Comune di Sagrado TARES Comune di Sagrado PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Sagrado TARES 2013. Comune di Sagrado PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO"

Transcript

1 Allegato alla deliberazione consiliare n. 19 del 01/07/2013 Comune di Sagrado TARES 2013 Comune di Sagrado PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO - art. 14 comma 23 del D.L. n. 201/ art. 8 DPR 27 aprile 1999 n. 158

2 INDICE CAP. 1 PREMESSA...3 CAP. 2 IL NUOVO TRIBUTO TARES E PIANO FINANZIARIO...4 L evoluzione normativa....4 Strutturazione della TARES...4 Composizione del Piano Finanziario...5 Cap. 3 ANALISI DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI - (PUNTO A, COMMA 3, ART.8 DPR 158/99)...6 Raccolte rifiuto secco residuo, umido, rifiuto secco riciclabile...6 Cassonetti con chiave...7 Raccolta carta cartoni presso utenze non domestiche...7 Spazzamento stradale...7 Raccolta vetro...7 Raccolta verde (sfalci e ramaglie)...7 RUP: farmaci e pile esauste...7 Centro di raccolta rifiuti raccolta ingombranti...7 CAP. 4 DISTRIBUZIONE SACCHETTI...8 CAP. 5 INVESTIMENTI...8 CAP. 6 SCENARIO IMPIANTISTICO...9 CAP. 7 PRODUZIONE RIFIUTI...10 CAP. 8 PIANO FINANZIARIO E CALCOLO ENTRATE TARES Calcolo entrate tariffarie Attribuzione parte fissa e parte variabile Definizione tariffe per utenze domestiche e non domestiche Riduzioni e agevolazioni

3 CAP. 1 PREMESSA Il piano finanziario costituisce lo strumento attraverso cui i comuni definiscono la propria strategia di gestione dei rifiuti urbani. Il presente documento intende fotografare lo stato attuale della gestione rifiuti espletata nel Comune di Sagrado, che ha visto un importante cambiamento nell anno 2005 con l introduzione del nuovo sistema integrato di raccolta differenziata, incentrato principalmente sul porta a porta spinto secco-umido. L allora Iris S.p.A., gestore del servizio rifiuti urbani dell intera provincia di Gorizia, in attuazione degli obiettivi e linee dettate dal Programma di Attuazione del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Urbani della Provincia di Gorizia e in accordo con quanto concordato dal gruppo ristretto dei Sindaci con la supervisione della Provincia medesima, aveva infatti proposto questo nuovo modello gestionale, prendendo come esempio le esperienze positive maturate in realtà vicine come il Veneto e Trentino, dove molti Comuni avevano già attivato tale sistema. In particolare era stato proposto un progetto esecutivo per ogni Comune, dimensionato sulle specifiche realtà territoriali di ognuno. Questo nuovo sistema, ad oggi, è stato adottato da 24 amministrazioni Comunali nell ambito del territorio provinciale, conseguendo notevoli risultati in termini di raccolta differenziata, con percentuali superiori, in alcuni comuni, anche al 70 % ed una media provinciale del 63 %. Grazie a tale raccolta infatti è possibile spingere al massimo la separazione dei rifiuti tra le frazioni riciclabili e non, ottimizzando l avvio a recupero dei rifiuti quali imballaggi e frazioni organiche, che altrimenti finirebbero a smaltimento in termovalorizzatore o discarica con i noti impatti ambientali conseguenti, gravando oltretutto sui costi gestionali complessivi. Per quanto concerne il sistema tributario, va segnalata l introduzione della Tares (Tributo comunale su rifiuti e servizi), istituita dall'art. 14 del Dl 6 dicembre 2011, n. 201 e s.m.i.. Il nuovo tributo è entrato in vigore il 1 gennaio 2013 abrogando le precedenti Tarsu, Tia1 e Tia2. La legge di Stabilità 2013 (legge 228/2012) ne aveva posticipato il pagamento della prima rata dal gennaio 2013 ad aprile 2013, ma la legge 1 febbraio 2013, n. 11 lo ha ulteriormente rinviato al 1 luglio Analogamente a quanto previsto per la Tia, la norma prevede, tra gli altri atti, l adozione di un regolamento comunale apposito e la redazione di un piano finanziario con relazione tecnica di accompagnamento, sulla base dei quali vengono elaborate ed approvate le tariffe della Tares. Il 2013 si profila rilevante anche dal punto di vista societario: i comuni soci di Iris hanno infatti deliberato all unanimità l approvazione della cosiddetta operazione Ambiente che prevede in particolare, sulla base di un apposito piano industriale, l affidamento in house dei servizi integrati di gestione rifiuti su scala provinciale alla costituenda nuova società IS.A Isontina Ambiente. 3

4 CAP. 2 IL NUOVO TRIBUTO TARES E PIANO FINANZIARIO L evoluzione normativa. L art. 14, d.l. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, comma 1, l. 22 dicembre 2011, n. 214, e successivamente modificato dall art. 1, comma 387, della Legge di stabilità per il 2013, n. 228/2012, ha istituito il nuovo tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES), destinato a trovare applicazione dal 1 gennaio 2013 (comma 1) e a prendere il posto di tutti i vigenti prelievi relativi alla gestione dei rifiuti urbani, sia di natura patrimoniale sia di natura tributaria, compresa l'addizionale per l'integrazione dei bilanci degli enti comunali di assistenza (comma 46). I commi 8 e 9 del citato articolo 14 prevedono che il nuovo tributo sia corrisposto in base a tariffa riferita all anno solare e commisurata alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte, sulla base dei criteri determinati dal D.P.R. 27 aprile 1999 n. 158, recante le Norme per la elaborazione del metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti urbani. Come anticipato nelle premesse, la legge di Stabilità 2013 (legge 228/2012) ne aveva fissato il pagamento della prima rata ad aprile 2013, ma la legge 1 febbraio 2013, n. 11 lo ha posticipato al 1 luglio Come noto, il D.P.R. 158/1999 venne emanato in attuazione del quinto comma dell art. 49, d.lgs. 22/1997 (c.d. decreto Ronchi ), recante la disciplina della tariffa per la gestione dei rifiuti urbani (la c.d. TIA1). Il medesimo D.P.R. 158/1999, invero, avrebbe già dovuto essere soppiantato da un nuovo atto regolamentare, giacché il sesto comma dell art. 238, d.lgs. 152/2006 (T.U. dell ambiente), recante la disciplina della c.d. TIA2, già prevedeva l emanazione da parte del Ministero dell Ambiente, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della parte quarta del D.lgs 152/06, di un apposito regolamento. Al comma 11 del predetto art. 238, si specificava, peraltro, che sino alla emanazione del regolamento di cui al comma 6 e fino al compimento degli adempimenti per l'applicazione della tariffa continuano ad applicarsi le discipline regolamentari vigenti. Anche nell originaria versione del comma 9 dell art. 14, d.l. 201/2011, il D.P.R. 158/1999 era previsto come riferimento provvisorio, in attesa dell elaborazione di un nuovo regolamento governativo che avrebbe dovuto vedere la luce entro il 31 ottobre Con la L. 228/2012 il comma 9 è stato definitivamente riscritto, sancendo lo stabile riferimento alla metodologia contenuta nel citato D.P.R. 158/1999 come base di calcolo per la nuova TARES, nel presupposto cha la medesima risulti compatibile, almeno in linea di massima, con la metodologia contenuta in tale precedente decreto. Strutturazione della TARES La richiamata compatibilità è stata dimostrata in particolare nelle linee guida emesse dal Ministero delle Finanze, in cui si evidenzia come nella TARES: a) la tariffa sia commisurata - almeno nella versione tributaria (2) - anche alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte (art. 14, comma 9, d.l. 201/2011), in evidente conformità al criterio presuntivo previsto dal D.P.R. 158/1999 per gli enti locali che non abbiano organizzato sistemi di misurazione delle quantità di rifiuti conferiti dalle singole utenze, domestiche o non domestiche (art. 5, comma 2, e art. 6, comma 2 D.P.R. 158/1999); b) la tariffa sia composta da una quota determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio di gestione dei rifiuti, riferite in particolare agli investimenti per le opere ed ai relativi ammortamenti, e da una quota rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, al servizio fornito e all'entità dei costi di gestione, in modo che sia assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio, compresi i costi di smaltimento (art. 14, comma 11, d.l. 201/2011), norma che riproduce alla lettera il comma 4 dell art. 49, d.lgs. 22/1997 (TIA1) e il comma 4 dell art. 238, d.lgs. 152/2006 (TIA2); c) siano assicurate riduzioni per la raccolta differenziata riferibile alle utenze domestiche (art. 11, comma 17, d.lgs. 201/2011), previsione già contenuta agli artt. 4, comma 1, e 7, comma 1, D.P.R. 158/1999; 4

5 d) sia applicato un coefficiente di riduzione proporzionale alle quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero (art. 11, comma 18, d.lgs. 201/2011), norma già contenuta all art. 49, comma 14, d.lgs. 22/1997, e all art. 238, comma 10, d.lgs. 152/2006; Sulla base di tale compatibilità, la nuova TARES è quindi strutturata su un complesso di regole, metodologie e prescrizioni atte a determinare, da un lato, i costi del servizio di gestione e, dall altro, l intera struttura tariffaria applicabile alle varie categorie di utenza (cfr. anche art. 3, comma 1, D.P.R. 158/99), in modo tale che il gettito copra tutti i costi del servizio. Va ricordato che l art. 3, comma 2 del medesimo DPR 158/99, specifica che La tariffa è composta da una parte fissa, determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio, riferite in particolare agli investimenti per le opere e ai relativi ammortamenti, e da una parte variabile, rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, al servizio fornito e all'entità dei costi di gestione. L art. 4, comma 3, prescrive inoltre che La tariffa, determinata ai sensi dell'articolo 3, è articolata nelle fasce di utenza domestica e non domestica. La metodologia tariffaria si articola, pertanto, sulla base delle norme richiamate, nelle seguenti fasi fondamentali: a) individuazione e classificazione dei costi del servizio; b) suddivisione dei costi tra fissi e variabili; c) ripartizione dei costi fissi e variabili in quote imputabili alle utenze domestiche e alle utenze non domestiche; d) calcolo delle voci tariffarie, fisse e variabili, da attribuire alle singole categorie di utenza, in base alle formule e ai coefficienti indicati dal metodo. Composizione del Piano Finanziario L art. 8, D.P.R. 158/1999, dispone che il Piano Finanziario deve individuare: 1. il programma degli interventi necessari, imposti dalla normativa ambientale o comunque deliberati dagli enti locali, e concernenti sia gli acquisti di beni o servizi, sia la realizzazione di impianti; 2. il Piano Finanziario degli investimenti, che indica l impiego di risorse finanziarie necessarie a realizzare gli interventi programmati; 3. l indicazione dei beni, delle strutture e dei servizi disponibili, nonché il ricorso eventuale all utilizzo di beni e strutture di terzi, o all affidamento di servizi a terzi; 4. le risorse finanziarie necessarie, completando il Piano Finanziario degli investimenti e indicando in termini di competenza i costi e gli oneri annuali e pluriennali. Il Piano Finanziario è, inoltre, corredato da una relazione che specifica: il modello gestionale ed organizzativo prescelto; i livelli di qualità dei servizi; la ricognizione degli impianti esistenti; l indicazione degli eventuali scostamenti rispetto al piano dell anno precedente. Il Piano Finanziario rappresenta, in particolare, l indispensabile base di riferimento per la determinazione delle tariffe e per il loro adeguamento annuo (art. 49, comma 8, d.lgs. 22/1997; art. 8, D.P.R. 158/99), come conferma anche il comma 23, dell art. 14, d.l. 201/2011, ai sensi del quale Il consiglio comunale deve approvare le tariffe del tributo entro il termine fissato da norme statali per l'approvazione del bilancio di previsione, in conformità al Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani, redatto dal soggetto che svolge il servizio stesso ed approvato dall'autorità competente. 5

6 Cap. 3 ANALISI DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI - (PUNTO A, COMMA 3, ART.8 DPR 158/99) La gestione dei rifiuti urbani è definita, ai sensi dell art.183 del Dlgs 152/06, come la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, compreso il controllo di queste operazioni, nonché il controllo delle discariche dopo la chiusura. Le raccolte sono principalmente imperniate su sistemi porta a porta per quanto concerne umido, secco residuo ed rifiuto secco riciclabile (carta/cartone e plastica/lattine), e sono eseguite per la maggior parte, dal nuovo appaltatore unico Impresa Sangalli. Raccolte rifiuto secco residuo, umido, rifiuto secco riciclabile Questo sistema prevede che i rifiuti vengano selezionati al momento della produzione ed esposti per il ritiro in contenitori specifici per ciascuna tipologia di rifiuto. In particolare con questo sistema AMBIENTE NEWCO ritira in giornate fisse: 1. il rifiuto biodegradabile o rifiuto umido; 2. il rifiuto riciclabile (carta e cartone, imballaggi in plastica, lattine, piccoli oggetti in metallo) 3. il rifiuto secco residuo. A seconda delle dimensioni dell edificio in cui ciascuna famiglia risiede, per conferire le diverse tipologie di rifiuto sono previsti diverse dotazioni e contenitori specifici. I cittadini neo-residenti, al momento della propria iscrizione all anagrafe, possono ritirare, presso il comune, il kit iniziale necessario al conferimento dei rifiuti. Ogni frazione di rifiuto viene raccolta dal personale addetto, con automezzi specifici, in una giornata prestabilita. Il rifiuto umido viene raccolto due volte la settimana, il rifiuto secco residuo una volta a settimana, il rifiuto riciclabile una volta a settimana a settimane alterne tra carta/cartone e plastica/lattine. Sacchi, mastelli e cassonetti devono esser esposti la sera precedente alla giornata programmata per la raccolta sulla strada pubblica davanti alla propria residenza o in altro luogo concordato con il gestore del servizio pubblico Ambiente Newco, in un punto facilmente individuabile ed accessibile. La tabella seguente riassume le giornate di raccolta e le dotazioni varie assegnate. Giornate settimanali raccolta Famiglie in case Famiglie in condominio RIFIUTO SECCO RESIDUO martedì (fino a 9 nuclei familiari) Sacco giallo (10 o più nuclei familiari) Cassonetto condominiale verde RIFIUTO UMIDO martedì-venerdì (fino a 5 nuclei familiari) Sacchetti trasparenti Secchiellino marrone Mastello marrone (6 o più nuclei familiari) Bidone condominiale marrone RIFIUTO SECCO RICICLABILE (carta/cartone, plastica/lattine) mercoledì (settine alterne carta/cartone e plastica/lattine) (fino a 14 nuclei familiari) Sacco trasparente (15 o più nuclei familiari) Cassonetto condominiale bianco (carta/cartoni) giallo (plastica/lattine) Tabella 1 giornate raccolta e dotazioni per raccolta secco residuo, umido, secco riciclabile 6

7 Cassonetti con chiave Per ogni tipologia di rifiuto descritta finora, il gestore del servizio pubblico può concedere, dopo aver espletato apposita valutazione tecnica e previa autorizzazione del Comune, dei cassonetti dotati di serratura con chiave. Ciò al fine di garantire il decoro del territorio e contenere i conferimenti incontrollati. Raccolta carta cartoni presso utenze non domestiche Al fine di agevolare le utenze non domestiche grandi produttrici di imballaggi in carta e cartone, presso alcune utenze che ne fanno richiesta è stata istituita una raccolta aggiuntiva effettuata nella settimana dedicata alla raccolta della plastica. A seconda delle varie esigenze di smaltimento, nei limiti previsti dalla delibera di assimilazione contenuta nel Regolamento Comunale Rifiuti Urbani ed Assimilati, vengono dati in dotazione contenitori di varia volumetria. Spazzamento stradale Il servizio di spazzamento stradale è eseguito in proprio da personale comunale con propria spazzatrice. Raccolta vetro La raccolta attualmente avviene tramite campane stradali verdi dedicate, servite con cadenza quindicinale. Raccolta verde (sfalci e ramaglie) La raccolta degli sfalci e ramaglie attualmente ha due modalità di raccolta: a domicilio con prenotazione chiamando il numero verde , con un limite di ritiro massimo a prelievo di 2 mc presso il centro di raccolta di Romans RUP: farmaci e pile esauste La raccolta è eseguita, con frequenza mensile, tramite contenitori stradali fissi dislocati sul territorio. Centro di raccolta rifiuti raccolta ingombranti Il comune di Sagrado ha stipulato una convenzione per l uso del centro di raccolta sovra comunale di Romans d Isonzo. I cittadini possono pertanto portare i rifiuti indicati nella tabella di seguito: INDIRIZZO Via Pedret n. 5 - Z.I. TIPOLOGIA RIFIUTO Ingombranti, Rifiuti Ferrosi, Tubi Fluorescenti, Elettrodomestici dismessi, Legname, Vetro ingrombrante, Toner, Tv, Monitor, Computer, Accumulatori al piombo, Olio vegetale, Ramaglie, Olio Minerale esausto, Pneumatici, Inerti, Plastiche dure, Imballaggi in plastica e lattine ORARIO APERTURA Mart Sab Tabella 2 - Centro raccolta sovracomunale di Romans: orari di apertura e rifiuti conferibili 7

8 CAP. 4 DISTRIBUZIONE SACCHETTI È attualmente attiva una convenzione con Ascom per la vendita dei sacchi specifici marchiati Ambiente Newco, dedicati alla raccolta dei vari rifiuti, che vengono messi a disposizione presso vari punti vendita distribuiti su tutto il territorio provinciale. L utente, grazie a tale sistema, una volta terminata la scorta iniziale fornita con il kit base, ha la possibilità di acquistare direttamente i sacchi a prezzi standardizzati secondo il proprio fabbisogno. Tale sistema è studiato appositamente per responsabilizzare direttamente l utenza sul consumo dei sacchi, considerato il constatato venir meno, da parte degli utenti, del rispetto delle regole che imponevano l utilizzo di sacchi conformi, con la conseguente proliferazione di sacchi neri. Va detto inoltre che, nell ambito della costituzione della futura IS.A. Isontina Ambiente, all interno del nuovo piano industriale, si è ipotizzato, sulla base anche di positive esperienza altrui, di ripristinare la modalità di consegna capillare dei sacchi previsti dal progetto iniziale, tramite la consegna di una scorta periodica di sacchi a tutte le utenze. In questo modo, oltre ai vantaggi in termini di decoro, sarà possibile anche migliorare la qualità del materiale raccolto, limitando la raccolta dei sacchi non conformi che non consentono la verifica visiva del contenuto da parte dell operatore. CAP. 5 INVESTIMENTI Va ricordato l investimento iniziale effettuato da Iris in termini di contenitori per la raccolta dei rifiuti, in sede di avvio del nuovo sistema di raccolta differenziata spinta. In particolare erano stati acquistati i seguenti contenitori: contenitori sottolavello da 7 lt per la raccolta dell umido mastello da 25 lt per l esposizione dell umido nella giornata di raccolta contenitori da 70 lt per la raccolta di pannolini/pannoloni contenitori da 120 lt per l umido contenitori da 240 lt per l umido contenitori da 240 lt per il vetrobar campane stradali per il vetro contenitori condominiali da 660 lt per il secco residuo contenitori condominiali o per utenze non domestiche da 1100 lt per il secco residuo contenitori condominiali o per utenze non domestiche da 1100 lt per plastica/lattine e carta cartone Tali contenitori, come descritto nei paragrafi precedenti, sono stati assegnati con dotazioni specifiche ad ogni singola utenza. Di recente, nel corso del 2012, Ambiente Newco ha acquistato dei cassonetti gialli dedicati alla raccolta della plastica e lattine sostituendoli progressivamente a quelli bianchi usati in precedenza; in tal modo i tali cassonetti gialli sono così distinti da quelli bianchi destinati alla raccolta della carta. L utilizzo dello stesso contenitore (bianco) per entrambe le tipologie dipendeva ancora dalle modalità di raccolta iniziali che prevedevano la raccolta in un unico contenitore (o sacco) di tutti gli imballaggi in carta, plastica e lattine, modalità successivamente abbandonata in seguito a nuove e diverse interpretazioni normative. 8

9 CAP. 6 SCENARIO IMPIANTISTICO La situazione impiantistica attuale si può così riassumere: impianto di compostaggio: di proprietà Ambiente Newco, attualmente riceve l umido ed il verde raccolto sui 24 comuni della provincia. È stata realizzata la copertura dell aia dedicata al deposito del compost ed il completo confinamento dell aia di maturazione con un annesso biofiltro per il trattamento dell aria aspirata, oltre alla conversione reversibile, delle linee di biostabilizzazione in linee per compost di qualità discarica di Pecol dei Lupi: di proprietà Ambiente Newco. Dalla fine 2010 non più operativa per il mancato rinnovo del decreto autorizzativo da parte della Provincia. Il secco residuo viene attualmente conferito tutto al termovalorizzatore di Trieste. Si precisa che Ambiente Newco, nel corso del 2013, stante una certa capacità residua della discarica che può essere ancora sfruttata prima di raggiungere i profili di progetto, ha inoltrato alla Regione l istanza per il rinnovo dell AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale). impianto di selezione: di proprietà della società Mainardo, riceve tutta la frazione secca riciclabile (carta, cartone, plastica, lattine) raccolta in tutti i comuni soci (più alcuni comuni fuori provincia) per poi avviarla, dopo averla selezionata, principalmente verso i vari consorzi di filiera nell ambito dell accordo ANCI-CONAI, da cui vengono poi incamerati i corrispettivi evidenziati all interno dei Piani Finanziari. termovalorizzatore AcegasAps Trieste: riceve attualmente tutto il secco residuo proveniente dalla Provincia di Gorizia impianti terzi: per le rimanenti frazioni di rifiuto recuperate 9

10 Cap. 7 PRODUZIONE RIFIUTI Dall anno 2012, al fine del calcolo della percentuale di raccolta differenziata, è stato applicato il nuovo metodo indicato dalla Regione Friuli Venezia Giulia con delibera di Giunta n. 177 del Tale criterio prevede, in particolare, il computo dei rifiuti ingombranti nella raccolta differenziata solamente per la quota parte effettivamente recuperata, secondo la resa specifica asseverata annualmente dai gestori degli impianti. La quota di rifiuti ingombranti destinati a smaltimento è conteggiata, invece come rifiuto indifferenziato. La nuova metodologia, inoltre, indica un quantitativo massimo di rifiuti inerti e pneumatici fuori uso provenienti da centri di raccolta comunali ed avviati a recupero, rispettivamente di 10 kg/abitante e 5 kg/abitante, che possono concorrere alla quota di raccolta differenziata. Fanno parte di quest ultima quota anche le cosiddette raccolte selettive di frazioni come pile, accumulatori, farmaci, vernici, olio minerale, anche nel caso in cui fossero avviate a smaltimento. Di seguito si riporta il riepilogo della produzione rifiuti dell anno Come si evince dall analisi dei dati la percentuale di raccolta differenziata si attesta su un buon livello, con il % di rifiuti avviati a recupero, superiore al target previsto dalla vigente normativa (65% entro il art. 205 d.lgs 152/06). RIEPILOGO PRODUZIONE RIFIUTI - anno 2012 Percentuale raccolta differenziata 65,77% Somma di PESO_kg Produttore/Detentore Destinato a RIFIUTO Totale SAGRADO Smaltimento ABBIGLIAMENTO 760 RSU Smaltimento Totale Recupero ACCUMULATORI al Pb 680 APP. ELETTRONICHE CARTA CARTONI FRIGORIFERI INGOMBRANTI LEGNO MEDICINALI 185 METALLO OLI E GRASSI 540 OLIO MINERALE 470 PILE 330 PLASTICA e LATTINE PLASTICA INGOMBRANTE PNEUMATICI TONER 23 TUBI FLUORESCENTI 40 UMIDO VERDE VERNICI VETRO VETRO INGOMBRANTE Recupero Totale Totale complessivo KG Somma di PESO_kg Produttore/Detentore Destinato a RIFIUTO Totale SAGRADO Recupero INERTI Totale complessivo

11 CAP. 8 PIANO FINANZIARIO E CALCOLO ENTRATE TARES 2013 Il Piano Finanziario ai sensi della norma vigente, citata nei primi capitoli, deve essere strutturato come indicato di seguito. Costi di gestione (CG): sono composti dai costi di gestione dei servizi che riguardano i rifiuti indifferenziati sommati ai costi di gestione del ciclo di raccolta differenziata. CG IND: sono i costi di gestione dei servizi RU indifferenziati: (CSL + CRT + CTS + AC) COSTO DESCRIZIONE CONTENUTO CSL costi di spazzamento e lavaggio strade pulizia strade e mercati, raccolta rifiuti esterni e rive dei corsi d acqua CRT costi di raccolta e trasporto tutti i servizi di raccolta dei rifiuti indifferenziati previsti contrattualmente, compreso l eventuale travaso e il trasporto fuori bacino CTS costi di trattamento e smaltimento Costi del termovalorizzatore e/o della discarica per il rifiuto secco non riciclabile AC altri costi campagna informativa, costi di consulenza,oneri peril pagamento di agevolazioni e riduzioni e tutti i costi non precedentemente compresi CGD: sono i costi di gestione del ciclo di raccolta differenziata (CRD + CTR) COSTO DESCRIZIONE CONTENUTO CRD costi raccolta differenziata per materiale per singole filiere costi di appalto o contratto di servizio e/o convenzioni con i gestori CTR costi trattamento e riciclo per umido e verde costi di compostaggio ed eventuale altro trattamento o pretrattamento, per le altre frazioni costi del trattamento o ricavi della vendita Costi comuni (CC): sono i costi attinenti a voci indirettamente legate al servizio CARC + CGG + CCD COSTO DESCRIZIONE CONTENUTO CARC costi amministrativi, di accertamento e di riscossione spese logistiche e del personale che gestisce la tariffa CGG Costi generali di gestione Costo del personale che segue organizzazione del servizio o appalto CCD Costi comuni diversi quote di costi dei materiali e dei servizi di rete quali elettricità, gas, acqua, pulizie, materiali di cancelleria, fotocopie Costi d uso del capitale (CK): sono composti dagli ammortamenti, accantonamenti e remunerazione del capitale investito Amm n + Acc n + R n. COSTO DESCRIZIONE CONTENUTO Amm n Ammortamenti per gli investimenti dell anno n gli ammortamenti per gli investimenti relativi alla gestione dei rifiuti (impianti, mezzi attrezzature, nonché alla realizzazione delle isole ecologiche Acc n Accantonamenti per l anno n Accantonamenti del gestore Accantonamenti per il pagamento di agevolazioni e riduzioni R n Remunerazione del capitale nell anno n Remunerazione del capitale calibrata dal prodotto tra tasso di remunerazione indicizzato all andamento medio annuo del tasso dei titoli di Stato aumentato di 2 punti percentuali e capitale netto investito (valore del capitale iniziale meno ammortamenti) aumentato dei nuovi investimenti 11

12 Prospetto riassuntivo CG - Costi operativi di Gestione ,78 CC- Costi comuni ,24 CK - Costi d'uso del capitale ,45 Minori entrate per riduzioni - Agevolazioni - Contributo Comune per agevolazioni - Totale costi ,48 Riduzione RD ut. Domestiche 3.827,91 RIPARTIZIONE COSTI FISSI E VARIABILI COSTI VARIABILI CRT - Costi raccolta e trasporto RSU ,96 CTS - Costi di Trattamento e Smaltimento RSU ,61 CRD - Costi di Raccolta Differenziata per materiale ,85 CTR - Costi di trattamenti e riciclo ,30 Riduzioni parte variabile - Totale ,71 COSTI FISSI CSL - Costi Spazz. e Lavaggio strade e aree pubbl ,00 CARC - Costi Amm. di accertam., riscoss. e cont ,00 CGG - Costi Generali di Gestione ,81 CCD - Costi Comuni Diversi ,43 AC - Altri Costi ,07 Riduzioni parte fissa - Totale parziale ,31 CK - Costi d'uso del capitale ,45 Totale ,76 Totale fissi + variabili ,48 Tabella 3 - Piano Finanziario TARES

13 8.1 Calcolo entrate tariffarie La formula per il calcolo delle entrate tariffarie a regime è la seguente T = (( CG + CC )n-1 (1 + IPn - X n )) + CKn dove n è l anno di applicazione tariffaria. CG n-1 CC n-1 IP X CK n Entrata tariffaria copertura , ,24 1,5% 1,5% ,45?? 100,00% Tutti i costi esposti sono al netto di IVA, tasse, contributi. T = totale entrate tariffarie CG = Costi generali x = anni di recupero della copertura costi servizio n = anno di riferimento CC = Costi comuni n - 1 = anno precedente X = recupero di produttività IP = inflazione programmata CK = Costi d uso del capitale 8.2 Attribuzione parte fissa e parte variabile L applicazione del metodo previsto dalla norma impone di destinare una parte prevalente delle entrate tariffarie alla copertura della quota variabile. Applicando gli indici presuntivi dell allegato 1 del DPR 158/99, il prevalere di TV su TF porta ad una penalizzazione delle famiglie più numerose, poiché i range degli indici correttivi previsti in relazione al numero dei componenti è più esteso per TV, a seconda del numero dei componenti varia da 0,6 a 4,1 rispetto alla TF dove la variazione è contenuta tra 0,80 E 1,30. Il legislatore indica, inoltre, al comma 1 dell articolo 5 del DPR 158/99, di calcolare la TF per le utenze domestiche in modo da privilegiare i nuclei familiari più numerosi e le minori dimensioni dei locali; le utenze domestiche vanno, però, salvaguardate non solo per la parte fissa domestica (TFd), ma, anche, per il suo effetto combinato con la parte variabile domestica (TVd). TF = CSL + CARC + CGD + CCD + AC + CK TV = CRT + CTS + CRD + CTR 8.3 Definizione tariffe per utenze domestiche e non domestiche Dalla scelta effettuata dalla Giunta Municipale dei coefficienti Kd e dalla quantità di rifiuti totali, si determinano le quote attribuibili in competenza delle utenze non domestiche e conseguentemente a quelle domestiche. Il coefficiente Kd è concepito per essere un riferimento in base alla potenzialità produttiva dei rifiuti delle singole categorie non domestiche. In base ai dati delle metrature di ciascuna utenza non domestica ed ai Kd attribuiti viene effettuata una stima della produzione dei rifiuti delle U.N.D. che sottratta dal valore totale dei rifiuti prodotti determina il quantitativo di rifiuti da imputare alle utenze domestiche. La stima è ottenuta col metodo suggerito dalla circolare del Ministero dell Ambiente n 618/99/17879/108 del , interpretativa del DPR 158/99, ed in particolare in base alle recenti Linee Guida per la 13

14 redazione del piano finanziario e per l elaborazione delle tariffe emanate in merito alla TARES dal Ministero dell Economia e delle Finanze. Tutti i coefficienti ed i relativi intervalli di cui sopra sono riportati negli allegati delle citate linee guida. 8.4 Riduzioni e agevolazioni Tra le riduzioni e agevolazioni, definite dal nuovo Regolamento per l istituzione e l applicazione del Tributo Comunale sui Rifiuti e Servizi (TARES) interno del comune, vanno segnalate: compostaggio domestico: Alle utenze domestiche residenti che abbiano avviato il compostaggio dei propri scarti organici ai fini dell utilizzo in sito del materiale prodotto si applica una riduzione della parte variabile, con obbligo per il soggetto passivo di comunicare agli uffici preposti la cessazione dello svolgimento dell attività di compostaggio. recupero rifiuti speciali assimilati tramite ditte terze: la tariffa relativa alla parte variabile dovuta dalle utenze non domestiche può essere ridotta a consuntivo in proporzione alle quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero nell anno di riferimento, mediante specifica attestazione rilasciata dall impresa, a ciò abilitata, che ha effettuato l attività di recupero. 14

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 26.02.2015 1 Il piano finanziario

Dettagli

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE S e d e OGGETTO : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER

Dettagli

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo 1 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativo alle attività inerenti

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2015

PIANO FINANZIARIO TARI 2015 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO PIANO FINANZIARIO TARI 2015 Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 38 del 30-07-20152015 COMUNU DE GUSPINI PROVINTZIA DE SU CAMPIDANU DE MESU SOMMARIO: Art.

Dettagli

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES)

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES) COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES) Allegato alla deliberazione C.C. n. 15 del 12.07. INDICE 1- Premessa 2- Obiettivi

Dettagli

COMUNE DI GARAGUSO PROVINCIA DI MATERA PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI TARI ANNO 2014

COMUNE DI GARAGUSO PROVINCIA DI MATERA PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI TARI ANNO 2014 COMUNE DI GARAGUSO PROVINCIA DI MATERA PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI TARI ANNO 2014 Ex art. 8 D.P.R. 27 Aprile 1999 n. 158 1 INDICE PREMESSA 1

Dettagli

COMUNE DI GERA LARIO

COMUNE DI GERA LARIO COMUNE DI GERA LARIO (Provincia di Como) TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (T.A.R.E.S.) PIANO FINANZIARIO ESERCIZIO 2013 (Art.23 D.L.201/2011 art. 8 D.P.R. 158/1999) 1 Premessa Il presente documento

Dettagli

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL)

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 4.323.093,28 432.309,33 4.755.402,61 Costi Raccolta e Trasporto R.U. (CRT) 4.204.463,71 420.446,37

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei

Dettagli

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.I. COMUNE DI SORICO Provincia di Como PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.I. Anno 2014 Allegato 1 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL SERVIZIO Il sistema di raccolta rifiuti

Dettagli

P I A N O F I N A N Z I A R I O T A R I

P I A N O F I N A N Z I A R I O T A R I COMUNE DI MARANO (Provincia di Vicenza) P I A N O F I N A N Z I A R I O T A R I 2014 Sommario 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 1.1 Tarsu in vigore sino al 2012... 2 1.2 Tares nel 2013... 2 1.3 Iuc e relative

Dettagli

Comune di Spinadesco - ASPM TARI

Comune di Spinadesco - ASPM TARI Comune di Spinadesco - ASPM TARI PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI AI SENSI DELL ART. 8 DEL DPR 158/99 INDICE PREMESSA NORMATIVA INTRODUZIONE... PARTE

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla CC. n. 13 del 27.07.2015 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2015 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI MAGLIE Provincia di Lecce

COMUNE DI MAGLIE Provincia di Lecce COMUNE DI MAGLIE Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI VENDROGNO Via Don Mario Biagini n. 10 - Prov. Lecco Cap. 23838 Tel. 0341/870157 Partita IVA 00651590135 - Fax 0341/807941 E-mail: info@comune.vendrogno.lc.it Sito: www.comune.vendrogno.lc.it

Dettagli

COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FROSINONE

COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FROSINONE COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FROSINONE PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI)

COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI) Allegato A COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI) A. Premessa A partire dal 1 gennaio 2014 è istituita, nell ambito dell Imposta Unica Comunale

Dettagli

Piano Economico Finanziario

Piano Economico Finanziario Piano Economico Finanziario 2015 Documento allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del / /2015 CG COSTI OPERATIVI DI GESTIONE CGIND Ciclo dei rifiuti urbani indifferenziati CSL Costi di spazz.

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA CONSORZIO INTERCOMUNALE AUTORITA DI BACINO TV 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Giugno 2008 Il Consorzio Intercomunale Priula nasce nel 1987 per volontà di 5 Comuni

Dettagli

PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2015

PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2015 PROVINCIA DI TERAMO Piazza Umberto I n. 16 Codice fiscale 81000270678 Tel. 0861/999113 999312 P.IVA 00824050678 Fax 0861/999432 CAP 64035 Mail: protocollo@comunedicastilenti.gov.it PIANO FINANZIARIO E

Dettagli

COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa

COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 2013 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del 1 IL PIANO FINANZIARIO L

Dettagli

PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI)

PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) (Allegato n l) COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias) PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. ^

Dettagli

COMUNE DI CARPENEDOLO

COMUNE DI CARPENEDOLO COMUNE DI CARPENEDOLO Provincia di Brescia PIANO ECONOMICO FINANZIARIO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI AI SENSI DELL ART. 8 DEL DPR n. 158/1999 ANNO 2015 Pag. 1 Indice Premessa (pag. 3) Riferimenti

Dettagli

OGGETTO: PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PER L ANNO 2013- APPROVAZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PER L ANNO 2013- APPROVAZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PER L ANNO 2013- APPROVAZIONE VISTI: IL CONSIGLIO COMUNALE - l art. 14 del D.L. 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni dalla

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015 RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Comune di PONTEBBA ANNO 2015 Redatto ai sensi dell art. 8 del DPR 27/04/99 n. 158 in applicazione dell art.

Dettagli

COMUNE DI TORRECUSO. Provincia di Benevento VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI TORRECUSO. Provincia di Benevento VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI TORRECUSO Provincia di Benevento COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE DELIBERA N. 35 ADUNANZA DEL 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO TARI. Adunanza straordinaria

Dettagli

COMUNE DI TORCHIARA. Provincia di Salerno PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014

COMUNE DI TORCHIARA. Provincia di Salerno PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014 COMUNE DI TORCHIARA Provincia di Salerno PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014 INDICE 1. Gestione ed organizzazione dei servizi 1.1 Premessa 1.2 Riferimenti normativi

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC COMPONENTE TARI

IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC COMPONENTE TARI COMUNE DI SAN STINO DI LIVENZA Provincia di Venezia IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC COMPONENTE TARI PIANO FINANZIARIO E TARIFFE ANNO 2014 PREMESSA La Legge di Stabilità 2014, n. 147 del 27.12.2013, ha istituito

Dettagli

VALUTAZIONE DEI COSTI DI GESTIONE DEI SERVIZI DI IGENE URBANA IN ITALIA

VALUTAZIONE DEI COSTI DI GESTIONE DEI SERVIZI DI IGENE URBANA IN ITALIA CAPITOLO 6 VALUTAZIONE DEI COSTI DI GESTIONE DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA IN ITALIA ELABORAZIONI DELLE DICHIARAZIONI MUD 6.1 PREMESSA Il capitolo riporta la valutazione dei costi di gestione dei servizi

Dettagli

Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014

Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014 Comune di Boissano Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014 Legge di stabilità 2014 Legge 147/2013 e successive modifiche

Dettagli

COMUNE DI BASCHI Provincia di Terni

COMUNE DI BASCHI Provincia di Terni COMUNE DI BASCHI Provincia di Terni PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani è

Dettagli

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale Città di Ariccia Tariffazione Puntuale Ariccia a Tariffa Puntuale Cos è la Tariffa Puntuale? Breve excursus storico 1997: d.lgs 22/1997 la TIA, Tariffa d Igiene Urbana, destinata a sostituire progressivamente

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

Soddisfazione OVERALL Confronto con gli standard di mercato

Soddisfazione OVERALL Confronto con gli standard di mercato La valutazione overall è quindi calcolata sommando coloro che rispondono in linea con le aspettative oppure supera le aspettative. Dall analisi della tabella successiva emerge che l 88,5 delle utenze ritengono

Dettagli

SANTO STEFANO BELBO PIANO FINANZIARIO 2013. COSTI 2012 x 2013 con IVA

SANTO STEFANO BELBO PIANO FINANZIARIO 2013. COSTI 2012 x 2013 con IVA SANTO STEFANO BELBO PIANO FINANZIARIO 2013 COSTI 2012 x 2013 con IVA Netturbini 29.515,00 Personale dell'ufficio Tributi 68.680,00 Gestione diretta del servizio s.r.s.u. beni cap.1739 + servizi cap. 1739/1

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

Piano finanziario per l applicazione del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARI)

Piano finanziario per l applicazione del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARI) COMUNE DI GENOLA PROVINCIA DI CUNEO Piano finanziario per l applicazione del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARI) ANNO 2014 ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 A. Premessa Il presente Piano Finanziario,

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI LGN_PF_14_Rel.doc PIANO FINANZIARIO DEL DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Relazione Tecnica di accompagnamento Anno 2014 ai sensi dell art. 8 del DPR 27 aprile 1999, n. 158 PREMESSA... 2 1 SINTESI DEL MODELLO

Dettagli

LISTA DEI SERVIZI PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO LISTA A Offerta annuale

LISTA DEI SERVIZI PER L'ESECUZIONE DELL'APPALTO LISTA A Offerta annuale marca da bollo 16,00 Pagina 1 di 5 OFFERTA ECONOMICA Gara del / / LISTA A n prog. PRESTAZIONI d'appalto manodopera Importo totale compreso costi per la manodopera PRESTAZIONI E/O SERVIZI 1 3 4 5 Svuotamento

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2014

PIANO FINANZIARIO TARI 2014 PIANO FINANZIARIO TARI 2014 1. RIFERIMENTI NORMATIVI 1.1 Tarsu in vigore sino al 2012 Visto il quadro particolarmente complesso, si ritiene opportuno riepilogare, almeno negli aspetti salienti, l evoluzione

Dettagli

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Codice Fiscale 00350520177 Anno 2011 SEZIONE ANAGRAFICA Scheda SA - Anagrafica Nome o rag. sociale COMUNE DI Concesio SEDE a cui si riferisce

Dettagli

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012.

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. ALLEGATO 2 Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. Rinnovo convenzione con ATO 5 per la parte economica per l anno 2012 La assemblea di ATO5 del 22/12/2011

Dettagli

Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Comune di Monte San Vito Provincia di Ancona Codice Comune ISTAT 42030

Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Comune di Monte San Vito Provincia di Ancona Codice Comune ISTAT 42030 Comune di Monte San Vito Provincia di Ancona Codice Comune ISTAT 42030 Comune di Monte San Vito (Provincia di Ancona) Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani Anno 2013 Indice Presentazione

Dettagli

Comune di Brenta Provincia di Varese

Comune di Brenta Provincia di Varese Comune di Brenta Provincia di Varese RELAZIOEN AL PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) PER L ANNO 2013 Ex art. 14 D.L. 6 dicembre 2012, n. 201, convertito

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Comune di Casalzuigno Provincia di Varese

Comune di Casalzuigno Provincia di Varese Comune di Casalzuigno Provincia di Varese RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) PER L ANNO 2013 Ex art. 14 DL 6 dicembre 2012, n. 201,

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI VERDELLO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario della componente

Dettagli

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111 SEGUE ALLEGATO N.2 ALLE PRESCRIZIONI DI GARA SCHEDA PREZZI ANNUALI SERVIZI IN APPALTO Servizi base Totale Cernobbio Maslianico Brienno Carate-Urio Laglio Moltrasio Servizio raccolta e trasporto all impianto

Dettagli

COMUNE DI BASSIGNANA PIANO FINANZIARIO TARI 2015

COMUNE DI BASSIGNANA PIANO FINANZIARIO TARI 2015 COMUNE DI BASSIGNANA PIANO FINANZIARIO TARI 2015 1 - Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario della componente TARI (tributo servizio rifiuti) componente

Dettagli

Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in. Andrea M. Lanz

Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in. Andrea M. Lanz Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in convenzione Andrea M. Lanz Premessa (1/4) La Comunicazione Rifiuti urbani e assimilati e raccolti in convenzione (composta dalle Schede RU

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

Computo metrico estimativo

Computo metrico estimativo Gestione integrata dei rifiuti urbani nei Comuni di Boffalora d Adda, Crespiatica, Corte Palasio e Abbadia Cerreto (Unione di Comuni Lombarda Oltre Adda Lodigiano) Computo metrico estimativo Analisi delle

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 8 DEL 01/09/2015 CON POTERI DI CONSIGLIO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 8 DEL 01/09/2015 CON POTERI DI CONSIGLIO ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 8 DEL 01/09/2015 CON POTERI DI CONSIGLIO Oggetto: APPROVAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI DEL SERVIZIO DI

Dettagli

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) *************

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio delle competenze e dei poteri del Consiglio comunale N. 4 del Reg.

Dettagli

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Direttore Generale Carlo Emanuele Pepe Roma, 24 luglio 2014 http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti Enti di gestione 33 AZIENDE di GESTIONE

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E ALLA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE TARES 2013

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E ALLA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE TARES 2013 ALLEGATO N.4 ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. N DEL 1 - Premessa RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E ALLA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE TARES 2013 Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani

Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani Comune di Stezzano ECOSVILUPPO COOP. SOC. ONLUS (Provincia di Bergamo) Via Circonvallazione Ovest n. 50 24040 - Stezzano (BG) Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani Anno 2014 Indice

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

Piano Finanziario 2014 e relazione di accompagnamento per la determinazione del tributo servizio rifiuti TARI

Piano Finanziario 2014 e relazione di accompagnamento per la determinazione del tributo servizio rifiuti TARI COMUNE DI SANT ANTIOCO Provincia di Carbonia - Iglesias Piano Finanziario 2014 e relazione di accompagnamento per la determinazione del tributo servizio rifiuti TARI Ai sensi dell art. 8, D.P.R. 27 aprile

Dettagli

COMUNE DI MONTENERO VAL COCCHIARA Provincia di Isernia

COMUNE DI MONTENERO VAL COCCHIARA Provincia di Isernia COMUNE DI MONTENERO VAL COCCHIARA Provincia di Isernia COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 16 Pubblicata all Albo Pretorio il 14.07.014 al n. 8 OGGETTO: Approvazione Piano Finanziario e tariffe

Dettagli

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI % RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI www.arpa.veneto.it Legambiente COMUNI RICICLONI INDICATORE MULTIPARAMETRICO Non solo %RD (rifiuti avviati a recupero, compresi inerti, ingombranti a spazzamento)

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 20-05-2014. Oggetto : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2014

Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 20-05-2014. Oggetto : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2014 COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 20-05-2014 in seduta di Prima convocazione Oggetto : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2014 Dato atto: che l anno duemilaquattordici il

Dettagli

Calendario Raccolta Rifiuti

Calendario Raccolta Rifiuti P Comune di San Zeno di Montagna Provincia di Verona Calendario Raccolta Rifiuti Modalità e giorni di raccolta ECOman presenta La nuova guida per la raccolta differenziata porta a porta. Più vicino a te,

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO GESTIONE DEI RIFIUTI E TARIFFE TARI ( TRIBUTO SERVIZI RIFIUTI) anno 014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza

Dettagli

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA N. D ORDINE REGISTRO DELLE ORDINANZE 125 DATA EMISSIONE 21/11/2014 SETTORE SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ECOLOGIA OGGETTO DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

Carta dei Servizi di Igiene Urbana

Carta dei Servizi di Igiene Urbana Carta dei Servizi di Igiene Urbana LATINA AMBIENTE S.p.A. Carta dei Servizi di Igiene Urbana INDICE Premessa...2 Articolo 1 Riferimenti normativi...3 Articolo 2 Profilo Aziendale...4 Articolo 3 Principi

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO VISTE e RICHIAMATE integralmente le proprie Ordinanza Sindacali n 213 del 13 novembre 2009 disciplinante il servizio di raccolta dei rifiuti urbani

Dettagli

Domande più frequenti sulla raccolta differenziata porta a porta

Domande più frequenti sulla raccolta differenziata porta a porta Domande più frequenti sulla raccolta differenziata porta a porta Il cittadino è obbligato ad accettare i bidoncini per la raccolta differenziata? Sì, in base alla specifica ordinanza del Sindaco. Quando

Dettagli

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA PROVINCIA DI TORINO La Provincia di Torino impone il raggiungimento del 50% di

Dettagli

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta ! "! 1. Presentazione della società Cisterna Ambiente è l azienda partecipata dal Comune di Cisterna di Latina che gestisce nel territorio comunale i servizi ambientali e cioè la pulizia della città, la

Dettagli

COMUNE DI SAUZE D OULX

COMUNE DI SAUZE D OULX COMUNE DI SAUZE D OULX RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA METODOLOGIA UTILIZZATA PER LA DEFINIZIONE DELLA TARES DI CUI ALL ART.14 DELLA LEGGE N.214/2011 e s.m.i. 1 PREMESSA L'articolo 14 della Legge n.214/11

Dettagli

OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014: Aliquote Tributi Servizi Indivisibili TASI; Aliquote IMU TARIFFE TARI.

OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014: Aliquote Tributi Servizi Indivisibili TASI; Aliquote IMU TARIFFE TARI. DELIBERA N. 11 DEL 20.05.2014 OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014: Aliquote Tributi Servizi Indivisibili TASI; Aliquote IMU TARIFFE TARI. VISTA la legge 27 dicembre 2013 n. 147 (legge di stabilità 2014) che ha stabilito,

Dettagli

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Villafranca d Asti SITUAZIONE ANTECEDENTE Sistema di raccolta fino a marzo 2002 - RSU indifferenziati (cassonetti stradali) - Carta (cassonetti stradali) -

Dettagli

Aimeri Ambiente. per l ambiente. Premessa. Questione Risposte Che fare? Fine

Aimeri Ambiente. per l ambiente. Premessa. Questione Risposte Che fare? Fine l ambiente CARCARE SCUOLE settembre 2012 Sistema Amministrazione Pubblica Gestione Cittadino A che vale accettare che tutto cambi, tranne il nostro modo di pensare? Einstein Il cambiamento non va accettato,

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E AL PIANO TARIFFARIO TARI 2014

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E AL PIANO TARIFFARIO TARI 2014 RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E AL PIANO TARIFFARIO TARI 2014 A - Premessa Nell anno 2013 è stato introdotto in tutti i Comuni italiani il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) di cui all

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI (FAQ) - DOMANDE FREQUENTI 1. PERCHÉ SI E SCELTO DI INTRODURRE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A PORTA? Il servizio di raccolta porta a porta si propone di responsabilizzare gli utenti rispetto ai problemi

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10

COMUNE DI SALUGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10 Copia COMUNE DI SALUGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10 OGGETTO: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) - APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE - ANNO 2015 L anno duemilaquindici addì trentuno

Dettagli

COMUNE DI CORTE BRUGNATELLA

COMUNE DI CORTE BRUGNATELLA COMUNE DI CORTE BRUGNATELLA PROVINCIA DI PIACENZA Piazza S. Balletti 2 29020 Marsaglia (PC) Tel 0523/969011 Fax 0523/969012 - Ragioneria.cortebrugnatella@sintranet.it C.F. 80004220333 P.I. 00777240334

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI IGIENE AMBIENTALE

CARTA DEI SERVIZI DI IGIENE AMBIENTALE CARTA DEI SERVIZI DI IGIENE AMBIENTALE 1. PREMESSA................................................................ pag. 3 1.1 PERCHE LA CARTA DEI SERVIZI? 1.2 L AZIENDA 1.3 IRIS ISONTINA S.p.A. OGGI 1.4

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

CITTÀ DI RAGUSA SETTORE VIII. www.comune.ragusa.it. ORDINANZA N. 275 R.O.S. del 06/02/2012. Oggetto: Regolamentazione servizio integrato dei rifiuti.

CITTÀ DI RAGUSA SETTORE VIII. www.comune.ragusa.it. ORDINANZA N. 275 R.O.S. del 06/02/2012. Oggetto: Regolamentazione servizio integrato dei rifiuti. CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it SETTORE VIII Ambiente, Energia, Protezione Civile Via Mario Spadola, 56 Pal. Ex Consorzio Agrario - Tel. 0932 676436 Fax 0932 676438 - E-mail giulio.lettica@comune.ragusa.gov.it

Dettagli

CRITERI DI REDAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO -LINEE GUIDA-

CRITERI DI REDAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO -LINEE GUIDA- CRITERI DI REDAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO -LINEE GUIDA- Gruppo di Lavoro Tariffa 05 dicembre 07-1 - 1 Introduzione...3 2 Criteri generali...5 3 Analisi delle singole voci del DPR 158/99...8 3.1 CGIND

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

Definizione delle linee guida per la predisposizione delle delibere e dei regolamenti concernenti le entrate tributarie locali e strumenti prototipali

Definizione delle linee guida per la predisposizione delle delibere e dei regolamenti concernenti le entrate tributarie locali e strumenti prototipali PROGRAMMA OPERATIVO GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA FSE 2007 2013 OBIETTIVO 1 CONVERGENZA ASSE E CAPACITÀ ISTITUZIONALE Obiettivo specifico 5.2 Migliorare la cooperazione interistituzionale e le capacità

Dettagli

Definizione delle linee guida per la predisposizione delle delibere e dei regolamenti concernenti le entrate tributarie locali e strumenti prototipali

Definizione delle linee guida per la predisposizione delle delibere e dei regolamenti concernenti le entrate tributarie locali e strumenti prototipali PROGRAMMA OPERATIVO GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA FSE 2007 2013 OBIETTIVO 1 CONVERGENZA ASSE E CAPACITÀ ISTITUZIONALE Obiettivo specifico 5.2 Migliorare la cooperazione interistituzionale e le capacità

Dettagli

www.studio-life.it Rimini 27 08 2012 Ciclo rifiuti urbani SIA Servizio Integrato Ambiente

www.studio-life.it Rimini 27 08 2012 Ciclo rifiuti urbani SIA Servizio Integrato Ambiente www.studio-life.it Rimini 27 08 2012 Ciclo rifiuti urbani SIA Servizio Integrato Ambiente Coinvolgimento utenza Coinvolgimento utenza Coinvolgimento utenza GESTIONE Prevenzione minimizzazione riutilizzo

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro.

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. Poste Italiane - tassa pagata - invii senza indirizzo auto./dc/er/bo/isi/3627/2003 del 20/06/2003. Alla

Dettagli

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI

Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Spett.le ASIT S.p.A. Largo S.Francesco, 1 05035 TERNI Oggetto: Richiesta di CONVENZIONE per il conferimento dei rifiuti assimilati agli urbani presso il Centro di Raccolta del Comune di Narni sito in Strada

Dettagli