L incidenza delle cronicità nelle geriatrie italiane. Possibili risparmi per la spesa sanitaria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L incidenza delle cronicità nelle geriatrie italiane. Possibili risparmi per la spesa sanitaria"

Transcript

1 L incidenza delle cronicità nelle geriatrie italiane. Possibili risparmi per la spesa sanitaria Milano, 14 Maggio 2013 Università degli Studi di Milano-Bicocca, Piazza dell Ateneo Nuovo, 1 Sala del Consiglio Gianluca Merchich, Università di Milano-Bicocca e CRIET Mariangela Zenga, Università di Milano-Bicocca e CRIET 1

2 I contenuti Introduzione La metodologia Il concetto di cronicità I principali obiettivi L insieme degli indicatori di valutazione I risultati ottenuti Le conclusioni e i futuri lavori 2

3 Introduzione Il tema della assistenza sanitaria alla popolazione anziana assume sempre più maggiore rilevanza per una moltitudine di cause. La prima sicuramente di natura demografica, l Italia infatti è fra i paesi più anziani in Europa, a ciò occorre aggiungere una percentuale crescente di persone con almeno una patologia cronica, inoltre si assiste ad una aspettativa di vita a 65 anni crescente e all aumento del numero di patologie croniche. In questo scenario il Sistema Sanitario Italiano dovrà fare i conti con un rilevante aumento dei consumi sanitari che secondo le stime più recenti la spesa per l assistenza agli anziani nel 2050 potrebbe assorbire i 2/3 del budget del Servizio Sanitario Nazionale. 3

4 I contenuti Introduzione La metodologia Il concetto di cronicità I principali obiettivi L insieme degli indicatori di valutazione I risultati ottenuti Le conclusioni e i futuri lavori 4

5 La metodologia Definizione di «patologia cronica» Identificazione dei DRG (Diagnosis - related groups) afferenti alle principali patologie croniche Analisi dei ricoveri ordinari prodotti nei reparti geriatrici italiani ( ) Misurazione e valutazione dei risultati 5

6 I contenuti Introduzione La metodologia Il concetto di cronicità I principali obiettivi L insieme degli indicatori di valutazione I risultati ottenuti Le conclusioni e i futuri lavori 6

7 Il concetto di cronicità Secondo una definizione fornita dall Organizzazione mondiale della Salute una patologia cronica è una patologia che possiede una o più delle seguenti caratteristiche: è permanente tende a sviluppare un tasso di disabilità variabile è causata da un alterazione patologica non reversibile richiede una formazione speciale per il raggiungimento di una buona qualità della vita necessita di un lungo periodo di controllo, osservazione e cura 7

8 Acuto vs cronico Obiettivi cura Durata Conoscenza e competenza Disease Management Erogatori di cura Evento Acuto La cura stessa dell evento Limitata nel tempo Concentrata sugli operatori sanitari Focalizzato su trattamento medico singolo Struttura ospedaliera Cronicità Gestione della condizione patologica; Prevenzione dei fattori di rischio; Aumento del tasso di sopravvivenza, Miglioramento della qualità di vita Non definita; Lungo periodo di controllo, osservazione e cura; Condivisa fra operatori sanitari, pazienti e familiari Utilizzo di più strumenti, più trattamenti; Vari setting assistenziali; Servizi territoriali di cure primarie, comunità, famiglia Fonte: Rielaborazione da IX Rapporto sulle Politiche della Cronicità, Cittadinanzattiva 8

9 Le principali patologie croniche oggetto di analisi Per identificare i ricoveri afferenti a patologie croniche si è utilizzato uno dei 5 criteri di inclusione utilizzati per il monitoraggio della Banca Dati Assistiti di Regione Lombardia (logica di tipo or or or) Nel presente lavoro sono stati analizzati tutti i ricoveri prodotti in regime di ricovero ordinario nei reparti italiani di geriatria del triennio con esclusione dei DRG afferenti a malattie psichiatriche gravi e malattie rare 9

10 Criteri di inclusione Affinché una persona sia considerata portatrice di una certa patologia cronica è sufficiente che soddisfi almeno uno dei criteri specifici individuati. Patologie in atto presso RSA Prestazioni specialistiche correlate a specifica patologia cronica Esenzione per patologia or Terapia farmacologica cronica specifica per la patologia Ricovero con DRG o /e diagnosi correlati alla patologia cronica 10

11 Le principali patologie croniche oggetto di analisi Broncopneumopatie Cardiovasculopatie Diabete Dislipidemie Epato-enteropatie Esofago-Gastro- Duodenopatie HIV positività e AIDS conclamato Insufficienza renale cronica Malattie autoimmuni Malattie endocrine Neoplasie Neuropatie Trapianti 11

12 Il contesto demografico ed epidemiologico nazionale (anno 2011) Popolazione totale: Popolazione 65: Persone con almeno una malattia cronica: 38,4% Persone con più di una malattia cronica: 20% Indice di vecchiaia: 148,7% Indice di dipendenza strutturale: 53,5% Indice di dipendenza anziani: 32,0% Numero di ASL: 145 Istituti di ricovero: 2020 PL ordinari per acuti: PL ordinari di Geriatria: PL ordinari di Lungodegenza e C.Palliative: Spesa sanitaria: 113 miliardi di euro 12

13 I contenuti Introduzione La metodologia Il concetto di cronicità I principali obiettivi L insieme degli indicatori di valutazione I risultati ottenuti Le conclusioni e i futuri lavori 13

14 Gli obiettivi della ricerca Analisi ed individuazione dei ricoveri ordinari nei reparti di geriatria sul territorio nazionale e individuazione di quella parte dei ricoveri afferenti a patologie croniche potenzialmente evitabili nell ipotesi in cui i casi fossero gestiti attraverso l implementazione di altri modelli territoriale Stima delle risorse economiche che potrebbero essere destinati al territorio, a setting assistenziali alternativi al ricovero ordinario maggiormente appropriati e più vicino al domicilio del paziente 14

15 I contenuti Introduzione La metodologia Il concetto di cronicità I principali obiettivi L insieme degli indicatori di valutazione I risultati ottenuti Le conclusioni e i futuri lavori 15

16 L insieme degli indicatori di valutazione 1 % ricoveri ordinari prodotti per DRG target sul totale ricoveri ordinari nei reparti geriatrici 2 % ricoveri ordinari prodotti per DRG target sui primi 30 DRG ricoveri ordinari nei reparti geriatrici 3 % di ricoveri a rischio di non appropriatezza afferenti a patologie croniche sul totale dei DRG target 4 % giornate di degenza target sul totale giornate di degenza ordinaria nei reparti di geriatria italiani 5 Degenza media ricoveri ordinari DRG target 6 Posti letto occupati da DRG target nei reparti geriatrici italiani 7 % dimessi per patologie croniche in ospedalizzazione domiciliare dai reparti di geriatria italiani 8 Remunerazione teorica per DRG target 9 Incidenza DRG target sulla remunerazione teorica dei ricoveri ordinari prodotti nelle geriatrie italiane 10 Costo medio lordo per giornata di degenza target 16

17 Elenco DRG target Patologie croniche DRG Broncopneumopatie 87, 88, 96, 97, 98 Cardiovasculopatie 126, 127, 132, 133, 134 Diabete 294, 295 Dislipidemie 82, 296, 297, 298, 299 Epato - enteropatie 202, 203, 204, 205, 206 Esofago - gastro - duodenopatie 176, 177, 178, 183 HIV positività e AIDS conclamato 488, 489,490 Insufficienza renale cronica 303, 316, 317 Neoplasie 257, 258,259, 260, 338, 346, 347, 410, 411, 412, 466 Neuropatie 13, 26 Trapianti 103, 302, 480, 481, 495, 512,

18 Gli indicatori di valutazione DEFINIZIONE % ricoveri ordinari prodotti per DRG target sul totale ricoveri ordinari nei reparti geriatrici SIGNIFICATO Il dato esprime l incidenza dei dimessi con DRG afferenti alle patologie croniche sul totale dei ricoveri prodotti nei reparti geriatrici italiani in degenza ordinaria FORMULA (Nr. di ricoveri prodotti in regime ordinario per DRG target / Nr. totale di ricoveri ordinari nei reparti geriatrici)x100 NOTE PER L ELABORAZIONE L elaborazione è avvenuta sulla base dei dati contenuti nel file A SDO del Ministero della Salute, anni 2009, 2010 e 2011 ed ha considerato l elenco dei DRG afferenti alle patologie croniche desunto dai criteri di inclusione della Banca Dati Assistito 2008 di Regione Lombardia 18

19 Gli indicatori di valutazione DEFINIZIONE % ricoveri ordinari prodotti per DRG target sui primi 30 DRG ricoveri ordinari nei reparti geriatrici SIGNIFICATO Il dato esprime l incidenza dei dimessi con DRG afferenti alle patologie target sui primi 30 DRG prodotti nei reparti geriatrici italiani in degenza ordinaria FORMULA (Nr. di ricoveri prodotti in regime ordinario per DRG target / Nr. ricoveri ordinari afferenti ai primi 30 DRG)x100 NOTE PER L ELABORAZIONE L elaborazione è avvenuta sulla base dei dati contenuti nel file A SDO del Ministero della Salute, anni 2009, 2010 e

20 Gli indicatori di valutazione DEFINIZIONE % di ricoveri a rischio di non appropriatezza afferenti a patologie croniche sul totale dei DRG target SIGNIFICATO L indicatore esprime il grado di appropriatezza dei ricoveri ordinari prodotti all interno dei presidi regionali con riferimento a quei DRG target oggetto di studio. FORMULA (Nr. di ricoveri target a rischio di non appropriatezza / Totale dei ricoveri afferenti ai DRG target)x100 NOTE PER L ELABORAZIONE Per l elaborazione è stato utilizzato l elenco dei 108 DRG ad altro rischio di non appropriatezza definito nell Allegato 6 A del DPCM 23 Aprile

21 Gli indicatori di valutazione DEFINIZIONE % giornate di degenza target sul totale giornate di degenza ordinaria nei reparti di geriatria italiani SIGNIFICATO L indicatore esprime il rapporto fra numero di giornate di degenza afferenti a DRG target oggetto di studio erogate a favore di pazienti cronici e il numero totale di giornate di degenza ordinaria prodotte nei reparti geriatrici italiani FORMULA (Nr. giornate di degenza target / Totale giornate degenza ordinaria nei reparti di geriatria )x100 NOTE PER L ELABORAZIONE L elaborazione è avvenuta sulla base dei dati contenuti nel file A SDO del Ministero della Salute, anni 2009, 2010 e

22 Gli indicatori di valutazione DEFINIZIONE Degenza media ricoveri ordinari DRG target SIGNIFICATO L indicatore esprime il rapporto fra numero di giornate di degenza afferenti ai DRG target e il numero stesso di ricoveri ordinari target. FORMULA Nr. giornate di degenza target / Nr. di ricoveri ordinari afferenti ai DRG target NOTE PER L ELABORAZIONE L elaborazione è avvenuta sulla base dei dati contenuti nel file A SDO del Ministero della Salute, anni 2009, 2010 e

23 Gli indicatori di valutazione DEFINIZIONE Posti letto occupati da DRG target nei reparti geriatrici italiani SIGNIFICATO L indicatore esprime il numero di posti letto occupati per pazienti con DRG target nei reparti di geriatria, potenzialmente «liberabili» nell ipotesi di presa in carico dei pazienti di tipo territoriale per i DRG target FORMULA (Nr. giornate di degenza ordinaria target + Nr. giornate di degenza ordinaria target OVS) / 365 NOTE PER L ELABORAZIONE L elaborazione è avvenuta sulla base dei dati contenuti nel file A SDO del Ministero della Salute, anni 2009, 2010 e

24 Gli indicatori di valutazione DEFINIZIONE % dimessi per patologie croniche in ospedalizzazione domiciliare dai reparti di geriatria italiani SIGNIFICATO L indicatore esprime la percentuale dei dimessi in ospedalizzazione domiciliare, volontarie e non, sul totale delle dimissioni con DRG target nelle geriatrie italiane NOTE PER L ELABORAZIONE L elaborazione è avvenuta sulla base dei dati contenuti nel file A SDO del Ministero della Salute, anni 2009, 2010 e

25 Gli indicatori di valutazione DEFINIZIONE Remunerazione teorica per DRG target SIGNIFICATO L indicatore esprime il valore economico dei ricoveri espresso dai DRG e rappresenta il prezzo che il Sistema Sanitario Nazionale pagherebbe per i ricoveri ordinari afferenti a patologie croniche prodotti nei reparti di geriatria italiani. FORMULA Remunerazione teorica= NOTE PER L ELABORAZIONE L elaborazione è avvenuta sulla base dei dati contenuti nel file A SDO del Ministero della Salute, anni 2009, 2010 e 2011 utilizzando le Tariffe delle prestazioni ospedaliere in regime di ricovero CMS-DRG Grouper V e il D.M. 18 dicembre

26 Gli indicatori di valutazione DEFINIZIONE Incidenza DRG target sulla remunerazione teorica dei ricoveri ordinari prodotti nelle geriatrie italiane SIGNIFICATO L indicatore esprime il grado di incidenza del valore economico dei ricoveri afferenti ai DRG target sul totale della remunerazione teorica dei ricoveri ordinari prodotti nei reparti geriatrici. FORMULA (Remunerazione teorica DRG target /Remunerazione teorica totale dei ricoveri ordinari geriatrici )x100 NOTE PER L ELABORAZIONE L elaborazione è avvenuta sulla base dei dati contenuti nel file A SDO del Ministero della Salute, anni 2009, 2010 e 2011 utilizzando le Tariffe delle prestazioni ospedaliere in regime di ricovero CMS-DRG Grouper V e il D.M. 18 dicembre

27 Gli indicatori di valutazione DEFINIZIONE Costo medio lordo per giornata di degenza target SIGNIFICATO L indicatore esprime il costo medio lordo per giornata di degenza sostenuto per i ricoveri ordinari afferenti alle patologie croniche target prodotti nei reparti di geriatria italiani. FORMULA Remunerazione teorica DRG target /Nr. Giornate di degenza ricoveri target NOTE PER L ELABORAZIONE L elaborazione è avvenuta sulla base dei dati contenuti nel file A SDO del Ministero della Salute, anni 2009, 2010 e 2011 utilizzando le Tariffe delle prestazioni ospedaliere in regime di ricovero CMS-DRG Grouper V e il D.M. 18 dicembre

28 I risultati ottenuti % ricoveri ordinari prodotti per DRG target sul totale ricoveri ordinari nei reparti geriatrici Regioni Δ 2011/2009 Cronici Geriatrie Cronici Geriatrie Cronici Geriatrie Cronici Geriatrie Piemonte % -1% Valle d'aosta % 0% Lombardia % 9% Trentino Alto Adige % 0% Veneto % 5% Friuli-Venezia Giulia % 17% Liguria % 24% Emilia Romagna % 1% Toscana % 14% Umbria % 7% Marche % 12% Lazio % -2% Abruzzi % -5% Molise % 19% Campania % -13% Puglia % -16% Basilicata % -3% Calabria % 12% Sicilia % 2% Sardegna % 2% Italia % 1% 28

29 60,00% I risultati ottenuti % ricoveri ordinari prodotti per DRG target sul totale ricoveri ordinari nei reparti geriatrici 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% ,00% 0,00% 29

30 I risultati ottenuti Composizione dei ricoveri cronici per famiglia patologica (Italia) Anno Broncopneumopatie Neuropatie Cardiovasculopatie Neoplasie Diabete Insufficienza Dislipidemie HIV positività e Epato - enteropatie Esofago - gastro - duodenopatie HIV positività e AIDS conclamato Insufficienza renale cronica Esofago - gastro - Epato - enteropatie Dislipidemie Diabete Neoplasie Neuropatie Non cronici Cardiovasculopatie Broncopneumopatie Totale Geriatrie

31 I risultati ottenuti % ricoveri ordinari prodotti per DRG target sui primi 30 DRG ricoveri ordinari nei reparti geriatrici Regioni Cronici Geriatrie Cronici Geriatrie Cronici Geriatrie Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzi Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Italia

32 I risultati ottenuti % ricoveri ordinari prodotti per DRG target sui primi 30 DRG ricoveri ordinari nei reparti geriatrici Regioni Piemonte 44,86% 46,32% 45,98% Valle d'aosta 23,11% 19,43% 27,06% Lombardia 47,37% 46,93% 45,79% Trentino Alto Adige 42,97% 36,17% 42,68% Veneto 48,83% 49,49% 49,12% Friuli-Venezia Giulia 38,92% 42,77% 31,08% Liguria 47,87% 49,01% 48,32% Emilia Romagna 42,31% 42,37% 42,38% Toscana 37,22% 36,83% 31,18% Umbria 32,39% 27,90% 28,50% Marche 40,17% 41,54% 45,70% Lazio 43,87% 45,99% 45,90% Abruzzo 53,13% 54,02% 53,48% Molise 48,47% 46,29% 49,45% Campania 52,36% 52,55% 56,05% Puglia 56,68% 57,38% 55,69% Basilicata 56,16% 56,79% 53,17% Calabria 50,75% 51,59% 52,52% Sicilia 46,32% 44,70% 47,21% Sardegna 39,69% 43,89% 41,88% Italia 47,17% 47,25% 47,31% 32

33 I risultati ottenuti % di ricoveri a rischio di non appropriatezza afferenti a patologie croniche sul totale dei DRG target Regioni Piemonte 14,01% 16,26% 14,34% Valle d'aosta 18,40% 20,74% 12,09% Lombardia 19,93% 19,56% 20,62% Trentino Alto Adige 21,25% 17,11% 16,96% Veneto 18,73% 17,76% 16,85% Friuli-Venezia Giulia 12,12% 11,11% 11,11% Liguria 15,83% 13,83% 13,12% Emilia Romagna 19,99% 19,27% 18,52% Toscana 12,68% 11,53% 13,80% Umbria 30,46% 28,27% 19,66% Marche 21,69% 17,77% 15,41% Lazio 21,65% 18,74% 15,65% Abruzzo 27,57% 18,20% 11,94% Molise 22,41% 15,59% 16,84% Campania 29,35% 27,90% 25,52% Puglia 39,84% 34,26% 29,46% Basilicata 31,71% 32,51% 25,06% Calabria 28,26% 27,45% 24,17% Sicilia 22,01% 19,91% 15,15% Sardegna 27,86% 24,50% 22,19% Italia 23,73% 21,26% 18,67% Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Puglia Campania Molise Abruzzo Lazio Marche Umbria Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli-Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Valle d'aosta Piemonte 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45% 50%

34 Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzi Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna I risultati ottenuti % giornate di degenza target sul totale giornate di degenza ordinaria nei reparti di geriatria italiani 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Regioni Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzi Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Italia

35 I risultati ottenuti Degenza media ricoveri ordinari DRG target Regioni Piemonte 14,31 13,70 12,59 Valle d'aosta 17,71 22,25 20,81 Lombardia 11,21 11,00 10,12 Trentino Alto Adige 11,51 10,61 10,78 Veneto 11,48 11,39 10,92 Friuli-Venezia Giulia 22,80 22,88 20,15 Liguria 10,28 9,72 10,03 Emilia Romagna 9,36 9,30 9,36 Toscana 10,41 10,33 9,74 Umbria 12,50 11,25 13,09 Marche 9,94 9,61 11,11 Lazio 10,13 10,12 10,26 Abruzzi 8,80 9,17 9,35 Molise 11,18 11,17 9,34 Campania 9,26 9,31 10,14 Puglia 10,42 10,38 10,58 Basilicata 11,34 10,92 10,96 Calabria 9,82 9,23 9,06 Sicilia 8,68 8,65 8,83 Sardegna 9,19 8,45 8,27 Italia 10,49 10,33 10,24 35

36 I risultati ottenuti Posti letto occupati da DRG target nei reparti geriatrici italiani Regioni Δ 11/09 Piemonte 85,94 87,51 79,18-7,87% Valle d'aosta 7,91 8,23 10,38 31,25% Lombardia 95,85 95,72 91,95-4,06% Trentino Alto Adige 75,66 63,88 68,10-9,99% Veneto 352,64 372,56 353,41 0,22% Friuli-Venezia Giulia 8,25 9,59 7,45-9,63% Liguria 19,58 20,81 22,84 16,63% Emilia Romagna 158,16 168,34 161,92 2,38% Toscana 26,08 26,52 23,59-9,57% Umbria 11,13 8,72 10,40-6,55% Marche 31,65 34,23 46,82 47,94% Lazio 79,66 95,28 84,25 5,77% Abruzzi 88,53 86,30 94,02 6,19% Molise 9,16 9,03 9,72 6,10% Campania 54,18 55,41 52,01-4,01% Puglia 172,93 171,44 145,01-16,14% Basilicata 31,25 30,28 27,09-13,31% Calabria 57,12 64,64 61,09 6,95% Sicilia 86,23 90,77 88,24 2,34% Sardegna 47,10 45,18 44,43-5,67% Italia 1499, , ,92-1,14% Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Puglia Campania Molise Abruzzi Lazio Marche Umbria Toscana Emilia Romagna Liguria Friuli-Venezia Giulia Veneto Trentino Alto Adige Lombardia Valle d'aosta Piemonte 0,00 100,00 200,00 300,00 400,

37 I risultati ottenuti % dimessi per patologie croniche in ospedalizzazione domiciliare Regioni Osp. Dom Altre Osp. Altre Osp. Altre % % modalità* Dom. modalità* Dom. modalità* Piemonte ,35% ,24% ,68% Valle d'aosta ,00% ,00% ,78% Lombardia ,48% ,69% ,82% Trentino Alto Adige ,01% ,61% ,45% Veneto ,50% ,55% ,81% Friuli-Venezia Giulia ,42% ,70% ,59% Liguria ,07% ,10% ,42% Emilia Romagna ,81% ,19% ,88% Toscana ,13% ,86% ,16% Umbria ,46% ,96% ,30% Marche ,31% ,51% ,90% Lazio ,00% ,00% ,00% Abruzzi ,78% ,88% ,14% Molise ,00% ,30% ,29% Campania ,48% ,33% ,33% Puglia ,02% ,00% ,00% Basilicata ,48% ,65% ,13% Calabria ,15% ,25% ,18% Sicilia ,11% ,07% ,31% Sardegna ,23% ,34% ,40% Totale complessivo ,59% ,74% ,91% % *escluso decessi 37

38 I risultati ottenuti Remunerazione teorica per DRG target (migliaia ) Regioni Δ 11/09 Piemonte , , ,57-1,34% Valle d'aosta , , ,83 27,33% Lombardia , , ,44 4,33% Trentino Alto Adige , , ,72-2,91% Veneto , , ,90 5,32% Friuli-Venezia Giulia , , ,89-5,96% Liguria , , ,99 19,67% Emilia Romagna , , ,99 3,42% Toscana , , ,42-6,04% Umbria , , ,37-5,55% Marche , , ,94 40,47% Lazio , , ,91 8,38% Abruzzi , , ,49 7,05% Molise , , ,19 27,62% Campania , , ,50-7,74% Puglia , , ,34-10,16% Basilicata , , ,36-6,47% Calabria , , ,18 19,57% Sicilia , , ,15 6,79% Sardegna , , ,87 6,59% Italia , , ,05 3,85% 38

39 I risultati ottenuti Remunerazione teorica dei ricoveri cronici per famiglia patologica (Italia) Broncopneumopatie , , ,94 Cardiovasculopatie , , ,52 Diabete , , ,98 Dislipidemie , , ,85 Epato - enteropatie , , ,69 Esofago - gastro - duodenopatie HIV positività e AIDS conclamato Insufficienza renale cronica , , , , , , , , ,56 Neoplasie , , ,50 Neuropatie , , ,41 Totale Cronicità , , ,05 39

40 I risultati ottenuti Incidenza DRG target sulla remunerazione teorica dei ricoveri ordinari prodotti nelle geriatrie italiane 2009 Regioni % DRG target/ DRG target DRG geriatrici Tot. DRG Geriatrici Piemonte , ,38 27,58% Valle d'aosta , ,57 15,80% Lombardia , ,22 28,86% Trentino Alto Adige , ,68 29,65% Veneto , ,91 33,10% Friuli-Venezia Giulia , ,90 24,93% Liguria , ,60 34,58% Emilia Romagna , ,19 29,03% Toscana , ,69 26,12% Umbria , ,21 25,01% Marche , ,79 28,38% Lazio , ,27 29,68% Abruzzi , ,39 39,62% Molise , ,09 37,70% Campania , ,04 37,29% Puglia , ,30 38,01% Basilicata , ,64 45,11% Calabria , ,22 37,47% Sicilia , ,28 37,89% Sardegna , ,74 34,84% Italia , ,11 32,61% 40

41 I risultati ottenuti Incidenza DRG target sulla remunerazione teorica dei ricoveri ordinari prodotti nelle geriatrie italiane 2010 Regioni % DRG target/ DRG target DRG geriatrici Tot. DRG Geriatrici Piemonte , ,64 29,48% Valle d'aosta , ,31 13,68% Lombardia , ,26 28,29% Trentino Alto Adige , ,64 27,44% Veneto , ,79 33,54% Friuli-Venezia Giulia , ,64 27,63% Liguria , ,66 33,08% Emilia Romagna , ,00 29,85% Toscana , ,10 25,25% Umbria , ,25 20,53% Marche , ,66 30,95% Lazio , ,32 30,13% Abruzzi , ,12 39,35% Molise , ,59 40,91% Campania , ,06 36,08% Puglia , ,64 38,62% Basilicata , ,62 44,21% Calabria , ,20 38,17% Sicilia , ,70 37,42% Sardegna , ,68 35,62% Italia , ,88 32,80% 41

42 I risultati ottenuti Incidenza DRG target sulla remunerazione teorica dei ricoveri ordinari prodotti nelle geriatrie italiane 2011 Regioni % DRG target/ DRG target DRG geriatrici Tot. DRG Geriatrici Piemonte , ,65 30,56% Valle d'aosta , ,07 17,34% Lombardia , ,12 27,55% Trentino Alto Adige , ,31 27,44% Veneto , ,48 33,03% Friuli-Venezia Giulia , ,33 21,22% Liguria , ,96 32,19% Emilia Romagna , ,36 29,53% Toscana , ,29 18,83% Umbria , ,80 20,33% Marche , ,99 33,62% Lazio , ,23 30,83% Abruzzi , ,17 41,29% Molise , ,07 43,22% Campania , ,02 38,24% Puglia , ,76 38,56% Basilicata , ,16 41,79% Calabria , ,01 37,92% Sicilia , ,39 36,42% Sardegna , ,39 35,46% Italia , ,56 32,51% 42

43 I risultati ottenuti Costo medio lordo per giornata di degenza Regioni Piemonte* 211,10 212,93 223,91 Valle d'aosta 209,00 183,13 197,15 Lombardia 237,12 246,48 261,07 Trentino Alto Adige 221,51 246,04 244,70 Veneto 224,13 230,72 239,36 Friuli-Venezia Giulia 165,17 163,86 173,64 Liguria 267,78 289,13 277,85 Emilia Romagna 270,35 276,86 276,95 Toscana 260,03 260,24 274,76 Umbria 202,30 222,23 207,82 Marche 246,95 264,06 245,54 Lazio* 254,55 260,52 263,49 Abruzzi* 268,63 270,52 271,68 Molise* 228,01 240,30 276,85 Campania* 259,76 265,33 250,94 Puglia* 216,20 228,98 235,96 Basilicata 204,26 218,93 229,96 Calabria* 247,67 269,23 279,11 Sicilia* 289,08 290,25 299,44 Sardegna 259,99 279,31 284,95 Italia 240,29 249,14 254,89 Degenza in strutture sub acute per pazienti anziani, cronici e instabili in Lombardia 150 (Intensità assistenziale medio bassa, indice 2) 190 (Intensità assistenziale medio alta, indice 3) Ospedalizzazione domiciliare 156,00 di presa in carico + per le Cure Palliative 63,00 a giornata se oncologiche (ODCP) in entro i 90gg o 42,00 a Lombardia giornata se oltre i 90gg. Ospedalizzazione Domiciliare riabilitativa post-cardiochirurgica (POD) Regione Lombardia 140,00 a giornata Telesorveglianza Sanitaria 720,00 per sei mesi; Domiciliare per pazienti con 480,00 per la bassa BPCO grave e molto grave intensità (PTP) Telesorveglianza sanitaria domiciliare per pazienti con Scompenso cardiaco cronico medio grave (PTS); 720,00 per sei mesi; 480,00 per la bassa intensità *Regioni in Piano di Rientro 43

44 Le conclusioni In Italia il 37,5% dei ricoveri prodotti dalle geriatrie afferisce a patologie croniche, con valori del 46,1% nelle geriatrie lucane, con una tendenza a livello nazionale, nel triennio , in aumento. In termini di giornate di degenza tali ricoveri equivalgono ad oltre giornate di degenza ordinaria, delle quali circa un quarto prodotte in Veneto, per erogare le quali occorrono circa 1480 posti letto (32% circa dei posti letto delle geriatrie italiane). Ciò implica un utilizzo di risorse economiche di oltre 137 milioni di euro dei quali circa il 63% è riferito a patologie croniche dell apparato respiratorio e cardiaco. Questo perché a livello nazionale i setting territoriali sono ancora poco diffusi, infatti meno del 2% dei dimessi cronici accede ad ospedalizzazione domiciliare con 0 casi in Puglia e Lazio. 44

45 Le conclusioni Attraverso la presa in carico di tipo territoriale dei pazienti affetti dalle patologie soggetto di studio, si potrebbero ottenere i risultati: liberare risorse economiche a vantaggio del territorio contribuendo alla implementazione dei servizi territoriali investire in nuove tecnologie che consentano una maggiore integrazione fra ospedale e territorio rispondere alle richieste della legge 135/

46 References Criteri di inclusione BDA 2008 Regione Lombardia File A-SDO 2009 Ministero della Salute File A-SDO 2010 Ministero della Salute File A-SDO 2011 Ministero della Salute Tariffe delle prestazioni ospedaliere in regime di ricovero CMS-DRG Grouper V D.M. 18 dicembre 2008 Rapporto sulle Politiche della Cronicità, VII edizione, Cittadinanzattiva Allegato 6 A del DPCM 23 Aprile

Le cure palliative in Italia: un quadro della situazione attuale

Le cure palliative in Italia: un quadro della situazione attuale Le cure palliative in Italia: un quadro della situazione attuale 11 novembre 2015, ore 13 Sala Caduti di Nassirya Senato della Repubblica Italo Penco Direttore sanitario Fondazione Roma Sanità OMS: i bisogni

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

IL PROGETTO MATTONI DEL SSN

IL PROGETTO MATTONI DEL SSN IL PROGETTO MATTONI DEL SSN Corso: Bioingegneria Docente: prof. Mauro Giacomini INTRODUZIONE Nel 2002 il Ministero della Salute avvia la progettazione del Nuovo Sistema Informativo Sanitario (NSIS), con

Dettagli

2.L assistenza pediatrica ospedaliera

2.L assistenza pediatrica ospedaliera 2.L assistenza pediatrica ospedaliera Prof.ssa Maria Pia Fantini Dott.ssa Lorenza Luciano Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica Alma Mater Studiorum Università di Bologna Percorso di aggiornamento

Dettagli

Persone che hanno subito incidenti in. Regioni

Persone che hanno subito incidenti in. Regioni Tabella 1 - Persone (valori assoluti in migliaia e Intervalli di Confidenza al 95%) che nei tre mesi precedenti l intervista hanno subito incidenti in ambiente domestico e tassi di incidenti domestici

Dettagli

Modena, 10 Ottobre 2014 XIV Corso di aggiornamento per operatori dei registri tumori

Modena, 10 Ottobre 2014 XIV Corso di aggiornamento per operatori dei registri tumori Modena, 10 Ottobre 2014 XIV Corso di aggiornamento per operatori dei registri tumori IV Sessione. Buone pratiche: integrazione dei flussi informativi per migliorare la completezza e l accuratezza dei dati

Dettagli

L impatto della deospedalizzazione sulle disuguaglianze a livello Regionale B. Polistena, I. Rocchetti

L impatto della deospedalizzazione sulle disuguaglianze a livello Regionale B. Polistena, I. Rocchetti L impatto della deospedalizzazione sulle disuguaglianze a livello Regionale B. Polistena, I. Rocchetti 1/24 Indice Politiche sanitarie ospedaliere: un quadro di riferimento Le politiche a livello internazionale

Dettagli

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. L analisi regionale. Le sindromi coronariche acute

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. L analisi regionale. Le sindromi coronariche acute Ostuni, 26/08/05 SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto L analisi regionale Le sindromi coronariche acute Stefano Brocco Indicatori SISAV proposti per le sindromi coronariche

Dettagli

Studio AGENAS COSTRUZIONE DI UN UNDICE PER IL FABBISOGNO DI POSTI LETTO RESIDENZIALI IN ITALIA

Studio AGENAS COSTRUZIONE DI UN UNDICE PER IL FABBISOGNO DI POSTI LETTO RESIDENZIALI IN ITALIA LONG TERM CARE TWO ROMA, 11-12 LUGLIO 2017 Studio AGENAS COSTRUZIONE DI UN UNDICE PER IL FABBISOGNO DI POSTI LETTO RESIDENZIALI IN ITALIA Enrico Brizioli, Aministratotre Delegato KOS Care Annii Azzurri

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione H02 102 3.244 4.234 prestazioni 106.541,38 39.721,59 Basilicata H03 102 6.820 9.139 183.359,67 103.341,43 Basilicata H04 102 2.243 2.243 150.815,00

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H02 102 4.663 6.145 159.302,40 51.697,76 Basilicata H03 102 9.222 12.473 252.025,98 136.892,31 Basilicata H04 102 3.373 3.373 230.650,00

Dettagli

Le amputazioni agli arti inferiori nelle persone con diabete

Le amputazioni agli arti inferiori nelle persone con diabete Convegno LA SALUTE DEGLI ITALIANI NEI DATI DEL CNESPS - Roma, Giugno 2011 Le amputazioni agli arti inferiori nelle persone con diabete Flavia Lombardo, Marina Maggini Centro Nazionale di Epidemiologia

Dettagli

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 PIEMONTE 603 1.127 87.148.771 13,0 144.525 VALLE D'AOSTA 80 88 1.490.121 0,2 18.627 LOMBARDIA 1.503 2.985 280.666.835 41,8 186.738 PROV. AUT. BOLZANO 1 1 31.970

Dettagli

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 NORD-ORIENTALE NORD-OCCIDENTALE ITALIA MEZZOGIORNO ITALIA CENTRALE -0,5 0,0 0,5 1,0 1,5

Dettagli

INDICATORI DI DISAGIO ECONOMICO SOCIALE

INDICATORI DI DISAGIO ECONOMICO SOCIALE INDICATORI DI DISAGIO ECONOMICO SOCIALE DISAGIO ECONOMICO: LE REGIONI PIU COLPITE Chi ha il punteggio più alto è stato meno colpito. Dato medio ITALIA = 100 DISAGIO ECONOMICO POSIZIONE REGIONI (punteggio

Dettagli

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE Luca Romano Direttore di Local Area Network Martedi 8 Aprile 2014 Auditorium del Lavoro ROMA L INVECCHIAMENTO DEMOGRAFICO 1/6 65 ANNI E PIU' TOTALE ANDAMENTO

Dettagli

Le cure primarie nella definizione dei LEA

Le cure primarie nella definizione dei LEA Le cure primarie nella definizione dei LEA Filippo Palumbo Ministero della salute, Dipartimento della qualità Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei livelli di assistenza e dei principi

Dettagli

LA SPESA SANITARIA PUBBLICA IN ITALIA: LA SCATOLA NERA DELLE DIFFERENZE REGIONALI

LA SPESA SANITARIA PUBBLICA IN ITALIA: LA SCATOLA NERA DELLE DIFFERENZE REGIONALI LA SPESA SANITARIA PUBBLICA IN ITALIA: LA SCATOLA NERA DELLE DIFFERENZE REGIONALI Roma 4 novembre 2009 Fabio Pammolli OBIETTIVI E METODOLOGIA < LA SPESA PRO-CAPITE LE VARIABILI ESPLICATIVE GLI SCOSTAMENTI

Dettagli

Osservatorio sull assistenza sanitaria privata in Italia

Osservatorio sull assistenza sanitaria privata in Italia CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Osservatorio sull assistenza sanitaria privata in Italia Rapporto di ricerca 2013 SC 15 Aprile 2013 0 Osservatorio Sanità Privata

Dettagli

Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia

Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia Legge 123 del 4 luglio 25 Legge 123 del 4 luglio 25 Direzione Generale sicurezza degli alimenti e nutrizione PROTEZIONI SOGGETTI AFFETTI DA CELIACHIA Legge 123 del 4 luglio 25 EROGAZIONE GRATUITA DEGLI

Dettagli

Presentazione del Protocollo di intesa per la valorizzazione dei farmacisti e delle farmacie territoriali nell educazione terapeutica

Presentazione del Protocollo di intesa per la valorizzazione dei farmacisti e delle farmacie territoriali nell educazione terapeutica DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

Migrazione sanitaria e sostenibilità

Migrazione sanitaria e sostenibilità 14 Dicembre 2012 Migrazione sanitaria e sostenibilità Sergio Lodato 1 Contesto normativi Con l entrata in vigore del D. Lgs. 502/92 che introduce, tra l altro, il riparto del FSN per quota capitaria, la

Dettagli

LA SALUTE DEGLI ITALIANI NEI DATI DEL CNESPS Roma 16 e 17 Giugno 2011

LA SALUTE DEGLI ITALIANI NEI DATI DEL CNESPS Roma 16 e 17 Giugno 2011 LA SALUTE DEGLI ITALIANI NEI DATI DEL CNESPS Roma 16 e 17 Giugno 2011 Indicatori di esito nell area cardiovascolare: l esempio della Mortalità a 30 giorni dopo ricovero per Infarto Miocardico Acuto Stefano

Dettagli

I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006)

I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006) I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006) Regioni Ristoranti (U.L.) Bar (U.L.) Piemonte 7.544 12.708 Valle d'aosta 589 646 Lombardia 13.165 27.552 Trentino 2.635

Dettagli

Tabella 3 Piano di prevenzione per gli effetti delle ondate di calore nelle città italiane

Tabella 3 Piano di prevenzione per gli effetti delle ondate di calore nelle città italiane Tabella 3 Piano di prevenzione per gli effetti delle ondate di calore nelle città italiane Città con un sistema di allarme HHWWS operativo Città ANCONA BARI BOLOGNA BOLZANO BRESCIA CAGLIARI CAMPOBASSO

Dettagli

In Lombardia sono esenti dal ticket su visite ed esami le seguenti categorie:

In Lombardia sono esenti dal ticket su visite ed esami le seguenti categorie: La Lombardia è l unica regione, con la Basilicata, tra le dieci che non hanno i vincoli del piano di rientro per la spesa sanitaria, ad applicare da subito il ticket da 10 euro. La Lombardia è anche l

Dettagli

Logiche e strumenti di misurazione e rendicontazione delle cronicità

Logiche e strumenti di misurazione e rendicontazione delle cronicità Logiche e strumenti di misurazione e rendicontazione delle cronicità Eleonora Corsalini, CeRGAS Bocconi Stefania Mele, CeRGAS Bocconi CONGRESSO CARD Padova, 17 Settembre 2010 1 Il quadro di riferimento

Dettagli

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Fonte: Istat Ricerca e Sviluppo in Italia (anno 2014) Le rilevazioni sulla Ricerca e lo sviluppo sperimentale,

Dettagli

La residenzialità per gli anziani: possibile coniugare sociale e business?

La residenzialità per gli anziani: possibile coniugare sociale e business? Presentazione 1 Quaderno di approfondimento La residenzialità per gli anziani: possibile coniugare sociale e business? Edoardo Zaccardi Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali 10-12 novembre Abano

Dettagli

Spesa per presidi e accessibilità delle cure: le differenze regionali. Alessandro Ozzello Gruppo Governo Clinico e HTA

Spesa per presidi e accessibilità delle cure: le differenze regionali. Alessandro Ozzello Gruppo Governo Clinico e HTA Spesa per presidi e accessibilità delle cure: le differenze regionali Alessandro Ozzello Gruppo Governo Clinico e HTA Il sottoscritto OZZELLO ALESSANDRO ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi,

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI: CHIAREZZA SUI NUMERI DELLA SANITÀ. Conferenza stampa del Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi 19 dicembre 2012

USCIRE DALLA CRISI: CHIAREZZA SUI NUMERI DELLA SANITÀ. Conferenza stampa del Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi 19 dicembre 2012 USCIRE DALLA CRISI: CHIAREZZA SUI NUMERI DELLA SANITÀ Conferenza stampa del Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi 19 dicembre 2012 IL FINANZIAMENTO DEL SSN 110,0 Trend finanziamento corrente a carico

Dettagli

Mobilità dei pazienti oncologici verso gli ospedali milanesi

Mobilità dei pazienti oncologici verso gli ospedali milanesi Mobilità dei pazienti oncologici verso gli ospedali milanesi Giorgia Randi Mariangela Autelitano Luigi Bisanti Registro dei tumori di Milano SDO oncologiche della mobilità attiva a Milano Caratteristiche

Dettagli

Corso di base sulla Registrazione dei Tumori Principi e Metodi. Carlo Zocchetti

Corso di base sulla Registrazione dei Tumori Principi e Metodi. Carlo Zocchetti Corso di base sulla Registrazione dei Tumori Principi e Metodi Carlo Zocchetti U.O. Governo dei servizi sanitari territoriali e politiche di appropriatezza e controllo Struttura Sistemi di remunerazione

Dettagli

Il Commissario Straordinario del Governo per le persone scomparse. Nona Relazione Semestrale

Il Commissario Straordinario del Governo per le persone scomparse. Nona Relazione Semestrale Il Commissario Straordinario del Governo per le persone scomparse Nona Relazione Semestrale Persone italiane e straniere scomparse in Italia e all estero e ancora da ricercare ITALIANI FASCE DI ETA' SCOMPARSI

Dettagli

Ticket Regionali Specialistica e Diagnostica Studenti Universitari

Ticket Regionali Specialistica e Diagnostica Studenti Universitari NB. Nelle tabelle che seguono sono riportati i costi (in Euro) delle principali prestazioni ambulatoriali e specialistiche previste dal nostro Sistema Sanitario Nazionale a favore degli Studenti Universitari,

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

IL SETTORE TERMALE. Caratteristiche strutturali e performance. Federterme. Rimini, 12 maggio 2011 * * *

IL SETTORE TERMALE. Caratteristiche strutturali e performance. Federterme. Rimini, 12 maggio 2011 * * * IL SETTORE TERMALE Caratteristiche strutturali e performance * * * Federterme Rimini, 12 maggio 2011 Numero delle imprese termali per aree geografiche al 31/12/2010 378 Imprese 259 Società di capitali

Dettagli

Bologna, Quartiere fieristico, Maggio 2014: manifestazione dedicata alla sanità e all assistenza.

Bologna, Quartiere fieristico, Maggio 2014: manifestazione dedicata alla sanità e all assistenza. Bologna, Quartiere fieristico, 21-24 Maggio 2014: manifestazione dedicata alla sanità e all assistenza. > 1) Documentazione (sito esterno) >>> Exposanità, 29 aprile 2014, > Comunicati stampa 1 / 33 In

Dettagli

La medicina del territorio oggi e domani confronto tra realtà del Triveneto 21 aprile 2012 OMCeO di Bolzano

La medicina del territorio oggi e domani confronto tra realtà del Triveneto 21 aprile 2012 OMCeO di Bolzano La medicina del territorio oggi e domani confronto tra realtà del Triveneto 21 aprile 2012 OMCeO di Bolzano Maurizio Scassola Medico di medicina generale Presidente OMCeO di Venezia L area politico-geografica

Dettagli

REGIME QUOTE LATTE AFFITTI DI QUOTA

REGIME QUOTE LATTE AFFITTI DI QUOTA AZIENDE RILEVATARIE PER CLASSIFICAZIONE C-Montana Aziende 6.000 B-Svantaggiata A-Non svantaggiata 5.000 4.000 3.000 524 450 499 336 597 305 803 394 629 358 532 413 572 454 609 441 697 592 818 609 627 481

Dettagli

Ruolo economico del settore farmaceutico e della spesa farmaceutica

Ruolo economico del settore farmaceutico e della spesa farmaceutica centro stam Ruolo economico del settore farmaceutico e della spesa farmaceutica REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione Direzione centrale finanze,

Dettagli

Osservatorio OCPS. Divisione Ricerche Claudio Dematté. I consumi sanitari privati Dinamiche, composizione, mercati

Osservatorio OCPS. Divisione Ricerche Claudio Dematté. I consumi sanitari privati Dinamiche, composizione, mercati Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio OCPS I consumi sanitari privati Dinamiche, composizione, mercati A cura di: Lorenzo Fenech Ricercatore OCPS SDA Bocconi Dinamiche e composizione Andamenti

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE GEOLOGI Centro Studi NOTA STAMPA

CONSIGLIO NAZIONALE GEOLOGI Centro Studi NOTA STAMPA CONSIGLIO NAZIONALE GEOLOGI Centro Studi NOTA STAMPA FRANE E ALLUVIONI: SEI MILIONI DI PERSONE A RISCHIO Emilia Romagna, Campania e Lombardia tra le regioni più esposte ausa del consapevolezza nella società

Dettagli

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier Casa I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario... 3 Mercato immobiliare residenziale...

Dettagli

Pensioni ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE. DIREZIONE Regionale PENSIONI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE. Presentazione...

Pensioni ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE. DIREZIONE Regionale PENSIONI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE. Presentazione... ISTITUTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE Regionale PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Pensioni PENSIONI Presentazione...2 Totale categorie...3 Vecchiaia...4 Invalidità...5 Superstiti...6 Presentazione

Dettagli

LA VERITÀ SUL RESIDUO FISCALE

LA VERITÀ SUL RESIDUO FISCALE LA VERITÀ SUL RESIDUO FISCALE Estratto dal dossier «Il residuo fiscale delle regioni italiane» A cura di Luciano Greco Professore Associato di Scienze delle Finanze presso l Università degli studi di Padova

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Il PICENUM study: uno strumento della Medicina Generale per l appropriatezza ed il miglioramento della qualità

Il PICENUM study: uno strumento della Medicina Generale per l appropriatezza ed il miglioramento della qualità Il PICENUM study: uno strumento della Medicina Generale per l appropriatezza ed il miglioramento della qualità Paolo Misericordia Responsabile CENTRO STUDI FIMMG Misurare le attività Confrontare i dati

Dettagli

La continuità del percorso dell assistito tra cure primarie e cure specialistiche

La continuità del percorso dell assistito tra cure primarie e cure specialistiche La continuità del percorso dell assistito tra cure primarie e cure specialistiche Percorso di approfondimento, confronto e formazione per medici con ruoli organizzativi Presentazione: Dr. Claudio Garbelli

Dettagli

Aspetti epidemiologici ed economici delle persone con patologie croniche in Alto Adige

Aspetti epidemiologici ed economici delle persone con patologie croniche in Alto Adige Aspetti epidemiologici ed economici delle persone con patologie croniche in Alto Adige Epidemiologische Beobachtungsstelle / Osservatorio Epidemiologico Paola Zuech Bolzano, 2 dicembre 2016 Sviluppo demografico

Dettagli

Andamento debito commerciale della Pubblica Amministrazione.

Andamento debito commerciale della Pubblica Amministrazione. Andamento debito commerciale della Pubblica Amministrazione. Stima debiti commerciali della Pubblica Amministrazione Mld Componente fisiologica* Componente non fisiologica (pagamenti in ritardo) 70 52

Dettagli

Stato di Salute della Popolazione Bresciana: FOCUS su MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO. UO Epidemiologia

Stato di Salute della Popolazione Bresciana: FOCUS su MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO. UO Epidemiologia Stato di Salute della Popolazione Bresciana: FOCUS su MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO UO Epidemiologia Nel 2016 =1.176.312 assistiti DEMOGRAFIA 9.875 nati 9.999 deceduti 3,1% 85 anni. Femmine n. doppio

Dettagli

L OSSERVAZIONE EPIDEMIOLOGICA E LA CURA DEL DIABETE: L ESPERIENZAL DELLA PROVINCIA DI BOLZANO

L OSSERVAZIONE EPIDEMIOLOGICA E LA CURA DEL DIABETE: L ESPERIENZAL DELLA PROVINCIA DI BOLZANO L OSSERVAZIONE EPIDEMIOLOGICA E LA CURA DEL DIABETE: L ESPERIENZAL DELLA PROVINCIA DI BOLZANO Fattor B. Medico diabetologo, Ospedale di Bolzano Melani C. Statistico, Osservatorio Epidemiologico SCUOLA

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE PENSIONATI TOSCANA GLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI A SOSTEGNO DELLA POPOLAZIONE ANZIANA IN TOSCANA

FEDERAZIONE REGIONALE PENSIONATI TOSCANA GLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI A SOSTEGNO DELLA POPOLAZIONE ANZIANA IN TOSCANA FEDERAZIONE REGIONALE PENSIONATI TOSCANA GLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI A SOSTEGNO DELLA POPOLAZIONE ANZIANA IN TOSCANA SETTEMBRE 2009 Il lavoro si inserisce nell ambito delle attività dell

Dettagli

Spesa farmaceutica e compartecipazione in Italia e in Veneto

Spesa farmaceutica e compartecipazione in Italia e in Veneto Dipartimento Contrattazione Sociale 5 ottobre 2016 SPI Cgil Veneto Spesa farmaceutica e compartecipazione in Italia e in Veneto Camilla Costa ires.costa@veneto.cgil.it COMPARTECIPAZIONE DEL CITTADINO ALLA

Dettagli

L ARS per la Demenza. Firenze 21 settembre Paolo Francesconi Matilde Razzanelli

L ARS per la Demenza. Firenze 21 settembre Paolo Francesconi Matilde Razzanelli L ARS per la Demenza Firenze 21 settembre 2012 Paolo Francesconi Matilde Razzanelli Cosa facciamo 1. produzione di informazioni epidemiologiche 2. supporto allo sviluppo dei percorsi assistenziali 3. supporto

Dettagli

Grafico 1 - Enti locali Contributi erariali per ente - Anni (valori nominali in migliaia di lire)

Grafico 1 - Enti locali Contributi erariali per ente - Anni (valori nominali in migliaia di lire) Grafico 1 - Enti locali Contributi erariali per ente - Anni -1999 - (valori nominali in migliaia di lire) 35... 3... 25... 2... 15... à montane 1... 5... 1998 1999 Grafico 2 - Enti locali Contributi erariali

Dettagli

FARMACOLOGICA E. presentazione di VINCENZO ATELLA FACOLTÀ DI ECONOMIA UNVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA

FARMACOLOGICA E. presentazione di VINCENZO ATELLA FACOLTÀ DI ECONOMIA UNVERSITÀ DI ROMA TOR VERGATA COLESTEROLO, ADERENZA FARMACOLOGICA E CONSEGUENZE SULLA SALUTE 1 IL RUOLO DELLA PREVENZIONE FARMACOLOGICA E GLI EFFETTI SULLA SOSTENIBILITA DELLA SPESA SANITARIA ITALIANA: UN ANALISI A LIVELLO REGIONALE

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Interventi di Upgrading di Impianti di Depurazione Esistenti

Interventi di Upgrading di Impianti di Depurazione Esistenti Prof. G. d Antonio Comuni e popolazione residente secondo il grado di depurazione delle acque reflue convogliate nella rete fognaria per regione - Anno 2005 (valori assoluti) REGIONI Depurazione completa

Dettagli

VALUTAZIONE D IMPATTO DELLE POLITICHE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DELL APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA

VALUTAZIONE D IMPATTO DELLE POLITICHE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DELL APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA Mattone Misura dell appropriatezza GdLA 26 Settembre 2006 VALUTAZIONE D IMPATTO DELLE POLITICHE REGIONALI PER LA PROMOZIONE DELL APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA QUESITI DELLA RICERCA Qual è stato l impatto

Dettagli

METODI UTILIZZATI NEL SITO ATLANTEONLINE.ASLMI1.MI.IT

METODI UTILIZZATI NEL SITO ATLANTEONLINE.ASLMI1.MI.IT METODI UTILIZZATI NEL SITO ATLANTEONLINE.ASLMI1.MI.IT SOMMARIO Indicatori... 2 Residenti, indici demografici... 2 Ricoveri Ordinari... 2 Cronicità... 3 Tumori maligni... 3 Mortalità... 3 Tempi e distanze

Dettagli

DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI MEDICI DI MEDICINA GENERALE DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI MEDICI DI MEDICINA GENERALE Egregio Dottore, Cittadinanzattiva e in particolare il Tribunale per i diritti del malato e il Coordinamento

Dettagli

Per Regione e posizione giuridica

Per Regione e posizione giuridica Elaborazione del Centro Studi di Ristretti Orizzonti su dati del Ministero della Giustizia - Dap Per nazionalità e posizione giuridica Imputati Condannati Internati Da impostare Totale Itaniani 17.481

Dettagli

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. L analisi regionale. L ictus

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. L analisi regionale. L ictus Ostuni, 26/08/2005 SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto L analisi regionale L ictus Paolo Spolaore Indicatori SISAV proposti per l ictus e ricavabili dalla SDO Proporzione

Dettagli

Sorveglianza delle coperture vaccinali antinfluenzali in Italia Antonino Bella

Sorveglianza delle coperture vaccinali antinfluenzali in Italia Antonino Bella Sorveglianza delle coperture vaccinali antinfluenzali in Italia Antonino Bella Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute - Istituto Superiore di Sanità La vaccinazione antinfluenzale

Dettagli

9. I consumi delle famiglie

9. I consumi delle famiglie 9. I consumi delle famiglie Nelle principali province italiane, la percentuale del reddito disponibile destinata ai consumi, e quindi all acquisto di beni e servizi necessari a soddisfare i propri bisogni,

Dettagli

più anziani, più ammalati, più soli

più anziani, più ammalati, più soli LE NUOVE CURE DOMICILIARI: GLI ATTORI DEL SISTEMA un percorso per crescere e migliorare insieme Monza, 29 marzo 2014 Dr. Carlo Castiglioni EROGATORI PER UNA SANITA IN MOVIMENTO DAL VECCHIO AL NUOVO MILLENNIO

Dettagli

Schede indicatori socio-sanitari territoriali Proposta a cura del Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant Anna

Schede indicatori socio-sanitari territoriali Proposta a cura del Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant Anna Schede indicatori socio-sanitari Proposta a cura del Laboratorio Management e Sanità Scuola Superiore Sant Anna Valutazione dell efficacia sanitaria delle attività Percentuale di ricoveri con degenza superiore

Dettagli

Capitolo 5 La mortalità per malattie dell apparato respiratorio

Capitolo 5 La mortalità per malattie dell apparato respiratorio Capitolo 5 La mortalità per malattie dell apparato respiratorio Le malattie dell apparato respiratorio sono il terzo settore nosologico come frequenza di causa di morte, dopo le malattie del sistema circolatorio

Dettagli

Il divario Nord-Sud. di Gianfranco Viesti (Università di Bari) FSP, Bologna 29 marzo 2009

Il divario Nord-Sud. di Gianfranco Viesti (Università di Bari) FSP, Bologna 29 marzo 2009 Il divario Nord-Sud di Gianfranco Viesti (Università di Bari) FSP, Bologna 29 marzo 2009 IL DIVARIO DI REDDITO Fonte: Daniele V, Malanima,P. 2007 Fonte: Daniele V, Malanima,P. 2007 PIL pro capite nelle

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali anno scolastico 2012-2013 Abruzzo 5.195 5.124-71 Basilicata 2.898 2.815-83 Calabria 9.859 9.612-247 Campania 23.944 23.430-514 Emilia Romagna 12.801 12.826 25

Dettagli

PICASSO: Progetto di Integrazione delle Continuità e Appropriatezza Socio-Sanitaria e Ospedaliera

PICASSO: Progetto di Integrazione delle Continuità e Appropriatezza Socio-Sanitaria e Ospedaliera 12 a Conferenza Nazionale GIMBE Per una sanità al centro dell agenda politica Bologna, 3 marzo 2017 PICASSO: Progetto di Integrazione delle Continuità e Appropriatezza Socio-Sanitaria e Ospedaliera Elide

Dettagli

BAMBINI E MALATTIE RARE: RARI MA NON SOLI

BAMBINI E MALATTIE RARE: RARI MA NON SOLI MALATTIE RARE E DISABILITA Seconda Giornata Europea delle Malattie Rare BAMBINI E MALATTIE RARE: RARI MA NON SOLI 27 Febbraio 2009 Dott. Massimiliano Raponi Direttore Sanitario IRCCS Ospedale Pediatrico

Dettagli

La residenzialità per gli anziani: possibile coniugare sociale e business? Edoardo Zaccardi Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali

La residenzialità per gli anziani: possibile coniugare sociale e business? Edoardo Zaccardi Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali La residenzialità per gli anziani: possibile coniugare sociale e business? Edoardo Zaccardi Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali Il contesto di riferimento - Le norme Riferimenti nazionali L.

Dettagli

DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO STAMPA E RELAZIONI ESTERNE

DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO STAMPA E RELAZIONI ESTERNE 1 Condannati definitivi Per di e per Durata della Pena Residua Situazione al 13/05/2010 Fino a 1 anno Da 1 a 2 Durata della pena residua Da 2 a 3 Da 3 a 5 Da 5 a 10 Da 10 a 20 Da 20 in poi Ergastolo Totale

Dettagli

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA Ottobre A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario SCHEDA CAMPANIA... 3 TAVOLE REGIONALI E PROVINCIALI... 9 Occupazione... 11 Imprese... 15 Permessi

Dettagli

Punto 5 dell ordine del giorno: A - Analisi della risposta all Invito per la presentazione di progetti di ricerca industriale

Punto 5 dell ordine del giorno: A - Analisi della risposta all Invito per la presentazione di progetti di ricerca industriale Punto 5 dell ordine del giorno: Informativa sulle azioni attivate A - Analisi della risposta all Invito per la presentazione di progetti di ricerca industriale Comitato di Sorveglianza 16 giugno 2010 Roma

Dettagli

Azienda per i Servizi Sanitari n. 4 Medio Friuli DISTRETTO SANITARIO DI TARCENTO

Azienda per i Servizi Sanitari n. 4 Medio Friuli DISTRETTO SANITARIO DI TARCENTO Azienda per i Servizi Sanitari n. 4 Medio Friuli DISTRETTO SANITARIO DI TARCENTO Povoletto, 08.06.2012 dott.ssa Bruna Mattiussi Tasso di ricovero dei residenti nel Distretto di Tarcento, anno 2010 Valore

Dettagli

Demografia. Il contesto della qualità del SSR: demografia, stato di salute e dimissioni ospedaliere

Demografia. Il contesto della qualità del SSR: demografia, stato di salute e dimissioni ospedaliere Direttore: Fernando Antonio Compostella Convegno La Qualità del Sistema Socio Sanitario Regionale del : aspetti professionali Il contesto della qualità del SSR: demografia, stato di salute e dimissioni

Dettagli

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA Maggio 2017 A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario SCHEDA CAMPANIA... 3 TAVOLE REGIONALI E PROVINCIALI... 7 Occupazione... 9 Imprese... 13 Permessi

Dettagli

I cittadini internati negli OPG suddivisi per regione di provenienza i numeri della presa in carico

I cittadini internati negli OPG suddivisi per regione di provenienza i numeri della presa in carico I cittadini internati negli OPG suddivisi per regione di provenienza i numeri della presa in carico I dati sono ripresi dalla relazione di Guido Vincenzo Ditta presentata al Convegno sull OPG di Montelupo

Dettagli

Approfondimento 1 - Rsu per comparto e per ripartizione geografica

Approfondimento 1 - Rsu per comparto e per ripartizione geografica 1 Approfondimento 1 - Rsu per comparto e per ripartizione geografica ripartizione geografica votanti partec. voti validi CGIL CISL UIL ALTRE LISTE AGENZIE FISCALI Nord Ovest 85 12.904 11.248 87,17 10.922

Dettagli

Disponibilità al 1/1/2012 per assegnazione [macrotipologie] e comparto. Stima sull'intera PA

Disponibilità al 1/1/2012 per assegnazione [macrotipologie] e comparto. Stima sull'intera PA Disponibilità al 1/1/2012 per assegnazione [macrotipologie] e comparto. Stima sull'intera PA Comparto Blu* Grigie** Totale Totale % ASL 930 18 720 19 650 32.2% AUTORITÀ TERRITORIALI E PORTUALI 42 119 161

Dettagli

Monica Vichi (a), Maurizio Pompili (b), Silvia Ghirini (a), Roberta Siliquini (c)

Monica Vichi (a), Maurizio Pompili (b), Silvia Ghirini (a), Roberta Siliquini (c) National Center for Epidemiology, Surveillance and Health Promotion Monica Vichi (a), Maurizio Pompili (b), Silvia Ghirini (a), Roberta Siliquini (c) a) Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza

Dettagli

Rete Pneumologica. PSR nessun riferimento alle Malattie Respiratorie

Rete Pneumologica. PSR nessun riferimento alle Malattie Respiratorie Rete Pneumologica PSR 2008-2010 nessun riferimento alle Malattie Respiratorie Aree tematiche di interesse. Una analisi accurata dell incidenza delle Malattie Respiratorie in Liguria, in termini di severità,

Dettagli

Osservazione Breve Intensiva in Italia confronto con la realtà del Presidio Ospedaliero di Pistoia

Osservazione Breve Intensiva in Italia confronto con la realtà del Presidio Ospedaliero di Pistoia Osservazione Breve Intensiva in Italia confronto con la realtà del Presidio Ospedaliero di Pistoia Pur mantenendo valido il principio ispiratore dell OBI si registra però nelle varie realtà italiane un

Dettagli

SPI CGIL NAZIONALE. Seminario sulla Contrattazione Sociale Territoriale. Roma aprile 2015 DIPARTIMENTO SOCIO SANITARIO

SPI CGIL NAZIONALE. Seminario sulla Contrattazione Sociale Territoriale. Roma aprile 2015 DIPARTIMENTO SOCIO SANITARIO SPI CGIL NAZIONALE DIPARTIMENTO SOCIO SANITARIO Seminario sulla Contrattazione Sociale Territoriale Roma 28-29 aprile 2015 1 Le politiche attuali Crisi economica Tagli consolidati al sistema socio sanitario

Dettagli

Regione FVG - arrivi e presenze - italiani e stranieri dettaglio trimestrale anno 2011 (conf. 2010)

Regione FVG - arrivi e presenze - italiani e stranieri dettaglio trimestrale anno 2011 (conf. 2010) Regione FVG - arrivi e presenze - italiani e stranieri dettaglio trimestrale anno 2011 (conf. 2010) TAV. 1 ARRIVI PRESENZE I T rim e stre II T rim e stre III T rim e stre IV T rim e stre TOTALE 2011 2010

Dettagli

Fondo Sanitario FSN 2008

Fondo Sanitario FSN 2008 Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti Politiche della Salute Fondo Sanitario FSN 2008 o TABELLA 1: Riepilogo risorse totali SSN 2008 o TABELLA 2: Risorse vincolate SSN 2008 o TABELLA 3: Riparto fabbisogno

Dettagli

L analisi dell offerta ospedaliera per le malattie digestive

L analisi dell offerta ospedaliera per le malattie digestive L analisi dell offerta ospedaliera per le malattie digestive a cura di Giovanna Baraldi Sub Commissario per l attuazione del Piano di Rientro della Regione Abruzzo Società Scientifiche AIGO, SIGE e SIED

Dettagli

nel 1997 Tendenza nazionale 30 milioni di accessi

nel 1997 Tendenza nazionale 30 milioni di accessi Attività di Pronto Soccorso delle strutture di ricovero pubbliche e delle case di cura private accreditate 24.215.174 Annuario Statistico del SSN anno 2009 21.274.174 nel 1997 Tendenza nazionale 30 milioni

Dettagli

Indice - Rapporto Ospedale Venosa Annuale - v8.0

Indice - Rapporto Ospedale Venosa Annuale - v8.0 Indice - Rapporto Ospedale Venosa 2015 - Annuale - v8.0 SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 Ospedale - Dati Economici Distrettuali (OR1) Ospedale Posti Letto per Unità

Dettagli

ENTRATE E SPESE NEI BILANCI DELLE REGIONI A STATUTO ORDINARIO. Maria Flavia Ambrosanio

ENTRATE E SPESE NEI BILANCI DELLE REGIONI A STATUTO ORDINARIO. Maria Flavia Ambrosanio LA STRUTTURA E IL CONTROLLO DEI BILANCI NELLE REGIONI A STATUTO ORDINARIO ENTRATE E SPESE NEI BILANCI DELLE REGIONI A STATUTO ORDINARIO Maria Flavia Ambrosanio Università Cattolica del Sacro Cuore - Milano,

Dettagli

Registri Tumori. Sono una raccolta continua, sistematica e nominale di tutti i casi di cancro

Registri Tumori. Sono una raccolta continua, sistematica e nominale di tutti i casi di cancro Registri Tumori Sono una raccolta continua, sistematica e nominale di tutti i casi di cancro Finalità di un RT Studiare incidenza, mortalità e sopravvivenza Definire i fattori di rischio Valutare i programmi

Dettagli

APPENDICE I. Risorse proprie regioni

APPENDICE I. Risorse proprie regioni APPENDICE I Tabella A.1 - Incidenza delle risorse proprie delle Regioni, del Fondo statale e delle entrate da tassa regionale sulla spesa complessiva per il diritto allo studio nell a.a. 2002/03 Regioni/Province

Dettagli

Un applicazione delle tecniche di sintesi in sanità

Un applicazione delle tecniche di sintesi in sanità Un applicazione delle tecniche di sintesi in sanità Alessandra Burgio e Alessandro Solipaca DCIS SAN Metodi di sintesi per la misurazione della dotazione u Il Servizio Sanitario Nazionale (1) STATO Disegna

Dettagli

Disponibilità attuale per assegnazione [macrotipologie] e comparto. Stima sull'intera PA****

Disponibilità attuale per assegnazione [macrotipologie] e comparto. Stima sull'intera PA**** Disponibilità attuale per assegnazione [macrotipologie] e comparto. Stima sull'intera PA**** Comparto Blu* Grigie con autista** Altre*** Totale Totale % ASL 169 749 17 900 18 818 31.1% AUTORITÀ TERRITORIALI

Dettagli

L Identikit dell immigrato cinese

L Identikit dell immigrato cinese Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Identikit dell immigrato cinese Profilo Demografico Occupazione Imprenditoria Aspetti economici Dicembre 2013 La popolazione cinese in Italia e le sue

Dettagli