FondItalia. Con le IMPRESE FUORI dai soliti schemi. Fondo paritetico Interprofessionale per la Formazione Continua

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FondItalia. Con le IMPRESE FUORI dai soliti schemi. Fondo paritetico Interprofessionale per la Formazione Continua"

Transcript

1

2 UNIONE GENERALE DEL LAVORO Fondo Formazione Italia FondItalia Fondo paritetico Interprofessionale per la Formazione Continua Con le IMPRESE FUORI dai soliti schemi FondItalia è il Fondo Interprofessionale promosso da UGL Unione generale del Lavoro e FederTerziario - Federazione Italiana del Terziario, dei Servizi, del Lavoro Autonomo e della Piccola Impresa Industriale, Commerciale ed Artigiana Le imprese che aderiscono a FondItalia hanno l opportunità di utilizzare lo 0,30 del monte contributivo obbligatorio, versato all INPS dai datori di lavoro (Legge 388/2000) per la Formazione Continua dei propri collaboratori. Ciò senza alcun aggravio di costi per l impresa. FondItalia - Via Cesare Beccaria, Roma Tel Fax

3 La previdenza in Italia Manuale operativo

4 2

5 Introduzione Forse mai come negli ultimi anni, il sistema previdenziale nel nostro Paese è stato interessato da una serie di riforme strutturali che hanno un impatto non solo sulle regole per accedere alla pensione, ma anche sulla vita delle persone, sia dei giovani che dei cosiddetti lavoratori maturi. Nei progetti di vita di ogni persona rientra pure quello del giorno in cui, dopo tanto lavoro, si può finalmente andare in pensione per occuparsi di altro, della propria famiglia, dei propri hobby, di chi magari soffre. Ed invece, soprattutto la riforma in vigore dal primo gennaio scorso costringe tutti a ripensare il proprio futuro nella consapevolezza che il momento del pensionamento è destinato ad allungarsi nel tempo. Una riflessione necessaria che investe anche l aspetto assolutamente non secondario dell importo dell assegno pensionistico alla luce della estensione a tutti i lavoratori del meccanismo di calcolo basato sugli effettivi contributi versati. Questo manuale che si caratterizza per la sua praticità si presenta quindi come uno strumento utile per l operatore del Patronato, per il dirigente sindacale, ma anche per tutti coloro che vogliono avere un quadro più chiaro delle principali novità introdotte. Il volume affronta anche il tema della previdenza complementare, un argomento del quale si dibatte poco, nonostante l evidente importanza in termini di mantenimento del potere d acquisto delle pensioni future. Giovanni Centrella Segretario Generale Ugl La recente riforma introdotta con il decreto legge 201 del 2011 impone all operatore del Patronato un notevole sforzo di adeguamento delle proprie competenze professionali per rispondere alle domande sempre più pressanti che ogni giorno arrivano dagli utenti. In pochi mesi, il nostro sistema previdenziale è stato trasformato; si è passati da un quadro che metteva insieme gli anni di lavoro e i contributi versati, ad uno nel quale l elemento principale è l età anagrafica, peraltro con la difficoltà aggiuntiva di dover considerare l adeguamento alla speranza di vita. Tutto ciò, rende particolarmente complesso il lavoro dell operatore del Patronato che è chiamato a dover considerare una serie di variabili nel dare le risposte al lavoratore utente. In questo senso, il presente manuale contribuisce a semplificare l attività dell operatore del Patronato, presentando una sintesi esaustiva delle principali novità introdotte, oltre ad una serie di casi tipici raccolti nei primi due mesi di entrata in vigore delle nuove norme sulla previdenza. Come è facile immaginare, il cantiere delle pensioni è ancora aperto, non essendo state risolte alcune questioni fondamentali (pensiamo, ad, esempio, agli esodati e ai pensionabili), per cui sarà necessario ritornare su diversi argomenti del presente manuale. Di certo, l Enas sarà in prima fila per spiegare cosa cambia nella previdenza in Italia. Rolando Vicari Presidente Enas 3

6 4

7 La previdenza in Italia in vigore dal 1 gennaio 2012 La riforma delle pensioni Monti-Fornero (decreto legge 201/2011, convertito in legge 241/2011), rispetto anche ai recenti interventi in materia, che pure hanno prodotto una sensibile riduzione nel numero di pensioni annualmente erogate per la prima volta, è strutturale e destinata a rivoluzionare il meccanismo di accesso al trattamento previdenziale, sia per le pensioni di anzianità contributiva che peraltro sono destinate a scomparire anche sotto il profilo formale, in quanto prenderanno il nome di pensioni anticipate - che per quelle di vecchiaia. In un colpo solo, si interviene infatti: Sui requisiti di accesso, eliminando il meccanismo delle quote (che resta valido soltanto per i lavori usuranti pur con una penalizzazione), innalzando l età minima per gli uomini (da subito) e per le donne (da subito e progressivamente fino ad arrivare alla parità nel 2018) ed introducendo una soglia flessibile con incentivi-disincentivi; Sul meccanismo di calcolo degli assegni con contributivo per tutti a partire dal 1 gennaio 2012; Sul momento dell effettivo pensionamento, eliminando il sistema delle finestre a scorrimento; Sul criterio della speranza di vita, con adeguamenti biennali a partire dal 1 gennaio 2019 e con una clausola di salvaguardia fissata ad almeno 67 anni nel 2021; Sulle aliquote contributive degli autonomi (24%), primo passaggio verso un allineamento con quelle dei lavoratori dipendenti (33%); Sulla organizzazione degli enti previdenziali, con creazione della super Inps che incorpora anche l Inpdap e l Enpals. In aggiunta, vi è anche un blocco temporaneo della perequazione degli assegni pensionistici superiori a tre volte il minimo (del valore quindi di euro) all indice di inflazione Istat; un contributo di solidarietà da alcuni fondi (dirigenti, piloti, telefonici) e dalle pensioni superiori a 200mila euro e misure di riordino per le casse professionali. Dalle misure adottate, è atteso un risparmio nel breve periodo di 3-3,5 miliardi di euro che potranno salire fino a 15 miliardi a regime. L obiettivo della manovra è duplice: innalzare l età di uscita per le pensioni di vecchiaia; ridurre le uscite con le pensioni di anzianità contributiva. Si rammenta che, al momento in cui è pubblicato questo manuale, ancora non sono stati risolti da parte del Ministero del lavoro e dell Inps alcuni dubbi interpretativi, relativi soprattutto alla platea dei beneficiari delle deroghe, per cui potrebbe essere necessario aggiornare il testo in qualche sua parte. Contributivo per tutti e pro rata (art. 24, comma 2, Dl 201/2011) A decorrere dal 1 gennaio 2012, la quota di pensione corrispondente a tale anzianità è calcolata secondo il sistema contributivo. La misura interessa tutti coloro che, al 31 dicembre 2011, si trovavano nel regime retributivo, avendo maturato al 31 dicembre 1995 almeno 18 anni di contributi. L adozione del contributivo pro rata porterà ad una probabile riduzione dell assegno erogato, in misura maggiore rispetto agli anni mancanti al conseguimento della pensione. Secondo alcune simulazioni, il passaggio al contributivo pro rata potrebbe portare ad una penalizzazione fino a punti percentuali nel caso in cui dovessero mancare sei anni: rispetto all ultima retribuzione, il tasso di sostituzione sarebbe dell 80% con il sistema retributivo e del 66-67% con il sistema misto con contributivo pro rata. 5

8 Su base mensile, l assegno pensionistico sarebbe in calo fra i dieci e i settanta euro, come evidenziato dalla tabella che segue (Tab. 1) nella quale si simula l introduzione della riforma dal 1 gennaio 2012: Confronto fra calcolo pensione con solo sistema retributivo e con parte di contributivo Tab. 1 Ultima retribuzione annua Pensione solo con retributivo Differenza mensile pensione con 5 anni di contributivo Differenza mensile pensione con 3 anni di contributivo Differenza mensile pensione con un anno di contributivo Il campo di applicazione e la nuova terminologia (art. 24, comma 3, Dl 201/2011) Le nuove norme si applicano a partire dal 1 gennaio 2012, per cui chi ha maturato i requisiti previsti dalla normativa vigente alla data del 31 dicembre 2011 potrà accedere alla prestazione pensionistica secondo tali regole. L interessato dovrà farsi certificare dall ente previdenziale di appartenenza il conseguimento del diritto. A partire dal 1 gennaio 2012, le pensioni di vecchiaia, di vecchiaia anticipata e di anzianità sono sostituite dalle pensioni di vecchiaia e dalle pensioni anticipate. Pensioni di vecchiaia (art. 24, commi 4-9, Dl 201/2011) La norma ritocca i requisiti anagrafici minimi, inglobando la finestra a scorrimento (art. 12, Dl 78/2010; è abrogata anche la norma che riguarda il personale della scuola, art. 1, comma 21, Dl 138/2011), incentivando la permanenza al lavoro fino a 70 anni (attraverso l estensione dei coefficienti di trasformazione) e confermando l aggancio alla speranza di vita (con una scansione temporale diversa rispetto al passato, per il quale si fa riferimento all articolo 12 delle legge 122/2010, come modificato dall articolo 18 del decreto legge 98/2011). A decorrere dal 1 gennaio 2012, sono individuate quattro tipologie di requisiti anagrafici: 1. lavoratrici dipendenti del settore privato: 62 anni in aumento fino a 66 nel 2018; 2. lavoratrici autonome: 63 anni e 6 mesi in aumento fino a 66 nel lavoratori dipendenti privati e pubblici e lavoratrici dipendenti pubbliche: 66 anni; 4. lavoratori autonomi: 66 anni. 6

9 Nello specifico, l età pensionabile aumenta come evidenziato nella Tabella 2. L età pensionabile al 1 gennaio di ciascun anno Tab Lavoratrice dipendente settore privato Lavoratrice autonoma Lavoratori dipendenti privati e pubblici e lavoratrici dipendenti pubbliche Lavoratori autonomi L età pensionabile è destinata a crescere per effetto dell adeguamento dei requisiti di accesso agli incrementi della speranza di vita (comma 13), il prossimo dei quali è previsto a decorrere dal 1 gennaio 2019, con aggiornamento a cadenza biennale, con la previsione di una età pensionabile pari a 67 anni per tutti nel Gli effetti di questa misura, come è possibile apprezzare dalla Tabella 3, penalizzano maggiormente le lavoratrici dipendenti del settore privato. Età di effettivo pensionamento confronto fra vecchio regime e nuovo regime Pensioni di vecchiaia Tab vecchio regime* 2013 nuovo regime 2021 vecchio regime** 2021 nuovo regime Lav. dipendenti 66 anni + 3 mesi 66 anni 66 anni + 11 mesi 67 anni Lav/trici dip. 61 anni + 3 mesi 62 anni 63 anni + 8 mesi 67 anni *all età pensionistica di 65 anni (60 anni) va aggiunto l anno di attesa per la finestra a scorrimento e l adeguamento alla speranza di vita; ** all età pensionistica di 66 anni (63 anni) va aggiunto l anno di attesa per la finestra a scorrimento, comprensivo dell adeguamento alla speranza di vita. Come pro memoria, si ricorda che l articolo 1 del decreto legge 138/2011 aveva anticipato al 2014 dal 2020 il progressivo innalzamento dell età pensionabile delle donne nel settore privato, per cui l effettiva parità si sarebbe conseguita nel 2026 e non più nel 2032, come precedentemente disposto nel Dl 98/2011. La Tabella 3-bis ricostruisce l incremento dell età pensionabile come sarebbe stata se non fosse intervenuto successivamente il decreto legge 201/2011; all età pensionabile indicata in tabella vanno sommati i mesi di attesa (12 per i lavoratori dipendenti e 18 per quelli autonomi) effetto delle finestre a scorrimento. 7

10 Speranza di vita e progressivo innalzamento requisito età donne Pensioni di vecchiaia anno e requisito anagrafico Tab. 3-bis Anno Requisito (anni+mesi) Requisito (anni+mesi) Requisito (anni+mesi) Anno Anno Uomini Donne Uomini Donne Uomini Donne mesi 60+3 mesi mesi 63+8 mesi mesi 67+6 mesi mesi 60+4 mesi mesi 64+6 mesi mesi 67+9 mesi mesi 60+6 mesi mesi mesi 61+1 mesi mesi 65+6 mesi mesi 68+3 mesi mesi 61+5 mesi mesi 66+4 mesi mesi 68+6 mesi mesi mesi mesi 66+7 mesi mesi 68+9 mesi mesi 62+8 mesi mesi mesi mesi 63+2 mesi mesi 67+3 mesi Ai sensi del comma 7, il diritto alla pensione di vecchiaia matura in presenza di una anzianità contributiva minima di 20 anni, a condizione che l importo dell assegno sia pari ad almeno 1,5 volte l assegno sociale. La soglia dell 1,5%, al di sotto della quale comunque non è possibile scendere, è annualmente rivalutata sulla base dell andamento medio quinquennale del prodotto interno lordo. Per chi ha un età anagrafica di 70 anni, l anzianità contributiva minima richiesta è di 5 anni. A decorrere dal 1 gennaio 2018, è incrementata di un anno (e quindi sale a 66 anni) anche l età anagrafica per l accesso all assegno sociale (art. 3, comma 6, legge 335/1995) e alle prestazioni a sostegno di sordomuti (art. 10, legge 381/1970), mutilati ed invalidi civili (art. 19, legge 118/1971). Pensioni anticipate (ex pensioni di anzianità) (art. 24, commi 10-12, Dl 201/2011) Le novità riguardano il sistema di calcolo degli assegni pensionistici e i requisiti di accesso. Come già accennato, a decorrere dal 1 gennaio 2012, il sistema contributivo è esteso a tutti i lavoratori, compresi quelli che al 31 dicembre 1995 avevano almeno 18 anni di contributi e quindi si ritrovano nel cosiddetto sistema retributivo. Per questi il sistema contributivo si applica pro rata, cioè a dire dai contributi versati dopo il 1 gennaio 2012, mentre per gli anni precedenti si continua ad applicare il sistema retributivo. A decorrere dalla stessa data, è ammesso il pensionamento anticipato con il raggiungimento di 42 anni ed un mese di contributi per gli uomini e di 41 anni ed un mese per le donne, con una età minima anagrafica fissata in 62 anni. Tali requisiti contributivi sono aumentati di un ulteriore mese per ciascuno degli anni 2013 e 2014, come previsto nel decreto legge 98/

11 Età di effettivo pensionamento confronto fra vecchio nuovo regime Pensioni anticipate (ex anzianità contributiva) Tab * Uomini 41 anni 42 anni + 1 mese 42 anni + 2 mesi 42 anni + 3 mesi Donne 41 anni 41 anni + 1 mese 41 anni + 2 mesi 41 anni + 3 mesi *per effetto della finestra a scorrimento Come evidenziato dalla tabella 4, la nuova disciplina penalizza maggiormente gli uomini, mentre non ha effetti negativi aggiuntivi sulle donne. Si ricorda che il criterio dell adeguamento alla speranza di vita (comma 13) si applica anche in questo caso, sia sui requisiti anagrafici che su quelli contributivi; il prossimo adeguamento (probabile tre mesi) è previsto nel È introdotto un ulteriore paletto rappresentato dall età minima di 62 anni, per cui chi matura il requisito richiesto in materia di anzianità contributiva prima di aver compiuto i 62 anni potrà accedere alla pensione in anticipo, ma avrà una penalizzazione pari al 1% per ogni anno anticipato fino a due; i punti percentuali diventano due per ogni anno ulteriore oltre a due. La penalizzazione si applica sulla quota di trattamento maturata prima del 1 gennaio Penalizzazione per chi lascia il lavoro prima dei 62 anni di età, avendo maturato i requisiti contributivi richiesti Tab. 5 Età anagrafica primo lavoro 16 anni 17 anni 18 anni 19 anni 20 anni Penalizzazione -6% -4% -2% -1% 0 Per effetto della modifica introdotta con il decreto legge 216/2011, la norma sulla penalizzazione non si applica ai lavoratori che maturano il requisito di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2017, se la predetta anzianità contributiva deriva esclusivamente da prestazione effettiva di lavoro, includendo i periodi di astensione obbligatoria per maternità, per l assolvimento degli obblighi di leva, per infortunio, per malattia e per cassa integrazione guadagni ordinaria. Le eccezioni (art. 24, commi 11, 14 e 15 bis, Dl 201/2011) Ai sensi del comma 11, coloro che hanno il primo accredito contributivo successivo al 1 gennaio 1996 (e quindi sono interamente nel sistema contributivo) possono accedere al trattamento pensionistico a 63 anni purché abbiano almeno venti anni di anzianità e la prima rata di pensione sia superiore ad un importo soglia mensile pari a 2,8 volte l importo mensile dell assegno sociale. Per l accesso al trattamento pensionistico è richiesta la risoluzione del rapporto di lavoro, mentre la soglia di 2,8 volte l importo minimo è soggetta a revisione annuale, sempre in rapporto all andamento del prodotto interno lordo. La normativa vigente alla data del 31 dicembre 2011 continua ad applicarsi: a chi matura i requisiti entro il 31 dicembre 2011; alle lavoratici dipendenti e autonome che, con una anzianità contributiva minima di 35 anni ed una età anagrafica minima rispettivamente di 57 e 58 anni, optano per il calcolo interamente contributivo (misura sperimentale introdotta dall articolo 1, comma 9, legge 243/2004 e valida fino al 31 dicembre 2015); 9

12 ad una platea di lavoratori che maturano i requisiti dopo il 31 dicembre 2011 e che si trovano in una delle seguenti condizioni: in mobilità in seguito ad accordi sindacali stipulati entro il 4 dicembre 2011 e che maturano i requisiti per il pensionamento entro il periodo di fruizione dell indennità di mobilità; in mobilità lunga per effetto di accordi stipulati entro il 4 dicembre 2011; a carico di fondi di solidarietà o per i quali sia stato previsto il diritto di accesso agli stessi fondi (sempre alla data del 4 dicembre 2011); le persone autorizzate ad accedere al fondo resteranno comunque a carico dello stesso fino almeno al compimento del 60 anno di età; a chi è stato autorizzato, sempre entro il 4 dicembre 2011, alla prosecuzione volontaria della contribuzione; a chi è stato esonerato dal servizio, sempre entro il 4 dicembre 2011; ai lavoratori che alla data del 31 ottobre 2011 risultano essere in congedo per assistere figli con disabilità grave e che maturano, entro ventiquattro mesi dalla data di inizio del predetto congedo, il requisito contributivo per l accesso al pensionamento a prescindere dall età anagrafica. La norma in deroga si applica anche ai lavoratori il cui rapporto di lavoro si sia risolto entro il 31 dicembre 2011 in base ad accordi individuali sottoscritti con l azienda o in applicazione di accordi collettivi di incentivo all esodo stipulati dai sindacati più rappresentativi a livello nazionale; occorre però che: la data di cessazione del rapporto risulti da elementi certi ed oggettivi; il lavoratore sia in possesso dei necessaria requisiti anagrafici e contributivi, definiti con legge 247/2007, che avrebbero comportato la decorrenza del trattamento entro un periodo non superiore a 24 mesi dalla data di entrata in vigore del decreto legge 201/2011. L ulteriore estensione della platea è finanziata con un incremento delle accise, ai sensi dell articolo 6, comma 2 quinquies, del decreto legge 216/2011. Questo stesso provvedimento ha anche previsto una clausola di salvaguardia, in base alla quale, nel caso di raggiungimento del limite delle risorse previsto con il decreto legge 201/2011, l inserimento dei lavoratori esodati entro il 31 dicembre 2011 è subordinato all incremento delle aliquote contributive non pensionistiche a carico di tutti i datori di lavoro. Il numero dei lavoratori coinvolti, ai sensi del comma 15, è connesso alle risorse disponibili che sono pari a 245 milioni di euro per il 2013, a 635 milioni di euro per il 2014, a milioni per il 2015, a milioni per il 2016, a milioni per il 2017, a 610 milioni per il 2018 e a 300 milioni per il Il monitoraggio della platea spetta agli enti gestori di forme di previdenza obbligatoria. Si specifica che chi matura i requisiti entro il 31 dicembre 2011 dovrà tener conto della normativa vigente fino a quella data (e quindi delle finestre a scorrimento), mentre per chi matura i requisiti dopo questa data vale il criterio dell adeguamento alla speranza di vita. Il comma 15 bis dispone, in via eccezionale, le ipotesi di: pensionamento anticipato a un età anagrafica non inferiore a 64 anni per i lavoratori dipendenti del settore privato che entro il 31 dicembre 2012 hanno un anzianità contributiva di almeno 35 anni (Quota 99; per memoria: alla stessa data, la 243/2004, come modificata dalla legge 247/2007, prevedeva Quota 97, con età minima di 61 anni); pensionamento anticipato a 64 anni di età per le lavoratrici del settore privato che maturino entro il 31 dicembre 2012 un età anagrafica di 60 anni ed una anzianità contributiva di almeno 20 anni. 10

13 La disciplina per i lavoratori impiegati in attività particolarmente faticose e pesanti (cd Lavori usuranti) (art. 24, comma 17, Dl 201/2011) Il meccanismo delle Quote resta in vigore per i soli lavoratori occupati in attività particolarmente faticose e pesanti, i cosiddetti lavori usuranti. La platea degli interessati al provvedimento è definita dal decreto legislativo 67/2011, in attuazione della delega contenuta nella legge 247/2007: a. Lavoratori impegnati in lavorazioni particolarmente usuranti decreto 19 maggio 1999; b. Lavoratori notturni: 1. almeno 6 ore per un numero minimo di giorni non inferiore a 78 (per chi matura i requisiti fra il 1 luglio 2008 ed il 30 giugno 2009) o non inferiore a 64 (per chi matura i requisiti dal 1 luglio 2009); 2. almeno tre ore nell intervallo fra la mezzanotte e le cinque del mattino per l intero anno lavorativo; c. Lavoratori occupati in aziende individuate da specifico codice Inail che si caratterizzano per processi produttivi in serie con ripetizione costante del ciclo; d. I conducenti di veicoli con non meno di 9 posti del servizio di trasporto pubblico. Le condizioni di accesso: 1. Requisito di anzianità contributiva non inferiore a 35 anni; 2. Rispetto del regime di decorrenza del pensionamento vigente al momento della maturazione dei requisiti agevolati; 3. Aver svolto almeno sette anni negli ultimi dieci anni di attività in lavorazioni esplicitamente elencate (valido fino al 31 dicembre 2017); 4. Aver svolto almeno la metà della vita lavorativa complessiva nelle lavorazioni esplicitamente elencate (a regime dal 1 gennaio 2018). La domanda, con allegata la documentazione in data certa comprovante l attività svolta, va presentata all Istituto di previdenza cui il lavoratore è iscritto. Raggiungimento requisiti Scadenza presentazione domanda Entro il 31 dicembre 2011 Entro il 30 settembre 2011 A decorrere dal 1 gennaio 2012 Entro il 1 marzo dell anno di maturazione Il decreto legge 201/2011, all articolo 24, prevede però, rispetto a quanto stabilito precedentemente e che rimane in vigore per coloro che maturano i requisiti entro il 31 dicembre 2011, un inasprimento degli stessi, con la quota che sale da 94 a 96 (con età anagrafica minima di 60 anni) nel 2012 e poi a quota 97 (con età anagrafica minima di 61 anni) nel 2013; di fatto il beneficio viene dimezzato, in quanto ai lavoratori usuranti vengono applicate le norme che fino al 31 dicembre 2011 sono state applicate a tutti i lavoratori dipendenti. Il periodo transitorio, inizialmente previsto dal 2008 al 2012, finisce il 31 dicembre 2011 (Tab. 6.1 e 6.2), mentre a regime si applica la tabella B della legge 247/2007 anticipata di un anno (Tab. 6.3). Periodo transitorio Come cambia la Tabella A della legge 247 del 2007 Tab. 6.1 Periodo Età anagrafica Nuova età anagrafica richiesta Da 01/07/2008 a 30/06/

14 Come cambia la Tabella B della legge 247 del 2007 Tab. 6.2 Periodo Quota legge 247/2007 Quota dlgs 67/2011 Età anagrafica legge 247/2007 Età anagrafica dlgs 67/2011 II semestre Beneficio a regime Cosa prevede la Tabella B della legge 247 del 2007 Tab. 6.3 Periodo Età anagrafica + anzianità contributiva (cd. Quota) Età anagrafica minima Dal 2012 (2013) Sempre il comma 17, interviene sui benefici riconosciuti alla particolare categoria dei lavoratori notturni impiegati in attività usuranti, distinguendo fra coloro che svolgono fra 64 e 71 giorni lavorativi e fra 72 e 77 giorni lavorativi annui. Il riferimento è sempre alla Tabella B della legge 247/2007, rispetto alla quale sono aumentati i requisiti contributivi ed anagrafici, come evidenziato dalla tabella 7. I nuovi requisiti per il pensionamento dei lavoratori notturni Tab. 7 Legge 247/2007 Lav. notturni gg Lav. notturni gg Quota Età minima Quota Età minima Quota Età minima Dal Per i lavoratori interessati dagli effetti del comma 17, ai sensi del successivo comma 17 bis, continua ad applicarsi il meccanismo delle finestre a scorrimento, per cui l età effettiva di pensionamento è incrementata di un anno. Rivalutazione automatica delle pensioni (art. 24, comma 25, Dl 201/2011) In considerazione della particolare situazione finanziaria, la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici (ai sensi dell articolo 34, comma 1, della legge 448/1998) è riconosciuta per gli anni 2012 e 2013 nella misura del 100% esclusivamente ai trattamenti pensionistici di importo complessivo fino a tre volte il trattamento minimo Inps. Per gli importi superiori a tale soglia, la rivalutazione automatica è comunque riconosciuta per la parte inferiore a tale limite. Di conseguenza, viene abrogato il comma 3 dell articolo 18 del decreto legge 98/2011 che aveva previsto anche l indicizzazione al 70% per la fascia compresa fra tre volte e cinque volte il minimo Inps. 12

15 Rivalutazione delle pensioni confronto fra vecchio e nuovo regime Tab. 8 Rivalutazione nuovo regime Fascia Importo lordo 2012 Indicizzazione Fino a tre volte il minimo 1.441,59 max 100% Oltre tre volte il minimo + di 1.441,59 0 Rivalutazione vecchio regime (legge 388/2000) Fascia Importo lordo 2012 Indicizzazione Fino a tre volte il minimo 1.441,59 max 100% Fra tre e cinque volte il minimo 2.402,65 max 90%* Oltre cinque volte il minimo + di 2.402,65 75%** *Il decreto legge 98/2011 aveva previsto una rivalutazione del 70% **Il decreto legge 98/2011 non aveva previsto una rivalutazione È opportuno specificare che l aumento di rivalutazione è attribuito fino a concorrenza del limite indicato; ciò vuol dire che un titolare di pensione con assegno, ad esempio, di euro avrà una rivalutazione per la sola parte fino a 1.441,59 euro e non sui restanti 59 euro. Le altre misure 1. Le pensioni sopra a euro sono pagate soltanto in formato elettronico con accredito su conto corrente o carta prepagata, mentre quelle al di sotto della soglia continuano ad essere pagate in contanti (art. 12, comma 2, lettera c, Dl 201/2011). 2. Soppressione, a decorrere dal 1 gennaio 2012, di Inpdap ed Enpals con conseguente trasferimento delle funzioni dei due enti nell Inps; il nuovo ente previdenziale avrà circa 33mila dipendenti ( da Inps; 7mila da Inpdap; 350 da Enpals); è atteso un decreto di natura regolamentare entro 60 giorni dalla chiusura dei bilanci prevista per il 31 marzo 2012 per il trasferimento all Inps delle risorse strumentali, umane e finanziarie; nei successivi sei mesi, l Inps provvederà a varare il riassetto organizzativo e funzionale; il consiglio di indirizzo e vigilanza dell Inps è integrato con sei membri; dalla misura il governo si attende risparmi per 20 milioni di euro nel 2012, per 50 milioni di euro nel 2013 e di 100 milioni di euro a decorrere dal 2014; il presidente di Inps rimane in carica fino al 31 dicembre 2014 (art. 21, commi 1-9, Dl 201/2011). 3. In attesa della revisione dei coefficienti di trasformazione, quello relativo alla data di uscita dal lavoro attualmente vigente è esteso, con effetto dal 1 gennaio 2013, fino a 70 anni, valore quest ultimo adeguato agli incrementi della speranza di vita (art. 24, comma 16, Dl 201/2011). 4. La previsione di una progressiva armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico, attraverso un regolamento da emanare entro il 30 giugno 2012; la norma interessa anche i lavoratori impiegati in attività in miniera e il personale delle Forze armate e di Polizia (art. 24, comma 18, Dl 201/2011). 5. A decorrere dal 1 gennaio 2012 viene meno il limite di tre anni previsto come condizione per la totalizzazione dei contributi ai fini previdenziali (art. 24, comma 19, Dl 201/2011). 6. Continuano a trovare applicazione gli istituti previsti dall articolo 72 del decreto legge 112/2008 (esonero dal servizio, permanenza in servizio oltre i limiti di età per il collocamento a riposo, risoluzione del rapporto di lavoro del dipendente con almeno 40 anni di anzianità 13

16 contributiva), mentre i provvedimenti di collocamento a riposo nella pubblica amministrazione già adottati sono validi, anche se aventi effetto successivamente al 1 gennaio 2012 (art. 24, comma 20, Dl 201/2011). 7. Per il periodo fra il 1 gennaio 2012 e il 31 dicembre 2017, è introdotto di un contributo di solidarietà variabile fra lo 0,3% e l 1% sui pensionati dei fondi speciali Inps (piloti, dirigenti di azienda, trasportatori, elettrici, telefonici) nonché di un contributo di solidarietà dello 0,5% per chi è iscritto agli stessi fondi, ma è ancora al lavoro (si veda la Tabella 9); sono escluse dal contributo le pensioni di importo pari o inferiore a cinque volte il trattamento minimo Inps, le pensioni e gli assegni di invalidità e le pensioni di inabilità (art. 24, comma 21, Dl 201/2011). 8. Con effetto dal 1 gennaio 2012, progressivo innalzamento delle aliquote contributive di artigiani e commercianti fino ad arrivare al 24% nel 2018; incremento anche per le aliquote di finanziamento e di computo per i coltivatori diretti, i mezzadri e i coloni (art. 24, commi 22 e 23, Dl 201/2011); le aliquote di finanziamento e di computo sono nelle Tabelle 10.1 e Le casse professionali hanno l obbligo di adottare entro il 30 giugno 2012 delle misure per assicurare l equilibrio del saldo previdenziale; se ciò non accade, si applica il contributivo pro rata e un contributo di solidarietà dell 1% per il biennio ; gli enti previdenziali dei professionisti (avvocati; commercialisti; geometri; architetti e ingegneri; notai; ragionieri e periti commerciali; rappresentanti di commercio; consulenti del lavoro; medici; farmacisti; veterinari; agricoltura; imprese di spedizione e agenzie marittime; giornalisti; psicologi; periti industriali; infermieri professionali, assistenti sanitari e vigilatrici di infanzia; biologi; agronomi; attuari; chimici; geologi) sono stati privatizzati dal 1 gennaio 1995 e, per alcuni enti, dal 1 gennaio 1996 (art. 24, comma 24, Dl 201/2011). 10. Estensione delle indennità di malattia, degenza ospedaliera e maternità ai professionisti iscritti nella gestione separata (art. 24, comma 26, Dl 201/2011). 11. Istituzione di una Commissione di esperti e rappresentanti di enti gestori di previdenza obbligatoria nonché di Autorità di vigilanza nel settore previdenziale per valutare lo stato di salute del sistema previdenziale entro il 31 dicembre 2012 e per valutare l ipotesi di introdurre delle forme di decontribuzione parziale dell aliquota contributiva obbligatoria verso schemi previdenziali integrativi con particolare attenzione alle giovani generazioni (art. 24, comma 28, Dl 201/2011). 12. Elaborazione da parte del Ministero del lavoro e delle politiche sociali di un programma di iniziative informative e di educazione previdenziale (art. 24, comma 29, Dl 201/2011). 13. Esclusione dalla tassazione separata del Tfr il cui importo sia superiore ad un milione di euro (art. 24, comma 31, Dl 201/2011). 14. Contributo di solidarietà del 15% sulle pensioni superiori a 200mila euro per la parte eccedente tale valore; il contributo è richiesto per il periodo 1 agosto dicembre 2014 (art. 24, comma 31 bis, Dl 201/2011) (Tab. 11). 14

17 Contributo di solidarietà a carico di pensionati e lavoratori iscritti a specifici fondi Tab. 9 Anzianità contributiva al Da 5 a 15 anni fra 15 e 25 anni Oltre 25 anni Pensionati Ex Fondo trasporti 0,3% 0,6% 1% Ex Fondo elettrici 0,3% 0,6% 1% Ex Fondo telefonici 0,3% 0,6% 1% Ex Inpdai 0,3% 0,6% 1% Fondo volo 0,3% 0,6% 1% Lavoratori Ex Fondo trasporti 0,5% 0,5% 0,5% Ex Fondo elettrici 0,5% 0,5% 0,5% Ex Fondo telefonici 0,5% 0,5% 0,5% Ex Inpdai 0,5% 0,5% 0,5% Fondo volo 0,5% 0,5% 0,5% Aliquote di finanziamento - Tab Zona normale Zona svantaggiata Anno + di 21 anni - di 21 anni + di 21 anni - di 21 anni ,6% 19,4% 18,7% 15% % 20,2% 19,6% 16,5% ,4% 21% 20,5% 18% ,8% 21,8% 21,4% 19,5% ,2% 22,6% 22,3% 21% ,6% 23,4% 23,2% 22,5% Dal % 24% 24% 24% 15

18 Aliquote di computo Tab Anno + di 21 anni ,6% % ,4% ,8% Contributo di solidarietà richiesto ai titolari di pensioni Tab. 11 Ammontare importo Contributo Da 90mila a 150mila 5% Da 150mila a 200mila 10% Oltre 200mila 15% ,2% ,6% Dal % Altre misure adottate con i decreti legge precedenti il 201/2011 La revisione della aliquota percentuale della pensione al coniuge superstite, cosiddetta reversibilità (art. 18, Dl 98/2011) in ragione dell età dell assicurato/pensionato (più di 70 anni) e della differenza di età al momento del matrimonio (più di 20 anni): Riduzione del 10% in ragione di ogni anno mancante rispetto al numero di 10; La misura non si applica in presenza di figli di minore età, studenti ovvero inabili. La norma decorre dal 1 gennaio Interpretazione corretta della norma, che si applica al pubblico impiego, sulle percentuali di incremento dell indennità integrativa speciale (legge 730/1983), della norma sul contributo di solidarietà (legge 144/99) che spetta sia ai dipendenti che ai pensionati degli enti pubblici e della norma sul collocamento in pensione per il raggiungimento del massimo di contributi (art. 16, DL 98/2011); Misure specifiche per le Casse previdenziali professionali (sono sottoposte al controllo della Covip, articolo 14, DL 98/2011), i lavoratori autonomi e la contribuzione Enasarco (art. 18, Dl 98/2011); Le amministrazioni pubbliche possono, con preavviso di sei mesi, sciogliere il rapporto di lavoro con i dipendenti che raggiungono i 40 anni di contributi (art. 72, Dl 112/2008); la norma trova applicazione anche nel periodo ; Il lavoratore dipendente pubblico che intende restare in servizio anche dopo il raggiungimento dell età pensionabile presenta la propria disponibilità che è valutata dall amministrazione (modifica all art. 16, dlgs 503/92); Il trattamento di fine servizio per i dipendenti pubblici è erogato entro 24 mesi e non più entro sei mesi Fanno eccezione i collocamenti a riposo per il raggiungimento dell anzianità massima di servizio con leggi o regolamenti applicabili nell amministrazione; La norma si applica a decorrere dal 1 gennaio Sono estinti di diritto, per effetto dell articolo 38 del decreto legge 98/2011, i processi in materia previdenziale nei quali sia parte l Inps di valore non superiore a 500 euro con riconoscimento della pretesa economica del ricorrente; La misura dovrebbe interessare circa 150mila processi pendenti È richiesto un preventivo accertamento tecnico obbligatorio nei casi di controversie in materia di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità nonché di pensione di inabilità e di assegno di invalidità; 16

19 L istanza deve essere presentata presso il Tribunale nel cui circondario risiede il ricorrente Altre misure riguardano: Il pagamento dovuto dagli enti previdenziali ai procuratori legalmente costituiti; La prescrizione dei ratei arretrati a partire dal 1 gennaio 2012; Soppressione ed accorpamento di enti previdenziali pubblici (Ipsema ed Ispesl in Inail; Ipost in Inps; Enam in Inpdap; Enappsmsad in Enpals), riduzione dei componenti degli organi direttivi e degli emolumenti spettanti e contrasto al fenomeno degli abusi in materia di invalidità civile (art. 12, legge 122/2010). 17

20 Domande e risposte sulla riforma delle pensioni 2012 D) Sono un operaio finora in regime retributivo; come cambia il calcolo dell assegno pensionistico? R) Il regime retributivo si applica a coloro che alla data del 31 dicembre 1995 avevano maturato almeno 18 anni di contributi. Per effetto della modifica introdotta con il decreto legge 201/2011, sui contributi maturati a decorrere dal 1 gennaio 2012 si applica il metodo contributivo che, in ragione del fatto che è utilizzato per una sola parte del montante, prende il nome di contributivo pro rata. D) Sono una lavoratrice impiegata in una azienda chimica: vorrei sapere se il passaggio dal retributivo al contributivo ha effetti negativi in termini di assegno pensionistico? R) Le simulazioni sembrano confermare una penalizzazione diffusa che naturalmente varia in ragione degli anni che mancano per il conseguimento dei requisiti per l accesso al trattamento pensionistico. Premesso che è necessario verificare caso per caso, si può arrivare ad ipotizzare una penalizzazione nell ordine di punti percentuali nel caso in cui al lavoratore mancano sei anni per l accesso al trattamento pensionistico. D) Sono occupato presso una azienda tessile e mi trovo nel regime misto, avendo cinque anni di anzianità contributiva prima del 1996; cosa mi cambia con l introduzione del contributivo pro rata? R) A chi si trova nel regime misto non cambia nulla, in quanto sui contributi maturati prima del 31 dicembre 1995 continuerà ad applicarsi il metodo retributivo, mentre in quelli successivi a quella data già si applica il metodo contributivo. D) Sono un impiegato in una azienda di servizi di Catania; a novembre 2011 ho raggiunto i 40 anni di contributi; quando potrò andare in pensione? R) La riforma introdotta con il decreto legge 201/2011 è a decorrere dal 1 gennaio A tutti coloro che hanno maturato i requisiti prima di questa data, si continua ad applicare la normativa vigente fino al 31 dicembre Nel caso specifico, la persona dovrà attendere la finestra a scorrimento, la quale, essendo l interessato un lavoratore dipendente, si aprirà decorsi dodici mesi e cioè a dicembre D) Sono occupato presso una azienda ospedaliera, per la quale presto lavoro anche in turni di notte; vi sono dei benefici in termini pensionistici? R) Per lavoro notturno, ai sensi della normativa vigente (dlgs 67/2011, come modificato dal decreto legge 201/2011), si intende un turno di almeno sei ore comprendente l intervallo mezzanotte-cinque del mattino per un determinato numero di notti (compreso nelle soglie e giornate di lavoro) o di almeno tre ore nell intervallo fra la mezzanotte e le cinque del mattino per l intero anno lavorativo. Lavorando su turni, la persona interessata dovrà verificare il numero degli stessi nell arco dell anno, ricordando che per coloro che lavorano in attività usuranti resta il regime delle quote. Per l anno 2012, le quote che si applicano sono 98 (con età minima a 62 anni) e 97 (con età minima a 61 anni), rispettivamente in caso di lavoro notturno fra giornate e fra 72 e 77 giornate. Quote ed età minima sono destinate a crescere di una unità ciascuna a decorrere dal Superate le 78 giornate la quota è 97 con età minima a 61 anni. D) Sono uno studente universitario prossimo alla laurea; conviene riscattare gli anni del corso ai fini pensionistici? R) Il riscatto degli anni universitari conviene sotto il profilo previdenziale in quanto aumenta gli anni utili per il raggiungimento dei necessari requisiti. Deve, però, essere valutata con attenzione la convenienza economica. Infatti, il riscatto prevede il pagamento di un corrispettivo che è proporzionale 18

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare Cara lavoratrice, negli ultimi due anni il sistema pensionistico italiano ha subìto pesanti interventi che hanno modificato,

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali DIREZIONE CENTRALE SISTEMA INFORMATIVO E TELECOMUNICAZIONI DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI INPDAP PENSIONI S7 Manuale Utente Programma Pensioni S7 Amministrazioni Statali Versione database

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

Le pensioni: quali novità?

Le pensioni: quali novità? Le pensioni: quali novità? di Giovanni Muttillo, Francesco Fanari e Laura Aletto Riportiamo di seguito una selezione di informazioni dalla pubblicazione di Domenico Comegna Come cambiano le pensioni guida

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici Provinciali INPDAP)

DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici Provinciali INPDAP) DIREZIONE CENTRALE Roma, 19-5-2003 ENTRATE Uff. IV Pos. Ass. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica 1 Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli