CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL WATERFRONT DI GABICCE MARE: RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL WATERFRONT DI GABICCE MARE: RELAZIONE ILLUSTRATIVA"

Transcript

1 CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL WATERFRONT DI GABICCE MARE: RELAZIONE ILLUSTRATIVA FILOSOFIA E DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO L approccio alla seconda fase del concorso è stato inizialmente impostato sull ascolto: prima di iniziare a sviluppare e confrontare le nostre idee per costruire il progetto, abbiamo preso atto dei giudizi, dei commenti, delle critiche, delle discussioni fatte nelle sedi preposte e nelle sedi informali, delle opinioni di alcune associazioni del territorio, delle indicazioni dei cittadini, espresse anche attraverso il percorso partecipato promosso dalla P.A. di Gabicce. Abbiamo colto anche suggestioni dai lavori dei nostri colleghi-competitori, raccogliendo così lo stimolo che la procedura, struttura in due fasi, ha voluto dare allo sviluppo di proposte progettuali basate sul confronto e la circolazione d idee. Siamo quindi partiti da lontano, indagando il ruolo di Gabicce nel territorio, indagandone l identità, soprattutto nel passato prossimo e recente, e il rapporto con le cittadine limitrofe e con il paesaggio terrestre e marino. Gabicce vuole svilupparsi su un rapporto di complementarietà con ciò che la circonda. Complementarietà intesa come rapporto di scambio, fondato non sulla sottrazione a proprio favore, ma sul dare e ricevere, attivando azioni virtuose proprio a partire dalle contraddizioni interne e dalla competizioni con gli altri territori. Questo vale sia per il rapporto con il territorio naturale sia con le città confinanti e vicine, sia più in generale con l area nord-marchiginana e/o sud-romagnola. Questa complementarietà si declina, per quanto riguarda il territorio naturale in un rapporto di valorizzazione del San Bartolo e del mare, portando a una ricucitura formale, simbolica e materiale fra gli elementi di terra e acqua, attraverso connessioni di reciprocità funzionale e percettiva. Per quanto attiene invece il rapporto con le città limitrofe, l equilibrio pare ancora sospeso tra una volontà di diversificarsi dal modello storico della costa romagnola di turismo massivo e ludico (benchè anche questo in fase di cambiamento profondo, vedi da esempio la wellness valley) e un desiderio di integrarsi in un sistema economico e sociale che porta benessere, investimenti, solidità. Di quest apparente ambiguità, di questo rapporto duplice con il paesaggio naturale e con quello sociale ed economico abbiamo fatto uno dei nodi fondamentali del progetto: la relazione con lo spazio naturale diventa il progetto di naturalizzazione del waterfront, ovvero la linea di ricongiunzione, anzi di non interruzione, che parte dal San Bartolo e arriva al molo a confine con il porto canale; o viceversa, che parte dal molo e, con un moto crescente nel vero senso della parola, ovvero con specie arboree che man mano che ci si dirige a sud-est diventano più alte e selvagge, si propaga verso il San Bartolo, in pochissimo spazio, con un gradiente veloce, vivo e vero. Il rapporto con il territorio circostante e in particolare con la prospicente Cattolica, vuole essere di reciprocità: perciò a Gabicce si intende sviluppare ciò che manca a Cattolica (in termini di funzione, immagine e opportunità), ma con lo scopo di dare a Cattolica, e a quella zona della Romagna, l opportunità di usarlo. E viceversa. Per questo la linea del progetto del waterfront non si ferma sul molo, ma da lì riparte e passa lungo il porto canale, che diventa -o si conferma- una via di passeggio e di ristoranti e bar e quindi di economia del tempo libero anche invernale, e va a congiungersi, passando per il viale della vittoria, viale di accesso alla parte marina della città, a un insieme di percorsi che crea un sistema urbano più chiaro e compiuto, meno indeciso di quanto la città non esprima adesso. 1

2 L altro nodo che ci è parso fondamentale affrontare è quello del rapporto con il mare e con la densità del costruito. Il rapporto però non solo della prima e seconda linea di edifici, ma della città intera. Abbiamo sviluppato e rafforzato per questo l idea di aprire dei canali visivi, che in realità sono degli spazi fisici, che permettano di vedere il mare da diversi luoghi: la creazione delle piazze è dunque la risposta a questa esigenza, e alcune parziali demolizioni, vista anche la bozza di nuovo Piano Strutturale, ci sono sembrate affrontabili sia politicamente sia economicamente, a fronte di una valorizzazione di grande forza. Gabicce non ha grandi possibilità di espansione se non a sud o in densità: l area tra il San Bartolo e il canale della foce del Tavollo si è sviluppata negli ultimi anni proprio in alto e in densità. Pensiamo che in questo momento storico si possa pensare allo sviluppo di una città anche togliendo qualcosa perché le economie non risiedono più solo nella condensazione e aggregazione ma anche nella rarefazione, quando fatta in virtù di una visione e di un progetto. LE IDEE E LE AZIONI PROGETTUALI Le idee di progetto che attuano la filosofia generale sopra descritta sono le seguenti: 1) Qualificare il waterfront come una linea di paesaggio naturale, legando questo spazio al San Bartolo sia idealmente sia fisicamente, includendo nel progetto anche il molo a nord-ovest e chiudendo l anello con il percorso sul lungocanale, su viale della Vittoria e da qui di nuovo verso piazza Giardini Unità d Italia. 2) Realizzare una serie di piazze trasversali rispetto al lungomare, che fungano da elementi di cucitura tra la città e il mare e da luoghi di aggregazione e identità. 3) Ridisegnare le gerarchie della viabilità, abbracciando l ipotesi di rendere la zona a mare della città a forte connotazione pedonale. 4) Conferire al mississipi un ruolo simbolico, insediandovi funzioni e attività che testimonino la visione dello sviluppo della città. Le azioni che traducono le idee in progetto sono le seguenti: IL WATERFRONT Il programma progettuale del waterfront prevede la realizzazione di uno spazio lineare, sostanzialmente complanare alla spiaggia e alla città, con un identità e un linguaggio unitari dal molo sino alle pendici del San Bartolo. Si tratta di uno spazio sia funzionale ai percorsi, sia di riconfigurazione del rapporto tra la città e il mare e la spiaggia: la volontà è di riavvicinare l elemento naturale agli edifici, in modo che uscendo di casa, idealmente si mettano subito i piedi nella sabbia. L attuazione di questo programma è affidata a un insieme di linee intrecciate in cui si sospingono a vicenda i percorsi veloci ovvero essenzialmente i ciclabili, i percorsi lenti e lentissimi, cioè pedonali e per bambini, anziani, persone con difficoltà motorie, e percorsi verdi, linee di erba, arbusti, fusti, sabbia e terra. 2

3 I percorsi saranno più duri quanto più veloci: la ciclabile sarà realizzata stabilizzando, tramite fibre polimeriche e ossidi, un impasto di materiali lapidei locali e sabbia, in modo da conferire la giusta compattezza e durabilità al fondo ma mantenedo un idea di strada bianca. I percorsi lenti e lentissimi invece saranno più morbidi e realizzati con un impasto di polvere di legno e polimeri, per formare un decking in doghe, lastre o superfici, secondo il progetto di dettaglio. La linea di verde sarà realizzata secondo un gradiente che, in funzione della vicinanza al San Bartolo, prevede la variazione delle dimensioni delle specie arboree, in modo che il verde parta dal molo a ovest con arbusti bassi e poco invasivi e, man mano che ci si avvicina al San bartolo, cresca fino a tuffarsi nella macchia esistente, mischiandosi alla vegetazione e diventandone parte. Il disegno del verde, riprendendo gli studi e la poetica di Gilles Clément e di Piet Oudolf è concepito in modo che vi sia una distribuzione lineare e graduale di frutti, fiori e colori lungo il waterfront al trascorrere delle stagioni: abbiamo per questo alternato e accostato le specie in modo da avere periodi di fioritura distribuiti nel corso dell anno e lungo il percorso. 3

4 Lo stesso materiale o la stessa tecnologia utilizzata per i percorsi lenti polvere di legno e polimeripotrà essere utilizzata per la realizzazione delle piastre dei bagni: si propone, infatti, di ripensare il modo di occupare lo spazio della spiaggia da parte degli stabilimenti, tramite la realizzazione di piastre plug&play ortogonali alla battigia e ai percorsi ciclopedonali. Plug&play significa che le piastre saranno attrezzate e cablate in modo da essere utilizzate con la massima semplicità, immediatezza e versatilità possibili da parte dei gestori, istallandovi ciò di cui si ha bisogno. La piastra è dotata di un cavedio che permette il passaggio e la manutenzione dei sottoservizi, che potranno quindi essere adattati alle eventuali rinnovate esigenze dei gestori o alla stagione. Sulla piastra è possibile istallare e aggregare i volumi che ospitano i diversi servizi (cabine, bar, servizi) e sarà possibile istallare anche portali modulari per coprire parzialmente o completamente lo spazio, con teli sia opachi sia trasparenti, in modo da favorire l utilizzo dei bagni anche oltre la stagione estiva. L orditura in senso ortogonale alla battigia, che avevamo già proposto nella prima fase del concorso, è ora confermata ed è frutto della volontà di favorire il rapporto della città con il mare, rapporto che dovrà partire dalle nuove piazze e dai nuovi coni visivi e attraversare, appunto senza ostacoli, la spiaggia e gli stabilimenti balneari. Gli elementi terminali del waterfront sono da un lato il molo con il faro, e dall altro il San Bartolo o il mare, secondo stagione e volontà. Il molo è pensato come un giardino circondato dal mare, tramite la piantumazione di nuovi arbusti, la rigenerazione della superficie di camminamento, pur lasciando il cemento esistente, e la creazione di sedute di legno. La vista dal molo verso il mare e il San Bartolo sarà il contrappunto della vista che si ha della città da monte. Confrontando tra dieci-quindici anni le foto aeree del waterfront con quelle attuali, ci aspetttiamo di vedere una città con qualche vuoto in più e con la linea verde (o rossa o gialla, secondo la stagione) delle piantumazioni del lungomare che hanno attecchito; ci aspettiamo una città che non ha aggredito negli anni a venire l ambiente e il territorio che la ospita e di cui è parte, a differenza di ciò che accade confrontando parte della costa adriatica attuale con quella di venti o dieci anni fa. LE CINQUE (+1) PIAZZE Le cinque piazze costituiscono, insieme al nuovo waterfront di cui sono complemento, l azione più rilevante e più visibile sulla città. Nell intreccio con il lungomare, costituiscono l ossatura del progetto di rinnovamento del rapporto della città con la spiaggia e più in generale con il mare e il San Bartolo. Le piazze incarnano la relazione di apertura di Gabicce verso il mare, sono la cucitura dello spazio costruito con la spiaggia e a loro volta sono collegate e intrecciate dal nuovo disegno del lungomare. Insieme sono trama e ordito. Elementi comuni ai cinque spazi sono la rimozione, l apertura, la pulizia, l importanza della percezione e della socialità, l utilizzo di materiali più possibile locali o di riuso. La piazza del molo è stata in parte già descritta sopra, perché porzione terminale della nuova linea del waterfront. Qui aggiungiamo che, oltre a essere appunto termine del percorso del lungomare, è anche inizio di un altro, che è il percorso che fronteggia Cattolica e la Romagna, lungo il Tavollo. Osservando Gabicce dal porto di Cattolica, si vedrà questa nuova cortina verde, questo spazio ibrido tra un molo e un giardino, che a noi pare rappresentare bene la futura identità di Gabicce, città di mare, di monte, di verde. E soprattutto città, quindi realtà articolata e complessa. Piazza palme è l unica delle cinque che si stende parallelamente al mare, sfruttando uno spazio già esistente, semplicemente riupulendolo da alcune piccole costruzioni e dando ordine e unitarietà 4

5 allo spazio. Si configura come la piazza a mare e può diventare la piazza di ritrovo e degli eventi estivi in quanto obreggiata, aperta sul mare, fresca. Si prevede una pavimentazione realizzata, al pari della pista ciclabile, con uno stabilizzato d inerti e sabbia con fibre polimeriche e ossidi, in modo da avere una pavimentazione cromaticamente armoniosa con l antistante spiaggia. Un operazione più complessa è prevista per le altre due piazze del centro cittadino, ovvero l asse tra la piazza tra via Fiume e via V. Veneto e il mississipi, e la piazza del municipio. Dal punto di vista spaziale, la prima prevede la realizzazione di un asse che collega la piazza con il pontile e l edificio nel mare. La piazza, che già esiste, sarà solamente riordinata dal punto di vista degli arredi, dei materiali, della pulizia percettiva, essendo ora un insieme poco chiaro di dislivelli, gazebo, travi in legno, muretti. Qui per la pavimentazione si può pensare all utilizzo di una pietra calcarea o arenaria: le Marche e la provincia di Pesaro hanno una tradizione storica di estrazione e lavorazione della pietra per l architettura e per la scultura (Sant Ippolito, il Furlo, monte Nerone, per citare alcune località note per la pietra). Il pontile potrà essere recuperato con l uso di doghe in fibra di legno e colla, come per i percorsi lenti del lungomare. Per quanto riguarda poi il Mississipi, abbiamo affrontato l argomento con la consapevolezza che quell edificio rappresenta per la comunità e per la P.A. di Gabicce un luogo identitario che se non opportunamente valorizzato all interno di questo programma vasto di riqualificazione del waterfront, può viceversa diventare un problema di difficile e lunga soluzione. Abbiamo pensato che, come nel passato, quando era luogo di divertimento e svago e rappresentava un certo modello di economia e di vita, dovesse tornare a simboleggiare lo stile di vita attuale di questo tratto di riviera. Ci pare che un nuovo stile di vita sia oggi rappresentato dalla conoscenza e vicinanza con il territorio, dal benessere, da un economia che parte e arriva nei luoghi dove sono prodotti i beni e i servizi, senza per questo arrivare a una concezione identitaria e regionalistica dei luoghi, senza esaltare in maniera ideologica il locale. Per questo abbiamo pensato a un luogo di conoscenza del territorio, che però potesse sostenersi economicamente, e quindi che fosse un impresa, ma con il contributo o il sostegno del pubblico perché di pubblico interesse. Abbiamo pensato che la sdtruttura che potesse soddisfare e tenere insieme queste esigenze è quella di Slow Food. Abbiamo quindi preso contatto con la condotta locale, che fa riferimento a Pesaro, e abbiamo condiviso le nostre idee per capire se ci poteva essere spazio di collaborazione. La condotta ha riposto positivamente: abbiamo pensato a un progetto che prevede l utilizzo di quello spazio per diverse funzioni e imprese legate al cibo e al mare. In primis, un equivalente del mercato della terra, marchio slowfood di mercati cittadini di vendita diretta di prodotti locali. La formula potrebbe essere quella del mercato del mare: le piccole barche che quotidianamente escono a pescare, attraccano nel mississipi e vendono direttamente il pescato del giorno. Saltuariamente, o quotidianamente (dipenderà dalla risposta), sarà possibile allestire spazi e servizi per cucinare all istante il pesce e venderlo come streetfood e/o fingerfood. O cucinarselo da soli. Questo tipo d impresa non andrà in conflitto con i mercati del pesce limitrofi perché avrà una dimensione e un approccio diversi. Saranno solo i piccoli pescatori ad attraccare e per comprare occorrerà percorrere il molo, senza auto. Come spesso accade per le iniziative slowfood, sarà non solo un mercato, ma un modo per conoscere i prodotti del mare e modi di pesca alternativi alla grande distribuzione. Il mercato sarà aperto e anzi valorizzerà anche alcuni prodotti non strettamente locali ma di qualità, come i 70 presidi del mare già esistenti. Accanto a quest attività, l edificio del mississipi potrà ospitare le imprese d indotto, come il piccolo commercio alimentare, prodotti per la pesca e ovviamente incontri, eventi e approfondimenti legati alla conoscenza del mare e del pesce. L Amministrazione potrà ricercare una formula per favorire l avvio d iniziative imprenditoriali, ad esempio calmierando l affitto dello spazio per i primi mesi dell attività. 5

6 Il programma per la piazza del municipio è di natura diversa: qui si propone un gesto di forte rottura con il tessuto costruito tramite la demolizione sia dell edificio che fa da sfondo a viale della Vittoria verso il mare e che ora ospita un hotel, sia la demolizione e ricostruzione degli edifici sulla piazza, compresa la sede del Municipio. In questo modo proponiamo un nuovo spazio e un nuovo disegno che ha come primo effetto quello di, arrivando da viale Vittoria, arteria primaria di accesso alla città sul mare, vedere il mare. Oggi, arrivando a Gabicce, il mare si vede solo scendendo sul lungomare o affacciandosi da piazza Giardini Unità d Itlaia, e questo ci pare un limite enorme. Inoltre, la demolizione del municipio e degli edifici limitrofi permette di liberare lo spazio e creare finalmente una piazza cittadina, anzi diremo civica, perchè la nostra proposta è di ricostruire nello stesso luogo la nuova sede del municipio, integrata con le funzioni in precedenza insediate negli edifici demoliti. La propostà è di realizzare un edificio multifunzione che ospiti sia il Municipio, sia residenze, sia attività ricettive, in una molteplicità di funzioni effettivamente inedita, ma del tutto coerente con il programma progettuale e con la vocazione della città. Sappiamo che la nuova sede del municipio è prevista in via XXV aprile, fuori dalla città sul mare; qui diamo un altra opportunità alla città per ripensare quella posizione, ma affermiamo anche che, qualora il municipio dovesse effettivamente trovare sede fuori dalla piazza, la proposta resta attuabile e valida perché non nasce dalla necessità di trovare collocazione al municipio, ma da un disegno complessivo come lo stiamo qui descrivendo. 6

7 L ultima piazza urbana è quella che prevede la sistemazione di piazza Giardini Unità d Italia. Qui prevediamo un sistema di collegamento verticale delle due quote piazza e lungomare tramite un ascensore inserito nel nuovo disegno della superficie della piazza e tramite una rampa di uscita sul lungomare basso, ricavata a fianco della scalinata ovest. Si tratta di un intervento conservativo di valorizzazione e facilitazione all uso del sistema piazza-scalinata monumentale-lungomare, senza stravolgimenti e interventi invasivi, anche in virtù del suo valore storico. In superficie, nella zona verso monte, è prevista una piccola area a parcheggio come appoggio e compensazione per la viabilità proveniente da viale vittoria o da gabicce monte. E inoltre prevista una pensilina per lo scambio modale con bike sharing e rent-a-bike e un punto informazioni Infine occorre citare un ultimo intervento, che non possiamo definire propriamente piazza, ma che coerentemente con le altre qui descritte, ha funzione di cucitura tra la città e il mare. Si tratta di un molo, ubicato a ridosso del monte San Bartolo, per la pratica di sport acquatici. Da qui si potrà partire per dei giri in barca, per le immersioni, ma anche praticare i tuffi e il birdwatching da una struttura alta ubicata a fine molo. Poi ovviamente surf, kitesurf, ecc.. L idea è quella di creare un luogo vicino alla parte più selvaggia della costa di Gabicce, attrezzato per sport -anche estremilegati al mare, in modo che chi pratica queste attività sia in diretto contatto con il faraglione del San Bartolo e con il mare più aperto, ma non entri in conflitto con le esigenze di coloro che vivono il mare in maniera più tranquilla e urbana. LA VIABILITA La riorganizzazione della viabilità è volta alla creazione di una zona a limitata accessibilità carrabile, che può diventare anche di pedonalizzazione assoluta in determinati periodi dell anno. Per ottenere ciò si è realizzata una micro-circonvallazione carrabile esterna alla città sul mare che parte dal parcheggio su viale della Vittoria, passa attraverso la nuova rotonda e s incanala verso Gabicce monte, atraverso piazza Unità d Italia. In questo modo, di norma il traffico veicolare non entra in città. La prima area di sosta, la più importante, è prevista nel parcheggio esistente tra viale della Vittoria e via Madonna di Loreto. Questo diventa parcheggio e area di scambio modale: qui si può lasciare l auto e prendere la bici o l auto elettrica o andare a piedi, date le distanze modeste. Altri nodi di scambio si trovano nell isocrona dei 4-5 minuti a piedi, ovvero vicinissimi. Ne sono previsti altri tre: uno nella zona del canale, con anche scambio modale con i natanti, uno nella piazza Unità d Italia e l ultimo nella zona del lungomare alto, in modo che tutta la città sia coperta dal servizio. Un secondo piccolo parcheggio è previsto proprio nella zona a monte di piazza Unità d Italia, a fianco della pensilina sede del nodo di scambio e infopoint. La viabilità ciclopedonale è dunque favorita, organizzata e sicura. Oltre ai percorsi dedicati sul lungomare, si prevede la anche realizzazione di un anello ciclabile che dal parcheggio di viale Vittoria, percorre il canale, parte del lungomare, risale in piazza Unità d Italia (è possibile realizzare percorsi di risalita con pendenza pari all 8%) e torna al parcheggio iniziale passando attraverso la nuova piazza del municipio. Infine è stata organizzata anche la viabilità pedonale: all interno della zona a traffico limitato, si valorizzano le direttrici che portano dal porto-canale al lungomare, tramite la creazione delle piazze, che diventano poli attrattori, la creazione del giardino sul molo e la riqualificazione della passeggiata lungo il canale. Questo sistema crea una struttura più complessa rispetto alla dualità lungomarestrade interne, creando più aree di passeggio, socialità e commercio. Nella zona alta della città invece la riqualificazione del sistema spiaggia-lungomare alto e spiaggia-piazza unità d Italia favorisce la fruibilità di questi spazi, oggi confusi a livello percettivo e di uso e difficili da praticare e percorrere. L adeguamento funzionale e architettonico dei percorsi a X di collegamento tra monte e mare, la presenza del molo degli sport d acqua, l abbattimento del lungo volume che oggi crea una 7

8 cesura totale tra sopra e sotto, favoriranno una fruizione continua tra mare, spiaggia, verde e monte. LO SCENARIO FUTURO La proposta progettuale si caratterizza per l alto livello di attenzione riposto all attuabilità degli interventi. Ogni azione o insieme di azioni progettuali (parliamo di azioni progettuali e non solo di progetto perché non si tratta semplicemente di fare qualcosa, ma di programmare investimenti, trovare consenso e poi anche progettare) è stata analizzata dal punto di vista della possibilità e/o difficoltà di attuazione. Abbiamo quindi posto come obiettivo per ogni azione, la sua attuabilità in termini di tempi, costi e complessità, intesa questa come combinazione di interdipendenza da altri progetti e numero di soggetti coinvolti. I livelli di attuabilità (basso-medio-alto) individuati negli schemi riportati in tavola 1 sono certamente arbitrari e in fase esecutiva dovranno essere rivisti in funzione di altre componenti che qui e ora non possono essere conosciute e quindi considerate; ma sono comunque frutto di considerazioni specifiche sulla situazione di Gabicce, sulla dimensione della città, sulla complessità del rapporto pubblico-privato, sull importanza delll economia del turismo, sulla rilevanza economica e sociale delle concessioni demaniali marittime, che sono una ricca porzione dell economia complessiva del territorio. Lo schema non individua solamente una matrice di attuabilità, ovvero quanto è complesso attuare i singoli progetti, ma indaga anche la possibilità di realizzare gli interventi per stralci autonomi, aventi specifica voce di spesa, specifico progetto e specifico percorso tecnico amministrativo. Ne emerge che, ad esempio, le piazze sono realizzabili, con livelli di difficoltà diversi, ognuna in maniera autonoma rispetto alle altre. E così è anche per altre azioni di progetto, come le sisatemazioni della viabilità o le sistemazioni dei waterfront. E evidente che il rischio della parcellizzazione estrema del programma generale risiede nella perdità d identità, nella perdita degli obiettivi e della filosofia generale del progetto: un programma così ambizioso ha bisogno della guida di molti soggetti, dagli amministratori ai progettisti, e di un costante controllo e supervisione. Lo scenario futuro che descriviamo con la nostra proposta determina, nell arco di cinque-dieci anni, alcuni cambiamenti sostanziali: il primo riguarda lo spazio fisico della città di Gabicce, la sua percezione e fruizione da aprte degli abitanti e dei turisti, la sua armonizzazione con il contesto. Il progetto descrive una città con più respiro in temini di spazi urbani: le piazze generano non solo nuovi ambiti di socialità, ma anche una diversa percezione e un diverso modo di fruire e vivere il tessuto urbano, più armonico, più vivo perché pulsante, rispetto alla configurazione attuale, che si connota per un effetto saturazione, soprattutto nella parte di città vicina al mare. Prevediamo una diversificazione e implementazione delle economie della città tramite un ampliamento dell offerta turistica, sia in termini di varietà sia di quantità dell utenza; si apre l offerta a un turismo più giovane grazie allo sviluppo delle attrezzature sportive e all attenzione per l ambiente e il cibo, che sono temi di grande rilevanza e attualità e che generano interesse e attenzione in numero sempre più ampio di persone, non solo in Italia. Come nonto il turismo enogastronomico, ambientale, paesaggistico è una delle risorse che tiene in piedi l economia nazionale, a nostro avviso giustamente perché è una forma di conoscenza consapevole e piacevole allo stesso tempo, non genera effetto turismo di massa, porta ricchezza e risente molto meno della stagionalità rispetto ad altre forme di viaggio e turismo. RI(N)TRACCIARE GABICCE MARCHINGEGNO+FEDERIGO LUZZI+ROBERTA PARI+GIANMARIA SOCCI 8

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

CAMP2ACA. trettari. paesaggisp

CAMP2ACA. trettari. paesaggisp A trettari concorso di d idee per la riqualificazione paesaggisp stica ed urbanisticaa del d sistema dei parchi urbani RELAZIONE ILLUSTRATIVAA PREMESSA L Area centrale del comune di Ciriè ed in particolare

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala SOMMARIO PREMESSA 1 OBIETTIVI DEL CONCORSO 2 INQUADRAMENTO URBANO 2.1 DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL AMBITO

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA Premessa La proposta di un Disegno di Legge che abbia al centro il tema della bellezza trova le sue motivazioni in almeno due obiettivi principali che si vogliono

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n.

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 53 suppl. del 15 04 2015 9 LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. 17 Disciplina della tutela e dell uso della costa. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 SOGGETTO PROMOTORE: F.C. Internazionale Milano Spa, Corso Vittorio Emanuele II 9, 20122 Milano P.IVA 04231750151 (di seguito Promotore ). SOGGETTO

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano

CIPPS MASTERPLAN. Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo. www.pianscairolo.ch. Collina d Oro Grancia Lugano CIPPS Collina d Oro Grancia Lugano Pianificazione intercomunale del Pian Scairolo www.pianscairolo.ch MASTERPLAN MASTE Pian Scairolo Polo di sviluppo strategico dell agglomerato del Luganese CIPPS Commissione

Dettagli

Nuovi ascensori per edifici preesistenti. ThyssenKrupp Elevator Italia

Nuovi ascensori per edifici preesistenti. ThyssenKrupp Elevator Italia Nuovi ascensori per edifici preesistenti ThyssenKrupp Elevator Italia Chiedete il meglio Tecnologia Design Servizio Qualità ThyssenKrupp Elevator Italia offre il proprio know-how tecnico al servizio di

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO

ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO ABITARE GLI SPAZI RESIDUALI. CO-PROGETTAZIONE E AUTOCOSTRUZIONE NEL QUARTIERE DI BARRIERA DI MILANO Relatore Prof.ssa Maspoli Rossella Candidate Campagnolo Romina Panella Marta LA PERIFERIA E I SUOI SPAZI

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli