Un opportunità per il futuro.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un opportunità per il futuro."

Transcript

1 Un opportunità per il futuro. Il tema della previdenza non è mai stato così attuale! Tutto ciò che c è da sapere sulla previdenza complementare Le risposte alle domande più frequenti T.F.R.: una guida per prendere la decisione giusta IP

2 La pensione La previdenza complementare è un dovere per decenni. Attualmente, i 30enni rappresentano ancora la fetta maggiore della popolazione ma, già nel 2050, il loro posto sarà preso dai 65enni. Ciò significa che sempre meno contribuenti dovranno farsi carico di un numero crescente di pensionati. La piramide demografica illustra chiaramente l evoluzione cui stiamo andando incontro. Il sistema contributivo Lavorare più a lungo per ottenere, alla fine, una pensione inferiore: è questa la magra prospettiva che attende tutte le persone in attività lavorativa, non importa se dipendenti o autonomi. In futuro, per riscuotere la pensione pubblica, sarà infatti necessario lavorare qualche anno in più di oggi e, una volta raggiunta l agognata meta, bisognerà accontentarsi di una rendita molto più bassa dell ultimo stipendio. Piramide demografica: al più tardi nel 2050, gli anziani costituiranno la fascia più numerosa della popolazione. Per sgravare le casse pensionistiche, oltre ad allungare i periodi lavorativi obbligatori, lo Stato ha dovuto inventarsi anche nuove modalità di calcolo della pensione: il vecchio e più favorevole sistema retributivo è stato, infatti, sostituito da quello contributivo, con un sistema misto per la fase transitoria. Per il calcolo delle pensioni future, quindi, non sarà più determinante l ammontare della retribuzione percepita prima del pensionamento, bensì conteranno i contributi previdenziali versati nel corso dell intera carriera lavorativa. Tirando le somme, ciò comporterà una pensione sensibilmente decurtata. La data per l applicazione delle nuove modalità di calcolo è il 31 dicembre I tre pilastri della previdenza In futuro, le pensioni pubbliche saranno molto più basse e non più in grado di garantire una copertura sufficiente per la vecchiaia, dando così origine a un gap previdenziale. Per questo motivo, accanto alla previdenza pubblica e aziendale, deve essere costituita anche una forma di previdenza individuale: solo con un sistema basato sul principio dei tre pilastri può essere, infatti, assicurata la serenità finanziaria nella vecchiaia. L attuale sistema pensionistico pubblico funziona come un salvadanaio: i lavoratori lo alimentano facendovi affluire i mezzi (contributi previdenziali), con cui sono pagate le pensioni pubbliche delle persone più anziane. Questo meccanismo ha retto fino a quando l afflusso di fondi era maggiore del deflusso, ovvero era più alto il numero dei giovani rispetto a quello dei pensionati. In caso contrario, il salvadanaio si svuota e non è più garantita la sostenibilità finanziaria delle pensioni, almeno non nella misura attuale. Esattamente questa è la situazione in cui ci troviamo oggi. 100 % 80 % 60 % 40 % 100 % Stipendio lordo prima del pensionamento 45 % 55 % Gap previdenziale Pensione pubblica lorda Il patto tra generazioni in pericolo 20 % Come si è potuti arrivare a tal punto? Tassi di natalità in calo, speranze di vita in crescita e un mercato del lavoro stagnante hanno minato l equilibrio del cosiddetto patto tra generazioni, su cui si è retto il sistema pensionistico 0 % Gap previdenziale: poiché non sarà più calcolata in base all ultimo stipendio, la pensione del futuro sarà molto inferiore a oggi.

3 ! Ecco i tre sistemi in vigore 1. Chi, al 31 dicembre 1995, aveva maturato almeno 18 anni di contribuzione, continuerà a percepire la pensione futura secondo il sistema retributivo in vigore oggi, basato sulla retribuzione degli ultimi dieci anni. Per garantire la sostenibilità del patto generazionale, è necessaria la previdenza complementare. Previdenza complementare Colmare il gap previdenziale 2. Chi, al 31 dicembre 1995, aveva maturato meno di 18 anni di contribuzione, percepirà la pensione in base al sistema misto: i contributi maturati fino al 31 dicembre 1995 saranno computati applicando il sistema retributivo, mentre quelli successivi (maturati dal 1 gennaio 1996 al momento del pensionamento) in base al sistema contributivo. 3. Chi ha iniziato a esercitare un attività soggetta a contribuzione obbligatoria, per la prima volta dopo il 1 gennaio 1996, percepirà la pensione calcolata esclusivamente con il sistema contributivo, ovvero in base ai contributi previdenziali versati nell arco della sua carriera lavorativa. Chi, in futuro, farà affidamento esclusivamente sulla pensione pubblica, sarà costretto a trascorrere una vecchiaia di privazioni. Solo una forma di previdenza complementare è, infatti, in grado di evitare la triste prospettiva di una pensione dimezzata. Ciò interessa, in particolare, i giovani, maggiormente penalizzati dall attuale riforma, poiché la loro pensione sarà calcolata in base al sistema retributivo. Un dipendente che andrà in pensione nel 2010, a 60 anni d età e dopo 30 anni di contribuzione, otterrà una pensione pari al 57,6% dell ultimo stipendio. Chi, invece, andrà in pensione nel 2050, alla medesima età e con lo stesso numero di anni maturati, percepirà una pensione pari solo al 41,7% dell ultimo stipendio. Anche per le altre categorie professionali la situazione non sarà molto più rosea, mentre i più penalizzati saranno i lavoratori autonomi: un artigiano, un agricoltore o un commerciante che vada in pensione nel 2050, sempre a 60 anni e con 30 anni di contributi, percepirà una pensione pari solo al 25,3% del suo ultimo reddito lordo. E, se anche dovesse lavorare fino a 65 anni, accumulando 40 anni di contributi, raggiungerebbe appena il 38,4% del suo ultimo reddito. CONFRONTO TRA PENSIONE PUBBLICA FUTURA E ULTIMO REDDITO PRIMA DEL PENSIONAMENTO Età anagrafica Anni di contribuzione Lavoratori dipendi del settore privato Anno di pensionamento anni 30 anni 57,6 % 46,4 % 42,7 % 42,1 % 41,7 % 60 anni 35 anni 67,1 % 56,0 % 49,6 % 48,5 % 48,1 % 65 anni 35 anni 67,1 % 62,2 % 57,8 % 56,7 % 56,1 % 65 anni 40 anni 76,7 % 72,4 % 66,8 % 64,0 % 63,4 % Dipendenti del pubblico impiego 60 anni 30 anni 59,3 % 47,7 % 42,7 % 42,1 % 41,7 % 60 anni 35 anni 68,1 % 58,4 % 49,6 % 48,5 % 48,1 % 65 anni 35 anni 68,1 % 64,8 % 57,8 % 56,7 % 56,1 % 65 anni 40 anni 77,0 % 76,5 % 66,8 % 64,0 % 63,4 % Lavoratori autonomi (agricoltori, artigiani e commercianti) 60 anni 30 anni 55,3 % 32,2 % 25,9 % 25,5 % 25,3 % 60 anni 35 anni 64,7 % 41,2 % 30,7 % 29,4 % 29,2 % 65 anni 35 anni 64,7 % 44,9 % 35,7 % 34,3 % 34,0 % 65 anni 40 anni 73,8 % 54,7 % 44,4 % 38,8 % 38,4 % Fonte: Infografik Helmuth Renzler La tabella evidenzia la misura in cui la futura pensione pubblica sarà decurtata. 3

4 Cominciare subito con la previdenza complementare Ciascun lavoratore dipendente o autonomo deve occuparsi al più presto della sua previdenza. In questa delicata materia, è richiesta massima responsabilità individuale, anche se il legislatore ha voluto preparare il terreno con la riforma appena entrata in vigore, prevedendo il trasferimento del T.F.R. nei fondi pensione. 100 euro al mese per 40 anni Rendimento medio 4 % 5 % 6 % Capitale individuale maturato Rendita complementare annua a un età di pensionamento di: euro euro euro Uomini Donne Uomini Donne Uomini Donne 60 anni euro euro euro euro euro euro 65 anni euro euro euro euro euro euro 70 anni euro euro euro euro euro euro Fonte: Infografik-Economy Helmuth Renzler Già a partire da piccoli importi versati nell arco di decenni, è possibile garantirsi un ricco salvadanaio per il futuro. Raiffeisen Fondo Pensione Per un futuro sereno Un ottima possibilità di costituirsi una previdenza complementare per la vecchiaia è quella offerta da Raiffeisen Fondo Pensione Aperto. Il suo funzionamento, semplice ed efficace, ricorda quello del vecchio libretto a risparmio: maggiori sono i versamenti effettuati nel corso del tempo, maggiore sarà il capitale a disposizione al momento del pensionamento. Prima si comincia a risparmiare per la propria previdenza e minori possono essere gli importi dei singoli versamenti. Entro il 30 giugno prossimo, ogni lavoratore dipendente è chiamato a decidere se far confluire il proprio T.F.R. in un fondo pensione: con una scelta esplicita, è possibile optare per Raiffeisen Fondo Pensione Aperto. Al momento del pensionamento, i soci di Raiffeisen Fondo Pensione Aperto possono decidere le modalità di liquidazione: rendita vitalizia complementare, pagata in rate mensili, o liquidazione in unica soluzione sotto forma di capitale combinata con la rendita. È possibile inoltre ottenere una liquidazione anticipata da Raiffeisen Fondo Pensione Aperto, ad esempio, per spese mediche o in caso d acquisto della prima casa. Tuttavia, è possibile richiedere un anticipazione del capitale maturato anche per altri scopi. Vantaggi Scelta della linea d investimento a seconda della propensione al rischio Nessuna commissione d ingresso, in caso d anticipazione o liquidazione Gestione professionale del fondo da parte di Raiffeisen, in collaborazione con Pens Plan Agevolazioni fiscali Possibilità di anticipazioni del capitale per scopi personali specifici Liquidazione sotto forma di rendita vitalizia, rendita certa o capitale Possibilità di reversibilità della pensione ai familiari Versamento ai fini previdenziali anche per i familiari a carico In caso di cambio dell attività lavorativa, possibilità di prosecuzione dei versamenti in Raiffeisen Fondo Pensione Aperto, sia per i lavoratori autonomi che per i dipendenti Chi pensa per tempo alla previdenza può guardare con serenità al proprio futuro. Consultazione online della propria posizione assicurativa Disbrigo di tutte le formalità attraverso le Casse Raiffeisen Gestione professionale del patrimonio Chi può aderire? Autonomi Liberi professionisti Dipendenti Soci collaboratori di cooperative del lavoro Percettori di redditi diversi Familiari a carico (anche minorenni)

5 Hanno molti progetti per il loro futuro, tra cui forse anche la previdenza. Chi non può aderire? Chi ha davanti a se meno di un anno al raggiungimento dell età anagrafica per la riscossione della pensione di vecchiaia, attualmente 65 anni per gli uomini e 60 anni per le donne. Per alcune categorie professionali, tuttavia, tale età minima può essere inferiore o superiore. Quanto è possibile versare? L ammontare della contribuzione può essere stabilito liberamente da ciascun iscritto: tale regola è valida, dal 1 gennaio 2007, in caso di adesione individuale e collettiva. Le aliquote contributive stabilite nell ambito di un accordo collettivo devono essere intese come aliquote minime, oltre le quali il lavoratore è libero di effettuare versamenti aggiuntivi. Con quale frequenza è possibile versare? Mensile, trimestrale, semestrale o annuale. Nel caso di adesione collettiva, le scadenze per i versamenti sono indicate nell accordo collettivo, ma possono essere modificate in qualunque momento. In base alle sue esigenze, l iscritto può scegliere tra tre diverse linee d investimento, Safe, Activity e Dynamic, che differiscono tra loro per profilo di rischio e orizzonte temporale. Prima dell adesione leggere la Nota informativa. Regolamento e Nota informativa sono disponibili presso la Cassa Raiffeisen o sul sito. La nuova riforma Previdenza complementare e T.F.R. Le disposizioni riguardanti il trattamento di fine rapporto (T.F.R.) sono state oggetto di un importante riforma. Dal 1 gennaio 2007, i lavoratori dipendenti possono infatti chiedere che gli importi di T.F.R. maturati nel corso della loro carriera lavorativa siano pagati sotto forme diverse. Il lavoratore può disporre, ora, del T.F.R. maturando con tre diverse modalità: con la scelta esplicita (in forma scritta) che il T.F.R. sia versato nel fondo pensione da lui indicato, ad esempio Raiffeisen Fondo Pensione Aperto; con la scelta esplicita che il T.F.R. sia mantenuto in azienda; mediante silenzio-assenso; in tal caso, il T.F.R. confluirà in un fondo pensione. Per i lavoratori che comunicano la loro decisione in maniera esplicita, si possono verificare le seguenti possibilità: i lavoratori che non sono iscritti ad alcun fondo pensione e che hanno iniziato l attività lavorativa successivamente al 29 aprile 1993, hanno tempo fino al 30 giugno 2007 per comunicare al datore di lavoro se intendono mantenere il T.F.R. in azienda o trasferirlo interamente in un fondo pensione; i lavoratori che non sono iscritti ad alcun fondo pensione e che hanno iniziato l attività lavorativa prima del 29 aprile 1993, hanno tempo fino al 30 giugno 2007 per comunicare al datore di lavoro se intendono mantenere in azienda il T.F.R. o se la quota di T.F.R. prevista dal contratto collettivo (in assenza di disposizioni in tal senso, minimo il 50%) debba essere trasferita in un fondo pensione. I lavoratori che, in base ai contratti collettivi, stanno già versando parte del loro T.F.R. in un fondo pensione, entro il 30 giugno 2007 devono comunicare al datore di lavoro se intendono versarvi anche la restante parte del T.F.R. o se preferiscono mantenerla in azienda come accantonamento; Cosa succede in caso di silenzioassenso? Per i lavoratori che non esprimono alcuna scelta entro il 30 giugno 2007, il T.F.R. viene versato automaticamente in un fondo pensione. Attualmente, oltre ai fondi di categoria, in Alto Adige sono disponibili, tra gli altri, anche Raiffeisen Fondo Pensione Non è mai troppo tardi per pensare alla previdenza complementare. Aperto quale fondo aperto e il Laborfonds quale fondo pensione chiuso. 5

6 Regolamento T.F.R. 2007

7 7

8 Le novità per il datore di lavoro Il 1 gennaio 2007 entrano in vigore alcune novità significative, che il datore di lavoro deve considerare attentamente. pensione in cui è fatto confluire il T.F.R. La quota a carico dell azienda è, invece, disciplinata dal contratto collettivo di lavoro e rientra nella sfera di competenza negoziale. Tra datore di lavoro e lavoratore può essere stipulato un accordo aziendale o collettivo, vincolante per l azienda, in cui sia stabilita l adesione del dipendente a un fondo pensione di sua scelta, nonché il versamento della quota a carico dell azienda stessa. Il datore di lavoro è tenuto a informare il lavoratore in merito alle possibili opzioni circa la destinazione del T.F.R., concedendogli sei mesi di tempo dall inizio dell attività lavorativa per effettuare la sua scelta. Per legge, il datore di lavoro non può esercitare alcuna influenza sui suoi dipendenti in merito a tale decisione. A scelta effettuata, il datore di lavoro è tenuto a trasferire le quote di T.F.R. maturande al fondo pensione individuato dal lavoratore. Tuttavia, qualora questo non dovesse corrispondere al fondo cui era già iscritto, dovrà essere chiesto al tempo stesso anche il trasferimento. È, infatti, escluso il versamento contemporaneo in più fondi pensione da parte del medesimo datore di lavoro. L azienda deve, quindi, trasferire la quota a carico del lavoratore al medesimo fondo La riforma del T.F.R. comporta novità per lavoratori e datori di lavoro. La scelta del lavoratore Idealmente, ciascun lavoratore dovrebbe prendere la propria decisione nella piena consapevolezza delle conseguenze che comporta. È evidente che non esiste una regola d oro valida per tutti i lavoratori; tuttavia, di seguito abbiamo elencato alcuni fattori da tenere in considerazione prima di effettuare la propria scelta. Anni mancanti alla pensione: maggiore è il numero di anni che separa il lavoratore dalla pensione, maggiore è il suo gap previdenziale. Ciò significa che la previdenza complementare è tanto più importante quanto più giovane è il contribuente. Di regola, il T.F.R. è liquidato sotto forma di capitale e la pensione complementare sotto forma di rendita: proprio alle generazioni più giovani è consigliata questa seconda modalità. Un fondo pensione è fiscalmente agevolato rispetto a tutti gli altri strumenti finanziari e di risparmio: ad es., il sottoscrittore può portare annualmente in detrazione dal proprio reddito imponibile un importo pari a 5.164,57 euro, tenendo conto dei versamenti effettuati dal datore di lavoro e dal lavoratore. Inoltre, il rendimento finanziario del fondo è soggetto a un imposta dell 11% anziché del 12,5%, com è il caso dei guadagni ottenuti dai fondi d investimento. Anche la tassazione degli importi liquidati dai fondi pensione è più favorevole rispetto a quella applicata al T.F.R., poiché non è calcolata con l aliquota media degli ultimi 5 anni, bensì con un aliquota unica del 15% che, in base agli anni di contribuzione, può ridursi fino al 9%. La rendita liquidata da un fondo pensione è pignorabile solo in casi molto circoscritti. Le prospettive di rendimento dei fondi pensione sono, mediamente, maggiori di quelle del T.F.R. Mentre il rendimento di quest ultimo è agganciato all andamento del costo della vita, con un coefficiente di rivalutazione (1,5% + 75% del tasso d inflazione), l apprezzamento dei fondi pensione dipende dall evoluzione dei mercati finanziari che, sul lungo periodo, beneficiano anche della crescita dell economia reale. I fondi pensione beneficiano di diversi incentivi pubblici, da cui è completamente escluso il T.F.R. La posizione individuale all interno del fondo pensione può essere integrata in

9 qualunque momento: in tal modo, ciascun lavoratore può pianificare liberamente il suo futuro dal punto di vista finanziario, accrescendo così la propria responsabilità individuale. Il fondo pensione offre, infine, la possibilità di usufruire di un contributo maggiore a carico del datore di lavoro, ai fini della costituzione della propria previdenza complementare. Tale contributo non è dovuto qualora si decida di mantenere il T.F.R. in azienda. FONDI PENSIONE: rendimenti a confronto 1999/2005 (in 7 anni) 2001/2005 (in 5 anni) 2003/2005 (in 3 anni) 2005 (in un anno) Fondi chiusi 30,4 % 13,1 % 17,8 % 7,4 % Fondi aperti 28,6 % 20,5 % 22,9 % 11,5 % Rivalutazione netta del T.F.R. 22,5 % 14,7 % 8,2 % 2,6 % Fonte: Infografik-Covip (relazione annuale 2005) - Helmuth Renzler Il T.F.R. trasferito in un fondo pensione gode di un trattamento migliore rispetto a quanto accade se rimane in azienda. Adesione, contribuzione, prestazioni, tassazione Le risposte a tutte le domande Adesione Chi può aderire a un fondo pensione? Chiunque, indistintamente se dispone di un reddito, può aderire a un fondo pensione. Tuttavia, l adesione a un fondo negoziale è riservata a chi fa parte di una determinata categoria professionale, come indicato nello statuto del singolo fondo. Come si aderisce a un fondo pensione? L adesione individuale a un fondo pensione aperto può avvenire presso una banca o un promotore finanziario. I moduli possono essere scaricati dal sito internet del fondo. L adesione collettiva a un fondo aperto o a un fondo chiuso di categoria dev essere, invece, richiesta all ufficio del personale del datore di lavoro. Perché l adesione a un fondo pensione è consigliata in modo particolare ai giovani? Perché, proprio nel loro caso, la pensione pubblica non sarà in grado di garantire una sufficiente copertura per la vecchiaia e, pertanto, si rende necessaria un integrazione con strumenti complementari. Contribuzione È possibile modificare l importo del versamento? Sì, è possibile variare l importo della contribuzione volontaria in ogni momento. Tuttavia, in caso di adesione collettiva, il lavoratore deve comunicare tale decisione all azienda. Gli importi minimi della contribuzione sono stabiliti nei contratti di lavoro collettivi. Cosa c entra il T.F.R. con il fondo pensione? Il T.F.R. è un importante elemento del cosiddetto secondo pilastro previdenziale, che dovrà essere gradualmente trasferito nei fondi pensione. Pertanto, il trasferimento del T.F.R. ad un fondo pensione è previsto anche attraverso il silenzio assenso. Ogni adesione ad un fondo pensione da parte di lavoratori che hanno iniziato l attività dopo il 29 aprile 1993, richiede comunque il trasferimento dell intero T.F.R. al fondo stesso. La serenità per la vecchiaia può essere garantita già con piccoli versamenti mensili. Chi decide l ammontare della contribuzione al momento dell adesione? L adesione collettiva, ovvero attraverso il datore di lavoro, prevede almeno due elementi della contribuzione, essenziali per il lavoratore. o T.F.R.: è il lavoratore stesso a scegliere di far confluire il T.F.R. al fondo pensione, anche se l importo minimo di tale trasferimento è stabilito per legge o dal contratto collettivo. o Quota a carico del lavoratore: quest importo può essere stabilito liberamente dal lavoratore. o Quota a carico dell azienda: quest elemento dev essere versato dal datore di lavoro solo se sono rispettate pienamente le disposizioni collettive (anche relativamente al fondo di destinazione) ovvero se l azienda è tenuta, in base ad accordo aziendale o regolamento interno, a versare la quota a suo carico nel fondo prescelto dal lavoratore. 9

10 Foto: Hermann Maria Gasser Soprattutto per i giovani, pensare per tempo alla previdenza complementare è decisivo per garantirsi la sicurezza finanziaria nella vecchiaia. Prestazioni Quali sono le prestazioni erogate al momento del pensionamento? È possibile scegliere tra due forme: o rendita vitalizia o certa o liquidazione parziale sotto forma di capitale, fino a un massimo del 50%, e il resto sotto forma di rendita Qualora il 70% del capitale accumulato non dia origine a una rendita pari almeno al 50% dell assegno sociale di 4.874,61 euro (2005), è possibile richiedere la liquidazione dell intero capitale accumulato in unica soluzione. Lo stesso principio si applica a tutti i casi in cui non siano stati ancora soddisfatti i requisiti minimi (cinque anni di contribuzione) per la riscossione della pensione complementare, ma il pensionando abbia sospeso la propria attività lavorativa per almeno 4 anni. Quando può essere richiesta la pensione complementare? Al raggiungimento dell età per la riscossione della pensione di vecchiaia (65 anni per gli uomini e 60 per le donne), dopo almeno cinque anni di contribuzione, può essere richiesta l erogazione della pensione complementare. Qualora il lavoratore abbia sospeso la propria attività nei cinque anni precedenti, potrà ugualmente fare richiesta di liquidazione della pensione, a condizione che abbia già maturato almeno cinque anni di contribuzione. Il pensionato ha, tuttavia, facoltà di rinviare la riscossione della pensione a un qualunque momento successivo. Cosa succede se il lavoratore muore nella fase di accumulazione? Il capitale maturato è liquidato agli eredi, individuati in base a idoneo titolo (testamento o successione legale). È possibile cambiare fondo pensione e, in caso affermativo, quando? Dopo due anni di permanenza in un fondo pensione, esiste la possibilità di trasferire il capitale accumulato in un altro fondo. Tale trasferimento può avvenire anche in un momento precedente, qualora il lavoratore abbia ottenuto la possibilità d iscriversi a un fondo diverso in seguito al cambio dell attività lavorativa. Tassazione Qual è l importo massimo fiscalmente detraibile? A partire dal 1 gennaio 2007, a tutti i contribuenti spetta lo stesso importo detraibile pari a 5.164,57 euro. Solo chi, nei primi cinque anni dall inizio dell attività lavorativa, non ha usufruito interamente di tale importo massimo, ha la possibilità di portare in detrazione, nei 20 anni successivi, la differenza tra i versamenti effettivi e i 5.164,57 euro, fino a un massimo di 7.746,84 euro all anno. Com è tassata la rendita? La nuova disciplina, in vigore dal 1 gennaio 2007, prevede la tassazione alla fonte delle rendite in misura forfetaria del 15%, con una riduzione dell aliquota di uno 0,3% all anno a partire dal 15 anno di contribuzione. Tuttavia, l importo imponibile è solo quello portato in detrazione originariamente, normalmente le quote a carico del datore di lavoro, quelle a carico del lavoratore e il T.F.R. I redditi da capitale sono tassati direttamente dal fondo, con l applicazione dell imposta sul capital gain nella misura dell 11%, mentre la rivalutazione della rendita negli anni successivi è soggetta esclusivamente a un aliquota del 12,50%. Com è tassata la liquidazione del capitale? A seconda del tipo di liquidazione, esistono diverse modalità d imposizione fiscale, tuttavia sempre con l applicazione del sistema pro rata. Ciò significa che i versamenti effettuati fino al 31 dicembre 1996 sono soggetti al vecchio sistema di tassazione separata, mentre quelli successivi sono tassati in base ai seguenti criteri: 1. l anticipazione fino al 75% per spese mediche è soggetta a un aliquota del 15% e, dopo 35 anni di contribuzione, a un aliquota ridotta del 9%; 2. l anticipazione fino al 75% per l acquisto della prima casa, dopo almeno otto anni di permanenza nel fondo, è tassata con un aliquota fissa del 23%; 3. l anticipazione fino al 30% per ulteriori necessità è tassata con un aliquota fissa del 23%.

11 Fondi pensione La parola ai numeri Quattro esempi illustrano in maniera chiara i vantaggi legati al versamento in un fondo di previdenza complementare, in base all età dell aderente. Età attuale Rendita in rapporto all ultimo stipendio *solo con il trasferimento del T.F.R. in un fondo pensione Chi oggi ha quasi 50 anni e andrà in pensione nel 2020, senza versare il T.F.R. in un fondo pensione, avrà diritto a una pensione pari al 63,8% dell ultimo stipendio lordo. Se deciderà di trasferire il T.F.R. maturando nel fondo pensione, potrà arrivare fino al 68%. Chi oggi ha quasi 40 anni e, presumibilmente, andrà in pensione nel 2030, dovrà 50 anni 40 anni All inizio della carriera lavorativa Lavoratori del futuro Pensione pubblica 63,80 % 58 % 54,80 % 53,30 % Rendita erogata dalla previdenza complementare* Rendita complessiva 4,20 % 7,70 % 11,40 % 13,70 % 68,00 % 65,70 % 66,20 % 67,00 % Chi ha appena iniziato a lavorare dovrà sborsare di tasca propria molto di più per ottenere la stessa rendita di chi è prossimo alla pensione. accontentarsi di una pensione ancora più bassa, se non deciderà di versare il T.F.R. in un fondo pensione: avrà infatti diritto a una pensione pari al 58% dell ultimo stipendio lordo, mentre se farà confluire nel fondo anche il T.F.R., potrà arrivare al 65,70%. Chi ha appena iniziato a lavorare e chi si appresta a farlo in un prossimo futuro godrà di un trattamento pensionis Anche chi è prossimo alla pensione deve valutare attentamente i vantaggi della previdenza complementare. tico ancora peggiore: la pensione pubblica supererà di poco la metà dell ultimo stipendio lordo. Per queste persone, il versamento del T.F.R. in un fondo pensione riveste un significato particolare, poiché gli consentirà di arrivare al 67% dell ultimo reddito. Infine, se sfrutteranno la possibilità di versare importi maggiori, avranno la possibilità d incrementare ulteriormente la loro pensione. Colofone Editore: Federazione Cooperative Raiffeisen dell Alto Adige Coordinamento: Ripartizione Marketing, Federazione Cooperative Raiffeisen dell Alto Adige Testi: Helmuth Renzler, esperto previdenziale, responsabile del settore amministrativo e della ripartizione pensionati e assicurati presso l INPS di Bolzano; dott. Martin von Malfér, settore consulenza della Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige Traduzioni: Studio Bonetti, Bolzano Internet: Aggiornamento: marzo 2007 Chi ha aderito a Raiffeisen Fondo Pensione Aperto può guardare con tranquillità al futuro. Nonostante l accuratezza delle informazioni fornite, non si assume alcuna responsabilità per il contenuto della presente dispensa. 11

12 L adesione al fondo pensione Vantaggi a tutte le età Riflettere, fare bene i propri conti e pensare al proprio avvenire conviene. Le riflessioni sull opportunità d iscriversi a un fondo pensione possono cambiare a seconda dell età. Gli esempi seguenti hanno lo scopo di dimostrare come l adesione possa riservare vantaggi a qualunque età. Minorenne a carico dei genitori: come può cominciare a pensare alla sua previdenza? Il capofamiglia può portare in detrazione dal reddito imponibile i contributi versati per i familiari a carico fino a un limite massimo di 5.164,57 euro (dedotti gli importi già usufruiti per se stesso). Grazie ai molti anni che lo separano dalla pensione, suo figlio ha la possibilità di accantonare un capitale importante già a partire da piccoli importi mensili. Il fondo pensione lo aiuterà anche a disciplinare meglio le sue uscite: il capitale da toccare solo in caso d emergenza Chi ha appena iniziato a lavorare non pensa ancora alla pensione, ma dovrebbe cominciare a farlo pendio. È opportuno ricordare che prima si inizia a risparmiare per la pensione, minore è l importo da accantonare mensilmente. In ogni caso, è importante scegliere di trasferire anche il T.F.R. nel fondo pensione, usufruendo così anche del contributo a carico del datore di lavoro (in base all accordo aziendale). Così facendo, si ridurrà l importo da sborsare di tasca propria per ottenere una pensione complementare adeguata. temporaneamente, alla luce dei 20 anni o meno che lo separano dalla pensione, deve valutare se i versamenti da effettuare per ottenere un adeguata integrazione pensionistica non siano troppo onerosi, senza trascurare che le agevolazioni fiscali e il contributo a carico del datore di lavoro possono rappresentare un sostegno importante. Dipendente prossima alla pensione: il fondo pensione aperto può essere interessante anche per lei? Certamente, anche se solo per l agevolazione fiscale: in considerazione del miglior trattamento riservato al fondo pensione rispetto a un fondo d investimento, a parità di risultati finanziari, otterrebbe infatti un capitale finale superiore del 30%. Inoltre, Giovane e spensierato: talvolta l aiuto dei genitori può servire a fare la scelta giusta. contribuirà alla costituzione di un salvadanaio, di cui potrà beneficiare una volta in pensione. Dipendente con meno di 30 anni, ha da poco cominciato a lavorare e non pensa ancora alla pensione. Ma dovrebbe farlo, poiché sarà tra i soggetti più penalizzati dalle ultime riforme previdenziali: la sua pensione potrebbe essere, infatti, meno della metà dell ultimo sti Lavoratore nel pieno della sua carriera professionale, che desidera cominciare ad accantonare qualcosa per la pensione. Probabilmente, la pensione pubblica cui avrà diritto sarà più alta di quella spettante ai suoi colleghi più giovani. Tuttavia, è importante che anche lui aderisca a un fondo pensione e cominci, quanto prima, ad effettuare la contribuzione. La scelta sull opportunità di trasferire il T.F.R. dipenderà dai suoi obiettivi e dalla sua capacità di risparmio. In ogni caso, è da tenere presente che il trattamento fiscale agevolato, applicato alle quote di T.F.R. trasferite in un fondo pensione, è un altro aspetto che gioca a favore di tale operazione. Con Un fondo pensione è interessante ad ogni età. se lo desidera, potrà continuare a versare nel fondo anche successivamente al pensionamento: in tal caso, è molto probabile che sceglierà la liquidazione del capitale in unica soluzione, piuttosto che la rendita. Il requisito per aderire è la mancanza di almeno un anno all età minima per la riscossione della pensione di vecchiaia. Infine, va considerata anche l eventualità che gli eredi potranno riscuotere un capitale tassato alla fonte in maniera più favorevole (15% o meno sugli importi versati e portati in detrazione). La mia banca

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani

Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR. Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 2 TFR Scegliere oggi pensando al domani Progetto 105x210 19-02-2007 15:07 Pagina 4 Cara lavoratrice, caro lavoratore come certamente saprai, dal primo gennaio è

Dettagli

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione)

(fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero del lavoro e della previdenza sociale e dalla Commissione di vigilanza sui fondi pensione) INFORMATIVA SULLA DESTINAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RESA AI SENSI DELL ARTICOLO 8, COMMA 8, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252 (fonti : sito internet www.tfr.gov.it curato Ministero

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa,

Dettagli

Pensa oggi guardando al domani! Inizia a progettare il tuo futuro.

Pensa oggi guardando al domani! Inizia a progettare il tuo futuro. Pensa oggi guardando al domani! Inizia a progettare il tuo futuro. GUIDA AI PRODOTTI GUIDA AI PRODOTTI La linea previdenza Inizia a progettare il tuo futuro. Le forme pensionistiche complementari servono

Dettagli

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa, autorizzate e

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) L organizzazione del primo pilastro Interventi legislativi: Decreto legislativo n.

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI

NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI LA RIFORMA DEL TFR informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 8, comma 8 del D.Lgs. 252/2005 Egregio dipendente, con la presente vogliamo informarla che a partire

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni La nuova Previdenza: riforma e offerta Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni Previdenza: situazione attuale 140 Alcuni fattori rilevanti: 120 100 80 22 2015 pensionamento persone nate

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Misure urgenti in materia di previdenza complementare

Misure urgenti in materia di previdenza complementare Misure urgenti in materia di previdenza complementare Il Consiglio dei Ministri di venerdì 10 novembre 2006 ha approvato il decreto legge in materia di previdenza complementare in coerenza con l anticipo

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IL GENIO DEL SALVADANAIO

IL GENIO DEL SALVADANAIO IL GENIO DEL SALVADANAIO L importanza di un Fondo Pensione per i giovani. Al tuo fianco, ogni giorno 6 ANNI L ISCRIZIONE AL FONDO PENSIONE Chiara ha 6 anni e il padre ha deciso di regalarle il Genio del

Dettagli

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE www.covip.it Guida introduttiva alla previdenza complementare Perché questa Guida... 3 Perché la previdenza

Dettagli

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni.

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Premessa Perseo è il Fondo Nazionale pensione complementare destinato a tutti i lavoratori delle Regioni, delle Autonomie Locali e della Sanità. Nasce con l obiettivo

Dettagli

Previdenza obbligatoria e fondi pensione complementare

Previdenza obbligatoria e fondi pensione complementare Previdenza obbligatoria e fondi pensione complementare AUTONOME PROVINZ BOZEN SÜDTIROL Deutsches Bildungsressort PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO ALTO ADIGE Dipartimento Istruzione e Formazione Tedesca Premessa

Dettagli

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione LE PENSIONI COMPLEMENTARI a cura di Marco Perelli Ercolini Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione La riforma

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC CENTRO INFORMATIVO DICEMBRE 2006 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi Internet: http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail:

Dettagli

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Informazioni di approfondimento Come vengono gestiti i versamenti ai fondi pensione complementare? Prima dell adesione

Dettagli

LA SCELTA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR

LA SCELTA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR Ai lavoratori dipendenti della Cooperativa Sociale Terr.A. Idee e servizi di animazione nel territorio Prot. Padova, MODULISTICA ED INFORMATIVA PER L INDICAZIONE ALLA COOPERATIVA DELLA SCELTA SULLA DESTINAZIONE

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR Slide n.1 La pensione in rapporto all ultima retribuzione Ipotesi: Lavoratore con 35 anni di

Dettagli

Pertanto, se Lei non aderiva già a Fondo Pensione, il T.F.R. maturato sino al 31.12.2006 resterà in azienda.

Pertanto, se Lei non aderiva già a Fondo Pensione, il T.F.R. maturato sino al 31.12.2006 resterà in azienda. LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IN 13 DOMANDE OVVERO I FONDI PENSIONE DALL 1.1.2007 NELLE AZIENDE CON ALMENO 50 DIPENDENTI **** 1. Cosa succederà del mio TFR maturato sino al 31.12.2006? La Riforma entra in

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993.

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993. Dossier riforma TFR Inizia il conto alla rovescia per la nuova disciplina sul TFR, che dovrebbe contribuire ad alimentare la previdenza complimentare. Con lo schema di decreto legislativo previsto dalla

Dettagli

Fondo Pensione Complementare

Fondo Pensione Complementare Fondo Pensione Complementare Per i lavoratori dei Ministeri, Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell Università e Ricerca, dell Enac e del Cnel 1 Costituito il con

Dettagli

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4

Premessa: perché la previdenza complementare? 2. La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2. I fondi pensione 4 GUIDA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Premessa: perché la previdenza complementare? 2 La destinazione del TFR entro il 30 giugno 2007 2 I fondi pensione 4 Il funzionamento dei fondi pensione 5 Come si finanziano

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato a Dicembre 2013 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti.

Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Pur aumentando le aliquote contributive e l età pensionabile, la previdenza obbligatoria, tutta, avrà una enorme diminuzione dei rendimenti. Per quanto necessari, anche i riscatti, in particolare per i

Dettagli

GUIDA ALLA PREVIDENZA INTEGRATIVA LO SCENARIO LA FISCALITÀ CBA PREVIPIÙ

GUIDA ALLA PREVIDENZA INTEGRATIVA LO SCENARIO LA FISCALITÀ CBA PREVIPIÙ PREVIDENZA GUIDA ALLA PREVIDENZA INTEGRATIVA LO SCENARIO LA FISCALITÀ CBA PREVIPIÙ À COME CAMBIERÀ LO SCENARIO DELLE PENSIONI Da diversi anni ormai si sente parlare di riforma del sistema pensionistico,

Dettagli

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP)

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) LO SCOPO Il FIP qui descritto è una forma pensionistica complementare individuale di tipo assicurativo, ché ha lo scopo di consentire all aderente di attivare un piano

Dettagli

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO.

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. CON AZIMUT PREVIDENZA IL FUTURO TIENE SEMPRE IL TUO STESSO PASSO. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Il 1 gennaio 2007 è entrato in vigore il d. lgs. 252/05 e i lavoratori, compresi i soci delle cooperative di lavoro, avranno 6 mesi

Dettagli

Banche di Credito Cooperativo Emilia Romagna

Banche di Credito Cooperativo Emilia Romagna Gennaio 2013 Banche di Credito Cooperativo Emilia Romagna I TRE PILASTRI DELLA PREVIDENZA E normale che la gioventù non pensi a quando andrà in pensione. Ha una vita davanti: divertimenti, amici, amori,

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema

cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema 10 cose da sapere sulla previdenza complementare gli elementi di base per capire il sistema /1 2 previbooks/1 3 Previboooks Previbooks è una collana di ebook creata dall Associazione Previnforma per aggiungere

Dettagli

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro.

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro. Azimut Previdenza A ciascuno il suo futuro. con Azimut PrevidenzA il futuro tiene sempre il tuo stesso PAsso. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

La nuova previdenza complementare

La nuova previdenza complementare Concreto Fondo Pensione Complementare Nazionale La nuova previdenza complementare La nuova previdenza complementare 1 Agenda Adesione esplicita e tacita Fonti di finanziamento e regole per la deducibilità

Dettagli

44 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE

44 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE 44 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE 44.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie riorganizzazioni e ristrutturazione del Gruppo Sanpaolo, hanno reso necessaria

Dettagli

I Fondi Pensione. La scelta di oggi per la serenità di domani. Tarzo, 27 ottobre 2015 Mico Imperiali

I Fondi Pensione. La scelta di oggi per la serenità di domani. Tarzo, 27 ottobre 2015 Mico Imperiali I Fondi Pensione La scelta di oggi per la serenità di domani Tarzo, 27 ottobre 2015 Mico Imperiali Perché i Fondi Pensione? 2 / 36 Allarme pensioni Concesso troppo Baby Pensioni Demografia Trattamenti

Dettagli

Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare. Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013

Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare. Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013 Riforma pensionistica e fondi pensione: un nuovo sistema di welfare Università degli Studi di Milano Bicocca 14/05/2013 Il sistema previdenziale italiano SISTEMA PREVIDENZIALE I PILASTRO II PILASTRO III

Dettagli

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA MI MANCANO POCHI ANNI DI LAVORO AL PENSIONAMENTO. MI CONVIENE ISCRIVERMI AD UNA FORMA PENSIONSITICA COMPLEMENTARE? Non esistono reali controindicazioni all'adesione

Dettagli

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche 2 modulo Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche Riferimento bibliografico: capitolo 1 A cura di Luca Santamaria 1 I principali riferimenti della lezione I diversi sistemi pensionistici

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità

Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Fondo pensione per i dipendenti di Regioni, Autonomie locali e Sanità Perché un fondo pensione e come funziona I lavoratori che sono andati in pensione in questi ultimi anni hanno visto via via ridursi

Dettagli

Conta su di noi! I vantaggi della pensione complementare

Conta su di noi! I vantaggi della pensione complementare Conta su di noi! I vantaggi della pensione complementare per il personale dell Amministrazione provinciale e per il personale docente ed educativo delle scuole elementari, medie e superiori dell Alto Adige.

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

La riforma della previdenza complementare

La riforma della previdenza complementare La riforma della previdenza complementare 2 I 3 MOMENTI DEL FONDO PENSIONE (1) CONTRIBUZIONE LE FONTI DI FINANZIAMENTO DEL FONDO PENSIONE TFR MATURANDO CONTRIBUTO LAVORATORE CONTRIBUTO AZIENDA (2) GESTIONE

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

T.F.R.: L IMPORTANTE È SCEGLIERE!

T.F.R.: L IMPORTANTE È SCEGLIERE! dicembre 2006 T.F.R.: L IMPORTANTE È SCEGLIERE! Il sistema pensionistico italiano ha subito dagli anni novanta un processo di riforma per contenere la spesa pensionistica al fine di garantirne la sostenibilità.

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

Dipartimento FP CGIL LOMBARDIA - Graphic Designer Mirko Esposito

Dipartimento FP CGIL LOMBARDIA - Graphic Designer Mirko Esposito PREMESSA Dal 1992 in poi i vari Governi che si sono succeduti hanno messo mano al sistema previdenziale obbligatorio per renderlo compatibile con le ridotte risorse economiche a disposizione. Pertanto

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NEL PUBBLICO IMPIEGO

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NEL PUBBLICO IMPIEGO LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NEL PUBBLICO IMPIEGO Il fondo di Previdenza complementare Sirio Perseo: come funziona il Fondo e come la Funzione Pubblica organizza un servizio rivolto ai lavoratori Pubblici

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR 1 SISTEMA PENSIONISTICO ATTUALE 1^ PILASTRO: previdenza obbligatoria (Inps,Inpdap,Casse professionali ecc ) ASSICURA LA PENSIONE BASE 2^ PILASTRO

Dettagli

INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT

INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT quotidiano della Cisl Anno 66 n. 187 - Lunedì 25 Agosto 2014 utela IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96 Previdenza complementare: Cos è e perché conviene averla

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

Molti aderenti ci hanno posto alcuni quesiti sul tema pensionistico/liquidativo:

Molti aderenti ci hanno posto alcuni quesiti sul tema pensionistico/liquidativo: Nonostante la riforma Fornero qualcuno riesce ancora ad andare in pensione. Come si inserisce il Fondo Pensione in questa eventualità, quali sono le scelte che è possibile ed è meglio fare. Molti aderenti

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

Fondo Pensione Complementare

Fondo Pensione Complementare Fondo Pensione Complementare Per i lavoratori dei Ministeri, Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell Enac e del Cnel Sirio incontra i lavoratori dell Università La

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia PATRONATO INCA CGIL Lombardia Il Fondo Complementare Sirio I tre pilastri della Previdenza Previdenza Obbligatoria Previdenza Complementare Forme di risparmio a finalità previdenziale (P.I.P.) I tre pilastri

Dettagli

Guida introduttiva alla previdenza complementare

Guida introduttiva alla previdenza complementare COMMISSIONE DI VIGILANZA COVIP SUI FONDI PENSIONE Guida introduttiva alla previdenza complementare Conoscere per scegliere www.covip.it COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Guida introduttiva

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR A cura di Maria Rosa Gheido 1 LEGGE DELEGA n. 243/2004 (luglio 2004) AVVISO COMUNE DELLE PARTI SOCIALI (febbraio e luglio 2005) DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO 1 Il nuovo sistema pensionistico Pensplan Come cambia la previdenza LA RIFORMA IN SINTESI DUE TIPI DI TRATTAMENTO: PENSIONE DI VECCHIAIA E PENSIONE ANTICIPATA ESTENSIONE

Dettagli

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A.

Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Fondoposte: il fondo pensione per il Personale del gruppo Poste Italiane S.p.A. Cos è Fondoposte Fondoposte è il Fondo Nazionale di Pensione Complementare per il Personale di Poste Italiane S.p.A. e delle

Dettagli

TRATTAMENTO PENSIONISTICO

TRATTAMENTO PENSIONISTICO TRATTAMENTO PENSIONISTICO di Valerio Cai, dalla Gilda di Firenze, 2 dicembre 2005. Le riforme del sistema pensionistico, attuate a partire dal 1992, hanno mirato ad impedire il prepensionamento e a ridurre

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

NOME PRODOTTO Popolare Vita Previdenza - Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione 5075 11/09/2008

NOME PRODOTTO Popolare Vita Previdenza - Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione 5075 11/09/2008 POPOLARE VITA PREVIDENZA - PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO A PREMI RICORRENTI E PREMI INTEGRATIVI CON PRESTAZIONI LEGATE AL RENDIMENTO

Dettagli

POPOLARE VITA PREVIDENZA

POPOLARE VITA PREVIDENZA POPOLARE VITA PREVIDENZA INFORMAZIONI GENERALI NOME PRODOTTO Popolare Vita Previdenza - Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo - Fondo Pensione N DI ISCRIZIONE ALL ALBO DATA ISCRIZIONE TIPOLOGIA

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE?

TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? TFR IN AZIENDA O NEL FONDO PENSIONE: COSA MI CONVIENE? QUESITI E SOLUZIONI SULLA PREVIDENZA INTEGRATIVA. SPECIALE LAVORATORI DIPENDENTI LA PREVIDENZA? È CAMBIATA Le modifiche introdotte dalla Riforma Dini

Dettagli

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013 AREA RISORSE E SISTEMI Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Sitpendi e altri Compensi Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti A tutto il Personale

Dettagli

La pensione complementare

La pensione complementare La pensione complementare La pensione complementare Perché una pensione complementare A causa della diminuita copertura della pensione pubblica dopo la riforma del 1995 rispetto agli anni precedenti diventa

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

TASSAZIONE DEI RENDIMENTI

TASSAZIONE DEI RENDIMENTI GLI ASPETTI FISCALI Deducibilità dei contributi A tutti i lavoratori è riconosciuta la deducibilità dei contributi a proprio carico versati alle forme pensionistiche complementari fino ad un massimo di

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini

Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini Come funziona il sistema Il nostro è sistema previdenziale A

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

Docente: Alessandro Bugli

Docente: Alessandro Bugli Docente: Alessandro Bugli Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi OCSE anno 2012 Fonte: OECD Global Pension Statistics - 2012 Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi OCSE anno 2012

Dettagli