POLONIA GUIDA AGLI INVESTIMENTI E AGLI STRUMENTI FINANZIARI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLONIA GUIDA AGLI INVESTIMENTI E AGLI STRUMENTI FINANZIARI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE"

Transcript

1 CAMERA DI COMMERCIO E INDUSTRIA ITALO-POLACCA WLOSKO-POLSKA IZBA HANDLOWO- PRZEMYSLOWA ISCRITTA ALL ALBO DELLE CAMERA DI COMMERCIO ITALO-ESTERE ED ESTERE IN ITALIA POS. N. 8 UNIONCAMERE ROMA MEMBRO UNIONESTERE UNIONE DELLE CAMERE DI COMMERCIO ESTERE ED ITALO-ESTERE IN ITALIA, MILANO CORRISPONDENTE BRE COMMISSIONE EUROPEA D.G. XXIII, BRUXELLES AL N 829 OSSERVATORIO E.N.I.T. ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO RAPPRESENTANTE UFFICIALE PER LA POLONIA FIERA MILANO SpA DESK PROMOS (CCIAA MILANO) DESK PROMEC (CCIAA MODENA) MEDIOTRADE SpA POLONIA GUIDA AGLI INVESTIMENTI E AGLI STRUMENTI FINANZIARI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE Varsavia,

2 Territorio Popolazione e densità Coordinate Geografiche Capitale Altre città principali Lingua Ufficiale Moneta e tasso di cambio Forma Istituzionale Religione Assetto territoriale Km abitanti (123,9 abitanti/km²) Confina a Nord-Est e a Est con Russia, Lituania, Bielorussia e Ucraina; a Sud con Rep.Ceca e Slovacchia; a Ovest con la Germania; a Nord si affaccia sul Mar Baltico. Varsavia ( abitanti) Lodz ( Ab.), Cracovia, Breslavia, Posnania, Danzica, Stettino, Dublino. Polacco (per usi commerciali vengo utilizzati l inglese e il russo). Zloty (Il tasso di cambio al 25 maggio 2005 è di 4,18 Zloty per 1 euro). Repubblica Parlamentare. L assemblea legislativa è bicamerale e si divide in Sejm (camera bassa) e Senato. Il Primo Ministro è designato dal Presidente e approvato dal Parlamento. Il Presidente viene eletto ogni 5 anni a suffragio universale. Cattolica. Presenti minoranze di religione protestante ed ebraica. La Polonia è suddivisa in 16 Voivodati (Regioni). Le rappresentanze amministrative sono suddivise in tre livelli di unità locali: comuni (2478), distretti (380) e voivodati. Si rileva un notevole ampliamento dei poteri dei governi locali. 2

3 QUADRO ECONOMICO GENERALE Introduzione L anno 2004 è stato un eccellente anno per l economia polacca. I risultati che solo 2 anni fa sembravano irrealistici sono diventati un fatto certo, e la Polonia è diventata il paese con la più veloce crescita delle esportazioni in Europa. Il settore agricolo per la prima volta in 8 anni ha registrato un aumento dei redditi, grazie allo sfruttamento dei Fondi Sapard, all aumento dei prezzi degli alimenti e al grande numero di pagamenti diretti provenienti dall UE. Il 90% delle imprese polacche rileva un incremento del reddito, con il conseguente aumento degli investimenti e la diminuzione del tasso medio di disoccupazione che nel novembre 2004 si attestava al 18,7%. Le aspettative iniziali di una forte migrazione e della cosiddetta fuga di cervelli non si sono materializzate e i cittadini polacchi emigrati stanno guadagnando una buona reputazione nei paesi europei in cui hanno trovato impiego. L entrata in Unione Europea non ha deteriorato, come si pensava, le relazioni della Polonia con i vicini paesi dell Est, anzi il contrario, le esportazioni in Russia e negli altri paesi in questione sono aumentate e si sta adesso cominciando a sfruttare a pieno la posizione geografica centrale del paese polacco. Il quadro economico annuale risulta quindi molto positivo e le cifre lo confermano rilevando per l intero 2004 un tasso di crescita del PIL di circa il 5,3%. Nonostante nella prima metà del 2004 tale tasso sia stato maggiore, pari a circa il 6,5%, il calo, dovuto alla graduale scomparsa del primo impulso generato dall entrata in Unione Europea è solo temporaneo, e si stima che, nella seconda metà del 2005, l economia polacca riprenderà gradualmente il suo ritmo di sviluppo iniziale. Un alto tasso di crescita verrà garantito e mantenuto dal continuo sviluppo delle esportazioni, dalla crescita degli investimenti esteri, dagli alti redditi delle imprese e dall influsso di denaro proveniente da privatizzazioni, investimenti esteri e fondi strutturali dell Unione Europea. Questi ultimi confermano l importanza della Polonia come nuovo paese UE, considerando che l ammontare degli stanziamenti è di circa 12,5 miliardi di euro, per il triennio , pari al 45% del totale destinato ai nuovi Membri. Crescita economica Da un confronto con gli altri paesi dell Europa centro-orientale, il tasso di crescita economica della Polonia, nel 3 trimestre del 2004 e nell intero anno, è stato molto più alto di quello medio dell Unione Europea e di quello 3

4 della maggior parte dei paesi nuovi entrati (solo i paesi baltici sono cresciuti di più), anche se si è notata una certa discesa negli ultimi mesi del Tasso di crescita del PIL % di crescita rispetto all'anno precedente ,4 3,7 6, Sem ,8 3,9 3,3 3 Trim Trim Trim ,9 5,3 5,7 2 Trim Trim Trim 2005 Previsioni 2005 A contribuire a questo risultato è stata principalmente la crescita degli investimenti, soprattutto nel settore delle costruzioni, mezzi di trasporto, macchinari e prodotti tecnologici. L ammontare dei nuovi investimenti si è concentrato in: grandi imprese (più di 1000 dipendenti) per circa il 40% del valore totali dei progetti; medie imprese ( dipendenti) per circa il 33%; piccole imprese per il 27%. Da notare come il numero delle piccole imprese in questione rappresenti l 81% del totale, mostrando la gran somiglianza tra il tessuto imprenditoriale polacco e quello italiano e garantendo delle buone possibilità di collaborazione e partnership tra le imprese dei due paesi. % crescita degli investimenti ,2 1, , ,2-10 Nella situazione attuale, i principali fattori che hanno impatto sul volume degli investimenti sono le risorse proprie e i capitali provenienti dall estero, dato il fatto che i prestiti bancari rivestono ancora un ruolo marginale anche se gli investitori si aspettano dei cambiamenti in futuro (solo il 10/15 % degli investimenti è attualmente finanziato tramite prestiti). Le risorse proprie delle imprese continuano ad aumentare e, grazie all incremento della competitività e al miglioramento della produttività, i risultati finanziari e la 4

5 situazione economica generale migliorano. Dopo il 1 maggio 2004, oltre che sulle risorse proprie, le imprese possono contare sui finanziamenti a fondo perduto concessi dall Unione Europea. Tuttavia, tale strumento non ha ancora avuto pieno sviluppo per varie ragioni, tra cui soprattutto il bisogno di acquisire una certa expertise a riguardo e la maggiore attenzione riservata per i primi 2 anni agli enti ed alle infrastrutture pubbliche. Nel futuro, si prospetta quindi una situazione un po diversa, in cui la continua e sperata diminuzione del costo del capitale, la seconda fase d azione dei Fondi Strutturali ( ) maggiormente rivolti alle PMI e il continuo affluire di capitali dall estero, porteranno ad un forte aumento degli investimenti e del tasso di sviluppo economico, con tutte le buone conseguenze che ne potranno scaturire Tassi di crescita in % 1 Sem 3 Trim 4 Trim 1 Trim PIL Esportazioni Importazioni Domanda interna Consumo Formazione del capitale fisso Produzione industriale venduta Produzione nei settori della costruzione e assemblaggio Vendite al dettaglio Fonte: GUS Istituto Statistico Nazionale Polacco 2 Trim Trim Trim Oltre alle esportazioni, quello che ha favorito l alto tasso di sviluppo è stato l aumento della domanda interna, connessa con la formazione e la crescita del capitale fisso. 5

6

7 SETTORI Costruzioni Uno dei maggiori settori che in quest ultimo anno sta registrando un forte sviluppo è quello delle costruzioni. Mentre dal 2001 per più di 3 anni è stato non remunerativo, nel 3 trimestre del 2004 è diventato uno dei settori più redditizi, con una riduzione dell indebitamento ed un aumento della liquidità finanziaria. VOLUME DELLE COSRTUZIONI % di crescita rispetto all'anno passato ,8 6,3 2,6 0,1 4,1 4,3-5,9-9,5-6,3-13,3-14,2-14, gen-04 Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Sett Ott Nov Si nota dal grafico su riportato come si sia registrato il boom del settore delle costruzioni, proprio nei mesi antecedenti all adesione, soprattutto grazie all aumento della profittabilità degli investimenti immobiliari. Profittabilità nel settore delle Costruzioni % di porfittabilità ,1 0,9-1,2-2,6-0,6-0, metà ,4 2 metà 2004 Se lo si paragona agli altri settori, quello delle costruzioni è maggiormente segmentato e differenziato, con una forte presenza delle piccole e medie imprese, che generano circa metà del volume delle costruzioni e danno lavoro al 40% di tutti gli occupati nel settore. Mentre le imprese minori si occupano principalmente del mercato degli immobili ad uso abitativo, le grandi società, per la maggior parte dei casi multinazionali, hanno come target gli immobili ad uso commerciale, il cui mercato è caratterizzato dalle seguenti tendenze:

8 1. creazione di centri commerciali nei sobborghi o zone residenziali dei grandi agglomerati urbani; 2. progetti commerciali per la rivitalizzazione dello spazio urbano; 3. crescente sviluppo degli spazi di intrattenimento; 4. previsioni di espansione dei centri commerciali di lusso; 5. crescente interesse nel rinnovo delle grandi proprietà industriali per trasformarle in centri di intrattenimento e commercio; 6. sviluppo di progetti di investimento fuori dal centro di Varsavia, che stanno acquisendo con il tempo molto prestigio a causa di 3 principali motivi: l ambiente circostante, affitti più bassi, ampia possibilità di parcheggio auto; 7. attenzione degli investitori alle altre città maggiori in Polonia; 8. stabilizzazione degli affitti; 9. progetti multifunzionali: uffici all interno di complessi commerciali; 10. insediamento in Polonia di varie compagnie multinazionali con la costruzione della sede generale a Varsavia; 11. rimodernamento dei vecchi edifici e abitazioni; Dopo il 1 maggio, la nuova situazione geopolitica ha creato le possibilità e le prospettive per trasformare la Polonia in un polo di distribuzione strategica verso est (Russia, Ucraine e Bielorussia) e sud (Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Romania e Bulgaria). I maggiori problemi che rendono difficile lo sviluppo del settore riguardano la povertà delle infrastrutture, anche se le prospettive future sono positive. Le zone di maggiore interesse sono quelle nei dintorni di Varsavia (Europa Park, 500 mila mq), anche se negli ultimi mesi sta aumentando l interesse per le altre regioni, quali Silesia, Wielkopolska, e i dintorni di Lodz (in futuro vi passeranno le autostrade A1 e A2). Tendenze 1. Prospettive di crescita, bassi affitti, e breve ciclo di costruzione. 2. Previsioni di aumento futuro della concorrenza del settore, con conseguente diminuzione degli affitti. 3. Le catene di centri commerciali (Tesco, Biedronka ) stanno stabilendo i loro centri regionali in Polonia con conseguente richiesta di maggiori spazi dedicati alla logistica. 4. Aumenta la popolarità dei parchi logistici lontani dalle città. Le previsioni per lo sviluppo del settore, sono molto positive e sono alimentate da: il miglioramento continuo della situazione economica delle imprese; il più facile accesso al credito; la creazione di nuovi posti di lavoro; 8

9 forza lavoro qualificata, sistemi di costruzione moderni e materiali di qualità; le pressioni per il raggiungimento degli standard occidentali; fondi Strutturali dall Unione Europea, stanziati per la maggior parte per progetti sulle infrastrutture. Costi Per quanto riguarda i costi d affitto, costruzione e gestione di un Real Estate, il costo medio per la costruzione di uno spazio commerciale (anche uffici) varia tra 750 e 1500 euro al m2; mentre per quanto riguarda uno spazio industriale si va dai 150 ai 300 euro al m2. I costi d affitto di un ufficio nelle principali città variano dai 10 ai 40 euro al m2. Riguardo ai costi di gestione quali elettricità e gas, sia nelle attività industriali che commerciali, si registra un rapporto di 1 a 2,5 rispetto ai costi presenti in Italia. Agricoltura L agricoltura, anche se rappresenta uno dei più importanti settori economici polacchi, con un impiego della forza lavoro del 27%, contribuisce solo per il 3% alla formazione del prodotto interno lordo. Nonostante quasi il 60% del territorio polacco sia costituito da aree coltivabili, i sistemi agricoli sono arretrati ed inefficienti. Il settore è dominato dalla presenza di aziende di dimensioni medio-piccole e per la grande maggioranza private. Le coltivazioni principali sono costituite da cereali, patate, barbabietole da zucchero, lino, luppolo e tabacco. 26,4 15,4 Produzione Agricola Commerciale 4,5 0,9 18,4 7,4 8,8 7 4,5 6,7 cereali patate piante industriali vegetali frutta altre piante animali da macello Latte Uova Altri animali Dopo due anni di caduta della produzione agricola, nel 2004 si è registrato un cambiamento nel settore, alimentato da un forte incremento (26,7 %) nella produzione di cereali. Secondo stime iniziali, la produzione agricola totale è cresciuta del 7,6 %, con una produzione di piante superiore al 16,8 %. 9

10 Tassi di Crescita 20 16, ,8-5,3 8,6 2,5-6,7 3,4-5,7 4,8-2,7 Produzione Piante Produzione capi d'allevamento I prezzi dei prodotti agricoli sono cresciuti in media dell 11 %, mentre i prezzi dei beni e dei servizi acquistati dal settore in questione sono saliti di solo l 8,6 %. Il risultato è che, dopo tre anni di improduttività del settore, il differenziale di prezzo è cresciuto del 102,2 per cento; questo, insieme ai finanziamenti a fondo perduto dell Unione Europea, ha contribuito ad un forte aumento della profittabilità del settore agricolo e agro-alimentare. Per la prima volta in 8 anni, è stato così registrato un aumento nei redditi degli agricoltori polacchi. Secondo uno studio della FAPA ( Fondazione per lo sviluppo agricolo della Polonia) l incremento è conseguenza dell integrazione europea e ha superato le precedenti attese grazie al pieno utilizzo dei fondi SAPARD, l aumento dei prezzi degli alimenti e al numero record di domande per i pagamenti diretti UE inoltrato dagli agricoltori polacchi (85%). La Commissione Europea ha approvato anche un programma per lo sviluppo del settore agro-alimentare che disporrà di una dotazione finanziaria di 1 miliardo e 800 mila euro. L intervento coprirà il triennio e prevede tre priorità: sostenere gli interventi nel settore agro-alimentare (839 milioni di euro), promuovere lo sviluppo sostenibile delle aree rurali (335 milioni), agevolare una serie di interventi di assistenza tecnica (18 milioni). Il programma sarà gestito dal Ministero polacco per l agricoltura. Lo sviluppo del settore agricolo rappresenta inoltre, un elemento chiave nell ambito del programma di riforma fiscale del governo di Varsavia. Secondo le ultime statistiche, l area agricola utilizzata (UUA) in Polonia è di 16,2 milioni ettari, circa il 51,7% della superficie totale, per il 94,8% gestita da privati ed il restante (4,8%) dallo Stato. 10

11 % del territorio 0 78,2 Terreno coltivabile Struttura di UUA 1,5 14,5 5,8 Giardini Prati Pascoli Tipologia Una delle principali caratteristiche del sistema agricolo polacco è il frazionamento dei terreni agricoli e cioè la presenza di un largo numero di piccole imprese agricole, spesso familiari, e di sussistenza, che utilizzano metodi arretrati di gestione e gestiscono piccoli appezzamenti di terreni in maniera inefficiente. Dai grafici seguenti si nota infatti come solo il 9,9% di imprese agricole gestisce terreni di superficie maggiore di 15 ettari, mentre circa il 60% di imprese, terreni di superficie non maggiore di 5 ettari. La superficie media di un terreno gestito da un impresa agricola è di 6,59 ha se si tiene conto di tutto il territorio Polacco, ma le cose cambiano sostanzialmente se si prendono di riferimento le regioni, mostrando una forte differenza in base al caso. Si vede quindi che nel Nord, la media in questione diventa maggiore, circa 14,27 ha, mentre nel sud ampiamente minore, circa 2,1 ha. Struttura di UAA per N di Imprese Agricole % di imprese , ,1 9,2 9,9 1-2 ha 2-5 ha 5-10 ha ha più di 15 Superficie 11

12 Struttura UAA per superficie % del territorio Polacco ,5 21,2 15,2 44,1 1-2 ha 2-5 ha 5-10 ha ha più di 15 ha Superificie Per quanto riguarda i prezzi per un terreno arabile, gli ultimi dati confermano cifre tra i 150 e i 200 euro per ettari, in base alla qualità. La produttività dei terreni è più bassa di quella media dei 15 paesi EU prima dell 1 maggio, sia per la qualità del suolo, che per lo scarso uso di fertilizzanti chimici e di metodi moderni di gestione. Si veda nel grafico seguente, l utilizzo dei terreni agricoli. Utilizzo dei terreni % di utilizzo 80% 60% 40% 20% 0% 65% 22% 4% 9% Agricola Non Agricola Agricola e non Nessuna Tipo di attività Circa nel 70% dei terreni coltivabili si conduce un attività agricola: il 20,4% degli agricoltori produce per consumo proprio, mentre il 79,6% per fini commerciali. Entrata nell Unione Europea: benefici, opportunità, paure e minacce. Benefici: Stabilità del mercato, grazie all implementazione della politica agricola comune. Aumento dei prezzi. Pagamenti dall Unione Europea. Aumenta la velocità di trasformazione dell economia polacca, e quindi la domanda di prodotti agricoli. Paure: Invasione di prodotti agricoli esteri nel mercato polacco. 12

13 Difficoltà burocratiche. Restrizioni alla produzione, quote. Cessazione dell attività delle imprese agro-alimentari, maggiori acquirenti della produzione agricola. Opportunità: Modernizzazione delle imprese agricole e delle aree rurali, grazie all utilizzo dei fondi strutturali dell Unione Europea. Migliore immagine del settore, grazie agli standard di alta qualità. Conquistare nuovi mercati di sbocco. Minacce: Costi per rispettare i nuovi regolamenti ambientali. Limiti alla produzione, che impediscono di raggiungere alti livelli di profittabilità. Concorrenza sleale con gli altri membri UE. Nuovo regime della Politica Agricola Comune. Perché il settore agricolo ha delle ottime possibilità di sviluppo? Ampia superficie coltivabile. Elevato numero di consumatori. Bassi costi di produzione. Pagamenti dell Unione Europea. Incremento delle esportazioni, la cui quota è ancora bassa, rispetto agli altri paesi UE (si veda il grafico). Grafico: Esportazioni di prodotti agricoli nell Unione Europea Esportazioni nell'unione Europea Olanda Francia Germania Belgio Italia Spagna Gran Bretagna Danimarca Irlanda Austria Polonia 13

14 Industria Risorse naturali Uno dei principali punti di forza della Polonia è la ricchezza del sottosuolo. Il Paese è il maggior produttore europeo, e sesto al mondo, di rame, la cui estrazione è controllata dalla grande holding statale KGHM, in fase di privatizzazione. Anche zolfo, zinco, salgemma, argento e piombo vengono estratti in grandi quantità. L industria del carbone invece, pur con ampia disponibilità di materia prima, risulta in una fase di ristrutturazione, viste le inefficienze dovute al regime cronicamente sussidiato degli ultimi decenni. La Banca Mondiale ha deciso di stanziare 100 milioni di dollari aggiuntivi per la ristrutturazione del settore del carbone in Polonia: le misure prevedono la chiusura di miniere e la rivitalizzazione delle zone depresse. Grazie a questo prestito sarà possibile finanziare il processo di liquidazione del settore produttivo del carbone entro il Il settore energetico si basa fondamentalmente sul carbone, mentre le risorse di petrolio e gas, allo stato attuale, sono limitate. Sono però in corso alcuni programmi di ricerca che potrebbero aumentare l indipendenza energetica del Paese. A livello ambientale, la Polonia si evidenzia per la consistente riduzione delle emissioni nocive nell aria, ma rimane uno dei più grandi produttori di rifiuti industriali e urbani e deve ancora risolvere il problema dello smaltimento delle acque. Dalla necessità di adeguarsi agli standard europei in materia, nascono notevoli possibilità di investimento. Caratteristiche Come molti dei Paesi in transizione dal sistema centralizzato sovietico, l economia polacca ha ereditato un industria pesante poco efficiente, con dimensioni inadatte. Il sistema è però in una fase avanzata di ristrutturazione e innovazione. Di grande peso il settore automobilistico, con stabilimenti di grandi case come FIAT e Volkswagen. È importante sottolineare come la produzione industriale vari, in maniera significativa, a seconda delle regioni. I Voivodati più industrializzati sono: Malopolskie, Slaskie, Opolskie e Wielkoposkie, tutti situati nel sud-ovest del Paese. In questo periodo post adesione, i lavori pubblici finanziati tramite i fondi strutturali UE costituiscono una buona opportunità di sviluppo. Una delle occasioni più interessanti per le imprese polacche è al momento rappresentata dalla partecipazione al programma di ricostruzione in Iraq. Le tendenze più recenti del flusso degli investimenti esteri nell industria tendono ad andare oltre le grandi città, per espandersi verso le zone rurali e i piccoli centri. Il settore industriale produce il 30,90% del PIL. 14

15 Produzione Industriale Gen-Nov 2004 Tipo di Prodotti Veicoli a Motore Radio e TV Attrezzature per i Trsporti Metalli Apparati Elettrici Prodotti di metallo Macchinari e Attrezzature Plastica Arredamento Prodotti in Legno Materiali per Costruzione Carta Tessuti Prodotti Chimici Prodotti di Tabacco Lavorazione dell'olio Stampa e Editoria Trasformazione Alimentare Attrezzature Mediche Minerali Prodotti in Pelle Abbigliamento -5,5-0,8 24,5 20,4 19,6 19,2 16,6 15,3 15, ,6 10,6 9,8 9,7 7,5 7,2 7 6,4 4,6 3,3 39,1 54, % di crescita rispetto all'anno precedente Trend Nel Novembre 2004, la produzione industriale era dell 11,3 % più alta che nello stesso mese dell anno precedente, grazie soprattutto a 3 cause: l aumento della domanda interna; l aumento delle Esportazioni, anche se limitato dal rafforzamento della moneta Polacca; l aumento della produttività del lavoro (13%). Per quanto riguarda la produttività, nonostante la sua crescita, rappresenta ancora un terzo di quella media dell Unione Europea. Il buon andamento della produzione industriale non ha avuto ripercussioni positive sul tasso di disoccupazione, che non ha subito variazioni. 15

16 Produzione Industriale % di crescita rispetto agli anni precedenti ,4 12,9 11,3 8,7 9,2 3, Trim 2 Trim 3 Trim Ott Nov Gen-Nov Anni 2003 e 2004 I settori che hanno avuto maggior sviluppo sono stati quelli dei beni d investimento e di consumo durevoli; si prevede in futuro un maggiore sviluppo per l industria leggera e per il settore tecnologico-informatico, supportati dai Fondi Strutturali dell Unione Europea. Servizi Il mercato dei servizi ha completato la transizione verso il settore privato ed è quasi interamente aperto alle imprese dei Paesi UE, ad eccezione del settore audio-visivo e delle lotterie, dove gli imprenditori stranieri non possono detenere pacchetti di maggioranza. Problematici sono solo quei casi in cui lo Stato, partecipando ai processi di privatizzazione, gode di privilegi simili al golden share. Il numero di agenzie di servizi e consulenza aziendale e quello dei liberi professionisti è in continuo aumento. Benché i maggiori operatori stranieri, dalla ristorazione all abbigliamento, siano già presenti, essendo il mercato in continua espansione, sono ancora disponibili ampi spazi. Il settore dei Servizi produce il 66,2% del PIL. Commercio Nella prima metà del 2004 il volume delle vendite al dettaglio è cresciuto del 12,4 %. Grazie soprattutto all alto numero di acquisti nei mesi di marzo e aprile antecedenti all adesione. In questi 2 mesi in cui si è registrata la crescita maggiore delle vendite (nei mesi successivi il tasso di crescita è 16

17 sceso), i prodotti più trattati sono stati: materiali per le costruzioni, carburanti, veicoli a motore, alimenti, tabacco, bevande alcoliche. La forte crescita del settore è stata avvantaggiata anche dall entrata nell Unione Europea, che ha dato un forte impulso al commercio transfrontaliero, soprattutto con la Germania, grazie alla grande differenza di prezzi soprattutto nel settore dei servizi. Vendite al dettaglio % di crescita rispetto all'anno precedente ,6 11,3 7,9 7,1 4 1, Trim 2 Trim 3 Trim 4 Trim 2004 Anni 2003 e 2004 Grande Distribuzione Lo sviluppo della grande distribuzione in Polonia è strettamente legato alla presenza di gruppi stranieri. Attualmente la maggior parte delle grandi catene sono già presenti: è il caso di Carrefour, Auchan, Metro e Ikea. I gruppi più attivi nello sviluppo di reti di supermercati sono la norvegese RETAIN e l inglese TESCO. Le strategie dei vari gruppi sono molto diverse: le francesi e le tedesche puntano ad investimenti di tipo green field, con uno start-up dell intera azienda, mentre altre società tendono ad entrare nel capitale di gruppi preesistenti. La famiglia media polacca spende in alimentari una quota (35%) di reddito maggiore rispetto a quella media dei Paesi UE (15-18%). Attualmente si stanno diffondendo gli ipermercati, mentre i discounts hanno già un grande successo. Esistono buone possibilità nei contratti di franchising che le aziende italiane potrebbero sfruttare. Commercio Estero Tra gennaio e novembre 2004, il valore delle esportazioni ha raggiunto la quota di 54,3 miliardi di Euro, (aumento del 24,8%), mentre quello delle importazioni di 65 miliardi (crescita del 18%), con un deficit commerciale di 10,7 mld di Euro, rispetto a quello dell anno precedente di 11,6 mld. Da rilevare l aumento delle relazioni commerciali con i paesi dell Europa centro-orientale e con i paesi in via di sviluppo, e il leggero declino dei rapporti commerciali con i paesi sviluppati. 17

18 Struttura delle EXP e IMP in Gen-Nov 2004 per Gruppi di paese EU Export 79,40% 12% 8,60% Altri Paesi Sviluppati Import 68,10% 22,10% 9,80% % delle IMP e EXP Polacche Paesi dell'europ a Centro- Orientale Tra gennaio e novembre 2004, la quota delle esportazioni in Germania (primo partner commerciale) è scesa al 30,1%, mentre le importazioni sono restate costanti, il (24,4%). Un forte sviluppo hanno avuto invece le esportazioni verso Francia e Italia (aumentate del 6,1%) e Gran Bretagna (5,4%). L interscambio con l Italia è tradizionalmente in attivo per il nostro paese. L analisi delle categorie merceologiche evidenzia che autoveicoli, parti e accessori per autoveicoli e loro motori sono la prima voce dell import italiano dalla Polonia, seguita da prodotti chimici, dagli articoli di abbigliamento e accessori e dagli animali vivi e prodotti di origine animale. Di una certa consistenza anche le importazioni di apparecchi per la radiodiffusione ed elettrici. Le principali voci dell export italiano verso la Polonia sono sempre gli autoveicoli e le loro parti, ma anche gli apparecchi per uso domestico e le macchine in genere, i tessuti, le calzature e i prodotti chimici. 18

19 Stati mln PLN mln USD 1 Trim mln EUR ESPORTAZIONI 1 Trim 2004 = 100 PLN USD EUR % 1. Germania 6359,0 2076,4 1550,9 105,0 127,7 120,2 33,1 30,2 2. Francia 1451,2 473,8 353,9 113,0 137,8 129,5 7,0 6,9 3. Italia 1313,8 429,0 320,4 102,4 124,8 117,3 7,0 6,2 4. Gran. Bretagna 1200,2 391,9 292,7 140,0 170,5 160,4 4,7 5,7 5. Olanda 948,5 309,7 231,3 117,1 142,9 134,3 4,4 4,5 6. Repubblica Ceca 895,4 292,4 218,4 132,9 161,8 152,2 3,7 4,2 7. Russia 802,0 261,9 195,6 184,1 224,5 211,0 2,4 3,8 8. Belgio 753,9 246,2 183,9 117,0 142,6 134,0 3,5 3,6 9. Norvegia 670,8 219,0 163,6 246,8 302,1 282,5 1,5 3,2 10. Svezia 668,5 218,3 163,0 91,3 111,1 104,4 4,0 3,2 IMPORTAZIONI 1. Germania 5442,9 1777,2 1327,5 112,2 136,7 128,5 22,3 24,4 2. Russia 1697,3 554,2 414,0 104,5 125,7 119,1 7,5 7,6 3. Italia 1544,1 504,2 376,6 79,2 96,5 90,6 9,0 6,9 4. Francia 1384,3 452,0 337,6 77,0 93,5 88,1 8,3 6,2 5. Cina 1086,9 354,9 265,1 106,8 129,9 122,2 4,7 4,9 6. Olanda 819,5 267,6 199,9 107,1 130,1 122,5 3,5 3,7 7. Repubblica Ceca 747,7 244,2 182,4 102,4 124,8 117,3 3,4 3,4 8. Gran Bretagna 671,9 219,4 163,9 92,5 112,6 105,9 3,3 3,0 9. Spagna 615,9 201,1 150,2 110,4 134,4 126,4 2,6 2,8 10. Norvegia 587,7 191,9 143,3 184,6 225,0 211,6 1,5 2,6 Infrastrutture Prima di analizzare la realtà del trasporto polacco va anticipato che, nel suo piano di sviluppo, la Polonia mira a diventare il polo centrale del trasporto regionale nell Europa centro-orientale e a questo fine sono dirette le azioni di modernizzazione del sistema. A livello di rete stradale, pur essendo ben collegate le principali città, grazie ad autostrade a due corsie, solo l 1% delle 19

20 strade è in grado di soddisfare gli standard europei, generando grossi problemi per il trasporto di merci su gomma e la congestione delle reti viarie, visto il rapido aumento delle vendite di automobili. Attualmente è previsto un progetto di adeguamento della rete viaria polacca, finanziato da UE, Banca Europea degli Investimenti, Banca Europea Ricostruzione e Sviluppo e Banca Mondiale, che dovrebbe portare alla costruzione di km di strade entro il Da segnalare a questo fine, che un terzo dei fondi UE sarà proprio destinato alle infrastrutture, per realizzare le grandi direttrici est-ovest (Varsavia Berlino) e nord-sud (Danzica- Repubblica Ceca) a partire dal I trasporti ferroviari, forniti dalla compagnia di Stato PKP, si presentano disomogenei a livello territoriale, poiché se eccellenti servizi di intercity collegano le vicine capitali europee e le stesse metropoli polacche, come Varsavia, Katowice e Cracovia, il resto della rete è mal gestito e, dalla caduta del comunismo, pochissimi sono stati gli investimenti. È stata di recente approvata la ristrutturazione della PKP, trasformata in S.p.A. e suddivisa in quattro sussidiarie. L UE, tramite il programma PHARE, sta contribuendo all ammodernamento della rete, ma è da rilevare come ancora manchi l apertura del settore ferroviario alla competizione internazionale. Interessante è anche il progetto della direttrice est-ovest, che collega Berlino e Mosca passando attraverso la Polonia. I porti più importanti sono quelli di Gdansk (Danzica) e Szczecin, seguiti da Szczecin-Swinoujscie e Gdynia, sul Mar Baltico. Da ricordare, inoltre, è il sistema fluviale navigabile, di ben km. I trasporti aerei conoscono, in questo periodo, un momento di espansione per l aumento del 20% annuale dei passeggeri. La compagnia aerea nazionale LOT è stata privatizzata e il 38% delle azioni è ora di proprietà della SwissAir. Va però ricordata l inadeguata capacità d accoglienza degli aeroporti polacchi, situazione evidente a Varsavia, dove l aeroporto Okecie si sta pericolosamente avvicinando alla sua capacità di accoglienza massima, con 4.5 mln di passeggeri all anno. Entro il quinquennio la città dovrà dotarsi di un nuovo aeroporto. Telecomunicazioni e IT L evoluzione delle telecomunicazioni, negli ultimi dieci anni, è stata impressionante. La rete sta crescendo al ritmo costante del 14% circa su base annuale ma, se le comunicazioni internazionali e nelle grandi città raggiungono standard elevati, lo stesso discorso non vale per le aree rurali, dotate di linee telefoniche modeste. Il mercato è dominato dalla Telekomunikacja Polska S.A. (TPSA), ex monopolista ora privatizzata, di cui parte del capitale è in mano a France Telecom, primo e più importante operatore dell Europa occidentale giunto in Polonia. Altri importanti operatori di telefonia fissa sono Netia, Nom e Energis. Le mancanze della telefonia fissa sono state in parte supplite dalla telefonia mobile, presente sul 20

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Un Paese su cui scommettere

Un Paese su cui scommettere Un Paese su cui scommettere La Polonia è un Paese in cui investire è una garanzia; da anni ormai attrae l interesse di un numero crescente di imprese (Europee e non), che operano nei settori più svariati,

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

POLONIA PRESENTAZIONE PAESE

POLONIA PRESENTAZIONE PAESE POLONIA PRESENTAZIONE PAESE 1 LA POLONIA SULLE MAPPE SUDDIVISIONE AMMINISTRATIVA 16 voivodati (regioni) 314 powiat (province) 2478 comuni 2 GEOGRAFIA Paesi confinanti: Germania, Rep. Ceca, Slovacchia,

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Varsavia (1,6 mln di abitanti)

Varsavia (1,6 mln di abitanti) TERRITORIO POPOLAZIONE E DENSITA CAPITALE LINGUA MONETA E TASSO DI CAMBIO FORMA ISTITUZIONALE ASSETTO TERRITORIALE 312.685 kmq 38.623.000 / 123,5 ab/kmq Varsavia (1,6 mln di abitanti) Polacco Zloty (PLN)

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Circolare 24 marzo 2014. MICROCREDITO UMBRIA e CONTRIBUTI PER FIERE. MICROCREDITO UMBRIA Agevolazioni per sostenere la creazione di impresa

Circolare 24 marzo 2014. MICROCREDITO UMBRIA e CONTRIBUTI PER FIERE. MICROCREDITO UMBRIA Agevolazioni per sostenere la creazione di impresa Rag. Dott. Adriano Sorci Federico Sorci Avv. Alessandro Sorci Commercialisti e Revisori Legali adrianosorci@integraassociati.it Matteo Schippa federicosorci@integraassociati.it Avvocati Dott. Elisa Eracli

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Guida ai fondi strutturali europei in Polonia

Guida ai fondi strutturali europei in Polonia Guida ai fondi strutturali europei in Polonia Milano - Varsavia, lì 15.02.2008 1 1. Polonia informazioni generali... 3 2. Opportunità per le imprese italiane in Polonia...... 7 3. Fondi strutturali europei

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI?

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? INFORMAZIONI SULL AZIENDA Pagina 1 1. Dimensione del fatturato in euro (con riferimento al Bilancio 2013) Fino a 2 milioni di euro di fatturato Oltre 2 milioni e fino

Dettagli

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 )

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. (Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) Contenuto del decreto Art. 1 Con il presente decreto

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI Con questa imposta viene tassato l utile contabile dopo la sua trasformazione ai fini fiscali. La percentuale fiscale per l Esercizio 2014 è pari al 10%. Riporto della perdita

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita

L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita 1 L inflazione durante il 2002 ed il divario -Italia. Il tasso di variazione medio dell indice dei prezzi al consumo rilevato dall Istat per l

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi

Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi AGENZIA POLACCA PER GLI INVESTIMENTI ESTERI E L INFORMAZIONE Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi Iwona Chojnowska Haponik Direttore Dipartimento investimenti esteri

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

Il sistema fiscale austriaco

Il sistema fiscale austriaco Il sistema fiscale austriaco 1. Introduzione 2. Imposte sul reddito delle società 3. Imposte sul reddito delle persone 4. Imposte sul reddito dei non residenti 5. Altre imposte di rilievo 6. Calcolo della

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012 3 febbraio 2012 Gennaio 2012 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei

Dettagli

Location Service. Contributi e agevolazioni.

Location Service. Contributi e agevolazioni. Location Service. Contributi e agevolazioni. 2 Agevolazioni e facilitazioni fiscali. La BLS offre una consulenza di base su tutte le agevolazioni concesse in Alto Adige, fornendo in formazioni sulle possibili

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Le carte (revolving) e i consumatori

Le carte (revolving) e i consumatori Le carte (revolving) e i consumatori Prof. Umberto Filotto Segretario Generale Assofin Roma, 28 novembre 2008 Trend carte revolving verso credito al consumo dati di flusso - Fonte: Assofin Nel contesto

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Le esportazioni di Vicenza e la dinamica del cambio nei mercati del made in Vicenza Tra i primi 20 mercati di destinazione dei prodotti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 ottobre 2015 Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA.

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Il Fondo Sociale per l occupazione e la formazione è finanziato

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale

Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale Dati principali sul paese Cos è SIEPA? Motivi per investire in Serbia Accordi di libero scambio Fondi disponibili per gli investimenti

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 marzo 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di marzo 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi,

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 4 gennaio 2012 Dicembre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo

Dettagli

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 maggio 2014 Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di maggio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 2 Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme di attività economica: Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

Perché investire in Irlanda? La FIBI può aiutare le aziende a sviluppare attività sui mercati internazionali avendo come base l Irlanda

Perché investire in Irlanda? La FIBI può aiutare le aziende a sviluppare attività sui mercati internazionali avendo come base l Irlanda Perché investire in Irlanda? La FIBI può aiutare le aziende a sviluppare attività sui mercati internazionali avendo come base l Irlanda Benvenuti in Irlanda L Irlanda è il primo paese in Europa per possibilità

Dettagli

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera Elisabetta Tondini Procede anche in Umbria il processo di terziarizzazione. Dai dati strutturali alcuni segnali di cambiamento Il percorso Sul rapporto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 16 Dicembre 2009 La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 A novembre, il tasso di inflazione, misurato sulla base dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività, è salito

Dettagli

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100)

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100) 30 giugno 2014 Giugno 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di giugno 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott.

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott. La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale Relatore: dott.ssa Anna Censi Innanzitutto chi sono.. Mi chiamo Anna Censi ed ho collaborato

Dettagli

PARTICOLARITA DEL SETTORE E LE START-UP INNOVATIVE NEL TURISMO

PARTICOLARITA DEL SETTORE E LE START-UP INNOVATIVE NEL TURISMO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PARTICOLARITA DEL SETTORE E LE START-UP INNOVATIVE NEL TURISMO BENEDETTI DOTT. GIULIO Programma Digit Tax Credit Gestione IVA 74ter Consulenza Fiscale per

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector 1-010472 Bucuresti T +40 21 2114240 F +40 21 2100613 bucarest@ice.it www.italtrade.com/romania 11

Dettagli

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013 MATCHING Brasile San Paolo, 24-25 giugno 2013 LE INFORMAZIONI GENERALI I settori* coinvolti sono : Agricolo, agroalimentare (food & beverage), agroindustriale Edilizia e impiantistica: materiali e prodotti

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

POLONIA paese mercato congiuntura. Varsavia, 15 marzo 2012

POLONIA paese mercato congiuntura. Varsavia, 15 marzo 2012 POLONIA paese mercato congiuntura Varsavia, 15 marzo 2012 POLONIA, mappa politica POLONIA - paese, mercato, congiuntura 2 POLONIA e POLACCHI localizzazione superficie capitale città principali linea di

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE

PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE SCHEDA PAESE: BULGARIA Settembre 2009 INDICE Il bilancio energetico ed il ruolo delle

Dettagli