Interazione fra applicazioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interazione fra applicazioni"

Transcript

1 WEB SERVICES

2 Successo del Web Negli anni passati il Web ha avuto un enorme successo principalmente per due motivi: Semplicità: Ubiquità Per un fornitore di servizi è semplice raggiungere un numero molto elevato di utenti. Per un utente è semplice accedere ad un servizio ovunque esso si trovi Si tratta però di un sistema fortemente orientato all interazione tra utenti e sistemi

3 Interazione fra applicazioni L evoluzione dell utilizzo di Internet e del Web ha fatto emergere l esigenza di interazioni fra applicazioni in diversi contesti: Un programma di gestione aziendale deve poter integrare le informazioni locali con quelle messe a disposizione su Internet dai fornitori, dalle banche o dall amministrazione pubblica Un applicazione per agenti mobiliari deve poter attingere in tempo reale a informazioni provenienti dai mercati finanziari di tutto il mondo e organizzarle in un quadro coerente Il sistema di gestione di una biblioteca ha la necessità di cercare un libro sia nel catalogo locale che in quello di un sistema bibliotecario più vasto (Comune, Provincia, Università )

4 Limiti del web Purtroppo il modello del web non è adatto all interazione fra applicazioni Si basa su modello molto semplice: L utente, usando un browser, trasmette un URL, digitandolo direttamente oppure cliccando su un link Il web server restituisce una pagina HTML che viene resa graficamente dal browser In un colloquio fra applicazioni questo schema presenta due elementi critici: Gli URL sono uno strumento troppo rudimentale per esprimere richieste complesse e articolate L HTML è in qualche modo un ibrido tra un linguaggio per descrivere il contenuto informativo e un linguaggio per descrivere la presentazione. Non c è una separazione netta fra forma e contenuto.

5 Un nuovo modello Queste considerazioni hanno portato alla definizione di un nuovo modello in grado di superare queste limitazioni: i web services. Si è scelto un approccio di tipo evolutivo: Continuare ad utilizzare HTTP come protocollo di trasporto delle informazioni, in modo da riutilizzare l infrastruttura già esistente e conservare la semplicità del modello di interazione Trovare uno strumento più adeguato per descrivere gli elementi del colloquio: la richiesta e la risposta. Per quanto riguarda questo secondo aspetto la scelta è caduta su XML

6 XML e SOAP XML è conosciuto soprattutto come linguaggio per la descrizione di documenti In realtà è adatto a descrivere qualunque contenuto informativo, anche molto complesso e articolato Può quindi essere utilizzato per esprimere sia le richieste che le risposte, in un modello di interazione come quello che abbiamo appena delineato E stato definito un protocollo chiamato SOAP - basato su HTTP e XML - che definisce un modo semplice ed efficace per creare interazioni fra applicazioni e sistemi attraverso Internet SOAP è un protocollo di invocazione remota: permette di richiedere ad un applicazione remota di svolgere una determinata azione e di restituire dei risultati

7 7 Cos è un web service? Un WS è un applicazione software identificata da un URI, le cui interfacce pubbliche e relativi binding sono definiti e descritti in XML. La sua definizione può essere trovata da altre applicazioni software. Questi ultimi possono poi interagire con il WS seguendo le direttive presenti nella definizione del servizio, usando messaggi XML trasportati da protocolli internet. ( Web Services Architecture

8 Introduzione Interazione tra applicazioni web Modello di interazione tra applicazioni basato su standard esistenti o emergenti: - HTTP (Hypertext Transfer Protocol) -XML(Extensible Markup Language) -SOAP(Single Object Access Protocol) -WSDL(Web Services Description Language) - UDDI (Universal Description Discovery and Integration)

9 Definizione di web services Un web service è un interfaccia che descrive un insieme di operazioni accessibili sulla rete tramite messaggi standardizzati XML. Un Web service è descritto usando una notazione XML formale standard (service description). La service description contiene tutte le informazioni necessarie per l interazione con il servizio: il formato dei messaggi (relativi alle operazioni), il protocollo di trasporto e la localizzazione del servizio.

10 L interfaccia nasconde i dettagli di implementazione del servizio (hardware, software, linguaggio di programmazione). Un web service corrisponde ad una specifica azione o ad un insieme di azioni. Può essere usato da solo o con altri web services per realizzare una transazione complessa.

11 The Web Services Model - Service Description Service Producer Service WSDL,UDDI Publish Bind Service Registry Find WSDL,UDDI Service Consumer Service Description

12 Ruoli in una architettura web services Service producer. E il proprieterio del servizio. Da un punto di vista architetturale, rappresenta il nodo che contiene il servizio. Service consumer E l applicazione che sta cercando, chiamando o iniziando un interazione con un servizio. Un service consumer può essere un browser o un applicazione (es., un altro web service) Service register Registro che contiene le descrizioni di servizi pubblicate su richiesta dei service producer e ricercate dai service consumer.

13 Operazioni in una architettura web services Publish Per essere accessibile una descrizione di un servizio deve essere pubblicata in modo che il service consumer la possa ritrovare. Find L operazione di find può avvenire in due fasi distinte per il consumer: a tempo di progetto del programma per ricercare la descrizione dell interfaccia, a run time per effettuare il binding del servizio richiesto. Bind L interazione con un servizio ha luogo usando le informazioni di binding nella descrizione del servizio per localizzare e chiamare il servizio

14 Web Services Come funziona? Il service consumer si collega ad un registro UDDI (internet o intranet) Ricerca (per categorie, per fornitore, ecc ) il servizio che gli interessa (esempio: web services che fornisca le quotazioni di mercato) Trova la descrizione del servizio (funzionalità, dove collegarsi, come invocarlo) Si collega al server del fornitore del servizio ed usufruisce del servizio il service consumer è un applicazione software I web services sono applicazioni web che forniscono servizi ad altre applicazioni web

15 Web Services Tecnologie SOAP Simple Object Access Protocol Protocollo per lo scambio di informazioni in un architettura distribuita e decentralizzata. E un protocollo di invocazione remota: permette di richiedere ad un applicazione remota di svolgere una determinata azione e di restituire dei risultati. Basato su XML WSDL Web Services Definition Language Standard utilizzato per la descrizione di un web service; fornisce cosa un servizio può fare (richieste, risposte e parametri) dove risiede e come chiamarlo.basato su XML UDDI Universal Description, Discovery and Integration Standard utilizzato per la pubblicazione di servizi in rete

16 SOAP: un esempio Vediamo un semplice esempio: un applicazione finanziaria (client) che colloquia con un servizio che fornisce in tempo reale le quotazioni di borsa. L elemento più semplice di questa interazione è la richiesta dell ultima quotazione di una determinata azione. Vediamo lo schema del colloquio: L applicazione client costruisce una richiesta in XML usando la sintassi definita da SOAP L applicazione client trasmette la richiesta ad un server Web usando HTTP Il server riceve ed interpreta la richiesta trasformandola in un comando che viene passato ad un applicazione residente sul server L applicazione sul server riceve il comando e ricava dal proprio database l informazione richiesta L applicazione sul server crea una risposta, sempre in formato XML con sintassi SOAP e la restituisce al server web Il server web la restituisce all applicazione client sotto forma di risposta HTTP.

17 SOA (Service Oriented Architecture) SOA è uno strumento per ottenere un composite computing model utilizzando web services technology stack, ossia SOAP, WSDL, UDDI. Un web service è costituito da due parti: servizio: rappresenta l implementazione di un web service, di dimensioni e complessità qualsiasi, ospitato da un nodo ed utilizzabile da applicazioni che operano su altri nodi. descrizione del servizio: rappresenta l interfaccia del servizio descritta in XML. La descrizione comprende i tipi di dati utilizzati, le operazioni, la modalità di binding, l indirizzo di rete (URL) del nodo.

18 RUOLI dei partecipanti Provider Proprietario del servizio. Il servizio ha: - una descrizione XML - una implementazione concreta che incapsula il suo comportamento. Si accede al servizio tramite SOAP e HTTP (o SMTP). Il servizio può implementare un protocollo di richiesta/risposta (RPC), oppure ricevere messaggi e fornire risposte in modo asincrono

19 Registro Contiene: - nome, descrizione e localizzazione del servizio - informazioni necessarie per fare uso del servizio Si può accedere a queste informazioni in fase di sviluppo di una applicazione oppure run time. La struttura del Registro consente di ricercare prima se esiste un certo tipo di servizio; in caso affermativo di trovare la sua interfaccia.

20 Richiedente Può essere una persona che usa un browser Un applicazione (es. un altro web service)

21 Interazioni dei partecipanti Pubblicazione. È quasi sempre di tipo dinamico utilizzando il protocollo UDDI (Universal Description, Discovery and Integration). Prospettiva futura:applicazioni ricercano dinamicamente i servizi di cui hanno bisogno da compagnie non conosciute senza la necessità dell intervento umano. Tecnologie utilizzate: SOAP, WSDL, UDDI : tutte basate su XML.

22 Web Services SOAP Il richiedente fa una richiesta (SOAP request), il server ascolta su una porta, accetta la richiesta, esegue il servizio (service) ed invia il risultato al richiedente (SOAP response) SOAP request Service Client SOAP response Server

23 Web Services Esempio di richiesta SOAP POST /StockQuote HTTP/1.1 Host: Content-Type: text/xml; charset="utf-8" Content-Length: nnnn SOAPAction: "Some-URI" <SOAP-ENV:Envelope xmlns:soap-env=" SOAP-ENV:encodingStyle=" <SOAP-ENV:Body> <m:getlasttradeprice xmlns:m="some-uri"> <symbol>dis</symbol> </m:getlasttradeprice> </SOAP-ENV:Body> </SOAP-ENV:Envelope>

24 Web Services Esempio di risposta SOAP HTTP/ OK Content-Type: text/xml; charset="utf-8" Content-Length: nnnn <SOAP-ENV:Envelope xmlns:soap-env=" SOAP-ENV:encodingStyle=" <SOAP-ENV:Body> <m:getlasttradepriceresponse xmlns:m="some-uri"> <Price>34.5</Price> </m:getlasttradepriceresponse> </SOAP-ENV:Body> </SOAP-ENV:Envelope>

25 WSDL Per poter utilizzare un servizio è necessario conoscerne le caratteristiche Il protocollo WDSL (Web Services Definition Language), basato sempre su XML, svolge proprio questa funzione WDSL dice: Cosa un servizio può fare (richieste, risposte e parametri) Dove risiede Come invocarlo Vediamo il documento WSDL che descrive il servizio a cui abbiamo acceduto nell esempio di poco fa

26 WSDL: descrizione dei tipi La prima parte di uno schema WSDL descrive i tipi. <types> <schema> <element name="tradepricerequest"> <complextype> <all> <element name="tickersymbol" type="string"/> </all> </complextype> </element> <element name="tradeprice"> <complextype> <all> <element name="price" type="float"/> </all> </complextype> </element> </schema> </types>

27 WSDL: messaggi e operazioni Troviamo quindi la descrizione dei messaggi: <message name="getlasttradepriceinput"> <part name="body" element="xsd1:tradepricerequest"/> </message> <message name="getlasttradepriceoutput"> <part name="body" element="xsd1:tradeprice"/> </message> E la descrizione delle operazioni: ogni operazione è costituita da un messaggio di richiesta e uno di risposta: <porttype name="stockquoteporttype"> <operation name="getlasttradeprice"> <input message="tns:getlasttradepriceinput"/> <output message="tns:getlasttradepriceoutput"/> </operation> </porttype>

28 WDSL: binding e servizio Il binding è il collegamento tra un tipo di operazione (type), un nome di operazione (name) e l azione da eseguire (soapaction): <binding name="stockquotesoapbinding type="tns:stockquoteporttype"> <soap:binding> <operation name="getlasttradeprice > <soap:operation soapaction= "/> <input> </input> <output> </output> </operation> </binding> L ultima parte del documento descrive il servizio e l indirizzo web da utilizzare per accedervi: <service name="stockquoteservice"> <port name="stockquoteport binding="tns:stockquotebinding"> <soap:address location=" </port> </service>

29 UDDI In un mondo popolato da servizi Web nasce la necessità di rintracciarli A questo scopo è stato sviluppato uno standard, denominato UDDI (Universal Description, Discovery e Integration System) UDDI rappresenta in qualche modo l equivalente di un elenco telefonico online, che permette di rintracciare i web services Infatti UDDI offre 3 servizi i cui nomi si ispirano al mondo della telefonia: White pages: permette di trovare un servizio per nome Yellow pages: permette di trovare un servizio per categoria Green Pages: fornisce informazioni tecniche sui servizi offerti da una determinata azienda Un fornitore di servizi UDDI (IBM, Microsoft, SAP ecc.) gestisce un registro elettronico denominato UBR (UDDI Business Registry) che è accessibile sia per pubblicare che per rintracciare i web services

30 Web Services: riepilogo Che cosa sono quindi in sintesi i web services: Sono applicazioni autonome, modulari, autodescrittive, che possono essere pubblicate, rintracciate e invocate attraverso il web. Permettono di realizzare interazioni fra sistemi attraverso Internet e consentono di integrare funzioni applicative distribuite. Un web service è costituito da 3 elementi: Un meccanismo per la pubblicazione e la rintracciabilità: UDDI Un meccanismo di descrizione: WSDL Un meccanismo di invocazione: SOAP

31 Web services e oggetti distribuiti I web services possono essere considerati come una nuova forma di RMI dove: SOAP ha il ruolo di protocollo di trasporto applicativo (come IIOP) WSDL ha il ruolo di IDL Esistono strumenti (vedi Axis per Java), in grado di creare lo scheletro dei client e dei server sulla base di WSDL Il vantaggio fondamentale rispetto a CORBA/IIOP è la possibilità di passare attraverso i firewall I web services estendono a internet il mondo degli oggetti distribuiti, nati in ambito di rete locale Sono più flessibili e realizzano un accoppiamento molto più blando fra client e server

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi

fornitore di servizi utente all interazione tra utenti e sistemi WEB SERVICES Successo del Web Negli anni passati il Web ha avuto un enorme successo principalmente per due motivi: Semplicità: Ubiquità Per un fornitore di servizi è semplice raggiungere un numero molto

Dettagli

Applicazioni distribuite e sistemi ad oggetti distribuiti. RPC RMI - Web Services 1

Applicazioni distribuite e sistemi ad oggetti distribuiti. RPC RMI - Web Services 1 Applicazioni distribuite e sistemi ad oggetti distribuiti RPC RMI - Web Services 1 Complessità delle applicazioni distribuite La scrittura di applicazioni distribuite basate sull utilizzo di protocolli

Dettagli

Web Services Security

Web Services Security Web Services Security Introduzione ai Web Services Davide Marrone Sommario Cosa sono i web services Architettura dei web services XML-RPC SOAP (Simple Object Access Protocol) WSDL (Web Services Description

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP Web Services I web services servono a rendere interoperabili le applicazioni e favoriscono la loro integrazione. I servizi web sono applicazioni software che possono essere scoperte, descritte e usate

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori M

Corso di Reti di Calcolatori M Università degli Studi di Bologna Dipartimento di Informatica Scienza e Ingegneria (DISI) Scuola di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori M WEB SERVICES Antonio Corradi Anno accademico 2014/2015 Web

Dettagli

Corso di Modelli e Applicazioni in Reti di Calcolatori L-S

Corso di Modelli e Applicazioni in Reti di Calcolatori L-S Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Modelli e Applicazioni in Reti di Calcolatori L-S Esempi di Implementazione e Uso dei WEB SERVICES Luca Foschini Anno accademico 2008/2009

Dettagli

Servizi di interscambio dati e cooperazione applicativa Guida alla gestione dei servizi web Mipaaf

Servizi di interscambio dati e cooperazione applicativa Guida alla gestione dei servizi web Mipaaf Servizi di interscambio dati e cooperazione applicativa Indice 1 Introduzione... 3 2 Accesso ai servizi... 4 2.1 La richiesta di convenzione... 4 2.2 Le credenziali di accesso al sistema... 5 2.3 Impostazione

Dettagli

Un introduzione ai Web service

Un introduzione ai Web service Un introduzione ai Web service Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Definizione di Web service Definizione fornita del W3C http://www.w3.org/tr/ws-arch/ A Web service is a software system

Dettagli

Approfondimento. Web Services

Approfondimento. Web Services Approfondimento Web Services Esame di Programmazione per il Web Fedele Ladisa INDICE Capitolo 1. Introduzione 1.1 Introduzione ai Web Services 1.2 Architettura dei Web Services 1.3 Stack protocollare di

Dettagli

Universal Description, Discovery and Integration (UDDI)

Universal Description, Discovery and Integration (UDDI) Universal Description, Discovery and Integration (UDDI) Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila Giuseppe.DellaPenna@univaq.it http://www.di.univaq.it/gdellape Engineering IgTechnology Info92

Dettagli

Definizione di Web service (2) Un introduzione ai Web service. Caratteristiche dei Web service. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata

Definizione di Web service (2) Un introduzione ai Web service. Caratteristiche dei Web service. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Definizione di Web service Definizione fornita del W3C http://www.w3.org/tr/ws-arch/ Un introduzione ai Web service Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata A Web service is a software system

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

CONCETTI E ARCHITETTURA DI UN SISTEMA DI BASI DI DATI

CONCETTI E ARCHITETTURA DI UN SISTEMA DI BASI DI DATI CONCETTI E ARCHITETTURA DI UN SISTEMA DI BASI DI DATI Introduzione alle basi di dati (2) 2 Modelli dei dati, schemi e istanze (1) Nell approccio con basi di dati è fondamentale avere un certo livello di

Dettagli

TECNOLOGIE PER I SISTEMI INFORMATIVI

TECNOLOGIE PER I SISTEMI INFORMATIVI TECNOLOGIE PER I SISTEMI INFORMATIVI INTRODUZIONE Prof. Fabio A. Schreiber Prof. Letizia Tanca Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano PROGRAMMA DEL CORSO (1) ARGOMENTI CHE SARANNO

Dettagli

Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service

Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Introduzione a Service Oriented Architecture e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti e Cloud Computing

Dettagli

Programmazione di servizi web SOAP

Programmazione di servizi web SOAP Luca Cabibbo Architettura dei Sistemi Software Programmazione di servizi web SOAP dispensa asw860 marzo 2017 What is elegance? Soap and water! Cecil Beaton 1 - Fonti The Java EE 7 Tutorial https://docs.oracle.com/javaee/7/tutorial/

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Service Oriented Architectures e Web Services Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 20010-11 Prof. Simon Pietro Romano Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Cos è un Web Service?

Dettagli

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI

Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI Laboratorio di RETI DI CALCOLATORI A.A. 2009-2010 I WEB SERVICES Carlo Mastroianni Laboratorio di Reti di Calcolatori - Orario lunedì, 11:30-13:30, aula 40B mercoledì, 10:00-11:30, laboratorio settimo

Dettagli

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org

1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org 1 Vincenzo de Stefano SAP e Servizi Web http://desvino.altervista.org Prefazione. Da Hello World a Hello World Wide Web. Hello World è la prima frase stampata a video dal primo programma di esempio scritto

Dettagli

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA IBM System i5 La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA Massimo Marasco System i Technical Sales Support massimo_marasco@it.ibm.com Oriented Architecture (SOA) Servizio

Dettagli

Architetture Client/Server. Un architettura è centralizzata quando i dati e le applicazioni (programmi) risiedono in un unico nodo elaborativo

Architetture Client/Server. Un architettura è centralizzata quando i dati e le applicazioni (programmi) risiedono in un unico nodo elaborativo Basi di Dati Architetture Client/Server D B M G Architettura centralizzata Un architettura è centralizzata quando i dati e le applicazioni (programmi) risiedono in un unico nodo elaborativo Tutta l intelligenza

Dettagli

Service Oriented Architectures (SOA)

Service Oriented Architectures (SOA) Facoltà di Ingegneria dell Informazione Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

Introduzione. Java HTTP. G. Prencipe

Introduzione. Java HTTP. G. Prencipe Java html e http G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Introduzione Tutte le comunicazioni tra client e server Web avvengono mediate il (HyperText Transfer Protocol, attualmente alla versione 1.1), che è un

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

Reti di Calcolatori Servizi di Rete Laboratorio di Didattica in Rete

Reti di Calcolatori Servizi di Rete Laboratorio di Didattica in Rete Reti di Calcolatori Servizi di Rete Laboratorio di Didattica in Rete Reti di calcolatori Protocolli di Trasmissione: Il modello ISO/OSI L architettura TCP/IP Protocolli di trasmissione Un protocollo di

Dettagli

PARTE 11. Web Services

PARTE 11. Web Services PARTE 11 Web Services Parte 11 Modulo 1: Motivazioni Il miraggio dell informatica moderna Integrazione delle applicazioni Interoperabilità In pratica, ogni meccanismo che consenta a diversi sistemi software

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

Architetture orientate ai servizi

Architetture orientate ai servizi Architetture orientate ai servizi 1 Web Service Nuovo paradigma di sistema informativo basato su componenti software distribuiti I Web Service sono applicazioni indipendenti, modulari, autodescrittive,

Dettagli

INTRODUZIONE A J2EE 1.4 E AI SERVIZI WEB ENTERPRISE

INTRODUZIONE A J2EE 1.4 E AI SERVIZI WEB ENTERPRISE 00-PRIME PAGINE 2-07-2003 10:04 Pagina V Indice Prefazione XI PARTE PRIMA INTRODUZIONE A J2EE 1.4 E AI SERVIZI WEB ENTERPRISE 1 Capitolo 1 Le ragioni di tanto interesse 3 1.1 Enterprise in J2EE 3 Definizione

Dettagli

7. Progetto di Applicazioni Distribuite

7. Progetto di Applicazioni Distribuite 7. Progetto di Applicazioni Distribuite Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 7. Progetto di Applicazioni Distribuite 1 / 35 Sommario 1 Sistemi

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Architetture di rete. 4. Le applicazioni di rete

Architetture di rete. 4. Le applicazioni di rete Architetture di rete 4. Le applicazioni di rete Introduzione L avvento di tecnologie (hw, sw, protocolli) di rete avanzate ha permesso la nascita di architetture software molto evolute che permettono lo

Dettagli

Service Oriented Architecture

Service Oriented Architecture Service Oriented Architecture Università degli Studi di L Aquila Giuseppe.DellaPenna@univaq.it http://www.di.univaq.it/gdellape Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta

Dettagli

Web services. 25/01/10 Web services

Web services. 25/01/10 Web services Web services Tecnologia per il computing distribuito standard W3C non dissimile da RMI, CORBA, EJB... Relazione con il Web Websites for humans, Web Services for software :-) un Web service ha un indirizzo

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Seminario di Sistemi Distribuiti RPC su SOAP Massimiliano Vivian [777775] Massimiliano Vivian 1 Introduzione La comunicazione delle informazioni è l elemento fondamentale per lo sviluppo dei sistemi. SOAP

Dettagli

Mariarosaria Napolitano. Architettura TCP/IP. Corso di: Laboratorio di tecnologie informatiche e telematiche

Mariarosaria Napolitano. Architettura TCP/IP. Corso di: Laboratorio di tecnologie informatiche e telematiche Mariarosaria Napolitano Architettura TCP/IP Corso di: Laboratorio di tecnologie informatiche e telematiche Contesto e Prerequisiti Contesto E' rivolto agli studenti del V anno degli Istituti Tecnici Industriali

Dettagli

INFORMATICA. Prof. MARCO CASTIGLIONE. Istituto Tecnico Statale Tito Acerbo - PESCARA

INFORMATICA. Prof. MARCO CASTIGLIONE. Istituto Tecnico Statale Tito Acerbo - PESCARA INFORMATICA Prof. MARCO CASTIGLIONE Istituto Tecnico Statale Tito Acerbo - PESCARA 1.1 Introduzione Internet è una rete di calcolatori collegati tra loro e fisicamente posizionati in tutto il mondo RETE

Dettagli

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie Framework Web application - tecnologie Web Application: tecnologie 2 Java-based (J2EE) Sviluppata inizialmente da Sun Cross-platform e open source Gestire direttamente le funzionalità dell applicazione

Dettagli

Argomenti XML JSON. Linguaggi per la definizione e lo scambio di dati strutturati, semi-strutturati, non strutturati. XML Data Model JSON

Argomenti XML JSON. Linguaggi per la definizione e lo scambio di dati strutturati, semi-strutturati, non strutturati. XML Data Model JSON XML JSON Argomenti 2 Linguaggi per la definizione e lo scambio di dati strutturati, semi-strutturati, non strutturati XML Data Model JSON 3 XML XML extensible Markup Language 4 Modello di dati XML Nato

Dettagli

Ricevimento: dopo la lezione (in aula) o su appuntamento (Sede Scientifica Pal. 1 Primo Piano)

Ricevimento: dopo la lezione (in aula) o su appuntamento (Sede Scientifica Pal. 1 Primo Piano) Come contattarmi Ricevimento: dopo la lezione (in aula) o su appuntamento (Sede Scientifica Pal. 1 Primo Piano) Telefono : 0521 / 90 5731 Email : stefano.cagnoni@unipr.it Sito del corso : http://www.ce.unipr.it/people/cagnoni/didattica/basidati

Dettagli

Web Service Architecture

Web Service Architecture Giuseppe Della Penna Università degli Studi di L Aquila dellapenna@di.univaq.it http://dellapenna.univaq.it Engineering IgTechnology Info92 Maggioli Informatica Micron Technology Neta Nous Informatica

Dettagli

Centralizzata Monolitica anni Reti Client Server anni Internet The network is the computer

Centralizzata Monolitica anni Reti Client Server anni Internet The network is the computer Distributed Object C o m p utin g "!$#&% ')(+*,#&-).0/2143657*98:.;8

Dettagli

IL SITO WEB. Concetti generali

IL SITO WEB. Concetti generali IL SITO WEB Concetti generali CONCETTI GENERALI Il sito Internet è un insieme di pagine web legate tra loro che si riferiscono allo stesso utente. TIPOLOGIE SITI INTERNET Possono essere: STATICI, consentono

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

Service Oriented Architectures e Web Services

Service Oriented Architectures e Web Services Service Oriented Architectures e Web Services Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.17 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Evoluzione

Dettagli

Corso di Architetture Distribuite e Servizi di Rete. Web Services. Antonio Corradi & Paolo Bellavista. Web Services

Corso di Architetture Distribuite e Servizi di Rete. Web Services. Antonio Corradi & Paolo Bellavista. Web Services Università degli Studi di Bologna Master Integratori di Sistema Corso di Architetture Distribuite e Servizi di Rete Web Services Antonio Corradi & Paolo Bellavista Web Services 1 Web Services Differenza

Dettagli

Web Service per richiamare Starcheck. Versione: 2 Data: 14/01/14 Autore: InfoCamere

Web Service per richiamare Starcheck. Versione: 2 Data: 14/01/14 Autore: InfoCamere Web Service per richiamare Starcheck Versione: 2 Data: 14/01/14 Autore: InfoCamere 1. Introduzione al documento...3 1.1 Novità introdotte rispetto alla precedente emissione...3 1.2 Scopo e campo di applicazione

Dettagli

Panoramica della soluzione ibrida Servizi di integrazione applicativa di SharePoint 2013

Panoramica della soluzione ibrida Servizi di integrazione applicativa di SharePoint 2013 Panoramica della soluzione ibrida Servizi di integrazione applicativa di SharePoint 2013 Christopher J Fox Microsoft Corporation Novembre 2012 Si applica a: SharePoint 2013, SharePoint Online Riepilogo:

Dettagli

L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore È necessario introdurre il software:

L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore È necessario introdurre il software: Il Software L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore È necessario introdurre il software: un insieme di programmi che permettono di trasformare un insieme di circuiti

Dettagli

Indice. Introduzione PARTE PRIMA PRELUDIO: SERVIZIO CON SORRISO 1

Indice. Introduzione PARTE PRIMA PRELUDIO: SERVIZIO CON SORRISO 1 Indice Introduzione XIII PARTE PRIMA PRELUDIO: SERVIZIO CON SORRISO 1 Capitolo 1 Creazione di servizi Web 3 1.1 I servizi Web 3 Architetture distribuite basate su componenti 4 Come creare servizi Web 5

Dettagli

Open Database Connectivity (ODBC)

Open Database Connectivity (ODBC) Open Database Connectivity (ODBC) Open Database Connectivity (ODBC), proposto dalla Microsoft nel 1991, fornisce un interfaccia applicativa standard che permette ad una generica applicazione di accedere

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Chiamata remota di metodi

Chiamata remota di metodi Chiamata remota di metodi Architettura di Java RMI Esecuzione di una Java RMI Architettura di RMI client server Stub & Skeleton Stub & Skeleton Remote Reference Remote Reference Trasporto Ciascun livello

Dettagli

SMS Gateway - Specifiche WS. Specifica Tecnica

SMS Gateway - Specifiche WS. Specifica Tecnica Specifica Tecnica Revisione Data Elaborato da Verificato da Note 1 21/02/13 Stefano Peruzzi Gianni Antini Mod. ST-rev002_2013-02-21 Pag. 1/11 Indice 1 Oggetto...3 2 Scopo del documento...3 3 Riferimenti...3

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

Informatica. Dipartimento di Economia. Ing. Cristiano Gregnanin. 8 novembre Corso di laurea in Economia

Informatica. Dipartimento di Economia. Ing. Cristiano Gregnanin. 8 novembre Corso di laurea in Economia Informatica Dipartimento di Economia Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Economia 8 novembre 2016 1 / 28 Rete informatica La rete informatica è la condivisione d informazioni o servizi. un computer

Dettagli

Web Services Dogane LINEE GUIDA

Web Services Dogane LINEE GUIDA Web Services Dogane LINEE GUIDA Pagina 1 di 17 Indice Indice... 2 1. INTRODUZIONE... 3 2. TEST FUNZIONALI SUI WEB SERVICES... 8 3. SICUREZZA... 14 4. FIRMA... 14 5. TRASFORMAZIONE CERTIFICATO DI FIRMA...

Dettagli

Web Service. Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it

Web Service. Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it 29/05/2010, Area Ricerca CNR, Pisa Web Service Introduzione Massimo Martinelli Massimo.Martinelli@isti.cnr.it Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR Istituto di Scienza e Tecnologie della Informazione

Dettagli

Laboratorio di Applicazioni Internet Anno Accademico 2005/2006

Laboratorio di Applicazioni Internet Anno Accademico 2005/2006 Laboratorio di Applicazioni Internet Anno Accademico 2005/2006 Tito Flagella (tito@link.it) Domenico Aquilino (d.aquilino@metaware.it) Dipartimento di Informatica Università di Pisa Orario Mercoledì, 9-11

Dettagli

Anni 80: reti locali di PC terminali dotati di intelligenza propria, che condividono risorse pregiate, come stampanti, dischi, etc.

Anni 80: reti locali di PC terminali dotati di intelligenza propria, che condividono risorse pregiate, come stampanti, dischi, etc. LEZIONE 2 STORIA DEI SISTEMI DISTRIBUITI E MODELLI ARCHITETTURALI Anni 60-70: architettura centralizzata, monolitica (vedi lezione 1) host (mainframe, mini) a cui vengono collegati terminali stupidi a

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

Master Interoperabilità A.A. 2010-2011 Presentazione Lavoro Pratico 1 Interoperabilità Tecnologica (Prof. Roberto Beraldi) Maccaroni Danilo

Master Interoperabilità A.A. 2010-2011 Presentazione Lavoro Pratico 1 Interoperabilità Tecnologica (Prof. Roberto Beraldi) Maccaroni Danilo Master Interoperabilità A.A. 2010-2011 Presentazione Lavoro Pratico 1 Interoperabilità Tecnologica (Prof. Roberto Beraldi) Maccaroni Danilo Rheinmetall Italia S.p.A. 2010 SCCP (Skyguard Lavoro Coordination

Dettagli

Parte II.4 World Wide Web

Parte II.4 World Wide Web Parte II.4 World Wide Web Elisabetta Ronchieri Università di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Insegnamento di Informatica Dicembre 1, 2015 Argomenti World Wide Web URL Pagine Web World Wide

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI. Federico II. Web Services

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI. Federico II. Web Services UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI Federico II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA TESI DI LAUREA IN SISTEMI INFORMATIVI Web Services Tecnologie abilitanti

Dettagli

Luca Tesei. Laboratorio di Sviluppo Web: Le Basi. Modulo IFTS. Fermo 31/03, 03/04, 07/ Prof. Luca Tesei Università di Camerino 1

Luca Tesei. Laboratorio di Sviluppo Web: Le Basi. Modulo IFTS. Fermo 31/03, 03/04, 07/ Prof. Luca Tesei Università di Camerino 1 Luca Tesei Laboratorio di Sviluppo Web: Le Basi Modulo IFTS Fermo 31/03, 03/04, 07/04 2017 Prof. Luca Tesei Università di Camerino 1 Informazioni di Contatto Email docente: luca.tesei@unicam.it Telefono:

Dettagli

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia

Java Enterprise Edi.on. Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Enterprise Edi.on Gabriele Tolomei DAIS Università Ca Foscari Venezia Java Web Services Web Services: SOAP vs. RESTful 2 diversi.pi di Web Services I Web Services SOAP sono quelli classici Si basano

Dettagli

Il Software programmabili programma algoritmo

Il Software programmabili programma algoritmo Il Software La proprietà fondamentale dei calcolatori e` quella di essere programmabili cioè in grado di svolgere compiti diversi a seconda delle istruzioni fornite dall utente mediante un programma, ossia

Dettagli

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1

Elena Baralis 2007 Politecnico di Torino 1 Introduzione Sistemi informativi 2 Introduzione Base di dati Modello dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS 4 6 2007 Politecnico di Torino 1 7 8 9 10 Sistema informatico Nei sistemi informatici,

Dettagli

LABORATORIO di Reti di Calcolatori

LABORATORIO di Reti di Calcolatori LABORATORIO di Reti di Calcolatori Architetture client-server 1 of 12 v slide della docente Bibliografia v testo di supporto: D. Maggiorini, Introduzione alla programmazione client-server, Pearson Ed.,

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Domenico Lembo Antonella Poggi 1. Architetture dei Sistemi Informativi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico

Dettagli

3.3.6 Gli operatori Le funzioni di accesso al tipo Le strutture di controllo Le funzioni

3.3.6 Gli operatori Le funzioni di accesso al tipo Le strutture di controllo Le funzioni IIndice Capitolo 1 Da dove partiamo: pagine web statiche 1 1.1 Principi di base.............................. 1 1.1.1 Il paradigma client-server.................... 1 1.1.2 Ipertesto, multimedia, ipermedia................

Dettagli

DOMINI E HOSTING Concetti generali

DOMINI E HOSTING Concetti generali DOMINI E HOSTING Concetti generali 1 Che differenza c è tra Internet e il Web? 2 Internet Rete di computer mondiale ad accesso pubblico, costituita da centinaia di milioni di computer collegati tra loro

Dettagli

Infrastruttura per la Cooperazione Applicativa

Infrastruttura per la Cooperazione Applicativa Infrastruttura per la Cooperazione Applicativa - C.A.R.T. Linee guida per lo sviluppo di interfacce tra il Sistema Informativo Locale e il Nodo Applicativo Locale Ver. 1.2 Linee guida per lo sviluppo di

Dettagli

I servizi del SITR-IDT

I servizi del SITR-IDT I servizi del SITR-IDT Sistema Informativo Territoriale Regionale (SITR-IDT) Titolo Creatore I servizi del SITR-IDT SITR Data 05/02/10 Soggetto Tipo Editore Descrizione Autori Formato Riferimento Diritti

Dettagli

Lo strato di applicazione in Internet

Lo strato di applicazione in Internet Lo strato di applicazione in Internet Prof. Ing. Carla Raffaelli a.a. 2004/2005 Protocolli applicativi Sono i protocolli utilizzati dalle applicazioni per scambiarsi informazioni Esempi: HTTP per il web,

Dettagli

ISO- OSI e architetture Client-Server

ISO- OSI e architetture Client-Server LEZIONE 9 ISO- OSI e architetture Client-Server Proff. Giorgio Valle Raffaella Folgieri giorgio.valle@unimi.it folgieri@dico.unimi.it Lez 10 modello ISO-OSI e architettura client-server 1 Nelle scorse

Dettagli

Classificazione dei Web Services

Classificazione dei Web Services Web Services Programmazione in ambienti distribuiti Anno 2004-2005 Claudio Zunino Classificazione dei Web Services Interattiva il client è umano ed utilizza tipicamente un web browser Sviluppati usando

Dettagli

Lez. 5 La Programmazione. Prof. Salvatore CUOMO

Lez. 5 La Programmazione. Prof. Salvatore CUOMO Lez. 5 La Programmazione Prof. Salvatore CUOMO 1 2 Programma di utilità: Bootstrap All accensione dell elaboratore (Bootsrap), parte l esecuzione del BIOS (Basic Input Output System), un programma residente

Dettagli

Come funziona internet

Come funziona internet Come funziona internet Architettura client server URL/URI Richiesta (Request) Risposta (Response) Pagina url e uri Uno Uniform Resource Identifier (URI, acronimo più generico rispetto ad "URL") è una stringa

Dettagli

I SISTEMI OPERATIVI. Insieme di programmi che implementano funzioni essenziali per l uso di un sistema elaboratore.

I SISTEMI OPERATIVI. Insieme di programmi che implementano funzioni essenziali per l uso di un sistema elaboratore. I SISTEMI OPERATIVI Insieme di programmi che implementano funzioni essenziali per l uso di un sistema elaboratore. Le funzioni di un S.O. non sono definibili in modo esaustivo e puntuale così come non

Dettagli

Gestione Richieste Patenti Web

Gestione Richieste Patenti Web >> Specifiche Integrazione Web Services RTI Gestione Richieste Patenti Web Servizio di Sviluppo SVI Versione 1.0-07 Dicembre 2009 Indice dei contenuti 1 GENERALITA... 6 1.1 Lista di distribuzione...6 1.2

Dettagli

Introduzione ai Web Services. Tito Flagella tito@link.it

Introduzione ai Web Services. Tito Flagella tito@link.it Introduzione ai Web Services Tito Flagella tito@link.it Web Services Beppe, secret 2 Web Services (2) I Web Services sono uno sforzo di standardizzazione teso a rendere interpretabili, in maniera indipendente

Dettagli

Il Sistema di interscambio: Prodotti di TEST a supporto dell adesione ai servizi

Il Sistema di interscambio: Prodotti di TEST a supporto dell adesione ai servizi Pagina 1 di 18 Il Sistema di interscambio: Prodotti di TEST a supporto dell adesione ai servizi Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 CLIENT SOAP... 2 2.1 INSTALLAZIONE DEL CLIENT SOAP... 2 2.1.1 PREREQUISITI...

Dettagli

Appunti di Sistemi A cura del prof. ing. Mario Catalano. Internet e il Web

Appunti di Sistemi A cura del prof. ing. Mario Catalano. Internet e il Web Appunti di Sistemi A cura del prof. ing. Mario Catalano Internet e il Web 1 Internet Internet è un insieme di reti informatiche collegate tra loro in tutto il mondo. Tramite una connessione a Internet

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 3. Introduzione a Internet Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1

Gli XML Web Service. Prof. Mauro Giacomini. Complementi di Informatica Medica 2008/2009 1 Gli XML Web Service Prof. Mauro Giacomini Medica 2008/2009 1 Definizioni i i i Componente.NET che risponde a richieste HTTP formattate tramite la sintassi SOAP. Gestori HTTP che intercettano richieste

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP PARTE I - Reti di Calcolatori ed Internet MODELLI ISO/OSI e TCP/IP Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto tra OSI e TCP/IP ARPANET Ethernet Reti ATM reti wireless

Dettagli

Come funziona il WWW. Architettura client-server. Web: client-server. Il protocollo

Come funziona il WWW. Architettura client-server. Web: client-server. Il protocollo Come funziona il WWW Il funzionamento del World Wide Web non differisce molto da quello delle altre applicazioni Internet Anche in questo caso il sistema si basa su una interazione tra un computer client

Dettagli

Architettura di rete. Modelli di Riferimento: TCP/IP e OSI. Modello di riferimento OSI. Modelli di riferimento. architettura di rete

Architettura di rete. Modelli di Riferimento: TCP/IP e OSI. Modello di riferimento OSI. Modelli di riferimento. architettura di rete I semestre 02/03 Modelli di Riferimento: TCP/IP e OSI Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Architettura di rete architettura di rete insieme delle specifiche funzionali

Dettagli

Internet come funziona?

Internet come funziona? Internet come funziona? Cos'è una rete e cos'è la Rete: Reti locali e geografiche Protocolli Architettura Client/Server Architettura P2P (Peer-to-peer) Internet ( web!) e i suoi servizi: World Wide Web

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2008-09 Lezione n.19 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Client- Server 3-Tier Web Application Web Services

Dettagli

Un vincitore è un sognatore. che non si è mai arreso. (Nelson Mandela) Ai miei fantastici genitori

Un vincitore è un sognatore. che non si è mai arreso. (Nelson Mandela) Ai miei fantastici genitori Un vincitore è un sognatore che non si è mai arreso. (Nelson Mandela) Ai miei fantastici genitori ABSTRACT Il web è cambiato! In questi ultimi anni internet ha subito grandi cambiamenti, è passato da

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF. Sommario. Page 1 Sommario Web Services e Grid Services OGSA e WSRF SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF

Web Services e Grid Services. OGSA e WSRF Web Services e Grid Services OGSA e WSRF Sommario SOA Grid: Evoluzione OGSA - Open Grid Services Architecture WSRF Web Services Resource Framework Web services Servizi stateless Gestione dello stato Grid

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati Introduzione alle Basi di Dati Angelo Chianese, Vincenzo Moscato, Antonio Picariello, Lucio Sansone Basi di dati per la gestione dell'informazione 2/ed McGraw-Hill Capitolo 1 Appunti dalle lezioni SQL

Dettagli

Linguaggi di Programmazione

Linguaggi di Programmazione Linguaggi di Programmazione Linguaggi di Programmazione Programmazione. Insieme delle attività e tecniche svolte per creare un programma (codice sorgente) da far eseguire ad un computer. Che lingua comprende

Dettagli

SOAP e Web Services. SOAP: introduzione

SOAP e Web Services. SOAP: introduzione SOAP e Web Services 1 SOAP: introduzione Attualmente le applicazioni distribuite rappresentano una grossa parte della produzione software. Inoltre lo sviluppo di Internet e delle Intranet rende utile creare

Dettagli

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l.

Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. SAP rel.1.0 : SAP State: Final Date: 03-27-200 Enterprise @pplication Integration Software S.r.l. Sede legale: Via Cola di Rienzo 212-00192 Rome - Italy Tel. +39.06.6864226 Sede operativa: viale Regina

Dettagli