Indice. Introduzione 9. Gli amici del Marketing dei 5 Sensi Detto da loro - Antonella Clerici Cos è il marketing 23

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Introduzione 9. Gli amici del Marketing dei 5 Sensi Detto da loro - Antonella Clerici 21. 1. Cos è il marketing 23"

Transcript

1 Indice Introduzione 9 Gli amici del Marketing dei 5 Sensi Detto da loro - Antonella Clerici Cos è il marketing 23 Il marketing: questo sconosciuto - La nascita - Evoluzione storica - Primo periodo (dal 1940 al 1960) - Secondo periodo (dal 1960 al 1975) - Terzo periodo (dal 1975 al 1985) - Quarto periodo (dal 1985 al 2005) - L era del marketing dei sensi (dal 2005 in poi) - Ma allora che cos è? - In sintesi - Provateci 2. Il polisensualismo 33 I cinque sensi del marketing - Polisensorialità del consumatore - Comunicazione polisensoriale - Marketing sensoriale Il consumatore compra con il cuore - In sintesi - Provateci 3. L analisi dei sensi 47 Apprendimento e memoria: il cervello a sostegno dei sensi - Le emozioni tracciano i ricordi - Cinque sensi per comunicare, vendere e comprare - La percezione e i fattori che la influenzano - Le sensazioni - Le emozioni - Sentimenti ed emozioni - Le emozioni durante il consumo - Esperienze cognitive ed esperienze emotive - In sintesi - Provateci 5

2 Marketing Sensoriale 4. Il marketing si vede 63 La potenza della vista - Inquinamento visivo - Il format visivo - La brand image - Il marchio - La pubblicità visiva - La site identity - La visibility - La confezione e l etichetta -L esposizione del prodotto - Il layout del punto vendita - Il contest In sintesi - Provateci 5. Il marketing si tocca 81 Toccare con mano - Il packaging - L invito alla prova - L espositore - L emozione del contatto - Il materiale comunica - Fattori tattili di successo - In sintesi - Provateci 6. Il marketing si sente 93 La musica che vende - Il jingle - Spot song e hit song - Music in store - La brand radio - Il suono del prodotto - Il passaparola - In sintesi - Provateci 7. Il marketing si respira 107 Il profumo che vende - Il marketing olfattivo - Siamo tutti nasi - La comunicazione olfattiva - Ricordare gli odori - L essenza del brand - La profumazione in store - Il clima positivo - Un caso di successo - In sintesi - Provateci 8. Il marketing si gusta 123 Il sapore che vende - Il quinto gusto dell umami - L analisi sensoriale - La PNL e l analisi sensoriale - Lo stato ottimale per assaggiare - La degustazione - Degustazione tecnica e degustazione edonistica - Di fronte a un bicchiere di vino e a un piatto di cibo - Ricette segrete - Marchi di garanzia - In sintesi - Provateci 9. Il senso dei sensi 147 Il sesto senso - Che cos è il sesto senso - Come svilupparlo Un arma per fare scelte vincenti - In sintesi - Provateci 10. La sinestesia 155 Che cosa è la sinestesia - Lo studio del fenomeno - La vista rende ciechi - Chi sono i sinesteti - I sinesteti famosi - La sinestesia per comunicare in modo polisensoriale - Un fenomeno piuttosto raro - In sintesi - Provateci 6

3 Indice 11. Il retailtainment 171 Il punto vendita fa spettacolo - L evoluzione dello shopping L importanza del fattore intrattenimento - Entrando nel singolo negozio - Strumenti di misurazione del traffico in store La maggior parte dei consumatori decide sul punto vendita Il category management - In sintesi - Provateci 12. Il senso del marketing 185 L impresa etica - I principi dell impresa etica - Il marketing mix dell impresa etica - Il codice etico e il bilancio sociale - Il codice etico - Il bilancio sociale - Il bilancio ambientale - Il marketing sociale In sintesi - Provateci 13. Il futuro del marketing 197 Il marketing sostenibile - Politiche di sviluppo sostenibile - Un mercato grande come il mondo - Il futuro del marketing Il marketing sensoriale è sostenibile - In sintesi - Provateci 14. Glossario del marketing dei sensi Per saperne di più 227 7

4 2. Il polisensualismo I cinque sensi del marketing Il viaggio nel marketing sensoriale è ormai iniziato. Come alcuni di voi sanno, l analisi sensoriale è lo strumento che usiamo abitualmente per fare le nostre scelte, dal piatto preferito alle scarpe da indossare, dall automobile agli amici. Siamo dotati dei sensi e attraverso questi canali percepiamo ciò che ci circonda. Un immagine, un suono, un profumo, una sensazione tattile, un sapore bastano ad attivare il nostro naturale processo di analisi. Ad ogni stimolo, gli organi sensoriali di cui siamo dotati trasmettono informazioni al nostro cervello, che fornisce rapidamente la risposta dello stimolo stesso, da questa elaborazione mentale derivano una serie di conseguenze. Ad esempio immaginiamo di respirare un odore nauseabondo. Immediatamente il nostro cervello cercherà di riconoscere l origine di quell odore, associandolo a circostanze già vissute. Nella nostra mente si visualizzeranno le immagini corrispondenti allo stimolo ricevuto, la risposta emotiva potrà essere allora di fastidio e di disgusto. Pensiamo adesso di udire lo stridio dei pneumatici sull asfalto. Subito il nostro corpo si allerterà, ci bloccheremo, la nostra schiena si inarcherà in avanti, il capo si chinerà verso il basso. Poco dopo cercheremo con lo sguardo l origine di quel rumore, avvertito e codificato RISPOSTA ANALISI RISPOSTA Figura 2.1 Processo di analisi sensoriale 33

5 Marketing Sensoriale come pericolo imminente. Come vedete il processo è automatico e naturale, ma può essere indotto con metodo e concentrazione per raggiungere determinati scopi. L analisi sensoriale è uno strumento che viene usato professionalmente in moltissimi settori, dalla cosmesi alla produzione alimentare, dall advertising al cinema, dalla moda al design, dall enogastronomia alla musica. Nel capitolo 3 parleremo specificatamente di questo argomento, osservando il meccanismo e spiegandone le tecniche. Polisensorialità del consumatore Come abbiamo evidenziato nella figura 1.5, nel periodo del marketing sensoriale, le aziende concentrano la loro attenzione sulle emozioni del consumatore: cosa provano le persone quando incontrano il prodotto? Cosa provano quando lo scelgono? Cosa provano quando lo usano? Le moderne strategie aziendali seguono queste risposte, sulla via di un cambiamento dei consumi iniziato negli anni ottanta. L ottica del fare acquisti per soddisfare determinati bisogni si è modificata nel fare acquisti per star bene e passare il proprio tempo. Si è passati dalla spesa allo shopping, per uscire, socializzare, divertirsi, informarsi. Le attività commerciali sono cambiate, assecondando il passaggio che si sta progressivamente realizzando: dalla vendita distributiva alla vendita creativa. I negozi si sono arricchiti di funzionalità, trasformandosi in spazi organizzati per stimolare ed intrattenere il pubblico. I centri commerciali sono diventati una meta per trascorrere piacevolmente il sabato o la domenica pomeriggio. Si è realizzata la cosiddetta smaterializzazione delle merci. Per comprendere meglio il concetto vi invitiamo a fare un piccolo esperimento. Provate a frugare tra le cose che non utilizzate più. An- VENDITA DISTRIBUTIVA VENDITA CREATIVA Figura 2.2 Cambiamento della massificazione di vendita 34

6 Il polisensualismo che se non avete una cantina, come quelle di una volta, sicuramente avrete un cassetto o una scatola in cui conservate le cose dimenticate. Bene, frugate alla ricerca di quel prodotto che avete tanto desiderato e che poi è passato di moda. Trovato? Nel fare la stessa cosa, ci sono spuntati tra le mani il mitico cubo magico, uno Swatch, che negli anni ottanta era introvabile, una borchia di El Charro. Prendete i vostri oggetti ed esaminateli, senza lasciare troppo spazio ai ricordi. Ora vi appaiono per quello che sono, senza il carico di valori e di emotività che la comunicazione aveva appositamente creato. Quando abbiamo scelto quei prodotti, nessuno di noi pensava di acquistare un cubo rotante, un orologio di plastica, una fibbia di metallo. Piuttosto eravamo proiettati nell immaginario che quegli oggetti rappresentavano, per questo eravamo disposti a pagarli molto più del loro valore reale. Oggi il mercato si muove su questa strada e i prodotti di successo sono caratterizzati da un immagine, che evoca determinati simboli e valori. Il consumatore compra il prodotto per arrivare a possedere questi elementi intangibili, tra cui rientrano le esperienze, le sensazioni, le emozioni. Si guarda sempre meno alla fisicità del prodotto, piuttosto si considera lo stesso in maniera polisensuale. Oggi il consumatore desidera interagire con tutto ciò che lo circonda. Stimolato dalle tecnologie e dalla comunicazione, l uomo si rapporta all universo come attore protagonista, che vuole scegliere, sperimentare, creare, capire. Sicuramente la diffusione di internet ha ESPERIENZA SENSAZIONI EMOZIONI PRODOTTO Figura 2.3 Smaterializzazione delle merci 35

7 Marketing Sensoriale contribuito a questa mentalità, che ci vede desiderosi di cliccare su tutto ciò che è stimolante. Le vacanze sono passate dal periodo di relax al divertimento programmato, in televisione spopolano le trasmissioni in cui sono protagoniste le persone comuni. L atteggiamento del consumatore è diventato multisensoriale. Inizialmente le aziende sono rimaste indifferenti a questi cambiamenti, ma oggi hanno compreso che le loro strategie devono essere costruite su questa nuova visione del consumatore, altrimenti si rischia il fallimento. Quando facciamo acquisti tutti noi continuiamo a cercare la convenienza e la qualità, ma abbiamo bisogno di stimoli nuovi. Sicuramente vi siete chiesti perché nei grandi magazzini la merce viene spostata in continuazione da alcuni posti. Fateci caso, ci sono delle zone in cui vengono messi prodotti sempre diversi, dei reparti variabili dove potete trovare i dolci oppure gli utensili, i vini o i cosmetici, le scarpe oppure gli articoli per l infanzia, i giocattoli o gli accessori per auto. Sarebbe certamente più comodo mettere le varie merci nei relativi reparti, ma questo movimento serve a creare nuovi stimoli. Comunicazione polisensoriale Il mercato si è adeguato in fretta a questa necessità di stimoli, basta pensare all affollamento di prodotti nei medesimi settori merceologici. Tante voci che gridano al consumatore: Comprami, comprami! Nell ultimo decennio sono circolate più informazioni che in tutta la storia dal Dopo Cristo ad oggi. Ogni giorno veniamo colpiti da migliaia di messaggi, che arrivano dalla televisione, dalla stampa, da internet, dall affissione, dalla radio, dalle confezioni dei prodotti, dalle insegne dei negozi, dai cartelloni, dai volantini, dalle lettere, dai video sparsi nella città, dagli adesivi attaccati nei posti più inaspettati, dai marchi stampati sulle t-shirt e sull oggettistica. Qualsiasi cosa ci parla. Negli ultimi trent anni la pubblicità televisiva è aumentata di quasi nove volte. L industria produce in eccesso, inventando modelli sempre nuovi e all avanguardia, in grado di mettere in ombra i precedenti. Spesso non si compiono delle vere innovazioni, ma si fa in modo comunque da rendere obsoleti determinati modelli. In questo scenario trovano 36

8 Il polisensualismo spazio nuove tecniche, dalla comunicazione polisensoriale al viral marketing, dal guerrilla marketing al bzz agent. La comunicazione tradizionale non è più sufficiente a stimolare il consumatore. Occorre coinvolgerlo attivamente e condurlo nella realtà del consumo. In pratica le aziende, oltre ai loro prodotti, devono vendere anche le occasioni di consumo. I messaggi invitano alla partecipazione. Le aziende organizzano club, community, contest, eventi e aggregazioni varie per raccogliere i loro membri. Internet è il luogo ideale per applicare le nuove tecniche di marketing e comunicazione perché offre una elevata interazione con investimenti molto contenuti. Il pubblico è invitato a partecipare a forum e a intervenire sui blog aziendali. In questo modo l azienda trasmette i propri messaggi e diffonde la propria immagine di marca. La comunicazione polisensoriale mira a emozionare il pubblico, stimolandone i sensi. Se prima era la vista, il canale principale verso il quale indirizzare le informazioni, ora si comunica anche coinvolgendo l udito, l olfatto, il tatto e il gusto. È un processo impegnativo ma molto più coinvolgente per il pubblico. Pensate di incontrare una persona sconosciuta sull autobus e immaginate ora il verificarsi delle seguenti situazioni: a) la persona indossa un abito giallo e vi guarda b la persona indossa un abito giallo, vi guarda, vi accarezza il viso c) la persona indossa un abito giallo, vi guarda, vi accarezza il viso e vi sussurra che siete speciali d) la persona indossa un abito giallo, vi guarda, vi accarezza il viso, vi sussurra che siete speciali, mentre respirate il suo profumo e) la persona indossa un abito giallo, vi guarda, vi accarezza il viso, vi sussurra che siete speciali. Mentre respirate il suo profumo, avvicina una fragola alla vostra bocca e ve la fa assaggiare. Questa situazione immaginaria si sviluppa progressivamente in maniera polisensoriale. È evidente la differenza che c è tra l ipotesi a), in cui la comunicazione coinvolge solo la vista e l ipotesi e), in cui i cinque sensi vengono stimolati quasi contemporaneamente. Nel primo caso proba- 37

9 Marketing Sensoriale bilmente la persona verrà dimenticata non appena uscirà dal nostro campo visivo. Nella situazione e), invece, l esperienza vissuta rimarrà per molto tempo con noi e addirittura sarà raccontata alle persone care. Pensate che l impulso d acquisto deriva per il 70% dall emotività e dagli stimoli sensoriali. Questo semplice esercizio mentale serve a farci capire la forza della comunicazione polisensoriale, che può essere applicata in vari settori: dall advertising al design, dalla moda allo spettacolo, dalle promozioni alla comunicazione sul punto vendita. La comunicazione polisensoriale può trovarsi nella progettazione degli spazi e nel design degli oggetti comuni. Comunicare attraverso i sensi significa arrivare al cuore delle persone. Tanto per citare un esempio, qualche anno fa, Swatch, per la festa della mamma, decise di diffondere nei propri negozi profumo di rose. In un solo giorno le vendite aumentarono del 40%. Se in alcuni centri commerciali ci sentiamo particolarmente spendaccioni, potrebbe essere colpa della musica diffusa. Marketing sensoriale Profumi, luci, colori, suoni, musiche, immagini, forme per stimolare i sensi. Un approccio multiplo che si concentra sulle percezioni del consumatore. Mentre il marketing tradizionale si concentra principalmente sulle caratteristiche del prodotto, il marketing sensoriale si concentra sulla persona e sulle sue emozioni, perché le ricerche condotte nell ultimo decennio hanno evidenziato l influenza delle sensazioni soggettive sul processo d acquisto. Quindi il passaggio obbligato è stato: se le emozioni condizionano il comportamento di acquisto, è opportuno capire quali sono quelle favorevoli e come indurle. Intanto, come tutti voi sapete, le emozioni sono reazioni individuali di tipo mentale, comportamentale e fisico a determinati stimoli. Quindi provocando certi stimoli sensoriali nel consumatore al momento della sua decisione di acquisto è possibile indurre una reazione positiva: la vendita. Il marketing sensoriale si occupa proprio di questo, ossia di individuare e poi trasmettere al cliente gli stimoli sensoriali più adatti per innamorarsi del prodotto. Attraverso specifiche tecniche di vendita e di comunicazione vengono sollecitati 38

10 Il polisensualismo EMOZIONE STIMOLO RICORDO REAZIONE Figura 2.4 Meccanismo di risposta agli stimoli tutti i sensi del consumatore, per indurlo a vivere emozioni positive che lo avvicinano alla marca, facendola preferire o addirittura rendendola irrinunciabile. Quando riceviamo uno stimolo, i sensi coinvolti trasmettono al cervello percezioni che elaborate determinano immediatamente emozioni. Le stesse inducono ricordi, in base alle esperienze vissute e a seconda di quest ultime avremo una determinata reazione. Ecco allora che se devo scegliere un ristorante dove mangiare preferirò quello in cui sento un profumo appetitoso, piuttosto che l odore di un prodotto igienizzante. Più avanti vedremo quali sono le emozioni positive e a quali ricordi vengono associate dal nostro cervello. Il consumatore compra con il cuore Ognuno di noi usa la testa per valutare e per scegliere ma la maggior parte degli acquisti sono frutto di decisioni emotive. Per comprendere meglio perché compriamo con il cuore, analizziamo il comportamento del consumatore, ossia l insieme di processi e azioni che portano all acquisto finale. Il comportamento del consumatore è caratterizzato da tre fasi: pre-acquisto, acquisto e post-acquisto. 39

11 Marketing Sensoriale PRE-ACQUISTO ACQUISTO POST-ACQUISTO Figura 2.5 Fasi del comportamento di acquisto Pre-acquisto: è il momento che va dalla percezione del bisogno fino alla decisione di acquisto. In questa fase si determinano le aspettative che influenzeranno l acquisto e la soddisfazione finale. I consumatori non sono tutti uguali e ognuno è condizionato dal proprio vissuto e dalla propria personalità. Questa fase comporta un meccanismo naturale scomponibile in tre tappe: 1. percezione del bisogno 2. ricerca della motivazione 3. valutazione delle informazioni. Ricordatevi che anche ogni processo di vendita deve seguire questi tre stadi successivi. I bisogni dei consumatori spesso sono latenti, chi vende deve scovarli o indurli. La ricerca della motivazione è un fatto personale, che in alcuni individui non fa fatica a sopraggiungere, mentre in altri deve essere aiutato. Le motivazioni possono essere molteplici. Ora facciamo un esempio di come si svolge la fase di pre-acquisto, nel caso di un automobile. 1. Percezione del bisogno: la mia automobile si guasta di nuovo. L ennesimo disagio mi fa comprendere che è giunto il momento di cambiarla. 2. Ricerca della motivazione: non posso rischiare di rimanere per strada durante i miei viaggi di lavoro. E poi quella che avevo era piccola, adesso ho bisogno di più spazio. Mi presenterò meglio ai clienti e farò la figura di un venditore di successo. 3. Valutazione delle informazioni: ho sentito parlare bene della XXXX. Guarderò i consumi e gli altri dati tecnici sul sito della casa costruttrice e poi farò quattro chiacchiere con Giada, che la possiede già da qualche mese. Nel week-end andrò a provarla alla concessionaria. 40

12 Il polisensualismo Acquisto: inizia dalla decisione fino all acquisto finale. Anche questa fase può essere suddivisa in quattro stadi collegati: 1. Incontro: rappresenta il primo contatto con la struttura di vendita e gli elementi che influenzano sono dati dall aspetto esterno, la facilità d accesso, l aspetto interno. 2. Precontatto: coincide con l attesa prima del contatto di vendita. In questa fase conta l accoglienza, la presenza di materiale informativo, l ospitalità. 3. Contatto: è l incontro vero e proprio con chi vende. In questa fase si determina la vendita. 4. Congedo: è il momento dei saluti in cui è importante la rassicurazione del consumatore. Post-acquisto: è la fase successiva alla chiusura dell acquisto, in cui il consumatore elabora la sua scelta, valutando la sua soddisfazione. Teniamo presente che ogni acquisto è accompagnato da un certo smarrimento del consumatore, collegato ai rischi che possono conseguire dalla sua azione. Quali sono i rischi? In alcuni casi sono ben evidenti, ma anche quando si tratta di piccoli acquisti, il consumatore vive una fase di incertezza. I rischi si possono classificare in varie tipologie: a) di risultato, sono quelli legati alla soddisfazione dei risultati b) psicologici, legati allo stato psicologico che l acquisto determina c) sociali, sono i rischi collegati all aspetto collettivo d) di tempo, connessi alla paura di aver perso tempo. Il post-acquisto è quindi determinante per la soddisfazione del consumatore. In questa fase, sono fondamentali le conferme, le rassicurazioni e le informazioni aggiuntive sulla validità dell acquisto. Dopo aver visto quali sono le fasi che caratterizzano il processo d acquisto, dobbiamo tenere presente che esse variano molto da persona a persona e secondo il tipo di scelta che deve fare. Vediamo ora la classificazione del comportamento di acquisto proposta da Assael nella figura che segue. 41

13 Marketing Sensoriale Alta sensibilità alle differenze tra le marche COMPORTAMENTO VOLTO ALLA RICERCA DELLA VARIETÀ COMPORTAMENTO COMPLESSO Bassa sensibilità alle differenze tra le marche COMPORTAMENTO ABITUALE COMPORTAMENTO VOLTO ALLA RIDUZIONE DELLA DISSONANZA Figura 2.6 Classificazione di Assael del comportamento di acquisto Comportamento d acquisto complesso: il coinvolgimento del consumatore è elevato, ma il consumatore è sensibile alle differenze tra le marche. Quindi il processo d acquisto si conclude rapidamente, basandosi su criteri di convenienza, di tempo e di accessibilità. Comportamento d acquisto volto a ridurre la dissonanza: il consumatore è molto coinvolto nella scelta, ma non attribuisce particolare rilevanza alle differenze di marca. Questa situazione è tipica dei prodotti costosi, che vengono comprati occasionalmente. Il consumatore è molto attento e impegnato a raccogliere informazioni sull adeguatezza dell acquisto. Comportamento d acquisto abituale: il coinvolgimento del consumatore e la sensibilità alle differenze di marca sono bassi. Non c è una normale fase di ricerca di informazioni e la scelta si compie in base alla notorietà del marchio. Comportamento d acquisto volto alla ricerca della varietà: il coinvolgimento nell acquisto è limitato, ma il consumatore attribuisce differenze significative alle marche ed è sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo. 42 Basso coinvolgimento Alto coinvolgimento

14 Il polisensualismo percezione del problema ricerca di informazioni (fonti interne ed esterne) valutazione delle alternative decisione d acquisto comportamento del dopo-acquisto Figura 2.7 I diversi stadi del comportamento di acquisto Concludiamo quest analisi del comportamento di acquisto guardando ai cinque stadi in cui può suddividersi il processo di acquisto. 43

15 Marketing Sensoriale In sintesi A ogni stimolo, i sensi trasmettono informazioni al cervello, che fornisce rapidamente l analisi sensoriale dello stimolo stesso e di conseguenza una risposta. Le attività commerciali sono cambiate, assecondando il passaggio che si sta progressivamente realizzando: dalla vendita distributiva alla vendita creativa. Si è realizzata la cosiddetta smaterializzazione delle merci. Si guarda sempre meno alla fisicità del prodotto, piuttosto si considera lo stesso per quello che comunica nell insieme. La comunicazione tradizionale non è più sufficiente a stimolare il consumatore. La comunicazione polisensoriale mira a emozionare il pubblico, stimolandone i sensi. Se prima era la vista, il canale principale verso il quale indirizzare le informazioni, ora si comunica anche coinvolgendo l udito, l olfatto, il tatto e il gusto. Il marketing sensoriale si concentra sulla persona e sulle sue emozioni, perché le ricerche condotte nell ultimo decennio hanno evidenziato l influenza delle sensazioni soggettive sul processo d acquisto. Il comportamento del consumatore è caratterizzato da tre fasi: pre-acquisto, acquisto e post-acquisto. La classificazione di Assael del comportamento di acquisto prevede: il comportamento d acquisto complesso; il comportamento d acquisto volto a ridurre la dissonanza; il comportamento d acquisto abituale; il comportamento d acquisto volto alla ricerca della varietà. 44

16 Il polisensualismo Provateci Ora vi chiediamo di dare un peso ai sensi che sono stati coinvolti durante i vostri ultimi acquisti. Si tratta di tre prodotti diversi, che appartengono ad altrettanti mondi commerciali più o meno sensibili al marketing sensoriale. Pensate alle vostre esperienze e date un valore da 0 a 5 ai sensi coinvolti nell acquisto. Fate un segno sul voto corrispondente. Acquisto di un capo d abbigliamento: VISTA UDITO TATTO OLFATTO GUSTO Acquisto di un prodotto alimentare al banco gastronomico: VISTA UDITO TATTO OLFATTO GUSTO Acquisto di un prodotto hi-tech (computer, cellulare, video): VISTA UDITO TATTO OLFATTO GUSTO Acquisto di un gioiello/orologio: VISTA UDITO TATTO OLFATTO GUSTO

17 Marketing Sensoriale Ora confrontate il peso che avete dato ai vari sensi rispetto alle diverse situazioni e riflettete. Le differenze dipendono da come le aziende di certi settori comunicano, ma anche da come voi vi predisponete durante l acquisto. 46

Il senso del Marketing Sensoriale. Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it)

Il senso del Marketing Sensoriale. Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Il senso del Marketing Sensoriale Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Psicologia dei processi cognitivi Fino agli anni 70 la psicologia si era interessata solo del comportamento dell uomo,

Dettagli

Il bosco delle sensazioni

Il bosco delle sensazioni Programmazione sezione prima SCUOLA DELL'INFANZIA "VILLA FLAMINIA" A.S. 2015 /2016 Il bosco delle sensazioni INSEGNANTI Maela Avvisati Oriana Riina Tina Iavarone Dimmi e io dimentico Mostrami e io ricordo

Dettagli

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 Alla scoperta dei cinque sensi: gustare con gli occhi, vedere con le mani,ascoltare gli odori. Un viaggio nel mondo della percezione Vedo il mondo, se tu mi parli

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe I Scuola Primaria CONOSCERE CON I SENSI. Esplorare l ambiente attraverso i sensi Senso formativo del percorso L argomento degli organi di senso viene trattato

Dettagli

EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA

EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA Presentazione della sezione: Diego 02/2009 Luca 01/2009 Jacopo 03/2009 Maria Beatrice 12/2009 Raul 12/2009 Virginia 06/2009

Dettagli

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM )

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) Ci sono almeno 18 studi che dimostrano che le persone con disturbi dello spettro autistico (ASD) presentano uno specifico deficit di memoria nella

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI

LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI ETÀ 3 ANNI tot. Bambini 25 M 14 F 11 TEMPO: gennaio-maggio 2013 SPAZIO: aula delfini INSEGNANTI: Chiara-Maria Teresa La consapevolezza che il bambino di tre anni percepisce

Dettagli

CENTRO DIURNO ESTIVO 2012. A cura di

CENTRO DIURNO ESTIVO 2012. A cura di Comune di Gudo Visconti (Provincia di Milano) CENTRO DIURNO ESTIVO 2012 Scuola dell Infanzia, Primaria e Primo anno della Scuola Secondaria di Primo Grado IL SESTO SENSO A cura di Associazione culturale

Dettagli

Junior Training - Laboratorio sensoriale

Junior Training - Laboratorio sensoriale Junior Training - Laboratorio sensoriale Il laboratorio sensoriale è un attività atta a stimolare i sensi dei bambini, in modo da aumentarne la loro ricettività e la capacità di distinguere differenti

Dettagli

UN ANIMALE PER AMICO

UN ANIMALE PER AMICO UN ANIMALE PER AMICO Con Emilia ci divertiamo e impariamo!!! NIDO AZIENDALE ARCOBALENO Educatrici: Bessega Simona Rossi Irene Pinzoni Irene Referente Pedagogica: d.ssa Maria Chiara Brunello PREMESSA Per

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

VISITA DIDATTICA IN FATTORIA: PERCHE

VISITA DIDATTICA IN FATTORIA: PERCHE AZIENDA AGRICOLA CAROFIGLIO SIMONA Via Degli Alberi (S.C. 34) Casamassima Bari P.I. 07152230723 Tel: 347 7512300 e-mail: info@terradincontro.it VISITA DIDATTICA IN FATTORIA: PERCHE Le fattorie didattiche

Dettagli

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Bergamo, 3 Ottobre 2008 Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Dott.ssa Laura Marchesi Da cosa nasce quest idea idea??? L idea nasce, in collaborazione con la Dott.ssa

Dettagli

PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO : ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI

PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO : ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO : ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI PERCORRE TUTTO L ANNO SCOLASTICO. LE ATTIVITA E LE ESPERIENZE, ACCOMPAGNANO I BAMBINI ALLA SCOPERTA DEI 5 SENSI,

Dettagli

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA giocare con l arte arte e natura ART artemania - parole che dicono, parole che raccontano - storie per scoprire - musica in gioco e

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 Esplorare..dire, fare, abbracciare.. Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2014-2015 proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato Esplorare dire, fare,

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense SCUOLA D INFANZIA BIANCO BUONO LATTE 4 anni, scuola dell infanzia Latte, filiera, gusto, preferenze, Alimentazione:

Dettagli

L ambiente in cui vivi

L ambiente in cui vivi L ambiente in cui vivi 1. Cosa vorresti fare da grande? (indica per esteso il lavoro che ti piacerebbe fare) 2. Potendo scegliere, cosa ti piacerebbe diventare? (1 sola risposta) Un divo televisivo o del

Dettagli

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta IL GUSTO DI CRESCERE INSIEME NELLA GIOIA. Per l anno educativo 2014/15 proponiamo ai bambini un viaggio nel mondo dell alimentazione: partendo dalla

Dettagli

Riassunto secondo focus (lettori forti)

Riassunto secondo focus (lettori forti) Riassunto secondo focus (lettori forti) Il focus group si è svolto sabato 8 maggio tra le 10.00 e le 11.30, avendo come partecipanti dei lettori forti, vale a dire, persone che leggono più di 20 libri

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013

ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 ESTRATTO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO 2012/2013 Sezione lattanti Curiosando Titolo: Benvenuti al nido Descrizione: Il periodo dell'inserimento servirà a far conoscere ai bambini L'universo nido con tutto

Dettagli

Scoprendo il mito musicale. Una ricerca sull impatto della musica negli spazi pubblici.

Scoprendo il mito musicale. Una ricerca sull impatto della musica negli spazi pubblici. Scoprendo il mito musicale. Una ricerca sull impatto della musica negli spazi pubblici... Come il design interno è parte dell esperienza in un negozio, la musica è diventata un importante strumento competitivo

Dettagli

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 5 sessione: 28/4/2009

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 5 sessione: 28/4/2009 Economia & Management Marketing avanzato Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09 Prof. Michela Addis 5 sessione: 28/4/2009 1 Perche investire sull esperienza di consumo? Perche

Dettagli

Percorso sensoriale su prodotti lattiero caseari ZEPPA G. Università degli Studi di Torino

Percorso sensoriale su prodotti lattiero caseari ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Percorso sensoriale su prodotti lattiero caseari ZEPPA G. Università degli Studi di Torino La scelta del cibo non è genetica (il dolce è buono, il piccante cattivo, ma non sempre!) La scelta del cibo è

Dettagli

Il processo d acquisto online

Il processo d acquisto online Sitòfono Il processo online Come Sitòfono può inserirsi nel processo e migliorare le performance di vendita di un sito e-commerce? Internet è un ambiente molto competitivo. L utente che vuole fare un acquisto

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Proposta di modulo didattico rivolto alle scuole elementari per lo svolgimento dei seguenti temi:

Proposta di modulo didattico rivolto alle scuole elementari per lo svolgimento dei seguenti temi: Scheda di progetto Denominazione progetto: Un sogno ad occhi aperti nella foresta dei suoni Proposta di modulo didattico rivolto alle scuole elementari per lo svolgimento dei seguenti temi: 1. IO E ME

Dettagli

GIOCARE CON GUSTO INSEGNANTI:

GIOCARE CON GUSTO INSEGNANTI: GIOCARE CON GUSTO INSEGNANTI: Borgoni Valter Zanotti Daniela Sacchetti Cristina Sartori Alessandra Mochi Valentina (sostegno) Spagnoli Elisa (religione) Lazzari Maria Grazia (assistente per l integrazione)

Dettagli

Scoprire la percezione multisensoriale attraverso il rapporto diretto con la natura. Sperimentare il senso dell equilibrio, del ritmo e dello spazio

Scoprire la percezione multisensoriale attraverso il rapporto diretto con la natura. Sperimentare il senso dell equilibrio, del ritmo e dello spazio LABORATORIO CREATIVO PER BAMBINI LA NATURA, I SENSI E NOI ROMA 24 e 26 LUGLIO 2015 A cura di Arch. Caterina Campaci e Arch. Alessia Novelli 1.PREMESSA L idea è nata dalle tematiche proposte dalla manifestazione

Dettagli

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Dott. Mario Liguori 1 Definizioni Comportamento di acquisto = l insieme delle

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

Asilo Nido Comunale R. VIGHI Comune di Casalecchio di Reno

Asilo Nido Comunale R. VIGHI Comune di Casalecchio di Reno Asilo Nido Comunale R. VIGHI Comune di Casalecchio di Reno La famiglia al nido per condividere un esperienza: uno spazio per conoscersi giocando Anno educativo A cura del Collettivo 2008/2009 del Nido

Dettagli

Creare un emozione per rendere

Creare un emozione per rendere di Luca Figini visual merchandiser L acquisto deve essere un emozione bisogna puntare a coinvolgere il cliente con un contesto che crei sensazioni, che faccia vivere un sogno, che proponga la merce in

Dettagli

Ne vengono pubblicate 2 edizioni, differenti unicamente nella prima pagina:

Ne vengono pubblicate 2 edizioni, differenti unicamente nella prima pagina: Ne vengono pubblicate 2 edizioni, differenti unicamente nella prima pagina: Sabato Sera edizione Imola Distribuito a Imola, Castel del Rio, Fontanelice, Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Dozza, Mordano

Dettagli

Nido Pulcino ballerino Via Matteo Bartoli, 72 Roma-Municipio XII Da cosa nasce cosa

Nido Pulcino ballerino Via Matteo Bartoli, 72 Roma-Municipio XII Da cosa nasce cosa Nido Pulcino ballerino Via Matteo Bartoli, 72 Roma-Municipio XII Da cosa nasce cosa Il Nido Pulcino Ballerino, aperto dal 1977, è ubicato in Via Matteo Bartoli, 72 nel quartiere Giuliano-Dalmata, XII Municipio

Dettagli

SCUOLA INFANZIA RINASCITA

SCUOLA INFANZIA RINASCITA SCUOLA INFANZIA RINASCITA ******************** PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE MANGIARE E' UN GIOCO NON E' MAI TROPPO PRESTO PER IMPARARE A MANGIARE BENE PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE E' importante,

Dettagli

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto L alimentazione esprime abitudini, usi e costumi dell individuo e risponde non solo alle esigenze fisiche, ma anche a quelle psichiche e della vita di relazione ed è in grado di fornire, accanto all esperienza

Dettagli

INDICE. Introduzione... 7. 1. Una bussola per capire il fenomeno moda: la psicologia sociale. 11

INDICE. Introduzione... 7. 1. Una bussola per capire il fenomeno moda: la psicologia sociale. 11 INDICE Introduzione... 7 1. Una bussola per capire il fenomeno moda: la psicologia sociale. 11 1.1 Premessa metodologica: la moda come fenomeno sociale... 11 1.2 Il campo di analisi: la moda tra sogni,

Dettagli

La sensorialità del bambino. La prossima volta che leggi un libro, fermati per un momento e ammira la straordinaria

La sensorialità del bambino. La prossima volta che leggi un libro, fermati per un momento e ammira la straordinaria La sensorialità del bambino La prossima volta che leggi un libro, fermati per un momento e ammira la straordinaria capacità del cervello di svolgere un compito intricato. Elaborare l informazione e coordinare

Dettagli

Mini progetti Arrivederci! 1 UNITÀ 1

Mini progetti Arrivederci! 1 UNITÀ 1 UNITÀ 1 Parole italiane! A coppie o in piccoli gruppi scegliete 10 o più parole nuove dell unità 1. Create un glossario dove presentate le parole nuove con la traduzione nella vostra lingua. Presentate

Dettagli

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL DEFINIZIONE DI PNL Programmazione: Neuro: L abilità di scoprire e utilizzare i programmi che facciamo funzionare (la comunicazione con noi e con gli altri) nel nostro sistema neurologico per ottenere obiettivi

Dettagli

PROPOSTE LUDICO/EDUCATIVE 2010/2011

PROPOSTE LUDICO/EDUCATIVE 2010/2011 CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia.

Dettagli

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 AGENDA La comunicazione Le barriere e i rimedi OBIETTIVO DEL CORSO UNA PERSONA PIU EFFICACE NEL LAVORO E NELLA VITA PERCHE CONTROLLA MEGLIO LA PROPRIA COMUNICAZIONE

Dettagli

AUSILI COMUNICATIVI CON USCITA IN VOCE VOCA

AUSILI COMUNICATIVI CON USCITA IN VOCE VOCA AUSILI COMUNICATIVI CON USCITA IN VOCE VOCA VOCA Voice Output Communication Aids Sono registratori digitali o microcomputer sui quali è possibile apporre un certo numero di simboli e far corrispondere

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

LE SEQUENZE VALUTATIVE ( Integrazione del file sui processi valutativi) Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Progredito Università di Urbino

LE SEQUENZE VALUTATIVE ( Integrazione del file sui processi valutativi) Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Progredito Università di Urbino LE SEQUENZE VALUTATIVE ( Integrazione del file sui processi valutativi) 1 L acquisto di una marca dovrebbe essere subordinata alla definizione di ponderate convinzioni in merito alla capacità dei prodotti

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione)

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) Maldestrezza, scoordinamenti Disordini nelle prassie

Dettagli

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Ass. culturale Domus de Jana Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org L Associazione culturale Domus de Jana propone: IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Oggetto:

Dettagli

Educazione alla salute

Educazione alla salute Viva il movimento! Fai sport e movimento per sentirti più contento, segui una sana alimentazione fin dalla prima colazione. A merenda mangia un panino e poi muoviti un pochino. Con gli amici gioca a pallone

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

Laboratorio di cucina. Premessa

Laboratorio di cucina. Premessa Laboratorio di cucina Premessa La cucina è uno dei luoghi della casa in cui solitamente si passa molto tempo; è il luogo degli odori, dei sapori, dei gusti, dei gesti quotidiani. Proust, nella sua opera

Dettagli

Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace

Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace La comunicazione carismatica CARISMATICI SI NASCE O SI DIVENTA? Cos è il Carisma? IMPRESSIONE SPECIFICA E PERSONALE CHE LASCIAMO ALLE PERSONE CHE

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE (Teorie e casi di studio)

IL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE (Teorie e casi di studio) IL COMPORTAMENTO DEL CONSUMATORE (Teorie e casi di studio) Università di Urbino Corso di marketing progredito Progetto di: Andrisani Michela Galasso Donato Grifoni Giorgia Maiolini Federica Maldoni Serena

Dettagli

Live Brand Experience

Live Brand Experience Live Brand Experience Live brand experience Mission Comunichiamo con le emozioni. Dei vostri clienti. Perché possano costruire con voi relazioni stabili e durature. Progettiamo e realizziamo occasioni

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA DR.SSA MAIORANO ANGELA (PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA) PUBBLICHE RELAZIONI PARCHETTI CRISTINA COREOGRAFA E BALLERINA VERGINELLI MAURA L ADOLESCENZA PORTA CON SÉ

Dettagli

CENTRO EDUCATIVO ESTIVO per bambini 2-4 anni

CENTRO EDUCATIVO ESTIVO per bambini 2-4 anni Area BABY CENTRO EDUCATIVO ESTIVO per bambini 2-4 anni PROGETTO EDUCATIVO Sogno Numero2 associazione di promozione sociale anteas servizi PREMESSA Il centro estivo nasce dall esigenza per molte famiglie

Dettagli

Eventi che emozionano

Eventi che emozionano Eventi che emozionano 1 Premessa: l emozione Comunicare con emozione Un cambiamento nello stato psicofisico che spinge ad agire (Broccoli 2013) 2 L evento 3 Premessa: l evento Avvenimento programmato di

Dettagli

Unità di lavoro Che bocca grande hai! E per mangiare meglio!

Unità di lavoro Che bocca grande hai! E per mangiare meglio! SCUOLA DELL INFANZIA QUADRIFOGLIO ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 PROGETTO: FIABE FUMETTI E MEDIA Unità di lavoro Che bocca grande hai! E per mangiare meglio! TIPOLOGIA LABORATORIO GRUPPO SEZIONE /PLESSO GRUPPO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

IL GUSTO QUARTA UNITA. 1 parte

IL GUSTO QUARTA UNITA. 1 parte QUARTA UNITA IL GUSTO 1 parte Spesso il senso del GUSTO viene poco sviluppato a scuola, scarse sono infatti le proposte reperibili in riferimento ad attività che coinvolgano attivamente gli alunni. Diventa

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION E DESTINAZIONE TURISTICA

CUSTOMER SATISFACTION E DESTINAZIONE TURISTICA CUSTOMER SATISFACTION E DESTINAZIONE TURISTICA L'ANALISI DEI COMPORTAMENTI DI VACANZA NELLA PRATICA AZIENDALE E NEL MARKETING LE DECISIONI OPERATIVE SONO ASSUNTE FACENDO RIFERIMENTO A SEGMENTI DELLA DOMANDA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

Progetto di CIRCOLO triennale (2006-2009) 2009) Scuola dell infanzia. DOCUMENTAZIONE a.s. 2007 /2008

Progetto di CIRCOLO triennale (2006-2009) 2009) Scuola dell infanzia. DOCUMENTAZIONE a.s. 2007 /2008 Progetto di CIRCOLO triennale (2006-2009) 2009) Scuola dell infanzia DOCUMENTAZIONE a.s. 2007 /2008 1 Oltre i laboratori un ITINERARIO educativo - didattico INVERNO il sonno della natura AUTUNNO fenomeni

Dettagli

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA Capire i meccanismi comunicativi per relazionarsi meglio Sistemi sensoriali e comunicazione Che cosa è la comunicazione verbale è uno scambio di informazioni tra più persone

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2012-2013 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cos è la pubblicità Storicamente rappresenta l industrializzazione

Dettagli

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE L arrivo del Natale porta nella Scuola dell Infanzia inevitabili suggestioni di festa, di regali e di sorprese, esercita un fascino particolare nella

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Il VILLAGGIO IN FESTA:

Il VILLAGGIO IN FESTA: Il VILLAGGIO IN FESTA: Ci vuole un villaggio intero per crescere un bambino proverbio africano Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD Progetto Educativo Didattico Anno Scolastico

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ANIMAZIONE

PIANO ANNUALE DI ANIMAZIONE Anno 2016 a. PREMESSA Nel programma di animazione della RSA Karol Wojtyla sono favorite attività di svago e relazione che permettono agli anziani di rompere la quotidianità della struttura, per questo

Dettagli

Autismo, cosa voglio dirti? Siamo Diversi!

Autismo, cosa voglio dirti? Siamo Diversi! Autismo, cosa voglio dirti? Siamo Diversi! Le mie stereotipie sono un espressione fisica dei miei stati emotivi Non castrarle sempre cerca prima di comprenderle. Magari sto solo cercando di dirti che sono

Dettagli

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Alessandra Pallotti e Suor Laurentina Kadinde PREMESSA Questo progetto coinvolge tutti i bambini della nostra scuola con una serie di proposte che

Dettagli

Dimmi e dimenticherò. Mostrami e forse ricorderò. Coinvolgimi e comprenderò. (Confucio)

Dimmi e dimenticherò. Mostrami e forse ricorderò. Coinvolgimi e comprenderò. (Confucio) U never forget it Dimmi e dimenticherò. Mostrami e forse ricorderò. Coinvolgimi e comprenderò. (Confucio) 2 IL PROGETTO Immagina un luogo dove il Tuo Brand prende vita... ora esiste. Nasce U-TASTE un luogo

Dettagli

Paletta, vasi, semi e piantine: la primavera è la stagione ideale per creare un piccolo orto. Anche sul balcone. Basta poco: semplici vasi possono

Paletta, vasi, semi e piantine: la primavera è la stagione ideale per creare un piccolo orto. Anche sul balcone. Basta poco: semplici vasi possono Paletta, vasi, semi e piantine: la primavera è la stagione ideale per creare un piccolo orto. Anche sul balcone. Basta poco: semplici vasi possono ospitare i pomodorini a grappolo, i pisellini, le fragoline,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO SCUOLA PRIMARIA MATILDE DI CANOSSA A. S. 2004/05 e 2005/06 Insegnanti: Ferraguti Paola Bocchi Silvana 1 UNITA DI APPRENDIMENTO: CAPIRE CON IL CUORE Premessa L educazione

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA. Design alla Coop In prima linea, il giovane design italiano che propone prodotti di largo consumo per la casa e la persona.

SCHEDA INFORMATIVA. Design alla Coop In prima linea, il giovane design italiano che propone prodotti di largo consumo per la casa e la persona. SCHEDA INFORMATIVA QUANDO Da sabato 29 ottobre a domenica 6 novembre 2005 DOVE INGRESSO Porta Giulio Cesare BIGLIETTO Prefestivi e festivi: 8,00 Feriali: 7,00 ORARIO Giorni feriali: 15-19 Prefestivi e

Dettagli

Perché diventare un professionista in programmazione neuro linguistica

Perché diventare un professionista in programmazione neuro linguistica LA PNL VIENE INSEGNATA PER CONSENTIRE UNA MIGLIORE E PIÙ ECOLOGICA COMUNICAZIONE TRA INDIVIDUI E CON SE STESSI, PIUTTOSTO CHE COME UN ARMA DI VENDITA E PERSUASIONE Perché diventare un professionista in

Dettagli

INCONTRO " Cibo e sensi: assaggi" Alessandra Preziosa: psicologa, psicoterapeuta

INCONTRO  Cibo e sensi: assaggi Alessandra Preziosa: psicologa, psicoterapeuta INCONTRO " Cibo e sensi: assaggi" A cura di: Alessandra Preziosa: psicologa, psicoterapeuta Nella prima parte di questo incontro capiremo come l atto del cibarsi vada al di là del semplice nutrimento fisico,

Dettagli

C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura e laboratori per le scuole A.SC. 2015-2016

C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura e laboratori per le scuole A.SC. 2015-2016 C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura e laboratori per le scuole A.SC. 2015-2016 Un bambino che legge, sarà un adulto che pensa! C ERA UNA VOLTA IL MONDO INCANTATO Percorsi di lettura

Dettagli

LE FATTORIE AUMENTANO

LE FATTORIE AUMENTANO LE FATTORIE AUMENTANO Nata dalla collaborazione tra 5 fattorie didattiche, l iniziativa mira a contribuire ad elevare la qualità della didattica in fattoria e a far riconoscere le stesse come agenzie educative,

Dettagli

Il marketing dei servizi

Il marketing dei servizi Il marketing dei servizi Standard di servizio 38 P f ROBERTO PAPA La standardizzazione dei servizi Per chiudere il gap 2 è opportuno tradurre le aspettative del cliente in standard di qualità da erogare

Dettagli

Experential Marketing

Experential Marketing Experential Marketing Prof Alberto Piglia 23.11.2015 Alcuni esempi di marketing non convenzionale Experiential Marketing Viral Marketing Tribal Marketing Ambient-Marketing Sustainability Marketing L importanza

Dettagli

Sommario. Ambienti abitativi. Ambienti lavorativi. Profilo

Sommario. Ambienti abitativi. Ambienti lavorativi. Profilo Color Design Feng Shui Interior Design Sommario I nostri obiettivi Perché interior design Perché color design Perché feng shui 3 4 4 5 Ambienti abitativi 6 Ambienti lavorativi 10 Profilo 16 01 L architettura

Dettagli

Questo meraviglioso mondo chiamato. Ecommerce

Questo meraviglioso mondo chiamato. Ecommerce Questo meraviglioso mondo chiamato Ecommerce LO SCENARIO La clientela esiste? SHOPPING ONLINE: diamo i numeri - la crescita degli acquisti online in Italia Crescita acquisti online in Italia: anno 2011

Dettagli

realtà virtuale REALTÀ VIRTUALE - APPROFONDIMENTO (http://www.treccani.it/)

realtà virtuale REALTÀ VIRTUALE - APPROFONDIMENTO (http://www.treccani.it/) 1 di 5 18/12/2015 13.25 (http://www.treccani.it/) realtà virtuale Enciclopedie on line realtà virtuale Simulazione all'elaboratore di una situazione reale con la quale il soggetto umano può interagire,

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI L asilo nido IL GIARDINO SEGRETO si presenta L asilo nido aziendale

Dettagli