LA PAROLA E LO SGUARDO nella letteratura inglese tra Ottocento e Modernismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PAROLA E LO SGUARDO nella letteratura inglese tra Ottocento e Modernismo"

Transcript

1 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 3 BIBLIOTECA DEGLI STUDI INGLESI diretta da Agostino Lombardo 74 Francesca Orestano LA PAROLA E LO SGUARDO nella letteratura inglese tra Ottocento e Modernismo Adriatica Editrice Bari

2 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 4 Volume pubblicato con il contributo dei fondi MURST per la ricerca scientifica (FIRST, 60%) e con il contributo della sezione di Anglistica del Dipartimento di Scienze del Linguaggio e Letterature Straniere Comparate della Università degli Studi di Milano. 4

3 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 5 INDICE Foregrounds pag. 11 Capitolo I RILETTURE DEL PITTORESCO Don Chisciotte nel Lake District» 21 Ann Radcliffe: la fiction come paesaggio e fantasmagoria» 50 Immagini pittoresche e cultura di massa» 73 Capitolo II DICKENS E LE DISSOLVENZE DEL PAESAGGIO Lo spettacolo della lettura» 87 Pittoresco urbano, rovine sociali» 105 Crystal Palace e lanterna magica: i depositi dell'immaginario» 130 Capitolo III RUSKIN E LA CRITICA D'ARTE: A CACCIA DELLO SNARK La mappa vuota» 165 L occhio innocente» 192 Picturesque vs. Turneresque» 199 Capitolo IV WALTER PATER, O DELLA INTRICACY Picturesque vs. Pateresque» 223 Appreciations: discorso con figure» 233 Le mutilazioni del discorso» 253 Capitolo V VARIETÀ DI MODERNISMI: DISEGNI E DISCORSI L immagine tra scienza e filosofia» 281 Critica d'arte, un linguaggio per l'astrattismo» 294 Virginia Woolf, la tela e la scrittura: un dialogo» 321 Bibliografia» 377 Indice dei nomi» 407 5

4 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 6 INDICE DELLE ILLUSTRAZIONI Figura 1 pag. 43 Doctor Syntax Tumbling into the Water. Illustrazione di Thomas Rowlandson ad acquatinta colorata per il poema di William Combe Doctor Syntax's Three Tours: In Search of the Picturesque, Consolation, and a Wife. London, Ackermann, n.d. Figura 2» 78 William Gilpin, Mountainous lake scene e View of Tintern-abbey from the road. Figura 3» 95 W.C. Hughes, Landscapes. Lastre di vetro dipinte per dissolving views, lanterna magica a dissolvenza tripla, con effetto albagiorno-notte. Da: Prima del cinema. Le lanterne magiche. La collezione Minici Zotti. Venezia, Marsilio, Figura 4» 161 Marley s Ghost : da una serie di 25 immagini per A Christmas Carol di Charles Dickens. Fotografia su vetro colorata a mano, per lanterna a dissolvenza doppia. Figura 5» 167 The Boojum, sketch proposto da Henry Holiday per illustrare The Hunting of the Snark (1876) di Lewis Carroll. Figura 6» 209 John Ruskin, The Seven Lamps of Architecture, Intersectional Mouldings. 6

5 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 7 A Francesco, a Beatrice 7

6 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 8 8

7 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 9 INTRODUZIONE Nel momento che precede la pubblicazione, anche l autore più consapevole della intera responsabilità del proprio scritto ricorda con gratitudine tutte quelle voci amiche che hanno offerto incoraggiamento e ispirazione. Questo studio deve la sua realizzazione alla stima che il professor Agostino Lombardo ha manifestato nei miei confronti, corroborata dalla fiducia dei colleghi della sezione di Anglistica dell Università Statale di Milano. Non meno di lui, Carlo Pagetti (insieme agli editors di Charles Dickens: The Craft of Fiction and the Challenges of Meaning: Clotilde de Stasio, Rossana Bonadei, Alessandro Vescovi) ha consentito che il mio saggio su Dickens si ampliasse in capitolo: ma, ancor più profondamente, ha ispirato la mia ricerca nella direzione dei cultural studies. Agostino Lombardo, come dicevo, mi ha sostenuto nella realizzazione di questo lavoro: ma la sua presenza, anzi la sua scrittura critica, è stata fondamentale per costruire il capitolo su Walter Pater. Marialuisa Bignami, che mi è stata sempre accanto con intelligenza e affetto, ha stimolato l interesse per la prospettiva epistemologica che chiude la ricerca, dando nuove direzioni all analisi del lavoro di Virginia Woolf. Tony Cerutti, editor di Ruskin and the Twentieth Century: The Modernity of Ruskinism mi ha consentito di utilizzare materiali del saggio ivi pubblicato, per una versione, ampliata e approfondita, che costituisce il capitolo terzo. Giovanni Cianci, curatore de Il Cézanne degli scrittori, dei poeti e dei filosofi, con Elio Franzini e Antonello Negri, ha indirizzato il mio studio del modernismo verso l intersezione scrittura/arti visive. Richard Ambrosini ne ha letto e commentato alcune parti. Insieme a questi volti amici, che nella loro attività di critici impegnati nella ricerca scientifica sono qui presenti nello spirito del loro lavoro, e nella mia risposta ad esso, voglio ricordare Sue Usher, Librarian della English Faculty Library a Oxford, che mi ha concesso un pass praticamente illimitato; Barrie Bullen, per il lavoro su Fry e la connessione con Reynolds; Robert Reedman, per Virginia Woolf e ogni prodotto della Hogarth Press; Michael Vickers, Bernard Richards e Dinah Birch, con i quali ho discusso, nel modo più confortevole, Ruskin e Fry. Ancora mi piace ricordare Oriana Palusci, per aver ispirato una ferma prospettiva sul gender nella scrittura modernista, 9

8 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 10 Carla Locatelli, per la esplorazione della testualità, Laura Di Michele, ancora per lo studio di Woolf, e last but not least il lavoro critico di Anna Anzi e Julia Briggs. Kate Felus mi ha riportata a Gilpin e così pure l entusiasmo di Mavis Batey, Michael Symes e di Philippe Nys; Peter Goodliffe mi ha spinta a coltivare i visual studies; alla mia famiglia dedico questa manifestazione, indiretta, del mio affetto di figlia e di madre. F. O. 10

9 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 11 FOREGROUNDS I problemi che questo studio affronta, senza ambizione di sciogliere un antico dilemma filosofico, ma solo avvicinandosi ad alcuni autori che ne hanno avvertito la presenza e l estensione nel corso della loro produzione letteraria, sono quelli che si mettono a fuoco quando l intersezione tra la parola e lo sguardo diviene oggetto di indagine critica. Per Dickens, così come per Ruskin, Pater, Virginia Woolf, il discorso delle sister arts non è un dato scontato, ma piuttosto un dubbio, coltivato sino alle sue implicazioni ultime. Ciò che li accomuna, a mio avviso, è un atteggiamento controcorrente 1, una riflessione sulla cultura artistica, letteraria e visiva del loro tempo, che li conduce a porre in discussione ogni facile riscontro fra scrittura e immagini, i parallelismi delle categorie descrittive, i versanti associati di ideologia e estetica, che nella rappresentazione si possono saldare, o incrinare e separare del tutto. Eredi, in modo diversamente consapevole, insofferente, creativo, di tradizioni che davano allo scrittore il potere di spingere lo sguardo sino all orizzonte, e oltre, addentrandosi nello spazio emotivo e culturale del paesaggio, i miei autori parlano una lingua comune, da un lato volutamente empirica, oggettiva, dall altro sospettosa, indagatrice, sperimentale, tesa a esplorare i meccanismi dello sguardo e della parola, toccandone la deriva estrema: il dilemma tra soggetto e oggetto. Va subito detto che nell esplorare la parola e lo sguardo assumo come valida quella che è solo una dicotomia voluta dalla filosofia - e dai testi che anche recentemente ne hanno trattato nel contesto dell estetica e della narratologia - e quindi, per questo motivo, l ipotesi di due dimensioni distinte del conoscere resta soltanto, in queste pagine, dibattuta sul piano del discorso letterario. L indagine che vede Dickens, Ruskin, Pater, Woolf impegnati in una riflessione sul rapporto tra sguardo e parola, attraversa un periodo che si stende dal primo Ottocento al modernismo: spazio nel quale il 1 Peraltro il più notevole precedente era nel confronto operato da Lessing nel Settecento: G.E. Lessing, Laocoonte. A cura di M.Cometa. Palermo, Aesthetica Edizioni, 1991; si veda anche Laocoonte, ovvero sui limiti della pittura e della poesia (1766). Milano, Rizzoli,

10 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 12 settecentesco dibattito sull immagine, da materia per critici delle arti visive, filosofi, autori di landscape gardens e landscape poems, diventa argomento di una cultura di massa, che illustrazioni, riproduzioni, dispositivi ottici propongono a un pubblico sempre più vasto. Ciò si deposita nella scrittura, nel testo che si fa veicolo del dato visivo e dell immagine. Ma l Ottocento è anche il secolo nel quale la scienza mette in dubbio la fisiologia monoculare dello sguardo prospettico, e mentre l oggetto dello sguardo perde la propria fermezza e solidità, l esperienza stessa della scrittura, e della lettura, ne viene toccata, e condizionata. Nel panorama epistemico che delinea la cultura del Novecento, le arti visive allineano nozioni di aberrazione oculare a ipotesi della divulgazione scientifica, confrontandosi con immagini di miriadi di atomi in movimento, alla velocità della luce e con una inesauribile pluralità di punti di vista. Gli autori qui considerati condividono un profondo interesse per le arti visive, i congegni ottici che costituiscono l archeologia del cinema, le immagini e le riproduzioni, e ciò li riconduce alla loro vocazione narrativa come pellegrini impegnati in un incerto percorso di conoscenza. E poiché il dilemma non è di quelli che sembra possibile risolvere, neanche oggi, se non abbracciando il limite imposto da una teoria scientifica o da una fede filosofica, mi pare che la forza e il valore di questi autori sia consistito nel loro saper restare dentro tale dilemma, nel dubbio, ospitando nel loro testo immagini evanescenti, cui solo la scrittura può dar senso, e contemporaneamente facendo della scrittura il luogo dove la percezione deposita preziosi, casuali e disparati frammenti, luogo dell estremo compromesso e dialogo: con se stessi e con la natura del segno, come via di fuga dal cerchio della soggettività. Il loro dilemma è allo stesso tempo antico e contemporaneo: destinato ad essere affrontato nella condizione postmoderna con i linguaggi più vari - estetica e critica letteraria, discorso scientifico, psicologia, ermeneutica, nel panorama epistemico che ne legittima la natura competitiva - esso porta alcuni all ipotesi di un primato logico del discorso, altri a inseguire figure di origine controversa, tracce di parole o fantasmi della realtà, versanti nascosti che il testo circoscrive e descrive. Il ruolo delle figure nel testo degli autori qui considerati non è mai scontato, illustrativo, e raramente subalterno. L atteggiamento critico di questi autori, e il senso rilevante del loro gesto di verifica del visibile nel contesto filosofico-scientifico del 12

11 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 13 loro tempo, sono elementi che non devono far velo al fatto che le loro posizioni erano state già oggetto di teoria e tema di dibattito durante il Settecento. Di fatto tale riflessione, nell ambito della cultura letteraria inglese, costituisce il punto di partenza cronologico di questo lavoro, non solo come sviluppo di interessi già in precedenza coltivati da chi scrive, e che hanno avuto una loro naturale evoluzione, ma per il riscontro testuale, critico, concettuale, che il discorso sulla visibilità del Settecento riscuote nel pur sentimentale Ottocento, e in seguito anche nelle rivisitazioni moderniste. L arte delle observations depositate nel taccuino di viaggio, parole e disegni affiancati nello sketch book, documento di una attenzione alla percezione visiva e alla sua elaborazione nella forma artistica, rimane come forte traccia estetica nella ricezione delle generazioni a venire, anche se la figura di chi ne aveva scritto sarebbe svanita, travolta dall associazionismo, dall organicismo romantico. La teoria del primo pittoresco galleggia, ai primi dell Ottocento, come frammenti di materiale usato nel mare del riciclaggio. Viene adattata, rimodellata, in termini del tutto nuovi perché allineati alla filosofia del secolo, che ne utilizza le pratiche artistiche mentre ne capovolge gli assunti. Ma quando resta un tratto, un idea, le cristallizzazioni stereotipate, le sopravvivenze di contrabbando, la disseminazione, sono forse eventi più notevoli di documenti, connotati biografici, monumenti alla memoria scolpiti con nomi e date. La natura dialogica di certe riletture ottocentesche fissa un testo - la pratica delle osservazioni pittoresche - nella ricezione di una intera cultura. Tanto che l appassionato studioso del paesaggio, il teorico delle osservazioni condotte sul campo e alle prese con una natura caotica e irresponsabile, nell Ottocento non avrebbe goduto di un ritratto, ma di svariate e popolari caricature: William Gilpin non avrebbe parlato più con voce propria, ma attraverso le distorsioni, esagerazioni, parodie, e persino attraverso i fraintendimenti dei suoi critici più seri, come Price e Knight. Eppure resiste, nell Ottocento prospettico e idealista, chi riflette sulla natura della rappresentazione del reale interrogando la nozione stessa di percezione; esistono autori che nella esplorazione di un mondo che smentisce ogni concordato assiologico trovano il lievito di una scrittura e di una visione dell arte che ne viene, inevitabilmente, condizionata. Nel nuovo secolo il progresso tecnologico e scientifico, da un lato, convaliderà tali assunti, segnalando le imperfezioni della retina; mentre la teoria debole delle observations si afferma con tutta la sua specifica spendibilità culturale nella risposta collettiva di 13

12 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 14 una società che vede la crescente diffusione del turismo. Questo studio non si propone come una operazione di critica nostalgica della figura del Reverendo William Gilpin 2 : né come una imbalsamazione del sistema pittoresco da lui approntato, che piuttosto viene rimodellato e rivisitato nelle citazioni e nelle risposte, più o meno infedeli, dei successori. Si vuole invece - dopo aver consegnato il Reverendo all oblio, e al meritato riposo - seguire le vicende di un processo epistemologico, ancor prima che estetico, avviato dal dibattito a più voci in cui Gilpin era intervenuto al volgere del Settecento. Dentro una lettura di taglio primariamente culturale, data l ampiezza eterogenea dei materiali esaminati, e il principio metodologico che ne segnala l interazione, ci si avvicina al testo scritto come deposito di trame verbali e visive, letterarie e artistiche, e soprattutto come territorio dove lo scrittore continuamente si confronta con sé stesso e con il mondo, con la realtà apparente e con quella che vorrebbe rappresentare. In questo senso, esaminando una pluralità di discorsi e linguaggi e tenendo sull orizzonte la loro deriva epistemica, questo studio esamina le interazioni tra cultura letteraria dell Ottocento e nozioni inerenti le dinamiche della visione. Tale tema si legittima nella consapevolezza che nel Novecento, attraverso l esperienza delle avanguardie, il dibattito critico si sarebbe concentrato sulla natura del testo scritto per evidenziare le modalità con cui la figura - il figurale per Lyotard - esiste dentro, contro, intorno, forse prima del discorso verbale. Per un verso, ciò conduce la ricerca verso l esplorazione di quegli elementi che si pongono ai margini della parola, alle soglie del discorso: immagini, paesaggi, opere d arte collegate a quanto l occhio vede, a quanto ricade nell esperienza puramente visiva. Per altro verso, tale indagine deve essere condotta nel campo della cultura scritta, della rappresentazione discorsiva, nella convinzione che oltre alle figure della retorica classica operino, in essa, figure di diversa natura: solo dall interno del discorso si può passare alla e nella figura. Si può passare alla figura rendendo manifesto che ogni discorso ha il suo vis-à-vis nell oggetto di cui si sta parlando e che è proprio là, 2 Studio già compiuto da Carl Paul Barbier, in William Gilpin. His Drawings, Teaching and Theory of the Picturesque. Oxford, Clarendon Press,

13 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 15 come suo designato in un orizzonte: veduta che va delimitando il discorso. Inoltre si può passare nella figura senza abbandonare il linguaggio, perché questa vi risiede La figura è dentro e fuori, tant è che detiene il segreto della conoscenza, ma al tempo stesso la rivela come un inganno. 3 Mettersi alle spalle lo scenario paesaggistico del Lake District, tela e teatro delle Observations sulla Picturesque Beauty di William Gilpin, significa dunque abbandonare il Reverendo e il suo tempo, per seguire nell Ottocento, e nel contesto del modernismo, principalmente esaminato attraverso le figure di Roger Fry e Virginia Woolf, le vicende di una teoria della rappresentazione che continuerà a condizionare romanzo e critica d arte, saggio e repertori d immagini, teoria linguistica e critica letteraria, saldando linguaggio e occhio in un percorso conoscitivo spezzato, illuminato e oscuro: prendendo appunto, come dice Lyotard, il partito preso del figurale. Ma sostenere questo partito non è schierarsi sul fronte dell illusione? Poter dimostrare che nel sottosuolo di ogni discorso abita una forma in cui è innestata un energia, e secondo cui agisce sulla sua superficie; dimostrare inoltre che tale discorso non è solo significazione e razionalità, ma espressione e affetto, non distruggerebbe così la stessa possibilità del vero?... È che la verità non passa affatto da un discorso di significazione Inganno e verità procedono assieme, non come dei contrari in un sistema, ma nel modo di uno spessore che ha insieme il suo dritto e il suo rovescio. (43-45) Questo studio segue dunque le tracce di una idea critica utilizzando una strumentazione attuale, nella convinzione che il mutare delle mode, così come la messa in disarmo di gergo e attrezzi del pittoresco, non implichi la perdita della cultura visiva innescata dalla popolarità di tale pratica artistica. Se convalidata dai risultati, l ipotesi qui seguita 3 Jean-François Lyotard, Il partito preso del figurale in Discorso, figura (1971). Trad. it. di E.Franzini e F.Mariani Zini, Milano, Unicopli, 1988, pp.35-47: p.41. Il saggio di Lyotard Discours, figure fu pubblicato a Parigi, Klincksieck,

14 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 16 dovrà mostrare come nella cultura declinata per immagini e nella scrittura, il discorso degli autori dell Ottocento e del modernismo indichi non solo la consapevolezza della rappresentazione in quanto prospettiva razionale e morale, ma anche la nozione inversa di una natura frastagliata ed elusiva, annidata nel chiaroscuro, in elementi figurali destinati a trasgredire lo statuto del linguaggio, vivendone ai margini, in un rapporto di mutua esclusione e tensione. The writer s eye ha osservato Kate Flint is always in some sense colonizing the landscape, mastering and portioning, fixing zones and poles, arranging and deepening the scene as the object of desire. 4 Non importa che la parola pittoresco subisca un clamoroso processo di inflazione e venga poi messa al bando, circoscritta, spesa (come osserverà Pater) con una cautela proporzionale all uso elettuario, universale che se ne faceva nei primi due decenni del secolo. In realtà ciò che conta è il dato critico: l ipotesi che possa darsi una cultura visiva, prima che scritta, in grado di rendere l incerta avventura della percezione, e il curioso protendersi dell occhio nell intrico delle forme, per poi allestirne una possibile rappresentazione, frutto di un compromesso dialogico tra la percezione-nozione di illeggibilità e la rappresentazione, come descrizione dello spazio e dei suoi oggetti. Ciò che conta, già nell idea formulata da Gilpin nel 1748, è la scoperta che, così come la natura, anche l occhio esiste allo stato selvaggio : lo avrebbe detto André Breton a proposito del Surrealismo, lo ripete Lyotard nel suo studio. La scoperta di un disordine che mina l ordine discorsivo genera una nozione che estendendosi lungo l Ottocento fino al primo Novecento offre l area d interesse che questo studio vorrebbe cogliere: interesse estetico, filosofico, letterario, non allineato alle corrispondenze tra le sister arts che animano l arte del primo Settecento. Ciò legittima una ricerca protesa ben oltre il limite della vita del Reverendo William Gilpin ( ), a seguire le 4 Senza far uso del concetto di figura di Lyotard, né del modello di economia libidinale per spiegare il rapporto tra discorso e figura, Flint afferma che the slipperiness of borderline between the visibile and the invisibile, and the questions which it throws upon subjectivity, perception and point of view, lie at the heart of this study : si veda Kate Flint, The Victorians and the Visual Imagination. Cambridge, Cambridge University Press, 2000, p.2. 16

15 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 17 vicende dell elemento visivo all interno della rappresentazione, e nella consapevolezza che i nuovi mezzi della cultura visiva, e il loro diffondere il ruolo forte dello sguardo, comportano una convalida, resa scientificamente più solida, di quella scoperta. E dunque anche la persistenza del pittoresco, pur sotto nuovi nomi, è oggetto di questo studio: persistenza che due critici indicano come the first step in the movement towards abstract aesthetic values 5 e al contempo come the prehistory of realism 6, segnalando la più feconda aporia generata da ciò che il Reverendo tautologicamente definiva picturesque objects, ovvero those which please from some quality, capable of being illustrated by painting 7. Aporia che si manifesta già nel 1794, quando la nozione di puro valore visivo, che Gilpin definisce one species [of beauty] more 8, verrà fatta propria, rimodellata, tesa a ospitare categorie del sentimento e del gusto da tre personaggi assai diversi per vocazione e interessi: Uvedale Price, proprietario terriero e aspirante improver ; Richard Payne Knight, proprietario, erudito collezionista, filosofo del gusto, architetto; Humphry Repton, landscape gardener erede di Lancelot Capability Brown, alfiere di una revisione del gusto pittoresco che definisce gardenesque. Ciò che Gilpin non aveva mai inteso dire, lo affermeranno i suoi seguaci, esegeti, critici. Ad essi si affianca, nello stesso 1794, Ann Radcliffe, pioniera e sperimentatrice nel tessuto del romanzo di quanto Gilpin osserva e teorizza. In un precedente studio 9, che rintracciava sulla mappa del land- 5 Christopher Hussey, The Picturesque. Studies in a Point of View. London, Putnam, 1927, p.4. 6 Nancy Armstrong, Fiction in the Age of Photography. The Legacy of British Realism. Cambridge, Mass., Harvard University Press, 1999, pp William Gilpin, Three Essays: on Picturesque Beauty; on Picturesque Travel; and on Sketching Landscape: to which is added a Poem, on Landscape Painting (1792; 2 nd edn.1794), in Malcolm Andrews, ed., The Picturesque. Literary Sources and Documents. 3 voll. Mountfield, Helm Information, 1994, vol.ii, pp Ibid., p.6. Gilpin aggiunge consapevole che questa nuova specie di bello tho among the most interesting, hath never yet, so far as I know, been made the set object of investigation. 17

16 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 18 scape gardening, dell estetica e della letteratura del primo Settecento, le origini della cultura visiva che confluisce e si rapprende nel termine pittoresco, percorrevo, a partire dal Dialogue upon the Gardens at Stow, del 1748, la produzione di William Gilpin nell arco di oltre cinquant anni, posti al servizio di tale idea. Nella seconda metà del Settecento, dopo essersi misurato con le complessità visive del giardino paesaggistico (e nessun luogo meglio di Stowe poteva costituire un banco di prova per l occhio, un laboratorio di effetti allestiti da Vanbrugh, Bridgeman, Kent, Gibbs, Brown, percorso da Sanderson Miller e Horace Walpole, un testo visivo fissato dalla penna di Defoe e Fielding, Mason e West, Thomson e Pope), Gilpin avrebbe prodotto dapprima scritti di critica d arte, poi avrebbe affrontato lo scenario naturale, con periodiche esplorazioni e osservazioni sulla vocazione pittoresca del Galles, del Lake District, della Scozia. Infine in tre saggi conclusivi avrebbe fissato la sua già controversa idea di un tipo di bellezza seducente solo per l occhio. Al volgere del secolo, mentre la figura del Reverendo recede sullo sfondo, il pittoresco - pura fenomenologia della percezione imbrigliata dalle regole per la composizione del paesaggio - si colora di associazioni psicologiche, si moralizza, diventa sentimentale e infine trito meccanismo dell archeologia del Kitsch. Le satire dilaniano i cosiddetti sacerdoti del paesaggio, i lakers, i turisti del nuovo secolo, come despoti del gusto, miopi manipolatori della veduta corretta incapaci di scorgere l ordine trascendente del creato. Il seme tuttavia è gettato: per il riconoscimento di una nuova specie di bello, che nulla ha a che vedere con il bello ideale ma tutto ha da dire sul meccanismo della percezione e sulla rappresentazione, non solo visiva. Questo è il periodo per il quale conviene indagare la ricezione e la risposta alle idee di Gilpin. Il primo capitolo affronta l argomento estendendolo a tre contesti culturali, diversi e affini: ponendosi sulle tracce del Gilpin disegnatore e descrittore, un vero Don Chisciotte della diffusione del turismo, del culto per l ambiente e il paesaggio; seguendo le appropriazioni di pratiche descrittive pittoresche nella narrativa e nel romanzo; constatando la diffusione della sintassi pittoresca in immagini di elevata riproducibilità tecnica e 9 Francesca Orestano. Paesaggio e finzione. William Gilpin, il Pittoresco, la visibilità nella letteratura inglese. Milano, Unicopli,

17 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 19 qualità spettacolare: che a loro volta non mancheranno di influenzare nel corso dell Ottocento gli scrittori più attenti alla cultura ottica del proprio tempo. Occorrerà spostare il campo di indagine: dalle observations di paesaggio alla natura urbana e sociale del romanzo; dal Galles, Lake District, Scozia, alla metropoli vittoriana; dallo sketch-book all acquatinta, e quindi alla stampa dell immagine, alla vignetta e all immagine fotografica; dalla pagina del libro illustrato alle lastre di vetro per i proiettori, o lanterne magiche, lastre dipinte a mano e poi a decalcomania, e da questa archeologia del cinema di nuovo al libro, e all esperienza della scrittura come momento in cui il testo è creato al contempo dall artista e dal lettore. Occorrerà anche divagare dalla visione panoptica, spettacolarizzata, o stereoscopica, all epistemologia, per verificare il rilievo, individuale e collettivo, che l esperienza di percezione visiva assume nel sistema culturale vittoriano. Questo è l argomento del capitolo dedicato a Dickens, e alla connessione che lo scrittore stabilisce tra il delicato meccanismo della propria scrittura e il funzionamento della lanterna magica. Il capitolo successivo esamina il rapporto tra percezione visiva, scrittura critica e teoria estetica, osservando come l opera di John Ruskin oscilli tra il primato teorico conferito alla percezione oculare e l obbedienza alla convenzione del realismo. È possibile riscontrare come la consapevolezza del campo astratto che la natura offre all occhio venga ripetutamente a collidere con la qualità della mappa della tradizione artistica riconosciuta, spingendo infine Ruskin a esaltare il paradosso di un arte accurata sino all astrazione. Quanto a Gilpin, Ruskin commette un interessante errore: ne attribuisce l opera a Turner, il suo pittore prediletto, evidenziando così il limite proprio della cultura vittoriana, che comprime il suo rapporto con la percezione visiva dentro i confini di una mappa del conoscibile. Più interessato a osservare i meccanismi del linguaggio, Pater, il cui rapporto con l immagine e la figura è oggetto del quarto capitolo, si stacca dalle convenzioni delle illustrazioni morali del suo tempo, per affondare lo sguardo critico in quei reperti artistici che spezzano, irregolari e inattesi, l ordine convenzionale del discorso. È proprio in Appreciations il luogo dove si determina una critica al rapporto tra letteratura e immagine, tra sguardo e parola, e dove la costruzione di logiche convenzionalmente discorsive cede il passo allo spirito relativo che si infiltra nel tessuto testuale: filosoficamente il suo è un mondo 19

18 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 20 eracliteo, di frammenti, vicino a quel caos percettivo che Gilpin voleva ricondurre a una parziale prospettiva, a una visione debole, latitudinaria, dell ordine del creato. Ma è la anticipazione delle moderne oscillazioni riguardo percezione e conoscenza, e sul rapporto tra occhio e psicologia del soggetto, tra scrittura e lettura, ciò che rende rilevante il discorso di Pater in questo contesto. Mentre il dibattito sull immagine viene compromesso dalle nozioni scientifiche sulla fisiologia retinica, e mentre la struttura dell universo si rapprende in atomi, in configurazioni relative del tempo e dello spazio, Virginia Woolf segue le tracce del suo absent father anche quando viene influenzata dall arte dei Post-Impressionisti, e di Cézanne in particolare: così che il romanzo, deposito di una pioggia di atomi che una labile rete cattura e dispone in ordine narrativo, finirà per essere la zona dove l autrice instaura tra le categorie della mente e quelle del corpo un dialogo, dall andamento irregolare e imprevedibile, e che solo la dimensione dell onda - visiva, fisica, discorsiva - rappresenta come oscillazione tra eterno presente dell oggetto, e continuo suo sfaldarsi in passato, e in soggettività. Questa irregolare economia di scambio, tra figurale e discorsivo, tra scrittura e lettura, rintracciata nell opera di autori che sperimentano con il discorso e le immagini, o con il simbolismo, e ancora con la decostruzione modernista della prospettiva e del sistema cartesiano legato al paesaggio, permane e anzi delinea con forza i dilemmi epistemologici in cui sfocia il formalismo estetico del primo Novecento. Al di là di quegli anni avventurosamente sperimentali, la avventura del figurale sembra concludersi con il dilagare della consapevolezza ontologica dell essere come discorso, dentro la logica e i confini della rappresentazione scritta: ma non a caso è stato ancora Lyotard a indicare, all interno di quei confini, la qualità fantasmatica della condizione postmoderna, condominio di discorso e figura, ove si campisce ancor oggi la sfida che contrappone la parola allo sguardo, eterna opacità che si disfa e si ricostituisce, perché l oggetto, per essere significato, dev essere costituito-perduto questa violenza consegna l atto di nascita del problema del sapere Ibid., p

19 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 21 CAPITOLO I RILETTURE DEL PITTORESCO Ladies reading Gilpin s &c while passing by the places instead of looking at the places a) Don Chisciotte nel Lake District Sempre recisa, e determinata, era stata da parte di Gilpin la risoluzione a non fare della picturesque beauty una categoria dell occhio e del cuore, come il sublime di Burke. E nemmeno voleva farne il perno di un discorso descrittivo, mimetico, improntato alla natura artistica della realtà, che egli non percepiva se non come intrico indecifrabile, e per questo allettante. Schivando il percorso moralistico dell ut pictura poesis e mantenendosi nello studio della rilevanza del dato puramente visivo, Gilpin si muoveva dentro una fenomenologia della percezione oculare, e lavorava sui dati grezzi, irregolari, delle sue observations per poi conferire ad esse una patina artisticamente interessante. Quindi l osservazione di Coleridge relativa alle turiste che nel Lake District leggono la guida del Reverendo, invece che ammirare il paesaggio circostante, coglie perfettamente l efficacia del sistema pittoresco che Gilpin ha approntato nei suoi tours estivi nella campagna inglese. A partire dal 1782 egli ne pubblica una serie di preziosi volumetti illustrati, lettura obbligatoria per l esercizio del gusto estetico che si accompagna alla diffusione del turismo domestico. Gilpin, non certo il primo (né l ultimo) degli esegeti delle bellezze 11 La breve incisiva annotazione di S.T.Coleridge, frutto di una passeggiata del poeta nel Lake District, è riportata da J.A.W.Heffernan in The Re-Creation of Landscape: A Study of Wordsworth, Coleridge, Constable, and Turner. Hanover, University Press of New England, 1984, p. 15. In Paesaggio e finzione, cit., p. 232, si veda il rapporto tra Coleridge e la grottesca, straniante apparizione dell abbazia, fantasia notturna visionaria: cfr. anche S.T.Coleridge, Biographia Literaria, or, Biographical Sketches of My Literary Life and Opinions (1817), 2 voll., London, Dent, 1975, p

20 Libro completo 12_12.qxd 04/01/ Page 22 del Lake District, è ricordato da Coleridge per il suo Tour of the Lakes, ovvero Observations relative chiefly to Picturesque Beauty, made in the Year 1772, on Several Parts of England, particularly the Mountains, and Lakes of Cumberland and Westmoreland, che vede la luce nel Il Gilpin giovane laureato in teologia a Queen s College, Oxford, chiamato a Stowe nel 1748 da Lord Cobham e dallo stampatore Benton Seeley per imbastire un dialogo sulle magnificenza del giardino paesaggistico approntato dai migliori landscape gardeners, aveva contrapposto due personaggi d invenzione, gli amici Callophilus e Polypthon. Davanti a una pittoresca rovina, il dialogo intrecciava alla voce dei sentimenti morali ( Benevolence ) suscitati dalla visione del bello, una tendenza inspiegabile ( it would be hard to assign a reason ), una strana attrazione emanata dai Prospects of a ruinous kind, vastly picturesque and pleasing to the Imagination. Alla strana affermazione di Polypthon, il virtuoso Callophilus ribadiva negando la possibilità di distinguere between Natural and Moral Beauties 13. Del 12 Edizioni successive nel 1788, 1792, Tra i viaggi estivi del Reverendo (il cui ordine non coincide con quello di pubblicazione dei picturesque tours) quello nel Lake District, Cumberland e Westmoreland è del Tralasciando qui gli altri tours, il manoscritto del Lake District consta di 830 pagine descrittive, rilegate in otto volumetti in cui sono inserite 246 immagini, disegni e acquarelli (non tutti di mano di Gilpin). Tra gli ammiratori del manoscritto, che circola tra gli amici di Gilpin, Thomas Whately, Richard Glover, William Mason; tramite Leonard Smelt giunge al Re Giorgio III, la Regina, la Duchessa di Portland, William Mitford, William Lock. Horace Walpole sarà colui che incita il Reverendo a pubblicare, suggerendo anche un procedimento di stampa sino allora mai tentato, che renda la trasparenza e le tenui tonalità dell acquerello. Si tratta della tecnica all acquatinta: da qui la stampa e la pubblicazione dei tours, e la diffusione che garantisce la ricezione del pittoresco al più vasto pubblico. Cfr. C.P. Barbier, William Gilpin, cit., p. 41 e sgg. 13 (William Gilpin), A Dialogue upon the Gardens of the Right Honourable the Lord Viscount Cobham at Stow in Buckinghamshire (1748). Introduction by John Dixon Hunt. The Augustan Reprint Society, 176. Los Angeles, The University of California Press, I riferimenti tutti a questa edizione, cita- 22

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433.

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Il volume si presenta come un manuale di introduzione alla teoria della sintassi per studenti universitari di

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 ARTE E IMMAGINE: CINQUE PISTE DI LETTURA * ARTE E IMMAGINE Walter

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche?

01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? {oziogallery 463} 01. Una domanda d'obbligo: quando hai cominciato ad avvertire sollecitazioni artistiche? Da sempre! Fin da piccola ho avuto una grande passione per l arte, mi soffermavo spesso a contemplare

Dettagli

Lidia De Michelis FRANCESCA ORESTANO, LA PAROLA E LO SGUARDO NELLA LETTERATURA INGLESE TRA OTTOCENTO E MODERNISMO, BARI, ADRIATICA EDITRICE, 2005

Lidia De Michelis FRANCESCA ORESTANO, LA PAROLA E LO SGUARDO NELLA LETTERATURA INGLESE TRA OTTOCENTO E MODERNISMO, BARI, ADRIATICA EDITRICE, 2005 383 Lidia De Michelis FRANCESCA ORESTANO, LA PAROLA E LO SGUARDO NELLA LETTERATURA INGLESE TRA OTTOCENTO E MODERNISMO, BARI, ADRIATICA EDITRICE, 2005 La parola e lo sguardo. In anni in cui il gesto interpretativo

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE FINALITA' Sviluppare e potenziare la capacità di leggere e comprendere immagini e creazioni artistiche. Sapersi esprimere e comunicare in modo personale e creativo.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

En plein air. Paolo Meoni

En plein air. Paolo Meoni En plein air Paolo Meoni Volume realizzato in occasione della mostra En Plein air PAOLO MEONI 19 aprile 19 giugno 2012 Die Mauer Arte Contemporanea, Prato Dryphoto Arte Contemporanea, Prato Ringraziamenti

Dettagli

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE 2^ PA

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE 2^ PA ROGRAMMA SVOLTO agina 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE 2^ A DOCENTE Savigni Antonia DISCILINA Inglese LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: AUTORE Bartram Walton. TITOLO Think English vol. 1 e 2 CASA EDITRICE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

L intervento di De Bartolomeis

L intervento di De Bartolomeis APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE SUL PROGETTO DI ATTIVITA ARTISTICA Gli appunti fino ad ora letti e discussi risalgono ad una visione dell attività artistica essenzialmente di stampo arnhemiano. Le letture

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE Programmazione biennio a.s. 2013/2014-2014/2015 (Primo e secondo anno di scuola media) L educazione

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

Le attività lavorative tra passato e presente. Guida per l insegnante

Le attività lavorative tra passato e presente. Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - Dare risposte originali. - Essere capace di produrre molte idee. Le attività lavorative tra passato e presente Guida per l insegnante L attività si

Dettagli

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche.

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche. SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÁ CONOSCENZE A- Esprimersi,comunicare e sperimentare le tecniche e i codici propri del linguaggio visuale e audiovisivo. 1. Esplorare immagini,

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI Ministero dell Istruzione, dell Università, della Ricerca LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI di PISA e CASCINA Via San Frediano, 13 56126 PISA - Tel. 050 580501 - Fax 050 580601 Via Tosco Romagnola, 242 56021

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO MATERIA: INGLESE ANNO SCOLASTICO 2014/15 Profssa TERESA VOLGARINO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Il problema della comparsa degli oggetti fenomenici

Il problema della comparsa degli oggetti fenomenici Teorie e Modelli, n.s., VII, 2-3, 2002 (121-128) Il problema della comparsa degli oggetti fenomenici Sergio Cesare Masin (Padova) Secondo Kanizsa (1984) il fine più ambizioso della fenomenologia sperimentale

Dettagli

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE E VALORIZZAZIONE Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico DEL PATRIMONIO ARTISTICO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Discipline della Valorizzazione

Dettagli

foto di Eliana Masoero

foto di Eliana Masoero foto di Eliana Masoero CACCIA ALL ARTISTA Residenza MAKING ARTS Bando ETRE di Fondazione Cariplo Progetto 2010>2012 Caccia all artista è un progetto ideato per tutti coloro che sono attratti dall arte,

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare

Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare Davide Papotti Università degli Studi di Parma Dipartimento ALEF - Antichistica Lingue Educazione Filosofia Quattro domande Il viaggio e la sua narrazione

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico ISTITUTO STATALE D ARTE GIORGIO de CHIRICO DIS. SCOL. N.37 C. S. NASDO4000B C. F. 82008380634 Sede: TORRE ANNUNZIATA (NA) Via Vittorio Veneto, 514 Tel.0815362838- Fax 081.862.89.41-sito:www.isadechirico.it

Dettagli

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Un obiettivo di questi progetti speciali è dimostrare che la conoscenza dell arte può essere favorita da varie modalità d apprendimento; tale

Dettagli

DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE PROGRAMMAZIONE 3C

DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE PROGRAMMAZIONE 3C ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N 15 BOLOGNA VIA LOMBARDI, 40/2 40128 BOLOGNA Tel. 051 3608884 fax 051 4159784 e-mail ic15bo@libero.it SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ZAPPA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 DISCIPLINA:

Dettagli

1.1 Opera multimediale come software

1.1 Opera multimediale come software Possibile qualificazione dell opera multimediale in base alle categorie di opere dell ingegno: software; opera cinematografica; banca di dati; opera letteraria Dopo aver affrontato un possibile inquadramento

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : ARTE E IMMAGINE CLASSE

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

LA SCUOLA: UN MONDO DA ESPLORARE Dora Mattia*

LA SCUOLA: UN MONDO DA ESPLORARE Dora Mattia* LA SCUOLA: UN MONDO DA ESPLORARE Dora Mattia* *docente di scuola primaria IC n. 5, Bologna Lo spazio, insieme al tempo, è categoria fondamentale per strutturare conoscenze ed esperienze nel soggetto in

Dettagli

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss.

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss. Presentazione Proprio quarant anni fa, dopo un periodo di tempo dedicato allo studio specifico della pubblicità 1 allora, a livello internazionale e non solo italiano, di gran lunga il più importante strumento

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO

INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO SINTESI L Indagine sull associazionismo del volontariato culturale è una

Dettagli

Paola Pasqualino. Corso di Direzione d Impresa

Paola Pasqualino. Corso di Direzione d Impresa Paola Pasqualino Corso di Direzione d Impresa Esiste un processo creativo? C è differenza tra la creatività artistica, quella scientifica e quella legata all impresa? Creatività individuale o creatività

Dettagli

1.3 LA LIRA DI NARCISO

1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3.1 Generi e fini del Life Narrative Come abbiamo più volte sostenuto l avvento della scrittura rivoluzionò le prassi umane e soprattutto le forme di pensiero. La grammatizzazione

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

Rimini Foto d autunno 2014 Cluster. New Jersey Counties Daniele Lisi

Rimini Foto d autunno 2014 Cluster. New Jersey Counties Daniele Lisi Rimini Foto d autunno 2014 Daniele Lisi di La lettura di un agglomerato urbano, come una sorta di grappolo, Cluster appunto, è diventata un progetto realizzato tra il 2012 e il 2014 su una zona compresa

Dettagli

L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria

L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria Diana Saccardo MIUR-Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici La riforma scolastica propone l insegnamento-apprendimento

Dettagli

ASSOCIAZIONE FLORETE FLORES

ASSOCIAZIONE FLORETE FLORES I bambini cantano West Side Story Il progetto I bambini cantano, nasce e si sviluppa in seno ad una progettualità che dura ormai da diversi anni e che investe diverse realtà del territorio, che si prefigge

Dettagli

OBIETTIVI di APPRENDIMENTO

OBIETTIVI di APPRENDIMENTO CURRICOLO della LINGUA INGLESE Asse dei linguaggi: utilizzare la lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi COMPETENZA CHIAVE EUROPEA -Comunicazione nelle lingue europee: comprendere

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche Preside della Facoltà di Filosofia: Prof. Roberto Mordacci PRESENTAZIONE La Laurea Magistrale in Scienze

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI PALERMO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI PALERMO ACCADEMIA DI BELLE ARTI PALERMO A.A. 2011-2012 Programma del Corso di LANDSCAPE DESIGN prof. arch. carlo bellavista 1 PREMESSA. La scienza dell Ecologia ha recentemente rivalutato il senso del termine

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado La comprensione del testo per la scuola Analisi delle risposte date dagli studenti ad alcuni quesiti della PN Invalsi 2014: ipotesi sulle cause della mancata comprensione e possibili ricadute didattiche

Dettagli

Corso di Teorie e Tecniche della Rappresentazione visiva 2012-13. Lezione 01

Corso di Teorie e Tecniche della Rappresentazione visiva 2012-13. Lezione 01 Corso di Teorie e Tecniche della Rappresentazione visiva 2012-13 Lezione 01 Corso di tecniche di rappresentazione grafica e storia della comunicazione visiva Che cos'è comunicazione visiva?...tutto ciò

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

LA METODOLOGIA IN PSICOLOGIA SOCIALE: Trasformare le idee in azioni di A. Manstead e G. Semin

LA METODOLOGIA IN PSICOLOGIA SOCIALE: Trasformare le idee in azioni di A. Manstead e G. Semin Riassunto schematico a cura di Paolo Falconer Università degli Studi di Trieste Facoltà di Psicologia Corso tenuto dalla p.ssa Chiara Volpato anno 2000/2001 LA METODOLOGIA IN PSICOLOGIA SOCIALE: Trasformare

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA SCUOLA SECONDARIA DISCIPLINA: LINGUA INGLESE - CLASSE PRIMA L alunno comprende oralmente e per iscritto i punti essenziali di testi in lingua standard su argomenti familiari o di studio che

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Introduzione alla storia lezione 1. Prof. Marco Bartoli

Introduzione alla storia lezione 1. Prof. Marco Bartoli Introduzione alla storia lezione 1 Prof. Marco Bartoli Vi piace la storia? Anche a giudicare dai programmi di studio della scuola italiana, vi è un progressivo disinteresse per l insegnamento della storia.

Dettagli

Bando per la partecipazione di giovani artisti al progetto WALL IN ART Muri d arte nella Valle dei Segni

Bando per la partecipazione di giovani artisti al progetto WALL IN ART Muri d arte nella Valle dei Segni Bando per la partecipazione di giovani artisti al progetto WALL IN ART Muri d arte nella Valle dei Segni Premessa La Comunità Montana di Valle Camonica (BS) ha dato vita al primo Distretto Culturale della

Dettagli

Biografia. Manuela Salvi. Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino.

Biografia. Manuela Salvi. Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino. Biografia Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino. Manuela Salvi Dal 2004 collabora con la Mondadori Ragazzi come copyeditor e traduttrice. La sua

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

c o n t e m p o r a n e i

c o n t e m p o r a n e i P e r c o r s i c o n t e m p o r a n e i PROGETTO SCUOLE CHI SIAMO Rovescio è un associazione culturale non profit e una comunità con l obiettivo di coinvolgere chiunque desideri intraprendere a Roma

Dettagli

Oggetto: Proposta Laboratori didattici

Oggetto: Proposta Laboratori didattici Via Salvatore Emblema, 37 80040 Terzigno (Napoli) Tel +390818274081 / info@salvatoreemblema.it Oggetto: Proposta Laboratori didattici Gentile Dirigente, il Museo Emblema è un museo privato, gestito dagli

Dettagli

MicheleModafferi Essenziale Bellezza

MicheleModafferi Essenziale Bellezza MicheleModafferi Essenziale Bellezza Michele Modafferi Essenziale Bellezza Essenziale Bellezza di Caterina Pellitta Stilizzare, sfoltire, affinare, arrivare all essenza. Questi i principi della ricerca

Dettagli

Il Battello Ebbro 2 IMPULSO, DRAMMA, SCENA. PROGETTO PER 2 LABORATORI TEATRALI di GIUSEPPE PERNICE

Il Battello Ebbro 2 IMPULSO, DRAMMA, SCENA. PROGETTO PER 2 LABORATORI TEATRALI di GIUSEPPE PERNICE Il Battello Ebbro 2 IMPULSO, DRAMMA, SCENA PROGETTO PER 2 LABORATORI TEATRALI di GIUSEPPE PERNICE LABORATORIO TEATRALE LABORATORIO TEATRALE LABORATORIO TEATRALE Il Battello Ebbro 2...Io so i cieli che

Dettagli

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA sensazioni ed emozioni; rappresentare e la realtà percepita; 2. Sperimentare strumenti e tecniche diverse per realizzare prodotti grafici, plastici,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria L alunno utilizza gli elementi grammaticali di base del linguaggio visuale per osservare, descrivere

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE La disciplina arte e immagine ha la finalità di sviluppare e potenziare nell alunno

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione In epoca moderna la scelta dello spazio teatrale si è indirizzata verso la definizione e la creazione di edifici particolari, che

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli