Indice. Introduzione 9. Gli amici del Marketing dei 5 Sensi Detto da loro - Antonella Clerici Cos è il marketing 23

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Introduzione 9. Gli amici del Marketing dei 5 Sensi Detto da loro - Antonella Clerici 21. 1. Cos è il marketing 23"

Transcript

1 Indice Introduzione 9 Gli amici del Marketing dei 5 Sensi Detto da loro - Antonella Clerici Cos è il marketing 23 Il marketing: questo sconosciuto - La nascita - Evoluzione storica - Primo periodo (dal 1940 al 1960) - Secondo periodo (dal 1960 al 1975) - Terzo periodo (dal 1975 al 1985) - Quarto periodo (dal 1985 al 2005) - L era del marketing dei sensi (dal 2005 in poi) - Ma allora che cos è? - In sintesi - Provateci 2. Il polisensualismo 33 I cinque sensi del marketing - Polisensorialità del consumatore - Comunicazione polisensoriale - Marketing sensoriale Il consumatore compra con il cuore - In sintesi - Provateci 3. L analisi dei sensi 47 Apprendimento e memoria: il cervello a sostegno dei sensi - Le emozioni tracciano i ricordi - Cinque sensi per comunicare, vendere e comprare - La percezione e i fattori che la influenzano - Le sensazioni - Le emozioni - Sentimenti ed emozioni - Le emozioni durante il consumo - Esperienze cognitive ed esperienze emotive - In sintesi - Provateci 5

2 Marketing Sensoriale 4. Il marketing si vede 63 La potenza della vista - Inquinamento visivo - Il format visivo - La brand image - Il marchio - La pubblicità visiva - La site identity - La visibility - La confezione e l etichetta -L esposizione del prodotto - Il layout del punto vendita - Il contest In sintesi - Provateci 5. Il marketing si tocca 81 Toccare con mano - Il packaging - L invito alla prova - L espositore - L emozione del contatto - Il materiale comunica - Fattori tattili di successo - In sintesi - Provateci 6. Il marketing si sente 93 La musica che vende - Il jingle - Spot song e hit song - Music in store - La brand radio - Il suono del prodotto - Il passaparola - In sintesi - Provateci 7. Il marketing si respira 107 Il profumo che vende - Il marketing olfattivo - Siamo tutti nasi - La comunicazione olfattiva - Ricordare gli odori - L essenza del brand - La profumazione in store - Il clima positivo - Un caso di successo - In sintesi - Provateci 8. Il marketing si gusta 123 Il sapore che vende - Il quinto gusto dell umami - L analisi sensoriale - La PNL e l analisi sensoriale - Lo stato ottimale per assaggiare - La degustazione - Degustazione tecnica e degustazione edonistica - Di fronte a un bicchiere di vino e a un piatto di cibo - Ricette segrete - Marchi di garanzia - In sintesi - Provateci 9. Il senso dei sensi 147 Il sesto senso - Che cos è il sesto senso - Come svilupparlo Un arma per fare scelte vincenti - In sintesi - Provateci 10. La sinestesia 155 Che cosa è la sinestesia - Lo studio del fenomeno - La vista rende ciechi - Chi sono i sinesteti - I sinesteti famosi - La sinestesia per comunicare in modo polisensoriale - Un fenomeno piuttosto raro - In sintesi - Provateci 6

3 Indice 11. Il retailtainment 171 Il punto vendita fa spettacolo - L evoluzione dello shopping L importanza del fattore intrattenimento - Entrando nel singolo negozio - Strumenti di misurazione del traffico in store La maggior parte dei consumatori decide sul punto vendita Il category management - In sintesi - Provateci 12. Il senso del marketing 185 L impresa etica - I principi dell impresa etica - Il marketing mix dell impresa etica - Il codice etico e il bilancio sociale - Il codice etico - Il bilancio sociale - Il bilancio ambientale - Il marketing sociale In sintesi - Provateci 13. Il futuro del marketing 197 Il marketing sostenibile - Politiche di sviluppo sostenibile - Un mercato grande come il mondo - Il futuro del marketing Il marketing sensoriale è sostenibile - In sintesi - Provateci 14. Glossario del marketing dei sensi Per saperne di più 227 7

4 2. Il polisensualismo I cinque sensi del marketing Il viaggio nel marketing sensoriale è ormai iniziato. Come alcuni di voi sanno, l analisi sensoriale è lo strumento che usiamo abitualmente per fare le nostre scelte, dal piatto preferito alle scarpe da indossare, dall automobile agli amici. Siamo dotati dei sensi e attraverso questi canali percepiamo ciò che ci circonda. Un immagine, un suono, un profumo, una sensazione tattile, un sapore bastano ad attivare il nostro naturale processo di analisi. Ad ogni stimolo, gli organi sensoriali di cui siamo dotati trasmettono informazioni al nostro cervello, che fornisce rapidamente la risposta dello stimolo stesso, da questa elaborazione mentale derivano una serie di conseguenze. Ad esempio immaginiamo di respirare un odore nauseabondo. Immediatamente il nostro cervello cercherà di riconoscere l origine di quell odore, associandolo a circostanze già vissute. Nella nostra mente si visualizzeranno le immagini corrispondenti allo stimolo ricevuto, la risposta emotiva potrà essere allora di fastidio e di disgusto. Pensiamo adesso di udire lo stridio dei pneumatici sull asfalto. Subito il nostro corpo si allerterà, ci bloccheremo, la nostra schiena si inarcherà in avanti, il capo si chinerà verso il basso. Poco dopo cercheremo con lo sguardo l origine di quel rumore, avvertito e codificato RISPOSTA ANALISI RISPOSTA Figura 2.1 Processo di analisi sensoriale 33

5 Marketing Sensoriale come pericolo imminente. Come vedete il processo è automatico e naturale, ma può essere indotto con metodo e concentrazione per raggiungere determinati scopi. L analisi sensoriale è uno strumento che viene usato professionalmente in moltissimi settori, dalla cosmesi alla produzione alimentare, dall advertising al cinema, dalla moda al design, dall enogastronomia alla musica. Nel capitolo 3 parleremo specificatamente di questo argomento, osservando il meccanismo e spiegandone le tecniche. Polisensorialità del consumatore Come abbiamo evidenziato nella figura 1.5, nel periodo del marketing sensoriale, le aziende concentrano la loro attenzione sulle emozioni del consumatore: cosa provano le persone quando incontrano il prodotto? Cosa provano quando lo scelgono? Cosa provano quando lo usano? Le moderne strategie aziendali seguono queste risposte, sulla via di un cambiamento dei consumi iniziato negli anni ottanta. L ottica del fare acquisti per soddisfare determinati bisogni si è modificata nel fare acquisti per star bene e passare il proprio tempo. Si è passati dalla spesa allo shopping, per uscire, socializzare, divertirsi, informarsi. Le attività commerciali sono cambiate, assecondando il passaggio che si sta progressivamente realizzando: dalla vendita distributiva alla vendita creativa. I negozi si sono arricchiti di funzionalità, trasformandosi in spazi organizzati per stimolare ed intrattenere il pubblico. I centri commerciali sono diventati una meta per trascorrere piacevolmente il sabato o la domenica pomeriggio. Si è realizzata la cosiddetta smaterializzazione delle merci. Per comprendere meglio il concetto vi invitiamo a fare un piccolo esperimento. Provate a frugare tra le cose che non utilizzate più. An- VENDITA DISTRIBUTIVA VENDITA CREATIVA Figura 2.2 Cambiamento della massificazione di vendita 34

6 Il polisensualismo che se non avete una cantina, come quelle di una volta, sicuramente avrete un cassetto o una scatola in cui conservate le cose dimenticate. Bene, frugate alla ricerca di quel prodotto che avete tanto desiderato e che poi è passato di moda. Trovato? Nel fare la stessa cosa, ci sono spuntati tra le mani il mitico cubo magico, uno Swatch, che negli anni ottanta era introvabile, una borchia di El Charro. Prendete i vostri oggetti ed esaminateli, senza lasciare troppo spazio ai ricordi. Ora vi appaiono per quello che sono, senza il carico di valori e di emotività che la comunicazione aveva appositamente creato. Quando abbiamo scelto quei prodotti, nessuno di noi pensava di acquistare un cubo rotante, un orologio di plastica, una fibbia di metallo. Piuttosto eravamo proiettati nell immaginario che quegli oggetti rappresentavano, per questo eravamo disposti a pagarli molto più del loro valore reale. Oggi il mercato si muove su questa strada e i prodotti di successo sono caratterizzati da un immagine, che evoca determinati simboli e valori. Il consumatore compra il prodotto per arrivare a possedere questi elementi intangibili, tra cui rientrano le esperienze, le sensazioni, le emozioni. Si guarda sempre meno alla fisicità del prodotto, piuttosto si considera lo stesso in maniera polisensuale. Oggi il consumatore desidera interagire con tutto ciò che lo circonda. Stimolato dalle tecnologie e dalla comunicazione, l uomo si rapporta all universo come attore protagonista, che vuole scegliere, sperimentare, creare, capire. Sicuramente la diffusione di internet ha ESPERIENZA SENSAZIONI EMOZIONI PRODOTTO Figura 2.3 Smaterializzazione delle merci 35

7 Marketing Sensoriale contribuito a questa mentalità, che ci vede desiderosi di cliccare su tutto ciò che è stimolante. Le vacanze sono passate dal periodo di relax al divertimento programmato, in televisione spopolano le trasmissioni in cui sono protagoniste le persone comuni. L atteggiamento del consumatore è diventato multisensoriale. Inizialmente le aziende sono rimaste indifferenti a questi cambiamenti, ma oggi hanno compreso che le loro strategie devono essere costruite su questa nuova visione del consumatore, altrimenti si rischia il fallimento. Quando facciamo acquisti tutti noi continuiamo a cercare la convenienza e la qualità, ma abbiamo bisogno di stimoli nuovi. Sicuramente vi siete chiesti perché nei grandi magazzini la merce viene spostata in continuazione da alcuni posti. Fateci caso, ci sono delle zone in cui vengono messi prodotti sempre diversi, dei reparti variabili dove potete trovare i dolci oppure gli utensili, i vini o i cosmetici, le scarpe oppure gli articoli per l infanzia, i giocattoli o gli accessori per auto. Sarebbe certamente più comodo mettere le varie merci nei relativi reparti, ma questo movimento serve a creare nuovi stimoli. Comunicazione polisensoriale Il mercato si è adeguato in fretta a questa necessità di stimoli, basta pensare all affollamento di prodotti nei medesimi settori merceologici. Tante voci che gridano al consumatore: Comprami, comprami! Nell ultimo decennio sono circolate più informazioni che in tutta la storia dal Dopo Cristo ad oggi. Ogni giorno veniamo colpiti da migliaia di messaggi, che arrivano dalla televisione, dalla stampa, da internet, dall affissione, dalla radio, dalle confezioni dei prodotti, dalle insegne dei negozi, dai cartelloni, dai volantini, dalle lettere, dai video sparsi nella città, dagli adesivi attaccati nei posti più inaspettati, dai marchi stampati sulle t-shirt e sull oggettistica. Qualsiasi cosa ci parla. Negli ultimi trent anni la pubblicità televisiva è aumentata di quasi nove volte. L industria produce in eccesso, inventando modelli sempre nuovi e all avanguardia, in grado di mettere in ombra i precedenti. Spesso non si compiono delle vere innovazioni, ma si fa in modo comunque da rendere obsoleti determinati modelli. In questo scenario trovano 36

8 Il polisensualismo spazio nuove tecniche, dalla comunicazione polisensoriale al viral marketing, dal guerrilla marketing al bzz agent. La comunicazione tradizionale non è più sufficiente a stimolare il consumatore. Occorre coinvolgerlo attivamente e condurlo nella realtà del consumo. In pratica le aziende, oltre ai loro prodotti, devono vendere anche le occasioni di consumo. I messaggi invitano alla partecipazione. Le aziende organizzano club, community, contest, eventi e aggregazioni varie per raccogliere i loro membri. Internet è il luogo ideale per applicare le nuove tecniche di marketing e comunicazione perché offre una elevata interazione con investimenti molto contenuti. Il pubblico è invitato a partecipare a forum e a intervenire sui blog aziendali. In questo modo l azienda trasmette i propri messaggi e diffonde la propria immagine di marca. La comunicazione polisensoriale mira a emozionare il pubblico, stimolandone i sensi. Se prima era la vista, il canale principale verso il quale indirizzare le informazioni, ora si comunica anche coinvolgendo l udito, l olfatto, il tatto e il gusto. È un processo impegnativo ma molto più coinvolgente per il pubblico. Pensate di incontrare una persona sconosciuta sull autobus e immaginate ora il verificarsi delle seguenti situazioni: a) la persona indossa un abito giallo e vi guarda b la persona indossa un abito giallo, vi guarda, vi accarezza il viso c) la persona indossa un abito giallo, vi guarda, vi accarezza il viso e vi sussurra che siete speciali d) la persona indossa un abito giallo, vi guarda, vi accarezza il viso, vi sussurra che siete speciali, mentre respirate il suo profumo e) la persona indossa un abito giallo, vi guarda, vi accarezza il viso, vi sussurra che siete speciali. Mentre respirate il suo profumo, avvicina una fragola alla vostra bocca e ve la fa assaggiare. Questa situazione immaginaria si sviluppa progressivamente in maniera polisensoriale. È evidente la differenza che c è tra l ipotesi a), in cui la comunicazione coinvolge solo la vista e l ipotesi e), in cui i cinque sensi vengono stimolati quasi contemporaneamente. Nel primo caso proba- 37

9 Marketing Sensoriale bilmente la persona verrà dimenticata non appena uscirà dal nostro campo visivo. Nella situazione e), invece, l esperienza vissuta rimarrà per molto tempo con noi e addirittura sarà raccontata alle persone care. Pensate che l impulso d acquisto deriva per il 70% dall emotività e dagli stimoli sensoriali. Questo semplice esercizio mentale serve a farci capire la forza della comunicazione polisensoriale, che può essere applicata in vari settori: dall advertising al design, dalla moda allo spettacolo, dalle promozioni alla comunicazione sul punto vendita. La comunicazione polisensoriale può trovarsi nella progettazione degli spazi e nel design degli oggetti comuni. Comunicare attraverso i sensi significa arrivare al cuore delle persone. Tanto per citare un esempio, qualche anno fa, Swatch, per la festa della mamma, decise di diffondere nei propri negozi profumo di rose. In un solo giorno le vendite aumentarono del 40%. Se in alcuni centri commerciali ci sentiamo particolarmente spendaccioni, potrebbe essere colpa della musica diffusa. Marketing sensoriale Profumi, luci, colori, suoni, musiche, immagini, forme per stimolare i sensi. Un approccio multiplo che si concentra sulle percezioni del consumatore. Mentre il marketing tradizionale si concentra principalmente sulle caratteristiche del prodotto, il marketing sensoriale si concentra sulla persona e sulle sue emozioni, perché le ricerche condotte nell ultimo decennio hanno evidenziato l influenza delle sensazioni soggettive sul processo d acquisto. Quindi il passaggio obbligato è stato: se le emozioni condizionano il comportamento di acquisto, è opportuno capire quali sono quelle favorevoli e come indurle. Intanto, come tutti voi sapete, le emozioni sono reazioni individuali di tipo mentale, comportamentale e fisico a determinati stimoli. Quindi provocando certi stimoli sensoriali nel consumatore al momento della sua decisione di acquisto è possibile indurre una reazione positiva: la vendita. Il marketing sensoriale si occupa proprio di questo, ossia di individuare e poi trasmettere al cliente gli stimoli sensoriali più adatti per innamorarsi del prodotto. Attraverso specifiche tecniche di vendita e di comunicazione vengono sollecitati 38

10 Il polisensualismo EMOZIONE STIMOLO RICORDO REAZIONE Figura 2.4 Meccanismo di risposta agli stimoli tutti i sensi del consumatore, per indurlo a vivere emozioni positive che lo avvicinano alla marca, facendola preferire o addirittura rendendola irrinunciabile. Quando riceviamo uno stimolo, i sensi coinvolti trasmettono al cervello percezioni che elaborate determinano immediatamente emozioni. Le stesse inducono ricordi, in base alle esperienze vissute e a seconda di quest ultime avremo una determinata reazione. Ecco allora che se devo scegliere un ristorante dove mangiare preferirò quello in cui sento un profumo appetitoso, piuttosto che l odore di un prodotto igienizzante. Più avanti vedremo quali sono le emozioni positive e a quali ricordi vengono associate dal nostro cervello. Il consumatore compra con il cuore Ognuno di noi usa la testa per valutare e per scegliere ma la maggior parte degli acquisti sono frutto di decisioni emotive. Per comprendere meglio perché compriamo con il cuore, analizziamo il comportamento del consumatore, ossia l insieme di processi e azioni che portano all acquisto finale. Il comportamento del consumatore è caratterizzato da tre fasi: pre-acquisto, acquisto e post-acquisto. 39

11 Marketing Sensoriale PRE-ACQUISTO ACQUISTO POST-ACQUISTO Figura 2.5 Fasi del comportamento di acquisto Pre-acquisto: è il momento che va dalla percezione del bisogno fino alla decisione di acquisto. In questa fase si determinano le aspettative che influenzeranno l acquisto e la soddisfazione finale. I consumatori non sono tutti uguali e ognuno è condizionato dal proprio vissuto e dalla propria personalità. Questa fase comporta un meccanismo naturale scomponibile in tre tappe: 1. percezione del bisogno 2. ricerca della motivazione 3. valutazione delle informazioni. Ricordatevi che anche ogni processo di vendita deve seguire questi tre stadi successivi. I bisogni dei consumatori spesso sono latenti, chi vende deve scovarli o indurli. La ricerca della motivazione è un fatto personale, che in alcuni individui non fa fatica a sopraggiungere, mentre in altri deve essere aiutato. Le motivazioni possono essere molteplici. Ora facciamo un esempio di come si svolge la fase di pre-acquisto, nel caso di un automobile. 1. Percezione del bisogno: la mia automobile si guasta di nuovo. L ennesimo disagio mi fa comprendere che è giunto il momento di cambiarla. 2. Ricerca della motivazione: non posso rischiare di rimanere per strada durante i miei viaggi di lavoro. E poi quella che avevo era piccola, adesso ho bisogno di più spazio. Mi presenterò meglio ai clienti e farò la figura di un venditore di successo. 3. Valutazione delle informazioni: ho sentito parlare bene della XXXX. Guarderò i consumi e gli altri dati tecnici sul sito della casa costruttrice e poi farò quattro chiacchiere con Giada, che la possiede già da qualche mese. Nel week-end andrò a provarla alla concessionaria. 40

12 Il polisensualismo Acquisto: inizia dalla decisione fino all acquisto finale. Anche questa fase può essere suddivisa in quattro stadi collegati: 1. Incontro: rappresenta il primo contatto con la struttura di vendita e gli elementi che influenzano sono dati dall aspetto esterno, la facilità d accesso, l aspetto interno. 2. Precontatto: coincide con l attesa prima del contatto di vendita. In questa fase conta l accoglienza, la presenza di materiale informativo, l ospitalità. 3. Contatto: è l incontro vero e proprio con chi vende. In questa fase si determina la vendita. 4. Congedo: è il momento dei saluti in cui è importante la rassicurazione del consumatore. Post-acquisto: è la fase successiva alla chiusura dell acquisto, in cui il consumatore elabora la sua scelta, valutando la sua soddisfazione. Teniamo presente che ogni acquisto è accompagnato da un certo smarrimento del consumatore, collegato ai rischi che possono conseguire dalla sua azione. Quali sono i rischi? In alcuni casi sono ben evidenti, ma anche quando si tratta di piccoli acquisti, il consumatore vive una fase di incertezza. I rischi si possono classificare in varie tipologie: a) di risultato, sono quelli legati alla soddisfazione dei risultati b) psicologici, legati allo stato psicologico che l acquisto determina c) sociali, sono i rischi collegati all aspetto collettivo d) di tempo, connessi alla paura di aver perso tempo. Il post-acquisto è quindi determinante per la soddisfazione del consumatore. In questa fase, sono fondamentali le conferme, le rassicurazioni e le informazioni aggiuntive sulla validità dell acquisto. Dopo aver visto quali sono le fasi che caratterizzano il processo d acquisto, dobbiamo tenere presente che esse variano molto da persona a persona e secondo il tipo di scelta che deve fare. Vediamo ora la classificazione del comportamento di acquisto proposta da Assael nella figura che segue. 41

13 Marketing Sensoriale Alta sensibilità alle differenze tra le marche COMPORTAMENTO VOLTO ALLA RICERCA DELLA VARIETÀ COMPORTAMENTO COMPLESSO Bassa sensibilità alle differenze tra le marche COMPORTAMENTO ABITUALE COMPORTAMENTO VOLTO ALLA RIDUZIONE DELLA DISSONANZA Figura 2.6 Classificazione di Assael del comportamento di acquisto Comportamento d acquisto complesso: il coinvolgimento del consumatore è elevato, ma il consumatore è sensibile alle differenze tra le marche. Quindi il processo d acquisto si conclude rapidamente, basandosi su criteri di convenienza, di tempo e di accessibilità. Comportamento d acquisto volto a ridurre la dissonanza: il consumatore è molto coinvolto nella scelta, ma non attribuisce particolare rilevanza alle differenze di marca. Questa situazione è tipica dei prodotti costosi, che vengono comprati occasionalmente. Il consumatore è molto attento e impegnato a raccogliere informazioni sull adeguatezza dell acquisto. Comportamento d acquisto abituale: il coinvolgimento del consumatore e la sensibilità alle differenze di marca sono bassi. Non c è una normale fase di ricerca di informazioni e la scelta si compie in base alla notorietà del marchio. Comportamento d acquisto volto alla ricerca della varietà: il coinvolgimento nell acquisto è limitato, ma il consumatore attribuisce differenze significative alle marche ed è sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo. 42 Basso coinvolgimento Alto coinvolgimento

14 Il polisensualismo percezione del problema ricerca di informazioni (fonti interne ed esterne) valutazione delle alternative decisione d acquisto comportamento del dopo-acquisto Figura 2.7 I diversi stadi del comportamento di acquisto Concludiamo quest analisi del comportamento di acquisto guardando ai cinque stadi in cui può suddividersi il processo di acquisto. 43

15 Marketing Sensoriale In sintesi A ogni stimolo, i sensi trasmettono informazioni al cervello, che fornisce rapidamente l analisi sensoriale dello stimolo stesso e di conseguenza una risposta. Le attività commerciali sono cambiate, assecondando il passaggio che si sta progressivamente realizzando: dalla vendita distributiva alla vendita creativa. Si è realizzata la cosiddetta smaterializzazione delle merci. Si guarda sempre meno alla fisicità del prodotto, piuttosto si considera lo stesso per quello che comunica nell insieme. La comunicazione tradizionale non è più sufficiente a stimolare il consumatore. La comunicazione polisensoriale mira a emozionare il pubblico, stimolandone i sensi. Se prima era la vista, il canale principale verso il quale indirizzare le informazioni, ora si comunica anche coinvolgendo l udito, l olfatto, il tatto e il gusto. Il marketing sensoriale si concentra sulla persona e sulle sue emozioni, perché le ricerche condotte nell ultimo decennio hanno evidenziato l influenza delle sensazioni soggettive sul processo d acquisto. Il comportamento del consumatore è caratterizzato da tre fasi: pre-acquisto, acquisto e post-acquisto. La classificazione di Assael del comportamento di acquisto prevede: il comportamento d acquisto complesso; il comportamento d acquisto volto a ridurre la dissonanza; il comportamento d acquisto abituale; il comportamento d acquisto volto alla ricerca della varietà. 44

16 Il polisensualismo Provateci Ora vi chiediamo di dare un peso ai sensi che sono stati coinvolti durante i vostri ultimi acquisti. Si tratta di tre prodotti diversi, che appartengono ad altrettanti mondi commerciali più o meno sensibili al marketing sensoriale. Pensate alle vostre esperienze e date un valore da 0 a 5 ai sensi coinvolti nell acquisto. Fate un segno sul voto corrispondente. Acquisto di un capo d abbigliamento: VISTA UDITO TATTO OLFATTO GUSTO Acquisto di un prodotto alimentare al banco gastronomico: VISTA UDITO TATTO OLFATTO GUSTO Acquisto di un prodotto hi-tech (computer, cellulare, video): VISTA UDITO TATTO OLFATTO GUSTO Acquisto di un gioiello/orologio: VISTA UDITO TATTO OLFATTO GUSTO

17 Marketing Sensoriale Ora confrontate il peso che avete dato ai vari sensi rispetto alle diverse situazioni e riflettete. Le differenze dipendono da come le aziende di certi settori comunicano, ma anche da come voi vi predisponete durante l acquisto. 46

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI)

NIDO D'INFANZIA CARLO MARIA SPADA PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PRESENTAZIONE DELLA SEZIONE EDUCATRICI: SANGIORGI LINDA VENTURA MARIA ANGELA PASINI

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

SICUREZZA NELL EMERGENZA

SICUREZZA NELL EMERGENZA SICUREZZA NELL EMERGENZA Come le emozioni intralciano la ragione e influenzano la capacità di mettere in atto quanto appreso Dott.ssa Elena Padovan Centro congressi alla Stanga Padova, 14 ottobre 2011

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

*** IL WEEKEND IN UN CLICK ***

*** IL WEEKEND IN UN CLICK *** 1 di 5 20/05/2014 13.12 home Cultura Natura Cibo In breve l'archivio della rivista chi siamo contatti English News *** IL WEEKEND IN UN CLICK *** Profumi, sapori e scorci indimenticabili. E' l'idea che

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI Firenze, mercoledì 10 Maggio 2011 VERSIONE 1.2 DEL 10 Maggio2011 Pagina 2 di 8 In queste pagine

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA.

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. In che cosa consiste il nostro format? Il cono è l attore protagonista di tutte le formule Konopizza diventando un ottimo contenitore

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Ecco come farsi ascoltare dai clienti

Ecco come farsi ascoltare dai clienti Ecco come farsi ascoltare dai clienti L 80% dei clienti non guarda la pubblicità, il 70% rifiuta le chiamate di vendita, il 44% non apre le email: il cliente ha chiuso la porta. La soluzione al problema

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli