Percorso formativo per lo sviluppo delle competenze linguistico-comunicative in lingua inglese degli insegnanti di scuola primaria LINEE GUIDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorso formativo per lo sviluppo delle competenze linguistico-comunicative in lingua inglese degli insegnanti di scuola primaria LINEE GUIDA"

Transcript

1 Versione del 05/03/2013 Percorso formativo per lo sviluppo delle competenze linguistico-comunicative in lingua inglese degli insegnanti di scuola primaria LINEE GUIDA A cura del Gruppo Esperti 1 1 Il Gruppo Esperti (Decreto n 233 del Direttore Generale dell ANSAS del 20 Ottobre 2011) è composto da: Maria Pia Basilicata (MIUR), Raffaella Carro (INDIRE), Giuseppa Compagno (Università di Palermo), Maurizio Gotti (Università di Bergamo), Gisella Langé (MIUR), Lucilla Lopriore (TESOL Italy), Silvia Minardi (LEND), Gianfranco Porcelli (ANILS), Linda Rossi Holden (UniMore). Errata corrige a pag. 6.

2 Premessa Il nuovo impianto del piano di formazione per lo sviluppo delle competenze linguistico-comunicative dei docenti di inglese nella scuola primaria è nato dalla necessità di realizzare un percorso che fosse in linea con i principi del documento Quale profilo e quali competenze per l inglese del docente di scuola primaria (MPI, 2007) 2, d ora in avanti Profilo 2007, che rispondesse alle esigenze dei docenti destinatari del Piano di formazione e che promuovesse l interazione tra la formazione in e quella online. Sia l ideazione sia la progettazione del nuovo piano formativo sono stati curati dal Gruppo Esperti nominato da INDIRE e composto da esperti nel settore, mentre le nuove attività presenti nella piattaforma online sono state create da un gruppo di autori appositamente scelti dal Gruppo Esperti 3. Il piano formativo, anche in linea con le indicazioni per il Curricolo, ha tra i suoi obiettivi quello di formare un insegnante con competenze audio-orali tali da potere utilizzare con sicurezza e sufficiente scioltezza l inglese in classe e in grado di identificare e di gestire le attività didattiche più idonee al percorso di apprendimento degli allievi. L attenzione a tali obiettivi ha guidato l organizzazione generale dell impianto di formazione e la scansione degli interventi, ma anche l impostazione e la scelta delle attività didattiche che il docente dovrà svolgere da solo online. Proprio sulla parte online si è cercato di ampliare e di qualificare la nuova offerta formativa in modo che questa fosse effettivamente rispondente alla specificità del profilo professionale dei docenti in formazione, si armonizzasse con la formazione offerta dai tutor in e consentisse ai docenti di svolgere le attività online in piena autonomia. 1. Il nuovo percorso formativo Il percorso formativo elaborato dal Gruppo Esperti si è articolato nei seguenti interventi: 1. analisi delle criticità dell offerta formativa precedente, anche sulla base delle osservazioni emerse nei forum sia da parte dei tutor sia da parte dei corsisti; 2. maggiore integrazione tra gli interventi in e quelli online; 3. analisi e selezione delle attività offerte nella piattaforma online precedente sulla base di criteri di congruenza con gli obiettivi del nuovo percorso di formazione; 4. realizzazione di nuove attività articolate in tre moduli con particolare attenzione alle abilità audio-orali ; 5. predisposizione di indicazioni per gli autori per la creazione delle nuove attività; 6. monitoraggio del lavoro degli autori e validazione delle nuove attività; 7. predisposizione di attività di preparazione alle prove di esame con apposite attività esercitative nel segmento finale (Nucleo 5) del terzo modulo; 8. predisposizione di linee guida per i tutor Il gruppo di autori nuovi è composto da: Filippa Elena Alcamesi, Patrizia Anesa, BethAnn Boyle, Cristina Bosetti, Elisabetta Burchietti, Giovanna Claudio, Larissa D'Angelo, Chiara Ferronato, Letizia Fossati Gargiulo, Maria Cecilia Luise, Maria Teresa Maurichi, Amanda Nadalini. 2

3 L importanza dell interazione tra i momenti di formazione in e quelli online è motivata dalla necessità, emersa negli ultimi anni nei corsi e nei forum di discussione, di: sostenere al meglio i momenti di studio individuale dei docenti sui materiali online; valorizzare la qualità e non la quantità dei compiti assegnati; allineare lo studio individuale online con la formazione in ; valorizzare lo sviluppo delle competenze relative alle abilità audio-orali, competenze che consentono al docente di sviluppare sicurezza nella gestione delle attività in classe; offrire attività online in linea con il Profilo La nuova offerta ha voluto evidenziare nelle attività proposte l importanza di sostenere lo sviluppo linguistico-comunicativo del docente in particolare del linguaggio in classe facendo ricorso a quei repertori consigliati nel Profilo 2007 (vedi p.78). 2. Organizzazione del percorso Il percorso formativo lascia inalterato il numero di ore previsto dal precedente progetto di formazione: si è individuata e formulata una differente scansione e articolazione interna delle ore di formazione in e di quella online proprio al fine di incrementare l efficacia dell interazione tra i due momenti. La scansione prevede quindi di inserire lo svolgimento di attività online e di momenti di verifica a intervalli regolari al termine di ciascuno dei segmenti di formazione in. Un intervallo più breve e maggiormente scandito tra i due momenti di formazione consente sia al tutor sia al docente in formazione di monitorare più attentamente la progressione nell apprendimento. 2.1 Attività in Si svolge nelle scuole sede di corso ed è condotta da un tutor esperto selezionato con bando pubblico. I corsisti sono inseriti in classi omogenee per livello linguistico di non più di 25 persone. Il numero delle ore in è uguale in tutti e tre i moduli (60 ore per ciascun modulo), l articolazione di quelle online è scandita diversamente: i primi due moduli prevedono ciascuno 40 ore online e il terzo modulo 80 ore online. La è verificata dal tutor che segna le presenze nel registro. Ai corsisti è consentito un massimo di assenze pari al 25% del monte ore totale del modulo. 2.2 Attività online Il lavoro online consente una piena autonomia dei corsisti e prevede lo svolgimento di attività in auto-apprendimento volte a consolidare quanto appreso in. L accreditamento delle attività online richiede lo svolgimento: di attività fino al raggiungimento del monte ore previsto; della verifica auto-correttiva prevista alla fine di ogni nucleo. La verifica viene resa disponibile dal tutor e si consiglia di renderla disponibile quando tutti i componenti della classe avranno svolto le ore previste dal nucleo in quanto è strettamente legata 3

4 agli obiettivi e agli argomenti delle attività online. 2.3 Achievement test di fine nucleo Il test verifica il raggiungimento degli obiettivi del nucleo. E composto da due sezioni: 1. una sezione che verifica le competenze di comprensione e produzione scritta che il corsista può svolgere in autonomia in quanto consiste nella produzione di brevi testi in linguaggio libero. Tale elaborato deve essere inviato dal corsista al registro del formatore/tutor utilizzando l apposita funzione Invia elaborato posta nella copertina del relativo test 2. una sezione denominata Proposta in classe volta alla verifica delle competenze di comprensione, produzione e interazione orale che il formatore/tutor utilizza in. Il formatore/tutor può anche scegliere di organizzare per la somministrazione dell Achievement test dei momenti in, anche in questo caso però, per la parte dedicata alla verifica delle competenze di comprensione e produzione scritta ogni singolo corsista deve inviare il suo elaborato al registro per l accreditamento delle ore. N.B. - L elaborato per assegnare il numero delle ore previste deve infine essere validato dal formatore/tutor tramite il registro online. 4

5 2.4 Completamento del modulo Al fine di completare il modulo, il corsista deve svolgere: a. almeno il 75% del monte ore in, ovvero 45 ore; b. tutte le attività presenti nei vari nuclei fino al raggiungimento del monte ore previsto, ovvero 6 ore per ogni nucleo c. le verifiche auto correttive presenti alla fine di ogni nucleo. Ad ogni verifica sarà riconosciuta 1 ora (2 per il Modulo 3); d. l Achievement test di fine nucleo che verifica il raggiungimento degli obiettivi di nucleo. Ad ogni verifica sarà riconosciuta, dopo l invio dell elaborato e la validazione del formatore/tutor 1 ora (2 per il Modulo 3). 2.5 Articolazione dei moduli Modulo 1 (A0 A1) e Modulo 2 (A1 A2) Il nuovo modello formativo prevede per ogni modulo 5 nuclei ciascuno composto da 12 ore in (totale 60 ore) e 8 ore online (totale di 40 ore). La seguente tabella illustra l articolazione dei primi due moduli di formazione relativi rispettivamente al raggiungimento dei livelli: A1 e A2. Modulo 1 (A0 A1) - Modulo 2 (A1 A2) Nuclei In Online ore in 12 ore in 12 ore in 12 ore in 12 ore in Totale 60h Attività in autoapprendimento 6 ore 8 ore per nucleo Verifica auto correttiva 1 ora La verifica è registrata automaticamente nel portfolio del corsista all invio La verifica è registrata automaticamente nel portfolio del corsista all invio La verifica è registrata automaticamente nel portfolio del corsista all invio La verifica è registrata automaticamente nel portfolio del corsista all invio La verifica è registrata automaticamente nel portfolio del corsista all invio 40 h Totale complessivo 100 h Achievement test di fine nucleo 1 ora Il test è inviato al registro online, corretto e validato dal formatore/tutor. Il test è inviato al registro online, corretto e validato dal formatore /tutor. Il test è inviato al registro online, corretto e validato dal formatore /tutor. Il test è inviato al registro online, corretto e validato dal formatore /tutor. Il test è inviato al registro online, corretto e validato dal formatore /tutor. 5

6 Tab. 1 Articolazione Modulo 1 e Modulo 2 Modulo 3 (A2 B1) Per il terzo modulo, Il nuovo modello formativo prevede 5 nuclei per ogni modulo, ciascuno composto da 12 ore in (totale 60 ore) e 16 ore online ( totale di 80 ore). La tabella illustra l articolazione del terzo modulo relativo al raggiungimento del livello B1. Durante l ultimo nucleo del terzo modulo (Nucleo 5) parte delle ore in e di quelle online saranno dedicate alla preparazione al test finale con momenti di simulazione delle prove sotto la guida dei tutor. La tabella che segue illustra la scansione interna del terzo modulo. Modulo 3 (A2 B1) Nuclei In Online 1 12 ore in 2 12 ore in 3 12 ore in 4 12 ore in 5 12 ore in in parte dedicate alla preparazione del test finale Totale 60 h Tab.2 Articolazione Modulo 3 Attività in autoapprendimento 12 ore 16 ore per nucleo Verifica auto correttiva 2 ore La verifica è registrata automaticamente nel portfolio del corsista all invio La verifica è registrata automaticamente nel portfolio del corsista all invio La verifica è registrata automaticamente nel portfolio del corsista all invio La verifica è registrata automaticamente nel portfolio del corsista all invio La verifica è registrata automaticamente nel portfolio del corsista all invio Totale 80 h Totale complessivo 140 h Achievement test di fine nucleo 2 ore Il test è inviato al registro online, corretto e validato dal formatore /tutor. Il test è inviato al registro online, corretto e validato dal formatore /tutor. Il test è inviato al registro online, corretto e validato dal formatore /tutor. Il test è inviato al registro online, corretto e validato dal formatore /tutor. Il test è inviato al registro online, corretto e validato dal formatore /tutor. 6

7 Attenzione: Per il monte ore dei corsi delle regioni PON si veda il documento Integrazione per le Regioni Obiettivo Convergenza allegato alle presenti Linee guida e il documento Tracciamento delle ore di formazione Regioni Obiettivo Convergenza Tracciamento e valutazione delle attività online L offerta formativa, in termini di tracciamento del lavoro svolto dal corsista e di valutazione delle singole attività, si fonda sulla necessità di sostenere l apprendimento dei corsisti tramite: - il regolare tracciamento delle attività svolte - l adozione di momenti di verifica che contemplino sia le valutazioni previste dal tutor per le attività in e online sia forme di auto-valutazione del corsista Tracciamento delle ore online Moduli 1 (A0 A1) e 2 (A1 A2) Ai corsisti in formazione per i moduli 1 e 2 si richiedono 40 ore online da raggiungersi effettuando le attività previste per ciascuno dei 5 nuclei nel modo seguente: - 6 ore per lo svolgimento delle attività online; - 1 ora per lo svolgimento della verifica di fine nucleo; - 1 ora per lo svolgimento del Achievement test. Modulo 3 (A2 B1) Ai corsisti in formazione per il modulo 3 si richiedono 80 ore online da raggiungersi effettuando le attività previste per ciascuno dei 5 nuclei nel modo seguente: - 12 ore per lo svolgimento delle attività online; - 2 ore per lo svolgimento della verifica di fine nucleo; - 2 ore per lo svolgimento del Achievement test. 3. La Piattaforma INDIRE Nella piattaforma INDIRE la Home page consente di accedere a tutte le aree e agli strumenti di seguito descritti. In particolare, si visualizzano i due percorsi della formazione: linguisticocomunicativo e metodologico-didattico, identificabili anche dai diversi colori (arancione per il primo, blu per il secondo) 3. 1 Il percorso linguistico-comunicativo Struttura della piattaforma per il percorso per lo sviluppo delle competenze linguisticocomunicative. Area contenente le attività e i test di verifica finali che consentono di acquisire le ore previste per la parte di percorso online. I tutor accedono ad una homepage che consente l accesso a tutti e 3 i moduli e ad una sezione Formazione tutor contenente linee guida e tutoriali. 7

8 Homepage tutor I corsisti entrano direttamente nel modulo a cui sono iscritti. La homepage del corsista consente l accesso al percorso per le competenze linguistico-comunicative e metodologico-didattiche. Homepage corsista 8

9 I tutor dispongono di uno strumento Registro che consente loro di: associare i corsisti alla propria classe 4 ; 5 aggiornare le presenze del corsista negli incontri frontali visionare le attività dei singoli corsisti accendere le attività di verifica per la classe validare gli Achievement test per ogni singolo corsista Anche il corsista tramite lo strumento Portfolio può in ogni momento controllare il proprio percorso verificando l accumulo di ore di attività nonché lo stato di validazione dei propri Achievement test. La piattaforma dispone anche di sezioni che consentono al tutor e alla classe di comunicare, collaborare e confrontarsi in modalità asincrona e sincrona. Le attività svolte in queste sezioni non attribuiscono ore/crediti. Il mio gruppo : Condivisione materiali: consente la condivisione di materiali nella classe virtuale. Chat: per comunicare con gli altri corsisti del gruppo e con il tutor in modalità sincrona. Blog Wiki: l applicazione di blog wiki permette di postare e commentare messaggi come un normale blog con l ulteriore possibilità di modificare i messaggi inseriti in modalità wiki 6. Tale applicazione è molto utile per il lavoro collaborativo. Laboratorio Sincrono: L ambiente sincrono permette di ricreare a distanza un incontro in attraverso l utilizzo di strumenti audio/video conferenza e di lavoro collaborativo Community e Forum : Aree di socializzazione, discussione e confronto tra tutti gli iscritti alla formazione. 4 I tutor PON non devono creare la propria classe virtuale perché viene generata nel sistema GPU dalla scuola presidio e trasferita nella Piattaforma Learn&Teach da Indire. 5 I tutor PON devono inserire le presenze del corsista negli incontri frontali nel sistema GPU. 6 Un wiki è una pagina (o comunque una collezione di documenti ipertestuali) che viene aggiornata dai suoi utilizzatori e i cui contenuti sono sviluppati in collaborazione da tutti coloro che vi hanno accesso. La modifica dei contenuti è aperta, nel senso che il testo può essere modificato da tutti gli utenti contribuendo non solo per aggiunte come accade solitamente nei forum, ma anche cambiando e cancellando ciò che hanno scritto gli autori precedenti. Ogni modifica è registrata in una cronologia che permette in caso di necessità di riportare il testo alla versione precedente; lo scopo è quello di condividere, scambiare, immagazzinare e ottimizzare la conoscenza in modo collaborativo. La definizione è tratta da (23/10/2012) 9

10 La piattaforma dispone di un servizio di Help a cui è possibile inviare una per dubbi, problemi tecnici e questioni amministrative. 4. Le attività proposte nei moduli online 7 Per ciascuno dei tre moduli online, sulla base del sillabo proposto nel Profilo 2007 che costituisce la base per la formazione in, sono state dapprima selezionate le funzioni comunicative relative alle abilità di produzione e di ricezione orale previste dal livello di competenza obiettivo di ciascun modulo. Sulla base di questa selezione sono state create le nuove attività suddivise nei 5 nuclei all interno di ciascuno dei tre moduli. Le attività sono quindi in linea con i livelli previsti, collegate alle lezioni in svolte dal tutor e possono essere svolte in autonomia dal docente in formazione per approfondire quanto già svolto in classe. In alcuni casi (Modulo 3) le nuove attività fanno riferimento in toto o in parte ai Learning Objects del piano formativo precedente. 4.1 Le funzioni Le funzioni sono state selezionate tra quelle relative alle abilità di produzione e di ricezione orale proprio per sostenere lo sviluppo di tali abilità. La seguente tabella riassume per ciascun modulo i nuclei tematici e le funzioni individuate per l approfondimento online di ciascun modulo Modulo 1 0 A1 1. Introducing oneself and other people Greeting and taking leave 2. Giving personal information: name, surname, job, age, phone number, [marital status,] nationality. Filling in forms. FUNZIONI LINGUISTICO-COMUNICATIVE Modulo 2 A1 A2 Talking about habits and free time activities Talking about preferences Talking about the recent past Talking about quantity Comparing objects, places, people and animals 3. Talking about one s family Telling stories. Narrating in chronological sequence, using appropriate tenses and connectors. Understanding, talking/writing about past events. Modulo 3 A2 B1 Talking about preferences and giving reasons Giving information about / describing countries and cities Understanding, talking / writing about past events 7 L intero Gruppo Esperti ha partecipato all impostazione della nuova proposta e delle attività. In particolare, per il lavoro di coordinamento e monitoraggio della fase di attuazione, le attività riferite ai moduli 1 e 2 sono state coordinate da Gianfranco Porcelli, Silvia Minardi e Lucilla Lopriore, quelle relative al modulo 3 sono state coordinate da Linda Rossi Holden, Giuseppa Compagno e Maria Pia Basilicata. 10

11 4. Talking about daily routines Talking about people s jobs Telling the time Talking about the weather Describing present actions 5. Talking about [houses] schools, rooms and furniture. Describing holidays and incidents Describing feelings Ordering food and drink Buying things Tab. 3 Funzioni linguistico-comunicative di ciascun modulo Understanding a biography, the news, a story Giving information about something read / seen. Retelling. Giving opinions 4.2 Le attività online dei tre moduli Le attività sono tutte accompagnate da obiettivi generali e specifici, dalle funzioni, strutture e lessico di riferimento, sono scandite in fasi e contengono riferimenti a siti esterni che consentono al docente di familiarizzarsi con una molteplicità di riferimenti e a muoversi in autonomia nello studio individuale della lingua. Titolo attività MODULO 1 Nucleo 1 FUNZIONI LINGUISTICO-COMUNICATIVE Introducing oneself and other people ; Greeting and leave taking. 1. Hello, what s your name? (M.C. Luise) 2. The alphabet and the spelling (M.C. Luise) 11

12 3. Where are you from? (M.C. Luise) 4. Nice to meet you (M.T. Maurichi) 5. Focus on classroom language (M.T. Maurichi) 6. Good morning, good night (M.T. Maurichi) Nucleo 2 FUNZIONI LINGUISTICO-COMUNICATIVE Giving personal information: name, surname, job, age, phone number, marital status; nationality; filling in forms. 1. Who are you? (E.Burchietti - B.A. Boyle) 2. Using numbers (B.A. Boyl-E.Burchietti) 3.Asking personal questions (B.A. Boyle-E.Burchietti) 4. Listen, please! (E.Burchietti - B.A. Boyle) 5. Talking about Nationalities (B.A. Boyle-E.Burchietti) 6. Talking about Jobs (E.Burchietti - B.A. Boyle) Nucleo 3 Talking about one s family 1. This is my family (M.C. Luise) 2. Tom is Kate s brother (M.C. Luise) 3. School activities (M.C. Luise) 4. Our body (M.T. Maurichi) 5. I feel pretty! (M.T. Maurichi) 6. Everyday actions (M.T. Maurichi) Nucleo 4 Talking about daily routines; Talking about people s jobs; Telling the time; Talking about the weather; Describing present actions 1. Today it s sunny! (M.C. Luise) 2. What time is it? (M.T. Maurichi) 3. What do you do? (M.C. Luise) 4. Merry Christmas (M.C. Luise) 5. Daily routines (M.T. Maurichi) * 6. Weekly classroom (M.T. Maurichi) * Nucleo 5 Talking about houses, schools, rooms and furniture. 1. My house (B.A. Boyle-E. Burchietti) 2. Fun at home (B.A. Boyle-E. Burchietti) 3. A mouse in my school! (E. Burchietti-B.A. Boyle) 4. The school playground (E. Burchietti-B.A. Boyle) Tab. 4 Modulo 1: attività * in revisione Titolo attività MODULO 2 Nucleo 1 Talking about habits and free time activities; talking about preferences; talking about the recent past; talking about quantity 1. How do you relax? (C. Ferronato) 2. How often do you? (C. Ferronato) 3. I love Maths! (C. Ferronato) 4. The museum of glass (G. Claudio) 5. A perfect present! (G. Claudio) 12

13 6. Things are looking up!(g. Claudio) Nucleo 2 Comparing objects, places, people and animals 1. Football is more popular than volleyball!(c. Ferronato) 2. Which is bigger, Rome or Venice? (M.C. Luise) 3. The best pet (M.T. Maurichi) 4. Comparing Jobs (B.A. Boyle-E.Burchietti) 5. Food quantities and qualities (Burchietti) 6. Do it right! (G. Claudio) Nucleo 3 Telling stories; Narrating in chronological sequence, using appropriate tenses and connectors; understanding, talking, writing about past events. 1. A long way out (C. Ferronato) 2. How to make a sandwich (C. Ferronato) 3. Yesterday (C. Ferronato) Nucleo 4 Describing holidays and incidents; Describing feelings. 1. Getting around town (E. Burchietti) 2. Making travel arrangements (E. Burchietti) 3. Holiday planning (B.A. Boyle) 4. Exploring nature (B.A. Boyle) 5. How was your vacation? (B.A. Boyle) Nucleo 5 Ordering food and drink; Buying things 1. Eating out (C. Ferronato) 2. Where to buy what in London! (C. Ferronato) 3. At a tea room (E. Burhcietti) Tab. 5 Modulo 2: attività MODULO 3 Titolo nuove attività Learning Objects della piattaforma ANSAS 2009 Nucleo 1 Talking about preferences and giving reasons 1. School rules (A. Nadalini) Cheating (L.Cinganotto e D. Cuccurullo) 2. I don t really like it! (F.Alcamesi) A survey (L.Cinganotto e D. Cuccurullo) 3. The flatmates ep.194: Holiday Plans (opzionale) (F.Alcamesi) 4. The flatmates ep.31: The photocopier (F.Alcamesi) What will you do if? (A.Di Stefano, C.Di Stefano. A.Trincanato) La posta del cuore (L.Cinganotto e D. Cuccurullo) Dovresti /Non dovresti /Se fossi in te (R.Bertero) If I were you (L.Cinganotto e D. Cuccurullo) Nucleo 2 Giving information about / describing countries and cities 1. A Growing Union (L.M. Fossati) Survival guide to Japan (L.Cinganotto e D. Cuccurullo) 2. There s more than football (C. Bosetti) Live longer (L.Cinganotto e D. Cuccurullo) 13

14 Buying on line (L.Cinganotto e D. Cuccurullo) Petrified forest (INDIRE) Nucleo 3 Understanding, talking, writing about past events 1. Journey into the Past (Letizia Fossati) Concerts (L.Cinganotto e D. Cuccurullo) 2. Montessori Education (Cristina Bosetti) Effect of Music (L.Cinganotto e D. Cuccurullo) Rock Music (L.Rossi Holden) The Lord of the Rings (L.Rossi Holden) Caring People (P.Coppari) Past coming back (L.Cinganotto e D. Cuccurullo) Nucleo 4 Understanding a biography, the news, a story 1. Anglo-Saxon folklore (F.Alcamesi) Digital storytelling (L.Cinganotto e D. Cuccurullo) 2. Stay hungry, stay foolish (A. Nadalini) The bookseller of Kabul (F.Stephenson) Alice in Wonderland(L.Cinganotto e D. Cuccurullo) What a life! (L.Cinganotto e D. Cuccurullo) Nucleo 5 Giving information about something read / seen. Retelling. Giving opinions Practice 1. General review, focusing on: Listening Reading Use of English Practice 2. General review, focusing on: Listening Reading Use of English Practice 3. General review, focusing on: Listening Reading Use of English Practice 4. General review, focusing on: Listening Reading Use of English Writing (punctuation) Practice 5. General review, focusing on: Listening Reading Use of English Tab. 6 Modulo 3: attività 4. Ruolo del tutor Il ruolo del tutor nel percorso formativo diventa ancora più centrale per la sua funzione di raccordo tra la parte in con le attività proposte online. Nell ambito di ciascun modulo il tutor, sulla base del sillabo del Profilo 2007, progetterà gli interventi formativi in 14

15 tenendo conto in particolare delle funzioni, strutture e lessico che potranno essere approfondite nelle attività online. Il tutor avrà cura di verificare lo svolgimento delle attività e di validare il percorso verificando il raggiungimento del monte ore online. 5. Presentazione dell offerta ai corsisti È importante guidare il corsista nell ambito della offerta formativa evidenziando i collegamenti tra le lezioni in e l organizzazione dello studio individuale online. L articolazione della nuova offerta formativa online è stata quindi predisposta con una serie di diapositive che il tutor potrà utilizzare all inizio del corso per illustrare il percorso formativo e l uso della piattaforma, soffermandosi sui momenti di raccordo tra l uno e l altro. 15

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

Liceo scientifico A. Einstein

Liceo scientifico A. Einstein Liceo scientifico A. Einstein Cervignano del Friuli CLASSE 1^ALSA PROGRAMMA DIDATTICO MODULI REALIZZATI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Prof.ssa Marilena Beltramini Anno scolastico 2013-2014 PROGRAMMA

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi

Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi Manuale per l utilizzo del sistema di gestione degli interventi Unione Europea P.O.N. - Competenze per lo Sviluppo (FSE) P.O.N. - Ambiente per l apprendimento (FESR) D.G. Occupazione, Affari Sociali e

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI MODAL VERBS PROF. COLOMBA LA RAGIONE Indice 1 VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI ----------------------------------------------- 3 2 di 15 1 Verbi modali: aspetti grammaticali e pragmatici

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life Form@re, ISSN 1825-7321 Edizioni Erickson, www.erickson.it Questo articolo è ripubblicato per gentile concessione della casa editrice Edizioni Erickson. Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Dettagli

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Congresso Nazionale SIREM Milano, 5-6 giugno 2012 ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Valentina Pennazio, Andrea Traverso, Davide Parmigiani Università

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER L'ACCESSO AI LABORATORI DELL'ATENEO COMPILAZIONE SCHEDA DI ACCESSO

CORSO DI FORMAZIONE PER L'ACCESSO AI LABORATORI DELL'ATENEO COMPILAZIONE SCHEDA DI ACCESSO SERVIZIO FORMAZIONE E SVILUPPO R. U. CORSO DI FORMAZIONE PER L'ACCESSO AI LABORATORI DELL'ATENEO Guida per i frequentatori dei laboratori Per ogni frequentatore che deve accedere ai laboratori di Ateneo

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

C O R S I FORMATIVI & CREATIVI

C O R S I FORMATIVI & CREATIVI La Pro Loco Brignano Gera d Adda con il patrocinio dell Amministrazione Comunale in collaborazione con l Istituto Comprensivo Mastri Caravaggini organizza i seguenti Corsi formativi e creativi: AREA INFORMATICA

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Seminario Valutazione PON Roma, 29 marzo 2012 La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Elena Meroni - Università di Padova e INVALSI Daniele Vidoni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Capire meglio il Grammar Focus

Capire meglio il Grammar Focus 13 Present continuous (ripasso) Avverbi di modo Per un ripasso del PRESENT CONTINUOUS vai ai GF 10 e 11. Il PRESENT CONTINUOUS si usa per azioni che si fanno in questo momento / ora. Osserva l immagine

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

S S SONG. p. 43. p. 44. Presentation

S S SONG. p. 43. p. 44. Presentation L E S S O N P L A N SONG p. 43 What time, what time is it now? It s seven, seven o clock. What time, what time is it now? It s seven, seven o clock. It s time, time to rock, time to rock, time to rock.

Dettagli

la buona SCUOLA La Consultazione

la buona SCUOLA La Consultazione la buona SCUOLA La Consultazione DI COSA PARLEREMO la buona scuola: come siamo arrivati qui un dibattito grande quanto il paese: i percorsi e i numeri della partecipazione la buona scuola reloaded PIANO

Dettagli