronutrienti e micronutrienti. Macronutrienti CARBOIDRATI: forniscono 4 Kcal/gr Sono detti anche zuccheri, sono il carburante principale del nostro organismo, donano pronta energia ai muscoli e a tutte le funzioni vitali del corpo. Fonti principali: pasta, pane, riso, tutti i cereali (mais, avena, orzo, farro ecc ) patate, frutta. PROTEINE: forniscono 4 Kcal/gr Sono i mattoni del nostro organismo, per questo sono particolarmente importanti durante l adolescenza dato il rapido accresci- utilizzate per produrre energia. Fonti principali: carne, pesce, uova, latte, formaggi, legumi. GRASSI: forniscono 9 Kcal/gr Sono fonte e riserva di energia e parte essenziale delle membrane cellulari. I grassi si dividono in: e polinsaturi. Questi ultimi sono detti essenziali perché il nostro organismo non riesce a produrli e devono quindi essere assunti necessariamente con i cibi. Tra gli acidi grassi, contenuti nel pesce, c è il che ha un importante funzione nello e della. 6

7 Fonti principali di: grassi saturi: carni, uova, latte e formaggi, olio di palma e di cocco. grassi monoinsaturi: olio di oliva. grassi polinsaturi: pesce azzurro, salmone, merluzzo, oli vegetali di arachidi, mais e girasole (crudi). Micronutrienti Le sostanze che fanno parte di questo gruppo non apportano calorie ed il loro fabbisogno è dell ordine di milligrammi. Svolgono però importanti funzioni per l organismo perchè favoriscono l assorbimento di proteine, grassi e carboidrati; entrano in tutti i processi metabolici; combattono i radicali liberi che danneggiano le cellule e svolgono una funzione protettiva nei confronti dello sviluppo dei tumori. I micronutrienti sono costituiti soprattutto da e Fonti principali di micronutrienti: Frutta, verdura, latte e formaggi stagionati. 7

8 Il è il minerale di cui il corpo umano è più ricco. Per il 99% è localizzato nell osso, il rimanente è distribuito nel sangue e nei muscoli. Il calcio è importantissimo perché costituisce l impalcatura dello scheletro e dei denti e perché è indispensabile in molte reazioni biochimiche che regolano la vita e l attività delle cellule. Per una buona mineralizzazione delle ossa non è solo necessario il Calcio, ma anche il Fosforo e la Vitamina D. La Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU) ha - all età., per maschi e femmine, si raccomanda di assumere Infatti nell adolescenza si forma circa il definitiva. In particolare le che non raggiungono una buona mineralizzazione ossea durante l adolescenza, hanno durante la menopausa. 8

9 Infatti i derivati del latte si caratterizzano non soltanto per il loro contenuto di calcio, ma anche di proteine, grassi e quindi calorie. 25 grammi di Grana Padano DOP (in pratica 1 cucchiaio colmo di formaggio grattugiato con cui condire il primo più qualche scaglia a merenda insieme alla frutta o una porzione da mangiare come secondo) coprono 1/4 delle raccomandazioni giornaliere. Quantità gr. Calcio mg. Proteine gr. Grassi gr. Calorie Kcal Grana 8 98 Pecorino Mozzarella di vacca Formaggino Stracchino Yogurt bianco parzialmente scremato Latte parzialmente scremato Elaborazione da Fonte INRAN Con questa quantità di Grana Padano DOP si assume una elevata quota di calcio senza eccedere in proteine, grassi e calorie. Si può completare l assunzione giornaliera con latte, legumi, pesce (le alici sono ricche di calcio oltre che di omega-3) e scegliendo fra le acque minerali quelle più ricche in calcio. 9

10 La vitamina D è essenziale per l assorbimento intestinale del calcio. Questa vitamina è presente in piccole quantità in alcuni alimenti (verdure, fegato di pesci, latte, burro, uova), ma. Infatti, i raggi ultravioletti attivano nella pelle un precursore della vitamina che viene conservata nel fegato ed utilizzata all occorrenza. (fare una passeggiata o attività motoria all aperto) protegge da eventuali carenze di vitamina D e favorisce, con il movimento, la. Consigli pratici: In estate l esposizione al sole tra le Nelle altre ore, d estate e d inverno è consigliabile l esposizione alla luce solare,. Il ferro è un minerale essenziale per molte funzioni biologiche. Pur essendo presente in molti vegetali, quello contenuto negli alimenti di origine animale è più biodisponibile, cioè facilmente assorbibile. si dovrebbero assumere e per l inizio delle mestruazioni nelle ragazze. Questo minerale entra a far parte di molti sistemi enzimatici, per cui in caso di assunzione insuffi ciente si riducono le capacità di concentrazione e di effi cienza fi sica fi no a sviluppare anemia. 10

11 obiettivo 5 porzioni al giorno! Questo gruppo di alimenti offre una vasta gamma di varietà che si caratterizzano soprattutto per i loro colori. L arcobaleno degli alimenti indispensabili in una dieta corretta. Il colore rosso indica la presenza del LICOPENE e delle ANTOCIANINE; il colore giallo-arancio quella del BETACAROTENE e dei FLAVONOIDI; il verde L ACIDO FOLICO, il MAGNESIO e il CAROTENOIDE; il bianco la QUERCITINA, le FIBRE ed i SALI MINERALI; il indica la presenza di ANTOCIANINE, POTASSIO e MAGNESIO. Ognuna di queste sostanze, dal nome complesso, ha funzioni diverse nel nostro organismo, tutte importanti per un funzionamento ottimale. Grazie alla loro azione antiossidante queste sostanze contrastano i radicali liberi e svolgono una funzione protettiva nei confronti di molti tumori. 11

12 QUANTI COLORI DALLA NATURA! Frutta Blu-Viola Fichi, Frutti di bosco Prugne, Uva rossa Verde Kiwi, Uva bianca Insalata, Spinaci Zucchine Bianco Cipolle, Finocchi Mele, Pere Giallo-Arancio Rosso Carote, Peperoni Zucca Melone, Pesche Pompelmi Ciliegie, Fragole 12

13 La frutta e la verdura, oltre a vitamine, sali minerali ed antiossidanti, hanno in comune la fi bra. La fi bra alimentare regola il transito intestinale e rallenta l assorbimento degli zuccheri. Quest ultima funzione è importante perché abbassa l indice glicemico dei carboidrati riducendo le oscillazioni eccessive di glicemia ed insulinemia nelle 24 ore e favorendo così anche il controllo dell appetito. La fi bra non si trova solo nella frutta, verdura e legumi, ma anche nei cereali non raffi nati, cioè integrali. Consiglio utile: Impara ad apprezzare l ottimo sapore degli alimenti integrali, ed utilizzali quotidianamente nell alimentazione della tua famiglia. Non trascurare il potere saziante della frutta soprattutto nei casi in cui è necessario il controllo del peso. Indice Glicemico (IG) Con questo concetto si distinguono i carboidrati in base alla loro infl uenza sui livelli di glucosio nel sangue dopo i pasti. L indice glicemico si determina in laboratorio, valutando l andamento della glicemia dopo l assunzione di 50 gr di carboidrati dell alimento da testare in confronto ad una pari quantità di glucosio o pane bianco. Alimenti ad IG BASSO : cereali integrali, pasta, legumi, latte, verdure, frutta, miele. Alimenti a IG MEDIO: patatine, patate, banane, pop-corn, pizza. Alimenti a IG ALTO: zucchero, brioches, pane bianco, riso, succhi di frutta, crackers. 13

14 COSA BERE? è il costituente principale del nostro corpo. L acqua non ha calorie e deve essere consumata nella quantità media di frutta zuccherati, molto graditi agli adolescenti, hanno un notevole contenuto calorico (un bicchiere di aranciata, thè preconfezionato, ecc. forniscono circa 80 Kcal). Queste bevande vanno consumate con moderazione sia perché possono incidere signifi cativamente sull apporto totale delle calorie della giornata, sia per il loro contenuto di sostanze eccitanti come la caffeina nelle bibite tipo cola. Consiglio pratico: Impara, e insegna a tuo fi glio, a leggere le presenti sugli alimenti: dal più presente al meno presente; Gli alcolici producono di alcool assunto (grado alcolico 11% signifi ca 11 gr di alcool su 100 gr di liquido). Queste calorie vengono dette perché non accompagnate da altri nutrienti protettivi. L uso di alcool sempre crescente tra i giovani è (ad es, alla guida di un veicolo), aumenta il carico di calorie ed fi no ad una vera e propria 14

15 QUANTO MANGIARE? La quantità di cibo da assumere è molto diversa da soggetto a soggetto. Dipende dall età, dal peso, dall altezza e dall attività fisica che uno svolge.. Sono consigliati al massimo durante i quali la quantità del cibo dovrebbe essere così distribuito: La colazione rappresenta circa il 50% del pranzo, quindi ha la dignità di un vero e proprio pasto. In sua assenza, dopo un digiuno di ore, vi è un lento avvio del metabolismo con una riduzione della capacità di attenzione, di memorizzazione e di calcolo. Inoltre, prolungare il digiuno notturno può indurre una ipoglicemia occasionale che si esprime con un vero e proprio malessere. È un errore pensare che, con gli anni, la colazione possa essere sostituita da uno spuntino di mezza mattina eccessivamente ricco in calorie e soprattutto in grassi! Questo errore alimentare innesca un per cui ad una scarsa colazione segue uno spuntino abbondante che a sua volta porta ad un pranzo inadeguato con un conseguenza ad una scarsa cena. Il rapporto quantitativo percentuale tra i vari pasti così è saltato, spesso a scapito 15

16 zione) consiglia di dare un significato comune alla parola con le seguenti N.B. Questi standard servono solo per un, infatti devono essere adattati alle diverse esigenze di ogni ragazzo, tenendo conto, oltre che delle, anche che svolge. Note per il pranzo e la cena: Scegli alimenti diversi a pranzo e cena. Note per la merenda: Scegli frutta di colore diverso, anche macedonie, o uno spuntino salato e qualche volta dolce. Il latte e lo yogurt sono sempre consigliati! Note per i condimenti: Scegli pochi grassi e di preferenza olio extra vergine d oliva e misurane la quantità con un cucchiaio. Poco sale, anche perché, ad esempio, l aggiunta di Grana Padano DOP grattugiato insaporisce i cibi. 16

17 Non tutti gli alimenti possono essere assunti giornalmente ma, data la loro importanza in una alimentazione sana e controllata, è opportuno porre attenzione al loro consumo settimanale. Soprattutto: sardine, alici, tonno fresco o confezionato, quali gamberi, mazzancolle ecc. e molluschi come seppie, polpi, calamari e totani non devono sostituire, sempre, il pesce. Carne bovina, suina, ovina e pollame. È consigliabile non mangiare più di una o due volta a settimana i salumi, preferendo gli stagionati agli insaccati. Sostituiscono il secondo. Stagionati: Grana Padano DOP, pecorino, gruviera ecc.; freschi: stracchino, mozzarella di vacca, formaggini senza polifosfati, ecc. Ottimi come piatto unico se insieme ai cereali vari. Seguiti da un contorno di verdure e da frutta costituiscono un pasto salutare. È un ottima fonte di proteine nobili, vitamine e minerali. Si può usare anche nelle preparazioni di ricette particolari. 17

18 Consiglio utile: Per fare apprezzare verdura e ortaggi puoi prepararli, oltre che come contorno, anche come primo piatto, insieme ai cereali, o inseriti nei polpettoni di carne e pesce. È bene alternare verdura cotta e cruda. Consiglio pratico: Prepara un insieme ai tuoi fi gli, così saranno inseriti alimenti diversi che a rotazione accontenteranno i gusti di tutti i componenti della famiglia e tu non dovrai preoccuparti quotidianamente della scelta giusta. In particolare per gli adolescenti mangiare insieme è molto divertente e rafforza il senso d appartenenza al gruppo. È bene però ricordare che, ma, e quindi i ragazzi dovrebbero imparare a: zuccheri aggiunti e a volte caffeina o alcool. 18

19 Praticare aiuta a regolare fi siologicamente il peso corporeo, mantenendo una buona massa muscolare a scapito di quella grassa, ed inoltre facilita le amicizie e migliora l umore. Consigli utili nella pratica sportiva non agonistica Se è praticato nel è meglio anticipare il carico energetico alla colazione ed allo spuntino della mattina per non essere in durante l allenamento. Subito dopo l allenamento sono consigliati succhi di frutta o o, rimandando alla sera un pasto più completo. Durante le gare è consigliabile bere piccole quantità di acqua fresca. Per saperne di più di cui l organismo ha bisogno. Non è necessario aggiungere altre sostanze che alterano il normale equilibrio dell organismo promettendo risultati miracolosi in campo estetico e sportivo. Per molti integratori alimentari non è dimostrata l effi cacia e la integrazione chimica di certi nutrienti può anche essere dannosa. 19

20 QUANDO MANGIARE? Una buona alimentazione deve essere regolare e prevedere tre (colazione, pranzo e cena) più (a seconda dell orario del pranzo e della cena). Un intervallo di circa quattro ore tra un pasto e l altro è utile per favorire un buon metabolismo e stimolare una giusta fame. Consigli utili: Consiglio pratico: Fai loro scegliere, in base salata, completa o parziale... ecc., sui nutrienti e sulle quantità. La colazione, infatti, pur mantenendo i rapporti ottimali di tutti i pasti principali (60% di carboidrati, 10-15% di proteine e 25-30% di lipidi) può essere variata a piacere, mantenendo però un buon consumo di latte e derivati. 20

21 COME MANGIARE? Vivere insieme, a tutte le età, richiede che si seguano delle regole comuni, compreso un corretto comportamento a tavola. Inoltre i pochi momenti che l adolescente ha d incontrare la sua famiglia sono diventati preziosi, per cui, oggi più che mai, ritrovarsi a tavola rappresenta una opportunità educativa e di dialogo unica che fi gli e genitori dovrebbero sfruttare! Consigli utili: Per essere presenti e condividere le scelte alimentari, tutti i componenti della famiglia dovrebbero: buona alimentazione a tutti! 21

22 Grana Padano: un alimento con Il Grana Padano DOP è un alimento naturale ottimale per la salute e il corretto accrescimento di bambini e ragazzi. È un formaggio semigrasso, ricco di nutrienti e molto digeribile. Il suo ottimo rapporto tra valore energetico, qualità e quantità di lo rende un formaggio ideale per tutte le età. Per È quindi un concentrato di latte che fornisce: proteine di alto valore biologico per i muscoli, calcio subito disponibile per le ossa, tante vitamine e antiossidanti ETÀ % di nutrienti assunti con 50 gr rispetto ai fabbisogni giornalieri raccomandati per fascia d età, LARN % 75% 43,2% 91,5% 150% 28% % 60% 34,6% 78,6% 107% 22,4% Maschi ,5-25% 50% 29% 61% 75% 18,6% % 50% 29% 61% 75% 16% Femmine ,4-28,5% 50% 29% 61% 75% 18,6% ,5% 50% 29% 78,6% 75% 18,6% Elaborazione da fonte SINU (Società Italiana Nutrizione Umana). 22

23 molti nutrienti in tavola tutti i giorni. Puoi utilizzare questo gustoso alimento naturale che piace a grandi e piccini: Per insaporire la pasta o il riso, i passati o minestroni d verdura, al posto del sale. 50/70 gr come secondo al posto di carne o due uova 1 o 2 volte a settimana. Ed anche come snack o merenda, a piccole scaglie per 15/20 gr. Grana Padano: il nome del gusto per la tua salute. 23

24 Educazione Nutrizionale G R A N A P A D A N O Il Consorzio Tutela Grana Padano DOP è impegnato in iniziative sociali tra le quali la diffusione della Educazione cultura della corretta Nutrizionale alimentazione. G R A N A P A D A N O che hanno come obiettivo il miglioramento dello stile di vita alimentare delle persone. Il tuo pediatra può raccogliere un anamnesi alimentare precisa delle abitudini alimentari di tuo fi glio, mettendo in evidenza i principali errori nutrizionali, per darti modo di correggerli. Sul nostro sito, continuamente in evoluzione e aggiornamento, puoi trovare tanti altri utili suggerimenti per migliorare l alimentazione di grandi e piccini. AVVERTENZE I contenuti di questo opuscolo sono espressione delle attuali conoscenze scientifi che di scienza dell alimentazione. Nel passare dalle informazioni alla loro applicazione è opportuno rivolgersi al proprio medico per assicurarsi che non vi siano controindicazioni specifi che. L Editore e il Consorzio Tutela Grana Padano non si assumono alcuna responsabilità su un impiego non consono delle informazioni riportate. Testi: Dott.ssa Marina Cammisa, pediatra Coordinamento Scientifico: Dott.ssa Maria Letizia Petroni, medico nutrizionista clinico Direttore Editoriale: Pier Danio Forni Simone Sabatini Copyright 2007 OSC Healthcare S.r.l. tutti i diritti riservati. Realizzato con il contributo del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali D.M del 27/12/2007

Educare ad una corretta alimentazione segue le stesse regole della buona educazione: ha bisogno di convinzione, conoscenza ed applicazione

Educare ad una corretta alimentazione segue le stesse regole della buona educazione: ha bisogno di convinzione, conoscenza ed applicazione Educare ad una corretta alimentazione segue le stesse regole della buona educazione: ha bisogno di convinzione, conoscenza ed applicazione quotidiana. Perché genitori e pediatri insieme sono responsabili

Dettagli

La nutrizione per crescere bene. Manuale per genitori affamati di buona alimentazione. Perchè? Cosa? Quanto? Quando? Come? In collaborazione con

La nutrizione per crescere bene. Manuale per genitori affamati di buona alimentazione. Perchè? Cosa? Quanto? Quando? Come? In collaborazione con La nutrizione per crescere bene Manuale per genitori affamati di buona alimentazione Perchè? Cosa? Quanto? Quando? Come? In collaborazione con PERCHÉ PARLARE DI ALIMENTAZIONE? Perché genitori e pediatri

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra

Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Modello alimentare italiano e Stili di Vita Dai nutrienti agli alimenti: i gruppi fondamentali e gli extra Dott.ssa Carla Favaro Specialista in scienza dell alimentazione Dottore di ricerca in Nutrizione

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Per la formulazione delle tabelle dietetiche sono state

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Docente: Dr. Luca La Fauci Biologo Nutrizionista & Tecnologo Alimentare Lezione 2 Principi nutritivi, tabelle nutrizionali e corretto regime

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

Perchè? Cosa? Come? Quanto? Quando?

Perchè? Cosa? Come? Quanto? Quando? La nutrizione per la donna che cambia Manuale per donne sempre attive dopo gli... anta Perchè? Cosa? Come? Quanto? Quando? In collaborazione con: PERCHE PARLARE DI ALIMENTAZIONE? L allungamento della vita

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.)

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) L attività fisica e l alimentazione sono entrambi comportamenti specifici e reciprocamente

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

Perchè? Cosa? Come? Quanto? Quando?

Perchè? Cosa? Come? Quanto? Quando? La nutrizione per la donna che cambia Manuale per donne sempre attive dopo gli... anta Perchè? Cosa? Come? Quanto? Quando? In collaborazione con: PERCHE PARLARE DI ALIMENTAZIONE? L allungamento della vita

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DIVERTICOLOSI Menu per una giornata tipo dedicato a persone che soffrono di diverticolosi Complimenti per aver scaricato questo menu, ciò

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

La nutrizione, tra gusto e salute, nei menu scolastici

La nutrizione, tra gusto e salute, nei menu scolastici Milano, 29 marzo 2012 La nutrizione, tra gusto e salute, nei menu scolastici Andrea Ghiselli INRAN La corretta alimentazione del bambino Alimento 3-10 anni Porzioni Linee Guida Frutta+succhi 216 1.4 3

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

L'alimentazione nel giovane sportivo

L'alimentazione nel giovane sportivo L'alimentazione nel giovane sportivo Dr.ssa Sara Perrotta Biologa Nutrizionista Le abitudini alimentari sono in grado di influenzare in maniera significativa la capacità individuale di realizzare una determinata

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano COMPOSIZIONE CORPOREA Maschi Femmine Acqua 35% Grasso 15% Muscoli 50% 35% 22% 43% Riserve energetiche

Dettagli

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI Le esigenze della incessante attività del corpo umano fanno si che le numerose sostanze che lo formano (le quali sono soggette ad usura e a perdite e vanno quindi via via ricostituite e/o sostituite) e

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE NELL ANEMIA DI BAMBINI E ADOLESCENTI

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE NELL ANEMIA DI BAMBINI E ADOLESCENTI L anemia: cos è? Il termine anemia indica la diminuzione del numero dei globuli rossi o dell emoglobina, dovuta a perdita o insufficiente produzione di sangue. Questo termine viene usato impropriamente

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Sedalfam. Descrizione

Sedalfam. Descrizione L attenzione al peso corporeo e all indice glicemico e ad un corretto metabolismo non è solo oggetto di interesse estetico, ma di importanza fondamentale per la prevenzione di molte malattie quali diabete,

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DISFAGIA Menu per una giornata tipo dedicato a persone che soffrono di disfagia Complimenti per aver scaricato questo menu, ciò significa

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport

PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport PRINCIPI GENERALI DI ALIMENTAZIONE A cura del Dr. Danilo Gambarara - Facoltà Scienze Motorie - Università degli Studi di Urbino Medicina dello Sport La nutrizione nell'attività fisica e nei vari sport

Dettagli

SPORT E CIBO SANO: COMBINAZIONE

SPORT E CIBO SANO: COMBINAZIONE con il patrocinio delministero della Salute SPORT E CIBO SANO: COMBINAZIONE V I N C E N T E GUIDA ALLA CORRETTA ALIMENTAZIONE PER CHI PRATICA SPORT Collana editoriale dedicata all alimentazione con il

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

L alimentazione equilibrata

L alimentazione equilibrata L alimentazione equilibrata ( R. Pellati, 2005) Macronutrienti Percentuale % Quantità Calorie Proteine 12-15 80-90 g/die Grassi 25-30 75-85 g/die Carboidrati Fibra 55-60 --- 360-390 g/die 20-30 g/die 1

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

ALIMENTAZIONE ESTIVA : ALCUNE REGOLE SANE

ALIMENTAZIONE ESTIVA : ALCUNE REGOLE SANE ALIMENTAZIONE ESTIVA : ALCUNE REGOLE SANE Come abbiamo sempre menzionato parlando di alimentazione per noi sportivi essa diventa non solo un mezzo per sfamarci, ma è un mezzo per fornirci energia di qualità

Dettagli

Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta.

Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta. Guida150x210Adolescenza 20-03-2007 14:59 Pagina 1 Grassa o secca, quando la tosse ti prende, Lisomucil ti aiuta. Cod. 60514621 www.automedicazione.it Sono medicinali. Leggere attentamente il foglio illustrativo.

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

MANGIO MEGLIO..e..VIVO MEGLIO!

MANGIO MEGLIO..e..VIVO MEGLIO! MANGIO MEGLIO..e..VIVO MEGLIO! perché: - sono consapevole delle mie scelte alimentari - mangio in modo equilibrato - ho uno stile di vita attivo Perché il Gigante ha migliorato le etichette nutrizionali

Dettagli