Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese"

Transcript

1 Guida alla compilazione dello strumento : Analisi dei fabbisogni finanziari nelle attivita di lavoro autonomo e nelle micro imprese Materiali redatti da Stefano Favallesi e Pietro Ramirez

2 INDICE FUNZIONALITA DELLO STRUMENTO ANALISI DEI PAGINA III FABBISOGNI FINANZIARI FOGLIO DI LAVORO GESTIONE PATRIMONIALE PAGINA VII FOGLIO DI LAVORO GESTIONE ECONOMICA PAGINA X FOGLIO DI LAVORO: GESTIONE FINANZIARIA PAGINA XIV FOGLIO DI LAVORO: RIEPILOGO PAGINA XV II

3 FUNZIONALITA DELLO STRUMENTO ANALISI DEI FABBISOGNI FINANZIARI L analisi dei fabbisogni finanziari è uno strumento di formazione continua o di autoformazione: attraverso il continuo ripetersi del ciclo programmare/eseguire/controllare si attua una funzione di auto apprendimento imprenditoriale basilare: infatti è nella fase del controllo che si attivano processi di accumulo di esperienza, tanto maggiori quanto più si individuano, attraverso un analisi approfondita, le cause di determinati risultati, più o meno in linea con gli obiettivi prefissati. Sono strumenti utili a programmare e controllare l attività lavorativa, professionale ed imprenditoriale. Lo strumento è costituito da una cartella di lavoro in formato excel contenente i seguenti fogli di lavoro : Gestione patrimoniale Gestione economica Gestione finanziaria Riepilogo La finalità dello strumento è quella di predisporre un preventivo finanziario partendo dalla previsione di investimenti, costi fissi o indiretti, ricavi di vendita e relativi costi di materiali e forniture di servizi in una attività di microimpresa o di lavoro autonomo con o senza partita iva. Inoltre lo strumento si presta ad un utilizzo molteplice: per determinare le necessità finanziarie di un avvio di attività o di una attività esistente. L uso di questo strumento non può prescindere dalla previsione economica (budget) degli investimenti, dei costi diretti e indiretti (fissi) e del fatturato (ricavi di vendita) dell attività, sviluppato sull arco temporale di un anno. Questo significa che è opportuno utilizzare l Analisi dei fabbisogni finanziari solo dopo aver completato un budget degli investimenti ed un budget economico (costi e ricavi). III

4 L aspetto finanziario è infatti una conseguenza logica di un preventivo economico e di investimenti: il percorso che lo strumento propone è, in parole semplici, il seguente: 1. prevedere gli investimenti necessari per svolgere l attività, 2. prevedere i costi fissi o indiretti necessari per svolgere l attività, 3. prevedere i costi diretti necessari per la realizzazione dei prodotti/servizi cui l attività è o sarà dedicata, 4. prevedere la quantità di prodotti/servizi che si ritiene sarà ragionevole realizzare e vendere in un anno solare (budget dei ricavi). Per svolgere questo percorso è possibile utilizzare, se non si possiedono altri strumenti o metodi di determinazione uno dei seguenti strumenti: o BEP Calcola il tuo punto di parreggio o Prezzi e tariffe o percorso per la determinazione dei prezzi ottimali di vendita per microimprese o attività di lavoro autonomo o Budget ricavi Solo dopo aver sviluppato questa percorso sarà possibile utilizzare lo strumento Analisi dei fabbisogni finanziari in modo utile e proficuo. L obiettivo principale o utilità di questo strumento può essere sintetizzata nella determinazione delle risorse finanziarie necessarie per il primo anno di attività o per un qualunque anno di attività di una microimpresa esistente Lo strumento è strutturato su base mensile, nel senso che consente di prevedere, per ogni voce del preventivo economico (investimenti, costi diretti e indiretti, ricavi) il mese in cui si verificherà la relativa uscita (investimenti e costi diretti e indiretti) o entrata (ricavi) di denaro; fatta questa previsione sarà possibile determinare le eventuali necessità di finanziamenti bancari da richiedere. Gli utenti a cui è rivolto il prodotto formativo. 1. Rispetto allo status giuridico : titolari di micro imprese e ditte individuali IV

5 micro imprese gestite in forma societaria (società in nome collettivo o in accomandita semplice, piccole cooperative) lavoratrici/tori autonome/i prestatrici/tori d opera (con diversi status giuridico - fiscali: prestazioni occasionali e collaborazioni coordinate e continuative, contratti a progetto, etc) caratterizzati dalla necessità di sostenere investimenti, costi fissi, attività lavorativa indiretta (commerciale, amministrazione, etc) e la cui attività è rivolta ad un mercato di riferimento (quindi attività che hanno o che intendono avere una molteplicità di clienti). Non sono da considerarsi utenti di questo prodotto formativo il lavoro autonomo o indipendente, a prescindere dalla forma giuridica, caratterizzato dallo svolgimento di una attività di lavoro con un solo o pochi clienti, che non devono sostenere investimenti e costi in proprio in quanto utilizzano per lavoro le strutture e i servizi dei loro clienti (cioè che lavorano in outsourcing). 2. Rispetto alla natura dell attività : che vendono servizi che vendono prodotti che svolgono attività su commessa 3. Rispetto al ciclo di vita dell attività professionale ed imprenditoriale: Con attività da avviare (start up) con attività esistente ( quindi sia in fase di lancio che in fase di consolidamento) Si consiglia di iniziare l utilizzo dello strumento compilando i fogli di lavoro nella successione cronologica di seguito indicata: o compilazione del foglio Gestione patrimoniale o compilazione del foglio Gestione economica V

6 o compilazione del foglio Gestione finanziaria o analisi dei risultati nel foglio Riepilogo o eventuali aggiustamenti e/o modifiche nei fogli precedenti. VI

7 Foglio di lavoro: Gestione patrimoniale : foglio di lavoro in cui prevedere le uscite finanziarie relative all acquisto degli investimenti necessari per svolgere l attività. Inserire nelle celle C-D 1 il nome del titolare dell attività o il nome dell eventuale società. Inserire nella cella M-N 1 l anno solare cui si riferisce la compilazione (ad esempio se a ottobre 2004 si utilizza lo strumento per determinare i flussi finanziari del 2005, nella cella M-N 1 va inserito l anno 2005). Nei fogli successivi dello strumento le informazioni relative al nome dell attività e all anno cui si riferiscono i dati verranno automaticamente riportate. Nelle celle da B4 a B 23 inserire la descrizione dei singoli investimenti per cui si prevede l acquisto nell arco dei dodici mesi dell anno A questo punto per ogni investimento inserito in colonna B occorre indicare nelle colonne da C ad N corrispondenti ai mesi dell anno, la cifra che si prevede di spendere in corrispondenza del mese in cui si prevede di effettuare la spesa. Per completare al meglio questa parte occorre fare attenzione ad alcuni aspetti: o Se nel preventivo degli investimenti da effettuare sono stati previsti investimenti figurativi (cioè investimenti relativi a beni materiali o meno che sono già disponibili nella sfera privata, personale familiare amicale, e che si prevede di utilizzare nell impresa o nell attività economica) non è opportuno prevedere uscite finanziarie per questi investimenti in quanto per loro natura sono già disponibili ed utilizzabili senza procedere ad alcun acquisto e quindi senza necessità di sostenere alcuna uscita finanziaria: o Nella redazione del preventivo degli investimenti da effettuare la cifra di ogni investimento può essere stata prevista comprensiva di iva o meno, a seconda che l attività venga svolta da un soggetto iva o meno. Vale la pena di ricordare che sono soggetti iva tutte le attività di impresa e di lavoro autonomo che necessitano dell apertura di partita iva, mentre non sono soggetti iva tutte le altre attività lavorative individuali che si presentano sotto forma di contratti a progetto o di collaborazioni coordinate e continuative, o contratti cosiddetti atipici similari. Ovviamente solo i VII

8 soggetti iva possono beneficiare della detrazione dell iva sostenuta nei loro acquisti: questo fatto determina che nel caso di soggetti iva nel preventivo economico vengono indicate le cifre al netto dell iva, mentre nel caso di soggetti non iva la cifra da indicare nel preventivo economico dovrà essere comprensiva di iva.nel caso quindi siate un soggetto iva, occorrerà aumentare la cifra dell investimento della percentuale di iva, mentre se non si è soggetto iva sicuramente dovete aver inserito nel preventivo economico la cifra al lordo dell inva, e pertanto potete riportare la stessa cifra nel preventivo finanziario. Un esempio chiarirà meglio il concetto. Supponiamo che due attività economiche individuali per le quali è stato redatto un preventivo economico e quindi anche un preventivo di investimenti da sostenere per avviare le attvità, siano una attività di lavoro autonomo con partita iva (soggetto iva) e una attività di collaborazione a progetto senza partita iva; supponiamo ancora che entrambe le attività abbiano previsto, tra gli altri, di effettuare un investimento di 1.000,00 euro per l acquisto di un computer. Nel caso del soggetto iva (lavoratore autonomo con partita iva), nell elenco degli investimenti da effettuare l acquisto del computer sarà esposto per euro 1.000,00 (in quanto l iva è detraibile e quindi recuperabile) e pertanto nel foglio gestione patrimoniale dell Analisi dei fabbisogni finanziari occorrerà indicare tra le uscite alla voce acquisto computer la cifra di euro 1.200,00, derivante dall applicazione alla cifra di euro 1.000,00 del 20% a titolo di iva, pari a euro 200,00, per un totale di uscita finanziaria di euro 1.200,00. Nel caso invece della attività di collaborazione a progetto senza partita iva, già nella lista degli investimenti da effettuare sarà stata prevista una uscita di euro 1.200,00 in quanto in questo caso l iva non è detraibile, e di conseguenza occorrerà inserire tra le uscite alla voce acquisto computer solo la cifra di euro 1.200,00 senza effettuare nessuna aggiunta. o In molti casi gli investimenti previsti e da effettuare in un anno, non sempre sono da acquistarsi subito tutti insieme: in alcuni casi esistono investimenti necessari da subito e altri che possono essere acquistati in un momento successivo. Si consiglia pertanto di fare una previsione circa il mese di acquisto (e di conseguenza, del mese di pagamento) per ogni investimento, tenendo presente questo aspetto, in modo da diluire la spesa complessiva per gli investimenti nell arco di alcuni mesi. In sostanza, nei casi in cui ciò è VIII

9 possibile, è meglio prevedere le uscite relative agli investimenti dilazionate in un certo numero di mesi e non concentrate nei primi mesi dell anno. Una volta completato il prospetto delle uscite per investimenti, nella riga 24 in corrispondenza dei singoli mesi dell anno, verrà visualizzata la cifra complessiva che si prevede di spendere in ciascun mese per l acquisto degli investimenti. Nel foglio gestione patrimoniale alla riga 27 è poi possibile inserire le eventuali entrate derivanti dalla vendita di investimenti già esistenti. Naturalmente questo aspetto può riguardare imprese o attività già in essere, mentre è estremamente più raro nei casi di avvio di una attività. Infatti nel caso di attività già esistenti, la necessità di acquistare nuovi investimenti può comportare anche la sostituzione di vecchi investimenti non più utilizzabili (ad esempio il computer che è oramai troppo vecchio e quindi va sostituito). Nel caso vi troviate in questa situazione potete utilizzare la riga n. 27 per inserire la cifra che ritenete sarà possibile realizzare dalla vendita del vecchio investimento come bene usato, in una delle colonne da C a N (corrispondenti ai mesi da gennaio da dicembre) nel mese in cui prevedete avverrà la vendita (sostituzione). IX

10 Foglio di lavoro: Gestione economica : foglio di lavoro in cui prevedere le uscite finanziarie relative ai costi fissi o indiretti, ai costi diretti, e le entrate finanziarie relative alle vendite di prodotti/servizi. Si tratta del foglio relativo all attività quotidiana dell attività, nel senso che in questo foglio è possibile inserire le previsioni di: o Uscite relative ai costi fissi (o costi di struttura, o costi indiretti) dell attività, come ad esempio le uscite relative all affitto della sede, le uscite relative alle utenze, alle consulenze come la tenuta della contabilità, etc. o Uscite relative ai costi diretti, cioè il pagamento dei materiali, delle lavorazioni e dei servizi ricevuti dai fornitori (o dai collaboratori) per la realizzazione dei prodotti/servizi cui è dedita l attività economica o Uscite relative agli eventuali lavoratori dipendenti o Uscite relative ai prelievi del o dei titolari dell attività o Entrate relative all incasso delle vendite di prodotti/servizi effettuate Nelle celle E-J 1 e M-N 1di questo foglio elettronico, compariranno automaticamente il nome dell attività e l anno di riferimento inseriti nel foglio gestione patrimoniale Si consiglia di procedere compilando prima di tutto la parte denominata Pagamenti per spese non caratteristiche, relativa alle righe del foglio elettronico da 19 a 52. Inserire nelle righe da B 19 a B 52 la descrizione dei costi fissi o indiretti previsti nel preventivo economico che avete in precedenza realizzato. A questo punto in corrispondenza di ogni voce di costo inserita, procedere alla previsione (e al conseguente inserimento) delle cifre relative alle uscite finanziaria connesse ai costi indiretti o fissi previsti. Alcuni esempi chiariranno meglio il concetto. Se per esempio avete previsto nei costi fissi un affitto di una sede per ,00 euro l anno con pagamento mensile del canone di affitto, inserite la cifra di 1.000,00 euro nelle colonne da C ad N e nella riga corrispondente al costo dell affitto; oppure se avete previsto nei costi fissi una utenza telefonica fissa per la cifra di 3.000,00 euro l anno, considerando che tali utenze di solito vengono fatturate dal gestore con cadenza bimestrale, inserite la cifra di 250,00 euro un X

11 mese si e un mese no a partire da quello che presumibilmente sarà il primo mese di pagamento. E via così. Nel caso prevediate dei lavoratori dipendenti o in ogni caso dei prestatori d opera anche non dipendenti, ai quali corrispondere un pagamento mensile costante a titolo di stipendio, inserite tale previsione di uscita di finanziaria in questa parte del prospetto utilizzando una delle righe disponibili. Per quanto riguarda i costi (e quindi le uscite) per interessi passivi (sia relativi ad un eventuale mutuo e sia relativi ad un eventuale scoperto di conto corrente o altra forma di finanziamento bancario), il suggerimento operativo in questo caso consiste nel prevedere la tipologia di uscita in questo foglio di lavoro, non inserire cifre, e attendere il risultato finale della compilazione di tutto lo strumento prima di procedere alla quantificazione degli interessi passivi. Nel caso prevediate, per il titolare o i titolari dell attività, utilizzate una delle righe di questo prospetto Pagamenti per spese non caratteristiche in una delle righe disponibili: anche in questo caso conviene fare una duplice previsione: da un lato prevedere le uscite relative ai prelievi minimi che le vostre esigenze finanziare richiederanno; dall altro aspettate di aver compilato lo strumento fino alla fine per verificare se i flussi finanziari dell attività consentono di procedere ad ulteriori prelievi. A questo punto potete passare alla compilazione della parte alta del foglio di lavoro elettronico Gestione economica, compilando i due prospetti denominati Pagamenti per acquisti e Incassi per vendite. Pagamenti per acquisti. In questa sezione del foglio dovete prevedere le uscite finanziarie relative ai cosiddetti costi diretti, cioè ai costi sostenuti direttamente ed esclusivamente per realizzare i servizi o i prodotti cui vi dedicherete. Naturalmente per poter procedere ad una tale previsione occorre prima aver effettuato la relativa previsione economica, redigendo un prospetto (denominato in genere distinta base) in cui avrete determinato, per ogni prodotto e/o servizio che venderete, i seguenti dati: XI

12 o Costo dei materiali necessario per realizzare il prodotto/servizio o Costo delle lavorazioni esterne o del lavoro di collaboratori necessario per realizzare il prodotto/servizio o Costo figurativo relativo alla attività lavorativa del titolare necessario per realizzare il prodotto/servizio. Questo costo non va inserito nel prospetto finanziario in quanto lo considerate già, per quanto riguarda l ambito finanziario, tra le uscite per le spese non caratteristiche (vedi sopra). o Prezzo di vendita del singolo prodotto/servizio o Numero di prodotti/servizi che prevedete di realizzare e vendere in un anno (stima) Senza questa previsione economica non è ovviamente possibile procedere con lo strumento di analisi dei fabbisogni finanziari A questo punto potete procedere ad una stima, prodotto per prodotto, del costo totale (per materiali e per prestazioni di servizi) semplicemente moltiplicando i costi necessari per realizzare un prodotto per il numero di prodotto che avete previsto di vendere. Fatto questo per ogni prodotto/servizio del vostro catalogo, vi resta da stimare quando, cioè in quale mese, sarete chiamati a pagare queste prestazioni: in base a questa previsione inserite le cifre nelle celle da C ad N rispettivamente di riga 4 per quanto riguarda i materiali, e di riga 5 per quanto riguarda i servizi o i collaboratori. Al termine di questa fase di lavoro troverete esposte, nelle celle da C 6 ad N 6, il totale delle uscite mensili relative al pagamento dei materiali e delle prestazioni di servizi (collaboratori compresi) derivanti dall attività di produzione e vendita che avete previsto nel preventivo economico: in altre parole il flusso finanziario negativo correlato alla produzione e alla vendita. Sempre sulla base delle informazioni del preventivo economico realizzato, ossia delle distinte base sopra viste, per ogni prodotto moltiplicate le quantità previste per la produzione e la vendita per il prezzo unitario di vendita (ricavo) e otterrete il totale dei ricavi derivanti da ogni singolo prodotto. Procedere a questo punto alla stima di quanto presumibilmente sarà possibile incassare in ogni singolo mese per la vendita di ogni prodotto, inserendo i dati nelle righe da 9 a 14, dopo aver inserito XII

13 la descrizione di ogni prodotto/servizio nelle celle da B9 a B14. Al termine di questa fase troverete esposte nelle celle da C 9 a N 9, il totale mensile delle entrate derivanti dalla vendita dei prodotti/servizi in ogni singolo mese. XIII

14 Foglio di lavoro: Gestione finanziaria : foglio di lavoro in cui inserire le previsioni di entrate ed uscite relative alla sola gestione finanziaria Nelle celle E-J 1 e M-N 1di questo foglio elettronico, compariranno automaticamente il nome dell attività e l anno di riferimento inseriti nel foglio gestione patrimoniale Le descrizioni pre-inserite nella colonna B vi forniscono alcuni esempi del tipo di entrate ed uscite che dovete inserire in questo foglio di lavoro. Di seguito vengono illustrate le più frequenti di tali spese. o Se prevedete di fornire la vostra futura attività di un capitale proprio in dotazione (capitale sociale per le società e fondo iniziale di dotazione per le attività individuali) inserite tale cifra (in una o più soluzioni) nel mese o nei mesi in cui ritenete di effettuare il versamento, alla riga 16 o Se ritenete di poter aggiudicarvi un contributo, in conto capitale o in conto interessi, per esempio da un ente pubblico, cercate di informarvi circa il mese in cui probabilmente verrà erogato questo contributo e inserite la cifra nella colonna corrispondente al mese alla riga 17 o Se intendente chiedere un mutuo per finanziare l attività, cercate di prevedere in quale mese la banca erogherà il mutuo e inserite la cifra nella cella corrispondente al mese alla riga 15 o Analogamente, riguardo al muto di cui al punto precedente, fatevi fare dalla banca un preventivo del piano di rimborso, e inserite la cifra relativa alle corrispondenti uscite nella o nelle celle corrispondenti alla riga 6 Potete ovviamente cambiare le descrizioni pre-inserite nella colonna B e quindi utilizzare le righe disponibili per altre eventuali uscite diverse dalle precedenti. Al termine della compilazione di questo foglio di lavoro nelle celle delle righe 8 e 19 verrà automaticamente esposto il totale delle uscite mensili (riga 8) e il totale delle entrate mensili (riga 19) relative alla gestione finanziaria. XIV

15 Foglio di lavoro: Riepilogo : foglio di lavoro che evidenzia i risultati della pianificazione dei flussi finanziari fin qui svolta e che determina il fabbisogno finanziario dell attività. In questo foglio non occorre inserire nessun dato: infatti si tratta del foglio di sintesi in cui vengono evidenziati e organizzati le risultanze dei dati che avete inserito precedentemente nei fogli Gestione patrimoniale, Gestione economica e Gestione finanziaria. Nelle celle E-J 1 e M-N 1 vengono evidenziati in automatico il nome della attività e l anno di riferimento. Nelle righe 4,5,6 e 7 vengono evidenziati i dati di sintesi, mese per mese nelle colonne da C ad N, del totale delle uscite relative alle seguenti categorie di spese: o per investimenti; o per spese non caratteristiche (costi fissi o indiretti) o per acquisti, di materiali e servizi per realizzare i prodotti/servizi o per pagamento debiti, principalmente le eventuali rate di restituzione di mutui; la cui somma viene evidenziata, mese per mese, nella riga 8. Analogamente le entrate vengono riepilogate ed evidenziate, mese per mese nelle colonne da C ad N, nelle righe 12, 13 e 14, suddivise nelle categorie: o entrate per incasso crediti, principalmente rappresentate dall eventuale versamento di un capitale sociale o fondo di dotazione iniziale da parte del titolare e, dall eventuale erogazione di mutui o contributi pubblici; o entrate eventuali derivanti dalla vendita di investimenti vecchi; o entrate derivanti dalla vendita dei prodotti e servizi la cui somma viene evidenziata, mese per mese, nella riga 15 Dopo questi due riepiloghi di entrate ed uscite, nelle righe 19, 20 e 21 vengono visualizzati i risultati sintetici e maggiormente informativi di tutti i dati che avete fin qui inserito: si tratta dei saldi mensili e progessivi: XV

16 o saldi mensili (riga 20): in ogni colonna, relativa ad un mese, in questa cella viene evidenziato il differenziale tra il totale delle entrate del mese stesso (esposto alla riga 15) e il totale delle uscite dello stesso mese, esposto alla riga 8: quando questo differenziale è positivo significa che la dinamica finanziaria complessiva in quel mese (in previsione) genera più entrate che uscite. Parallelamente se le entrate previste del mese sono inferiori alle uscite nella cella di riga 20 viene esposta la differenza con il segno meno. Questa riga dei saldi mensili è il primo strumento di analisi finanziaria che potete utilizzare. Infatti consente di individuare i mesi nei quali viene creata liquidità (saldo positivo) e i mesi in cui invece sarebbe necessario uno scoperto di conto corrente (o altra forma di finanziamento) per far fronte ai pagamenti previsti per quel mese in quanto le entrate non sono sufficienti. Infatti in questa riga si ottiene il primo risultato dell utilizzo dello strumento, cioè la quantificazione dei fabbisogni finanziari di mese in mese. A questo punto potete cominciare a passare ad una analisi più approfondita dell aspetto finanziario della vostra attività. Innanzi tutto occorre verificare se esistono mesi che evidenziano qualche criticità: si intende cioè mesi in cui le uscite superano le entrate per un ammontare che viene ritenuto non finanziabile tramite la richiesta di un finanziamento bancario (scoperto di conto corrente o altra modalità): occorre pertanto verificare due aspetti: 1. è possibile posticipare una o più uscite finanziarie di quel mese al mese successivo? Per rispondere a questa domanda dovete rivedere i dati delle uscite finanziarie che avete inserito nei fogli di lavoro precedenti e verificare se esistono previsioni di spesa che possano, ragionevolmente, essere posticipate. 2. è possibile anticipare una o più entrate di un mese successivo al mese in questione? Anche in questo caso dovete rivedere le previsioni di entrata che avete fatto nei fogli di lavoro precedenti Analizzate attentamente questo aspetto, evidenziato dalla riga n. 20 del foglio Riepilogo, soprattutto per verificare se sono presenti, viceversa, mesi che presentano un andamento opposto (entrate maggior di uscite) e se, in questo caso, è possibile spostare alcune uscite nel mese che presenta maggiore liquidità. La riga 20 in sostanza vi fornisce il fabbisogno finanziario di ogni singolo mese XVI

17 o saldi progressivi (riga 21): nella colonna C relativa al mese di gennaio il saldo della riga 21 corrisponde a quello della riga 20: infatti essendo il primo mese dell anno la situazione finanziaria a fine mese non potrà che essere quella derivante dalla somma delle entrate di gennaio cui vengono sottratte le uscite dello stesso mese: situazione finanziaria a fine mese positiva se il segno è positivo, viceversa si ha una situazione finanziaria negativa. Nel mese di febbraio invece il saldo esposto alla riga 21 è il saldo di cella D 20 (somma algebrica di entrate ed uscite del mese di febbraio) cui viene aggiunto (o sottratto, a seconda del segno) il risultato finale di gennaio esposto alla riga 21. Facciamo un esempio: se il mese di gennaio chiude con un saldo negativo di 500 euro, mentre nel mese di febbraio le entrate superano le uscite per euro 1.500, nella cella D 21 viene esposta la cifra di 1.000, risultante dalla somma algebrica del saldo finanziario di febbraio (1.500) e del saldo finanziario di gennaio (-500). In ogni mese pertanto la riga n. 21 saldi progressivi illustra l andamento delle situazione finanziaria complessiva aziendale alla fine di ogni mese, definibile come: situazione della liquidità, per quei mesi in cui il saldo finanziario progressivo è positivo, fabbisogno finanziario o necessità di finanziamenti, per quei mesi in cui il saldo finanziario progressivo è negativo. o Dopo aver cercato di spostare entrate ed uscite come descritto in precedenza, se la situazione è ancora critica in alcuni mesi, dovete verificare se non sia possibile modificare il preventivo economico. Infatti se avete già posticipato al massimo le uscite e anticipato al massimo le entrate, non vi resta altra strada che verificare se non fosse possibile rinunciare a qualche investimento o a qualche costo di esercizio: venendo meno l investimento o il costo infatti verrà meno anche la relativa uscita finanziaria. o Un ulteriore aspetto di flessibilità può essere dato dai prelievi del titolare (o della compagine sociale) che avete inserito nel foglio di lavoro Gestione economica tra le uscite per spese non caratteristiche. Per prima cosa bisogna ricordare che i prelievi del titolare non hanno necessariamente una attinenza o una correlazione con il costo figurativo del lavoro del titolare che avete eventualmente previsto nel preventivo (budget) economico. Infatti in tale previsione economica è quantomai opportuno inserire tra i costi, come costo figurativo, una remunerazione (possibilmente al lordo di imposte e contributi XVII

18 previdenziali) al fine di verificare se l attività riesce o meno a remunerare la risorsa lavoro principale dell impresa o dell attività, cioè il suo titolare. Ricordiamo infatti che tale stima di costo figurativo del lavoro imprenditoriale va effettuate determinando il valore di mercato della risorsa umana imprenditore, determinabile con riferimento alle remunerazione di analoghe funzioni (mestieri) a parità di abilità ed esperienza professionale. Ma una siffatta previsione economica nulla ha a che vedere con le necessità finanziare personali. Infatti supponiamo un imprenditore che nel proprio preventivo economico abbia valorizzato il proprio costo figurativo in euro annui (al lordo di imposte e contributi previdenziali), in quanto si tratta dello stipendio lordo che una qualunque azienda del settore sarebbe disposta a corrispondergli nel caso scegliesse di lavorare per la stessa, sulla base delle proprie abilità e professionalità/esperienza (valore di mercato). Nel momento di compilare lo strumento Analisi dei fabbisogni finanziari non necessariamente questo imprenditore dovrebbe inserire un prelievo mensile a titolo di stipendio o prelievo del titolare in modo che a fine anno abbia prelevato i (circa euro mensili). E possibile e corretto inserire prelievi personali anche molto più bassi, paradossalmente fino a zero, nel caso in cui ricorrano le seguenti due condizioni: o La situazione finanziaria personale dell imprenditore è tale da consentirgli di vivere per un certo periodo di tempo senza stipendio o L analisi del fabbisogno finanziario sta evidenziano un fabbisogno (necessità di finanziamenti bancari) cui non si vuole o non si può accedere (le banche non erogherebbero mai quella somma) In questa situazione allora è opportuno che il titolare della futura attività preveda di non prelevare nulla (o cifre poco significative) per un certo numero di mesi, al fine di cercare di ottenere dei saldi progressivi mensili (riga 21) tendenzialmente positivi, e quindi assicurare alla futura attività economica un buon equilibrio finanziario nel corso del suo primo anno di attività. Appare ovvio come la soluzione sopra prospettata è possibile solo in presenza di una condizione irrinunciabile: vale a dire la capacità finanziaria personale di poter rinunciare ad una entrata mensile per un certo periodo di tempo. E altrettanto vero però che in tale condizione essenziale la rinuncia al prelievo fatta dal titolare appare perfettamente in linea con la logica economica XVIII

19 complessiva della creazione e start up di una microimpresa o attività di lavoro autonomo. Infatti il microimprenditore, soddisfatti gli investimenti materiali e immateriali e individuato un ragionevole e raggiungibile equilibrio economico e finanziario che non contempla, per un certo periodo di tempo, un flusso finanziario positivo per se stesso, si può dire che con tale rinuncia temporanea mette in pratica (cioè realizza) un vero e proprio investimento: infatti mette a disposizione della futura impresa la propria attività ed esperienza ed il proprio impegno, senza gravare l attività stessa, per un po di tempo, della corrispondente uscita finanziaria: tale investimento potrebbe essere interpretato come il fatto che, non potendo assumere un direttore (o amministratore) svolge lui questa funzione senza essere remunerato per un qualche tempo: questa sorta di prestazione momentaneamente gratuita trova la sua logica contropartita di investimento nel fatto che, se l impresa supererà la fase di start up e raggiungerà una certa redditività, quella stessa redditività rappresenta il compenso futuro per l investimento (rinuncia) fatta all inizio. A questo punto dell utilizzo dello strumento Analisi dei fabbisogni finanziari, non resta che sistemare un ultimo aspetto, vale a dire la quantificazione finanziaria dell eventuale costo per interessi passivi bancari. Per meglio comprendere questa ultima fase di utilizzo dello strumento, ripercorriamo in sintesi le modalità di utilizzo dello strumento stesso fin qui spiegate. o Inserire le uscite finanziarie relative all acquisto degli investimenti nei mesi in cui si prevede si verificheranno nel foglio Gestione patrimoniale o Inserire le uscite relative ai costi fissi (o indiretti o di struttura) nel foglio Gestione economica in corrispondenza dei mesi in cui si verificheranno, tralasciando di quantificare le uscite per interessi passivi derivanti da eventuali finanziamenti bancari come l apertura di credito in contro corrente o forme similari di finanziamenti a breve termine, e tralasciando anche la quantificazione dello stipendio del o dei titolari o Inserire le entrate relative all incasso delle vendite dei prodotti o servizi venduti nel foglio Gestione economica, in corrispondenza dei mesi in cui probabilmente si verificheranno XIX

20 o Inserire le uscite relative all acquisto dei materiali e dei servizi o forniture per la produzione dei prodotti/servizi nel foglio Gestione economica nella parte Pagamenti per acquisti o Inserire nel foglio Gestione finanziaria le entrate relative ai versamenti a titolo di capitale eventualmente effettuati dal titolare e quelle relative all erogazione di eventuali mutui passivi o altre forme di finanziamento a medio lungo periodo, oltre che eventualmente quelle relative all incasso di contributi pubblici in varia forma o Inserire nello stesso foglio Gestione finanziaria le uscite relative al rimborso di eventuali mutui da richiedere o Verificare la sostenibilità della dinamica finanziaria così come al momento viene evidenziata nel foglio Riepilogo ed, eventualmente, ripercorrere lo strumento apportando variazioni (spostamento in avanti di uscite ed anticipo di entrate) secondo un logica di ragionevolezza: ciò significa che tali spostamenti solo da effettuare solo se sono effettivamente realizzabili nella realtà; in caso contrario si tratta di un puro esercizio matematico privo di ogni utilità reale. o Inserire i prelievi del titolare o A questo punto nel foglio Riepilogo alla riga 21 viene evidenziato il fabbisogno finanziario nei vari mesi dell anno (importi con segno negativo): di tali fabbisogni finanziari mensili individuare il picco negativo, cioè il mese nel quale il fabbisogno finanziario è più elevato. Questa cifra corrisponde con l importo del finanziamento di scoperto in conto corrente (ad esempio) che è necessario chiedere alla banca per mantenere lo start up dell impresa in equilibrio finanziario per il primo anno di attività o Individuare, attraverso la richiesta di preventivi o acquisendo informazioni bancarie, il tasso di interesse che probabilmente tale finanziamento sconterà. Moltiplicando ora tale tasso per la cifra di fabbisogno mensile massimo prima individuata, si otterrà il costo annuo complessivo per interessi sul conto corrente bancario. Ora se, come avviene nella maggior parte dei casi, la banca addebiterà gli interessi passivi nel conto corrente con cadenza trimestrale, dividete gli interessi passivi annuali così calcolati per 4 (trimestri) e inserite la cifra calcolata XX

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa

Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa Guida all Utilizzo del Modello Excel Premessa Il Modello permette di elaborare i Previsionali Patrimoniale,

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

Matrice Excel Calcolo rata con IMPORTO DEL FINANZIAMENTO determinato dall'utente

Matrice Excel Calcolo rata con IMPORTO DEL FINANZIAMENTO determinato dall'utente Matrice Excel Calcolo rata con IMPORTO DEL FINANZIAMENTO determinato dall'utente L'acquisto di un immobile comporta un impegno finanziario notevole e non sempre è possibile disporre della somma di denaro

Dettagli

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA I manuali di Budgetonline.it BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA 1 SEZIONE 1: LO SCHEMA OPERATIVO La tecnologia più utilizzata perché universalmente conosciuta e praticata è certamente rappresentata

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLA REDAZIONE DELLE SIMULAZIONI ECONOMIC0-FINANZIARIE DEL. Business Plan

GUIDA OPERATIVA ALLA REDAZIONE DELLE SIMULAZIONI ECONOMIC0-FINANZIARIE DEL. Business Plan GUIDA OPERATIVA ALLA REDAZIONE DELLE SIMULAZIONI ECONOMIC0-FINANZIARIE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Introduzione 2. Utilizzo dell applicazione 3. Impostazioni di base 4. Copertina impresa 5. Dati

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

Matrice Excel Calcolo rata con DURATA DEL FINANZIAMENTO determinata dall'utente

Matrice Excel Calcolo rata con DURATA DEL FINANZIAMENTO determinata dall'utente Matrice Excel Calcolo rata con DURATA DEL FINANZIAMENTO determinata dall'utente L'acquisto di un immobile comporta un impegno finanziario notevole e non sempre è possibile disporre della somma di denaro

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Invitalia, l Agenzia nazionale per

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce su mandato del Governo

Dettagli

Matrice Excel Calcolo rata con TASSO DI INTERESSE determinato dall'utente

Matrice Excel Calcolo rata con TASSO DI INTERESSE determinato dall'utente Matrice Excel Calcolo rata con TASSO DI INTERESSE determinato dall'utente L'acquisto di un immobile comporta un impegno finanziario notevole e non sempre è possibile disporre della somma di denaro sufficiente

Dettagli

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Dispensa lezione 4 Contabilità Il bilancio d esercizio 4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Abbiamo visto che la gestione di un impresa si compie tramite una serie di operazioni tra loro coordinate.

Dettagli

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati Alla data odierna i bilanci approvati nei 120 giorni, entro cioè il 30 aprile, risulteranno essere tutti depositati. Per le società

Dettagli

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Bilancio d esercizio ART. 2423 Codice Civile Stato Patrimoniale Conto economico Nota integrativa ART.

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Matematica Finanziaria Un utile premessa Negli esercizi di questo capitolo, tutti gli importi in euro sono opportunamente arrotondati al centesimo. Ad esempio,e2 589.23658 e2 589.24 (con un

Dettagli

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare;

Introduzione. fornisce un rendiconto dell attività economica di una impresa relativa all ultimo anno solare; Appunti di Economia Documenti costituenti il bilancio d esercizio di una impresa Introduzione... 1 Stato patrimoniale... 2 Debiti e crediti... 3 Equazione contabile fondamentale dello stato patrimoniale...

Dettagli

FINANZIAMENTI AGEVOLATI

FINANZIAMENTI AGEVOLATI FINANZIAMENTI AGEVOLATI Sono previste, dalla legge, delle agevolazioni finanziarie a favore di disoccupati, allo scopo di favorire l avvio di piccole iniziative imprenditoriali: Un opportunità per chi,

Dettagli

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 Nel bilancio di previsione 2013, il precedente direttivo aveva previsto un

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (IVA)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (IVA) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (IVA) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Release : 2014_1 Settore : Start up Commercio Natura giuridica Snc/Ditte Individuali Release 2

Release : 2014_1 Settore : Start up Commercio Natura giuridica Snc/Ditte Individuali Release 2 Release : 2014_1 Settore : Start up Commercio Natura giuridica Snc/Ditte Individuali Release 2 Guida all Utilizzo del Modello Excel Premessa Il Modello permette di elaborare I Previsionali Patrimoniale,

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Soli, ma ben accompagnati Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce

Dettagli

CALCOLO PIANO DI AMMORTAMENTO TASSO FISSO RATA COSTANTE

CALCOLO PIANO DI AMMORTAMENTO TASSO FISSO RATA COSTANTE CALCOLO PIANO DI AMMORTAMENTO TASSO FISSO RATA COSTANTE L'acquisto di un immobile comporta un impegno finanziario notevole e non sempre è possibile disporre della somma di denaro sufficiente a soddisfare

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO

EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 13 EQUILIBRIO ECONOMICO-FINANZIARIO -FINANZIARIO

Dettagli

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 Definizioni - PIP: piani individuali pensionistici di tipo assicurativo attuati mediante contratti di assicurazione sulla vita;

Dettagli

Bplanning. Manuale d uso. Indice

Bplanning. Manuale d uso. Indice Bplanning Manuale d uso Indice Desk... 2 Assumption... 3 Linee Prodotto... 4 Personale... 4 Investimenti... 5 Ammortamenti... 6 Finanziamenti... 7 Imposte... 7 Conto Economico input... 8 Stato Patrimoniale

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto IVA. Prof. Sartirana

L imposta sul valore aggiunto IVA. Prof. Sartirana L imposta sul valore aggiunto IVA Prof. Sartirana L IVA è una imposta Indiretta (in quanto non colpisce il reddito ma una sua manifestazione mediata, ovvero il consumo o la produzione di ricchezza) Proporzionale

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

130.1 Conto corrente di corrispondenza

130.1 Conto corrente di corrispondenza 139 Capitolo 130 Conti correnti 130.1 Conto corrente di corrispondenza..........................................139 130.1.1 Conto corrente attivo per il cliente................................... 139 130.1.2

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1

La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Newsletter Phedro dicembre 2007 La valutazione dell Impresa e l analisi dei flussi 1 Prof. Roberto Cappelletto 2 e Dott. Gabriele Toniolo 3 1) Dalla Logica Contabile all Analisi dei Flussi Come si è potuto

Dettagli

Release : 2014_1 Settore : Start up Manifatturiero Natura giuridica s.r.l.

Release : 2014_1 Settore : Start up Manifatturiero Natura giuridica s.r.l. Release : 2014_1 Settore : Start up Manifatturiero Natura giuridica s.r.l. Guida all Utilizzo del Modello Excel Premessa Il Modello permette di elaborare I Previsionali Patrimoniale, Economici e Finanziari

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

Chi siamo. Curriculum

Chi siamo. Curriculum S t u d i o B o c c a s s i n i - C i o c c a Chi siamo EURO-FINANCE Studio Boccassini-Ciocca è una struttura operativa da oltre un decennio ed è composta da Dottori Commercialisti, Avvocati e Consulenti

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

Conti correnti. 130.1 Conto corrente di corrispondenza. 130.1.1 Conto corrente attivo per il cliente. TXT HTM PDF pdf

Conti correnti. 130.1 Conto corrente di corrispondenza. 130.1.1 Conto corrente attivo per il cliente. TXT HTM PDF pdf TXT HTM PDF pdf P1 P2 P3 P4 313 Conti correnti Capitolo 130 130.1 Conto corrente di corrispondenza..........................................313 130.1.1 Conto corrente attivo per il cliente...................................

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823 La legge che agevola l'autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa PREMESSA La programmazione FSE 2007-2013 prevede che le erogazioni a favore del beneficiario avvengano secondo il seguente schema:

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY AGEVOLAZIONI PER LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. 1 Sono

Dettagli

NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2008. Valori espressi in unità di Euro

NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2008. Valori espressi in unità di Euro NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 28 Valori espressi in unità di Euro Premesse Ai sensi degli artt. 1 e 4 dello Statuto l Istituto Italiano della Donazione ( di seguito denominato Istituto

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

Strumenti per l autoimpiego

Strumenti per l autoimpiego Strumenti per l autoimpiego A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone fisiche che intendono avviare un'attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale. Per presentare la domanda

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA Anno 2000 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare un attività imprenditoriale in

Dettagli

ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI GROSSETO

ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI GROSSETO Grosseto, 16/04/2008 Alle Spett.li Aziende Associate Oggetto : Convenzione per servizio ASSOANATOCISMO Si comunica che l Associazione Industriali Grosseto, attraverso la sua società Giano Servizi S.r.l.,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006 Allegato 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONSUMO DI GAS METANO, MODELLO AD-2, PER L ANNO D IMPOSTA 2006 1. GENERALITÀ Ciascun depositario autorizzato o altro soggetto senza impianto

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Si richiede lo svolgimento della parte A e di uno dei punti a scelta della parte B E consentito l uso del Codice Civile non commentato e della calcolatrice

Dettagli

FIDELITY. Contratto di assicurazione caso morte a vita intera con rivalutazione annua del capitale a premio unico (Tariffa U16001R)

FIDELITY. Contratto di assicurazione caso morte a vita intera con rivalutazione annua del capitale a premio unico (Tariffa U16001R) FIDELITY Contratto di assicurazione caso morte a vita intera con rivalutazione annua del capitale a premio unico (Tariffa U16001R) IL PRESENTE FASCICOLO CONTRATTUALE CONTENENTE a) Documento Informativo

Dettagli

SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA 1. DESCRIZIONE ATTIVITÀ 2. INFORMAZIONI SUL PUNTO DI VENDITA

SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA 1. DESCRIZIONE ATTIVITÀ 2. INFORMAZIONI SUL PUNTO DI VENDITA SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli PRIMA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla seconda parte dell'intervento... 1 INTRODUZIONE Da un punto di vista ragionieristico lo Stato

Dettagli

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011 EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Codice fiscale 02225450309 Partita iva 02225450309 VIA CARNIA LIBERA 1944, 15-33028 TOLMEZZO UD Numero R.E.A. 244558 Registro Imprese di UDINE n. 02225450309 Capitale Sociale

Dettagli

La necessità di controllare l evoluzione

La necessità di controllare l evoluzione METODI LA COSTRUZIONE DEL BUDGET DI TESORERIA: L ESPERIENZA DI ALFA S.P.A. La necessità di controllare l evoluzione dell andamento finanziario in un ristretto arco di tempo viene soddisfatta dal budget

Dettagli

Cash Flow Manuale Utente

Cash Flow Manuale Utente Cash Flow Manuale Utente Paragrafo-Pagina di Pagine 1-1 di 10 SOMMARIO 1 A Chi è destinato... 1-3 2 Pre requisiti... 2-3 3 Obiettivi... 3-3 4 Durata della formazione... 4-3 5 Introduzione concettuale...

Dettagli

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI Tema d esame ATTIVITÀ DIDATTICHE REDDITO, PATRIMONIO E ATTRAVERSO IL BILANCIO LORO RAPPRESENTAZIONE di Luisa VENINI MATERIE AZIENDALI (classe 5 IP Tecnico servizi sociali) Tecnica amministrativa Il candidato,

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011

La costituzione delle spa. I finanziamenti dei soci. 23 marzo 2011 La costituzione delle spa I finanziamenti dei soci 23 marzo 2011 1 le fonti di finanziamento Possono essere a titolo di: capitale proprio o di rischio (patrimonio netto) capitale di debito o di terzi (passività)

Dettagli

Release : 2014_2 Settore : Start up Commercio Natura giuridica s.r.l.

Release : 2014_2 Settore : Start up Commercio Natura giuridica s.r.l. Release : 2014_2 Settore : Start up Commercio Natura giuridica s.r.l. Guida all Utilizzo del Modello Excel Premessa Il Modello permette di elaborare I Previsionali Patrimoniale, Economici e Finanziari

Dettagli

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci INDICE LA GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE RISTORATIVE... 2 Il fabbisogno finanziario:concetto e problematiche... 3 Definizione di fabbisogno finanziario... 3 Le fonti di finanziamento... 3 Scelta tra

Dettagli

IL PROGETTO D IMPRESA

IL PROGETTO D IMPRESA Allegato E IL PROGETTO D IMPRESA (Il presente formulario deve essere compilato dettagliatamente in formato elettronico e successivamente stampato) L IDEA D IMPRESA Denominazione dell impresa. Nuova attività

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

ITG A. POZZO CORSO DI ESTIMO CLASSE 4^LB NOZIONI DI MATEMATICA FINANZIARIA

ITG A. POZZO CORSO DI ESTIMO CLASSE 4^LB NOZIONI DI MATEMATICA FINANZIARIA ITG A. POZZO CORSO DI ESTIMO CLASSE 4^LB NOZIONI DI MATEMATICA FINANZIARIA Anno scolastico 2008/09 Prof. Romano Oss Matematica finanziaria è uno strumento di calcolo basato sulla teoria dell interesse,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI: I

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi)

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) BUSINESS PLAN PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) Sezione da compilare esclusivamente nel caso in cui il business plan sia stato redatto con la collaborazione di un Associazione

Dettagli

IL PROCESSO DI BUDGETING. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna

IL PROCESSO DI BUDGETING. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna IL PROCESSO DI BUDGETING Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna Il processo di budgeting Il sistema di budget rappresenta l espressione formalizzata di un complesso processo

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (IRPEF) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI... 4 LA

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

COME ELABORARE IL TUO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

COME ELABORARE IL TUO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO COME ELABORARE IL TUO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Guida alla stesura del Piano Economico Finanziario per verificare la fattibilità e la sostenibilità del progetto Millionaire Digital Edition A cura del

Dettagli

COMPENDIO RIASSUNTIVO DELLE SCRITTURE RELATIVE ALLE OPERAZIONI CON LE BANCHE

COMPENDIO RIASSUNTIVO DELLE SCRITTURE RELATIVE ALLE OPERAZIONI CON LE BANCHE COMPENDIO RIASSUNTIVO DELLE SCRITTURE RELATIVE ALLE OPERAZIONI CON LE BANCHE a) rilevare interessi passivi Es. Rilevatiinteressi passivi su c/c bancario per 300 INTERESSI PASSIVI BANCARI interessi passivi

Dettagli

Il Taeg = 0. Trasparenza e credito ai consumatori. 2011 ABISERVIZI S.p.A. - Riproduzione vietata - Tutti i diritti sono riservati.

Il Taeg = 0. Trasparenza e credito ai consumatori. 2011 ABISERVIZI S.p.A. - Riproduzione vietata - Tutti i diritti sono riservati. e credito ai consumatori 5 Il Taeg k = n 1 1 + TAEG TAEG ( F k )) tk tk = 0 2011 ABISERVIZI S.p.A. - Riproduzione vietata - Tutti i diritti sono riservati. INDICE La formula finanziaria Le ipotesi di calcolo

Dettagli

CONTABILITÀ. Regime Beni Usati. Release 4.90 Manuale Operativo

CONTABILITÀ. Regime Beni Usati. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo CONTABILITÀ Regime Beni Usati Il D.L. 41/1995, conv. in L. 85/1995 prevede un particolare regime (cd. Regime del margine) per la cessione di beni mobili usati e di oggetti

Dettagli

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE P.O.R. ABRUZZO Ob. 3 2000-2006 ALLEGATO PER LL.RR. 143/95 E 96/97 136/96-55/98 ANNUALITA MISURA / AZIONE (*) L.R. ART. (*) - Azione D3.1 per le LL.RR. 136/96 e 55/98

Dettagli

GUIDA ALL USO DEGLI STRUMENTI OPERATIVI DEI COORDINAMENTI REGIONALI

GUIDA ALL USO DEGLI STRUMENTI OPERATIVI DEI COORDINAMENTI REGIONALI GUIDA ALL USO DEGLI STRUMENTI OPERATIVI DEI COORDINAMENTI REGIONALI Premessa L idea di redigere degli strumenti utili al lavoro delle segreterie regionali, va nella duplice direzione, da un lato, di uniformare

Dettagli

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato

Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Gli strumenti di raccolta di tipo personalizzato Economia delle aziende di credito.. 2008/2009 Università degli studi Roma Tre - Economia delle aziende di credito,.. 2008/2009 1 Indice degli argomenti

Dettagli