UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE ED AZIENDALI M.FANNO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT PROVA FINALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE ED AZIENDALI M.FANNO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT PROVA FINALE"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE ED AZIENDALI M.FANNO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT PROVA FINALE IL SISTEMA PENSIONISTICO FRANCESE E ITALIANO A CONFRONTO RELATORE: CH.MO PROF. CESARE DOSI LAUREANDA: AGNESE MINEO MATRICOLA N ANNO ACCADEMICO

2 Indice Introduzione Il sistema pensionistico francese Cenni storici Il sistema attuale La riforma Balladur La riforma Raffarin La riforma Fillon e la riforma del La riforma del Modalità di calcolo della pensione Sistemi complementari obbligatori e regimi speciali I regimi AGIRC e ARRCO Il sistema a punti I regimi speciali Il trattamento fiscale Il sistema pensionistico italiano Cenni storici La riforma Amato La riforma Dini La riforma Maroni La riforma Monti-Fornero TFR vs fondi pensione La legge 243/ Il decreto legislativo 252/ Il trattamento fiscale La sostenibilità dei due sistemi a confronto La questione demografica La spesa pubblica Il livello delle prestazioni Le prospettive..34 Considerazioni finali. 37 Riferimenti bibliografici

3 Introduzione Prendere delle misure radicali per riformare le pensioni? Di che far saltare cinque o sei governi! Così scriveva nel 1991 Michel Rocard, Primo Ministro nominato da Mitterrand nel 1988, nella prefazione al Livre blanc sur les retraites che proponeva prospettive per il sistema pensionistico francese su un orizzonte di vent anni. In Italia, la spesa pensionistica rappresenta una delle voci più importanti nel bilancio dello Stato: per il 2015 è prevista una spesa corrispondente al 15,3% del PIL [DEF 2013] e la spesa risulta consistentemente alta anche negli altri Paesi OCSE. Molti Paesi hanno avviato significative riforme pensionistiche volte a far fronte a condizioni demografiche ed economiche in forte mutamento. Obiettivo comune dei Paesi dell Europa continentale, caratterizzati per lo più da sistemi a ripartizione, è garantire la sostenibilità finanziaria del sistema e al contempo non far gravare in misura eccessiva sulle prossime generazioni i costi della previdenza. Altri Paesi, ad esempio quelli anglosassoni, essendo caratterizzati da sistemi pensionistici pubblici aventi prestazioni più ridotte hanno adottato misure volte a garantire uno standard di vita adeguato alla popolazione in quiescenza ampliando la copertura derivante da regimi privati ed alzando le aliquote contributive. Con il presente elaborato ci proponiamo di fornire un confronto dei sistemi pensionistici italiano e francese. Nel primo capitolo sarà descritto il sistema francese, partendo da cenni storici sulla sua formazione fino ad arrivare alle più recenti riforme. Sarà approfondito in maniera particolare il sistema francese di previdenza complementare obbligatoria, basato sui regimi gestiti da AGIRC ed ARRCO. Nel secondo capitolo sarà invece descritto il sistema pensionistico italiano, anche in questo partendo da cenni storici sugli inizi del sistema fino ad arrivare alle più recenti riforme. Sarà poi trattato brevemente il regime dei fondi pensione in Italia. Nel terzo capitolo concluderemo con un breve confronto concentrandoci sulle prospettive dei sistemi pensionistici italiano e francese. 2

4 1. Il sistema pensionistico francese 1.1 Cenni storici 1 In Francia, i primi sistemi pensionistici sono stati instaurati per categorie professionali particolari legate allo Stato. Nel 1673 fu introdotta, con editto reale, una pensione di vecchiaia per gli ufficiali della Marina, e nel 1790 fu instaurato per legge un regime pensionistico per i funzionari dello Stato che avessero esercitato trent anni di servizio effettivo. Questa legge, che non venne realmente applicata, pose tuttavia i principi generali per i regimi speciali comparsi nella prima metà del XIX secolo. Nel 1831 furono promulgate leggi riguardanti il diritto alla pensione dei militari e dei marinai, fissato rispettivamente a trenta e venticinque anni di servizio effettivo. Successivamente, nel 1850, fu creata la Caisse des retraites pour la vieillesse (futura Caisse nationale des retraites), che unificava la ventina di casse destinate ai funzionari e alla manodopera delle grandi industrie (minerarie, ferroviarie, metallurgiche). Nel 1853 furono unificate le pensioni civili e militari dei funzionari dell amministrazione; il Tesoro assumeva l incarico di versare l insieme delle pensioni dei lavoratori pubblici. In seguito, nel 1894, fu istituito in favore dei minatori un regime di base per capitalizzazione, nel 1909 un regime a favore dei ferrovieri e nel 1910 un regimerivoltoagli operai e ai contadini. La storia spiega la concentrazione di regimi speciali nell ambito del settore pubblico e nazionalizzato. Nel corso del XIX secolo, lo Stato non era il solo datore di lavoro a sviluppare dei regimi pensionistici. Nel settore privato, tuttavia, queste misure riguardavanosolo il personale qualificato, escludendo i soggetti a basso reddito, per i quali la vecchiaia era di fatto sinonimo di miseria. Con l avvento dell industrializzazione, la popolazione si concentra nelle città: privi del sostegno della propria famiglia e della comunità rurale, gli uomini basano la loro sussistenza sul percepimento di un salario, spesso basso ed aleatorio. Una consistente povertà tocca questa frangia della popolazione, specialmente le persone anziane. I movimenti operai si organizzano ed i poteri pubblici sono indotti a trovare delle soluzioni collettive. La legge del 5 aprile 1910 crea dei vitalizi per gli operai e gli agricoltori che sono obbligatori per i lavoratori che guadagnano meno di 3000 franchi. Questa legge non era applicabile né a chi percepiva redditi superiori, né ai lavoratori autonomi. Questo dispositivo tuttavia non perdura, non avendo il datore di lavoro la possibilità di trasferire il contributo in parte ai propri dipendenti. Tra il 1928 ed il 1930, un pacchetto di 1 Fonti per questo paragrafo: 3

5 leggi istituisce le assicurazioni sociali per i dipendenti dell industria e del commercio, sul modello del regime pensionistico istituito in Germania da Bismarck nel Il sistema non è privo di limiti: innanzitutto la vecchiaia continua ad essere considerata come un rischio, alla stregua dell invalidità o dell incidente sul lavoro. L affiliazione alle casse riposa su un criterio di dipendenza da un datore di lavoro. Il sistema è destinato a lottare contro la povertà e non riguarda che i dipendenti del settore privato non coperti da un regime speciale e i redditi dei quali non superino un tetto prestabilito. Il principio è quello di una capitalizzazione a vita: ogni assicurato possiede un conto individuale che supporta contribuzioni e rendite che esse producono. Una volta che raggiunga l età della pensione (a partire da 60 anni), dopo 30 anni di assicurazione, l assicurato può scegliere tra due opzioni: disinvestire il capitale,ottenendo una pensione fino alla morte tenere il capitale in riserva, avendo così titolo ad una rendita più bassa ma reversibile agli eredi L erosione monetaria non permette tuttavia di preservare il potere d acquisto dei pensionati. Da queste difficoltà finanziarie, si giunge progressivamente all abbandono del sistema a capitalizzazione in favore del sistema a ripartizione.la legge del 14 marzo 1941, che crea la pensione dei lavoratori dipendenti (AVTS), si muove in questo senso. 1.2 Il sistema attuale Il sistema pensionistico francese, com è oggi, è stato fondato progressivamente a partire dal I testi fondatori della previdenza sociale, le ordinanze del 4 e del 19 ottobre 1945, riflettono una duplice influenza: beveridgiana per il loro carattere universalista e bismarckiana per il loro approccio contributivo. Ad una logica di assicurazione sociale, è sostituita una logica di previdenza sociale. In precedenza, ad eccezione dei funzionari e dei dipendenti di alcune grandi imprese pubbliche, l insieme della popolazione non era totalmente coperto. Nel 1945 viene creato il regime generale per l insieme dei dipendenti del settore privato. All inizio, era previsto che tutti i regimi vi sarebbero stati integrati, ma i regimi speciali, i regimi relativi ai funzionari e quelli destinati ai lavoratori autonomi, hanno alla fine conservato la loro autonomia. Oggi questi regimi in tutto 35 tendono a convergere, riforma dopo riforma, ma si mantengono distinti. A partire dal 1947, per rimediare all insufficienza delle pensioni servite dal regime generale, sono stati fondati dei regimi complementari per alcune categorie professionali. Le pensioni rappresentano, fin dagli anni 50, la prima voce di spesa nel budget sociale ed hanno raggiunto il loro peso attuale a partire dalla metà degli anni 70 (quando rappresentavano il 43% delle prestazioni sociali,il 45% nel 2007) [Lavigne, 2013]. 4

6 Nel 1972, il regime complementare dei lavoratori del regime generale, gestito da AGIRC (Association générale des institutions de retraite des cadres, destinata al personale dirigente)e ARRCO (Association pour le régime de retraite complémentaire des salariés, destinata ai lavoratori subordinati) diviene obbligatorio; da allora in poi tutti i regimi complementari diventano progressivamente obbligatori. Ogni francese contribuisce in media a 2,3 casse pensioni nel corso della propria vita lavorativa.oggi la pensione obbligatoria ha dunque due componenti: la pensione di base e la pensione complementare. Tutti i regimi conoscono questa dualità e hanno un punto in comune: sono fondati su un principio di ripartizione. La capitalizzazione è utilizzata solo nei regimi facoltativi di risparmio che gli attivi possono sottoscrivere per accrescere la loro pensione ( épargne-retraite ) 2. La crescita continua del valore del monte pensioni dagli anni 50 ad oggi è dovuta ad una pluralità di fattori; fino agli anni 80 essa era dovuta principalmente al fatto che un numero crescente di pensionati accedeva ad una pensione piena. In seguito, invece, l abbassamento dell età pensionabile (da 65 a 60 anni) nel 1982 fece sì che l accelerazione delle uscite dalla vita attiva ne diventasse il fattore principale. Nel ciclo , di fatto in seguito alla riforma Balladur del 1993, che ha progressivamente diminuito le pensioni versate, la crescita del monte pensioni è legata alla stabilizzazione della spesa in rapporto al PIL intorno al 12,6% [Lavigne, 2013]. Negli ultimi vent anni in Francia, come nella maggior parte dei Paesi, la necessità di rifinanziare ed individualizzare le pensioni è stata giustificata da tre grandi argomenti: le evoluzioni demografiche a lungo termine, che minacciano la sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico, la concorrenza internazionale che rende sempre più problematico effettuare un prelievo obbligatorio sul valore aggiunto per finanziare la crescita delle pensioni, ed il fatto che i sistemi pensionistici pubblici sono troppo favorevoli ai pensionati, il cui reddito in Francia è molto vicino a quello degli attivi [Lavigne, 2013]. Nondimeno, riforme strutturali in questo settore si sono rivelate particolarmente difficili e le misure adottate negli anni 80 sono rimaste relativamente marginali. Il loro maggiore apporto è stato di sottoporre le pensioni già soggette all imposta sul reddito ad una contribuzione sociale per la sanità a partire dal 1983 ed alla CSG (Contribution Sociale Généralisée) dal Inoltre, hanno stabilito una rivalutazione annuale in funzione dell inflazione e non più in funzione dell evoluzione dei salari. 2 5

7 La riforma Balladur 3 Nel 1993 è stata intrapresa dal governo di destra una riforma di ampiezza significativa del regime generale e dei regimi assimilati. Innanzitutto, è stato aumentato il periodo di contribuzione dante diritto ad una pensione piena da 37,5 a 40 anni. Simultaneamente, il periodo di riferimento necessario al calcolo del montante della pensione alla data di liquidazione dei diritti è stato aumentato da 10 ai 25 migliori anni. Inoltre è stato stabilito che gli stipendi presi in considerazione dovessero essere attualizzati non più in funzione dell evoluzione dei salari ma in funzione dell evoluzione dei prezzi 4. Alcune stime considerano che il tasso di rimpiazzo del regime generale abbia perso una dozzina di punti tra il 1994 ed il 2010, ossia che sia diminuito di un quarto [Conseil d Orientation des Retraites, 2002]. La riforma ha inoltre comportato un ritardo del ritiro dal mondo del lavoro di due anni e mezzo per accedere ad una pensione piena. La riforma non suscitò particolari sollevazioni sindacali, da un lato perché essa fu approvata nel mese di agosto, dall altro per l abilità del governo, che nel contempo aveva creato il Fonds Solidarité Vieillesse (FSV) 5, un istituzione pubblica destinata al finanziamento di bonus vecchiaia a carattere non strettamente contributivo, con il quale soddisfaceva le rivendicazioni sindacali. A partire dal 1993, il cambiamento strutturale ha toccato ugualmente i regimi complementari. Tra il 1983 ed il 1993, le pensioni, evolvendo meno velocemente dei salari netti, avevano già subito delle perdite, ma non si trattava ancora che di semplici aggiustamenti [Dupont e Sterdyniak, 2000]. Al contrario, tra il 1993 ed il 1996 furono negoziati dalle parti sociali dei cambiamenti che portarono ad una riduzione significativa del tasso di rimpiazzo. In totale, il potere d acquisto delle pensioni lorde dell AGIRC è diminuito dello 0,6% tra il 1996 ed il 2001, con perdite più attenuate per l ARRCO. La fragile resistenza attuata dai sindacati è stata molto probabilmente attenuata dal periodo positivo che la Borsa stava vivendo in quegli anni e dalla creazione dei fondi pensione [Palier, 2005]. Nel 1997 infatti il Parlamento aveva varato la loi Thomas, che si proponeva di incentivare i lavoratori del settore privato ed i loro datori di lavoro a contribuire a fondi pensione attraverso l uso di generose esenzioni d imposta e di più significative prestazioni finanziate dai contributi cosiddetti sociali (Contribution sociale généralisée, che concorrono al finanziamento della previdenza pubblica) [Barbier Théret, 2009]. Tale legge però non fu mai applicata a causa dell opposizione sindacale a ragione del livello previsto di esenzioni ai contributi che minacciava a lungo termine l esistenza stessa dei regimi complementari per 3 La descrizione che segue è in larga parte rielaborata da Charpentier F., Retraites et fonds de pension 4 Barbier J. Théret B., Le système français de protection sociale, pag Per una descrizione del fondo: 6

8 ripartizione. La sinistra, che aveva promesso di sopprimere la legge, la abrogò una volta tornata al potere. A gennaio 2001 un ulteriore offensiva patronale in seno all AGIRC e all ARRCO volta ad un allungamento drastico della durata di contribuzione rischiava di provocare un ulteriore rivolta sindacale La riforma Raffarin 6 La riforma Raffarin, approvata nell agosto 2003, ha riguardato tutto l insieme dei regimi pensionistici esclusi i regimi speciali delle grandi imprese pubbliche. Per la funzione pubblica (Stato, enti locali ed aziende ospedaliere), i maggiori cambiamenti promossi da questa riforma sono stati, da un lato, l innalzamento delle annualità necessarie da 37,5 a 40 nel 2008 e raggiungendo in seguito, come nell insieme dei regimi, i 41 anni nel 2012 e 42 nel 2020, dall altro una riduzione della pensione per tutte le persone che vadano in pensione prima dei 65 anni senza aver raggiunto il numero di annualità che conferisce diritto ad una pensione piena. Quest ultima norma è stata applicata a partire dal primo gennaio 2006 e raggiungerà progressivamente il 5% nel Per converso, nel limite di cinque anni, una maggiorazione del 3% per ogni anno supplementare beneficia coloro che prolungano la carriera oltre i 60 anni avendo raggiunto il numero di annualità necessarie. Inoltre la riforma completa il regime dei funzionari con un regime addizionale del tipo Agirc-Arrco basato su contribuzioni (5% ) sui premi (nel limite del 20% del trattamento indicizzato). Ha stabilito inoltre che dal primo gennaio 2004 e senza limiti di età è possibile riscattare al costo attuariale fino a tre anni di studi e di anni di lavoro part time. L evoluzione delle pensioni inoltre avrebbe seguito quella dei prezzi, con una negoziazione prevista ogni tre anni per riesaminarne l evoluzione in funzione della congiuntura economica e finanziaria. Il minimo garantito di pensione per una carriera completa è stato aumentato del 5% e può essere raggiunto dai 30 anni di servizio in poi. Per il personale ospedaliero poi è stata prevista una riduzione di un anno ogni 10 annualità di contribuzione. Per gli altri regimi, tra cui il regime generale, i principali cambiamenti hanno riguardato la durata delle contribuzioni (portata a 41 anni all orizzonte del 2012)danti diritto ad una pensione piena. Il tasso di riduzione della pensione è stato portato da 10% per ogni anno mancante a 5% nel 2008 e la stessa maggiorazione che nella funzione pubblica a partire dal Una regola specifica è stata prevista per coloro che hanno iniziato a lavorare a 14, 6 Rielaborazione da Barbier J. Théret B., Le système français de protection sociale, Parigi, Éditions la Découverte, 2009, pag

9 15 o 16 anni, i quali possono accedere ad una pensione a tasso pieno anche prima dei 60 anni a patto di aver raggiunto tra le 40 e le 42 annualità di contribuzione. Secondo la riforma 2008, il minimo contributivo nei regimi di base è stato rivalorizzato, e nessuna pensione può essere inferiore all 85% dello SMIC (ossia il salario minimo garantito) di quell anno. La riforma ha previsto maggiore dialogo con le parti sociali: innanzitutto sui lavori usuranti ed in secondo luogo sui parametri finanziari dei regimi (con cadenza quinquennale). Sono state aggiornate le regole per quanto riguarda il pensionamento d ufficio (con un innalzamento dell età da 60 a 65 anni) ed il prepensionamento (i cui dispositivi hanno subito una restrizione). Infine, la riforma Raffarin ha previsto per tutti gli attivi un incentivo fiscale allo sviluppo di piani di risparmio-pensione (PERP e PERCO) destinati a completare il sistema per ripartizione i cui tassi di rimpiazzo sono stati ridotti: calcolando sulla base di una pensione piena, infatti, chi percepiva il salario minimo è passato dall 81% al 75% di tasso di rimpiazzo, c è stato un passaggio dall 84% al 71% per un lavoratore dipendente nella media e dal 75% al 62% per un dirigente nella media. La riforma ha fatto sì che i piani di risparmio volontario fossero trasformati per essere dedicati esclusivamente al risparmio-pensione, e la PRÉFON (cassa corporativa di previdenza volontaria dei funzionari, che distribuisce pensioni complementari in regime di capitalizzazione) è stata rafforzata. La riforma dell agosto 2003 risparmiava dalla riduzione dei diritti a pensione unicamente i regimi particolari e speciali. Questo perché il dossier era considerato politicamente sensibile a motivo della potenza dei movimenti sociali che si erano verificati nel 1995: il governo Raffarin ne tenne conto centrando la propria riforma sui regimi dei dipendenti statali senza toccare i regimi speciali (SNCF, etc.). La lezione era stata tratta anche dal governo Jospin ( ) che, pur volendo mettere in atto un nuovo dispositivo di risparmio salariale, aveva espresso la volontà di ristabilire la fiducia nella ripartizione grazie anche alla creazione nel 1999 di un fondo di riserva alimentato da risorse statali (tra cui principalmente quelle derivate dalla vendita delle licenze UMTS per la telefonia mobile) e destinato ad essere utilizzato dal regime generale negli anni , al fine di non dover aumentare i contributi ai livelli elevati anticipati per quegli anni. Sempre il governo Jospin aveva incoraggiato il dibattito sociale al fine di legittimare le riforme; in questo quadro si iscrive il rapporto Charpin, che raccomandava l allineamento del pubblico col privato con un innalzamento generale del periodo di contribuzione per arrivare ad una pensione piena da 40 a 42,5 anni. Risultato principale del rapporto Charpin fu la creazione di un Consiglio di Orientamento per le pensioni (COR, Conseil d Orientation des retraites) destinato ad avallare le negoziazioni per raggiungere una riforma consensuale. La contraddizione tra allungamento della speranza di vita ed accorciamento della vita al lavoro sono stati sottolineati in uno dei 8

10 primi lavori del Consiglio, e la forte legittimazione del Consiglio ha fatto sì che questa contraddizione sia ugualmente stata presa in considerazione dalla riforma del governo Raffarin La riforma Fillon 7 e la riforma del Entrata ufficialmente in vigore a luglio 2008 e sancita a gennaio 2008 da tre primi decreti concernenti la SNCF, la RATP e le industrie elettriche e del gas, questa riforma tocca più generalmente l insieme dei regimi speciali riguardanti il settore pubblico, risparmiati fino a quel momento per la forte resistenza del personale. Essa allinea la durata delle contribuzioni a quella degli altri regimi, riformati nel 1993 e poi nel Introduce altresì il sistema di riduzione e maggiorazione delle pensioni ed indicizza le pensioni ai prezzi al consumo e non più ai salari. Inoltre prevede di portare a 41 anni la durata delle contribuzioni all orizzonte del 2016, dopo che quello del regime generale e dei regimi pubblici è stato portato a 41 annualità nel Il resto delle misure è rinviato alle negoziazioni dirigenti/sindacati all interno di ogni impresa. La riforma del 2010 ha previsto l innalzamento di tale limite a 41 annualità e mezza all orizzonte 2020, un aumento del tasso di contribuzione (da 7,85% a 10,55%) oltre che l utilizzo anticipato del fondo di riserva per le pensioni ed il congelamento dell impegno dello Stato per il finanziamento del regime pensionistico dei funzionari La riforma del L ultima riforma delle pensioni è stata adottata ufficialmente il 18 dicembre 2013 dopo che il testo era stato bocciato dal Parlamento più volte (ad ottobre, novembre e successivamente a metà dicembre). Le misure previste sul breve periodo sono un innalzamento delle contribuzioni di impiegati e datori di lavoro di 0,15 punti nel 2014 e con aumenti dello 0,05 fino al In questo modo a regime si avrà un innalzamento totale (combinando le contribuzioni patronali e dei lavoratori) di 0,6 punti percentuali. Ciò al fine di far fronte al deficit del sistema pensionistico che nel 2020 si eleverà a 20 miliardi, ma soprattutto per far fronte alle esigenze finanziarie sul breve periodo (si stima che la misura porterà 4,4 miliardi nelle casse dello Stato nel primo anno). 7 Rielaborazione da Barbier J. Théret B., Le système français de protection sociale, Parigi, Éditions la Découverte, 2009, pag La Documentation Française, La réforme 2010 des retraites, disponibile su 9 Fonti per questo paragrafo: 9

11 La riforma prevede inoltre un innalzamento a 43 anni di contribuzioni nel 2035, contro i 41,5 anni attuali. Ciò provocherà un automatico innalzamento dell età di pensionamento per ottenere la pensione a tasso pieno, se si considera che secondo l Insee (Institut national de la statistique et des études économiques) l età media di entrata nel mondo del lavoro è 22,6 anni 10. È prevista inoltre la creazione di conti nozionali per i lavoratori che svolgano lavori usuranti, con contributi provenienti dalle imprese. I punti accumulati grazie a tale conto serviranno a garantire al lavoratore part time una pensione derivante da un lavoro a tempo pieno oppure a fornire la possibilità di un pensionamento anticipato (nel limite di due anni). Il suddetto conto nozionale fa effettivamente parte della riforma e sarà attivato a partire dal primo gennaio Sono previste inoltre delle regole di facilitazione per l acquisizione di trimestri di contribuzione: un trimestre di apprendistato sarà considerato un trimestre convalidato per la pensione, e allo stesso modo sarà possibile acquisire un trimestre con 150 ore di lavoro pagate allo stipendio minimo in luogo delle 200 stabilite precedentemente. I trimestri riscattabili per gli anni di studi diventano 12, di cui 4 ad una tariffa preferenziale, prevedendo questa possibilità solo dopo 10 anni la conclusione degli studi stessi. Anche durante i periodi di stage gli studenti potranno versare una contribuzione di 12,50 al mese per convalidare dei trimestri. Per quanto riguarda il trattamento fiscale, la maggiorazione del 10% riservata ai genitori pensionati di tre figli sarà sottoposta a tassazione. La riforma favorisce i dipendenti che compiono lavori usuranti, le donne (essendo più numerose degli uomini nei contratti part-time) e coloro che percepiscono lo Smic. È previsto inoltre che il congedo di 90 giorni di maternità conti come un trimestre convalidato. 1.3 Modalità di calcolo della pensione Il regime generale dei dipendenti del settore privato è un regime a ripartizione, obbligatorio e a prestazioni definite. La prestazione versata da questo regime comprende tre componenti: una pensione principale, cui si ottiene diritto in contropartita ai trimestri convalidati di attività professionale, una pensione principale di reversione al coniuge superstite e dei vantaggi accessori corrispondenti a dei benefici familiari. Il regime generale comprende un regime di base ed un regime complementare, che sarà approfondito in seguito. Esso copre il 71% degli attivi e 9 francesi su 10 contribuiscono ad esso in un momento del loro percorso professionale. La pensione principale del regime generale è gestita dalla CNAV (Caisse nationale d assurance vieillesse); il regime complementare è gestito da ARRCO (tutti i 10 COR, Rapport annuel du COR Juin

12 lavoratori dipendenti), AGIRC (solo quadro dirigente) ed IRCANTEC (dipendenti non titolari del settore pubblico). Lo statuto dei lavoratori agricoli è allineato, per ciò che concerne la pensione, a quello dei dipendenti del regime generale. La sola differenza è che la cassa del regime di base non è la CNAV ma la MSA (Mutualité sociale agricole) 11. La pensione principale è calcolata secondo la formula: P = α (n d, n s ) * Min (1; n régime /D) * SAM dove α (n d, n s ) rappresenta il tasso di liquidazione (chiamato anche tasso di rimpiazzo), n d il numero di trimestri di detrazione, n s i trimestri di maggiorazione, n régime il numero di trimestri validati all interno del regime di affiliazione, D la durata massima di assicurazione. SAM rappresenta il salario annuale medio lordo, inferiore al tetto stabilito dalla previdenza sociale che viene rivisto il primo gennaio di ogni anno. Al primo gennaio 2013 il tetto valeva euro; il salario è rivalorizzato ogni anno tramite l indicizzazione sul livello generale dei prezzi. Il rapporto Min (1; n régime /D) è detto coefficiente di proratizzazione [Lavigne, 2013] La durata di assicurazione validata si riferisce ai trimestri di contribuzione ai quali si aggiungono i trimestri assimilabili a periodi di assicurazione (ad esempio indennizzo per malattia e disoccupazione). Il tetto di liquidazione ha un limite massimo del 50%, per questo tasso la pensione è detta liquidata a tasso pieno. Fino al 2015 il tasso pieno è attribuito senza condizioni di durata dei contributi se la liquidazione è richiesta dopo i 65 anni di età; dal 2016 al 2021 l età a cui sarà possibile richiedere il tasso pieno di liquidazione salirà progressivamente a 67 anni in virtù della legge del 9 novembre Negli altri casi, non sarà possibile richiedere il tasso pieno a meno che il contribuente giustifichi una durata minima di assicurazione validata nel regime generale o negli altri regimi. A seguito della legge del 21 agosto 2003, la durata di assicurazione richiesta per avere accesso al tasso pieno di liquidazione è stata portata progressivamente da 150 trimestri per le generazioni nate prime del 1934 e a 165 trimestri per le generazioni nate dopo il 1954 (con situazioni progressive per le generazioni intermedie). Con la legge del 9 novembre 2010, la durata richiesta di assicurazione è fissata annualmente per decreto, sentito il Consiglio nazionale sulle pensioni (COR, Conseil d orientation des retraites). Il tasso pieno è comunque attribuito ai lavoratori aventi disabilità a partire dai 55 anni di età, a partire dai 56 per i lavoratori beneficiari di un pensionamento anticipato per carriera lunga, dai 60 anni per i lavoratori beneficiari di un pensionamento anticipato per lavoro usurante. 11 Fonte: 11

13 Il coefficiente di detrazione per trimestre mancante passa progressivamente dal 2,5% per le generazioni nate prima del 1944 all 1,25% per le generazioni nate dopo il Inoltre, tutti coloro che chiedono la liquidazione della pensione successivamente al 2012 subiscono una detrazione del 5% per trimestre di assicurazione mancante. Tuttavia, il tasso di liquidazione non può essere inferiore al 25%. Queste detrazioni rappresentano delle misure di incentivo a trattenere in attività i lavoratori anziani, completate da altri dispositivi messi in opera dalla riforma del Da un lato, l età alla quale un datore di lavoro può pensionare un dipendente è portata da 60 a 70 anni dopo il primo gennaio Dall altro, è prevista una maggiorazione della pensione (detta surcote) per tutti gli assicurati aventi almeno 60 anni di età e che giustifichino una durata di contributi necessaria per percepire la pensione a tasso pieno. Dal primo gennaio 2009, la maggiorazione è fissata all 1,25% per ogni trimestre supplementare di contribuzione. In contropartita, le riforme del 2003 e del 2010 offrono la possibilità di anticipare l età di pensionamento. Tre criteri sono combinati per determinare l età di pensionamento: l età di inizio dell attività (prima dei 16 o 17 anni), la durata di assicurazione validata e la durata delle contribuzioni. Simmetricamente, la riforma del 2003 ha previsto la facoltà di versamento di contributi per la pensione durante gli anni degli studi superiori. Questi versamenti permettono agli assicurati che stimano che il periodo della loro contribuzione sarà insufficiente di aumentare il tasso di liquidazione o di proratizzazione. Il montante di questi versamenti è attuarialmente neutro, poiché si accresce con l età ed il salario medio. Tale tipo di versamenti è limitato all accumulazione di 12 trimestri [Lavigne, 2013]. Nonostante si posi su una logica contributiva, il regime di base comporta meccanismi non contributivi che modulano i diritti a pensione percepiti dagli assicurati: per alcune categorie di lavoratori, la formula sopra riportata comporta un beneficio pensionistico molto basso. Per questo motivo, nessuna pensione calcolata secondo la formula può essere più bassa di un minimo detto contributivo, fissato per decreto e rivalorizzato regolarmente (nel 2012 ammontava a 620, 92 euro al mese). Per quanto riguarda i lavoratori part-time, la pura logica contributiva vorrebbe che un dipendente che lavori la metà di un dipendente a tempo pieno validasse due trimestri l anno. Dal 1972, tuttavia, la convalidazione dei trimestri non si basa sulla durata effettiva del lavoro, ma sulla comparazione tra il salario annuale effettivamente percepito e lo Smic calcolato su una base di 200 ore (dunque, a titolo di esempio, nel 2013 era 9,43*200, essendo 9,43 lo Smic orario lordo). Anche la situazione familiare produce un allontanamento dalla logica puramente contributiva: la madre acquisisce un trimestre di contribuzione per ogni anno durante il quale 12

14 abbia cresciuto il figlio, fino al suo sedicesimo compleanno, nel limite di otto trimestri per figlio nato o adottato. Inoltre è attribuito un beneficio del 10% della pensione agli uomini e alle donne che abbiano allevato almeno tre figli. La pensione di reversibilità è accordata, dal primo gennaio 2009, alle persone che soddisfino queste condizioni cumulative: essere stati sposati con il deceduto, avere almeno 55 anni e non percepire da soli più di 1,3 volte lo Smic orario; non è richiesta alcuna condizione di durata del matrimonio e se esistono più coniugi superstiti la pensione è condivisa tra i congiunti in misura proporzionale agli anni di matrimonio. Esiste inoltre l allocation veuvage(contributo di vedovanza), abolito con la legge di agosto 2003 ma reintrodotto con la riforma del 9 novembre 2010, che consiste in un beneficio ulteriore per i vedovi che siano residenti in Francia, abbiano meno di 55 anni e non percepiscano un salario superiore ad un tetto prestabilito. Questa allocazione è versata nei due anni successivi il decesso ed è soppressa nel caso in cui il coniuge si risposi, stringa un unione civile o conviva con un'altra persona [Lavigne, 2013]. 1.4 Sistemi complementari obbligatori e regimi speciali I regimi AGIRC e ARRCO Da dopo la Liberazione, i lavoratori del settore privato percepiscono una pensione complementare destinata a completare la pensione versata dai regimi di base. Questi regimi complementari sono obbligatori, funzionano per ripartizione e sono regimi a contribuzione definita in punti. Una prima convenzione collettiva interprofessionale, l associazione generale delle istituzioni del personale dirigente (AGIRC, Association générale des institutions de retraites des cadres) ha istituito il regime complementare per i lavoratori dipendenti il 14 marzo Dopo l accordo dell 8 dicembre 1961, i lavoratori dipendenti si sono affiliati a casse complementari raggruppate in seno all Associazione dei regimi pensionistici complementari (ARRCO, Association des régimes de retraite complémentaire). Dal 29 dicembre 1972 l affiliazione dei lavoratori ad una cassa complementare è obbligatoria [Bellocq, 2004]. Le condizioni per l accesso alla pensione sono la condizione di età (almeno 55 anni), la condizione di attività (cessare la propria attività o non beneficiare più di punti gratuiti per indennizzo di disoccupazione o interruzione del lavoro) ed una condizione formale (chiedere la liquidazione della propria pensione ad AGIRCO e ARRCO, con effetto il primo del mese successivo alla richiesta) [Bellocq, 2004]. L età alla quale un assicurato può chiedere la liquidazione della pensione senza abbattimenti è fissata a 65 anni. Accordi sindacali hanno portato alla fondazione dell AGFF 13

15 (Association pour la gestion du fonds de financement) che permette ad un assicurato, nel caso in cui soddisfi le condizioni per una liquidazione a tasso pieno secondo il regime generale, di liquidare la propria pensione complementare senza abbattimento prima dei 65 anni. I tassi di contribuzione a questa cassa sono del 2% per la parte di stipendio inferiore al tetto della Securité sociale (la previdenza francese) e del 2,20% per la parte superiore al tetto (tra una e tre volte per i contribuenti ARRCO, tra una e quattro volte per i contribuenti AGIRC) Il sistema a punti Le istituzioni stabilite da una convenzione collettiva professionale sono imposte alle imprese che fanno parte dei rispettivi settori; negli altri casi le imprese hanno la scelta, nei tre mesi successivi la loro costituzione, di iscriversi in uno dei due regimi competenti [Bellocq, 2004]. I lavoratori versano i contributi calcolati su tutto o parte del proprio stipendio e questi contributi sono trasformati in punti che vengono accumulati nel corso di tutta la carriera; una volta giunta l età del pensionamento, essi sono moltiplicati per il valore dei punti stessi per ottenere il montante delle pensioni. L ARRCO e l AGIRC hanno attualmente tassi, basi contributive, prezzi d acquisto dei punti e valori dei punti differenti [Bellocq, 2004]. I lavoratori dipendenti contribuiscono ad una cassa affiliata all ARRCO sulla parte del loro stipendio inferiore a tre volte il tetto massimo della Securité sociale ( euro al primo gennaio 2013). La quota inferiore al tetto è definita tranche 1 della base contributiva, quella al di là del tetto tranche 2. Il personale dirigente versa i propri contributi all ARRCO per quanto riguarda la quota inferiore al tetto della Securité sociale, e all AGIRC i contributi calcolati sulla quota dei loro redditi compresa tra il tetto massimo e otto volte lo stesso tetto. Quest ultima quota si compone di una tranche B, corrispondente alla parte dei redditi compresa tra una e quattro volte il tetto, ed una tranche C, corrispondente alla frazione del salario compresa tra quattro e otto volte il tetto 12. Una volta determinate le tranche, viene loro applicato un tasso per calcolare il montante delle contribuzioni versate; si distingue il tasso contrattuale, che permette di calcolare il montante delle contribuzioni trasformato in punti pensione, ed il tasso effettivo di prelievo. Solo il tasso contrattuale genera diritti a pensione, mentre il tasso effettivo permette di regolare l equilibrio finanziario del regime [Bellocq, 2004]. I tassi sono diversi a seconda della tranche presa in considerazione e del regime a cui i contributi sono versati. Nel caso del regime ARRCO, il tasso contrattuale è 6% per la parte di salario inferiore al tetto della Securité sociale mentre per la parte compresa tra una e tre volte il tetto 12% per tutte le imprese e 16% per quelle create dopo il primo gennaio Per 12 La descrizione di questo paragrafo è largamente basata su Lavigne [2013] 14

16 quanto riguarda i tassi effettivi, essi sono rispettivamente 7,5% e 15% o 20% a seconda che le imprese siano state create prima o dopo il primo gennaio Per quanto riguarda il regime AGIRC, la parte inferiore al tetto della SS vede un tasso contrattuale del 6% ed un tasso effettivo pari al 7,5%. La tranche compresa tra una e quattro volte il tetto è caratterizzata da un tasso contrattuale del 16% ed un tasso effettivo del 20%, e lo stesso vale per la tranche B (compresa tra quattro e otto volte il tetto), con la sola differenza che in questo caso la contribuzione è facoltativa [Lavigne, 2013]. I punti acquisiti rappresentano il totale dei punti derivanti dalla contribuzione, dei punti attribuiti e dei punti acquistati. Il valore dei punti derivanti dalla contribuzione si ottiene dividendo le contribuzioni versate sulla base del tasso contrattuale per il prezzo di acquisto di un punto, detto salario di riferimento. I punti attribuiti possono derivare da un congedo per malattia o per infortunio (le indennità versate sono soggette a contribuzione), da un sussidio di disoccupazione (sottoposto a contribuzione ridotta), dalle condizioni di prepensionamento o da altre situazioni che possono essere contributi statali per i contratti di apprendistato o contributi delle imprese per i lavoratori in congedo per formazione. I punti acquistati rappresentano invece quelli riscattati per gli anni di studi superiori nel limite di tre anni e di un massimo di 70 punti (questa pratica è possibile dal primo gennaio 2004). Il valore dei punti è fissato ogni anno dal consiglio di amministrazione dei regimi sulla base della loro situazione finanziaria 13. In seno al regime ARRCO, la ripartizione dei contributi tra dipendenti e datori di lavoro è fissata da convenzione collettiva; questa ripartizione si aggira intorno al 40% per i dipendenti e al 60% per i dirigenti [Bellocq, 2004]. 1.5 I regimi speciali I regimi speciali concernono i funzionari ed i dipendenti di enti pubblici a carattere industriale e commerciale (RATP, SNCF ) e le professioni a statuto speciale (minatori, marinai, ecclesiastici, soci de la Comedie Française e dell Opéra di Parigi ). Se alcuni regimi hanno visto le loro regole convergere verso quelle del regime generale con la riforma del 2003, altri si caratterizzano per delle regole specifiche, generalmente più generose [Lavigne, 2013]. In ambito pubblico, il diritto a pensione spetta ai lavoratori che non svolgano mansioni usuranti a partire dai 62 anni (per i nati dopo il primo gennaio 1956) e a partire dai 57 anni per coloro che svolgono lavori usuranti (per i nati dopo il primo gennaio 1961). Per le generazioni precedenti, l età aumenta di un trimestre per passare da 60 anni per la generazione del 1951 a 61 anni e otto mesi per la generazione del 1955, dopo la legge del 9 novembre 2010 sulla 13 Il paragrafo è una rielaborazione da Bellocq [2004] 15

17 riforma delle pensioni. Per accedere alla pensione, è necessario aver lavorato almeno due anni per i lavoratori sedentari in ambito pubblico, e almeno quindici anni per i lavoratori svolgenti attività che comportino fatica fisica; al di sotto di queste soglie, i diritti a pensione sono calcolati secondo il regime generale [Lavigne, 2013]. Dopo la riforma del 2003, la durata richiesta per beneficiare di una pensione a tasso pieno è progressivamente allineata a quella del regime generale, ossia 160 trimestri nel 2008 e 165 nel Il regime generale, peraltro, si è allineato al regime dei lavoratori pubblici per quanto riguarda il tasso di riduzione (1,25% di riduzione per trimestre mancante). La maggiorazione sulla pensione a tasso pieno è invece fissata a 0,75% per trimestre supplementare, con un limite di 20 trimestri. L età di pensionamento obbligatorio è portata a 67 anni per i lavoratori nati dopo il primo gennaio 1956 (ed aumentata progressivamente da 65 anni a 67 anni per le generazioni precedenti). D altro canto, il tasso di contribuzione dei dipendenti pubblici è progressivamente allineato a quello del regime generale, passando da 7,85% a 10,55% in dieci anni 14. La principale differenza con il regime generale resta la modalità di calcolo della pensione, che rappresenta il 75% dello stipendio indicizzato degli ultimi sei mesi di attività (oltre all eventuale maggiorazione). Come gli affiliati al regime generale, i dipendenti pubblici hanno la possibilità di riscatto degli anni di studio o per la durata di servizio part time. Beneficiano ugualmente di bonus familiari e la pensione di reversibilità è uguale al 50% della pensione di diritto, senza condizioni di reddito. Allo stesso modo, un bonus di un anno di servizio viene accordato per figlio nato o adottato prima del 2004 agli uomini come alle donne, sotto la condizione di interruzione dell attività per almeno due mesi. Per i figli nati o adottati dopo il 2004, l interruzione dell attività (congedo parentale) sono contati gratuitamente nella durata dell assicurazione, nel limite di tre anni per figlio, per gli uomini come per le donne. A queste maggiorazioni della durata di assicurazione si aggiunge una maggiorazione (non imponibile sui redditi) del 10% per i lavoratori pubblici, uomini o donne che siano, genitori di almeno tre figli (e di un 5% supplementare per ogni figlio in più) [Lavigne, 2013]. Dopo la riforma del 2003, le pensioni sono rivalorizzate in funzione dell indice dei prezzi e non più in funzione delle remunerazioni del corpo di appartenenza del lavoratore pensionato. Infine, la riforma del 2003 ha creato un regime addizionale di pensione per punti, 14 La Documentation Française, La réforme 2010 des retraites 16

18 per i premi e le indennità non presi in considerazione nel calcolo della pensione, nel limite del 20% dello stipendio indicizzato Il trattamento fiscale 16 La legge numero definisce le regole di deducibilità o di imposizione per l insieme delle contribuzioni ai regimi obbligatori di base e complementari oltre che per i regimi supplementari ad adesione obbligatoria o facoltativa. Sono interamente deducibili dal reddito imponibile le contribuzioni annuali versate al regime vecchiaia della SS, le contribuzioni eccezionali versate al regime vecchiaia della SS a titolo di riscatto degli anni di studi o di anni con contributi scarsi e le contribuzioni ai regimi complementari obbligatori. Le contribuzioni, parte del lavoratore e parte dell impresa, versate ai regimi supplementari a contribuzioni definite, sono deducibili dal reddito lordo imponibile del lavoratore nel limite dell 8% della remunerazione annuale limitata a otto volte il tetto della SS che comprende, oltre a questi contributi, l adesione dell impresa al PERCO (Plan d épargne retraite collectif). Le contribuzioni, parte del lavoratore e parte dell impresa, versate ai regimi supplementari di previdenza sono deducibili dal reddito lordo imponibile del lavoratore per un massimo del 7% del tetto della SS e del 3% della remunerazione annuale lorda senza che il totale ecceda il 3% di 8 volte il tetto della SS. La frazione eccedente ognuna di queste limitazioni sarà reintegrata nella base imponibile per il reddito. Inoltre, ogni membro di un nucleo familiare fiscale può dedurre dal suo reddito netto (dopo l abbattimento del 10 e del 20%) le contribuzioni versate ad un PERP o ad un PERE nei limiti della differenza calcolata nell anno precedente tra il 10% dei propri redditi professionali nel limite di otto volte il tetto della SS (o, se questo limite è più favorevole, del 10% dello stesso tetto) e la somma delle contribuzioni (sia del lavoratore che dell azienda) ai regimi ad adesione obbligatoria e al PERCO. L articolo numero 39-1 del codice generale delle imposte stabilisce che le contribuzioni destinate al finanziamento dei regimi pensionistici e di previdenza complementare sono ammesse a deduzione del risultato d impresa poiché esse costituiscono l accessorio di una spesa di sfruttamento deducibile, gli stipendi. 15 Riadattamento da Insee, Vingt ans de réformes de retraites: quelle contribution des règles d indexation? Disponibile su 16 Basato su La protection sociale dans l enterprise, Bellocq, 2004 pag (Fiscalité des opérations complémentaires) 17

19 2. Il sistema pensionistico italiano 2.1 Cenni storici 17 La previdenza sociale è nata con lo scopo di indurre i giovani a risparmiare per la loro vecchiaia. A questo principio si sono ispirati i primi provvedimenti al riguardo in Italia, a cominciare dai disegni di legge del Regno di Sardegna nel Con la legge n 3595 del 15 luglio 1859, infatti, veniva istituita una Cassa di rendite vitalizie per la vecchiaia garantita ma non alimentata dallo Stato ed amministrata dalla Cassa depositi e prestiti. A quest ultima chiunque poteva contribuire volontariamente a fronte di una rendita vitalizia percepibile da un età compresa tra i 50 ed i 60 anni. La legge fu ispirata dai precedenti belgi e francesi, ma non fu mai attuata a causa della non emanazione del Regolamento di esecuzione. Il sistema previdenziale iniziò a svilupparsi propriamente solo a partire dall unità d Italia e grazie alla diffusione dell industria. Negli anni 80 e 90 del XIX secolo si moltiplicarono i disegni e le proposte di legge a tema previdenziale; nel 1881 fu istituita la Cassa delle pensioni civili e militari a carico dello Stato e nel 1883 la Cassa Nazionale contro gli infortuni (originariamente a carattere volontario). Esisteva inoltre una forma di tutela per i dipendenti pubblici gestita dalla Cassa Pensione per i dipendenti statali ed un Monte pensione per gli insegnanti elementari (entrambi risalenti al 1881). La prima vera tutela pensionistica risale al 1898, quando con la legge n 350 fu istituita la Cassa Nazionale di Previdenza per l Invalidità e la Vecchiaia degli operai (antenata dell Inps) con il compito di gestire forme facoltative di assicurazione per la vecchiaia e l invalidità. Sempre nel 1898 fu introdotta l obbligatorietà dell assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, a favore sia del lavoratore in caso di colpa dello stesso sia a favore del datore di lavoro che poteva essere chiamato a rispondere dei danni. Il carattere di adesione volontaria previsto dalla legge 350/1898 ne determinò uno scarso sviluppo; si diffuse pertanto l opinione che fosse necessario renderla obbligatoria, proprio come accadeva sin dal 1889 nella Germania di Bismarck. Fu così che agli inizi del Novecento furono istituite forme di assicurazione obbligatoria per la vecchiaia e l invalidità. L obbligatorietà dell iscrizione a tali forme di assicurazione fu introdotta nell ordinamento alla fine della prima guerra mondiale, con decreto luogotenenziale del 21 aprile 1919 n 603. Essa interessava tutti i lavoratori, eccetto gli impiegati con reddito superiore alle 350 lire mensili (poi portate a 800 lire). Questo sistema pensionistico era 17 Paragrafo basato sulle descrizioni di Persiani [2008] e Fornero [1999] 18

20 caratterizzato da un finanziamento in parti uguali tra lavoratori e datori di lavoro (coerentemente con il modello tedesco) con un modesto intervento dello Stato; il sistema inoltre era un sistema a capitalizzazione che seguiva il metodo contributivo per il calcolo della pensione. L età di accesso alla pensione era fissata a 65 anni sia per gli uomini che per le donne, risultando piuttosto elevata per la speranza di vita di allora. Questo modello restò sostanzialmente intatto per tutto il regime fascista, con l aggiunta di modifiche successive principalmente sull assetto giuridico. Solo nel 1939, con il D. L. n 636 del 14 aprile, il sistema subì delle modifiche sostanziali. Fu ampliato il raggio delle tutele fornite dall assicurazione invalidità e vecchiaia grazie all introduzione del principio della reversibilità della pensione ai superstiti. L effettiva erogazione delle prestazioni fu però rinviata al Con lo stesso D. L. fu inoltre abbassata l età minima di pensionamento a 60 anni per gli uomini e 55 anni per le donne, tenendo così conto della speranza di vita del tempo; il limite restò tale fino alla riforma del Altra modifica introdotta nel 1939 fu l innalzamento a 1500 lire del limite di reddito al di sopra del quale vigeva l esonero dall obbligo di iscrizione per gli impiegati. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, pressoché tutti i Paesi (con l eccezione di Giappone e Stati Uniti) hanno sperimentato un passaggio graduale da sistemi a capitalizzazione a sistemi a ripartizione. In seguito alla riduzione delle riserve dovutamente all inflazione post-bellica, in Italia fu introdotto un sistema misto ripartizionecapitalizzazione. Questa trasformazione non riguardava meramente la dimensione finanziaria, ma anche le finalità stesse assegnate ai sistemi, che da strumento assicurativo assumono la funzione di meccanismo di redistribuzione di risorse tra le diverse generazioni, secondo l idea di stato sociale che andava affermandosi. Tra la fine della seconda guerra mondiale e gli anni 60 ha luogo un progressivo passaggio del sistema pensionistico pubblico a forme di tutela sempre più estese. Fu gradualmente abbandonato il sistema a capitalizzazione a favore di un sistema a ripartizione. Nel 1952 venne riorganizzato il sistema ed introdotto l istituto di integrazione al trattamento minimo, ed in seguito (tra il 1957 ed il 1966) il sistema pensionistico fu esteso a categorie di lavoratori autonomi (istituzione presso l Inps della Gestione speciale per i coltivatori diretti, mezzadri e coloni, della Gestione speciale artigiani e della Gestione speciale commercianti). Nel 1968 avviene il passaggio pieno dal metodo contributivo a quello retributivo; in un primo momento era stato stabilito che la copertura pensionistica con 40 anni di anzianità assicurativa fosse pari al 65%, poi elevato al 74% ed infine all 80% (1976). La pensione sociale e la pensione di anzianità vengono istituite nel 1969 e le pensioni vengono indicizzate all inflazione. Per quanto riguarda la funzione assistenziale, nel 1969 erano state introdotte le pensioni sociali a favore dei cittadini senza 19

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

Il regime francese di protezione sociale III - Pensione

Il regime francese di protezione sociale III - Pensione Il regime francese di protezione sociale III - Pensione In Francia la pensione di base è integrata da pensioni complementari obbligatorie che riposano ugualmente sul meccanismo della ripartizione: ARRCO

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

Cenni storici sulla previdenza obbligatoria in Italia

Cenni storici sulla previdenza obbligatoria in Italia R.S.U. Siae Microelettronica Cenni storici sulla previdenza obbligatoria in Italia L attuale ordinamento previdenziale italiano muove i primi passi dopo l unità d Italia con l affermarsi della rivoluzione

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia.

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia. IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia Agosto 2010 1 Sommario 1. Un po di storia... 3 2. La normativa attuale

Dettagli

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio LA PREVIDENZA PUBBLICA Docente: Andrea Milesio Il contesto Il contesto Il contesto Per quanto tempo ancora sarà sostenibile questa situazione? La Previdenza Pubblica ante riforma Fornero 6 Il sistema

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Informazioni di approfondimento Come vengono gestiti i versamenti ai fondi pensione complementare? Prima dell adesione

Dettagli

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione LE PENSIONI COMPLEMENTARI a cura di Marco Perelli Ercolini Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione La riforma

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE a cura di Massimiliano Piras Delegato Ingegneri per il Medio Campidano Premessa Nel dicembre 2011, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 Ordine Nazionale Attuari Seminario LA PREVIDENZA PUBBLICA NEI 150 ANNI DELL UNITA D ITALIA Cinzia Ferrara* Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 (*) La relazione è svolta a titolo personale 150 D ITALIA

Dettagli

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche 2 modulo Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche Riferimento bibliografico: capitolo 1 A cura di Luca Santamaria 1 I principali riferimenti della lezione I diversi sistemi pensionistici

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 5 Previdenza (1 a parte)

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 5 Previdenza (1 a parte) Corso di Educazione Finanziaria Lezione 5 Previdenza (1 a parte) Indice (1/2) Argomenti trattati in queste lezioni sulla previdenza: 1 a parte (Lezione 5) Introduzione al sistema pensionistico Classificazione

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Premessa La previdenza obbligatoria 2 Nel tempo numerosi sono stati i traguardi raggiunti nella direzione del miglioramento

Dettagli

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico LA MANOVRA SALVA ITALIA Legge 214 del 22 dicembre 2011 (G.U. n. 300 del 27-12-2011 supplemento ordinario n. 276) Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico Gennaio 2012 A cura di Vanna Giantin

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato a Dicembre 2013 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

di Marco Piacenti Risorse umane >> Fondi pensione www.intesasanpaoloimprese.com

di Marco Piacenti Risorse umane >> Fondi pensione www.intesasanpaoloimprese.com PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI di Marco Piacenti Risorse umane >> Fondi pensione Sommario Premessa...3 Iscritti dall'anno 2007...4 Soggetti già iscritti alla data della riforma: regime transitorio...7

Dettagli

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 Le Politiche Pensionistiche Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 In generale la pensione è una prestazione pecuniaria vitalizia

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

44 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE

44 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE 44 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE 44.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie riorganizzazioni e ristrutturazione del Gruppo Sanpaolo, hanno reso necessaria

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

Sistema Pensionistico

Sistema Pensionistico Sistema Pensionistico Il sistema pensionistico è un meccanismo redistributivo che trasferisce risorse correntemente prodotte dalla popolazione attiva a favore di chi: ha cessato l'attività lavorativa per

Dettagli

La Previdenza: conoscerla è un diritto di tutti

La Previdenza: conoscerla è un diritto di tutti Nascita della previdenza La Previdenza: conoscerla è un diritto di tutti Dott. Cristiano Fiumara Milano, 15 aprile 2013 Definizione: la previdenza sociale La previdenza sociale consiste in quel complesso

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA

Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA SdW SISTEMI DI WELFARE (P. Silvestri, 2014-15) 1 CONTENUTO DELLA LEZIONE Riforma Dini: cenni ad aspetti di lungo periodo e alla disciplina

Dettagli

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL RUOLO SOCIO ECONOMICO Simona Orfella MAGGIO 2013 IL CONTESTO GENERALE Difficoltà finanziarie ed economiche paesi europei Instabilità politica Misure fiscali severe

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Cinque idee per la pensione

Cinque idee per la pensione 1 Cinque idee per la pensione LE PROPOSTE DELLA CISL In pensione un po prima: per un nuovo patto fra le generazioni, per una previdenza più equa e sostenibile, per il lavoro dei giovani 1 2 Cinque idee

Dettagli

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI I SEZIONE 1 LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI La disciplina pensionistica: le principali norme 2 Dpr 1092/1973 - testo unico in materia di previdenza del personale civile e militare dello

Dettagli

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme - quando si può andare in pensione - come si calcola la pensione 1 Tutele previdenziali per i medici attività libero professionale attività lavoro

Dettagli

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perchè la pensione? Dicembre 2012 Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perché la pensione: Forse sarebbe sufficiente dire che il diritto alla pensione viene garantito dall'art. 38 della Costituzione

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

La spesa per la sicurezza sociale

La spesa per la sicurezza sociale I SISTEMI DI SICUREZZA SOCIALE I sistemi di sicurezza sociale, hanno lo scopo di garantire alle persone condizioni di vita adeguate e di fronteggiare gravi situazioni di bisogno. Le forme di tutela sono:

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC CENTRO INFORMATIVO DICEMBRE 2006 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi Internet: http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail:

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini

Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini Come funziona il sistema Il nostro è sistema previdenziale A

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NEL PUBBLICO IMPIEGO

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NEL PUBBLICO IMPIEGO LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NEL PUBBLICO IMPIEGO Il fondo di Previdenza complementare Sirio Perseo: come funziona il Fondo e come la Funzione Pubblica organizza un servizio rivolto ai lavoratori Pubblici

Dettagli

13 lezione il sistema della previdenza

13 lezione il sistema della previdenza 13 lezione il sistema della previdenza Legislazione sociale del lavoro Legislazione sociale preventiva PREVIDENZA assistenza Statuto dei lavoratori Privacy Sicurezza 1 La previdenza sociale è una branca

Dettagli

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche.

Cassa trattamenti pensionistici dei dipendenti dello Stato (CTPS). La previdenza dei docenti delle Università pubbliche. In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori Gestioni pensionistiche amministrate dall Istituto. Questo

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

Corso di formazione. Le pensioni del personale della scuola

Corso di formazione. Le pensioni del personale della scuola Proteo Fare Sapere Lombardia FLC CGIL Lombardia ATA, UN LAVORO IMPORTANTE Lavori e professionalità per la scuola dell autonomia. Gestire le risorse, conoscere la normativa, partecipare ai progetti Corso

Dettagli

Il sistema pensionistico

Il sistema pensionistico Il sistema pensionistico Integrazione al libro di testo Il sistema pensionistico è un meccanismo redistributivo che trasferisce risorse correntemente prodotte dalla popolazione attiva a favore di chi:

Dettagli

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Il regime fiscale della previdenza integrativa risente del sistema in base al quale è strutturato. Al compimento dell età pensionabile il sottoscrittore percepirà

Dettagli

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro)

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro) -1.888-1.986-2.084 17/7/2015 In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori gestioni pensionistiche amministrate

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. Riforma Fornero pone l'italia fra LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra i Paesi più avanzati sotto il profilo della sostenibilità

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

LE PENSIONI IN ITALIA

LE PENSIONI IN ITALIA Le riforme pensionistiche in Italia LE PENSIONI IN ITALIA Il sistema pensionistico prima della riforma Amato La riforma di Amato del 1993 La riforma Dini del 1995 Le riforme recenti: Maroni e Fornero Bosi

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Rapporto sul Paese. 1. Caratteristiche del sistema nazionale di previdenza sociale

Rapporto sul Paese. 1. Caratteristiche del sistema nazionale di previdenza sociale SSE-MOVE Social Security on the Move: Promuovere il coordinamento tra i diversi istituti europei di sicurezza sociale per la trasferibilità delle prestazioni Progetto cofinanziato dall Unione Europea,

Dettagli

MEDICI - LE LORO PENSIONI

MEDICI - LE LORO PENSIONI MEDICI - LE LORO PENSIONI a cura di di Marco Perelli Ercolini Terminati gli esami del corso di laurea lo studente per diventare dottore in medicina e chirurgia deve conseguire la laurea discutendo la tesi,

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Prevedi: lo stato dell arte Adesioni al 31/01/2005: 15.000 Valore quota 01/01/2004: 10,00 Valore quota

Dettagli

Il sistema pensionistico

Il sistema pensionistico Università Bocconi a.a. 2008-09 6061 Scienza delle Finanze - CLEAM Il sistema pensionistico Alberto Zanardi 1 Il sistema pensionistico è un meccanismo redistributivo che trasferisce risorse correntemente

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA MI MANCANO POCHI ANNI DI LAVORO AL PENSIONAMENTO. MI CONVIENE ISCRIVERMI AD UNA FORMA PENSIONSITICA COMPLEMENTARE? Non esistono reali controindicazioni all'adesione

Dettagli

I sistemi pensionistici, pubblici o privati, sono o a prestazioni definite o a contributi definiti.

I sistemi pensionistici, pubblici o privati, sono o a prestazioni definite o a contributi definiti. PREMESSA La pensione è una somma erogata mensilmente da un ente di previdenza sociale a chi ne ha maturato il diritto alla fine della propria vita attiva nella forza lavoro di una nazione. Tale rendita

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI

RIFORMA DELLE PENSIONI RIFORMA DELLE PENSIONI I punti principali La proposta di legge delega di riforma del sistema previdenziale approvata dal Governo si propone di raggiungere due obiettivi, largamente condivisi a livello

Dettagli

Dipartimento FP CGIL LOMBARDIA - Graphic Designer Mirko Esposito

Dipartimento FP CGIL LOMBARDIA - Graphic Designer Mirko Esposito PREMESSA Dal 1992 in poi i vari Governi che si sono succeduti hanno messo mano al sistema previdenziale obbligatorio per renderlo compatibile con le ridotte risorse economiche a disposizione. Pertanto

Dettagli

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI 16 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In data 16 luglio

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT

INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT quotidiano della Cisl Anno 66 n. 187 - Lunedì 25 Agosto 2014 utela IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96 Previdenza complementare: Cos è e perché conviene averla

Dettagli

Docente: Domenico Comegna

Docente: Domenico Comegna Docente: Domenico Comegna Risorse destinate al Welfare ITALIA 26,5% PIL UE (15 paesi) 27,2% PIL Risorse destinate al Welfare Pensioni Sanità Famiglia Ammortizzatori Altre e disabilità Sociali voci GERMANIA

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti Le nuove pensioni Le novità della manovra Monti Premessa La riforma della previdenza è il primo tassello di una riforma più completa che riguarderà anche il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali.

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 2014 1 Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota A Quota B 2 QUOTA

Dettagli

IL FONDOGOMMAPLASTICA: la nuova normativa dal 1 gennaio 2007. a cura di antonino guarino - antonino.guarino@gunis.it

IL FONDOGOMMAPLASTICA: la nuova normativa dal 1 gennaio 2007. a cura di antonino guarino - antonino.guarino@gunis.it IL FONDOGOMMAPLASTICA: la nuova normativa dal 1 gennaio 2007 a cura di antonino guarino - antonino.guarino@gunis.it Entro il 30 giugno 2007 dovremo fare una scelta importante, che si ripercuoterà sul futuro

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli