Le Finanziarie Regionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Finanziarie Regionali"

Transcript

1 Le Finanziarie Regionali La governance degli strumenti finanziari per il capitale di rischio Uno studio realizzato da

2 Fondazione Rosselli corso Giulio Cesare 4/Bis B Torino edizione: novembre 2010 ISBN

3 Gruppo di ricerca Il lavoro è stato svolto e curato da un gruppo di ricerca composto da docenti e ricercatori della Fondazione Rosselli di Torino e del Politecnico di Torino e coordinato dalla Dott.ssa Elisa Ughetto. Dott.ssa Elisa Ughetto-Fondazione Rosselli e Politecnico di Torino (coordinatore) Prof. Marco Cantamessa-Politecnico di Torino (esperto senior) Dott.ssa Giusy Cannone-Fondazione Rosselli (ricercatore) Dott. Giovanni De Rosa-Fondazione Rosselli (ricercatore) Dott. Marco Riva Governanda-Fondazione Rosselli (ricercatore) Dott. Ing. Giuseppe Scellato-Politecnico di Torino (ricercatore) Comitato Scientifico Il gruppo di lavoro si è avvalso del contributo di un Comitato Scientifico composto da: Dott. Marco Nicolai - Finlombarda Prof. Mario Calderini - Finpiemonte Prof. Marco Giorgino - Politecnico di Milano Dott. Ugo Ballerini - FILSE Dott. Antonio Tilocca - SFIRS Ringraziamenti Il lavoro ha potuto beneficiare del contributo fornito da numerosi soggetti in sede di intervista. Si desidera quindi ringraziare: Alessia Muzio - AIFI, Paco Cottone - Cape Sicilia, Giuliano Morelli - Ervet, Anastasia di Carlo - FEI, Alessandro Taddeini - Fidi Toscana, Lorenzo De Fabio - Filas, Simona Amendola - Filas, Gianpaolo Negrini - Filse, Marco Villani - Finaosta, Flavio Talarico - Fincalabra, Cristina Perlo - Finpiemonte, Giusi Ponziano - Finpiemonte, Valeria Laina - Finlombarda, Fabrizio Colarossi - Finlombarda, Nicoletta Paganella - Friulia, Arnaud Barthélemy - Fonds Stratégique d Investissement, Alfredo Massinelli - Gepafin, Andrea Caddeo - Ingenium Sardegna, Francesa Natali - Ingenium Emilia Romagna, Jan Dexel - Ministry of Economic Affairs Netherlands, Bernaldo Bertoldi - Piemontech, Filippo Psacharopulo - Piemontech, Maria Costantini - Puglia Sviluppo, Andrea Vernaleone - Puglia Sviluppo, Danilo Marchionni - Regione Marche, Federica Buoncristiani - Regione Toscana, Ignazio Carta - S.F.I.R.S., Claudio Nadalini - Tecnofin, José Romano - Turkey & Istanbul Venture Capital Initiative, Laura Toschi - Università di Bologna, Cristina Fanelli - Veneto Sviluppo, Nicola Polato - Veneto Sviluppo, Martin Vang Hansen - Voekstfonden Il progetto, realizzato dalla Fondazione Rosselli, è finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento Affari Regionali Organismo Intermedio PON Governance e Azioni di Sistema Obiettivo Convergenza- Asse E Obiettivo Specifico 5.2.

4 Sommario Parte 1 1. Le Finanziarie Regionali italiane ed il contesto regionale di riferimento Introduzione Condizioni socio-economiche delle Regioni Obiettivo Convergenza Politiche regionali per la Ricerca & Sviluppo Aree di intervento, struttura di proprietà e di governance delle Finanziarie Regionali italiane Introduzione Struttura della compagine societaria Composizione e nomina del CdA e della direzione generale e meccanismi di controllo Ambiti di attività Il fabbisogno di sostegno pubblico al capitale di rischio Introduzione I vincoli finanziari all innovazione Capitale di rischio e ciclo di vita di un impresa Equity gap ed intervento pubblico a sostegno del capitale di rischio Il fabbisogno di capitale di rischio in Italia Gli strumenti di sostegno pubblico al capitale di rischio per l innovazione Introduzione L intervento pubblico a favore del capitale di rischio: motivazioni economiche e problematiche Le modalità di intervento pubblico a favore del capitale di rischio Strutture di incentivo e di distribuzione dei profitti in fondi a partecipazione pubblico-privata Le iniziative internazionali a sostegno del capitale di rischio Introduzione Il Fondo Europeo degli Investimenti Evidenze internazionali di interazione pubblico-privata a sostegno del capitale di rischio 66

5 Fondazione Rosselli 6. Le iniziative nazionali a sostegno del capitale di rischio Introduzione Fondo High Tech per il Mezzogiorno Fondo Nazionale per l Innovazione Fondo Italiano di Investimento Fondo per la Finanza d Impresa Le iniziative regionali a sostegno del capitale di rischio Introduzione Le iniziative regionali gestite da soggetti privati per conto delle Regioni Le iniziative regionali in dotazione alle Finanziarie Regionali 105 Parte 2 Linee guida per la governance di strumenti finanziari per il capitale di rischio 127 Definizione degli obiettivi programmatici 128 Progettazione dello strumento 129 Attuazione dello strumento 129 Considerazioni conclusive 131 I processi di consultazione triangolare tra Regione, Finanziarie Regionali e gli attori socio-economici locali 133 Appendice 137 Bibliografia 145

6 Capitolo 1 1. Le Finanziarie Regionali italiane ed il contesto regionale di riferimento 1. 1 Introduzione Le Finanziarie Regionali sono i soggetti tecnici che supportano e assistono le Regioni nella progettazione, definizione ed attuazione delle politiche e degli interventi a sostegno del sistema economico, imprenditoriale ed occupazionale regionale. Si tratta di società di norma configurate come S.p.A. miste a prevalente o totale capitale pubblico. Le Finanziarie Regionali hanno assunto un ruolo sempre più rilevante in seguito al processo di decentramento amministrativo avviato con la riforma Bassanini (legge 59/1997) e con la riforma costituzionale sancita dal referendum del L evoluzione dell architettura del sistema amministrativo verso il modello federale è fondata su alcuni capisaldi, quali la responsabilità finanziaria degli enti territoriali, l autonomia nella raccolta delle risorse, nella spesa e nella perequazione. In seguito a tali riforme, le Regioni e gli enti locali hanno quindi visto trasformate le proprie competenze, responsabilità amministrative e di governo, oltre che la propria organizzazione. Per esempio, in materia di intervento pubblico ed agevolazioni alle imprese, le Regioni hanno assunto la facoltà di affidare a terzi l istruttoria di numerose norme, sia mediante assegnazione diretta, sia, ove la legge lo imponga, mediante la partecipazione a bandi di gara (Giorgino, 2008). Da ciò si evince la crescente importanza che le Finanziarie Regionali hanno oggi nel contesto economico e finanziario nazionale. 1 Con il referendum del 7 ottobre 2001 gli italiani hanno confermato la modifica del Titolo V della Costituzione della Repubblica approvata dal Parlamento nel Marzo 2001 e successivamente tramutata in legge (legge costituzionale n. 3 del 18 ottobre 2001). Il nuovo art. 117 della Costituzione elenca le materie riservate all esclusiva competenza legislativa dello Stato e quelle riservate sia allo Stato, sia alle Regioni. In particolare, assegna allo Stato compiti quali la perequazione delle risorse finanziarie e la gestione del sistema tributario e contabile, mentre definisce di competenza regionale l armonizzazione dei bilanci pubblici ed ogni materia del sistema tributario e della finanza pubblica non espressamente riservata alla legislazione esclusiva dello Stato. Il nuovo art. 119, invece, ridefinisce i principi costituzionali del sistema tributario e finanziario in coerenza con il modello del federalismo fiscale. Secondo tale articolo, Comuni, Province, città metropolitane e Regioni hanno autonomia Finanziaria di entrata e di spesa ed applicano tributi ed entrate proprie (art 119, legge costituzionale 3/2001). 1

7 Fondazione Rosselli 2 In Italia le prime Finanziarie Regionali sono nate tra la fine degli anni Sessanta e l inizio degli anni Settanta (la prima fu Friulia S.p.A nel 1967), con lo scopo di rafforzare e specializzare gli interventi delle Regioni per lo sviluppo economico e sociale del territorio di riferimento. Le leggi regionali istitutive delle Finanziarie, recepite negli statuti societari, ne hanno delineato il ruolo, la struttura e gli strumenti di cui sono dotate. Come verrà esplicitato nel capitolo successivo, le Finanziarie Regionali sono soggetti molto eterogenei, che operano secondo mission ed aree di intervento diverse; tuttavia, esse condividono il comune obiettivo di sostenere la crescita e lo sviluppo delle imprese locali, favorendone l accesso al credito e supportando progetti di investimento sul territorio, nel perseguimento degli obiettivi di sviluppo posti dalla programmazione regionale. Fin dalla loro nascita le Finanziarie Regionali sono state caratterizzate da un ampio spettro di attività: dalla gestione delle agevolazioni finanziarie regionali, alla concessione di garanzie in sinergia con il sistema bancario, all erogazione di finanziamenti agevolati di medio termine, alla valutazione e gestione di progetti di investimento di interesse per il territorio, all assunzione di partecipazioni in PMI. Le esigenze della Pubblica Amministrazione derivanti dal decentramento amministrativo hanno poi progressivamente orientato l attività delle Finanziarie Regionali anche verso funzioni di consulenza, assistenza e fornitura di servizi in outsourcing alle Regioni, agli enti locali e alle imprese. Le Finanziarie Regionali sono oggi presenti nella maggior parte delle Regioni italiane, ad eccezione di Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Puglia e Sicilia, dove operano le agenzie di sviluppo nate dallo scorporo di Sviluppo Italia (ora Invitalia). Sviluppo Italia era un agenzia nazionale, controllata dal Ministero dell Economia e delle Finanze, che aveva l obiettivo di favorire la competitività del Paese, ed in particolare del Mezzogiorno. Per rispondere alle diverse esigenze locali, Sviluppo Italia aveva creato una rete di società che fornivano servizi di consulenza alle Regioni e alle altre amministrazioni pubbliche locali in materia di gestione degli incentivi regionali, nazionali e comunitari e di interventi finalizzati all attrazione degli investimenti e allo sviluppo economico. In seguito allo scorporo, alcune società territoriali di Sviluppo Italia sono diventate società in-house della Regione (ad es. Sviluppo Basilicata, Sviluppo Sicilia, Ervet Emilia Romagna, Puglia Sviluppo).

8 Capitolo 1 Tabella 1.1 Le Finanziarie Regionali e le Agenzie di Sviluppo in Italia Regione Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d Aosta Veneto Fonte: Elaborazione degli autori. Finanziarie Regionali / Agenzie di Sviluppo FIRA S.p.A. Sviluppo Basilicata S.p.A. Fincalabra S.p.A. Sviluppo Campania S.p.A. Ervet S.p.A. Friulia S.p.A. Filas S.p.A. Filse S.p.A. Finlombarda S.p.A. SRGM ScpA. Finmolise S.p.A. Finpiemonte S.p.A. Puglia Sviluppo S.p.A. S.F.I.R.S. S.p.A. Sviluppo Sicilia S.p.A. Fidi Toscana S.p.A. Tecnofin Trentina S.p.A. Sviluppo Umbria S.p.A. Finaosta S.p.A. Veneto Sviluppo S.p.A. Sebbene le Finanziarie Regionali italiane siano accomunate dalla natura di strumento di programmazione regionale e di promozione economica del territorio, il loro campo di azione è assai vasto ed al suo interno può collocarsi un ampia gamma di attività e di interventi. Tale eterogeneità dipende dal contesto socio-economico nel quale esse si trovano ad operare. Se infatti l obiettivo di sviluppo riguarda tutte le Finanziarie Regionali, ognuna di esse agisce rispondendo alle esigenze provenienti dalla propria realtà territoriale. In particolare, nelle regioni meno sviluppate, dove la crescita è solitamente frenata da un livello carente di industrializzazione e dalla mancanza di iniziative imprenditoriali, la Finanziaria si occupa prevalentemente di incentivare e promuovere la creazione di nuove attività produttive. La comprensione dei meccanismi di inserimento delle attività delle diverse Finanziarie Regionali nel territorio è infatti essenziale per inquadrare i modelli di operatività adottati. 3

9 Fondazione Rosselli Partendo da questa premessa, il capitolo intende fornire una breve descrizione del contesto regionale nel quale le Finanziarie operano, con un focus privilegiato sulle Regioni Obiettivo Convergenza (Campania, Calabria, Puglia, Sicilia). Queste ultime sono infatti regioni economicamente più arretrate rispetto alle altre, in cui sono presenti elementi di debolezza che ostacolano l operatività delle Finanziarie o le strutture ad esse riconducibili. L analisi si snoda quindi lungo due direttrici: una ricognizione della situazione economica delle Regioni Obiettivo Convergenza, rapportata a quella delle altre regioni italiane. In tale sezione viene presentata una panoramica della situazione economica e del sistema bancario delle regioni italiane e della posizione delle Finanziarie Regionali nei rispettivi contesti di riferimento. In particolare, l attività delle Finanziarie viene pesata sulla base di alcuni indicatori rappresentativi delle dimensioni del sistema finanziario locale; una descrizione delle politiche a supporto della ricerca e dell innovazione attuate in queste Regioni. L obiettivo in questa sezione è fornire un approfondimento sul campo di azione delle Finanziarie regionali in ragione della presenza di politiche ed iniziative a sostegno dell innovazione Condizioni socio-economiche delle Regioni Obiettivo Convergenza 4 In Italia, come è noto, esiste un profondo divario tra le realtà economiche del Centro-Nord e del Sud. Nello stesso Mezzogiorno sono riscontrabili percorsi di crescita e di sviluppo diversi. L Unione Europea ha classificato le regioni più arretrate di ogni Stato membro sulla base di criteri specifici, al fine di definire le politiche per la riduzione del gap con le regioni più avanzate. Nella programmazione l Obiettivo Convergenza è andato a sostituire l Obiettivo 1 della precedente programmazione ( ). Sono ammissibili all Obiettivo Convergenza le regioni (NUTS2) caratterizzate da un PIL pro capite, calcolato in base ai dati relativi all ultimo triennio precedente all adozione del regolamento sui Fondi strutturali, inferiore al 75% della media dell UE allargata (UE27). In Italia le regioni che rientrano nell Obiettivo Convergenza sono la Calabria, la Campania, la Puglia e la Sicilia; la Basilicata si trova invece in una fase di phasing-out (Regioni con un Pil pro-capite inferiore al 75% del Pil pro-capite medio dell Ue-15 (prima dell allargamento) ma superiore a tale soglia rispetto al Pil pro-capite medio dell Ue-27 (dopo l allargamento).

10 Capitolo 1 Come è stato precedentemente accennato, di queste quattro regioni solo la Calabria possiede una Finanziaria regionale (Fincalabra), mentre in Puglia, Sicilia e Campania esistono agenzie di sviluppo nate dallo smantellamento di Sviluppo Italia, alcune delle quali (Sicilia e Puglia) sono diventate società in-house della Regione. In Campania è in atto un piano di riordino e di dismissione di Invitalia (prorogato al 30 giugno 2010 dalla legge del 3 agosto 2009, n.102) in riferimento alle società regionali, al fine di consentire il completamento delle attività connesse alla loro cessione alla Regione. Le regioni dell Obiettivo Convergenza presentano una situazione socio-economica peculiare, e diversa da quella delle regioni che hanno beneficiato dei Fondi strutturali per l Obiettivo 1 nel periodo di programmazione (Abruzzo, Basilicata, Molise e Sardegna). La Tabella 1.2 riporta un quadro sintetico del contesto economico delle Regioni Obiettivo Convergenza (PIL, PIL a prezzi di mercato per abitante), raffrontandolo con quello delle altre regioni italiane. Nel 2008, a fronte di un calo a livello nazionale dell 1,0%, il PIL a prezzi costanti registra, rispetto all anno precedente, una variazione pari a -1,4% nel Mezzogiorno e -1,2% nel Nord-Ovest. La flessione è più contenuta nel Centro e nel Nord-Est (rispettivamente -0,7% e -0,8%). Tra le regioni Obiettivo Convergenza la regione che mostra un calo del PIL più accentuato è la Campania (-2.7%), mentre quella in cui è più contenuto è la Puglia (-0,2%). La discreta perfomance della Puglia è ascrivibile ad un aumento del valore aggiunto dell agricoltura (+3,6%), cui si affianca il lieve incremento dei servizi (+0,6%) e la flessione contenuta dell industria (-1,5% contro -2,7% del livello medio nazionale). In Campania il valore aggiunto industriale risulta in calo del 4,3% e si registra inoltre una flessione consistente anche nel settore dei servizi (-1,9%) (Istat, 2009). Il PIL ai prezzi di mercato per abitante, misurato dal rapporto tra PIL nominale e numero medio di residenti nell anno, segna invece una crescita dell 1% a livello nazionale, mostrando una dinamica differenziata tra le diverse aree geografiche: +0,7% nel Nord-Ovest, +0,8% nel Nord-Est, +0,9% nel Centro e +1,2% nel Mezzogiorno. Puglia e Molise fanno registrare il tasso di crescita più alto tra tutte le regioni del Paese (rispettivamente +2,5%, +2,0%), mentre in Campania l incremento è nullo. Tuttavia, i valori assoluti relativi alle ripartizioni centro-settentrionali risultano più elevati di quelli del Mezzogiorno: euro nel Nord-Ovest, euro nel Nord-Est e euro nel Centro, contro i euro del Mezzogiorno (Istat, 2009). 5

11 Fondazione Rosselli Tabella 1.2 Principali indicatori economici territoriali delle regioni italiane 6 Variazione 2008 su 2007 (%) Valori assoluti 2008 PIL PIL a prezzi di mercato per abitante PIL PIL a prezzi di mercato per abitante Piemonte -1,5 0, , Valle d Aosta -0,5 1, , Bolzano -0,7 1, , Liguria -1,5 1, , Lombardia -1,0 0, , Trento -0,8 0, , Veneto -0,8 0, , Friuli Venezia Giulia -1,2 0, , Emilia Romagna -0,7 0, , Marche -1,2 0, , Toscana -0,8 1, , Umbria -1,5-0, , Lazio -0,4 1, , Abruzzo -0,3 1, , Molise -0,5 2, , Campania -2,7 0, , Puglia -0,2 2, , Basilicata -1,7 1, , Calabria -1,7 0, , Sicilia -1,1 1, , Sardegna -1,6 1, , Fonte: Istat (2009) Nota: il Pil ai prezzi di mercato è calcolato, secondo le definizioni del SEC95, aggiungendo al valore aggiunto, espresso ai prezzi base, l Iva, le altre imposte sui prodotti, le imposte sulle importazioni e sottraendo i contributi sui prodotti Le Tabelle 1.3 e 1.4 mostrano le caratteristiche dell offerta bancaria in Italia, in termini di impieghi e finanziamenti di medio e lungo termine. Per quanto riguarda l attività finanziaria più propriamente destinata al sostegno delle attività di early stage e start-up, riconducibile al mercato del venture capital rimandiamo al terzo capitolo. Una panoramica delle caratteristiche dell offerta del sistema finanziario locale, in termini di servizi di debito e di private equity è importante per inquadrare l operato delle diverse Finanziarie Regionali all in-

12 Capitolo 1 terno dei rispettivi equilibri regionali. Lo scopo dell analisi non è quindi quello di confrontare gli impieghi ed i finanziamenti realizzati dalle Finanziarie con quelli degli operatori privati, che per loro stessa natura operano con obiettivi, modalità e risorse a disposizione non sempre confrontabili con quelli dell operatore pubblico. Dallo studio dei dati emerge come il sistema finanziario abbia caratteristiche molto articolate rispetto alle specifiche realtà locali. In particolare, si può notare che le Regioni meridionali presentano, in generale, un valore più basso del volume di impieghi bancari. La Regione con il sistema bancario più sviluppato è certamente la Lombardia, che detiene il primato in termini di volume di impieghi (459 miliardi di euro nel 2009). Nel 2009 gli impieghi effettuati dal sistema bancario sono pari a circa 2,4 volte quelli del Lazio (seconda regione nel ranking con impieghi pari a circa 192 miliardi di Euro) e circa 188 volte quelli della Valle d Aosta (ultima nel ranking con impieghi per circa 2,4 miliardi di Euro). La Lombardia è seguita da Veneto (142 miliardi di euro) e Piemonte (104 miliardi di euro). Le Regioni Obiettivo Convergenza registrano invece un volume di impieghi bancari che varia dai 65 miliardi di euro della Campania, ai 16 miliardi di euro della Calabria nel Negli anni si registra un trend quasi generalizzato tra le regioni italiane sul volume di impieghi bancari; tuttavia tra il 2008 ed il 2009, il trend di crescita rallenta o addirittura si rileva una certa riduzione per alcune regioni settentrionali caratterizzate da un elevato volume di impieghi, è il caso della Lombardia, del Veneto, dell Emilia Romagna, della Toscana e del Lazio. Per le Regioni Obiettivo Convergenza tra il 2008 e il 2009 è invece presente un trend di crescita medio pari al 5,4%. Tabella 1.3 Distribuzione degli impieghi bancari (mln di euro) per regione Piemonte Valle d Aosta Liguria Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Marche Toscana (segue)

13 Fondazione Rosselli Umbria Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Fonte: Banca d Italia (2007, 2008, 2009, 2010) 8 La Tabella 1.4 riporta la distribuzione dei finanziamenti per regione oltre il breve termine, erogati dagli intermediari finanziari, negli anni compresi tra il 2007 ed il Si distingue tra finanziamenti agevolati e non agevolati. Su un totale di milioni di euro erogati nel 2009, milioni (1,64%) sono stati finanziamenti agevolati. In termini di ammontare erogato nel 2009, la Lombardia detiene il primato (300 miliardi), seguita da Lazio (127 miliardi), Emilia Romagna (99 miliardi), Veneto (95 miliardi), Piemonte e Toscana (72 miliardi). Le regioni Obiettivo Convergenza riportano valori compresi tra i 48 miliardi di euro della Campania e i 12 miliardi della Calabria. La Calabria si conferma quindi la regione, tra quelle Obiettivo Convergenza, con la maggiore carenza di erogazioni bancarie di medio e lungo termine. In valore assoluto è invece la Valle d Aosta a mostrare i valori più bassi di finanziamenti (1,9 miliardi). La regione che presenta l incidenza maggiore di finanziamenti agevolati sul totale delle erogazioni è la Sardegna (11,4%), seguita da Sicilia (6,5%) e Trentino Alto Adige (5,3%). Come si può vedere dalla Tabella è presente un trend di crescita generalizzato dal 2007 al 2009, ad eccezione della regione Lazio che vede nel 2009 una riduzione del 3,4% del volume dei finanziamenti di medio lungo termine rispetto al Per quanto riguarda invece i finanziamenti agevolati si registra una contrazione generale dal 2007 al 2009, tranne che per il Trentino Alto Adige e le Marche, che presentano nel 2009 un volume di finanziamenti agevolati più alto rispetto al valore registrato nel corso del 2007.

14 Capitolo 1 Tabella 1.4 Finanziamenti di medio-lungo termine (in mln di euro) per destinazione geografica (regioni) dell investimento (anni ). Distinzione tra agevolati e non agevolati Totale Agevolati Non agevolati Totale Agevolati Non agevolati Totale Agevolati Non agevolati Piemonte Valle d Aosta Liguria Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Marche Toscana Umbria Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Fonte: Banca d Italia (2008, 2009, 2010) 9 I dati riportati nelle Tabelle precedenti forniscono un quadro del sistema finanziario locale nel quale le Finanziarie regionali si trovano ad operare. Tuttavia, l importanza rivestita da queste ultime si rileva solo se si confrontano i volumi investiti dalle Finanziarie con gli indicatori rappresentativi delle dimensioni del sistema finanziario in Italia. La dimensione operativa delle Finanziarie, misurata in base al capitale investito, viene quindi pesata in base ad alcuni parametri

15 Fondazione Rosselli che qualificano l offerta di servizi finanziari sul territorio. Si tratta di una modalità indiretta per fornire una valutazione dei mezzi finanziari a disposizione di ogni Finanziaria Regionale, ma anche dell effettiva portata dell intervento pubblico. 10 Dalla Tabella 1.5, in cui si rapporta il volume gestito dalle Finanziarie in termini di capitale investito agli impieghi del sistema bancario, emergono alcune considerazioni interessanti sul ruolo svolto dalle Finanziarie Regionali nel territorio di riferimento. Sembra emergere che laddove il sistema finanziario regionale privato è meno sviluppato, la Finanziaria Regionale presenta dimensioni operative più rilevanti. E il caso di Finaosta, che ha un forte impatto sul territorio, intervenendo su un mercato finanziario regionale che si colloca in ultima posizione per totale di impieghi bancari nel ranking delle regioni italiane. L indicatore per la regione mostra un trend decrescente passando dal 112% del 2002 al 42% del 2008, a seguito di un aumento degli impieghi bancari. Si tratta tuttavia dell unico caso in cui l intervento pubblico sul territorio assume un impatto significativo per ammontare investito. Nel resto delle regioni l indicatore non supera il 3% e le due Finanziarie che riportano un tasso di incidenza del capitale investito sul totale degli impieghi bancari più elevato sono Friulia e Finmolise. Per Friulia si registra un picco considerevole nel 2006, che viene mantenuto costante nei successivi anni, a fronte del consistente incremento del totale di bilancio registrato nei diversi esercizi. Per le altre Finanziarie l indicatore decresce in modo più o meno continuo e lineare negli anni. I dati sembrano quindi confermare il ruolo delle Finanziarie Regionali di sostegno al tessuto imprenditoriale regionale attraverso un offerta di servizi finanziari agevolati per far fronte ai fabbisogni insoddisfatti del territorio. Nelle regioni dove invece il sistema finanziario locale è molto sviluppato, le Finanziarie hanno comunque uno stimolo a ricercare soluzioni innovative ed un vincolo a mantenere le proprie condizioni di offerta economicamente competitive (Giorgino, 2010). La Tabella 1.6 riporta l incidenza del capitale investito sul totale dei finanziamenti agevolati del sistema bancario regionale. Anche in questo caso Finaosta conferma la propria posizione di dominio sul campione, inserendosi, come è stato precedentemente evidenziato, in un contesto territoriale con un offerta di servizi bancari modesta. In generale, la crescita consistente del volume gestito dalle Finanziarie in relazione alle consistenze dei finanziamenti agevolati è determinata da una progressiva diminuzione, nel periodo di analisi, dei finanziamenti agevolati al sistema bancario regionale.

16 Capitolo 1 Tabella 1.5 Rapporto capitale investito / totale impieghi sistema bancario regionale (incidenza %) Media (2006/08) Finaosta 112,86 118,87 117,23 107,59 97,11 40,41 42,35 55,96 Friulia 1,55 1,43 1,29 1,20 3,28 3,05 3,01 3,11 Finmolise 2,02 2,32 1,96 1,67 1,64 1,02 1,02 1,23 S.F.I.R.S. 1,87 1,78 1,46 1,44 1,29 0,94 0,88 1,04 Filse 0,60 0,58 0,91 1,19 1,01 0,88 0,81 0,90 Finpiemonte 0,50 0,60 0,92 1,03 0,92 0,53 0,38 0,61 Fidi Toscana 0,29 0,35 0,39 0,48 0,46 0,48 0,45 0,46 Tecnofin 0,23 0,20 0,17 0,33 0,44 0,40 0,44 0,43 Veneto Sviluppo 0,04 0,04 0,07 0,06 0,06 0,09 0,12 0,09 Filas 0,07 0,10 0,11 0,08 0,07 0,07 0,06 0,07 Finlombarda 0,01 0,01 0,01 0,01 0,04 0,05 0,04 0,04 Finpuglia 0,05 0,05 0,04 0,04 0,03 0,03 0,03 0,03 Fonte: Giorgino (2010) Nota: Finpuglia dal 2009 non è più operativa, ma è stata fusa con Tecnopolis in un agenzia in house della Regione Puglia denominata Innovapuglia. Tabella 1.6 Rapporto capitale investito/finanziamenti agevolati del sistema bancario regionale (incidenza %) Media ( ) Finaosta 1540,0 1774,4 2106,9 2471,0 2837,9 2130,5 2143,5 Filse 25,2 41,3 62,8 75,6 61,3 56,4 53,8 Friulia 27,5 29,8 29,8 28,7 89,6 107,1 52,1 Fidi Toscana 13,8 20,9 28,4 45,1 54,0 63,0 37,5 Finmolise 24,2 31,1 31,6 36,6 43,1 43,4 35,0 Finpiemonte 13,9 17,0 31,0 40,0 39,1 32,3 28,9 S.F.I.R.S. 7,7 12,3 8,5 9,4 10,0 8,8 9,5 Tecnofin 4,5 4,9 4,9 10,1 14,2 14,1 8,8 Filas 5,6 8,6 10,7 9,0 8,6 9,4 8,7 Veneto Sviluppo 1,5 1,6 3,8 4,2 4,8 8,0 4,0 Finlombarda 0,5 0,6 0,8 1,8 7,0 8,7 3,2 Finpuglia 0,8 1,1 1,4 1,5 1,5 1,8 1,4 11 Fonte: Giorgino (2010)

17 Fondazione Rosselli 1. 3 Politiche regionali per la Ricerca & Sviluppo 12 L innovazione rappresenta una delle principali fonti della crescita economica di lungo periodo e, in generale, del benessere sociale di un territorio. Per questo motivo, nel corso dell ultimo decennio, sono stati avviati nelle diverse regioni italiane interventi di policy a sostegno della ricerca e dello sviluppo. Dall analisi territoriale dell attività di innovazione condotta dalle imprese manifatturiere italiane nel triennio , e rilevata da MedioCredito Centrale nell Indagine sulle Imprese Manifatturiere Italiane, emerge che oltre il 76% della spesa sostenuta per l introduzione di innovazioni è concentrato nel Nord e, in particolare in quattro regioni: Lombardia (33,8%), Emilia Romagna (13,2%), Piemonte (11,8%) e Veneto (11,5%). Le regioni del Centro concentrano circa il 16,5% della spesa totale per innovazione, mentre quelle del Mezzogiorno appena il 7,1%. Una distribuzione simile si rileva se si considera la spesa per R&S (MedioCredito Centrale, 2008). La Figura 1.1 riporta l intensità dell impegno che le imprese dedicano all attività di innovazione e ricerca nelle singole regioni, misurata dal rapporto tra la spesa per R&S e per l innovazione ed il fatturato delle imprese che hanno investito in innovazione. Nel quadrante in alto a destra sono indicate le regioni dove entrambi gli indicatori di intensità della spesa mostrano valori elevati. Si tratta di regioni dove le imprese dedicano una parte non trascurabile del proprio fatturato sia all innovazione, sia alla R&S. Per quanto riguarda la spesa per l innovazione emerge che nel 2006, a parte la Basilicata, dove la presenza degli impianti petroliferi spiega l elevato valore assunto dall indicatore (4,2%), le regioni con la più alta incidenza del rapporto sono le Marche (3%), il Trentino Alto Adige (2,9%) e l Emilia Romagna (2,8%). Anche Veneto, Piemonte e Lombardia presentano valori superiori alla media nazionale. Nelle regioni del Mezzogiorno emerge una buona performance per la Campania (2,8%), mentre più modeste risultano le performance di Sicilia (1,6%) e Molise (1,3%). Per quanto riguarda l intensità della spesa in R&S, si riscontra una forte differenziazione territoriale che riflette la diversità tra i sistemi di ricerca regionali. Le regioni del Nord mostrano una maggiore variabilità di questo indicatore rispetto a quello sulle spese per l innovazione. Il Trentino Alto Adige ed il Piemonte risultano essere le regioni a più alta intensità di R&S (1,8% e 1,6% rispettivamente), seguite dal Veneto (1,5%), dalla Lombardia e dall Emilia Romagna (1,3%). Nel Centro Italia il Lazio è la regione che presenta il valore maggiore (2,7%). Nel Sud tutte le regioni mostrano invece livelli molto bassi di spesa in R&S ed in particolare la Puglia ha livelli che scendono al di sotto dello 0,5%.

18 Sicilia 1 1,6 Sardegna 1 3,5 Umbria 1 1,5 Friuli Venezia1 1,5 Campania 1 3 Molise 1 1,4 Calabria 1 2 Puglia 0 2 Capitolo 1 Figura 1.1 Spesa per innovazione e R&S nel 2006 Spesa per R&S in % del fatturato 3,00% Lazio 2,50% 2,00% Toscana Trentino Alto Adige Marche 1,50% Abruzzo Piemonte Valle d'aosta Veneto Emilia Romagna Lombardia Umbria Sicilia Liguria 1,00% Sardegna Basilicata Friuli Venezia Campania 0,50% Giulia Calabria Molise Puglia 0,00% 0,00% 0,50% 1,00% 1,50% 2,00% 2,50% 3,00% 3,50% 4,00% 4,50% Fonte: MedioCredito Centrale (2008) Spesa per innovazione in % del fatturato Il basso livello di innovazione delle regioni meridionali, ed in particolare delle regioni Obiettivo Convergenza (Campania, Calabria, Puglia e Sicilia), è riconducibile sia alle caratteristiche strutturali dell apparato produttivo, dove è l agricoltura a rappresentare la quota maggioritaria del valore aggiunto, sia alle difficoltà di diffusione e adozione dei processi di innovazione. La bassa propensione all innovazione e all utilizzazione di R&S si ricollega anche alla struttura delle imprese e alle loro caratteristiche dimensionali e societarie. Infatti, la ridotta dimensione delle imprese del Mezzogiorno comporta un minor livello e tasso di crescita della produttività del lavoro, minori investimenti fissi, minor retribuzione unitaria con conseguente minore capacità di attrarre capitale umano qualificato e minori investimenti in ICT ed innovazione. La forte presenza di attività e lavoro sommerso accentuano poi le criticità già presenti. Il processo di rinnovamento e sviluppo della base produttiva in queste regioni deve quindi cercare di favorire l adeguamento della specializzazione verso quei settori a più rapido tasso di sviluppo, in modo da migliorare la produttività e redditività del sistema delle imprese e, allo stesso tempo, sfruttare a pieno le potenzialità offerte dall ICT, dall attività di ricerca, e dalla formazione del capitale umano. Tali obiettivi possono essere perseguiti attraverso politiche della ricerca finalizzate. Le politiche regionali a supporto della Ricerca & Sviluppo (R&S) presentano un ventaglio eterogeneo di possibili interventi. E possibile classificare le regioni italiane in base al focus principale delle relative politiche di R&S, sulla base del target principale degli interventi di policy in tale ambito. Nel Terzo Quaderno sulla Finanza Innovativa e sulle Politiche Regionali per la R&S in Italia (Finlombarda, 2003) le politiche di R&S si distinguono in base al loro 13

19 Fondazione Rosselli orientamento: alle infrastrutture, all innovazione nelle PMI, al networking, al targeting, al rafforzamento dei centri di ricerca e del sistema industriale esistente. La Tabella 1.7 classifica le politiche per la ricerca e lo sviluppo introdotte nelle diverse regioni italiane sulla base dell ambito a cui sono indirizzate. Tabella 1.7 Classificazione delle regioni italiane in base al focus delle politiche di R&S Focus Descrizione Regioni Orientamento alle infrastrutture Politiche orientate al rafforzamento delle infrastrutture di base. Sicilia Orientamento all innovazione nelle PMI Politiche orientate al sostegno dei processi di innovazione nelle PMI. Calabria, Basilicata, Lazio Orientamento al networking Politiche che hanno come obiettivo l intensificazione delle collaborazioni tra imprese e tra imprese e centri di ricerca. Umbria, Friuli, Lombardia Orientamento al targeting Politiche che hanno come obiettivo una maggiore finalizzazione delle collaborazioni tra pubblico e privato, combinando approci top-down e approcci bottom-up. Toscana, Veneto 14 Orientamento al rafforzamento dei centri di ricerca Orientamento al rafforzamento del sistema industriale esistente Politiche destinate al rafforzamento dei centri di ricerca e all incentivazione di processi di trasferimento tecnologico alle imprese. Politiche destinate al rafforzamento del sistema industriale esistente attraverso l attivazione di piattaforme tecnologiche, parchi scientifici e distretti tecnologici. Campania, Puglia, Provincia di Trento Emilia Romagna, Marche, Piemonte Fonte: Finlombarda (2003) Dopo aver effettuato una panoramica degli orientamenti principali delle politiche di R&S per le regioni italiane, riteniamo opportuno approfondire la descrizione delle politiche attuate nelle regioni Obiettivo Convergenza, compresa la Basilicata che è tuttavia una regione Phasing Out. La Basilicata presenta un sistema economico-industriale esposto alla concorrenza dei paesi a basso costo del lavoro e allo stesso tempo non attrezzato per competere in settori a maggiore contenuto di conoscenza: da questi pre-

20 Capitolo 1 supposti nasce l esigenza di investire in innovazione e trasferimento tecnologico. Le politiche regionali coprono un ampio spettro di obiettivi, prevedendo forme di rafforzamento dell innovazione nelle PMI, dei centri di trasferimento tecnologico, dell offerta di ricerca. Appare inoltre rilevante la presenza di centri di trasferimento tecnologico, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo e l innovazione in campo agricolo. La Regione ha istituito il Dipartimento delle Attività Produttive, Politiche dell Impresa e Innovazione Tecnologica, che si occupa anche di gestire il regime di aiuti comunitari. Nel 2009 il Dipartimento, in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell Economia e delle Finanze, ha indetto un bando volto a finanziare i distretti industriali presenti all interno della regione, al fine di rafforzare il network industriale regionale. La Regione Calabria è caratterizzata da uno scarso volume di investimenti in ricerca, scarsa collaborazione tra università, centri di ricerca e imprese e disallineamento tra domanda e offerta di innovazione. Uno degli obiettivi dichiarati dalla Regione è la creazione di reti e relazioni fra gli attori del territorio in grado di attivare nuovi percorsi di sviluppo ed innovazione. A tale scopo è stata creata la Consulta Regionale per la ricerca scientifica e tecnologica, organo consultivo regionale stabile per il coordinamento e la programmazione delle politiche di R&S in Calabria. Infine, rilevante sembra essere il ruolo che la Regione riconosce al sistema universitario calabrese all interno della programmazione e realizzazione del sistema regionale per l innovazione ed il trasferimento tecnologico; l Università della Calabria, infatti, sta acquisendo sul territorio anche un importante ruolo nel campo del trasferimento tecnologico. In Regione l innovazione tecnologica fa capo al Dipartimento della Cultura, Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione Tecnologica, Alta Formazione. La Regione Campania, pur risultando una regione in netto ritardo rispetto alle regioni del Nord Italia, mostra la presenza di centri di eccellenza importanti, sia pubblici, sia privati. Tuttavia, risulta debole e non costante l interazione tra ricerca e imprese. E rilevante sottolineare che la Regione Campania è una delle poche che concretizza il proprio impegno sul fronte del sostegno all innovazione, attraverso la creazione di un apposito Assessorato. La Regione sembra inoltre essersi dotata di una struttura per la pianificazione di interventi a sostegno dell innovazione: oltre ad un Programma Regionale di Ricerca e ad un Programma Triennale di Promozione della Ricerca Scientifica, ha implementato la Strategia Regionale per lo Sviluppo dell Innovazione, il cui primo risultato sono stati i protocolli d intesa per la creazione dei Centri di Competenza Regionali. Infine, nell ambito della programmazione la Regione ha istituito Campania Programmazione Unitaria, un sistema che assicura il coordinamento delle politiche regionali e il raccordo dei soggetti, istituzionali e partenariali. Tale soggetto indirizza e monitora il processo di unificazione delle politiche regionali, comunitarie e nazionali e fornisce una visio- 15

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Il bilancio delle scuole, questo sconosciuto

Il bilancio delle scuole, questo sconosciuto PROGRAMMA EDUCATION FGA WORKING PAPER N. 21 (2/2010) Il bilancio delle scuole, questo sconosciuto Susanna Granello Direttore della rivista «Esperienze amministrative» 1 Fondazione Giovanni Agnelli, 2010

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere CAPITOLO 12 Qualità dei servizi Per uno standard minimo di benessere L accesso diffuso a servizi di qualità è un elemento fondamentale per una società che intenda garantire ai suoi cittadini uno standard

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Progetto PROMETEO. FORESIGHT TECNOLOGICO/ECONOMICO Settori 4 A e Turismo in Toscana. DOCUMENTO REDATTO da Consorzio Pisa Ricerche e FIRENZE TECNOLOGIA

Progetto PROMETEO. FORESIGHT TECNOLOGICO/ECONOMICO Settori 4 A e Turismo in Toscana. DOCUMENTO REDATTO da Consorzio Pisa Ricerche e FIRENZE TECNOLOGIA Progetto PROMETEO FORESIGHT TECNOLOGICO/ECONOMICO Settori 4 A e Turismo in Toscana DOCUMENTO REDATTO da Consorzio Pisa Ricerche e FIRENZE TECNOLOGIA INDICE INTRODUZIONE...3 IL CONTESTO ECONOMICO E TECNOLOGICO

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

per aumentare l occupazione

per aumentare l occupazione newsletter a cura di Giugno 2014 La garanzia giovani parte. Con le imprese editoriale del Ministro Aiutiamo in concreto i giovani e le imprese di Giuliano Poletti Il 1 maggio ha preso avvio, in tutta Italia,

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli