Analisi di bilancio: gli indicatori finanziari della relazione sulla gestione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi di bilancio: gli indicatori finanziari della relazione sulla gestione"

Transcript

1 Analisi di bilancio: gli indicatori finanziari della relazione sulla gestione di Stefano Salvadeo e Giulio Tedeschi (*) Il D.Lgs. n. 32/2007 ha apportato rilevanti modifiche in tema di relazione sulla gestione (art del Codice civile), documento che deve contenere un analisi fedele, equilibrata ed esauriente della situazione della società e dell andamento gestionale. In tal senso, l articolo affronta il tema dell utilizzo degli indicatori finanziari, come ricavati dalla riclassificazione dei dati presenti nel conto economico e nello stato patrimoniale civilistici, nell analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda, tanto nell ottica di esaminare gli andamenti e le tendenze della società nel tempo, quanto nell ottica di confrontarli con altre imprese operanti sul mercato nel medesimo settore. Premessa e scopo L art del Codice civile, come novellato dal D.Lgs. n. 32/2007 (1) (che ha recepito la c.d. «direttiva di modernizzazione contabile» (2)), ha apportato significative modifiche alla relazione sulla gestione (3) che, come noto, accompagna il bilancio d esercizio. La relazione sulla gestione è un documento finalizzato ad integrare la lettura del bilancio, per fornire un quadro più preciso e analitico della realtà aziendale. A tale scopo, per garantire una migliore informativa, la normativa codicistica prevede l esposizione di informazioni sull andamento gestionale, patrimoniale e finanziario dell impresa, che possono essere fornite anche mediante il ricorso ad indicatori di bilancio, ricavati (rectius: riclassificati) - e quindi diversi - da quelli di immediata lettura presenti nel conto economico e nello stato patrimoniale. Si parla così di indicatori di risultato che possono essere sia «finanziari» sia, se del caso, «non finanziari» (per esempio quelli attinenti all ambiente e al personale) (4). È opportuno subito sottolineare che il legislatore, in sede di recepimento della direttiva comunitaria, ha tradotto il termine «financial» in «finanziario», un termine che, interpretato in maniera rigidamente letterale, restringerebbe il campo d applicazione della (*) Dottori Commercialisti - Partners Studio Bernoni Professionisti Associati. (1) D.Lgs. 2 febbraio 2007, n. 32. (2) Si tratta della Direttiva 2003/51/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2003, che modifica le direttive 78/660/CEE, 83/349/CEE, 86/635/CEE e 91/674/CEE relative ai conti annuali e ai conti consolidati di taluni tipi di società, delle banche e altri istituti finanziari e delle imprese di assicurazione. (3) L art. 2428, comma 1 del Codice civile dispone che «Il bilancio deve essere corredato da una relazione degli amministratori contenente un analisi fedele, equilibrata ed esauriente della situazione della società e dell andamento e del risultato della gestione, nel suo complesso e nei vari settori in cui essa ha operato, anche attraverso imprese controllate, con particolare riguardo ai costi, ai ricavi e agli investimenti, nonché una descrizione dei principali rischi e incertezze cui la società è esposta». (4) L art. 2428, comma 2 del Codice civile afferma che «L analisi di cui al primo comma è coerente con l entità e la complessità degli affari della società e contiene, nella misura necessaria alla comprensione della situazione della società e dell andamento e del risultato della sua gestione, gli indicatori di risultato finanziari e, se del caso, quelli non finanziari pertinenti all attività specifica della società, comprese le informazioni attinenti all ambiente e al personale. L analisi contiene, ove opportuno, riferimenti agli importi riportati nel bilancio e chiarimenti aggiuntivi su di essi». 7/

2 ratio voluta dal legislatore europeo. Quest ultimo, infatti, con il termine «financial» intendeva ricomprendere tutti i dati desumibili dalla contabilità generale dell azienda (e quindi anche le informazioni economiche, patrimoniali o gestionali) e non solamente quelle tipicamente finanziarie. Pertanto, con il termine «indicatore finanziario» si deve intendere qualsiasi dato rinvenibile nella contabilità aziendale. Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, in un apposito documento (5) ha fornito agli inizi del 2009 alcune utili indicazioni, di taglio operativo, per dare un contenuto espositivo alle novità sulla relazione sulla gestione introdotte dal D.Lgs. n. 32/2007 (6). Scopo del presente articolo è quello di illustrare come possa concretizzarsi l informazione di bilancio sul tema al fine di dare comprensione degli andamenti della gestione e come possano essere esposti gli indicatori finanziari (rectius, gli indicatori patrimoniali, economici e finanziari) più idonei per lo scopo. Per conseguire tale obiettivo, il primo passo da compiere, in qualsiasi analisi di bilancio, è quello di procedere ad una riclassificazione dello stato patrimoniale e del conto economico; si propone una riclassificazione rispettivamente secondo il modello della c.d. pertinenza gestionale e quello della c.d. metodologia finanziaria, per poi sviluppare l analisi anche attraverso il ricorso ad indici e quozienti. Gli indicatori finanziari: riclassificazione del bilancio e analisi Come detto, l art del Codice civile prevede che la relazione sulla gestione contenga «gli indicatori di risultato finanziari e, se del caso, quelli non finanziari pertinenti all attività specifica della società». Con riferimento ai primi, si sottolinea l utilizzo «improprio» da parte del legislatore del termine «finanziari», in quanto come detto tale termine è da interpretarsi nella cognizione più ampia nel senso che deve ricomprendere tutti le informazioni e gli indicatori di natura economica, patrimoniale ed anche finanziaria, desumibili dalla contabilità generale (7). 32 Un altro punto di partenza per una adeguata analisi del bilancio finalizzata a fornire l informazione chiesta dal legislatore richiede, tra le best practices, innanzitutto l esposizione dei dati elementari e degli indicatori in parallelo per almeno due annualità consecutive, in modo da rendere immediata la «comparabilità» tra l esercizio in corso e quello precedente. Una comparazione degli andamenti nel tempo della società è fondamentale per due ordini di lettura: una per esaminare gli andamenti e le tendenze della società nel suo dinamico andamento; l altra per confrontare gli andamenti e la struttura della società con gli andamenti di altre società concorrenti operanti sul mercato nel medesimo settore (8). Il primo passaggio da effettuare in ogni analisi di bilancio è quello di una «riclassificazione» del conto economico e dello stato patrimoniale in funzione dello «scopo» che l analisi si pone: si tratta, in sostanza, di attribuire un diverso e preciso ordine ai valori esposti in bilancio con la finalità di ottenere informazioni più idonee a soddisfare le esigenze di analisi (9). Tale fase, in conformità all interpretazione del CNDCEC, può essere definita come «1 livello di richieste informative - Dati necessari». Per quanto attiene al conto economico, un criterio per una riclassificazione è quello del- (5) Documento CNDCEC «La relazione sulla gestione. Art Codice Civile», diffuso il 14 maggio In particolare, si rimanda al Punto 4 e all Allegato 1 del documento. (6) Per completezza di analisi si segnala che le novità in tema di relazione sulla gestione recate dal D.Lgs. n. 32/2007 si applicavano per la prima volta con riferimento ai bilanci chiusi dopo il 21 novembre Pertanto, per i soggetti «solari», a far data dal bilancio chiuso al 31 dicembre 2008 e relativo al medesimo esercizio. (7) In tal senso il citato documento del Consiglio Nazionale. (8) Così gli indici in «valore assoluto» e i relativi scostamenti consentono di studiare la tendenza della società nel tempo; gli indici espressi in «valore percentuale» consentono di studiare gli andamenti della società rapportati ad altre aziende, seppur di dimensioni diverse. (9) Per una trattazione più approfondita della materia, si vedano, tra gli altri: P. Manzonetto, Indicatori e indici nell analisi di bilancio, Milano, Franco Angeli, 1987; M. Cattaneo, Manuale di finanza aziendale, Bologna, Il Mulino, 1999; C. Caramiello - F. Di Lazzaro - F. Fiori, Indici di bilancio. Strumenti per l analisi della gestione aziendale, Milano, Giuffrè, 2003; C. Teodori, L analisi di bilancio, Torino, Giappichelli, /2010

3 la c.d. «pertinenza gestionale» (10) che consente di individuare per ciascuna area di gestione (core business, attività accessorie, attività finanziaria, attività straordinaria, area tributaria) il risultato economico nel suo venire a formarsi; i risultati di dette aree possono poi successivamente essere analizzati, rapportandoli al capitale investito (o ad altre grandezze patrimoniali). Pertanto, una riclassificazione del conto economico condurrà al seguente schema, detto «conto economico a costo del venduto», che per un impresa industriale potrebbe assumere questa struttura (11): Ricavi delle vendite + Produzione interna = VALORE DELLA PRO- DUZIONE OPERATIVA Costi esterni operativi = VALORE AGGIUNTO Costi del personale = MARGINE OPERATIVO LORDO Ammortamenti e accantonamenti = RISULTATO OPERATIVO + Risultato dell area accessoria + Risultato dell area finanziaria (al netto degli oneri finanziari) = EBIT NORMALIZZATO + Risultato dell area straordinaria = EBIT INTEGRALE Oneri finanziari = RISULTATO LORDO Imposte sul reddito = RISULTATO NETTO Un simile schema di riclassificazione consente di estrapolare, al fine dell analisi e del confronto (sia con altri esercizi, sia con altre aziende e/o con il segmento di mercato), la redditività: della gestione caratteristica, vale a dire l attività «tipica» della società, che comprende i ricavi e la produzione propria del core business; della gestione accessoria, che ricomprende i componenti di reddito positivi e negativi riferibili alle attività collaterali al core business (i.e.: la gestione immobiliare, la gestione mobiliare, la gestione dei crediti, etc.); della gestione finanziaria, ossia il complesso delle operazioni poste in essere dall impresa per reperire fonti di finanziamento, che include i proventi e gli oneri finanziari (12); della gestione straordinaria, che può ricomprendere svalutazioni/rivalutazioni, plusvalenze/minusvalenze, eventi eccezionali e tutti quei fattori che presentano la caratteristica di non ripetitività; dell area tributaria, che include in via principale le imposte sul reddito dell esercizio. Per quanto riguarda lo stato patrimoniale, (10) Sul punto, si veda il documento del Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti «Il sistema delle informazioni aziendali alla luce di Basilea 2 e del nuovo diritto societario», diffuso nel marzo (11) Un altro valido criterio per riclassificare il conto economico è quello «a costi e ricavi del venduto». Come evidenziato dal documento dell Istituto di Ricerca dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili n. 1 dell ottobre 2008, in questo caso lo schema di conto economico riclassificato sarebbe: RICAVI CARATTERISTICI - Costo del venduto = UTILE LORDO INDUSTRIALE - Costi commerciali e amministrativi = REDDITO OPERATIVO +- Saldo gestione patrimoniale +- Saldo gestione finanziaria +- Saldo gestione straordinaria e tributaria REDDITO NETTO (12) Tuttavia, come precisa il documento del CNDCEC, l area finanziaria è esposta al lordo dei proventi e al netto degli oneri finanziari. Ciò al fine di esporre il risultato lordo di gestione «indipendentemente dalle scelte di finanziamento dell impresa». 7/

4 invece, la riclassificazione può essere effettuata principalmente sulla base di due criteri: quello finanziario (o della esigibilità), che consiste nell ordinare le singole poste patrimoniali e finanziarie sulla base della durata/scadenza dell investimento/finanziamento, e quello - già citato - della pertinenza gestionale, che riclassifica i valori sulla base delle aree operative. Con riferimento al primo criterio, la riclassificazione degli investimenti dei finanziamenti viene effettuata in base alla loro scadenza, individuando attivo fisso, attivo circolante (13), passivo consolidato, passivo corrente (14) e mezzi propri. Pertanto, a titolo esemplificativo, lo schema di riclassificazione dello stato patrimoniale sulla base del criterio della esigibilità può essere il seguente: ATTIVO Immobilizzazioni immateriali + Immobilizzazioni materiali + Immobilizzazioni finanziarie = ATTIVO FISSO (A) Magazzino + Liquidità differite + Liquidità immediate = ATTIVO CIRCOLANTE (B) TOTALE CAPITALE INVE- STITO (A+B) PASSIVO Capitale sociale + Riserve + Risultato d esercizio MEZZI PROPRI (X) PASSIVITA CONSOLIDATE (T) PASSIVITA CORRENTI (Z) TOTALE CAPITALE DI FI- NANZIAMENTO (X+T+Z) Da un simile schema è possibile ricavare informazioni rilevanti sulla gestione aziendale, poiché la riclassificazione mette in luce il grado di indipendenza finanziaria dell impresa rispetto al totale delle fonti (15). L analisi dei dati su un orizzonte temporale più ampio consente di comparare gli andamenti e studiare gli scostamenti. Il bilancio prevede obbligatoriamente un confronto sulla base di due esercizi. Giunti a questo punto è possibile accentrare l analisi: (i) sulla posizione finanziaria della società; (ii) sulla struttura patrimoniale; nonché (iii) sulla dinamica economica. Tale analisi può essere svolta ricorrendo a taluni indici particolarmente significativi. (13) Con attivo circolante si intende il denaro e i valori ad esso assimilati (saldi di c/c bancario, titoli di credito, cedole su titolo di credito a reddito fisso scaduti e da incassare), trasformabili immediatamente e senza oneri in denaro oppure utilizzabili immediatamente in sua vece nelle transazioni con terzi, nonché, più in generale, tutti quegli asset destinati a trasformarsi in liquidità entro 12 mesi. (14) Includono quelle passività che generano delle uscite finanziarie entro i 12 mesi successivi. In genere questa voce comprende debiti commerciali, debiti tributari, previdenziali e anticipi da clienti. (15) Un altro criterio per riclassificare lo stato patrimoniale, anche questo descritto nel citato documento dell IR- DCEC, è quello della pertinenza gestionale. In questo caso, si avrà: ATTIVO Immobilizzazioni + Capitale circolante operativo netto - Fondi rischi/oneri operativi - Tfr = CAPITALE INVESTITO OPERATIVO NETTO (X) Attività finanziarie + Liquidità - Fondi rischi/oneri non operativi = CAPITALE INVESTITO NON OPERATIVO NETTO (Y) TOTALE CAPITALE INVESTITO (X+Y) PASSIVO CAPITALE NETTO (W) PASSIVITA FINANZIARIE A M/L TERMINE (Q) PASSIVITA FINANZIARIE A BREVE TERMINE (H) TOTALE CAPITALE RACCOLTO (W+Q+H) 34 7/2010

5 Con riguardo alla analisi della «posizione finanziaria» si può fare ricorso a taluni «indici della posizione di liquidità» (16). Tra questi, si segnalano: Indicatori in valore assoluto Capitale circolante netto (CCN) = Attivo circolante - passività correnti Margine di tesoreria = Liquidità immediate + liquidità differite - passività correnti Posizione finanziaria netta (PFN) = Attività finanziarie non immobilizzate + disponibilità liquide - debiti verso banche a breve termine - debiti verso altri finanziatori a breve termine Indicatori in valore percentuale Indice di liquidità: = Attivo circolante / passività correnti Indice di liquidità primaria = (Liquidità immediate + liquidità differite) / passività correnti Per valutare l adeguatezza di tali risultanze, generalmente si considera virtuosa un azienda con un capitale circolante netto di importo pari o leggermente maggiore alle rimanenze e così, in termini percentuali, un indice di liquidità maggiore di 1; conseguentemente il margine di tesoreria deve tendere alla positività. Tali indicatori consentono la conoscenza di informazioni sulla solvibilità perché sono atti a confrontare le uscite attese nel breve periodo (passività correnti) con la liquidità disponibile (liquidità immediata) e le entrate previste a breve periodo (liquidità differite) (17). Passando all analisi della «struttura patrimoniale», i principali indicatori da utilizzare possono essere ricavati partendo dallo stato patrimoniale civilistico della società riclassificato. Tra questi: Indice di indebitamento (18) = Totale passività/patrimonio; Indice copertura impieghi fissi = Mezzi propri/attivo fisso; Margine di struttura = Mezzi propri - attivo fisso; Indice di indipendenza finanziaria = Mezzi propri/totale capitale investito; Incidenza debiti = Totale passività/totale capitale investito; Quoziente di indebitamento finanziario = Passività di finanziamento/mezzi propri. Anche in questo caso, si ritiene che un soddisfacente valore dell indice di indipendenza finanziaria si attesti tra il 55% e il 65%, mentre il margine di struttura dovrebbe essere maggiore di zero. È proprio sui margini di struttura, in sede di analisi di bilancio finalizzata alla descrizione della solidità patrimoniale dell impresa, che si sofferma il CNDCEC. Secondo il documento, sulla base del concetto basilare per il quale il tempo di recupero degli impieghi debba essere correlato logicamente al tempo di recupero delle fonti, gli indicatori volti a studiare tale correlazione si rivelano: Il già citato «Margine primario di struttura» = Mezzi propri - attivo fisso; Quoziente primario di struttura = Mezzi propri/attivo fisso; Margine secondario di struttura = Mezzi propri + passività consolidate - attivo fisso; Quoziente secondario di struttura = (Mezzi propri + passività consolidate)/attivo fisso. Passando, da ultimo, all analisi della «dinamica economica» e quindi all economicità della gestione, si può fare ricorso ad alcuni tipici indicatori di redditività, quali il ROI, il ROE e il ROS. Il ROI (19) costituisce il rapporto tra l EBIT e il capitale impiegato (20). Tale indicatore, sostanzialmente, misura il risultato econo- (16) Si segnala che, secondo l interpretazione del CNDCEC, qualora la società risulti adeguatamente capitalizzata, non sembra necessario dover fornire nella relazione sulla gestione ulteriori dettagli riguardo alla situazione finanziaria dell impresa. Inoltre, sul punto, il documento CNDCEC 19 gennaio 2009, pag. 18, evidenzia che «In questa prospettiva, si deve considerare che non esistono indicatori o valori generalmente accettati che siano in grado di accertare in modo assoluto se la società risulta sottocapitalizzata; ciascun caso deve essere studiato separatamente in funzione di taluni fattori caratteristici, quali: il settore operativo, le dimensioni della società, la credibilità creditizia, le possibilità di intervento dei soci nonché la storia e l esperienza della struttura aziendale». (17) Come detto, gli stessi indicatori esposti in percentuale consentono la comparabilità del dato dell azienda con altre imprese del settore, anche a prescindere dalle dimensioni e dal fatturato conseguito. (18) Nel documento CNDCEC tale indice è chiamato «Quoziente di indebitamento complessivo». (19) Return on investment. (20) Per capitale impiegato, ai fini che qui interessano, devono essere intesi il valore della produzione, del magazzino e dei crediti. 7/

6 mico dell impresa con riferimento alla sua attività caratteristica. Pertanto, l indicazione del ROI nella relazione sulla gestione è utile per descrivere il livello di redditività dei capitali investiti nell azienda, a prescindere dalle fonti di finanziamento considerate (soci, banche, creditori, etc.) (21). Un ROI maggiore di zero testimonia un utile operativo, quantomeno con riferimento all attività caratteristica dell impresa. In sede di analisi di bilancio, come affermato dalla dottrina, una misura soddisfacente del ROI viene individuata al livello del costo del denaro vigente in quel momento: valori superiori, naturalmente, si rivelano ulteriormente remunerativi, mentre un ROI negativo mette in evidenza una perdita nel core business aziendale. Il ROE (22) rappresenta il rapporto tra l utile netto conseguito dall azienda e il suo patrimonio netto. Pertanto, tale indicatore misura la redditività del capitale proprio investito nell attività imprenditoriale, considerando non tutte le fonti di finanziamento (come il ROI), ma solo quelle imputabili ai propri soci. Un simile parametro, quindi, è particolarmente utile agli shareholders per soppesare la validità dei propri investimenti. Valori adeguati del ROE sono considerati quelli che superano di almeno 3 punti percentuali il tasso di inflazione (23). Il ROS (24), invece, è calcolato rapportando il reddito operativo e i ricavi netti e moltiplicando il tutto per 100. In questo modo, il valore risultante è in grado di misurare il reddito operativo medio per ciascuna unità di ricavo netto: in altre parole, l indicatore porta alla luce la quota di fatturato che si traduce in utile con riguardo alle vendite effettuate nell attività tipica dell impresa. Anche in questo caso, la dottrina individua valori soddisfacenti del ROS, tenendo però presente le tipicità del settore economico in cui l azienda svolge la propria attività, spaziando dal 3-4% nel segmento del commercio fino al 6-7% nel mondo industriale (25). Sul punto, il documento del CNDCEC evidenzia che, qualora l azienda sia multi-divisionale e operi quindi in settori economici eterogenei, può essere utile calcolare il ROI e il ROS con riferimento a ciascun settore, anche al fine di guidare il management nelle valutazioni strategiche del caso. 36 Conclusioni Le novità introdotte con il D.Lgs. n. 32/2007, che ha recepito la direttiva contabile n. 2003/51/CE, ha modificato in maniera significativa il disposto dell art del Codice civile, inerente alla relazione sulla gestione: quest ultima, in un ottica di sempre crescente necessità di trasparenza, deve essere utilizzata dagli amministratori per svolgere un analisi «fedele, equilibrata ed esauriente» della situazione societaria e dell andamento della gestione. A tale scopo, la normativa civilistica dispone l utilizzo di indicatori finanziari (rectius: desumibili dalla contabilità dell azienda) con lo scopo di verificare l equilibrio economico, finanziario e patrimoniale della società, tanto in un ottica puntuale quanto in un ottica prospettica. Nel presente articolo si è cercato di schematizzare quali possono essere gli strumenti e le informazioni idonee a soddisfare il precetto, in continuità con le indicazioni fornite dalle best practices contenute nel citato documento del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili sulle novità intervenute in materia di relazione sulla gestione. Tutti gli indicatori analizzati, elencati in maniera naturalmente non esaustiva, sono rica- (21) Proprio per tale ragione, nel calcolare il ROI al numeratore viene inserito l Ebit, e non l utile netto, al fine di non escludere dal conteggio gli oneri finanziari; parimenti, al denominatore si utilizza il totale dell attivo e non il patrimonio netto, in modo da considerare la totalità delle risorse disponibili della società. (22) Return on equity. (23) Per approfondimenti, sia consentito il rimando a S. Salvadeo - G. Tedeschi, «Le operazioni straordinarie e la gestione dei processi di acquisizione», Milano, Ipsoa, 2010, cap. 3, laddove viene evidenziata l importanza del ROE per l effetto leva che esso può generare: infatti, quando i tassi di interesse bancari sono inferiori rispetto alla remunerazione del capitale proprio (per esempio 4% contro un ROE del 6%), per la società è più conveniente indebitarsi attraverso il canale creditizio e investire le nuove risorse nella propria attività caratteristica. Tuttavia, «tale principio non è generalizzabile né attuabile a tempo indeterminato, in quanto all aumentare dei debiti - e quindi all aumentare dei rischi - è verosimile che i creditori accresceranno il saggio d interesse richiesto. In questo modo lo spread tra interessi passivi e ROE si può restringere fino anche ad annullarsi». (24) Return on sales. (25) S. Salvadeo - G.Tedeschi, op. cit.. 7/2010

7 vati direttamente dalle poste del conto economico e dello stato patrimoniale civilistici, opportunamente riclassificati nella relazione sulla gestione per il conseguimento degli scopi dell analisi. Essi, in valore assoluto sono ottenuti attraverso la somma o la differenza algebrica di vari elementi patrimoniali e reddituali, allo scopo di analizzare l andamento della società nel tempo (tendenza). Tali indicatori, tuttavia, possono essere espressi anche in percentuale o tramite quoziente, risultando talvolta più significativi poiché in grado di comparare l andamento della società con quello di altre società e/o del mercato. Il valore in percentuale, infatti, garantisce la confrontabilità del dato anche al variare delle dimensioni. Peraltro, affinché gli indicatori finanziari possano assolvere al loro ruolo previsto dall art del Codice civile, la prassi consiglia di indicare nella relazione sulla gestione (i) i criteri impiegati per la riclassificazione dei prospetti, (ii) le modalità di calcolo dei quozienti e (iii) il significato degli indici (26). Per approfondimenti vedi anche: Dal bilancio d esercizio al reddito d impresa Gli indici di bilancio nella relazione sulla gestione Relazione sulla gestione. Di altri autori vedi anche G. Greco «Gli indicatori di performance nella relazione sulla gestione» in Amministrazione e Finanza n. 5/2010, pag. 73. Nota: (26) Cfr. documento IRDCEC n. 1/2008, pag. 16, laddove afferma che una simile precisazione si rende necessaria poiché «in funzione del criterio classificatorio adottato per gli schemi di bilancio, muta il percorso logico di costruzione dell indice, come pure la sua interpretazione: basti pensare che lo stato patrimoniale può essere riespresso secondo logica finanziaria, oppure operativa, e, per ognuna, è invalso nella prassi riscontrare delle varianti inerenti alla collocazione di certe poste». 7/

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito Approfondimenti Analisi efficienza Approfondimenti 1 2 La formazione degli indici di bilancio! gli

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it Fondamenti di analisi i di bilancio i Le analisi di bilancio: introduzione gghelfi@liuc.it Le analisi di bilancio - Introduzione Il bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione l andamento

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELLE DIFFERENZE DA CONSOLIDAMENTO: UN APPROCCIO PER CAUSE ECONOMICHE

IL TRATTAMENTO DELLE DIFFERENZE DA CONSOLIDAMENTO: UN APPROCCIO PER CAUSE ECONOMICHE IL TRATTAMENTO DELLE DIFFERENZE DA CONSOLIDAMENTO: UN APPROCCIO PER CAUSE ECONOMICHE ALESSANDRO MONTRONE * Il contenuto del bilancio di gruppo si caratterizza per la presenza di alcune voci peculiari;

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli