Indice. Introduzione 9. Gli amici del Marketing dei 5 Sensi Detto da loro - Antonella Clerici Cos è il marketing 23

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Introduzione 9. Gli amici del Marketing dei 5 Sensi Detto da loro - Antonella Clerici 21. 1. Cos è il marketing 23"

Transcript

1 Indice Introduzione 9 Gli amici del Marketing dei 5 Sensi Detto da loro - Antonella Clerici Cos è il marketing 23 Il marketing: questo sconosciuto - La nascita - Evoluzione storica - Primo periodo (dal 1940 al 1960) - Secondo periodo (dal 1960 al 1975) - Terzo periodo (dal 1975 al 1985) - Quarto periodo (dal 1985 al 2005) - L era del marketing dei sensi (dal 2005 in poi) - Ma allora che cos è? - In sintesi - Provateci 2. Il polisensualismo 33 I cinque sensi del marketing - Polisensorialità del consumatore - Comunicazione polisensoriale - Marketing sensoriale Il consumatore compra con il cuore - In sintesi - Provateci 3. L analisi dei sensi 47 Apprendimento e memoria: il cervello a sostegno dei sensi - Le emozioni tracciano i ricordi - Cinque sensi per comunicare, vendere e comprare - La percezione e i fattori che la influenzano - Le sensazioni - Le emozioni - Sentimenti ed emozioni - Le emozioni durante il consumo - Esperienze cognitive ed esperienze emotive - In sintesi - Provateci 5

2 Marketing Sensoriale 4. Il marketing si vede 63 La potenza della vista - Inquinamento visivo - Il format visivo - La brand image - Il marchio - La pubblicità visiva - La site identity - La visibility - La confezione e l etichetta -L esposizione del prodotto - Il layout del punto vendita - Il contest In sintesi - Provateci 5. Il marketing si tocca 81 Toccare con mano - Il packaging - L invito alla prova - L espositore - L emozione del contatto - Il materiale comunica - Fattori tattili di successo - In sintesi - Provateci 6. Il marketing si sente 93 La musica che vende - Il jingle - Spot song e hit song - Music in store - La brand radio - Il suono del prodotto - Il passaparola - In sintesi - Provateci 7. Il marketing si respira 107 Il profumo che vende - Il marketing olfattivo - Siamo tutti nasi - La comunicazione olfattiva - Ricordare gli odori - L essenza del brand - La profumazione in store - Il clima positivo - Un caso di successo - In sintesi - Provateci 8. Il marketing si gusta 123 Il sapore che vende - Il quinto gusto dell umami - L analisi sensoriale - La PNL e l analisi sensoriale - Lo stato ottimale per assaggiare - La degustazione - Degustazione tecnica e degustazione edonistica - Di fronte a un bicchiere di vino e a un piatto di cibo - Ricette segrete - Marchi di garanzia - In sintesi - Provateci 9. Il senso dei sensi 147 Il sesto senso - Che cos è il sesto senso - Come svilupparlo Un arma per fare scelte vincenti - In sintesi - Provateci 10. La sinestesia 155 Che cosa è la sinestesia - Lo studio del fenomeno - La vista rende ciechi - Chi sono i sinesteti - I sinesteti famosi - La sinestesia per comunicare in modo polisensoriale - Un fenomeno piuttosto raro - In sintesi - Provateci 6

3 Indice 11. Il retailtainment 171 Il punto vendita fa spettacolo - L evoluzione dello shopping L importanza del fattore intrattenimento - Entrando nel singolo negozio - Strumenti di misurazione del traffico in store La maggior parte dei consumatori decide sul punto vendita Il category management - In sintesi - Provateci 12. Il senso del marketing 185 L impresa etica - I principi dell impresa etica - Il marketing mix dell impresa etica - Il codice etico e il bilancio sociale - Il codice etico - Il bilancio sociale - Il bilancio ambientale - Il marketing sociale In sintesi - Provateci 13. Il futuro del marketing 197 Il marketing sostenibile - Politiche di sviluppo sostenibile - Un mercato grande come il mondo - Il futuro del marketing Il marketing sensoriale è sostenibile - In sintesi - Provateci 14. Glossario del marketing dei sensi Per saperne di più 227 7

4 2. Il polisensualismo I cinque sensi del marketing Il viaggio nel marketing sensoriale è ormai iniziato. Come alcuni di voi sanno, l analisi sensoriale è lo strumento che usiamo abitualmente per fare le nostre scelte, dal piatto preferito alle scarpe da indossare, dall automobile agli amici. Siamo dotati dei sensi e attraverso questi canali percepiamo ciò che ci circonda. Un immagine, un suono, un profumo, una sensazione tattile, un sapore bastano ad attivare il nostro naturale processo di analisi. Ad ogni stimolo, gli organi sensoriali di cui siamo dotati trasmettono informazioni al nostro cervello, che fornisce rapidamente la risposta dello stimolo stesso, da questa elaborazione mentale derivano una serie di conseguenze. Ad esempio immaginiamo di respirare un odore nauseabondo. Immediatamente il nostro cervello cercherà di riconoscere l origine di quell odore, associandolo a circostanze già vissute. Nella nostra mente si visualizzeranno le immagini corrispondenti allo stimolo ricevuto, la risposta emotiva potrà essere allora di fastidio e di disgusto. Pensiamo adesso di udire lo stridio dei pneumatici sull asfalto. Subito il nostro corpo si allerterà, ci bloccheremo, la nostra schiena si inarcherà in avanti, il capo si chinerà verso il basso. Poco dopo cercheremo con lo sguardo l origine di quel rumore, avvertito e codificato RISPOSTA ANALISI RISPOSTA Figura 2.1 Processo di analisi sensoriale 33

5 Marketing Sensoriale come pericolo imminente. Come vedete il processo è automatico e naturale, ma può essere indotto con metodo e concentrazione per raggiungere determinati scopi. L analisi sensoriale è uno strumento che viene usato professionalmente in moltissimi settori, dalla cosmesi alla produzione alimentare, dall advertising al cinema, dalla moda al design, dall enogastronomia alla musica. Nel capitolo 3 parleremo specificatamente di questo argomento, osservando il meccanismo e spiegandone le tecniche. Polisensorialità del consumatore Come abbiamo evidenziato nella figura 1.5, nel periodo del marketing sensoriale, le aziende concentrano la loro attenzione sulle emozioni del consumatore: cosa provano le persone quando incontrano il prodotto? Cosa provano quando lo scelgono? Cosa provano quando lo usano? Le moderne strategie aziendali seguono queste risposte, sulla via di un cambiamento dei consumi iniziato negli anni ottanta. L ottica del fare acquisti per soddisfare determinati bisogni si è modificata nel fare acquisti per star bene e passare il proprio tempo. Si è passati dalla spesa allo shopping, per uscire, socializzare, divertirsi, informarsi. Le attività commerciali sono cambiate, assecondando il passaggio che si sta progressivamente realizzando: dalla vendita distributiva alla vendita creativa. I negozi si sono arricchiti di funzionalità, trasformandosi in spazi organizzati per stimolare ed intrattenere il pubblico. I centri commerciali sono diventati una meta per trascorrere piacevolmente il sabato o la domenica pomeriggio. Si è realizzata la cosiddetta smaterializzazione delle merci. Per comprendere meglio il concetto vi invitiamo a fare un piccolo esperimento. Provate a frugare tra le cose che non utilizzate più. An- VENDITA DISTRIBUTIVA VENDITA CREATIVA Figura 2.2 Cambiamento della massificazione di vendita 34

6 Il polisensualismo che se non avete una cantina, come quelle di una volta, sicuramente avrete un cassetto o una scatola in cui conservate le cose dimenticate. Bene, frugate alla ricerca di quel prodotto che avete tanto desiderato e che poi è passato di moda. Trovato? Nel fare la stessa cosa, ci sono spuntati tra le mani il mitico cubo magico, uno Swatch, che negli anni ottanta era introvabile, una borchia di El Charro. Prendete i vostri oggetti ed esaminateli, senza lasciare troppo spazio ai ricordi. Ora vi appaiono per quello che sono, senza il carico di valori e di emotività che la comunicazione aveva appositamente creato. Quando abbiamo scelto quei prodotti, nessuno di noi pensava di acquistare un cubo rotante, un orologio di plastica, una fibbia di metallo. Piuttosto eravamo proiettati nell immaginario che quegli oggetti rappresentavano, per questo eravamo disposti a pagarli molto più del loro valore reale. Oggi il mercato si muove su questa strada e i prodotti di successo sono caratterizzati da un immagine, che evoca determinati simboli e valori. Il consumatore compra il prodotto per arrivare a possedere questi elementi intangibili, tra cui rientrano le esperienze, le sensazioni, le emozioni. Si guarda sempre meno alla fisicità del prodotto, piuttosto si considera lo stesso in maniera polisensuale. Oggi il consumatore desidera interagire con tutto ciò che lo circonda. Stimolato dalle tecnologie e dalla comunicazione, l uomo si rapporta all universo come attore protagonista, che vuole scegliere, sperimentare, creare, capire. Sicuramente la diffusione di internet ha ESPERIENZA SENSAZIONI EMOZIONI PRODOTTO Figura 2.3 Smaterializzazione delle merci 35

7 Marketing Sensoriale contribuito a questa mentalità, che ci vede desiderosi di cliccare su tutto ciò che è stimolante. Le vacanze sono passate dal periodo di relax al divertimento programmato, in televisione spopolano le trasmissioni in cui sono protagoniste le persone comuni. L atteggiamento del consumatore è diventato multisensoriale. Inizialmente le aziende sono rimaste indifferenti a questi cambiamenti, ma oggi hanno compreso che le loro strategie devono essere costruite su questa nuova visione del consumatore, altrimenti si rischia il fallimento. Quando facciamo acquisti tutti noi continuiamo a cercare la convenienza e la qualità, ma abbiamo bisogno di stimoli nuovi. Sicuramente vi siete chiesti perché nei grandi magazzini la merce viene spostata in continuazione da alcuni posti. Fateci caso, ci sono delle zone in cui vengono messi prodotti sempre diversi, dei reparti variabili dove potete trovare i dolci oppure gli utensili, i vini o i cosmetici, le scarpe oppure gli articoli per l infanzia, i giocattoli o gli accessori per auto. Sarebbe certamente più comodo mettere le varie merci nei relativi reparti, ma questo movimento serve a creare nuovi stimoli. Comunicazione polisensoriale Il mercato si è adeguato in fretta a questa necessità di stimoli, basta pensare all affollamento di prodotti nei medesimi settori merceologici. Tante voci che gridano al consumatore: Comprami, comprami! Nell ultimo decennio sono circolate più informazioni che in tutta la storia dal Dopo Cristo ad oggi. Ogni giorno veniamo colpiti da migliaia di messaggi, che arrivano dalla televisione, dalla stampa, da internet, dall affissione, dalla radio, dalle confezioni dei prodotti, dalle insegne dei negozi, dai cartelloni, dai volantini, dalle lettere, dai video sparsi nella città, dagli adesivi attaccati nei posti più inaspettati, dai marchi stampati sulle t-shirt e sull oggettistica. Qualsiasi cosa ci parla. Negli ultimi trent anni la pubblicità televisiva è aumentata di quasi nove volte. L industria produce in eccesso, inventando modelli sempre nuovi e all avanguardia, in grado di mettere in ombra i precedenti. Spesso non si compiono delle vere innovazioni, ma si fa in modo comunque da rendere obsoleti determinati modelli. In questo scenario trovano 36

8 Il polisensualismo spazio nuove tecniche, dalla comunicazione polisensoriale al viral marketing, dal guerrilla marketing al bzz agent. La comunicazione tradizionale non è più sufficiente a stimolare il consumatore. Occorre coinvolgerlo attivamente e condurlo nella realtà del consumo. In pratica le aziende, oltre ai loro prodotti, devono vendere anche le occasioni di consumo. I messaggi invitano alla partecipazione. Le aziende organizzano club, community, contest, eventi e aggregazioni varie per raccogliere i loro membri. Internet è il luogo ideale per applicare le nuove tecniche di marketing e comunicazione perché offre una elevata interazione con investimenti molto contenuti. Il pubblico è invitato a partecipare a forum e a intervenire sui blog aziendali. In questo modo l azienda trasmette i propri messaggi e diffonde la propria immagine di marca. La comunicazione polisensoriale mira a emozionare il pubblico, stimolandone i sensi. Se prima era la vista, il canale principale verso il quale indirizzare le informazioni, ora si comunica anche coinvolgendo l udito, l olfatto, il tatto e il gusto. È un processo impegnativo ma molto più coinvolgente per il pubblico. Pensate di incontrare una persona sconosciuta sull autobus e immaginate ora il verificarsi delle seguenti situazioni: a) la persona indossa un abito giallo e vi guarda b la persona indossa un abito giallo, vi guarda, vi accarezza il viso c) la persona indossa un abito giallo, vi guarda, vi accarezza il viso e vi sussurra che siete speciali d) la persona indossa un abito giallo, vi guarda, vi accarezza il viso, vi sussurra che siete speciali, mentre respirate il suo profumo e) la persona indossa un abito giallo, vi guarda, vi accarezza il viso, vi sussurra che siete speciali. Mentre respirate il suo profumo, avvicina una fragola alla vostra bocca e ve la fa assaggiare. Questa situazione immaginaria si sviluppa progressivamente in maniera polisensoriale. È evidente la differenza che c è tra l ipotesi a), in cui la comunicazione coinvolge solo la vista e l ipotesi e), in cui i cinque sensi vengono stimolati quasi contemporaneamente. Nel primo caso proba- 37

9 Marketing Sensoriale bilmente la persona verrà dimenticata non appena uscirà dal nostro campo visivo. Nella situazione e), invece, l esperienza vissuta rimarrà per molto tempo con noi e addirittura sarà raccontata alle persone care. Pensate che l impulso d acquisto deriva per il 70% dall emotività e dagli stimoli sensoriali. Questo semplice esercizio mentale serve a farci capire la forza della comunicazione polisensoriale, che può essere applicata in vari settori: dall advertising al design, dalla moda allo spettacolo, dalle promozioni alla comunicazione sul punto vendita. La comunicazione polisensoriale può trovarsi nella progettazione degli spazi e nel design degli oggetti comuni. Comunicare attraverso i sensi significa arrivare al cuore delle persone. Tanto per citare un esempio, qualche anno fa, Swatch, per la festa della mamma, decise di diffondere nei propri negozi profumo di rose. In un solo giorno le vendite aumentarono del 40%. Se in alcuni centri commerciali ci sentiamo particolarmente spendaccioni, potrebbe essere colpa della musica diffusa. Marketing sensoriale Profumi, luci, colori, suoni, musiche, immagini, forme per stimolare i sensi. Un approccio multiplo che si concentra sulle percezioni del consumatore. Mentre il marketing tradizionale si concentra principalmente sulle caratteristiche del prodotto, il marketing sensoriale si concentra sulla persona e sulle sue emozioni, perché le ricerche condotte nell ultimo decennio hanno evidenziato l influenza delle sensazioni soggettive sul processo d acquisto. Quindi il passaggio obbligato è stato: se le emozioni condizionano il comportamento di acquisto, è opportuno capire quali sono quelle favorevoli e come indurle. Intanto, come tutti voi sapete, le emozioni sono reazioni individuali di tipo mentale, comportamentale e fisico a determinati stimoli. Quindi provocando certi stimoli sensoriali nel consumatore al momento della sua decisione di acquisto è possibile indurre una reazione positiva: la vendita. Il marketing sensoriale si occupa proprio di questo, ossia di individuare e poi trasmettere al cliente gli stimoli sensoriali più adatti per innamorarsi del prodotto. Attraverso specifiche tecniche di vendita e di comunicazione vengono sollecitati 38

10 Il polisensualismo EMOZIONE STIMOLO RICORDO REAZIONE Figura 2.4 Meccanismo di risposta agli stimoli tutti i sensi del consumatore, per indurlo a vivere emozioni positive che lo avvicinano alla marca, facendola preferire o addirittura rendendola irrinunciabile. Quando riceviamo uno stimolo, i sensi coinvolti trasmettono al cervello percezioni che elaborate determinano immediatamente emozioni. Le stesse inducono ricordi, in base alle esperienze vissute e a seconda di quest ultime avremo una determinata reazione. Ecco allora che se devo scegliere un ristorante dove mangiare preferirò quello in cui sento un profumo appetitoso, piuttosto che l odore di un prodotto igienizzante. Più avanti vedremo quali sono le emozioni positive e a quali ricordi vengono associate dal nostro cervello. Il consumatore compra con il cuore Ognuno di noi usa la testa per valutare e per scegliere ma la maggior parte degli acquisti sono frutto di decisioni emotive. Per comprendere meglio perché compriamo con il cuore, analizziamo il comportamento del consumatore, ossia l insieme di processi e azioni che portano all acquisto finale. Il comportamento del consumatore è caratterizzato da tre fasi: pre-acquisto, acquisto e post-acquisto. 39

11 Marketing Sensoriale PRE-ACQUISTO ACQUISTO POST-ACQUISTO Figura 2.5 Fasi del comportamento di acquisto Pre-acquisto: è il momento che va dalla percezione del bisogno fino alla decisione di acquisto. In questa fase si determinano le aspettative che influenzeranno l acquisto e la soddisfazione finale. I consumatori non sono tutti uguali e ognuno è condizionato dal proprio vissuto e dalla propria personalità. Questa fase comporta un meccanismo naturale scomponibile in tre tappe: 1. percezione del bisogno 2. ricerca della motivazione 3. valutazione delle informazioni. Ricordatevi che anche ogni processo di vendita deve seguire questi tre stadi successivi. I bisogni dei consumatori spesso sono latenti, chi vende deve scovarli o indurli. La ricerca della motivazione è un fatto personale, che in alcuni individui non fa fatica a sopraggiungere, mentre in altri deve essere aiutato. Le motivazioni possono essere molteplici. Ora facciamo un esempio di come si svolge la fase di pre-acquisto, nel caso di un automobile. 1. Percezione del bisogno: la mia automobile si guasta di nuovo. L ennesimo disagio mi fa comprendere che è giunto il momento di cambiarla. 2. Ricerca della motivazione: non posso rischiare di rimanere per strada durante i miei viaggi di lavoro. E poi quella che avevo era piccola, adesso ho bisogno di più spazio. Mi presenterò meglio ai clienti e farò la figura di un venditore di successo. 3. Valutazione delle informazioni: ho sentito parlare bene della XXXX. Guarderò i consumi e gli altri dati tecnici sul sito della casa costruttrice e poi farò quattro chiacchiere con Giada, che la possiede già da qualche mese. Nel week-end andrò a provarla alla concessionaria. 40

12 Il polisensualismo Acquisto: inizia dalla decisione fino all acquisto finale. Anche questa fase può essere suddivisa in quattro stadi collegati: 1. Incontro: rappresenta il primo contatto con la struttura di vendita e gli elementi che influenzano sono dati dall aspetto esterno, la facilità d accesso, l aspetto interno. 2. Precontatto: coincide con l attesa prima del contatto di vendita. In questa fase conta l accoglienza, la presenza di materiale informativo, l ospitalità. 3. Contatto: è l incontro vero e proprio con chi vende. In questa fase si determina la vendita. 4. Congedo: è il momento dei saluti in cui è importante la rassicurazione del consumatore. Post-acquisto: è la fase successiva alla chiusura dell acquisto, in cui il consumatore elabora la sua scelta, valutando la sua soddisfazione. Teniamo presente che ogni acquisto è accompagnato da un certo smarrimento del consumatore, collegato ai rischi che possono conseguire dalla sua azione. Quali sono i rischi? In alcuni casi sono ben evidenti, ma anche quando si tratta di piccoli acquisti, il consumatore vive una fase di incertezza. I rischi si possono classificare in varie tipologie: a) di risultato, sono quelli legati alla soddisfazione dei risultati b) psicologici, legati allo stato psicologico che l acquisto determina c) sociali, sono i rischi collegati all aspetto collettivo d) di tempo, connessi alla paura di aver perso tempo. Il post-acquisto è quindi determinante per la soddisfazione del consumatore. In questa fase, sono fondamentali le conferme, le rassicurazioni e le informazioni aggiuntive sulla validità dell acquisto. Dopo aver visto quali sono le fasi che caratterizzano il processo d acquisto, dobbiamo tenere presente che esse variano molto da persona a persona e secondo il tipo di scelta che deve fare. Vediamo ora la classificazione del comportamento di acquisto proposta da Assael nella figura che segue. 41

13 Marketing Sensoriale Alta sensibilità alle differenze tra le marche COMPORTAMENTO VOLTO ALLA RICERCA DELLA VARIETÀ COMPORTAMENTO COMPLESSO Bassa sensibilità alle differenze tra le marche COMPORTAMENTO ABITUALE COMPORTAMENTO VOLTO ALLA RIDUZIONE DELLA DISSONANZA Figura 2.6 Classificazione di Assael del comportamento di acquisto Comportamento d acquisto complesso: il coinvolgimento del consumatore è elevato, ma il consumatore è sensibile alle differenze tra le marche. Quindi il processo d acquisto si conclude rapidamente, basandosi su criteri di convenienza, di tempo e di accessibilità. Comportamento d acquisto volto a ridurre la dissonanza: il consumatore è molto coinvolto nella scelta, ma non attribuisce particolare rilevanza alle differenze di marca. Questa situazione è tipica dei prodotti costosi, che vengono comprati occasionalmente. Il consumatore è molto attento e impegnato a raccogliere informazioni sull adeguatezza dell acquisto. Comportamento d acquisto abituale: il coinvolgimento del consumatore e la sensibilità alle differenze di marca sono bassi. Non c è una normale fase di ricerca di informazioni e la scelta si compie in base alla notorietà del marchio. Comportamento d acquisto volto alla ricerca della varietà: il coinvolgimento nell acquisto è limitato, ma il consumatore attribuisce differenze significative alle marche ed è sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo. 42 Basso coinvolgimento Alto coinvolgimento

14 Il polisensualismo percezione del problema ricerca di informazioni (fonti interne ed esterne) valutazione delle alternative decisione d acquisto comportamento del dopo-acquisto Figura 2.7 I diversi stadi del comportamento di acquisto Concludiamo quest analisi del comportamento di acquisto guardando ai cinque stadi in cui può suddividersi il processo di acquisto. 43

15 Marketing Sensoriale In sintesi A ogni stimolo, i sensi trasmettono informazioni al cervello, che fornisce rapidamente l analisi sensoriale dello stimolo stesso e di conseguenza una risposta. Le attività commerciali sono cambiate, assecondando il passaggio che si sta progressivamente realizzando: dalla vendita distributiva alla vendita creativa. Si è realizzata la cosiddetta smaterializzazione delle merci. Si guarda sempre meno alla fisicità del prodotto, piuttosto si considera lo stesso per quello che comunica nell insieme. La comunicazione tradizionale non è più sufficiente a stimolare il consumatore. La comunicazione polisensoriale mira a emozionare il pubblico, stimolandone i sensi. Se prima era la vista, il canale principale verso il quale indirizzare le informazioni, ora si comunica anche coinvolgendo l udito, l olfatto, il tatto e il gusto. Il marketing sensoriale si concentra sulla persona e sulle sue emozioni, perché le ricerche condotte nell ultimo decennio hanno evidenziato l influenza delle sensazioni soggettive sul processo d acquisto. Il comportamento del consumatore è caratterizzato da tre fasi: pre-acquisto, acquisto e post-acquisto. La classificazione di Assael del comportamento di acquisto prevede: il comportamento d acquisto complesso; il comportamento d acquisto volto a ridurre la dissonanza; il comportamento d acquisto abituale; il comportamento d acquisto volto alla ricerca della varietà. 44

16 Il polisensualismo Provateci Ora vi chiediamo di dare un peso ai sensi che sono stati coinvolti durante i vostri ultimi acquisti. Si tratta di tre prodotti diversi, che appartengono ad altrettanti mondi commerciali più o meno sensibili al marketing sensoriale. Pensate alle vostre esperienze e date un valore da 0 a 5 ai sensi coinvolti nell acquisto. Fate un segno sul voto corrispondente. Acquisto di un capo d abbigliamento: VISTA UDITO TATTO OLFATTO GUSTO Acquisto di un prodotto alimentare al banco gastronomico: VISTA UDITO TATTO OLFATTO GUSTO Acquisto di un prodotto hi-tech (computer, cellulare, video): VISTA UDITO TATTO OLFATTO GUSTO Acquisto di un gioiello/orologio: VISTA UDITO TATTO OLFATTO GUSTO

17 Marketing Sensoriale Ora confrontate il peso che avete dato ai vari sensi rispetto alle diverse situazioni e riflettete. Le differenze dipendono da come le aziende di certi settori comunicano, ma anche da come voi vi predisponete durante l acquisto. 46

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Il bosco delle sensazioni

Il bosco delle sensazioni Programmazione sezione prima SCUOLA DELL'INFANZIA "VILLA FLAMINIA" A.S. 2015 /2016 Il bosco delle sensazioni INSEGNANTI Maela Avvisati Oriana Riina Tina Iavarone Dimmi e io dimentico Mostrami e io ricordo

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 Alla scoperta dei cinque sensi: gustare con gli occhi, vedere con le mani,ascoltare gli odori. Un viaggio nel mondo della percezione Vedo il mondo, se tu mi parli

Dettagli

Scoprendo il mito musicale. Una ricerca sull impatto della musica negli spazi pubblici.

Scoprendo il mito musicale. Una ricerca sull impatto della musica negli spazi pubblici. Scoprendo il mito musicale. Una ricerca sull impatto della musica negli spazi pubblici... Come il design interno è parte dell esperienza in un negozio, la musica è diventata un importante strumento competitivo

Dettagli

Il senso del Marketing Sensoriale. Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it)

Il senso del Marketing Sensoriale. Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Il senso del Marketing Sensoriale Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Psicologia dei processi cognitivi Fino agli anni 70 la psicologia si era interessata solo del comportamento dell uomo,

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe I Scuola Primaria CONOSCERE CON I SENSI. Esplorare l ambiente attraverso i sensi Senso formativo del percorso L argomento degli organi di senso viene trattato

Dettagli

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL DEFINIZIONE DI PNL Programmazione: Neuro: L abilità di scoprire e utilizzare i programmi che facciamo funzionare (la comunicazione con noi e con gli altri) nel nostro sistema neurologico per ottenere obiettivi

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 ... SUONO... LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA OSTI

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 ... SUONO... LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA OSTI Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 Dal progetto ESPRESSIONE, MOVIMENTO, SUONO... SUONO... UN GUAIO PER GLI UCCELLINI LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA

Dettagli

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09

Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Comportamento di acquisto e consumo a.a. 2008/09 Dott. Mario Liguori 1 Definizioni Comportamento di acquisto = l insieme delle

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA

EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA Presentazione della sezione: Diego 02/2009 Luca 01/2009 Jacopo 03/2009 Maria Beatrice 12/2009 Raul 12/2009 Virginia 06/2009

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

CENTRO DIURNO ESTIVO 2012. A cura di

CENTRO DIURNO ESTIVO 2012. A cura di Comune di Gudo Visconti (Provincia di Milano) CENTRO DIURNO ESTIVO 2012 Scuola dell Infanzia, Primaria e Primo anno della Scuola Secondaria di Primo Grado IL SESTO SENSO A cura di Associazione culturale

Dettagli

La qualità. Di Stefano Azzini

La qualità. Di Stefano Azzini . La qualità Di Stefano Azzini Nel settore turisticoalberghiero e nella ristorazione, la parola qualità è molto di moda. E' vero che la maggior parte delle aziende che hanno superato la crisi sono quelle

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE La promozione di un ristorante La promozione interna Si tratta delle strategie di vendita rivolte al cliente che è già «entrato» nel locale: Elaborazione di nuove proposte

Dettagli

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Gruppo di Foggia Clinica, Formazione, Cultura psicoanalitica Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Ascoltarsi è un arte dimenticata, che tutti siamo in grado di ricordare. Il corpo ci parla attraverso

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Cosa farò da grande?

Cosa farò da grande? Scuola dell Infanzia Paritaria Maestre Pie Rimini Progetto educativo Cosa farò da grande? Anno Scolastico 2009/2010 Quest anno abbiamo voluto coinvolgere i bambini e le famiglie in una programmazione incentrata

Dettagli

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 AGENDA La comunicazione Le barriere e i rimedi OBIETTIVO DEL CORSO UNA PERSONA PIU EFFICACE NEL LAVORO E NELLA VITA PERCHE CONTROLLA MEGLIO LA PROPRIA COMUNICAZIONE

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15

PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE a.s. 2014-15 Esplorare..dire, fare, abbracciare.. Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2014-2015 proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato Esplorare dire, fare,

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI L asilo nido IL GIARDINO SEGRETO si presenta L asilo nido aziendale

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGRAMMA RADIOFONICO

SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGRAMMA RADIOFONICO SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGRAMMA RADIOFONICO DATI FORMAT E GENERE 0 : TITOLO E CLAIM 1 : DURATA DEL PROGETTO 2 : DURATA DELLA PUNTATA 3 : PUBBLICO E FASCIA ORARIA 4 : A CURA DI 5 : CONDUTTORE 6 : PARTE

Dettagli

Registro 7 PERSONAL BRANDING. Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO

Registro 7 PERSONAL BRANDING. Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO Registro 7 PERSONAL BRANDING Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO INDEX 3 5 9 13 16 Introduzione Che cos è il Personal Branding Una strategia di Personal Branding efficace Comunicazione

Dettagli

Corso di Marketing per le piccole imprese

Corso di Marketing per le piccole imprese Corso di Marketing per le piccole imprese Terralba Serale 17 Settembre 13 Ottobre Il marketing è indispensabile anche alla tua impresa Grazie al corso scoprirai cosa è il marketing e come applicarlo, da

Dettagli

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA

niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA niamoci attraverso Arte Lingue Musica METODOLOGIA ARTE LINGUE MUSICA giocare con l arte arte e natura ART artemania - parole che dicono, parole che raccontano - storie per scoprire - musica in gioco e

Dettagli

Online shopping. & Conversion. Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic. tradedoubler.com

Online shopping. & Conversion. Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic. tradedoubler.com Online shopping & Conversion Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic I consumatori europei in cerca di ispirazione sui brand o sui prodotti da acquistare si rivolgono prima di tutto

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori La Scuola Primaria PAOLO NEGLIA di Vanzago, nell ambito delle manifestazioni organizzate per la Festa di fine anno scolastico, ha promosso la seguente iniziativa frutto della collaborazione fra Volontari

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PNL. Cenni introduttivi alla Programmazione Neurolinguistica e al Rapport

INTRODUZIONE ALLA PNL. Cenni introduttivi alla Programmazione Neurolinguistica e al Rapport INTRODUZIONE ALLA PNL Cenni introduttivi alla Programmazione Neurolinguistica e al Rapport Introduzione alla PNL Primo Modulo CONTENUTI Introduzione alla PNL Il Rapport Matching & Mismatching Rispecchiamento

Dettagli

Proposta di modulo didattico rivolto alle scuole elementari per lo svolgimento dei seguenti temi:

Proposta di modulo didattico rivolto alle scuole elementari per lo svolgimento dei seguenti temi: Scheda di progetto Denominazione progetto: Un sogno ad occhi aperti nella foresta dei suoni Proposta di modulo didattico rivolto alle scuole elementari per lo svolgimento dei seguenti temi: 1. IO E ME

Dettagli

Corso di Marketing per le piccole imprese

Corso di Marketing per le piccole imprese in collaborazione con il Centro Commerciale Naturale di Ales organizza il Corso di Marketing per le piccole imprese Ales 6 Novembre 3 Dicembre Il marketing è indispensabile anche alla tua impresa Grazie

Dettagli

LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI

LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI LABORATORIO: GRUPPO COCCODRILLI ETÀ 3 ANNI tot. Bambini 25 M 14 F 11 TEMPO: gennaio-maggio 2013 SPAZIO: aula delfini INSEGNANTI: Chiara-Maria Teresa La consapevolezza che il bambino di tre anni percepisce

Dettagli

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ 1977 2012 35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ DIFFERENZIARSI PER SOPRAVVIVERE ALLA COMPETIZIONE E AVERE SUCCESSO Come un azienda può ritagliarsi un immagine che la distingua in un mercato sovraffollato. CHE

Dettagli

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO Guida del partecipante Vietata ogni riproduzione Olympos Group srl. Via XXV aprile, 40-24030 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309 - Fax 1786054267 - customer.service@olympos.it

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

realtà virtuale REALTÀ VIRTUALE - APPROFONDIMENTO (http://www.treccani.it/)

realtà virtuale REALTÀ VIRTUALE - APPROFONDIMENTO (http://www.treccani.it/) 1 di 5 18/12/2015 13.25 (http://www.treccani.it/) realtà virtuale Enciclopedie on line realtà virtuale Simulazione all'elaboratore di una situazione reale con la quale il soggetto umano può interagire,

Dettagli

Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine

Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine Perché il margine e non solo il fatturato Viviamo grazie al margine! Se vogliamo puntare

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014

CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014 CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014 RICERCA-AZIONE Insegnare per competenze: Lo sviluppo dei processi cognitivi Scuola Elementare Fiorentino DESCRIZIONE DELL ESPERIENZA Docente: Rosa

Dettagli

Con Lola è più facile

Con Lola è più facile Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi A.S. 2008/2009 Scuola dell infanzia Albertario Scuola dell Infanzia Peter Pan Scuola Primaria Collodi Con Lola è più facile Esperienza di continuità tra scuola dell

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

develon web d.social il potere della conversazione develon.com

develon web d.social il potere della conversazione develon.com develon web d.social il potere della conversazione develon.com Facebook, Twitter, Flickr, YouTube, forum tematici, blog, community... Qualcuno dice che il Web 2.0 ha cambiato il mondo. Qualcun altro, meno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI

INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI L ingresso nella Scuola dell Infanzia è un momento di crescita per i bambini, ma anche un momento delicato, talvolta difficile, per le implicazioni emotive

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

Corso di Marketing per piccole imprese 48^ edizione. 21 gennaio 16 febbraio 2010 martedì e giovedì

Corso di Marketing per piccole imprese 48^ edizione. 21 gennaio 16 febbraio 2010 martedì e giovedì Corso di Marketing per piccole imprese 48^ edizione 21 gennaio 16 febbraio 2010 martedì e giovedì Il Marketing e la Comunicazione sono strumenti indispensabili anche alla tua attività Grazie al corso scoprirai

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace

Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace La comunicazione carismatica CARISMATICI SI NASCE O SI DIVENTA? Cos è il Carisma? IMPRESSIONE SPECIFICA E PERSONALE CHE LASCIAMO ALLE PERSONE CHE

Dettagli

L orientamento ovvero una migliore percezione delle informazioni per migliori decisioni

L orientamento ovvero una migliore percezione delle informazioni per migliori decisioni L orientamento ovvero una migliore percezione delle informazioni per migliori decisioni I buoni giocatori si contraddistinguono per la capacità di agire rapidamente ed efficacemente nelle varie situazioni

Dettagli

IL GUSTO QUARTA UNITA. 1 parte

IL GUSTO QUARTA UNITA. 1 parte QUARTA UNITA IL GUSTO 1 parte Spesso il senso del GUSTO viene poco sviluppato a scuola, scarse sono infatti le proposte reperibili in riferimento ad attività che coinvolgano attivamente gli alunni. Diventa

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

Vediamo ora come funziona il nostro seminario in rete:

Vediamo ora come funziona il nostro seminario in rete: Cari colleghi, questo breve documento vi illustra le funzioni principali per un immediato e semplice utilizzo del programma WebEx che utilizzeremo per le nostre video conferenze. Prima di cominciare permettetemi

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Chiaro! FAI LA TUA PARTE! Scheda 6a

Chiaro! FAI LA TUA PARTE! Scheda 6a 6a Obiettivi: Esercitare soprattutto l abilità del parlato, in particolare la competenza discorsiva; organizzare e sviluppare un progetto in team, imparando a reagire con una certa flessibilità a situazioni

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Al riciclaggio percorso di educazione ambientale

Al riciclaggio percorso di educazione ambientale Al riciclaggio percorso di educazione ambientale Scuola dell Infanzia S. Vito sezione V - scoiattoli a. s. 2014-2015 Il progetto Al Riciclaggio si è articolato in 4 fasi: 1. Introduzione della tematica

Dettagli

PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO : ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI

PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO : ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO : ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI PERCORRE TUTTO L ANNO SCOLASTICO. LE ATTIVITA E LE ESPERIENZE, ACCOMPAGNANO I BAMBINI ALLA SCOPERTA DEI 5 SENSI,

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Storytelling cross-mediale. Alcune risposte, molte piu' domande. Presentazione a cura di Giovanni Spitale

Storytelling cross-mediale. Alcune risposte, molte piu' domande. Presentazione a cura di Giovanni Spitale Storytelling cross-mediale Alcune risposte, molte piu' domande Presentazione a cura di Giovanni Spitale 1. raccontare storie Perché raccontiamo storie? In quale modo le raccontiamo? Quanto tempo hanno

Dettagli

IL MARKETING DEL PERSONAL TRAINER

IL MARKETING DEL PERSONAL TRAINER IL MARKETING DEL PERSONAL TRAINER UN PO DI STORIA IL PERSONAL TRAINER E UNA FIGURA PROFESSIONALE CHE TRAE ORIGINE DA UN MAESTRO DI GINNASTICA DI NOME RUDOLF OBERDAN (DI NAZIONALITA SVIZZERA). L OBERDAN

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

AUSILI COMUNICATIVI CON USCITA IN VOCE VOCA

AUSILI COMUNICATIVI CON USCITA IN VOCE VOCA AUSILI COMUNICATIVI CON USCITA IN VOCE VOCA VOCA Voice Output Communication Aids Sono registratori digitali o microcomputer sui quali è possibile apporre un certo numero di simboli e far corrispondere

Dettagli

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Bergamo, 3 Ottobre 2008 Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Dott.ssa Laura Marchesi Da cosa nasce quest idea idea??? L idea nasce, in collaborazione con la Dott.ssa

Dettagli

Incrementa le performance dei tuoi apparecchi acustici. Gamma Accessori Wireless Phonak

Incrementa le performance dei tuoi apparecchi acustici. Gamma Accessori Wireless Phonak Incrementa le performance dei tuoi apparecchi acustici Gamma Accessori Wireless Phonak La moderna tecnologia degli apparecchi acustici rende piacevoli l ascolto e la comprensione nella maggior parte delle

Dettagli

Mini progetti Arrivederci! 1 UNITÀ 1

Mini progetti Arrivederci! 1 UNITÀ 1 UNITÀ 1 Parole italiane! A coppie o in piccoli gruppi scegliete 10 o più parole nuove dell unità 1. Create un glossario dove presentate le parole nuove con la traduzione nella vostra lingua. Presentate

Dettagli

Brief per il laboratorio

Brief per il laboratorio Brief per il laboratorio Il materiale allegato, campagne pubblicitarie per incentivare il turismo, realizzate da nazioni, regioni e una provincia, è stato selezionato per la sua qualità. Si tratta infatti

Dettagli

VISUAL COMMUNICATION. Le immagini generano. LA condivisione. E-book n 3 - Copyright Reserved

VISUAL COMMUNICATION. Le immagini generano. LA condivisione. E-book n 3 - Copyright Reserved VISUAL COMMUNICATION Le immagini generano LA condivisione Indice «L occhio vede ciò che la mente conosce.» Formati immagine e risoluzioni pagina 3-4 Visual Story Telling pagina 5-8 Tim Berners-Lee Gioca

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli

Autismo, cosa voglio dirti? Siamo Diversi!

Autismo, cosa voglio dirti? Siamo Diversi! Autismo, cosa voglio dirti? Siamo Diversi! Le mie stereotipie sono un espressione fisica dei miei stati emotivi Non castrarle sempre cerca prima di comprenderle. Magari sto solo cercando di dirti che sono

Dettagli

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 5 sessione: 28/4/2009

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 5 sessione: 28/4/2009 Economia & Management Marketing avanzato Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09 Prof. Michela Addis 5 sessione: 28/4/2009 1 Perche investire sull esperienza di consumo? Perche

Dettagli

AREA COMUNICAZIONE. 1. La Comunicazione Efficace 2. Comunicare in Rete 3. Parlare in Pubblico 4. Presentazioni Efficaci

AREA COMUNICAZIONE. 1. La Comunicazione Efficace 2. Comunicare in Rete 3. Parlare in Pubblico 4. Presentazioni Efficaci AREA COMUNICAZIONE 1. La Comunicazione Efficace 2. Comunicare in Rete 3. Parlare in Pubblico 4. Presentazioni Efficaci LA COMUNICAZIONE EFFICACE Significato e Finalità Conoscere il funzionamento del processo

Dettagli

Downlovers.it: registriamoci e scarichiamo il nostro primo brano.

Downlovers.it: registriamoci e scarichiamo il nostro primo brano. Downlovers.it: registriamoci e scarichiamo il nostro primo brano. Tutorial realizzato da Domenico A. Di Renzo il 12 dicembre 2008 (versione 1.0) Il documento originale si trova su: www.musicapuntoamici.com

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

Introduzione al Retail

Introduzione al Retail Introduzione al Retail Lezione 14.03.13 Pio Zito MARKETING RELAZIONALE FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI Il Retail etailè un sistema di vendita evoluto composto da una rete di punti caratterizzati da: SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere Nina Cinque Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere TITOLO: FESTA DI COMPLEANNO PER BAMBINI: Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana!

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Radio Personalizzata Network by NRG Everywhere Radio www.radiopersonalizzata.it 1

Radio Personalizzata Network by NRG Everywhere Radio www.radiopersonalizzata.it 1 Radio Personalizzata La Radio in 3D La senti. La vedi. La vivi. Radio Personalizzata Network by NRG Everywhere Radio www.radiopersonalizzata.it 1 RADIO PERSONALIZZATA Radio Personalizzata è il più autorevole

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli