Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.defibrillatoriaed-2100.com"

Transcript

1 Solo Tre Step per Salvare una Vita CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE ALLA CAPILLARE DIFFUSIONE DEI DEFIBRILLATORI DAE PER IL PIÙ AMPIO ACCESSO PUBBLICO ALLA DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Tempo di lettura: 15 minuti

2 SOLO TRE STEP PER SALVARE UNA VITA LA NOSTRA INIZIATIVA È VOLTA A STIMOLARE E FAVORIRE LA DIFFUSIONE DEI DAE SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE, IN MODO CAPILLARE, SENSIBILIZZANDO AL TEMA QUANTE PIÙ PERSONE POSSIBILI. LO SPIRITO CHE CI FA MUOVERE IN QUESTA DIREZIONE NON NASCE ESCLUSIVAMENTE DALL ESIGENZA DI OTTENERE RISULTATI COMMERCIALI, MA DAL FATTO CHE SIAMO FERMAMENTE CONVINTI CHE IL TEMA DELLA DEFIBRILLAZIONE PRECOCE MERITI MOLTA PIÙ ATTENZIONE DA PARTE DI TUTTI, CONSIDERATO CHE NE È DIMOSTRATA E NE È RITENUTA INDUBBIA L EFFICACIA, QUINDI L UTILITÀ SOCIALE. VOGLIAMO AFFIANCARCI E SE POSSIBILE SUPPORTARE ATTIVAMENTE LE GIÀ NUMEROSE E LODEVOLI ATTIVITÀ DI DIVULGAZIONE E DIFFUSIONE DELLA RCP E DEI DAE OPERATE DA PARTE DI MOLTI COMUNI E DALLE NUMEROSE ASSOCIAZIONI A TUTELA DELLA SALUTE DEI CITTADINI. VOGLIAMO PROPORCI COME PUNTO DI RIFERIMENTO PRIMARIO OFFRENDO, TRAMITE LA NOSTRA RETE COMMERCIALE, CONSULENZA E SERVIZI ABBINATI A POLITICHE PREZZI DI SICURO INTERESSE. CONTRIBUISCI ALLA CATENA ELA SOPRAVVIVENZA PRIMO ANELLO. Riconoscere e valutare la situazione e attivare il 118. SECONDO ANELLO. Iniziare subito, sul posto, le manovre di Rianimazione Cardiopolmonare (RCP), per mantenere artificialmente la circolazione e la respirazione, favorendo così l'ossigenazione del cervello e del cuore. TERZO ANELLO. NELLA MAGGIOR PARTE DEI CASI LA SOLUZIONE DEL PROBLEMA PUÒ AVVENIRE SOLO CON UNA SCARICA ELETTRICA EROGATA NEL PIÙ BREVE TEMPO POSSIBILE TRAMITE IL DEFIBRILLATORE. Pag. 2

3 ASSISTERE A UNA SITUAZIONE D EMERGENZA NELLA QUALE UNA PERSONA PERDE CONOSCENZA A SEGUITO DI ARRESTO CARDIO-RESPIRATORIO È UN EVENTO RARO, MA NON ESCLUDIBILE. Un arresto cardiaco può colpire chiunque, ovunque, in qualsiasi momento. In Italia statisticamente ogni anno una persona su mille ne è colpita (oltre casi all anno). Se l arresto cardiaco non è prontamente trattato, nel giro di pochi minuti può evolvere in quella che è definita morte improvvisa. UN PASSANTE, UN COLLEGA, UN CLIENTE, UN FORNITORE.HAI MAI PENSATO A COSA POTRESTI FARE PER AUMENTARE LE SPERANZE DI SALVARE UNA PERSONA IN ATTESA DELL INTERVENTO DEL 118? Potresti fare tanto! (PIÙ DI QUANTO CREDI) SUPPORTARE ATTIVAMENTE UNA PERSONA COLPITA DA ARRESTO CARDIACO IN ATTESA DEL 118 È OGGI ALLA PORTATA DI TUTTI E GRAZIE ALL USO DEL DEFIBRILLATORE PUÒ RAPPRESENTARE LA SLIDING DOOR TRA IL VIVERE UN EVENTO CON CONSEGUENZE DRAMMATICHE O IL TIRARE UN SOSPIRO DI SOLLIEVO NEL SAPERE DI UNA VITA SALVATA. Essere in grado di riconoscere fin da subito l arresto cardio-circolatorio, chiamare immediatamente il 118, fare il massaggio cardiaco ed eventualmente la defibrillazione sono azioni che consentono di COMPRARE TEMPO per salvare una persona. Nella fase iniziale di un arresto cardiocircolatorio, il cuore può essere affetto da condizioni di aritmia quali tachicardia ventricolare senza polso (TV) o più frequentemente, fibrillazione ventricolare (FV). Il pronto intervento con massaggio cardiaco, oltre a garantire un minimo di ossigenazione al cervello e al cuore stesso, consente di prolungare la durata della FV in attesa dei soccorsi, evitando che questa si trasformi in asistolia, condizione di totale assenza di ritmo cardiaco, per la quale non è più possibile eseguire la defibrillazione. Fare la RCP (respirazione cardiopolmonare) prima dell arrivo dell ambulanza può raddoppiare se non triplicare le possibilità di sopravvivenza. Tuttavia solo la defibrillazione può consentire l azzeramento della FV con la ripresa di un ritmo spontaneo del cuore: AVERE QUINDI A DISPOSIZIONE UN DEFIBRILLATORE, UTILIZZABILE PRIMA DELL ARRIVO DEGLI OPERATORI SANITARI, RAPPRESENTA LA MIGLIOR POSSIBILITÀ DI SALVARE UNA VITA. In caso di arresto cardiaco I PRIMI 5 MINUTI SONO IMPORTANTISSIMI e ogni minuto che passa rappresenta per la vittima il 10% in più di probabilità di subire gravi conseguenze e di non salvarsi, fino ad un massimo di 10 minuti, tempo oltre il quale la morte cerebrale, in assenza di circolazione sanguigna, è considerata irreversibile. Pag. 3

4 COME PENSI VIVRESTI IL TEMPO DI ATTESA DEI SOCCORSI? Con frustrazione, angoscia e impotenza nell impossibilità di non poter fare nulla se non chiamare il 118? Vorresti poter fare qualcosa di concreto per cercare di salvare quella vita? Vorresti rendere il tuo luogo di lavoro cardio-protetto, per i tuoi dipendenti, collaboratori, colleghi, clienti, fornitori, ospiti? Se hai risposto SI alle tre domande allora continua nella lettura di questo opuscolo, se hai risposto no, non cestinarlo ma sottoponilo a qualcuno al quale potrebbe interessare! A differenza di quanto avveniva in passato, OGGI LA LEGISLAZIONE E LE TECNOLOGIE CONSENTONO A CHI HA SENSIBILITÀ E VOCAZIONE VERSO IL TEMA, DI INTERVENIRE ATTIVAMENTE NELL EMERGENZA, AFFINCHÉ IL GAP DI TEMPO CHE PASSA TRA LA CHIAMATA E L ARRIVO DEI SOCCORSI POSSA RAPPRESENTARE UNA CHANCE IN PIÙ DI SOPRAVVIVENZA PER LA VITTIMA. COME? CONTRIBUENDO ATTIVAMENTE AL MANTENIMENTO DELLA CATENA DI SOPRAVVIVENZA. Con il concetto di CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA si indica quella serie di interventi consecutivi e collegati tra loro che possono permettere, in caso di arresto cardiaco improvviso, di aumentare sensibilmente il numero di persone che sopravvivono, indenni e senza lesioni cerebrali. Lo scopo di ciascuno di questi interventi, l'uno susseguente all altro, è quello di GUADAGNARE TEMPO, affinché l'intervento successivo possa risultare efficace. SE IMMAGINIAMO UNA CATENA COMPOSTA DA CINQUE ANELLI I PRIMI TRE RAPPRESENTANO L'INTERVENTO CHE QUALUNQUE PERSONA, DEBITAMENTE ADDESTRATA CON UN CORSO BLS-D, PUÒ EFFETTUARE. Pag. 4

5 I PRIMI TRE ANELLI RAPPRESENTANO QUINDI QUEL TANTO CHE POTRESTI FARE ANCHE TU! PRIMO ANELLO. Riconoscere e valutare la situazione e attivare il 118. SECONDO ANELLO. Iniziare subito, sul posto, le manovre di Rianimazione Cardiopolmonare (RCP), per mantenere artificialmente la circolazione e la respirazione, favorendo così l'ossigenazione del cervello e del cuore. TERZO ANELLO. NELLA MAGGIOR PARTE DEI CASI LA SOLUZIONE DEL PROBLEMA PUÒ AVVENIRE SOLO CON UNA SCARICA ELETTRICA EROGATA NEL PIÙ BREVE TEMPO POSSIBILE TRAMITE IL DEFIBRILLATORE. QUARTO ANELLO. L'intervento dello staff medico specializzato (118) provvederà a proseguire le cure nella fase immediatamente successiva. QUINTO ANELLO. Il paziente viene trasferito presso una struttura ospedaliera. Se alla catena della sopravvivenza viene a mancare uno degli anelli è messa a repentaglio l efficacia dell azione dei successivi passi e ogni minuto che trascorre dall'inizio dell'arresto cardiaco fa scendere fino al 10% la probabilità di successo data dal defibrillatore. DOPO 5 MINUTI LE POSSIBILITÀ DI RIPRESA SONO GIÀ SCESE AL 50%, DOPO 8 MINUTI AL 20%. Se il defibrillatore non è immediatamente disponibile, si possono guadagnare minuti preziosi e aumentare notevolmente le chance di sopravvivenza iniziando prontamente il massaggio cardiaco. LA GESTIONE DELLA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA È QUINDI CRUCIALE PER GARANTIRE ALLA VITTIMA DELL'ARRESTO CARDIACO LE MAGGIORI PROBABILITÀ DI SALVEZZA LIMITANDO I DANNI CHE POTREBBERO INSORGERE. LA GESTIONE DEI PRIMI TRE ANELLI È ALLA PORTATA ANCHE DI SOCCORRITORI NON SANITARI (NON È NECESSARIO ESSERE MEDICI O INFERMIERI) SE DEBITAMENTE PREPARATI CON UN CORSO BLS-D, DI FACILE APPRENDIMENTO E GESTIONE. Pag. 5

6 DOTARE IL TUO LUOGO DI LAVORO DI UN DAE LO RENDE PIÙ SICURO. MA CHE COS È UN DAE? Il Defibrillatore Automatico Esterno (DAE o AED) è un dispositivo definito "intelligente" perché in grado di analizzare automaticamente il ritmo cardiaco, stabilendo autonomamente la necessità della scarica elettrica in caso di TV o FV e guidando il soccorritore passo a passo con chiare istruzioni vocali. La legislazione ne consente l utilizzo anche da parte di personale non sanitario (laico), purché formato da un corso BLS-D (Basic Life Support- Defibrillation). I DAE SONO SEMPLICISSIMI DA UTILIZZARE, più semplici di molti elettrodomestici o dispositivi elettronici d utilizzo quotidiano. In alcune nazioni anche i bambini sono istruiti all utilizzo del DAE con programmi d istruzione BLS (Basic Life Support) che fanno parte del normale percorso scolastico. Non richiede precauzioni se non quelle che il DAE stesso comunica con messaggi vocali (l effettuazione della scarica in sicurezza per sé e gli astanti), non è pericoloso, non c è alcun rischio di produrre danni alla vittima, in quanto si attiva esclusivamente in caso di reale esigenza. Non rappresenta quindi un pericolo per la vittima o i soccorritori.* E esente da manutenzione specifica e dotato di sistemi di controllo automatici. Ha costi di gestione limitati.** E UN DISPOSITIVO MEDICO ALLA PORTATA DI TUTTI! * Marche più note e di qualità. In commercio si trovano purtroppo prodotti a basso costo che dal punto di vista della sicurezza, con particolare riferimento alla capacità di analizzare correttamente il segnale ECG, rappresentano una grossa incognita, se non un rischio concreto. ** Riferimento al nostro defibrillatore AED L acquisto di un defibrillatore deve essere valutato anche includendo i costi post vendita di batteria e piastre, che spesso riservano brutte sorprese (ad esempio batterie che vengono vendute ad un prezzo fino al 63% del valore del apparecchio). CHE COS E IL CORSO BLS-D? E un corso effettuato da personale autorizzato e certificato che abilita alle procedure di soccorso base (BLS) e all utilizzo del defibrillatore (D). Dura 5 ore, con un numero di partecipanti massimo di 6 persone e può essere svolto anche presso il proprio luogo di lavoro. Organizzare un corso BLS-D non è un percorso oneroso e impegnativo, esistono svariate opportunità per poterlo seguire (corsi sul lavoro, corsi organizzati dal 118, dalla Croce Rossa, ecc.). Pag. 6

7 CHI DOVREBBE ORGANIZZARSI ALLA GESTIONE DEI PRIMI TRE ANELLI DELLA CATENA DI SOPRAVVIVENZA? Oltre alle strutture dove si svolgono attività sportive professionali e dilettantistiche (obbligatorio per legge), anche nel privato gli ambiti dove attivare un progetto per l accesso alla defibrillazione precoce - che rappresenta una scelta matura e lungimirante - sono innumerevoli: Grande, media, piccola impresa Uffici aperti al pubblico e non Banche Assicurazioni Alberghi e Ostelli Scuole Chiese e Oratori Studi professionali Studi dentistici-odontoiatrici Farmacie Studi medici privati Medici di base e pediatri Supermercati Negozi Concessionari auto e moto Ristoranti e pizzerie Cinema Condomini Circoli e Associazioni Piscine, palestre, campi da tennis golf club, etc. Domiciliare in caso di famigliari a rischio Se sei amministratore d impresa, responsabile per la sicurezza dei lavoratori, titolare d impresa o di attività commerciale, presidente di una associazione sportiva, professionista con studio aperto al pubblico o con collaboratori, dirigente scolastico, direttore di banca o di agenzia assicurativa, un medico del lavoro, amministratore condominiale o convivi con persona potenzialmente a rischio, dovresti prendere in seria considerazione la possibilità di contribuire attivamente alla gestione della defibrillazione precoce, perché LA TUA SCELTA POTREBBE SALVARE UNA VITA! Pag. 7

8 10 MOTIVI PER ORGANIZZARSI ALLA GESTIONE DELLA DEFIBRILLAZIONE PRECOCE L arresto cardiaco può colpire chiunque in qualsiasi momento. Chi è colpito può essere salvato da chi gli è vicino in quel momento. Se mai ci si dovesse trovare a prestare soccorso a una persona che ha appena subito un arresto cardiaco improvviso, ognuno di noi vorrebbe e dovrebbe essere in grado di poterla aiutare concretamente. Il tempo per intervenire è strettissimo: le percentuali di sopravvivenza diminuiscono del 10% per ogni minuto e limitarsi a chiamare il 118 potrebbe non bastare. Se una vittima di un arresto cardiaco non è defibrillata entro 10 minuti, le sue possibilità di sopravvivenza sono meno del 2%. Se il cuore non riparte entro i primi 5 minuti o comunque non viene prontamente effettuato il massaggio cardiaco, il paziente può subire danni cerebrali irreversibili. I tempi d intervento del sistema d emergenza allertato potrebbero essere ben superiori a 5 minuti dalla chiamata. L utilizzo del DAE è vincolato a un corso BLS-D. Ogni persona addestrata BLS-D rappresenta un valore aggiunto per la società perché ovunque si trovi potrà intervenire prontamente, al di là della presenza o meno del defibrillatore, per la gestione dei primi due anelli della catena di sopravvivenza, nel reciproco interesse di tutti i cittadini. I defibrillatori sono estremamente semplici nel loro utilizzo, non è necessaria alcuna esperienza medica per utilizzarli: bastano poche ore di addestramento per imparare a salvare una vita. Rendere più sicuro il proprio ambito lavorativo è un gesto di lungimiranza, elevata responsabilità e rispetto nei confronti di tutte le persone che lo frequentano, siano essi dipendenti, clienti, persone esterne o visitatori occasionali. E, non ultimo, potrebbe proteggere anche te stesso. Il valore di una vita non ha prezzo. L impegno economico necessario ad attivare un progetto di defibrillazione precoce non è proibitivo, ma al contrario è alla portata di molti e rappresenta un ottimo investimento per la salvaguardia della propria attività/organizzazione e potrebbe rappresentare un motivo di spunto per promuovere, valorizzare e differenziare l immagine della propria realtà. Pag. 8

9 COME SCEGLIERE UN DEFIBRILLATORE DAE? Il Decreto Balduzzi, prevede l obbligo di un DAE a tutte le associazioni sportive professionistiche e dilettantistiche, ai centri commerciali e alle aziende con più di 500 dipendenti, lo consiglia fortemente a farmacie, medici di base, studi dentistici, case di riposo. La sensibilizzazione al tema della defibrillazione precoce è poi intensamente promossa dalle istituzioni e da molte associazioni e fortunatamente molti cittadini stanno comprendendo l importanza della stessa. Conseguentemente si sta creando un business dall elevato potenziale, nel quale un ampia schiera di società commerciali si propongono, spesso senza scrupoli, con prodotti di tutti i tipi e a tutti i prezzi. VALUTA CON CALMA E NON PONDERARE LA TUA SCELTA ESCLUSIVAMENTE IN FUNZIONE DEL PREZZO. POCHE CENTINAIA DI EURO IN PIÙ POSSONO FARE LA DIFFERENZA NEL SALVARE UNA VITA AFFIDATI AD AZIENDA CHE DA SEMPRE OPERA NEL SETTORE OSPEDALIERO PER LA FORNITURA DI DEFIBRILLATORI BIFASICI, RAPPRESENTA UNA GARANZIA IN PIÙ. VERIFICA LA REALE POSSIBILITÀ DI UTILIZZO PEDIATRICO, IL DEFIBRILLATORE DOVREBBE AVERE UN PROTOCOLLO DEDICATO ANCHE AI PIÙ PICCOLI (ETÀ INFERIORE A 8 ANNI) INFORMATI SUI COSTI POST VENDITA DI PIASTRE E BATTERIA. SELEZIONA LE AZIENDE CHE OFFRONO CERTEZZA DI CONTINUITÀ SUL MERCATO, IN GRADO DI GARANTIRE NEGLI ANNI LA GESTIONE DELLA GARANZIA, LA REPERIBILITÀ DEGLI ACCESSORI, DEGLI AGGIORNAMENTI E RINTRACCIABILITÀ DEL TUO DEFIBRILLATORE DAE. NON FIDARTI DI TUTTO QUELLO CHE TI RACCONTANO, CONFRONTA I PRODOTTI, CHIEDICI UNA CONSULENZA GRATUITA Da sapere: sono poche le aziende veramente affermate e specializzate nella produzione e commercializzazione di defibrillatori ospedalieri e defibrillatori DAE per utilizzo laico. Si sono improvvisamente proposte sul mercato una serie di ditte sconosciute agli addetti del settore, che offrono prodotti di dubbia qualità e affidabilità. Prodotti provenienti da paesi a basso costo di mano d opera e di improbabile qualità, marchi italiani fittizi a copertura di produzioni provenienti da chissà dove, società improvvisate e con evidente unico obiettivo della vendita mordi e fuggi. Aziende che oggi sono presenti e domani chissà. In taluni casi anche marchi noti a livello internazionale, ma mai in passato commercializzati in Italia, sono stati affidati in distribuzione a nuove società che si professano esperte e specializzate, molto brave nel promuovere la propria immagine, ma che non si fanno scrupoli, per raggiungere i propri obbiettivi, a disinformare con palesi e ridicole falsità, indicando ad esempio come uniche ed esclusive caratteristiche che in realtà sono comuni a tutti i DAE o indicando specifiche non veritiere sui propri prodotti. Fanno leva sul fatto che solo pochi potenziali clienti nell ambiente non professionale sono ferrati in materia. Altre aziende suggeriscono guide all acquisto e alla scelta di un DAE con informazioni deliberatamente fuorvianti indicando ad esempio come criterio di selezione la rispondenza a normative che non hanno valenza e ragione di esistere nella Comunità Europea, nascondendo però palesi limiti dei propri prodotti o i numerosi richiami ai quali sono stati sottoposti. Pag. 9

10 LA NOSTRA SOCIETÀ Siamo la filiale italiana di NIHON KOHDEN CORPORATION, primaria azienda Giapponese fondata a Tokyo nel 1951 che vanta oltre sessant anni di esperienza e competenza esclusivamente nella produzione di sistemi elettromedicali per il monitoraggio paziente, la diagnosi neurologica e la terapia cardiologica. Tradizione. L esperienza di NIHON KOHDEN nella gestione della defibrillazione esterna inizia nel 1965, anno in cui ha immesso sul mercato il primo defibrillatore alimentato a batteria in Giappone. Leader nel mondo. Leader nel mondo. NIHON KOHDEN è una delle aziende leader al mondo per la produzione di defibrillatori ospedalieri e DAE. I nostri prodotti si pongono ai vertici di gamma per affidabilità e sicurezza. Il nostro DEFIBRILLATORE DAE per il mercato privato non professionale (laico) è stato recentemente progettato attingendo da questa consolidata esperienza, utilizzando la stessa tecnologia dei defibrillatori ospedalieri, che da sempre identificano NIHON KOHDEN come una delle aziende con più competenze ed esperienza. Migliaia di DAE NIHON KOHDEN sono stati installati in tutto il mondo. Qualità assoluta, eccellenza costruttiva. Il motto Fighting Desease with Electronics" riflette l ambiziosa missione aziendale di combattere le malattie con sistemi elettromedicali in grado di migliorare la qualità di vita dei pazienti. I nostri apparecchi sono riconosciuti in ambito ospedaliero per l elevata qualità, affidabilità diagnostica e semplicità d utilizzo. I nostri defibrillatori sono tra i migliori prodotti esistenti sul mercato, se non i migliori. IMPEGNO DI QUALITÀ E AFFIDABILITÀ La selezione e la scelta della componentistica non di nostra produzione viene effettuata esclusivamente tra aziende giapponesi leader del settore elettronico o tra le aziende elettromedicali internazionali più qualificate per eventuale componentistica. I nostri defibrillatori e relativi accessori vengono fabbricati esclusivamente in Giappone, sotto il controllo selettivo del nostro reparto Controllo Qualità, che adotta procedure di verifica superiori a quelle del GMP (Good Manufacturing Practice) della FDA, DHSS ed altre agenzie. Pag. 10

11 I SERVIZI CHE OFFRIAMO NIHON KOHDEN ITALIA, ha sede a Bergamo dal 2001 e può contare su un organizzazione solida e strutturata composta da personale altamente qualificato: uno staff motivato, che comprende un team di ingegneri biomedici, tecnici e formatori, in grado di rispondere a qualsiasi tipo di esigenza, offrendo il proprio supporto e consulenza per la scelta della soluzione migliore. Operiamo su tutto il territorio nazionale tramite una rete commerciale capillare, composta da responsabili d area, agenti e distributori. ASSISTENZA E CONSULENZA ALL ACQUISTO: La scelta di un defibrillatore può risultare impegnativa per i non professionisti, per questo motivo Nihon Kohden mette a disposizione il proprio team di specialisti a supporto dei clienti in modo da fornire tutte le informazioni necessarie ed eseguire l acquisto del defibrillatore con la consapevolezza di avere fatto la scelta migliore. SUPPORTO AL CLIENTE: Scegliendo Nihon Kohden potrai contare sulla presenza costante di un servizio clienti altamente qualificato in grado di offrire supporto sia in fase di acquisto che nel post vendita per tutta la durata del bene. Il servizio clienti di Nihon Kohden, tramite canali dedicati, può essere contattato in qualunque momento ed è in grado di fornire supporto clinico, tecnico e commerciale ai propri clienti. NIHON KOHDEN NON VI LASCIA SOLI CORSI DI UTILIZZO: Nihon Kohden non si limita alla sola fornitura di dispositivi, il nostro DAE è semplicissimo da gestire e alla fornitura può essere associato un corso d uso, garantendo a chi acquista la capacità di gestire il proprio strumento con maggiore sicurezza e consapevolezza. CORSI BLS-D: Il BLS-D è il corso base per l utilizzo del defibrillatore richiesto come da normativa, dura poche ore ed è effettuato da figure professionali accreditate. Danno la possibilità, una volta superati, di poter utilizzare un defibrillatore semiautomatico DAE. NIHON KOHDEN può supportarvi direttamente nell organizzazione del corso, grazie alla collaborazione con istruttori BLSD-D abilitati IRC, oppure informandovi e indirizzandovi ai frequenti corsi svolti da Croce Rossa Italiana, 118 e altre associazioni. PROGRAMMA MANUTENTIVO E GESTIONE APPARECCHI: Nihon Kohden offre la competenza del proprio team di specialisti per supportare chi acquista un defibrillatore nella gestione del proprio apparecchio nel tempo. Ogni defibrillatore installato rientra in modo automatico nel programma di gestione Nihon Kohden Italia, che permette tra l altro di avvisare in modo preventivo il proprietario del dispositivo dell imminente scadenza di piastre e batterie. Questo processo automatico permette di mantenere il proprio dispositivo sempre in efficienza, supportando efficacemente il proprietario del defibrillatore nel gestire le scadenze e la manutenzione. AGGIORNAMENTI E GESTIONE DATI Il software dei defibrillatori cardiolife AED-2100 può essere facilmente aggiornato, anche in funzione di adeguamenti a nuove linee guida. In caso di necessità i dati memorizzati dall apparecchio e atti a documentare un suo eventuale utilizzo possono essere agevolmente trasferiti su un PC. Il software di gestione dati è fornito gratuitamente. Pag. 11

12 IL NOSTRO PRODOTTO: IL LA MIGLIOR SCELTA PER UN DISPOSITIVO SALVAVITA DEVE ESSERE PONDERATA SU STANDARD OGGETTIVI DI AFFIDABILITÀ COSTRUTTIVA, QUALITÀ E SEMPLICITÀ D USO, NON SOLO SUL PREZZO. NUMEROSE SONO LE AZIENDE PRODUTTRICI REPERIBILI SUL MERCATO MA SOLO POCHE POSSONO GARANTIRE QUESTI STANDARD. Il CardioLife AED-2100 è un apparecchio made in Japan prodotto da primaria azienda specializzata da decenni nella produzione di defibrillatori ospedalieri, annoverabile tra le aziende leader di mercato in Italia e nel mondo. Rappresenta la soluzione ideale per l utilizzo da parte di operatori laici certificati BLS-D. IL CARDIOLIFE AED-2100 SI CARATTERIZZA PER GLI ASPETTI ESSENZIALI PER LA TIPOLOGIA DI PRODOTTO: SEMPLICITÀ DI UTILIZZO, RAPIDITÀ OPERATIVA *, SICUREZZA E QUALITÀ COSTRUTTIVA * Il Cardiolife AED-2100 è il più rapido DAE esistente sul mercato, come documentato dagli studi eseguiti dall AREU 118 Lombardia. Richiedici maggiori informazioni. PER MAGGIORI INFORMAZIONI NON ESITATE A CONTATTARCI CONTATTI: NIHON KOHDEN ITALIA SRL Via Fratelli Bronzetti 28, Bergamo Telefono: ; FAX: ; Pag. 12

D A E = DEFIBRILLATORE AUTOMATICO ESTERNO. informazione. formazione BLS-D. defibrillatore. gestione e assistenza DAE

D A E = DEFIBRILLATORE AUTOMATICO ESTERNO. informazione. formazione BLS-D. defibrillatore. gestione e assistenza DAE i l t ui ol tdue of idber iflil ba rt oi lrlea. ti to r e. i t Cometech, azienda giovane, dinamica e creativa con sede a Jesi (AN), è specializzata nella progettazione e sviluppo di programmi di Cardio-Protezione;

Dettagli

Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series

Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series Convenzione FIV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA VELA, sono riservate particolari condizioni commerciali

Dettagli

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Convenzione FIPAV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA DI PALLAVOLO, sono riservate particolari

Dettagli

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Convenzione FIPAV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA DI PALLAVOLO, sono riservate particolari

Dettagli

PAD Pubblic Access Defibrillation

PAD Pubblic Access Defibrillation PAD Pubblic Access Defibrillation ARGOMENTO DELLA LEZIONE 1) L Importanza della Defibrillazione Precoce: La Morte Cardiaca Improvvisa L incidenza del DAE 2) IL DAE Cos è Come si usa 3) Il DAE nel Pediatrico

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce Corso Esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2010) A cura del Gruppo Formatori..

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

Progetto Sport Sicuro

Progetto Sport Sicuro Allegato A) Progetto Sport Sicuro Prevenzione dell arresto cardiaco durante l attività sportiva agonistica, non agonistica e ludico-motoria INTRODUZIONE ARRESTO CARDIACO E MORTE IMPROVVISA DURANTE SPORT

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

L a d e f i b r i l l a z i o n e p r e c o c e n e l l a C i t t à d i N a r d

L a d e f i b r i l l a z i o n e p r e c o c e n e l l a C i t t à d i N a r d L a d e f i b r i l l a z i o n e p r e c o c e n e l l a C i t t à d i N a r d MoVimento Cinque Stelle Nardò Via S. Gentile, 18 www.nardo5stelle.it m5stellenardo@gmail.com FB: Movimento Cinque Stelle

Dettagli

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.)

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) Progetto formativo: CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) in conformità alla Legge 03 aprile 2001, n. 120 e s.m. HSA ITALIA Handicapped Scuba Association

Dettagli

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone IL BLSD BLSD E' LA SIGLA (BASIC LIFE SUPPORT - DEFIBRILLATION) DELLE MANOVRE DA COMPIERE PER INTERVENIRE IN CASO DI ARRESTO CARDIACO. L'arresto cardiaco

Dettagli

La defibrillazione precoce

La defibrillazione precoce L American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è l effetto di un circolo vizioso

Dettagli

Il DAE neiluoghidi lavoro

Il DAE neiluoghidi lavoro Il DAE neiluoghidi lavoro IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE dott.ssa Milena Perini INCONTRO SPISAL ULSS 6 MEDICI COMPETENTI VICENZA 18 NOVEMBRE 2015 I numeri: L arresto cardiaco extra ospedaliero è responsabile

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce corso esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione

Dettagli

Distretto Scolastico 33 34 della Provincia di Roma. Arturo Masucci Tel. 338.89.53.826 a.masucci@volontarioperte.org

Distretto Scolastico 33 34 della Provincia di Roma. Arturo Masucci Tel. 338.89.53.826 a.masucci@volontarioperte.org PROPOSTA DI PROGETTO TITOLO: Il Progetto Scuola di Viva! 2015 Adottiamo gli insegnanti AMBITO DI AZIONE: EDUCAZIONE E FORMAZIONE SANITA AMBITO TERRITORIALE: Distretto Scolastico 33 34 della Provincia di

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

Defibrillazione Precoce

Defibrillazione Precoce Capitolo 3 Defibrillazione Precoce RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere - Saper Fare - Saper Essere utilizzando il DAE Struttura del Corso Regionale ILCOR 2000-2005 (ERC ed AHA) 5 ore verifica manovre

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLS Rianimazione cardiopolmonare di base corso esecutori per personale laico (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Obiettivi del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco

Dettagli

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA

CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA DIP.TO DI URGENZA EMEGENZA - U.O.C. DI PRONTO SOCCORSO CORSO ISTRUTTORI BLS-D AHA 1^ ed. 26-27-28 FEBBRAIO 2015 2^ ed. 08-09-10 MAGGIO 2015 Premessa: La lotta alla morte improvvisa cardiaca (MIC) richiede,

Dettagli

Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre

Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre Che cosa è un Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE)? Un DAE è una macchina di piccole dimensioni che contiene al suo interno due piastre adesive in grado di rilevare le alterazioni del'attività elettrica

Dettagli

Per salvare una vita non servono supereroi

Per salvare una vita non servono supereroi Concorso per gli studenti delle scuole primarie, secondarie di I grado e II grado statali e paritarie Per salvare una vita non servono supereroi Regolamento Art.1 Finalità Il Ministero dell Istruzione,

Dettagli

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO UNA CORSA CONTRO IL TEMPO Partnership Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare di base (linee-guida scientifiche ILCOR 2010) Scopo del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco Le manifestazioni

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS-D Basic Life Support -Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce Secondo le linee guida ERC/IRC 2005 CORSO BLSD OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

Direzione Servizi Amministrativi 2014 01278/010 Area Sport e Tempo Libero Servizio Gestione Sport MP 5 CITTÀ DI TORINO

Direzione Servizi Amministrativi 2014 01278/010 Area Sport e Tempo Libero Servizio Gestione Sport MP 5 CITTÀ DI TORINO Direzione Servizi Amministrativi 2014 01278/010 Area Sport e Tempo Libero Servizio Gestione Sport MP 5 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 18 marzo 2014 Convocata la Giunta presieduta dal

Dettagli

Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Chieti

Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Chieti Centro Sportivo Italiano Comitato Provinciale di Chieti e la Medical Assistance Regione Abruzzo in collaborazione con il: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

Public Access Defibrillation P.A.D.

Public Access Defibrillation P.A.D. DEFIBRILLAZIONE PRECOCE: UNA REALTA! Public Access Defibrillation P.A.D. Pagina 1 di 11 Aeroporto di Chicago: un passeggero in attesa di imbarcarsi improvvisamente perde coscienza e si accascia a terra.

Dettagli

LA VITA CONTINUA. HeartSave PAD, AED, AS CON UN DEFIBRILLATORE AUTOMATICO ANCHE CHI NON HA ESPERIENZA PUÒ SALVARE UNA VITA.OVUNQUE! www.primedic.

LA VITA CONTINUA. HeartSave PAD, AED, AS CON UN DEFIBRILLATORE AUTOMATICO ANCHE CHI NON HA ESPERIENZA PUÒ SALVARE UNA VITA.OVUNQUE! www.primedic. LA VITA CONTINUA CON UN DEFIBRILLATORE AUTOMATICO ANCHE CHI NON HA ESPERIENZA PUÒ SALVARE UNA VITA.OVUNQUE! HeartSave PAD, AED, AS www.primedic.com KAPITEL XY 1 2 UNA DECISIONE PER LA VITA QUANDO IL CUORE

Dettagli

BLS-D. La defibrillazione precoce

BLS-D. La defibrillazione precoce BLS-D La defibrillazione precoce Defibrillazione precoce DEFIBRILLABILI FV TV senza polso RITMI NON DEFIBRILLABILI PEA ASISTOLIA RCP DEFIBRILLAZIONE Tachiaritmie maligne Tachicardia ventricolare (TV):

Dettagli

Associazione per la diffusione della cultura al soccorso e aiuto sociale. Progetto cuore

Associazione per la diffusione della cultura al soccorso e aiuto sociale. Progetto cuore Associazione per la diffusione della cultura al soccorso e aiuto sociale Progetto cuore Prefazione Il Progetto è nato dalla collaborazione tra CRI e AVIS Sez. Bardolino per sensibilizzare la cittadinanza

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 31 agosto 2012 Decreto ministeriale 18 marzo 2011 Gazzetta Ufficiale 6 giugno 2011, n. 129 Determinazione dei criteri e delle modalità di diffusione dei defibrillatori automatici esterni

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

REGIONE CALABRIA. Definizione e dati statistici della Morte Cardiaca nella Regione Calabria.

REGIONE CALABRIA. Definizione e dati statistici della Morte Cardiaca nella Regione Calabria. Programma della Regione Calabria per la diffusione e l utilizzo dei defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) secondo il decreto interministeriale 18 marzo 2011 Definizione e dati statistici della Morte

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLS-D Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione con

Dettagli

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Contenuto della presentazione I principali cambiamenti nei protocolli di BLS

Dettagli

PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012)

PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012) PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012) BASIC LIFE SUPPORT AND DEFIBRILLATION (rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione) PREMESSA L arresto cardiaco improvviso è la

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione Ufficio Formazione B L S Basic Life Support La corsa contro il tempo 1 La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3

Dettagli

TORINO 18 GIUGNO 2013 CENTRO INCONTRI REGIONE PIEMONTE CONVEGNO : SICUREZZA SUL LAVORO DEFIBRILLATORE COME,QUANDO E PERCHE

TORINO 18 GIUGNO 2013 CENTRO INCONTRI REGIONE PIEMONTE CONVEGNO : SICUREZZA SUL LAVORO DEFIBRILLATORE COME,QUANDO E PERCHE TORINO 18 GIUGNO 2013 CENTRO INCONTRI REGIONE PIEMONTE CONVEGNO : SICUREZZA SUL LAVORO DEFIBRILLATORE COME,QUANDO E PERCHE Relatore dr roberto carlin In Italia, le malattie cardiovascolari sono la causa

Dettagli

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO

AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO SICUREZZA AGGIORNAMENTO PREVENZIONE INCENDI RISCHIO BASSO OBIETTIVI Il corso di aggiornamento antincendio rischio basso è destinato agli addetti antincendio che dovranno svolgere tale compito presso aziende

Dettagli

PROGETTO CASOLE D ELSA COMUNE CARDIOPROTETTO

PROGETTO CASOLE D ELSA COMUNE CARDIOPROTETTO PROGETTO CASOLE D ELSA COMUNE CARDIOPROTETTO 1. Il razionale del Progetto 2. Progetto di Cardioprotezione sul Territorio 3. I Partners 4. Fasi del Progetto: 4a 4b 4c Formazione dei laici Installazione

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 463 del 31/05/2014. Oggetto: Corsi di emergenza sanitaria - quote di iscrizione per partecipanti esterni.

Delibera del Direttore Generale n. 463 del 31/05/2014. Oggetto: Corsi di emergenza sanitaria - quote di iscrizione per partecipanti esterni. Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015]

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015] 2015 ROBBIO NEL CUORE Via Mortara 5 Robbio [BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015] Il presente documento è stato approvato dal consiglio direttivo di Robbio Nel Cuore riunitosi il 03/04/2015.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Firmato il protocollo di intesa tra le due realtà

Firmato il protocollo di intesa tra le due realtà COMUNICATO STAMPA L'ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TORINO E PIEMONTE CUORE ONLUS INSIEME PER DIFFONDERE LA CULTURA DELLA CARDIOPROTEZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Firmato il protocollo di intesa

Dettagli

CORSO di BLS D : Organizzazione: Presidente Csain Padova - Matteo Giardini

CORSO di BLS D : Organizzazione: Presidente Csain Padova - Matteo Giardini CORSO di BLS D : Rianimazione cardio polmonare e uso del defibrillatore semi automatico / con rilascio di certificazione numerata del 118 e Regione Veneto. Organizzazione: Presidente Csain Padova - Matteo

Dettagli

RESPONSABILITA DELL INFERMIERE NELLA DEFIBRILLAZIONE CARDIACA PRECOCE

RESPONSABILITA DELL INFERMIERE NELLA DEFIBRILLAZIONE CARDIACA PRECOCE RESPONSABILITA DELL INFERMIERE NELLA DEFIBRILLAZIONE CARDIACA PRECOCE La defibrillazione è una pratica terapeutica che utilizza una scarica controllata di corrente elettrica allo scopo di correggere anomalie

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 4717 Seduta del 23/01/2013

DELIBERAZIONE N IX / 4717 Seduta del 23/01/2013 Oggetto: DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE LINEE GUIDA REGIONALI SULL UTILIZZO DEI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI (DAE) E SULL ATTIVAZIONE DEI PROGETTI DI DEFIBRILLAZIONE SEMI-AUTOMATICA SUL TERRITORIO

Dettagli

Il B.L.S. (Basic Life Support)

Il B.L.S. (Basic Life Support) Il B.L.S. (Basic Life Support) Cos è: Sequenza di verifiche ed azioni da effettuare sulla Vittima quando A NON E COSCIENTE B NON RESPIRA C NON HA CIRCOLO Scopo: Prevenire o Limitare i danni dovuti alla

Dettagli

PREMESSO. che ogni anno in Italia e nel mondo un numero assai rilevante di persone sono colpite da arresto cardiaco;

PREMESSO. che ogni anno in Italia e nel mondo un numero assai rilevante di persone sono colpite da arresto cardiaco; Allegato B) PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO SPORT SICURO TRA IL COMUNE DI MIRANO E I SEGUENTI GRUPPI SPORTIVI MIRANESI: Pallacanestro Mirano CAI Mirano Polisportiva Antares Campocroce Miranese Volley Officina

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO BLSD CRI

REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO BLSD CRI REGOLAMENTO APPLICATIVO PROGETTO BLSD CRI Il progetto BLSD CRI si pone come finalità la diffusione della cultura della rianimazione cardiopolmonare e delle competenze necessarie ad intervenire su persone

Dettagli

Ovunque per la Vita TRATTARE TEMPESTIVAMENTE IN LOCO DIVENTA UN OBBLIGO PER LA SOPRAVVIVENZA!

Ovunque per la Vita TRATTARE TEMPESTIVAMENTE IN LOCO DIVENTA UN OBBLIGO PER LA SOPRAVVIVENZA! Ovunque per la Vita Ovunque per la Vita Ogni anno in Europa circa 700.000 persone sono colpite da arresto cardiaco improvviso. Il manifestarsi di un arresto cardiaco può colpire chiunque senza preavviso

Dettagli

A) PRESENTAZIONE DEL PROGETTO CHE SI INTENDE SUPPORTARE

A) PRESENTAZIONE DEL PROGETTO CHE SI INTENDE SUPPORTARE SCHEDA (C1) SERVIZI A SUPPORTO DELLA PROGETTAZIONE SOCIALE, DI PROGETTI DI SVILUPPO O DI PROGETTI DI RILEVANZA SOVRA-PROVINCIALE CENTRO DI SERVIZI DI RAVENNA PROGETTO: N. 16 Defibrillatori A) PRESENTAZIONE

Dettagli

PROGETTO REGIONALE DAE. Defibrillatore Semiautomatico Esterno

PROGETTO REGIONALE DAE. Defibrillatore Semiautomatico Esterno Allegato alla Delib.G.R. n. 48/28 del 1.12.2011 PROGETTO REGIONALE DAE Defibrillatore Semiautomatico Esterno 1/18 Progetto Regionale DAE Il seguente progetto viene elaborato in ottemperanza al Decreto

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico»

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» IL Primo Soccorso La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» Cavaion, 15 dicembre 2012 La catena della sopravvivenza Allarme Precoce B.L.S. Precoce Defibrillazione Precoce A.C.L.S. Precoce Il BLS

Dettagli

è assurdo che oggi, non vi sia un defibrillatore in ogni casa ma è ancora più assurdo sarebbe averlo e non salvare nessuno perché o non ha funzionato

è assurdo che oggi, non vi sia un defibrillatore in ogni casa ma è ancora più assurdo sarebbe averlo e non salvare nessuno perché o non ha funzionato è assurdo che oggi, non vi sia un defibrillatore in ogni casa ma è ancora più assurdo sarebbe averlo e non salvare nessuno perché o non ha funzionato oppure perché lo si è usato troppo tardi Cos è Arresto

Dettagli

B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S.D. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 Fase D: Defibrillazione Precoce Se Polso e Segni di Circolo sono

Dettagli

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010)

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE VALUTAZIONE DELLA SEVERITA Ostruzione severa (tosse inefficace) Ostruzione moderata (tosse efficace) incosciente cosciente incoraggia a tossire

Dettagli

Safety to rely on SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO

Safety to rely on SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO Safety to rely on SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO BENVENUTI Siamo lieti di presentarvi la nostra azienda. Con sede a Casalecchio di Reno (BO), Proleven si occupa di consulenza e formazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RIZZETTO, PRODANI, CURRÒ, ROSTELLATO, TURCO, PINNA, MUCCI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RIZZETTO, PRODANI, CURRÒ, ROSTELLATO, TURCO, PINNA, MUCCI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2393 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RIZZETTO, PRODANI, CURRÒ, ROSTELLATO, TURCO, PINNA, MUCCI Disposizioni concernenti l obbligo

Dettagli

Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi. BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario

Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi. BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1014 DEL 30 MAGGIO 2014 PREMESSA Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario

Dettagli

Scuola sicura. Programma corsi primo soccorso e BLSD non. sanitari per Insegnanti e Studenti di Istituti scolastici. d ordine superiore e inferiore

Scuola sicura. Programma corsi primo soccorso e BLSD non. sanitari per Insegnanti e Studenti di Istituti scolastici. d ordine superiore e inferiore Scuola sicura Programma corsi primo soccorso e BLSD non sanitari per Insegnanti e Studenti di Istituti scolastici d ordine superiore e inferiore La scuola è una struttura educativa che vede coinvolti al

Dettagli

VIVA! LA SETTIMANA PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE

VIVA! LA SETTIMANA PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE Presentazione della Campagna di Sensibilizzazione 2014 Pagina 1 di 9 VIVA! LA SETTIMANA PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE 13-19 OTTOBRE 2014 Premessa Il 14 giugno 2012 il Parlamento Europeo, prendendo

Dettagli

A relazione dell'assessore Saitta:

A relazione dell'assessore Saitta: REGIONE PIEMONTE BU5S2 05/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 febbraio 2015, n. 16-979 Aggiornamento regolamentazione attivita' formativa per la gestione dei Defibrillatori Automatici Esterni

Dettagli

Non bisogna essere medici per salvare una vita

Non bisogna essere medici per salvare una vita 1 Non bisogna essere medici per salvare una vita È possibile salvare la vita di una persona colpita da arresto cardiaco improvviso utilizzando un defibrillatore semiautomatico esterno (AED) per erogare

Dettagli

Emergenza Urgenza Soccorso

Emergenza Urgenza Soccorso Emergenza Urgenza Soccorso I corsi di formazione...poche ore della tua vita possono salvare una vita... Premessa Una serie di anelli può formare una catena, dove la forza della catena è costituita dalla

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

R Series. La sicurezza è garantita. dal sistema Code-Ready

R Series. La sicurezza è garantita. dal sistema Code-Ready R Series La sicurezza è garantita dal sistema Code-Ready Il primo ed unico defibrillatore Code-Ready Il momento peggiore per scoprire che un defibrillatore non è pronto è quando serve. Agire rapidamente

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

NUOVE PROBLEMATICHE PER L ASSISTENZA ALL EMERGENZA NELLO STUDIO PEDIATRICO

NUOVE PROBLEMATICHE PER L ASSISTENZA ALL EMERGENZA NELLO STUDIO PEDIATRICO NUOVE PROBLEMATICHE PER L ASSISTENZA ALL EMERGENZA NELLO STUDIO PEDIATRICO Francesco Pastore Segretario nazionale SIMEUP Pediatra di famiglia Martina Franca 5 Congresso nazionale SIMEUP U R G E N Z A SIGNIFICATO

Dettagli

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA Nel 1969 la World Federation of Societies of Anaesthesia, basandosi sui lavori di Safar e collaboratori, diffuse, per la prima volta, una metodologia d'approccio agli stati

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE n 241 del 05.06.2009 OGGETTO: Adozione progetto formativo aziendale - Corso Basic Life Support and Defibrillation tipo B (BLS-D). IL DIRETTORE GENERALE Su proposta del Responsabile del S.

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE N. CREDITI 8,8 PBLSD-IRC PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT

Dettagli

Guida alla manutenzione preventiva dei defibrillatori

Guida alla manutenzione preventiva dei defibrillatori Guida alla manutenzione preventiva dei defibrillatori SEDA S.p.A. Via Tolstoi 7 20090 Trezzano S/N (Milano) Tel 02/48424.1; Fax 02/48424290 sito internet: www.sedaitaly.it certificazione UNI EN ISO 9001:2000

Dettagli

Il Defibrillatore nello Sport

Il Defibrillatore nello Sport Il Defibrillatore nello Sport Il Primo Soccorso anche per persone non qualificate SEMPLICITÀ - AFFIDABILITÀ - SICUREZZA - RAZIONALITÀ OPERATIVA BioApp sas www.bioapp.it - info@bioapp.it - bioappsas@pec.it

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 Repertorio Atti n. 1626 del 27 febbraio 2003 Oggetto:Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO Nel novembre 2005 l European Resuscitation Council (ERC) ha reso pubbliche

Dettagli

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure)

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure) Regione Liguria Corso per Soccorritori del 118 Supporto Vitale Fondamentale & Defibrillazione Basic Life Support-D (ai sensi del Decreto Dirigenziale 1415/1999 e della della G.U. 196/2003) Allegato alla

Dettagli

Servizio di Ingegneria Clinica

Servizio di Ingegneria Clinica Servizio Ingegneria Clinica Energy Management Tel. 0874/409.550 (Interno 2550) Fax 0874/409.551 (Interno 2551) e-mail: sic@asrem.org Servizio con sistema di gestione certificato ISO 9001 Riferimenti Normativi:

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEI DEFIBRILLATORI AUTOMATICI ESTERNI IN AMBITO EXTRAOSPEDALIERO

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEI DEFIBRILLATORI AUTOMATICI ESTERNI IN AMBITO EXTRAOSPEDALIERO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2847 del 29 dicembre 2014 pag. 1/10 DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DEI DEFIBRILLATORI AUTOMATICI ESTERNI IN AMBITO EXTRAOSPEDALIERO

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU39 27/09/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 24 settembre 2012, n. 32-4611 DGR 49-2905 del 14 novembre 2011. Regolamentazione attivita' formativa per la gestione dei Defibrillatori

Dettagli

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.)

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) Progetto formativo: CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) in conformità alla Legge 03 aprile 2001, n. 120 e s.m. HSA ITALIA Handicapped Scuba Association

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 43/2015 (Atti del Consiglio) Disposizioni per la diffusione dei defibrillatori semiautomatici esterni nell'ambito della pratica fisica e sportiva. ***************

Dettagli

CENTRO REGIONALE MIGRANTI

CENTRO REGIONALE MIGRANTI CENTRO REGIONALE MIGRANTI Metodologia formativa mirata Direttore del Progetto Dott. Mario Vettorazzo CORSI DI FORMAZIONE PER L ASSISTENZA ALLA FAMIGLIA E DI PRIMO SOCCORSO Responsabile progetto: Vettorazzo

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

IN CAMPO CON IL CUORE DEFIBRILLATORI NELLO SPORT Le Norme e gli aspetti legali

IN CAMPO CON IL CUORE DEFIBRILLATORI NELLO SPORT Le Norme e gli aspetti legali IN CAMPO CON IL CUORE DEFIBRILLATORI NELLO SPORT Le Norme e gli aspetti legali Milano, 17 maggio 2014 FONDAZIONE AEM Avv. Katia D Avanzo Agente di Calciatori F.I.G.C.- F.I.F.A. Docente di Diritto dello

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation SIMEUP SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA D EMERGENZA E D URGENZA PEDIATRICA SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

Dettagli

DIVENTA ISTRUTTORE CERTIFICATO AMERICAN HEART

DIVENTA ISTRUTTORE CERTIFICATO AMERICAN HEART DIVENTA ISTRUTTORE CERTIFICATO AMERICAN HEART CHE COS E UN DEFIBRILLATORE? Il defibrillatore semiautomatico (spesso abbreviato con DAE, defibrillatore automatico esterno, o AED, Automated External Defibrillator)

Dettagli