Basi di Dati Distribuite

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Basi di Dati Distribuite"

Transcript

1 Basi di Dati Distribuite P. Atzeni, S. Ceri, S. Paraboschi, R. Torlone (McGraw-Hill Italia) Basi di dati: architetture linee di evoluzione - seconda edizione Capitolo 3 Appunti dalle lezioni SQL come DDL Sistemi informativi e basi di dati La Progettazione Concettuale SQL come DML Il modello relazionale La Progettazione Logica SQL come DCL Utilizzo di un DBMS Reale La Progettazione Fisica Strumenti CASE Forme normali Programmazione Transazioni e tecnologie di supporto Basi di dati direzionali Basi di dati distribuite DB Distribuiti 1

2 DB Distribuiti Un DB distribuito è una collezione di dati: Logicamente appartenenti allo stesso sistema. I dati hanno cioè caratteristiche tali che li legano insieme cosicché un DB distribuito è diverso da un insieme di DB centralizzati. Sono distribuiti su più server collegati in rete. DB Distribuiti 2 Motivazioni Natura intrinsecamente distribuita delle organizzazioni Evoluzione degli elaboratori Aumento della capacità' elaborativa Riduzione di prezzo Evoluzione della tecnologia dei DBMS Standard di interoperabilità Evoluzione delle reti DB Distribuiti 3

3 DB Distribuiti: Classificazione Se su tutti i server è usato lo stesso DBMS si parla di DB omogenei. Se i DBMS sono diversi si parla di DB eterogenei. E anche importante sapere se i vari server sono collegati da una LAN o da una WAN. DB Distribuiti 4 Frammentazione dei dati Posso frammentare lo schema Posso frammentare la tabella Frammentazione orizzontale I frammenti sono insiemi di tuple con lo stesso schema. La relazione originale si ottiene con l unione. Frammentazione verticale I vari frammenti hanno uno schema ottenuto come sottoinsieme dello schema della relazione di partenza. La relazione originale si ottiene con un join. La frammentazione deve essere garantire completezza e ricostruibilità. DB Distribuiti 5

4 Allocazione dei dati Ogni frammento è realizzato tramite una o più tabella in un db allocato su un certo server. Allocazione non ridondante ogni frammento o relazione viene allocato su un solo server. ridondante alcuni frammenti o relazioni sono allocati su più server. DB Distribuiti 6 Livelli di Trasparenza Trasparenza di Frammentazione Interagiamo con il db distribuito come se fosse centralizzato. Non ci dobbiamo preoccupare né della eventuale frammentazione né delle allocazioni. Trasparenza di Allocazione Dobbiamo conoscere come sono frammentati i dati ma dobbiamo indicarne la allocazione. Se il sistema è ad allocazione ridondante non dobbiamo indicare a quale replica ci riferiamo per l accesso (trasparenza di replicazione) DB Distribuiti 7

5 Livelli di Trasparenza Trasparenza di Linguaggio Dobbiamo indicare sia i frammenti sia la loro allocazione ma non dobbiamo preoccuparci dei vari dialetti SQL usati dai vari sistemi. Assenza di trasparenza Il sistema è eterogeneo e i dialetti SQL sono diversi e noi dobbiamo specificare le varie query opportunamente. DB Distribuiti 8 Livelli di Trasparenza: Esempio Fornitore Fornitore1 Fornitore2 (Oracle) (SQLServer) (SQLServer) Problema: Selezionare il nome di un fornitore dato il suo numero DB Distribuiti 9

6 Livelli di Trasparenza: Esempio Trasparenza di frammentazione select nome from fornitore where numero = 125 DB Distribuiti 10 Livelli di Trasparenza: Esempio Trasparenza di allocazione select nome from fornitore1 where numero = 125 Se non lo trovo select nome from fornitore2 where numero = 125 DB Distribuiti 11

7 Livelli di Trasparenza: Esempio Trasparenza di linguaggio select nome into from where numero = 125 Se non lo trovo select nome from where numero = 123 Assenza di trasparenza Bisogna tenere conto dei dialetti SQL nella formulazione delle query DB Distribuiti 12 Transazioni e DB Distribuiti Richieste remote Operazioni di sola lettura indirizzate ad un solo DBMS Transazioni remote Insieme arbitrario di comandi SQL indirizzate ad un solo DBMS Transazioni distribuite (2PC) Indirizzate a più DBMS, ma ogni comando SQL fa riferimento a dati gestiti da un solo DBMS. Richieste distribuite (2PC + Ottimizzazione Distribuita) Transazioni arbitrarie, in cui il singolo comando SQL può fare riferimento anche a dati gestiti da più DBMS DB Distribuiti 13

8 Acidità delle Transazioni Ragioneremo sulle transazioni distribuite Consistenza Limiti tecnologici impongono che i vincoli imposti siano solo locali. Persistenza e Atomicity I meccanismi utilizzati per il caso centralizzato restano validi (con qualche aggiunta per l atomicità) DB Distribuiti 14 Acidità delle Transazioni Isolation e Atomicity Se ogni sistema usa il 2PL stretto la scheduling globale è serializzabile Problema del deadlock distribuito Se ogni sistema usa il metodo dei timestamps, ed essi sono assegnati in maniera globale alle sottotransazioni,lo scheduling globale è serializzabile. DB Distribuiti 15

9 Commit a 2 fasi (2PC) I server vengono denominati: Resource Manager (RM); Transaction Manager (TM). L analogia più calzante è quella di un matrimonio con i promessi sposi (i RMs) ed un celebrante (TM). DB Distribuiti 16 Commit a 2 fasi (2PC) Il celebrante chiede ai partecipanti se vogliono sposarsi (cioè se vogliono concludere positivamente la transazione). Se tutti i partecipanti sono d accordo, il matrimonio si fa. Se almeno uno dei partecipanti non è d accordo il matrimonio si annulla. DB Distribuiti 17

10 Durability Ogni DBMS ha ovviamente la capacità di gestire applicazioni in modo autonomo. Un progetto accurato della distribuzione dovrebbe garantire che la maggior parte possibile delle applicazioni operino localmente. Nel caso di transazioni di stribuite sono possibili diversi malfunzionamenti; Caduta del TM; Caduta di uno di RM; Caduta della Rete. Nuovi record nei log. DB Distribuiti 18 Nuovi record nel log del TM Record di prepare Il TM scrive sul proprio log l identificativo dei processi RM partecipanti. Record global commit / global abort Si riporta la decisione presa relativamente alla transazione in esame. Record di complete Il protocollo è stato portato a termine. DB Distribuiti 19

11 Nuovi record nel log del RM Ai record classici si aggiunge il record di ready Se accetto: Indica l irrevocabile decisione di partecipare al commit globale. Deve essere scritto quando si è in uno stato stabile (risorse bloccate) e rispettando la WAL e la commit precedenza per il proprio log. Una volta scritto questo record, l RM perde ogni autonomia decisionale. Se rifiuto: Poi vediamo DB Distribuiti 20 2PC in assenza di guasti Rapide scritture su log e scambi di messaggi prepare global decision complete TM prepare msg ready ready msg decision msg finestra di incertezza local decision ack msg RM DB Distribuiti 21

12 Cosa accade se. Qualche RM decide l abort della transazione Anziché mandare un messaggio di ready, manda un messaggio di not-ready. Il processo che gestisce l RM termina dopo l abort DB Distribuiti 22 Cosa accade se. Qualche RM non manda la decisione locale Allo scadere del time-out si opta per global abort DB Distribuiti 23

13 Cosa accade se. Un partecipante cade prima il record ready Non ci sono modifiche sostanziali rispetto al caso centralizzato. La transazione va disfatta perché la transazione globale è andata in global abort. DB Distribuiti 24 Cosa accade se. Un partecipante cade dopo il record ready L RM deve conoscere la decisione globale. L RM interroga il TM oppure il TM ri-invia la decisione ad intervalli regolari DB Distribuiti 25

14 Cosa accade se. Cade il TM e l ultimo record è prepare Problema: il messaggio di prepare è arrivato a tutti, a nessuno o a qualcuno? Alla ripresa del TM si può decidere per un global abort e svolgendo la seconda parte del protocollo. E anche possibile cercare di ripetere la prima fase. DB Distribuiti 26 Cosa accade se. Cade il TM e l ultimo record è global decision Quanti RM siano stati avvertiti della decisione? Bisogna ripetere la seconda riavvertendo tutti gli RM. DB Distribuiti 27

15 Osservazione La possibile ripetizione della seconda fase (scadenza del timeout normalmente o recovery del TM o dell RM) fa sì che che l RM possa ricevere il messaggio di global decision più volte. L RM ignora i messaggi successivi ma deve sempre mandare l ack per consentire la chiusura del protocollo. DB Distribuiti 28 Cosa accade se. Si perde il prepare msg o qualche ready msg Situazioni indistinguibili dal punto di vista del TM) Scatta il timeout sulla prima fase e si decide un global abort. DB Distribuiti 29

16 Cosa accade se. Si perde il global decision msg o qualche ack Situazioni indistinguibili dal punto di vista del TM) Scatta il timeout sulla seconda fase e questa viene ripetuta. DB Distribuiti 30 DB replicati COPIA PRIMARIA COPIA SECONDARIA propagazione modifiche L affidabilità L autonomia DB Distribuiti 31

17 DB replicati COPIA 1 COPIA 2 modifiche modifiche DB Distribuiti 32 DB replicati Trasmissione asincrona COPIA 1 COPIA 2 propagazione transazione master transazione di allineamento DB Distribuiti 33

18 DB replicati Transazione asincrona COPIA 1 COPIA 2 transazione master DB Distribuiti 34 DB replicati Allineamento periodico COPIA 1 COPIA 2 INTERO CONTENUTO COPIA 1 DELLA COPIA 1 COPIA 2 DELTA-PLUS DELTA-MINUS DB Distribuiti 35

Architetture distribuite

Architetture distribuite Architetture distribuite Basi di dati: Architetture e linee di evoluzione - Seconda edizione Capitolo 6 Appunti dalle lezioni Sommario Architetture client-server Basi di dati distribuite Basi di dati parallele

Dettagli

Architetture Distribuite

Architetture Distribuite Architetture Distribuite Capitolo 3 Basi di dati Architetture e linee di evoluzione P. Atzeni, S. Ceri, P. Fraternali, S. Paraboschi, R. Torlone 1 Sommario Architetture client-server Basi di dati distribuite

Dettagli

TRANSAZIONI DISTRIBUITE TRANSAZIONI

TRANSAZIONI DISTRIBUITE TRANSAZIONI TRANSAZIONI DISTRIBUITE Transazioni distribuite Atomicità di una transazione distribuita Protocollo Two-Phase Commit Gestione dell affidabilità Fallimenti durante il 2PC Gestione della concorrenza Serializzabilità

Dettagli

Architetture distribuite

Architetture distribuite Architetture distribuite -ARC 1 Basi di dati distribuite a RETE : LAN (Local Area Network) WAN (Wide Area Network) b DBMS : Sistema omogeneo Sistema eterogeneo SYBASE ORACLE DB2 CLIENT -ARC 2 Problemi

Dettagli

Basi di dati distribuite. BD distribiute 1

Basi di dati distribuite. BD distribiute 1 Basi di dati distribuite BD distribiute 1 Motivazioni della distribuzione dei dati natura intrinsecamente distribuita delle organizzazioni evoluzione degli elaboratori - aumento della capacità elaborativa

Dettagli

Architetture Distribuite per Basi di Dati

Architetture Distribuite per Basi di Dati Architetture Distribuite per Basi di Dati Carlo Combi e Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine 1 Architetture distribuite per Basi di Dati Introduzione

Dettagli

Linguaggio SQL: costrutti avanzati

Linguaggio SQL: costrutti avanzati Linguaggio SQL: costrutti avanzati Gestione delle transazioni Introduzione Transazioni in SQL Proprietà delle transazioni 2 Pag. 1 1 Gestione delle transazioni Esempio applicativo Operazioni bancarie operazione

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 2011 Docente: Gigliola Vaglini Docente laboratorio: Alessandro Lori 1 Obiettivi del corso Imparare

Dettagli

6 BASI DI DATI DISTRIBUITE. Paradigma client-server I- ARCHITETTURE CLIENT-SERVER SERVER. Paradigmi per la distribuzione dati.

6 BASI DI DATI DISTRIBUITE. Paradigma client-server I- ARCHITETTURE CLIENT-SERVER SERVER. Paradigmi per la distribuzione dati. Paradigmi per la distribuzione dati Basi di dati II 6 BASI DI DATI DISTRIBUITE I-Architettura client-server Separazione del database server dal client II- Basi di dati distribuite Molti database server

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Introduzione Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di

Dettagli

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica Basi di Dati prof. A. Longheu 5 Progettazione fisica Progettazione Fisica Per effettuare la progettazione fisica, ossia l implementazione reale del modello logico creato nella fase della progettazione

Dettagli

Pag. 1. Gestione delle transazioni. Linguaggio SQL: costrutti avanzati. Esempio applicativo. Gestione delle transazioni. Prelievo. Esempio applicativo

Pag. 1. Gestione delle transazioni. Linguaggio SQL: costrutti avanzati. Esempio applicativo. Gestione delle transazioni. Prelievo. Esempio applicativo Gestione delle transazioni Introduzione Transazioni in SQL Linguaggio SQL: costrutti avanzati 2 applicativo Operazioni bancarie operazione di prelievo dal proprio conto corrente mediante bancomat Gestione

Dettagli

DEFINIZIONI FONDAMENTALI

DEFINIZIONI FONDAMENTALI Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione DEFINIZIONI FONDAMENTALI Per vincere ci vuole una buona partenza... Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it

Dettagli

L architettura di un DBMS

L architettura di un DBMS L architettura di un DBMS sources: Lucidi del corso di Lucidi del corso di Laboratorio di Basi di dati e sistemi informativi, Montesi, Magnani, Corso di laurea in Informatica per il management, Scienze

Dettagli

Introduzione all Architettura del DBMS

Introduzione all Architettura del DBMS Introduzione all Architettura del DBMS Data Base Management System (DBMS) Un DBMS è uno strumento per la creazione e la gestione efficiente di grandi quantità di dati che consente di conservarli in modo

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di dati 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Introduzione ai sistemi di basi

Dettagli

11. Basi di dati distribuite ed architetture client-server

11. Basi di dati distribuite ed architetture client-server 11. Basi di dati distribuite ed architetture client-server In questa lezione focalizzeremo la nostra attenzione sui Database distribuiti (DDB), i sistemi per la gestione di Database Distribuiti (DDBMS),

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

Corso di Basi di Dati A.A. 2014/2015

Corso di Basi di Dati A.A. 2014/2015 Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Sapienza Università di Roma Corso di Basi di Dati A.A. 2014/2015 Tiziana Catarci, Andrea Marrella Ultimo aggiornamento : 21/02/2015 Risorse di una organizzazione

Dettagli

SISTEMI DISTRIBUITI. Criteri classificazione DBMS distribuiti

SISTEMI DISTRIBUITI. Criteri classificazione DBMS distribuiti SISTEMI DISTRIBUITI Criteri di classificazione dei sistemi distribuiti Autonomia, distribuzione, eterogeneità Architetture per DBMS distribuiti Client/server Peer-to-peer Multi-database Regole di Date

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Informatica Generale Andrea Corradini 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Sommario Concetti base di Basi di Dati Il modello relazionale Relazioni e operazioni su relazioni Il linguaggio SQL Integrità

Dettagli

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI Istituto di Istruzione Superiore Euganeo Istituto tecnico del settore tecnologico Istituto professionale del settore servizi socio-sanitari Istituto professionale del settore industria e artigianato PROGRAMMA

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica II Modulo Basi di dati a.a. 2013-2014

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica II Modulo Basi di dati a.a. 2013-2014 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica II Modulo Basi di dati a.a. 2013-2014 Docente: Gigliola Vaglini Docente laboratorio: Francesco Pistolesi 1 Obiettivi del corso Imparare

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Sistemi di gestione delle basi di dati. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Sistemi di gestione delle basi di dati. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Sistemi di gestione delle basi di dati 1 Cos è un DBMS? Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni (ad esempio, Madonna

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione dell affidabilità

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione dell affidabilità Affidabilità Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione dell affidabilità Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università

Dettagli

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni Introduzione Ai Data Bases Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni I Limiti Degli Archivi E Il Loro Superamento Le tecniche di gestione delle basi di dati nascono

Dettagli

Indice Prefazione... 1 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 Vincoli e Trigger... 9

Indice Prefazione... 1 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 Vincoli e Trigger... 9 Prefazione... 1 Contenuti... 1 Ringraziamenti... 2 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 1.1 Dichiarazione di funzioni e procedure... 3 1.2 Istruzioni PSM... 4 2 Vincoli e Trigger...

Dettagli

Corso di Laboratorio di Basi di Dati

Corso di Laboratorio di Basi di Dati Corso di Laboratorio di Basi di Dati F1I072 - INF/01 a.a 2009/2010 Pierluigi Pierini Technolabs S.p.a. Pierluigi.Pierini@technolabs.it Università degli Studi di L Aquila Dipartimento di Informatica Technolabs

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati Che cos è un DBMS? Capitolo 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi INTRODUZIONE Motivazioni dei sistemi distribuiti Caratteristiche generali Alcuni richiami sui database centralizzati Standardizzazione dei dati (ANSI/SPARC) Funzioni dei DBMS relazionali Problematiche

Dettagli

Informatica 2 Basi di dati

Informatica 2 Basi di dati Informatica 2 Basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it DB - Introduzione 1 Recapiti Prof. Giuffrida Giovanni Email: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it Info sul corso:

Dettagli

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati Azioni Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB Azioni desiderate Inserzione di nuovi dati Aggiornamento di dati Cancellazione di dati Aggiunta di un record insert into utenti(nome,tel,codice_u)

Dettagli

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS Base di dati (accezione generica) collezione di dati, utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per una o più applicazioni di una organizzazione (accezione specifica) collezione di dati

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Corso di Laurea Interfacoltà in Biotecnologie Lezione 3: Basi di Dati Lucido 1 Scopo della lezione Definire cos è una base di dati e un sistema di gestione della base di dati

Dettagli

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Basi di dati Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Anno Accademico 2008/2009 Introduzione alle basi di dati Docente Pierangelo

Dettagli

Transazioni. Architettura di un DBMS. Utente/Applicazione. transazioni. Transaction Manager. metadati, statistiche.

Transazioni. Architettura di un DBMS. Utente/Applicazione. transazioni. Transaction Manager. metadati, statistiche. Query/update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura pagine Architettura di un DBMS Utente/Applicazione

Dettagli

Gestione delle transazioni. Database Management Systems 3ed, R. Ramakrishnan and J. Gehrke 1

Gestione delle transazioni. Database Management Systems 3ed, R. Ramakrishnan and J. Gehrke 1 Gestione delle transazioni Database Management Systems 3ed, R. Ramakrishnan and J. Gehrke 1 Transazioni v L esecuzione concorrente dei programmi utente è essenziale per le buone prestazioni del DBMS Poiché

Dettagli

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015 BASE DI DATI: introduzione Informatica 5BSA Febbraio 2015 Di cosa parleremo? Base di dati relazionali, modelli e linguaggi: verranno presentate le caratteristiche fondamentali della basi di dati. In particolare

Dettagli

Sistemi centralizzati e distribuiti

Sistemi centralizzati e distribuiti Sistemi centralizzati e distribuiti In relazione al luogo dove è posta fisicamente la base di dati I sistemi informativi, sulla base del luogo dove il DB è realmente dislocato, si possono suddividere in:

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Coordinazione Distribuita

Coordinazione Distribuita Coordinazione Distribuita Ordinamento degli eventi Mutua esclusione Atomicità Controllo della Concorrenza 21.1 Introduzione Tutte le questioni relative alla concorrenza che si incontrano in sistemi centralizzati,

Dettagli

Recovery manager Gestore della affidabilità

Recovery manager Gestore della affidabilità Riferimenti Basi di Dati Complementi Parte 2: Tecnologie per DBMS Parte 2.5: Recovery Manager Trasparenze parte Recovery manager Basi di Dati Atzeni et al. - Capitolo 2.1, 2.2 Anche: Garcia Molina, Ullman,

Dettagli

Breve introduzione ai data warehouse (per gli allievi che non hanno seguito BD2)

Breve introduzione ai data warehouse (per gli allievi che non hanno seguito BD2) Tecnologie per i sistemi informativi Breve introduzione ai data warehouse (per gli allievi che non hanno seguito BD2) Letizia Tanca lucidi tratti dal libro: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Introduzione

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 2 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 2 Modulo 2 La gestione delle informazioni strutturate nell impresa: La progettazione di un Data Base; Le informazioni

Dettagli

Indice. Ringraziamenti dell Editore

Indice. Ringraziamenti dell Editore Prefazione Autori Ringraziamenti dell Editore XVII XXI XXIII 1 Introduzione 1 1.1 Sistemi informativi, informazioni e dati 1 1.2 Basi di dati e sistemi di gestione di basi di dati 3 1.3 Modelli dei dati

Dettagli

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 Lezione V Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 LAB utilizzo di MS Access Definire gli archivi utilizzando le regole di derivazione e descrivere le caratteristiche di ciascun archivio ASSOCIAZIONE (1:1)

Dettagli

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei Introduzione Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei. ESEMPI DI INSIEMI DI DATI DA ORGANIZZARE ED USARE IN MANIERA EFFICIENTE Introduzione Più utenti con

Dettagli

BASI DI DATI per la gestione dell informazione. Angelo Chianese Vincenzo Moscato Antonio Picariello Lucio Sansone

BASI DI DATI per la gestione dell informazione. Angelo Chianese Vincenzo Moscato Antonio Picariello Lucio Sansone BASI DI DATI per la gestione dell informazione Angelo Chianese Vincenzo Moscato Antonio Picariello Lucio Sansone Libro di Testo 22 Chianese, Moscato, Picariello e Sansone BASI DI DATI per la Gestione dell

Dettagli

Informatica Introduzione alle basi di dati

Informatica Introduzione alle basi di dati Informatica Introduzione alle basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it 27 November 2014 Basi di Dati - Introd. - Prof. G. Giuffrida 1 Materiale didattico Atzeni,Ceri,Paraboschi,Torlone,

Dettagli

Transazioni. Capitolo 13. Scrittura immediata e scrittura differita. Concorrenza in un DBMS. Una transazione. Gestione delle transazioni

Transazioni. Capitolo 13. Scrittura immediata e scrittura differita. Concorrenza in un DBMS. Una transazione. Gestione delle transazioni Capitolo 13 Gestione delle transazioni Transazioni L esecuzione concorrente dei programmi utente è essenziale per le buone prestazioni del DBMS Poiché gli accessi al disco sono frequenti e relativamente

Dettagli

Sistemi transazionali. sistemi transazionali 1

Sistemi transazionali. sistemi transazionali 1 Sistemi transazionali sistemi transazionali 1 Ricordiamo le principali caratteristiche dei DBMS condivisione dei dati - concorrenza qualità dei dati - integrità efficienza - caricamento, query, sort controllo

Dettagli

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE 1. JAVA 1.1 Introduzione a Java Introduzione Cosa è Java 1.2 Sintassi e programmazione strutturata variabili e metodi tipi di dati, array operatori

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

Basi di Dati. prof. Letizia Tanca. Le transazioni e il database server, cenni sui nuovi sistemi per Big Data

Basi di Dati. prof. Letizia Tanca. Le transazioni e il database server, cenni sui nuovi sistemi per Big Data Basi di Dati prof. Letizia Tanca Le transazioni e il database server, cenni sui nuovi sistemi per Big Data (lucidi parzialmente tratti dal libro: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Introduzione alle Basi

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

TRANSAZIONI. Una transazione è una successione di operazioni che si può concludere con successo o con insuccesso.

TRANSAZIONI. Una transazione è una successione di operazioni che si può concludere con successo o con insuccesso. Una transazione è una successione di operazioni che si può concludere con successo o con insuccesso. Nel caso di successo, i risultati delle operazioni effettuate devono essere resi definitivi; invece,

Dettagli

APPENDICE. Procedure in SQL (1)

APPENDICE. Procedure in SQL (1) APPENDICE Procedure in SQL Transazioni in SQL Embedded SQL Remote Procedure Call Appendice 1 Procedure in SQL (1) Standard SQL2 permette di definire procedure, associate a singoli comandi SQL, memorizzate

Dettagli

Riferimenti Bibliografici

Riferimenti Bibliografici Elaborazione Automatica dei Dati Enrico Cavalli Anno Accademico 2012-2013 Riferimenti Bibliografici Cavalli, Lorenzi Progettazione dei database linguaggio SQL dati in rete Access, MySQL, pagine ASP, Pagine

Dettagli

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1 Modello relazionale E fondato sul concetto matematico di relazione tra insiemi di oggetti Una relazione su n insiemi A1, A2,..,An è un sottoinsieme di tutte le n-uple a1,a2,,an che si possono costruire

Dettagli

Corso sul linguaggio SQL

Corso sul linguaggio SQL Corso sul linguaggio SQL Modulo L2B (SQL) 2.1 Comandi sui database 1 Prerequisiti Introduzione ai DB Linguaggi per database Tipi fondamentali di dati 2 1 Introduzione In questa Unità introduciamo il linguaggio

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

N ORE LEZIONI FRONTALI: STUDIO INDIVIDUALE ( ) N ORE ESERCITAZIONI/LABORATORIO: STUDIO INDIVIDUALE ( )

N ORE LEZIONI FRONTALI: STUDIO INDIVIDUALE ( ) N ORE ESERCITAZIONI/LABORATORIO: STUDIO INDIVIDUALE ( ) Invia modulo Basi di Dati + Laboratorio INSEGNAMENTO 214-215 ANNO ACCADEMICO Informatica Triennale sede di Brindisi CORSO DI LAUREA IN Paolo Buono DOCENTE 2 1 ANNO DI CORSO SEMESTRE 7 N CREDITI LEZIONI

Dettagli

Basi di dati. Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1.

Basi di dati. Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1.0) - Basi di Dati 1 Materiale didattico Web site: www.andrea.bulgarelli.name/corso

Dettagli

Data Base Management System. Strumenti: Formato: Pro: Contro: Software specifico. Proprietario

Data Base Management System. Strumenti: Formato: Pro: Contro: Software specifico. Proprietario Data Base Management System Strumenti: Software specifico Formato: Pro: Proprietario Massima semplicità di inserimento e gestione Tipizzazione Validazione dei dati Contro: Creazione del database Programmazione

Dettagli

DB - Cenni sulla gestione delle transazioni

DB - Cenni sulla gestione delle transazioni transazioni Cenni sulla gestione delle transazioni in DBMS transazioni Cenni sulla gestione delle transazioni in DBMS Basato sulle slides di transazioni Cenni sulla gestione delle transazioni in DBMS Basato

Dettagli

Archivi e database. Lezione n. 7

Archivi e database. Lezione n. 7 Archivi e database Lezione n. 7 Dagli archivi ai database (1) I dati non sempre sono stati considerati dall informatica oggetto separato di studio e di analisi Nei primi tempi i dati erano parte integrante

Dettagli

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informatica B Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS Contenuti Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informazioni e dati Dato: elemento semanticamente significativo (data, codice, ecc.),

Dettagli

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati INTRODUZIONE Accesso ai dati tramite DBMS Livelli di astrazione Modello dei dati: schema / istanza / metadati Alcuni modelli dei dati Linguaggi per DBMS Architettura di base di un DBMS cesarini - BDSI

Dettagli

Structured Query Language parte 1

Structured Query Language parte 1 Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione Structured Query Language parte 1 Come interrogare una base di dati relazionale ed avere la risposta esatta Docente: Gennaro Pepe

Dettagli

Transazioni in SQL. Nicola Vitacolonna Corso di Basi di Dati Università degli Studi di Udine 4 dicembre 2013

Transazioni in SQL. Nicola Vitacolonna Corso di Basi di Dati Università degli Studi di Udine 4 dicembre 2013 Transazioni in SQL Nicola Vitacolonna Corso di Basi di Dati Università degli Studi di Udine 4 dicembre 2013 1 Introduzione Informalmente, una transazione è una sequenza (arbitrariamente lunga) di operazioni

Dettagli

Gestione delle transazioni. Concetto di transazione

Gestione delle transazioni. Concetto di transazione Dario Maio http://www.csr.unibo.it/~maio/ dmaio@deis.unibo.it Concetto di transazione Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a un insieme di operazioni fisiche elementari (letture/scritture)

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI Anno scolastico 2014/2015 Classe: 5^A inf Prof.ssa C. Lami Prof. S. Calugi Materia: INFORMATICA GENERALE, APPLICAZIONI TECNICO SCIENTIFICHE

Dettagli

GESTIONE DI DATI DISTRIBUITI

GESTIONE DI DATI DISTRIBUITI GESTIONE DI DATI DISTRIBUITI Prof. Fabio A. Schreiber Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano LE TELECOMUNICAZIONI AZIENDALI 1 FASE (< ANNI 80) TELEFONO (POTS), TELEX, TRASMISSIONE

Dettagli

Programma del Corso. Dati e DBMS SQL. Progettazione di una. Normalizzazione

Programma del Corso. Dati e DBMS SQL. Progettazione di una. Normalizzazione Programma del Corso Dati e DBMS DBMS relazionali SQL Progettazione di una base di dati Normalizzazione (I prova scritta) (II prova scritta) Interazione fra linguaggi di programmazione e basi di dati Cenni

Dettagli

BENEDETTI ALESSANDRO Matricola :252805 PROGETTO DI TECNOLOGIA DELLE BASI DI DATI PARTE 2

BENEDETTI ALESSANDRO Matricola :252805 PROGETTO DI TECNOLOGIA DELLE BASI DI DATI PARTE 2 BENEDETTI ALESSANDRO Matricola :252805 PROGETTO DI TECNOLOGIA DELLE BASI DI DATI PARTE 2 Testo: Sviluppare semplici programmi che permettano di verificare i diversi livelli di isolamento previsti da SQL

Dettagli

Basi di Dati e Conoscenza

Basi di Dati e Conoscenza Basi di Dati e Conoscenza II anno Loredana Vigliano Stanza O103 TEL. 0672594645 vigliano@mat.uniroma2.it Obiettivi del corso I parte Conoscere l' algebra su cui si basa la teoria dei Database Relazionali

Dettagli

Corso di SISTEMI INFORMATICI E TELEMATICI PER LA PROFESSIONE. Lezione 2: Data Base. Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.

Corso di SISTEMI INFORMATICI E TELEMATICI PER LA PROFESSIONE. Lezione 2: Data Base. Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano. Corso di SISTEMI INFORMATICI E TELEMATICI PER LA PROFESSIONE Lezione 2: Data Base Ing. Maria Grazia Celentano www.mariagraziacelentano.it 1 Introduzione La raccolta, l organizzazione e la conservazione

Dettagli

Aspetti applicativi e tecnologia

Aspetti applicativi e tecnologia Aspetti applicativi e tecnologia Premessa Architetture usate per i database Le prime applicazioni erano definite monolitiche, cioè un unico computer (mainframe) gestiva sia le applicazioni che i dati,

Dettagli

File e indici. Tecnologia delle BD: perché studiarla? Le basi di dati sono grandi e persistenti. DataBase Management System DBMS

File e indici. Tecnologia delle BD: perché studiarla? Le basi di dati sono grandi e persistenti. DataBase Management System DBMS 1 Tecnologia delle BD: perché studiarla? File e indici I DBMS offrono i loro servizi in modo "trasparente": per questo abbiamo potuto finora ignorare molti aspetti realizzativi abbiamo considerato il DBMS

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Basi di dati Il linguaggio SQL teoria e pratica con Microsoft Access Riepilogando Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Riepilogando Basi di dati Il linguaggio SQL Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi degli attributi, domini, 2. una parte

Dettagli

Tratti dal cap. 9 di: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati II edizione, 1999, McGraw-Hill

Tratti dal cap. 9 di: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati II edizione, 1999, McGraw-Hill /XFLGLVXOFRQWUROORGHOODFRQFRUUHQ]D Tratti dal cap. 9 di: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati II edizione, 1999, McGraw-Hill $QRPDOLD /RVW8SGDWH Si considerino le due transazioni identiche: W1

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l ambiente e il territorio Gli applicativi software Stefano

Dettagli

Docente. Sistemi Informativi. Programma. Programma. Ing. Fabrizio Riguzzi

Docente. Sistemi Informativi. Programma. Programma. Ing. Fabrizio Riguzzi Docente Sistemi Informativi Ing. Fabrizio Riguzzi Fabrizio Riguzzi http://www.ing.unife.it/docenti/fabrizioriguzzi Orario di ricevimento: mercoledì 15-17 studio docente, terzo piano, corridoio di destra,

Dettagli

Questo punto richiederebbe uno sviluppo molto articolato che però a mio avviso va al di là delle possibilità fornite al candidato dal tempo a disposizione. Mi limiterò quindi ad indicare dei criteri di

Dettagli

8 Tecniche di recovery

8 Tecniche di recovery 8 Tecniche di recovery Se viene sottomessa una transazione T, o tutte le operazioni di T sono completate ed il loro effetto è registrato permanentemente nel DB, o T non ha nessun effetto né sul DB né su

Dettagli

Gestione del Buffer. Gestione delle Transazioni. Il buffer. Il gestore del buffer 2. Il gestore del buffer 1

Gestione del Buffer. Gestione delle Transazioni. Il buffer. Il gestore del buffer 2. Il gestore del buffer 1 Gestione delle Transazioni Parte terza Argomenti: Gestore del Buffer,Ripristino, File di Log, Protocolli per il ripristino, Savepoint, Shadow Pages, Gestione del Buffer Obiettivi: Minimizzare gli accessi

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli