SUDAFRICA DATI MACROECONOMICI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SUDAFRICA DATI MACROECONOMICI"

Transcript

1 SUDFRIC DTI MCROECONOMICI Reddito pro-capite euro Tasso di inflazione % 4,4 Tasso di disoccupazione % 25,5 Tasso di variazione del PIL (2014 su 2013) % 1,4 Previsione di crescita del PIL per il 2015 % 2,5 Totale import Miliardi di euro 81,28 Totale export Miliardi di euro 74,35 Saldo bilancia commerciale Miliardi di euro -6,93 Totale importazioni dall Italia Miliardi di euro 1,66 Totale esportazioni verso l Italia Miliardi di euro 1,53 Saldo interscambio Italia Miliardi di euro -0,13 Investimenti esteri verso il paese Miliardi di euro 6,16 Investimenti del paese all estero Miliardi di euro 4,23 Investimenti italiani nel paese Miliardi di euro 0,03 Investimenti del paese in Italia Miliardi di euro n.d. Fonti: South frican Reserve Bank; FMI; Statistic South frica e South frica Revenue Service; ISTT; Infomercatiesteri. I dati dell interscambio con l Italia sono riferiti al periodo gennaio-novembre I dati sugli investimenti sono aggiornati al 2013.

2 Business tlas Medio Oriente e frica Sud frica Johannesburg CRTTERISTICHE DEL PESE Fuso orario (rispetto all Italia): +1 Superficie: kmq Popolazione 1 : 54 milioni Comunità italiana: Capitale: Città del Capo ( ) capitale legislativa e sede del Parlamento; Pretoria ( ) capitale amministrativa e sede del Governo; Bloemfontein ( ) capitale giudiziaria, sede dell lta Corte di Giustizia Città principali: Johannesburg ( ), Durban ( ), Port Elizabeth ( ), East London ( ), Pietermaritzburg ( ) Moneta: Rand (ZR) Tasso di cambio 2 : 1 Euro=14,403 ZR Lingua: 11 ufficiali (Inglese, frikaans e 9 lingue bantu); Inglese per uso commerciale Religioni principali: Cristiani (68%); nimisti (10,5%); Induisti (1,7%); Musulmani (1,1%); Ebrei (0,5%) Ordinamento dello Stato: Repubblica Parlamentare, la cui Costituzione, negoziata al termine del processo di transizione dal regime di partheid, è entrata in vigore nel Il Parlamento è composto dall ssemblea Nazionale (400 membri) e dal Senato (90 membri) Suddivisione amministrativa: 9 Province con una certa autonomia amministrativa; alcuni ambiti rimangono di competenza statale. QUDRO DELL ECONOMI 3 Quadro macroeconomico L economia sudafricana è la più avanzata del continente (genera un terzo del reddito africano), sviluppata in uno spettro molto ampio di settori produttivi con standard operativi vicini ai livelli dei paesi industriali. È dotata di infrastrutture articolate, di un settore manifatturiero caratterizzato da buon livello di produttività e di un settore servizi ampiamente sviluppato, con un sofisticato comparto finanziario dotato di solide istituzioni. Rappresenta la porta d ingresso ai mercati della regione dell frica australe sia dal punto di vista logistico che finanziario e commerciale. Il Paese guida il continente nella produzione industriale (40% della produzione) e nella produzione mineraria (45%) e genera la maggior parte dell energia elettrica (oltre il 50%). Nel 2014, nonostante le stime dell anno precedente prevedessero un incremento del PIL pari al 2,7%, il dato rilevato a fine anno ha dimostrato un aumento dimezzato rispetto alle aspettative, attestandosi all 1,4%. Per il 2015 si prevede una crescita pari al 2,5%. La performance economica riflette il momento negativo dei mercati internazionali e le criticità strutturali interne (ritardo nel risanamento dei conti pubblici), fattori che hanno un impatto negativo anche sul settore dell export. Uno dei settori che ha mostrato ritmi di crescita più consistenti è quello bancario e finanziario, che resta uno dei comparti di punta dell economia del Paese. ltri settori in crescita sono quello immobiliare, il commercio al dettaglio e l industria manifatturiera. Continua a persistere il problema della disoccupazione con un tasso pari al 25,5% registrato nel terzo trimestre 2014, in aumento dell 1% rispetto all anno precedente; a tal proposito, il Piano governativo National Development Plan è volto al rilancio economico con la promessa della creazione di milioni di posti di lavoro entro il 2020, grazie alla collaborazione tra settore pubblico e privato. Non mancano elementi positivi: il World Investment Report (WIR 2014) ha posto il Sudafrica tra le prime 20 economie che - per il periodo attraggono flussi di investimenti da parte delle imprese transnazionali (TNC). Durante l anno 2014 il continente fricano ha visto crescere del 4% i flussi commerciali, grazie all incremento degli scambi interni tra Paesi africani guidati da Sudafrica, Kenya e Nigeria. Per l anno 2015 la Banca Mondiale colloca il paese al 43 posto nel mondo (dei 189 paesi analizzati), in dicesa di due posizioni rispetto all anno precedente a causa dei problemi della rete elettrica. Il Paese ha, tuttavia, migliorato il proprio sistema burocratico riducendo i tempi relativi al trasferimento di proprietà, all avvio di un attività, alle transazioni commerciali e agli adempimetni fiscali 4. Molto attivo è anche il ruolo del Sudafrica nel gruppo dei 1 Fonte: Statistics South frica 2 Tasso di cambio medio Fonti: South frican Reserve Bank; FMI; Statistic South frica e South frica Revenue Service; Rapporto Congiunto mbasciate/ Consolati/ENIT 2013, Sudafrica: consigli utili e percorsi aziendali di successo-banca Popolare di Vicenza. 4 Fonte:

3 paesi BRICS. Si è tenuta a Fortaleza (Brasile), nel mese di luglio 2014, un importante summit dei cinque paesi emergenti. L incontro ha dato vita a due importanti organismi finanziari, la New Development Bank (NDB) e il Contingency Reserve rrangement (CR). I cinque Paesi saranno alla guida di questi enti secondo una turnazione quinquennale e tutti i Paesi avranno pari poteri e pari diritti. Principali settori produttivi Il Paese, per quanto riguarda il settore minerario, si colloca al quinto posto su scala mondiale grazie all 80% delle risorse mondiali di platino e all 11% di oro. Il Sudafrica inoltre è uno dei maggiori fornitori di cromo e manganese 5. L agricoltura nel 2014 ha continuato a crescere raggiungendo, nel terzo trimestre, un incremento dell 8,9%. Il secondario ha registrato un incremento nel terzo trimestre del 9,5%. Incrementi contenuti si sono registrati per servizi governativi (+3,2%), trasporti e telecomunicazioni (+2,2%), servizi finanziari (+2,2%) e commercio all ingrosso/dettaglio (+1,5%). Un dato negativo arriva dal settore elettrico in calo del 1,8%. La compagnia Eskom ha proposto un aumento delle tariffe del 16% a partire dall anno in corso per un periodo di cinque anni, per sostenere lo sviluppo delle infrastrutture e far fronte alla crescente domanda. Infrastrutture e trasporti La rete stradale si estende per tutto il Paese con tratte autostradali ramificate; quella ferroviaria copre circa km, elettrificati per circa la metà (Blue Train e Rovos Train, due linee di proprietà privata, gestiscono il segmento viaggi di lusso). I principali porti sono localizzati a Durban, Richards Bay, Città del Capo, East London, Port Elizabeth e Mossel Bay. La Compagnia MSC, Messina Lines e LLoyd Triestino svolgono un servizio frequente e regolare di trasporto container dall Italia. Gli aeroporti principali si trovano a Johannesburg (che serve anche Pretoria), Città del Capo e Durban. Commercio estero 6 Totale import: mld/euro 81,28 (+4,63%) Totale export: mld/euro 74,35 (+2,44%) Principali prodotti importati: (%) oli di petrolio o di minerali (24); reattori nucleari, caldaie e altri dispositivi (14); apparecchi telefonici (3); prodotti farmaceutici (2); ortaggi (2); bestiame e prodotti di origine animale (1). Principali prodotti esportati: (%) minerali ferrosi (14); platino, incluso cromo (9); manganese (9); motori e autoricambi (9); oro (7); carbone (6); diamanti (2). Principali partner commerciali: Paesi Clienti: (%) Cina (13); US (8); Giappone (7); Botswana (5); Germania (5) Fonte: Department of Trade and Industry DTI 7 Fonte: ISTT (gennaio-novembre 2014) 8 Fonte: Rapporto congiunto ICE ; Il Sole 24 ore, UN s Global Investment Trends Monitor, Sudafrica: consigli utili e percorsi aziendali di successo-banca Popolare di Vicenza. Business tlas Sud frica Paesi Fornitori: (%) Cina (15); Germania (10); rabia Saudita (8); US (6); India (5); Nigeria (4). Interscambio con l Italia 7 Saldo commerciale: mld/euro -0,13 Principali prodotti importati dall Italia: (mld/ euro) macchinari ed apparecchi n.c.a. (0,55); apparecchi elettrici (0,18); mezzi di trasporto (0,13) Principali prodotti esportati in Italia: Principali prodotti esportati: (mld/euro) metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (0,98); prodotti dell estrazione di minerali da cave e miniere (0,23); prodotti alimentari, bevande e tabacco (0,08). Investimenti esteri (principali Paesi e settori) 8 Il Sudafrica per l anno 2014 si è classificato al 13 posto (su 25) nella classifica dei Paesi con maggiore capacità di attrazione di investimenti diretti esteri, avanzando di due posizioni rispetto all anno precedente. Il settore dei beni strumentali risulta, attualmente, quello che presenta le opportunità più interessanti per gli investitori esteri, sia in virtù degli sforzi intrapresi dal paese per espandere ed ammodernare le proprie infrastrutture, sia per l esigenza di promuovere lo sviluppo delle produzioni manifatturiere a maggior valore aggiunto. Interessanti spazi di mercato si aprono nel comparto dei beni intermedi, in particolare nei settori: meccanica, energia (sistemi di trasmissione e stoccaggio, green enenergy), ICT, costruzioni e impiantistica. In rapida ascesa anche il comparto degli strumenti tecnologici e dell e-commerce. Da parte sudafricana si cerca di stimolare investimenti che comportino significativi trasferimenti di tecnologia, massiccio impiego di manodopera locale e produzioni di beni destinati all esportazione. Tra i settori considerati prioritari dal Ministero dell Industria e del Commercio Estero (DTI) troviamo: il comparto tessuti, abbigliamento, calzature e pelle, quello chimico-farmaceutico, l automotive, il settore dei trasporti, minerario, energetico e turistico. Tra i fattori che rendono eventuali investimenti particolarmente interessanti, ci sono un adeguata protezione degli investimenti da parte dello Stato, il basso costo della manodopera, l ottimo livello delle infrastrutture e del sistema finanziario, i ridotti costi dell energia elettrica e delle materie prime in generale. ll estero del Paese: area sub-sahariana (Tanzania, ngola) in particolare nei settori: minerario, assicurativo, commercio all ingrosso e al dettaglio, costruzioni, trasporti, bancario e finanziario; importanti sono anche i flussi verso ustralia, Brasile, Russia e Libano. Verso il Paese: i principali partner commerciali del Sudafrica sono: Cina (14,4%), Germania (10,1%), rabia Saudita (7,7%), US (7,4%), Giappone (4,6%) e India (4,5%) nei settori: minerario e dei prodotti metallici, costruzioni, bancario e finanziario, chimico, automotive e componentistica, ICT, agroalimentare.

4 Italiani verso il Paese: l Italia si trova al 14 posto della graduatoria stilata dal DTI (rimanendo stabile rispetto all anno precedente). I rapporti tra i due Stati hanno registrato un incremento costante a partire dal 2013, anno in cui la bilancia commerciale ha registrato per la prima volta un dato positivo. Il trend è continuato anche durante l anno scorso e, secondo le stime attuali, proseguirà anche nel corso del 2015 prevedendo un aumento sia delle importazioni sia delle esportazioni. Tra gli investimenti italiani (produttivi e commerciali) si segnalano: Duferco (acciaieria), Luxottica, Ferrero, Maccaferri (meccanica), Techint/Tenova (forni siderurgici), Mario Levi (sedili per auto), Pirelli Sicad (nastri adesivi per imballaggio). Diverse inoltre sono le imprese italiane che hanno aperto sedi di rappresentanza o filiali di distribuzione nel paese. In Italia del Paese: solo le più grandi aziende sudafricane (come la Sasol, Capespan, SB Miller e Sappi) hanno filiali in Italia. I settori principali sono: alluminio, metalli preziosi, marmo e granite, agroalimentare, artigianato e articoli di design. SPETTI NORMTIVI E LEGISLTIVI Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: necessari fattura commerciale, polizza di carico con copie non negoziabili, lista delle casse imballate, modulo doganale ai sensi dell articolo 17 del Regolamento Ce 612/2009 e SD 500. Per alcuni prodotti alimentari, alcolici e medicamenti, è consigliabile la licenza di importazione e certificazioni fitosanitarie rilasciate dagli istituti di competenza dal Paese di origine. Le operazioni di sdoganamento devono essere seguite da genti Doganali. Classificazione doganale delle merci: dal 1994 il sistema delle tariffe doganali è stato semplificato e razionalizzato al fine di adeguarlo ai requisiti previsti dagli impegni assunti in sede WTO. I dazi doganali comprendono nove livelli tariffari compresi in un intervallo da 0 al 30%. Restrizioni alle importazioni: ogni anno il Department of Trade and Industry pubblica una lista di merci sottoposte a licenza di importazione, anche se negli ultimi anni l emissione di licenze è stata limitata a favore dell imposizione di barriere di tipo tariffario. Business tlas Medio Oriente e frica ttività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: parità di trattamento per investitori locali ed esteri; questi ultimi hanno ampia autonomia nella scelta dei programmi di investimento, della forma societaria da adottare, delle aree merceologiche (ad eccezione di sicurezza e difesa) e sull utilizzo di finanziamenti interni. Legislazione societaria: la normativa in materia prevede la Close Corporation, i cui soci sono persone fisiche con responsabilità limitata (ritenuta poco competitiva per investitori stranieri); la Company, pubblica nel caso possa emettere azioni trasferibili, e privata; la Private Company, forma societaria più diffusa, può constare di un socio/amministratore unico, e di un rappresentante legale che deve obbligatoriamente essere residente in Sudafrica; la Subsidiary, ovvero sussidiaria di società estere, è considerata a tutti gli effetti di diritto sudafricano; sono, infine, previste le filiali considerate di diritto straniero e soggette all obbligo di registrazione. Brevetti e proprietà intellettuale Il brevetto su invenzioni, marchi e proprietà industriale, richiede una registrazione che viene effettuata da Uffici legali specializzati. Nel 1999 il Sudafrica ha aderito al Trattato per la Cooperazione sui Brevetti (PCT) che consente al richiedente di depositare la richiesta in uno dei Paesi aderenti. I marchi, invece, sono regolamentati dalla Legge sui Marchi (Trade Marks ct) del 1993; la protezione ha la durata di 10 anni rinnovabile. La disciplina e la tutela del Diritto d utore è prevista dalla Legge sul Diritto d utore (Copyright ct) del 1978; i diritti d autore hanno una durata massima di 50 anni. Sistema fiscale nno fiscale: 1 marzo 28 febbraio Imposta sui redditi delle persone fisiche 9 Reddito imponibile (ZR) liquota % R % R % R % R % oltre R % Tassazione sulle attività d impresa: soggette tutte le società con sede in Sudafrica, mentre quelle straniere sono tassate esclusivamente sui proventi realizzati nel Paese e sui capital gain di beni immobili e di asset dei propri fondi. L imposta sul reddito delle persone giuridiche è pari al 28%. È prevista, in aggiunta, la Tassa Secondaria per le Società (STC) del 15% sui dividendi netti dichiarati. Le filiali o gli uffici di imprese straniere le cui operazioni avvengono in Sudafrica sono soggette ad una tassazione del 33% sui profitti effettuati. Imposta sul valore aggiunto (VT): 14% sulla vendita di beni e servizi (sono esclusi alcuni prodotti alimentari). Esenti i dividendi di società locali, tassabili, invece, quelli di compagnie straniere, ma con soci sudafricani. È, inoltre, prevista una trattenuta fiscale del 12% sulle royalties. NOTIZIE PER L OPERTORE Rischio Paese 10 3/7 Condizioni di assicurabilità SCE 11 apertura senza condizioni 9 Il reddito soggetto alla normale tassazione include le annualità (lavorative e non), lo stipendio o altri benefit lavorativi, l indennità per la perdita del lavoro o la variazione dello stesso e le entrate diverse dallo stipendio. 10 Fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default 11 Per maggiori informazioni

5 Sistema bancario Il sistema bancario si ispira al modello anglosassone. Le banche registrate presso la South frican Reserve Bank (Banca Centrale) sono oltre 50. Sono presenti, inoltre, 7 filiali e 60 uffici di rappresentanza di banche estere. Johannesburg Stock Exchange o JSE, al quindicesimo posto fra le Borse mondiali, è il più importante mercato finanziario africano con 660 società quotate. Le 5 banche più importanti (nglo merican, Sanlam, Rembrandt, S Mutual e Liberty Life), che 14 anni fa controllavano l 85% della capitalizzazione del mercato, hanno ridotto la loro quota al 67%. Business tlas Sud frica ccordi con l Italia ccordo sulla doppia imposizione, ccordo per la promozione e la protezione degli investimenti, ccordo per la cooperazione nei campi delle arti, della cultura, dell educazione e dello sport, ccordo per la coproduzione cinematografica. Costo dei fattori produttivi MNODOPER (in euro) 13 CTEGORI D Operaio Impiegato Dirigente TSSO BNCRIO (SRB) 12 TIPOLOGI VLORE REPO 5,75% PRIME 9,25 % R208 7,06 % R186 7,54 % SBOR 5,665 % Principali finanziamenti e linee di credito Le principali banche commerciali sudafricane attuano linee di credito per operazioni finanziarie e commerciali. L Investiment Development Corporation (IDC) dispone di altre linee di credito per investimenti produttivi. TTIVITÀ SIMEST Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica collegati agli investimenti art. 6, c. 2 lettera b della L. 6/10/2008 n 133 Investimenti esteri Legge 100/90 Fondo di Venture Capital Crediti all esportazione Dlgs. 143/98 (già Legge 227/77) Finanziamenti per l inserimento sui mercati esteri art. 6, c. 2 lettera a della L. 6/10/2008 n 133 Finanziamenti per la prima partecipazione a fiere/mostre Servizi di assistenza tecnica e consulenza professionale Ricerca partner/opportunità d investimento Per ulteriori informazioni si vedano le pagg Parchi industriali e zone franche Presenti circa 50 parchi industriali. È prevista, inoltre, la realizzazione di 6 Free Trade Zone nei maggiori porti e presso il O.R. Tambo International irport. 12 Fonte: South frican Reserve Bank 13 Fonte: Statistics South frica 14 Fonte: Eskom 15 Fonte: The of S 16 Fonte: Usgs Georgia Water Science Center 17 Fonte: Global Property Guide 18 Fonte: Ministero degli ffari Esteri e della Cooperazione Internazionale (www.esteri.it) Organizzazione sindacale I principali sindacati sono: Congress of South frican Trade Unions (COSTU), Federation of Unions of South frica (FE- DUS), National Council of Trade Unions (NCTU). ELETTRICIT D USO INDUSTRILE (in / Kw/h) 14 D lta e media tensione 0,051 0,099 PRODOTTI PETROLIFERI (in /litro) 15 D Benzina 0,69 0,76 Diesel 0,68 0,74 CQU (in /m 3 ) 16 D d uso industriale 0,38 0,63 IMMOBILI (in /m 2 ) 17 D ffitto locali uffici 2,5 9 Indirizzi Utili NEL PESE INFORMZIONI UTILI RETE DIPLOMTICO CONSOLRE 18 mbasciata d Italia 796 George venue, 0083 rcadia Pretoria (Canc. Dipl. anche a Cape Town nei mesi di gen/feb: 2 Grey s Pass - Gardens ) tel / fax Consolato Generale 37 1st venue (Corner 2nd Street) - Houghton Estate, 2196 Houghton Orange Grove 2119 Johannesburg tel /3 - fax

6 LTRI UFFICI Istituto Italiano di Cultura 803 George venue 0083 rcadia Pretoria tel fax Istituto Dante lighieri Johannesburg 46 3rd Street, Houghton Estate tel Cape Town 14 Tuin Plein, Gardens tel Business tlas Medio Oriente e frica Formalità doganali e documenti di viaggio Richiesto il passaporto. Non è necessario il visto per soggiorni turistici inferiori a 3 mesi. Nessun limite all importazione di valuta straniera. Corrente elettrica: 220 V, 50 cicli, prese a tre con messa a terra (380 V è disponibile per l industria). Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven Negozi: lun-sab ; dom Banche: lun-ven ; sab genzia ICE Chester Road 2193 Parkwood Johannesburg Parklands tel fax Ufficio SCE Building 3, No 4 Karen Street, Bryanston Johannesburg, South frica tel +27 (11) fax +27 (11) ISTITUTI DI CREDITO ITLINI BNL c/o BNP Paribas Per informazioni e assistenza sui progetti di sviluppo internazionale: UniCredit Markets & Investment Banking Bayerische Hypo - und Vereinsbank (Ufficio di rappresentanza): 1 Rockridge Road, Parktown Johannesburg tel fax IN ITLI RETE DIPLOMTICO-CONSOLRE mbasciata via Tanaro Roma tel fax Consolato Generale vicolo S.Giovanni sul Muro Milano tel fax ISTITUTI DI CREDITO Standard Bank (Ufficio di rappresentanza): largo Treves, Milano tel fax Investec sset Management Largo Richini 6, Milano Tel Festività 1 gennaio; 21 marzo; 9, 12, 27 aprile; 1 maggio; 16 giugno; 9 agosto; 24, 25 settembre; 16, 25, 26 dicembre. Dalla metà di dicembre alla metà di gennaio, le attività industriali e commerciali sono ferme per le ferie estive. ssistenza medica Pronto Soccorso: Morninside Mediclinic: Sandton Mediclinic: Donald Gordon: Linksfield Park Clinic: Cape Town Mediclinic: MEZZI DI TRSPORTO Compagnia aerea di bandiera: South frican irways ltre compagnie che eseguono collegamenti con l Italia: (non presenti voli diretti con il Paese) Qatar irways, Swiss ir, British irways, KLM, ir France, Turkish irlines, Emirates. Trasferimenti da e per l aeroporto: dall aeroporto internazionale di Johannesburg con il Gautrain, in soli 15 minuti, si arriva al centralissimo quartiere di Sandton (euro 10 solo andata; in taxi dall aeroporto di Johannesburg o Città del Capo al centro il prezzo è di circa euro 50. Siti di interesse Dipartimento per il commercio e l industria del Sud frica: Delegazione Commissione: Informazioni sulle fiere: Informazioni e siti utili: 19 Fonte: genzia ICE

7 Business tlas Sud frica Camera di Commercio Italo-Sudafricana Johannesburg NNO DI FONDZIONE: 1984 NNO DI RICONOSCIMENTO: 1991 PRESIDENTE: ntonio Cimato SEGRETRIO GENERLE: Mariagrazia Biancospino INDIRIZZO: Cnr Regent Street & Kirkby Road, Suite 3B - Bedford Manor Office Suites Bedfordview, 2047 TELEFONO: FX: WEB: EMIL: ORRIO: NUMERO DEI SOCI: 260 QUOT SSOCITIV: in Sud frica - Board/Funding Members: ZR per anno, con un impegno di tre anni; Trustee/Supporting Members: ZR per anno, con un impegno di tre anni; soci ordinari: ZR in Italia - patrocinatori: euro 1.000; finanziatori: euro 500; aziende/società: euro 250; CCI: euro 200 NEWSLETTER: ITLCHM News (mensile) PUBBLICZIONI: Directory & magazine 2015; Business person of the year 2015; Italcham services 2015 CCORDI DI COLLBORZIONE: Univeristà degli Studi di Torino; Università Luigi Bocconi di Milano; Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM (Milano); Università Cattolica del Sacro Cuore (Milano); Università Ca`Foscari (Venezia); Università di Trento

Dati macroeconomici anno 2011

Dati macroeconomici anno 2011 Dati macroeconomici anno 2011 Reddito Procapite 2.700 Tasso di inflazione % 4,9 Tasso disoccupazione % 23,9 Tasso di variazione del PIL % 3,1 Previsione di crescita PIL per il 2012 % 2,5 Totale import

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

Scheda Paese SUD AFRICA. Camera di Commercio Italo-Sudafricana

Scheda Paese SUD AFRICA. Camera di Commercio Italo-Sudafricana Scheda Paese SUD AFRICA Camera di Commercio Italo-Sudafricana Dati macroeconomici anno 2010 Reddito Procapite 4.213 Tasso di inflazione % 5,2 Tasso disoccupazione % 25,3 Tasso di variazione del PIL % 2,3

Dettagli

Il Sud Africa, Informazioni Generali

Il Sud Africa, Informazioni Generali Il Sud Africa, Informazioni Generali Il Sudafrica South Africa in brief ) Informazioni (South African flag) Generali Il Sudafrica è una Democrazia Costituzionale nella forma di una Repubblica Parlamentare

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 1 Agenda > Focus Paese > Le zone economiche speciali > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 2 Perché investire in India? Crescita economica > 7,4% nell anno fiscale 09-10; 6,7% nel 08-09; previsioni

Dettagli

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica

Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici. Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Hong Kong e Macao Introduzione generale Dati macroeconomici Hong Kong porta d ingresso della Cina Analisi geo-economica e politica Perche investire a Hong Kong Analisi dei dati di import/export di Hong

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono:

EMIRATI ARABI UNITI. Vicenza, 2 ottobre 2007. Dove sono: EMIRATI ARABI UNITI Vicenza, 2 ottobre 2007 Dove sono: 1 Chi sono: Forma istituzionale: Confederazione di 7 Emirati costituita il 2 dicembre 1971 Abu Dhabi Dubai Sharjah Ajman Ras al Khaimah Fujairah Umm

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

SUD AFRICA Dati macroeconomici 2013

SUD AFRICA Dati macroeconomici 2013 SUD AFRICA Dati macroeconomici 2013 Reddito Procapite Euro 8.980 Tasso di inflazione % 5,8 Tasso disoccupazione % 24,2 Tasso di variazione del PIL % 2,8 Previsione di crescita PIL 2014 % 3,8 Totale import

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati)

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA OPPORTUNITÀ: Dato che il settore logistico in senso stretto (considerando cioè gli operatori di piattaforme o snodi di traffici merci dove vengono compiute operazioni

Dettagli

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones Quadro legislativo, normativa societaria e free zones SEZIONE I. Normativa Societaria Le forme societarie riconosciute negli EAU Le filiali e gli uffici di rappresentanza Le licenze necessarie SEZIONE

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Progetto Nord Europa. Il mercato del vino in Norvegia. Presentazione elaborata dall Ufficio ICE di Oslo

Progetto Nord Europa. Il mercato del vino in Norvegia. Presentazione elaborata dall Ufficio ICE di Oslo Progetto Nord Europa Il mercato del vino in Norvegia Presentazione elaborata dall Ufficio ICE di Oslo 1 Quadro congiunturale Al secondo posto al mondo per reddito pro-capite, la Norvegia, paese con 4,5

Dettagli

Dati generali e indici di rischio

Dati generali e indici di rischio ANGOLA Dati generali e indici di rischio Capitale Luanda Popolazione (milioni) 20,82 61/100 80/100 70/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 131,79 controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Elettrificazione rurale in Africa: opportunità di business per le aziende Italiane del comparto Energia

Elettrificazione rurale in Africa: opportunità di business per le aziende Italiane del comparto Energia Elettrificazione rurale in Africa: opportunità di business per le aziende Italiane del comparto Energia Workshop on the European Commission Electrification Financing Initiative (ElectriFI ) Rome, April

Dettagli

Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale

Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale Dati principali sul paese Cos è SIEPA? Motivi per investire in Serbia Accordi di libero scambio Fondi disponibili per gli investimenti

Dettagli

Investire in Sudafrica

Investire in Sudafrica Investire in Sudafrica Quadro economico e politico Camera di Commercio di Verona 28 febbraio 2013 Il Sudafrica in sintesi Superficie 1.220.813 km 2 Popolazione 50,59 milioni (2011) Valuta Rand (1 = 11,58

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013 MATCHING Brasile San Paolo, 24-25 giugno 2013 LE INFORMAZIONI GENERALI I settori* coinvolti sono : Agricolo, agroalimentare (food & beverage), agroindustriale Edilizia e impiantistica: materiali e prodotti

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA

IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA Gian Carlo Bertoni Responsabile Dipartimento Promozione e Marketing Roma, 25 settembre 2007 Cina: punti di di forza sesta grande potenza economica

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Ascoli Piceno, 24 ottobre 2014 Agenda 1 L identikit delle

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map GEORGIA Capitale Tbilisi Popolazione (milioni) 4,48 55/100 49/100 78/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 27,3 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Il processo di internazionalizzazione

Il processo di internazionalizzazione Il processo di internazionalizzazione Brescia, 16 aprile 2015 CONTENUTI Chi e Crossbridge Le fasi del processo di internazionalizzazione Le esperienze Le opportunità nel Far East I partner di Crossbridge

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Torino, 3 luglio 2014 Agenda 1 L identikit delle imprese

Dettagli

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE Novembre 2010 Report realizzato dalla Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry Introduzione L industria della trasformazione alimentare in India è una

Dettagli

BENVENUTI IN GEORGIA!

BENVENUTI IN GEORGIA! BENVENUTI IN GEORGIA! GEORGIA DEPARTMENT OF ECONOMIC DEVELOPMENT TORINO, Giugno 2013 ACCESSO GLOBALE: LOCALITÀ STRATEGICA IN UNA REGIONE CRESCENTE Regione del Sud-Est in crescita Il PIL della regione consistente

Dettagli

XIV Convention Nazionale

XIV Convention Nazionale XIV Convention Nazionale LA LOGISTICA ITALIANA, LEVA STRATEGICA PER L ECONOMIA INTERNAZIONALE Riccardo Fuochi, Presidente The International Propeller Club Port of Milan Milano, 23 ottobre 2015 Benvenuti

Dettagli

Scheda Paese SUD AFRICA

Scheda Paese SUD AFRICA Scheda Paese SUD AFRICA Dati macroeconomici 20122 Reddito Procapite Tasso di inflazione Tasso disoccupazione Tasso di variazione del PIL Previsione di crescita PIL 2013 Totale import Totale export Saldo

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5.

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5. 1. Orientamento alle esportazioni Oggi il Cile detiene il primato mondiale per quanto riguarda la rete di trattati di libero scambio commerciale: oltre venti accordi sottoscritti con sessanta paesi, e

Dettagli

AMBASCIATA D ITALIA A LUANDA 2013

AMBASCIATA D ITALIA A LUANDA 2013 Investire in Angola AMBASCIATA D ITALIA A LUANDA 2013 Contesto economico Crescita PIL dal 2001 al 2010 del 10% medio anno Previsione crescita PIL per 2013-2014 fra il 5 e il 6% Bilancio statale 2013 di

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Media Monthly Report Settembre 2009

Media Monthly Report Settembre 2009 Media Monthly Report Settembre 2009 Media Monthly Report Settembre 2009 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet News

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione. Convegno di Studi. Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina

CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione. Convegno di Studi. Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina Istituto nazionale per il Commercio Estero CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione Convegno di Studi * * * * * Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina Marco

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

OLANDA DATI MARCOECONOMICI

OLANDA DATI MARCOECONOMICI OLANDA DATI MARCOECONOMICI Reddito pro-capite euro 40.187 Tasso di inflazione % 0,4 Tasso di disoccupazione % 6,6 Tasso di variazione del PIL (2014 su 2013) % 1,5 Previsione di crescita del PIL per il

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI Con questa imposta viene tassato l utile contabile dopo la sua trasformazione ai fini fiscali. La percentuale fiscale per l Esercizio 2014 è pari al 10%. Riporto della perdita

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Giugno 2013 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 54 Agosto 2013 SOMMARIO Premessa... 3... 3 Imposta sul valore aggiunto... 4 Analisi

Dettagli

L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020

L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020 I Fondi Europei per la competitività e l innovazione delle PMI campane: strategie e opportunità di finanziamento L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020 Dr. Ennio Parisi

Dettagli

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita GUALTIERO TAMBURINI ASSEMBLEA ANNUALE FEDERIMMOBILIARE ROMA, 18 GENNAIO 2012 Il quadro macroeconomico PIL ed occupazione (variazioni %

Dettagli

MAROCCO DATI MACROECONOMICI

MAROCCO DATI MACROECONOMICI MROCCO DTI MCROECONOMICI Reddito pro-capite euro 2.100 Tasso di inflazione % 0,4 Tasso di disoccupazione % 9,9 Tasso di variazione del PIL (2014 su 2013) % 2,7 Previsione di crescita del PIL per il 2015

Dettagli

INDIA: ASCESA DI UN GIGANTE DEMOCRATICO Convegno di studi. Interscambio commerciale e Programmi ICE in India

INDIA: ASCESA DI UN GIGANTE DEMOCRATICO Convegno di studi. Interscambio commerciale e Programmi ICE in India Istituto nazionale per il Commercio Estero INDIA: ASCESA DI UN GIGANTE DEMOCRATICO Convegno di studi * * * * * Interscambio commerciale e Programmi ICE in India Vigevano, 22 aprile 2008 Esportazioni indiane

Dettagli

Crescita globale: mondo che invecchia? Ci salverà la produttività in un. Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015

Crescita globale: mondo che invecchia? Ci salverà la produttività in un. Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015 Crescita globale: Ci salverà la produttività in un mondo che invecchia? Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015 Crescita del PIL mondiale dal 1964 al 2015 50 anni x6 1 Popolazione e

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

Approfondimenti: Provincia di Cuneo

Approfondimenti: Provincia di Cuneo Approfondimenti: Provincia di Cuneo Premessa Contesto e attività/1 Nel generale contesto di crisi che ha continuato a caratterizzare il sistema economico italiano nel 2013 i dati relativi al Piemonte hanno

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

PROGETTO. Parma Point in Australia

PROGETTO. Parma Point in Australia PROGETTO Parma Point in Australia Marzo Agosto 2013 Il progetto La Camera di commercio di Parma, in collaborazione con la Camera di commercio italiana in Australia, propone alle imprese del territorio

Dettagli

Settore della plastica in Romania

Settore della plastica in Romania Settore della plastica in Romania DT CONSULT MM SRL - Strada Busuiocului, nr. 4a/7-540527 - Targu Mures Romania - C.I.F. RO 23242577 Mobile ++ 39 347 988 52 77 - Mobile ++ 40 743 418 439 - matteo@dtconsult.eu

Dettagli

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie Federazione Nazionale Fonderie XXXI Congresso di Fonderia Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro Roma 4-5 Ottobre 2012 PRESIDENTE : Enrico Frigerio 1 La Fonderia in Italia

Dettagli

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre.

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Sant Elpidio a Mare, 22 gennaio 2015 TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Approvati dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Riccardo Monti. Presidente ICE

Riccardo Monti. Presidente ICE Riccardo Monti Presidente ICE Le reti lean per la promozione del Made in Italy L export italiano: importante traino per l economia del Paese I rapporti con l estero costituiscono una componente primaria

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria Lo scenario economico globale presenta condizioni favorevoli. Ma l incertezza è il maggior ostacolo a

Dettagli

Perche conviene investire IN LETTONIA

Perche conviene investire IN LETTONIA Perche conviene investire IN LETTONIA Informazioni generali In Unione Europea dal 1 Maggio 2004 Abitanti: 2,1 milioni Capitale: Riga (700.000 Abitanti) Lingua ufficiale: Lettone Altre lingue parlate: Russo,

Dettagli

Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati

Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi «La crescita dell industria alimentare passa necessariamente

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

ROADSHOW USA Come affontare con successo il mercato americano

ROADSHOW USA Come affontare con successo il mercato americano ROADSHOW USA Come affontare con successo il mercato americano Treviso, Verona, Bologna, Milano, Torino 22-26 ottobre 2012 Aniello Musella (Coordinatore Rete ICE USA) USA: principali indicatori economici

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli