Analisi di bilancio: gli indicatori finanziari della relazione sulla gestione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi di bilancio: gli indicatori finanziari della relazione sulla gestione"

Transcript

1 Analisi di bilancio: gli indicatori finanziari della relazione sulla gestione di Stefano Salvadeo e Giulio Tedeschi (*) Il D.Lgs. n. 32/2007 ha apportato rilevanti modifiche in tema di relazione sulla gestione (art del Codice civile), documento che deve contenere un analisi fedele, equilibrata ed esauriente della situazione della società e dell andamento gestionale. In tal senso, l articolo affronta il tema dell utilizzo degli indicatori finanziari, come ricavati dalla riclassificazione dei dati presenti nel conto economico e nello stato patrimoniale civilistici, nell analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda, tanto nell ottica di esaminare gli andamenti e le tendenze della società nel tempo, quanto nell ottica di confrontarli con altre imprese operanti sul mercato nel medesimo settore. Premessa e scopo L art del Codice civile, come novellato dal D.Lgs. n. 32/2007 (1) (che ha recepito la c.d. «direttiva di modernizzazione contabile» (2)), ha apportato significative modifiche alla relazione sulla gestione (3) che, come noto, accompagna il bilancio d esercizio. La relazione sulla gestione è un documento finalizzato ad integrare la lettura del bilancio, per fornire un quadro più preciso e analitico della realtà aziendale. A tale scopo, per garantire una migliore informativa, la normativa codicistica prevede l esposizione di informazioni sull andamento gestionale, patrimoniale e finanziario dell impresa, che possono essere fornite anche mediante il ricorso ad indicatori di bilancio, ricavati (rectius: riclassificati) - e quindi diversi - da quelli di immediata lettura presenti nel conto economico e nello stato patrimoniale. Si parla così di indicatori di risultato che possono essere sia «finanziari» sia, se del caso, «non finanziari» (per esempio quelli attinenti all ambiente e al personale) (4). È opportuno subito sottolineare che il legislatore, in sede di recepimento della direttiva comunitaria, ha tradotto il termine «financial» in «finanziario», un termine che, interpretato in maniera rigidamente letterale, restringerebbe il campo d applicazione della (*) Dottori Commercialisti - Partners Studio Bernoni Professionisti Associati. (1) D.Lgs. 2 febbraio 2007, n. 32. (2) Si tratta della Direttiva 2003/51/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2003, che modifica le direttive 78/660/CEE, 83/349/CEE, 86/635/CEE e 91/674/CEE relative ai conti annuali e ai conti consolidati di taluni tipi di società, delle banche e altri istituti finanziari e delle imprese di assicurazione. (3) L art. 2428, comma 1 del Codice civile dispone che «Il bilancio deve essere corredato da una relazione degli amministratori contenente un analisi fedele, equilibrata ed esauriente della situazione della società e dell andamento e del risultato della gestione, nel suo complesso e nei vari settori in cui essa ha operato, anche attraverso imprese controllate, con particolare riguardo ai costi, ai ricavi e agli investimenti, nonché una descrizione dei principali rischi e incertezze cui la società è esposta». (4) L art. 2428, comma 2 del Codice civile afferma che «L analisi di cui al primo comma è coerente con l entità e la complessità degli affari della società e contiene, nella misura necessaria alla comprensione della situazione della società e dell andamento e del risultato della sua gestione, gli indicatori di risultato finanziari e, se del caso, quelli non finanziari pertinenti all attività specifica della società, comprese le informazioni attinenti all ambiente e al personale. L analisi contiene, ove opportuno, riferimenti agli importi riportati nel bilancio e chiarimenti aggiuntivi su di essi». 7/

2 ratio voluta dal legislatore europeo. Quest ultimo, infatti, con il termine «financial» intendeva ricomprendere tutti i dati desumibili dalla contabilità generale dell azienda (e quindi anche le informazioni economiche, patrimoniali o gestionali) e non solamente quelle tipicamente finanziarie. Pertanto, con il termine «indicatore finanziario» si deve intendere qualsiasi dato rinvenibile nella contabilità aziendale. Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, in un apposito documento (5) ha fornito agli inizi del 2009 alcune utili indicazioni, di taglio operativo, per dare un contenuto espositivo alle novità sulla relazione sulla gestione introdotte dal D.Lgs. n. 32/2007 (6). Scopo del presente articolo è quello di illustrare come possa concretizzarsi l informazione di bilancio sul tema al fine di dare comprensione degli andamenti della gestione e come possano essere esposti gli indicatori finanziari (rectius, gli indicatori patrimoniali, economici e finanziari) più idonei per lo scopo. Per conseguire tale obiettivo, il primo passo da compiere, in qualsiasi analisi di bilancio, è quello di procedere ad una riclassificazione dello stato patrimoniale e del conto economico; si propone una riclassificazione rispettivamente secondo il modello della c.d. pertinenza gestionale e quello della c.d. metodologia finanziaria, per poi sviluppare l analisi anche attraverso il ricorso ad indici e quozienti. Gli indicatori finanziari: riclassificazione del bilancio e analisi Come detto, l art del Codice civile prevede che la relazione sulla gestione contenga «gli indicatori di risultato finanziari e, se del caso, quelli non finanziari pertinenti all attività specifica della società». Con riferimento ai primi, si sottolinea l utilizzo «improprio» da parte del legislatore del termine «finanziari», in quanto come detto tale termine è da interpretarsi nella cognizione più ampia nel senso che deve ricomprendere tutti le informazioni e gli indicatori di natura economica, patrimoniale ed anche finanziaria, desumibili dalla contabilità generale (7). 32 Un altro punto di partenza per una adeguata analisi del bilancio finalizzata a fornire l informazione chiesta dal legislatore richiede, tra le best practices, innanzitutto l esposizione dei dati elementari e degli indicatori in parallelo per almeno due annualità consecutive, in modo da rendere immediata la «comparabilità» tra l esercizio in corso e quello precedente. Una comparazione degli andamenti nel tempo della società è fondamentale per due ordini di lettura: una per esaminare gli andamenti e le tendenze della società nel suo dinamico andamento; l altra per confrontare gli andamenti e la struttura della società con gli andamenti di altre società concorrenti operanti sul mercato nel medesimo settore (8). Il primo passaggio da effettuare in ogni analisi di bilancio è quello di una «riclassificazione» del conto economico e dello stato patrimoniale in funzione dello «scopo» che l analisi si pone: si tratta, in sostanza, di attribuire un diverso e preciso ordine ai valori esposti in bilancio con la finalità di ottenere informazioni più idonee a soddisfare le esigenze di analisi (9). Tale fase, in conformità all interpretazione del CNDCEC, può essere definita come «1 livello di richieste informative - Dati necessari». Per quanto attiene al conto economico, un criterio per una riclassificazione è quello del- (5) Documento CNDCEC «La relazione sulla gestione. Art Codice Civile», diffuso il 14 maggio In particolare, si rimanda al Punto 4 e all Allegato 1 del documento. (6) Per completezza di analisi si segnala che le novità in tema di relazione sulla gestione recate dal D.Lgs. n. 32/2007 si applicavano per la prima volta con riferimento ai bilanci chiusi dopo il 21 novembre Pertanto, per i soggetti «solari», a far data dal bilancio chiuso al 31 dicembre 2008 e relativo al medesimo esercizio. (7) In tal senso il citato documento del Consiglio Nazionale. (8) Così gli indici in «valore assoluto» e i relativi scostamenti consentono di studiare la tendenza della società nel tempo; gli indici espressi in «valore percentuale» consentono di studiare gli andamenti della società rapportati ad altre aziende, seppur di dimensioni diverse. (9) Per una trattazione più approfondita della materia, si vedano, tra gli altri: P. Manzonetto, Indicatori e indici nell analisi di bilancio, Milano, Franco Angeli, 1987; M. Cattaneo, Manuale di finanza aziendale, Bologna, Il Mulino, 1999; C. Caramiello - F. Di Lazzaro - F. Fiori, Indici di bilancio. Strumenti per l analisi della gestione aziendale, Milano, Giuffrè, 2003; C. Teodori, L analisi di bilancio, Torino, Giappichelli, /2010

3 la c.d. «pertinenza gestionale» (10) che consente di individuare per ciascuna area di gestione (core business, attività accessorie, attività finanziaria, attività straordinaria, area tributaria) il risultato economico nel suo venire a formarsi; i risultati di dette aree possono poi successivamente essere analizzati, rapportandoli al capitale investito (o ad altre grandezze patrimoniali). Pertanto, una riclassificazione del conto economico condurrà al seguente schema, detto «conto economico a costo del venduto», che per un impresa industriale potrebbe assumere questa struttura (11): Ricavi delle vendite + Produzione interna = VALORE DELLA PRO- DUZIONE OPERATIVA Costi esterni operativi = VALORE AGGIUNTO Costi del personale = MARGINE OPERATIVO LORDO Ammortamenti e accantonamenti = RISULTATO OPERATIVO + Risultato dell area accessoria + Risultato dell area finanziaria (al netto degli oneri finanziari) = EBIT NORMALIZZATO + Risultato dell area straordinaria = EBIT INTEGRALE Oneri finanziari = RISULTATO LORDO Imposte sul reddito = RISULTATO NETTO Un simile schema di riclassificazione consente di estrapolare, al fine dell analisi e del confronto (sia con altri esercizi, sia con altre aziende e/o con il segmento di mercato), la redditività: della gestione caratteristica, vale a dire l attività «tipica» della società, che comprende i ricavi e la produzione propria del core business; della gestione accessoria, che ricomprende i componenti di reddito positivi e negativi riferibili alle attività collaterali al core business (i.e.: la gestione immobiliare, la gestione mobiliare, la gestione dei crediti, etc.); della gestione finanziaria, ossia il complesso delle operazioni poste in essere dall impresa per reperire fonti di finanziamento, che include i proventi e gli oneri finanziari (12); della gestione straordinaria, che può ricomprendere svalutazioni/rivalutazioni, plusvalenze/minusvalenze, eventi eccezionali e tutti quei fattori che presentano la caratteristica di non ripetitività; dell area tributaria, che include in via principale le imposte sul reddito dell esercizio. Per quanto riguarda lo stato patrimoniale, (10) Sul punto, si veda il documento del Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti «Il sistema delle informazioni aziendali alla luce di Basilea 2 e del nuovo diritto societario», diffuso nel marzo (11) Un altro valido criterio per riclassificare il conto economico è quello «a costi e ricavi del venduto». Come evidenziato dal documento dell Istituto di Ricerca dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili n. 1 dell ottobre 2008, in questo caso lo schema di conto economico riclassificato sarebbe: RICAVI CARATTERISTICI - Costo del venduto = UTILE LORDO INDUSTRIALE - Costi commerciali e amministrativi = REDDITO OPERATIVO +- Saldo gestione patrimoniale +- Saldo gestione finanziaria +- Saldo gestione straordinaria e tributaria REDDITO NETTO (12) Tuttavia, come precisa il documento del CNDCEC, l area finanziaria è esposta al lordo dei proventi e al netto degli oneri finanziari. Ciò al fine di esporre il risultato lordo di gestione «indipendentemente dalle scelte di finanziamento dell impresa». 7/

4 invece, la riclassificazione può essere effettuata principalmente sulla base di due criteri: quello finanziario (o della esigibilità), che consiste nell ordinare le singole poste patrimoniali e finanziarie sulla base della durata/scadenza dell investimento/finanziamento, e quello - già citato - della pertinenza gestionale, che riclassifica i valori sulla base delle aree operative. Con riferimento al primo criterio, la riclassificazione degli investimenti dei finanziamenti viene effettuata in base alla loro scadenza, individuando attivo fisso, attivo circolante (13), passivo consolidato, passivo corrente (14) e mezzi propri. Pertanto, a titolo esemplificativo, lo schema di riclassificazione dello stato patrimoniale sulla base del criterio della esigibilità può essere il seguente: ATTIVO Immobilizzazioni immateriali + Immobilizzazioni materiali + Immobilizzazioni finanziarie = ATTIVO FISSO (A) Magazzino + Liquidità differite + Liquidità immediate = ATTIVO CIRCOLANTE (B) TOTALE CAPITALE INVE- STITO (A+B) PASSIVO Capitale sociale + Riserve + Risultato d esercizio MEZZI PROPRI (X) PASSIVITA CONSOLIDATE (T) PASSIVITA CORRENTI (Z) TOTALE CAPITALE DI FI- NANZIAMENTO (X+T+Z) Da un simile schema è possibile ricavare informazioni rilevanti sulla gestione aziendale, poiché la riclassificazione mette in luce il grado di indipendenza finanziaria dell impresa rispetto al totale delle fonti (15). L analisi dei dati su un orizzonte temporale più ampio consente di comparare gli andamenti e studiare gli scostamenti. Il bilancio prevede obbligatoriamente un confronto sulla base di due esercizi. Giunti a questo punto è possibile accentrare l analisi: (i) sulla posizione finanziaria della società; (ii) sulla struttura patrimoniale; nonché (iii) sulla dinamica economica. Tale analisi può essere svolta ricorrendo a taluni indici particolarmente significativi. (13) Con attivo circolante si intende il denaro e i valori ad esso assimilati (saldi di c/c bancario, titoli di credito, cedole su titolo di credito a reddito fisso scaduti e da incassare), trasformabili immediatamente e senza oneri in denaro oppure utilizzabili immediatamente in sua vece nelle transazioni con terzi, nonché, più in generale, tutti quegli asset destinati a trasformarsi in liquidità entro 12 mesi. (14) Includono quelle passività che generano delle uscite finanziarie entro i 12 mesi successivi. In genere questa voce comprende debiti commerciali, debiti tributari, previdenziali e anticipi da clienti. (15) Un altro criterio per riclassificare lo stato patrimoniale, anche questo descritto nel citato documento dell IR- DCEC, è quello della pertinenza gestionale. In questo caso, si avrà: ATTIVO Immobilizzazioni + Capitale circolante operativo netto - Fondi rischi/oneri operativi - Tfr = CAPITALE INVESTITO OPERATIVO NETTO (X) Attività finanziarie + Liquidità - Fondi rischi/oneri non operativi = CAPITALE INVESTITO NON OPERATIVO NETTO (Y) TOTALE CAPITALE INVESTITO (X+Y) PASSIVO CAPITALE NETTO (W) PASSIVITA FINANZIARIE A M/L TERMINE (Q) PASSIVITA FINANZIARIE A BREVE TERMINE (H) TOTALE CAPITALE RACCOLTO (W+Q+H) 34 7/2010

5 Con riguardo alla analisi della «posizione finanziaria» si può fare ricorso a taluni «indici della posizione di liquidità» (16). Tra questi, si segnalano: Indicatori in valore assoluto Capitale circolante netto (CCN) = Attivo circolante - passività correnti Margine di tesoreria = Liquidità immediate + liquidità differite - passività correnti Posizione finanziaria netta (PFN) = Attività finanziarie non immobilizzate + disponibilità liquide - debiti verso banche a breve termine - debiti verso altri finanziatori a breve termine Indicatori in valore percentuale Indice di liquidità: = Attivo circolante / passività correnti Indice di liquidità primaria = (Liquidità immediate + liquidità differite) / passività correnti Per valutare l adeguatezza di tali risultanze, generalmente si considera virtuosa un azienda con un capitale circolante netto di importo pari o leggermente maggiore alle rimanenze e così, in termini percentuali, un indice di liquidità maggiore di 1; conseguentemente il margine di tesoreria deve tendere alla positività. Tali indicatori consentono la conoscenza di informazioni sulla solvibilità perché sono atti a confrontare le uscite attese nel breve periodo (passività correnti) con la liquidità disponibile (liquidità immediata) e le entrate previste a breve periodo (liquidità differite) (17). Passando all analisi della «struttura patrimoniale», i principali indicatori da utilizzare possono essere ricavati partendo dallo stato patrimoniale civilistico della società riclassificato. Tra questi: Indice di indebitamento (18) = Totale passività/patrimonio; Indice copertura impieghi fissi = Mezzi propri/attivo fisso; Margine di struttura = Mezzi propri - attivo fisso; Indice di indipendenza finanziaria = Mezzi propri/totale capitale investito; Incidenza debiti = Totale passività/totale capitale investito; Quoziente di indebitamento finanziario = Passività di finanziamento/mezzi propri. Anche in questo caso, si ritiene che un soddisfacente valore dell indice di indipendenza finanziaria si attesti tra il 55% e il 65%, mentre il margine di struttura dovrebbe essere maggiore di zero. È proprio sui margini di struttura, in sede di analisi di bilancio finalizzata alla descrizione della solidità patrimoniale dell impresa, che si sofferma il CNDCEC. Secondo il documento, sulla base del concetto basilare per il quale il tempo di recupero degli impieghi debba essere correlato logicamente al tempo di recupero delle fonti, gli indicatori volti a studiare tale correlazione si rivelano: Il già citato «Margine primario di struttura» = Mezzi propri - attivo fisso; Quoziente primario di struttura = Mezzi propri/attivo fisso; Margine secondario di struttura = Mezzi propri + passività consolidate - attivo fisso; Quoziente secondario di struttura = (Mezzi propri + passività consolidate)/attivo fisso. Passando, da ultimo, all analisi della «dinamica economica» e quindi all economicità della gestione, si può fare ricorso ad alcuni tipici indicatori di redditività, quali il ROI, il ROE e il ROS. Il ROI (19) costituisce il rapporto tra l EBIT e il capitale impiegato (20). Tale indicatore, sostanzialmente, misura il risultato econo- (16) Si segnala che, secondo l interpretazione del CNDCEC, qualora la società risulti adeguatamente capitalizzata, non sembra necessario dover fornire nella relazione sulla gestione ulteriori dettagli riguardo alla situazione finanziaria dell impresa. Inoltre, sul punto, il documento CNDCEC 19 gennaio 2009, pag. 18, evidenzia che «In questa prospettiva, si deve considerare che non esistono indicatori o valori generalmente accettati che siano in grado di accertare in modo assoluto se la società risulta sottocapitalizzata; ciascun caso deve essere studiato separatamente in funzione di taluni fattori caratteristici, quali: il settore operativo, le dimensioni della società, la credibilità creditizia, le possibilità di intervento dei soci nonché la storia e l esperienza della struttura aziendale». (17) Come detto, gli stessi indicatori esposti in percentuale consentono la comparabilità del dato dell azienda con altre imprese del settore, anche a prescindere dalle dimensioni e dal fatturato conseguito. (18) Nel documento CNDCEC tale indice è chiamato «Quoziente di indebitamento complessivo». (19) Return on investment. (20) Per capitale impiegato, ai fini che qui interessano, devono essere intesi il valore della produzione, del magazzino e dei crediti. 7/

6 mico dell impresa con riferimento alla sua attività caratteristica. Pertanto, l indicazione del ROI nella relazione sulla gestione è utile per descrivere il livello di redditività dei capitali investiti nell azienda, a prescindere dalle fonti di finanziamento considerate (soci, banche, creditori, etc.) (21). Un ROI maggiore di zero testimonia un utile operativo, quantomeno con riferimento all attività caratteristica dell impresa. In sede di analisi di bilancio, come affermato dalla dottrina, una misura soddisfacente del ROI viene individuata al livello del costo del denaro vigente in quel momento: valori superiori, naturalmente, si rivelano ulteriormente remunerativi, mentre un ROI negativo mette in evidenza una perdita nel core business aziendale. Il ROE (22) rappresenta il rapporto tra l utile netto conseguito dall azienda e il suo patrimonio netto. Pertanto, tale indicatore misura la redditività del capitale proprio investito nell attività imprenditoriale, considerando non tutte le fonti di finanziamento (come il ROI), ma solo quelle imputabili ai propri soci. Un simile parametro, quindi, è particolarmente utile agli shareholders per soppesare la validità dei propri investimenti. Valori adeguati del ROE sono considerati quelli che superano di almeno 3 punti percentuali il tasso di inflazione (23). Il ROS (24), invece, è calcolato rapportando il reddito operativo e i ricavi netti e moltiplicando il tutto per 100. In questo modo, il valore risultante è in grado di misurare il reddito operativo medio per ciascuna unità di ricavo netto: in altre parole, l indicatore porta alla luce la quota di fatturato che si traduce in utile con riguardo alle vendite effettuate nell attività tipica dell impresa. Anche in questo caso, la dottrina individua valori soddisfacenti del ROS, tenendo però presente le tipicità del settore economico in cui l azienda svolge la propria attività, spaziando dal 3-4% nel segmento del commercio fino al 6-7% nel mondo industriale (25). Sul punto, il documento del CNDCEC evidenzia che, qualora l azienda sia multi-divisionale e operi quindi in settori economici eterogenei, può essere utile calcolare il ROI e il ROS con riferimento a ciascun settore, anche al fine di guidare il management nelle valutazioni strategiche del caso. 36 Conclusioni Le novità introdotte con il D.Lgs. n. 32/2007, che ha recepito la direttiva contabile n. 2003/51/CE, ha modificato in maniera significativa il disposto dell art del Codice civile, inerente alla relazione sulla gestione: quest ultima, in un ottica di sempre crescente necessità di trasparenza, deve essere utilizzata dagli amministratori per svolgere un analisi «fedele, equilibrata ed esauriente» della situazione societaria e dell andamento della gestione. A tale scopo, la normativa civilistica dispone l utilizzo di indicatori finanziari (rectius: desumibili dalla contabilità dell azienda) con lo scopo di verificare l equilibrio economico, finanziario e patrimoniale della società, tanto in un ottica puntuale quanto in un ottica prospettica. Nel presente articolo si è cercato di schematizzare quali possono essere gli strumenti e le informazioni idonee a soddisfare il precetto, in continuità con le indicazioni fornite dalle best practices contenute nel citato documento del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili sulle novità intervenute in materia di relazione sulla gestione. Tutti gli indicatori analizzati, elencati in maniera naturalmente non esaustiva, sono rica- (21) Proprio per tale ragione, nel calcolare il ROI al numeratore viene inserito l Ebit, e non l utile netto, al fine di non escludere dal conteggio gli oneri finanziari; parimenti, al denominatore si utilizza il totale dell attivo e non il patrimonio netto, in modo da considerare la totalità delle risorse disponibili della società. (22) Return on equity. (23) Per approfondimenti, sia consentito il rimando a S. Salvadeo - G. Tedeschi, «Le operazioni straordinarie e la gestione dei processi di acquisizione», Milano, Ipsoa, 2010, cap. 3, laddove viene evidenziata l importanza del ROE per l effetto leva che esso può generare: infatti, quando i tassi di interesse bancari sono inferiori rispetto alla remunerazione del capitale proprio (per esempio 4% contro un ROE del 6%), per la società è più conveniente indebitarsi attraverso il canale creditizio e investire le nuove risorse nella propria attività caratteristica. Tuttavia, «tale principio non è generalizzabile né attuabile a tempo indeterminato, in quanto all aumentare dei debiti - e quindi all aumentare dei rischi - è verosimile che i creditori accresceranno il saggio d interesse richiesto. In questo modo lo spread tra interessi passivi e ROE si può restringere fino anche ad annullarsi». (24) Return on sales. (25) S. Salvadeo - G.Tedeschi, op. cit.. 7/2010

7 vati direttamente dalle poste del conto economico e dello stato patrimoniale civilistici, opportunamente riclassificati nella relazione sulla gestione per il conseguimento degli scopi dell analisi. Essi, in valore assoluto sono ottenuti attraverso la somma o la differenza algebrica di vari elementi patrimoniali e reddituali, allo scopo di analizzare l andamento della società nel tempo (tendenza). Tali indicatori, tuttavia, possono essere espressi anche in percentuale o tramite quoziente, risultando talvolta più significativi poiché in grado di comparare l andamento della società con quello di altre società e/o del mercato. Il valore in percentuale, infatti, garantisce la confrontabilità del dato anche al variare delle dimensioni. Peraltro, affinché gli indicatori finanziari possano assolvere al loro ruolo previsto dall art del Codice civile, la prassi consiglia di indicare nella relazione sulla gestione (i) i criteri impiegati per la riclassificazione dei prospetti, (ii) le modalità di calcolo dei quozienti e (iii) il significato degli indici (26). Per approfondimenti vedi anche: Dal bilancio d esercizio al reddito d impresa Gli indici di bilancio nella relazione sulla gestione Relazione sulla gestione. Di altri autori vedi anche G. Greco «Gli indicatori di performance nella relazione sulla gestione» in Amministrazione e Finanza n. 5/2010, pag. 73. Nota: (26) Cfr. documento IRDCEC n. 1/2008, pag. 16, laddove afferma che una simile precisazione si rende necessaria poiché «in funzione del criterio classificatorio adottato per gli schemi di bilancio, muta il percorso logico di costruzione dell indice, come pure la sua interpretazione: basti pensare che lo stato patrimoniale può essere riespresso secondo logica finanziaria, oppure operativa, e, per ognuna, è invalso nella prassi riscontrare delle varianti inerenti alla collocazione di certe poste». 7/

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE INDICATORI FINANZIARI DI RISULTATO Dott. Fabio CIGNA Gli indicatori di risultato finanziari: Stato Patrimoniale e Conto Economico riclassificati Analisi degli indicatori

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

1. Analisi di Bilancio

1. Analisi di Bilancio ANALISI DI BILANCIO 1. Analisi di Bilancio 1.1. La riclassificazione dei prospetti di bilancio: lo Stato Patrimoniale I dati di Stato Patrimoniale sono stati riclassificati con l obiettivo di sottoporli

Dettagli

A cosa serve l l analisi analisi di di bilancio bilancio?

A cosa serve l l analisi analisi di di bilancio bilancio? A cosa serve l analisi di bilancio? Potenzialità informative Patrimoniale Percezione della rigidità/elasticità degli impieghi Percezione del grado di indebitamento Grado di finanziamento immobilizzazioni

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI

ANALISI DI BILANCIO SITUAZIONE SITUAZIONE FINANZIARIA E PATRIMONIALE FINANZIARIA ELASTICITA DEGLI INVESTIMENTI MARGINI ANALISI DI BILANCIO INDICI FINANZIARI INDICI DI ROTAZIONE E DURATA SITUAZIONE ECONOMICA SITUAZIONE ANALISI DINAMICA SITUAZIONE E R.O.E. INDEBITAMENTO FINANZIARIO INDICI DI REDDITIVITA SOLIDITA MARGINI

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014

Relazione sulla gestione Bilancio ordinario al 31/12/2014 COLFERT S.P.A. Sede legale: VIA DEI MILLE N. 32 - FRESCADA PREGANZIOL (TV) Iscritta al Registro Imprese di TREVISO C.F. e numero iscrizione: 00401460266 Iscritta al R.E.A. di TREVISO n. 120644 Capitale

Dettagli

Riclassificazione di bilancio

Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio Riclassificazione di bilancio a. Cos è b. Finalità c. Criteri 2 1 a. Cos è Operazione di predisposizione dei dati di bilancio per l analisi economico-finanziaria e patrimoniale

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO (ADB) www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it

ANALISI DI BILANCIO (ADB) www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it ANALISI DI BILANCIO (ADB) www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it Analisi di Bilancio Per Analisi di Bilancio (ADB) si intende un processo logico che parte dai dati di un bilancio certo preciso ed attendibile:

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE TERZA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

La valutazione del rischio d impresa mediante l analisi di bilancio

La valutazione del rischio d impresa mediante l analisi di bilancio La valutazione del rischio d impresa mediante l analisi di bilancio di Silvia Tommaso (*) Si propone una simulazione di analisi quantitativa attraverso l esame dei prospetti di stato patrimoniale e conto

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

ID: 88072321 15/04/2013

ID: 88072321 15/04/2013 SEDE IN SEDEGLIANO (UD), S.S. 463 Z.I. PANNELLIA CAPITALE SOCIALE EURO 2.000.000,00 INTERAMENTE VERSATO CODICE FISCALE N. 02001710306 ISCRITTA AL REGISTRO DELLE IMPRESE DI UDINE AL N. 02001710306 ISCRITTA

Dettagli

Dott. Fabio Cigna. www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it

Dott. Fabio Cigna. www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it ANALISI DI BILANCIO (ADB) Dott. Fabio Cigna www.adb.opendotcom.it adb@opendotcom.it : finalità e metodologie Riclassificazioni Riclassificazione di Stato Patrimoniale Funzionale Riclassificazione di Stato

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 Gestione Multiservice Società consortile a responsabilità limitata Sede in Via Gallarate 58-20151 Milano (MI) Capitale sociale Euro 412.900,00 i.v. Codice fiscale e Reg. Imp. 08362130158 Rea 1220124 Relazione

Dettagli

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico.

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico. Introduzione L aspetto finanziario della gestione aziendale riveste un ruolo strategico nella conduzione della moderna impresa ed è argomento di rilevante interesse anche dal punto di vista scolastico.

Dettagli

La valutazione di affidabilità creditizia: l analisi quantitativa

La valutazione di affidabilità creditizia: l analisi quantitativa La valutazione di affidabilità creditizia: l analisi quantitativa Corso di finanziamenti di impresa a.a. 2014-2015 Dott.ssa Diletta Tancini diletta.tancini@yahoo.it Agenda Dall ultima lezione L analisi

Dettagli

L analisi di bilancio. Gli indici

L analisi di bilancio. Gli indici L analisi di bilancio Gli indici L analisi nel tempo e nello spazio L analisi di bilancio mediante indici deve sempre basarsi su confronti critici: Nel tempo: occorre osservare una serie storica di indici

Dettagli

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) Mc Graw-Hill 2001, cap. 5 1 GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze

Dettagli

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 l) Le riserve di capitale: a) costituiscono autofinanziamento per l impresa b) derivano da sottovalutazione di elementi dell attivo c) costituiscono una

Dettagli

SEA spa. sede in Trento, Via G. Unterveger, 52. Capitale Sociale 1.000.000 i.v. N. REA 127744

SEA spa. sede in Trento, Via G. Unterveger, 52. Capitale Sociale 1.000.000 i.v. N. REA 127744 sede in Trento, Via G. Unterveger, 52 Capitale Sociale 1.000.000 i.v. N. REA 127744 Codice Fiscale e Partita Iva 01268980222 Società per azioni a socio unico soggetta all attività di direzione e coordinamento

Dettagli

8 maggio 2010 Dott. Giovanni Ghelfi Università C. Cattaneo Castellanza

8 maggio 2010 Dott. Giovanni Ghelfi Università C. Cattaneo Castellanza MASTER UNIVERSITARIO IN CFO - DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO DI GESTIONE Riclassificazioni, analisi di bilancio e rendiconto finanziario 7 maggio 2010 Dott.ssa Chiara Mancini Università

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Relazione sulla gestione Bilancio abbreviato al 31/12/2013

Relazione sulla gestione Bilancio abbreviato al 31/12/2013 AGENZIA DI SVILUPPO AR.ME.NA. S.P.A. Sede legale: PIAZZA MATTEOTTI N.1 NAPOLI (NA) Iscritta al Registro Imprese di NAPOLI C.F. e numero iscrizione: 05784341215 Iscritta al R.E.A. di NAPOLI n. 775540 Capitale

Dettagli

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS Approfondimenti Bilancio Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS di Paolo Moretti Le differenze presenti tra i principi contabili internazionali IAS/IFRS e la prassi contabile nazionale

Dettagli

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE

CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE ATTIVITA : RAGGRUPPARE GLI ELEMENTI ATTIVI DEL CAPITALE IN RELAZIONE ALLA LORO ATTITUDINE A PROCURARE MEZZI DI PAGAMENTO, ATTRAVERSO LA

Dettagli

Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento

Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento Università degli Studi di Torino Facoltà di Economia Il Business Plan: il controllo e l aggiornamento Dott.ssa ANGELA SCILLA Il Business Plan FUNZIONI: Serve per formalizzare le idee di gestione dell impresa

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO

INDICE SOMMARIO. Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. XVII Parte prima L ANALISI DEL BILANCIO SECONDO IL MODELLO EUROPEO SEZIONE PRIMA LE ANALISI DI BILANCIO PER INDICI 1. GLI OBIETTIVI DELLE ANALISI PER INDICI 1.1. L

Dettagli

L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese turistiche

L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese turistiche L analisi delle performance economiche e finanziarie delle imprese turistiche da Marketing e performance delle imprese turistiche (Pencarelli, 2001) Annalisa Sentuti -1- Indice 1. Aspetti generali 2. La

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali

UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali UNIVERSITA degli STUDI di PAVIA Facoltà di Economia CORSO DI ANALISI DI BILANCIO PARTE SECONDA (SALVO ERRATA CORRIGE) Docente Letizia Ubbiali Professore a contratto Dottore di ricerca in Economia Aziendale

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La valutazione della fattibilità economico-finanziaria del progetto

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici

ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici ANALISI DI BILANCIO Riclassificati e indici 1 Sommario Introduzione Introduzione La Riclassificazione del Conto Economico La Riclassificazione dello Stato Patrimoniale L Analisi di Bilancio tramite Quozienti

Dettagli

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 IL COMPARTO INDUSTRIALE E COMMERCIALE: Pagina 1. LA COMPOSIZIONE

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI

Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Criteri generali di valutazione della capacità di credito GUIDA PRATICA PER LE PMI Caro lettore, PattiChiari è il Consorzio attraverso il quale l industria bancaria lavora per semplificare l uso dei prodotti

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale

Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale Valutazione dell'azienda Alfa Spa Report Analisi di Bilancio con Rating Balisea 3 e merito di credito Fondo di Garanzia Mediocredito Centrale Sintesi di Stato Patrimoniale Attivo 31.12.2011 31.12.2012

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2013 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

Le analisi di bilancio

Le analisi di bilancio Le analisi di bilancio Salvatore Loprevite Dott. Salvatore Loprevite 1 Sommario 1) I principi generali di riclassificazione del Conto Economico: le aree della gestione aziendale e le configurazioni parziali

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO. Riclassificazione e indici di bilancio 1

ANALISI DI BILANCIO. Riclassificazione e indici di bilancio 1 ANALISI DI BILANCIO Consiste nell analisi dei risultati aziendali mediante indici costruiti sulle informazioni contenute nel bilancio. Include indici di struttura finanziaria e indici di redditività. Riclassificazione

Dettagli

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30%

Aspetto economico. operativa operativa. Indice di redditività globale Reddito Netto Patrimonio Netto. Grado ind.to ROI TIGEC 2 10% 30% Aspetto finanziario Aspetto economico Grado Grado di di indebitamento indebitamento Cap. Cap. Investito Investito Patr. Patr.. Netto Netto Indice Indice di di redditività redditività operativa operativa

Dettagli

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Impianti e Macchinari 3.043 Attrezzature industriali 1.500 Automezzi 2.900 Fabbricati Industriali Mobili e Arredi 12.900 2.000 22.343

Dettagli

IDEE TECNICHE MANAGEMENT. Analisi di Bilancio Basic

IDEE TECNICHE MANAGEMENT. Analisi di Bilancio Basic IDEE TECNICHE MANAGEMENT Analisi di Bilancio Basic ANALISI DI BILANCIO Cosa è il bilancio d esercizio? Il bilancio d esercizio è il documento con cui si rappresenta la situazione economica (ricavi e costi),

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

La gestione finanziaria dell impresa

La gestione finanziaria dell impresa La gestione finanziaria dell impresa di Emanuele Perucci Traccia di economia aziendale Il candidato, dopo aver illustrato il problema della scelta delle fonti di finanziamento in relazione al fabbisogno

Dettagli

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A.

ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. ESAMI DI MATURITA 2011 SVOLGIMENTO SECONDA PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE PER ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.G.E.A. A cura di A.N.I.N.S.E.I. www.aninsei.it Soluzione a cura dei proff. Biscontin Franco e Carnio

Dettagli

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Sistema di rilevazione: economicità, bilancio, indici di bilancio Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Agenda delle prossime lezioni Equilibrio

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015 MITTEL S.p.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz n. 7 Capitale Sociale 87.907.017 i.v. Iscritta al Registro Imprese di Milano al n. 00742640154 www.mittel.it *** *** *** *** *** *** *** *** *** COMUNICATO

Dettagli

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA DATI CONOSCITIVI RILEVATI FONTE INFORMATIVA VALORI CONSIDERATI ( valutati con prudenza) forma giuridica S.r.L. macchinari ( linea completa di produzione ) 6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA -http://italian.alibaba.com

Dettagli

ANALISI PER INDICI. PREREQUISITO: ciò che è già stato trattato nei vari corsi di ragioneria

ANALISI PER INDICI. PREREQUISITO: ciò che è già stato trattato nei vari corsi di ragioneria ANALISI PER INDICI PREREQUISITO: ciò che è già stato trattato nei vari corsi di ragioneria ANALISI PER INDICI TRASFORMA I NUMERI ASSOLUTI DELL ANALISI PER MARGINI IN NUMERI RELATIVI RATIO = RAPPORTI MOLTO

Dettagli

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf

bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, portafoglio sbf Temi in preparazione alla maturità Analisi di bilancio, bilancio sintetico a stati comparati, Rendiconto finanziario, decisioni aziendali, portafoglio sbf di Rossana MANELLI ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIA:

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L analisi dei flussi Profili generali 1 Le ragioni per uno studio dei flussi (1) Le riclassificazioni di dati economici e patrimoniali e lo

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

LA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA QUALE INDICATORE ALTERNATIVO DI PERFORMANCE

LA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA QUALE INDICATORE ALTERNATIVO DI PERFORMANCE LA POSIZIONE FINANZIARIA NETTA QUALE INDICATORE ALTERNATIVO DI PERFORMANCE Documento del 15 settembre 2015 Sommario: 1. Premessa. 2. Le condizioni di equilibrio aziendale. 3. La posizione finanziaria netta

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

Le politiche di bilancio alla luce della crisi economico-finanziaria

Le politiche di bilancio alla luce della crisi economico-finanziaria Le politiche di bilancio alla luce della crisi economico-finanziaria Valter Cantino Università degli Studi di Torino Dottore Commercialista La comunicazione delle politiche di bilancio 1. Analisi retrospettiva

Dettagli

Analisi economico-finanziaria delle PMI

Analisi economico-finanziaria delle PMI Università degli Studi "Magna Græcia" di Catanzaro Analisi economico-finanziaria delle PMI Simona Catuogno GIORNI DI LEZIONE Marzo 1,2 8,9 15,16 22,23 29, 30 Aprile 12,13 ==== ==== ==== ==== ORARIO DELLE

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO.

IL RENDICONTO FINANZIARIO. IL RENDICONTO FINANZIARIO. Lezione 3 Castellanza, 3 Ottobre 2007 2 Il Rendiconto Finanziario Il Rendiconto Finanziario costituisce per l analisi della dinamica finanziaria ciò che il conto economico rappresenta

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO. RELAZIONE del CONSIGLIO di AMMINISTRAZIONE. Sulla gestione dell esercizio al 31 dicembre 2014

BILANCIO CONSOLIDATO. RELAZIONE del CONSIGLIO di AMMINISTRAZIONE. Sulla gestione dell esercizio al 31 dicembre 2014 MEP S.p.A. Sede in MILANO (MI), Piazza Del Liberty, 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Relazione sulla gestione

Relazione sulla gestione ARCICONFRATERNITA DELLA MISERICORDIA DI PRATO Sede legale: VIA GALCIANESE N.17/2 PRATO (PO) Iscritta al Registro Imprese di PRATO C.F. e numero iscrizione: 00441650488 Iscritta al R.E.A. di PRATO n. 464841

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

BULICATA S.r.l. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014

BULICATA S.r.l. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014 BULICATA S.r.l. Sede Via Garigliano, n. 1 50053 EMPOLI Capitale sociale Euro 40.000,00 interamente versato Codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Firenze 06290810487 Iscritta

Dettagli

TAVOLA DEI PRINCIPALI INDICI DI BILANCIO

TAVOLA DEI PRINCIPALI INDICI DI BILANCIO SOMMARIO ANALISI STRUTTURALE ANALISI PER INDICI TAVOLA DEI PRINCIPALI INDICI DI BILANCIO Disposizioni varie Negli ultimi anni un numero sempre maggiore di operatori, interni e esterni all'azienda, ha rivolto

Dettagli

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti:

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti: ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE: RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING (RIM) SECONDA PROVA SCRITTA ESAME DI STATO La Contabilità gestionale

Dettagli

L analisi di bilancio per la redazione del business plan

L analisi di bilancio per la redazione del business plan Imprendiittorii dell tterzo miillllenniio,, compettenze,, sffiide,, opporttuniittà! (l iniziativa si svolge nell ambito di Start Cup Piemonte Valle d Aosta) D.A. Staff Cultura d Impresa e del lavoro Responsabile:

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

GUIDA PRATICA. Criteri generali di valutazione della capacità di credito delle PMI

GUIDA PRATICA. Criteri generali di valutazione della capacità di credito delle PMI GUIDA PRATICA Criteri generali di valutazione della capacità di credito delle PMI Indice CARO CLIENTE...3 1. L IMPRESA E IL SUO BUSINESS...6 Gli elementi descrittivi dell impresa...6 L impresa e il suo

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan APPENDICE E GLOSSARIO

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan APPENDICE E GLOSSARIO GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan APPENDICE E GLOSSARIO INDICE GENERALE Appendice A. L iniziativa Made in Lombardy B. I requisiti di coerenza e attendibilità del Business Plan C. Gli strumenti utilizzabili

Dettagli

Soluzioni operative: novità nella relazione sulla gestione al bilancio consolidato

Soluzioni operative: novità nella relazione sulla gestione al bilancio consolidato acuradella Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti di Milano coordinamento di Enrico Holzmiller Soluzioni operative: novità nella relazione sulla gestione al bilancio consolidato

Dettagli

IGD SIIQ SPA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015.

IGD SIIQ SPA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015. COMUNICATO STAMPA IGD SIIQ SPA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015. Principali risultati dei primi novi mesi del 2015: Utile Netto del Gruppo:

Dettagli

Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI

Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI Cruscotto LO STRUMENTO SEMPLICE E IMMEDIATO PER PRENDERE LE DECISIONI MIGLIORI Sommario Introduzione 2 Le Caratteristiche 3 Il Funzionamento 4 Budget Economico 5 Flussi di Cassa 6 Budget Commerciale 7

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione Principio contabile internazionale n. 30 (rivisto nella sostanza nei 1994) Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Il presente Principio contabile internazionale così

Dettagli

Riclassificazione del bilancio d esercizio

Riclassificazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 9 Riclassificazione del bilancio d esercizio Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica,

Dettagli