Abstract Data Type (ADT)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Abstract Data Type (ADT)"

Transcript

1 Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo di Dato Astratto (ADT). Useremo gli ADT come strumento di descrizione di una collezione di oggetti quando è nostro interesse specificare cosa una operazione deve fare, tralasciando aspetti implementativi quali la realizzazione di un operatore o l organizzazione delle informazioni. Introdurremo la nozione di ADT facendo riferimento a problematiche ricorrenti nella pratica, evidenziandone quindi le potenzialità. Richiameremo infine, sulla base di quanto espresso in precedenza, i concetti principali del paradigma Object Oriented sottolineando come tale tecnica di programmazione rappresenti uno strumento efficace per dar luogo ai concetti propri del Tipo di Dato Astratto. 1. Tipi di dati e nuovi operatori Ogni linguaggio di programmazione offre un insieme di tipi di dati predefiniti, dati built-in o primitivi, e per ognuno di essi definisce un insieme di operatori applicabili. Esempi di tipi di dati primitivi sono gli interi, i reali ed i caratteri, così come esempi di operatori sono l operatore somma e l operatore di moltiplicazione applicabili ai tipi di dati interi. L applicazione di un operatore ad un tipo di dato è dettato da un insieme di regole. Esempio 1.1 Siano m ed n due interi. Un insieme di regole alle quali gli operatori di divisione e moltiplicazione devono attenersi è dato dalla seguente lista: 1. n/m è NON APPLICABILE se m=0; 2. n*m = 0 se m=0 3. n*1 = n

2 Abstract Data Type Pag. 2/10 In considerazione di un tipo di dato, D e sulla base degli operatori per esso applicabili possiamo implementare un nuovo operatore per D. Ad esempio, mediante l utilizzo dell operatore di moltiplicazione possiamo implementare l operazione di elevamento a potenza di un numero. Esempio 1.2 Consideriamo il seguente tipo di dato, Ndemo, costituito dall insieme dei numeri naturali e da un insieme ristretto di operatori: iszero, succ, add, molt. Tipo di dato: Ndemo = n tale che n è numero naturale Operatori: iszero( n ) bool succ( n ) m add( n 1, n 2 ) m molt( n 1, n 2 ) m Regole: iszero( zero ) = true iszero( succ(n)) = false add(zero, n ) = n add( succ( n ), m ) = succ( add( n, m )) molt( n, zero ) = zero molt( n, uno ) = n dove: - iszero ritorna true se il valore assunto da n è uguale a zero, altrimenti ritorna false. - add esegue la somma dei valori n 1 e n 2 ; - molt esegue il prodotto dei valori n 1 e n 2 ; - succ ritorna il valore successivo a quello assunto da n. Estendiamo l insieme degli operatori definendo un nuovo operatore: il fattoriale. Sulla base degli operatori applicabili al nostro tipo di dato, non possiamo esprimere il nuovo operatore mediante la classica formula fatt(n)=n*fatt(n-1), poiché non disponiamo dell operatore di sottrazione. Questo però sembra non essere un problema insormontabile, i soli operatori Succ e Molt bastano per implementare l operatore fattoriale come di seguito riportato: Operatore: Fatt( n ) m Regole: Fatt( zero ) = 1; Fatt( succ( n ) ) = succ(n) Molt( Fatt( n ) ); cioè: Fatt( 10 ) = Fatt( succ( 9 ) ) = succ( 9 ) Molt( Fatt( 9 ) ) = 10 Molt( Fatt( 9 ) ) Sulla base dei soli operatori applicabili al tipo di dato Ndemo abbiamo pertanto definito un nuovo operatore. Definizione: l operazione di estensione dell insieme degli operatori definiti per un tipo di dato è definita come Astrazione Funzionale.

3 Abstract Data Type Pag. 3/10 2. Tipo di dato astratto Similmente all operazione di astrazione funzionale è possibile operare l Astrazione Dati cioè definire un nuovo tipo di dato ed un nuovo insieme di operatori ad esso applicabili e similmente all astrazione funzionale, per la quale il vincolo imposto è l utilizzo degli operatori già definiti, anche l astrazione dati è sottoposta al rispetto di due requisiti: requisito di astrazione e requisito di protezione. Proseguiamo per ordine e proviamo ad operare una astrazione dati definendo quindi un nuovo tipo di dato e l insieme degli operatori ad esso applicabili. Nuovo tipo di dato Consideriamo l insieme dei numeri complessi C= a+ib a R, b R. A partire dal tipo di dato numero reale possiamo definire un nuovo tipo di dato che rappresenti un numero complesso. Procediamo in tal senso e rappresentiamo quindi un numero complesso attraverso una coppia di valori formata da due numeri reali: c = (a,b) a R, b R Nuovi operatori Scelta la rappresentazione del nuovo tipo di dato definiamo gli operatori applicabili. Specifichiamo quindi due soli operatori somma e sottrazione di due numeri complessi che operano nel seguente modo: ComplexSomma(( a 1, b 1 ), ( a 2, b 2 )) ( a, b ) = (a 1 + a 2, b 1 + b 2 ) ComplexSottrazione(( a 1, b 1 ), ( a 2, b 2 )) ( a, b ) = = (a 1 - a 2, b 1 - b 2 ) Date due coppie rappresentanti due numeri complessi, gli operatori di somma e sottrazione restituiscono una coppia rappresentante anch essa un numero complesso. Gli elementi di tale coppia sono nel primo caso la somma dei singoli elementi mentre nel secondo caso la sottrazione di singoli elementi.

4 Abstract Data Type Pag. 4/10 L utente finale In base alla nostra rappresentazione, l utente finale 1 quando opererà con il nostro nuovo tipo di dato eseguirà sostanzialmente i seguenti passi: 1. definisce tre coppie di numeri ( a 1, b 1 ), ( a 2, b 2 ), ( a 3, b 3 ) 2. inizializza ( a 1, b 1 ), ( a 2, b 2 ) 3. poni ( a 3, b 3 ) = Csomma(( a 1, b 1 ), ( a 2, b 2 )) Le lacune della rappresentazione La rappresentazione da noi scelta, anche se funzionale, possiede però alcuni difetti. Il primo su tutti: l utente finale nell utilizzare il nuovo tipo di dati ed i relativi operatori dovrà necessariamente conoscere la rappresentazione adottata, coppia di due valori reali. Pertanto, qualora decidessimo di modificare la rappresentazione del tipo di dato o di proporre una rappresentazione alternativa alla coppia di valori, l utente finale dovrà necessariamente apportare modifiche all intero lavoro svolto. Altro difetto: essendo la coppia di valori reali definita dall utente (si veda il passo 1), nulla vieta ad egli di procedere in una operazione di somma delle singole componenti o perfino in una operazione di somma della parte immaginaria e della parte complessa di un numero complesso eseguendo in tal caso una operazione non corrispondente alla realtà 2. Insomma nulla vieta all utente di modificare il valore rappresentato dal nostro tipo di dato senza accedere ai soli operatori definiti per esso (ComplexSomma, ComplexSottrazione). La nostra rappresentazione manca in tal caso di due requisiti fondamentali dell astrazione dati: - il Requisito di Astrazione (oppure Incapsulamento), una astrazione dati rispetta questo requisito quando all utente finale vengono nascoste le scelte di realizzazione, rappresentazione del tipo di dato ed implementazione degli operatori. 1 Dove per utente finale si intende una qualsiasi entità che praticamente oppure in maniera del tutto teorica fa uso della nostra rappresentazione. 2 La parte immaginaria e la parte reale di un numero complesso non possono essere sommate.

5 Abstract Data Type Pag. 5/10 - il Requisito di Protezione (oppure Data Hiding), una astrazione dati rispetta questo requisito quando l utente finale può apportare modifiche e quindi elaborare il nuovo tipo di dati solo attraverso l utilizzo dei soli operatori dichiarati all atto della specifica. Come abbiamo già visto, il rispetto del requisito di astrazione permette la modifica della rappresentazione del tipo di dato o l implementazione di una rappresentazione alternativa senza dover necessariamente obbligare l utente finale ad apportare modifiche al proprio lavoro. Mentre il rispetto del requisito di protezione aiuta l utente nel non eseguire una operazione non corretta o qualsivoglia non corrispondente alla realtà. Un Tipo di Dato Astratto è la rappresentazione di un tipo di dato in cui è presente sia il requisito di astrazione che il requisito di protezione. Formalmente: Definizione: un tipo di dati astratto (ADT) è un modello matematico (astratto) descrivente un tipo di dati. Un ADT specifica: 1. il tipo di dato; 2. l insieme dei soli operatori applicabili al tipo di dato; 3. i vincoli di correttezza ai quali gli operatori si attengono. Esempio 2.1 L ADT Coda Di seguito la rappresentazione mediante ADT di una coda di elementi. La politica di gestione di una coda è la usuale politica applicata ad esempio all interno degli esercizi pubblici: il primo che arriva è servito! Tale politica è identificata attraverso la sigla FIFO (First In First Out): il primo ad entrare è il primo ad uscire. Segue la definizione: Tipo di dato: Coda (sequenza di n elementi estratti da un insieme S) Operatori: isempty() risultato Restituisce true se la coda è vuota, false altrimenti Aggiungi( elemento e ) Aggiunge l elemento e al termine della coda Preleva() elemento Preleva il primo elemento in coda

6 Abstract Data Type Pag. 6/10 Sulla base dell esempio 2.1, approfondiamo il significato della definizione di ADT. Un ADT non deve specificare né come un tipo di dato è rappresentato né come un operatore è implementato (Incapsulamento), esso deve indicare esclusivamente la tipologia ( sequenza di n elementi estratti da un insieme S ), cioè cosa il tipo di dato rappresenta. Un ADT deve specificare l insieme degli operatori applicabili ad un tipo di dati, essi devono rappresentare gli unici strumenti adottabili dall utente finale per l elaborazione dei valori rappresentati dal tipo di dati (Data Hiding). Nella pratica quotidiana, i concetti espressi dall ADT tornano utili durante l utilizzo della rappresentazione: sono separati gli interessi di chi vuol semplicemente utilizzare il nuovo tipo di dati da chi è interessato alla effettiva realizzazione e/o implementazione degli operatori. Utilità riscontrabile anche in fase di progettazione durante la quale l analista potrà concentrarsi piuttosto su cosa il nuovo tipo di dati dovrà fare e non su come dovrebbe farlo. Nota Approccio simile è utilizzato nella fase di editing di un programma scritto in linguaggio C o C++. E uso comune, infatti, creare due file distinti: il file di include (estensione.h), contenente i prototipi delle funzioni o l interfaccia delle classi, ed il file sorgente (estensione.c o.cpp) contenente le implementazioni.

7 Abstract Data Type Pag. 7/10 3. L approccio OO Sulla base dei concetti introdotti nel Capitolo 2 possiamo affermare che un ADT è implementabile solo mediante l utilizzo di un linguaggio di programmazione che: 1. permetta la definizione di nuovi tipi di dati; 2. offra costrutti di linguaggio che permettano di esprimere la diretta dipendenza esistente tra il tipo di dato e l operatore; 3. vieti ogni tentativo di applicazione al nuovo tipo di dato di un qualsiasi operatore non dichiarato nella specifica; I linguaggi Object Oriented (OO) rappresentano al momento una famiglia di linguaggi di programmazione che esprimono al meglio i concetti intrinseci di un ADT. Un linguaggio di programmazione OO ( C++, Java, etc. ) garantisce la presenza di tutti gli strumenti utili per la corretta definizione di un tipo di dato astratto dove la Classe ne rappresenta la naturale realizzazione. Esempio 3.1 Tipo di dato Ndemo Consideriamo nuovamente il nostro primo tipo di dato trattato precedentemente: Ndemo. Attraverso l utilizzo di un linguaggio OO, nello specifico il C++, possiamo dar luogo a questo tipo di dato implementando la seguente classe: Definizione class Ndemo private: int ValoreNumerico; public: bool iszero(); Ndemo succ(); Ndemo add( Ndemo n); Ndemo molt( Ndemo n ); ; Implementazione bool Ndemo::iszero() if ( ValoreNumerico == 0 ) return true; else return false;

8 Abstract Data Type Pag. 8/10 Ndemo Ndemo::succ() Ndemo ValoreRitorno; ValoreRitorno.ValoreNumerico = ValoreNumerico+1; return ValoreRitorno; Ndemo Ndemo::add( Ndemo n) Ndemo ValoreRitorno; ValoreRitorno.ValoreNumerico = ValoreNumerico+ n.valorenumerico; return ValoreRitorno; Ndemo Ndemo::molt( Ndemo n ) Ndemo ValoreRitorno; ValoreRitorno.ValoreNumerico = ValoreNumerico* n.valorenumerico; return ValoreRitorno; In tal modo l utente che utilizzerà il nostro nuovo tipo di dato definirà dapprima le variabili di tipo Ndemo attraverso dichiarazione del tipo Ndemo var1, var2, var3; e dopodichè elaborerà i dati attraverso istruzioni del tipo: var3 = var1.somma( var2 ); var3 = var1.prodotto( var2 ); Il compilatore vieterà l applicazione di operatori non dichiarati in fase di specifica o definizione, ad esempio var1 + var2 così come vieterà l applicazione di assegnamenti del tipo var1.valorenumerico = 10 poichè essendo ValoreNumerico un attributo privato non risulterà accessibile dall esterno.

9 Abstract Data Type Pag. 9/10 Esempio I numeri complessi Realizziamo il tipo di dato numero complesso. Al fine di fornire una rappresentazione più naturale degli operatori di somma e prodotto abbiamo utilizzato in questo caso la possibilità offerta dal linguaggio di ridefinire l operatore + e - Definizione class Complex private: float reale; // parte reale float immaginaria; // parte immaginaria public: Complex operator+( const Complex B ); Complex operator-( const Complex B ); ; Implementazione Complex Complex::operator +( const Complex B ) Complex ValoreRitorno; ValoreRitorno.reale = reale + B.reale; ValoreRitorno.immaginaria = immaginaria + B.immaginaria; return ValoreRitorno; Complex Complex::operator -( const Complex B ) Complex ValoreRitorno; ValoreRitorno.reale = reale - B.reale; ValoreRitorno.immaginaria = immaginaria - B.immaginaria; return ValoreRitorno; Il codice utente int main( ) Complex A, B, C, D; C = A + B; D = A - B; D = A * B; // Errore!!! L operatore * non è definito per i Complex D.reale = A.reale + A.immaginaria // Errore!!! Reale ed immaginaria non sono // accessibili direttamente dall utente

10 Abstract Data Type Pag. 10/10 Nota Il codice utente non fa alcun riferimento ai due attributi float utilizzati per rappresentare un numero complesso. Il compilatore del linguaggio blocca ogni tentativo di applicazione al tipo di dato Complex di un operatore non dichiarato nella specifica. Infine, qualsiasi modifica alla rappresentazione dei numeri complessi, ad esempio utilizzo di un vettore di due float, non comporta alcuna modifica al codice scritto dall utente e l utente finale non ha modo di applicare operazione considerate non lecita per l insieme dei numeri complessi.

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ Classi ed oggetti. Classi derivate, ereditarietà e polimorfismo. Template Capitoli 12, 13, 14 Luis Joyannes Aguilar. Fondamenti di Programmazione in C++. Algoritmi,

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore La ricerca sequenziale o lineare è utilizzata per ricercare i dati in un vettore NON ordinato. L algoritmo di ricerca sequenziale utilizza quan non ha alcuna

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

RICORSIVITA. Vediamo come si programma la soluzione ricorsiva al problema precedente: Poniamo S 1 =1 S 2 =1+2 S 3 =1+2+3

RICORSIVITA. Vediamo come si programma la soluzione ricorsiva al problema precedente: Poniamo S 1 =1 S 2 =1+2 S 3 =1+2+3 RICORSIVITA 1. Cos è la ricorsività? La ricorsività è un metodo di soluzione dei problemi che consiste nell esprimere la soluzione relativa al caso n in funzione della soluzione relativa al caso n-1. La

Dettagli

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2)

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Definiamo innanzitutto una relazione d ordine tra le funzioni. Siano φ e ψ funzioni

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona La ricorsione Politecnico di Milano Sede di Cremona Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://www.elet.polimi.it/~cugola Definizioni ricorsive Sono comuni

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

Semplici Algoritmi di Ordinamento

Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ordinamento di una sequenza di elementi Esistono molti algoritmi di ordinamento. Tutti ricevono

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo

Ricapitoliamo. Ricapitoliamo Ricapitoliamo Finora ci siamo concentrati sui processi computazionali e sul ruolo che giocano le procedure nella progettazione dei programmi In particolare, abbiamo visto: Come usare dati primitivi (numeri)

Dettagli

FUNZIONI. La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni:

FUNZIONI. La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni: FUNZIONI La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni: double sqrt(double) double pow (double, double) della libreria matematica, che abbiamo già usato anche senza

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di esempio CERCA 90 NEL SACCHETTO = estrai num Casi num 90 Effetti CERCA 90 NEL

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E INFORMAZIONE. La Ricorsione. Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 29 Maggio 2014

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E INFORMAZIONE. La Ricorsione. Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 29 Maggio 2014 La Ricorsione Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 29 Maggio 2014 Obiettivi La ricorsione Ricordate la sigla GNU GNU = GNU is Not Unix GNU = GNU is Not Unix GNU = GNU is

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Le Liste Elisa Marengo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Cos è una Lista Una lista è una collezione di elementi omogenei che: potrebbero

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE

CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE Problema: "calcolare il Massimo Comun Divisore (M.C.D.) di due numeri naturali, A e B, secondo l'algoritmo cosiddetto delle sottrazioni successive". L'algoritmo "delle

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Scuola Specializzazione Istruzione Superiore Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Michele Batocchi ITC Vittorio Emanuele II Perugia A.S. 2007/2008 Introduzione

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

1) Primi semplici programmi in C++: ingresso e uscita di informazioni

1) Primi semplici programmi in C++: ingresso e uscita di informazioni 1) Primi semplici programmi in C++: ingresso e uscita di informazioni Ecco un primo esempio di programma in linguaggio C++: Esempio 1.1 /* QUESTO PROGRAMMA MOLTIPLICA 3 PER 5 E SOMMA 7 AL RISULTATO DEL

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Linguaggio C: introduzione Il linguaggio C è un linguaggio general purpose sviluppato nel 1972 da Dennis Ritchie per scrivere il sistema operativo UNIX ed alcune applicazioni per un PDP-11. Il linguaggio

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Gestione dinamica di una pila

Gestione dinamica di una pila Gestione dinamica di una pila Una pila o stack è una lista lineare a lunghezza variabile in cui inserimenti (push) ed estrazioni (pop) vengono effettuate ad un solo estremo, detto testa (top) della pila.

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

APPLICAZIONI SU PIU FILE

APPLICAZIONI SU PIU FILE APPLICAZIONI SU PIU FILE Serve poter sviluppare applicazioni su piú file: - alcune funzioni e alcune definizioni di dati in un file - altre funzioni e dati in file diversi Perché?? 1. Se il programma è

Dettagli

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo:

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo: ALGORITMI 1 a Parte di Ippolito Perlasca Algoritmo: Insieme di regole che forniscono una sequenza di operazioni atte a risolvere un particolare problema (De Mauro) Procedimento che consente di ottenere

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C.:luxx:. PREMESSE In questa guida non verranno trattati i costrutti di flusso, le funzioni, o comunque le caratteristiche del linguaggio, che si danno come presupposte.

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Aniello Murano http://people.na.infn.it people.na.infn.it/~murano/ 1 Operazioni su Liste Doppie e Circolari 2 1 Indice Liste puntate semplici: Gli elementi sono

Dettagli

Programmazione Funzionale

Programmazione Funzionale Programmazione Funzionale LP imperativi: apparenza simile modello di progettazione = macchina fisica Famiglia dei LP imperativi = progressivo miglioramento del FORTRAN Obiezione: pesante aderenza dei LP

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Sommario Dispensa di Linguaggi di Programmazione Corrado Mencar Pasquale Lops In questa dispensa si descrivono alcune soluzioni per verificare

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati Tipologie di pianificatori Pianificazione Intelligenza Artificiale e Agenti II modulo Pianificazione a ordinamento parziale (POP) (HTN) pianificazione logica (SatPlan) Pianificazione come ricerca su grafi

Dettagli

Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria

Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria Lezione 9: Strutture e allocazione dinamica della memoria Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 9 Maggio 2012 Allocazione dinamica della memoria Memoria dinamica È possibile creare

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Esercizi svolti durante le ore di Informatica e Sistemi automatici nelle classi del Liceo Scientifico Tecnologico del Liceo Milli di Teramo

Esercizi svolti durante le ore di Informatica e Sistemi automatici nelle classi del Liceo Scientifico Tecnologico del Liceo Milli di Teramo Esercizi svolti durante le ore di Informatica e Sistemi automatici nelle classi del Liceo Scientifico Tecnologico del Liceo Milli di Teramo /*Caricare un vettore di n numeri float, ordinarlo e e stamparlo

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi Sistemi Operativi Processi Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega 1 Processi indipendenti possono avanzare concorrentemente senza alcun vincolo

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++

IL LINGUAGGIO C++ Configurazione di Dev-C++ IL LINGUAGGIO C++ Note sull'uso di DevC++ Requisiti di sistema per Dev-C++ - Sistema operativo Microsoft Windows 95, 98, Millenium Edition, NT 4, 2000 o XP - RAM: 8 Mb (consigliati almeno 32 Mb) - CPU:

Dettagli

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test Prefazione, Contenuto Parte 1: Sviluppo di programmi Parte 2: Uso e test SIMATIC Parte 3: Descrizione del linguaggio Programmazione di blocchi Appendici Glossario, Indice analitico Manuale Numero di ordinazione

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. Universitá di Bologna

Linguaggi. Claudio Sacerdoti Coen 11/04/2011. 18: Semantica della logica del prim ordine. <sacerdot@cs.unibo.it> Universitá di Bologna Linguaggi 18: Semantica della logica del prim ordine Universitá di Bologna 11/04/2011 Outline Semantica della logica del prim ordine 1 Semantica della logica del prim ordine Semantica

Dettagli

Problem solving avanzato

Problem solving avanzato Problem solving avanzato Formulazione del problema Struttura dati e algoritmo Il programma 2 26 Politecnico di Torino 1 Dati in input (1/4) Sono dati due file di testo, contenenti le informazioni sulle

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli