DALLA TAV ALLA RIFLESSIONE SUL MODELLO DI SVILUPPO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DALLA TAV ALLA RIFLESSIONE SUL MODELLO DI SVILUPPO"

Transcript

1 AZIONE CATTOLICA ITALIANA Presidenza diocesana - Susa L'Azione cattolica della diocesi di Susa (Piemonte) esprime solidarietà alle associazioni diocesane delle regioni Calabria e Sicilia, assicurando la preghiera continua perchè il Signore dia loro forza in una lotta così difficile contro un male così subdolo ( per lo meno, questo è quel che si riesce a cogliere vivendo a molti chilometri di distanza). Come associazione di laici non possiamo non interessarci di tutti i problemi che affliggono e causano sofferenza alle persone che ci stanno accanto, proprio nello spirito del Concilio Vaticano II "...non vi è nulla di genuinamente umano che non trovi eco nel nostro cuore" (GS ) Noi desideriamo essere particolarmente vicini a tutte le persone che intendono vivere nella libertà e nella legalità...tanto più che anche nella nostra diocesi gravano seri problemi che rischiano di compromettere il territorio e la salute di chi vi abita: sul nostro territorio infatti si vuole costruire l'opera colossale della linea ferroviaria ad alta velocità / capacità. A tale proposito vi invio una documentazione e riflessione di un membro dell'ac di Acqui (Piemonte). Vi ringrazio per l'attenzione e auguro a tutti: buon lavoro Rosanna Bonaudo, presidente diocesano AC Susa DALLA TAV ALLA RIFLESSIONE SUL MODELLO DI SVILUPPO di Claudio Riccabone 1 Cari amici, la questione TAV sta evidenziando tutta la complessità e le contraddizioni del modello di "sviluppo" del mondo occidentale. Sebbene con ritrosia, ne parlo perché sono stato direttamente coinvolto (ancorchè molto marginalmente) in passato, da un punto di vista professionale, sia in una fase di studi propedeutici al traforo Torino-Lione, sia per altre opere di questo tipo (TAV Milano-Padova), dove ho potuto sperimentare direttamente l effetto "rullo compressore" che la progettazione, valutazione e costruzione di una tale opera esercita sul territorio. La "battaglia" in corso pertanto, mi interpella profondamente, non solo dal punto di vista tecnico, ma soprattutto (ormai) credo dal punto di vista "etico", se così si può dire Chiedo aiuto e propongo di aprire una sorta di dibattito, anche telematico almeno per ora, non solo su TAV si o no, ma sulle prospettive quantomeno incerte del concetto di sviluppo e di sviluppo sostenibile, e sul concetto di decrescita, con il quale prima o poi saremo obbligati a fare i conti. Alcune note specifiche su TAV Sulla questione TAV credo sia necessario (almeno, io sento forte questo stimolo), per una riflessione completa, distinguere fra gli aspetti tecnici (siano essi di tipo realizzativo, ambientali in senso stretto o di convenienza economico-ambientale) e le problematiche legate ad una critica del concetto attuale di sviluppo, in nome del quale si ritengono necessarie le cosiddette grandi opere. Fra le problematiche tecniche mi pare si potrebbero evidenziare le seguenti, alcune delle quali oggetto di approfondimenti, altre forse un po trascurate dall informazione ufficiale: 1. aspetti strettamente tecnico-costruttivi: presenza o meno di sostanze pericolose amianto, uranio nello smarino delle gallerie; problematiche esecutive di una complessità e difficoltà enormi; creazione di enormi aree da destinare allo stoccaggio dello smarino, che altereranno la morfologia dei luoghi, con creazione di problemi di stabilità dei versanti, come già verificatosi lungo una delle Statali della Valsusa; ecc ; 1 Geologo, per molti anni responsabile parrocchiale e diocesano dell AC di Acqui - Canelli

2 2. problematiche connesse all impatto ambientale, che credo non possano essere sintetizzate nei pur approfonditi e complessi studi predisposti nell ambito delle procedure di VIA. Si pensi, a mero titolo di esempio: - all inevitabile impatto sulle risorse idriche sotterranee (essenzialmente le sorgenti montane), che costituiscono patrimonio di tutti, in particolare in un ambiente come quello montano (la costruenda ferrovia BO-FI insegna molto a tale riguardo); - si pensi alla degradazione di molte aree della valle dove verranno installati i cantieri, per un periodo di tempo stimabile in anni (chi si è fatto un giro lungo la TO-Mi, fino all anno scorso, si è forse fatto un idea di cos è un cantiere TAV); - polveri, fumi, rumore, ecc, in aree "fragili" (piccole borgate, alpeggi, terreni resi coltivabili a fatica ), in un contesto non di pianura, ma di valle, dove insistono già una ferrovia a doppio binario, due statali, un autostrada; - rumore, difficilmente rappresentabile da modelli numerici, in corrispondenza alle 12 "finestre" che si aprono sui versanti, alcune delle quali in corrispondenza a centri abitati; - la possibile dispersione delle polveri di amianto, dalle discariche delle rocce di risulta degli scavi (la valle di Susa è nota per essere una delle più battute dal fhoen); - la distruzione irreversibile di suoli pregiati, in un area dove tale risorsa è già naturalmente limitata. 3. gli aspetti legati al sistema di trasporto delle merci: nonostante le dichiarazioni ufficiali, i dati del sistema dei trasporti attraverso le Alpi indicano una sostanziale sottoutilizzazione delle strutture esistenti (sia ferroviarie che stradali), dell ordine di circa il 35-40% del potenziale totale! E agli attuali trend di crescita, sarebbero richiesti circa 50 anni, per giungere alla saturazione (dati recenti sembrerebbero evidenziare un calo del 9% delle merci transitate per il Frejus!). Si pensi solo che, nel 2002, il volume totale del traffico merci, attraverso i 6 valichi ferroviari delle Alpi (Ventimiglia, Frejus, Sempione, Gottardo, Brennero, Tarvisio), è risultato pari a 43,5 milioni di tonnellate (con un incremento annuo del 3,4% dal 1984); secondo alcune valutazioni economiche (prodotte su incarico della Comunità Montana Bassa Val di Susa dalla società di ingegneria dei trasporti Polinomia), i costi di gestione potrebbero essere a pareggio solo se sulla linea transitassero almeno 40 milioni di tonnellate di merci all anno: praticamente l intero volume di traffico merci ferroviario attualmente esistente attraverso le Alpi (in tutte le direttrici: E-W, S-N, W-E), dovrebbe essere dirottato lungo la Val di Susa. Questo anche secondo i proponenti, per i quali la nuova linea dovrebbe a regime smaltire da 40 a 65 milioni di ton di merci/anno: un modello di sviluppo a crescita continua Ma cosa dobbiamo ancora trasportare, e come? Il passaggio da TAV (trerno ad alta velocità) a TAC (treno alta capacità) riguarderebbe proprio la maggior capacità di trasporto merci: ma che importanza ha guadagnare, su una tratta di 4 o 5 ore, 1 ora di viaggio, se poi le merci stazionano negli interporti per giorni interi? Per quanto riguarda poi la diminuzione del trasporto merci su strada, per il quale la TAV dovrebbe essere la panacea, gli stessi progettisti hanno stimato una riduzione di circa 1% (uno per cento!) del traffico di TIR, in presenza della nuova linea (in effetti, il sistema esistente sulla linea ferroviaria attuale, di trasbordo dei container su treno, risulta del tutto sottoutilizzato ). 4. gli aspetti legati al trasporto passeggeri: tutti gli studi indicano un calo della domanda di lunga percorrenza; inoltre, almeno per la direttrice E-W, le percorrenze medie risultano di circa km. Il collegamento diretto Torino Lyon è stato cancellato per mancanza di passeggeri! I tempi di percorrenza Torino-Parigi (oggi di 5,50 ore) verrebbero ridotti (forse) di 2 ore; l aereo continua a rimanere di gran lunga più veloce e probabilmente più conveniente (ammesso che la velocità sia un obiettivo da perseguire, a qualunque costo!) 5. modalità di finanziamento dell opera: sparita qualsiasi traccia di investitore privato (che si guarda bene dall intervenire in un progetto di questo genere, come il fallimento dell Eurotunnel sotto la Manica, o come il raddoppio in corso d opera dei costi degli altri progetti TAV, hanno dimostrato), il finanziamento deriva (oltre che da un 10% di investimento UE), dalla Società Infrastrutture S.P.A. (ISPA), che potrà indebitarsi con il sistema creditizio, forte della garanzia dello Stato che, nel testo della Finanziaria 2003, si è impegnato a coprire gli oneri per il servizio del debito, qualora gli introiti dei pedaggi non dovessero essere sufficienti. Tutto ciò a partire dall entrata in esercizio della linea: quindi, il momento in cui si faranno i conti (e che conti: si veda sempre il fallimento economico dell Eurotunnel) viene posticipato di almeno anni, e poi dovrà essere mantenuto per i successivi 50 anni: quindi una seria ipoteca sui bilanci futuri dello Stato. Nel

3 frattempo sono interamente a carico dello Stato gli interessi intercalari fino all entrata in esercizio della linea ed il costo di manutenzione ordinaria e straordinaria per il periodo di sfruttamento economico (50 anni). E peraltro doveroso riportare che la stessa Corte dei Conti (Del. n.5/2004/g, 24/02/2004), ha certificato che i ricavi dell attività della linea non saranno sufficienti per rimborsare il debito contratto, per cui lo Stato dovrà intervenire per indennizzare il gestore. Un bel modo per ipotecare il futuro bilancio dello Stato, secondo la logica della privatizzazione dei benefici e la pubblicizzazione dei costi. 6. sottrazione di risorse a RFI (ex Ferrovie dello Stato): il quadro finanziario sopra delineato evidenzia come la gestione ordinaria delle ferrovie italiane risulterà sempre più deficitaria in quanto, per finanziare le grandi opere, si devono necessariamente ridurre i servizi ordinari che, come è noto, sono quelli effettivamente maggiormente utilizzati dalla gente (spostamenti su tratte brevi, treni per i pendolari ), che diventano costantemente più inefficienti e più soggetti a incidenti, come le cronache degli ultimi due anni hanno evidenziato. Ho riportato questo elenco di temi, lungi dall essere esaustivo, solo per provare a dare un idea della complessità delle materie da affrontare, che comunque devono essere portate a conoscenza di tutti. Viceversa, mi sembra che, nonostante la proclamata volontà di trasparenza, la comunicazione pubblica da parte delle società che si occupano della progettazione e realizzazione, risulta proprio deficitaria Dal TAV alla società della crescita Ma oltre a questi aspetti, quello che mi parrebbe più significativo, per il laico cristiano impegnato, è la riflessione sul concetto di sviluppo che sta alla base di questa scelta (come di altre che sono state fatte o che verranno fatte). Non sono certo in grado di addentrarmi in concetti filosofici ed economici, ma un forte stimolo mi viene dall esame, sotto l aspetto delle leggi della fisica, dell idea di mondo sviluppato che la civiltà occidentale continua a proporre (o ad imporre?). E seppure le motivazioni etiche e morali (sostenute dalla fede) sono certamente state alla base delle crescenti perplessità nei confronti di questo modello di sviluppo, mi pare importante considerare anche alcuni aspetti strettamente scientifici, che forniscono delle basi concrete con cui confrontarsi. Il mondo o meglio, l umanità (ed in particolare quella ridotta porzione di umanità che ha accesso e consuma la stragrande maggioranza delle risorse), è diventata uno degli agenti capaci di modificare l ambiente in cui vive: in un tempo brevissimo, se confrontato con il periodo di tempo che ha preceduto la comparsa dell uomo sulla terra, la nostra specie ha alterato in modo radicale tutti gli ecosistemi esistenti, si è riprodotta a una velocità senza precedenti e insieme ha provocato e continua a provocare l'estinzione di numerose specie animali e vegetali. L attività umana sulla terra ha anche modificato la composizione dell'atmosfera fino a generare concentrazioni di gas serra paragonabili, se non addirittura superiori, a quelle che, in passato, posero fine alle glaciazioni. La Terra è così diventata via via più calda, più luminosa e più opaca, con gravi rischi per la nostra civiltà. Siamo noi, nel bene e nel male, la variabile geologica oggi più importante, ed è nostra la responsabilità del futuro del pianeta. (P.J. Krutzen, 2005). E questo grazie ad un modello di sviluppo, la società in cui viviamo, che possiamo definire società della crescita, una società dominata da un'economia improntata al principio della crescita, come obiettivo primario della vita, se non addirittura il solo. Ma una società di questo tipo non può essere sostenibile, in quanto si scontra con i limiti della biosfera. Ma allora, la crescita economica continua è la sola opzione disponibile per vivere bene? Credo che per primi dobbiamo porci questo interrogativo, non come mera speculazione filosofica, ma come possibile paradigma di scelte e comportamenti diversi. C è una visione opposta, che propone di ridurre gli sprechi e fermare prima o poi questa folle corsa verso la crescita continua dei consumi. E vale la pena di confrontarsi con il pensiero di uno dei teorici di questo approccio, così contrario al messaggio mediatico prevalente di oggi: il poco conosciuto matematico ed economista rumeno Nicholas Georgescu-Roegen, scomparso nel totale silenzio nel Il punto fondamentale del pensiero di Georgescu-Roegen è che le leggi dell economia sono convenzioni stabilite dagli uomini e non vanno d accordo con quelle della fisica, stabilite dalla natura. In particolare è il secondo principio della termodinamica a elevare barriere insormontabili contro l illusione di un crescita continua dei consumi (di energia e di materie prime). E il principio dell entropia, che sancisce la degradazione dell energia (e della materia) da forme disponibili per l uomo, a forme non disponibili, o talora dannose (come l inquinamento). La folle corsa ai consumi da parte dell umanità è vista in realtà come un più rapido avvicinamento alla nostra fine, allorché avremo basato l intero nostro stile di vita non su ritmi compatibili con il rinnovamento delle risorse naturali (in ultimo, compatibili con la capacità della

