Capitolo 21 Problema 4 (p. 505)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 21 Problema 4 (p. 505)"

Transcript

1 Capitolo 21 Problema 4 (p. 505) Gli IRA (Individual Retirement Account, conti di rendita individuali) sono stati introdotti dal governo statunitense per incoraggiare gli individui a risparmiare. La parte del reddito corrente che un individuo deposita in un conto di questo tipo e i relativi interessi percepiti sono esenti dall imposta sul reddito, che tuttavia verrà pagata in base all aliquota applicata al contribuente nel momento in cui preleverà i fondi accantonati. Al contrario, le somme depositate in un conto di altro tipo e gli interessi percepiti ogni anno vengono tassati, mentre non vengono pagate imposte al momento del ritiro del denaro accantonato. Un altro aspetto che distingue i conti IRA dai depositi standard è il fatto che i fondi accantonati in un conto IRA non possono essere ritirati prima della fine della vita lavorativa, se non dietro pagamento di una penale. 1

2 a. Gregorio che andrà in pensione fra cinque anni, riceve un bonus di euro al lavoro e deve decidere se accantonare la somma in un conto IRA o in deposito a risparmio di tipo tradizionale. Entrambi i conti prevedono un tasso di interesse nominale del 5% e Gregorio rientra ogni anno nello scaglione di reddito cui è applicata l aliquota del 30% (compreso l anno in cui entrerà in pensione). Mettete a confronto le somme che Gregorio avrà a disposizione fra 5 anni in base a ciascuna delle due strategie di risparmio, al netto di tutte le imposte. Il conto IRA è una scelta valida per Gregorio? 2

3 DATI: - Gregorio riceve oggi euro ed andrà in pensione tra 5 anni. - Sia il conto IRA che quello tradizionale pagano il 5% di interesse. - Gregorio rientra nello scaglione di reddito con aliquota del 30%. - IRA: tassazione al prelievo finale. - Conto tradizionale: tassazione annuale. Conviene depositare in un conto IRA o in uno tradizionale? Guadagno conto IRA dopo un anno: La somma depositata ed i relativi interessi non vengono tassati ï Guadagno dopo 1 anno: (1 + 0,05) Guadagno conto tradizionale dopo un anno: La somma depositata ed i relativi interessi vengono tassati ï Somma depositata: 30% di in tasse 0, = Interessi percepiti: 0,7 ( ,05) = ,035 ï Guadagno dopo 1 anno: ,035 = (1 + 0,035)

4 Anno Conto IRA Conto Tradizionale , , (1,05) (1,035) (1,05) (1,035) (1,05) (1,035) (1,05) 5 = (1,035) 5 = NETTO ,7 = Anno in cui Gregorio va in pensione Tassazione al prelievo finale Nessuna tassazione al prelievo finale Il conto IRA è una scelta valida per Gregorio!! 4

5 b. Vi aspettereste che la disponibilità dei conti IRA aumenti l ammontare che le famiglie destinano al risparmio? Discutete il punto tenendo conto (1) della reazione del risparmio alle variazioni del tasso di interesse reale e (2) delle teorie del risparmio incentrate sui fattori psicologici. Abbiamo visto che a parità di tassi di interesse e di aliquote fiscali, il conto IRA è più vantaggioso di un deposito a risparmio. Ma come l introduzione dei conti IRA influenzerà il risparmio se il tasso di interesse reale, r, aumenta? Se r ï rendimento del risparmio. Questo tende a far sì che gli individui siano più disposti ad accantonare fondi. Tuttavia esiste un altra forza che agisce nella direzione opposta. Se una famiglia vuole accumulare una somma precisa, un r più alto le permette di raggiungere l obiettivo risparmiando di meno. Tale effetto può controbilanciare l dei risparmi complessivi. 5

6 Se teniamo conto dei fattori psicologici, l introduzione dei conti IRA aumenterà il risparmio delle famiglie? Un aspetto importante dei conti IRA è che i fondi accantonati in un conto IRA non possono essere ritirati prima della fine della vita lavorativa, se non dietro pagamento di una cospicua penale. Questa penale dovrebbe esercitare un effetto di disincentivo ad utilizzare prima i risparmi accantonati in conto IRA ï Un individuo che vuole mantenere l'autocontrollo (e non sperperare i risparmi accumulati) può decidere di accantonare una parte del proprio reddito in un conto IRA. Questo potrebbe portare ad un aumento delle risorse risparmiate! 6

7 Capitolo 22 Problema 1 (p. 529) Durante la seconda guerra mondiale, un soldato dell Alleanza di nome Robert Radford trascorse diversi anni in un vasto campo per prigionieri di guerra tedesco. All epoca più di prigionieri vi furono detenuti, alcuni liberi di muoversi all interno della struttura. In seguito Radford scrisse un resoconto delle sue esperienze. Descrisse il modo in cui si sviluppava un economia nel campo, all interno del quale i prigionieri si scambiavano cibo, vestiti e altri articoli. Ci si scambiavano anche servizi, come il taglio di barba e capelli. In mancanza di monete cartacee, i prigionieri iniziarono ad utilizzare le sigarette (fornite mensilmente dalla Croce Rossa) come moneta. Si fissavano i prezzi e i pagamenti avvenivano in sigarette. 7

8 a. Nel campo di Radford, in che modo le sigarette svolgevano le tre funzioni della moneta? Mezzo di scambio: le sigarette venivano utilizzate per scambiarsi beni e servizi. Unità di conto: i prezzi delle varie merci erano quotati in numero di sigarette. Riserva di valore: le sigarette venivano accumulate per usi futuri. 8

9 b. Perché i prigionieri utilizzavano sigarette come moneta invece di altri articoli come cioccolato o paia di stivali? - Relativamente durevoli (al contrario di beni quali la cioccolata). - Valore unitario abbastanza basso: potevano essere usate come mezzo di transazione per acquisti di valore modesto (al contrario degli stivali). - Portabilità: erano più facili da trasportare e non erano ingombranti come gli stivali. c. Un prigioniero non fumatore sarebbe stato disponibile ad accettare sigarette in cambio di un bene e servizio all interno del campo di Radford? Sì perché poteva poi utilizzarle per acquistare a sua volta altri beni e servizi. 9

10 Capitolo 22 Problema 5 Quando una banca centrale incrementa le riserve bancarie di 1 euro, l offerta di moneta aumenta di più di 1 euro. La quantità di extra moneta creata quando la banca centrale incrementa le riserve bancarie di 1 euro prende il nome di moltiplicatore della moneta. a. Spiegate perché il moltiplicatore della moneta è in genere maggiore di 1. In quale caso particolare sarebbe pari a 1? In un sistema bancario nel quale il rapporto riserve-depositi è inferiore all unità, le banche prestano ai propri clienti parte dei depositi. Il credito bancario genera offerta di moneta in quanto una parte di questi prestiti viene di nuovo immessa nel sistema bancario e riutilizzata dalle banche per ulteriori prestiti. 10

11 Anche se ogni singola banca presta solo una frazione dei suoi depositi, trattenendone una quota (le riserve), il sistema bancario nel suo complesso riesce a realizzare l espansione multipla della moneta finché viene raggiunto il rapporto riserve-depositi desiderato. ï Deve valere la seguente relazione: Riserve Bancarie Depositi Bancari = Rapporto riserve - depositi di equilibrio Da cui Riserve Bancarie Rapporto riserve - depositi di equilibrio = Depositi Bancari 11

12 Riserve Bancarie Rapporto riserve - depositi di equilibrio = Depositi Bancari Se rapporto riserve-depositi < 1 ogni euro di riserve supporta diversi euro di depositi. Pertanto un euro extra di riserve aumenta l offerta di moneta di diversi euro il moltiplicatore della moneta è maggiore di 1. Solo se rapporto riserve-depositi = 1 (cioè le riserve sono pari al 100% dei depositi) il moltiplicatore è pari a 1. 12

13 b. L offerta di moneta iniziale è pari a 1000 euro, di cui 500 sotto forma di moneta detenuta dal pubblico. Il rapporto riserve-depositi di equilibrio è 0,2. Determinare l incremento nell offerta di moneta associato con aumenti nelle riserve bancarie pari a 1, 5 e 10 euro. Qual è il moltiplicatore della moneta in questa economia? Se l offerta iniziale di moneta è 1000 di cui 500 rappresentano il circolante in moneta ï depositi = 500 Le riserve sono pari al 20% dei depositi: 0,2 500 = 100. Se le riserve di 1 î i depositi aumentano da 500 a: 101/0,2 = 505 l offerta di moneta aumenta di 5 Se delle riserve = 5 î dei depositi = 105/0,2 = 525 Se delle riserve = 10 î dei depositi = 110/0,2 =

14 b. L offerta di moneta iniziale è pari a 1000 euro, di cui 500 sotto forma di moneta detenuta dal pubblico. Il rapporto riserve-depositi di equilibrio è 0,2. Determinare l incremento nell offerta di moneta associato con aumenti nelle riserve bancarie pari a 1, 5 e 10 euro. Qual è il moltiplicatore della moneta in questa economia? Se l offerta iniziale L espansione di moneta èdell offerta 1000 di cui di 500 moneta è pari a rappresentano il circolante 5 volte quella in moneta delle riserve ï depositi bancarie = 500 ï Le riserve sono pari Il moltiplicatore al 20% dei depositi: della moneta 0,2 500 è pari = 100. a 5 Se le riserve di 1 î i depositi aumentano da 500 a: 101/0,2 = 505 l offerta di moneta aumenta di 5 Se delle riserve = 5 î dei depositi = 105/0,2 = 525 Se delle riserve = 10 î dei depositi = 110/0,2 =

15 c. Trovate una regola generale per calcolare moltiplicatore della moneta. Se le riserve aumentano di 1 unità: Δ dep = Δ unitaria riserve [1/(rapporto riserve-depositi)] Quindi: moltiplicatore = 1 / (rapporto riserve-depositi) [Infatti, nel nostro esercizio: 1/0,2 = 5 è il moltiplicatore monetario] d. Supponete che la BCE voglia ridurre il moltiplicatore della moneta, magari perché ritiene che il cambiamento le permetterebbe un maggior controllo sull offerta di moneta. Quali azioni potrebbe intraprendere la BCE per raggiungere tale obiettivo? Aumentare la riserva obbligatoria perché così facendo riduce il valore del moltiplicatore. 15

16 Capitolo 23 Problema 1 (p. 549) Simone acquista un obbligazione di nuova emissione della Amalgamated S.p.a., del valore di 1000 euro. Il titolo prevede un pagamento di 60 euro alla fine sia del primo che del secondo anno e viene rimborsato a 1060 euro alla scadenza, alla fine del terzo anno. a. A quanto ammontano la somma capitale, la durata, il tasso della cedola e il pagamento della cedola del titolo di Simone? Somma capitale (ammontare prestato in partenza): Durata: 3 anni 1000 euro Tasso della cedola (tasso di interesse promesso all atto di emissione): 6% (60 euro rappresentano il 6% di 1000 euro) Pagamento della cedola (versamento interessi periodici): 60 16

17 b. Dopo avere incassato la seconda cedola (alla fine del secondo anno) Simone decide di vendere il titolo. A quale prezzo può aspettarsi di venderlo, se al momento il tasso di interesse annuo è pari al 3%? Se fosse l 8%? Il 10%? Alla fine del secondo anno, l unico pagamento rimanente è quello del rimborso finale di 1060 pagabile dopo un anno. Se il tasso d interesse annuo è il 3%, il prezzo massimo cui Simone può vendere il titolo (P B ) è dato dal valore attuale del rimborso finale: P B = 1060/1,03 = 1029 Se il tasso fosse l 8% ï P B = 1060/1,08 = 981 Se il tasso fosse il 10% ï P B = 1060/1,10 = 964 N.B. Il prezzo del titolo all del tasso di interesse. 17

18 c. Riuscite ad immaginare un motivo per cui il prezzo del titolo di Simone dopo due anni potrebbe scendere sotto i 1000 euro, anche se il tasso di interesse di mercato è uguale a quello della cedola? Una possibilità può essere legata al fatto che notizie di insolvibilità finanziaria o possibile bancarotta della società emittente incrementano la rischiosità del titolo facendo temere che il pagamento finale di 1060 non avvenga. In tal caso, anche se il tasso di interesse di mercato è pari a quello della cedola, gli investitori chiederebbero un premio per il rischio più elevato, con la conseguenza che il prezzo del titolo calerebbe. 18

19 Capitolo 23 Problema 4 Avete 1000 euro da investire e state considerando l eventualità di ripartirli fra le azioni emesse da due società, la Donkey S.p.a. e la Elephant S.p.a. I titoli della prima avranno un rendimento del 10% se le elezioni saranno vinte dal centro sinistra, evento che prevedete abbia il 40% di probabilità di verificarsi; altrimenti il loro rendimento sarà nullo. I titoli della seconda avranno un rendimento dell 8% in caso di vittoria della coalizione di centro destra (con una probabilità del 60%), altrimenti sarà nullo. a. Se siete preoccupati unicamente di massimizzare il rendimento medio atteso, a prescindere dal rischio, in che modo dovreste investire i vostri 1000 euro? 19

20 DATI: - Titoli della Donkey S.p.a.: rendimento del 10% se vince il centro sinistra la cui probabilità è 40%; altrimenti nullo. - Titoli della Elephant S.p.a.: rendimento dell 8% se vince il centro destra la cui probabilità è 60%; altrimenti nullo. Come investire i 1000 in modo da massimizzare il rendimento medio atteso? Il rendimento medio atteso dell investimento in titoli della Donkey S.p.a. è pari a: 0,10 0, ,60 = 0,04 = 4% Il rendimento medio atteso dell investimento in titoli della Elephant S.p.a. è pari a: 0,08 0, ,40 = 0,048 = 4,8% ï Per massimizzare il rendimento medio atteso bisogna investire in titoli della Elephant S.p.a. 20

21 b. Qual è il rendimento atteso se investite 500 euro in ciascuno dei due titoli? (Suggerimento: considerate a quanto ammonterà il rendimento percepito in caso di vittoria del centro sinistra e del centro destra, quindi valutate ciascun risultato in base alle probabilità che il relativo evento si verifichi). Se vince il centro-sinistra il rendimento dell investimento è: 0, = 50 Se vince il centro-destra il rendimento dell investimento è: 0, = 40 ï Il rendimento atteso della strategia di investimento è: 50 0, ,60 = 44 (4,4% di 1000 ) 21

22 c. La strategia consistente nell investire 500 euro in ciascuno dei due titoli non offre il massimo risultato possibile per quanto riguarda il rendimento medio atteso. Perché potreste sceglierla in ogni caso? Se si investono 500 in ciascun titolo il rendimento medio atteso è del 4.4% (44 ). Se invece si investono tutti i 1000 nei titoli della Elephant S.p.a., il rendimento medio atteso è del 4.8% (48 ). Sebbene il rendimento medio atteso della prima strategia sia minore di quello della seconda, potremmo scegliere di investire metà del capitale in ogni titolo per diversificare il rischio: questa strategia presenta un rischio minore: sia che vinca il centro sinistra sia che vinca il centro destra, otterremmo un rendimento ragionevolmente alto. 22

23 d. Ideate una strategia di investimento che garantisca un rendimento pari almeno al 4,4%, indipendentemente da quale partito vincerà le elezioni. Garantirci il 4,4% di 1000 significa assicurarci 44. Indichiamo con y la somma da investire nei titoli della Elephant S.p.a. [cosicché (1000 y) sarà la somma da investire nei titoli della Donkey S.p.a.]. Vogliamo che: 0,08 y + 0 (1000 y) = 44 ï y = 44/0,08 = 550 Se investiamo 550 euro nei titoli della Elephant S.p.a. e i restanti 450 nei titoli della Donkey S.p.a. otteniamo: 0, = 44 se vince il centro destra e 0, = 45 se vince il centro sinistra. 23

24 e. Mettete a punto una strategia di investimento non rischiosa, nell ambito della quale il rendimento della vostra somma di 1000 euro sia assolutamente indipendente dal risultato elettorale. Un individuo fortemente avverso al rischio preferirà ottenere un rendimento identico e non dipendente dalla competizione elettorale: 0,08 y = 0,10 (1000 y) ï 0,18 y = 100 ï y = 100/0,18 = 555,56 La somma da investire nella Elephant S.p.a. è 555,56 I restanti 444,44 vanno investiti nella Donkey S.p.a. per un rendimento atteso (certo) della strategia pari al 4,4%: 0,08 555, = 44 se vince il centro destra e 0,10 444, = 44 se vince il centro sinistra. 24

25 Capitolo 23 Problema 6 In che modo ciascuna delle seguenti transazioni incide (1) sull avanzo o disavanzo della bilancia commerciale e (2) sugli afflussi o deflussi di capitali in Italia? Dimostrate che in ogni situazione si conferma valida l identità secondo la quale la somma del saldo della bilancia commerciale e degli afflussi netti di capitali è pari a zero. a. Un esportatore italiano vende software a Israele, utilizzando gli shekel ricevuti per acquistare azioni di una società israeliana. La vendita di software in Israele crea un surplus commerciale (exp. > imp. ï saldo NX > 0). L acquisto di azioni dalla società israeliana rappresenta un deflusso di capitali della stessa entità (saldo KI < 0). NX = KI ï saldo BdP 0 25

26 b. Una società messicana impiega i proventi ottenuti dalla vendita di petrolio all Italia per acquistare titoli del debito pubblico italiani. L importazione di petrolio dal Messico crea un deficit nella bilancia commerciale (NX<0) che viene compensato da un acquisto di titoli italiani (KI>0, afflussi netti di capitale) c. Una società messicana utilizza i proventi della vendita di petrolio all Italia per acquistare attrezzature per la trivellazione di pozzi petroliferi da un impresa italiana. L importazione di petrolio dal Messico viene compensata da un eguale variazione delle nostre esportazioni. NX = 0 = KI ï saldo BdP 0 26

27 d. Una società messicana riceve euro per la fornitura di petrolio all Italia. Un impresa inglese accetta euro come pagamento di attrezzature per le trivellazioni petrolifere e li utilizza per acquistare titoli del debito italiani. L importazione di petrolio dal Messico crea una variazione negativa delle esportazioni nette (NX<0). L acquisto dei titoli del debito italiani (KI>0) da parte dell impresa inglese pareggia la bilancia dei pagamenti. e. Un investitore finanziario britannico stacca un assegno sul conto bancario che detiene a Milano per acquistare azioni della Fiat (società italiana). La bilancia commerciale non subisce alcun effetto: le transazioni coinvolgono attività finanziarie nazionali (deposito bancario a Milano e titoli azionari Fiat) 27

28 Capitolo 24 Legge di Okun Esame del Domanda 16 Nell economia di Faccenda vale la legge di Okun e il tasso di crescita tendenziale del PIL reale è dell 1%. Per ridurre dall 8 al 6% il tasso di disoccupazione, quale dovrebbe essere la crescita del PIL? Secondo la legge di Okun: ogni punto percentuale in più di disoccupazione ciclica si associa a un aumento di 2 punti percentuali del gap di produzione. Una implicazione della legge è che: per ridurre la disoccupaz. ciclica dell 1%, il tasso di crescita del PIL reale deve aumentare del 2%. Noi vogliamo ridurre u del 2% (portarlo dall 8% al 6%). Quindi, di quanto deve crescere il PIL reale? Del 4% portandosi dall 1% iniziale a 1% + 4% = 5%. 28

29 Capitolo 25 Problema 6 (p. 604) Un economia è inizialmente in uno stato di piena occupazione, ma una diminuzione degli investimenti programmati (componente della spesa autonoma) la spinge in recessione. Supponete che MPC = 0,75 e che, perciò, moltiplicatore = 4. a. Qual è la dimensione del gap recessivo dopo il calo degli investimenti programmati? Innanzitutto notiamo che, dato che MPC = 0,75, in effetti il moltiplicatore = 1/(1 0,75) = 1/0.25 = 4 Inizialmente non c è alcun gap di produzione (Y = Y*). Poi I p ï la spesa programmata (PAE) e Y Di quanto varia PAE? ΔPAE = 4 ΔI p ES: se ΔI p = 10 ï ΔPAE = 40 29

30 b. In che misura il governo dovrà modificare la spesa pubblica per riportare l economia in piena occupazione? Dovrà aumentare G fino a causare una variazione della spesa autonoma uguale ma di segno opposto a quella causata da ΔI p Poiché ΔPAE = 4 ΔG î ΔG = ΔPAE /4 (ES: ΔG = 40/4 = 10) c. Alternativamente, in che misura il governo dovrà modificare le imposte? Dovrà ridurre T fino a causare una variazione della spesa autonoma uguale ma di segno opposto a quella causata da ΔI p (N.B. T agisce su PAE solo attraverso C) Poiché ΔPAE = 4 ΔC e ΔC = MPC ( ΔT) î ΔPAE = 4 [MPC ( ΔT)] = 4 0,75 ( ΔT) = 3 ( ΔT) î ( ΔT) = ΔPAE / 3 (ES: 40/3 = 13,3) Riduzione richiesta T (=13,3) > Aumento richiesto G (=10) 30

31 d. Supponete che il bilancio pubblico sia inizialmente in equilibrio (G = T). Una legge sul pareggio di bilancio vieta al governo la creazione di un deficit. Esiste qualcosa che i responsabili della politica fiscale possono fare al fine di ripristinare la piena occupazione senza violare la legge sul pareggio di bilancio? No, perché sia un aumento della spesa pubblica che una riduzione delle imposte darebbero luogo a un deficit del bilancio pubblico. 31

Capitolo 13 Problema 6

Capitolo 13 Problema 6 Capitolo 13 Problema 6 In Italia il supermercato Emme Grande ha 2 casse e 4 dipendenti (tutti con le stesse competenze). Il proprietario del supermercato decide che in ogni corsia vi sia una persona alla

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2004-5) Esercitazioni - Macroeconomia. Capitoli dal 15 al 18

Corso di Economia Politica (a.a. 2004-5) Esercitazioni - Macroeconomia. Capitoli dal 15 al 18 Corso di Economia Politica (a.a. 2004-5) Esercitazioni - Macroeconomia Sezione 2: Macroeconomia Capitoli dal 15 al 18 Capitolo 15: Problemi 2, 4; Capitolo 16: Problemi 1, 5; Capitolo 17: Problemi 1, 4,

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 21, 22 e 23. Dott.ssa Rossella Greco

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 21, 22 e 23. Dott.ssa Rossella Greco Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Macroeconomia sui capitoli 21, 22 e 23 Dott.ssa Rossella Greco Domanda 1 (Problema 4. dal Cap. 21 del Libro di Testo) a) Gregorio,

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta Domande di ripasso 1. In un sistema a riserva frazionaria il sistema bancario crea moneta perché in genere le banche detengono come riserva solo una parte dei

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company IL SISTEMA MONETARIO Il significato della moneta La moneta è l insieme dei valori che vengono utilizzati regolarmente dagli individui di un economia per acquistare beni e servizi da altri individui. Tre

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

CAPITOLO 5 L economia aperta

CAPITOLO 5 L economia aperta CPITOLO 5 L economia aperta Domande di ripasso 1. Nel testo abbiamo mostrato che è possibile riscrivere l identità contabile del reddito nazionale come: S I In questa forma l identità contabile del reddito

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 22 La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea In questa lezione La moneta e le sue funzioni: come si misurano gli aggregati monetari banche commerciali e creazione di moneta Il ruolo della

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI Economie aperte o chiuse Un economia chiusa è un economia che non interagisce con altre economie nel mondo. Non ci sono esportazioni, non ci sono

Dettagli

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale.

Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico generale. Esercizi di Macroeconomia PARTE I: ECONOMIA CHIUSA SENZA DEBITO Una tipica richiesta degli esercizi di Macroeconomia è il calcolo del reddito (Y) e del tasso d'interesse (i) d'equilibrio macroeconomico

Dettagli

LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA

LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA 0 Inflazione e tassi di interesse Tasso di interesse nominale, i non tiene conto dell inflazione Tasso di interesse reale, r invece tiene conto dell inflazione: r

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU)

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU) Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management Anno accademico 2014/2015 Macroeconomia (9 CFU) Notizie pratiche Orari: lunedì 14.00-17.00 (3-4 ore accademiche) venerdì 14.00-17.00 (3-4 ore

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Capitolo 18. La politica fiscale

Capitolo 18. La politica fiscale Capitolo 18 La politica fiscale Definizioni istituzionali La politica fiscale è determinata dall insieme delle entrate e spese del settore pubblico. Occorre quindi definire il settore pubblico Amministrazioni

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

7. Il mercato della moneta

7. Il mercato della moneta 7. Il mercato della moneta 7.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta un flusso

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

La tassazione delle attività finanziarie. 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14

La tassazione delle attività finanziarie. 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 La tassazione delle attività finanziarie 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile -

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Capitolo 4 Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima Che cos è la

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta Prof. Gianmaria Martini Mercati in economia aperta Sino ad ora abbiamo

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 la moneta Moneta come mezzo di pagamento strumento che agevola gli scambi A seconda dei diversi gradi di minimizzazione dei costi di detenzione e di trasferimento si hanno:

Dettagli

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 2 Il prodotto nazionale e la spesa aggregata Obbiettivo della macroeconomia Uno degli obbiettivi più importanti della macroeconomia è quello di spiegare come si determina il PIL e quali sono le cause

Dettagli

Sistema di contabilità nazionale

Sistema di contabilità nazionale Sistema di contabilità nazionale Registra il valore del reddito nazionale che risulta dalla produzione e dalla spesa I produttori percepiscono reddito dagli acquirenti, che spendono per l acquisto di beni

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti)

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti) Esame di Politica economica internazionale Parte 1 A scelta tra a) o b) (risposta esatta vale 10 punti): a) Sulla base della bilancia dei pagamenti incompleta della Ecolandia (in miliardi di dollari):

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Equivalenza economica

Equivalenza economica Equivalenza economica Calcolo dell equivalenza economica [Thuesen, Economia per ingegneri, capitolo 4] Negli studi tecnico-economici molti calcoli richiedono che le entrate e le uscite previste per due

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

L evasione fiscale in un modello di circuito monetario Home Page

L evasione fiscale in un modello di circuito monetario Home Page L evasione fiscale in un modello di circuito monetario Roma, 2 febbraio 2007 Paolo Di Lorenzo Pagina 1 di 28 Introduzione alla Teoria del Circuito Monetario (TCM); Il ruolo del settore pubblico; Presentazione

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI L OFFERTA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA BASE MONETARIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA RISERVA OBBLIGATORIA -------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Capitolo 15. La controversia sui dividendi. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri.

Capitolo 15. La controversia sui dividendi. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri. Principi di finanza aziendale Capitolo 15 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri La controversia sui dividendi Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 15-2 Argomenti trattati

Dettagli

Attività finanziarie

Attività finanziarie Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile - Regimi di imposizione alternativi: Risparmio individuale, risparmio amministrato, risparmio individuale

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Bilancia dei Pagamenti e il modello Mundell e Fleming

Bilancia dei Pagamenti e il modello Mundell e Fleming Corso di Economia Politica Bilancia dei Pagamenti e il modello Mundell e Fleming Prof. Stefano Papa Bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti registra il valore delle transazioni tra residenti e

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI LA DOMANDA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA MONETA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 2 LA TEORIA QUANTITATIVA

Dettagli

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa

Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Prodotto interno lordo (PIL) Composizione dal punto di vista della spesa Il PIL è la somma dei valori monetari del consumo (C), dell investimento lordo, della spesa pubblica per beni e servizi (G) e delle

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 3 La moneta e la politica monetaria Moneta Qualsiasi mezzo di pagamento generalmente accettato per lo scambio di beni e servizi e per l estinzione dei debiti Ciò che importa non è il materiale usato

Dettagli

5. La controversia sui dividendi

5. La controversia sui dividendi 15-1 Tratte dal libro Principi di finanza aziendale 5. La controversia sui dividendi IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Attenzione: I lucidi sono incompleti potranno essere completati

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Macroeconomia II a parte

Macroeconomia II a parte Macroeconomia II a parte Prof. Ing.. Giovanni Perrone Production Engineering Research WorkGROUP Agenda Risparmio ed investimento; Propensione al consumo e al risparmio; Propensioni marginali; La determinazione

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari

Tassi di cambio e mercati valutari Tassi di cambio e mercati valutari Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati dei cambi La domanda di valuta e di altre attività Un modello dei mercati valutari

Dettagli

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle;

1. acquisire piena consapevolezza dei propri bisogni finanziari prioritari e delle risorse (presenti e future) disponibili per raggiungerle; Adotta un metodo Come già detto precedentemente ancor prima di valutare la validità di un investimento si rende necessaria maturare la chiarezza degli intenti che ci prefiggiamo e la modalità da adottare

Dettagli

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO Capitolo I 11 1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO I fenomeni macroeconomici si manifestano attraverso grandezze monetarie, registrate in appositi schemi contabili il cui insieme

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli