Introduzione. Il presente rapporto è strutturato in quattro parti:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. Il presente rapporto è strutturato in quattro parti:"

Transcript

1 QUINTO RAPPORTO SULL'INNOVAZIONE NELLA REGIONE DEL VENETO 2008

2

3 Introduzione Il Rapporto sull innovazione 2008, giunto alla sua quinta edizione, realizzato dal CRC Veneto in collaborazione con la Direzione Sistema Informatico e Venice International University, si pone l obiettivo di fotografare lo stato d avanzamento della Società dell Informazione sul territorio regionale e di evidenziare gli sviluppi conseguiti durante gli ultimi anni. Il presente rapporto è strutturato in quattro parti: Parte I - Novità del quadro regionale: illustra le nuove policy e i documenti di indirizzo strategico emanati della Regione del Veneto, analizzando al contempo i principali attori dell innovazione per l e-government e la Società dell Informazione; Parte II - Avanzamento progettualità e risultati: mostra lo stato d avanzamento dei principali progetti emersi sul territorio regionale (progetti primo avviso, riuso, e- democracy, APQ) e fornisce un quadro complessivo sui nuovi progetti che la Regione intende portare avanti; Parte III - La Società dell Informazione a livello regionale: ICT nelle famiglie, imprese e PA locali analizza i dati provenienti dall ISTAT e dal Réseau della Società dell Informazione, riguardanti la diffusione e l utilizzo delle ICT nelle famiglie, nelle imprese e nella Pubblica Amministrazione; Parte IV - Conclusioni: testimonianze, riflessioni e considerazioni sulla Società dell'informazione nel Veneto. Il Rapporto Regionale 2008 è stato redatto da Lorenzo Amadei, Andrea Calvo, Renzo Marin e Miriam Tedeschi, con la collaborazione della Direzione Sistema Informatico. III

4 IV

5 Indice PARTE I - NOVITÀ DEL QUADRO REGIONALE Il quadro di riferimento dell e-government nel Veneto L evoluzione del quadro strategico regionale per l e-government e la Società dell Informazione Le Linee Guida progettuali per lo sviluppo della Società dell Informazione del Veneto Asse I - Servizi istituzionali Asse II - Servizi alla Persona Asse III - Ambiente e territorio Asse IV - Economia Programma Operativo Regionale Regione del Veneto FESR Piano Operativo Legge sul pluralismo informatico Protocollo d intesa tra il Ministro Brunetta e il Presidente della Regione del Veneto Gli attori dell innovazione per l e-government e la Società dell Informazione L Amministrazione regionale Le Province I Comuni capoluogo I Centri Servizi Territoriali La partecipazione del territorio all Avviso nazionale ALI...30 PARTE II - AVANZAMENTO PROGETTUALITÀ E RISULTATI L avanzamento della progettualità in regione Veneto I risultati della progettualità dell APQ e degli integrativi Il Réseau sulla banda larga I risultati dei progetti di e-democracy E-democracy: il quadro nazionale e regionale...57 V

6 5.2 I progetti veneti di e-democracy DEMORACOLO GIOPOLIS PIE-GOT VEN.E-D La nuova progettualità regionale Promuovere la comunità regionale on line e la cooperazione interistituzionale OVER Network La community network del Veneto Reti Amiche Veneto Identity Management Access (IAM) Réseau della Società dell Informazione E-learning Rete FAD Conseguire maggiore sicurezza e tutelare la legalità Rete Telematica per la Sicurezza Informatizzazione Sistemi Decisionali Progetto I.SI.DE Semplificare la vita di cittadini e Amministrazioni SEMPLIFICA Dematerializzazione Progetto DO.GE MyPortal Contenuti multimediali (Digital Library) Distribuzione multicanale (Digital Delivery) Falcade Channel Valorizzare il patrimonio artistico e culturale del Veneto Valoris PARTE III - LA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE A LIVELLO REGIONALE: ICT NELLE FAMIGLIE, IMPRESE E PA LOCALI L ICT e l e-government per le famiglie, imprese e PAL Famiglie e individui Imprese PA locale Organizzazione e risorse umane Formazione ICT Dotazioni tecnologiche e connettività VI

7 7.3.4 I servizi on line Il Réseau sulla Società dell Informazione nel Veneto Le infrastrutture e gli strumenti informatici degli Enti locali Livello di informatizzazione delle procedure tecniche e amministrative Dotazioni Internet e tipologia di servizi offerti tramite Internet Le esigenze formative PARTE IV CONCLUSIONI L e-government è fatto di persone Le voci dell'e-government: testimonianze, riflessioni e considerazioni sulla Società dell'informazione nel Veneto Roberto Lago Dirigente Sistema Informativo Provincia di Padova e CST di Padova Antonio Capocelli ASL Treviso Responsabile scientifico Progetto Telemed-Escape Elvio Tasso - Unità Complessa per l e-government e la Società dell Informazione Regione del Veneto Giulio Tatto Responsabile Sistema Informativo Città di Feltre Federico Brenzoni - Dirigente informatico del Comune di Verona Stefano Cominato - Dirigente CED/CST Comune e Provincia di Vicenza Raffaele Savino - Dirigente Generale Provincia di Rovigo CST Polesine-gov Stefano Murer - Sindaco Comune di Falcade Conclusioni VII

8

9 Parte I. Novità del quadro regionale PARTE I - NOVITÀ DEL QUADRO REGIONALE 1

10 5 Rapporto sull innovazione nella regione Veneto 2

11 Parte I. Novità del quadro regionale 1 Il quadro di riferimento dell e-government nel Veneto Lo sviluppo dell e-government veneto degli ultimi anni è stato guidato dall attuazione del Piano di Sviluppo Informatico e Telematico del Veneto (approvato con DGR n. 56 del 18 gennaio 2002) e del Piano di Sviluppo della Società dell Informazione (DGR n del 9 agosto 2002), che tracciavano le linee guida necessarie per far evolvere il Sistema Informativo Regionale (SIRV) da un sistema incentrato sull Amministrazione regionale a una rete che collegasse gli Enti locali e favorisse lo sviluppo di tutto il territorio. I due piani contenevano infatti indicazioni fondamentali per costruire e sviluppare l egovernment veneto, per supportare la globalizzazione e i processi di delocalizzazione dell economia e della società veneta, per porre le basi di un sistema evoluto di Netwelfare & Net-health regionale e per definire ed attuare iniziative per la creazione di professionalità e la diffusione della cultura informatica. Accanto a questi due piani, le tematiche dello sviluppo della Società dell Informazione sono state recepite e declinate nell ambito della programmazione regionale in materia di crescita infrastrutturale, progettazione e produzione di servizi on line per i cittadini e le imprese (Misura 2.5 DOCUP ), di formazione (POR Obiettivo 3), di sviluppo dei rapporti transfrontalieri (Programmi Interreg e Phare), di sostegno e sviluppo del settore primario (Piano di Sviluppo Rurale), di sviluppo socio-economico locale (Patti Territoriali) e di sviluppo del settore agro-alimentare (Programma LEADER e Portale Europeo dei Territori Rurali e-country). Accanto a queste policy, che sono all origine dello sviluppo della Società dell Informazione del Veneto, vi sono state da un lato una serie di politiche attuative rivolte soprattutto allo sviluppo delle infrastrutture: l Accordo di Programma Quadro per la Società dell Informazione nella Regione del Veneto e i successivi atti integrativi (per il dettaglio si veda capitolo 4- I risultati della progettualità dell APQ e degli integrativi); la DGR n. 889 del 28 marzo 2006 che individua le risorse derivanti dalle delibere CIPE n. 34 e 35 del 27 maggio 2005 da destinare al settore della Società dell Informazione; dall altro due documenti a carattere per lo più strategico: 3

12 5 Rapporto sull innovazione nella regione Veneto lo Studio sulla banda larga nella Regione del Veneto, volto ad analizzare lo stato delle infrastrutture attuali di telecomunicazioni per la realizzazione della banda larga sul territorio regionale, presentato a novembre 2005; le linee guida condivise per la costituzione dei Centri Servizi Territoriali per l egovernment e la Società dell Informazione (CST) sul territorio regionale, anch esso presentato a novembre L immagine seguente riepiloga le principali tappe dell e-government a livello regionale, dalla pubblicazione del Piano Informatico e Telematico ad oggi. Figura 1: Principali tappe dell'e-government a livello regionale Fonte: Rielaborazione CRC Veneto su dati CNIPA 4

13 Parte I. Novità del quadro regionale 1.1 L evoluzione del quadro strategico regionale per l e-government e la Società dell Informazione L evoluzione del Piano di Sviluppo Informatico e Telematico è stata tracciata attraverso le linee guida progettuali per lo sviluppo della Società dell'informazione del Veneto , approvate con delibera di Giunta Regionale n del 7 agosto Le Linee Guida, promosse dalla Direzione Sistema Informatico della Regione del Veneto, hanno l'obiettivo di definire l'azione dell'amministrazione regionale in tema di Società dell'informazione e di e-government nei prossimi anni. Tra gli obiettivi specifici si ricordano: la diffusione delle ICT (anche come strumento di partecipazione civile), il supporto a ricerca e innovazione, il miglioramento dei rapporti tra imprese e PA, la riduzione del gap tra piccole e grandi Amministrazioni, il sostegno a mobilità e logistica, la promozione del patrimonio storico, ambientale ed artistico della Regione, l'inclusione delle aree marginali e delle categorie svantaggiate, ecc.. Parallelamente alle altre regioni, anche il Veneto ha approvato nel corso del 2007 il POR FESR , che contiene il nuovo Piano dedicato alla SI, per quanto attiene le linee di intervento prioritarie a favore della competitività. Tabella 1: La strategia regionale per l innovazione e la Società dell Informazione in Veneto Titolo policy Estremi di Linee di azione/obiettivi approvazione Linee Guida progettuali per lo sviluppo della Società dell'informazione del Veneto Delibera di Giunta Regionale n del 7 agosto 2007 BUR n. 82 del 18/09/2007 Obiettivi specifici: la diffusione delle ICT, il supporto a ricerca e innovazione, il miglioramento dei rapporti tra imprese e PA, la riduzione del gap tra piccole e grandi Amministrazioni, il sostegno a mobilità e logistica, la promozione del patrimonio storico, ambientale ed artistico della Regione, l'inclusione delle aree marginali e delle categorie svantaggiate Programma Operativo Regionale Regione del Veneto FESR DGR n.425 del 27/02/2007 Decisione CE n. C(2007) 4247 del Asse 4 - Accesso ai servizi di trasporto e di telecomunicazioni di interesse economico generale Azioni 4.1.1: Creazione di piani d azione e promozione/creazione di reti di servizi tra/per le PMI; 4.1.2: Collegamento delle zone del territorio 5

14 5 Rapporto sull innovazione nella regione Veneto Piano Operativo DGR n del Definizione giugno 2008 degli interventi per BUR n. 61 del la diffusione della 25/07/2008 banda larga nel Veneto Fonte: Osservatorio CRC CNIPA, 2008 regionale non ancora raggiunte dalla banda larga e creazione di punti di accesso pubblici 4.1.3: Interventi di aiuto alle PMI per l accesso ai servizi telematici Interventi per la diffusione della banda larga sul territorio regionale Infine, il Piano Operativo 2008 descrive in modo puntuale gli interventi promossi da Regione del Veneto, Direzione Sistema Informatico, per la diffusione della banda larga sul territorio. La definizione di tali interventi è coerente con le linee guida strategiche europee in materia di banda larga e con i più recenti documenti di indirizzo nazionale. Il Piano risponde inoltre agli obiettivi definiti dalle politiche regionali per lo sviluppo della Società dell Informazione e segue in una logica di continuità la programmazione derivante dal Piano Operativo per il Al tema della banda larga e della riduzione del divario digitale è dedicata come si evince dalla tabella sopra riportata - anche un azione del POR FESR ad integrazione e completamento delle diverse politiche messe in campo dalla Regione del Veneto attraverso strumenti differenti (APQ SI, Piano Operativo dedicato). Infine nel POR FSE , la tematica innovazione/società dell informazione si pone trasversalmente al settore della formazione e del capitale umano, del lavoro e del potenziamento dell organizzazione aziendale e dell occupabilità, con l obiettivo di rafforzare e diffondere la cultura dell utilizzo delle ICT. Tabella 2: Il tema dell innovazione nelle linee di intervento del POR FSE Asse Obiettivo specifico Obiettivo operativo Occupabilità Aumentare l efficienza, l efficacia, la qualità e l inclusività delle istituzioni del mercato del lavoro Migliorare i servizi di intermediazione tra domanda e offerta di lavoro, sviluppando le politiche attive del lavoro nel quadro di nuovi sistemi di welfare to work. 6

15 Parte I. Novità del quadro regionale Attuare politiche del lavoro attive e preventive con particolare attenzione all integrazione dei migranti nel mercato del lavoro, all invecchiamento attivo, al lavoro autonomo e all avvio di imprese Fonte: Osservatorio CRC CNIPA, 2008 Organizzazione dei Servizi per il Lavoro, volta a completare il processo di messa in rete dei servizi, ad assicurare il processo di riqualificazione degli operatori per l utilizzo di tale sistema ed a promuovere i nuovi servizi nel territorio con azioni di comunicazione, visibilità e dialogo con il mondo delle imprese. Informatizzazione dei servizi, sia rispetto all ambito provinciale che a quello regionale, in collegamento con il sistema nazionale Sperimentazione di azioni pilota innovative, relative a settori e profili professionali emergenti, con particolare riferimento alla società della comunicazione e dell informazione Promozione di nuova imprenditorialità nei settori innovativi (Società dell Informazione, economia della conoscenza, salute, ambiente e sviluppo sostenibile) e un maggior grado di attrattività degli stessi attraverso un raccordo più stretto con il mercato di riferimento Infine la Giunta regionale ha approvato una legge regionale sul pluralismo informatico di cui si parlerà dettagliatamente nel paragrafo Le Linee Guida progettuali per lo sviluppo della Società dell Informazione del Veneto La Regione del Veneto si è dotata già dal 2002 di due strumenti strategici dedicati alle tematiche dell e-government e della Società dell Informazione: il Piano Regionale di Sviluppo Informatico e Telematico e il Piano di Sviluppo della Società veneta dell Informazione. 7

16 5 Rapporto sull innovazione nella regione Veneto Negli ultimi 5 anni sono state numerose le iniziative concretamente avviate per innovare l Amministrazione regionale, e più in generale l intero sistema regionale, aprendolo ai nuovi temi dell e-government, della net-economy, del net-welfare e dell e-learning: dalla trasformazione del SIRV in Net-SIRV (mentre il SIRV era un sistema interno all Amministrazione regionale, con il passaggio al Net-SIRV si è passati ad una rete digitale di relazioni e di interoperabilità estesa a tutto il territorio regionale) ai progetti di prima fase di e-government (con interventi a carattere infrastrutturale, a supporto dell interoperabilità e della produzione di servizi rivolti a cittadini e imprese e la creazione del Centro Servizi a Supporto del Territorio), agli interventi su banda larga, firma digitale, banche dati. Per rinnovare e rilanciare l azione iniziata con i due Piani del 2002, e tenendo conto anche dei notevoli risultati raggiunti grazie ad essi, si è giunti all elaborazione di un nuovo documento che si propone di indicare le strategie e le azioni che guideranno l azione regionale in tema di Società dell Informazione ed e-government per il prossimo futuro. Le Linee Guida Progettuali per lo Sviluppo della Società dell Informazione del Veneto, questo il nome completo, sono state approvate ad agosto 2007 e hanno come obiettivo temporale il quadriennio I principi che ne hanno guidato la stesura possono essere riassunti in tre punti: razionalizzazione della spesa corrente; diverso approccio gestionale delle attività, non più solo tecnico-amministrativo dei progetti, ma aperto a forme evolute di governance; volontà di promuovere e sostenere l'innovazione dell'ict veneta. Le sfide che il documento intende affrontare sono sia tecnologiche, quali lo sviluppo delle connessioni in banda larga, la diffusione e gestione dell e-government attraverso dinamiche di riuso, che economiche (azioni sulla spesa corrente in ICT, rilancio del settore ICT locale). Da un punto di vista strutturale, le Linee Guida sono articolate in macro-aree che corrispondono agli assi prioritari di sviluppo. Ciascuna macro-area (gli assi ) è poi articolata in una serie di misure di intervento che specificano le azioni previste. La tabella seguente riepiloga i quattro assi in cui si sviluppa il documento, con le relative misure di dettaglio. 8

17 Parte I. Novità del quadro regionale Tabella 3: Assi e misure delle Linee Guida Asse Misure o Misura 1.1 e-government; o Misura 1.2 Relazioni Internazionali; o Misura 1.3 Servizi per il governo; o Misura 1.4 Innovazione e diffusione delle soluzioni di e- Asse I Servizi istituzionali government; o Misura 1.5 Servizi per la razionalizzazione economico/finanziaria della PA; o Misura 1.6 Potenziamento degli strumenti di programmazione e controllo della regione. o Misura 2.1 Interventi nell'area Tecnologica/Strumentale e Infrastrutturale di rete; o Misura 2.2 Interventi a favore della diffusione di strumenti applicativi per la produzione di servizi alla persona attraverso il riuso; o Misura 2.3 Interventi per la razionalizzazione dei servizi e della Asse II - Servizi alla persona spesa ICT rivolta al comparto socio-sanitario; o Misura 2.4 Interventi per l'orientamento e la formazione professionale permanente; o Misura 2.5 Sviluppo e sostegno all'innovazione per Net-welfare e Sanità on line; o Misura 2.6 Educare alla Società dell'informazione. o Misura 3.1 Completare le infrastrutture telematiche del Veneto; o Misura 3.2 Nuove tecnologie per la mobilità e i trasporti; o Misura 3.3 Riuso dei Sistemi informativi territoriali; Asse III - Ambiente e o Misura 3.4 Protezione civile; territorio o Misura 3.5 Strumenti e soluzioni tecnologiche a supporto del Piano; o Misura 3.6 Ambiente. o Misura 4.1 Sostenere la competitività dell'industria veneta attraverso l'ict; o Misura 4.2 Sostenere la competitività del Turismo veneto Asse IV Economia attraverso l'ict; o Misura 4.3 Contenuti digitali per la valorizzazione dei beni culturali del Veneto. Fonte: Linee Guida progettuali per lo sviluppo della Società dell Informazione del Veneto

18 5 Rapporto sull innovazione nella regione Veneto Asse I - Servizi istituzionali In questo primo asse, il tema è la valorizzazione dei servizi e delle soluzioni di e- government già realizzate, per giungere ad una loro maggiore diffusione e utilizzo sul territorio attraverso interventi ed investimenti sul capitale umano e sui processi organizzativi. L obiettivo dichiarato è quello di un ammodernamento e una semplificazione dei rapporti tra Pubbliche Amministrazioni e tra cittadino e Amministrazione pubblica. Nel dettaglio delle singole azioni che compongono quest asse e che cercano di coprire e supportare i principali settori inerenti le politiche per la gestione e l'organizzazione, troviamo interventi in tema di riuso per valorizzare le esperienze già maturate negli anni scorsi e creare un sistema di interoperabilità fra gli Enti locali, un attenzione esplicita sia ai cittadini veneti residenti in regione che alle comunità di emigrati veneti sparse nel mondo (ad esempio si propone la creazione di un Portale dei Cittadini e delle Comunità Venete nel Mondo), la volontà di potenziare e migliorare gli strumenti a supporto delle attività interne all Amministrazione regionale di programmazione, controllo e monitoraggio Asse II - Servizi alla Persona In questo asse, le iniziative previste riguardano la produzione di servizi innovativi alla persona, partendo dalle esperienze già realizzate nel settore sanitario, del sociale, del mondo della formazione e del lavoro, lavorando alle reti di coordinamento tra i soggetti pubblici e privati per una gestione partecipata e condivisa del comparto. Già a partire dal precedente Piano sulla Società dell Informazione, l utilizzo delle tecnologie dell informazione finalizzato al miglioramento e alla generazione dei servizi innovativi alla persona ha costituito uno dei fattori chiave. Quella volontà viene ora ribadita e declinata in una forte attenzione al sociale e al mondo sanitario, supportando l attuazione del Piano Sanitario Regionale attraverso la diffusione dei servizi on line alla persona, con il coinvolgimento del Sistema Sanitario Territoriale, degli EE.LL. e dei CST, delle realtà del volontariato e delle istituzioni del mondo sociale. L altro importante tema attorno al quale ruotano le azioni di quest asse è la formazione, vista sotto due aspetti principali: da un lato vengono previsti interventi in ambito e- learning e di supporto tecnologico alle attività di orientamento e formazione permanente; dall altro si presentano iniziative di educazione alla Società dell Informazione, con 10

19 Parte I. Novità del quadro regionale l obiettivo di diffondere le conoscenze sulle potenzialità offerte dalle nuove tecnologie, continuare lo sforzo rivolto all alfabetizzazione informatica di base (per migliorare anzitutto il livello medio di competenza nell uso degli strumenti informatici), e infine porre in essere iniziative a supporto della diffusione tecnologica nelle famiglie Asse III - Ambiente e territorio L asse Ambiente e Territorio punta anzitutto a potenziare l infrastruttura telematica della Regione (in primo luogo gli interventi per l estensione della banda larga all intero territorio regionale) e a valorizzare le infrastrutture fisiche (strade, ferrovie, porti, ecc.) del territorio regionale, attuali e future, attraverso l utilizzo delle nuove tecnologie di rete nel settore della mobilità e dei trasporti. Il tema delle nuove tecnologie come leva di valorizzazione degli investimenti infrastrutturali rappresenta un tema di recente interesse: sistemi d infomobilità, sistemi integrati per la logistica, modalità innovative di accesso e fruizione per la mobilità, rappresentano oggi sfide importanti in questo campo. Oltre alle tematiche a carattere infrastrutturale, questo asse di intervento affronta altri temi relativi alla gestione territoriale, come l informazione catastale e la gestione delle emergenze (con l ammodernamento della centrale operativa e lo sviluppo di un portale regionale della protezione civile). Infine l ultima misura è dedicata a tematiche prettamente ambientali, e ha tra i suoi obiettivi il sostegno al rinnovo ed al potenziamento delle soluzioni e degli strumenti gestionali, la promozione del patrimonio informativo ambientale e il sostegno al processo di razionalizzazione tecnologica del sistema informativo Asse IV - Economia L asse Economia delle Linee Guida si focalizza sui temi della net-economy e punta a sviluppare le condizioni e potenziare il supporto ai processi di innovazione delle imprese e degli altri attori del sistema economico, in linea con i mutati scenari competitivi, completando ed ampliando l infrastruttura telematica regionale nell ambito di specifiche aree (ricerca, lavoro, turismo). Il successo a livello internazionale del sistema economico veneto e il ruolo occupato dal Veneto in Italia in termini di numero di imprese e di occupazione costituiscono i punti di partenza delle azioni previste in questo asse. 11

20 5 Rapporto sull innovazione nella regione Veneto Troviamo quindi, tra gli altri, interventi volti a stimolare e diffondere soluzioni di utility computing d impresa, a supportare la logistica internazionalizzata, a promuovere nuove soluzioni tecnologiche per le imprese di servizi, a favorire la creazione di strumenti e servizi innovativi per la promozione turistica e culturale del territorio, e infine misure orientate allo sviluppo di strumenti e soluzioni in grado di valorizzare i beni culturali presenti sul territorio consentendone una maggiore conoscenza e fruizione da parte dei visitatori. 1.3 Programma Operativo Regionale Regione del Veneto FESR Nel Programma Operativo Regionale "Competitività Regionale e Occupazione" - parte FESR ( ) 1, approvato dalla Commissione Europea con decisione CE (2007) 4247 del 07 settembre 2007, la Regione del Veneto delinea le proprie strategie per favorire la competitività regionale e l occupazione intervenendo nei settori relativi a: innovazione ed economia della conoscenza; energia; ambiente e valorizzazione del territorio; accesso ai servizi di trasporto e di telecomunicazioni di interesse economico generale; cooperazione interregionale e transregionale. Per far fronte all obiettivo generale, il POR è stato articolato in sei differenti assi, ciascuno con il proprio specifico obiettivo: Asse 1 - Innovazione ed economia della conoscenza: mira alla diffusione e alla promozione di processi di innovazione e ricerca per qualificare il sistema produttivo regionale, incoraggiando le produzioni ad alto valore aggiunto in grado di competere anche sui mercati internazionali; per raggiungere questi obiettivi, tramite le differenti linee di intervento di cui l asse si compone, si intende: o potenziare le attività di innovazione, ricerca e sviluppo; o creare nuovi prodotti e strumenti finanziari per il rafforzamento del sistema produttivo; 1 12

21 Parte I. Novità del quadro regionale o favorire la nascita di nuove imprese. Asse 2 Energia: l asse è orientato al miglioramento dell efficienza energetica nell ottica di migliorare la sostenibilità ambientale dei processi produttivi e lo sviluppo della diversificazione delle fonti energetiche, contribuendo alla riduzione delle emissioni atmosferiche inquinanti e climalteranti; gli obiettivi sono pertanto quelli di: o ridurre il consumo energetico e aumentare la produzione energetica da fonte rinnovabile; o contenere l inquinamento delle attività produttive. Asse 3 - Ambiente e valorizzazione del territorio: l asse ruota attorno al tema della tutela e della valorizzazione dell ambiente prevedendo interventi di bonifica e ripristino ambientale di siti inquinati, di difesa del suolo, di prevenzione del rischio naturale (difesa del suolo, erosione costiera), di valorizzazione sostenibile delle risorse naturali (Rete Natura 2000) e culturali intese come attrattori per una crescita compatibile con le esigenze ambientali; l obiettivo complessivo è pertanto quello di: o risparmiare e recuperare il suolo; o migliorare le risorse ambientali; o valorizzare a fini economici il patrimonio naturale e culturale. Asse 4 - Accesso ai servizi di trasporto e di telecomunicazioni di interesse economico generale: questo asse è finalizzato al raggiungimento di una mobilità sostenibile e al miglioramento dell accessibilità alle vie di comunicazione, in una logica di integrazione e complementarietà con gli interventi previsti a livello comunitario e nazionale; promuove per questo il potenziamento delle infrastrutture di telecomunicazione nelle aree non ancora coperte, al fine di eliminare progressivamente il digital divide; tali obiettivi verranno perseguiti tramite: o la diffusione della banda larga; o l aumento dei servizi e delle applicazioni telematiche; o o il miglioramento dell intermodalità e della logistica; la promozione della mobilità in ambiti urbani. Asse 5 - Azioni di cooperazione: l asse si pone l obiettivo di rafforzare il ruolo internazionale della regione, superando l attuale logica territoriale, anche tramite la costituzione di rapporti di partnership tra le regioni al fine di trarre vantaggio dalla 13

22 5 Rapporto sull innovazione nella regione Veneto condivisione di esperienze di buone pratiche e nei reciproci rapporti di scambio in termini di pari opportunità; tale obiettivo verrà perseguito attraverso: o o l aumento della competitività e dell integrazione di alcuni settori/comparti dell economia veneta attraverso il potenziamento di forme (nuove ed esistenti) di cooperazione interregionale; l aumento della collaborazione, della condivisione e della cooperazione tra gli Enti locali delle regioni contermini al fine di armonizzare le aspettative di sviluppo e di eliminare i fenomeni di disgregazione sociale. Asse 6 - Assistenza tecnica: quest asse è finalizzato al miglioramento dei processi di programmazione e a garantire un attuazione più efficace ed efficiente delle azioni previste nel POR, tramite l attuazione di sistemi di programmazione, gestione, sorveglianza, valutazione e verifica del programma. Nella tabella seguente vengono riepilogati gli assi con le relative linee di intervento e azioni. Tabella 4: Assi e linee d'intervento del POR Asse Linee di intervento Azioni Asse 1 - Innovazione ed economia della conoscenza 1.1 Ricerca, Sviluppo e Innovazione Supporto ad attività di ricerca, processi e reti di innovazione e alla creazione di imprese in settori ad elevato contenuto tecnologico Contributi a favore dei processi di trasferimento tecnologico e allo sviluppo di strutture di ricerca interne alle imprese Contributi per l utilizzo da parte delle imprese di strutture qualificate per l attività di ricerca Diffusione dei servizi di consulenza esterna a sostegno delle PMI finalizzati al processo evolutivo aziendale e alla continuità di impresa 14

Marino Zorzato Vice Presidente e Assessore al Territorio, alla Cultura, agli Affari Generali III

Marino Zorzato Vice Presidente e Assessore al Territorio, alla Cultura, agli Affari Generali III SESTO RAPPORTO SULLA SOCIETA' DELL'INFORMAZIONE NELLA REGIONE DEL VENETO 2011 Il ruolo della Regione nel quadro di una società in continua evoluzione e di un progresso tecnologico sempre più rapido e

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia Tabella 6: della Società dell Informazione, Asse I - Infrastruttura a banda larga 1. Completamento della copertura a banda larga degli Enti pubblici e dei siti strategici per l erogazione di servizi di

Dettagli

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE SOMMARIO TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE CAPITOLO PRIMO LE ORIGINI DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE 1. Introduzione 1.1 La definizione di società dell informazione 1.2 La Società

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 1475 del 12 agosto 2013

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 1475 del 12 agosto 2013 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Sistemi Informativi Presidente Luca Zaia X Vicepresidente Marino Zorzato X Assessori Renato Chisso X Roberto Ciambetti X Luca Coletto X Maurizio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PER GARANTIRE L ACCESSO AI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Verona, 14 aprile 2014 Michele Pelloso Direttore Sezione Industria e Artigianato Assessorato all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

Gli interventi della Regione del Veneto per l accesso a reti e servizi a banda larga, con particolare riferimento alle aree montane

Gli interventi della Regione del Veneto per l accesso a reti e servizi a banda larga, con particolare riferimento alle aree montane Gli interventi della Regione del Veneto per l accesso a reti e servizi a banda larga, con particolare riferimento alle aree montane 1 Indice Il problema L individuazione delle aree d intervento Obiettivi

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE

FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE UFFICIO DI PIANO arch. FLAVIO CARIALI Abitanti 100.000 Tasso di crescita (10 anni) 23% Popolazione straniera 13% Superficie 226 Kmq 441 abitanti per Kmq 11 COMUNI

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Regione Umbria. Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni. www.umbriageo.regione.umbria.

Regione Umbria. Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni. www.umbriageo.regione.umbria. DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni

Dettagli

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE Milano, 19 dicembre 2012 1 Premessa L agenda digitale italiana, con le prime misure

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione

REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione Repubblica Italiana Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Bilancio e Tesoro- Ragioneria Generale della Regione Catania 18 Marzo 2008 REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA tra

PROTOCOLLO D INTESA tra PROTOCOLLO D INTESA tra la Regione Piemonte la Regione Sardegna il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali VISTA la legge 17 maggio 1999 n.144,

Dettagli

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa Protocollo d intesa La Regione Puglia, di seguito denominata Regione, con sede in Bari, Lungomare Nazario Sauro n. 33, (C.F. 80017210727), qui rappresentata dal Presidente della Giunta regionale, on.le

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna L Agenda Digitale Locale: il piano strategico condiviso per le politiche di innovazione e di progettazione di comunità locali intelligenti e sostenibili: il caso dell Emilia-Romagna Dall agenda digitale

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra Regione Campania SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA fra L Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano La Provincia di Salerno Le Comunità Montane..., La Comunità Montana..., La Comunità Montana..., Ecc

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti.

Aziende di promozione turistica dovevano individuare gli ambiti territoriali turisticamente rilevanti. Promozione, informazione e accoglienza turistica = compiti amministrativi in materie in cui per le Regioni speciali la competenza legislativa è primaria o esclusiva e per le Regioni ordinarie è ora di

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Agenda Digitale del Veneto, le infrastrutture digitali. Azioni avviate e prospettive per il Polesine

Agenda Digitale del Veneto, le infrastrutture digitali. Azioni avviate e prospettive per il Polesine Agenda Digitale del Veneto, le infrastrutture digitali. Azioni avviate e prospettive per il Polesine Tasso Elvio Regione del Veneto Sezione Sistemi Informativi Rovigo 19 settembre 2014 1 L Agenda Digitale

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del Direttore Uffici Territorali del Turismo: 1 - UTP di Roma 2 - UTP di Frosinone 3 - UTP di Latina 4 - UTP di Rieti

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE FINANZIAMENTI N.06/2008 AGLI ENTI ASSOCIATI DELLA LOMBARDIA - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA Bando a sostegno

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE);

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE); PROTOCOLLO D INTESATRA LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DEL SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI MIP PREMESSO

Dettagli

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014 Tavola rotonda 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca Roma 10 luglio 2014 Dr. Francesco Bongiovanni Cosa intendiamo con il termine governance? L insieme di azioni che consentono la realizzazione

Dettagli

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Agenda Digitale Toscana I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Laura Castellani ICT e crescita Nell Agenda Digitale Europea la Commissione ha indicato ai Paesi membri obiettivi per il 2020

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 Dott.ssa Maria Pia Redaelli Direttore Funzione Specialistica Autorità di Gestione FSE E FESR 2014-2020, Programmazione Europea e Politiche Di Coesione

Dettagli

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino - Palermo Rapporto Finale Dicembre 2009 Dicembre 2009 pagina 1 Uniontrasporti è una società promossa da Unioncamere

Dettagli

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DEI PRIVATI AL FINE DELLA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

Pisa Convegno Legautonomie

Pisa Convegno Legautonomie Spunti di riflessione sui nuovi scenari della amministrazione pubblica digitale Pisa Convegno Legautonomie 25 ottobre 2010 Elena Tabet Il lungo cammino dell amministrazione digitale Istituzione di un Autorità

Dettagli

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata Programmazione, attuazione e monitoraggio degli investimenti pubblici finanziati con le risorse del fondo per le aree sottoutilizzate La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l -SI della Regione

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda Région Autonome Vallée d Aoste Regione Autonoma Valle d Aosta Présidence de la Région Secrétaire Général de la Région Presidenza della Regione Segretario Generale della Regione Piano Pluriennale 2014-201

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013 LUCAI 2012 Il CISIS CPSI Comitato Permanente Sistemi Informatici CPSS Comitato Permanente Sistemi Statistici CPSG Comitato Permanente Sistemi Geografici La cooperazione interregionale Il CISIS opera come

Dettagli

Il CSST regionale a supporto dello sviluppo dei Centri Servizi Territoriali Veneti/A.L.I.

Il CSST regionale a supporto dello sviluppo dei Centri Servizi Territoriali Veneti/A.L.I. Il CSST regionale a supporto dello sviluppo dei Centri Servizi Territoriali Veneti/A.L.I. Villa Cordellina Montecchio Maggiore Vicenza - 21 gennaio 2008 A cura di Bruno Salomoni Segreteria Regionale Affari

Dettagli

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR)

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) Torino, 20 novembre 2014 Europa 2020 Europa 2020 è un documento

Dettagli

Gaia: La Regione Intelligente

Gaia: La Regione Intelligente Gaia: La Regione Intelligente Le opzioni, il modello, il percorso Le opzioni Dobbiamo costruire una Regione aperta, fondata su ascolto, dialogo e trasparenza Bisogna porre al centro delle politiche i cittadini,

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

proposta di legge n. 316

proposta di legge n. 316 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 316 a iniziativa dei Consiglieri ALTOMENI, BRANDONI, AMAGLIANI, BINCI, PETRINI, COMI, MOLLAROLI, ORTENZI, D ISIDORO, CAPPONI presentata in data

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' art. 10 d. lgs. 33/2013 Sommario Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione... 1 1. Procedimento di elaborazione

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 Mission Il progetto fin dal 2001 si è posto un duplice obiettivo: offrire alle P.A. - in particolare alle amministrazioni locali

Dettagli

I servizi di e-government

I servizi di e-government I servizi di e-government La Community regionale Net-SIRV 14 dicembre 2009 Andrea Boer Dirigente Servizio Progettazione e Sviluppo Reseaux della Società dell informazione Un RESEAU è una rete permanente

Dettagli

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo.

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo. MASTER si propone come facilitatore nella costruzione e pianificazione di strategie di medio e lungo termine necessarie ad interagire con gli scenari economici e sociali ad elevato dinamismo. Vuole rappresentare

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI per la realizzazione di un programma di innovazione per il patrimonio

Dettagli

delibera: - - GIO 2015, N. 593

delibera: - - GIO 2015, N. 593 - GIO 2015, N. 593 Nomina di un rappresentante della Regione Emilia-Romagna in seno al Consiglio di Amministrazione della Fondazione Arturo Toscanini di Parma a seguito di dimissioni (omissis) delibera:

Dettagli

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Obiettivo Investimenti per la Crescita e l Occupazione Siena, 27 marzo 2015 Monica Bartolini, Ilaria Buselli Ufficio Autorità di Gestione POR FESR

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato

Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Lo Sviluppo Rurale verso il 2020 Accordo / Contratto di partenariato Comitato di Sorveglianza PSR 2007/2013 Olof S. Roma, 31 Maggio 2012 Indice 1. Il contesto della riforma 2. L approccio alla programmazione

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale Forum di settore e incontro conclusivo anni 2013/2014 Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale FORUM di SETTORE e INCONTRO CONCLUSIVO Nell ambito

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia:

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Le Province all avanguardia nell innovazione tecnologica! Premesse Lunedì 15 Novembre è stato presentato a

Dettagli

alla luce del principio di sussidiarietà, avvalendosi dello strumento della concertazione PROMUOVONO

alla luce del principio di sussidiarietà, avvalendosi dello strumento della concertazione PROMUOVONO TAVOLO UNICO REGIONALE DI COORDINAMENTO SULL IMMIGRAZIONE PROTOCOLLO D INTESA REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche della Sicurezza e dei Flussi Migratori - Assessorato alle Politiche dell Occupazione,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLII Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Seconda n. 16 del 20.4.2011 Supplemento n. 39 mercoledì, 20 aprile 2011 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127

Dettagli