4 fotosintesi di intercettare l energia solare), bensì sul rapace sfruttamento dei limitati forzieri di energia fossile (come i giacimenti petroliferi). A questo vanno aggiunte le considerazioni relative alla cosiddetta impronta ecologica, definibile come l area totale degli ecosistemi terrestri ed acquatici richiesta per produrre le risorse che la popolazione umana consuma ed assimilare i rifiuti che la popolazione stessa produce (W. Rees, 2000). Se si assume l'impronta ecologica, misurata in termini di superficie terrestre, come indice dell'impatto ambientale del nostro stile di vita, i risultati che emergono sono insostenibili, tanto dal punto di vista dell'equità dei diritti di prelievo sulla natura, quanto da quello della capacità di rigenerazione della biosfera. Un cittadino degli Stati uniti sfrutta in media 9,6 ettari di superficie terrestre, un canadese 7,2, un europeo medio 4,5. Siamo lontanissimi dall'uguaglianza planetaria, e più ancora da una civiltà sostenibile, per la quale non potremmo sfruttare più di 1,4 ettari a testa - e per di più con il presupposto che la popolazione rimanga al livello attuale. Questi dati non sono il frutto di qualche testa calda ecologista, ma sono il risultato degli studi compiuti da ricercatori internazionali di altissimo livello, che partecipano al Programma Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP), che pubblicano ogni due anni il Living Planet Report (l ultimo dei quali, da cui provengono questi dati, è del 2004). Allora, per un concetto credibile di sviluppo sostenibile, si tratterebbe di ridurre progressivamente l'impatto ecologico e l'incidenza del prelievo di risorse naturali, per raggiungere un livello compatibile con la capacità di carico accertata del pianeta. E certamente, negli ultimi anni, l'efficienza ecologica è notevolmente migliorata; ma poiché la corsa forsennata alla crescita non si ferma, il degrado globale del pianeta continua ad aggravarsi. Infatti, se da un lato l'impatto ambientale per unità di merci prodotte è diminuito, questo risultato è sistematicamente azzerato dall'aumento quantitativo della produzione: un fenomeno cui si è dato il nome di «effetto rimbalzo». È vero che la «nuova economia» è relativamente più immateriale (o meno materiale); ma essa non viene a sostituire, bensì a completare l'economia tradizionale. E tutti gli indici dimostrano che a conti fatti il prelievo continua ad aumentare (S. Latouche, 2003). E il sistema economico in cui viviamo, allora, improntato al consumismo sfrenato (posso dire sistema capitalistico liberista senza diventare subito posto che sia un insulto comunista o peggio, cattocomunista?), che si mostra incapace di dare un senso alla vita sociale che non sia il consumo, lo spreco, l'accaparramento delle risorse naturali e dei redditi provenienti dall'attività economica e, in fin dei conti, l'aumento delle ineguaglianze. Si ritorna quindi, spero con una consapevolezza maggiore, alla considerazione che il nostro modello di sviluppo non è compatibile con i limiti fisici della terra su cui viviamo e non è compatibile con un equa distribuzione delle risorse fra tutti gli uomini, in altri termini crea ingiustizia. Ecco che il continuare nella logica delle grandi opere, come la TAV, ancorchè coerente con il modello prevalente di società della crescita, mi sembra nasconda l incapacità di proporre altre politiche di sviluppo, altri criteri di valutazione ed indicatori della qualità della vita, che non siano il PIL, il consumo, lo spreco di risorse. Ecco perché la TAV diventa simbolo di una voracità ambientale infinita che le leggi fisiche non permettono più di sostenere a lungo (L. Mercalli, 2004). Allora credo che anche noi dovremmo prendere coscienza di certi problemi, provare ad approfondire certi temi, alcuni dei quali ho provato a riassumere di seguito, a titolo di esempio: 1. quali politiche energetiche esistono oggi, in Italia e nel mondo (chi si occupa della famosa curva di Hubbert, in campo petrolifero? Quali sono le prospettive, per un futuro non molto lontano, in cui i costi di produzione del petrolio supereranno il valore dell olio estratto?...); non solo in termini di fonti alternative (per le quali esistono limiti fisici invalicabili ), ma di riduzione degli attuali, forsennati, consumi; 2. quali politiche dei trasporti, per disincentivare il traffico privato ed il traporto merci: abbiamo bisogno davvero di comprare merci che per arrivare sui banchi dei supermercati devono compiere centinaia di km? 3. quali scelte possibili per superare l anacronistico protocollo di Kyoto, dal valore oramai puramente simbolico, per tentare di invertire l attuale rotta verso una crisi climatica? 4. quali politiche agricole, per convertire l attuale produzione intensiva, che costituisce un drammatico impoverimento dei suoli, e per diminuirne la sua stretta dipendenza dal petrolio? 5. quali politiche alimentari, in un mondo in cui, come negli USA, l 80% della produzione agricola non è consumabile direttamente, ma deve essere processata, quindi con ulteriore consumo di energia e

5 risorse? Ed in cui oltre l 80% della produzione cerealicola non viene utilizzato per scopi alimentari, ma per l allevamento di bestiame, destinato a far crescere gli accumuli di grasso nei corpi obesi degli occidentali? 6. ecc, ecc, ecc, Spero di non aver annoiato troppo, ma da tanto tempo queste cose mi risuonano dentro e l attenzione verso il problema TAV, con tutte le contraddizioni personali che questo comporta, mi è sembrata una buona occasione per gettare questo sassolino nello stagno Claudio Riccabone

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

SULLA TAV ESISTE UNA PROPOSTA

SULLA TAV ESISTE UNA PROPOSTA TRASPORTI 83 NON CHIAMATELA PIÙ TAV di ANDREA DE BERNARDI * ANGELO TARTAGLIA ** La Valle di Susa non è mai stata nemica della ferrovia: da un secolo e mezzo la linea esistente contribuisce alla sua identità

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

LA NUOVA LINEA FERROVIARIA TORINO LIONE (COMPETENZE)

LA NUOVA LINEA FERROVIARIA TORINO LIONE (COMPETENZE) LA NUOVA LINEA FERROVIARIA TORINO LIONE (COMPETENZE) VAL DI SUSA FRANCIA FRANCIA U.E. F-UE F. - I. - U.E. I-UE I-UE ITALIA 2030 2023 2023 2023 2030 NUOVA LINEA TORINO LIONE TUNNEL DI BASE Il Tunnel di

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

Il treno, amico del clima

Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima IL TRENO PROTEGGE IL CLIMA Il treno è il mezzo di trasporto che più di tutti rispetta l ambiente e il clima. Produce basse quantità di gas serra, consente

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

Ferrovie italiane: più sicurezza sulla rete, meno tratte inutili ad alta velocità

Ferrovie italiane: più sicurezza sulla rete, meno tratte inutili ad alta velocità Ferrovie italiane: più sicurezza sulla rete, meno tratte inutili ad alta velocità Per il governo Berlusconi solo grandi opere e tagli alle risorse per la rete esistente Se si cancella il Ponte sullo Stretto,

Dettagli

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l Ing. Mauro Moretti Partecipare ai convegni è sempre un occasione importante di apprendimento. In realtà bisognerebbe sempre fondare le proposte sugli studi, perché le decisioni dovrebbero essere prese

Dettagli

C E CHI DICE NO: ALBERTO PERINO Di Emanuele Bellano

C E CHI DICE NO: ALBERTO PERINO Di Emanuele Bellano C E CHI DICE NO: ALBERTO PERINO Di Emanuele Bellano GIUSEPPE LAGANA Voi avete un servizio dì ordine vostro No, noi non abbiamo nessun servizio d ordine, noi siamo fedeli a quello che diceva Ghandi e Ghandi

Dettagli

Onlus LA POSIZIONE DEL WWF ITALIA SU I TRASPORTI NELL ARCO ALPINO

Onlus LA POSIZIONE DEL WWF ITALIA SU I TRASPORTI NELL ARCO ALPINO Onlus LA POSIZIONE DEL WWF ITALIA SU I TRASPORTI NELL ARCO ALPINO Gli accordi e gli scenari di riferimento Nell affrontare le problematiche legate al trasporto merci nell area alpina vale la pena ricordare

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

IL TRAFFICO DI MERCI ATTRAVERSO LE ALPI IN AUMENTO: FINO A QUANDO?

IL TRAFFICO DI MERCI ATTRAVERSO LE ALPI IN AUMENTO: FINO A QUANDO? IL TRAFFICO DI MERCI ATTRAVERSO LE ALPI IN AUMENTO: FINO A QUANDO? (scheda a cura di Andrea Wehrenfennig, Legambiente Friuli-Venezia Giulia, aggiornata al 15.5.27) In soli 2 anni, dal 198 al, i mezzi pesanti

Dettagli

ANALISI TERMODINAMICA INTEGRATA DEI SISTEMI DI TRASPORTO IN DIVERSI LIVELLI TERRITORIALI

ANALISI TERMODINAMICA INTEGRATA DEI SISTEMI DI TRASPORTO IN DIVERSI LIVELLI TERRITORIALI Dottorato di Ricerca in Scienze Chimiche XVI ciclo ANALISI TERMODINAMICA INTEGRATA DEI SISTEMI DI TRASPORTO IN DIVERSI LIVELLI TERRITORIALI dr. Dipartimento di Chimica, Università degli Studi di Siena

Dettagli

Il principio delle «Autostrade Ferroviarie»

Il principio delle «Autostrade Ferroviarie» Milano 24 Giugno 2014 Il principio delle «Autostrade Ferroviarie» Un tipo di trasporto combinato che consiste nel trasportare, via ferrovia, dei mezzi pesanti stradali come semirimorchi o casse mobili.

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

Anche api punta sul biodiesel

Anche api punta sul biodiesel Anche api punta sul biodiesel Proprio in considerazione dei vantaggi derivati all ambiente (e alla sicurezza) api sta puntando sul biodiesel, perseguendo la strada dello sviluppo sostenibile e la sua missione

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

Economia dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo XI Il collegamento ferroviario Torino-Lione (1) Un esempio di analisi costi-benefici

Economia dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo XI Il collegamento ferroviario Torino-Lione (1) Un esempio di analisi costi-benefici Economia dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013 Modulo XI Il collegamento ferroviario Torino-Lione (1) Un esempio di analisi costi-benefici NO (TAV/NO TAV) Come è noto, la questione della desiderabilità

Dettagli

Un Treno chiamato Verde

Un Treno chiamato Verde 2 Un Treno chiamato Verde IL TRENO VERDE NON CONOSCE CAPOLINEA E QUEST ANNO ARRIVA ALLA SUA DICIANNOVESIMA EDIZIONE. Il Treno Verde è la storica campagna itinerante di Legambiente e Ferrovie dello Stato

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica.

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica. In assenza di una regolamentazione legislativa, i progressi tecnici sono stati usati per produrre automobili più potenti e più inquinanti, piuttosto che per ottenere riduzioni nelle emissioni di CO2. REPORT

Dettagli

VALE IL DISCORSO ORALE

VALE IL DISCORSO ORALE VALE IL DISCORSO ORALE Convegno SUPSI-SIA/TI-ATG-Rotary Club Mendrisiotto AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? «Una rivoluzione per la mobilità e un opportunità per il territorio»

Dettagli

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Trento, 9 novembre 2006 DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327 BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Presidente. Io sono stato più parco nei consumi di tempo e quindi mi ritrovo

Dettagli

PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU

PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU 1 PRESENTACION CONFERENCIA DEL CONSORZIO COOU Buongiorno, oggi siamo qui riuniti in questo Centro Congressi appartenente al Vaticano per discutere la tutela dell'ambiente, in uno dei suoi molti rami, l

Dettagli

Programma Infrastrutture Strategiche

Programma Infrastrutture Strategiche Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Programma Infrastrutture Strategiche 6 Documento di Programmazione Economica e Finanziaria Programmare il Territorio le Infrastrutture le Risorse Giugno 2008

Dettagli

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA 2 Il Gruppo Casillo Sede: Settore: Stabilimenti: Corato (Bari) Trading di cereali e produzione sfarinati per panificazione

Dettagli

Sul binario per il futuro.

Sul binario per il futuro. Sul binario per il futuro. Contenuto 01 Serbare i momenti. Vivere le tradizioni. Pagina 3 Introduzione 02 Rispettare la bellezza. Pensare alle prossime generazioni. Pagina 4 5 Il futuro dell Alto Adige

Dettagli

TAV TORINO-LIONE DOMANDE E RISPOSTE. 1) Perché il Governo ha riconfermato la Torino Lione come opera strategica?

TAV TORINO-LIONE DOMANDE E RISPOSTE. 1) Perché il Governo ha riconfermato la Torino Lione come opera strategica? TAV TORINO-LIONE DOMANDE E RISPOSTE 1) Perché il Governo ha riconfermato la Torino Lione come opera strategica? Il modello di sviluppo perseguito dall Ue è basato sulla crescita della competitività e del

Dettagli

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14

André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 André Gorz Ecologica tr. it. a cura di F. Vitale, Jaca Book, Milano 2009, pp. 160, 14 «Partendo dalla critica del capitalismo, si arriva dunque immancabilmente all ecologia politica, che, con la sua indispensabile

Dettagli

Provincia di Mantova

Provincia di Mantova Page 1 of 5 Provincia di Mantova home / per enti e imprese / Mantovagricoltura n. 1 aprile maggio 2012 / La produzione di energia rinnovabile: un'opportunità o una minaccia per l'agricoltura? La produzione

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

La nostra visione del traffico transfrontaliero di merci e di viaggiatori è ben diversa! Per illustrarla vi abbiamo invitato a questo incontro.

La nostra visione del traffico transfrontaliero di merci e di viaggiatori è ben diversa! Per illustrarla vi abbiamo invitato a questo incontro. Signore e signori, questo cartello, fotografato alla stazione di confine di Domodossola, dice tutto sull attuale situazione nel traffico ferroviario tra l Italia e la Svizzera: Strutture obsolete Impianti

Dettagli

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni di giornate di assenza per malattia (MISA- 2) Persone

Dettagli

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 656/2014/R/GAS MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS Documento per la consultazione

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

DDL - Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AC3012)

DDL - Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AC3012) 2015 DDL - Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AC3012) Audizione del presidente di ASSOPETROLI-ASSOENERGIA Andrea Rossetti Commissioni riunite VI e X Camera Roma, 15 giugno 2015 DDL CONCORRENZA

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA

LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA Il fotovoltaico conveniente PERCHÉ IL FOTOVOLTAICO Questione ambientale, il pianeta soffre degli effetti del surriscaldamento (effetto serra)ogni anno vengono immessi in

Dettagli

La sostenibilità nel pensiero economico. Economia culturale e ambientale Lezione del 1 ottobre 2014

La sostenibilità nel pensiero economico. Economia culturale e ambientale Lezione del 1 ottobre 2014 La sostenibilità nel pensiero economico Economia culturale e ambientale Lezione del 1 ottobre 2014 I CLASSICI Malthus e Ricardo Thomas Malthus (1766 1834) LIMITI ASSOLUTI : lo sviluppo dell economia avrebbe

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

DDL - Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AC3012)

DDL - Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AC3012) 2015 DDL - Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AC3012) Audizione del presidente di ASSOPETROLI-ASSOENERGIA Andrea Rossetti Commissioni riunite VI e X Camera Roma, 15 giugno 2015 DDL CONCORRENZA

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

La teoria Rifiuti Zero

La teoria Rifiuti Zero 1. La visione rifiuti zero: La fine dell era dello spreco Per tutto il XX secolo, i rifiuti sono stati considerati come il termine naturale della produzione industriale, lasciati alla gestione da parte

Dettagli

IL FATTO QUOTIDIANO 04/03/2012

IL FATTO QUOTIDIANO 04/03/2012 IL FATTO QUOTIDIANO 04/03/2012 Tav, vale la pena? "Opera indispensabile" o "soldi buttati". Cifre e tesi a confronto sul forum del Fatto Ma vale davvero la pena di spendere un numero imprecisato di miliardi

Dettagli

STILI DI VITA COSA SONO?

STILI DI VITA COSA SONO? STILI DI VITA COSA SONO? PICCOLE AZIONI PER GRANDI CAMBIAMENTI guardare le cose da un altro punto di vista incentivare una economia pensare a cosa solidale ci rende veramente felici rispettare l ambiente

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

La situazione aggiornata sulla direttrice Lyon-Torino A cura del Circolo Legambiente Vallesusa di Bussoleno.

La situazione aggiornata sulla direttrice Lyon-Torino A cura del Circolo Legambiente Vallesusa di Bussoleno. La situazione aggiornata sulla direttrice Lyon-Torino A cura del Circolo Legambiente Vallesusa di Bussoleno. 1) Introduzione, documentazione e sintesi progetto. 2) Traffici attuali, capacità della linea

Dettagli

ASSESSORE TEMPESTA LUIGINO

ASSESSORE TEMPESTA LUIGINO Il Sindaco-Presidente pone in discussione il presente punto dell o.d.g. e affida la parola all Assessore di Reparto che relaziona nei seguenti termini: ASSESSORE TEMPESTA LUIGINO Le Leggi finanziarie 2002

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

L identità di una università non statale

L identità di una università non statale L identità di una università non statale Rettore dell Università LUMSA (Libera Università Maria Ss. Assunta) di Roma di Giuseppe Della Torre Nell ultimo decennio il numero delle università non statali

Dettagli

Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica

Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica L Italia in Europa: le politiche dei trasporti e della logistica in grado di influenzarne la competitività Torino 25 Giugno 2012 Oliviero Baccelli

Dettagli

Politica fiscale Energia invece dell IVA

Politica fiscale Energia invece dell IVA Politica fiscale Energia invece dell IVA 3 Franco Marinotti Presidente dei verdi liberali del Ticino Un vantaggio per l economia, l ambiente e la società 1. In sintesi Poco più del 40% dell energia elettrica

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

alta velocità per il Ticino?

alta velocità per il Ticino? AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? 24 marzo 2011 SUPSI, Lugano-Trevano Alptransit e le infrastrutture italiane del Nordovest: stato di avanzamento, problemi e prospettive Vittorio

Dettagli

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta 4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta Definendo lo sviluppo come un concetto dinamico, implicante trasformazioni qualitative più che quantitative della società, allora lo studio del

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Intervento Giuseppe Castelli Vice Presidente Assolombarda Seminario LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Sala Falck Assolombarda 10 febbraio 2009 Tutte le relazioni

Dettagli

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Angelo Tartaglia 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 1 Fabbisogno energetico crescente + 1,95% all anno in 25 anni 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 2 Mobilità:

Dettagli

Filosofia e ambiente. Filosofia e ambiente. 28 Marzo 2008. Dott.ssa Isotta Burlin. Dott.ssa Isotta Burlin. Università di Napoli Federico II

Filosofia e ambiente. Filosofia e ambiente. 28 Marzo 2008. Dott.ssa Isotta Burlin. Dott.ssa Isotta Burlin. Università di Napoli Federico II Filosofia e ambiente Filosofia e ambiente 28 Marzo 2008 Filosofia e ambiente Può la filosofia dirci qualcosa riguardo l ambiente, la sicurezza, le tecnologie, anche se è una disciplina che di solito si

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

MONTAGNAUISP - TUTTI IN PARADISO

MONTAGNAUISP - TUTTI IN PARADISO MONTAGNAUISP - TUTTI IN PARADISO Settimana di sport invernali nel Parco Nazionale del Gran Paradiso Noasca, Valle dell Orco 20-27 febbraio 2011 Brevemente l antefatto... Nell ambito delle attività della

Dettagli

Scheda 1 «Mobilità sostenibile» PERCHÉ LA MOBILITÀ DEVE ESSERE SOSTENIBILE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 1 «Mobilità sostenibile» PERCHÉ LA MOBILITÀ DEVE ESSERE SOSTENIBILE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 1 «Mobilità sostenibile» PERCHÉ LA MOBILITÀ DEVE ESSERE SOSTENIBILE GREEN JOBS Formazione e Orientamento Perché la mobilità deve essere sostenibile La mobilità è uno dei problemi più complessi che

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Il progetto TAV dal Brennero a Verona LE 10 RAGIONI DEL NO. Le conseguenze in Trentino

Il progetto TAV dal Brennero a Verona LE 10 RAGIONI DEL NO. Le conseguenze in Trentino Il progetto TAV dal Brennero a Verona LE 10 RAGIONI DEL NO Le conseguenze in Trentino www.notavbrennero.eu 15 marzo 2012 SOMMARIO INTRODUZIONE 1 I PROGETTISTI RACCONTANO CHE 2 E INVECE 2 CONTRO IL PROGETTO

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

TRASPORTI OBIETTIVI INDICATORI. Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti

TRASPORTI OBIETTIVI INDICATORI. Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti OBIETTIVI Stimare le conseguenze ambientali delle emissioni in atmosfera generate dal settore trasporti Quantificare l evoluzione di domanda ed intensità del trasporto Caratterizzare le tecnologie utilizzate

Dettagli

MEMORANDUM DI ALTROCONSUMO AL GOVERNO SUGLI AUMENTI DI PREZZI E TARIFFE Roma 4 settembre 2002 Incontro con il Ministro delle Attività produttive

MEMORANDUM DI ALTROCONSUMO AL GOVERNO SUGLI AUMENTI DI PREZZI E TARIFFE Roma 4 settembre 2002 Incontro con il Ministro delle Attività produttive Associazione Indipendente di Consumatori Via Valassina, 22 20159 Milano Tel 02 668901 Fax 02 66890288 www.altroconsumo.it MEMORANDUM DI ALTROCONSUMO AL GOVERNO SUGLI AUMENTI DI PREZZI E TARIFFE Roma 4

Dettagli

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 Educazione ambientale Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 http://educazioneambientale.ning.com è lo spazio web dove

Dettagli

deterioramento compreso tra il 25% e il 30% del livello di rating. Moody s: 3. Il costo medio del capitale nel nucleare

deterioramento compreso tra il 25% e il 30% del livello di rating. Moody s: 3. Il costo medio del capitale nel nucleare 1. Premessa Una recente analisi dell agenzia di rating Moody s sulle implicazioni finanziarie dell investimento nucleare ci permette alcune riflessioni e confronti con la situazione italiana, dove Enel,

Dettagli

5. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

5. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 5. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Qualche auto in meno, ma il traffico rimane. Dal 1996 al 1999 il parco veicoli di Torino è costantemente aumentato* (tabella 1), mentre nel 2 si è registrata una lieve flessione,

Dettagli

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale di Gabriella De Maio La strategia energetica europea L UE considera l energia come un fattore essenziale

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA)

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) DOSSIER A CURA DEL CENTRO NUOVO MODELLO DI SVILUPPO CON LA COLLABORAZIONE DI LUCA FERRINI (NOVEMBRE 2012) Prologo Ci vantiamo di vivere in un paese

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

IMPRONTA ECOLOGICA, CONSUMISMO E SOSTENIBILITA

IMPRONTA ECOLOGICA, CONSUMISMO E SOSTENIBILITA IMPRONTA ECOLOGICA, CONSUMISMO E SOSTENIBILITA Che cos è l impronta ecologica di una persona? È possibile calcolarla in qualche modo? Il nostro lavoro per SCUOLA 21 Classe 2 OPA febbraio/marzo 2013 Docente:

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi "ricloni" BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO

AMBIENTE RAPPORTO CUNEO 2008. I comuni cuneesi ricloni BRA DOGLIANI MARENE VILLANOVA MONDOVI' FARIGLIANO RACCONIGI MAGLIANO ALPI VERDUNO RAPPORTO CUNEO 2008 AMBIENTE Produzione pro-capite di rifiuti urbani (in Kg) - anni 2004-2006 ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO VERBANO-CUSIO-OSSOLA VERCELLI 2004 2005 2006 I comuni cuneesi "ricloni"

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Mettere a frutto gli investimenti nel servizio ferroviario regionale

Mettere a frutto gli investimenti nel servizio ferroviario regionale Spiriti liberi, Bra Conferenza dibattito Sì al sottopasso automobilistico dei binari. No all interramento della ferrovia Mettere a frutto gli investimenti nel servizio ferroviario regionale Giorgio Stagni

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO DI GEOGRAFIA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO GEOGRAFIA CLASSI PRIME Tecnico Grafico a.s. 2014 / 2015 COGNOME : NOME: CLASSE:. Il

Dettagli

Roma, 22 giugno 2015 STATI GENERALI SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI E SULLA DIFESA DEL TERRITORIO: IL CONTRIBUTO DI CONFESERCENTI. 1 Chi è Confesercenti

Roma, 22 giugno 2015 STATI GENERALI SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI E SULLA DIFESA DEL TERRITORIO: IL CONTRIBUTO DI CONFESERCENTI. 1 Chi è Confesercenti Roma, 22 giugno 2015 STATI GENERALI SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI E SULLA DIFESA DEL TERRITORIO: IL CONTRIBUTO DI CONFESERCENTI 1 Chi è Confesercenti Fondata a Roma nel 1971, la Confesercenti è una delle principali

Dettagli

2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE

2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE 2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE Presentazione del Moderatore dottor Grimaldi: La prossima relazione, l ultima, ha come tema Prospettive e criticità per il legno di castagno. La relazione è svolta

Dettagli

Quale rete ottimale per la distribuzione carburanti in Italia. Davide Tabarelli presidente NE Nomisma Energia

Quale rete ottimale per la distribuzione carburanti in Italia. Davide Tabarelli presidente NE Nomisma Energia Quale rete ottimale per la distribuzione carburanti in Italia Davide Tabarelli presidente NE Nomisma Energia Roma, 02 Aprile 2014 02 Aprile 2014 2 Agenda Crisi economica e crollo dei consumi L impennata

Dettagli

L Eurovignette e l Internalizzazione dei costi esterni: breve storia.

L Eurovignette e l Internalizzazione dei costi esterni: breve storia. I costi del trasporto: I Pedaggi. L Eurovignette e l Internalizzazione dei costi esterni: breve storia. Tra i costi che gravano sull autotrasporto, naturalmente dopo gasolio e costo del lavoro, vanno assumendo

Dettagli

Liberalizzazione del trasporto ferroviario in Italia

Liberalizzazione del trasporto ferroviario in Italia Contributo personale Ing. Patrizio Grillo - Rappresentanza Commissione Europea - D.G. Move (Deputy of Head Unit) Liberalizzazione del trasporto ferroviario in Italia Osservazioni preliminari Nel corso

Dettagli

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI Ing. Manlio Palmarocchi STES SONO ANNI CHE STES, SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI E DEI RISULTATI CHE ARRIVANO DALL ONU ATTRAVERSO L IPCC, UNO

Dettagli

LINEE GUIDA DELLA FAIB PER LA RIFORMA DEI MECCANISMI DI FORMAZIONE DEI PREZZI NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE CARBURANTI

LINEE GUIDA DELLA FAIB PER LA RIFORMA DEI MECCANISMI DI FORMAZIONE DEI PREZZI NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE CARBURANTI LINEE GUIDA DELLA FAIB PER LA RIFORMA DEI MECCANISMI DI FORMAZIONE DEI PREZZI NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE CARBURANTI ROMA MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 19 GENNAIO 2010 La questione dei prezzi

Dettagli